Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

martedì 25 marzo 2014

Il MIT applaude la fusione fredda

Francesco Celani illustra le sue slides al MIT (photo by world.std.com)
Mentre scrivo questo post Francesco Celani (INFN) è ancora negli USA, ripartirà alla volta di Roma solo domani sera. Si è trattenuto qualche giorno, per proficui scambi di informazioni coi suoi colleghi d’oltreoceano, dopo essere stato tra i protagonisti del 2014 CF/LANR Colloquium svoltosi dal 21 al 23 marzo presso il Massachutes Institute of Thecnology, con Peter Hagelstein e Mitchell Swartz tra gli organizzatori. 

In una email indirizzata ieri ai suoi contatti, il nostro Celani ha definito questo Colloquium sulla fusione fredda al MIT "a big success". Basti pensare che quest'anno i partecipanti sono stati oltre 100 (e da più parti del mondo), mentre le precedenti edizioni di solito vedevano intervenire una quindicina di ricercatori (per lo più statunitensi) per uno o massimo due giorni. Il programma dei lavori è stato serratissimo, dalle 9:00 alle 19:00 per 3 giorni interi. Persino il lunch è stato allestito nel corridoio vicino alla sala della conferenza, pur di togliere meno tempo possibile alle relazioni.

Celani - che oggi ho avuto modo di sentire anche al telefono - ha riferito di essere stato molto colpito dalla presentazione di Yasuhiro Iwamura (Mitsubishi Heavy Industries, Yokohama, Giappone) che riguardava una procedura per trasmutare alcuni elementi specifici (nel caso in questione, il Cesio in Praseodimio). Un risultato notevole, sia dal punto di vista scientifico (la natura nucleare del fenomeno è comprovata dalla presenza di trasmutazioni e raggi gamma) sia dal punto di vista tecnologico-applicativo, infatti in pochi mesi il gruppo di ricerca guidato da Iwamura è riuscito a rendere operativo un sistema elettrolitico a flusso continuo e cella chiusa. Tra l'altro, rispetto al report presentato a luglio 2013 al ICCF18 (University of Missouri, Columbia, USA), il rendimento complessivo della cella è ulteriormente aumentato. Potete scaricare il lavoro di Iwamura da qui (file pdf, 38 pagine, 3507KB):

Y. Iwamura, S. Tsuruga and T. Itoh
Advanced Technology Research Center
Mitsubishi Heavy Industries, ltd., Japan

Tornando al Colloquium al MIT, progressi nella generazione di eccessi di calore, sono arrivati - per citarne un paio - dal Prof. George Miley (University of Illinois, USA) e dal Prof. Tadaiko Mizuno (Hokkaido University, Giappone).

Erano presenti anche ricercatori coinvolti in programmi di Fusione Calda, che hanno commentato positivamente gli ultimi rapidi progressi ottenuti nel campo delle anomalie termiche e nucleari indotte dalla "combinazione" di idrogeno/deuterio con alcuni elementi specifici, a dimensioni nanometriche e temperature abbastanza elevate.

Con un po' di orgoglio d'essere Italiano, riferisco infine che la presentatione del gruppo guidato dal nostro Francesco Celani è stata accolta con molto interesse e ha stimolato numerose domande. Potete scaricarla da qui (file pdf, 30 pagine, 1415KB):

Francesco Celani (1,2), G. Vassallo (2,3), L. Del Sorbo( 2,4), E. Purchi (2),
A. Spallone (2), M. Nakamura (2), B. Ortenzi (1), S. Pella (1), A. Ovidi (2,5),
A. Nuvoli (2), L. Notargiacomo (2,6), S. Bartalucci (1), E. Righi(2)
G. Trenta (2), P. Boccanera (2), S. Cupellini (2).
(1) INFN-LNF, Via E. Fermi 40, 00044 Frascati (Rome), Italy (2) ISCMNS, Latium#1 Group, Via Cavour 26, 03013 Ferentino (FR), Italy. (3) Dep. Chemical Eng. Univ. Palermo, Viale delle Scienze, 90128 Palermo, Italy (4) Dep. Chemical Eng. Univ. Roma 1 “La Sapienza”, Via Eudossiana 18, 00184 Roma-Italy (5) Kresenn Ltd, 5a Frascati Way, SL6 4UY Maidenhead (Berkshire), U.K. (6) Dep. Chem. Univ. Roma 1 “La Sapienza”, Piazzale A. Moro 5, 00185 Rome-Italy Scientific collaboration and economical support by a NE Italy metallurgical Company. Scientific collaboration with Francesco Santandrea (2) and Pierluigi Cirilli (2).
Resoconti più dettagliati, immagini e file audio del Colloquium sulla Cold Fusion al MIT sono disponibili sui siti specializzati USA, come per esempio:

26 : commenti:

Fabio Crestani ha detto...

Caspita me ne sono accorto solo adesso che il blog è ripartito... bentrovato Daniele!...
Complimenti a Celani, alla faccia della scienza patologica! ;)

AleD ha detto...

"è stata accolta con molto interesse e ha stimolato numerose domande"

Di certo si saran chiesti che versione del blocco note avrà usato per le sue slides... par la lista della spesa, mah.

Daniele Passerini ha detto...

@Fabio Crestani
Caspita me ne sono accorto solo adesso che il blog è ripartito... bentrovato Daniele!...
Complimenti a Celani, alla faccia della scienza patologica! ;)

Alla faccia degli pseudo scettici patologici! :)
Stavolta è stata una mia scelta precisa quella di parlare solo a cose fatte, in modo da non suscitare fuochi di sbarramento preliminari dai soliti guastatori, anche se sono settimane che seguivo gli sviluppi (considera che la presenza di Celani, inizialmente non prevista, è stata caldeggiata da Hagelstein e Swartz in persona... mentre in Italia chi fa crociate contro la "scienza patologica" si vanta di riuscire a fargli chiudere il laboratorio a Frascati, bah!).

@AleD
"Di certo si saran chiesti che versione del blocco note avrà usato per le sue slides... par la lista della spesa, mah.
Ti distingui spesso per lo spessore contenutistico dei tuoi commenti, ma stavolta hai veramente superato te stesso. Grazie di esistere e di contribuire così tanto a far aprire gli occhi su chi siano davvero i nemici patologici della vera scienza. Continua per favore.

AleD ha detto...

@Daniele: ok vado avanti allora, visto che ti piace parlare di vera scienza, fossi in te mi preoccuperei un po' di più dello spessore contenutistico di altra gente, e ovviamente non mi sto riferendo al tuo blog.

AmaRoby ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
AmaRoby ha detto...

@AleD
Hai ragione non è possibile... non è proprio possibile.... poteva almeno usare qualcosa di meglio... ma anche un rotolo di carta (igienica) sarebbe almeno stato più utile vero?... tanto non è quello che si vuole condividere... è il supporto quello che conta :-|

Scusa Daniele postai questa immagine tempo fà.... ma è sempre attuale.
I preconcetti non hanno mai portato nulla di nuovo!

http://img542.imageshack.us/img542/9262/gliasininonvolano.jpg


ravecarl ha detto...

Lo devo dire, lo devo dire.
Come è sempre avvenuto in Italia, i geni per farsi riconoscere devono andare all'estero, l'ignoranza dei dirigenti politici è patologica e secolare. Lo dico con pacatezza, ma ho una gran collera dentro... che non vi dico.
Sostengo Il Prof. Celani con tutta la mia simpatia. Non posso fare altro.
Piu' un generale, non posso che rallegrarmi del fatto che la ricerca industriale si fa sempre piu' avanti.

eggy ha detto...

un altro rinvio.
ogni volta che rossi deve fornire i risultati alla scadenza fissata, c'è un altro rinvio.

mi sono rovinato la vita ad aspettarlo.

accidenti a lui e a tutte le sue cagate su nda e il resto.

Alessandro Pagnini ha detto...

Auguro a Celani e a tutti gli altri che stanno dandosi da fare nel settore LENR, i migliori successi, tuttavia mi pare che i risultati li abbiano portati altri. Ci vogliamo far battere dai giapponesi? :-(
A che punto sono le repliche coi fili di Celani? Sarebbe bello che anche lì si riuscisse ad ottenere qualcosa di ripetibile ed acclarato. Comunque abbiamo sempre Rossi a mantenere viva la speranza di un primato italiano nel settore. Manca poco. A questo punto i test dovrebbero chiudersi in meno di un mese, poi ci sarà la preparazione del report, ma direi che entro un paio di mesi probabilmente avremo notizie che potenzialmente potrebbero oscurare i lavori presentati al MIT. Incrociamo le dita! :-)

gio ha detto...

intanto USPO ha rigettato il brevetto di Rossi................noto che i " domiciliatari" della pratica sono un altro studio: Hedman& costigan"....non sembrano quotati come fitzpatrickcella( quelli del marchio per intenderci!) ma hanno lo studio al Rockfeller Center........costosetti anche questi!

gio ha detto...

per la parte del fenomeno, in senso lato, Rossi abbiamo:
marchio
un brevetto italiano
brevetto europeo in itinere(!!??)
brevetto all'Uspo rigettato( non penso finisca qui)
opposizione depositata al brevetto di Piantelli
2 studi con ufficio a Manhattan

oltre ad organizzare la r&d che consterebbe di una ventina di persone oltre a mezzi e strumenti, ma qui non abbiamo riscontri oltre alle parole di Rossi.

un giochino caruccio caruccio!

gio ha detto...

l'ultima e poi stop:

e se avesse depositato una domanda di brevetto in Cina !!!!!!!!!!

Alessandro Pagnini ha detto...

@ gio
" e se avesse depositato una domanda di brevetto in Cina !!!!!!!!!! "

In tal caso sarebbe una domanda di 'bLevetto'. Noi pratesi col cinese siamo abituati, ti puoi fidare! ;-)

ant0p. ha detto...

purtroppo siamo sempre fermi alle conferenze, finché fanno notizia vuol dire che a breve termine c'è poco di interessante.
sulle lenr-fusione fredda in generale sono sempre curioso e nonostante tutto spero sempre che qualcuno ce la faccia: non posso essere sicuro che non sia un vicolo cieco, ma le argomentazioni contro la ff sono di tipo esclusivamente nozionistico: cioè non ci sono teoremi fisici dimostrati con logiche matematiche e non opinabili che la smentiscono, solo banche dati dello stato dell'arte attuale che non la prevedono, sono i soliti discorsi annosi di principio fatti 10000 volte con franchini ma ogni tanto vanno ripetuti:))
si può fare sempre il solito parallelo banale (magari inutile e insulso, perché sono tempi e cose diverse, però concettualmente regge) con gli aerei, anche in meccanica e aerodinamica la teoria era da tempo completa prima che si riuscisse a far volare stabilmente oggetti pesanti che in natura non erano mai stati osservati e che anche i maggiori teorici in quel campo pensavano che fossero molto improbabili da ipotizzare sulla base delle conoscenze acquisite. e quindi non vedo perché anche senza stravolgere le conoscenze teoriche nucleari attuali non si possa scoprire che nelle pieghe di queste teorie già note si nascondono possibili reazioni 'fredde'..non basta certo un franchini che s'incazza (o dall'altra parte un rossi che fa il cazzaro:)) a far passare la curiosità.

gio ha detto...

@ alessandro

beh effettivamente ho scritto un pò una minchiata:)...sarà la voglia di vedere l'ennesimo colpo di scena.......e ormai in questa storia è ormai difficile che ce ne siano , salvo l'epifania dei partners:)

ormai la partita è segnata e rossi & c. sono i giocatori più forti.......hanno più soldi , i meglio avvocati, i migliori scienziati( sicuramente quando si paleseranno!).......mi sono diventati antipatici:):)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ gio
" ....mi sono diventati antipatici:):) "

Da quando ci hai rimesso una cena, per caso? :-D

Paul ha detto...

Bene, vi propongo questo link che parla della ff dalla "preistoria" fino ai giorni nostri. Descrive i vari personaggi principali coinvolti con relativi significativi riassunti di ciò che hanno fatto/detto o che stanno facendo...
E' molto ben scritto ed è istruttivo e anche divertente leggerlo fino alla fine.
https://www.academia.edu/5851356/On_cold_nuclear_fusion

gio ha detto...

@ alessandro
:) per così poco!...no dai!

però intanto il piantelli sotto traccia , magari porta a casa il brevetto.......che alla fine , così mi pare di capire,nulla rivela..... come quello di Rossi!

quello di piantelli, sembra un giochino per bussare denari!

se se la gioca bene , magari qualche soldo per strada lo trova!

indopama ha detto...

Il generale Breedlove ai Paesi dell'Europa orientale: si salvi chi può.

http://italian.irib.ir/analisi/articoli/item/156804-il-generale-breedlove-ai-paesi-dell-europa-orientale-si-salvi-chi-pu%C3%B2

indopama ha detto...

Breedlove è il comandante supremo della NATO in Europa (SACEUR), ha confermato la disconnessione completa delle truppe ucraine dei loro centri di comando e controllo, attuata con successo dai russi con una nuova generazione di sistemi d'interferenza ed attacco informatico. Un'operazione che neutralizza definitivamente qualsiasi esercito, trasformandolo automaticamente in una sorta di sacco da boxe, e mettendolo in condizione di non poter combattere

alisha ha detto...

@ tecnici


http://www.scribd.com/doc/214664582/Quantum-Energy-Generator-Free-Energy-Device-Blueprints

Qualcuno, magari per curiosità o passatempo, ha voglia di provare a costruire questo dispositivo ( sempre che non sia uno scherzo ovviamente)?

Alain Coetmeur ha detto...

infoxication
http://www.assoelettrica.it/blog/?p=9753#comment-34500

Paul ha detto...

Leggendo qua e là:
Un nuovo sviluppo nelle stampanti 3D. Ma si possono ancora chiamare stampanti?
Fabbricazione di molecole inorganiche e creazione di nanocamere di reazioni chimiche.
Il professore Lee Cronin spera entro pochi anni di riuscire a creare una "vita inorganica"
The 'chemputer' that could print out any drug:
http://www.theguardian.com/science/2012/jul/21/chemputer-that-prints-out-drugs

gio ha detto...

nel giardino accanto hanno fatto una cosa interessante,per me, riassumendo sinteticamente le motivazioni del rigetto della domanda di brevetto di rossi!

a questo punto è assolutamente interessante vedere che farà Rossi! opporsi al provvedimento(
penso sia possibile in base alle norme usa, (in italia cisono 60 gg per impugnare di fronte alla commissione brevetti) oppure lasciar perdere?????!!!!!!!

se impugna , in base alle motivazioni del rigetto, deve spiegare il fenomeno , che sta alla base del device( se sono solo queste le motivazioni del rigetto), ma così facendo darebbe la possibilità di riempire lo stesso vuoto teorico , che sta alla base della domanda di brevetto di Piantelli, che è ancora in itinere!!!

impugnare o non impugnare : questo è il dilemma!

gio ha detto...

http://www.uspto.gov/web/offices/pac/mpep/s1201.html

procedimento di impugnazione:
si può impugnare il provvedimento di fronte al Patent Trial and Appeal Board
penso sia simile alla nostra commissionebrevetti!
è un procedimento non giusrisdizionale( una sorta di ricorso gerarchico), la cui decisione è impugnabile poi di fronte alla corte federale!
non ho trovato i termini di impugnazione, ma la descrizione:
An applicant for a patent, any of whose claims has been twice rejected, may appeal from the decision of the primary examiner to the Patent Trial and Appeal Board, having once paid the fee for such appeal."

mi fa quasi pensare che non ci siano termini....basta pagare la fee !

gio ha detto...

in compenso opposizione e giurisdizione europea:

http://images.to.camcom.it/f/PatLib/20/20702_CCIAATO_2392013.pdf

bel bordello!!!

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails