BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

giovedì 29 settembre 2011

Il tricorder di Star Trek
lo ha inventato un Italiano

Clarbruno Vedruccio con la sonda del TRIMprob in mano
Eccovi la scheda sul TRIMprob preparata, con passione, da Fr@ncesco CH. Ci sono talmente tante cose che mi colpiscono in questa storia, e che la differenziano da tante "belle promesse" non mantenute:
  • il TRIMprob è adottato in una cinquantina di ospedali del Servizio Sanitario Nazionale e ci sono tanti medici che lo adoperano e ne testimoniano la validità;
  • deriva da ricerche in ambito militare, come la maggioranza della migliore tecnologia che ci circonda;
  • la Finmeccanica ne aveva acquisito il brevetto, ma ha smesso di produrlo perché poco remunerativo!
Buona lettura e approfondimento.

P.S. Fr@ncesco CH ha aggiunto molti link in fondo alla scheda, tutti da esplorare. Consiglio di partire dal video in cui lo stesso inventore Clarbruno Vedruccio racconta e spiega origine, funzionamento e validità del TRIMprob. 

***

Caro Daniele,

vagando su questo blog ho scoperto che Andrea Rossi vuole dedicare il 50% dei proventi che egli riuscirà a ottenere dalla sua invenzione ad aiutare i bambini affetti dal cancro.

Siccome io provengo da una famiglia di clinici, qualcosa sui tumori la so. Ciò che so è abbastanza sconfortante, perché al di là di quello che viene detto sui media in realtà finora nessuno sa come mai si forma una neoplasia, salvo in pochissimi e rarissimi casi. E ancora meno si sa sui tumori in sé, tanto è vero che la stragrande maggioranza dei cosiddetti "esperti" del ramo propone metodi per annichilire le CELLULE tumorali. Il che in linea di massima serve a molto poco, visto che il cancro è una malattia di tipo TESSUTALE e non CELLULARE.

Sicché lo stato dell'arte, riassunto così, è francamente alquanto demoralizzante.

E allora, non c'è proprio alcunché da fare per evitare le morti inerenti alle patologie tumorali?

In effetti esiste qualcosa di rivoluzionario per raggiungere questo obiettivo, uno strumento innovativo che è a mio avviso è una scoperta apicale, e tale scoperta è stata fatta da un italiano: Clarbruno Vedruccio.

Vedruccio non ha scoperto come curare il cancro. Tuttavia ha scoperto un sistema per diagnosticare il tumore che è assolutamente straordinario.

Hai presente il TRICORDER di Star Trek? Cioè quell'apparecchio minuscolo che, nella serie, per esempio il dott. McCoy tiene in mano e che nel giro di 20 secondi gli permette di fare una diagnosi precisa dello stati di salute del paziente? Ecco: Clarbruno Vedruccio HA INVENTATO IL TRICORDER!!!

Ovverosia ha inventato un sistema, estremamente poco costoso, capace di individuare una massa tumorale allo stadio iniziale.

Talmente allo stadio iniziale che nemmeno con una TAC si riesce a individuare.

E mentre un apparecchio per fare TAC costa mediamente milionate di euro, un TRICORDER di Vedruccio costa 40000 euro (listino Finmeccanica-Galileo Avionica, il che significa che l'effettivo costo di produzione non supererà qualche migliaio di euro).

Immagina se tutti i medici generici del mondo fossero dotati di un TRICORDER: immagina quante vite potrebbero essere risparmiate!

A questo punto chiunque potrebbe pensare che se davvero esiste uno strumento così rivoluzionario allora sicuramente l'azienda che dispone del brevetto dell'invenzione fa senza dubbio affari d'oro...

L'azienda che dispone del brevetto è Finmeccanica, azienda che fa affari d'oro commerciando in armi, ma che dopo avere prodotto per un po' il TRICORDER ora non lo produce più.

Secondo me però non c'è alcun complotto, il motivo della scelta di Finmeccanica è a mio avviso molto semplice: Finmeccanica è abituata a vendere prodotti che costano centinaia di migliaia di euro e spesso anche milioni e decine di milioni di euro (tipo missili, elicotteri, etc) e per loro natura tali prodotti permettono di fornire guadagni elevatissimi per ogni pezzo venduto.

Ergo, Finmeccanica commercia in prodotti che hanno un margine di guadagno elevatissimo.

Così il problema del TRICORDER è semplicemente che, per gli standard di Finmeccanica, COSTA TROPPO POCO.

E dunque Finmeccanica, che è specializzata in tutt'altro tipo di prodotti, NON SA COSA FARSENE DEL TRICORDER!!!

Ma la cosa che ovviamente mi colpisce di più è per quale motivo un maser (perché il TRICORDER di Vedruccio è un maser) individui un tumore.

Perché se un maser individua un tumore allora è chiaro che siamo di fronte alla scoperta di una nuova proprietà del tumore.

E ALLORA ECCO LA MIA IDEA: se Andrea Rossi ha scoperto davvero ciò che egli afferma di avere scoperto allora sicuramente la sua invenzione lo renderà molto ricco.

Se egli, come ha affermato, vuole aiutare a debellare il cancro nei bambini dedicando a tale scopo il 50% dei profitti derivanti dalla sua invenzione allora perché non suggerigli di provare a vedere se Finmeccanica accetta di cedergli il brevetto del TRICORDER?

So che forse con questa idea viaggio troppo con la fantasia, però immaginati se un giorno non molto lontano grazie ad Andrea Rossi la mortalità per le patologie neoplastiche calasse del 50%...

E ciò è possibilissimo da conseguire in prospettiva, se tutti i medici generici fossero muniti del TRICORDER di Clarbruno Vedruccio.

Un ultima postilla: mi sono dimenticato di scrivere il nome ESATTO dell'invenzione di Clarbruno Vedruccio:

T R I M P R O B

ovverosia

T R I corder
M edical
P R O B e


AGGIORNAMENTO:

Vettore (un altro utente del blog) ha aggiunto un interessante contributo:

“Ho fatto alcune indagini sul Trimprob.
Contrariamente all'impressione che avevo avuto all'inizio è una cosa seria, con tanto di pubblicazioni scientifiche e test clinici effettuati su decine di migliaia di casi. Tant'è vero che ha avuto tutte le certificazioni e approvazioni che servono.
Il suo funzionamento è molto semplice in teoria, ed è lo stesso identico principio che si usava nei "dip meter" (http://en.wikipedia.org/wiki/Grid_dip_oscillator) molti anni fa, la scoperta inattesa è che anche i tessuti biologici presentano delle risonanze in particolari condizioni. Quando si parla di frequenze e risonanze, si intendono concetti fisici precisi, non c'entrano niente cose come l'omeopatia o altri concetti "new age".
Riguardo ai brevetti ce n'è solo uno italiano di Vedruccio del 1999, che non mi risulta sia stato esteso. La storia che Galileo Avionica non abbia interesse a produrlo è convincente (si è trovata con questa tecnologia derivante da applicazioni militari e l'ha sviluppata, ma ovviamente non è il suo business).
La difficoltà a trovare acquirenti è giustificata da una scarsa conoscenza della tecnica e da una certa ritrosia dei medici nell'adottarla (ai medici non piacciono le novità...). Questi sono comunque secondo me ostacoli contingenti, che saranno superati una volta diffusa la conoscenza a livello scientifico (quando una cosa diventa trendy poi i medici la vogliono...).
A mio parere la tecnologia è molto semplice ed il brevetto praticamente inutile: non ci sono ostacoli seri di nessun tipo alla sua diffusione, se non la scarsa conoscenza...”

Se le cose stanno effettivamente come afferma Vettore allora significa che se una società fosse interessata a produrre l'apparecchio essa potrebbe farlo senza problemi.

Forse che la società di Andrea Rossi in futuro potrebbe essere interessata?


ULTERIORI INFORMAZIONI SUL TRIMPROB

QUOTIDIANI

Le caratteristiche del trimprob illustrate dal Corriere della Sera:

http://www.corriere.it/salute/dizionario/trimprob/index.shtml
“Strumento nato da un’idea di un fisico italiano, Clarbruno Vedruccio, derivata dalla tecnologia militare. Esso è attualmente impiegato, in alcuni centri italiani, nella diagnosi precoce del cancro della prostata. Il suo impiego originario riguardava la ricerca delle mine antiuomo. Lo strumento funziona come uno scanner ed emette delle onde elettromagnetiche a bassissima potenza (10 mW, circa cento volte inferiori a quella dei normali telefoni cellulari) che raggiungono l’organo da esaminare ad una frequenza di 450 MHz e poi rimandano ad un apparecchio ricevente segnali diversi, in base alle alterazioni cellulari riscontrate. Queste onde vengono poi raccolte su un monitor ed elaborate da un computer e danno 4 tipi di risposta: semplice infiammazione, ipertrofia prostatica benigna, calcificazione o tumore prostatico. L’apparecchio consiste in un tubo cilindrico lungo 30 centimetri, collegato con un computer, posto a circa due metri di distanza, attraverso un software. Viene appoggiato sul cavallo dei pantaloni del paziente (che resta dunque vestito e in piedi) e lo specialista legge sul monitor il responso. L’esame può andare da 1 a 2 minuti al massimo e possiede una precisione che arriva al 93% nella diagnosi tumorale e all’82% in caso di test negativo.La nuova diagnostica è stata provata su 1022 pazienti. Riscontrata la sovrapponibilità della nuova diagnostica con quelle classiche, nei cui confronti rimane al momento una tecnica complementare, sono emersi altri vantaggi: fornendo una sorta di mappa del tessuto, consente un minor numero di prelievi bioptici e si può impiegare anche nel monitoraggio dell’efficacia delle terapie. L’apparecchio è stato sperimentato anche sul tumore del seno e dello stomaco-duodeno. È già stata programmata la sperimentazione per quelli di fegato e polmoni.”

Scheda sul trimprob dal sito del Corriere della Sera:

Articolo de Il Giornale:

PAGINA SU WIKIPEDIA

VIDEO

Video nel quale lo stesso Vedruccio illustra la sua invenzione:

Video del Dottor Carlo Bellorofonte nel quale egli illustra l'uso del trimprob:

Video del Dottor Marcello Tufano che illustra la sua esperienza pluriennale con il trimprob

STUDI SCIENTIFICI SUL TRIMPROB:

Risultati da Publimed:

Risultati da Springer:

Elenco di ulteriori pubblicazioni:

118 : commenti:

Giuseppe ha detto...

@Tutti

Grande Articolo!

Speriamo che abbia lo stesso risalto ed "acchiappi" il nostro interesse per la massima diffusione,come da mesi ci prendiamo cura del nostro E-Gattone, io personalmente condividerò il tutto per fare conoscere questa meravigliosa macchina SalvaVite!

Stefano ha detto...

Anche le cure ci sono. Dopo 40 anni di ricerche hanno capito una cosa ovvia: i virus attaccano cellule specifiche e ci sono virus che attaccano solo le cellule cancerogene distruggendo il tumore. E' notizia di questi giorni. A questo punto una diagnosi precoce ed una cura del genere "potrebbero" dare una svolta.

sukoy ha detto...

@Quoto Stefano
I giapponesi in test preliminari, il cui scopo era verificare la nocività del virus, sono riusciti a bloccare completamente l'avanzamento della massa tumorale causando soltanto un raffreddore nelle cavie.

E comunqe su quest attrezzo c'è gente che lo tratta come se fosse la fusione fredda. Che i tessuti viventi reagiscano ad un campo elettromagnetico è arcinoto ed è quanto meno logico pensare che una mutazione del tessuto ne vari la reazione.
Il touchpad del vostro iphone è capacitivo e funziona alla lontana come tricoder, guardate cosa usano i koreani quando fa freddo http://www.appuntidigitali.it/7012/liphone-fa-bene-al-mercato-delle-salsicce/ lolll :P

Giuseppe ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Red5goahead ha detto...

Ho girato via twitter il link a Caterpillar Rai perché sono sempre attenti a queste notizie rivoluzionare ma anche un po' strane non tanto nel contenuto quanto nella strana assenza di esse sui media più seguiti.

ottone ha detto...

Trimprobe sparisce dalla letteratura scientifica dal 2009.
Letteratura tutta di AA italiani e un articolo turco.
Il Mondo scientifico estero non ha voluto dargli più di tanto peso.

federico ha detto...

a mio avviso non solo promette di essere una grande invezione ma lo è!

c'è un ma in tutto questo.

non è la cura ma una diagnosi, ed è qui che a mio avviso c'è il fulcro della situazione.

avere una maggiore precisione e precocità della diagnosi porta a un reale beneficio ?

la risposta potrebbe sembrare scontata ma non lo è.

piu di una ricerca hanno evidenziato che siamo pieni di tumori durante la vita che non sappiamo di avere e che regrediscono spontaneamente.

questo macchinario potrebbe essere l'input, se usato senza criterio , di un peggioramente della situazione perche la cruda verità è che non sapendo cosa sia il cancro (dimenticate la balla centenaria e fallimentare delle cellule impazzite) ne tantomeno come si cura si potrebbero fare piu danni che altro.

oramai è noto da diversi studi statistici che se la medicina interviene di meno si muore di meno .
è logico ormai per gli interessi c'è già un iperinterventismo anche farmacologico che porta piu danni che altro.

quindi questa invenzione ben venga ma in un contesto sano di cura dei tumori che in questo momento a livello ufficiale è tutto fuorchè "sano".

il punto è che ci giriamo sempre intorno ,tolti le strampalate e pilotate statistiche di tumore si continua a morire come mosche perche non si sa la causa .

servono approcci diversi ma a mio avviso teorie nuove ovvero nuovi paradigmi buttando al cesso questi vecchi e fallimentari che vedono il tumore come delle cellule "impazzite" ...e se non ci fosse nulla di "impazzito"?


bisogna cominciare a formulare nuovi paradigmi e la cosa sorprendente è constatare quante terapie "alternative" ci sono che in realtà non sono affatto alternative.

sono alternative agli attuali protocolli ma la base ideologica su cui poggiano sono sempre e comunque "l'impazzimento cellulare" ovvero partono dal concetto che è un problema della cellula .

attualmente gli unici che hanno formulato teorie alternative e hanno curato persone partendo da queste idee sono : hamer e simoncini.

di approccio COMPLETAMENTE differente a mio avviso l'idea di simoncini non è affatto peregrina come ha cercato di sostenere l'abo dei medici radiandolo "perche usava bicarbonato di sodio sui malati oncologici" .

la vergogna totale è che oggi stanno facendo sperimentazioni con inibitori della pompa protonica (anitacidi) e addirittura a tampa in florida con il bicarbonato.
uno studio indipendente (da simoncini) su cavie ha DIMOSTRATO che la sola somministrazione orale di bicarbonato di sodio al 2% è sufficente per AZZERARE IL RISCHIO DI METASTASI .

ma simoncini è stato radiato perche è assurdo trattare i malati oncologici con il bicarbonato.

chi è interessato troverà molto materiale in rete comprese testimonianze di pazienti che io stesso (interessandomi all'argomento) ho raccolto e montato.

salve a tutti
fefochip

Tal dei tali ha detto...

http://it.wikipedia.org/wiki/Il_cancro_%C3%A8_un_fungo

... e ho detto tutto!

Red5goahead ha detto...

@federico

Posso anche essere d'accordo con te ma facciamo finta che un dispositivo del genere possa essere distribuito ai medici di base e che possa cosi effettuare un controllo su autorizzazione del paziente di pochi minuti in concomitanza con una visita generale anche solo per i tappi alle orecchie come succede spesso a me. Non dico che dopo una possibile diagnosi ci si debba poi mettere in lista direttamente per la chemio . si tratta di un analisi che può dare un 'indicazione per esami più classici e riconosciuti . e contemporaneamente iniziare uno studio clinico-statistico sulla metodologia. Non mi sembra che possa fare danni.

federico ha detto...

@ tal dei tali

e non hai detto un cazzo

wikipedia è giusto bona per vedere l'uscita delle serie televisive

@ Red5goahead

ma infatti se leggi il mio post premetto immediatamente che è sicuramente una grande invenzione.

io ne ho fatto un discorso piu specifico sui tumori ma comunque il discorso generale vale comunque su tutto .

intervenire piace tanto ai chirurghi che prima aprono e poi ti dicono e cosi ai farmacisti che prima danno e poi ti chiedono ....insomma fare il medico è una professione in declino inflazionata da troppi interessi economici e i pochi che hanno voglia di lavorare e un minimo di coscienza vengono presto sfiduciati dal sistema attuale vero responsabile dello stato attuale in cui versa la sanità italiana (e noi rispetto all'estero ci salviamo pure)

bertoldo ha detto...

Il problema per il quale non verrà mai adottato generalmente è il PIL ...
Pensate al Pil che produce il settore oncologia ...quanti soldi in mneo incasserebbero le multinazionali con una sensibile diminuizione di tac rm ecografi ...

Tal dei tali ha detto...

@federico
Aspetto fiducioso i riferimenti alle numerose pubblicazioni che attestano l'efficacia del bicarbonato di sodio al 2%. Non chiedo le pubblicazioni che ne spiegano il principio, il "perché funziona", mi accontento di quelle che ne dimostrano incontrovertibilmente l'efficacia, grazie.

massimo ha detto...

"Si ringrazia per le amorevoli cure prestate" e' un bel libro che parla delle cure "alternative".
Quando ebbi un caro parente malato di cancro feci un po' di ricerca sulle cure alternative. Ce ne sono tante e quasi sempre ignorate:
- la terapia Gerson
- il bicarbonato
- aloe arborescens
Sull'aloe un dottore italiano si e' impuntato per anni ed e' stato radiato anche lui dall'albo. Questo dispetto alcune pubblicazioni di settore dove l'aloina si e' dimostrata molto efficace negli esperimenti di laboratorio (mi sembra ci siano risultati molto incoraggianti a Pavia).

Concordo che ci siano interessi enormi (il 75% della spesa per la sanita' e' costituito da medicinali, non solo in Italia ma anche qui in US) ad ostacolare lo status quo. Spero pero' nel buon cuore dei dottori, che si ricordino il giuramento prestato ("mai nuocere") ad un certo punto della loro vita. Il parente di cui ho accennato e' morto tra atroci sofferenze provocate dalla chemioterapia (lui stesso due giorni prima di morire disse "non si puo' morire cosi' come un cane").

Scusate per il hijacking the thread.

Gibed ha detto...

Grazie, è un bell'articolo. Non mi sembra fuori luogo ipotizzare che dall'utilizzo del Trimprob per la diagnosi si possa arrivare a una nuova terapia, magari stimolata da nuovi studi sulle proprietà elettromagnetiche tessuti tumorali.
A livello diagnostico, mi pare molto interessante la capacità di individuare masse tumorali di dimensioni ridotte, quindi a uno stadio precoce (penso al tumore al seno, la cui diagnosi precoce è fondamentale per aumentare la speranza di guarigione).

Saluti
Gibed

dibattiti ha detto...

@vettore
Nel video sono pubblicate tutte le frequenze, tu che hai a che fare con maser sei in grado di provare qualcosa di simile?

LucaCh ha detto...

L'oggetto è davvero molto interessante, così come la sua funzione.
Vorrei però far notare a tutti quelli che sono entusiasti all'idea di poterlo usare e di vederlo in ogni ambulatorio che esso si limita ad eseguire solo una diagnosi precoce, anzi precocissima, se ho capito bene.
Tutto qui.
Che può essere un'enormità rispetto a quello che si fa oggi, ma che è nulla rispetto al problema di capire il meccanismo per cui un tumore si sviluppa e quindi anche un modo per farlo regredire fino alla completa guarigione.

Diagnosi e cura del malato (e non della malattia, sottolineo) sono due aspetti molto diversi, confonderle può portare a pericolosi fraintendimenti, grossolane illusioni e azioni mal indirizzate.

Resta il fatto che di spiegazioni su quale possa essere il motivo per cui un tumore si sviluppa e quali i modi per farlo regredire completamente ce ne sono.
Basta cercarle, capirle, valutarle, giudicarle accuratamente ed eventualmente provarle.

A chiacchiere, o anche sugli studi scientifici peer-reviewed, funziona tutto e niente. Sono studi sempre fatti su altri.
"Ma IO sarò tra quelli che possono guarire, seguendo il tal metodo?"
Ci scommetto se esiste un medico che vi può dire con ragionevole certezza un sonoro "sì"!

La diagnosi precocissima che potrebbe garantire un apparecchio come il TRIMPROB potrebbe quindi essere un sonoro schiaffone per i tanti che continuano a crogiolarsi nella piacevole illusione che in loro va tutto bene e che stanno benissimo; ma il grosso del lavoro è ben altro. Occhio!

federico ha detto...

@tal dei tali

non fare il furbino usando il plurale a canzonella

ho parlato di "uno studio"

se avessi la pazienza di leggere e di capire cosa dice simoncini ti accorgeresti che questi scienziati hanno ottenuto risultati già al 2% quando simoncini usa infusioni locali (e/o flebo locali)con ben piu alta concetrazione e questo vuol dire che il bicarbonato funziona anche a quelle concetrazioni solo per via orale ,figuriamoci con le tecniche di infusione in arterografia selettiva che ha elaborato simoncini.

http://cancerres.aacrjournals.org/content/69/6/2260.full

vuoi anche il link delle sperimentazioni su uomini a tampa in florida con il bicarbonato (partendo da altri paradigmi medico scientifici)?
cercatelo

ma se sei proprio pigro cerca cosa dicono i denigratori cosi non fai la fatica di capire da solo che succede ...sai a me che cazzo me ne frega.

ottone ha detto...

http://www.tgcom.mediaset.it/mondo/articoli/1022709/la-lotta-al-cancro-costa-sempre-di-piu-evitiamo-di-curare-i-malati-terminali.shtml
Prima si prova a curare, poi finiti gli interessi dettati dall'indotto bigpharma siccome hai bisogno solo di un letto infermieri e morfina costiamo troppo!! oppure qualche luminare ci fa la chemio un attimo prima di....

che mondo!

ottone ha detto...

Per fortuna ho abbastanza memoria storica.

Su trimprobe, ho avuto modo di scambiare qualche anno fa due chiacchere con gli urologi che lo usavano all'Ospedale San Giuseppe di Milano. Ci ho lavorato dal 2002 al 2006, quello che posso dire: non è niente di miracoloso, integra al massimo tutto il resto della diagnostica. Nel senso che non è che uno si fa scannerizzare tanto per, ma in presenza di sintomi e segni può indirizzare il medico sulle scelte seguenti. Per la prostata nella fattispecie, veniva usato in ambulatorio su pazienti che avevano markers positivi e sintomi, in questo modo l'attendibità in senso positivo di malattia sale, ed è scientifico.
Altrimenti, usato alla cieca per così dire, genera falsi negativi credo intorno al 20%.
Quindi non basta il trimprobe a fare diagnosi.

Sulla prevenzione delle malattie in generale è interessante anche un lavoro di metanalisi dell' Ist. Cochrane, che fu ripreso anche dalla rivista Focus di qualche anno fa.

In sostanza non abbiamo prevenuto un bel niente negli ultimi 20-25 anni. Anzi spesso abbiamo esposto le persone alle complicanze di procedure diagnostiche invasive. (questo deporrebbe a favore dello sviluppo di strumenti come il TrimProbe assolutamente non invasivo.) Altro dubbio che fa insorgere quella metanalisi è quindi l'opportunità di farsi curare alcuni tipi di tumore in maniera aggressiva, se poi le complicanze sono maggiori che i benefici.


Parlavo di memoria storica riferendomi ai Trapianti d'organo.

Nella seconda metà degli anni ottanta, iniziavo allora la mia esperienza in Terapia Intensiva in un grande Ospedale Universitario.

Ho vissuto quindi gli albori dei Trapianti di Fegato. Fummo il primo Centro Italiano.
Premesso: fondamentalmente non sono d'accordo con i trapianti, nel senso che la medicina dovrebbe curare i tuoi organi, non cambiarteli, .... primo non nuocere.
In buona sostanza, in quegli anni furono stanziati fondi pressochè illimitati per l'attività di trapianto, arrivavano tranquillamente a "costare" più di mezzo miliardo delle vecchie lire l'uno.
SANDOZ e Wellcome erano le 2 multinazionali che producevano i farmaci immunosopressori, gli unici, Cyclosporine A (Sandimmun) e Azatioprine (Imuran).
Il mondo si entusiasmava per questa nuova branca della Medicina, (che neanche dovrebbe esistere) ma l'indotto era creato dalle case farmaceutiche suddette che largamente finanziavano studi e sperimentazioni "solo" in questa direzione.
Io non sono molto intelligente, ma già allora mi era sorto ingenuamente il dubbio: se tutti quei soldi non fossero stati troppi, a fronte di malattie più banali che in altre parti del mondo uccidevano milioni di persone.
I trapianti sono oggi, comunque, un' opportunità a volte unica per curare le persone. (A disposizione di pochi e non di tutti sul pianeta). Non possiamo rinunciarci, anche se qualcuno è morto per le nuove complicanze di questa nuova terapia.
Il futuro è la medicina miniinvasiva e conservativa! Se qualche soldo già da allora l'avessimo messo anche in questo senso, forse saremmo più avanti. Ma non era business.

federico ha detto...

chi è abbastanza onesto con se stesso da mettere in discussione quello che sa di tumori http://www.curenaturalicancro.org/paolo_diodati.htm

può leggere un po per cercare di capire come mai adesso "quello del bicarbonato" radiato e denigrato non lo hanno reintegrato visto che fanno esperimenti in con gli antiacidi e addirittura il bicarbonato e quindi è venuto a mancare il motivo della radiazione

LucaCh ha detto...

@federico

Ciao Federico, volevo solo farti notare che il metodo del bicarbonato non va minimamente ad indagare la causa prima.
E' solo un intervento sintomatico, meno invasivo forse di qualunque altro, che può anche avere effetti straordinari, ma che non ti dice nulla sulla causa prima della malattia.
Credo che per risolvere la questione occorrerebbe rivolgersi NON al "come farlo sparire" ma al "perchè è comparso". Una volta trovato quello, di metodi per guarire se ne possono inventare tanti quanti i lettori di questo blog. Qualcuno è noto da tempo.
Ciao!

ottone ha detto...

O è un Galileano o è un ......
Le malattie sono quasi sempre multifattoriali ed è difficile, anche secondo la mia esperienza, pensare che un solo farmaco o sostanza possa cambiare la faccenda. Inoltre siamo tutti diversi per sesso ed età, peso ecc.. e i tumori sono diversi. Hanno cellule molto diverse perchè i tessuti sono così. E poi il bicarbonato costa poco.

ottone ha detto...

Ho letto il superpost di Francesco CH. ben completo.
Mia umile opinione: nei commenti hanno ragione un po' tutti no?
Se non c'è indotto lucroso non c'è futuro per nessuna tecnologia.
Gli articoli su Pubmed sono tutti italiani tranne uno. Ultimo Giugno 2009. Sono tutti abstract che validano la tecnologia.
Nella quasi totalità dei casi, il trimprobe è usato a seguito di una sintomatologia che induceva il medico a sospettare che...
Il trimprobe conferma e poi nulla cambia nell'iter: si viene sottoposti spesso a procedure invasive come la biopsia o la cistoscopia con biopsia o colon o gastroscopia e biopsia ecc... Iter necessari, da protocolli di cura, per poter procedere ad esempio con intervento chirurgico.
Comunque sarebbero stati fatti soprattutto in caso di "Dubbio" --- (..."abbiamo un dubbio e per escludere..... dobbiamo fare una biopsia"). Classico credimi.
Per quanto riguarda gli organi addominali e pelvici, se non c'è sospetto è difficile "indovinare" qual'è quello malato, sono più o meno uno sopral'altro a pancia chiusa!
Questo straordinario apparecchio in questa chiave di lettura è ....inutile anche se valido. A parte che G.A. non lo produce più
Rischia davvero di diventare solo uno strumento in più per procedere con metodi diagnostico-preventivi invasivi, opinabili dal mio punto di vista.
Nel periodo nel quale tenevo un corso alla Scuola Infemieri del mio Ospedale, invitavo gli allievi ad essere prudenti ed ad avere sempre dubbi e prudente sicurezza, anche con solide basi scientifiche e cultura. Citavo una dele più grandi cantonate della medicina occidentale: negli anni 80 chiunque si presentasse dal medico con bruciori di stomaco, automaticamente soffriva di ulcera gastrica da stress! Uscivano articoli a fiumi! I film americani erano pieni di immagini di gente che mangiava antiacidi e bicarbonato e ansiolitici - ricordo la serie Lou Grant, il direttore di giornale- . Altro che stress! Era un batterio:
l' helicobacter pylori! grosso quasi quanto questo trattino - !

bertoldo ha detto...

Con qualche modifica potrebbe rilevare le frequenze danneggiate e ripararle ?
La scansione ok ma per essere un vero tricorder dovrebbe anche riparare .Il senso del post è : per ora si utilizza per fare diagnosi poi si fonda una onlus o una fondazione , si fà dimettere l'inventore dà militare a civile , tanto oramai gli anni per la pensione li ha quasi acquisiti e lo si stimola per ottenere leffetto inverso , ovvero ripristinare lo spettro normale di frequenze , cosa assai più complicata della semplice scansione .Devono per forza di cose entrare in gioco altre conoscenze "alternative" in particolar modo le conoscenze sull'acqua e la coerenza specifica per ogni singolo organo che ha una frequenza propria di funzionamento .Insomma in poche parole indurre un'omeopatia tramite maser e non tramite granuli .Troppo complicato ?

robi ha detto...

ero piccolino ,ma, ricordo bene le discussioni dei miei genitori sul primo trapianto del cuore fatto da Barnard. Al di là delle difficoltà tecniche ,ricordo che c era un grosso problema etico. Non eravamo ,mentalmente, preparati a considerare l uomo composto da pezzi di ricambio.Tutto ciò che costituiva una persona era qualcosa di strettamente personale.
è incredibile ,come ora ,questo problema sia completamente scomparso.

Tal dei tali ha detto...

@federico
Da una veloce ricerca su google ho trovato un link molto interessante:
http://www.giornalettismo.com/archives/86022/ancora-sul-bicarbonato/
... da lquale emerge che il ruolo del bicarbonato nella cura ai tumori viene fortemente ridimensionato. Seppur un'efficacia del bicarbonato esiste dobbiamo dare atto del fatto che Simoncini non è stato in grado di effettuare un corretto studio clinico grazie al quale applicare la cura più adatta allo specifico tumore. Per questo motivo, cioè per l'aver usato in ultimo gli stessi pazienti come cavie, si è meritato la radiazione.

federico ha detto...

@ LucaCh
"Ciao Federico, volevo solo farti notare che il metodo del bicarbonato non va minimamente ad indagare la causa prima.
E' solo un intervento sintomatico, meno invasivo forse di qualunque altro, che può anche avere effetti straordinari, ma che non ti dice nulla sulla causa prima della malattia."

questo lo dici tu
dipende chi e come lo usa .

se lo usa simoncini che parte da una certa idea ha bene presente quale è la causa .poi che usi il bicarbonato è del tutto secondario tanto che per i melanomi usa la tintura di iodio sulla pelle.

se lo usano quelli che oggi lo usano come "antiacido" (fais ,tampa ,ecc) non mettono in discussione (ma dovrebbero farlo) il paradigma "ufficiale" della cellula impazzita .

il punto però sono i risultati, se ci sono vanno interpretati e capiti.
nell'ottica della cellula impazzita non si trova la chiave di volta mentre nell'ottica di un infezione da fungo si .

poi ovviamente nel caso venga conferamata l'idea di simoncini si potranno usare le sostanze piu diverse per curare il tumore.

tanto per darti un altro spunto di riflessione delle chemio sono nate prima come antifungini e poi sono state usate come chemioterapici vista la loro efficacia.

tanti particolari fanno intuire che il paradigma attuale sia sbagliato ma tutti continuano indefessamente a sostenerlo ,ma il dato di fatto spietato è che la medicina ha da tempo perso la lotta la cancro nonostante la propaganda che recita che il 50%dei tumori vengono curati quando in realtà le statistiche si riferiscono alla sopravvivenza a 5 anni (per quelli che non gli entra in testa nelle statistiche se uno a un tumore e viene curato ma muore dopo 6 anni rientra come un "successo" per le statistiche magari varie volte nel corso della sua malattia e dismissione dall'ospedale dopo le cure)

il discorso è lungo e chi si limita a poche ricerche superficiali su internet ....non capirà una minchia

federico ha detto...

@ Tal dei tali

bravo hai fatto quello che ironicamente ti ho detto hai cercato i denigratori.

adesso rimetti a nanna il cervello e non ci pensare più.

tanto per dare una minima speranza anche a quelli come te,
dimmi:
ma se secondo te simoncini è stato radiato perche "usava come cavie i pazienti" cosa sta facendo adesso fais tramite l'ISS e a tampa in florida che usano direttamente il bicarbonato come antiacido al posto degli inibitori della pompa protonica?

i casi sono due o radiano pure chi oggi usa gli antiacidi perche non ci sono prove che hanno efficacia sui tumori (al di là di quello che uno pensa sulla vera causa del tumore) oppure reintegrano simoncini con tanto di scuse perche lo hanno radiato ingiustamente ....tertium non datur ...

ne dubito, viste le tue obiezioni e i tuoi "pigri" link ma se fai funzionare il cervello vedrai che ci arrivi

Tal dei tali ha detto...

@federico
A Tampa hanno fatto quello che non ha fatto Simoncini, uno studio serio a partire da delle cavie "non umane"!

Tanto per non fare fatica, avresti potuto seguire il link presente nell'articolo che ho postato nel commento precedente.

Per farti fare ancora meno fatica, eccolo qui:

http://www.healinghut.net/files/bicarbonate-increases-tumor-ph-and-inhibits-metastases.pdf

gian ha detto...

federico,
non distorcere le notizie a tuo piacimento e leggi l'intervista a Fais in merito:
tinyurl.com/24wwduw

Tra l'altro, sull'articolo da te citato leggo:
"Notably, bicarbonate did not affect the systemic pH or the growth rate of primary tumors but had significant effects on the formation of spontaneous metastases. In two of three experiments, NaHCO3 therapy reduced the colonization of lymph nodes, but in no experiment did it significantly affect the levels of circulating tumor cells."
Che non vuol dire che il bicarbonato cura il cancro come, ma che eventualmente (dico eventualmente perché lo studio è sui topi) inibisce la creazione di ulteriori metastasi. Che non sarebbe poco; ma da lì a sbandierare che Simoncini aveva ragione ce ne corre.

federico ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
federico ha detto...

@ gian

quello che vuol dire lo studio dipende dall' intelligenza di chi lo legge .

si fanno delle ipotesi riguardo a un evidenza che è: somministrando a dei topi per bocca soluzioni di bicarbonato al 1,68% (non sono facili i calcoli per dedurre dallo studio questo numero) le metastasi non si sviluppano (in topi immunodepressi a cui hanno fatto venire il tumore).

e come dici tu, già questo ....

tutto il resto è interpretazione e ipotesi e se permetti "sbandiero" quello che ritengo opportuno.

comunque se tu non ci trovi relazione alcuna ...peggio per te che ti devo dire?

@ Tal dei tali

"A Tampa hanno fatto quello che non ha fatto Simoncini, uno studio serio a partire da delle cavie "non umane"!

mi indichi lo "studio serio" a tampa?

mi sa che stai facendo un po di confusione tra tampa in florida e tucson in arizona.

tuttavia non mi hai risposto perche se gli studi sono seri e tampa "è autorizzata" a usare "cavie" umane tocca reintegrare simoncini

comunque studi riguardo all'efficacia del bicarbonato contro i tumori risalgono addirittura ai sacri libri veda degli indù mentre è piena la letteratura medica di indizi che dovrebbero far venire qualche pulce nell'orecchio

gian ha detto...

quello che vuol dire lo studio dipende dall' intelligenza di chi lo legge
Ah, non si usano più i riscontri oggettivi? Devo essere rimasto indietro.
Tu puoi sbandierare quello che ti pare: non sarò certo io ad impedirtelo (anche perché il "padrone di casa" è Daniele).
Resta il fatto che c'è una leggera differenza tra un qualcosa con riscontro oggettivo (si stava parlando del Trimprobe) e qualcosa che - almeno per ora - non ce l'ha.

comunque se tu non ci trovi relazione alcuna ...peggio per te
Ma sarà mica il modo di presentare dei fatti?
Allora guarda facciamo così: lo sai che la luna è in realtà un gelato al limone? Non ci credi? Beh, peggio per te.

LucaCh ha detto...

@federico

Concordo perfettamente con te sul fatto che la teoria della "cellule impazzite" sia una sciocchezza colossale e che il paradigma attuale sia sbagliato alla radice.

Concordo meno sul fatto che "nell'ottica di una infezione da fungo" si trovi la chiave di volta: se non si riesce a spiegare perchè il fungo ha potuto proliferare così e causare l'infezione, sei solo andato più avanti di un passo, ma non sei certo arrivato alla soluzione dell'enigma su quale sia la causa prima. Potresti essere alla ...causa seconda, magari, certo non alla prima.

Puoi usare tutte le sostanze che vuoi per far fuori funghi, batteri, virus, e qualunque altra cosa tu voglia; resta il fatto che se non si arriva a capire quali sono le cause fisiologiche per cui ad un certo punto cominciano a proliferare in un corpo che prima era sano, non sai ancora esattametne cosa sia il cancro e nemmeno perchè si sviluppi. Ed è quello il problema fondamentale nelle cose (per la struttura dell'atomo è lo stesso discorso, chiaramente).
Al massimo sei in grado di tenerlo a bada con continui interventi esterni, fino alla prossima ricaduta. Meglio di quello che fa la medicina industriale moderna, ma ancora peggio rispetto all'ottimo.
Poi, in effetti, ci si può sempre accontentare, niente di male.

Dubito che anche con ricerche non superficiali su Internet si possa arrivare alla causa prima del cancro. Credo che per quello occorra rivedere radicalmente il modo in cui lo si considera; se lo vedi solo come una malattia da estirpare, vai poco avanti, temo. Ciao

Daniele 22passi ha detto...

@Sukoy
L'iPhone a salsiccia mi mancava!! :)))

@Red5goahead
A febbraio-marzo mandai un paio di mail (e telefonai pure) alla redazione di Caterpillar per interessarli all'E-Cat di Rossi. Risultato: zero spaccato.
Devo dire che sono rimasto molto deluso... anche per me Caterpillar è un mito.

@Tal dei tali
Vedo che il vizio di usare Wikipedia come arma di guerriglia non ti è passato! :))

@massimo
Grazie della toccante testimonianza. Vale più di 1000 link a wikipedia fatti da chi vuole a tutti i costi dire la sua (mostrando di saperne ben poco).

@Luca Ch
È giustissima la tua precisazione. C'è la diagnosi. C'è la cura. E c'è la causa (quella vera) della malattia. La medicina scientifica a volte scambia cause ed effetto, e combatte i sintomi invece che le cause. Credo che un testo fondamentale, giusto per affacciarsi a un nuovo modo (nuovo o antichissimo, a seconda dei punti di vista) di considerare le malattie resta MALATTIA E DESTINO - il valore e il messaggio della malattia (1984) di Thorwarld Dethlefsen e Rüdiger Dahlke.

@Ottone
Hai ragione... stiamo affrontando argomenti in cui TUTTI, dal loro punto di vista hanno ragione. Forse toccherebbe cominciare a porsi veramente dalla parte del malato e chiedersi cosa sia effettivamente meglio per lui. E agire di conseguenza e coerentemente.
A me pare che gli interessi economici connessi a ben determinate visioni di malattia abbiano troppo spazio nei sistemi sanitari pubblici.

federico ha detto...

@ LucaCh
forse non ti sei preso la briga di studiare cosa dice simoncini ...io si

"Concordo meno sul fatto che "nell'ottica di una infezione da fungo" si trovi la chiave di volta: se non si riesce a spiegare perchè il fungo ha potuto proliferare così e causare l'infezione, sei solo andato più avanti di un passo, ma non sei certo arrivato alla soluzione dell'enigma su quale sia la causa prima. Potresti essere alla ...causa seconda, magari, certo non alla prima."

vediamo, ti rispondo cosi :
la medicina è andata a cercare di capire perche Il bacillo di Koch infetta l'uomo oppure si sono concetrati su come immunizzarci e/o come ucciderlo?

per quanto riguarda l'idea di simoncini è questa : la causa eziogica del cancro è un fungo.
poi che il fumo della sigaretta, l'amianto o quello che ti pare ha indebolito i polmoni e posto in essere le condizioni affinche proliferi il fungo che trasforma la sua dinamica e vita all'interno del corpo umano (fungo saprofita) cominciando a sviluppare masse ,questo è un altra cosa.

"se lo vedi solo come una malattia da estirpare, vai poco avanti, temo"
questa è la posizione di hamer che io per diversi motivi non vedo ne come attualmente percorribile ne comunque la vedo che ha molto senso ,ma qui apriamo un mondo di considerazioni che mi pare inutile approfondire qui.

comunque come ti ho spiegato esistono delle precise spiegazioni di simoncini che a mio avviso "fanno tornare" molto piu le evidenze medico scientifiche rispetto alla teoria della cellula impazzita.


uno degli errori piu comuni nel considerare il lavoro di simoncini è pensarlo come un "alternativo" mentre ideologicamente è quasi un ufficialista piu degli oncologi stessi.

oggi l'approccio "multifattoriale" e "olistico" va molto di moda anche negli ambienti ufficiali e molti guardano a terapie diverse dalla chemio ...ma sempre e solamente nell'ottica del paradigma scientifico piu seguito al momento.

comuque già che cominci a capire che l'attuale paradigma che domina da 100 anni sul tumore è una fesseria perdente stai già un bel pezzo avanti

Daniele 22passi ha detto...

@Gian
Perdonami ma dire che i discorsi che si stanno facendo qui dentro equivalgono a dire "lo sai che la luna è in realtà un gelato al limone? Non ci credi? Beh, peggio per te" è abnorme, sproporzionato, irrazionale, fuori da ogni senso della misura.

@Federico
Credo che Luca ti chieda: quale è il motivo per cui il "fungo" conviverebbe innocuamente in certe persone e prolifererebbe in modo canceroso in altre? E una volta che si fosse trovato un meccanismo che lo spiegasse... cosa attiverebbe quel meccanismo?
È questo - credo - il livello a cui Luca ti chiede di interrogarti. Poi posso sbagliarmi chiaro, ma a me pare evidente che sia così.

gian ha detto...

@Daniele
Guarda, ho cercato di essere sufficientemente chiaro, ma evidentemente non mi sono spiegato bene, ci riprovo. È una questione a mio parere di metodo nell'approccio logico. Specifico anche che non stavo generalizzando, anzi ci ho tenuto a distinguere le cose serie (Trimprobe) dal resto.
Riassumo:
- io evidenzio che l'articolo indicato da Federico indica che lo studio è relativo ai TOPI e che NON si dice che il bicarbonato cura il cancro ma che eventualmente ne impedisce l'espansione senza eliminarlo
- secondo federico questo mostrerebbe che Simoncini ha ragione dicendo che il bicarbonato cura il cancro quando le due cose non mi sembrano direttamente legate - faccio notare che lo stesso prof. Fais in un'intervista dice altro da quanto sostenuto
- federico mi scrive sostanzialmente "se non capisci la connessione logica peggio per te"
- io mi sono limitato a rigirare l'esempio: faccio un'osservazione volutamente assurda e mostro che il "peggio per te" non ha alcun senso
in un ragionamento logico

Mi viene anche da osservare che per alcuni una certa difficoltà ad accettare il fatto che i riscontri oggettivi sono quelli che fanno progredire la scienza, non quelli che la ostacolano!
Simoncini sostiene che il cancro è dovuto ad un fungo? Bene, lo dimostri. Sennò la sua teoria vale esattamente come la mia (ovvero che la Luna è fatta di gelato al limone). Capiamoci, a me non darebbe nessun fastidio scoprire che ha ragione, né che il bicarbonato cura il cancro. Solo che finora non l'ha fatto secondo dei protocolli almeno riproducibili. Il fatto è che non basta la parola di chicchessia affinché quanto affermato diventi vero ipso facto.
Tuttavia molti pensano che sia così; e questo purtroppo è l'humus in cui sguazzano ANCHE (N.B. non ho detto SOLO) gli imbroglioni alla Wanna Marchi e le buffonate trasmesse a Voyager o Mistero.
Oh, prima che qualcuno me lo contesti: NON sto affermando che chiunque porti un evento nuovo sia un truffatore. Anche perché sennò non farei il lavoro che faccio (ricerca e sviluppo).

gian ha detto...

@Daniele
dimenticavo:
è abnorme, sproporzionato, irrazionale
Ok, è perché non ci conosciamo. Chiunque mi conosce sostiene che sono iper-razionale :-)) Anzi è considerato il mio maggior difetto... Su una cosa cosa che più volte hai scritto sul tuo blog mi sento di darti ragione: probabilmente parlarsi invece che scriversi è molto meglio per avere una discussione fruttuosa.

Comunque pensavo che il mio essere razionale trasparisse dai miei post; ma c'è anche da dire che attraverso lo scritto la parte "implicita" del messaggio si perde. Se commenterò ancora proverò a delineare meglio il mio pensiero. Per me era ovvio che quella frase fosse un esempio di logica per sintetizzare il mio pensiero, ma deduco sia stato mal interpretato.

robi ha detto...

gian
fretta e confusione.
io ho capito benissimo il tuo paragone e poi con te si dialoga volentieri

federico ha detto...

@ gian

"Il fatto è che non basta la parola di chicchessia affinché quanto affermato diventi vero ipso facto. "

il grosso problema è che non basta nemmeno la parola di TUTTI gli oncologi affinche sia vero il paradigma della "cellula impazzita"

dici di essere "iper-razionale" e allora dovresti riconoscere che la teoria ufficiale della "cellula impazzita" (ti prego non sottilizziamo è per fare una sintesi) ha la stessa "dignità" davanti alla logica che la teoria di simoncini perche sono appunto entrambe teorie.

io non ho mai detto che è un dato di fatto ho detto altre cose .
ti ho dato degli indizi che pare tu sottovaluti (forse per la tua "iper"-razionalità ?) alla stregua dei vari piero angela % Co.

lo studio sui topi fa capire che le metastasi con il bicarbonato non ci sono .
ora di che parliamo di zucchine o di tumori?

la spiegazione del perche il bicarbonato non funziona sul tuomore primario è che il bicarbonato deve agire in intimo contatto con le masse (con infusioni dirette o sistemiche) a una sufficente concentrazione.

"peggio per te" caro mio ha perfettamente senso perche il tumore colpisce tutti e tutti abbiamo avuto a che fare in famiglia o tra gli amici con questa terribile malattia.


" peggio per te" caro gian è perche se non cerchi di capire cosa succede nel mondo e ti affidi a quello che dice la scienza ufficiale stai fresco soprattutto quando si parla di medicina.

che ti devo dire? affidati pure ai tuoi medici e continua a pensare che un medico radiato dall'albo perche non ha rinnegato le sue scelte davanti alla commissione che lo giudicava (è avvenuto esattamente questo un po melodrammaticamente tipo inquisizione) e porta avanti le sue scelte viaggiando in tutto il mondo ,invitato in tanti paesi ,insignito di riconoscimenti e ringraziato da tanti è un fesso che non ha capito niente .

comuque io non ho capito tecnicamente quali sono le tue perplessità
se ti va di approfondire fai delle domande dirette e io ti rispondo.

gian ha detto...

lo studio sui topi fa capire che le metastasi con il bicarbonato non ci sono .
Che non si espandono ulteriormente, non che regrediscono.

allora dovresti riconoscere che la teoria ufficiale della "cellula impazzita" ha la stessa "dignità" davanti alla logica che la teoria di simoncini perche sono appunto entrambe teorie.
La differenza è che Simoncini non ha dimostrato neanche che il fatto che il tumore sia un fungo, e tantomeno il resto. La teoria della cellula impazzita è una teoria incompleta e ovviamente soggetta a revisione ma almeno auto-consistente nel senso che almeno ha portato a dei metodi che tentano di _rallentare_ il tumore. È un passo piccolo ma sempre meglio di nulla.
D'altra parte se avesse ragione lui avrebbero dovuto già dargli un Nobel per la medicina: cura facile e a basso costo... bastava che portasse delle prove e dei protocolli clinci RIPETIBILI. Adesso non mi tiri mica fuori il complottone delle case farmaceutiche, vero?

indizi che pare tu sottovaluti (forse per la tua "iper"-razionalità ?) alla stregua dei vari piero angela % Co
Sinteticamente:
indizio != prova
verosimile != vero
Poi che cos'hai contro Piero Angela? Ce ne fossero come lui! Almeno non dovremmo sorbirci i vari Voyager / Mistero (no, in realtà io faccio a meno, parlavo in generale). D'altra parte mi rendo conto che è questione di mercato: è quello che il pubblico vuole.

federico ha detto...

@ daniele

al padrone di casa si risponde sempre :-)

la candida è praticamente endemica nella popolazione ma non è vero che chi ha la candida sviluppi poi il tumore.

lo sviluppa chi ha compromesso un comparto anatomico per uno dei tanti motivi che possono essere quelli studiati dalla scienza ufficiale come "sostanze cancerogene".

facciamo l'esempio dell'amianto.

innanzi tutto una persona ragionevole si dovrebbe fare una domanda
1) perche la caratteristica dei tumori è quella di cellule che si moltiplicano in maniera "incontrollata" (non è del tutto vero ma rimaniamo su questo concetto).
risposta "ufficiale" :
un guazzabuglio di astrusi concetti di microbiologia che alla fine fanno la cosi detta "super cazzola"
risposta di simoncini:
è una precisa strategia messa in campo dai tessuti contro un aggressore molto piu grande di un batterio e che forma masse . si moltiplica piu possibile per arginare l'aggressore come succede per l'incistamento di una spina di riccio.

tornando all'amianto che è un materiale chimicamente inerte e che è assurdo pensare che meccanicamente riesce a creare un danno cellulare che si riproduce da cellula a cellula.

cosa succede?
simoncini sostiene che l'amianto al pari di un ago finissimo riesce a penetrare nei brochi e a piantarsi nel tessuto polmonare che è un tessuto con poche difese immunitarie .
li crea una microferita dove la candida se presente si può insediare .

un po come l'influenza ...non la prendi se non ti prendi freddo e ti indebolisci .

nel caso del polmone il tumore sarà il risultato tra una lotta tra il fungo che comincerà a creare una colonia intorno allo spillo di amianto cibandosi del tessuto connettivo e il tessuto che cercherà di moltiplicarsi per fare fronte all'aggressione .

andiamo avanti .

concettualmente (altra rivoluzione) il tumore è uno anche se un epatocercinoma all'esame obiettivo è completamete differente da un tumore del polmone proprio perche le cellule di cui è composta la reazione alla colonia fungina sono cellule del fegato .

e cosi del pancreas ,del melanoma ,della prostata ,ecc,ecc

quindi la classica candida vaginale non è un problema a meno che non si verifichino in un apparato femminile quelle condizioni che portano a far approfittare il fungo del tessuto fagocitandolo .
se non accade questo perche il tessuto è sano la candida rimane in superfice .

per le donne sciacqui interni di soluzioni di bicarbonato sono 100 volte piu efficaci di antifungini convenzionali (sorvolo ora sul motivo che c'è)che uccidono la candida come il mughetto dei bambini.

spero di aver risposto esaurientemente

federico ha detto...

@ gian
"La differenza è che Simoncini non ha dimostrato neanche che il fatto che il tumore sia un fungo, e tantomeno il resto. La teoria della cellula impazzita è una teoria incompleta e ovviamente soggetta a revisione ma almeno auto-consistente nel senso che almeno ha portato a dei metodi che tentano di _rallentare_ il tumore. È un passo piccolo ma sempre meglio di nulla."

è vero lui non lo ha dimostrato ma al pari dell'oncologia ufficiale che non ha dimostrato che la causa del tumore è l'impazzimento cellulare.

mi pare che ti stai arrampicando sugli specchi dicendo che almeno rallentano i metodi ufficiali .

dovresti studiarti un po di statistiche non edulcorate ..lo denunciò all'epoca di bella stesso .

comunque anche simoncini ha dei risultati di rallentamento e di guarigione completa che io personalemente ho intervistato quindi sinceramente a me personalmente questo discorso si traduce in :
ho visto i risultati di simoncini e quindi per me è vero quello che dice

gian ha detto...

@federico
dimenticavo: cosa vuol dire "scienza ufficiale"? La scienza è scienza se ha dei riscontri, chiunque li porti. Punto. Altrimenti è speculazione, che va bene ma è un'altra cosa.
Cioè dai l'impressione, ma potrei sbagliarmi, che tu preferisca fidarti di un indizio solo perché lo preferisci ad un riscontro. Però la scienza non è soggettiva: se ne frega del fatto che tu o io abbiamo un'opinione. Come ho scritto su un altro post a proposito dell'e-cat: se una cosa funziona lo fa a prescindere dal fatto che ci si "creda" o meno; e viceversa se non funziona.

federico ha detto...

@ gian

mettiamo i puntini sullu "i"
"Che non si espandono ulteriormente, non che regrediscono."

Le metastasi compaiono anche nelle cavie trattate ma in misura eccezionalmente minore.
Bisogna notare che i topi sono stati precedentemente immunodepressi per poter indurre i tumori. Questo ci da la ragionevole certezza che il risultato non è dovuto ad un casuale sistema immunitario più attivo in certi topi e meno in altri. In condizioni normali le metastasi sarebbero state fronteggiate anche dal sistema immunitario. In questo caso l'intero effetto ottenuto è da attribuirsi esclusivamente al bicarbonato di sodio.

(estratto da altro utente in una discussione su questo studio)

gian ha detto...

ho visto i risultati di simoncini e quindi per me è vero quello che dice
Ecco, questo rappresenta bene quello che dicevo. Perché non li pubblica su una rivista e li confronta con i suoi colleghi?

Lui afferma e tu ci credi. Fine.
È questo il punto su cui proprio non concordiamo: quello che tu chiami "arrampicarsi sugli specchi" è invece applicazione di un metodo logico rigoroso.

Guarda, io faccio ricerca e sviluppo e io VOGLIO che gli altri controllino e spulcino i miei risultati e resto molto deluso se non lo fanno; perché tutti siamo fallibili e io per primo. Quindi la verifica delle asserzioni è fondamentale.
Tanto più poi se si parla di medicina, visto che ci va di mezzo la nostra salute.

federico ha detto...

@ gian

dimenticavo: cosa vuol dire "scienza ufficiale"?

vuol dire gli attuali protocolli riconosciuti dall'oncologia

se vuoi un testo "bonadonna robustelli"

"Come ho scritto su un altro post a proposito dell'e-cat: se una cosa funziona lo fa a prescindere dal fatto che ci si "creda" o meno; e viceversa se non funziona."

senza tirare in ballo la fisica quantistica che nega sostanzialmente quello che dici sono d'accordo ....

il problema però è sempre la propaganda

chi ci dice che i protocolli oncologici "funzionano" e soprattutto quanto funzionano ?
studi indipendenti ?

chi ci dice che il bicarbonato funziona ?
solo simoncini ? pare di no ..
ma appunto gli indizi per te non sono prove ....e allora facciamoci sopra un bello studio

ma secondo te chi ha la forza economica e le risorse per fare uno studio del genere? simoncini ?
gli hanno appena fatto 50000 euro di multa il garante dei consumatori ...dici proprio che non c'è nessuno che lo vuole affossato?
cosa c'entra il garante dei consumatori che dovrebbe mazzolare quegli stronzi delle compagnie telefoniche che ci fanno una truffa un giorno si e uno no?

gian ha detto...

Le metastasi compaiono anche nelle cavie trattate ma in misura eccezionalmente minore.
Dove sta scritto? Non l'ho mica trovato nel testo. Ma può essere mi sia sfuggito: se me lo indichi mi rileggo quella parte.

federico ha detto...

@ gian


"È questo il punto su cui proprio non concordiamo: quello che tu chiami "arrampicarsi sugli specchi" è invece applicazione di un metodo logico rigoroso."
cocco ....

io sono andato a parlare con i pazienti e in alcuni casi con i medici che seguivano tali pazienti e in altri casi direttamente pazienti medici

tu che hai fatto oltre che menarla qui?

gian ha detto...

senza tirare in ballo la fisica quantistica che nega sostanzialmente quello che dici sono d'accordo ....
No dai, ma possibile che tutte le volte che discuto con qualcuno di 'ste cose mi tirano fuori la fisica quantistica "a capocchia"???
Adesso ci provo anche con te: mi spieghi quali sono le equazioni o i concetti della fisica quantistica che negherebbero quanto da me affermato?

Comunque la tua definizione di "scienza ufficiale" è piuttosto singolare. Secondo te vuol dire "protocolli standard", ma ti rendi conto che scienza e protocollo non sono (almeno in lingua italiana) la stessa cosa? Ok, comunque se intendevi protocollo, almeno ho capito cosa intendessi.

gian ha detto...

tu che hai fatto oltre che menarla qui?
La stessa cosa che hai fatto tu, guarda un po'! (ma con approccio scientifico)
Ma come ho detto sopra cambia poco quello che possiamo credere tu o io. Se il bicarbonato funziona lo fa, beh vediamo questi risultati RIPRODUCIBILI; altrimenti stiamo solo menando il can per l'aia.

federico ha detto...

@ gian

"Dove sta scritto? Non l'ho mica trovato nel testo. Ma può essere mi sia sfuggito: se me lo indichi mi rileggo quella parte."

cosa vuol dire secondo te:


"The above data have shown that oral bicarbonate therapy
significantly reduced the incidence of metastases in experimental
models of breast and prostate cancer and that the effect seems to
be primarily on distal (i.e., colonization), rather than proximal (i.e.,
intravasation), processes. It is not known whether bicarbonate is
exerting its effects by decreasing survival of circulating tumor cells
(although the numbers are not affected) or by inhibiting
colonization at the metastatic site."

io lo traduco piu o meno cosi:

I dati sopra riportati hanno dimostrato che la terapia orale di bicarbonato
ha ridotto significativamente l'incidenza di metastasi .....

questo è un modo diverso di dire che i due gruppi di topi uno ha sviluppato in maniera molto maggiore le metastasi ( il gruppo di controllo) rispetto all'altro (quello a cui hanno dato da bere la soluzione al 1,68%)

federico ha detto...

se per te non è significativo della relazione reale tra bicarbonato e tumori io non so piu che dirti

(se proprio vuoi metastasi ma ti ripeto cosa sono le metastasi ? zucchine o parenti dei tumori?)

gian ha detto...

federico,
comunque vedo che non hai capito qual è il metodo scientifico. Non serve che Simoncini tiri fuori i soldi per fare una sperimentazione in proprio, se è tutto così chiaro come lui sostiene.
Basta che pubblichi _dettagliatamente_ il protocollo di test in vitro e poi in vivo. Stai sicuro che se funziona qualcuno lo riproduce e gli frega pure merito e il Nobel (eventuale).

federico ha detto...

per oggi mi fermo ...
buonanotte a tutti

gian ha detto...

Io avevo capito che quel paragrafo volesse dire che l'incidenza di metastasi è minore nel senso che non aumentano quelle che già ci sono. Potrei sbagliarmi, non avrei difficoltà alcuna ad ammetterlo: chiederò ad un medico.
Ma insisto comunque che c'è un primario problema di metodo: per te questo dimostra una cosa che secondo me è un indizio tutto da dimostrare. Indizio in cui tu credi a priori. Se la dimostrazione è a portata di mano... vediamola! Quando vedrò uno studio completo che dimostra quanto asserito da Simoncini ci crederò, prima no. La differenza tra uno scienziato ed un credente è che il primo è disposto a cambiare idea di fronte ai riscontri, il secondo no. Punto.

gian ha detto...

Buonanotte anche a te!

Claudio Caprara ha detto...

Proprio oggi su repubblica un articolo sui ritardi negli esami di mammografia :-(

Fr@ncesco CH ha detto...

@tutti

Sono contento che questo argomento abbia suscitato così tanto interesse.

Ricordo che la mia idea partirebbe dal presupposto che il trimbrob venga dato in dotazione ai medici di base.

Perché è chiaro che nella maggior parte delle strutture ospedaliere vi sono fior fiore di strumenti per fare test diagnostici.

Per cui in un ospedale il trimprob ha una sua utilità come mezzo di ricerca non invasivo della massa tumorale, ma ora con il trimprob è possibile immaginare un livello di screening precedente all'ospedale.

Quella è l'idea. Non puoi fornire a ciascun medico generico apparecchi che costano milioni di euro per ragioni pratiche, di dimensioni e di costo: con il trimprob invece questi limiti ostativi di dimensioni e di costo non vi sono, allora sì che si può pensare al trimprob come strumento effettivo ed efficace di diagnosi precoce.

Certo, ci vogliono soldi. Ma, a mio avviso, poi nemmeno così tanti rispetto a come ci si potrebbe immaginare tenuto anche conto dei benefici in termini complessivi per la collettività.

ottone ha detto...

@Francesco CH
Non so se hai letto i miei post.
Sono d'accordo con te al 100%. ho avuto modo ieri , di chiedere ad un urologo coinvolto in uno studio sul TrimProbe che fu annunciato nel 2004 e mai concluso, in uno degli istituti per la cura dei tumori italiani IRCCS.
-Apparecchio in comodato d'uso per l'esecuzione degli esami.
-Mai concluso per via dei dati da loro ottenuti e considerati non validi.
Alla mia domanda-accusa: "...ma così non è scientifico...altri studi lo hanno validato..."
l'urologo mi ha risposto che non è validato, ma tutti finiscono con "May be...". Potrò essere più preciso ma in privato. Se ti và. ci dovremo cambiare gli indirizzi e- mail attraverso Daniele.
Rimango dell'idea che se non c'è indotto lucroso, non si va da nessuna parte.

federico ha detto...

@ gian
"Ma insisto comunque che c'è un primario problema di metodo: per te questo dimostra una cosa che secondo me è un indizio tutto da dimostrare. Indizio in cui tu credi a priori. Se la dimostrazione è a portata di mano... vediamola! "

e no ciccio scusami ma questa cosa non l'accetto proprio.

io posso capire pure che tu non mi credi ma se io ti dico che sono circa 6 anni (forse 7 non mi ricordo) che mi dedico a questo argomento , ho studiato approfonditamente (per le mie competenze) la cosa , ho fatto interviste ai pazienti ,ho interpellato altri medici compresi quelli che seguivano i pazienti tu non puoi venire a dire a me che ci credo "apriori" o perche lo dice simoncini e basta.
nel mio piccolo e limitatamente alle mie limitatissime possibilità io ho eguito il metodo scientifico alla lettera che prevede prima di tutto di osservare le evidenze dei fatti e sperimentali, cartelle cliniche ,tac ,ecografie e analisi prima e dopo la cura .

ora magari simoncini toppa e il bicarbonato è efficace per altri motivi ,io questo non lo posso sapere per certo ma quando vedo usare la tintura di iodio sulla pelle e ottenere risultati pure li allora comincio fortemente a credere che dietro a queste cure apparentemente semplicistiche ci sia un idea ben precisa.

"La differenza tra uno scienziato ed un credente è che il primo è disposto a cambiare idea di fronte ai riscontri, il secondo no. Punto."

come credi sia stao il mio percorso?
di credente?
un giorno mi sono informato sui tumori per il papà di un mio amico/parente.

è uscito fuori il nome (e il sito) di simoncini.
ho studiato la cosa e secondo me aveva senso ma ero scettico.
epr questo sono andato a conoscere simoncini (che se permetti nel mondo reale è una cosa fondamentale) che mi è sembrato tutto fuorche uno che cerca di rifilare "sole".
anche perche si è giocato una carriera ben avviata e sicura per questo; lui è un oncolo con specializzazioni in diabetologia e malattia del ricambio (mi pare si dica cosi),laureato pure in filosofia (cosi per gradire) .
tu pensi veramente che sacrifichi tutto con moglie e due figli (piccoli all'epoca) per una cosa in cui non credi ?

poi mi è venuta un idea perche io non ero in grado piu di tanto di valutare dei casi dal cartaceo che già lui disponeva ma avevo capito la sua buona fede.

gli ho detto perche non fai delle interviste?io ti do una mano gli ho detto .

federico ha detto...

e cosi è stato e da allora si sono aggiunte piano piano piu di 30 interviste .

ho coinvolto una terza persona ,massimo mazzucco di luogocomune perche ritengo che sia una persona pulita con un anima come "il nostro" daniele (anche a lui ho prospettato la cosa ma evidentemente ognuno può fare quello che può e l'e-cat è già da solo un immenso argomento).

anche massimo mazzucco ha realizzato interviste parlando con i pazienti ,con i referti alal mano.

quindi non mi puoi proprio dire che io ho fatto un percorso di "fede" .

dammi del bugiardo , dimmi che non ci credi fino a che non scenderà gesu in terra per dirti che simoncini ha ragione ma non mi dire che il mio pensiero è cosi perche "credo" apriori a quello che dice simoncini.

ho impiegato notti per pensare e documentami , ho fatto viaggi per guardare con i miei occhi e parlare con le persone quindi non puoi arrivare tu lillo lillo a dirmi che sono un "fedele".

posso essermi sbagliato ,posso essere vittima di un abbaglio ma chi mi conosce non mette certo in dubbio la mia buonafede e io non metto in dubbio quella di simoncini.

magari il bicarbonato funziona per chissà quali motivi ma funziona cazzo!

e guarda tu il caso adesso lo stanno usando pure i "medici ufficiali".

ma quanti indizi ti servono per fare quello che suggerisci tu ?
"La differenza tra uno scienziato ed un credente è che il primo è disposto a cambiare idea di fronte ai riscontri, il secondo no. Punto."
belle parole ma sei proprio sicuro che stai parlando di me e non di te ?
sei cosi sicuro delle cose che sai ?come fai a dire che quelle che sai sono giuste e quindi hai bisogno di una "prova".

se fossi abbastanza lucido e non troppo contaminato dalla propaganda (lo siamo tutti) dovresti pensare che è l'attuale paradigma scientifico che deve dare prova della sua realtà del suo essere una cosa concreta.
al di là delle cazzate andiamo avanti da 100 anni con questa idea della " cellula impazzita" e sarà sempre un caso che non siamo approdati a nulla partendo da questa idea ?
si "nulla" hai letto bene perche gli attuali risultati sono montati ad arte dalla comunità scientifica e dalle case farmaceutiche le uniche attualmente (per rispondere a un altro quesito ) che hanno la forza economica ,di mezzi e persone per portare avanti uno "studio serio".

apri gli occhi e sgombra la tua mente da TUTTA la propaganda sui tumori che dai per acquisita e fordse vedrai qualcosa di piu

pace.

fefochip

Fr@ncesco CH ha detto...

@ottone

Ok, no problem:

c h i n i f r a n c e s c o

però tutto attaccato, e poi ci aggiungi il suffisso di gmail

ovverosia

@

g

m

a

i

l

.

c

o

m

ottone ha detto...

@Francesco CH
ricevuto!

gian ha detto...

federico,
ma che palle con 'sta storia della propaganda. Ed è inutile che ti scaldi, con me non attacca.
Guarda che forte della tua convinzione stai caricando a testa bassa l'avversario (o quello che tu ritieni tale) sbagliato. Rileggi quello che ho scritto, perché ho il serio sospetto che tu non abbia compreso quanto da me affermato. Tra l'altro non stavo per nulla difendendo la teoria della "cellula impazzita".
La faccio breve e riassumo, ri-citando Deming: "In God we thrust: all other must bring data".
Dove con dati si intende riscontri, e un indizio non è una prova. È pieno di teorie sbagliate basate sugli indizi, che poi sono state corrette; non capisco perché quella del bicarbonato dovrebbe fare eccezione.
Se queste evidenze OGGETTIVE ci sono, è così difficile tirarle fuori? Tutto il mondo sarebbe riconoscente, me compreso.

gian ha detto...

@federico
Poi, insisto: non cambia nulla se io ti credo o meno; e non sto neanche dubitando della buonafede. Se una cosa funziona lo fa a prescindere dalla mia o tua opinione. Contano solo i fatti VERIFICABILI anche da terzi.
Sì lo so sto diventando ripetitivo, ma a quanto pare non ci capiamo sul metodo.

mario massa ha detto...

@Vettore
“Quello riguardo all'annullamento del brevetto è vero, ma bisognava farlo entro 5 anni dalla data di deposito, mi pare.”

Non sono aggiornato sulla documentazione relativa ai brevetti, ma sono certo che un tempo esisteva la “licenza obbligatoria” che non c’entrava con l’annullamento del brevetto: il giudice obbligava il proprietario del brevetto a cedere la licenza di costruzione (non esclusiva) al richiedente se il proprietario non era in grado o non voleva produrre l’oggetto o se era dimostrato che la richiesta da parte del mercato era ampiamente superiore alle capacità produttive del proprietario. La licenza obbligatoria poteva essere invocata in qualsiasi momento della vita del brevetto. Tale normativa mirava chiaramente a eliminare la possibilità che si potesse comprare un brevetto non per produrre un bene ma per “insabbiarlo”. Dubito che una norma tanto saggia sia stata tolta.

Ho trovato i brevetti (internazionali compreso America)su espacenet digitando semplicemente Vedruccio (per esempio WO01/07909B1 che a dispetto della sigla sembra essere ancora un A1). Li devo ancora analizzare. Puoi farlo anche tu, poi ci confrontiamo? (se hai difficoltà a trovarli dimmi dove e ti invio i PDF).

Ho notato un brevetto del 95 di Vedruccio (IT1280358 B1) che mi ha preoccupato un po’(e che invece entusiasmerebbe Daniele), ma per ora non ci voglio pensare.

Per il principio di funzionamento, prima di leggere i brevetti, mi pareva potesse essere questo: emetti 3 frequenze (per semplicità in sequenza), quella di risonanza e una superiore e una inferiore, abbastanza lontane, ma non troppo tramite una antenna a larga banda. Se analizzi il diagramma di Rieke individui i tre punti di lavoro dell’oscillatore. Se non sono presenti elementi fortemente assorbenti per la frequenza centrale (quella di assorbimento selettivo del tumore), i tre punti saranno disposti in un certo modo (mi aspetterei, sotto certe condizioni, allineati). Se quella centrale ha nelle vicinanze un elemento fortemente assorbente (per risonanza) i tre punti saranno posizionati diversamente.

Questa spiegazione però non può essere vera se, come qualcuno ha detto, il sistema rileva meglio tumori di dimensione piccola. Mi studierò i brevetti.

francesco ha detto...

vi segnalo un'intervista che ho fatto a un ricercatore del CNR sugli utilizzi possibili della tecnologia del Trimprob in terapia.
http://quantum-vitae.blogspot.com/2011/09/trimprob-e-terapia.html

mario massa ha detto...

@Vettore
Prima di tutto vorrei ringraziare FrancescoCh per averci messo a conoscenza dell’esistenza del Trimprobe.

Ho letto 2 volte il brevetto e non ho capito come funziona.
Quello che ho capito è che:

1 – non funziona come pensavo io

2 – nemmeno Vedruccio all’epoca del brevetto aveva capito perché funzionava (la spiegazione, che non ho trovato da nessuna parte, pare l’abbia trovata solo nel Luglio 2003 grazie al Prof. Auguste Meessen)

3 – ogni frequenza individua una particolare patologia, quindi si deduce che potrebbe funzionare anche con una singola frequenza.

4 – perché il sistema funzioni occorre un generatore coerente: e qui mi perdo. Ho sempre pensato che un’antenna o una cavità (monomodale) fossero per definizione emettitori coerenti: devo rivedere la mia concezione di coerenza? Comunque lui usa un maser allo stato solido il cui uso tra l’altro brevetta (in un ampliamento di brevetto) anche per individuare falsi contatti elettrici, rivetti non correttamente fissati e un sacco di altre applicazioni.

5 – in una spiegazione trovata su internet (apparentemente di Finmeccanica) sembra che l’assorbimento selettivo dovuto all’assorbimento (per risonanza) del tessuto malato causi una diminuzione del campo evidenziato dall’analizzatore di spettro. Tale spiegazione è certamente falsa e appare più plausibile che lo scomparire della riga spettrale (nel brevetto si dice proprio che la riga si confonde con il rumore di fondo) sia dovuto a un fenomeno di interferenza distruttiva. Mi pare (ma non ne sono affatto certo) che la spiegazione sia quindi questa: Il probe (messo vicino al paziente) emette una frequenza particolare idonea a rilevare la patologia cercata. Se è presente il tessuto malato questo risuona e riemette un’onda della stessa frequenza ma in ritardo di 1/2 lunghezza d’onda (perché non lo so). Il ricevitore fisso posto non lontano riceve l’onda emessa dal maser e quella (molto più debole) emessa dalle cellule. La presenza di quest’onda di ritorno è facilmente rilevabile anche se molto più debole grazie allo sfasamento di 180°. La lunghezza d’onda molto lunga in aria (30-50cm) rende poco importante la differenza di distanza tra la cavità eccitata dal maser e le cellule emittenti (pochi cm). A tutto questo però bisogna aggiungere che secondo il brevetto la frequenza del maser non è fissa, ma si autoregola sulla risonanza delle cellule: forse spazzola in un intorno della frequenza base alla ricerca del punto di maggiore evidenza dell’interferenza distruttiva?

Sono un meccanico e di trasmissioni non me ne intendo, ma mi pare di capire che invece tu sei un elettronico e sei specializzato proprio in trasmissioni: ho detto fesserie? Hai capito come funziona davvero? A me va bene parlarne qui in modo che altri possano dare un aiuto, ma se per qualsiasi motivo vuoi contattarmi direttamente: mariomassa@excite.it

bertoldo ha detto...

"Concordo meno sul fatto che "nell'ottica di una infezione da fungo" si trovi la chiave di volta: se non si riesce a spiegare perchè il fungo ha potuto proliferare così e causare l'infezione, sei solo andato più avanti di un passo, ma non sei certo arrivato alla soluzione dell'enigma su quale sia la causa prima. Potresti essere alla ...causa seconda, magari, certo non alla prima."

Visti i recenti casi di tumore dà uranio impoverito dei militari andati in zone trattate con tali elementi ...non è l'uranio in quanto radiattivo a farli ammalare ma il fatto che sia in nanodimensione e sia un metallo .I metalli sono buoni conduttori elettromagnetici e si insediano nei più remoti angoli del corpo alla dimensione nanometrica (più alta è la temperatura di esplosione o del bruciatore e più le nanoparticelle sono piccole e quindi più pericolose ) .Prima di tutto perturbano le cellule circostanti e le rendono incoerenti , poi infiammano la zona , in seguito la risposta immutaria consiste nell'attacco da parte della Candida Albicans che tenta di inglobare i metalli pesanti , ma a sua volta un eccesso di candida emette tossine e se l'ambiente circostante si acidifica al punto tale che la candida dà "salvatore" diventa il nemico numero 1 .D'altronde la proliferazione dei tumori è del tutto paragonabile a quella din un fungo , la velocità di espansione del tumore fungo varia a seconda dell'acidificazione che incontra nel suo percorso .

Mio nonno che lo usava per digerire ...

Vettore ha detto...

@Mario Massa
Devo dare un'occhiata ai brevetti per poterti rispondere. Non avevo trovato quelli internazionali, forse perchè ho scritto male il nome del'inventore...

Riguardo alla licenza obbligatoria, è vero esiste, ma è una di quelle cose che non sono mai applicate in pratica (come l'annullamento del brevetto a causa della non industrializzazione). Tra l'altro ricordati che siamo in Italia: si fa prima ad attendere che scade il brevetto che non a terminare tre gradi di giudizio con annessi e connessi e spese infinite a carico delle parti e della comunità! :-(

Ti rispondo più tardi sulle questioni tecniche.

Vettore ha detto...

@Mario Massa
Ho letto il brevetto.
Formalmente vedo delle cose curiose: intanto la proprietà è di Vedruccio, non di GA (che avrà acquistato la licenza), inoltre il brevetto europeo ha avuto un iter tormentato, e credo sia stato rifiutato di recente. Non ho controllato la versione US, ma questo potrebbe avere scoraggiato GA dal proseguire gli investimenti su questo progetto...

Dal punto di vista tecnico non si capisce bene come funziona l'apparecchio. In certi punti sembra funzionare come avevo ipotizzato io (la sonda genera il campo, i tessuti lo assorbono o meno), in altri punti mi sembra di intuire che il funzionamento è più complesso e anche molto più interessante! Tutto sta nel capire cosa intende Vedruccio quando dice "coerente": non si capisce chi è coerente con cosa, o cosa è coerente rispetto a cosa. Ci sono diverse interpretazioni possibili (io un'idea me la sono fatta di cosa voglia dire)...
Non viene citato il maser, ma semplicemente oscillatori a cavità o a dielettrico (che non sono coerenti nel senso del maser).
Una cosa curiosa è che viene accennato al fatto che i campi generati possono essere usati per stimolare i tessuti e riportarli alle condizioni normali. La stessa proprietà può essere usata per aumentalre l'ordine in alcune reazioni chimiche o fisiche di "crescita", a detta dell'inventore...

L'impressione complessiva che ho è quella che ho già scritto: indipendentemente da quanto funzioni già in campo medico, lo considero un ottimo punto di partenza per un sacco di applicazioni (in campo medico e non)...

mario massa ha detto...

@Vettore
Posso chiederti con che spirito intendi affrontare la questione?

Le mie intenzioni sono le seguenti:

1 – comunque indagare e approfondire per cercare di capire a fondo il funzionamento

2 – se qualche altra azienda intende riprendere (o ha già ripreso) seriamente in mano la cosa non farle concorrenza

3 – se nessun’altra azienda ha questa intenzione e una volta chiarito il funzionamento, proporre ai miei soci di avviare una indagine sui risultati medici e contemporaneamente contattare l’inventore.

Se dovesse verificarsi l’ipotesi 3, ben vengano contributi da consulenti esperti in materia (nella mia azienda, tra soci e dipendenti ci sono 6 ingegneri : 1 meccanico, 2 elettronici, 2 biomedici, un gestionale, ma nessuno esperto in comunicazioni).

Cioè: se il sistema è valido, favorirne nei modi possibili il ritorno sul mercato (almeno per l’uso medico).

Vettore ha detto...

@Mario Massa
Credo che potrebbe essere utile contattare Vedruccio a prescindere dalle ipotesi di "continuazione". Solo lui potrebbe spiegarci qual è di preciso la situazione attuale, che intenzioni ha per il futuro e magari toglierci qualche curiosità tecnica su quello che è scritto "tra le righe" nel brevetto (se vuole). Mi sembra un utile approfondimento dell'articolo pubblicato qui sul blog. Potrebbero occuparsene direttamente Daniele o Fr@ncesco CH se vogliono ed hanno il tempo.

Personalmente mi farebbe piacere un ritorno sul mercato nel breve termine, sia che funzioni come dichiarato, o anche solo per accertare meglio se può rivelarsi utile.
Più a lungo termine mi piacerebbe indagare su estensioni molto avanzate che mi sono venute in mente partendo da quel concetto base, ma non so se, come e quando sarà possibile.

Fr@ncesco CH ha detto...

Da quello che mi è stato riferito, Vedruccio è una persona disponibile.

Se lo contattate, e gli fate vedere che qui è in corso una discussione approfondita sul trimprob, a mio avviso Vedruccio una qualche risposta positiva ve la dà.

mario massa ha detto...

@FrancescoCh
@Vettore
@Daniele
“Se lo contattate, e gli fate vedere che qui è in corso una discussione approfondita sul trimprob, a mio avviso Vedruccio una qualche risposta positiva ve la dà.”

Siamo tutti d’accordo di contattarlo? Chi lo fa?Chi ha un riferimento?Daniele vuoi invitarlo tu su 22 passi o preferisci che lo contatti direttamente uno di noi?

bertoldo ha detto...

"Tutto sta nel capire cosa intende Vedruccio quando dice "coerente": non si capisce chi è coerente con cosa, o cosa è coerente rispetto a cosa."

Coerente ? Significa probabilmente che ogni organo ogni tessuto ha una sua frequenza di coerenza , ovvero l'acqua contenuta in tali tessuti ha una frequenza specifica di funzionamento coerente tipo laser o maser ...per questo utilizza il maser perchè la coerenza dell'acqua negli organi è come un maser .Simile vs simile ...

bertoldo ha detto...

Una lettura utile a capire il "disturbo elettromagnetico" che provocano i metalli e la reazione del corpo ...

Vettore ha detto...

Ho trovato un articolo di Vedruccio in cui viene spiegato il funzionamento dell'apparecchio. Usa un linguaggio un pò strano, forse più da fisico, per cui quando parla di cose elettroniche non lo fa usando i termini comuni.
Il funzionamento è quello che avevo ipotizzato io all'inizio: nella sonda c'è un oscillatore analogico libero e facilmente accoppiabile con l'esterno, quando gli si avvicina un qualcosa di risonante per le sue frequenze, questo assorbe energia e tende a spegnere le oscillazioni. Il ricevitore verifica proprio se l'oscillatore oscilla bene o ha dei cali di intensità. Questo meccanismo è un pò "rudimentale" rispetto ad altri che si potrebbero usare, ma è comunque molto sensibile.
Il termine "coerente" è usato in maniera impropria: non c'è niente di coerente nei significati più complessi e moderni, c'è solo risonanza elettrica e oscillatori classicissimi. Non c'è neanche traccia di maser.

Date un'occhiata al sito di Vreduccio, ci sono molte informazioni interessanti...

luk ha detto...

mi sembra che quelli che stanno postando a proposito dei tumori dubitando sul fatto che non derivi da una cellula che "perde il controllo del suo DNA"(detto in parole povere), non abbiano competenze di biologia e medicine. Esistono evidenze scientifiche e logiche. Tutto porta a pensare a questo. Mi spiegate per esempio perchè un tumore dei linfociti B produce un picco di anticorpi monoclonali diretti tutti contro lo stesso antigene????
"L"

Fr@ncesco CH ha detto...

Questo è l'indirizzo e-mail di Clarbruno Vedruccio:

writeto@clarbrunovedruccio.it


(reperito qui:
http://www.clarbrunovedruccio.it/ )


Onde evitare di contattarlo in dieci, forse l'ideale sarebbe che uno solo lo contatti.





Daniele,

perché non proponi a Clarbruno Vedruccio una intervista per il blog?

Visto che questo è uno dei blog più trafficati penso che Vedruccio abbia tutto l'interesse a illustrare la sua invenzione, e oltretutto così facendo si può provare a proporre direttamente a lui i quesiti che si vuole,

o no?

gian ha detto...

@luk
Mi spiegate per esempio [...]
Magari qualcuno degli avversatori di questa teoria è in grado di rispondere anche nel merito.
Io mi ero limitato a far notare l'inconsistenza logica del metodo; e già solo questo dovrebbe essere sufficiente.

luk ha detto...

@Federico: ho letto velocemente i post mi sono perso la parte dell'inconsistenza logica dl metodo. Quale sarebbe?
@ Federico
"perche la caratteristica dei tumori è quella di cellule che si moltiplicano in maniera "incontrollata" (non è del tutto vero ma rimaniamo su questo concetto).
risposta "ufficiale" :
un guazzabuglio di astrusi concetti di microbiologia che alla fine fanno la cosi detta super cazzola"
Astrusi concetti di microbiologia che fanno la supercazzola????
Ma di che parli, ma hai un minimo di competenze di genetica? tipo oncogeni, protooncogeni e oncosoppressori???
mah

gian ha detto...

@luk
Immagino la prima frase fosse diretta a me.
Sinteticamente: metodo scientifico -> verificabilità e riproducibilità.
Che nella questione del bicarbonato non ci sono. Prima ancora di entrare nel merito della questione.

luk ha detto...

@gian si scusa ho sbagliato la prima risposta era per te. Ma non mi riferivo al bicarbonato, manco io entro nella questione perchè mi sembra una panzana assurda almeno se riferito al fatto che i funghi provocano il cancro(ci sono evidenze scientifiche che alcuni virus che agiscono sul DNA provocano il cancro). Se stanno facendo studi sul bicarbonato forse è perchè per qualche motivo ignoto hanno un'azione antitumorale. Pensavo che tu criticassi il fatto che il tumore parte da una cellula.
Sorry allora stiamo dicendo la stessa cosa ma avevo letto i post velocemente e avevo constatato una serie di cavolate inaudite.
Ciao

bertoldo ha detto...

"Se stanno facendo studi sul bicarbonato forse è perchè per qualche motivo ignoto hanno un'azione antitumorale. "

quindi non è una panzana ... il sodio è l'unica spiegazione possibile è che immettendo dosi altissime di sodio i funghi ne assorbono tanto dà esplodere letteralmente e con i fungi vanno via le metastasi che non sono altro che una colonia di funghi che ha viaggiato nel flusso sanguigno .Simoncini usa poi la tecnica di inserire una cannula (o come si chiama) a monte di un tumore e un'altra in uscita in modo che sia solo la parte colonizzata ad ricevere l'alta dose di bicarbonato di sodio , che a livello generale potrebbe causare problemi .

bertoldo ha detto...

"Ma di che parli, ma hai un minimo di competenze di genetica? tipo oncogeni, protooncogeni e oncosoppressori???"

E chi ce le ha che cosa risolve ? la causa prima comunque non viene ricercata e non vedo come "curare" a valle possa essere una soluzione(infatti non lo è) utile e saggia senza ricercare la causa di una possibile alterazione del dna cellulare . Ma il dna si potrebbe alterare anche per mancanza di alimenti giusti o della mancata respirazione cellulare .
Comunque io la mia causa l'ho espressa e sono i metalli nanometrici , che il corpo individua e reagisce infiammando la parte , poi arriva la candida che trova un terreno di coltura eccellente per proliferare e saluti ...

gian ha detto...

@luk
Sorry allora stiamo dicendo la stessa cosa
Direi proprio di sì!
Solo che io mi ero limitato ad un discorso di metodo, dicendo in sostanza "se anche fosse incompleta la teoria comunemente accettata, questo non giustificherebbe la cura con il bicarbonato di Simoncini la quale non è stata finora nemmeno verificata"

bertoldo ha detto...

la teoria oggi accettata non esiste è solo la negazione di altre soluzioni possibili .

luk ha detto...

@Bertoldo come pensavo qui siete tutti a digiuno di biologia che purtroppo è una di quelle materie sconosciute al grande pubblico, anche se molto affascinante. State facendo solo chiacchiere da bar:

"E chi ce le ha che cosa risolve ? la causa prima comunque non viene ricercata e non vedo come "curare" a valle possa essere una soluzione(infatti non lo è)"

per esempio la leucemia mieloide cronica che ammazzava le persone in massimo 5 anni ora è perfettamente curabile con una pillola(terapia genica), vedi questo link:
http://www.leucemiamieloidecronica.it/cont/leucemia-mieloide-cronica-terapia/0807/0800/rivoluzione-farmaci-molecolari.asp

Guarda che dei tumori sappiamo un casino difatti i tumori benigni sono curabili. Il cancro(tumore malignio) no perchè una volta che il tumore passa la membrana basale sono cazzi. Ma questi sono discorsi lunghi, STUDIATE PRIMA DI DIRE MINKIATE!!!!
Poi la storia che le metastasi sono funghi????
Non voglio neanche risponderti perchè cadiamo nel ridicolo.
Per concludere non so che studi sul bicarbonato stiano facendo ve la do per buona. Se c'è qualche ricercatore che lo sta studiand può essere che abbia qualche effetto positivo come lo hanno altri farmaci ma da qui a dire che sia la cura per il cancro ce ne passa.
Mi sono dilungato ma per spiegare un pò la faccenda dovrei scrivere altre 10 pagine.
Bye

bertoldo ha detto...

è come ogni illusione che si rispetti , genera una ipnosi collettiva ,aiutata dal fatto che la maggior parte degli italioti è propensa a seguire le indicazioni di persone che fanno finta di capirne più di loro .Invece sono caduti nelle mani di un branco di n a z i s t i che somministra loro veleni che devono pagare per ottenere (con le tasse) per poterli uccidere meglio e senza terapia del dolore per volere di un bigottismo cattolico medioevale .

bertoldo ha detto...

Per le leucemie poi ... vai a dire al signor veronesi che il "farmaco" utilizzato per curarle , ovvero i retinoidi , non è altro che un componente base della terapia Di Bella .

luk ha detto...

@Bertoldo
Tu sei di un ignoranza medioevale, in linea con gli italioti di cui parli. Posso darti regione solo per quanto riguarda la chemio che è solo un palliativo perchè il tumore maligno è ancore incurabile. La chemio serve solo a farti campare qualche anno in più al prezzo di grosse sofferenze.

mario massa ha detto...

@Vettore
La tua interpretazione del funzionamento non mi convince. La frase che ti ha indotto a crederla quella giusta è probabilmente questa:
“Il funzionamento del TRIMprob si basa sul concetto di risonanza non lineare. In pratica, l’intensità del segnale emesso dalla sonda a contatto con il paziente viene ridotta dall’assorbimento di energia dovuto alla risonanza non lineare indotta nel tessuto neoplastico.”

scritta alla fine di una breve pubblicazione pubblicitaria di GA. Mi puoi spiegare il concetto di risonanza non lineare?

E come interpreti queste frasi:
1 - “Nasce il generatore HSM. Hybrid State Maser È un oscillatore allo stato solido, con la caratteristica di poter essere sintonizzato.
L’HSM genera campi elettromagnetici multifrequenza ad alta coerenza spaziale e temporale.”
Vuoi dire che l’hanno inventato e poi non l’hanno usato? E che cosa vuol dire ad alta coerenza spaziale e temporale?

2 - “L’interpretazione della interazione interferometrica tra i campi generato e diffuso consente la diagnosi degli organi indagati.”

Nella tua spiegazione dove è l’analisi interferometrica?

Secondo me è più complicato di come pensi tu.

FrancescoCH ha trovato questo indirizzo: writeto@clarbrunovedruccio.it e giustamente scrive: Onde evitare di contattarlo in dieci, forse l'ideale sarebbe che uno solo lo contatti.

Non voglio passare davanti a nessuno. Attendo la risposta di Daniele prima di tutti, ma anche degli altri. Se nessuno si fa avanti lo contatterò entro pochi giorni al di fuori di questo blog tramite la mia azienda.

Daniele 22passi ha detto...

@Mario Massa
Dammi qualche giorno Mario, e rimandami il tuo n. di tel. Siete in pista su questa storia del TRIMprob tu, Vettore e Rampado. Vorrei che viaggiaste insieme...

bertoldo ha detto...

"Tu sei di un ignoranza medioevale, in linea con gli italioti di cui parli."
Leggi il link che ti dedico per la tua ignoranza estrema e quindi 1200-1300 circa...

" Posso darti regione solo per quanto riguarda la chemio che è solo un palliativo perchè il tumore maligno è ancore incurabile."
Se è un palliativo si è fatta la prova senza quanto durano o paghiamo un palliativo miliardi di euro per delle sofferenze inutili , ma che servono solo a pagare congressi e vacanze per chi ottiene i migliori risultati , tra informatori "scientifici" e dottori prezzolati corrotti dai primi ?
Come palliativo allora non è meglio il bicarbonato o la vit.c se insisti che i tumori sono causati dà un virus ?Quanto risparmierebbe lo sTATO con il cambio e i malati sarebbero sollevati dalle sofferenze imposte dalla "cultura" nazicattolica della sofferenza ...cosi vanno in chiesa a pregare di liberli dal "male" .
Alla categoria dei medici oncologi e informatori scientifici riserverei una dose della loro m e r d a fino a che morte non sopraggiunga !

" La chemio serve solo a farti campare qualche anno in più al prezzo di grosse sofferenze."

quindi inutile e costosa ...

bertoldo ha detto...

http://www.spiritocritico.it/salute/cancro-antiacidi-bicarbonato-meglio-della-chemioterapia/

Acidità come fattore di sviluppo e crescita il bicarbonato riequilibra l'acidità e inibisce le pompe protoniche ...

bertoldo ha detto...

Quando Schopenhauer scrisse la storica frase “Tutte le verità passano attraverso tre stadi. Primo: vengono ridicolizzate; secondo: vengono violentemente contestate; terzo: vengono accettate dandole come evidenti”, si ...

“Prima ti ignorano, poi ridono di te, poi ti attaccano, poi tu vinci”

Mahatma Gandhi

Vettore ha detto...

@Mario Massa
Quelle descrizioni all'inizio avevano "forviato" anche me, ma poi leggendo il brevetto e questo documento:
http://www.clarbrunovedruccio.it/doc/Fisica%20in%20Medicina%202004.pdf
sembra chiaro che non ci sono maser, non c'è "coerenza spaziale", non c'è interferenza e non ci sono altre cose strane. Il principio è molto più semplice, forse talmente più semplice che hanno voluto "complicarlo" un pò per scoraggiare le repliche. Oppure c'è qualcosa di completamente differente che non viene detta ne nel brevetto ne in altri documenti.
Mi sembra però più credibile la prima ipotesi.
Riguardo alla "risonanza non lineare", viene usata solo per generare le armoniche.

Posso sbagliarmi, ma teoricamente e tecnicamente la mia interpretazione mi convince di più, rispetto ad un "maser ibrido allo stato solido", che non si sa neanche cosa sia... :-)


P.S. Ragazzi, io per ora sono abbastanza incasinato, non riesco ad occuparmi anche di questa cosa, se volete contattare Vedruccio voi fatelo pure...

luk ha detto...

@Bertoldo
mi sa che oltre ad essere ciuccio e presuntuoso sei anche un pò pirla, ma come io ti dico che ritengo giusto il fatto che la chemio sia osteggiata e tu mi rispondi con un'articolo sugli effetti collaterali della chemio?????
Mah, come pensavo non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire, rimani con le tue idee new age non me ne può fregar di meno.
Visto che siamo fuori discussione direi di finirla qui.

bertoldo ha detto...

Il pirla sei tu "amico" se và osteggiata e poi dici di usarla come palliativo per provocare sofferenze gratuite e inoltre l'esborso per tali veleni è di miliardi di euro ...vedi tu chi è il pirla , per non dire altro .
Quando non sai o sei preso in castagna l'unica via è la fuga .
Saluti pirletto medioevale .

luk ha detto...

@ Bertoldo
Vedi che continui a coprirti di ridiciolo, quando mai ho detto di usare la chemioterapia, tuttaltro.
Per questo ho usato il vocabolo osteggiare. Osteggiare dal dizionario della lingua italiana: Ostacolare, contrastare qualcuno o qualcosa(un progetto).
Deduco che oltre ad non avere mai preso in mano un manuale di patologia generale hai anche problemi con la lingua italiana.
Mi sto sbellicando di risate, te l'ho detto finiamola qui perchè non hai gli strumenti per partecipare alla discussione, al massimo puoi parlare con i vecchietti al bar sotto casa.

Daniele 22passi ha detto...

@luk e Bertoldo
Per favore, smettetela di offendervi e semmai chiaritevi in privato. Avete lo stesso "obiettivo", vi divide solo il terreno su cui poggiate i piedi. Provate a fare ciascuno un passo verso l'altro, invece di tirarvi frecce da lontano. Diciamo che mi piacerebbe assai vedervi un giorno stringere la mano. Ok?

luk ha detto...

@ Daniele
Scusa Daniele, sono stato un po’ impulsivo ma cercavo solo di portare la discussione su un piano più tecnico e meno da uomo delle strada. Queste sono questioni importanti che non vanno banalizzate. Invece sono finito nel vortice tutto italiano sul modello delle discussioni Destra vs Sinistra in politica, per intenderci.
La questione del Trimprobe è molto interessante perché può permettere una più agevole diagnosi precoce che è molto importante allo stato attuale delle conoscenze. Mi scuso ancora e ti porgo i miei sinceri saluti.

bertoldo ha detto...

"Oppure c'è qualcosa di completamente differente che non viene detta ne nel brevetto ne in altri documenti."

Un maser che si attiva-sintonizza con la capacità che esprime il tessuto con frequenze errate

bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...

Non è il modello destra sinistra ma il modello verità bugia e come ottenere soldi uccidendo la gente e facendosi pagare .Il tutto a norma di legge .

robi ha detto...

capisco "bertoldo" e il suo modo di dire le cose ,schiette e con rabbia.
Ricordo ,tanti anni fa , le prime apparizioni in italia del "paraquat" e "diquat". Defoglianti utili agli agricoltori.
Alle mie rimostranze con prove nei vari meeting per esporre i "nuovi"prodotti,venivo sistematicamente invitato ad uscire o tacere.
la rabbia dentro c è l ho anch io ,perchè certi sistemi commerciali vanno ben al di là del solo lucro.

saluti

Wergio ha detto...

Ottimo articolo
la diffidenza (a mio parere ingiustificata) verso Vedruccio ha sicuramente a che fare con il suo interesse riguardo ad argomenti di scienza di frontiera, ad es ha partecipato in passato anche al simposi di san marino del centro ufologico nazionale, inoltre era consulente della protezione civile per il caso di canneto di caronia (ricordate? le combustioni spontanee, ecc) dove nella relazione finale si metteva fra le possibile cause anche tecnologie extraterrestri.

mario massa ha detto...

@Vettore
L’articolo che hai indicato è in completa contraddizione con l’altro a cui facevo riferimento io (anch'esso contiene passaggi per me oscuri, poi magari ti chiederò). A questo punto penso che tu abbia ragione.
Daniele ha connfermato che contatterà a breve Vedruccio. Speriamo che possa chiarire.

Vettore ha detto...

@Mario Massa
E' vero, l'articolo che ho riportato dice cose abbastanza diverse da altre fonti (soprattutto di GA), ma è coerente (parola magica!) col brevetto, ossia anche se con parole un pò diverse, dicono la stessa cosa.
Comunque io sarei curioso di sentire da Vedruccio non tanto i dettagli tecnici, ma la situazione attuale, cosa intende fare, come si sta muovendo per riportare sul mercato il Trimprobe, se ha bisogno di qualche genere di aiuto, etc.
In fondo sul piano tecnico si ha sempre maggiore libertà rispetto a quello economico o di mercato...

bertoldo ha detto...

http://www.meyl.eu/go/index.php?dir=30_Books&page=16&sublevel=1

In the water resonance, the DNA is sending a longitudinal wave that propagates in the direction of the magnetic field vector. The computed frequencies from the structure of the DNA agree with those of the bio-photon radiation as predicted. The optimization of efficiency by minimizing the conduction losses leads to the double helix structure of DNA. The vortex model of the magnetic scalar wave not only covers many observed structures within the nucleus from perfect, but also introduces the hyperboloid channels in the matrix, if two cells communicate with each other.

Physical results revealed in 1990 form the basis of the essential component of a potential vortex scalar wave. The need for an extended field theory approach has been known since 2009 by the discovery of magnetic monopoles. For the first time this provides the opportunity to explain the physical basis of life not only from the biological discipline of Science understanding only. Nature covers the whole spectrum of known scientific fields of research for the first time this interdisciplinary understanding is explaining such complex relationships.

Decisive are the characteristics of the potential vortex. With its concentration effect, it provides a miniaturization down to a few nanometers, which allows the outrageously high information density in the nucleus for the first time.

Here for the first time magnetic scalar wave theory explains dual based pair-stored information of the genetic code and a process of converting into an electrical modulation to so to say, "piggyback" information transfer from the cell nucleus to another cell. At the receiving end the reverse process takes place in writing, a chemical structure physically. The energy required to power the chemical process, comes from the scalar wave itself.

ISBN 978-3-940 703-17-0

bertoldo ha detto...

"L'energia necessaria per alimentare il processo chimico, viene dalla stessa onda scalare."

Per la serie viver di sola luce...

mario massa ha detto...

@Bertoldo
"...by the discovery of magnetic monopoles"

e quando li avrebbero scoperti? A me risulta che siano solo stati ipotizzati (e che tra l'altro avrebbero massa enorme non ottenibile con acceleratori)

bertoldo ha detto...

"e quando li avrebbero scoperti?"

another brick in the wall

bertoldo ha detto...

Nella risonanza dell'acqua, il DNA sta inviando un'onda longitudinale che si propaga nella direzione del vettore campo magnetico. Le frequenze calcolate dalla struttura del DNA sono d'accordo con quelli della bio-fotoni di radiazione come previsto. Ottimizzare l'efficienza, riducendo al minimo le perdite di conduzione che porta alla struttura a doppia elica del DNA. Il modello vortice dell'onda scalare magnetico non solo copre molte strutture osservate all'interno del nucleo dall'essere perfetto, ma introduce anche i canali iperboloide nella matrice, se due cellule comunicano tra loro.

Risultati fisici hanno rivelato nel 1990, costituiscono la base della componente essenziale di un'onda potenziale scalare vortice. La necessità di un approccio esteso teoria del campo è stato conosciuto dal 2009 con la scoperta di monopoli magnetici. Per la prima volta offre l'opportunità di spiegare le basi fisiche della vita non solo dalla disciplina biologica di comprensione della scienza solo. Natura copre l'intero spettro di noti campi di ricerca scientifica per la prima volta questa comprensione interdisciplinare è spiegare quali relazioni complesse.

Decisivi sono le caratteristiche del vortice potenziale. Con il suo effetto di concentrazione, fornisce una miniaturizzazione fino a pochi nanometri, che permette la densità di informazioni scandalosamente alta nel nucleo per la prima volta.

Qui per la prima volta la teoria delle onde magnetiche scalare spiega doppio informazioni in base a coppie memorizzati del codice genetico e un processo di conversione in una modulazione elettrica per così dire, il trasferimento di "spalle" le informazioni dal nucleo della cellula in un'altra cella. Alla fine riceve il processo inverso avviene in forma scritta, una struttura chimica fisica. L'energia necessaria per alimentare il processo chimico, viene dalla stessa onda scalare.

silvy ha detto...

Ho provato il TRIMPROB 3 mesi fa circa in uno studio medico omeopatico vicino a Bologna ...sono di Firenze ed in Toscana Il macchinario non si trova da nessuna parte(purtroppo)...la dottoressa molto brava e professionale!!!!

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails