Siamo appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Siamo uno specchio capovolto della realtà, fuori c’è il patriarcato qui una "società gilanica", fuori c’è il petrolio qui siamo pro E-Cat: per previsioni sull’esterno invertite (quasi) sempre i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

BACHECA DEL BLOG

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

giovedì 15 febbraio 2018

Avviso pubblico per il finanziamento di progetti afferenti le politiche per la famiglia

Ieri ho scoperto un avviso pubblico della Presidenza del Consiglio dei Ministri, costruito in quattro e quattr’otto a dicembre, pubblicato il 3 gennaio e che scade - guarda un po’ - il 28 febbraio. Si intitola Avviso pubblico per il finanziamento di progetti afferenti le politiche per la famiglia e mette in gioco 8 milioni di euro - mica bruscolini! - da destinare a un centinaio di progetti sociali (ogni progetto è finanziabile da minimo 50.000€ a massimo 250.000€), della durata di 18 mesi, da proporre e realizzare in una delle seguenti linee di intervento: 
  1. conciliazione dei tempi tra famiglia è lavoro;
  2. invecchiamento attivo e solidarietà fra le generazioni;
  3. sostegno alle famiglie in condizioni di fragilità;
  4. promozione di contesto sociali ed economici “family friend” 
  5. inclusioni sociale dei minori e dei giovani;
  6. sostegno ai minori vittime di violenza assistita, agli orfani di crimini domestici e alle loro famiglie affidatarie.
Tanto di cappello alle lodevoli finalità, ma sono davvero parecchie le cose “curiose” presenti nell’Avviso. Ne illustro qualcuna.

È surreale che, mentre i quesiti devono essere inviati esclusivamente via pec, la domanda di partecipazione deve invece pervenire alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, esclusivamente in plico cartaceo via raccomandata (sic!) entro le ore 19 del 28 febbraio, NON facendo fede la data di spedizione, ma esclusivamente quella di arrivo. Come ai tempi dei Borboni!

Sulla pagina web dedicata all’avviso il numero delle FAQ sta lievitando come un blob alieno (erano 7 al 9 gennaio, 20 al 12 gennaio, 40 al 19 gennaio, 57 al 23 gennaio, 81 al 28 gennaio, 134 al 4 febbraio, sono 191 all'11 febbraio e chissà quante diventeranno alla vigilia della scadenza): segno inequivocabile di quanto l'Avviso faccia acqua da tutte le parti. 

Le cooperative e associazioni con cui mi sono confrontato, per verificare se fossero in grado di fare dei progetti nel poco tempo che resta, dopo aver studiato avviso e allegati, mi hanno risposto negativamente: ritengono tutta l'impostazione dell'Avviso confusa e complicata, a partire dagli strani vincoli di budget (che evidentemente è stato congegnato ad hoc):
  • max 5% retribuzione coordinatore e amministrazione 
  • max 30% risorse umane per l’attuazione dell’intervento 
  • max 60% destinatari [non di erogazioni economiche, ma solo di servizi], mezzi e attrezzature 
  • max 5% spese generali [pulizie, manutenzioni ecc.] 
Voglio sottolineare che la cosa più incredibile è che un Ente comunale di quasi 30.000 abitanti (quello in cui lavoro) abbia scoperto l'esistenza di questo Avviso per puro caso, nonostante ci arrivino ogni giorno PEC in abbondanza per informarci di tutto: dalle cose più insignificanti a quelle più importanti. Invece dell'Avviso pubblico per il finanziamento di progetti afferenti le politiche per la famiglia non ci ha informato NESSUNO: né la Presidenza del Consiglio dei Ministri, né il MLPS, né la Regione, né l’ANCI... mai visto nulla di simile.

Un Avviso di cui magari “amici” ed "amici degli amici" sono stati direttamente informati prima ancora che uscisse... ed emanato in piena campagna elettorale... una perfetta macchina da voto di scambio insomma.

Scommetto quel che vi pare che negli ultimi giorni di febbraio (ma anche prima, perché non è che progetti con i requisiti richiesti da questo Avviso si preparano in un settimana) partirà in pompa magna su TV, giornali e siti la pubblicità urbi er orbi di questa nuova misura sociale concessaci dal nostro buonissimo governo... buonissimo quanto ormai privo di ogni freno morale, ritegno e pudore.

LINK: http://www.politichefamiglia.it/it/notizie/avvisi-e-bandi/avviso-pubblico-per-il-finanziamento-di-progetti-afferenti-le-politiche-per-la-famiglia/

Altre "recensioni" delle politiche sociali del governo Gentiloni in questi post:

13 : commenti:

CLaudio Rossi ha detto...

A pensar male ci si indovina...
Secondo me, qualche amico degli amici ha bisogno di riciclare qualche progetto già pronto e inutilizzato che - vedi tu! - prevede il 60% di servizi, macchine e attrezzature, il 30% di costi per le risorse umane che lo realizzano, il 5% di compensi all'amministratore e la differenza (5%) per spese generali.
I plichi, dettagliatissimi e documentatissimi con diagrammi e grafici colorati, sono già imballati e saranno consegnati a mano alle 18:30 del 28 Febbraio alla Presidenza del Consiglio in via della Mercede 9 a Roma. Dimenticavo: gli elaborati già rispondono perfettamente a tutte le 375 f.a.q. diramate dall'ufficio estensore del bando.

Daniele Passerini ha detto...

@CLaudio
Sarà interessante vedere, a posteriori, chi saranno i vincitori dell’avviso. Ho scritto un centinaio solo per stare tra (250.000 x) 32 e (50.000 x) 160...
Sono curioso.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Claudio

Ma sai che ho subito fatto una pensata di codesto tipo pure io? ;-)

Daniele Passerini ha detto...

@CLaudio
@Alessandro
Vi ho ispirato bene eh ;)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Daniele

Tu ci induci a cattivi e fallaci pensieri, caro Iago! :-)

camillo ha detto...

Scusate il fuori onda, maaggirnandomi sul Qx di Rossi sono incappato nei seguenti due messaggi:

14 febbraio 2018 alle 10:47
Caro Rossi, Nel blog 22 Passi di Daniele Passerini in un commento si dice che la probabilità che tu possa iniziare la produzione degli Ecats entro l'anno 2018 non è reale. Puoi commentare? Dino

RISPOSTA DI Andrea Rossi 14 febbraio 2018 alle 11:17 Dino:
22 Passi, il blog italiano di Daniele Passerini, è un forum onesto ed equilibrato, in cui Passerini pubblica pro e contro. Penso che sia tra i migliori blog generalisti italiani che trattano anche questioni LENR, perché è guidato senza un ordine del giorno. Ovviamente, qualsiasi autore di commenti è libero di esprimere la sua opinione, ma quando un maratoneta corre, le opinioni degli spettatori non cambieranno i risultati della gara nel bene o nel male. Noi (io e il mio team) stiamo correndo per riuscire ad avviare la consegna di impianti industriali industrializzati entro l'anno 2018 e se avrò successo non è una questione di opinioni, è una questione di fatti che saranno fatti o meno. L'obiettivo è difficile, lo sforzo è brutale, ma spero di vincere questa maratona, mentre gli scettici possono godersi la gara seduti su comodi divani, sgranocchiando pop-corn e sorseggiando Coca-Cola. Cordiali saluti, A.R.

Daniele Passerini ha detto...

@Camillo
Se seguissi di più 22passi avresti saputo di quello scambio già da un paio di giorni... devo dire che rende più letto in inglese che nella traduzione in italiano! :D

Franco Sarbia ha detto...

@Daniele,
è allucinante il pressapochismo e l'opacità con il quale si può concepire un simile bando con una tale varietà di obiettivi prioritari nei termini che hai descritto. Lo avessi conosciuto prima avrei provato a confezionare un progetto sull'inclusione sociale delle persone sorde. Da qualche mese l'Ente Nazionale Sordi locale mi chiede assistenza per la presentazione di progetti ai diversi enti finanziatori regionali, nazionali ed europei. Ho risposto loro che se mi indicano per tempo i bandi io posso aiutarli a confezionare i progetti, ma non riesco a dedicare loro tutto il tempo necessario a monitorare le opportunità di finanziamento offerte da tutti i possibili soggetti: dagli enti pubblici di ogni livello alle fondazioni bancarie. Recentemente sono stato chiamato a far parte del comitato guida del programma di valorizzazione dei siti Unesco della Sicilia Orientale: Barocco di Val di Noto, Villa Romana di Piazza Armerina, Emergenze greche di Siracusa, necropoli di Pantalica. Lo faccio gratuitamente ma mi resta poco tempo per altri impegni di volontariato. Però mi piacerebbe rispondere alla richiesta di aiuto degli amici Sordi. In passato ho ottenuto due finanziamenti a beneficio delle famiglie di ragazzi sordi, uno sul doposcuola ed uno sull'accesso all'arte per un totale di circa 40.000 euro, ma mi erano stati segnalati i bandi per tempo. Altrimenti, nelle vite precedenti mi sono occupato solo di grandi programmi Europei, ho progettato e vinto Urban I Genova e Urban II Milano del valore di 30 milioni di Euro ciascuno, ma conoscevo alla perfezione tempi e procedure, e seguivo passo passo ogni fase di elaborazione degli indirizzi prima ancora che fossero pubblicati i bandi. Era facile perché si trattava di un unico soggetto di riferimento. Tu come fai a monitorare i programmi di tuo interesse? Usi Google alert o che altro? Mi dai qualche dritta? C'è qualche ente che segnala i bandi sui diversi temi? Mi sembrerebbe un compito proprio del governo nazionale per la fondamentale necessità di coordinare le diverse fonti di finanziamento su temi convergenti, mettere in rete i beneficiari e creare sinergie tra i progetti.

Daniele Passerini ha detto...

@Franco
Tu come fai a monitorare i programmi di tuo interesse? Usi Google alert o che altro? Mi dai qualche dritta? C'è qualche ente che segnala i bandi sui diversi temi? Mi sembrerebbe un compito proprio del governo nazionale per la fondamentale necessità di coordinare le diverse fonti di finanziamento su temi convergenti, mettere in rete i beneficiari e creare sinergie tra i progetti.
Dove lavoro io siamo sempre sommersi di scadenze di tutto quello che abbiamo già in pista, di tempo per monitorare tutte le possibili fonti di finanziamento ne resta ben poco. Da parte mia controllo regolarmente gli indici del Bollettino Ufficiale Regionale e il sito del MPLS... d’ora in poi controllerò anche quello della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Non ho proprio il tempo per controllare le uscite quotidiane della G.U.
Di solito è il MLPS, o la Regione, o l’ANCI, o la cooperazione sociale o le associazioni (come è accaduto stavolta) a informarci... ma il fatto che anche una associazione grande e ramificata come Exodus abbia lanciato l’allarme solo 40 giorni dopo l’uscita dell’Avviso e a 15 dalla scadenza la dice lunga sulla MANCANZA PROGRAMMATA di informazione che c’è stata in questa occasione.
È vero che mancano solo 10 giorni ormai, ma se pensi che in quei vincoli di budget un progetto delll’Ente Nazionale Sordi (consegnandolo a mano a Roma il 28 pomeriggio) provatelo a farlo.
In 2, 3 ore si può leggere tutto il materiale dell’avviso e le due centinaia di faq.

Daniele Passerini ha detto...

P.S. Ho parlato di MANCANZA PROGRAMMATA, ma in effetti non ne ho le prove, ma se non è PROGRAMMATA allora deriva da inefficienza, pressappochismo, incompetenza, che è persino peggio.

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Questo post deve aver colpito proprio nel segno: è persino risorto dall’Ade il troll Cimpy a insultarmi di brutto!!! :D :D :D
Ok, abbiamo appurato che Cimpy è un troll stipendiato dai Dem... un demente insomma!!! :D :D :D

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
In arrivo entro oggi un fantastico post di Alessandro Pepe!

Salvatore Boi ha detto...

@Daniele Passerini
Attendiamo con trepidazione! ;-)

Posta un commento

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

Related Posts with Thumbnails