BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

venerdì 28 settembre 2012

In diretta dal museo della radio di Marghera

[N.B. il post che segue è una sorta di galleria fotografica e anticipazione dell'ottimo resoconto pubblicato da MISTERO nel blog pochi giorni dopo: http://22passi.blogspot.it/2012/09/addiator-autore-mistero.html]

Dal nostro corrispondente MISTERO in esclusiva per il blog ecco le immagini in diretta dell'incontro con Lucio Zanverdiani che si sta svolgendo in questo momento presso il museo della radio a Marghera, in via Gelain 7. Le aggiungerò al post mano a mano che mi vengono inviate (attenzione, l'ordine cronologico sarà dal basso verso l'alto).

Altro particolare del "core".
Il "core" del reattore di Zanverdiani.

Lucio Zanverdiani ha spiegato che la fusione fredda si può fare "con tutto"... ha in mente tanti esperimenti con diversi tipi di polveri. Nella foto sopra il reattore "didattico" , con attacco per contatore geiger e oblò per telecamera o fotocamera.



Tra le tante ipotizzate per spiegare la cold fusion, ecco la teoria dello Spazio Quantizzato di F. Santandrea.
Inizia la presentazione, ma... sorpresa: quello lì a destra è Francesco Santandrea (il nostro spaxio)!
Lucio Zanverdiani.
Ancora una foto di quanto portato alla conferenza da Zanverdiani.

Un'altra bacheca del museo.
Un'aliena già avvistata la settima scorsa a Cesena s'aggira tra le radio antiche.
Ancora il set sperimentale predisposto da  Lucio Zanverdiani.
Prima foto arrivata al blog in diretta da Marghera.

49 : commenti:

Marco da Rallo ha detto...

@Mistero

ecco, ecco mi hai letto nel pensiero!,

la telefonata era per questo .. aggancia una Mail così possiamo essere più reattivi .. e coprire tutto lo 'scenario' (hehe)

Marco

ravecarl ha detto...

Non capisco un tubo di meccanica. Ma a prima vista mi sembra un progetto già avanzato.
E' tutto ben messo e ben predisposto e ben collocato. Ci sono i tubini ben messi in ordine. Anche l'occhio vuole la sua parte. E' roba Svizzera ? ;-))))

Tizzboom ha detto...

Leggevo che Zanverdiani non ha mai acceso il suo reattore prima ed ha "problemi a trovare l'idruro giusto per accenderlo", non si parte molto bene direi.

Altre info nei commenti dal sito linkato ad inizio post.

Giovanni Nobili ha detto...

Siete in tanti? C'è una copertura mediatica?

sandro75k ha detto...

@marco da rallo

sei così preciso e comprensibile dal vivo quanto criptico quando scrivi... faccio difficoltà a volte a capirti qui dentro... :)

sandro75k ha detto...

un reattore funzionante(?) mai acceso mancava nella saga... :O

Marco da Rallo ha detto...

@sandro75k

era una comunicazione di (dis-)servizio .. lo so che non è educato

scusami

un abbraccio
Marco

Marco da Rallo ha detto...

@Sandro

beh funzionato una qualche volta deve aver funzionato.. il 'core' è bruciato come i tubi di scarico della mia moto dell'82 :-)

M.

RED TURTLE ha detto...


L'Idruro di Magnesio è quello più consigliabile!

ma ha messo:
1) la polvere micrometrica di Nichel
2) la polvere nanometrica di Nichel
3) il fenantrene (ma forse va bene il colesterolo
del burro=ciclo-pentano-peridro-fenantrene)
4) il Cobalto-59 che si vede nella spettroscopia della richiesta di brevetto di Andrea Rossi.
5) il ferro e tante altre schifezzuole del brevetto.

Poi brevi impulsi ad alto voltaggio ad onda quadra a 5Hz (non sono sicuro se bifasici o monofasici).
----------------------------------------------------
Giancarlo

PS-> (almeno è quello che si è capito della "ricetta segreta")

Tizzboom ha detto...

Vedendo le ultime foto: ma quindi il reattore funziona/e` stato fatto funzionare? Sono disponibili dati, misurazioni, informazioni sul setup? Anche qui ci saranno brevetti od altre problematiche (magari di tipo commerciale) ad allungare a dismisura i tempi di validazione dell'effetto, oppure...?

Marco da Rallo ha detto...

@MISTERO

pezzi 'da pieno' di '316' sabbiato? o titanio?

M.

sandro75k ha detto...

@Marco

Nulla, non ti preccupare.. lo dicevo con il sorriso..
Ma sei anche tu a vedere il reattore???

Barney ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Marco da Rallo ha detto...

@Sandro

...a dire la verità sto giocando ad 'Imperium' contro mio figlio, che ha monopolizzato il computer e mi ha relegato, con un portatile, in un ripostiglio,

se vinco io la lezione di storia la riassume lui, se perdo la riassumo io (le regole le ha fatte lui..) credo sia masochista

:-)

ci sarei andato volentieri, a Marghera .. per fortuna che c'è Mistaro (cfr prima comunicazione...)

ogni tanto sbircio e sono sempre più sorpreso nel constatare il "bel affaccendarsi" (.. hah Italia!)

M.

Giacomo Rendi ha detto...

@Tizzboom
Accenderlo deve averlo acceso, anche solo per ricerca e per i report scientifici e i dettagli ci sarà tempo, immagino. L'importante è dare il giusto sostegno a questo ricercatore! Crederci!

Ma è in contatto con Rossi? Si conoscono?

Spero solo che Zanverdiani lavori in modo più "open", le LENR che ora stanno diventando realtà devono essere a disposizione di tutti, sono troppo importanti per essere di questo o quel ricercatore, di questa o quella azienda...

sandro75k ha detto...

ad ogni modo sono contento che ci sia di mezzo Spaxio, è garanzia di serietà... ovviamente parlo di serietà, non di funzionamento...

masicuro ha detto...

Ma sicuro che funziona.
Ma non accendetelo, mi raccomando.

Tizzboom ha detto...

@Giacomo Rendi: scusa, ma perche' dovrei "crederci" sulla fiducia? Non so assolutamente nulla di lui e del suo reattore, ne' mi sembra ci siano informazioni dettagliate in giro a riguardo, l'unico modo affinche' possa dargli sostegno al momento e` che mostri dati promettenti (possibilmente verificati da qualche esperto esterno, ma siamo buoni e diciamo che non sarebbe neanche troppo necessario per ora), non e` che basti la buona volonta` di mostrare qualcosa. Non mi sembra di chiedere la luna, sono di bocca buona, io.

L'apparato emette segnali nucleari anomali durante il funzionamento o chiari eccessi di calore oltre le reazioni chimiche note? Benissimo, approfondiamo. Caso negativo? Allora, senza offesa, perche' perderci tempo sopra o anche eccedere nel dare visibilita` alla cosa?

Giacomo Rendi ha detto...

Ma perché così scettici? Sono l'unico che spera che anche questo e-cat funzioni?

Dai! Rossi non ha l'esclusiva della rivoluzione! ;-)

nambar ha detto...

sono d'accordo con rendi.... e comunque complimenti agli inviati sul posto, questa è la cosa che mi piace del blog.... nonostante qualche eccezione tutti impegnati e "sul pezzo" per capire..... grazie

Giacomo Rendi ha detto...

@Tizzboom

Ma perché dovremmo non crederci, invece? Quale motivo avrebbe questo ricercatore di mentire in pubblico? Di sicuro non la carriera, visto che non è un giovincello e visto il trattamento che ricevono quelli che come lui vanno contro il "giro grosso" di multinazionali e università conniventi.

umbgio ha detto...

@Mistero

Complimenti (ed un ringraziamento)per le immagini.

@spaxio

Dopo la teoria di Preparata studieremo la tua teoria sulle LENR. Complimenti!

a tutti:

Ho già pubblicato il tutto sulla mia pagina fb sulla ff per renderne partecipi tutti gli amici.
Sembra che noi italiani siamo sempre in pole position nella sperimentazione sulla ff.

Un ovvio ringraziamento a @Daniele che ci trasmette il tutto sul suo Blog.

Tizzboom ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Tizzboom ha detto...

@Giacomo Rendi: in breve, perche' l'onere della prova spetta a lui. Ma qui non abbiamo non prove, ma neanche indicazioni se, forse, succede qualcosa o meno. Per mancanza di informazioni.

Se dobbiamo dare ascolto e visibilita` a tutti coloro che pensano (non fare finta, mentire. Magari sono realmente convinti) di avere trovato la soluzione ma non possono dimostrarlo perche' gli manca il componente giusto (o l' "idruro giusto"), allora stiamo freschi e ci riduciamo come PESN tutti i giorni a rincorrere ogni volta un nuovo genio che *dice* di poter risolvere i problemi del mondo.

Pretendere qualche dato plausibile, qualche informazione concreta, un background dietro questo reattore prima di dare ascolto e credito al suo inventore mi sembra veramente uno standard minimo di accettabilita`. Ecco perche' non ci "credo" sulla fiducia.

gio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
gio ha detto...

Andrea Rossi
September 28th, 2012 at 4:00 PM
Dear Martin: the industrial plants are already in the market.
Warm Regasrds,
A.R.


Martin
September 28th, 2012 at 12:42 PM
Hi mr Rossi,

If you take a wild guess, when do you expect to see the first e-cat on the market?

Regards
Martin

Giacomo Rendi ha detto...

@Tizzboom

Ma allo stesso modo l'onere della prova "che non funziona" spetta a chi dice che non funziona. La prova che abbiamo sono le sue parole che, almeno un po', dovrebbero farci pensare che qualcosa abbia visto e fatto.

Hai ragione: ci mancano informazioni. E dunque hai ragione a non credere subito al 100%.

Credo però che "dare ascolto e credito", si possa e si debba da subito. Altrimenti finiamo come gli scettici ad aspettare che l'università di turno certifichi che è tutto secondo i dettami di madre scienza.

AC/DC ha detto...

Beh almeno questo reattore da vedere e' molto piu' bello degli ecat di Rossi... ma ve lo ricordate il primo modello, quello col comignolo?

Tizzboom ha detto...

@Giacomo Rendi: ma io non ho detto che non funziona. Semplicemente che non ci sono informazioni per dire che lo faccia oppure no (e dunque che non c'e` nulla in cui "credere"), e che il poco che ho avuto modo di leggere (dato che non si trova altro) a riguardo mi ha fatto veramente cascare dalla sedia, in senso negativo.

@AC/DC: ecco, che sia tutto bello e lucente e` un pessimo segno secondo me.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ gio

"Andrea Rossi
September 28th, 2012 at 4:00 PM
Dear Martin: the industrial plants are already in the market.
Warm Regasrds,
A.R.


Martin
September 28th, 2012 at 12:42 PM
Hi mr Rossi,

If you take a wild guess, when do you expect to see the first e-cat on the market?

Regards
Martin"

Avevo visto anche io. La tragedia è che credo che Rossi intenda dire che sono già acquistabili. Il problema è che nessuno l'ha ancora acquistato, però! E come farà il mercato a validare l'E-CAT, se nessuno lo compra? E come fa la gente a comprarlo con quelle poche garanzie che offre, senza una validazione prestigiosa? Vaglielo a far capire tu, al Rossi! :-(

hidetoshi rossy ha detto...

Ma si moltiplicano come i funghi dopo una nottata piovosa ottombrina.

Peccato che non mostrino mai nulla

hidetoshi rossy ha detto...

Ma poi scusate, questo qui lavora in qualche università?

tia_ ha detto...

>Credo però che "dare ascolto e credito", si possa e si debba da subito.


E magari perchè non un piccolo finanziamento, no? Del resto se ne buttano via cosi tanti...
Cosi ci ritroviamo con tutti i cazzari del mondo a suonare alla porta :)
Prendiamo il tipico caso: Steven Jones, fisico (anche abbastanza famoso) che per la gioa del mondo annuncia di aver inventato un circuito elettrico overunity (http://pesn.com/2011/05/27/9501835_Steven_E_Jones_demonstrates_overunity_circuit/)
Del resto non può essere una cagata, mica steven jones si gioca cosi la sua reputazione!

hidetoshi rossy ha detto...

Invece niente?

Alessandro Pagnini ha detto...

@tia

Questa del circuito overunity è bella davvero!
Se avessi più tempo e avessi ancora un milnilaboratorio...no, non mi ci metterei lo stesso. Che un circuito del genere possa generare energia, mi pare francamente improbabile. Se avrò più tempo, ma non credo, mi leggerò sulla base di quali misure lop si ipotizza(supponendo siano veritiere) per vedere se intuisco l'errore (che magari è in buona fede), ma penso che si tratti proprio di qualche bella cantonata. Capita anche ai migliori ;-)

Giacomo Rendi ha detto...

@Tizzboom
"non ci sono informazioni per dire che lo faccia oppure no":
Ma che informazioni vorresti? Il certificato di una università (che non ha nessun interesse a farlo, colluse come sono con lo status quo) oppure la certificazione di una azienda terza (non mi pare che quest'inventore sia abbastanza ricco)? Ma questo è il modo di pensare degli scettici di professione!

@Tia_:
"un piccolo finanziamento":
Perché no! Magari per ottenere una di quelle certificazioni che vorrebbe Tizzboom e si, di soldi se ne buttano via tanti. Magari compriamo un F-35 in meno e sosteniamo un Zanverdiani e un Abundo in più. Se lavora in modo trasperente e per il bene di tutti non ci vedo il problema.
"Del resto non può essere una cagata, mica steven jones si gioca cosi la sua reputazione":
Non conosco S. Jones. Siamo sicuri abbia toppato? E gli altri scienziati non toppano mai?

Endymion ha detto...

@Giacomo Rendi: Ma perché così scettici?

Perchè no? In fin dei conti, io ne ho viste di cotte e di crude...
D'altronde l'esser scettici o no non ha nessuna influenza sulle funzionalità di questo dispositivo.

Cesare Piccolo ha detto...

Se si annuncia un risultato straordinario che però è in accordo con le teorie consolidate, la comunità scientifica può facilmente verificare che non ci siano errori teorici evidenti nel setup sperimentale dello scopritore e, nel caso, può intraprendere una serie di test volti a replicare e confermare definitivamente il fenomeno.

Se si annuncia un risultato straordinario in disaccordo con le teorie consolidate, l'onere della prova spetta naturalmente a chi fa la dichiarazione, perchè la comunità scientifica non ha gli strumenti teorici per confutarlo e c'è bisogno della massima trasparenza perchè vi sia un consenso generale.

Non ci si può permettere di approntare un setup sperimentale per ognuna delle migliaia di risultati straordinari che vanno contro le leggi consolidate che vengono annunciati ogni anno, se poi gli scopritori non sono nemmeno trasparenti sul loro metodo di lavoro...

Cesare Piccolo ha detto...

Io credo che se uno come Celani approntasse un setup sperimentale di misura "a regola d'arte", recependo in modo trasparente ogni suggerimento di miglioramento che gli viene mosso dall'ambiente scientifico "scettico" e mettendo a tacere ogni possibile critica con la massima trasparenza, e se in queste condizioni replicasse i suoi risultati redigendo un articolo scritto in maniera impeccabile, nessuno laboratorio al mondo avrebbe più alcuna remora a replicare l'esperimento per confermarlo e nessuna rivista si sognerebbe di rifiutare l'articolo! Ma purtroppo non siamo mai arrivati a questo livello, anche nel gruppo di Celani si è insinuato "il tarlo del segreto industriale"...

Tizzboom ha detto...

Nel caso di Celani, ad essere coperto da brevetto, in fase di stesura dunque per il momento riservato, e` il procedimento per creare le strutture nanometriche superficiali sui fili di constantana che usa, ma i fili stessi non si fa troppi problemi, per quanto ho avuto modo di leggere e sentire, di fornirli ad altri ricercatori per replicazioni varie del suo esperimento. Non c'e` "segreto industriale" che sta ad indicare informazioni critiche riservate che non verranno mai brevettate (e quindi divulgate in alcun modo).

hidetoshi rossy ha detto...

http://coldfusionnow.org/cold-fusion-james-martinez-russell-means/

Il 9-10-11 Novembre sto tipo ci dirà come funzionano le Lern.
Vediamo se finalmente da qui a Natale si sblocca qualcosa

hidetoshi rossy ha detto...

Comunque sono fiducioso... avevo sceso la % di bufalità su Rossi dall'86% all'81% dopo l'Intervista a Radio città del Capo.

La scendo all'80%. Outlook negativo

Briel ha detto...

Cos'è ? La risposta ricana à Keshe ? :)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Briel

"Cos'è ? La risposta ricana à Keshe ? :)"

Eheheheh...giusto! ;-)
Non poteva certo mancare! :-)

Vincenzo Bonomo ha detto...

A giudicare dalla compiutezza costruttiva esterna del reattore si presume che Zanverdiani abbia speso una bella cifra.
Forse avrebbe risparmiato tempo e denaro utilizzando come "core" un semplice convertitore catalitico per auto con matrice metallica a nido d'ape rivestita con palladio, con due o tre metri quadrati (secondo il modello) di superficie attiva esposta all'idrogeno, capace di resistere a temperature e pressioni notevoli e in grado di alloggiare la sensoristica nello spazio previsto per la sonda lambda.
Si può ipotizzare che con le competenze necessarie, alcune centinaia di euro spesi in qualsiasi negozio di autoricambi e con le modifiche opportune, Zanverdiani avrebbe potuto verificare le sue teorie molto più velocemente e semplicemente.

funniel ha detto...

@hidetoshi ... sto tipo
L'educazione a casa tua non va di moda, eh?

hidetoshi rossy ha detto...

@Funniel

Il professorone; sua eccellenza; sua maestà; il grand'uomo; Il cavaliere del lavoro che in vita sua ha compiuto il miracolo di aprire il sito "E-cat News"

LOL

RED TURTLE ha detto...


http://www.youtube.com/watch?v=pmfoCPFnqEA

Secondo Giulietto Chiesa, ben pochi si salveranno
per via della prossima Guerra, che fonderà assieme
le guerre di Siria, Iran, Iraq e Afghanistan in un
unica GIGANTESCA guerra estremamente disastrosa per
la NATO, per l'OCCIDENTE e specialmente per l'ITALIA!

Paul ha detto...

Temo che anche Zanverdani verrà trattato alla stessa stregua di Rossi.
Avete letto l'amaro sfogo di Cures su cofraf?:

"...Ma questo fatto di aver dovuto ridurre la foto per ragioni di memoria, proprio perché è un fatto semplice, non risulta accettabile da chi lavora a tempo pieno non allo scopo di concorrere a trovare la verità dei fatti, ma solo allo scopo di distruggere con qualsiasi mezzo chi non la pensa come lui.
I fatti, ed i risultati sperimentali, sono pregati di non disturbare le opinioni, in particolare quelle cristallizzate dall’età e da una professionalità congelata nel tempo.
Indice di mentalità malata
E, francamente, neanche io mi diverto più
Sono riusciti ad avvelenare anche questa sorgente fino ad ora abbastanza potabile
Proprio un bel risultato.
Complimenti..."

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails