Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

sabato 15 gennaio 2011

Web rassegna stampa esperimento fusione fredda metodo Rossi Focardi (Bologna, 14/01/10)

Rossi e Focardi accanto al loro apparato
(Foto dal sito di La Repubblica)
"Le faccio un'ultima domanda: chissà quante volte si sarà sentito dire che queste cose qua le volevano però fare gli alchimisti."
"Esatto, noi infatti siamo degli alchimisti moderni."

Bologna 14/01/11, da un'intervista di
Radio Città del Capo al Prof. S. Focardi


Post scriptum di un anno dopo. Ho avuto pazienza di aggiornare di aggiornare questo post solo per uno, due mesi... 

Inserisco qui, mano a mano che trovo nel web, vari contributi che, dopo l'esperimento del 14 gennaio,  rilanciano la notizia dell'apparecchio messo a punto da Rossi con l'aiuto di Focardi, sia quelli improntati alla fiducia o al possibilismo, sia quelli scettici o decisamente ostili. Questo elenco non pretende d'essere esaustivo.
  1. 13/01/11 - "Ho realizzato la fusione fredda" annuncio choc del fisico Focardi - articolo di Marco Pivato su Il resto del Carlino
  2. 14/01/11 - LA CRONACA DELL'ESPERIMENTO REDATTA IN DIRETTA e mandata on line dal sottoscritto sul presente blog
  3. 14/01/11 - Fusione nucleare a freddo "A Bologna ci siamo riusciti  - articolo di Ilaria Venturi su La Repubblica
  4. 15/01/11 - Link al sito di Città del Capo-Radio Metropolitana con un redazionale (L'alba di una nuova era?) e una intervista audio all'Ing. Rossi
  5. 15/01/11 - Rossi and Focardi LENR Device: Reality or Scam? - articolo di Steve Krivit su New Energy Times
  6. 18/01/11 - Rossi and Focardi LENR Device: Celani Report  - report del dr Celani (INFN di Frascati) su New Energy Times 
  7. 18/01/11 - Rossi and Focardi LENR Device: Probably Real, With Credit to Piantelli - articolo di Steve Krivit su New Energy Times
  8. 18/01/11 - Interviste audio di Città del Capo - Radio Metropolitana all'ing. Rossi, al Prof. Focardi, al Prof. Villa.
  9. 19/01/11 - Fusione fredda: poche le prove a Bologna - intervista di Caterina Visco al prof. Zoccoli dell'INFN di Bologna per il giornale di scienze Galileo
  10. 19/01/11 - Specifics of Andrea Rossi's "Energy Catalizer" Test, University of Bologna, January 14, 2011 (by LENR-CANR.org): una intervista di Marianne Macy al Dr Levi che ha supervisionato l'esperimento.
  11. 19/01/11 - Fusione fredda realizzata a Bologna. Sarà vero? - articolo di Fabio Deotto pubblicato su daily.wired.it.
  12. 19/01/11 - Fighting the Infection of Cynical Skepticism with Cold Fusion - editoriale su Pure Energy System Network (pesn.com)
  13. 20/01/11 - Italian scientists claim to have demonstrated cold fusion - articolo di Lysa Ziga su http://www.physorg.com/.
  14. 20/01/11 - Italian Scientists Claim (Dubious) Cold Fusion Breakthrough - articolo di Clay Dillow su Popular Science (http://www.popsci.com/)
  15. 22/01/11 - Cold Fusion getting hot with 10kw heater prepping for market - articolo di Sterling D. Allan su Pure Energy System Network (pesn.com)
  16. 23/01/11 - A qualcuno piace fredda - intervista al Prof. Sergio Focardi di Alessandro Ancarani per gagarin-magazine.it
  17. 24/01/11 - Italian scientists claim cold fusion success - articolo di Peter Clarke su EE Times (http://www.eetimes.com/)
  18. 24/01/11 - Italian Scientists Claim (Dubious) Cold Fusion Breakthrough - articolo di Clay Dillow su Fox News (è lo stesso articolo pubblicato il 20/01/11 su Popular Science)
  19. 24/01/11 - Cold fusion claims leave many doubtful - articolo di John Platt su Mother Nature Network (http://www.mnn.com/)
  20. 25/01/11 - Eppur si fonde... o, comunque, i fisici confonde - articolo di Paolo Diodati su http://www.tellusfolio.it%20/
  21. 25/01/11 - Fusione fredda, lo strano caso dell'Università di Bologna - articolo di Alfonso Maruccia su Punto Informatico.
  22. 25/01/11 - Is Cold Fusion Real? Not Yet - articolo di Ryan Broderick su Motherboard
  23. 26/01/11 - No, Italian Scientists Have Not Discovered Cold Fusion - articolo di Alasdair Wilkins su Gizmodo
  24. 27/01/11 - Italian cold fusion saga continues with new papers released - articolo di Sterling D. Allan su Pure Energy System Network (pesn.com)
  25. 28/01/11 - Cold fusion: reality or utopia? - articolo di Boris Pavlishchev e Smirnova Viktoria su The voice of Russia
  26. 29/01/11 - La fusione fredda è più vicina - articolo di Vincenzo Valenzi, Giovanni degli Antoni su Villaggio Globale (http://www.vglobale.it/)
  27. 31/01/11 - Nucleare / “Miracolo” tutto italiano: fusione fredda a basso costo - articolo di Vincenzo Panella su Il Democratico
  28. 31/01/11 - Link al sito di Reset Radio con un articolo (Fusione nucleare a freddo: la scoperta? di Matteo Ponzano) e una intervista audio al Prof. Focardi (19 minuti)

    (updated 31/01/11)

Le interviste esclusive di 22passi ai protagonisti

(updated 28/02/11)

Tutti i contributi di 22passi dedicati all'E-Cat

Report e abstract scientifici dell'esperimento del 14/11/2011:


    Resoconti del test non ufficiale del 11/02/2011
    (updated 28/02/11)

    Video su YouTube dell'esperimento del 14/11/2011; fonte il sito di Rossi-Focardi (Journal of Nuclear Phisics):
    Se proprio ci tenete (non c'è limite al masochismo umano) compaio nel video 1/3 (da 5:25 a 5:40) e nel video 3/3 (da 10:25 a 10:30 e da 10:45 a 10:50)... sono quello che scrive con un Macbook snow! :-)

    Entra in campo pure il CICAP... is there a ghost in the machine???


    Le migliori directory internet sull'E-Cat

    43 : commenti:

    Fay ha detto...

    L'esperimento avviene in Via dell'Elettricista, l'apparecchio, a dire di Rossi, funziona un po' come una stufetta, si scelgono idrogeno e nichel, elementi piuttosto comuni e facilmente reperibili (l'idrogeno si produce anche per via organica, il nichel fa pensare a un soldino, è così cheap): sono solo curiosità, ma il tutto ha il sapore di una zuppa fatta in casa: buona, nutriente, economica e alla portata di tutti.

    Daniele ha detto...

    @Fay
    Beh, a essere sincero il paragone con la stufetta l'ho letto solo sull'articolo di Repubblica, durante tutta la dimostrazione non l'ho mai sentito usato da Rossi!

    Se hai visto i video non ti sarà sfuggito che Levi stesso, come Università, ha precisato di essersi limitato a verificare l'input e output un macchinario (solo apparentemente facile da costruire) di proprietà di un gruppo industriale. Solo Rossi e i suoi stretti collaborato sa come è fatto dentro e come funziona. Il bello è che nessuno sa esattamente perché funziona: tante ipotesi ma nessuna teoria in grado di spiegare il tutto e aumentarne l'efficienza.

    Magari, come ora questo reattore produce energia trasformando nichel nell'elemento successivo nella tavola periodica, il rame, un giorno potrebbe farlo trasformando il piombo nell'elemento successivo: l'oro! Al che la scienza avrà riscoperto l'alchimia! ;)

    Kylie ha detto...

    Trovo sia stato un grande esperimento.

    Un abbraccio

    Daniele ha detto...

    @Kylie
    Sì! Ed è stato bellissimo esserci!
    Un abbraccio e buona domenica

    Fay ha detto...

    No, no, Dani, l'ho notato! E se posso dirlo, il mistero che circonda il funzionamento della "scatola" mi coinvolge anche più di una teoria verificata dall'esperimento.
    Come è stato detto da Levi stesso, si apre un campo di ricerca di vastissimo interesse.

    Riguardo al paragone sulla stufetta, non essendo stata di persona sul luogo e non avendo elementi pro o contro l'affermazione, mi lasci ipotizzare una liaison privée retrosperimentale tra Rossi e Venturi? ;)

    Daniele ha detto...

    @Fay
    Beh, di retrosperimentazioni non so nulla, però faccio ammenda: la Venturi probabilmente ha riportato testualmente il paragone con la stufetta. Infatti, anche se in conferenza stampa Rossi non lo ha mai usato, mi hanno confermato che parlando tête-à-tête, da ingegnere concreto qual è, fa di questi paragoni.
    Però parliamo pur sempre di un macchinario nel cui interno fonde il Nichel e in cui l'acqua, oltre a essere vettore energetico, funge anche da sistema di raffreddamento per evitare che il tutto esploda come una piccola bomba a neutroni!
    Quindi, ecco, non per spegnere gli entusiasmi, ma il paragone con la stufetta mi pare un po' forviante! ;)
    Prima che il tutto possa essere miniaturizzato, reso sicuro e a prova di bomba, e diffuso a livello domestico come le attuali caldaiette a metano, vedrai vedrai che un po' di decenni ci vorranno. Per l'applicazione in centrali, industrie, navi e cose simili la tecnologia è invece a buon punto. Chiaramente la mancanza di una teoria che spieghi in tutto e per tutto il fenomeno deve invitare a non fare passi più lunghi della gamba e a passare dalla sperimentazione all'applicazione gradualmente. Ma la strada aperta è giusta e sa veramente di salto epocale!

    Anonimo ha detto...

    finalmente dopo 28 anni sono quasi fiero di essere italiano

    Daniele ha detto...

    @anonimo
    28 dici? Fossero 29 potrebbero essere i mondiali di calcio di Spagna. Fossero 27 potrebbe essere il Nobel per la Fisica di Rubbia: certo un motivo molto migliore per essere orgogliosi dell'Italia! ;o)

    Anonimo ha detto...

    Correttissimo da pare di Rossi e Focardi non tentare di dare una spiegazione fisica del fenomeno, trovo meno corretto continuare a chiamare il fenomeno "fusione fredda".
    Il fenomeno in questione rientra nella casistica prevista delle nuove rezioni nucleari previste dalla "cavitazione", chiamate anche "piezonucleari", soprannominata dagli americani "sonofusion".
    La loro reazione erroneamente chiamata fusione fredda, in Giappone è stata chiamata "fenomeno Arata", lo scopritore Arata fu il primo al mondo a dimostrare la possibile produzione di energia sfruttando il calore prodotto dalla reazione con un motore stirling (lo fece in mondo visione, si trovano le immagini su youtube), ottenendo per questo il prestigioso premio imperiale giapponese (un loro equivalente premio Nobel).
    Un ulteriore errore che fanno è definire il loro progetto in una fase industriale anche se propedeutica ad ottenere finanziamenti in un settore molto controverso a causa soprattutto del fatto che molti scienziati in molte parti del mondo pur arrivando ai medesimi risultati, anche se con percorsi sostanzialmente diversi, non si accordano sulla spiegazione fisica del fenomeno...che solo una 40 di anni fa chiamavano ancora ALCHIMIA!!

    Anonimo ha detto...

    EPOCALE !!!!

    lorenza ha detto...

    Sono in questefaccende un'ignorante totale, ma per me sarebbe un sogno che si realizza liberarsi dall'incubo delle centrali nucleari , forse si aprirebbero nuovi problemi.. chi lo sa ? Se è tutto vero, che soddisfazione che sia successo in Italia.

    Daniele ha detto...

    @Anonimo (ovvero AdP che era stato cestinato dall'anti-spam di blogger)

    Ok sulla correttezza di ammettere di non avere ancora certezze sulla natura del fenomeno.
    Ok sulla possibilità che non si tratti di fusione fredda... un'"etichetta" comunque tutt'ora vaga di per sé, né più né meno che dell'autismo in psichiatria.
    Ok che stiamo assistendo alla riscoperta dell'Alchimia da parte della Scienza... dunque ne vedremo delle belle!
    Per il resto non sono molto d'accordo. Il reattore Ni-H di Rossi-Focardi è già abbondantemente in fase preindustriale. Da quel che mi risulta ovviamente.
    E sempre da quel che mi risulta, nessun altro al mondo ha prodotto risultati quantitativamente così rilevanti, tanto meno un prototipo a un così avanzato stato di sviluppo. Dico male?

    Daniele ha detto...

    A Lorenza e all'anonimo di "EPOCALE!!!" dico che sì, c'è da ben sperare.

    P.S. a tutti gli anonimi
    Ma vi volete firmare anche semplicemente con un nick o una sigla per favore? Se no mi complicate la vita per rispondervi! ;)

    Anonimo ha detto...

    sono l'anonimo dell'Epocale, Daniele, volevo dire solo che a titolo conoscitivo risulta che il COP20 raggiunto da Focardi-Rossi è paragonabile al COP raggiunto da Stan Mayer nella sua auto H2O lui è stato ucciso perche era da solo, mentre i nostri "hanno chiesto prottezione" ad un grupo industriale !!!! quindi temmo che questo grupo industriale chiuda nel cassettoa chiave questo gioccatolo e adio Freenergy...i Banchieri e i loro grupi industriali in loro possesso sono dei criminali e lo dimostrerano anche stavolta, ne parleremo tra 5 anni...
    vi faccio una domanda ma dove era TG1-TG5 ?? ti riccordi al "bucco nero" del loro cu.o al cern di Ginevra erano tutti in pompa magna per informarci del grande bluff ???
    Enzo.

    Anonimo ha detto...

    @ Daniele
    Ammettere di non avere certezze sulla natura del fenomeno significa darsi una zappa sui piedi, soprattutto quando il fenomeno è stato non solo ampiamente spiegato ma il modello fisico (deformed space time prof. Fabio cardone) ne anticipa preditivamente i risultati.
    Come ho scritto il fatto di non trovare un accordo e riconoscere almeno in parte che la spiegazione c'è, non fa altro che danneggiare ripetuttamente non solo il loro operato ma anche l'operato di altri ricercatori.
    L'abbondantemente in fase PRE-INDUSTRIALE, non significa nulla, permettimi; industriale significa garanzie, sicurezza, performance....non solo quale certificazione deve essere applicata?
    Se si tratta (non ho dubbi ma è giusto porre il se) di reazioni nucleari, quali sono i protocolli che devono essere applicati in una possibile, probabile certificazione....?
    Non solo, chi garantiche che non vengono prodotti neutroni e che questi in gran parte vengano fermati dal guscio metallico del reattore e che quest'ultimo a lungo andare produca elementi radioattivi che devono essere smaltiti in seguito?
    Ho visto molto marketing volutamente non eccessivo (avrebbe creato molte più domande di quelle che ho posto io in poche righe), non fraintendermi, non sono contrario a questa tecnologia, sono contrario ai sensazionalismi irresponsabili che creano aspettative a breve termine...
    Ne riparliamo tra un anno?

    AdP (la mia firma)
    :-)

    Daniele ha detto...

    @AdP
    Nel marketing il confine tra un pallonaro e un grande stratega è sottile. Su questo sono d'accordo.
    Prendi Marchionne, due anni fa spuntò l'accordo con Chrysler anche facendo credere di essere pronto a produrre auto con motori micro-ibridi... se era verità sta dissipando quel vantaggio competitivo tenendole nel cassetto! Ora dice che i lavoratori Fiat avranno solo da guadagnare dal nuovo contratto, vedremo... noi lo speriamo tutti.
    Perciò anche sull'invenzione di Rossi, ok, aggiorniamoci tra un anno e si vedrà se sono stato io troppo ingenuo o tu troppo diffidente. Magari ci troveremo su una via di mezzo! :-)

    Daniele ha detto...

    P.S. Un'ultima cosa al volo, che devo correre al lavoro. Non sono un tecnico competente sulla questione, sono il primo a dirlo, però ho avuto modo di osservare come persone molto competenti in materia e tutt'altro che sprovvedute (partite due tre anni fa con il sospetto che di bufala si trattasse e che si fregavano le mani all'idea di smascherarla), verificando a lungo cosa fa il macchinario di Rossi alla fine si sono dovute arrendere all'evidenza che funziona. A me questo parla più di 1000 dotte considerazioni.

    Daniele ha detto...

    SCOOP!

    “A representative of the investment group stated that they were looking to produce a 20 kW unit and that within two months they would make a public announcement. He declared that their completed studies revealed a “huge, favorable difference in numbers” between the cost to produce the Rossi Catalyzer and other green technologies. “We had a similar demonstration six months ago with the same success we’ve had today. We are almost ready with the industrialized product, which we think is going to be a revolution. It is a totally green energy.” The representative offered that the company was called Defkalion Energy, named for the father of the Greco Roman empire, and was based in Athens.” da Macy, M. Specifics of Andrea Rossi'S “Energy Catalyzer” Test, University of Bologna, Juanuary 14, 2011. 2011, LENR-CANR.org (linkato stamattina nel post di cui al presente commento)

    Un rappresentante del gruppo finanziatore [che produrrà il catalizzatore energetico brevettato da Rossi] ha affermato che intendono produrre unità da 20kW e che entro due mesi dovrebbero darne annuncio pubblico. Ha dichiarato che loro dettagliate analisi mostrano una “grande vantaggiosa differenza in numeri” tra il costo di produzione del Catalizzatore di Rossi e altre tecnologie non inquinanti. “Abbiamo fatto un test simile sei mesi fa ottenendo lo stesso successo avuto oggi. Siamo quasi pronti per l'industrializzazione del prodotto, che pensiamo sia rivoluzionario. Si tratta di energia al 100% pulita.” Ha infine rivelato che la società è stata chiamato Defkalion Energy [...] ed è stata localizzata ad Atene.

    Daniele ha detto...

    P.S. Nel mito greco Defkalion (in italiano Deucalione) era il figlio di Prometeo (il titano che rubò il fuoco agli dei per portarlo agli uomini) e lo sposo di Pirra. Cito da Wikipedia: “Quando Giove decise di distruggere la stirpe umana, considerata corrotta e oramai abbruttita, con un grande diluvio, decise di risparmiare soltanto i pii Deucalione e Pirra. Costruita un'arca, su consiglio del padre di Deucalione, i due navigarono per 9 giorni fino ad approdare sulle montagne della Tessaglia. Placata la tempesta e ritirate le acque Zeus mandò loro Ermes che si offrì di esaudire un desiderio. I due chiesero che la terra si ripopolasse: Zeus, accolta la richiesta, ordinò ai due di gettarsi alle spalle le ossa della loro madre. Deucalione capì che il dio intendeva le pietre della terra. Dalle pietre gettate da Deucalione nacquero gli uomini, da quelle lanciate da Pirra le donne della nuova stirpe umana.”

    Daniele ha detto...

    NEW!

    Report on heat production during preliminary tests on the Rossi “Ni-H” reactor.

    Daniele ha detto...

    NEW!

    Experimental evaluation, for radiation protection purpose, of photon and neutron radiation field during the public presentation of the prototype called "Energy Amplifier"

    zippo ha detto...

    Daniele, uno dei link di radio citta' del capo ha la data sbagliata: 18/09/11.

    adesso lo capiscono tutti che e' un mistyping, ma fra 7/8 mesi ti tacciano di disinformacija. proprio te... :-)

    zippo ha detto...

    ah, anche quello prima! (cancella questo post se credi)

    Daniele ha detto...

    @zippo
    Grazie 1000!

    zippo ha detto...

    se posso, ti segnalo anche questa bella "directory", raccolta di informazioni sull'argomento.

    http://peswiki.com/index.php/Directory:Andrea_A._Rossi_Cold_Fusion_Generator

    La manutiene un americano, Sterling D. Allan. un noto appassionato delle energie alternative ma non di quelli beceri. Direi che e' il punto migliore che ho trovato, anche se non del tutto esaustivo, per avere una rassegna stampa estera sull'argomento. Ovviamente sei citato anche tu e il tuo blog.

    Daniele ha detto...

    @zippo
    Se puoi...? devi!!! :)
    Grazie mille, ho aggiunto il link alla directory.

    P.S. 22 Steps of Love... oh my God! ;)

    Daniele ha detto...

    NEW!

    26/01/11 - On the γ radiation measurements on the Rossi system - abstract di Mauro Villa (Bologna University and INFN Sezione di Bologna)

    Anonimo ha detto...

    vorrei raffreddare i facili entusiasmi guardando bene video durante la presntazione l'esterto delle misure afferma che l'apparato genererebbe 12kw di potenza istantanea , ho fatto un pò di conti e ricavo che con tale potenza si produce circa mezzo chilo di vapore d'acqua al minuto da saturare velocemente un grande spazio ebbene finora non risulta alcunchè di dimostrato e documentato voi che ne dite? ciao

    Daniele ha detto...

    Dico che intanto chi non si firma non avrebbe diritto di risposta, ma vista la provocazione ti rispondo 1) che ritengo che all'Università di Bologna i calcoli li sappiano fare e 2) che il capannone industriale che da un paio di anni è riscaldato tramite un prototipo dell'apparato in questione se ne frega caldamente dei tuoi! :)))

    In altre parole, penso che hai sbagliato qualche conto.

    Anonimo ha detto...

    sono l'anonimo di prima mi dispiace non posso inviarti un fax con la fotocopia della mia carta d'identità, scherzi a parte ho rifatto i conti ed è proprio così con 12kw si ottengono 30 litri di acqua a 100 gradi al secondo! non so se mi spiego , 300litri ogni 10 sec c'è da far venire l'acqualina in bocca.
    siamo seri, se costoro avessero per davvero questa manna dal cielo avrebbero potuto collegare alla loro black box una serie di termosifoni ed invitare gli astanti a toccare con mano.
    si sono limitati alla sola enunciazione verbale infarcite da termini fisici come positroni, fusione, coppia di fotoni a 90° penso io invece che si tratta di umanissimi fottoni(per dirla alla maurizio crozza) per i beoti che li ricevono apponto a 90°.ciao

    Anonimo ha detto...

    errata corrige: 30cc al posto di 30 litri
    300cc invece di 300lt

    Daniele ha detto...

    Chiunque lascia un commento in questo blog legge nell'apposito form questo testo:
    "Se ti va, qui puoi lasciare una traccia della tua visita, un commento, un saluto, una riflessione...
    Però, per favore, non restare "Anonimo": inserisci nell'apposito campo del form, o alla fine di quel che hai scritto, il tuo nome, nickname o anche solo un'iniziale. Grazie 1000!

    Chiaro il concetto? Ok le battute sulle carta d'identità, ma mi appello al banale ABC della buona educazione. ;)

    Non compete a me avvallare o contestare i tuoi calcoli. Dico solo che, visto che li avevi sbagliati di un fattore 100, mi verrebbe da pensare che tanto forte in materia non sei. Ma non posso saperlo. I ricercatori INFN Levi, Bianchini e Villa hanno prodotto due report e un abstract scientifici sull'esperimento. Leggili e spiega i punti in cui ritieni abbiano sbagliato i loro calcoli. Illustra le tue controdeduzioni. E poi ne riparliamo. Ciao

    giorgos ha detto...
    Questo commento è stato eliminato dall'autore.
    Anonimo ha detto...

    ...Temo sia la solita Bufala, mi spiace si alimentino inutili aspettative per poi magari gridare al complottismo e qualcuno dirà che "hanno insabbiato tutto ...per il petrolio" . Badate se fosse vero, un brevetto non servirebbe a nulla perchè vista la semplicità del sistema sarebbe replicabile da chiunque in casa . Inoltre se fosse vero perchè non hanno acceso lampade, motori o quant' altro per dimostrarne l'effettiva validità?
    Inoltre un Prof. Universitario sarebbe tenuto a rendere pubblico il risultato della propria ricerca, o usa le risorse dell'università per scopi privati?

    Daniele ha detto...

    MA NON SAPETE LEGGERE!!! :-)
    "Se ti va, qui puoi lasciare una traccia della tua visita, un commento, un saluto, una riflessione...
    Però, per favore, non restare "Anonimo": inserisci nell'apposito campo del form, o alla fine di quel che hai scritto, il tuo nome, nickname o anche solo un'iniziale. Grazie 1000!"

    D'ORA IN POI I COMMENTI TOTALMENTE ANONIMI VERRANNO CANCELLATI E NON RICEVERANNO NESSUNA RISPOSTA

    Rispondo all'ultimo (è il caso di dirlo) "anonimo". Il tempo che dedico a rispondere per me è prezioso e voglio dedicarlo solo a chi ha la cortesia e l'educazione di farsi riconoscere (anche fosse solo un'iniziale puntata!).

    Si informi meglio.

    se fosse vero, un brevetto non servirebbe a nulla perchè vista la semplicità del sistema sarebbe replicabile da chiunque in casa.
    Ma chi glielo ha detto questo? È tutt'altro che semplice! Provi lei a farselo a casa se ci riesce... ;)

    perchè non hanno acceso lampade, motori o quant' altro per dimostrarne l'effettiva validità?
    Ritengo perché hanno voluto fare la misura della potenza più immediata, semplice e incontrovertibile possibile... infatti, almeno il fatto che la macchina abbia prodotto quei 12 kW nessuno lo ha messo in discussione.

    Inoltre un Prof. Universitario sarebbe tenuto a rendere pubblico il risultato della propria ricerca, o usa le risorse dell'università per scopi privati?
    Se parla di Focardi, non è più in servizio da qualche anno, quanto ai ricercatori, hanno osservato un (interessantissimo) prototipo privato, messo a disposizione da un industriale che lo sta brevettando e nei limiti logicamente imposti da lui.

    Alessandro ha detto...

    Ciao, l'idea è bella ma l'ing. Andrea Rossi, non ha un passato limpido. Andate a cercare sotto "lo sceicco della Brianza", che estraeva il petrolio dai rifiuti.
    Capitemi io sarei il più felice del mondo se tutto funzionasse e la presenza di una persona seria come Focardi un pò mi gratifica, però l'ing. Rossi nel passato ne ha fatte una serie, documentatevi.....

    Alessandro

    Daniele ha detto...

    @Alessandro
    Come si suol dire, ma sei sceso dal pero? :)
    La storia di Rossi, è ben nota, per lo meno a tutti i lettori di questo blog (se ne è parlato spesso) e a tutti quelli che hanno collaborato con lui, a partire da Focardi.
    Purtroppo è sempre così: uno viene sbattuto in prima pagina quando viene creduto colpevole, poi quando viene assolto non lo scrive nessuno.
    Conviene a te documentarti:
    - link su Wikipedia (n.b. la conclusione): http://it.wikipedia.org/wiki/Petroldragon
    - ricostruzione della vicenda da parte dello stesso Rossi: http://ingandrearossi.com/
    L'idea è bella ma Rossi non ha un passato limpido dici tu... l'idea è bellissima e Rossi ha un futuro radioso dico io! ;)

    Alessandro ha detto...

    Ok tutto perfetto, leggendo quanto ha scritto Lui a confronto Enzo Tortora era un perseguitato di serie B.

    Auguri, ma forse un pò di senso critico non farebbe male.....

    Daniele ha detto...

    @Alessandro
    Ho conosciuto Rossi di persona, e mi ha fatto un'ottima impressione... chiaro, sono solo sensazioni, ma unite agli esiti processuali... lui, a differenza di altri e proprio come Tortora, ha fatto tutto il percorso giudiziale uscendone pulito.... al contrario c'è gente che si fida di uno che fa di tutto per non farsi processare e lo vota pure! No comment.

    Stefano ha detto...

    Grazie per il lavoro di ricerca. La stampa italiana su questo argomento è muta! Non stupisce che se ne siano andati in Grecia.

    Daniele ha detto...

    @Stefano
    Grazie e sfondi una porta aperta... ieri mi piangeva il cuore ascoltare da Fazio parlare di alternative al nucleare e manco una parola sul lavoro di Rossi e Focardi.
    Per inciso Che tempo che fa è un'altra redazione che ho contattato a fine gennaio, come Report...

    Anonimo ha detto...

    Qualcuno sa se l'Andrea Rossi in questione è lo stesso di questo articolo?
    http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1989/07/26/storia-di-rifiuti-tossici-miliardi-supertruffe.html

    Daniele ha detto...

    @Anonimo
    Anonimo, dovrei cancellarti come faccio con chiunque non lascia un nome... ma poi capace che spunta fuori qualcuno che urla alla censura.
    Dovrebbero saperlo anche i sassi ormai che l'Ing. Rossi è stato prosciolto da tutte quelle accuse false.
    Se vuoi sapere come sono andate veramente le cose cerca petroldragon su Wikipedia e leggiti www.ingandrearossi.it

    Posta un commento

    Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

    Related Posts with Thumbnails