BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

martedì 5 ottobre 2010

Semplici sandali

Inciampo ancora la mattina all'alba
nei semplici sandali di cuoio
che d'estate sfilavi accanto al letto
quando accoccolavi a me
le tue radici nude
e in quella tregua al correre ponevi
l'autografo più vero. 
Stavano là in disparte
paghi di appartenerti,
tanto assorti nell'anima tua
da sottolinearla
in silenzio.
Custodivano i tuoi passi
virgolettandoli di sacro.
Ti portavano da me.
Erano alleati.

Ne guardavo i lacci con complicità
mentre dormivi tra me e loro,
tu le Pleiadi e noi
la cintura di Orione,
tu e io e loro: quattro punti
sulla stessa linea del presente. 
Pareva germogliare qualche cosa
dalle loro suole brune
fieramente prive di rialzo
accoppiate
lì sul pavimento.
Che imprevedibile aderenza
tra la semplice missione
di una pelle tagliata col coltello
e la tua storia,
tra quella storia e il tuo corpo,
tra quel corpo e il mio
sbattuti cuore contro cuore
a riaprire conclusioni.

Sarei rimasto ore
a ubriacare di carezze
i tuoi piedi scolpiti nel pane,
uguali al timbro sincero 
di ciò che confidavi,
perché i piedi non mentono mai;
senonché ridevi
l'alibi perfetto del solletico
e li scrollavi via.
Stavi già fuggendo?
Che invidia quelle scarpe:
quando ti rivestivi e indugiavi 
nell'allacciare le caviglie
in quel minimo momento volevo
essere quei lacci. 
Una vita fa.

È ottobre,
i sandali li hai messi nell'armadio;
e il ricordo di te che l'indossavi
e i laghi e i lungolaghi,
la compagnia dei platani,
i fili fitti fitti di parole,
i giorni che ti commettevo amore
e tu che alzavi gli occhi...
mi hanno chiesto un tetto per svernare
fino a una nuova estate.
E sono riposti qui.

5 : commenti:

Kylie ha detto...

Bellissime emozioni.

Un bacio

la_chia ha detto...

I sandali così antichi e così semplici.
Si può dire che hanno quasi la stessa età dell'uomo.

Daniele ha detto...

Grazie Kylie e Chia, credo sia la più lunga poesia che abbia scritto, amo la brevità ed è raro che senta necessità di sviluppare così una lirica. Ed è curioso che sia ispirata dalla stessa persona a cui dedicai la più breve che ho scritto! :)

Anonimo ha detto...

hello!This was a really excellent topic!
I come from milan, I was fortunate to approach your Topics in google
Also I learn a lot in your subject really thank your very much i will come again

Daniele ha detto...

Thanks Anonimo.
But if you think this topic is really excellent, you should be able to write in italian too... :-)

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails