Siamo appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Siamo uno specchio capovolto della realtà, fuori c’è il patriarcato qui una "società gilanica", fuori c’è il petrolio qui siamo pro E-Cat: per previsioni sull’esterno invertite (quasi) sempre i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

BACHECA DEL BLOG

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

lunedì 18 dicembre 2017

Stockholm, Sweden, June 18-19 2018, NEWS - New Energy World Symposium

Dal 2011 a oggi, seguendo il filone delle ricerche sulle Low Energy Nuclear Reactions, ho avuto modo di capire perché l'Italia, negli ultimi 30 anni sia potuta precipitare così in basso, nei servizi, nelle infrastrutture, nell'educazione, nella cultura, nella scienza, nella politica ecc.
È una cartina di tornasole davvero rivelatrice osservare come in Italia chi ritiene di poter parlare a nome della scienza reagisca di fronte all'idea stessa delle LENR, di fronte cioè alla massa crescente, proveniente da ogni parte del mondo, di indizi di un'intera nuova vasta categoria di fenomeni nucleari naturali. Le LENR sono dei fenomeni irriverenti: non si vergognano di verificarsi pur contraddicendo i "fondamentali" insegnati all'università ai corsi chimica e fisica nucleare! Pertanto, la reazione standard alle LENR degli "esperti" dello Stivale è negare a priori la possibilità che esistano e concludere, per esclusione, che possono essere solo  frutto di errore o di frode, tertium non datur.

È quasi un bias cognitivo inconscio quello che porta fin troppe persone a dimenticare quante volte sia già successo che l'occhio indagatore della scienza, talvolta ahimé fin troppo rigido, non sia riuscito per molto tempo a mettere a fuoco un nuovo paradigma scientifico, restando ancorato per inerzia al precedente. 
La NASA in USA, Airbus in Europa, Mitsubishi e Nissan in Giappone ecc. si interessano di LENR e sfornano articoli e richieste di brevetto al riguardo? 
Sicuramente - rispondono i negazionismi delle LENR - si tratterà di pochi ricercatori fuori di testa che, lavorando per queste organizzazioni, ne usano loghi e carte intestate senza che le organizzazioni stesse ci facciano caso! Lette le richieste di brevetto, i negazionisti le trovano ridicole, illogiche, mal fatte; nemmeno prendendo in considerazione l'idea che, cambiando prospettiva, tutto potrebbe acquistare un senso. Basterebbe che svuotassero solo un pochino la loro tazza già colma e traboccante di scienza, per permettere a qualche nuova idea, migliore, di soppiantare quelle inadatte ai nuovi ambiti di studio.

Poiché la mia tazza è vuota, posso permettermi di "sedere dalla parte del torto", e mi sento pure in ottima compagna.
A Stoccolma, per esempio, il 18 e 19 giugno 2018 si terrà il NEWS* - New Energy World Symposium, proprio per affrontare le implicazioni date, su industria, sistema finanziario e società, dalla disponibilità di una fonte di energia  abbondante, economica, priva di emissioni di CO2, semplice e pulita. Implicazioni potenzialmente dirompenti quanto quelle della digitalizzazione, se non di più. 

Tra gli speaker troviamo già:
1) Mats Lewan. Author, science and technology journalist and international speaker. Lewan has been a senior staff writer at the Swedish technology weekly Ny Teknik for 15 years. In 2011 he was the only journalist in mainstream media to report regularly on the new energy source and in his book An Impossible Invention he tells the story of what he saw and learnt behind the scenes. At the symposium, Lewan will be the moderator. He holds a MSc degree in Engineering Physics from the Royal Institute of Technology in Stockholm.  
2) Bob Greenyer. Serial entrepreneur with a background in the pharmaceuticals, advertising, adult education and finance industries, and also Managing Director of Green Child Imaging Solutions Pvt. Ltd. Greenyer holds a Bachelor of Engineering from Brunel University, London, UK, and he is co-founder of Martin Fleischmann Memorial Project, MFMP—an international group that aims at creating repeatable and conclusive experiments within LENR, building its work on open science where results and methods are published in real time on the Internet. 
3) John Joss. Author, journalist, and entrepreneur. Joss has been writing about technology worldwide for major media, primarily in the areas of computing, energy, and aviation. He has participated in the founding of a dozen high-tech startups in Silicon Valley. He is the author of a dozen books, fiction, and nonfiction. 
4) David Orban. Investor, entrepreneur, author, keynote speaker, and thought-leader of the global technology landscape. Orban is the Managing Partner of Network Society Ventures, a seed stage global venture investment firm, focusing on disruptive technology-based companies that are leading the transformation from the post-industrial age to the Network Society. He is a member of the Faculty of, and Advisor to the Singularity University, an interdisciplinary university whose mission is to assemble, educate and inspire leaders who strive to understand and facilitate the development of exponentially advancing technologies in order to address humanity’s grand challenges, and the Founder and Trustee of Network Society Research, a London based global think tank analysing the socio-economic consequences of decentralisation. 
5) Jim Dunn. President of Energy Technology Consultants, and past Director of NASA’s NE Regional Technology Transfer Center. Dunn has over 35 years experience in a variety of high technology ventures, with companies from startups to Fortune 100 companies like IBM and Exxon. His technology specialty fields include Alternative and Renewable Energy, Hydrogen and Fuel Cells, Advanced Energy Storage techs., Solar PV technology, Free Energy devices, and LENR technology. In addition to being an inventor of the laptop, Dunn holds a number of patents in the battery and energy storage field, and led the development of the World’s First manned Fuel Cell powered Electric Airplane, the ‘E-plane’. 
6) Thomas Grimshaw. Research Affiliate at The Energy Institute, The University of Texas at Austin. Dr. Grimshaw currently works in energy policy, with emphasis on emerging energy technologies, particularly on cold fusion or LENR as a major potential source of energy. His policy work has covered both public support for LENR development and proactive planning for dealing with its disruptive impacts, both on the energy industry and on social systems that are closely tied to the energy infrastructure. 
7) John Michell. Serial entrepreneur with a background in financial services and banking. Currently CEO of Loudwater Estate Ltd, an event center in NW London, UK. Michell holds a BSc degree from Loughborough University (UK) in Chemistry and is the author of two books on decentralization, including Rossi’s eCat (2011). He is currently writing The decentralization of Finance. An early adopter of Bitcoin and a lecturer on crypto-currencies and decentralized finance, John is particularly interested in how decentralized energy systems such as the E-Cat can support the security of crypto-currencies so that a truly distributed global financial system can emerge. 
8) Prof. Stephen Bannister. Assistant Professor of Economics at the University of Utah. Bannister is an economist specializing in the role of energy revolutions in causing industrial revolutions and the impact on economic and financial systems. He builds long-range models of economic activity, energy consumption, and consequent financial and environmental impacts. 
9) David Gwynne-Evans. Botanist and bionaut, David Gwynne-Evans, has identified over 100 plant species new to science for his botanical PhD. He is founder and CEO of CASABIO, The Home of Biodiversity. His aspirations include establishing the longest and most species-rich nature reserve in the world, developing radical new software that aims to revolutionize the way biodiversity is documented, and fostering the uptake of clean energy within Africa. This latter project, called ElecTrek, aims to be the first trans-Africa expedition in electric cars aided by promising new technologies including LENR. 
10) Prof. David H. Bailey. Mathematician and computer scientist, recently retired from the Lawrence Berkeley National Laboratory and currently a Research Fellow at the University of California, Davis. Bailey’s published work of nearly 300 technical papers and six books include studies in high-performance computing, computational mathematics, and mathematical finance. He operates the Math Scholar and Math Investor blogs, and has authored articles on mathematics, computing, science and society for The Conversation and the Huffington Post.
Sembra insomma, vista anche l'accoglienza riservata per l'ennesima volta ad Andrea Rossi il mese scorso, che Stoccolma stia diventando il fulcro della rivoluzione LENR... è forse sentore di riconoscimento Nobel in arrivo?

Lasciatemi sognare di essere un lungimirante Svedese, piuttosto che figlio di una nazione in caduta libera, che non si preoccupa di esportare "cervelli in fuga" e svendere il proprio futuro, ma si preoccupa di importare salme reali dal suo peggior passato, dichiarare guerre sanitarie contro epidemie inesistenti, votare ancora Berlusconi o Renzi o accontentarsi di un Gentiloni sine die...

58 : commenti:

Hermano Tobia ha detto...

Iniziativa interessante, e che probabilmente riserverà qualche sorpresa ... Tra le varie aziende che si interessano di LENR ricorderei anche Nissan, che pare abbia presentato ad una recente conferenza un articolo che descrive una replica riuscita dell'e-cat (stile Parkhomov) ...

Alessandro Pagnini ha detto...

Magari alcuni lavori sono davvero fatti male.
Che però tutti siano a rincorrere farfalle......mah....insomma, qualche domanda io me la farei :-)

Daniele Passerini ha detto...

@Hermano
Tra le varie aziende che si interessano di LENR ricorderei anche Nissan...
;)

@Alessandro
Hai centrato il punto: la posizione di Camillo Franchini, Mario Massa, Barney, Coyaud ecc. è esattamente questa: TUTTI i ricercatori LENR stanno a rincorrere farfalle! Tutte le evidenze raccolte da ogni parte del mondo sono errori da incompetenti o frodi. Per loro è ovvio che non possa essere altrimenti e si stupiscono che ci siano così tante persone, anche qualificate, coinvolte nelle LENR. Credono alla propria interpretazione al punto di auto convincersi che il rasoio di Occam sia dalla loro parte, quando è esattamente il contrario!!! :D

Roberto ha detto...

Il clima italiano l'h descritto bene lo stesso Rosi durante la presentazione in Svezia, quando parlando con una persona intervenuta alla presentazione nella sostanza conferma di aver chiesto di poter fare la presentazione in Italia, e nello specifico alla Sapienza di Roma, ma di esser stato "respinto".

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Daniele

Appunto! Data la mole fi claim ritengo che una sincera apertura di credito a questi fenomeni, andrebbe operata. Almeno quella, perché siamo tutti coscienti che niente é certo, al momento. Diciamo che si dovrebbe almeno reclamare un minimo di rispetto. Partire con l'idea che di sicuro non può essere e se dei dati piuttosto robusti, come le trasmutazioni, indicano che non é così, ci si tranquillizza pensando che hanno barato. Ci sta, ma come ripeto, mi sembrerebbe ragionevole ed equilibrato almeno farsi venire qualche serio dubbio.

domenico canino ha detto...

@roberto
notizia interessante. Non mi sorprende. Puoi aggiungere di più?
@daniele ed alessandro
Tutti quelli che escono in terra incognita, sbagliano. Dunque con questo modo di ragionare non si sarebbe mai dovuto scoprire nulla. Infatti a Galileo dicevano, ma cosa contrasti con le tue osservazione il grande Aristotele! Lui ha detto così nell'antica Grecia e così è. Non si rendono conto di essere ridicoli come i prelati della inquisizione galileiana.

sono solo un misero test ha detto...

@Domenico

penso che Roberto si riferisca alla chiacchierata informale che c'è a un certo punto del video tra Rossi e Neri Accornero: Rossi lo rimprovera scherzosamente che i suoi colleghi della Sapienza non ne vogliono sapere, e probabilmente si riferisce ai fatti noti della conferenza sulle LENR annullate alla Sapienza

domenico canino ha detto...

@ssumt
grazie, gentilissimo.

Daniele Passerini ha detto...

ALIENO NATALE A TUTTI! ��
https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/12/19/gesu-era-un-alieno-mauro-biglino-risponde-lintervista-che-non-dovete-leggere-se-siete-credenti-e-non-volete-rovinarvi-il-natale/4047100/

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Daniele

Eppure realmente molti NON vogliono mettere in dubbio e ipotizzare soluzioni alternative a quelle che li tengono nella zona di comfort. Conosco persone veramente ammirevoli, ma che hanno deciso che per loro sarebbe impensabile mettere in discussione la loro sicurezza nella religione di appartenenza. Lo dicono chiaro che questo assolutamente vogliono evitarlo e che li getterebbe nella confusione. E questo non solo ad opera di Biglino, ovviamente, ma anche di una semplice posizione agnostica o di una religione 'concorrente'. Proprio andrebbero in crisi! Altri sono meno franchi e diretti, forse anche con se stessi, ma seppure in maniera meno appariscente, hanno lo stesso atteggiamento e le stesse inibizioni.

Mario Massa ha detto...

A me pare venga travisato il modo di pensare mio, di Barney, di Ascoli65 e di tanti altri scettici.

Noi diciamo che i dati e i test che sono stati mostrati da tutti (o quasi) i fusionisti in questi 28 anni non hanno quel minimo di attendibilità che si richiede a una grande scoperta scientifica. L'analisi che GSVIT ha fatto del celebre Rapporto41 è un esempio.

Come ho già scritto io accetto anche che il Quantum funzioni o l'esistenza degli extraterrestri se c'è una dimostrazione degna di tale nome. E non ho nulla in contrario che la NASA ricerchi segnali extraterrestri. Ugualmente non ho nulla in contrario che faccia ricerca su alternative alla fusione calda o mediante muoni, ma se presenta un documento come quella richiesta di brevetto (che pare abbia avuto solo io la pazienza di leggere) mi ribello: ma chi vogliono prendere in giro?

Oggi tutti (e immagino anche la NASA) sono alla ricerca di finanziamenti, l'abbiamo visto anche a Bologna quando è arrivato Rossi. Se, al di là dell'energia gratis, la NASA promette metalli trasparenti, non vedete anche voi militari con gli occhi che brillano, pronti a dare soldi come successe, dopo la guerra, con le centrali nucleari che avrebbero prodotto tanto plutonio?

La fusione fredda è come il Bit Coin: sono quasi certo che prima o poi crollerà tutto, ma per ora chi c'è dentro ci guadagna e non ha nessun interesse a fare emergere la verità.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ mario
Personalmente mi sta benissimo che vengano fatte le pulci alle varie demo o richieste di brevetto. E ritengo anche plausibile quello che ipotizzi tu, o barney. Ascoli non so che dica. Non ho bisogno che mi venga presentata una prova x riconoscere, SINCERAMENTE, che una cosa é possibile. Se avessi una prova non sarei costretto ad andare per via indiziaria, sapendo che le mie conclusioni potrebbero essere errate. Dura la vita x gli ignoranti come me ;-) :-D

camillo ha detto...

Breve assenza per vacanze, vedo che c'è ancora un po' di interesse su LENR.
Quando si va verso qualcosa che ESULA dal conosciuto accade inevitabilmente che le contraddizioni presenti vengano confuse con verità negazioniste, comunque la verità emergerà e, a mio avviso è inquadrabile nella teoria già esposta in piccolo, ma provo a generalizzarla.
Ho qui un libro di STEPHEN HAWKING "l'universo in un guscio di noce"
Si parla di molte dimensioni, si dice che 8 o meno renderebbero "matematicamente" instabile quel universo, si postulano almeno 11.
Quindi per esempio: Ad un certo punto, avvenne qualcosa che stravolse quell’equilibrio: sette delle undici dimensioni, pur continuando a esistere, rimasero “arrotolate” mentre le altre si “distesero” nelle tre dimensioni spaziali e la dimensione temporale, ovvero le quattro dimensioni dell’Universo, che noi percepiamo e conosciamo.
Questo è il famoso Big Bang, che la fisica attuale ritiene sia avvenuto circa 14 miliardi di anni fa.
Dico la mia idea, tutto dipende dal punto di riferimento:
- relativamente ad un sistema assoluto NON c'è tempo nè evoluzione, ma eterno presente
- relativamente alla "consapevolezza" (intendo con questo termine l'essenza di un essere che attraverso fasi di crescita) c'è un divenire relativo, e vale il discorso suddetto.
- si può supporre che le dimensioni ipotizzate siano molto più di 11, perchè non infinite? Tutto sta a capire cosa si intende per "dimensione". La definizione può cambiare se vista da un sistema assoluto o da un sistema relativo come la consapevolezza, difficile da quantificare dato che noi siamo già immersi nel divenire relativo.
Per andare sul concreto possiamo postulare che ogni dimensione abbia un coefficiente di pesata che ne determina l'importanza,
Ora lei dice.. "avvenne qualcosa che stravolse quell’equilibrio" si può ipotizzare che l'intervento sia semplicemente una limitazione esplorativa.
Mi spiego usando l'insiemistica: supponiamo le dimensioni come punti disegnati in un piano tracciamo un cerchio che ne racchiuda una parte formando un insieme, SI DECIDE DI PRESTARE ATTENZIONE A SOLO I PUNTI ALL'INTERNO DEL CERCHIO e si guarda le implicazioni. Questo lo si può fare o dall'esterno con visione totale o dall'interno immergendoci nel sistema.
Non c'è creazione se vista dall'esterno, c'è un divenire se visto dall'interno.
Ora noi siamo dentro il sistema e quindi siamo nel divenire, nella separatività quindi giocoforza dobbiamo ragionare su questo per avere una visione utilitaristica.
Io immagino il tutto come un blocco di ghiaccio che galleggia nell'oceano. Supponiamo che alcune dimensioni assumano una pesata 99% cioè vengono poste in primo piano, le tre spaziali e il tempo (quindi come minimo 4) Altre dimensioni vengono oscurate con pesate 1% o 0,001% le possiamo immaginare sotto il ghiaccio. Escludiamo poi un'infinità di altre dimensioni come infinitesimi di ordine inferiore esse formeranno l'acqua su cui galleggia il nostro ghiaccio.
Supponiamo che le dimensioni emerse siano 11 queste, isolate dal resto, interagiscono tra di loro con delle regole che noi chiamiamo Fisica.
Man mano che approfondiamo la conoscenza entriamo in livelli sempre più profondi di interazioni. Io parlo di Fisica del 1° 2° 3° 4° ... n° livello.
Il livello più grossolano Newtoniano è meccanicistico ben ripetibile svincolato dal pensiero e dalla "consapevolezza" che lo esplora. Man mano che si approfondisce, e nello stesso tempo evolve la "consapevolezza", abbiamo che esiste un'interazione tra osservatore ed osservato, fino ad arrivare al punto che l'osservatore intuisce nel profondo il gioco iniziale di separatività (tracciatura del cerchi per racchiudere una parte) scavalca la separatività e crea strutture diverse e apparentemente illogiche rispetto ai primi livelli della fisica.

camillo ha detto...

All'interno di questa evoluzione compare una fisica intermedia che comincia dal 4° livello che è un po' meccanica e un po' apparentemente trascendente, sarà questa fisica che aprirà le porte all'esplorazione spaziale e a molto altro.
Provo a darle una visione.
Immaginiamo che esista un postulato di base che IMPONE che tutto sia in equilibrio in modo che la somma algebrica dia sempre zero.
Ora, se nella materialità in cui viviamo c'è uno squilibrio, l'universo in cui siamo immersi (nato dalla partizione) tenderà a riportare l'equilibrio.
Il punto chiave da capire è questo:

l'equilibrio dovrà essere ristabilito il più presto possibile rispettando le regole che regolano l'interazione tra le dimensioni selezionate in quell'universo, e questo accade, ma la velocità di ripristino dell'equilibrio può variare, dipenderà dal tipo di percorso. Supponiamo che in superficie del nostro ghiaccio immaginari ci sia un disequilibri che porta dallo stato A allo stato B La materia circostante si ridisporrà in modo da mantenere l'equilibrio. Ma nella materialità serve tempo in quanto esiste una sorta di inerzia in ogni cosa.
Ed ecco il punto chiave esiste un tempuscolo d(t) in cui il disequilibrio non è stato ancora raggiunto e quella zona di universo è disequilibrata potenzialmete, nella fisica del 4 livello (suppongo) che si comincia a notare che in quel tempuscolo può esserci una strana azione da parte dell'universo, è come se ci fosse una strada sotterranea più breve per ripristinare l'equilibrio, un percorso più breve rispetto a quello normale della fisica, VENGONO INTERESSATE DIMENSIONI SOTTOSTANTI esse magari agiscono per un brevissimo tempo, tamponano un po' in attesa che l'equilibrio si realizzi con le regole generali della fisica dei primi livelli.
Il primo a rilevare il fenomeno fu Nikola Tesla, ma poi molti altri lo rilevarono.

domenico canino ha detto...

@Mario Massa
Se tu sei galileiano sino in fondo, allora devi affermare che tutte le religioni e tutte le divinità sono fondate sul nulla. E lottare contro i cattolici, gli ebrei, e tutti gli altri per affermare il principio galileiano, che una cosa non esiste se non dimostrata (e ripetuta) sperimentalmente. Quando vedrò gli UNBE usare la stessa acrimonia che usano con Rossi contro il papa od un rabbi od un iman, solo allora avranno io mio rispetto. Altrimenti sarebbero forti con i deboli, e deboli con i forti. Troppo comodo.

domenico canino ha detto...

@Camillo
Ma chi te lo ha detto che l'Universo debba per forza stare in equilibrio? Per me potrebbe stare benissimo in condizioni di disparità di forze ed energie nelle sue molteplici dimensioni. Poi, dalla idea delle tavolette sumere che io ho letto, l'Universo non è mentale, ma esiste in campi vibrazionali diversi, non ha nessuna materia, nessun astro, nessuna galassia, nessun pianeta, solo che l'interfaccia che ci è stata data, legge questi campi vibrazionali e sonori come uomini, materia, pianeti,stelle, galassie. Il livello dei veli (inganni) che ci circonda è talmente fitto che siamo capaci solo di rapportarci al materiale e materico, e non alla vera essenza eterica e vibrazionale dell'Universo. La ipotesi sumera è molto più controintuitiva della tua, e forse troppo fantasiosa, ma se mi arriva dal popolo che ha inventato la ruota, il vino, la birra, la città, l'irrigazione, l'agricoltura organizzata, il sistema sessagesimale, la trigonometria (più avanzate della nostra), gli strumenti musicali, e quasi tutto il resto, sono quasi tentato di credergli...

camillo ha detto...

@Domenico,
che l'universo sia "mentale" lo hanno detto tutti i grandi, io ho visto chiaramente direttamente che lo è. Se mai c'è da capire cosa si intende... in genere la cosa più comprensibile è che esso non è fisso in se stesso ma dipende da come lo si osserva, da che "drive2 di lettura si usa, da che occhiali si indossa. occhiali che scremano grandissima parte di ciò che c'è. Occhiali che sono come sintonizzarci su un'onda portante specifica, ma se cambi sintonia CAMBIA ciò che vedi.
Che l'universo tenda a matenere l'equilibrio... TUTTO ciò che ho visto, studiato, capito lo indica, che la somma sia zero è nella logica.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Domenico
"...Se tu sei galileiano sino in fondo..."

Mario è un grande nel suo settore e io non mi stanco di ripetere quanto siano utili le sue motivate bacchettate a certi entusiasmi troppo facili. Invito tutti a capire quanto sia positivo per il blog avere voci di entrambi gli schieramenti, purchè comunque educate e rispettose dell'altrui punto di vista. Evitando di buttarla in rissa.
Il fatto che molti della sua sponda, ahimè compreso pure lo stesso Mario, abbiano, amio avviso, troppa fiducia nelle proprie idee, non sminuisce il fatto che quando motivano le proprie posizioni in modo convincente, il loro contributo sia prezioso.
Poi, quendo ad esempio si citano le trasmutazioni, tra l'altro anche di tipo inaspettato e mi pare di ricordare 'costose', avute nel TPR2 o dallo stesso Parkhomov (la cui replica è stata facilmente dimenticata anche grazie ad un grafico aggiustato che ne ha un po' minato la credibilità)e in attesa di poter trovare una eventuale falla, si ricorre all'idea della frode tout court, questo non mi pare coerente con il sostenere di volere solo prove ben solide, per essere convinto. Se paiono esserci, infatti, si risolve il problema considerandole tarocche.
Io trovo più normale dire: ok, se i risultati sono quelli, siamo di fronte a un fenomeno nuovo e inspiegabile, ma per prudenza e perchè non si può escludere neppure la frode, prima di cantare vittoria, è bene poter avere altri riscontri.
Sembra la stessa cosa, ma è differente. C'è comunque rispetto per quello che è stato fatto e viene preso in SERIA considerazione, senza cercare di nascondere le potenziali prove sotto il tappeto della frode, perchè così non ci turbano le certezze. Meglio avere dubbi. Io ci vivo bene, non so perchè! :-)
Poi però vedi come vengono messi ai raggi X certi lavori fatti anche da nomi altisonanti (Mizuno, Nasa e gli stessi TPR...) e ti dici: va bene, su certi atteggiamenti probabilmente la vedremo sempre diversamente, ma pazienza, non stiamo a scannarci sul chi è più bravo, chi è più bello e più o meno believer, ma prendiamo il miglior contributo che ognuno può dare.
Quando si parla di questioni tecniche di un certo tipo, Mario e il suo GSVIT vanno ascoltati. Alcune cose ci illumineranno se avremo il coraggio di non essere prevenuti a nostra volta, su altre, meno tecniche e più ideologiche, sappiamo che non la vedremo nel solito modo, ma penso che possiamo stare comunque bene insieme proficuamente e piacevolmente, accettando le nostre diversità.

@ Camillo
@ Domenico

Credo che sia talmente difficile descrivere bene a parole concetti di un certo tipo, che non mi scandalizzerei se si potesse riuscire a non vedere troppe differenze tra quello che dice Camillo e ciò che è descritto dai Sumeri. A volte buttare giù qualche frase rischia di aggrovigliare le cose. Personalmente fenomeni tipici degli attivatori, come dice Camillo, credo esistano e di averli toccati con mano.
Dare una buon modello che possa comprenderli non è facile e soprattutto non è facile capirsi bene nel descriverlo, data la scarsa familiarità che abbiamo ad affrontare queste cose.

domenico canino ha detto...

@camillo
Che l'universo sia a somma zero e' la tua rispettabilissima opinione. La mia, che poi è quello che ho ricostruito da antiche mitologie sumere, non entra proprio nel merito della energia e della materia. Non lo so se è a somma zero oppure c'è una crescita costante di energia. Mi interessa del resto pochissimo. Mi interessa di più vedere al di là della materia empirica, al di là di ciò che ci sembra reale, è quello il fascino della ricerca. Dagli scritti sumeri primordiali, gli esseri provenienti da altre aree dell'Universo sono incorporei. Sono vibrazioni e frequenze immortali. Qui intorno al nostro pianeta hanno incotrato quelli che tu chiami "gli atlantidei", che erano abitanto della terra altrettanto incorporei, ma che vivevano in altro spettro di frequenze. E poi gli ANNUNAKI incorporei hanno cominciato con il loro re AN (sumero) o ANU (accadico) ad interagire con i terrestri. La terra come materia planetaria non era materica, era anch'essa un insieme di frequenze, che poi con la interazione con altre tempeste di frequenze ha cominciato a densificarsi, ad avere un polo di attrazione, e poi è cominciata la storia umana. A me affascina questo mito, perchè lo trovo completamente CONTROINTUITIVO per dei popoli primitivi allo stato evolutivo dei sumeri. Pensare in astratto ad universi ed esseri fatti di frequenze e suoni, per dei primitivi, ammetterai che è davvero fantastico. Poi loro raccontano (ad esempio nei Babiloniaca di Beroso tradotti in italia nel 1530, non appena inventata la stampa!) che questi alieni incorporei non venivano sulla terra per qualche motivo, ed inviavano dei robot meccanici per istruire gli uomini, i famosi U-AN (luce del cielo) diventati in greco OANNES, ed in italiano GIOVANNI. E questi istruttori meccanici che non mangiavano e non si riposavano e che stavano in mare, ed emergevano ogni giorno per le lezioni, hanno insegnato ai sumeri tutta la tecnologia e la conoscenza che loro avevano. Altro che Nordici, grigi, rettiliani, gli dei venuti dall cielo ed alieni per i primi sumeri erano incorporei, non male per dei primitivi. Scusa se mi dilungo, ma è un mito davvero strano, diverso da tutte le mitologie umane che si sarebbero succedute nelle successive civiltà. Come ti spieghi questa capacità di astrazione, mentre gli altri popoli, ed anche gli stessi sumeri più tardi, rappresentavano gli dei con sembianze umane?

camillo ha detto...

@Domenico,
il fatto è che qui abbiamo un fenomeno nuovo, Sumeri o non sumeri una spiegazione deve esserc, ci sono varie possibilità:
- 1 non c'è fenomeno è tutto un trucco
- 2 non c'è fenomeno non c'è trucco ma incompetenza
- 3 c'è fenomeno ma il rendimento è bassissimo
- 4 c'è fenomeno e l'ULTIMA dimostrazione di Stoccolma è esatta, senza trucchi.

Mario è della prima opzione io della quarta.

A questo punto ho esposto il perchè della mia scelta. Il tempo dirà se ho ragione o meno, pensa che scommetterei tranquillamente sulla quarta opzione.
Se la mia previsione si mostrerà vera anche nella teoria vorrà dire che avevo capito, altrimenti sarà stato un volo pindarico.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Camillo
Io do una certa probabilità non bassissima all' opzione 1 e una un tantino superiore alla 4.
La 2 e la 3 mi convincono poco. Come mi convince poco che servisse tutto quel.vattaggio per il raffreddamento. Guarda caso una potenza superiore a quella espressa dai 3 ecat qx!
Si capisce che quella demo non mi é piaciuta? ;-)
Comunque finora l'incontro Rossi vs suoi detrattori, sul mio cartellino vede sempre il primo in vantaggio di punti. Per ora........

Mario Massa ha detto...

@Domenico canino
"Se tu sei galileiano sino in fondo, allora devi affermare che tutte le religioni e tutte le divinità sono fondate sul nulla"

Domenico, mi hai mai visto scagliarmi contro Camillo quando si mette il cappello da alchimista? Io credo che siamo tutti liberi di credere o non credere in qualunque cosa, religione o mito. Mi scaglio contro chi si professa scienziato e offende la memoria di Galileo. Mi scaglio anche contro chi si professa cristiano ma col suo comportamento va contro gli insegnamenti di Cristo (vale anche con le altre religioni). Chi ha una fede sincera è per me un privilegiato e nessuno potrà mai dimostrare che la sua fede è vana, per cui con quale diritto cercare di fargli cambiare idea?

In campo scientifico la cosa è completamente diversa: la Scienza si occupa di ciò che è dimostrabile e ciò che non viene dimostrato non per impossibilità ma per volontà umana viene considerato inesistente in attesa di una dimostrazione (è il caso delle LENR). Per ciò che non è ancora dimostrabile per nostri limiti la Scienza segue il rasoio di Occam: si opta per la soluzione più semplice o elegante ma è pronta a cambiare idea davanti a evidenze sperimentali che vadano in altro senso. Quando nel 1964 Murray Gell-Mann e George Zweig formularono l'ipotesi dei Quark ci fu molto scetticismo, dato che era solo una formulazione matematica senza alcun riscontro sperimentale. L'idea faceva quadrare molto bene i conti e metteva ordine nella miriade di particelle "elementari" che saltavano fuori dagli acceleratori, ma non c'erano evidenze sperimentali. Ci volle tempo, ma le evidenze vennero e oggi l'esistenza fisica dei quark e conseguentemente il Modello Standard, sono universalmente accettati.

Daniele Passerini ha detto...

@Alessandro
Invito tutti a capire quanto sia positivo per il blog avere voci di entrambi gli schieramenti, purchè comunque educate e rispettose dell'altrui punto di vista. Evitando di buttarla in rissa.
D’accordissimo! Averne altri come Mario, Antonio, Marcello (Barney invece è l’ombra di se stesso ultimamente)!
Il problema è che la maggioranza delle persone che portano posizioni critiche tendono a distruggere blog e forum, come stava rischiando di succedere qui prima che attivassi la moderazione, come è inesorabilmente successo su cobraf. Non so com’è, ma mentre noi possibilisti tendiamo a essere tolleranti, l’altra campana tende a essere sguaiata e zizzaniera. Mario e i pochi altri costituiscono rare eccezioni.

camillo ha detto...

Già è un bel blog RISPETTOSO, grazie Daniele.
Fra parentesi, ho notato la "vaghezza" delle affermazioni ludiche in Cobraf.
E' raro che in un blog si scrivano discorsi lunghi, non ho idea di quanti abbiano la "pazienza" di leggere,a me piace il lato teorico soprattutto quello su base alchemica e provo ad annoiare qualcuno pino di buona volontà. Il tempo dirà forse il senso del mio favellare.

camillo ha detto...

Il mio scopo dichiarato è portare EQUILIBRIO tra i due aspetti"FISICI REALISTICI" e "MENTALI ALCHEMICI".
Tutto è UNO in alchimia, ogni cosa ha il suo opposto, ogni contraddizione si bilancia, il "Nulla" e il "Tutto" sono estremi di una stessa concezione, cosicché nel “Nulla” c'è “Tutto” ma anche nel “Tutto” c'è il “Nulla” Simbolo del nulla è 0 (zero) il simbolo dell'infinito è ∞ cioè due zeri collegati, il nulla che si raddoppia in una sorta di dualità.

In fisica si ha la “supersimmetria”, anni settanta, derivata dalla teorie delle stringhe, nella quale fermioni e bosoni si presentano obbligatoriamente in coppie. La sua struttura matematica è stata successivamente applicata con successo ad altre aree della fisica, dalla meccanica quantistica alla statistica classica ed è ritenuta parte fondamentale di numerose teorie fisiche.
La conservazione dello “stato quo” è evidente in tutto, prendiammo per esempio l'inerzia nei suoi 3 aspetti:
1° corpo fermo che viene mosso
2° corpo in movimento che viene fermato
3° corpo in moto rettilineo che viene deviato
In ognuno dei tre casi si sviluppa una forza di reazione, è come una “vendetta” un evidente riequilibrio fatto dall'universo.
In alchimia noi vediamo la cosa come legge generale di conservazione.
Per l'essere vivente la prima legge è “sopravvivi” cerca di conservare te stesso.
Tutto tende a mantenere l'equilibrio raggiunto.

Barney ha detto...

@D22: sono abbastanza impegnato per lavoro, abbiamo in cantiere un paio di lanci di satelliti per l'anno prossimo e il tempo e' quel che e' (troppo poco)...

Detto cio', non mi pare che si possa dire piu' di quel che dice Mario sul "brevetto" NASA, oltre al fatto che i depositari (alcune persone, di cui quattro se non sbaglio riconducibili a EagleWorks, un minuscolo laboratorio in quell'elefante che e' NASA) paiono i soliti che da anni girano attorno a lla fusione fredda non portanto altro che teorie sempre piu' farragginose.

Sono abituato a parlare sui fatti, qua al momento di fatti ce ne sono pochi -eufemismo-. Di discorsi, invece, s'e' riempito qualche Tb...

domenico canino ha detto...

@Mario Massa
Spiegami dunque è lecito dunque aver fede in un dio e non è lecito avere fiducia in Andrea Rossi?Io non vedo nessuna differenza, sino a prova contraria e scientifica, sono entrambi fedi nel nulla. Ma, come per la NASA vedo una differenza di trattamento. Ma magari mi sbaglio.

domenico canino ha detto...

Per quanto riguarda l'ultima dimostrazione di Rossi, la mia opinione è che lui cercava fondi. Ed ha fatto quanto gli conveniva. Non voleva fare una dimostrazione scientifica, ma una demo commerciale, per trovare finanziamenti. E dunque non ha rivelato nulla. Molto più interessanti i retroscena di Franck Ackland e Mats Lewan che hanno visto in funzione l'Ecat QX, senza veli, in separata sede. Mi ha colpito molto l'opinione di uno scinziato russo nei commenti su E cat World: Rossi nelle demo è partito da un megawatt, poi è passato a 10 kilowatt, ed ora a 20 watt. Sembra che ci sia un grosso problema di controllo del fenomeno, che costringe Rossi a diminuire la potenza per controllarlo. Una densità incredibile di energia.

Marcello ha detto...

@Domenico
"Spiegami dunque è lecito dunque aver fede in un dio e non è lecito avere fiducia in Andrea Rossi?"

Se posso dirti la mia: certo che è lecito aver fiducia in Rossi, come è lecito aver fede in un dio. L'importante è tener distinti gli ambiti.
E attenzione che non siamo noi patoscettici che pretendiamo la dimostrazione, ma è Rossi stesso che cerca l'avallo della comunità scientifica appoggiandosi a università, creando TPR, pubblicando su arXiv. Nel momento in cui "vuoi dimostrar che funziona" alla comunità scientifica allora devi seguire le regole del metodo scientifico, non ti puoi appellare al "mistero della fede" (che non richiede prove, ma solo appunto fede).
Se Rossi si limitasse al "decide il mercato" allora non ci sarebbe problema, aspettiamo e vediamo, ma se organizzi un test presso unibo allora è lecito pretendere che le cose vengano fatte (dimostrate) in un certo modo.
Allo stesso modo io personalmente sono molto critico col clero quando "sconfina" dal suo ambito e pretende, ad esempio, che vengano insegnate tesi creazioniste nelle scuole, o quando pretende di legiferare sul fine vita, ma finchè la fede rimane confinata nei luoghi di culto o nelle proprie case non ho nessun problema.
Tutto dipende dall'ambito insomma, se vado al cinema a guardar Harry Potter non ho pretese e mi godo il film, ma se fai una pubblicazione scientifica sostenendo che con una bacchetta magica puoi far levitare un oggetto allora me lo devi dimostrar davvero.

ps: per me Rossi rientra nel caso 1, ma molte repliche in ambito LENR le collocherei (pura impressione) più nel 2.

Barney ha detto...

@Camillo. Io sul caso-Rossi ho gia' avuto modo di dire che rientra nel caso 5: il fenomeno NON esiste; chi l'ha scoperto si crede un genio, e' convinto che funzioni e che a lui siano dovuti fama e soldi.

Il corollario e' che tutte le dimostrazioni sono "truccate", in "buona fede", da parte del genio. Perche' DEVONO produrre risultati coerenti non con la teoria (che in realta' non c'e', o se c'e' cambia ogni giorno dispari), ma con la pensata del genio.

Chi nella comunita' scientifica si fa convincere puo' a sua volta rientrare nel caso 5, oppure stare scientemente dalla parte del trucco SAPENDO che c'e', il trucco, semplicemente per soldi.

Ho gia' avuto modo di raccontare quanti genii abbia incontrato per lavoro, che son venuti con idee rivoluzionarie in ambito di propulsione spaziale (e TUTTE violavano la scienza nota, prima o dopo) risultate invece delle enormi bestialita': alla prova sperimentale SERIA e CONTROLLATA queste invenzioni si rivelano per quel che sono: aggeggi che non avendo alcun motivo logico e scientifico per funzionare perlappunto non funzionano.

@Canino: io sono ateo, credo che tutte le religioni abbiano un mero fine socio-culturale, ma come ha gia' detto qualcuno non mi sogno certo di andare in chiesa a dire "Dio e' fuffa, o bischeri!".
Finche' non viene un prete da me e mi dice che un satellite si muove perche' "lo vuole Dio", per me va tutto bene, ognuno e' libero di credere a quel che vuole.

E' quando c'e' l'invasione di campo che io -e credo anche Massa- mi arrabbio. Un vero ricercatore non puo' chiedere al mondo scientifico di "credere" a qualcosa "perche' e' cosi', perche' te lo dico io". Quella e' religione.

Daniele Passerini ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Daniele Passerini ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Daniele Passerini ha detto...

@BARNEY
@MARIO
@MARCELLO
Pregandovi di essere seri e oggettivi, secondo voi il cosiddetto “effetto Pauli” può essere spiegato meglio dal modello di funzionamento dell’universo a cui fate riferimento voi o da quello a cui fanno riferimento Camillo, io e Wolfgang Pauli stesso? N.B. NON A CASO Jung (psicanalista, alchimista, esoterista) e Pauli (padre della meccanica quantistica) erano amici e si stimavano reciprocamente.
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Effetto_Pauli

Vedete, “noialtri” conosciamo (o per lo meno abbiamo un’idea precisa di cosa sia) il modello scientifico MA ANCHE quello “alchemico”... “voialtri” quello alchemico non lo prendete nemmeno in considerazione, e non avete idea di cosa sia veramente proprio perché non lo avete mai approfondito. Questo vostro atteggiamento - consentitemelo - è di per sé antiscientifico, perché in realtà derivate conclusioni “razionali” a partire da scelte di campo “irrazionali”.
Rifletteteci.

P.S. È da 7 anni che giriamo attorno a questo nodo senza esplicitarlo! E non per niente il mio primissimo forte scontro che ebbi on line con Ocasapiens - su Query, la rivista on line del Cicap - fu proprio per il fatto che lei si vantasse di ritenere Jung un autore di nessun valore, mentre per me Jung è uno dei riferimenti culturali più importanti del XX secolo, così come lo sono per la fisica Einstein e Pauli, e negarlo come fa Ocasapiens è un banale segno di CRASSA IGNORANZA travestita da “dotta scienza”.
Ringrazio Camillo per avere, forse per la prima volta in questo blog, ben delineato quali sia la differenza dei nostri rispettivi paradigmi di riferimento.

camillo ha detto...

@Barney,
Caso 5? Per crederci serve altrettanta FEDE.
Molte cose che dici sul metodo scientifico le condivido, ma le mie esperienze REALI mi porano a vedere ANCHE altri lidi lontani.
Dici:
"E' quando c'e' l'invasione di campo che io -e credo anche Massa- mi arrabbio. Un vero ricercatore non puo' chiedere al mondo scientifico di "credere" a qualcosa "perche' e' cosi', perche' te lo dico io". Quella e' religione."
Io personalmente non ho mai visto l'enteglement nè il Bosone di... nè.... mami "fido" un po' di fede c'è ovunque SEMPRE.
Splendida la chiarezza con cui dici la tua senza irridere o altro.... si chiama rispetto.

Alessandro Pagnini ha detto...

Io proprio ho difficoltà ad avere fede cieca in qualcosa. Son troppo mentalmente anarchico x concedere tale potere.
Per questo prendo sul serio anche i fenomeni descritti da Camillo. La .ia esperienza mi suggerisce che possono essere reali, pur se indimostrati scientificamente. Per fortuna i miei orizzonti non sono vincolati ai limiti tracciati dallo scientificamente accettato oggi. Però è bene che ognuno scelga se vuole avere un padrone e se ha fortuna può scegliere anche quale. Vivere da ronin è a volte complicato, ma entusiasmante

Apolonia Engineering ha detto...

tutto e' soggettivo, anche quella che chiamiamo realta' oggettiva.

c'e' una realta' soggettiva "comune" (realta' oggettiva) ed un altra personale. la prima e' "dimostrabile", la seconda no ma ugualmente esiste.
la prima e' il cinema che sperimentiamo, la seconda (sentmienti, amore, paura, coraggio, giudizio, ecc) e' quella che da' il valore al cinema, a mio parere molto piu' importante della prima.
e' strana la vita, quello che vale veramente non si puo' condividere, il perche' e' un mistero.

@Mario
siamo sulla stessa linea riguardo Rossi ma ti ricordo che non abbiamo il controllo del corpo, ne' la coscienza di tutto quello che il corpo faccia ogni istante, abbiamo solo il potere di muoverlo entro un certo limite usando la volonta' di compiere certe azioni.
noi siamo la volonta', qualcos'altro e' cio' che dirige il corpo assecondandoci (e non sempre).
quindi noi NON siamo la realta' oggettiva.

indopama

Alessandro Pagnini ha detto...

@ indopama

E io mi sto chiedendo chi tu pensi sia colui che ha quelle libertà, pur limitate. Diceva Voltaire: mi ritengo libero se posso fare ciò che voglio, ma non poszo scegliere cosa desiderare

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Su Jung e Pauli consiglio la lettura del link in calce. Soprattutto a Mario, Marcello, Barney suggerisco di provare - anche solo per gioco - ad inquadrare quello che con tanta pazienza Camillo ha spiegato qui dentro nella prospettiva del ponte tra psiche e fisica gettato da Jung e Pauli.
http://www.doppiozero.com/materiali/jung-e-pauli-psiche-e-atomi

Apolonia Engineering ha detto...

@Alessandro
noi siamo una parte della coscienza universale (Dio).
non so come ha fatto ma questa e' riuscita a frammentarsi (quindi verso il basso, noi siamo meno del tutto, come coscienza) credo per sperimentare la Creazione (che e' mentale come dice Camillo) da ogni singolo punto di vista.
mentre mi e' piu' facile comprendere la parte "metafisica" di puro pensiero, e' piu' difficile comprendere quella "fisica". voglio dire, l'amore, la paura, ecc ed i 5 sensi sono cose che si sentono, non sono poi cosi' astratte anche se non si vedono nella Creazione. in questo ambito sono completamente a zero come consapevolezza, per il resto la mia esperienza mi porta sempre a dire le stesse cose, c'e' una Creatore (coscienza universale), c'e' un corpo unico, noi siamo tutto il corpo ma non ne siamo coscienti, abbiamo un limitato potere solo su di una parte del corpo, quello umano che poi e' un potere illusorio, il potere ce lo ha sempre quello la' in alto, io con la volonta do la direzione, lui crea in quella direzione se vuole, se non vuole crea come gli pare. abbiamo libero arbitrio ma non cosi' tanto, come hai detto tu non possiamo controllare i l piacere, l'amore, non possiamo farceli arrivare a piacimento, quello e' il potere del Creatore per indirizzare le sue Creature e far si' che si compia il progetto Suo che diventa in parte anche nostro se lo assecondiamo.
su Rossi lasciamo perdere, e' un patacca e l'energia del futuro arrivera' solo quando l'umanita' sara' pronta per riceverla e non verra' certo data ad un truffatore. non vale la pena perderci troppo tempo, l'importante e' il dentro, le nostre scelte decideranno la vita futura, chi e' pronto passa all'anno successivo, gli altri ripetono.

indopama

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Indopama

Su Rossi non ho la stessa impressione, ma il futuro potrebbe anche darti ragione. Non metto certo la mano sul fuoco per lui e capisco che il suo comportamento possa aver generato parecchie perplessità. Sono il primo io ad essere insoddisfatto di molti suoi comportamenti.
Per il resto, diciamo che le cose potrebbero anche assomigliare a quello che descrivi. Potremmo anche essere programmi autocoscenti che girano sul pc di qualche nerd in un universo dove esistono computer davvero molto potenti, al punto di poter simulare tutto quello che noi vediamo o crediamo di vedere ;-)
C'è un bell'episodio di Star Trek NG che ho già citato qui e riguarda l'incontro tra i 'nostri eroi' e una simulazione del professor Moriarty ottenuta dal ponte ologrammi. Credo si intitoli 'una nave in bottiglia', ma potrei confondermi. E' illuminante. Come nella serie classica c'è l'episodio che mi pare si chiami 'prigionieri di Apollo' dove si ipotizza che le divinità greche altro non fossero che alieni. Per non turbare nessuno, forse, si è evitato di ipotizzare la cosa anche per altre divinità, ma penso che Biglino si freghi le mani quando vede quell'episodio :-)
E tutto questo, comunque, potrebbe ancora rientrare nella tua visione, caro Indopama :-)

camillo ha detto...

Anche per me l'opinione su Rossi è ancora "sub iudice", occorre sapere i retroscena. Ora però il problema è se e quando ci sarà un applicativo. Per come la vedo io appena tenterà di passare a quantità di kW di potenza si presenteranno problemi imprevisti, dovuti al non perfetto bilanciamento dell'aggeggio.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Camillo

Stavo pensando alla tua ipotesi sul cambiamento del baricentro e anche oltre. Rossi ha affermato, fra le risate generali (e un'alzata di sopracciglio anche da parte mia, lo confesso) di aver registrato, se ho capito bene quello che scriveva sul Jonp (tra l'inglese suo e l'inglese mio, non è che si vada tanto per il raffinato ;-) ), una qualche 'spinta'. Non so se ho capito male e intendeva dopo averlo affiancato a un qualche tipo di motore di cui costituiva la sorgente energetica. Mi pareva di aver capito che la spinta era proprio data dallo ECAT. Ma non voglio calcar la mano più di tanto su questo punto, perchè davvero potrei aver capito male.
Devo dire che lo preferisco quando dice di voler produrre solo del buon, sano, vecchio calore! :-)

camillo ha detto...

@Alessandro, le prime volte che uno rileva un qualche cosa MOLTO fuori schema, ha infinite difficoltà a dirlo.
Ho detto che quando (nella mia prova su e-Cat privata già raccontata) si è attivata la reazione, ben DUE Wattmetri e il contatore Enel si sono bloccati.
Aggiungo ora che nel contatto che ho avuto recentemente per tentare di ripetere con Mario, mi hanno detto che successivamente quell'E-Cat è stato aperto e... NIENTE mattoni nascosti.
Quindi l'autosostentamento finale che ho visto funzionare per minimo 15 minuti con produzione di vapore trasparente e temperatura ferma a 110° a questo punto segnala un COP decisamente elevato.
Ora io non ho interessi economici, la prova era se mai "contro" Rossi. NIENTE amici NIENTE trucchi.. ma sono una voce che lo dice e nulla più. Non c'è autorevolezza non c'è abbastanza folla, non c'è possibilità di riscontro, eppure, se permetti, mi muovo in base a ciò che ho visto e non in base a ciò che fa comodo dire per un "bon ton".

In alchimia per noi un velo è stato squarciato, forse non sarà possibile avere subito l'agognata energia gratis, ma il fenomeno NON potrà più in NESSUN caso essere cancellato. L'impulso Tesla è una delle molte modalità per scuotere l'onda portante, o se preferisci allentare localmente i fili che la materia interlaccia con tutta l'altra materia.

Alla fine si aprirà la strada dell'antigravità, la strada della comprensione di come si crea la materia, di come la creazione sia in divenire, cioè anche ora c'è creazione continua di materia in situazioni opportune. Infine l'apertura del "gran Portale" con la chiara visione di ciò che una coscienza evoluta può fare.

triziocaioedeuterio ha detto...

Sono convinto che L’antigravità sia dietro l’angolo e l’E cat o meglio i fenomeni fisici che ne permettono il funzionamento ne siano la chiave.

camillo ha detto...

Motore per dischi UFO
La fantasia è un eccellente strumento di comprensione e trastullo.
A volte mi capita di pensare cosa direbbe un uomo del futuro se per caso si imbattesse nel seguente racconto fatto alla vigilia di Natale 2017
...Kostas aveva in mente di dotare un disco di un motore gravitazionale. Il principio era ben noto si piazzava al centro di un tetraedro un “reattore energetico ibrido” ai 4 vertici c'erano 4 serbatoi di materiali purissimi ai 3 vertici di base c'era Idrogeno, Ossigeno, Carbonio, al vertice in alto c'era Ferro. Il tutto era inglobato in una sfera di materiale in grado di non interagire con il “reattore”. Il principio di funzionamento era semplice solo in teoria, il reattore veniva DESTABILIZZATO con un grosso impulso, la reazione di RIEQUILIBRIO conseguente veniva pilotata usando una opportuna frequenza. Se la frequenza faceva sì che si andasse a prelevare un po' di ferro nel serbatoio in alto l'apparato si sarebbe alzato. Bastavano quantità irrisorie di materiale trasportato al centro nel reattore per ottenere spostamenti di masse enormi. Il trucco risiedeva nel fatto che l'essenza di ogni protone, neutrone, elettrone era a sua volta composta da tre sub particelle, il loro legame interno era do molti ordini di grandezza superiore alle normali forze. Così spostare un grammo di ferro facendolo ricomparire nel reattore centrale equivaleva a mobilitare forze compensative nell'ordine di miliardi di grammi.
I precedenti tentativi avevano evidenziato che non era possibile avere una precisa regolazione, i risultati erano stati disastrosi, a volte il disco finiva compenetrato con il suolo o altri materiali.
Kostas però questa volta era fiducioso, aveva introdotto una regolazione fine ottenuta dall'uso di cristalli e si era esercitato a lungo con le sue capacità mentali di “attivatore”.
La forma del veicolo era scontata, sfera o disco piatto. Kostas salì sul disco e dopo breve meditazione per avere il massimo della concentrazione, azionò il reattore scegliendo la modalità di collegarsi con il Ferro verso l'alto. Non accadde nulla apparentemente. Nessuna accelerazione, nessun scossone... che peccato! Ci aveva creduto. Guardò fuori dall'oblò e vide la terra in basso
molto in basso si trovava in una nuova posizione stabile, era fermo a 200 metri d'altezza!

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Camillo

Questo kostas non mi suona nuovo. ;-)
E ha pure gli smorzatori inerziali come sull' enterprise :-)

Barney ha detto...

Sulla fusione fredda ha scritto un interessante commento Leonardo Serni su Usenet.
Chi ce la fa a leggere tutto il thread secondo me si diverte:
https://groups.google.com/forum/#!topic/it.discussioni.misteri/oXkeSKx_VDk

Daniele Passerini ha detto...

@Barney
Mah, fammi capi': che ha detto 'sto Leonardo che ti ha colpito così tanto... ho letto le solite trite e ritrite scontatissime abusate reiterate fino alla nausea critiche. E allora? Io la chiamo FISSITA' FUNZIONALE!

Barney ha detto...

@D22: nulla di nuovo, in effetti. Solo un tentativo di approcciare la questione con il tuo strumento da taglio preferito: il rasoio di Occam :-). E ragionare sulle contraddizioni di chi aspetta il Messia della Brianza.

Pero' ci sono grosse novita' da Rossi stesso, che ha tirato fuori addirittura l'antimateria come possibile "spiegazione" del funzionamento dell'E-Cat QX:

Ho l'impressione che ci stiamo velocemente avvicinando al delirio di onnipotenza in un soggetto chiaramente affetto da disturbo narcisistico della personalita' :-)

Daniele Passerini ha detto...

@Barney
Ho l'impressione che ci stiamo velocemente avvicinando al delirio di onnipotenza in un soggetto chiaramente affetto da disturbo narcisistico della personalita' :-)
Scherzi a parte, sarei davvero curioso di vedere l’esito di un MMPI-2 compilato da Rossi: almeno avremmo un profilo serio e reale, refertato tramite uno strumento ultravalidato... beh, un po’ meglio del giudizio di un esperto di astronautica, formulato usando come strumento il sarcasmo e buttato lì tra i commenti di un blog, che ne dici! :D

Barney ha detto...

Certo, sicuramente meglio. Anche meglio di un giudizio sui vaccini e sulla medicina in generale dato da un assistente sociale, non credi?

Daniele Passerini ha detto...

@Barney
Certo, sicuramente meglio. Anche meglio di un giudizio sui vaccini e sulla medicina in generale dato da un assistente sociale, non credi?
Non credo.
La persona a cui ti riferisci, oltre alla 1) laurea triennale d’assistente sociale che tu ricordi, ha pure:
2) un biennio di ingegneria alle spalle (gli 8 esami di base);
3) una laurea magistrale in scienze politiche indirizzo politico-sociale;
4) una laurea magistrale in processi cognitivi in corso.
Inoltre lavora nel comparto socio-sanitario da 23 anni e da 16 si occupa in particolare di programmazione socio-sanitaria.
Tra l’altro le proprie opinioni sui vaccini le ha ricavate confrontandosi con diversi medici e paramedici, che magari non escono allo scoperto per paura ma che in confidenza ti dicono chiaramente cosa ne pensano di tutto l’ambaradan messo in piedi dalla Lorenzin.
Il problema delle persone come te è che ritengono che certe tematiche possono essere affrontate solo con ultraspecializzazioni verticali, peccato che in questo modo si tenda a perdere la visione d’insieme e ci si illuda scientisticamente (e qui si che vale la pena di parlare di onnipotenza, bello mio) di potere per esempio applicare a sistemi biologico-umani complessi (di cui la scienza ha tutt’altro che chiari meccanismi e funzioni) le stesse modalità che la scienza ha sviluppato per sistemi complessi ma non biologici.
Mi limito a sottolineare, a sostegno di quel “assistente sociale” che hai tirato in ballo, che tutta la questione vaccini si gioca sull’analisi di certi dati epidemiologici, ma ci sono validi motivi di ritenere che tali dati siano raccolti in modo sbagliato in partenza e dunque le conclusioni che se ne traggono di scientifico hanno solo la forma. E stendo un velo pietoso sulle EVIDENZE SCIENTIFICHE che la letteratura ci offre riguardo l’efficacia delle vaccinazione infantili di massa indiscriminate.

Barney ha detto...

@D22.

Mi vorrei fermare al "non credo".

Tu non credi, anzi: sei sicuro di essere meglio di me nel giudicare sia l'E-cat che i vaccini.

E non sai niente di me, solo che lavoro per un'azienda aerospaziale "tradizionale" (ovvero, che si basa sui classici principii newtoniani per far funzionare le cose).

Alla mia battuta, in risposta a quella che pensavo fosse una tua battuta rispondi con un elenco di tue esperienze che dovrebbero sostanziare la tua superiorita' rispetto all'interlocutore di turno.

Guarda, mi permetto un'altra battuta (E' una battuta, anche se dirlo rovina il tutto): non e' che a te sta simpatico Rossi perche' sotto sotto siete affetti dallo stesso disturbo narcisistico?
Mica hai a casa un vestito da Napoleone, eh?
:-)

Daniele Passerini ha detto...

@Barney
Vorrei tanto tanto tanto tanto tanto che potessero risponderti tutte le persone che mi conoscono dal vivo. Ma poi diresti che loro sono di parte e non sono oggettive, giusto? ;)

sono solo un misero test ha detto...

@barney

ti confermo: D22 (l'ho conosciuto) è un bipolare con manie di persecuzione e grandezza.

anche Rossi l'ho visto (credo anche di avergli stretto la mano, se ricordo bene), ed effettivamente non posso che confermartelo: deve avere qualcosa che non va.

solo che per mandare in vacca tutta la festa adesso dobbiamo dirlo anche di Levi (Hessen, Kullander, ecc.), e significa fargli perdere il posto e mandarlo incontro alla rovina economica e sociale... dispiace, ma qualcuno effettivamente bisogna che lo faccia: non possiamo lasciare i nostri ragazzi nelle mani di uno psicopatico, oltretutto a nostre spese!

ci vai tu dai carabinieri? non mi dire che hai da fare, basta che rinunci a leggere blog inutili, anzi dannosi, e ti avanza un sacco di tempo.

ah, bisogna che te le spieghi: sono battute.

ps: gli amici bipolari mi perdonino. ma non sentitevi presi in giro: sono uno di voi! chissà poi perchè la gente pensa che siamo idioti oltre che matti... boh?

Barney ha detto...

@Silvio:
io come la penso sul Rossi uomo l'ho gia' detto mille volte, non mi pare di avere aggiunto nulla di nuovo. E' lui che ogni mese rafforza il suo profilo di megalomane, fa tutto da solo. Aspetto la prossima teoria: il superamento di c dentro l'E-Cat QX, che aprira' la strada al wormhole e alla conquista dell'intero Universo...

Sugli altri partecipanti al Barnum fusionista ho pure espresso il mio personalissimo parere da uomo che guarda dalla finestra, se vuoi ribadisco quel che ho gia' detto: alcuni sono soggetti simili a Rossi, altri semplicemente si sono trovati un "hobby" che -con tutto quel che si dice che la ff rovina la reputazione- qualche soldo sicuramente lo porta in tasca. A Rossi di sicuro, a qualcun altro anche, a te e a me no (a me no di sicuro, a te sospetto fortemente pure :-) ).

Ma nello specifico dell'antimateria, nessun commento?

Avevo messo il link, eccolo:
http://e-catworld.com/2017/12/28/rossi-hypothesizes-e-cat-producing-antimatter/

La chiosa di Rossi alla domanda "ma e' vero che lavorate a una teoria che coinvolge l'antimateria?" e' da applausi:

"That’s the hypothesis. My rational part says it is wrong, my instinct says to go on. I go on."

Alice e il bianconiglio...

sono solo un misero test ha detto...

@barney

Silviooooo??? No, dai, sono megalomane ma non aspiro a tanto! (e mi riferisco a Caggia, non a B. :-D )

Daniele Passerini ha detto...

@SSUMT
ti confermo: D22 (l'ho conosciuto) è un bipolare con manie di persecuzione e grandezza.
Va be’ Kappa, avevi ragione! Barney ha scoperto che Rossi è un alieno e sta cercando di depistarci per farci credere che non lo sa... lo sparaflashi tu o ci devo pensare io?!?

Posta un commento

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

Related Posts with Thumbnails