IL BLOG DI QUEI 2+2 GATTI APPASSIONATI D'AMORE, POESIA, SPIRITUALITÀ, LIBRI, MUSICA, POLITICA, DEMOCRAZIA,
TECNO-ECO-SOSTENIBILITA', ENERGIE PULITE, COLD FUSION, LENR "E TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO? OPPURE...

mercoledì 23 marzo 2011

Happy Birthday!

Oggi è giorno di compleanni. 
 
Quarantacinque anni fa nasceva l'amico di più vecchia data che ho, ci frequentiamo infatti dalla prima media, dunque da trentaquattro anni. Perciò mi viene spontaneo pensare proprio adesso a quanto sia misericordioso l'aggiustamento percettivo che ci lascia continuare a vedere “uguali” le persone che conosciamo – e noi stessi – al di là del tempo che segna e trasforma. Forse diventiamo vecchi – ci sentiamo tali – proprio quando questo “trucco” smette di funzionare. Fatto sta che, pure con qualche ruga in più (molte) e la barba che imbianca, mi vedo sempre lo stesso, e così pure l'amico di cui ricorre il compleanno, nonostante noi due siamo cambiati davvero tanto, sia dentro sia fuori.

Gli voglio bene e lo stimo, perché in questa brutta Italia contemporanea – che purtroppo ci rappresenta tutti nel mondo – onestà, integrità, pazienza, pacatezza, intelligenza, sensibilità, sono  valori e atteggiamenti quasi considerati “fuori moda”. Per fortuna ci sono persone fuori dal coro che sanno ancora testimoniarli nella vita di tutti i giorni, il amico è tra loro.

Auguri di cuore, caro Giuseppe. Te li faranno in famiglia, all'Università di Bologna, i tuoi studenti al polo didattico di Cesena, gli amici... intanto sono il primo! 

Ma un blog contraddistinto dal numero 22 non poteva perdere l'occasione di celebrare anche un altro compleanno. Proprio ventidue anni fa, il 23 marzo 1989, Fleischmann e Pons fecero quella famosa conferenza stampa che portò sulla bocca di tutti due paroline, cold fusion (fusione fredda), semplici quanto rivoluzionarie, che da allora sono state oggetto di rosee speranze quanto di severe critiche, di alte aspettative quanto di insabbiamenti, un patrimonio da difendere e sviluppare per i loro sostenitori, un errore da smascherare ed epurare dalla Scienza per i loro detrattori, prodromo di una inarrestabile rivoluzione scientifica (nell'accezione di Kuhn) per i primi, esempio da manuale di scienza patologica (nell'accezione di Langmuir) per i secondi. 

Tutto ciò dura da 22 anni. Il buon senso dice: non c'è fumo senza arrosto.
 
Il punto è che la prima cella elettrolitica alla F&P (con deuterio, catodo in palladio e anodo in platino) ha aperto giusto una pagina di quello che pare, ogni giorno di più, un intero nuovo libro di Scienze fisiche e chimiche – le LENRs (Low Energy Nuclear Reactions) cioè reazioni nucleari a bassa energia – destinato a gettare ponti verso altre discipline, per esempio geologia, biologia, medicina, probabilmente persino psicologia. Infatti i ricercatori, dopo essersi soffermati nel XIX e XX sui modi maschili, yang, hard con cui la Natura opera, hanno cominciato a prestare più attenzione anche ai modi femminili, yin, soft della Natura. La stessa distinzione tra materia animata/inanimata, vivente/non vivente, un giorno sarà senz'altro diversa da quella ora accreditata. C'è alle porte un epocale cambio di paradigma scientifico che annetterà ai territori della Scienza tante – proprio tante – materie oggi escluse e che alla lunga porterà a riunire e riconciliare l'emisfero destro dello scibile (umanistico/emotivo) con quello sinistro (scientifico/razionale).
 
Nel frattempo, salvo lodevolissimi eccezioni – cito per tutti Peter L. Hagelstein e il Nobel Brian Josephson – la maggior parte dell'establishment accademico, negli ultimi 22 anni ha dato ben poco credito alle LENRs. Anzi, ha alzato i ponti levatoi, trasformando il buon vecchio e sano scetticismo scientifico in chiusura aprioristica a tutto ciò che contraddice i “dogmi” della scienza ufficiale: “se il fenomeno non è riproducibile al 100% allora non c'è fenomeno”. Eppure un fenomeno si può dominare e spiegare solo se vengono identificate le variabili più importanti in gioco, cosa cui si arriva a volte per via teorica, a volte per via empirica, spesso usando entrambe le vie. Invece il fronte “ortodosso” della scienza da un lato ha declassato l'evidenza sperimentale ad aspetto secondario, dall'altro ha innalzato l'importanza della teoria al sommo grado, facendone una “norma di diritto” superiore a ogni anomalia che – irrispettosa – vorrebbe rimettere in discussione la teoria stessa. E se teoria e dato sperimentale confliggono, non può che essere sbagliato quest'ultimo, o meglio, il ricercatore avrà per forza sbagliato le misure. Ogni azione provoca la reazione uguale e contraria, così l'accoglienza freddissima ricevuta dalla comunità scientifica, ha provocato a sua volta irrigidimenti nelle compagini dei fautori delle LENRs, dando adito a ulteriori diffidenze dei detrattori e così via.

Da questo empasse non se ne stava uscendo più.

La novità di questi ultimi mesi è l'entrata in scena dell'E-Cat messo a punto dall'ingegner Rossi con la collaborazione del professor Focardi. Stavolta l'inventore non si è dato come principale obiettivo quello di convincere gli scienziati della bontà del suo E-Cat, ha scelto invece di puntare a metterlo sul mercato il prima possibile e affidare il verdetto direttamente ai clienti: pagheranno a patto che il prodotto funziona. C'è di più, ha offerto all'Università di Bologna di finanziare egli stesso la ricerca scientifica sull'E-Cat. Insomma, nell'intera operazione Rossi ha investito tutti i propri capitali e soltanto questi, perciò finirebbe sul lastrico se entro l'anno non presentasse e mettesse in vendita l'annunciato impianto da 1 MW (composto da 125 E-Cat). Se tutti i suoi programmi verranno rispettati a ottobre, ad Atene, s'inaugurerà la prima vera svolta del mercato dell'energia da un secolo a questa parte. E io faccio il tifo e brindo al successo dell'E-Cat!

14 : commenti:

jo ha detto...

Bel post!

Ciao, Gio

Yoda ha detto...

Bravo Daniele! Mi piace come scrivi. E tanti auguri al Prof. Levi (credo ne abbia davvero bisogno in questo momento per lui bellissimo ma difficilissimo)

zippo ha detto...

auguri a Giuseppe!

e digli da parte mia che non si preoccupi dell'eta': quando il suo video avra' fatto il giro del mondo tutte le ragazze vorranno uscire con lui e tireranno il bidone a Raz Degan! :-D

Daniele ha detto...

@jo&Yo
Grazie! :)

@zippo
Glielo dico... ma meglio che non lo dico alla moglie! Al limite, per tirarlo via d'impaccio... ci esco io con tutte quelle ragazze in vece sua! ;)

zippo ha detto...

gia' che si e' in vena di facezie: ehi, Dani, stai facendo il giro del mondo: mo' anche i crucchi sanno chi sei!

http://www.heise.de/tp/r4/artikel/34/34400/1.html

e poi c'e' questa chicca, un documento che fa talmente ca... che lascia talmente a desiderare che mi ha convinto piu' di ogni altro: l'e-cat e' una bufala! :-D

http://www.youtube.com/watch?v=0cwSFu1Pz0g

Ciao!

ps: mi pare di avere capito che stasera (notte in italia) Rossi partecipi con Allan di PESN ad una trasmissione radiofonica; mi pare anche di avere capito che sia una roba tipo Giacobbo o giu' di li'... Ma chi gliela cura l'immagine a quel ragazzo? :-)

Daniele ha detto...

@zippo
Non sapevo nulla di quel video... ho chiesto a chi di dovere se è "autorizzato" :)

Sulla partecipazione a quella trasmissione no comment... il ragazzo sa quel che fa... spero!!! :)))

roberto ha detto...

un fuoco che erompe dalle misteriose profondità della terra e divampando illumina e abbellisce il monte, l altura celeste.
Questo è il simbolo secondo il più antico codice binario del numero 22

Daniele ha detto...

@roberto
Ho qualche dubbio sulla corrispondenza così immediata tra la simbologia dei 64 esagrammi dell'I-King e quella della numerologia occidentale, comunque è un bello stimolo, grazie. :)

reoberto ha detto...

io non ho pensato al 22 come numero,perchè per me il 22 non esiste.Ho identificato con qualcosa di te il 22 e preso da una sensazione improvvisa ,sono andato dai i-ching per sentire la loro. Tu non c entri,puoi dubitare o crederci non ha importanza. Ti resta ,come dici tu,uno stimolo,che in questo caso è piacevole....pertanto gustatelo.

Daniele ha detto...

@roberto
Adoro l'I-King... l'edizione con la prefazione di Jung soprattutto! ;)

roberto ha detto...

non so se conosci la fondazione Eranos. è un ente che si interessa dell incontro tra filosofie orientali e occidentali.è stata fondata da Jung.Hanno pubblicato un edizione dei i-ching, veramente interessante.Red edizioni.

Daniele ha detto...

@roberto
Ahimè per dirla socraticamente, più cose scopro più scopro di non sapere nulla! Ma questa proprio non mi capacito di come mi fosse passata inosservata per tutti questi anni! :(
Grazie, veramente grazie

chiara ha detto...

Se è amico tuo è amico mio quindi: AUGURI GIUSEPPE!!!!! P.S. sei proprio fortunato ad avere un amico come Daniele!

Daniele ha detto...

@Chiara
Grazie a nome suo! Ma anche a nome mio! ;)
Perdonami se ultimamente non passo più sul tuo e sui miei altri blog-amici... guarda che ore sono, guarda a che ora vado a letto solo per rispondere ai commenti qui da me: è così tutte le sere. Della serie "ho voluto la bicicletta e adesso..."!

Posta un commento

N.B. La responsabilità di quanto contenuto nei commenti è sempre esclusivamente di chi li scrive. È particolarmente benvenuto chi si esprime e argomenta in modo educato, chiaro, non polemico. Le opinioni espresse da chi usa la sua vera identità (e non si "nasconde" dietro a un nick) sono particolarmente apprezzate.
Nota del 09/06/14 - da ieri vige ad interim la moderazione dei commenti, per tutti salvo che per gli "autori" del blog.

Related Posts with Thumbnails