Siamo appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Siamo uno specchio capovolto della realtà, fuori c’è il patriarcato qui una "società gilanica", fuori c’è il petrolio qui siamo pro E-Cat: per previsioni sull’esterno invertite (quasi) sempre i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

BACHECA DEL BLOG

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

lunedì 3 luglio 2017

Fisica del 4° livello

Post di Camillo Urbani

Durante il congresso tenutosi il 30 giugno 2017 a Roma, vista l'enorme mole di trasmutazioni della materia presentate, certificate e ripetibili, mi sono fatto le seguenti considerazioni. Provo a esporle di seguito, mi rendo conto che abbisognano di menti molto aperte.

La Fisica in evoluzione

L'uomo è da sempre interessato a capire come è fatto l'universo, in parte spinto dalla necessità, in parte per acquisire vantaggi dalla conoscenza, in parte per pura curiosità.
La conoscenza viene rivelata attraverso livelli successivi, ognuno comprendente il precedente.
Possiamo vedere la cosa come strati i una cipolla, oppure come l'avanzamento della comprensione di una funzione matematica scomponibile in termini successivi.
Detta F(t) la funzione “conoscenza della fisica” nella variabile t = tempo, possiamo pensarla come scomponibile in termini di approssimazione successiva.
F(x)= f1+f2+f3+f4....
f1 rappresenta il primo termine che corrisponde alla conoscenza della fisica Newtoniana
f2 rappresenta il passo successivo dato dalla relatività ristretta e generale
f3 rappresenta la meccanica ondulatoria e la meccanica quantistica, che è l'attuale frontiera
f4 rappresenta, in base alla mia esperienza, il livello in cui si amplia il concetto che compare sporadicamente già al 3° livello, in quantistica, l'osservato e l'osservatore sono un tutt'uno, con il corollario che lo stato mentale, emozionale... dell'osservatore influenza ciò che osserva. Nel quarto livello questo concetto viene ampliato di molto.

Fisica del quarto termine: detta anche fisica dell'attenzione o del “mentalismo”.
Sotto la spinta evolutiva incessante la materia finisce con il produrre strutture organiche con capacità crescenti di consapevolezza, attenzione, analisi, volontà, creatività.
Col termine “CONSAPEVOLEZZA” riassumiamo tutte le suddette proprietà e molte altre.
Da una semplice analisi storica si costata come tutto l'universo tenda a creare, ampliare e conservare la “CONSAPEVOLEZZA”.
In tutta questo sviluppo interviene un fattore fondamentale detto “energia”, l'energia se vista nei primi tre livelli ha un aspetto meccanicistico ben definito essa è uguale ad una forza per uno spostamento lungo la direzione della forza.
Al quarto livello le cose cambiano l'energia va vista in una nuova visione, sembra che una definizione di prima approssimazione possa essere questa:
L'energia corrisponde ad un accumulo di attenzione.
Preciso che nel quarto livello è la cosapevolezza che assume il punto di riferimento, in questo livello non si parla più di forza essa viene sostituita dall'attenzione.
L'energia viene vista come attenzione moltiplicata per tempo (implica volontà, determinazione, costanza)

Per comprendere un po' questo livello della fisica, occorre rendersi conto che la realtà che, se vista dai tre precedenti livelli di fisica, appariva solida e stabile, quando si passa al quarto livello la realtà è un'immagine su di uno schermo tridimensionale, cioè un ologramma. Semplificando immaginiamo la realtà come immagini su di un monitor gestite da un computer.
Se noi operiamo sul monitor, per quanto ci sforziamo non riusciremmo mai a cambiare la realtà proposta dal monitor, ma se dopo aver sviluppato un sufficiente grado di consapevolezza riusciamo a capire che dietro alle immagini c'è un programma che le gestisce, allora cominciamo a renderci consapevoli che se riuscissimo ad entrare nel computer e modificare il programma le immagini cambierebbero in modo incredibilmente più semplice di quanto lo lasciavano supporre le conoscenze raggiunte nei primi tre livelli (fisica newtoniana, relativistica, quantistica).
Ora la mia esperienza pratica mi ha portato a questo livello già all'età di 27 anni ancora fresco di laurea in Fisica.
Le verifiche che ho fatto le racconto qui:

Una volta accettata l'esistenza del 4° livello della Fisica occorre comprendere come utilizzare pragmaticamente questa nuova informazione.
In questo processo si arriva a conoscere strane strade alternative quali lo sciamanesimo, si riscopre la vecchia cara “alchimia”, quest'ultima grande scienza fu gettata dalla finestra dall'illuminismo e dalla “santa inquisizione”, ora rientra dalla porta, ma sotto una nuova visione.

A questo punto la visione alchemica è collocata nel livello che le spetta. L'alchimia è una scienza profonda, ma poco utile in quanto non ripetibile dai più, entrare in questa conoscenza prima di aver sviluppato un saggio equilibrio e una retto comportamento è deleterio per l'individuo, questi potrebbe fare il passo più lungo della gamba, non maturando le necessarie riflessioni e non comprendendo che la realtà dei primi tre livelli è una necessità evolutiva che genera consapevolezze creative che evolvono principalmente sfruttando l'interscambio culturale.
È la comunicazione ben accordata tra emittente e ricevente che accelera l'acquisizione di nuovi concetti, nuovi schemi di pensiero, l'individuo NON è costretto a fare tutte le esperienze, ma può avanzare a piccoli passi usufruendo e accettando l'esperienza altrui. C'è in sostanza una crescita di gruppo, che nel caso dell'umanità si estende a tutto il mondo, in attesa di estendersi a tanti mondi, a tanti universi.

La comunicazione per essere efficace deve essere accordata, i simbolismi di base devono essere un patrimonio in comune. Questo implica la necessità di un universo percepito in modo stabile, con punti fermi quasi immutabili, ciò vien fatto agganciando la struttura dei corpi fisici alla memoria dei genitori e degli avi in genere. Il DNA è una specie di “hard disk” che permette di dare a tutti una stessa base percettiva, ma nello stesso tempo introduce piccole variazioni individuali per favorire anche l'aspetto creativo, immagazzinando quindi i nuovi cambiamenti in un continuo miglioramento del DNA. La creatività implica la necessità di avere sviluppato una percezione simile, ma non uguale.
Risulta poi evidente che la percezione sensoriale viene organizzata attraverso l'educazione che si riceve nella prima parte della vita, essa introduce un nuovo parametro nel gioco evolutivo.
Il linguaggio diventa il miglior metodo di comunicazione, esso evolve verso la precisione, aumentando i vocaboli man mano che si entra in una analisi più fine della realtà.

Potrebbe essere arrivato il tempo in cui una grossa fetta dell'umanità possa comprendere il 4° livello della fisica senza che la sua evoluzione ne sia frenata; siamo in un'epoca in cui molto di ciò che prima era nascosto nel linguaggio alchemico, possa essere tranquillamente rivelato. La grande massa di informazioni presenti in Internet fa sì che l'individuo venga bombardato da mille informazioni in cui c'è tutto e il contrario di tutto. Pertanto alla fin fine spetterà a lui stesso la scelta di abbracciare una teoria piuttosto che un'altra, in altre parole è libero, quindi può evolvere.
Viene così scavalcato il pericolo che assillava gli antichi alchimisti, “non dare le perle ai porci”, cioè “non dare la bomba atomica in mano ai bambini!

86 : commenti:

camillo ha detto...

Caro Camillo,

Ti invio come anticipato.

Ri-distribuisci il documento agli altri amici/Colleghi.
Grazie.

Francesco
********************

----Messaggio originale----
Cari Claudio, Luciano, Ugo e numerosi Colleghi (in ccn, motivi di privacy),

come promesso, Vi invio la Nostra presentazione effettuata durante il piacevolissimo incontro (finalmente in Lingua Italiana!!) alla "Casa dell'Aviatore", presso il Ministero della Difesa (Aeronautica) di Roma.

* Innanzitutto ho il dovere di ringraziarVi per l'accoglienza, veramente "Familiare", che mi avete riservato.

* Sono felice di essermi sbagliato riguardo i timori di una scarsa presenza di "pubblico" dato il giorno, Venerdì 30 Giugno, per molti versi "critico" per chi abita a Roma (il 29 Giugno è Festa, cioè VACANZA, SS Pietro e Paolo), il 1 Luglio è sabato ed appunto 1 Luglio. La tentazione di "ponti" poteva essere fortissima....
Vi erano oltre cento persone, dalle ore 09:00 fino (in molti casi) a tarda ora (>18:30).

* Ho fatto tesoro delle Vostre domande, pubbliche e "private", ed ho LEGGERMENTE arricchito la mia presentazione, proprio per rispondere alle Vostre domande/dubbi.

* Ricordo che, a parte la prima ed ultima pagina, la presentazione è in Lingua Inglese in quanto, per la maggior parte, è stata recentemente presentata al 12° International Workshop on....., tenutosi a Costigliole d'Asti dal 5 al 9 Giugno 2017, come richiamato sulla pagina N°1.

* Vi ringrazio per la pazienza che avete avuto nei miei confronti, soprattutto quando, per motivi "tecnici", la discussione è divenuta un po' più "specialistica".

Spero di incontrarVi di nuovo, il più presto possibile: è stata una gran bella giornata!

* Piccola vanità: il contatore di Ricercatori che hanno scaricato il Nostro articolo articolo, depositato nel sito (Tedesco) denominato Research Gate (4 giorni fà), presentato a Castigliole d'Asti, è arrivato a 175, circa 2 ore fà.

A presto,

Vostro Francesco CELANI

camillo ha detto...

Ringrazio Daniele Passerini per la pubblicazione del mio "sfogo" con una argomentazione difficile da accettare in quanto, poco ortodossa, in questo spazio/tempo. Ricordo che i concetti di frontiera non si possono scrivere facilmente su siti ufficiali, si opera di sponda per graffiare la crosta ideologica che io stesso creo nell'insegnamento. D'altra parte è giusto così prima impariamo a scuola il rigore scientifico poi le menti più aperte cominciano a muoversi con prudenza verso altre linee innovative.

Veniamo al sodo: Nel convegno si sono portate testimonianze certificate e a volte incrociate da vari laboratori d'analisi di TRASMUTAZIONI.

Dove sta il problema? Non c'erano i marcatori!!! Niente raggi gamma o altro. Qualcosa c'era nel caso delle trasmutazioni soniche: emissioni di neutroni.
La mancanza di marcatori fa si che l'ortodossia ufficiale guardi di sfuggita il fenomeno, o lo ignori, o se presi da grande SAPIENZA si gridi allo scandalo con il metodo della derisione tipo bufale ...

Ovviamente l'irriverente sberleffo trova buon gioco e pseudo ricercatori per lo più anonimi, sfoggiano giudizi senza mai aver consultato un minimo di documentazione, ma nascondendosi sotto le sottane di MAMMA SCIENZA UFFICIALE si sentono colti. Se poi ne conosci qualcuno personalmente ti accorgi che ... niente.

Siamo invece ad un punto di dimostrazione così ben documentato che chi lo nega DEVE dimostrare con SUE prove identiche e contro_analisi che c'è errore. E sì! mentre nel caso di emissione di energia la ripetibilità non c'è, qui c'è! Se c'è ripetibilità il negare è un fatto ideologico.

Mario Massa ha detto...

@Camillo
"Siamo invece ad un punto di dimostrazione così ben documentato che chi lo nega DEVE dimostrare con SUE prove identiche e contro_analisi che c'è errore. "

Camillo sai bene che le cose non possono andare in questo modo. Questa tua affermazione è un muro contro un muro. Sei convinto di ciò che dici? Dimostralo davanti a veri scettici, san Tommaso pronti a ricredersi, ma solo dopo averci messo il dito. Non dire che non esistono: il test del Quantum (al quale ti avevo chiesto di partecipare) è lì a dimostrare che è possibile.

Se dici che ci sono esperimenti che dimostrano la tua visione dei fatti ripetiamoli insieme in completa trasparenza e in modo pubblico in un laboratorio accreditato: dopo potrai davvero dire che sono ben dimostrati e documentati. Anni fa chiesi la stessa cosa a Renzo Mondaini, dopodichè si defilò.

Se invece ritieni che non funzionerebbe perchè manca la volontà degli osservatori, allora non puoi parlare di "fisica": stai parlando di qualcosa di non ripetibile che potrebbe anche esistere, ma che non riguarda la fisica: come ho detto tante volte sono un ingegnere e non posso progettare un aereo che vola se lo vogliono i passeggeri.

camillo ha detto...

Caro Mario,

Prendiamo per esempio i più facili da ripetersi quella dell'ingegner Domenico Cirillo (c'era anche Iorio).
Tu esprimi la classica oppinione: facciamolo insieme ma a che pro? Convincere te? Tu credi che convincendo te altri ti crederebbero?
Qui sbagli gravemente passeresti solo dalla parte dei...
Intanto per cominciare occorrerebbe che almeno tu prendessi contatto con Domenico Cirillo, che prendessi un esame le relazioni di analisi fatte da laboratori differenti, che contestassi il procedimento dicendo dove è sbagliato.

A meno che tu, come tutti gli ortodossi, non dicessi io non mi fido di niente l'ing. Cirillo il prof. Iorio tutti i partecipanti al gruppo di ricerca che da anni continua a perfezionare la PUREZZA delle analisi, sono tutti in mala fede.

Caro Mario per ripetere gli esperimenti occorrono soldi, so che hai un gruppo di controllori ebbene rifate gli esperimenti, vi do il contatto con Cirillo (scrive su energeticambiente col nome di Quantum Leap)

Prima leggiti un po' la storia raccontata da Cardone nel libro "la nuova energia" http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/pubblicazione.html?item=9788854871274.
quindi una volta compreso quanto sapere e intuizioni ci sono dietro gli esperimenti sonici, vai a vedere che sberleffi hanno fatto su certi siti con bufale..

Comincerai a vedere con altri occhi la realtà delle cose, c'è una difesa del PRESUNTO SAPERE ORTODOSSO che è fuori dal seminato scientifico. Si contesta ognuno per conto proprio rifugiandosi dietro le sottane di MAMMA SCIENZA ORTODOSSA.
Un qualsiasi centro di ricerca universitario può controllare tranquillamente le asserzioni di Cardone Cirillo ecc. Ma stai certo che manco ci pensano, manco vengono ai convegni. In compenso magari scrivono un sberleffo in qualche sito.

Tu non sei così sei un puro convinto del tuo ruolo, e coerente con il tuo vissuto, quindi per quanto sono CERTO che ti sbagli hai sempre la mia stima.

VLF ha detto...

Se nella vita si vuole raggiungere un risultato bisogna lavorarci duramente e non solo lamentarsi.
Esempio: c'è la possibilità di convertire uno scettico convinto come Massa che data la sua onestà intellettuale e competenza diventerebbere un ottimo divulgatore di queste tesi: bene, invece di approfittarne si preferisce continuare a piangere contro il mondo cattivo che non crede alle affermazioni di chi rifiuta questo confronto scientifico. Io penso invece che se uno come Massa cambiasse idea a molti verrebbe qualche dubbio in più e magari una maggior apertura verso questi fenomeni, che ora vengono considerati scienza patologica o peggio. Cioè se anziché restare chiusi in un ambito di pochi noti e accusare tutti gli altri di pregiudizi o complotti si provasse invece a fornire qualche prova veramente solida (si puo!) e così innescare una reazione a catena (es: Massa convince altri che a loro volta ...) ecco, credo sarebbe più produttivo che la solita lagna sulla chiusura degli altri alle novità (cosa che tra l'altro significa non conoscere la vera natura dello scienziato che sulle novità ci va a nozze e pagherebbe per imbattersi in nuovi fenomeni da studiare, purchè veri).

Mario Massa ha detto...

@Camillo
Ti ringrazio della stima. Io invece non sono certo che tu ti sbagli, ma siccome in base alle mie conoscenze la cosa più probabile è che ti sbagli, ti dico "fammi vedere". Che non vuol dire davanti a Mario Massa che non è nessuno, ma davanti a persone terze e a una videocamera in un laboratorio accreditato.
Io posso trovarti le persone terze (fisici e ingegneri) e posso proporti laboratori. Ma ci vuole la volontà da parte di chi fa il claim di mettersi in gioco, come ha fatto Vantangoli con il Quantum.
Chiedere ad altri di tentare repliche per verificare è assurdo: se il risultato è negativo è sempre colpa del replicatore incapace.

"Caro Mario per ripetere gli esperimenti occorrono soldi"

Ma molti meno che metterli su da 0. Quanto sarebbe costato a Celani in questi anni darmi un giorno un colpo di telefono per dirmi:"Mario, il tal giorno faremo un esperimento, volete venire a verificare e filmare?".

Io la possibilità di dimostrare ciò che affermate ve la sto dando, se non la cogliete è un problema vostro.

camillo ha detto...

Caro Mario, io non ho voluto interessarmi del quantum, da come ti poni e dall'indubbia coerente onestà sono certo che il tuo giudizio si basa su esperienze rivelatesi uno spreco di tempo, ne ho avute tantissime anch'io tanto che non vado più a controllare i rendimenti di macchine Free energy a magneti ecc.

Ma con questo? Io ho controllato di persona la natura incredibile dell'universo olografico, questo ha bilanciato ampiamente tutti gli insuccessi passati e futuri. L'universo deve ancora essere compreso.

Siccome non so quanto tu sappia di quello che si è detto, certo non si capisce guardando le buffalate ridicole dette in qualche sito, prima di perdere ulteriore tempo in disquisizioni di principio, ti riporto la sintesi del lavoro di Cardone.
Ho appena finito di leggere il suo libro, ho scoperto però che una parte è pubblicata in Internet.
Benissimo così possiamo parlarne senza problemi di brevetti.

L'essenza del discorso è questa:
1° Hanno costruito un macchinario detto "SONOTRODO CAVITATORE"
2° è un amplificatore di ultrasuoni a 20000Hz 100W
3° La forma deve essere mantenuta fissa, anche piccole dilatazioni dovute alla temperatura rompono le onde stazionarie, pertanto ci sono anelli di raffreddamento a gas.
4° la macchina opera in risonanza con un recipiente contenente un liquido in cui è sciolto il sale con l'elemento da analizzare.
5° attivando la macchina ci si accorge che esiste un discreto periodo in cui nulla accade, si tratta di una specie di apparente accumulo energetico che "deforma probabilmente" progressivamente qualche campo di contenimento (dico quello che ho capito)
6° ad un certo punto cominciano a comparire le trasmutazioni; l'elemento in analisi, supponiamo ferro, diminuisce di concentrazione e compaiono altri elementi.
7° Non si rilevano raggi di alcun tipo durante la trasformazione, il che è apparentemente ASSURDO, fuori da ogni ragionevole aspettativa, ma tant'è!
8° usando un elemento radioattivo con tempi di dimezzamento di due anni in pochi minuti si ottiene lo stesso dimezzamento, anche qui NIENTE RADIAZIONI. Incredibile!!!!
Ci sono altre cose sui neutroni ma non vorrei mettere troppa carne al fuoco.
Ora poiché posso travisare inconsapevolmente o perchè ho capito male, preferisco riportare stralci di quanto dice Cardone nel prossimo messaggio. (Mi scuso anticipatamente con Cardone nel casso prospettassi qualcosa di inesatto)

camillo ha detto...

http://lalternativo.altervista.org/verso-il-nucleare-pulito-2/?doing_wp_cron=1499167450.1718890666961669921875
Il prof Cardone sostiene che …”bisogna pensare prima di agire, ma senza troppi preconcetti o pregiudizi, consapevoli che la logica della natura non è quella umana, altrimenti la scienza sarebbe davvero troppo facile…”

L’idea di partenza era che lo spazio attorno ai nuclei atomici non fosse piatto come un foglio di carta posato su un tavolo, ma che fosse possibile per le forze nucleari deformare lo spazio microscopicamente almeno entro certi limiti.

Considerando la tavola degli elementi… tutti i nuclei a partire dal più piccolo, il Deuterio, fino al più grande, l’Uranio, sono ordinati secondo il valore crescente della loro energia di legame per componente. Tra i due estremi vi è il Ferro, che si trova circa a metà tra Deuterio e Uranio, inoltre il Ferro possiede il valore più alto dell’energia di legame per componente tra tutti i nuclei degli elementi, ed in più il Ferro è inerte, cioè non radioattivo. Per questa sua proprietà di avere l’energia di legame più alta, il ferro è il più svantaggiato per produrre energia nucleare ed anche il meno incline a farlo. Scherzando si può dire che il suo nucleo è… “duro come il ferro” e quindi sarebbe l’elemento meno opportuno da considerare, almeno secondo il buon senso, come avrebbe detto Fermi. Ma tutto questo in condizioni normali, ossia in un spazio piatto. Viceversa in uno spazio deformato dalle energie nucleari, il Ferro si trova in posizione avvantaggiata. Infatti se vi è una soglia di energia da raggiungere, che è al di sopra di tutte le energie di legame, il nucleo con l’energia più alta è quello più vicino, quello che a parità di potenza fornita la supera per primo fra gli altri nuclei e, cosa più importante, nel minor tempo… Questo è un ragionamento di estrema semplicità ed eleganza che riassume una serie di ragionamenti e calcoli alquanto complessi ed è dovuto al fisico italiano W. Perconti.
L’ESPERIENZA

Certo che esigere dal ferro un’emissione di energia nucleare, per giunta nell’arco ragionevole di poche decine di minuti sembrava essere quanto di più avventato si potesse pretendere. Con gli ultrasuoni poi…

…Per comprendere l’enormità della cosa si consideri il fatto che gli ultrasuoni agiscono sugli atomi che sono 100.000 volte più grandi del loro nucleo, invece il nucleo ha un’energia 100.000 volte più grande dell’atomo, da cui l’enorme disparità tra l’energia nucleare e quella chimica.

Eppure l’idea era quella che nello spazio deformato, in presenza quindi di una geometria deformata, si potesse cambiare una leva tragicamente svantaggiosa in spudoratamente vantaggiosa.

Collaudato e realizzato dalle forze armate, il “cavitatore” (questo il nome assegnato all’apparecchiatura) presentava due punti di forza non considerati nei precedenti esperimenti americani e di Perugia: la separazione del “sonotrodo” dalla camera di reazione e un sistema di raffreddamento di nuova concezione.

Senza scendere in dettagli le proporzioni del sonotrodo e della camera di reazione dovevano avere una geometria estremamente precisa a causa delle dilatazioni termiche cui sarebbero state sottoposte. La cura estrema di questi aspetti (geometria e sistema di raffreddamento), avrebbero consentito il funzionamento a regime della macchina senza limiti di tempo.

La macchina funzionava in modo stabile. Emissione di ultrasuoni a 20Khz (20.000 oscillazioni per secondo) con un intensità di 100 watt.

camillo ha detto...

Nei 90 minuti di durata dell’esperimento non fu misurata nessuna emissione di neutroni per quanto riguarda Litio e Alluminio. Ma con il Ferro rimanemmo di sasso: primo esperimento e primo successo. I controlli incrociati con i nostri tre sistemi di rivelazione cominciarono a dare in perfetto accordo segnali di attività nucleare (emissione di neutroni) dopo 50 minuti ca
Nessuna presenza di radiazioni alfa e beta al di fuori della camera di reazione, né durante i 90 minuti della prova, né postuma a esperienza conclusa e macchina spenta. Nessuna presenza di radiazioni gamma in ogni condizione. Ulteriori comparazioni vennero effettuate con cloruro di Ferro e nitrato di Ferro, sempre con i medesimi risultati. La forma chimica non influenzava la produzione di neutroni, solo la presenza del ferro era determinante.

All’incremento delle quantità di ferro inserite nella camera di reazione corrispondeva un incremento del tempo necessario alla produzione di neutroni. Questo confermò definitivamente l’esistenza di un’inerzia e quindi di un campo di attesa nel processo di produzione delle reazioni piezonucleari mediante ultrasuoni e cavitazione.
L’assenza di radiazioni gamma da noi riscontrata, fu campo di indagine approfondito anche di altri ricercatori: esperienze accurate usando spettrometri con cristallo di Ioduro di Sodio e Tallio, confermarono ulteriormente l’assenza di radiazioni gamma.

Fu a questo punto molto interessante quanto proposto dall’allora Presidente del CNR dopo aver supervisionato i risultati: la comparazione tra la nostra macchina a ultrasuoni e un reattore nucleare convenzionale ad Uranio (in dotazione al centro ENEA di Roma-Casaccia).
UN’ALTRA SORPRESA

Ma come si sarebbe comportato un elemento che a differenza del ferro fosse stato radioattivo? Con il Torio, un elemento moderatamente radioattivo, accadeva qualcosa di inatteso e sorprendente. Vennero preparate soluzioni a bassissimo contenuto dell’isotopo Torio228. Questo è composto da 90 protoni e 138 neutroni e dato che è un esa-alfa emettitore emette 6 particelle alfa che formano su una lastra fotografica di policarbonato un’immagine come le dita di una mano aperta. La sua radiazione è quindi inconfondibile anche in mezzo ad altre radiazioni ambientali. Il tempo naturale in cui la sua radiazione e il suo contenuto si dimezzano è di circa due anni.

Dei dodici campioni preparati 8 sarebbero stati sottoposti a cavitazione nella nostra macchina e gli altri 4 sarebbero serviti alla comparazione. Al termine dell’esperienza i campioni cavitati furono sottoposti all’analisi con uno spettrometro di massa ad alta risoluzione (quadrupolare a settore magnetico) riscontrando che sia il contenuto che la radioattività risultavano esattamente dimezzati!!
a misurazione dei neutroni non aveva dato risultati significativi.

Cosa si doveva ritenere?

Che il torio sottoposto a cavitazione si era trasformato in un tempo 10.000 volte più rapido di come accade naturalmente, concludendo che questi era stato soggetto a reazioni piezo-nucleari che ne avevano alterato la natura facendogli superare la soglia di energia della forza radioattiva aldilà della quale anche la geometria di tale forza… non era più piatta.

Il caso del Ferro e del Torio potrebbero diventare emblematici di un altro fatto, che il superamento della soglia di deformazione è un po’ attraversare “lo specchio di Alice” per entrare in un luogo in cui il ferro inerte emette neutroni anche se è il più sfavorito a farlo, mentre il Torio radioattivo perde la sua radioattività in un tempo troppo breve producendo una situazione inerte….


.CONCLUSIONE

Le prospettive sono molteplici e inimmaginabili. Si pensi soltanto alla possibilità di neutralizzare le attuali scorie radioattive delle centrali atomiche convenzionali. Per non parlare della quantità di energia ricavata dal ferro, un elemento presente in natura con proporzioni impressionanti rispetto al petrolio e incredibili in confronto all’uranio

camillo ha detto...

@ VLF che scrive
Se nella vita si vuole raggiungere un risultato bisogna lavorarci duramente e non solo lamentarsi.
Esempio: c'è la possibilità di convertire uno scettico convinto come Massa che data la sua onestà intellettuale e competenza diventerebbere un ottimo divulgatore di queste tesi: bene, invece di approfittarne si preferisce continuare a piangere contro il mondo cattivo che non crede alle affermazioni di chi rifiuta questo confronto scientifico....

Beh che dire... proviamo a parlarne intanto. Occorre vedere cosa sa Mario del fenomeno detto Iorio Cirillo, Cosa sa di Cardone, di Celani ha appena detto qualcosa che ho prontamente trasferito direttamente a Celani.

Poi in questo caso il gioco di convincere è MOLTO più facile che nella storia dell'energia.
L'energia NON era ripetibile, le trasmutazioni lo sono, è una questione di buona volontà tempo e denaro.

Sul fatto che poi Mario sarebbe un attimo divulgatore... Mmmm verrebbe isolato e capirebbe molto bene i pregiudizi di certi sedicenti scienziati. Col cavolo che usano il metodo scientifico, usano l'autorevolezza di chi parla.. non tutti ma MOLTI, TROPPI.

VLF ha detto...

@Camillo: ".. Mario sarebbe un attimo divulgatore... Mmmm verrebbe isolato .."

Anche fosse ... uno in più che ci crede! E in realtà ben più di 1 perché sposterebbe parecchie opinioni di chi ha fiducia nella sua integrità e capacità.

Ma se la paura di perdere fa rinunciare a lottare non resta che lamentarsi del "sistema".
Per ora non conosco alternative al confronto scentifico per distinguere un "ho visto cose che voi ..." dai proclami di eventuali ciarlatani (imbroglioni o incapaci che siano).

Ho scorso la tua "filosofia" sulla 4° fisica ... che dire, forse affascinante per qualcuno ma chiunque se ne può inventare di personali ed essere altrettanto convinto di stare nel vero. C'è ben poco di confutabile o di scentifico ... es. cos'è l'attenzione? come si misura? se moltiplicata per il tempo dà energia si misura in Watt? Ma sicuramente mi dirai che è un altro tipo di energia e magari di tempo.

Se i primi 3 livelli (come li chiami) c'hanno dato gran parte del mondo che ci circonda (motori computer gps ecc.) rimango in attesa di qualcosa di più e ci dedico l'attenzione che merita, cioè poca. Il tempo, quello sì, è una risorsa preziosa per tutti.

MISTERO ha detto...

@Mario

Penso che tra le sette relazioni che leggo on line, almeno due potrebbero essere oggetto di test.
Camillo giustamente sostiene che un test facilmente ripetibile è la misura di radiazioni e trasmutazioni.

Penso di possano fare, bisogna chiedere a Franchini se è disponibile a proporre un setup di misure nucleari o qualcuno da lui indicato..

Alessandro Pagnini ha detto...

Far replicare o, per cominciare, almeno controllare, un esperimento discusso, a Mario & C., ritengo sarebbe una gran bella cosa. Se poi i nostri erosi sperimenteranno l'ostracismo, come probabile, comunque avremo smosso qualcosa. Concordo con VLF che:
"...Anche fosse ... uno in più che ci crede! E in realtà ben più di 1 perché sposterebbe parecchie opinioni di chi ha fiducia nella sua integrità e capacità..."

Come vorrei potesse mettere le mani su un E-CAT!!! :-)

Mario Massa ha detto...

@Camillo
"Al termine dell’esperienza i campioni cavitati furono sottoposti all’analisi con uno spettrometro di massa ad alta risoluzione (quadrupolare a settore magnetico) riscontrando che sia il contenuto che la radioattività risultavano esattamente dimezzati!! La misurazione dei neutroni non aveva dato risultati significativi."

Perchè cercare i neutroni durante l'esperimento? Se il Torio si dimezza c'è da pensare che lo faccia per emissione alfa come fa normalmente, o no? In ogni caso visto che dopo avete fatto l'analisi di massa, dovreste aver scoperto in cosa si è trasformato e dovreste aver capito la catena di decadimento. Se ha seguito la catena naturale, se non sbaglio, è passato per Radio224, anche lui alfaemettitore con emivita di 4 giorni (quindi rilevabile all'analizzatore di massa), poi in Radon220, ecc. Quindi durante la cavitazione la emissione alfa (misurabile con un semplice contatore Geiger) doveva essere almeno 10.000 volte superiore a quella, debole, naturale. Non sono un nucleare, ma se mi dici quanto Torio c'era, non ci vuole molto a calcolare quanti "bip" doveva fare il contatore durante i minuti di cavitazione (possiamo chiedere conferma a Franchini). Poi perchè fermarsi a un dimezzamento? Se valgono le leggi della fisica, dopo un tempo doppio si doveva avere un ulteriore dimezzamento, poi ancora un altro e così via. Lo avete verificato? Se non l'avete fatto dimostrate una superficialità inaccettabile: qualunque fisico, davanti a un fenomeno inatteso fa ulteriori osservazioni (e qui erano semplicissime, dato che dici che bastavano pochi minuti) per cercare di chiarire le leggi che governano il fenomeno. Si direbbe che voi vi siate limitati ad osservare che il fenomeno c'è: questo lo può fare un esterno scettico come me che vuole assicurarsi che il fenomeno c'è, non un ricercatore che dice di essere già certo che il fenomeno è reale.

Spero che mi smentirai, riportandomi test che dimostrino che il fenomeno l'avete indagato, non solo osservato. In ogni caso, come dice Andrea, perchè non rifarlo davanti ad osservatori scettici? Pensa se riusciste a convincere Camillo Franchini!

camillo ha detto...

@Massa a che gioco stai giocando?
Al rilancio?
Scusa o confuti tutto o prendi atto che il dimezzamento fatto con il solo suono è assurdo, tanto più che dichiarano niente radiazioni. Cioè è totalmente fuori schema.
E' impossibile con le attuali conoscenze.

Inutile dire e allora dovevano proseguire, e allora... BASTA E AVANZA IL DIMEZZAMENTO che dovrebbe impiegare due anni.

Se vuoi confutare di che non ti fidi, asserisci che devono aver sbagliato. Ma dire che allora siccome avrebbero potuto... bla.. bla.. è un menar il can per l'aia.
qui caro Mario siamo sul ripetibile quindi la cosa non finisce certo qui, figurati interessi che ci sono con la possibilità di smaltimento scorie radioattive.

Questo esperimento è descritto nel libro e un po' di foto ci sono nel sito che ti ho lincato.

diciamo piuttosto che tutto questo è fuori portata da noi privati e curiosi. Cardone ha fatto vedere delle foto con il mercurio in una vaschetta e con l'effetto della trasmutazione poi in pochi secondi era cambiato, abbiamo tentato di estorcerli ulteriori informazioni ma ci ha detto: "Signori per il momento accontentatevi del fatto che cambia, del fatto che è ripetibile, anche se i bilanci energetici e le modalità cambiano, l'analisi dell'aspetto energetico è incredibile è come entrare nell'inferno"




camillo ha detto...

@VLF tu dici: "....Ho scorso la tua "filosofia" sulla 4° fisica ... che dire, forse affascinante per qualcuno ma chiunque se ne può inventare di personali ed essere altrettanto convinto di stare nel vero. C'è ben poco di confutabile o di scentifico ... es. cos'è l'attenzione? come si misura? se moltiplicata per il tempo dà energia si misura in Watt? Ma sicuramente mi dirai che è un altro tipo di energia e magari di tempo."

Se guardi il filmato salta al minuto 30' descrivo per filo e per segno come ho verificato dei fenomeni sotto la spinta del mio Maestro Alchemico. Mi spiace che il sonoro sia pessimo.

Tieni conto che io quella cosa lì l'ho vista decine e decine di volte e ho visto e controllato molto altro. quei fatti iniziali accadevano se ben ricordo 1974 o giù di lì.

Per quanto a te e a molti sembri PRESUNTUOSO sono certo al 100% Il mutare delle cose con la sola mente, volontà, attenzione senza alcun strumento per me è un fatto certo, certissimo, visto e stravisto. Quindi io non butto lì una teoria, fra l'altro elaborata nel corso di molti anni, non butto lì una teoria per vantarmi, nè per attirare l'attenzione, nè per nessun altro motivo che è ciò che ho constatato e che in qualche modo sento di dover passare.

Gli alchimisti arrivavano a vedere quella cosa solo alla fine di un lungo percorso, per me si è invertita la cosa. Ho costatato che l'universo è mutabile attraverso la sola volontà- fede- bioenergia e qualsiasi cosa tu voglia metterci il fatto è che accadeva SENZA alcuna apparecchiatura.

Credi che non sappia che mi espongo alla derisione?
Vedi mentre la posizione di Mario Massa ha alle spalle una copertura data da tutta la scienza ufficiale, io mi espongo allo sberleffo, non posso dimostrarlo, sono isolato.
Ci vuole più coraggio ad essere Mario o Camillo?

Mario Massa ha detto...

@Camillo
"Inutile dire e allora dovevano proseguire, e allora... BASTA E AVANZA IL DIMEZZAMENTO che dovrebbe impiegare due anni."

Non concordo. Se scopri un fenomeno lo studi. Se non lo studi non sei un "ricercatore". Se non sei un ricercatore è probabile che tu abbia commesso un errore perchè solo il "ricercatore" ha lo schema mentale che gli permette di mettere in dubbio la propria scoperta e sa allestire gli esperimenti che gli permettono di analizzarla e eventualmente confermarla.
Ciò che ho scritto non è ovviamente l'unica soluzione: partiva dal fatto che tu scrivi che "il Torio si era trasformato in un tempo 10.000 volte più rapido di come avviene naturalmente". Ma le presunte reazioni piezonucleari potrebbero fissionare il Th228 in elementi più leggeri non radioattivi o in gas anche radioattivi che si liberano e non sono quindi individuabili poi all'analizzatore di massa (esempio 219Rn + 9Be). In ogni caso converrai con me che quel Torio qualcosa deve essere diventato: ti pare normale dire solo "è sparito"? Se non trovi nulla al suo posto, sommato al fatto che non trovi radiazioni di nessun tipo, non ti viene il dubbio che si tratti di un errore?

Vorrei solo sentirmi dire che avete verificato che il Torio sparito è diventato a + b + c: hai visto il risultato all'analizzatore di massa? Non essendoci emissione alfa o di neutroni, tornava il bilancio protonico e neutronico? O ritieni che oltre al fattore energia che certamente non torna anche i bilanci di massa non siano più validi? Sto ancora parlando con un fisico?

"Ci vuole più coraggio ad essere Mario o Camillo?"

Camillo il coraggio lo dimostri quando accetti di far verificare le tue affermazioni da chi non ci crede ma è disposto a cambiare idea davanti all'evidenza.

Daniele Passerini ha detto...

@Mario
Non concordo. Se scopri un fenomeno lo studi. Se non lo studi non sei un "ricercatore". Se non sei un ricercatore è probabile che tu abbia commesso un errore perchè solo il "ricercatore" ha lo schema mentale che gli permette di mettere in dubbio la propria scoperta e sa allestire gli esperimenti che gli permettono di analizzarla e eventualmente confermarla.
È difficile non restare perplesso circa la tua oggettività quando parcheggi la razionalità in doppia fila con affermazioni di questo genere.
Ti consiglio la lettura di questo libro, magari potresti cogliere alcune tue dinamiche profonde (anche se probabilmente sono troppo profonde perché tu riesca a riconoscertele con oggettività):
https://it.m.wikipedia.org/wiki/A_che_gioco_giochiamo

camillo ha detto...

Caro Mario,
se vuoi verificare questa cosa della trasmutazione, ben venga dato che è ripetibile.

Intanto preciso che io non sono coinvolto negli studi di Cardone, magari!!! E' roba troppo in alto, militari, interessi sulle scorie radioattive, possibilità di creare una sorgente neutronica più efficiente con prospettive allucinanti.

Non crederai mica che Cardone sia il tipo sberleffato da qualche stupido blog, spero di no. Siamo a livelli di conoscenza in cui si permette di dire "non ti curar di loro ma guarda e passa".
Quindi su quella linea non ho amicizia.
Diverso è il discorso con Celani Francesco o con Domenico Cirillo.

Se tu desideri verificare ci facciamo dare un protocollo da Cirillo poi tu verifichi con analisi fatte da più laboratori. Spero tu conosca i suoi esperimenti sono piuttosto semplici da realizzare, la complessità sta nella purezza dell'esperimento. Ma mi fido delle tue capacità.

Mario Massa ha detto...

@Camillo
" Ma mi fido delle tue capacità. "

Grazie Camillo, ma sono io che non mi fido delle mie capacità. Per questo non accetto di fare repliche, ma solo verifiche con lo scopritore/inventore.

"se vuoi verificare questa cosa della trasmutazione, ben venga dato che è ripetibile. "

Questo è un punto fondamentale: se la cosa è ripetibile e viene eseguita da chi l'ha inventata/scoperta deve funzionare. Per sicurezza come ho fatto col Quantum si concedono più possibilità in caso di esito negativo: nessuno vuole "uccidere" una scoperta reale per fretta.

Camillo Franchini alla mia frase:
""Non mi importa come fai e cosa emetti, fammi vedere davanti a una videocamera e a spettatori terzi in un laboratorio accreditato: molto semplice e quasi gratis. Vale per il Quantum, vale per la FF."" ha risposto: - Questo avrebbe fatto Alessandro Volta. I ff di oggi non si metteranno mai nelle condizioni che tu sogni. Non è mai accaduto e mai accadrà. -
Vogliamo smentirlo?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario
@ Mistero

Come sta andando il test del quantum, a proposito?

MISTERO ha detto...

@Camillo
Cardone ha fatto vedere delle foto con il mercurio in una vaschetta e con l'effetto della trasmutazione poi in pochi secondi era cambiato, abbiamo tentato di estorcerli ulteriori informazioni ma ci ha detto: "Signori per il momento accontentatevi del fatto che cambia, del fatto che è ripetibile, anche se i bilanci energetici e le modalità cambiano, l'analisi dell'aspetto energetico è incredibile è come entrare nell'inferno"

Nella recensione on line del libro che hai preso ho scritto:

Un “segreto” rivelato agli occhi di tutti, l’immagine di copertina implica una geometria, quella geometria naturale grazie alla quale avvengono tutti i fenomeni naturali.

Prima di ipotizzare teorie da fuori di testa il ricercatore, in questo caso, ha scomposto il fenomeno utilizzando le basi della fisica. Se esiste o è evidente un nuovo fenomeno, non l'ha inventato l'uomo, l'ha solo scoperto perché fa già parte della natura. La forma del corpo vibrante, della camera di reazione (una bottiglia commerciale da 1 euro con il fondo concavo, della quale Cardone racconta con sottile e meritata soddisfazione) e la frequenza, fanno tutte parte di una regola geometrica che se viene rispettata, nelle condizioni opportune di spazio e tempo, può accadere un miracolo per un cristiano, o la visione di un nuovo fenomeno mai prima osservato per uno scienziato.

Quello che volevo dirti è che non ci sono segreti su come far avvenire le reazioni del prof. Cardone, basta leggere le pubblicazioni e i primi brevetti.

http://www.ingentaconnect.com/content/asp/jap/2016/00000005/00000001/art00012

In questo articolo del 2016 "Ultrasonic Neutron Emissions" sono ben descritti i sistemi di misura dei neutroni e non solo, per la prima volta azzardano un conto energetico.
Due piccioni... sia per misure nucleari che per misure calorimetriche.

MISTERO ha detto...

@Alessandro
Attendo i risultati e poi scriverò un post..:-)

MISTERO ha detto...

@Mario
Vogliamo smentirlo?

Più che smentirlo direi che sarebbe opportuna una sua supervisione alle misure nucleari del test che faremo.

Non deve per forza essere presente, potrebbe indicarci uno specialista di suo gradimento, un neutronista ad esempio.
Il contributo di Franchini, anche a distanza di "sicurezza", sarebbe certamente fondamentale nella analisi chimica degli eventuali elementi trasmutati; errori strumentali, falsi positivi o negativi, possibili contaminazioni, vanno previste il più possibile prima dell'inizio del test e solo chi ha avuto esperienza diretta può definire un buon protocollo di analisi.
Pensavo di chiedere anche ad Andrea Idini, ma forse non possiede le competenze specifiche.

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
OT
Si avvicina la fine dell'epoca del motore a scoppio... i segnali in tal senso sono sempre più numerosi.
http://www.repubblica.it/motori/sezioni/prodotto/2017/07/05/news/volvo_dal_2019_solo_auto_elettriche-170011688/

domenico canino ha detto...

@Camillo, Miestero e Cardone
I miei complimenti a Camillo per il reportage e le notizie sul mondo LENR; saluti a Mistero ed al prof. Fabio Cardone, che mi sembra uno che prima fa e poi parla; però una critica voglio fargliela attraverso Mistero che lo conosce: perchè parla di 100 milioni di euro necessari per la sperimentazione e di molti anni; a me pare che lui sia molto più vicino ad una soluzione a basso costo;
@camillo
Mi ha intrigato molto la tua citazione del fatto che hai in qualche modo visto l'Universo Olografico. Voglio essere perfido: l'hai visto o l'hai sentito o percepito attraverso suono e vibrazione? Oppure l'hai visto durante un viaggio in modalità astrale? Ci racconto qualcosa di quello che hai "registrato" sull'universo olografico? Te ne sarei grato.

MISTERO ha detto...

@Domenico
a me pare che lui sia molto più vicino ad una soluzione a basso costo

Io sono convinto del contrario, i neutroni non sono emissioni ZERO e leggo di neutroni che schizzano da tutte le parti ma con angoli preferenziali.

Siamo in ambito nucleare e con il nucleare non si scherza, nulla in questo ambito è a basso costo.

100 milioni di euro servirebbero a poco, se lo chiedi a me.
Non posso rispondere per Fabio, ma posso dire che ha realizzato una gran mole di esperimenti documentati in svariati paper (prova a fare una ricerca). Per fare tutto questo lavoro ha utilizzato solo i fondi strutturali, cioè quello che comunque sarebbe stato speso.
Un uomo così parsimonioso e attento con 100 milioni di euro...:)))



Mario Massa ha detto...

@Mistero
Ho visto il tuo invito a Franchini sul suo blog. Penso che sia attratto, ma, contrariamente a me che la penso come lui ma metto la curiosità davanti al resto, temo abbia paura di "sporcarsi le mani", di essere accusato di andare a cercare "gli asini che volano", che una sua presenza (fisica o a distanza) possa essere utilizzata per dare peso ad affermazioni che lui è assolutamente sicuro siano false quindi non degne di attenzione. Teme cioè di essere strumentalizzato. Promettiamogli che se accetta scriveremo a caratteri cubitali: "Il dott. Camillo Franchini in ragione della sua grande esperienza è stato da noi invitato a controllare e verificare le misure nucleari ed egli, molto gentilmente, nell'interesse della verità, ha accettato PUR DICHIARANDOSI ASSOLUTAMENTE CERTO DELL'INFONDATEZZA DEL FENOMENO".
Avere Camillo tra i verificatori sarebbe una sicurezza per noi scettici e un terno al lotto per chi crede nel fenomeno se dovessero avere ragione.

MISTERO ha detto...

@Mario
Tolti certi commentatori o provocatori, penso sia chiaro che nessuno qui tra i promotori sta mettendo in dubbio la professionalità ne tanto meno l'onestà.
Deve essere altrettanto chiaro che, almeno per quanto mi riguarda riporterò i fatti per come mi vengono documentati da chi è preposto ufficialmente a fornirli.

Di certo nessuno si permetterà di scrivere strumentalizzazioni su Franchini, da parte nostra certamente no.

Poi se vogliamo aggiungere anche questo:
"Il dott. Camillo Franchini in ragione della sua grande esperienza è stato da noi invitato a controllare e verificare le misure nucleari ed egli, molto gentilmente, nell'interesse della verità, ha accettato PUR DICHIARANDOSI ASSOLUTAMENTE CERTO DELL'INFONDATEZZA DEL FENOMENO"

Va bene, ma io faccio più affidamento sul buon senso e alla maturità.
Abbiamo il dovere e la responsabilità di gestire correttamente le informazioni che verranno prodotte e divulgate.. A me basta questo e confido che anche per te Mario sia lo stesso.. Non mi pongo il problema di convincere Franchini, mi pongo il problema di trovare la professionalità necessaria.

camillo ha detto...

E qui si apre una considerazione FONDAMENTALE:
Chi è un vero ricercatore? quanto conta la notorietà? e quanto l'esperienza? e quanto il modo di porsi?

Una volta si diceva: occorre andare alla verifica "con il cappello in mano" rispettosi del lavoro altrui senza PRESUNZIONE. (Così era ai miei tempi anni 70)
Oggi con Internet c'è un mare ENORME di informazioni e verifiche possibili, ma ci sono anche decine e decine di illusi, ciarlatani, sognatori e... truffatori.

Il ricercatore seri per forza di cose DEVE selezionare, scremare preventivamente. Qui sta il bene e il male, i criteri di scrematura preventivi possono essere sbagliati. Per esempio se si guarda la scolarità, oppure la blasonatura si potrebbero scartare geni incompresi.

D'altra parte esiste un gran numero di sedicenti ricercatori che restringono così tanto le "innovazioni proposte da qualcuno" finendo col rimanere fermi, arroccati nel loro mondo quotidiano.

Il paragone è questo: Un signore scopre una fonte miracolosa, avvisa tutti della nuova acqua con incredibile proprietà, molti vanno lì e bevono, qualcuno si fa mandare per posta, l'acqua da assaggiare, ma qualche altro sta fermo e dice "spetta a llui dimostrare la miracolosità, venga qui mi porti dell'acqua miracolosa e magari dato che stanno seduti su di uno scanno altissimo pretendono che salga le scale e versi l'acqua in bocca.
Chi ha orecchi da intendere intenda!

Ma come difendersi dai ciarlatani? Il mondo è diventato molto problematico, mica possiamo andare dietro alle fantasie di tutti?

ai miei tempi, ripeto, uno diceva una scoperta ti dava un protocollo e tu provavi a ripeterla.

Quando nella rivista interna alla ricerca "nuovo Cimento" Piantelli diede il resoconto della sua presunta scoperta, visto la fonte, i documenti i personaggi ecc. il sottoscritto e mio nipote ricercatore INFN (Legnaro Pd) Allestimmo l'esperimento casalingo seguendo tutti i dettami, per giorni e giorni facemmo centinaia di cicli di adsorbimento, osservando se si vedevano dei picchi di calore improvvisi quando la barra di nichel satura di idrogeno si raffreddava passando da 400° a 80°
Impiegammo una quantità notevole di energia tempo e denaro. Ma a parte qualche stranezza (qualche picco lo abbiamo visto) ma niente di che, poteva avere altre spiegazioni. Servivano ben altri livelli di precisione. abbiamo comunicato a Piantelli i nostri scarsi o nulli risultati, ci rispose che anche lui era perplesso la ripetibilità era rara anche per lui, lui imputò il tutto al tipo di materiale, o alla cristallizzazione, prendendo in considerazione addirittura la geometria del sistema contenitivo.

Cosa voglio dire con questo, quando ci sono decenti probabilità che ci sia una scoperta, la cosa migliore è farsi dare il protocollo e in una prima fase provare per conto nostro.

Andare dallo scopritore con atteggiamenti di superiorità o manifesto sospetto (magari dichiarato in altre occasioni) è da trogloditi, occorre rispettare la persona, occorre muoversi con amore, attenti a non irridere il lavoro e il sacrificio altrui.

Quindi io faccio la seguente proposta a Mario Massa:
l'esperimento Iorio-Cirillo se togliamo l'aspetto energetico e ci concentriamo solo sulle trasmutazioni che compaiono è MOLTO SEMPLICE.
Il gruppo di ricerca interessato valutato il protocollo, decisi i punti critici fa l'esperimento.
Fa analizzare da laboratori seri magari più di uno e si guarda se ci sono trasmutazioni
http://www.ioriocirillo.com/ita/dettagli.documento.php?id=12


MISTERO ha detto...

@Camillo
“non dare le perle ai porci”, cioè “non dare la bomba atomica in mano ai bambini!”

Tornando in tema, non ti sarà sfuggito questo nuovo articolo di Di Stefano sempre nel merito della macchina di Pelizza-Majorana:

http://www.rinodistefano.com/it/articoli/mistero-pelizza-majorana-mondo.php

In pratica un redazionale sul libro; La "Macchina", un ponte tra scienza e l'oltre.
Questa è la Roberta Rio coautore del libro:
https://www.youtube.com/watch?v=KQ-WUH3kfP0

Scrive nel suo sito:

Ma il nostro viaggio nel destino ci ha riservato una grande sorpresa: ci ha messo a disposizione Qualcuno dalla vista lunga, molto più ampia di quella dell’uomo. E i Suoi consigli, che stiamo ricevendo da quasi cinque anni, ci hanno permesso di assemblare una gran mole di conoscenze che stiamo gradualmente riportando nei libri e negli articoli che questo sito raccoglie e commenta.

Poi sempre in un suo sito trovo:

Il paradigma completamente nuovo da accettare per entrare in sintonia con questa nuova fisica è che l’interazione con le forme-matrici, dopo averne compreso il funzionamento e le leggi di base, è attivabile solo tramite il pensiero.

In un altra pagina di presentazione di un altro libro "Destino", trovo:

Da circa due anni dei Maestri di Luce di alto livello mi trasmettono delle informazioni che io regolarmente trascrivo, con lo scopo di apportare prima a me e poi agli uomini una conoscenza nuova e al contempo antichissima.


http://www.majorana-pelizza.it/
http://www.voyageindestiny.org/introduzione.html
http://www.thirdmillenniumphysics.world/it/





Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mistero
"...Più che smentirlo direi che sarebbe opportuna una sua supervisione alle misure nucleari del test che faremo..."

Mi sto perdendo: di che esperimento nucleare stai parlando? Con Cardone?

camillo ha detto...


Odio l'allor, che quando alla foresta
le nuovissime fronde invola il verno,
ravviluppato nell'intatta vesta
verdeggia eterno,
POMPA DE' COLLI; ma la sua verzura
gioia non reca all'augellin digiuno;
che' la splendida bacca invan matura
non coglie alcuno.

Te, poverella vite, amo, che quando
fiedon le nevi i prossimi arboscelli,
TENERA L'ALTRUI DUOL commiserando
sciogli i capelli.
Tu piangi, derelitta,A CAPO CHINO
sulla ventosa balza. In chiuso loco
gaio frattanto il vecchierel vicino
si asside al foco.
Tien colmo un nappo: il tuo licor gli cade
nel'ondeggiar del cubito sul mento;
poscia floridi paschi ed auree biade
sogna contento.
Zanella

Silvio Caggia ha detto...

Intanto il processo Rossi vs Darden è finito...

camillo ha detto...

@ Mistero,
io credo che uno dei freni che impediscono a molte CONSAPEVOLEZZE mature di accedere alla fisica del 4° livello sia: L'IMPORTANZA PERSONALE il lei non sa chi sono io, io non posso abbassarmi... ci siamo capiti.
Chi difende troppo... Mmm si ferma al primo intoppo.

Da "il dono dell'aquila" Carlos Castaneda
Mi sono già arreso al potere che governa il mio destino.... ho abbandonato tutto....
così non ho più nulla da proteggere....
non ho pensieri.... così potrò vedere....
non temo nulla.... così mi ricorderò di me stesso calmo e sereno sfreccerò oltre l'aquila.... verso la libertà....

Conosco benissimo quella faccenda e molto di più ma se ne può parlare solo in privato e magari di persona.

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio
Intanto il processo Rossi vs Darden è finito...

http://coldfusioncommunity.net/rvd-settled/

Mario Massa ha detto...

@Camillo
"Andare dallo scopritore con atteggiamenti di superiorità o manifesto sospetto (magari dichiarato in altre occasioni) è da trogloditi, occorre rispettare la persona, occorre muoversi con amore, attenti a non irridere il lavoro e il sacrificio altrui."

Qualunque ricercatore/costruttore serio e onesto è onorato di poter dimostrare la propria opera. Credi veramente che affronti queste cose con superiorità? Con manifesto sospetto certo e credo sia proprio questa mancanza di falso perbenismo che, pur scettico fino al midollo, fa si che sia stato più volte accettato come osservatore onesto e imparziale.

Camillo, racconti l'esperienza con Piantelli e sostieni ancora che bisogna fare repliche? Proprio non ti capisco.
Da parte mia se si tratta di fare repliche mi tiro fuori perchè so che sarebbe solo una perdita di tempo e di soldi.

vincenzo da torino ha detto...

Si, vi è stato un accordo tra le parti Rossi-Darden con sorrisi reciproci. Ora si aspetta di conoscere i termini di questo accordo e sopratutto chi ha vinto meglio.

camillo ha detto...

@Mario dice:
se si tratta di fare repliche mi tiro fuori.

Stai scherzando? Non ti riconosco, di cosa hai paura?
Ma se da sempre LA REPLICA è stato il PRIMO metodo, ma cosa intendi tu per ricercatore? Un inquisitore più o meno imparziale che non si sporca le mani?

Guarda che la Iorio-cirillo è banale si tratta solo di essere puri nei protocolli poi si fa fare analisi a laboratori, non vedo il problema!

Non ti metterai anche tu nello scanno aspettando che ti versino l'acqua in bocca?


Hermano Tobia ha detto...

@camillo
Penso che Mario voglia dire che prima di replicare un esperimento, è molto più rapido e semplice invitare il ricercatore a ripeterlo in ambiente controllato e concordare con lui un protocollo di test, misure e controlli incrociati che minimizzino le possibilità di errori e garantiscano un certo sigma. Poi se il test congiunto da esito positivo, si può pensare alle repliche.

PS: grazie per il resoconto del convegno :)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Camillo

Mario ha sempre sostenuto questa linea e non lo riconoscerei io, se dicesse diversamente :-)
Hermano ha spiegato bene la cosa e francamente neppure io vedo nulla di scandaloso nel fatto di offrirsi per una prima verifica 'di sgrosso'. Questo permette forse anche di poter scartare meno 'claims', minimizzando i rischi di ignorare i famosi geni incompresi, cui accennavi. E' comunque un lavoro impegnativo, ma può consentire di evidenziare eventuali errori commessi, anche in perfetta buonafede, che possono viziare le misure. Mario non ambisce a validare con repliche, cosa che poi magari spetterà a più atenei e/o laboratori di vario tipo, sparsi nel mondo, ma a mettere la sua professionalità al servizio della buona esecuzione delle misure, cosa che dovrebbe stare a cuore a tutti, inventore compreso. Ovviamente ci può essere diffidenza verso Mario e il sospetto che egli, dalla sua posizione intellettuale per nulla incline a dare credito a certe 'scoperte', possa remare contro, più o meno consapevolmente. In tal caso Mario non verrà chiamato a prestare la sua opera e se ne farà una ragione, presumo. Se altri vogliono replicare, benissimo. Se poi avranno i risultati sperati, potranno loro chiamare Mario a verificare :-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio

Visto la tua domanda sul Jonp

Effettivamente almeno qualche risposta te la dovrebbe. Ha o no, un distributore/licenziatario per il nord America, ad esempio? Ed è sempre IH? Questo potrebbe pur dirlo, visto che riguarda l'attuale situazione commerciale.
Credo sia un po' in confusione.

camillo ha detto...

@ Tobia, Pagnini,
speriamo abbiate ragione, mmm.. comunque io non me lo aspettavo.
Forse io vengo da una scuola vecchio stampo, forse c'è differenza di impostazione tra ingegneria e fisica, non so bene ma io non avrei mai detto quella frase.

Mi ricordo che mentre ero impegnato con un grosso esame "metodi matematici della fisica" in cui si presentava nuovi metodi di verifica di teorie, basati sulla matematica delle matrici. Si parlava di sistemi conservati o non conservativi, e su come passare da un sistema di riferimento ad un altro mantenendone le leggi. Si tratta della fisica del secondo livello quello relativistico.
In una delle discussioni si pose l'accento sulla validità del metodo. E' sufficiente una verifica teorica?
Seguì una serie di discussioni su cosa era un ricercatore e come andava fatta.

Quello che emerse era questo principio:
Un fenomeno descritto da un ricercatore comincia ad assumere il rango di scoperta scientifica nel momento in cui UN LABORATORIO INDIPENDENTE seguendo il protocollo dello scopritore ripete e verifica la cosa.

Ovviamente si fecero obbiezioni a questo in quanto si disse che nel campo nucleare occorrono macchinari e strumentazioni così avanzate che nessun altro centro potrebbe avere e replicare. In tal caso chi possiede il più grosso acceleratore detta verità incontestabili in quel il momento. In tal caso, si disse occorrerà, attendere le ricadute o aspettare che sorgano altri acceleratori.

Il metodo della replica indipendente si esteso a tutto ciò che era possibile. Quando arrivava una replica positiva si festeggiava la nuova scoperta.
La cosa era così ben marcata che anche in medicina, biologia ecc venne adottata. Le repliche fatte con controlli in cieco e doppio ceco ora sono una prassi consolidata.

Ecco il perchè del mio stupore. Per me è quasi un'eresia che esce dal campo scientifico che mi è stato insegnato.

Nel prossimo post provo a far vedere quello che sto dicendo proprio nel caso pratico della verifica delle trasmutazioni degli esperimenti detti Iorio-Cirillo.
Mi scuso per lo sfogo...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Camillo

Hai ragione, infatti, le repliche, quando sono possibili, sono il miglior attestato di validità. Tuttavia, non è detto che uno ambisca a quel ruolo. Mario si propone come primo supervisore, molto esperto in talune misurazioni, allo scopo di dare una prima validazione 'in sito', dell'esperimento. Ovviamente, non avendo egli certezza di avere il pieno controllo della situazione, non potrà sostituirsi al laboratorio indipendente che 'replica', ma in una buona percentuale di casi, Mario ritiene, a torto o a ragione (secondo me a ragione), di poter essere utile e forse anche dirimente, già in quella fase, per la quale si sente più portato e convinto nell'azione. Lo fa gratis! Se uno lo vuole e si fida, lo chiama, altrimenti no. Non possiamo farci Mario a nostra misura e intenzione. Quello è e quello ci tocca! ;-)
Detto questo, per esperimenti di grande semplicità, può darsi che possano esserci eccezioni, dettate dalla curiosità.

Mario Massa ha detto...

@Camillo
Alessandro e Hermano hanno capito perfettamente la mia posizione.
Mi pare che tu invece fraintendi il significato di replica, infatti scrivi:
"La cosa era così ben marcata che anche in medicina, biologia ecc venne adottata. Le repliche fatte con controlli in cieco e doppio ceco ora sono una prassi consolidata."
Secondo la tua interpretazione, se un equipe brevetta un procedimento per sintetizzare una nuova molecola antibiotica e dichiara certi risultati sulla polmonite, altri gruppi dovrebbero sintetizzare quella molecola e provarla? Le repliche in medicina sono sull'utilizzo di quella molecola, che viene acquistata da chi l'ha inventata!
Così nel nostro caso non ha senso rimettere insieme un sistema che generi le trasmutazioni con tutti i rischi di commettere errori; si va da chi dice di riuscirle a fare e gli si chiede di fornire un sistema funzionante per replicate il solo fenomeno. Per maggior sicurezza e per tranquillità dell'inventore (che tra l'altro in questo modo può mantenere segreti particolari che non vuole svelare come per esempio nel caso del Quantum, ma anche di Rossi), gli si propone di essere noi a muoverci e di effettuare insieme a lui le misurazioni.
Renditi conto che la tua soluzione è quella che sostengono tutti gli imbroglioni: se alla fine non hai risultati, come ti disse Piantelli, ti dicono:"forse non hai usato materiale sufficientemente puro, o le dimensioni non erano esatte, o...".

camillo ha detto...

@Mario, meglio così,
hai chiarito il tuo pensiero.
Certo nel caso della medicina è leggermente diverso, ma lì l'accento è sulla replicabilità dei risultati, nel senso che la casa farmaceutica porta la sua statistica, ma la certificazione non si può basare solo su quella, serve un'indagine statistica esterna indipendente.

C'è un concetto che vorrei esprimere e non trovo di meglio di dirlo alla Isaac Asimov, ( è stato uno scrittore e biochimico sovietico naturalizzato statunitense), si tratta di una parabola allegorica.

Un signore un giorno scopre che può volare. Un gruppo di scienziati lo chiamano per capire il prodigio.
Il signore si presenta alla riunione apre la finestra e prende la rincorsa per uscire in volo. Uno dei certificatori lo ferma, e gli dice scusi se mi permetto ma la sua impostazione di partenza è sbagliata, avrà un risultato migliore se assume quest'altra impostazione, sa io sono professore di ginnastica e... assunta la posizione richiesta il "volatore" fa per partire, ma non fa che pochi passi e un altro certificatore lo ferma. "Scusi se mi permetto io sono un medico sportivo e da come mette il corpo capisco che lei sbaglia impostazione dovrebbe..
Asimov ne fa un racconto divertentissimo, inutile dire che: consiglio dopo consiglio il volatore non riesce più a volare.

Quindi caro Mario la parabola insegna che l'osservatore influenza l'osservato e, magari senza saperlo, comincia a dire o pretendere cose che poco hanno a che fare con ciò che deve analizzare.
Il dire e ma se volasse veramente allora, ma poichè non.. sono tutti discorsi di sbarramento inutili se non dannosi.

AG ha detto...

Buongiorno Camillo Urbani, potrei avere un suo contatto email personale?
Grazie,
Andrea

VLF ha detto...

Credo che Mario e Camillo non si capiscano perchè partono da convinzioni opposte sull'esito della replica.
Camillo pensa che funzionerà e quindi sarebbe subito una grande vittoria ... inutile perdere tempo con passi intermedi.
Mario pensa non funzionerà, cosa che invece direbbe ben poco (replica fatta male!)

L'approccio di Mario è condivisibile, un passo alla volta, coerente con le sue idee: prima fammi vedere il fenomeno, se mi convinci magari poi provo anche a replicarlo.

Ammiro Mario, oltre per la sua lucidità e chiarezza, per la disponibiltà a metterci tempo e lavoro gratis ... e trovo ingeneroso criticare chi offre risorse a una causa in cui non crede, dando così una possibilità. Se non piace l'offerta la si rifiuta cortesemente.

domenico canino ha detto...

@Mistero
grazie delle informazioni sulla vicenda pellizza-maiorana; una storia ancora più appassionante della saga del gatto. Incredibile il video in cui Pellizza passeggia con "Majorana" sempre giovane. Se non è un attore ha trovato il segreto dell'eterna giovinezza. In questa storia c'è tutto, eterna giovinezza, energia infinita, trasmutazione della materia, passaggi ad altre dimensioni vibrazionali... Se fossi uno scrittore non avrei potuto fare di meglio. Chissà se rimarrà sempre nell'underground od arriverà mai nel maintream.

Barney ha detto...

@Camillo. La misura dei risultati delle trasmutazioni nucleari in questi esperimenti mi ricorda moltissimo la misura dei contaminanti nei vaccini.

Anche qua i numeri sono cosi' piccoli e incerti che la spiegazione piu' semplice da trovare e' "contaminazione", o "errore di misura", o ancora "interpretazione sbagliata dei dati".

Il fatto poi che non sempre si abbiano questi effetti e' un dato a supporto delle ipotesi sopra.

Almeno per me, ovvio.

camillo ha detto...

SUPPONIAMO che sia vero quello che ho capito della Iorio Cirillo.(eventualmente mi informerò molto più approfonditamente)

L'esperimento descrivendolo in modo essenziale e questo:
C'è un recipiente di vetro in cui introducono acqua purissima, un sale purissimo disciolto e con degli elettrodi purissimi fanno avvenire una scarica in acqua con un voltaggio definito 120 Volt con geometria e distanza elettrodi ben codificata.

Dopo un certo numero di scariche, la soluzione elettrolitica certificata in precedenza in analisi stechiometrica, viene rianalizzata.
SORPRESA compare di tutto e di più, si trovano microelementi inspiegabili.

Nelle prime divulgazioni si asseriva che avevano misurato rendimenti energetici superiori a 1.
Si trattava però di un leggero incremento.

Dopo critiche e verifiche non si venne a capo di nulla. Qualsiasi fisico sa delle difficoltà nelle misure calorimetriche.
Con valori ipotizzati così bassi e variabili, inutile insistere su quel punto. Saggiamente Iorio-Cirillo su quel punto fecero marcia indietro.
Ho seguito Cirillo in quello che diceva e le prove che portava fatte da varie parti che riguardavano la presenza di elementi che comparivano inspiegabilmente.

Nell'ultima conferenza è stato proprio messo l'accento su questo:
SORVOLIAMO IL DISCORSO ENERGETICO E CONCENTRIAMOCI SOLO SULLE IPOTIZZABILI TRASMUTAZIONI.

Io mi chiedo a cosa serve andare a Napoli nei laboratori per assistere ad una prova che si può fare a casa.
Io direi che mentre la prova che si fa nel nostro laboratori è ESATTAMENTE sotto il nostro controllo,
L'assistere a una prova gestita da altri è infinitamente più pericoloso e può introdurre mille artifici di falsificazione.

Se la nostra prova NON da risultati solo allora si torna alla carica da Cirillo e si dice: "Avendo seguito il tuo protocollo, NON abbiamo visto nulla.
A questo punto onestamente devi mostraci come operi tu e vediamo di trovare la possibile spiegazione dei differenti risultati.

camillo ha detto...

Se invece andiamo lì con aria da "inquisitore" con il bicchiere pieno di sapienza, cominciamo a dire:
Fammi vedere:

Questo prende il bicchiere di vetro e...

Ma il bicchiere di che vetro è? Hai fatto l'analisi, chi l'ha fatta, ce la puoi documentare con una seconda analisi?

Questo prende l'acqua bidistillata e...
Poi l'acqua che hai messo, è bidistillata? Hai fatto le analisi, ci si può fidare degli analizzatori?

Il sale che hai usato che purezza aveva? Hai controllato con controanalisi la purezza? Con che bilancia hai fatto le misure stecchiometriche?

Hai usato guanti in lattice certificati? Hai una documentazione sulla bontà dei guanti? L'operatore è stato filmato mentre preparava la soluzione? C'era un notaio presente? La soluzione è rimasta incustodita? Chi garantisce che della polvere non sia entrata? Quali accorgimenti hai fatto perchè non accada?
Puoi fare tutto in mia (illuminata) presenza?
Perchè hai scelto quel laboratorio di analisi piuttosto che un altro?

Chi mi dice che qualcuno non abbia taroccato le carte?
Posso andare avanti per ore a fare NON il ricercatore ma l'inquisitore. Io a fare sta roba non ci sto minimamente...

Questo modo di operare è lesivo delle persone oneste che con enorme passione e sacrifici a proprie SPESE ricerca.

Ecco la necessità di operare prima in proprio, se le cose le facciamo noi, vista la banalità della prova, scavalchiamo tutte queste procedure assurde.

ALTRIMENTI ACCADE CHE:
Dopo un po' il poveraccio si incavola, comincia a chiederti:
Ma tu chi sei?
Chi credi di essere?
Cosa me ne viene se convinco te?
Sei un centro accreditato?
Dato che cerchi la conoscenza sei disponibile a pagare di tasca le contro-analisi? Scegli pure il laboratorio che vuoi!

E poi chi mi garantisce che in realtà, tu stai solo cercando di carpire informazioni?
Sospettoso tu, sospettoso io.

Insomma in casi così semplici si fa una replica, se non funziona avremo buttato via un po' di energia e soldi. I laboratori di ricerca questo fanno, quando possibile! In questo caso, abbiamo di fronte una massa enorme di dati derivati da anni di prove documentazioni ecc. non stiamo certo andando a verificare il primo venuto!

Forse ho sbagliato a pensare che alle spalle di Mario ci fosse un laboratorio dedicato a ciò.

MISTERO ha detto...

@Camillo
Scusa se mi permetto ma stai sbagliando.

Mario Massa non si presenta da inquisitore, dichiara il suo scetticismo, ma poi si mette a disposizione, risulta essere anche simpatico.. :-)

Stai correndo come un treno verso dove?

Non trovo la relazione di Cirillo nel sito di Claudio Pace e dalle mail che ho ricevuto prima, durante e dopo il convegno negli allegati è l'unica che manca, tu sai se esiste da qualche parte.

Mi focalizzerei su altri paper e inviterei ad esempio Petrucci ad una replica con misure nucleari e calorimetriche.

camillo ha detto...

Caro Mistero, guarda che la mia stima per Mario l'ho già dichiarata. Ho già avuto modo di apprezzare le sue capacità.

Ho fatto un ESEMPIO ESASPERATO di come possono andare le cose quando non si segue la regola classica:
Prima dimostro interesse spendendo mia energia, se facile come in questo caso controllo, solo POI va bene il suo atteggiamento.

Insomma se da sempre il metodo principe è stato e sarà sempre la replica, ci sarà un motivo, esasperando la cosa credo di averlo messo in luce.

So perfettamente che Mario è un Signore competente e correttissimo, chiediglielo e vedrai quante volte gliel'ho detto.
Però qui in un esperimento così banale NON mi trova per niente d'accordo.

Non ho le carte che dici, provo chiedere ad Aldo Proia se le ha.

Dato che ci sono posso chiederti se il metodo di purificazione delle acque con la cavitazione è stato applicato anche IN GRANDE a depuratori giganteschi. Te lo chiedo perchè trovo una strana coincidenza:
Proprio questa sera L'ing. che dirige un grossissimo depuratore (700 concerie scaricano lì) essendo un mio ex Alunno ci siamo incontrati e mi fa la gentilezza di mostrarmi tutto il processo e le problematiche. Parlando con lui l'altro giorno chiesi cosa sapesse della Cavitazione, mi disse che sapeva qualcosa ma non molto. Domanda dove posso trovare informazioni in merito?

MISTERO ha detto...

@Camillo
Una replica della cella Iorio-Cirillo la può fare oggi anche un ragazzino della seconda superiore, incaponirsi con Mario non serve a nulla.

Ritengo che si possa procedere con delle repliche ma al tempo stesso una verifica come la chiede Mario semplifica molte cose. Si può procedere in entrambi i percorsi.

Anche una replica dei piezonuclearisti è semplice e poco costosa, si tratta di un semplice sonicatore da lab adattato nella geometria.
Tutti pezzi reperibili in rete in meno di 5 minuti.
Altro conto sono i sistemi di verifica e misura.

Permettimi, seguendo il tuo ragionamento ESASPERATO, partendo dall'assunto che il pensiero crea, con la tua proposta ESASPERATA, che cosa stai creando?? :-)))

In merito alla cavitazione e depuratori, ci sono alcuni impianti in Italia visionabili in funzione che ho realizzato.
Nessun miracolo, viene accelerato il processo nitro-denitro.
Liquami di maiale e digestato, queste sono le tipologie di impianti che ho realizzato.
Il depuratore grosso non è alla mia portata, nel senso che non partecipo a gare o bandi (finisce così con il pubblico) nel privato è anche peggio, soprattutto se sono grandi.

Comunque il mio partner giapponese, per curiosità, di impianti ne ha fatti di tutti i tipi:

http://www.ohr-labo.com/aerator.html

Nel filmato vedi il confronto tra un aereatore a cavitazione e le classiche membrane, con il laser vedi la sostanziale differenza di nano bolle prodotte.
Questo implica una maggiore persistenza dell'ossigeno disciolto, fino a che non viene utilizzato, anche per mesi.

MISTERO ha detto...

@Camillo
Non so se lo sai ma ero il fondatore dell'O.N.N.E., al primo convegno a Grottammare abbiamo presentato Iorio-Cirillo-Dattilo e due anni dopo abbiamo presentato la stessa relazione al convegno di Nexus, 2003-2005.
Li conosco bene tutti, in particolare ho una grandissima amicizia con Iorio.
Cirillo è un bravo ragazzo, volenteroso, etc, ma ha toppato diverse volte..
Questo per dirti che avendo l'occasione di scegliere tra le relazioni e i relatori dell'ultimo convegno a Roma, Cirillo lo metto all'ultimo posto, mi spiace se si offende, ma non è un fatto personale, è il frutto di anni di conoscenza diretta e di analisi di quanto è stato presentato ad oggi.

camillo ha detto...

@Mistero,
anch'io spero che non si offenda Mario Massa.
qui ho discusso la metodologia, difendendo a spada tratta il il metodo della replica, non intendo certo offendere Mario, se l'ho fatto mi scuso.

Caspita! Almeno per me e presumo altri fisici la REPLICA è la base di lavoro, quindi capisci bene che uno che il rifiutare la replica... non è che posso accettarlo facilmente.

Però dopo il tuo discorso le cose cambiano. Convengo con te che la replica la può fare un bambino, tutto verte sulle analisi. Tanto per cominciare uno spettrometro di massa non è uno strumento facile da utilizzare se si vogliono certezze sui dati.

Da come ne parli intuisco i microelementi presenti sono in quantità al limite dell'apprezzamento, il che genera un sacco di perplessità.

Questo spiegherebbe il non recepimento del fenomeno da parte dell'ufficialità.

Scusa ancora se ti faccio altre domande, come hai potuto costatare Cardone non ha dato dettagli sulla storia del mercurio.
Io ho provato a chiedere in giro, ma di concreto nulla. Diciamo che siamo al limite delle voci di corridoio.

Probabilmente ne sai molto più di me, comunque butto lì quello che credo di aver capito:

Dopo una periodo di 90 minuti il mercurio sottoposto a impulsi sonori nel giro di pochi secondi in parte è diventato solido. Mi hanno detto che a spanne la parte solida è il 20% Ci ha mostrato la foto, ma alla richiesta di cosa era diventato... mi sembra che non ci sia stata chiarezza nè su cosa nè su la quantità percentuale.

Tu sai qualcosa di più, anche se sempre come voce di corridoio?

MISTERO ha detto...

@Camillo

Con l'esperimento del mercurio non ho approfondito molto.
Ho fatto due test, ma poi le analisi sono state eseguito in modo errato e i risultati non li ho ritenuti validi.
Di fatto, mi sono fermato al paper, contestando in via riservata, alcuni errori, o meglio alcune mancanze nelle campionature delle fonti di possibile inquinamento.
Ho letto in seguito in via privata alcuni aggiornamenti metolologici che sono stati adottati e sono in attesa delle prossime pubblicazioni.

Comunque i minuti di sonicazione sono circa 3.
La forma del sonicatore è sempre la stessa, il bicchierino (camera di reazione) ha lo stesso angolo del sonicatore con fondo leggermente concavo.

Perché non hanno fatto la stessa cosa con il Ferrofluido?
Risposta: da provare...

330 watts, 20 mila hz.

Mario Massa ha detto...

@Camillo
"qui ho discusso la metodologia, difendendo a spada tratta il il metodo della replica, non intendo certo offendere Mario, se l'ho fatto mi scuso."

Camillo, perchè dovrei offendermi? Abbiamo solo visioni diverse di come sottoporre a verifica un fenomeno. Come ha detto VLF dipende dalle nostre diverse aspettative: io sono quasi sicuro che rifacendo bene l'esperimento il risultato sarebbe negativo e la replica sarebbe stata tempo perso. Come comprare un biglietto della lotteria: la probabilità di vincere c'è, ma per me troppo bassa per andare a comprare tutti i biglietti delle lotterie in circolazione.

In ogni caso la replica della cella Mizuno (cioè quella usata da Cirillo, simile a quella di Abundo) la feci nel 2003 seguendo le indicazioni di Naudin: allora ero ancora ingenuo e facevo repliche. Come puoi immaginare tutto andò come descriveva Naudin, tranne per la misura calorimetrica che a me dava COP = 1. Ci scambiammo mail e analizzando i suoi dati e calcoli individuai il suo errore (calcolava 2 volte una parte del calore latente). Glielo feci presente, lui si arrabbiò e interruppe i rapporti. Ma non corresse i proclami sul suo sito.

Unknown ha detto...

Camillo ho appena visto i suoi video su youtube, potrebbe inviarmi un contatto email privato? Grazie, Andrea

camillo ha detto...

@Unknown,

prima del contatto sarebbe opportuno se non ti dispiace dare anche uno sguardo a un paio di scritti che ho messo sul mio sito.
http://www.didatticacomputer.it/index.php?option=com_remository&Itemid=0&func=select&id=6
Universo mentale e dimensioni diverse (in dimensioni diverse c'è anche qualcosa che forse risponde alle richieste di Domenico Canino)
In quei scritti c'è come contattarmi.

RED TURTLE ha detto...

Pablo Ayo
15 ore fa ·
Hanno scoperto un Barione (non rampante) costituito si da 3 Quark, ma 2 di essi sono "pesanti" (come i parenti dopo il terzo giorno), mentre in fisica si postulava possibile solo un quark pesante nei Barioni. Ops. La fisica non smette mai di contraddire le leggi inventate dai fisici e accademici. Come si permette? Non lo sa, la Natura, che se Newton non avesse visto la mela cadere, la Gravità non esisterebbe? D'altro canto, gli scienziati affermano che non esistono gli UFO. Forse perchè i libri che parlano di loro stanno nel settore "Religioni" e non in quello della Pseudoscienza di Stato...
Pablo Ayo
---------------------------------------------
La particella Xi appena scoperta, che sarebbe
un "gluone", potrebbe spiegare la fusione
nucleare fredda o tiepida che dirsi voglia?
(da quel che credo di capire, la scoperta giunge
inaspettata, anche se alcune la teorizzavano)
Giancarlo

Mario Massa ha detto...

@Red Turtle
A dire la verità tutte le particelle Xi sono barioni (quindi non sono particelle elementari) con due quark pesanti e ne sono note almeno una decina. La prima particella Xi è stata rilevata nel 1964. La particella di cui si parla ora deve essere una Xi prevista ma di cui non si era ancora misurata la massa (la massa delle particelle Xi fino a prima rilevate era compresa tra 1.3 e 6 volte la massa del protone, quella identificata al LHCb ha massa intermedia). Non ho trovato perchè si è dato tanto risalto alla scoperta. Ricordiamoci comunque che si tratta di particelle non elementari, effimere, la cui vita è inferiore a un miliardesimo di secondo e credo che solo i fisici sappiano (forse) perchè la notizia è da ritenersi così importante da annunciarla in tutti i telegiornali. Proverò a chiedere a mio fratello.

domenico canino ha detto...

http://www.sifferkoll.se/sifferkoll/rossi-right-hand-fulvio-fabiano-listed-as-employeeresearcher-at-uppsala-university/

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Domenico

Fabiani diventa vichingo! ;-)
Speriamo che riesca a innescare qualche bell'esperimento universitario che chiarisca qualcosa al mondo. Ne parlava Engineer48 su un forum, di qualche novità che poteva arrivare dal nord. Per adesso non è arrivata neppure un po' di frescura. Speriamo di vedere presto qualcosa.

Alessandro Pagnini ha detto...

Dal Jonp

"...Andrea Rossi
July 11, 2017 at 9:20 AM

Nils Fryklund:
Thank you for your kind words.
Yes, the E-Cat QX will be presented within the end of October.
Warm Regards,
A.R...."

Che l'anno sarà questo lo ha detto in altro commento, per cui, unendo i due, si evince che la presentazione sarà entro il prossimo Ottobre. Cosa sarà questa presentazione, però, non mi è chiaro. Sono pronto a scommettere che non farà cambiare l'opinione di chi pensa che Rossi stia prendendoci per il naso, però potrebbe far interessare molte persone che al momento neppure conoscono l'esistenza dello E-CAT.

camillo ha detto...

@Pagnini dice" ....Sono pronto a scommettere che non farà cambiare l'opinione di chi pensa che Rossi stia prendendoci per il naso, però potrebbe far interessare molte persone che al momento neppure conoscono l'esistenza dello E-CAT."

Questa dire è un andare sul velluto, è sempre stato così finora. previsione troppo facile.

Il difficile invece è dire il contrario, contro tutto il passato e contro la stragrande maggioranza degli osservatori il dire "Questa volta Rossi ci farà vedere qualcosa di concreto e inequivocabile"
Per fare una tale previsione occorre il coraggio di andare contro corrente.

Il dire che esiste una Fisica del 4° livello in cui la consapevolezza, coscienza, dell'individuo diventa il fulcro, il punto principale di riferimento, e la Fisica precedente, pur rimanendo assolutamente valida, assume un valore relativo... il dire questo si può fare solo se si è assolutamente certi, per esperienza, è un dire che esiste la luce in un mondo di non vedenti.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Camillo

Personalmente ritengo che esista quel tipo di Fisica cui ti riferisci.
Invece, per quanto riguarda Rossi, temo che ad Ottobre non cambierà molto, però spero che stavolta mi sorprenda. E' che da quello che mi pare di ricordare di aver letto, non sono previsti veri test 'terzi', quindi potrebbe assomigliare ad una di quelle presentazioni di BLP, che da anni ci dice che sta per varare il suo minireattore basato sulle teorie dell'Idrino, ma ancora non si vede nulla. Temo che ancora per un po' potremmo essere costretti ad assistere ad una gara a chiacchiere.
Però qualcosa è cambiato. Vedi mai che non sia un segnale: Rossi ha finalmente strappato un set alla moglie, che regolarmente lo massacrava, a tennis. :-D

Salvatore Boi ha detto...

Da una grossolana "googletraduzione" di quanto affermato dall'ing. Fulvio Fabiani a Mats Lewan il 25 Novembre 2015 riguardo lo sviluppo dell'E-cat:

"Nel corso degli anni abbiamo capito che la reazione richiede più stimoli che solo il riscaldamento. Tutti pensano che sia sufficiente lo stimolo termico, ma questo è solo l'inizio. Non è sufficiente per la massima efficienza. È la base, la sintesi della reazione. Ma la reazione ha quasi comportamenti di materia vivente e ha risposte in funzione degli stimoli. Possono essere di molti tipi diversi da quelli termali. E questi sono quelli che innescano, lo chiamiamo la parte più divertente, permettendo ottimi guadagni in termini di risposta agli stimoli"

Barney ha detto...

Stamani leggevo il thread su Reddit dedicato all'EMDrive.
Incredibile (per me in realta' assolutamente atteso e previsto :-)) come i claims in quella storia siano UGUALI a quelli di Rossi, assieme alle promesse di "discesa sul mercato", e rivoluzioni tecnologiche ogni giorno dispari.

Ecco qua, divertitevi :-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney

Magari un giorno avremo, al Leroy Merlin, la sezione Giardinaggio, Elettricità, EM-Drive, E-Cat, Idraulica, ecc....
Tutti sullo scaffale ;-)

Se per caso li vedi in vendita, fammi un fischio. Io farò lo stesso, eventualmente :-D

Però, diamo a Rossi quel che è di Rossi e anche alla NASA a Laureti e a tutti coloro che si scornano con problemi che sembrano sempre prossimi ad essere risolti, ma poi ti si aggrovigliano. Uno sono io che sto cercando di vendere una casa da anni e sono ancora bloccato dalla burocrazia, ma mi rendo conto che qui siamo su piani diversi. Restiamo in tema e preleviamo dal Jonp:



Ing. Michelangelo De Meo
July 11, 2017 at 9:52 AM

Fusion energy pushed back beyond 2050
We will have to wait until the second half of the century for fusion reactors to start generating electricity, experts have announced.
http://www.bbc.com/news/science-environment-40558758



Andrea Rossi
July 11, 2017 at 1:57 PM

Ing. Michelangelo De Meo:
Thank you for the link, useful for the impatients to compare…
Warm Regards,
A.R.


E' che ci vuol pazienza..... ;-)

sono solo un misero test ha detto...

chissà cosa si sono sognati di vedere, confermare e firmare gli scienziati a lugano?

chissà che cosa è cambiato da allora, tale per cui quelle affermazioni non dovrebbero avere più valore? scadono, come lo yogurth?

chissà perchè invece si cerca di riportare la discussione su ciò che dice rossi, che se non riscontrato ha evidentemente lo stesso valore di ciò che dice la gegia?

chissà perchè poi associare le rilevazioni fatte da fisici coi piedi piantati per terra alla fisica del futuro millennio, se mai verrà?

e chissà perchè a chi ripete (a chi tocca ripetere) sempre le stesse considerazioni di scontato buonsenso viene poi chiesto di "abbassare i toni" ?

mah, i misteri della social-communication...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ ssmt

Mi tocca fare l'avvocato del diavolo, ma, anche se mi piacerebbe poter stappare la famosa bottiglia, devo rilevare che il Lugano report ha avuto critiche non infondate, alle quali si è scelto di non rispondere. Non è un bel comportamento da parte di chi ha eseguito il test. La cosa più notevole sembrano essere le trasmutazioni. Lì bisogna invocare l'imbroglio per spiegarle. A me non viene da pensarci, ma non posso escludere che ci sia stato. Per questi motivi, la definitiva consacrazione di una scoperta scientifica, la si ha quando più laboratori indipendenti la replicano. Se uno si tiene il segreto e impedisce le repliche, si tiene anche i sospetti!
Quello più convinto di poter replicare davvero a piacere, che sembrava essere me356, ha fatto una figura cacina, con il mfmp che è andato lì e di eccessi di calore neanche a parlarne.
Quindi, aldilà delle aspettative e delle intime convinzioni, la ragione impone prudenza, perchè di verifiche accettabili senza riserve, finora non ce ne sono state. Siamo pure tifosi, ma se ci fischiano un rigore contro sacrosanto, non cominciamo a prendercela con l'arbitro.

sono solo un misero test ha detto...

@Alessandro,

non facciamo finta di non capire: 6 proff universitari sono andati a misurare una caldaia (non una particella di massa trascurabile, una banale stufetta) per oltre 30 giorni. roba alla portata di qualsiasi termotecnico.

comunque sia andata, anche se si fossero sbagliati

E' UNA NOTIZIA ENORME!!!

e noi ci fermiamo perchè non hanno risposto alle provocazioni (chiamarle provocazioni è tifoseria esattamente come definirle non infondate)?

non ci interessa saperne di più?

vogliamo continuare a pagare uno stipendio pubblico a chi ha preso una cantonata del genere?

davvero basta che chi ha scritto un documento ufficiale non ne voglia parlare col primo venuto (mm) per poter accantonare tutta la vicenda come questione senza importanza?

non vogliamo esserne informati?

un argomento che se fosse vero potrebbe cambiare l'avvenire dell'umanità?

questo è essere tifosi?

Alessandro, abbi pazienza, ma se così fosse non saremmo mai usciti dal feudalesimo.

cmq, è sempre bello ripetere ogni tanto le stesse ovvietà :-)



Alessandro Pagnini ha detto...

@ ssumt

E' bello vedere che dei prof si sono interessati, ma i rilievi a cui non hanno risposto, ed erano non trascurabili, non venivano solo da Mario. Non so come fare a rintracciare la cosa, ma a memoria mi pare che esattamente la stessa risciacquata gliela abbiano data all'ufficio brevetti. Poi, tanto per nominarli di nuovo, pare che si sia interessato anche il gruppo dello mfmp, dando di nuovo ragione a Mario e allo USPTO. Poi c'erano contestazioni minori, a opera di altri, ma secondo me correttissime. Non influivano granchè, ma togli di qua, togli di là, a tornare a COP=1 si fa veloci. Poi, ripeto, senza repliche ci può sempre stare il magheggio. Questo lo devo riconoscere. Poi, nella mia autonomia di pensiero, in base a mie convinzioni, personalmente sarei assolutamente d'accordo che fossero impiegate risorse per indagare il fenomeno, ma io conto solo per uno (anche se straordinario ;-) ). A mio avviso il rapporto costi/potenziali benefici, risulta talmente basso che andrebbe assolutamente percorsa la strada della ricerca anche pubblica. Questo però non ha a che vedere col fatto che siano legittimi i dubbi di molti su Rossi e sul Lugano report. Ripeto anche io le stesse ovvietà: Vuoi togliere i dubbi, metti tutti in grado di replicare senza tanti problemi. Se la tecnologia è davvero a quel punto. Oppure ti affidi al mercato e ti tieni l'alone di sfiducia finchè non hai dimostrato che i tuoi giocattoli funzionano.
Come sottolinei giustamente, si tratta di:
" un argomento che se fosse vero potrebbe cambiare l'avvenire dell'umanità? "
Permetterai che un pochino uno si indigni vedendo che Rossi continua a tenerci sopra il segreto più assoluto, per tornaconto personale? Perchè di fronte ad un comportamento del genere, dovrebbero essergli risparmati i normali dubbi che accolgono qualunque cambio di paradigma scientifico, persino quando è condiviso gratuitamente?
Comunque sono d'accordo che le LENR andrebbero ben sviscerate. Qui, forse, hanno ragione alcuni a sospettare che ci siano interessi magari ANCHE militari a far bloccare il tutto. Però sono idee mie. Altri possono con la stessa legittimità, pensare che sarebbero solo soldi buttati al vento e che magari convenga concentrarsi sulle fonti rinnovabili classiche. E chi ha ragione? Boh....?

Alessandro Pagnini ha detto...

Sarà l'effetto 'litigation settled' ma Rossi è decisamente ringalluzzito e sembra soddisfattissimo del suo E-CAT QX, oltre che molto vicino al SIGMA 5. Speriamo sia davvero l'anno di svolta

domenico canino ha detto...

Dal sito Sifferkoll un analisi con cui concordo totalmente :

I veri nemici delle LENR. Credo che ci siano quattro grandi nemici.
1. Accademici - i fondamentalisti e fusionisti caldi. Tutto ciò che sostengono è minacciato. Non solo finanziamenti. Faranno tutto per tenere le LENR fuori.
2. Entità commerciali. Non solo il petrolio e il gas, ma più ancora l'agenda AGW che è più o meno totalmente finanziata dai fondi pubblici. Questo finanziamento pubblico scomparirà con l’arrivo delleLENR e questa intera agenda politica "verde" mondiale è minacciata. La paura o il cambiamento climatico è il loro sostentamento. È un'industria enorme.
3. Preoccupazioni geopolitiche - principalmente entità del governo statunitense ( ma non solo) che vogliono cogliere il controllo e rallentare tutto. Per utilizzare lo spostamento in modo più favorevole politicamente. Troppa libertà individuale è sempre l'opposto della politica.
4. Entità religiose. Il petrolio è forse quello che fa girare le economie medio-orientali più di ogni altra cosa. Compresi i fondi che finanziano il fondamentalismo religioso islamico. E ci sono anche altre entità religiose / politiche che credono di aver bisogno di non introdurre i energia a basso costo sul mercato in quanto aumenta la libertà per gli individui a tutti i livelli. Questo non fa certamente parte dei piani dell'agenda politica / religiosa. Il controllo è tutto.
5.. Quindi quale strategia verrà utilizzata. Principalmente FUD e incertezze. E per quanto possibile per distruggere chiunque cerchi di prendere la tecnologia sul mercato ... e per silenzio quelle voci che rivelano questo ovvio ordine del giorno.
Cercheranno di fermare qualsiasi R & S e, se non possibile, cercheranno di contenerlo in piccole istituzioni controllabili dove controllano il finanziamento e faranno in modo che non farà da poco a nessun progresso.

sono solo un misero test ha detto...

nius da mats...

tante cosine nuove, ma a parte che rossi stava meglio coi capelli di I love radio rock, la notizia più importante mi pare proprio lewan che non sa più dove trovare i dubbi. benvenuto nel club dei cretini! :-)

MISTERO ha detto...

Visto ora su FB..per chi segue le notizie su Tamburini..

http://www.ilgazzettino.it/nordest/venezia/astrofisico_veneziano_scopre_particella_mamma_materia_oscura_universo_particle_dark_matter_composition_of_the_universe-2573095.html

https://arxiv.org/abs/1611.02586

nicolamartorana ha detto...

Cari amici scopro solo adesso questa discussione sulle Lern e sulla free energy . seguo da anni il blog di Daniele,e tutte le vicende di cui in trattativa.Come voi tutti sento la frustrazione di non potere parlare di questi argomenti senza essere tacciato di essere credulone non scientifico e quant'altro .prendo atto come tutti già sapevamo che i nemici delle LERN sono soggetti reali e concreti ,che dispongono di potere politico,mediatico,ma sopratutto economico.E tutti noi ci rendiamo conto che se non ricomincia un programma dinsperimetazioneLIBERO, CONTROLLATO, E CONDIVISO dal opinione pubblica questa umanità non avrà l'opportunità di concludere il XXIsecolo (non sono né catastrofista ne seguo le profezie di armagetton.ma i casini che l'economia del petrolio e della guerra provoca su questo piccolo pianeta sono sotto gli occhi di. Tutti.)ORAmi chiedo ,Ma noi che abbiamo un certo pensiero,cosa ci stiamo a fare? Perché non riusciamo a canalizzare la ns energia al fine di incidere sulla politica?Potrebbe essere possibile avere un organismo di riferimento associativo di. Cittadini liberi e pensanti che possano fare da intermediari ( inteso come mediatori mediatici) fra il mondo della sperimentazione LERN e i cittadini .un organismo ( un associazione ) che possa in qualche modo fare anche da "garante mediatico" sui vari risultati che nelle sperimentazioni LERN si vanno presentando.Vi dico sul serio che dopo trent'anni che seguo queste vicende sento proprio il bisogno di vedere e sentire tutte queste persone che nel nostro paese seguono queste vicende ( non ho idea quante potrebbero essere,sicuramente qualche decina di migliaia),è possibile che queste persone ,in questo momento spettatori passivi non debbano avere alcun ruolo nello stimolare la politica ,ed anche gli stessi ricercatori,i quali con la presenza di un organo di questo tipo dovrebbero impegnarsi ad un controllo totale e trasparente sugli esperimenti.non aggiungo altro perché so con certezza che questo mio pensiero è ampiamente condiviso dal gestore di questo blog.IN PAROLE POVERE.pensate siano abbastanza maturi i tempi per creare una vera associazione "zero oil" (solo un esempio) con struttura credibile di ampio respiro formata da "Laici, e scienziati "che abbia la possibilità di comunicare al pubblico con un livello di credibilità abbastanza alto.Mi scuso per l'intusione,e vi ringrazio di esistere. NICK 61

sono solo un misero test ha detto...

Caro Nicola,

Perché non riusciamo a canalizzare...

facciamocene una ragione: siamo troppo pochi, e al resto del mondo, quando non è impegnato ad accumulare denaro a dispetto delle esigenze del prossimo, non gliene frega una beatissima cippa, stile mucca al pascolo che rumina beatamente la propria erbetta e ti guarda con grandi placidi occhi bovini. Amanda Sandrelli in Nirvana, più o meno.

Alla fin fine, (cercare di) informarsi è in sostanza uno sport liberale per snob annoiati: la democrazia la stanno decidendo altri. L'ossimoro è voluto :-)

nicolamartorana ha detto...

Signori buon giorno,vi racconto un piccolo aneddoto,ero con un amico (docente di informatica a fisica allUNIPA)in una villa aPalermo stavamo commentando in modo quanto più serio possibile,gli esperimenti di Cardone "cavitazione,neutroni, domini " etc..."" Ad un certo punto mentre lui portava le sue argomentazioni,si avvicina un suo collega per salutare,ebbene appena se ne accorge il mio amico CAMBIA DISCORSO cioè non voleva fare capire che stavamo parlando di argomenti Lern.Vi rendete conto cari amici a quale punto di autocensura siamo arrivati!!!!ritenete giusto dovere accettare tutto questo dal mondo accademico che dovrebbe essere il luogo principe dedicato alla riflessione ed alla conoscenza.Fatemi. Sapere le vs impressioni su questo argomento. Un saluto cordiale a tutti.

Daniele Passerini ha detto...

@nicolamartorana
Ad un certo punto mentre lui portava le sue argomentazioni,si avvicina un suo collega per salutare,ebbene appena se ne accorge il mio amico CAMBIA DISCORSO cioè non voleva fare capire che stavamo parlando di argomenti Lern...
Dinamica ahimè standard... :(
E applicabile in tanti ambiti scientifici e non scientifici, dovunque possono scontrarsi opinioni "politically correct" e opinioni controcorrente e/o scomode.
In questo momento succede ESATTAMEMENTE LA STESSA COSA tra i medici a proposito del decaobbligo vaccinale imposto dalla Glax... ehm, dalla Lorenzin!

sono solo un misero test ha detto...

http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2017/09/08/fuf-rip/

gratuito, e in quanto tale autolesionista (e linguisticamente quasi incomprensibile), sbocco di bile da parte dell'oca. Fortuna che ci pensa lei a tenere vivo un discorso che altrimenti, in questo momento, non avrebbe niente da raccontare (con gaudio di svariati datori di lavoro).

Veramente un'oca.

Daniele Passerini ha detto...

@SSUMT
Ah, ma allora c'è qualcuno che legge ancora quel megalitico "manuale di psicopatologia on line", che altro non sono gli sproloqui dell'Oca! :D

sono solo un misero test ha detto...

:-D :-D :-D

si, c'è qualcuno: quelli di vortex... l'ho ripreso da li'.

Questa vicenda ha tantissimo da insegnare sulla comunicazione. E sul prezzo di un essere umano. Veramente tanto.

Posta un commento

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

Related Posts with Thumbnails