BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

giovedì 13 ottobre 2011

Stremmenos' stance on
Defkalion GT's 10 October 2011 statement

I'm publishing here the full version in English of the email that professor Stremmenos sent me and to NyTeknik to take distance from the statement released by Defkalion GT on October 10.

The text in Italian can be reached here.


Note: the original text was received partly in Italian and partly in English; the translation of both versions in English/Italian is from Alex Passi.

Reply to Defkalion G.T. Inc.

The statement issued by Defkalion GT Inc. (Athens, 10/10/11 - link) has come to my knowledge by chance. I feel the moral obligation to express my opinion, faithful to those convictions which I rendered public in the past. I maintained then, as I do now, the inviolability of the following values: scientific truth and its anthropocentric contribution ... the values of culture, democracy, human civilization, and of environmental health in the course of their development. My home country, Greece, is not parochial with respects to these values; rather, it bears them like a diachronic figure.

The statement by Defkalion GT Inc. strikes me as megalomaniacal and presumptuous! Not only does it damage the firm’s own image; in my opinion, with its patent inaccuracies, it is also damaging to the cause of an outlook onto a new energy era ... especially for Greece in its needy economic condition.

I am expressing my opinion not just on ethical grounds, but also in an attempt to curb the communicative jubilation expressed by Defkalion GT Inc., inasmuch as I feel personally responsible for the transfer of Rossi’s technology to Greece as well as for the very existence of Defkalion ... a failed instrument of implementation! I therefore state that:
  1. One cannot develop a technology if one does not know the fulcrum on which it is based.
  2. Defkalion’s failure to fulfill its contract for financial reasons has prevented it from gaining access to the crucial element, i.e. Rossi’s invention.
  3. Its alleged engineering might involve the exploitation of the energy produced by some ancient oil lamp... or some similar source. More seriously, computer-rendered sketches devoid of any scientific basis or long-term experience in the field can yield no support to statements such as “Enhanced technology and engineering on Rossi’s invention or similar inventions”!
  4. The aluminum fins of a heat exchanger cannot be Defkalion’s industrial secret! Industrial plumbers invented them many years ago. SERIOUSLY — it is unfair on Defkalion’s part to accuse ROSSI of using aluminum fins in an improper manner in a public demonstration!

I could add to the list of the scientific and technological inaccuracies therein contained; but I will hesitatingly acknowledge some laborious albeit clumsy attempts on Defkalion’s part in the economic and entrepreneurial field, which I shall comment upon as follows:
  • Prepared business models for international expansion. DEFKALION HAD NO RIGHT TO DRAW UP INTERNATIONAL AGREEMENTS OUTSIDE OF GREECE AND THE BALKANS. THEREFORE, IF IT DID DRAW UP AGREEMENTS OUTSIDE OF GREECE AND THE BALKANS, IT DID SO ILLEGALLY AND WITHOUT ANY AUTHORIZATION. 
  • Prepared legislative and certification procedures. HOW COULD HAVE DEFKALION PREPARED LEGISLATIVE CERTIFICATION PROCEDURES OF THE PRODUCT IF IT NEVER HAD ANY COGNIZANCE OF THE PRODUCT ITSELF, CONSIDERING IT DID NOT RESPECT THE FINANCIAL TERMS OF THE CONTRACT? DID IT CERTIFY A UFO?
  • Ensured national, regional and international network in politics and business. HAD DEFKALION COMPLIED WITH THE FINANCIAL TERMS OF THE CONTRACT, IT WOULD HAVE HAD EXCLUSIVE RIGHTS ONLY FOR GREECE AND THE BALKANS.
  • Prepared global financing. VERY FUNNY! THE REASON WHY THE CONTRACT BETWEEN ROSSI AND DEFKALION WAS CANCELLED LIES PRECISELY IN THE FACT THAT DEFKALION PROVED INCAPABLE OF GAINING THE NECESSARY FINANCIAL RESOURCES.

Finally, I would like to stress that DEFKALION IS NOT GREECE!... and neither are A. Xanthoulis and his fanciful communication consultants... I can assure you that in that firm there are also some good elements... which have been deactivated.

There are qualified persons (in that firm) with a long entrepreneurial experience and a track record of successfully implemented projects that should be valued without ... a broken continuity.

Now, in order to answer the question of why Greece can become a means to realize the use of this green revolutionary technology, and why it was chosen to be leader in its business applications (Greece and the Balkans), but hopefully also in the relevant research and technology, let me point out three basic reasons:

Our country has no primary energy sources except for lignite and hydroelectric energy. All other means of energy, especially renewable energy, rely on imported technology, which reflects greatly on their cost.

The current political leadership of our country was always sensitive to innovation, especially in the field of green energy growth. The current political leadership has been aware of this technology since 2004; progress reports in this scientific field were expected with great interest and with the hope that someday there might be some practical application of this technology.

In our country one may find businessmen endowed with courage and bravery, but also with a high patriotic sense of responsibility, willing to risk and invest in such an important technology. It is not a matter of what we shall gain from this Homeland of ours, but of what we are ready to offer our country, especially in these difficult times!

Therefore, it was quite easy, two years ago, to convince my friends who had for a long time shared my interest in LENR, Rossi and Focardi, that — based on the above premises — they would do well to consider Greece as an interesting point for the development of this technology. Naturally, the cultural aspect also played its role; the ancient Greeks are still working for us! 

11/10/11

Christos E. Stremmenos
Professor at the University of Bologna (retired),
Former Ambassador of Greece to Italy

A reply by Defkalion chairman Alexandros Xanthoulis quickly followed this vibrant email from Stremmenos. Well, judge for yourself who to believe: the point is that Defkalion on one hand claim to have improved Rossi's reactors and that they are about to launch them on the market, on the other hand they explain they have not paid Rossi because he hasn't shown them if and how his reactor work. Incongruous! It's clear there's a ongoing tough commercial war for the ownership of the Ni-H technology.
On my part, I trust Christos Stremmenos' version; he is a person above suspicion who gave up his role of honorary vice-president of Defkalion GT in order to be able to assert what for him is the concrete reality. Let's hope for the best: from bloodless disputes between "believers" and "deniers" there's a risk we might see legal disputes in courts.
Dear Christo,

It was with profound regret that I read your public letter and personal attacks against Defkalion. I was even more surprised by the obvious contradiction with your status as Honorary Vice President and Head of our company’s R&D. In legal terms, this could be considered by ill-wishers as a breach of contract.

Please recall that we have incurred considerable damage in the recent past from inaccurate statements. For example the announcement of alleged rights of Ampenergo, which are contradictory to our contractual rights with EFA. Christo, as you remember, the contract we signed on November 17, 2010 with EFA, clause 1.13 clearly states that our global presence excludes the USA and military applications.

As a key player involved between the contracted parties, you also signed a document relinquishing your impartiality to become a formal member of Defkalion’s BoD with the position of VP of R&D, which was given to you after your personal request for this position and was unanimously agreed by our BoD.

Since June you have unfortunately missed all of BoD meetings and R&D development breakthroughs. Although you and Rossi received, signed and approved our product designs for Version 3, we have made significant progress since then and are now in Version 7, which leads to a full working prototype ready for production.

Your declaration that "we don’t have the technology" is in contradiction to your recent attempts to entice away our scientists which was not concluded successfully.

We stress again that it is a pity that our designs were applied wrongly, demonstrating in public, immature prototypes with wrong protocols and instruments as explained in our communication on Monday, 10th October.

In all such cases, had there been close cooperation with Defkalion to develop the technology together, as opposed to focusing and putting pressure on us to receive money, many of these unfortunate legal and technical misunderstandings could have been avoided.

As such, all these created serious delays for all contractual parties and for payment to be made according to our contract. You will safely recall that payment is based on the successful demonstration according to protocols and procedures that have been supplied to EFA, whose conditions have not been met yet.

Many will agree that this situation is confusion to the point of comic tragic. Defkalion has the science, the know-how and the ability to proceed, the team, the electronics, the engineering, as well as all the funds required to move this project forward; there is no delusion. Yet, there seems to be a strange urgency to avoid the kick-off of this project but instead just to create negative noise. Defkalion respects your position and friendship, as well as Rossi’s creativity and ingenuity. However, patience has its limits and business has its goals. It would be a shame for Defkalion to move forward in LENR either alone or with alternative technologies.

I hope you agree that such a situation of confusion can only create great consternation. However, Defkalion confirms that it has the organization and professional team, plus all necessary infrastructure in order to direct the availability of funds. I sincerely hope that we shall press the start button together.
12/10/11


Alexandros Xanthoulis [source]

62 : commenti:

Francesco Lig ha detto...

Esticazzi!

Fr@ncesco CH ha detto...

Grande capo indiano

Fr@ncesco CH ha detto...

DANIELE ECCO LA TERZA PUNTATA DI MrKILOWATT CON MATS LEWAN:

http://www.radio24.ilsole24ore.com/player/player.php?filename=111013-mrkilowatt.mp3

Fr@ncesco CH ha detto...

CURIOSITA'

NUOVO ARTICOLO DI RINASCITA:

http://www.rinascita.eu/index.php?action=news&id=10885

Tizzie ha detto...

@Fr@ncesco CH: thanks for the link!
(cosi` siamo in tema)

Gdmster ha detto...

@Fr@ncesco CH
Nikola Tesla (1856-1943) aveva già sconvolto la comunità scientifica con l’ideazione del generatore a corrente alternata e le sue teorie sul campo magnetico rotante, quando nel 1901 iniziò ad erigere l’imponente torre di Wardenclyffe – un impianto che avrebbe distribuito energia elettrica gratuita e senza fili a grandi distanze, perfino alle imbarcazioni. Fu distrutta dai Marines, dopo che il facoltoso industriale statunitense John Pierpoint Morgan ne revocò i finanziamenti. In altre parole, il progetto venne spudoratamente sabotato dai lobbisti, molto più attratti dai facili profitti che non da simili ideali altruistici: «Non vi posso apporre un contatore, pertanto non lo finanzierò!». Un paradigma capitalistico inequivocabile.

Tu davvero pensi che articoli di questo tipo contribuiscano alla causa? Questo o questa è un povero deficiente che non sa di che sta parlando. La torre era assieme una radio trasmittente e un distributore di energia elettrica a corto raggio: mica creava energia dal nulla. Così si capisce pure la frase del contatore. La radio la sviluppò poi Marconi, a dimostrazione del fatto che se una cosa funzione prima o poi qualcuno la realizza. Mi sono fermato a questa frase e ho capito pure perché ci teniamo il Berlusca.

gio ha detto...

un' pò di curiosità.....leggendo quà e là su bloom energy......ci sono molte similitudine con rossi........ nella presentazione del prodotto .......countdown sul loro sito precedentemente alla presentazione del prodotto.....scarsa conoscenza del funzionamento del mezzo....un' alone di segretezza anche qui.........anche se ha avuto presentazione ufficiale davanti al governatore schwarzy..........sembra lo stesso copione di rossi riveduto e corretto!......mah??!?!?!?

Fr@ncesco CH ha detto...

Gdmster ha detto...
@Fr@ncesco CH

Tu davvero pensi che articoli di questo tipo contribuiscano alla causa?

______________________


Non c'è alcuna causa. E' la segnalazione di un quotidiano che ha pubblicato un articolo sull'E-Cta. Stop.

tia ha detto...

:)

Gdmster ha detto...

@Fr@ncesco CH
Era una richiesta di un tuo commento, mica un'accusa. La riformulo così: non credo che Rossi possa trovare giovamento da un articolo come questo. E ti chiedo scusa se mi sono espresso male.

mario massa ha detto...

Scusate se sono un vecchio rincoglionito, ma con il fatto che Daniele pubblica un post al giorno o quasi non capisco più come si fa a continuare un discorso con qualcuno (con Carlo Ombello, e poi dovevo una risposta a Vettore):il post dove fino a ieri si scrivevano la maggioranza dei commenti è chiuso: adesso se voglio rispondere a Carlo dove lo cerco?) Si saltella di post in post con argomenti che non centrano nulla coi post di Daniele? O basta, scaduto il tempo adesso si parla d'altro? O uno deve scorrere decine di post per vedere se e dove quel tale ti ha risposto?
O forse uso male il blog e c'è qualche utility che non conosco?

Max Altana ha detto...

no mario, è che il caos regna anche fuori da via dell'elettricista

Quasichimico ha detto...

basta un crosspost in tutti i post(che sono tutti aperti) per essere sicuri di essere letti anche da chi non ha le notifiche.

mario massa ha detto...

@Quasichimico
"basta un crosspost in tutti i post(che sono tutti aperti) per essere sicuri di essere letti anche da chi non ha le notifiche."

Per favore traduci a uno che di queste cose non capisce niente!

mario massa ha detto...

"chiuso" intendevo che non ci scrive più nessuno: il concetto è che ogni tanto si ha una transumanza su altro post?

Tizzie ha detto...

@mario massa: credo che la maggior parte delle persone abbia le notifiche attivate. Questa opzione si abilita contrassegnando la casella "invia i commenti di risposta per email" quando si scrive un messaggio. La descrizione e` fuorviante: vengono inviati per email tutti i nuovi messaggi successivi in quel blog post, non necessariamente in risposta al proprio messaggio.

Quasichimico ha detto...

nel caso in cui la persona non abbia le notifiche basta un copia/incolla di quello che devi postare nei commenti degli ultimi 4-5 post.
Nessuno se la prenderà per il surplus di CO2 prodotto.

mario massa ha detto...

@Tizzie
quindi se lo attivo mi arriva una valanga di EM (ci sono post con più di 1000 commenti!), fra le quali devo cercare una eventualmente rivolta a me come risposta? E cosa è il crosspost di Quasichimico?

Quasichimico ha detto...

scritto sopra

mario massa ha detto...

@Quasichimico
Grazie. Però mi sembrava un metodo un po invadente.

mario massa ha detto...

@Carlo Ombello
@Daniele
Ho visto il video del link dato da Carlo. (in un post precedente) Ho notato le seguenti cose (la prima è FONDAMENTALE)

1 – qualcuno ha misurato la temperatura dell’uscita del secondario alla fine del tubo: si può risalire a chi era per chiedergli se la temperatura coincideva con Tout, così forse risolviamo il problema del posizionamento della sonda?

2 – il piombo (molto sottile) era completamente esterno all’E-Cat e non in grado di cedere calore all’acqua: ma non aveva detto che serviva a termalizzare i gamma?
3 – lo dico tanto per dire, ma davvero Rossi crede che con 3.5kW si scaldano tre appartamenti da 150m2?

4 – Guardando dentro all’E-Cat non capisco perché dici che deve contenere 70 litri: 50x50x15cm = 37 litri a cui devi sottrarre il generatore interno con aletta e tutto. Poi comunque il volume era stato misurato da Mats guardando il tempo necessario per riempirlo.

5 – la risposta di Rossi relativa alla pressione interna non mi pare chiarificatrice: quando chiedi a uno che pressione c’è dentro a un serbatoio e quello ti dice 1 bar normalmente intende che è in pressione a 1 bar relativo, altrimenti si risponde “a pressione ambiente”. Trovami un manometro per uso comune che parte da 0 assoluto: si usano solo in certi campi ove si usa anche il vuoto (per esempio nel mio settore nei concentratori). Però strano com’è può anche darsi che usi normalmente gli ata.

Tizzie ha detto...

@mario massa: io ho attivato una regola nel client di posta che sposta tutte le notifiche provenienti da 22passi per e mail in una cartella speciale. Quelle piu` vecchie di tot giorni (io ho impostato una settimana) vengono cancellate automaticamente.
Cosi` leggo tutto velocemente e non si intasa nulla.

Se devo fare una ricerca, con il client di posta trovo subito quello che mi serve.

mario massa ha detto...

@Tizzie
Grazie, proverò anch'io.

Il Santo ha detto...

@daniele
@massa

Perche' non usiamo sempre l'ultimo post per discutere? Probabilmente saremo OT ma almeno si evita di saltellare da una parte all'altra lasciando a metà le cose.

@Daniele

Perchè non apri un forum sull'argomento e-cat, magari è più gestibile. Con l'esplosione delle visite e dei commenti la struttura "a blog" sta mostrando qualche limite.

ant0p. ha detto...

mario massa:---qualcuno ha misurato la temperatura dell’uscita del secondario alla fine del tubo: si può risalire a chi era per chiedergli se la temperatura coincideva con Tout, così forse risolviamo il problema del posizionamento della sonda?-----

si, ho visto nel video completo di rcdc, una misura all'uscita dovrebbe essere abbastanza attendibile, anche se il tubo è lungo: la portata era alta e la differenza tra i possibili 30° dell'acqua e l'ambiente esterno non era alta, però a quel punto potrebbe venire il dubbio sulla temperatura dell'acqua in entrata nel secondario: dov'era la termocoppia della Tin del secondario?:)) purtroppo il problema vero è il basso deltaT, ma a parte quello a quest'ultima prova una minima dignità preliminare gliela do..ovvio che non si va da nessuna parte se non ci sono conferme in esperimenti fatti in ambiente esterno al capannone e controllato da terzi..però è meglio così che col vapore: soprattutto perchè penso che lì fuori intorno al tombino c'era sempre qualcuno e insieme al contatore/flussimetro sono due elementi che almeno danno una certa affidabilità sulla portata media del secondario. sul deltaT probabilmente non ne usciremo..si spera che presto ci siano prove fatte meglio, sperando che spazzino via i dubbi..penso che nemmeno la prova del megawatt sia definitiva, che poi è tra poco..rossi questi giorni dovrà pure cominciare a accenderlo questo container, rispetto a settembre stavolta sembrava più completo, almeno i fili sembravano semicollegati. ma per confermare che farà la presentazione deve accenderlo e tenerlo in funzione almeno 24-48 ore un po' di volte, mica può pensare di invitare cani e porci e accendere l'impianto per la prima volta davanti a tutti:))

Gdmster ha detto...

@Carlo Ombello
Visto che la tua descrizione in potenza entrante/temperatura è quella che meglio racconta la demo del 6/10 ti sei dato una ragione per la scomparsa dei kink (cambi di inclinazione) che nel report di Levi indicavano la partenza della reazione e l'andamento a pieno regime?

Gdmster ha detto...

sulla portata del secondario io non ho molti dubbi almeno per livelli di precisione non elevatissimi; il valore medio da flussimetro integrale è in ottimo accordo con le misure puntuali effettuate

Il Santo ha detto...

Qualcuno ha controllato se il numero di stroke della pompetta gialla in ingresso e' compatibile con la portata dichiarata?

Qualcuno dei presenti ha ascoltato con continuità il rumore del gorgoglio per ebollizione?

Scusate se chiedo cose già dette in altri commenti.

sandro75k ha detto...

io so che hanno buttato anche la pasta, ed era sempre al dente....

Fr@ncesco CH ha detto...

NUOVO ARTICOLO DE IL SOLE 24 ORE:

http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2011-10-13/fusione-fredda-sfida-continua-210440.shtml?uuid=AaIpikCE

jo ha detto...

Segnalo:


http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2011-10-13/fusione-fredda-sfida-continua-210440.shtml?uuid=AaIpikCE

jo ha detto...

ops non mi ero accorto che avevano già segnalato...mi scuso.

jo

Merlian ha detto...

Scusate, forse sarà già stato data una risposta a questo quesito, ma io non me ne ricordo:
Si è parlato di una possibile configurazione in serie degli e-cat nell'impianto da 1 MW, ma non riesco a comprendere come si possa ottenere così un incremento della potenza rispetto ad una configurazione in parallelo; forse un risparmio nel tempo necessario per riscaldare l'acqua in entrata nel modulo successivo? Ma questo risparmio vale solo in fase di avviamento e non in quella di autosostentamento!? In questo caso se ho compreso bene si dovrebbe convogliare l'acqua non evaporata dal primo e-cat al secondo e miscelarla con acqua fredda per riequilibrare la portata del flusso!? Non essendo un tecnico mi faccio molte domande alle quali voi avrete sicuramente una risposta semplice e vi sarete sicuramente già fatto un'idea, magari qualcuno ha o potrebbe preparare uno schema di come dovrebbero essere implementati i vari moduli? e nel calcolo dell'energia consumata/creata di quanto incide il consumo d'acqua? almeno qui a Bruxelles l'acqua la paghiamo profumatamente. Grazie e scusate per l'ignoranza...

gio ha detto...

ecco chi ha prodotto il video su ecat.com dell'esperimento a bologna :

http://www.hi-defproductions.com/

Mark Hugo
October 11th, 2011 at 9:12 PM
Watching the High Def Production of Oct. 6th. This is the 11th and this thing flows like a movie made by Lucas or Spielberg.

BRAVISSIMO A. Rossi. You are a “ROCK-A-THE-STAR”.
Mark H.



... produzione in Italia e strategia della comunicazione negli Usa?...inverosimile......la produzione sta negli usa!!!!!

Yoda ha detto...

@TUTTI i possibilisti, fiduciosi, ottimisti, speranzosi, credenti, ecc.
Mi rivolgo a voi per questa semplice domanda: se l’e-cat funziona in qualche modo, pur con tutti i limiti che può avere una tecnologia ancora da sviluppare (rendimento, stabilità, ecc.), non sarebbe opportuno che la tecnologia rimanesse in Italia?
Vedo con un certo dispiacere che i possibili compratori/finanziatori di Rossi sono sempre stranieri (prima greci, poi americani, poi…..). Possibile che in Italia nessuno si faccia avanti? In fondo la tecnologia e gli sviluppatori sono italiani! Non è una questione di campalinismo anche perché in questo momento storico non credo che si possa essere molto fieri di essere italiani, tuttavia la crisi incombe ed il nostro paese è uno di quelli che rischia di più a livello mondiale per una serie di motivi che sappiamo bene.
A me dispiacerebbe molto che se in un prossimo futuro si dimostrasse che i fenomeni LENR sono in grado di risolvere i problemi energetici dell’umanità e che la tecnologia alla base di essi finisse in mano ad una multinazionale americana piuttosto che rimanere “in casa”.
Mi chiedo se non possiamo fare un po’ di più per sollecitare l’interesse da parte della politica e dell’industria italiana. Forse ciascuno di noi, anche nel suo piccolo, può tentare di attivare i canali giusti, nella speranza che Rossi possa ottenere dei finanziamenti (che a quanto pare sono adesso il suo obiettivo visto che fino ad ora ha pagato tutto di tasca sua ed ha finito i quattrini…). La questione è molto delicata perché ovviamente il punto rimane sempre: ”io prima vedere cammello e poi dare soldi”, su questo non ci piove.
Che ne pensi Daniele, puoi scrivere un post su questo?

Simone ha detto...

@Daniele

Ti faccio i più sinceri complimenti per il lavoro che fai sul blog, grazie! Il tempo ti sta dando ragione :))


@Tutti

A chi possa rispondere, vorrei chiedere gentilmente se l'indirizzo info (AT) journal-of-nuclear-physics.com è quello giusto per contattare Andrea Rossi. Grazie in anticipo :)

Ciao a tutti,
Simone

paitnicola ha detto...

@yoda
>non sarebbe opportuno che la tecnologia rimanesse in Italia?
magari! ci spero tanto anch'io

perchè non ci sono finanziatori in Italia? Non lo capisco neanche io. Personalmente sarei disposto a partecipare a un consorzio

Max Altana ha detto...

Se Rossi avesse evitato di incartarsi con le sue menate e avesse messo tutto in mano al DF sin dall'inizio, avrebbe avuto meno difficoltà ad avere un brevetto e i finanziatori privati sarebbero venuti fuori automaticamente.

prendetevela con Rossi e con le sue strategie geniali.

paitnicola ha detto...

@Max Altana
personalmente non posso prendermela con Rossi, ha messo soldi suoi e chissà quali altri problemi ci sono intorno che noi non sappiamo... da esterno posso concordare con te, spero nella riuscita del suo progetto

Vettore ha detto...

@Yoda
Mentre qui erano tutti intenti ad accusare Rossi di frode e di reati vari (cosa che in parte continua ancora), dall'altro lato dell'oceano qualcuno era pronto a sborsare una barca di soldi, consapevole del rischio che correva. C'è altro da aggiungere? :-(
Io al posto di Rossi avrei fatto la stessa cosa (anzi, mi è capitato, e stavo proprio per farlo! Poi per fortuna il cliente italiano l'abbiamo trovato...).
Tieni presente comunque che se Rossi non cede il brevetto, ma concede solo i diritti di licenza non esclusiva al customer americano, potrebbero esserci anche altri licenziatari europei e italiani.
Mi piacerebbe parlare con Rossi di questi apsetti, e mi piacerebbe fare con lui qualche discorso più dettagliato sul piano economico/industriale/commerciale.
Ma credo che per ora abbia vincoli di riservatezza a riguardo...

mau ha detto...

su vortex c'è una analisi dell'ultimo test di tale bob higgins di motorola (ho cercato è ho trovato questo robert higgins - Managing Director
Wireless Security Services Division).

dichiara che il suo è un interesse personale ma che gli piacerebbe coinvolgere la società in futuro...

giusto per confermare che le orecchie si stanno rizzando

Fr@ncesco CH ha detto...

Fosse Google fa fantomatica società, allora Motorola sarebbe già interessata anche se lui non lo sapesse : )

Fr@ncesco CH ha detto...

http://ecatnews.com/?p=1039

Hello Mr. Lewan,

I am enclosing my spreadsheet analysis of the data you published for Ing. Rossi’s October 6 test at U. of Bologna of his E-cat. In this analysis, I tried to incorporate reported items such as water leakage, heat loss through the insulation, difference in source water temperature and the water temperature of Tin, and the final energy stored in the E-cat when the experiment was terminated. If you have the occasion to look through this analysis, I would appreciate hearing of anything you find that may not be consistent with your observation as a first hand witness to the test. You are welcome to share this with others that may also be able to evaluate the analysis for missing features or wrong calculations.

We considered the possibility of contamination of the Tout by the hot water/steam of the heat exchanger primary input. However, because the secondary water was flowing up out of the secondary outlet and out of the brass header, and the contamination primary heat would have to pass this water to reach the thermocouple, and because the flow rate was high in the secondary, heat from the primary inlet would quickly be diverted into the secondary outlet water. Thus, very little of this contamination heat would make it to the thermocouple and cause temperature error – we regarded it as a possible minor second order error. If you draw a cross-section picture of this pipe and the flowing water, you can see how possible contamination heat from the primary inlet would likely terminate in the secondary outlet water long before reaching the thermocouple.

I would agree with everyone else that there was much that could have been improved the experiment, but the real point now it to understand the data we have and determine what information that can be derived from it with confidence.

It is interesting now how the skeptical criticism on the net seems to be switching from “doesn’t work at all” to “doesn’t work with acceptable commercial COP”. Are the skeptics now convinced there was large scale excess energy? In and of itself, this is a physics shattering breakthrough. It is clear from the data that the COP would have been much higher if the test had been run for a longer period. I am personally excited by the results and data from the experiment.

Thanks to Ing. Rossi for hosting the experiment – he was under obligation to no one to do the experiment – and to you for reporting the data.

Regards,
Bob Higgins
Motorola Solutions

Diego ha detto...

Linko la pagina suggerita da mau:

http://www.mail-archive.com/vortex-l@eskimo.com/msg52921.html

Fr@ncesco CH ha detto...

http://ecatnews.com/?p=1039

Hello Mr. Lewan,

I am enclosing my spreadsheet analysis of the data you published for Ing. Rossi’s October 6 test at U. of Bologna of his E-cat. In this analysis, I tried to incorporate reported items such as water leakage, heat loss through the insulation, difference in source water temperature and the water temperature of Tin, and the final energy stored in the E-cat when the experiment was terminated. If you have the occasion to look through this analysis, I would appreciate hearing of anything you find that may not be consistent with your observation as a first hand witness to the test. You are welcome to share this with others that may also be able to evaluate the analysis for missing features or wrong calculations.

We considered the possibility of contamination of the Tout by the hot water/steam of the heat exchanger primary input. However, because the secondary water was flowing up out of the secondary outlet and out of the brass header, and the contamination primary heat would have to pass this water to reach the thermocouple, and because the flow rate was high in the secondary, heat from the primary inlet would quickly be diverted into the secondary outlet water. Thus, very little of this contamination heat would make it to the thermocouple and cause temperature error – we regarded it as a possible minor second order error. If you draw a cross-section picture of this pipe and the flowing water, you can see how possible contamination heat from the primary inlet would likely terminate in the secondary outlet water long before reaching the thermocouple.

Fr@ncesco CH ha detto...

I would agree with everyone else that there was much that could have been improved the experiment, but the real point now it to understand the data we have and determine what information that can be derived from it with confidence.

It is interesting now how the skeptical criticism on the net seems to be switching from “doesn’t work at all” to “doesn’t work with acceptable commercial COP”. Are the skeptics now convinced there was large scale excess energy? In and of itself, this is a physics shattering breakthrough. It is clear from the data that the COP would have been much higher if the test had been run for a longer period. I am personally excited by the results and data from the experiment.

Thanks to Ing. Rossi for hosting the experiment – he was under obligation to no one to do the experiment – and to you for reporting the data.

Regards,
Bob Higgins
Motorola Solutions

Fr@ncesco CH ha detto...

I would agree with everyone else that there was much that could have been improved the experiment, but the real point now it to understand the data we have and determine what information that can be derived from it with confidence.

It is interesting now how the skeptical criticism on the net seems to be switching from “doesn’t work at all” to “doesn’t work with acceptable commercial COP”. Are the skeptics now convinced there was large scale excess energy? In and of itself, this is a physics shattering breakthrough. It is clear from the data that the COP would have been much higher if the test had been run for a longer period. I am personally excited by the results and data from the experiment.

Thanks to Ing. Rossi for hosting the experiment – he was under obligation to no one to do the experiment – and to you for reporting the data.

Regards,
Bob Higgins
M o t o r o l a S o l u t i o n s

Francesco ha detto...

Sul blog di Franchini c'è ancora qualcuno che parla di batterie.
C'è qualcuno dei partecipanti al test del 6 ottobre che può spiegare una volta per tutte che l'e-cat è stato aperto completamente?
E magari dire anche quanto erano grandi le parti che non sono state aperte?

Max Altana ha detto...

Ottima domanda, Francesco...

purtroppo i report di Lewan e Zreick da questo punto di vista non sono sufficentemente esaustivi.

purtroppo Rossi non ha consentito foto dell'accrocchio aperto, quindi rimangono solo le testimonianze dei presenti.

Teknico ha detto...

Ora faccio scatenare i complottisti delle batterie :)

In realtà la vera invenzione di Rossi sono delle nanobatterie biodegradabili attivate da radiofrequenze.
Il trucco è il seguente:
Nel flusso in entrata del primario si mescolano queste nanobatterie (per questo anche il primario era un circuito aperto) che una volta arrivate nel e-cat vengono attivate dal generatore di frequenze, rilasciano calore e iniziano a degradarsi (non del tutto, ecco spiegato il Kg in più alla pesatura finale) senza lasciare alcuna traccia.
Vi sembra abbastanza grossa come stron....?
Vediamo se i "batteristi" sanno fare di meglio :)

gp_moon ha detto...

@gio
Se si geolocalizzano

www.ecat.com
hydrofusion.com
www.hi-defproductions.com

si evince che provengono tutti dalla stessa zona tra il new messico e l'arizona. Tra l'altro i primi due appertengono esattamente dallo stesso provider ISP
La zona e' molto vicina ai famosi LANL laboratori di Los Alamos. Forse e solo una coincidenza

Diego ha detto...

@gp_moon

Anche il sito www.e-cat.com che indirizzava ad una pagina di KPCB risultava risiedere in un server in Arizona. Risultava perchè ora la pagina non è più accessibile, compare ils eguente messaggio:

Accesso negato!

Non disponi dei permessi necessari per accedere all'oggetto richiesto, oppure l'oggetto non può essere letto dal server.

Se pensi che questo sia un errore del server, per favore contatta il webmaster.
Error 403
www.kpcb.com
Fri Oct 14 11:37:32 2011
Apache/2.2.17 (Unix) PHP/5.2.5 with Suhosin-Patch mod_ssl/2.2.17 OpenSSL/1.0.0d mod_apreq2-20051231/2.6.0 mod_perl/2.0.4 Perl/v5.8.9

Gdmster ha detto...

@Il Santo
Con le stroke della pompa non ci fai molto. E' una pompa della LMI Milton Roy usata per misure (pompa dosimetrica). Lewan riporta la sigla NSF CEP183-362N3: NSF è una cerificazione così pure CE la pompa è il modello P183 dove 3 indica l'alimentazione europea. Ha, questa è la ragione per cui con le stroke non ci fai molto, due gradi di libertà (regolazione): numero di colpi e durata degli stessi, regolabile con continuità tra il valore minimo 0,2 e quello massimo 1. In pratica puoi ottenere con quasi continuità ogni portata tra 0,024 l/h e 12,1 l/h. La predisposizione doveva essere uno dei dati di misura, ma sembra non sia stata rilevata né chiesta esplicitamente.

Fr@ncesco CH ha detto...

Nuovo video, girato da Focus, sul test del 6 Ottobre 2011:

http://www.focus.it/scienza/e-cat-l-energy-catalizer-di-andrea-rossi-il-video-del-test-del-6-ottobre-2011-975_C7.aspx

http://www.youtube.com/watch?v=RF8ifZZ_iVo

Loyola ha detto...

dal mio punto di vista, il punto di vista di un profano delle cose di scienza che da mesi segue l'evolversi di una vicenda la quale potrebbe concludersi con una svolta decisa nel cammino del consorzio umano, salvando quest'ultimo dal baratro che si intravede, il problema è quello di trovare una spiegazione capace di tenere assieme cose che assieme sembrano non stare, ma che siccome assieme stanno, sono virtualmente spiegabili.
E così, da una parte finanziatori che appaiono e scompaiono, test terzi che latitano o l'interruzione precoce della prova ultima scorsa, quando qualche altra ora in autosostentamento avrebbe fugato molti dei dubbi che gravano sulla vicenda e-cat (trattandosi di l.e.n.r. non può essere un problema di "combustibile" esaurito, suppongo), ma dall'altra l'interesse perdurante di persone estremamente qualificate, del Prof. Levi ad esempio, i cui titoli formali sono sufficienti ad escludere ogni dubbio circa la sua competenza nel settore e la cui totale onestà è, per me, manifesta.
A quest'ultimo gruppo di fatti appartiene anche la considerazione (la più forte per un profano) che una eventuale azione in mala fede, sarebbe truffa a danno di soggetti economici di dimensioni considerevoli, con i loro studi legali internationali, di eguali dimensioni, ovviamente; anche il solo tentativo vorrebbe dire la rovina dell'Ing. Rossi, sarebbe una forma di suicidio assai dolorosa, fortememte sconsigliabile; è la questione del cui prodest scelus, insomma.
Una spiegazione plausibile, una teoria capace di sistemare i fatti contrastanti che vedo nella vicenda, mi sembra possa essere quella che Andrea Rossi abbia effettivamente trovato il modo, scoperto la via per produrre energia pulita, a basso costo, in quantità praticamente illimitata, ma che abbia bisogno dei mezzi tecnologici e quindi dei finanziamenti per percorrere quella strada fino in fondo, per avere in mano un processo stabile, sotto controllo e governabile, quindi commerciabile.
Questo potrebbe spiegare perché ancora insista con dimostrazioni "domestiche", perchè non abbia rapidamente messo la macchina nelle mani di una Università, o perché abbia interrotto precocemente la dimostrazione dell'altro giorno.
Se questa fosse la spiegazione, la "contraddittorietà" dei fatti potrebbe giustificarsi alla luce della difficoltà che l'Ing Rossi dovrebbe in una tale evenienza superare: allo stesso tempo vuole dare la prova di poter realizzare un e-cat perfettamente funzionante allo scopo di assicurarsi i finanziamenti che gli necessitano e senza rivelare o mettere a rischio il segreto industriale, ma d'altro canto senza quei finanziamenti non può completare l'opera.
Questa è l'unica spiegazione che sono riuscito ad immaginare idonea, mi pare, a tenere assieme tutti i fatti, apparentemente discordanti, che conosco.
Devo dire, in verità, che la storia delle invenzioni moderne e, peggio, l'attuale assetto economico-politico, di potere del pianeta, fonderebbero più che a sufficienza i timori dell'Ing. Rossi, anzi...
Io spero che questa ipotesi, che valuto discretamente plausibile, venga confermata, lo spero per le future generazioni.
Il consiglio che darei all'Ingegnere è quello di precostituirsi una pluralità di strumenti probatori validi, anche con metodi non del tutto ortodossi, utili a dimostrare, un domani, all'occorrenza, che il primo è stato lui; l'accorgimento dovrebbe garantirgli quantomeno il suo nome nei libri della Storia, accanto a quelli di Volta, Marconi e degli altri di pari statura.
Infine, io penso che gli scienziati, i ricercatori, debbano necessariamente avere due caratteristiche, una culturale, filosofica, l'altra personale, ovvero, e rispettivamente, il dubbio come unico dogma ed una inesauribile curiosità; spero ce ne siano molti in giro, di scienziati di tal fatta ma, fondati sulla mia esperienza, in merito nutro seri dubbio.

Max Altana ha detto...

ma che bel pistolotto!

gio ha detto...

@ gp moon
>Se si geolocalizzano

www.ecat.com
hydrofusion.com
www.hi-defproductions.com

si evince che provengono tutti dalla stessa zona tra il new messico e l'arizona. Tra l'altro i primi due appertengono esattamente dallo stesso provider ISP
@ diego
>Anche il sito www.e-cat.com che indirizzava ad una pagina di KPCB risultava risiedere in un server in Arizona.


.....il concetto che alla fine la strategia della comunicazione è pensata e prodotta negli usa.....difficile pensare che la produzione avverrà in italia... qui fanno i test con il prototipo .......la produzione avverrà negli usa da qualche parte al riparo da occhi indiscreti.....potrebbe essere già stata avviata...che ne sappiamo noi qui nelle province dell'"impero":).........sarebbe curioso sapere da daniele se ha notato quanti erano gli operatori che hanno lavorato per rossi il 6 ottobre e se provenivano dagli usa??

mario massa ha detto...

@AntOp
Secondo me ti sbagli: è chiaro che un delta T più alto avrebbe fugato tutti i dubbi, ma se qualcuno ha misurato la temperatura alla fine di quel tubo (anche se mi pare abbia usato un orologio e bisognerebbe sapere che precisione ha), e coincide con quella di Rossi 1 a 0 per Rossi. Se è 2 o 3 °C in meno cominceranno le discussioni, ma qualche dubbio verrà anche ai più fiduciosi. Il problema della Tin è minore, perchè il montaggio ha scarsa importanza: Rossi avrebbe dovuto starare volutamente la sonda, cosa che ritengo improbabile.
Per la differenza di temperatura tra 10 cm dopo l'uscita scambiatore e fine tubodi 10 metri ne ho già parlato: in quelle condizioni al massimo 0.05°C.

mario massa ha detto...

@Merlian
"Si è parlato di una possibile configurazione in serie degli e-cat nell'impianto da 1 MW, ma non riesco a comprendere come si possa ottenere così un incremento della potenza rispetto ad una configurazione in parallelo"

Nel container si vede chiaramente che gli E-Cat sono collegati in parallelo.
La configurazione serie non cambia la potenza, ma permette di raggiungere temperature più elevate (con portate minori). E' la configurazione che Rossi sarà costretto ad adottare quando deciderà di produrre energia elettrica (sempre che funzioni).

mario massa ha detto...

@Yoda
"Mi rivolgo a voi per questa semplice domanda: se l’e-cat funziona in qualche modo, pur con tutti i limiti che può avere una tecnologia ancora da sviluppare (rendimento, stabilità, ecc.), non sarebbe opportuno che la tecnologia rimanesse in Italia?"

Se l'E-Cat funziona! Ti posso garantire che se Rossi avesse dimostrato senza ombra di dubbio che l'E-Cat funziona, l'azienza (o meglio il consorzio di aziende) italiana interessata ci sarebbe già. Comunque stai tranquillo che se l'E-Cat funziona veramente, verrà prodotto in tutto il mondo. Io sono un superscettico: per me in base alle prove fatte fino ad ora non c'è alcuna prova che l'E-Cat eroghi 1 W in più di quelli che entrano. Ma non c'è neanche nessuna prova del contrario.

Carlo Ombello ha detto...

***

Nuovo commento di Defkalion sul loro forum:

http://defkalion-energy.com/forum/viewtopic.php?f=4&t=313

***

Dakuro ha detto...

E così, da una parte finanziatori che appaiono e scompaiono, test terzi che latitano o l'interruzione precoce della prova ultima scorsa, quando qualche altra safemeds uscita scambiatore e fine tubodi 10 metri ne ho già parlato: in quelle condizioni al massimo 0.05°C.

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails