BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

venerdì 2 marzo 2012

Armi nucleari tattiche prive di massa critica
che sfruttano i principi della fusione fredda (1)

Ringrazio Andrea Rampado, autore del prezioso contributo che segue, per averbe autorizzato la pubblicazione su 22 passi. Cari amici, il 2012 sarà l'anno della fine di tanti occultamenti della verità, stateve accuorti!

***

Alla conferenza sulla "Storia delle reazioni piezonucleari" che si è svolta nel 2011 il 14 aprile al Politecnico di Torino è intervenuto il prof. Massimo Zucchetti, Professore ordinario-Impianti nucleari, Dipartimento di Energetica.
La sua relazione è il risultato di una ricerca bibliografica letteraria sull'utilizzo bellico dell'uranio impoverito, questa relazione, se confermata anche da prove sperimentali, potrebbe chiarire almeno in parte la tesi del complotto militare che impedisce, secondo i sostenitori della fusione fredda, la divulgazione e l'utilizzo di nuove reazioni nucleari.

Infatti per i sostenitori della "fusione fredda" esisterebbe un complotto ordito dai militari che ne impedirebbero la diffusione, lo studio e la conoscenza, cito Roberto Germano da "Il discredito patologico":

"Un altro fattore di rischio che ritengo importante aggiungere a quelli individuati da Josephson è l’interesse militare. Infatti, la Fusione Fredda sembra ricondurci direttamente ai cosiddetti proiettili all’Uranio impoverito, proprio in quel periodo (’90) utilizzati dagli USA per la prima volta nella I Guerra del Golfo, e la cui tecnologia (secondo lo stesso Fleischmann) sembrerebbe basarsi su tecniche e fenomeni strettamente correlati a quelli evidenziati da lui stesso a da Pons nell’89. Questo farebbe anche comprendere il perché degli “annunci drammatici”, fatti tramite l’inusuale mezzo della conferenza stampa (Fleischmann ha ammesso indirettamente, ma chiaramente, che era pedinato da ambienti militari in quei giorni critici a cui seguì la tanto biasimata conferenza stampa). In effetti, sono già alcuni anni che questo possibile nesso si è fatto strada al di fuori degli ambienti militari; se ne sono occupati recentemente anche i giornalisti di RAI NEWS 24 nei reportage “Il Rapporto 41, Fisica e metafisica di una rivoluzione scientifica scomparsa” di Angelo Saso, e “Khiam, sud del libano: anatomia di una bomba” (che ha vinto il Premio “Ilaria Alpi” 2007) di Flaviano Masella e Angelo Saso.
Gli indizi sono questi:
  • Il proiettile all'Uranio impoverito dovrebbe semplicemente forare il carro armato e non certo causare la fusione di ampie superfici metalliche, né generare radioattività.
  • I morti colpiti da tali proiettili sono stati rinvenuti scuri di pelle, come fossero stati esposti a radiazioni ionizzanti.
  • Il metallo del carro armato diviene radioattivo.
  • Nel bunker a Bagdad, dove furono usati proiettili più grandi, sono state trovate le impronte di uomini vaporizzati sulle pareti, come avvenne a Hiroshima e Nagasaki.
  • Tra le nanoparticelle ritrovate nelle zone “incriminate” si trova il Bario, elemento raro ed evidente prodotto di fissione dell’Uranio (l’altro è un gas, il Kripto, ed è quindi volatile).
Un possibile scenario interpretativo è che un proiettile di Uranio impoverito, caricato opportunamente di Deuterio fino a una certa soglia molto elevata (l’Uranio tende ad assorbire facilmente Idrogeno e Deuterio), quando impatta sull'obiettivo alle velocità enormi tipiche di questi proiettili, ovviamente si comprime. Si raggiunge così la densità critica di Deuterio nell'Uranio che dà origine a uno stato di pre-fusione nucleare fredda che innesca a sua volta un fenomeno di fissione nucleare sui generis, con grande emissione di calore e raggi gamma.
Saremmo di fronte, quindi, a un'arma nucleare, ma tattica (può agire su aree limitate) perché non ha bisogno di dover raggiungere la massa critica, e quindi potenze necessariamente di molto superiori.
Dunque, buona parte dei fenomeni sociologici inquisitori e antidemocratici propri della saga della Fusione Fredda troverebbe una semplice spiegazione ipotizzando un cosciente e ben riuscito tentativo di insabbiamento di segreti militari."
Secondo il prof. Massimo Zucchetti e il gruppo di ricerca e studio sulle reazioni piezonucleri, non si tratterebbe di un complotto militare, ne di mini bombe nucleari a fusione fredda, ma semplicemente di una reazione piezonucleare indotta dalla pressione, dall'impatto quindi del proiettile ad uranio impoverito con la corazza dei carri colpiti.

PER APPROFONDIRE:

107 : commenti:

Tizzie ha detto...

Nessuno ha mai effettuato esperimenti in laboratorio con proiettili all'uranio impoverito per verificare? Non mi sembra che sia soggetto a restrizioni particolarmente restrittive in ambito civile.

(ma l'iscrizione via email ai post e` scomparsa?)

AC/DC ha detto...

Ammesso che questa ipotesi della reazione piezonucleare sia corretta, sarebbe bello capire se si tratti di un effetto collaterale non pienamente compreso dagli stessi ideatori di questo tipo di proiettili, o se invece sia un risultato voluto e quindi ottenuto tramite specifici studi che magari abbiano portato alla definizione di un teoria ben precisa.

Barney ha detto...

Mi spiace fare il rompiscatole, ma i proiettili ad uranio impoverito non sono armi tattiche e -soprattutto- NON sfruttano i principi della fusione fredda piu' di quanto sfruttino le capacita' endocroniche della tiotimolina risublimata (e' una citazione pop-SciFi, non sono serio, eh? :-)).
Si tratta di proiettili cinetici penetratori, che sfruttano l'elevatissima densita -e il ridottissimo costo...- di questo materiale "di scarto", unite alla sua peculiare piroforicita'.

Sono munizioni spaventose, che pero' si basano su leggi ben note di fisica "da liceo". I risultati sono impressionanti, E la pericolosita' postuma dei proiettili ad uranio impoverito e' in minima parte dovuta alla radioattivita' (radiazione alfa): piuttosto e' invece la finissima polvere pesante che si forma ad essere molto dannosa per inalazione, con un meccanismo simile a quello che rende mortale l'amianto inalato, peggiorato dal fatto che c'e' comunque attivita' di decadimento radiattivo.

Tra l'altro lo stesso Zucchetti, qui: http://staff.polito.it/massimo.zucchetti/Zucchetti_Napoli_2007.pdf dice piu' o meno le stesse cose, senza mai tirare in ballo la ff. Con l'altra ovvia considerazione (e' brutta da fare, ma va fatta...) -cito Zucchetti-:

"Il tungsteno fa lo stesso "lavoro" dell'uranio impoverito, ma costa 200$/kg, invece che 2$/kg".

Barney

Daniele Passerini (22passi) ha detto...

@Tizzie
Non so rispondere a entrambe le tue domande... tra un po' proviamo a migrare su DISQUS e vediamo coma va lì.

@Barney
Non ti preoccupare, so bene che rompiscatole si nasce :))
1) Mi daresti la TUA definizione di arma nucleare tattica?
2)Tutto il libro Il segreto delle tre pallottole porta avanti un'ipotesi che risponde a tutte le tue obiezioni. Leggilo.

22passi ha detto...

PROVA

22passi ha detto...

PICCOLO PROBLEMA... AL MOMENTO NON RIESCO AD IMPORTARE I COMMENTI PREESISTENTI!!!!!

nicola fruet ha detto...

mi ricorda operazione cimby.... ma allora non era una storia inventata..... :)

valeria.gentili ha detto...

Bella la nuova piattaforma
Ma anche la velocità di caricamento della pagina è molto superiore!
Belle notizie: appena le legge Piero41 sentiremo il commento!!
Che vergogna...Leggevo nel pdf di Randi: ma possibile ci sia ancora qualcuno che da retta a questo senescente e semi-decomposto mago rimbambito?

Come se da noi facessimo giudicare gli esperimenti del LHC a Silvan e a Giucas Casella, ma si può?

GIOVANNI MATTEO ha detto...

Luca Salvarani
March 1st, 2012 at 9:58 PM
Dear Andrea,
Since e-cat requires electric power, which is very expensive in some countries (expecially here in Italy) it’s crucial to get also the electric power production as soon as possible. The first generation will enable substantial savings but only the second generation will trigger off the revolution.. On this you have talked about 2 years after the first generation domestic e-cat, but recently you have also achieved some improvements in the electric production for 1 MW plants. So I wonder if this could take less time, maybe 1 year. Thank you!
                                 Andrea Rossi
March 2nd, 2012 at 8:32 AM Dear Luca Salvarani:
I agree, also because the production of electricity will make the COP infinite, if we consider that in a system of E-Cats one makes the power to drive the others.Warm Regards,A.R.

GIOVANNI MATTEO ha detto...

però era una bella storia :):)

come faccio a rimettermi in firma come gio?

ValeriaG ha detto...

Gio 

registrati a Disquis, ma ha moltissimi userid occupati...

paitnicola ha detto...

mi sono registrato in DISQUS e ho cambiato il mio nome e cognome nel mio nick..... un casino a mettere l'avatar

gioj ha detto...

grazie!

infatti ..mi presento da gio a gioj :)

ValeriaG ha detto...

Ma di tutto il blog???

22passi ha detto...

tutti
Problema... TUTTI i commenti pre-migrazione su Disqus compaiono nella versione MOBILE ma non in quella WEB! :(

miauC ha detto...

bella!

carlop ha detto...

Agli inizi tutta la storia mi sembrava credibile o almeno possibile: il coinvolgimento iniziale di alcuni fisici di Bologna, ecc...ma vedo che a distanza di più di un anno, tanti discorsi mirabolanti ma senza uno straccio di prova! Misteriosi impianti di produzione in Paesi misteriosi...dimostrazioni mirabolanti di fronte a non si sa chi con risultati eccellenti ma non si sa quali...ora siamo addirittura al complotto militare internazionale ed ai misteriosi effetti dell' uranio impoverito! Manca solo l'area 51, gli omini verdi e il Triangolo delle Bermude!

gioj ha detto...

vabbe mi abituerò a gioj!:)

cmq come ho postato sotto ....rossi dichiara un cop infinito dell'ecat combinato all'elettricità! .......mi sa che qualcuno si suicida:):):)
mi

Mr. Moho ha detto...

 Ci vuole un po' di tempo, la procedura non e` immediata:
http://www.google.com/support/forum/p/blogger/thread?tid=57a9039e618a173e&hl=en

22passi ha detto...

Grazie! :)

22passi ha detto...

Valeria, mi raccomando! :))

22passi ha detto...

:)

ValeriaG ha detto...

giurin giurello

...ma quelli me provocano: come i rigatoni!

Mr. Moho ha detto...

Domanda: si potrebbe impostare Disqus in maniera da far visualizzare piu` di 10 commenti per volta?

Marco Favaron ha detto...

prova

Marco Favaron ha detto...

prova

MISTERO ha detto...

@Barney
>Tra l'altro lo stesso Zucchetti, qui: http://staff.polito.it/massimo.zucchetti/Zucchetti_Napoli_2007.pdf dice piu' o meno le stesse cose, senza mai tirare in ballo la ff.

Infatti ho scritto:
"Secondo il prof. Massimo Zucchetti e il gruppo di ricerca e studio sulle reazioni piezonucleri, non si tratterebbe di un complotto militare, ne di mini bombe nucleari a fusione fredda, ma semplicemente di una reazione piezonucleare indotta dalla pressione, dall'impatto quindi del proiettile ad uranio impoverito con la corazza dei carri colpiti."

Quindi i proiettili all'uranio impoverito quando impattano producono sia delle fissioni che delle fusioni, queste reazioni non sono reazioni di fusione fredda come ipotizzato dai fusionisti freddi per giustificare il riscontro anomalo di elementi che non dovrebbero esserci, ma bensì sono reazioni piezonucleari.

ma65gi ha detto...

 prova

red5goahead ha detto...

Oh caspita. finalmente i commenti di Blogger sono stati cestinati...
Daniele . ma non avevi detto che ti piaceva il caos? :-)

red5goahead ha detto...

Quando e se verrà attivata la funzione di refresh live secondo me Valeria si scatenerà... in milla e milla post...

Paul Smith ha detto...

Ciao sono Paul Smith - Disqus mi ha aggiunto il cognome:-))

Su JoNP Rossi sta chiaccherando alla grande...

gioj ha detto...

vabbe mi abiuerò a gioj cmq come ho postato sotto ...rossi dichiara un cop infinito quando pronto l'ecat elettrico.....mi sa che qualcuno si suicida!

ValeriaG ha detto...

ma che hai fatto? Hai messo in evidenza il post??

mi appare sempre in testa! ahahhahah....ho capito!!!

marco favaron ha detto...

riprova

nemo ha detto...

ok, c'è l'ho fata! :-)

Mr. Moho ha detto...

Ricordo che si possono editare i post con Disqus con il tasto "modifica".

ulixes22 ha detto...

prova

gioj ha detto...

prova

gioj ha detto...

prova

ulixes22 ha detto...

Messaggio di prova.
Ex ulixes

gioj ha detto...

prova

Marco_ties ha detto...

L'utilizzo dell'uranio impoverito per fini bellici sta per finire. Date un'occhiata al nuovo cannone EM. http://www.onr.navy.mil/en/Media-Center/Press-Releases/2012/Electromagnetic-Railgun-BAE-Prototype-Launcher.aspx

ValeriaG ha detto...

Già....mi pare quasi di vederli!!

:-O

Andrea Rampado ha detto...

Bello, ma come posso recuperare l'account di blogspot MISTERO???
 

ValeriaG ha detto...

Facciamogli leggere anche questo....


http://english.vietnamnet.vn/en/science-technology/17840/the-power-generator-that-runs-by-water.html 

VortexFusion ha detto...

 Hai letto bene quanto è scritto in merito all'uranio impoverito?

VortexFusion ha detto...

prova

Tizzboom ha detto...

Recuperare? Per farci cosa?
Che intendi esattamente?

Tizzboom ha detto...

 Sono appena apparsi, visto che ci voleva solo un po' di tempo? :)

SPietroF ha detto...

prova

Giovanni Cesaretti ha detto...

Eccomi:-)
1) Arma nucleare tattica e' una testata di ridotta potenza che permette di annientare una zona ristretta e di occuparla in tempi relativamente ravvicinati rispetto all'attacco. La bomba tattica per eccellenza era la bomba ai neutroni.
2) Puoi avere ragione, anzi: do per scontato che tu abbia ragione. Pero', scusa: qua si parlava di Zucchetti. E Zucchetti dice cose completamente diverse.
3) La mia -e di Zucchetti- affermazione secondo la quale usare tungsteno e' uguale che usare uranio, solo cento volte piu' costoso, non mi pare si sia presa in considerazione.

Barney

VortexFusion ha detto...

 Infatti alla fine viene scritto:
"Secondo
il prof. Massimo Zucchetti e il gruppo di ricerca e studio sulle
reazioni piezonucleri, non si tratterebbe di un complotto militare, ne
di mini bombe nucleari a fusione fredda, ma semplicemente di una
reazione piezonucleare indotta dalla pressione, dall'impatto quindi del
proiettile ad uranio impoverito con la corazza dei carri colpiti."Quindi risulta chiaro, almeno per chi si occupa di reazioni piezonucleari che non esiste nessun COMPLOTTO ordito da forze militari, non esiste nessun proiettile che sfrutta il fenomeno della "fusione fredda", come sostenuto dai fusionisti freddi a riprova che sono vittime di un complotto nonostante le evidenze di reazioni nucleari a seguito dell'impatto di proiettili all'uranio impoverito.

Marco_ties ha detto...

Siamo sicuri che non ci sia una spiegazione scientifica? Oltre che in applicazioni civili, l'uranio impoverito viene usato nelle munizioni anticarro e nelle corazzature di alcuni sistemi d'arma. Se adeguatamente legato e trattato ad alte temperature (ad esempio con 2% di molibdeno o 0,75% di titanio; temprato rapidamente a 850 °C in olio o acqua, successivamente mantenuto a 450 °C per 5 ore), l'uranio impoverito diviene duro e resistente come l'acciaio temperato (sollecitazione a rottura di ca. 1 600 MPa). In combinazione con la sua elevata densità, se usato come componente di munizioni anticarro esso risulta molto efficace contro le corazzature, decisamente superiore al più costoso tungsteno monocristallino, il suo principale concorrente. Per questo, ed essendo inoltre estremamente denso e piroforico (capace di accendersi spontaneamente), negli anni sessanta le forze armate statunitensi iniziarono ad interessarsi all'uso dell'uranio impoverito. La tipica munizione all'uranio impoverito è costituita da un rivestimento (sabot) che viene perduto in volo per effetto aerodinamico e da un proiettile penetrante, chiamato "penetratore", che è la parte che effettivamente penetra nella corazzatura, per il solo effetto dell'alta densità unita alla grande energia cinetica dovuta all'alta velocità. Il processo di penetrazione polverizza la maggior parte dell'uranio che esplode in frammenti incandescenti (fino a 3 000 °C) quando colpisce l'aria dall'altra parte della corazzatura perforata, aumentandone l'effetto distruttivo. Le munizioni di questo tipo vengono chiamate nella terminologia militare API, Armor Piercing Incendiary, ovvero munizioni perforanti incendiarie.

triziocaioedeuterio ha detto...

 Rossi golaprofonda su jonp sta facando un macello...

ValeriaG ha detto...

Trizio, ciao...ma dove? Non sul thread
Cold nuclear fusion...metti un link, please?

ValeriaG ha detto...

Krivit  offre un'altra bella rimesta di fango

Rossi si sarebbe impossessato di una tecnologia già allo studio, una tecnologia potenzialmente "distruttiva"..
Ci sta bene in questo post, no?

http://nextbigfuture.com/2012/03/steven-krivit-and-troubling-case-of.html 

Giancarlo Tortuga ha detto...

L'uranio impoverito sotto forma metallica è fortemente piroforico... riscaldandosi si incendia, reagendo con l'ossigeno diventa triossido di uranio in polvere nebulizzata incandescente. Quando un proiettile SABOT all'uranio impoverito colpisce a debita velocità una corazza in acciaio o in titanio (anche dotata di esplosivo reattivo o di spaziatura) la perfora come il burro (è 3 volte più denso dell'acciaio)... anche più di 50 cm di acciaio continuo vengono tranquillamente perforati, attraverso un orifizio largo non più di 2 cm... in seguito quando entra in cabina si incendia, spesso provoca la detonazione delle cariche e riempie la cabina di polvere tossica e parzialmente radioattiva. In Iraq e in Bosnia ci sono migliaia di tank in queste condizioni. Ecco perché l'aumento delle leucemie e delle mutazioni e malformazioni tra i neonati di FALLUJAH e di altri luoghi (Io mi sono sentito dire da una che era dovuta all' ENDOGAMIA nei piccoli villaggi... che peraltro non avevano mai visto queste malformazioni!)

http://it.wikipedia.org/wiki/Uranio_impoverito

In quanto o a una reazione piezo-nucleare o a fusione fredda che dir si voglia... domandate al PROFESSOR DEL GIUDICE...

Guest ha detto...

DISQUS + Opera Browser = Disastro !

s-t-i-c-a ha detto...

Hanno reinventato la pila !

s-t-i-c-a ha detto...

Hanno reinventato la pila !

s-t-i-c-a ha detto...

DISQUS + Opera Browser = Disastro !
Sto scrivendo da FireFox con evidente "gaudio" delle ventole del mio PC.

piero41 ha detto...

 Insomma qui da una parte c'è un giovane e rampante ingegnere nucleare, che in fondo si rifà alle spiegazioni rivelate dagli USA che però non spiegano affatto gli effetti di fusione dei tank  o le ombre/immagini di persone ritrovate a latere di esplosioni   in alcuni rifugi in c.a.  colpiti dalle armi suddette; dall'altro lato con E. del Giudice abbiamo un fisico ricercatore che ha lavorato anche al Cern ed ha concluso la carriera come primo ricercatore all' INFN. Qui il suo curriculum  http://www.acquainformata.eu/gruppo-ricerca/collaboratori/emilio-del-giudice/  e  qui la sua intervista  nella quale parla  del caricamento con D. di piccole masse di Uranio  per arrivare ad una massa critica per  un esplosione nucleare limitata, con un processo simile al caricamento del Palladio nella FF.     http://www.youtube.com/watch?v=6wnvIZ9f4og          Mi sembra di capire che si preferisce credere al giovane ingegnere un po' rampante che in fondo da di cialtrone al suo predecessore....  Certo quando sono comode per negare le Lenr  anche le verità USA possono andar bene....

ValeriaG ha detto...

...e ne leggi una, e poi ne senti un'altra, poi leggi Preparata e senti del Giudice...e poi scopri questo:

 
http://beforeitsnews.com/story/1844/492/Insider_Reveals_Heart-Attack_Inducement_Weapons_Probably_Cause_Of_Andrew_Breitbart_Death.html

Come nella migliore delle tradizioni: "Vox Populi, Vox Dei"

ValeriaG ha detto...

Non proprio, direi...

C'è una fissazione che aleggia, cò 'ste pile: ma le vedete dappertutto!? ...Com'è?

ValeriaG ha detto...

Krivit produce come una coltura di funghi e muffe, in queste ore....

http://blog.newenergytimes.com/2012/03/02/pettersson-finds-major-flaw-but-still-believes-in-rossis-e-cat/ 

"Si attacca di nuovo alle termocoppie..."
Meglio che niente...
Mi piace, comunque, il suo metodo di porre domande, molto incisivo..
Più che un giornalista, sembra un agente del KGB! Chissà se gli ha puntato pure l'abat-jour in faccia?!
Dev'essere piacevole farsi intervistare dal lui. Molto

VortexFusion ha detto...

Piero, non mi sembra che il prof. Massimo Zucchietti stia negando le LENR, anzi esattamente il contrario, sostiene che le anomalie riscontrate a seguito dell'impatto dei proiettili all'uranio impoverito si producono reazioni piezonucleari, senza per questo dover immaginare un caricamento del proiettile con deuterio o quant'altro.
Una tesi decisamente anticomplottista da un certo punto di vista, ma probabilmente la più seria e più scientificamente supportata da dati sperimentali e teoria, quella piezonucleare.

vincenzotorino ha detto...

oriva

bach22 ha detto...

prova

vincenzotorino ha detto...

prova

vincenzotorino ha detto...

prova

vincenzotorino ha detto...

 prova

piero41 ha detto...

DEL Giudice  parla di tank quasi completamente  fusi e di casi dove sono stata rinvenute ombre di persone a latere dell'esplosione  come conferma di esplosioni nucleari. Parla di U 235 portato sotto la massa critica caricandolo con D. E' evidente che l'esplosione nucleare  di fissione può poi benissimo esser stata innestata da fenomeni piezo. L'uranio impoverito non potrà produrre un esplosione di fissione  e un fenomeno Lenr non credo potrà raggiungere  T sufficienti a far penetrare l'ogiva  di U 238.  mi sembra più credibile che vi abbiano abbinato la solita carica cava che fonde e l'ogiva penetra e convoglia il calore dell'esplosione all'interno.  Mi posso sbagliare senz'altro ma visto che l'U impoverito non può dar luogo a fissione mi domando che razza di esplosione può altrimenti provocare una Lenr  per fondere istantaneamente 30 o più cm di acciaio? Da brividi per il futuro!!  Ma anche se  si riscontrassero solo fenomni piezo, non capisco perchè l'esercito non avrebbe dovuto segretare piezo  ed FF fenomeni complementari diciamo, lo hanno fatto anche alla NASA come ha detto ufficialmente Celani al Cern... Ma vi rendete  conto della figura di me,,da che si sono accollati  quei ricercatori!!!... .  Ora vedremo se e come reagirà qualcuno in USA.....   Non credo che ai veterani piaccia molto esser stati irradiati sui campi con tanta disinvoltura ...   quanto ai dati sperimentali di questo tipo non credo che ve ne siano di pubblici... forse nelle zone di guerra..

Paul Smith ha detto...

E' da un po' di tempo che su JoNP pongono a Rossi domande sul rendimento energetico globale dell'E-Cat, mostrando calcoli su consumi e rese nelle diverse condizioni. In sostanza si mette in dubbio che un COP di 6 possa essere sufficiente per giudicare l'E-Cat *decisamente* migliore ad esempio del gas.
Nelle sue risposte mi pare che Rossi tenda ad arrampicarsi un po' sugli specchi, dando la chiara impressione che sia consapevole di questo limite funzionale. Ad un certo punto infatti ha affermato che potrà avere un COP molto più alto (infinito, ha detto), quando realizzerà un sistema con E-Cat
multipli generanti EE e autoalimentati. In tali condizioni potrà staccarsi dalla rete elettrica, il cui consumo è collegato all'attuale COP basso.
E' anche per questo che sta lavorando intensamente alla generazione di energia elettrica. E questa sarà una evoluzione decisamente fondamentale per l'E-Cat, alla luce anche di quanto su detto.

Paul Smith ha detto...

Ecco il nocciolo del problema:"Andrea Rossi March 3rd, 2012 at 8:39 AM Dear Alfonso Troisi:We are working hard on this issue. The Siemens turbine, anyway, will be for plants over 15 electric MW of power, no way to make it fit for small applications.Probably we will start soon the production of a 15 MW plant, totally self sustained utilizing part of the electric energy it produces to drive the E-Cat modules and using the remaining thermal energy for heating.Warm Regards,A.R."

Benedetto Schiavone ha detto...

Tra le altre cose, Rossi promette che pubblicherà una tabella riepilogativa con consumi e calore prodotto." ...Anyway: we are preparing a plot where the ratios between energy produced and energy consumed are detailed, considering multiple cases of use, to avoid confusion. "
E' interessante comunque il fatto che l'e-cat domestico da 10 KW, potrà produrre calore con quantità anche inferiori rispetto al valore massimo di 10 KW: in pratica non è un oggetto che funziona in modalità ON/OFF, ma può mantenersi "acceso" anche producendo meno calore e ovviamente consumando meno elettricità. Non a caso scrive "...For example: if you use 6 thermal kWh, you consume 1 kWh of electric power..."
E' evidente che la vera rivoluzione sarà quella dell'autosostentamento elettrico-termico, cosa che dovrebbe rimanere estraneo all'ambito domenstico, almeno a breve termine.
A riguardo:
To make it short: when we will be able to produce electric power, we will drive the E-Cats of a system of E-Cats with one E-Cat: at that point the COP will be very, very high… We are working badly on this, believe me.
Warm Regards,
A.R.

The E-Cats with the electric power generators are very close for the industrial use, while for the domestic we can’t make sure projections so far.
Warm Regards,
A.R.
Salutoni ai lettori del blog e a Daniele che ci ospita.
Benny

FrancoMorici ha detto...

Anch'io ritengo che questo sia un punto molto delicato.
Sulla base delle attuali prestazioni dell'E-Cat la convenienza non sempre risulta assodata.
C'è ancora del lavoro da fare per migliorare COP ed elevare le temperature del vapore prodotto.

miauC ha detto...

questa notizia http://www.mail-archive.com/vortex-l@eskimo.com/msg64013.html l'avete commentata da qualche parte?

A Game-Changing Power Source Based on Low Energy Nuclear Reactions (LENRs) Xiaoling Yang and George H. Miley, University of Illinois, Urbana, IL 61801 (104 S Wright Street, 216 Talbot Laboratory, Urbana, IL 61801, xlyang@illinois.edu, ghmiley@illinois.edu)Excess heat generation from our gas-loading LENR power cell (Figure 1) has
been verified, confirming nuclear reactions provide output energy. While
there are similarities between ours and the Rossi E-Cat gas-loaded kW-MW
LENR cells that have attracted inter-national attention, there are
important differences in nanoparticle composition and cell construction.

Tizzboom ha detto...

Ma perche' continuate a scrivere off-topic in questo post? Ce ne sono altri oramai, incluso un "Lustro".

miauC ha detto...

non riesco a vedere il mio messaggio... anche se lo vedo negli "ultimi messaggi". strano...

Tizzie ok è un po' off topic rispetto alla notizia ma non certo rispetto al blog che di LENR tratta. George Miley (Università dell'Illinois) annuncia la sua LENR e tra le altre cose dice che ha similitudini con quella di Rossi.

mi chiedevo se era già stata discussa e dove...

Tizzboom ha detto...

Devi cliccare il pulsante "mostra altri commenti"  giu` in fondo alla pagina. Si potrebbe fare in modo di visualizzarne piu` di 10 per volta, ma evidentemente Daniele non ha avuto tempo di finire di configurare la nuova piattaforma dei commenti.

miauC ha detto...

 no, quello lo so. stavo modificandolo (per questioni di ordine) e alla seconda modifica mi ha mandato il messaggio che era stato segnalato al moderatore come se ci fosse un limite di modifiche e poi va in moderazione.
ora non mi compare. tu lo vedi?

miauC ha detto...

vabbè, riprovo

questa notizia

http://www.mail-archive.com/vortex-l@eskimo.com/msg64013.html


l'avete commentata da qualche parte?

A Game-Changing Power
Source Based on Low Energy Nuclear Reactions
(LENRs)
Xiaoling Yang and
George H. Miley, University of Illinois, Urbana, IL 61801 (104 S Wright
Street, 216 Talbot Laboratory, Urbana, IL 61801, xlyang@illinois.edu,
ghmiley@illinois.edu)

EXCERPT:
Excess heat generation from our gas-loading LENR power cell (Figure 1) has
been verified, confirming nuc-lear reactions provide output energy. While
there are similarities between ours and the Rossi E-Cat gas-loaded kW-MW
LENR cells that have attracted inter-national attention, there are
important differences in nanoparticle composition and cell construction
.
Our experiment has established a remarkable proof-of-principle power unit
at ca. 350W/kg under room tem-perature when using deuterium (D2) gas (H2
can also be employed) with Pd rich nanoparticles, producing 1479J heat,
well above the maximum exothermal ener-gy (690J) possible from all
conceivable chemical reac-tions (Figure 2). Neglecting unlikely chemical
reaction contributions, the energy gain is virtually unlimited due to
negligible power input with gas loading!


a sembra una notizia fantastica. nuove conferme della marea LENR che sta montando

vincenzotorino ha detto...

 Ho letto della tabella che produrrà Rossi in base al tipo di impianto che si possiede. Credo che con la classica caldaia a gas si possa diminuire abbondantemente l'imput di energia elettrica. Solo a queste condizioni l'e-cat può veramente essere molto cnveniente economicamente in attesa dell'e-cat elettrico. Interesante l'-cat da15 MW che intende costruire autosostentato con le turbine Siemens. Questa è vera ri9voluzione!

miauC ha detto...

ok, ci ho riprovato ma non mi appare neanche questo... strano fenomeno. boh ci rinuncio. chi è interessato segua il link che appare in "ultimi commenti" sulla sinistra.

la notizia mi pare ottima. rende gli ottimisti sulle LENR quel tot più ottimisti e si può aggiungere l'Università dell'Illinois tra gli indiretti fiancheggiatori di Rossi, visto che lo citano espressamente.
 

ValeriaG ha detto...

Io credo più ad un discorso commerciale, riferito all'Ecat domestico e a quello self-sustaining da 15 kw (che costerà almeno 3mila dollari).

Se hai una turbina in grado di creare un sistema "chiuso" e free, puoi certamente miniaturizzarla di quel tanto che serve a farla lavorare in parallelo con un Ecat da 10 Kw, non credo possa essere questo il problema. Siamo su ordini di grandezza molto limitrofi...
Del resto credo che la temperatura dell'Ecat abbia questo limite per questioni di "controllo", ossia in relazione alle schede che assistono il funzionamento.
Non pensate che il problema "temperatura" possa essere uno dei più superabili, tra qualche tempo?

ValeriaG ha detto...

Sugli altri post è impossibile postare, al momento. Questo è rimasto aperto e mi carica Disqus se ricarico la pagina.

Sul refresh della home i post appaiono correttamente, ma senza la possibilità di vedere il numero dei commenti e la finestra apposita.
Potete cancellare: era solo per farvelo sapere.

vincenzotorino ha detto...

 Per ora Rossi dice possibile self-sustaining a breve con turbine Siemens solo per e-cat da 15MW. Per potenze inferiori qualcosa si può fare con e-cat in parallelo con un e-cat che sostenta gli altri. Quindi per condomini o piccole ditte il cui costo rimane solo per l'imput del primo e-cat, che se usa caldaie a gas ha dei grossi risparmi. Credo che ora Rossi abbia già  molto lavoro su quanto deve velocemente produrre. Poi si dedicherà anche all'e-cat domestistico energia elettrica.Senz'altro la miniutirizzazione credo sia possibile, ma con tempi non proprio brevi. Per la temperatura mi sembra che Rossi abbia qualche problema sul breve tempo almeno. Comunque mi auguro che Rossi non voglia fare tutto da solo! Ci saranno tantissimi che poi si industrieranno, col permesso di Rossi, a creare e perfezionare l'invenzione con tante applicazioni per usi diversi. Il futuro non aspetta...

22passi ha detto...

Verifica se ora funziona tutto bene e fammi sapere, grazie.

22passi ha detto...

Ciao a tutti, scusate ma non mi ero accorto delle impostazioni di default di Disqus e sono potuto intervenire solo ora per risolvere il pasticcio: adesso i commenti sono in ordine cronologico e 200 per pagina (volendo si può fissare anche un numero maggiore). Problemi di rodaggio che saranno ampiamente ricompensati dalle possibilità offerte da Disqus.
Buonanotte e a domani sera... domani giretto al mare! :)

22passi ha detto...

Sì, e come dicevi... evidentemente se modifichi il commento più volte va automaticamente in moderazione, ora te lo ho sbloccato.

Tizzboom ha detto...

 Ricorda che c'e` il problema che i nuovi commenti inseriti nella versione mobile non appaiono su Disqus perche' viene utilizzata li` ancora la piattaforma di Blogger.

ValeriaG ha detto...

tutto ok adesso

triziocaioedeuterio ha detto...

 "While there are similarities between ours and the Rossi E-Cat gas-loaded kW-MW LENR cells that have attracted inter-national attention, there are
important differences in nanoparticle composition and cell construction."Questo dimostra che si possono usare diversi metodi per sfruttare le lenr ed anche che la tecnologia fondantesi su questi principi è a mio avviso ENORMEMENTE implementabile.Un inimmaginabile rivoluzione è alle porte...

ValeriaG ha detto...

Il sito di PesWiki non è raggiungibile da stamani


http://peswiki.com/ 

ValeriaG ha detto...

Nuova batteria LENR dall'Università dell'Illinois 

http://ecatnews.com/?p=2125 

piero41 ha detto...

Non so ma forse prima di parlare delle  "important differences in nanoparticle composition and cell construction."  credo bisognerebbe conoscere qualcosa di preciso sulla composizione delle nanopolveri e del reattore di Rossi  e magari di Piantelli  per giudicare se effettivamente si posson  realizzare  "caffettiere per lenr" abbastanza diverse....  o sia solo una battaglia di apparenti diversificazioni per ottenere magari visibilità e   brevetti ...

bertoldo 2.0 ha detto...

 Quando arrivano a Tesla avvisatemi ...

ValeriaG ha detto...

Quando ci arriveranno davvero...ce ne accorgeremo!

Paolo Accomazzi ha detto...

"Breaking News" proprio a proposito di  questo post.

Una trasmissione di Maurizio Torrealta, l'autore de "Il segreto delle tre pallottole" su questo tema:

http://youtu.be/LfR37Z1YsvQ

Tizzboom ha detto...

Arriva proprio a puntino questo nuovo (aggiunto il 2 Marzo 2012 nel canale Youtube di Rainews24) video a tema!

L'embedding credo funzioni su Disqus solo con i link "normali" di Youtube:

http://www.youtube.com/watch?v=LfR37Z1YsvQ

Paolo Accomazzi ha detto...

 L'INCHIESTA
STUDIO COREA conduce MAURIZIO TORREALTA.
Il settimanale inglese " Nature" rivela l'analisi di uno scienziato
svedese che potrebbe rivoluzionare la sicurezza nucleare come la abbiamo
conosciuta finora: La Corea potrebbe essere in grado di produrre armi
nucleari di piccola potenza. Ne discutono in studio il Generale Carlo
Jean, l' analista strategico Alessandro Politi, la ricercatrice dell'
Enea Antonella De Ninno ed il fisico teorico Emilio Del GIudice.

Paul Smith ha detto...

da pesn.com:
"...The Hyperion contains nine reaction vessels, each producing 5 kW of heat. Whether you just want 5 kW or 45 kW, or any amount in between, you will purchase the same unit. If a person only wants 5 kW, then the reaction vessels will rotate one after another, until all reactants are used up. So the duration could be as much as 4.5 years (each vessel reactants are designed to last 6 months). But that doesn't take into consideration the inevitable loss of hydrogen. They agreed with me that this is yet an unknown -- how long the vessel will actually remain charged and ready to go...."

Alex G. ha detto...

 Giuste le osservazioni di Peter... il Palladio può andar bene per i primi esperimenti ma poi occorre cercare altro materiale con caratteristiche simili. Tipo il Ni...

Alex G. ha detto...

 NO
hanno trovato un modo per scindere la molecola dell' H2O producendo H2 a costi energetici bassi, tramite un catalizzatore che abbassa l' energia della reazione.

teknico ha detto...

Allora, con una polverina magica otengono energia gratis dall'acqua, e di grazia, da dove verrebbe questa energia? Dal nulla? Dall'etere? Dalla quinta dimensione? Da universi paralleli? Mi sa che questi le polverine le pippano!

22passi ha detto...

Grazie a tutti quelli che mi hanno segnalato il servizio di RAINEWES24, andato in onda poche ore dopo questo post: http://22passi.blogspot.com/2012/03/armi-nucleari-tattiche-prive-di-massa_04.html

s-t-i-c-a ha detto...

I catalizzatori non si consumano nella reazione.
But Khe said, “After reactions with hydrogen, the nanomaterial becomes non-toxic waste and will be taken back for recycling.”
http://www.tuoitrenews.vn/cmlink/tuoitrenews/features/local-scientists-doubt-water-fuelled-generator-1.64088

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails