BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

domenica 23 gennaio 2011

Report ufficiali esperimento di "fusione fredda" (reattore Ni-H Rossi Focardi) - Bologna, 14/01/11

L'Ing. Andrea Rossi mi ha trasmesso oggi due report scientifici dell'esperimento effettuato il 14 gennaio scorso elaborati dai ricercatori dell'Università di Bologna (Dipartimento di Fisica - INFN).
Pubblico qui a seguire in versione inglese originale (il tempo di tradurlo e poi inserisco anche il testo in Italiano) il report del Dott. Giuseppe Levi (qui il suo curriculum vitae). Il file del report è scaricabile da questo link.
Da questo link è invece scaricabile il report del Dott. David Bianchini: Experimental evaluation, for radiation protection purpose, of photon and neutron radiation field during the public presentation of the prototype called "Energy Amplifier".
Infine da questo link è scaricabile il report del Dott. Mauro Villa: On the γ radiation measurements on the Rossi system.

 

Report on heat production during preliminary tests

on the Rossi “Ni-H” reactor.


Dr. Giuseppe Levi

In this first and preliminary document are reported the heat production measures done during two short tests done on December 16 2010 [Test 1] and January 14 2011 [Test 2].

On December, 16 2010 I had the opportunity to test, for the first time, a prototype of the Rossi “Ni-H” reactor. A photograph of the apparatus used in both tests is shown in fig. 1 and a scheme is shown in fig. 2.
Fig. 1

Fig. 2

The Rossi Reactor prototype has a main horizontal cylindrical body ending with a vertical pipe. The H2 inlet was connected to a Hydrogen bottle through no return valves. There was no H2 outlet apart from a small purge valve that was closed. Cables were connected to a control box with 5 digital plc that were “controlling the power sent to the resistors inside the reactor”. Prudentially I have lifted the control box in search for any other eventually hidden cable and found none. The weight of the control box was of few kg. Two water pipes were connected to the system. Temperature was measured and logged by two NTC sensors. Another sensor, in the logger, was measuring the ambient temperature. Power from the 220 V line was monitor and logged by a “WATTS UP?” Pro Es power meter.
Before igniting the reactor the water flux was set and measured by collecting, and then weighting, an amount of water in a container in a given time. The measured flux was of 168 +/- 2 g in 45 +/- 0.1 s.

Then the power was turned on an temperatures started to rise. In Fig. 3 is shown a plot of the temperatures as appeared on the monitor during the test taken from the start to just after the end of the test.

Fig. 3

The three lines refers:
(B) blue line: T1 water input temperature
(Y) yellow line: T2 water (steam) output temperature
(R) red line: ambient temperature
As it can be seen the system was turned on just around 16.55. After approx 30 minutes a kink can be observed in the (Y). Because input power (1120 W also checked via and clamp amperometer ) was not modified (see fig.5 later) this change of slope testify that the reactor was ignited. After a startup period approx 20 minutes long a second where the reactor power was almost constant taking the water to 75 °C a second kink is found when the reactor fully ignites rising the measured temperature at 101.6 +/-0.1 °C and transforming the water in to steam.
At this point we can try a simple calculus in order to evaluate the power produced. In order to raise the temperature of 168 g of water by 1 °C , 168*4.185 = 703 J are needed. The water inlet temperature was 15 °C so the ΔT was 85 °C. We have 703*85=59755 J. At this energy one must add the evaporation heat 2272 J/g * 168=381696 J. Total energy in 45 sec is 59755+381696=441451 J, and power is 441451/45=9810 W.
Statistical experimental errors in power estimation, due mainly to flux measurements, can be conservatively estimated in about 1.5%. In this case we have +/- 150 W.
This result is only a lower limit of the energy produced because the system was not completely isolated and we have not taken into account any heat loss. From the calculation of the “produced power” when the water was at 75 °C which give a result that is less than the electrical input power is easy to understand that this systematic under estimation surely exceeds the statistical errors.
Before ending [Test1] all the power was reduced and then switched off from the resistors and also the hydrogen supply was closed. No pressure decrease was noted in the H2 bottle. Even in this conditions the system kept running self sustaining, for about 15 minutes until it was decided to manually stop the reaction by cooling the reactor using a large water flux (note the decrease of the water input temperature).
The main origin of possible errors in [Test1] measure was that the steam was not checked to be completely dry. During [Test2 ] this measure was done by Dr. Galantini a senior chemist who has used an “air quality monitor” instrument HD37AB1347 from Delta Ohm with a HP474AC probe. Also in [Test2] a high precision scale (0.1g) was used to weight the Hydrogen bottle (13 Kg) before 13666.7 +/- 0.1 g and after 13668.3 +/- 0.1 g the experiment. The cause of this unexpected rise was traced to be the remnant of piece of adhesive tape used to fix the bottle during the experiment. After careful examination of the tape the weight loss was evaluated to be <1g. This is far less the expected weight loss due to chemical burning. In fact 1g of H can produce (max) 128 kJ. In [Test2] the power measured was 12686 +/- 211 W for about 40 min with a water flux 146.4g +/- 0.1 per 30 +/- 0.5 s. The mean input power during the test was 1022 W. This means that 11664 * 40 * 60 = 27993600 J were produced. As stated before this is only a lower limit.
Dividing this number by 128 kJ a weight of 218 g is obtained, two order of magnitude larger than the H consumption observed.
As a prudential check the reactor was lifted to seek any eventually hidden power cord. None was found.
During the test the main resistor, used to ignite the reaction, failed due to defective welding. Even in that condition the reactor successfully started operation using the other resistors but the duration of the experiment in full power (40 min) was “too short” to observe a self sustaining reaction.

Fig. 4

The temperatures recorded in [Test 2] are shown in fig 4. Unfortunately the original data has been lost but the different evolution is evident.


Fig. 5

Fig. 5 Power adsorbed during tests in W. The time abscissa has 15min tics from counted from the first record. Spikes in [Test 1] are due to line voltage spikes. The anomalous behavior in [Test 2] is clear.
The average power adsorbed during [Test 2] is 1022W.
Conclusions
The amount of power and energy produced during both tests is indeed impressive and, together with the self sustaining state  reached during [Test 1] could be an indication that the system is working as a new type of energy source of unknown origin.  The short duration of the tests suggests that is important to make more long and complete experiments. An appropriate scientific program will be draw.


Conclusioni.

La quantità di potenze ed energia prodotta durante entrambi i test [16/12/10 e 14/01/11] è realmente impressionante e, insieme allo stato di auto-mantenimento raggiunto durante il primo test, potrebbe indicare che il sistema lavora coinvolgendo un nuovo tipo di sorgente di energia di origine sconosciuta. La breve durata dei test suggerisce che è importante eseguire ulteriori e meno brevi esperimenti. Si predisporrà un appropriato programma di ricerca al riguardo

13 : commenti:

Lorenza ha detto...

Capito un tubo,grazie,faccio lo stesso il tifo per il nostro futuro.

roberto ha detto...

della serie che il precedente più importante è la scoperta del fuoco...
se è vero giuro che smetto di fumare, i prossimi cento anni potrebbero rivelarsi molto interessanti da vivere...

Giuseppe Levi ha detto...

comincia a smettere di fumare.....
ci sarà da divertirsi.

zippo ha detto...

Prof. Levi! Che bello sentir dire questa cosa da un testimone diretto e, a quanto ho capito, inizialmente scettico!

Un consiglio: sia forte. Se nei prossimi giorni la attaccano (sei stato impreciso, qui, hai sbagliato la', sei in malafede perche'....), non pensi alla Spectre o a grandi poteri forti. Sono solo poveri cristi come tutti noi che campano installando sistemi fotovoltaici o biogas... Come non comprenderli, non hanno il paracaadute come Moratti. Sia forte, abbia pieta' di loro e vada avanti!

Flavio ha detto...

Salve,
ringrazio il prof. Levi per il report ed ovviamente il blog per averlo pubblicato.
una domanda, oltre al report di Bianchini è possibile anche avere un link per scaricare il report originale del prof. Levi?
saluti a tutti

Luigi Versaggi ha detto...

Tutti gli originali sono scaricabili dal sito del JONF.

Da quando seguo i lavori sulla "fusione fredda" ho sempre covato dentro di me la speranza del raggiungimento di risultati positivi ma il giorno che sentii che l'Ing. Andrea Rossi si era interessato e stava cercando la soluzione, ho capito che la svolta era prossima ad arrivare.
Ora ci siamo.

Daniele ha detto...

@Lorenza
Il tifo lo fa anche questo blog! Non per partigianeria, ma perchè si è appena iniziato a scrivere una nuova pagina di Scienza con la S maiuscola. Di "San Tommaso" che confondono la cautela con la negazione a priori (atteggiamento anti-scientifico per eccellenza) il mondo è sempre stato pieno: quando toccheranno con mano si ricrederanno.

@Roberto
Che iperbole! ;)
Ti ha risposto Giuseppe...

@Zippo
Ti quoto e confermo che all'inizio era scettico e si è mosso coi piedi di piombo... ora ha indossato i sandali di Hermes, metafora appropriata visto che probabilmente non siamo tanto lontani dal riscoprire l'Alchimia (stavolta secondo una base scientifica). Forza Giuseppe!

@Flavio e Luigi
Da stasera renderò scaricabile da qui anche il report di Levi (oltre a quello di Bianchini, già disponibile in download).
Melius abundare quam deficere

luciano ha detto...

Salve,
mi sembra che tutto si regge su quanta acqua sia realmente evaporata. Da quello che capisco, quando il reattore funzionava, tutta l'acqua pompata veniva trasformata in vapore.
Tu eri li, 13 litri di acqua convertiti in vapore in 30 minuti dovevano essere ben visibili.
Se poi,questo vapore usciva dal tubo che vedo nella foto, allora doveva essere un getto di vapore fortissimo.
Pensa alla pentola dell'acqua e alla condensa sulle pareti di casa.
Hai visto tutto questo vapore?
E' stato raccolto e pesato?

un saluto a tutti

Luciano

Daniele ha detto...

@Luciano
Non sono un tecnico, ma direi che si trattava di un circuito chiuso, in parole povere come quello del riscaldamento domestico: niente sbuffi di vapore a perdere.
È stata misurata la temperatura dell'acqua in ingresso e in uscita non il peso. È da questa differenza di temperatura che è stata stimata la potenza in W termici dell'apparato.
Il controllo del peso è stato fatto sull'idrogeno.

Luca ha detto...

Che forse il Nickel nella reazione non c'entri completamente come elemento attivo e che l'energia in eccesso sia dovuta all'assorbimento di un certo "spettro" dal protone di idrogeno monoatomico? Cercate "Langmuir Mono atomic Hydrogen torch" o "Lyne Atomic Hydrogen Furnace"...

Daniele ha detto...

@Luca
Per favore, lascia questo commento anche su http://www.journal-of-nuclear-physics.com/
Lì Rossi lo vedrà sicuramente (e ti risponderà come fa con tutti). Grazie

Sergio ha detto...

Vedetevi Zeitgeist su youtube e capirete perchè non potrà mai svilupparsi una energia alternativa al petrolio.Io penso che la fusione a freddo esista gia' da 20 anni ma purtroppo i potenti imbavagliano tutti...
Ciao da Sergio

Nessuno ha detto...

Dopo un anno cosa è stato accertato?
Tutta la misura di energia fatta è basata sull'ipotesi che il vapore prodotto sia secco.
La sonda usata da Galantini è completamente inadeguata per verificare questa ipotesi (serve a misurare altre cose) ed il produttore conferma che questa da "numeri a caso" se usata in questo modo.
Poi sappiamo benissimo che in queste condizioni sperimentali (le stesse di qualsiasi pentola in ebollizione) non è possibile produrre vapore secco, le bolle di vapore trascineranno moltissime piccole gocce d'acqua asportandole
dalla fase liquida.
Questo è il peccato originale!
L'abbaglio è nella ipotesi (scorretta) che il vapore sia secco.

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails