Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

domenica 24 marzo 2013

Pericle nel cyberspazio
(autore: Guglielmo Pepe)


Qui ad Atene noi facciamo così: qui il nostro governo favorisce i molti, invece dei pochi, e per questo viene chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così: le leggi, qui, assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell'eccellenza, quando un cittadino si distingue, allora esso sarà a preferenza di altri chiamato a servire lo stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa, al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.
Qui ad Atene noi facciamo così: la libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana, noi non siamo sospettosi l'uno dell'altro, e non infastidiamo mai il nostro prossimo, se al nostro prossimo piace vivere a modo suo, noi siamo liberi, liberi di vivere, proprio come ci piace, e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo. Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari, quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.
Qui ad Atene noi facciamo così: ci è stato insegnato di rispettare i magistrati e ci é stato insegnato anche di rispettare le leggi, e di non dimenticare mai coloro che ricevono offesa, e ci e' stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte, che risiedono nell'universale sentimento di ciò che é giusto, e di ciò che è buonsenso.
Qui ad Atene noi facciamo così: un uomo che non si interessa allo stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile, e benché in pochi siano in grado di dar vita a una politica, beh, tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla. Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia. Noi crediamo che la felicita sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il  frutto del valore. Insomma io proclamo Atene scuola dell'Ellade, e che ogni ateniese cresce prostrando in se una felice versatilità la fiducia in se stesso e la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione. Ed è per questo che la nostra città é aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.
Qui ad Atene noi facciamo così!
Pericle, discorso agli ateniesi (461a.C.)



Dopo 2500 anni il discorso di Pericle sulla democrazia rimane ancora un esempio di straordinaria attualità.
Atene comprese il valore della democrazia e fu capace, anche se per un breve periodo, di tradurre in realtà quel valore. Ciò fu possibile per due ragioni:
  1. semplicità e chiarezza del progetto
  2. ridotta dimensione della popolazione coinvolta.
A rendere difficile, se non impossibile, una efficace attuazione dei principi democratici nelle società moderne é anche l'estensione del territorio ed il numero dei soggetti coinvolti. Una popolazione formata da decine o centinaia di milioni di individui, sparsa su un territorio di milioni di chilometri quadrati, rende impossibile una partecipazione diretta del cittadino alle decisioni politiche [ndr. non a caso un buon esempio di democrazia diretta 2.0 è quello dell'Islanda: 320.000 abitanti (come il Molise), 103.000 kmq]. Più è vasto il territorio e grande il numero dei cittadini, maggiore è la distanza tra il cittadino ed il potere decisionale. Le democrazie moderne hanno cercato di ridurre questa distanza attraverso mediatori e sistemi di comunicazione di massa, ma con il crescere del numero di mediatori la comunicazione tra base e vertice perde progressivamente significato. Questo scollegamento è un problema in sé e prescinde dalla scorrettezza e disonestà del mediatore. Se a questo aggiungiamo che con il tempo la mediazione da strumento si trasforma in fine, allora la democrazia tende a trasformarsi inevitabilmente in oligarchia (vedi Legge ferrea dell'oligarchia di R. Michels).
Il problema della mediazione non riguarda solo la democrazia, ma coinvolge ogni struttura di comando, da quella militare a quella economica. Accade così per assurdo che un potenziale strumento di partecipazione collettiva come Internet abbia prodotto una rivoluzione epocale anche nelle grandi società petrolifere che negli ultimissimi anni hanno modificato radicalmente la loro catena di comando (vedi La terza rivoluzione industriale di J. Rifkin). Il mondo moderno ha fame di energia e l'energia principale è quella generata dal petrolio. Il petrolio è il sangue che circola nell'organismo del sistema produttivo ed è regolato da un flusso costante e quasi perfetto al quale non è consentito di interrompersi altrimenti si verificherebbe la morte del sistema economico produttivo. Prima dell'avvento della rete la linea di comando era affidata a una complessissima struttura piramidale di mediazione, che faceva fluire le informazioni dall'alto verso il basso e dal basso verso l'alto, dove i mediatori erano entità altamente efficienti e specializzate (diciamo la classe media). La rete ha reso possibile una comunicazione diretta tra vertice e base e ha di fatto estromesso i mediatori, la classe media. Si tratta di una rivoluzione economica epocale. Oggi un piccolo gruppo di oligarchi, dalla stanza dei bottoni, regola l'intricatissimo flusso del petrolio che deve giungere dalle piattaforme estrattive, alla raffinazione fino al consumatore. Ogni ostacolo a questo flusso deve essere risolto in tempo reale così da poterne correggere il percorso. Ognuno può immaginare quanti intoppi possono verificarsi in un mondo regolato da diversi Stati e da politiche così diverse da Stato a Stato, tuttavia, salvo rarissime eccezioni il sistema funziona in modo quasi perfetto, ahimè!
L'esempio riportato serve a meglio comprendere come lo strumento della rete abbia permesso di creare una comunicazione efficientissima e diretta tra base e vertice eliminando di fatto la mediazione, così che il mondo è diventato una piccola città come l'antica Atene. Ma nello stesso tempo ci fa capire che lo strumento non è il suo fine. Uno strumento è la condizione necessaria, ma non sufficiente per la soluzione di un problema, perché un martello pianta chiodi a condizione che sia maneggiato da un carpentiere e uccide se è in mano a un assassino. Il fatto stesso che la democrazia ad Atene sia durata pochi anni e che fu sostituita da una pesante dittatura (che portò alla condanna a morte di Socrate), rende chiaro come siano gli uomini il vero problema. Affermare che la rete sia lo strumento che permetterà di attuare una nuova e più alta società democratica senza porre la giusta attenzione a chi ne ha il controllo è molto rischioso.
A ben vedere una rete ben più efficiente di internet esiste da tempo ed è situata tra il lobo parietale ed occipitale del nostro cranio, serve solo rendersi conto che il nostro cervello non è fatto di compartimenti stagni, ma di vasi comunicanti. Chissà, forse grazie alla nuova dimensione cognitiva stimolata dalla rete si svilupperanno nuove forme rizomatiche di ricerca e conoscenza.

Guglielmo Pepe

22passi.blogspot.com: post n. 2068 (-154)

14 : commenti:

Silvio Caggia ha detto...

@guglielmo pepe
Bello il discorso di pericle... Certo, la democrazia e' durata pochi anni... Ma ci ricordiamo perche' e' finita?
Io mi ricordo di un tal pisistrato che sfruttando i malumori tra quelli di montagna e quelli del mare entro' nell'agone politico alleato di quelli di montagna. Poi insceno' un falso attentato alla sua vita riuscendosi a far dare dal popolo impietosito piu' potere militare cosa che uso' per diventare tiranno...
Ma dopo un po' si ruppero le scatole di lui e lo cacciarono in esilio...
Ma il furbone ne sapeva una piu' del diavolo... Ritorno' ad atene accompagnato da una stangona super gnocca, facendola passare per la dea atena. Gli atenesi, le cui donne erano cozze a confronto, lo acclamarono di nuovo in piazza, convinti che fosse il favorito della dea!
Vado a memoria... E faccio confusione con la politica piu' recente... Forse... Gli storici mi correggano!
:-D

bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/24/usa-accordo-tra-cia-e-amazon-per-memorizzare-dati-immessi-sui-social-network/539986/

tanto per gradire la democrazia odierna e gli scopi del negretto alla casa bianca ...tutti i cittadini sono terroristi o p0ssibili tali fino a prova contraria ...tendenzialmente la dittatura nazisionista Usa e getta , cerca la giustifica e come scusa usa l'eversione del nazisionismo...incredibile ma vero ...

bertoldo ha detto...

intanto chi si vuol preparare ha tempo un'altro anno ,presumibilmente ,prima dell'invasione dell'Iran e l'inizio di una guerra mondiale ,che secondo i nazisionisti durerà 20 anni e ridurrà la popolazione ad 1/6 dell'attuale ...nel frattempo l' Ecat non uscirà prima di tali date ...a questo serve l'ecat a garantire una fonte energetica perenne senza aver bisogno di schiavi che lavorano per loro ...alla faccia dell'aiuto ai pampini poveri ...l'attuale pontefiche si inquadra in questo contesto perfettamente e serve a render più pecore delle pecore , quelli che ancora sono affascinati da tali boiate religiose-massoniche .Mantenere il gruppo più ampio di pecore possibile , unito per poi annientarli in nome della loro religione ...Nel video gaia , infatti non è prevista una chiesa cattolica-cristiana ne è previsto il comunismo , infatti nelle immagini iniziali si vedono benissimo i simboli che bisogna combattere ...ovviamente la menorah non compare nemmeno e inutile dirvi il perchè ...ne compare il fascismo o il nazismo e anche qui non bisogna chiedersi il perchè è fin troppo chiaro con chi si ha a che fare ...i politici attuali sono dalla stessa parte di questi soggetti psicopatici e svolgono la parte loro assegnata in un modo pessimo .Non essendo attori di professione si vede subito che sono pagati per recitare una parte imposta e basta guardarli attentamente per capire la falsità di tale ruolo... Ma questo è sufficente per ingannare ancora una parte consistente degli Italioti .Le sceneggiate che stanno inscenando con Cipro sono la misura di questi psicopatici ...dei malati di mente allo stadio terminale che giocano la gente e con i loro soldi , con l'unico scopo di innescare guerre civili , per dividere il più possibile , prima della distruzione totale .I virus di aviaria e altro sono già pronti per essere immessi , il test già li hanno fatti e hanno pronto anche il vaccino ...ovviamente lo elargiranno solo a quei soggetti geneticamente e mentalmente pervasi dal nazisionismo o lo hanno già costruito che sia il virus stesso a fare la selezione genetica , non attaccando sui determinati ceppi di Dna ...indovinate chi si salverà ? Come conferma un bel tornado su Cipro ...ovvio dire che i Tornadi a Cipro non si erano mai visti ...e neanche a Taranto sull'Ilva ...ma questo è solo frutto del caso per gli stupidi che vivono in un mondo tutto loro e che non hanno nessuna prospettiva .Ammazza che buon umore eh ...

Silvio Caggia ha detto...

@bertoldo
Ma sto video gaia, fatto da casaleggio, che continua a rimbalzare, tu come lo interpreti?
Perche' non ho trovato fonti originali in proposito, e le interpretazioni che ho letto finora non hanno logica...
A me sembra una salsa di cose varie fatta al solo scopo di renderlo virale e farlo girare, pubblicita' pura allo studio, nessun "messaggio" vero, nascosto o subdolo... Ma probabilmente ho la vista corta, per cui chiedo a te e agli altri: che significa? Grazie

robi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...

significa che quello che c'è scritto succederà ...è abbastanza semplice dà capire , cosi come è semplice capire chi glielo a scritto ...da notare che la prima versione in Italiano è stata cancellata perchè i soliti complottisti avevano sezionato il video e interpretato nella maniera di cui sopra ...evidentemente resisi conto dei danni che poteva provocare al loro "movimento" , hanno pensato bene di rifarlo in inglese , per limitare l'accesso agli italioti meno studiati ...

bertoldo ha detto...

e comunque dalle ultime risposte che stai dando confermi in pieno il tuo ruolo ...comme ?

bertoldo ha detto...

più che pubblicità sembra apologia del nazifascismo ...perchè uccidere 5-6 miliardi di persone mi sembra leggermente mengheliano ...e probabilmente lo faranno con un virus reale già realizzato e pubblicizzato , ovvero l'aviaria modificata ...davvero tempi "interessanti" prossimamente . Se possibile i partiti che sono sopravvissuti al crollo del muro di Berlino , nel tempo si sono dimostrati anche molto peggiori , perchè non hanno avuto la forza di ribellarsi a questo disegno preimpostato .Ma te e gli altri potete sentirvi più tranquilli semplicemente deridendo tali "visioni complottiste" di sicuro vi sentirete meglio nel dire nel "non può essere" è nella logica di basso livello pensare che "andrà tutto bene" ...beata incoscenza ...torno in catalessi per la notte ...

Silvio Caggia ha detto...

@bertoldo
Grazie della tua vision sul video, la mia e' ben diversa ovviamente ma aspetto di sentire quelle di tutti quelli che voglio dire la loro prima di formalizzarla...
Grazie dei complimenti per la mia capacita' di assumere il mio ruolo! Mi potresti pero' gentilmente dire qual e'? Perche' non ho ben chiaro quale sia... :-D

feierlich ha detto...

il tuo ruolo è quello della persona moderna, collegata, che sa analizzare gli eventi da punti di vista diversi e che riesce sempre a trovare spiegazioni articolate e di buon senso, a volte con guizzi brillanti, sempre in allegrezza, con ironia.
perché se proprio tutto quello che ci hanno insegnato era una menzogna, la civiltà e il progresso un'illusione e se queste cose hanno causato con il nostro cieco apporto la morte e la sofferenza di molti esseri viventi, moltissimi umani, beh certo sarà il caso di prenderne atto (è buon senso) ma perché non farlo tra una battuta e l'altra, senza perdere il sorriso?
tu sei quello che si lamenta perché c'ha i figli zombie che non fanno altro che stare davanti al pc a cazzeggiare perdendosi il mondo meraviglioso e vivo che ancora resiste alla nostra distruttività e da parte sua fa la medesima cosa.

Silvio Caggia ha detto...

@faierlich
Ma che e'? Il mio oroscopo del giorno? :-)
Sei bravo come profiler... ma non credo che bertoldo intendesse questo...
Ps. Sui miei figli non sono cosi' pessimista, sono figli di questo tempo, avevo solo fatto un confronto-battuta con la figlia di daniele, ma non sono da buttare! :-) e poi, non ci crederai, io sono un ottimista, penso che viviamo nel migliore dei mondi possibili... posso guardare il sole negli occhi mentre sono interconnesso con decine di persone nel mondo... Che vogliamo di piu'? :-)

feierlich ha detto...

fratello Silvio, non guardare il Sole, guarda piuttosto ciò che da esso viene svelato ai tuoi occhi.
reperisci dei semi (prova a non comprarli), pianta qualcosa.
non in senso metaforico, proprio giocare con la terra.
svolgi questa attività che avvicina al divino insieme ai tuoi figli, prenditi cura di un essere vivente insieme a loro.
e fai attenzione, perché il passo tra leggerezza e superficialità è (apparentemente) breve ma oltremodo significativo.

Silvio Caggia ha detto...

@feierlich
Fratello feierlich, hai provato a guardare un po' il sole? E' un'esperienza interessante proprio per guardare poi con occhi diversi cio' che svela... :-)
Per esempio... Di che colore vedi il sole?
L'anno scorso ho coltivato un nano pezzetto di terra, ed anche quest'anno lo faro', aspetto la vera primavera per andare a seminare. Ma e' un divertismant simbolico, non ho radici agricole purtroppo... La faccenda dei semi e' un problema, grosso! I bambini poi si annoiano subito... Zappettare e' piu' duro che su farmville... E poi sta cosa che devi aspettare settimane proprio non va giu'... Il giorno dopo vogliono gia' vedere crescere le piantine! :-)
Ho in casa tre gatte, anche se in tre anni sono passato dal fastidio all'accettazione (non sono mie ma della ragazza con cui divido l'appartamento), rimango concettualmente contrario a tenere animali in casa in citta'... :-)

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails