Siamo appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Siamo uno specchio capovolto della realtà, fuori c’è il patriarcato qui una "società gilanica", fuori c’è il petrolio qui siamo pro E-Cat: per previsioni sull’esterno invertite (quasi) sempre i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

BACHECA DEL BLOG

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

giovedì 25 maggio 2017

Torino non vuole uno zoo



Post di Rosalba Nattero


COMUNICATO STAMPA

NO A UN NUOVO ZOO A TORINO

Le associazioni animaliste e ambientaliste ENPA, LAC, LAV, LEAL, LEGAMBIENTE, LIDA, OIPA, PRO NATURA TORINO, SOS GAIA hanno organizzato per sabato 27 maggio una Manifestazione Nazionale per protestare contro la riapertura dello zoo di Torino.

30 anni fa chiudeva lo zoo di Torino dopo le migliaia di proteste dei cittadini che assistevano allo spettacolo indegno e quotidiano di animali in gabbia, stressati e depressi, proprio nel cuore della città e quindi in mezzo al traffico cittadino.
Ora, trent’anni dopo, se il progetto andrà avanti, la città farà un salto involutivo di decenni perdendo quella caratteristica di città sensibile agli animali che aveva acquisito in questi ultimi anni.

Il piano del Comune prevede la svendita del parco a Zoom per un periodo di ben trent’anni (rinnovabili poi per ulteriori venti).
Il sito prescelto è ancora quello del Parco Michelotti, un’area di grande pregio naturalistico situata sulle sponde del Po nel pieno centro della città, che da trent’anni attende di essere riaperta ai cittadini, e che rischia invece di essere privatizzata. Il parco è affiancato da un corso cittadino a grande scorrimento il cui traffico aumenterebbe notevolmente con gravi disagi per i residenti. Le strutture del nuovo zoo, sottrarrebbero per sempre un bene pubblico ai cittadini.

Le amministrazioni comunali sono cambiate, ma la situazione non muta: l’amministrazione attuale, nonostante nel suo programma si mostri sensibile al benessere degli animali, su questo caso sembra rappresentrare una continuità con quella precedente, non facendo nulla per evitare un nuovo lager per gli animali.

Osserviamo con rammarico come la nuova amministrazione comunale si sia schierata a favore del nuovo zoo, sotto la minaccia di fantomatiche multe plurimilionarie, che appaiono del tutto inverosimili da un punto di vista legale.
Pertanto non possiamo fare a meno di notare l’assenza della reale volontà politica di contrastare il progetto figlio dell’amministrazione precedente, in netto contrasto con il programma elettorale.

Le associazioni animaliste e ambientaliste, insieme a tutti coloro che amano e rispettano gli animali, non si fermeranno nel protestare contro il progetto.
A questo proposito, il 27 maggio a Torino avrà luogo una grande manifestazione nazionale contro la riapertura dello zoo, organizzata dalle maggiori sigle dell’animalismo nazionale.
Ritrovo ore 14 a Porta Susa (Piazza XVIII Dicembre), corteo ore 15 da Porta Susa a Parco Michelotti.

Per:
ENPA, LAC, LAV, LEAL, LEGAMBIENTE, LIDA, OIPA, PRO NATURA TORINO, SOS GAIA

Rosalba Nattero
Tel: 338 7196 000
nattero@inrete.it

 
Comitato promotore: c/o SOS Gaia - Piazza Statuto, 15 - Torino - Telefono 011 530846

9 : commenti:

Silvio Caggia ha detto...

Grazie Daniele per aver dato visibilità a questa manifestazione in difesa dei diritti degli animali.

Alessandro Pagnini ha detto...

Come diceva il 'buttadentro' dello zoo, appena qualcuno si avvicinava all'ingresso:
"Entrino signori, entrino. Più gente entra, più bestie si vedono" ;-)

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio
Quel poco che posso.
Molti dicono "che senso ha preoccuparsi degli animali quando c'è gente che soffre, muore di fame, guerra, malattia ecc."?
E via poi con le "giustificazioni" di natura biblica: sono esseri "senza anima", creati per essere usati, scuoiati, mangiati ecc. dall'uomo.
Sono molto buddhista in questo: penso che se tutti considerassero gli animali come esseri con il nostro stesso diritto alla vita, gli stessi rapporti tra umani non potrebbero che migliorare.
Basta solo l'idea che un animale, in quanto essere con meno diritti di noi, possa essere messo in cattività, essere fatto oggetto di prevaricazione o persino violenza, perché di fatto si apra la porta ad agire è concedersi queste stesse dinamiche anche su altri essere umani.

Silvio Caggia ha detto...

Test visivo:
Quanti partecipanti riesci a contare nel video?
Quanti ne leggi nei giornali?

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10211340433458891&id=1602502381

http://www.ansa.it/piemonte/notizie/2017/05/27/no-zoo-in-corteo-a-torino_d3d06faa-9425-44df-8fe1-6d5b08650834.html

Silvio Caggia ha detto...

Video-riassunto della manifestazione
https://m.youtube.com/watch?v=qmsbnNOgkT8&feature=youtu.be

Silvio Caggia ha detto...

Aggiornamento:
http://www.torinoggi.it/2017/06/09/mobile/leggi-notizia/argomenti/attualita-8/articolo/si-riapre-la-discussione-sullo-zoo-a-torino.html

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio
Molto bene! :)

Silvio Caggia ha detto...

E Torino non avrà uno zoo!
Vittoria!

http://www.lastampa.it/2017/12/15/cronaca/addio-bioparco-zoom-fa-retromarcia-dopo-mesi-di-stallo-fKvbps9W3OxOLTP73P2j4M/pagina.html

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio
Bene!!! :)

Posta un commento

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

Related Posts with Thumbnails