BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

domenica 15 gennaio 2012

Il patent 20110255645 della NASA
spiegato a tutti

Lancio una proposta ai tecnici che bazzicano questo blog: di provare a spiegare ai non addetti ai lavori 1) il contenuto del Patent n. 20110255645 della NASA e 2) cosa abbia in comune con il brevetto di Andrea Rossi già approvato in Italia lo scorso 6 aprile 2011 e ancora in itinere in Europa.
Per ulteriori dettagli rimando all'articolo uscito su New Energy Times 3 giorni fa, col quale Steven Krivit ha annunciato l'inizio della corsa all'oro delle LENR, sancita dalla discesa in campo ufficiale della NASA con tanto di spot su YouTube!


Inserirò qui sotto le spiegazioni che arriveranno tra i commenti, scegliendo quelle più comprensibili a tutti. Ringrazio fin d'ora chi vorrà dare una mano.

***

86 : commenti:

dibattiti ha detto...

In molti commenti in vari siti, compreso youtube, l'ho visto classificare come fake, secondo me se aggiungi anche il link diretto al sito della nasa aiuti ad evitare che la voce si sparga ulteriormente.
E' questo:
technologygateway.nasa.gov/media/CC/lenr/lenr.html

SPAXIO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
SPAXIO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Miglietto ha detto...

.

Valeria ha detto...

..e Joe Zawodny fa la chiosa al suo video NASA, tirando fuori finalmente il parallelismo con Rossi e mostrando il vero intento di quel video "promozionale"..era meglio se non scriveva!
Excusatio non petita, accusatio manifesta..

http://joe.zawodny.com/index.php/2012/01/14/technology-gateway-video/

gio ha detto...

ah la nasa ha il device pure lei.........:):) beh io voglio il test indipendente!.....:):)sennonocicredo!!!:):)

Valeria ha detto...

@Gio
noooo...Ma scherzi!?
Alla NASA si crede come all'ARRIGONI!

A scatola chiusa!

gio ha detto...

@ valeria

:):):) ..eppoi la macchina è radiogena ahhahahhahah....kaput.....cimandoilfunzionarioaslcimando!!!!elifacciochiuderelifaccio:):):):)

Valeria ha detto...

Quindi....ci capto pure Radio Maria?!

(il verde della pelle mi sbatte un po'...dovrò cambiare il fondotinta!)

Valeria ha detto...

franchini diventa direttore dell'ARPA

(...e la suona guardando Roma piena di abitanti che girano in mutande per casa a gennaio!)

gio ha detto...

:):):):)

comRED ha detto...

La Nasa evidentemente ha il fiato sul collo di qualcuno della casa bianca incazzatissimo. Come fanno dimostrare i miliardi spesi in ricerche e zero termogatti in circolazione? Sembra però che qualcosa hanno fatto o almeno ci provano. Però un attimo... HANNO FATTO I TEST INDIPENDENTI COME SI CONVIENE?

Gdmster ha detto...

@Valeria
se ti guardi il blog di Krivit capisci che è stato lui a chiedere a Zawodny di chiarire. C'è riuscito benissimo (dal suo punto di vista) difatti Zawodny afferma che il suo video non è un sostegno all'ecat e che lui non ha mai smesso di credere in W&L, anche se qualche volta si è dimenticato di citarli. Come vedi io sono pronto a cambiare la mia posizione, pensavo che Krivit fosse un buon giornalista animoso nei confronti di Rossi per essere stato definito snake. Non lo sono più da un paio di mesi.

rodrigo ha detto...

Mah, che dire di Krivit? Nel suo ultimo post elenca tutte le teorie sviluppate negli anni per la fusione fredda ed ha elencato una inesistente teoria della De Ninno anziché quella di Preparata.
Si è già dimenticato di essere rimasto sorpreso quando Melvin Miles gli spiegò che la teorie di Chubb e di Preparata predicevano la presenza di Elio4 nei sistemi palladio-deuterio già prima che gli esperimenti ne rilevassero la presenza oltre ogni dubbio (http://newenergytimes.com/v2/news/2008/NET30-jgk39gh12f.shtml#24skmm)

Gli ho inviato una mail, vediamo se è rincoglionito del tutto o proprio non gli frega nulla di tutto ciò che non è Widom-Larsen.

Daniele 22passi ha detto...

@gdmster
Se avessi avuto la ventura di vedere Krivit in azione come è successo a me, non avresti dubbi nel giudicarlo un grande cialtrone... e lo aspetto al varco che, se servirà, ho tante di quelle email da pubblicare, che ci siamo scambiati da febbraio a giugno, da dimostrare senza ombra di dubbio che Rossi è fin troppo gentile a definirlo semplicemente snake.

@Rodrigo
Krivit rincoglionito? A volte sembrerebbe davvero... sia in credo, penso sia soltanto un esecutore di ordini poco raffinato. Tutto qui.

Daniele 22passi ha detto...

Errata corrige :
Sia in credo = io non credo

Tizzie ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gdmster ha detto...

@Daniele
Non metto in dubbio quello che dici su Krivit. Spero che del pari apprezzerai che di fronte all'evidenza sono pronto a cambiare giudizio, a riprova che la CIA non mi paga poi così tanto. Spero vivamente di poter cambiare idea su Rossi, almeno lo spero per i miei figli.

Pietro F. ha detto...

Gdmster ha detto...

hai perfettamente ragione infatti krivit e Zawodny; Joseph M. si conoscono bene, forse sono pure amici, sono autori insieme di libri inerenti la fusione fredda e lenr ecc.
ad esempio:
"Nuclear Energy Encyclopedia: Science, Technology, and Applications"

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/9781118043493.ch44/summary

Valeria ha detto...

Ma dai!..ma ancora parliamo?

...è una cricca che sta cercando di tutto per fregare più soldi possibile al mercato, puntando su W&L ai quali NESSUNO chiede verifiche indipendenti...Me ne compiaccio.
Come al solito si spara sempre sul simile, convinti di farla franca.

Valeria ha detto...

Guardate come lavora bene il vostro protetto Krivit..!

Adesso per più distratti, ha creato un bell'indice ragionato delle ricerche sulle LENR, un bel bignamino per lavare ancora un pochettino i cervelli lessi dei lucci di fondo.
Ci tiene a specificare di averlo inviato a tutti i ricercatori via mail (ma che bravo!)
Ha creato un bel box con tutti i link utili per facilitarvi il compito nella ricerca...
Ma che bravo!
Ma che solerte!
Viva Krivit!

http://blog.newenergytimes.com/

Paul ha detto...

Rossi smentisce un "rumor...."

"Andrea Rossi
January 16th, 2012 at 7:09 AM
Dear Roger:
Another “rumorist” has written somewhere that our Customer has given us back the 1 MW E-VCat: this is another stupidity, totally false.
Warm Regards,
A.R."

Valeria ha detto...

Prega tutti di fargli sapere casomai si fosse dimenticato di qualche studio nel merito...
ma che aspettate?
mettetevi al lavoro, orsù!

Distribuisce onoreficenze ai più volenterosi!

Valeria ha detto...

e krivit è un bravo ragazzo
...e krivit è un bravo ragazzo
...krivit è un bravo ragazzooo

Nessuno lo può negare!

Valeria ha detto...

Un prezzolato da tre soldi!
Una vergogna!
e c'è pure chi lo incensa e lo erge a "faro"!!
Mah...che dire!?
Saranno della stessa pasta pure quelli!

mulhollandriver ha detto...

Ecco Krivit durante la sua ultima conferenza:

http://peswiki.com/images/d/db/111007_E-Cat_chef_conference_krivit_300.jpg



nice! ;)

triziocaioedeuterio ha detto...

Andrea Rossi
January 15th, 2012 at 5:15 PM
Dear Roger:
I am not a rumorist, so I do not care of rumors. Our E-Cats are perfectly stable up to 200 Celsius degrees, while we are resolving the problems to raise the temperature of the primary fluid to 400, to be able to make electricity. The reasons of instability at higher temperature are different from the rumors you heard about and we cannot give information about this issue, because is related to confidential data. National Instruments is helping us to resolve the issue.
Thank you for your attention,
Warm Regards,

Ovviamente rossi non da informazioni sulle dinamiche di riscaldamento eccessivo del reattore perchè dovrebbe rivelare particolari inerenti ai processi intimi che danno vita alla reazioni ni h.
Cio' mi fa pensare che,come detto dallo stesso rossi,già dispongano di un approccio teorico che a mio avviso gli permetterà di implementare e stabilizzare la reazione anche a temperature piu' elevate, che serviranno per la produzione di energia elettrica.
E questo credo accadrà molto piu' rapidamente di quanto possiamo immaginare.
La tecnologia ni h potrebbe essere enormemente migliorabile...siamo ancora agli inizi...

Paul ha detto...

@ tutti:
Non so se avete visto questa pagina, ma è MOLTO interessante in quanto raccoglie tutte le ultime novità da Rossi, riassunte da By Hank Mills with Sterling D. Allan
Pure Energy Systems News:

http://pesn.com/2012/01/14/9602012_Momentous_Breakthroughs_Announced_During_Anniversary_E-Cat_Interview/

Daniele 22passi ha detto...

@dibattiti
Grazie, ho seguito il tuo consiglio.

@Spaxio
Per ora sei il solo che ha colto un po' la proposta che ho lanciato nel post. Mi aspettavo si facessero sotto Mario Massa, Vettore, Gdmaster ecc. ai quali in passato ho visto elaborare lavori del genere. Tra qualche giorno farò una selezione dei commenti e il tuo sarà tra i prescelti per la pubblicazione nel corpo del post. Spero non resti l'unico! :)

tia ha detto...

Un insider ha svelato come fa Rossi ad oltrepassare la barriera coloumbiana: attraverso un tunnel quantistico.
APERTURE LABORATORIES sta lavorando a questo progetto e cerca investitori: http://www.youtube.com/watch?v=nd1m5_n9P9w&feature=endscreen&NR=1

Franco Morici ha detto...

@ Daniele 22passi

Ho pochissima conoscenza in materia e non sono un esperto, provo a dire quel po' che spero di aver capito leggendo.

Il Brevetto in oggetto copre tutta una serie di tecniche e di metodi per la generazione degli "heavy electrons", una particella simile all'elettrone ma avente una massa molto maggiore.

Secondo una teoria sviluppata da Windom-Larsen (W-L theory) questa particella (l'elettrone pesante) sarebbe alla base della possibile creazione dei cosidetti neutroni ULM (Ultra Low Moment) cioè dei particolari neutroni che all'atto della loro formazione sono dotati di bassissime energie (formalmente l'energia cinetica è 0) in paragone con i neutroni normali.

Questi neutroni ULM sono fortemente sospettati di essere alla base delle trasmutazioni degli elementi non radioattivi, trasmutazioni che ritrovano spesso nelle reazioni L.E.N.R.

Molto di più non saprei dire, sperando di non aver già detto troppe castronerie!

Il Santo ha detto...

@Tia

Magari i prossimi esperimenti si terranno sulla Borealis e Rossi non è altro che un'incarnazione di GLaDOS.

Franco Morici ha detto...

Ho dimenticato di postare un link per la W-L Theory:

http://www.i-sis.org.uk/Widom-Larsen.php

tia ha detto...

>Rossi non è altro che un'incarnazione di GLaDOS

The e-cat is a lie :D

Daniele 22passi ha detto...

@tutti
Krivit è sempre iperattivo:
High-Energy Meets Low-Energy: A First at CERN

Notare che ha citato pure una mail di Celani, giunta anche a me, in cui Celani scriveva espressamente DI NON DIVULGARE L'INVITO RICEVUTO DAL CERN. Questo è il classico modo di fare di Krivit.

Comunque ormai, grazie al solito Krivit, la notizia è di dominio pubblico.

Franco Morici ha detto...

@ Daniele 22passi

Leggendo in riferimento al punto 2) della tua domanda si potrebbe pensare che quanto sotto riportato sia un effetto che si manifesta anche nel reattore di Rossi, effetto che spiegherebbe coma mai non si registrano forti emissioni di radiazione Gamma fuori dal reattore a prescindere dalla modesta schermatura in piombo adottata da Rossi.
Inoltre mi pare che questa teoria delinei una possibile spiegazione del meccanismo che sta alla base della produzione del calore.

The W-L theory also explains why hard gamma and X-rays are not released during LENR system operation.
This arises from unique heavy-mass electrons created by the very strong nanoscale electric fields that occur in regions above localized patches of collectively oscillating protons and deuterons where neutron production and absorption are taking place. Unlike isolated normal-mass electrons situated in a vacuum or a hot plasma, heavy-mass electrons created in condensed matter LENR systems can directly absorb a hard gamma or X-ray photon, “ring like a bell” for an infinitesimal fraction of a second, then (according to conservation of energy) reradiate a much larger number of much less energetic photons (mostly in the infrared region, with a much smaller ‘tail’ of soft X-ray photons).

In operating LENR systems, therefore, hard gamma ray photons in an energy range between 0.5 MeV and 10.0 MeV (often created during absorption of ULM neutrons by some, but not all, atoms/isotopes) are locally absorbed by heavy-mass electrons before they can escape. Those electrons then convert the absorbed gammas directly into raw heat in the form of benign infrared photons that are also locally absorbed. LENR systems have what amounts to built-in gamma shielding during operation, a remarkable property by any standard.

A gamma-absorbing ‘patch layer’ of heavy-mass electrons in an LENR system has the ability to stop a very dangerous (~5 MeV) gamma ray in less than two nanometres. Whereas it would take ~10 cm of lead, ~25 cm of steel, or ~1 metre of very heavy concrete to accomplish the same degree of protection against ‘hard’ gamma radiation.

Daniele 22passi ha detto...

@tutti
ATTENZIONE: ho reso scaricabile dal post il testo completo del brevetto di Zabowny.

bertoldo ha detto...

La teoria spiega anche perché WL gamma duri e raggi X non vengono rilasciate durante il funzionamento del sistema LENR.
Ciò deriva dal unico pesante massa elettroni creati dai campi nanoscala molto forte elettrici che si verificano nelle regioni al di sopra delle macchie localizzate collettivamente oscillante protoni e deutoni dove la produzione e l'assorbimento di neutroni sono in corso. A differenza dei normali isolati di massa elettroni situato in un vuoto o un plasma caldo, pesante di massa elettroni creati in sistemi di materia condensata LENR può direttamente assorbire una gamma rigido o raggi X fotone, "risuonare come una campana" per una frazione infinitesimale di secondo , poi (secondo la conservazione dell'energia) reradiate un numero molto maggiore di fotoni meno energetici (per lo più nella regione infrarossa, con una 'coda' molto più piccolo di raggi X soffici fotoni).

Nei sistemi operativi LENR, quindi, difficile fotoni di raggi gamma in un intervallo di energia tra 0,5 MeV e 10.0 MeV (spesso creata durante l'assorbimento di neutroni da parte di alcuni ULM, ma non tutti, gli atomi / isotopi) sono localmente assorbita dalla pesante massa elettroni prima che si può sfuggire. Gli elettroni poi convertire il gammas assorbita direttamente in calore prima sotto forma benigna di fotoni a raggi infrarossi che vengono assorbite anche a livello locale. Sistemi LENR sono ciò che equivale a built-in gamma schermatura durante il funzionamento, una notevole proprietà di qualsiasi standard.

Una gamma di assorbimento 'livello di patch' della pesante massa elettroni in un sistema LENR ha la capacità di fermare una molto pericolosa (~ 5 MeV) di raggi gamma in meno di due nanometri. Mentre ci sarebbero voluti circa 10 cm di piombo, ~ 25 cm di acciaio, o ~ 1 metro di cemento molto pesanti per raggiungere lo stesso grado di protezione contro le radiazioni 'dura' gamma.

Ma Sbaglio o questo è sempre quello che ha detto Rossi ... i fasci gamma vengono termalizzati e la schermatura del piombo è solo una precauzione ulteriore che serve solo in fase di accensione e spegnimento ?

bertoldo ha detto...

L'e-cat è un trasformatore di nuova concezione , da raggi gamma ad infrarossi ...

Franco Morici ha detto...

L'elemento cardine (dalla teoria W-L) mi pare rappresentato dalla generazione di questi "elettroni pesanti" di cui però non ricordo di aver sentito accenni da parte di Rossi od altri di UniBo.

Certo è che, stando alle reazioni teorizzate da Focardi e Rossi, le energie prodotte, manifeste anche come Gamma di alta energia, avrebbero dovuto essere rilevate durante misurazioni effettuate.

Siccome pare che non siano state rilevate emissioni Gamma ad alta energia tra le ipotesi possibili c'è questa teoria W-L ma purtroppo anche altro...

mario massa ha detto...

@Daniele
“Mi aspettavo si facessero sotto Mario Massa, Vettore, Gdmaster ecc”

Sono un ingegnere, non un fisico nucleare, per cui come te aspetto spiegazioni da chi ne capisce di più.

Poiché Franco Morici fino ad ora mi pare quello più addentro gli faccio io delle domande (ma se qualcun altro è in grado di rispondere ben venga):

1 – questi elettroni pesanti sono solo supposti, o sono già stati ottenuti in passato (in acceleratori o altro)?

2 – pesanti vuol dire che hanno massa paragonabile a un nucleone?

3 - da dove viene questa massa? Per "creare" una particella simile non occorrerebbe una energia enorme?

3 – alla fine avrebbero la stessa funzione dei muoni? Ma la fusione catalizzata da muoni non genera comunque molti gamma? Dove è la differenza visto che qui pare non ci siano?

Come ingegnere quando leggo un brevetto sono abituato a qualcosa che mi dice come fare a fare quella cosa (un motore, un diodo, una biro: non nei particolari ovviamente, ma i principi sì); mi chiedo un fisico che legge questo brevetto capisce come fare? Cioè è in grado di chiamare l’ingegnere e dirgli “costruiscimi un tubo così e cosà con questa pressione, mettici dentro questo materiale con questa granulometria, scaldalo a x gradi, ecc”? Perché se sulla base di questo brevetto nessuno è comunque in grado di realizzare un oggetto reale mi pare che siamo daccapo, anche se a depositarlo è la NASA. Ricordo che in tutto il mondo i brevetti sono validi se un esperto del ramo (in questo caso un fisico nucleare)seguendone le indicazioni è in grado di realizzare la nuova invenzione: in questo caso deve essere in grado di produrre un marchingegno che produce “heavy electrons”.

Franco Morici ha detto...

Ciao Mario

tutto quello che so di questi elettroni pesanti risale a qualche tempo fa. Se non ricordo male in pratica erano stati catturate (mi pare da fisici di una università nord americana o canadese) delle immagini di elettroni che sotto particolari iterazioni atomiche per un certo intervallo di tempo molto breve, dei comuni elettroni rallentavano notevolmente la propria energia cinetica, siccome energia e massa sono in relazione è come se fossero diventati "più pesanti" della loro massa naturale.

Franco Morici ha detto...

Ho trovato qualcosina a livello divulgativo al link:

http://www.bnl.gov/bnlweb/pubaf/pr/PR_display.asp?prID=1130

Franco Morici ha detto...

Franco Morici ha detto...

"rallentavano notevolmente la propria energia cinetica"

Chiedo scusa, espressione infelice quella dell'energia che rallenta...

Volevo dire che questi elettroni sembravano avere una velocità ridotta come se la loro energia cinetica fosse minore.

Vado a nanna, buonanotte a tutti.

mario massa ha detto...

@Franco
Dal link si direbbe che gli elettroni si comportano COME se avessero massa enorme, ma mi pare di leggere tra le righe che forse non l'hanno realmente. Il tutto poi succede sotto qualche decina di K: come si accorda con il fatto che qui invece succederebbe oltre una certa temperatura? Dice poi che il problema dei fermioni pesanti è indagato da 40 anni: si riferisce ai muoni o proprio agli elettroni?

mario massa ha detto...

Letto il brevetto: capito niente.
Vado a letto.

Gdmster ha detto...

Ho letto il brevetto. Ho cercato di capire che cosa c'è scritto ma non sono sicuro di esserci riuscito.

C'è una struttura metallica in grado di far formare un SPP, ossia un Surface Plasmon Polariton, ovvero un gruppo coerente di elettroni che si muovono in risonanza con la struttura metallica. Come è fatta la struttura metallica? Boh? Perché i polaritoni non si attenuano? Perché li facciamo oscillare. Come? Boh? Come si trasformano in heavy fermions, anzi heavy electrons? Boh? Forse perché la struttura metallica è fatta di metalli con orbitali 4f e 5f. Che c'entrano col NiH? Nulla. E come mai abbiamo gli heavy electrons a temperatura ambiente? Ma figurati, dobbiamo ancora capire come si formano nei superconduttori a basse temperature (<50 K), come pretendi che ti diciamo come funzionano a temperatura ambiente o più alta. Come eccitiamo gli SPP? Al solito con i fotoni o gli elettroni. Ma dài non ci facciamo mancare nulla, scriviamoci anche il calore, tanto non lo legge nessuno. Dato che ci stiamo, sempre nell'ottica che non lo legge nessuno, manco noi prima di consegnarlo a USPO, invece di LENR uguale a low energy nuclear reaction, scriviamo low energy number reaction, così non ce lo bocciano e una volta approvato diremo che era un chiaro errore di battitura (almeno in due punti ndr).
E la teoria di W&L? Perfetta, tanto che ne incorporiamo il brevetto per intero, a spese della collettività ovviamente. E allora perché fate questo brevetto? Aspetta, non è così perfetta poi, loro generano heavy electrons sporadicamente e in zone piccole e imprevedibili e quei cattivoni dei gamma si infilano da tutti i buchi non presidiati ed escono. Noi invece generiamo heavy electrons su tutto il materiale, così i gamma imparano. Come? Boh? non ci abbiamo ancora pensato, ma tanto non lo legge nessuno e chi lo legge non lo capisce.
E che c'entra con Rossi e Focardi questo brevetto? Rossi chi?

E' una descrizione poco seria ma riflette l'assoluta mancanza di serietà del brevetto: hanno scritto 8 pagine per dire semplicemente che generano degli elettroni pesanti in una struttura conduttrice senza dire come. Speriamo esista la giustizia divina, ma di fronte alla Nasa ne dubito.

Gdmster ha detto...

Sono stremato, a nanna. Comunque Daniele sta tranquillo, non funziona. Così con Rossi è pari e patta.

Franco Morici ha detto...

@ mario massa

negli articoli in rete che ho letto si parla di fermioni pesanti con riferimento specifico ad elettroni.
Non trovo analoghi riferimenti per i muoni.

Gdmster ha detto...

@Franco Morici

I muoni sono elettrono con massa di riposo più grande, quindi sono effettivamente più grandi. Come tali "ruotano" più vicini al nucleo. Questo rende possibile la fusione muonica, che è una realtà assodata e riproducibile, sta in tutti i libri di teso, nessuno la mette in discussione. Ci sono un paio di ditte che proseguono gli studi nell'intento di offenere efficienza maggiore di 1, traguardo che appare ancora lontano (i muoni bisogna generarli).

Questi sono elettroni pesanti nel senso che dicevi tu, sono rallentati e quindi deve aumentare la massa. Sono stati identificati ma solo a basse temperature, la teoria è debole, però sembra che esistano (alcuni tipi di superconduttività)

gio ha detto...

gdmster ..gran lavoro......anche se non ho i mezzi per capirlo!...ma la comclusione è chiara anche per me ..non si capisce come...quindi rossi e nasa stessa strategia ...il brevetto serve solo per difendersi legalmente.....semplifico.....mi fanno causa ...beh io c'ho il brevetto mio...prova a dimostrarmi che non è vero o prova a dimostrare che è uguale al tuo ...impossibile....perche nessuno dei due spiega come.......

gio ha detto...

aggiungo ...la nasa sta copiando anche la strategia legale di rossi......

rodrigo ha detto...

@ Gdmster

Sembra quasi che vogliano brevettare un fenomeno fisico.
Da come lo metti sembra anche peggiore del brevetto di Rossi.

In sostanza, questo brevetto presenta la condizione di replicabilità da parte di qualcuno che abbia le necessarie competenze?
Cioè ha quello che tutti dicono mancare al brevetto di Rossi per via dell'assenza dell'elemento catalizzatore?

Gdmster ha detto...

@rodrigo
nel brevetto di Rossi c'è scritto qualcosa di non replicabile che quindi a tutti gli effetti non è dimostrabile come funzionante. Mancano due ingredienti fondamentali, il catalizzatore (l'unica cosa brevettabile) e il modo di creare la particella energetica o l'energia a primo membro dell'equazione di trasmutazione (di questo è brevettabile la realizzazione fisica del reattore, non il principio fisico).

Nel brevetto NASA è descritta pressappoco una bacchetta magica che è migliore di un'altra bacchetta magica (W&L) senza spiegare come si ottiene il migòlioramento. Dubito possa resistere all'esame della "novelty".

Gdmster ha detto...

@Tutti
Nei ragionamenti sarebbe meglio sostituire la parola brevetto con la dizione ; sarebbe tutto più chiaro.

Gdmster ha detto...

sostituire il ; con domanda di brevetto

ghixx ha detto...

Fosse solo un metodo per "pre-brevettare" l'ecat o qualsiasi altro simile prima dell'inventore stesso?

gio ha detto...

...rossi e nasa seguono la strada del segreto industriale....il brevetto o cmen scrive giustamente gdmster la domandanda di brevetto serve solo per i motivi di cui sopra.......pensavo che servisse solo a questo anche il tentativo di fidanzamento con piantelli da parte nasa....a proposito storia finita?;)

indopama ha detto...

la mia sensazione e' che le teorie che ci hanno insegnato sui libri di fisica siano un po' sballate e che la strada giusta sia questa, non a caso nel video si mette piu' volte l'accento su "risonanza".

http://www.glafreniere.com/matter.htm

chi ha la piu' alta conoscenza se la tiene ben strettta altrimenti non potrebbe avere il vantaggio militare.

Valeria ha detto...

EEh...Lo sanno bene alla NASA!
Sono anni che fanno risuonare la ionosfera, Indopama!

Ciao!

Gdmster ha detto...

@Valeria
Con le due funzioni elencate stanno freschi a far risuonare qualcosa, la sin(x)/x ha per integrale definito tra meno e più infinito pigreco...
Definirle fase e quadratura mi pare un azzardo, mi sa che sommate poi non si separano tanto facilmente (onestamente non mi va di rifare i conti).
Bisognerebbe consultare la matematica mainstream...

tia ha detto...

>la sin(x)/x ha per integrale definito tra meno e più infinito pigreco

Uh? Puoi riscrivere quel pezzo per favore?

Gdmster ha detto...

@tia
possiamo stupire pure con effetti speciali...
se lo normalizzi a pigreco

sin(pi*x)/pi*x

l'integrale definito su tutto l'asse viene addirittura 1.

tia ha detto...

Gdmster non ti seguo. Sin(x)/x è il sinc, l'0ho usato tantissimo visto che viene usato pure per il filtro di ricostruzione ideale. E' una funzione in L2, quindi converge in modulo quadro (energia finita), ed puoi integrare il sinc su tutto R , visto che converge. L'unica cosa che non puoi fare è integrare il modulo del sinc, perchè diverge.

tia ha detto...

Ah ok, avevo letto male, pensavo avessi scritto che potevi integrare il sinc solo tra +/- pigreco

indopama ha detto...

pero' la cosa curiosa, al di la' delle varie teorie, e' l'effetto quantico, cioe' la materia e' discreta, non e' un mix casuale, tutto e' separato di una certa quantita' di cosa non si sa bene.
anche tenendo buone le onde e tenendo buona l'ipotesi che siano fluttuazioni della stessa materia di base (etere), non e' che si sommano a casaccio, non ogni onda si lega ad un altra, lo fa solo seguendo un certo schema, un certo concetto, la chimica infatti lo insegna. perche? boh?!?

indopama ha detto...

come spieghereste voi il calore con la teoria delle onde? lo chiedo perche' in pratica e' la forma di energia che maggiormente sfruttiamo, con questa produciamo l'elettricita', facciamo funzionare i mezzi di trasporto, cuciniamo, ecc. sembra come se fosse una frequenza in grado di interagire con ogni altra frequenza aumentandone l'ampiezza. no?

tia ha detto...

>tenendo buona l'ipotesi che siano fluttuazioni della stessa materia di base (etere)

Etere??

Valeria ha detto...

Maddai.....L'Etere MICA ESISTE!
pfuiii!

Valeria ha detto...

lo si studia al Politecnico l'etere?

indopama ha detto...

l'etere non e' importante tia,
come la spieghi secondo te la dicretizzazione della materia e la sua stabilita' di conseguenza?
perche' se potessi sommare tutto con tutto la realta' sarebbe un continuo cambiamento..... non avremmo materia stabile, giusto? c'e' un qualcosa che non permette di sommare qualsiasi onda ma solo attraverso uno schema.

indopama ha detto...

intendo dire, non e' come dentro un secchio d'acqua che qualsiasi onda genero si somma al resto, formando un mischione incomprensibile, la realta' e' quantizzata, ha un ordine, una sua logica. da dove viene secondo voi?
la teoria ondulatoria da sola non spiega perche' cio' accade.

tia ha detto...

L'etere, che è un nome ben preciso per intendere una cosa ben precisa, ovvero il mezzo di propagazione delle onde EM, non esiste.
Se essitesse, il doppler elettromagnetico sarebbe banalmente spiegabile come il doppler sonoro, ovvero dovuto alla velocità relativa rispetto al mezzo di propagazione, mentre einstein dice che è dovuto alla contrazione/dilatazione del tempo, che fa apparire la frequenza piu alta/bassa di quella aspettata.
Il punto è che il fenomeno di dilatazione/contrazione del tempo è ben verificato e certi sistemi come il GPS non funzionerebbero senza tali correzioni.
Riesci a capire il punto? Se l'etere esistesse sarebbe nopn solo enigmatica la presenza della contraz/dilatazione dei tempi, ma ancora piu enigmatica che einstein avesse azzeccato le correzioni da fare, ipotizzando l'inesistesitenza dell'etere.

Valeria ha detto...

>Riesci a capire il punto?

Indopama, rassicuralo. Questo pensa di parlare con i cretini. Gli hanno detto che lui non lo è!

bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Valeria ha detto...

sì...secondo me se ne fa abuso da 'ste parti!

Sal ha detto...

Un atteggiamento più scettico anche in questo caso avrebbe evitato entusiasmi ingiustificati ed abbagli clamorosi.
L'esperto Nasa non ha niente di cui scusarsi se chi vuole credere vede e-cat ovunque.

bertoldo ha detto...

Cambia religione ...la negatività della religione che professi è sempre più pesante...

Valeria ha detto...

'sti scettici sono dei fedeli ortodossi proprio!

...ma che gli promettono?
la Vita Eterna?

rodrigo ha detto...

> (12:43) Mah, che dire di Krivit? Nel suo ultimo post elenca tutte le teorie sviluppate negli anni per la fusione fredda ed ha elencato una inesistente teoria della De Ninno anziché quella di Preparata.

Curioso.
Ho inviato a Krivit una mail spiegandogli la cosa.
Mi risponde con una mail inviata a me e alla De Ninno dicendo che lei insiste che ha una propria teoria esposta al simposio ACS (American Chemical Society) di Salt Lake City nel 2009.
La De Ninno fu invitata al simposio da Krivit e Marwan (che poi revisionano tutti i lavori riportati nella conferenza per la pubblicazione) perchè l'anno prima la ACS aveva pubblicato il rapporto 41 dove la De Ninno risulta la prima nella lista degli autori del lavoro.

Questa mattina la De Ninno manda una mail a Krivit e a me dicendomi che ho ragione io, che lei non ha mai insistito di avere una propria teoria e che quanto esposto nella conferenza sopra menzionata, altro non erano che "le sue opinioni basate sulla teoria Preparata-Del Giudice", in sostanza il lavoro fatto con l'esperimento del rapporto 41 con l'aggiunta di sue considerazioni maturate nel tempo e con altri lavori sull'argomento.
Lei si dichiara addirittura molto sorpresa di trovare il proprio nome nella lista di Krivit sulle teorie riguardanti la FF.

La cosa strana è che Krivit stesso ha revisionato la pubblicazione del rapporto 41 per la ACS:

A. DE NINNO, E. DEL GIUDICE, A. FRATTOLILLO, Evidence of Coherent Nuclear Reactions in
Condensed Matter, nel volume “Low Energy Nuclear Reactions Sourcebook, American
Chemical Society Symposium Series (ed. J. Marwan and S. Krivit), Oxford University Press (agosto 2008)

e lì c'è scritto bene della teoria di Preparata e che i risultati e i punti fermi si riferiscono a quella teoria.
Al di là della affermazione attribuita alla De Ninno, esattamente opposta a quella che lei ha detto di persona, mi sorge il dubbio che Krivit invece di revisionare il paper per la pubblicazione, non l'abbia in realtà neppure letto. Forse era già nella fase di esaltazione della teoria Widom-Larsen. Boh.

Valeria ha detto...

Secondo me le uniche letture che interessano Krivit sono gli estratti-conto...più zeri hanno e più si applica...

bertoldo ha detto...

La frequenza di risonanza dell'idrogeno è di 1,420 405 751 GHz e và moltiplicata per 3,14 = 4,46 Ghz.L'elemento che trasforma i gamma in infrarosso è il carbonio sotto forma di grafite o altro ...

AZietà

tia ha detto...

>e và moltiplicata per 3,14 = 4,46 Gh

Guarda che freq. idrogeno per pigreco è nel film Contact :)

tia ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=5t1AD-7MDDw&feature=player_detailpage#t=481s

:D

bertoldo ha detto...

Esattamente... ieri sera quale film trasmetteva rete4 ?
Hai linkato il film hai visto il nome di chi lo ha caricato* ?

Unità carbonio quale film è ?

é un pò più lontano nel tempo come film ...
Il carbonio come trasformatore di energia in infrarossi* è di un'altra persona .

ildrago ha detto...

Un commento su questo confronto tra brevetti.

Se ascoltate questa (lunga) intervista a Lewis Larsen
http://youtu.be/OVRLcC21F14
appare chiaro che il signor Lewis Larsen ha investito la sua vita in questa teoria (vedi http://www.newenergytimes.com/v2/sr/WL/WLTheory.shtml) e prevede tra non molti anni di mettere in commercio apparecchi funzionanti sulla base di questa teoria che ha sviluppato col prof. Widom.

Ora, immagino che dal suo punto di vista sia oltremodo irritante che arrivi un esimio signor Rossi a rompergli le uova nel paniere passando direttamente alla commercializzazione di un "suo" dispositivo, "suo" da intendersi come "suo di Lewis Larsen" dato che, a stare alle dichiarazioni di Rossi, funziona esattamente arricchendo di neutroni i nuclei degli atomi di nickel. Perchè questo avviene sicuramente, ritiene lui, attraverso la formazione di neutroni formati dall'unione dei nuclei di idrogeno inseriti nella matrice metallica e gli "elettroni pesanti" o "surface plasmon polariton (SPP) electrons" che dir si voglia.

Come fare a bloccare il Rossi? Gli americani sono anche abbastanza patrioti. Il modo per fregare Rossi è dichiarare il suo processo dipendente dalla "scoperta" di Widom / Larsen. E' dura, perchè una scoperta scientifica non è brevettabile, immagino lo sia al contrario una sua implementazione pratica.

Per questo il brevetto della Nasa mi pare un po' strano, generico, tende a brevettare il principio fisico, e mi pare una manovra di accerchiamento del brevetto di Rossi. O almeno, serve a preparare ulteriori mosse in questa direzione. Alla fine il target sarebbe: noi abbiamo fatto tutto prima. La teoria è nostra, le applicazioni anche. Tu (Rossi) hai sviluppato qualcosa che dipende dai nostri brevetti.

Ciao a tutti

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails