Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

venerdì 17 dicembre 2010

Il 2011 sarà finalmente l'anno della fusione fredda?

Sembra proprio di sì. Le voci si accavallano confermandosi l'un l'altra: l'ing. Andrea Rossi, imprenditore che ha sviluppato il progetto, il prof. Sergio Focardi (INFN di Bologna) e altri ricercatori italiani, si starebbero preparando a svelare  alla comunità internazionale a inizio 2011 il primo reattore Nichel-Idrogeno in grado di produrre energia (si dice fino a 1 Mega Watt) tramite reazione nucleare a bassa energia, meglio nota come fusione fredda sin da quando Fleischmann e Pons ne annunciarono la scoperta nel 1989. Da allora ricercatori di tutto il mondo hanno cercato da una parte di confutare il fenomeno, dall'altra di replicarlo e trovare il modo di utilizzarlo per produrre energia. La storia sta dando ragione ai secondi. La fusione fredda a differenza di quella "calda" delle centrali nucleari,  non richiede grossi investimenti, è economica, non crea rischi di inquinamento ambientale né scorie radioattive (il decadimento degli isotopi prodotti è dell'ordine di poche decine di ore).

C'è chi dice che la presentazione ufficiale dell'apparato, già producibile su scala industriale, si terrà a Bologna entro febbraio, le mie fonti confermano la città, suggeriscono forse entro gennaio e accennannano a 10 KW termici ottenuti con un rendimento che stimerei superiore al 900% (sì proprio novecento per cento, ho contato bene gli zeri!).

Si tratta in realtà di un segreto di Pulcinella, di cui si parla da tempo con molte speranze tra gli addetti ai lavori e con grande scetticismo, in genere, nel mondo accademico, e a cui ho ritenuto doveroso dedicare qualche post: un prototipo del reattore Rossi-Focardi è funzionante da diversi anni e il suo progetto è stato coperto da brevetto internazionale nei primi mesi del 2010 (ne ho parlato qui). Confido di riuscire ad aggiornarvi presto da Ventidue passi d'amore e dintorni con gli ultimissimi sviluppi di quella che si annuncia essere una rivoluzione epocale del mercato dell'energia quanto degli stessi paradigmi scientifici su cui si fonda l'odierna fisica nucleare.

Bologna, 14 gennaio 2011: presentazione dell'apparato Focardi-Rossi.

5 : commenti:

Fay ha detto...

Una previsione ottimistica.
Quando l'apparato si sarà diffuso su scala industriale noi ci papperemo finalmente delle belle centralone a fissione di terza, dico, terza generazione grazie alla politica economica del nostro stimabile governo.

Daniele ha detto...

Di terza generazione e di tecnologia retro-sovietica, sperimentatissime!!! ;)

La fusione fredda avanzerà, su questo ormai non ci sono dubbi, e presto non se ne parlerà solo sui blog, finalmente pure sulle prime pagine dei giornali. Ma pensa un po' che effetto avrebbe sull'opinione pubblica se, mentre qui si iniziassero a costruire i "dinosauri" nucleari (di III o IV generazione che siano), in un altro stato europeo si cominciasse a costruire la prima centrale a fusione fredda da 1 Mega Watt!
Utopia? Credo proprio di no... aspetta e vedrai.

Fay ha detto...

Ci spero anch'io, e non smetto di sicuro. ;)
E comunque, i dinosauri al tirannosauro.

Isa ha detto...

Non solo Rossi e Focardi stanno lavorando a generatori a FF.
Vi segnalo il bellissimo e-book "Fusione fredda" di Roy Virgilio che ho letto proprio in questi giorni.
C'è di mezzo anche un azionariato popolare per la produzione di un generatore a FF. Un'occasione da non perdere.
Potete trovare l'ebook sia su www.progettomeg.it che su www.lulu.com
Ciao

bertoldo ha detto...

la stellina a sette punte indicante l'esploSIONe è inadatta ...

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails