Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

martedì 12 marzo 2013

Milano 24 marzo 2013:
LA MEDICINA CHE GUARISCE


Coincidenze: proprio mentre mi accingevo a scrivere un post per segnalare e promuovere il convegno LA MEDICINA CHE GUARISCE, una interessante iniziativa di NEXUS in programma tra due domeniche a Milano, mi ha scritto un caro amico, Andrea Michielin a proposito di un soggetto alquanto controverso, ma in tema, il Metodo Di Bella (MDB)...
Ciao Daniele!
Si sono novità sul fronte Metodo Di Bella.
Sono uscite due pubblicazioni scientifiche:
L'altra sugli effetti anticancro della melatonina: Melatonin anticancer effects ITA.pdf
Poi, purtroppo, segnalo l'accanimento che lo stato, tramite le Asl, perpetua nei confronti dei pazienti che si approcciano al MDB.
È successo che, dopo aver già chiesto risarcimento di 41.000€ ad una prima paziente - tale Barbara Bartorelli - ora si accaniscono con maggiore veemenza verso altre persone, quali: Flora Nardelli, condannata da una sentenza, dopo essersi curata ed in salute grazie al MDB, alla restituzione di 113.000€ (era stata data per spacciata, dopo le cure ufficiali. Invece, l'MDB le ha permesso in questi 5 anni di vivere con dignità e salute) e che, non potendosi permettere la cura, dovrà sospenderla...; Bruno Maestri cui senza nemmeno andare in appello é stato revocato il provvedimento d'urgenza per l'MDB.
Forse sarebbe il caso di riprendere l'argomento nel blog, cercando di evidenziare la repressione in atto che... non ha alcun motivo di esistere, se non con la semplice intenzione di intimorire chiunque voglia avvicinarsi al MDB.
Torneremo quindi prossimamente a occuparci del Metodo di Bella. Ma torniamo intanto al convegno in programma a Milano, il prossimo 24 marzo. Così lo presenta NEXUS:
"Negli ultimi cinquant’anni la medicina sembra essersi presa cura più delle malattie che dei malati. La proliferazione di ospedali, di cure specialistiche così come l’utilizzo indiscriminato di farmaci non hanno portato alla riduzione né tanto meno alla scomparsa delle patologie, aumentando invece esponenzialmente gli effetti collaterali e le complicazioni dovute ai trattamenti medici. Tuttavia, in questo panorama, esiste ancora una medicina in grado di guarire. La malattia, come ampiamente dimostrato, si instaura laddove l’equilibrio psico-fisico viene a mancare, andando ad alterare il normale processo evolutivo di ogni individuo.

La medicina che guarisce
presenta le scoperte di ricercatori, scienziati e dottori impegnati nel sollevare l’uomo dalla schiavitù della malattia, così da permettergli di ambire ad una vita lunga, sana, nella totale efficienza fisica e mentale."
A questo punto si è fatto tardi, vi riporto il programma, tutte le informazioni, link e materiali scaricabili e per oggi vi saluto.

PROGRAMMA

09:00 – 09:15   INTRODUZIONE

09:15 – 10:15   Teodoro Brescia
Studioso del paradigma olistico e simbologia sacra.

Dottore e docente di Antropologia Filosofica all’Università di Bari
Medicina olistica: ponte tra passato e futuro.

10:15 – 11:15   Walter Pierpaoli
Medico Chirurgo, specializzato in Cardiologia e Immunologia
Se si invecchia, non si ha il tempo di crescere: come invertire il programma.

11:15 – 11:30   PAUSA

11:30 – 12:30   Raul Vergini
Medico Chirurgo, si occupa di omeopatia e medicina naturale,

di integrazione nutrizionale e anti-aging
Ipotiroidismo: una malattia insospettata. Cause e soluzioni.

12:30 – 13:00   Domande dal pubblico

13:00 – 14:30   PAUSA PRANZO

14:30 – 15:30   Damiano Galimberti
Medico Chirurgo, specializzato in Scienza dell’Alimentazione e Dietetica,

diplomato in Laserchirurgia e Laser Terapia
Medicina healthy-aging.

15:30 – 16:30   Marina Mariani
Laureata in Scienze Agrarie, specializzata in monitoraggio e
tracciabilità di geni e transgeni negli alimenti e nell’ambiente
La salute a tavola: le scelte alimentari che influenzano la vita.

16:30 – 16:45   PAUSA

16:45 – 17:45   Massimo Citro
Medico Chirurgo, psciterapeuta, scrittore, storico e sceneggiatore

Medicina intelligente (senza interessi economici e protocolli).

17:45 – 18:45   Milena Passigato
Psiocologa, sessuologa, giornalista
Piacere: elisir di lunga vita?

18:45 – 19:00   CONCLUSIONI
___________________________
Ingresso € 40,00

Pagamento
Il versamento deve essere intestato all’Associazione Culturale NexusEventi e può essere effettuato:
□ a mezzo bonifico bancario IBAN: IT46P0760112100000007650892
□ a mezzo conto corrente postale: 7650892
□ Pagamento all’ingresso con la pre-iscrizione (da specificare nell’iscrizione web nella sezione commenti)
Il pagamento della quota d’ingresso a mezzo bonifico bancario o conto corrente postale deve essere versata almeno 8 giorni prima della data del convegno. Per i versamenti effettuati oltre il termine indicato si dovrà esibire all’ingresso la ricevuta dell’avvenuto pagamento. Eventuali disdette con la pre-iscirzione dovranno pervenire almento una settimana prima dell’evento.


Informazioni
Tel.: 049 9115516
Fax: 049 9119035
eventi@nexusedizioni.it

Ufficio Stampa Nexus
Barbara Boniardi 3451795063
Lea Glarey
3938513685

Scarica il programma  Scarica la locandina  |  Scarica il comunicato

22passi.blogspot.com: post n. 2062 (-160)

146 : commenti:

Virgilio Catanzano ha detto...

@salve
piena solidarieta´ verso le vittime di questo assurdo pregiudizio verso cure differenti dal protocollo ufficiale.
vorrei anche segnalarvi il metodo gerson,intelligentemente riassunto in un docufilm chiamato ``se solo avessimo saputo``gira su yt.
interessante che in qualche modo si ricollega al film il pianeta verde.
perdonatemi ma sono sempre piu´convinto che l´unica medicina che guarisce e quella che ci mettiamo nella panza quando siamo a tavola!!
ma se nella panza continuiamo a mettere veleni quale medicina ci guarira´?

Alessandro Pagnini ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...

ha solo detto che è un sionista e come tale è contro qualsiasi cosa che destabilizzi i suoi investimenti , sia che si tratti di energia che di medicina , in entrambi i casi rischiano di bruciare i loro investimenti e il loro mengelismo (dottor morte) ...

bertoldo ha detto...

Il sionismo è proprio ben rappresentato in quel messaggio ...sono un gruppo di psicopatici con il cervello talemente contorto dà rappresentare un cancro maligno quasi inestirpabile ...

Daniele Passerini ha detto...

@Alessandro Pagnini
@Bertoldo
Il messaggio di cuI parlate è puro spam, arriva su quasi tutti i post che si pubblicano e mi stupisco che l'antispam di Google non lo intercetti. Appena me ne accorgo lo cancello ogni volta, perciò evitate di dargli importanza... quella è follia pura.

Alessandro Pagnini ha detto...

"evitate di dargli importanza... quella è follia pura. "
Ecco, infatti! :-)
Non avevo neppure provato a seguire quello che c'era scritto, tanto era contorto!
A questo punto cancello anche il mio commento, visto che ora rimane puntato verso un 'riferimento vuoto' e sarebbe incomprensibile a chi lo leggesse.

alberto ha detto...

Dopo mesi di permanenza all'estero , tornato nella nostra sfortunata italia (ancora Berlusconiana), ho una pressante curiosità da girare al mio sito preferito:
ha presentato l'(ing.) Rossi un prototipo di E-Cat funzionante?
Abundo?

Daniele Passerini ha detto...

alberto
...ha presentato l'(ing.) Rossi un prototipo di E-Cat [incontrovertibilmente] funzionante?
NO. :(
Abundo [ha presentato i nuovi risultati sui test dell'Hydrobetatron]?
NO, però ha detto che sono in arrivo.

Nikola Tesla ha detto...

Ragazzi, la scienza è marcia!

guardate questo documentario:
La scienza del panico
http://www.youtube.com/watch?v=0fu-qy4X-WI

(l'ho già postato ma ma lo riposto)

Silvio Caggia ha detto...

@nikola tesla
Fai bene, ma tanto non lo guarda nessuno, e se li intervisti qua ti risponderanno esattamente come nel video :-)
Comunque non e' tanto "scienza" quella quanto "medicina" del panico... E chi diceva queste cose gia' 30 anni fa denunciando le balle della medicina del panico? Non sarebbe il caso di fargli un monumento ed ascoltare un'attimo le sue proposte di medicina 2.0? :-)

merl1n0 ha detto...

Mi permetto di citare un' "altra campana".
Se una terapia puo' avere conseguenze serie per la vita di un paziente, allora diventa importante considerare anche altri punti di vista.

Per il metodo Gerson:
http://medbunker.blogspot.it/2009/07/nacci-gerson-e-le-supervitamine.html

Per il metodo Di Bella:
http://medbunker.blogspot.it/p/dossier-di-bella.html

Virgilio Catanzano ha detto...

merlino tutto quello che vuoi

ma non é un tabu` che la razza umana abbia prosperato milioni di anni senza l´uso di chemio!

non é un tabu` che gli alimenti che ingeriamo siano sempre piu poveri di nutrienti perche´l´agricoltura intensiva sta desertificando/avvelenando i terreni.

non é tabu´ che una corretta dieta sia la principale prevenzione contro il manifestarsi del male ed una dieta sbagliata(tipo eccessivo consumo di carne.ma anche altro)sia fortemente cancerogena...

se vuoi continuare a dare retta ai sig prof scienziati prego accomodati...

ma il punto é perché devi costringere una persona che tali metodi nn vuol seguire a curarsi con medicinali che sulle indicazioni riportano attenzione puo´provocare il cancro???
liberamente in libero mondo.

Silvio Caggia ha detto...

@virgilio catanzaro
Applaudo :-)

merl1n0 ha detto...

Non e' un tabu, bensi' un fatto, che nel 1910 l'eta' media (in Italia) fosse 46 anni per gli uomini e 47 per le donne, mentre nel 1998 era di 75 per gli uomini e di 81 per le donne. (fonte: http://www.sigg.it/public/doc/GIORNALEART/423.pdf)

Tu chiedi: "perché devi costringere una persona ..."
Sulla base di cosa mi attribuisci questa intenzione?

Non voglio affatto costringere, al contrario: per favorire una scelta piu' possibile consapevole, ho segnalato ulteriori fonti di informazione riguardo a quei soggetti (Gerson, Di Bella). Se ci fosse la tua vita in ballo, non ti vorresti informare con una voce in piu'? Poi nessuno ti costringe.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Invece sembra che sia un tabu il grafico della "speranza di vita SANA alla nascita", lo conosci?
Ovviamente da inizio secolo scorso fino al 2003 sale come la "speranza di vita alla nascita", ma hai visto che succede dopo? Scende! Scende paurosamente e continua a scendere!!!
Come la mettiamo?

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Se hai difficolta' a trovare in rete i grafici tabu guarda qua:
http://riflessioniavocealta.wordpress.com/2011/03/31/conoscete-il-picco-della-salute/

merl1n0 ha detto...

Mah, la speranza in caduta libera, per me, e' la "speranza di pensione", ma non ne farei una questione di medicina. Forse siamo quel che mangiamo, ma temo che siamo anche quei che eleggiamo.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Guardati il documento, parliamo proprio di salute, non di politica o pensioni!
Dal 2003 la nostra vita sana media sta crollando, questo e' un fatto, il fatto che ti allunghino artificialmente la vita biologica a quel punto vuol dire solo allungarti ulteriormente le tue sofferenze finali... Bel guadagno! E' questo di cui possiamo vantarci con la nostra bella medicina del panico?
Presto almeno i giovani capiranno che non vogliono fare la fine dei loro genitori ed allora cercheranno delle risposte... E le troveranno perche' sono pronte da anni... E non costano nulla! Altro che scatole di veleno a 600 euro a confezione!

Virgilio Catanzano ha detto...

@vero é
mi sono espresso male,non volevo dire che tu costringi nessuno,ma la medicina industriale con i suoi sedicenti professori tende a demonizzare chi sostiene che curarsi con sistemi naturali sia possibile.
ho letto l´articolo sul metodo gerson e mi é sembrato avallare piu´le teorie delle case farmaceutiche che quelle dello stesso dottore.
ho preso molto a cuore il sistema del dottor gerson sia come cura in se che penso cmq validissima,ma anche come approccio verso una prevenzione costante che eviti di arrivare a dover poi affrontare determinate situazioni.
il fatto stesso che ancor oggi se ne parli significa che molte persone abbiano trovato giovamento da tali cure,e anche chi poi non é riuscito a guarire comunque la qualita´ di vita nella malattia é migliorata.
sai il dottor gerson alla fine fu avvelenato e lo stesso di bella fu in qualche modo portato alla morte prematura in seguito ad un lunga campagna denigratoria messa in atto da dottori che di cancro ci vivono...
ho due eccezioni da portarti:nel 1910 l´italia e piu´ in generale l´europa erano gia state devastate da secoli di guerre e di rivoluzione industriale,mentre la seconda e´che sicuramente é vero che l´etá media delle persone sia notevolmente aumentata,ma a quale prezzo?lo stesso giornaleart non menziona se la vita media degli altri esseri che insieme a noi coabitano questo pianeta sia cresciuta come la nostra.
la mia impressione é che ci stiamo comportando come quella muffa che attacca un pomodoro dimenticato in dispensa,cresce e prospera aumentando la vita di generazione in generazione,ma quando il pomodoro finisce...
in ogni modo confrontarsi é sempre positivo e ti ringrazio per il tuo contributo sull´argomento spero che se ne parli sempre!!!
@silvio...catanzaNo...hehehe non ti preoccupare una volta mi hanno sbagliato pure il passaporto.
sarai siciliano?
saluto.

Silvio Caggia ha detto...

@virgilio catanzano
Lo fui. Ora piemontese sugnu... :-)

Virgilio Catanzano ha detto...

;)

merl1n0 ha detto...

Mettiamola cosi':
i rimedi naturali esistono e sono usati da quando esiste la natura; eppure ancora solo 100 anni fa si viveva 30 anni meno di oggi,
quindi i rimedi di allora non erano efficaci quanto quelli di oggi. Eppure si tratta di soluzioni cosi' semplici che potevano essere trovate anche mille anni prima. E invece mille anni prima si viveva ancora meno.

Di fatto, La mortalita' per infezione si e' abbattuta quando sono arrivati gli antibiotici. Una muffa (natura!!!) e scienza, unite, li hanno resi possibili, e l'efficacia si misura, con le statistiche. Io personalmente penso che sarei morto quttro o cinque volte, se non fossi stato curato con medicinali moderni.

L'antibiotico e' rimedio naturale (muffa) + tecnologia (scienza). Se togli il secondo e ti accontenti del primo, ebbene, quando avrai un'infezione sarai curato da qualcuno privo di una formazione scientifica. Se sarai fortunato ti poggeranno delle ragnatele sulla ferita (contengono sostanze antibiotiche, hanno scoperto quelli che la formazione scientifica ce l'hanno; e venivano applicate da non so quali sciamani sulle ferite infette. Uno ogni cento poi se la cavava. Ma oggi invece se la cavano 99.9 ogni 100).

Se avrai la febbre, e sarai fortunato, un guaritore ti dara' un infuso di corteccia di salice; con un po' di fortuna starai meglio, e ti diranno che "lo spirito della foresta e' stato beningo". Grazie, spirito della foresta. Io ho l'acido acetilsalicilico in compresse e, potendo scegliere, lo preferisco alla grande.

Su una cosa concordo senz'altro: mangiare sano e' meglio che mangiare malsano.
Si tratta di una possibilita' che oggi abbiamo. Ma 100 anni fa, per esempio, quella possibilita' non c'era: era gia' tanto se una qualcunque cosa da mangiare c'era. Questo non mi da una gran nostalgia.

Non farei a cambio tra la mia vita e quella del Re Sole nel 1700. Per quanto ricco e potente fosse, lui, disponeva dei dentisti del 1700, quelli senza anestesia, senza strumenti di disinfezione e, se erano aggiornatissimi, col trapano a manovella e punta in ferro dolce. Mi sa che il cambio lo proporrebbe lui, piuttosto.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Stai girando intorno al problema... Ripeto: dal 2003 la nostra (italiani, europei... Mica nel burundi!) Speranza di vita sana sta crollando rovinosamente... Perche'? Vogliamo continuare cosi'?

Insomma vogliamo una medicina che crea malati cronici o che aiuta a guarire? Questo e' il punto.
Nota: "Aiuta" perche' non e' la medicina che guarisce, ma e' l'organismo che guarisce... La medicina deve servire a comprendere i meccanismi del perche' proprio tu e proprio in quel momento ti sei ammalato proprio di quella malattia, cosi' che sapendolo lo eviti (prevenzione) o, se non ci sei riuscito, agevoli la tua guarigione.

Alessandro Pagnini ha detto...

Merlino espone molte considerazioni condivisibili. Neppure io ritengo che nel 1700 si stesse meglio che non adesso, globalmente parlando e ancor più per quanto attiene alla salute. Ritengo anche che si siano fatti molti interessanti progressi grazie a valenti e/o fortunati ricercatori e che però molti possibili progressi vengano invece preclusi dall'uso di mezzi idonei a bloccare, screditare, depotenziare, qualunque ricerca sia fuori da certi canoni, soprattutto 'economici', ma non solo. Tra queste ricerche, probabilmente molte sono fallaci e/o malcondotte, mentre altre hanno piuttosto il torto di essere 'economicamente pericolose' o fuori dai paradigmi consolidati, o, peggio ancora, entrambe le cose insieme. La medicina 'alternativa' non deve essere per forza una riproposizione di antiche pratiche, con una validità parziale, se non addirittura frutto solo di superstizione. Piuttosto deve essere capace di esplorare con impegno tutte le possibilità offerte e non solo quelle che vengono caldeggiate dall'industria faramaceutica o dalla rigidità di certe posizioni accademiche. Lo sciamano che ti fa bere un infuso di corteccia di salice, ti è poco utile, se tutte le sue competenze si limitano a cose del genere, ma tenere aperta una porta su rimedi diversi da quelli 'ufficiali' è una buonissima idea. Anche io mi curo con l'antibiotico se ho la polmonite, ma sono convinto che la mia salute non dipende solo dall'antibiotico e, in qualche raro caso, si verificano inspiegabili guarigioni che ognuno classifica a suo modo, ma che meriterebbero un'analisi più approfondita, per capire quali sono le cause profonde delle malattie ( e non solo di quelle, perchè anche io credo che il caso non esista )e quali sono le potenzialità curative e creative che abbiamo; ritengo che attualmente siano assai poco conosciute. Comunque niente da obbiettare a merlino (mi viene più facile scriverlo così ;-) ) sul voler proporre le campane di entrambi gli schieramenti e nemmeno su molte sue considerazioni. E' sempre bene non essere rigidi in una posizione e cercare di vedre anche le potenzialità positive di ogni approccio, sia che questo faccia piacere a big pharma, sia che la faccia piangere ;-)

tia_ ha detto...

>Speranza di vita sana sta crollando rovinosamente... Perche'? Vogliamo continuare cosi'?

Pure nel link che hai messo si parla di inquinamento.

merl1n0 ha detto...

Ho cercato al link che indicavi, e sono andato sul sito della comunita' europea che permette di ottenere queii grafici, ma non sono riuscito a riprodurre quello visualizzato nel blog (l'immagine e' piccola e non si riesce a leggere) e quindi a farmi un'idea.

Per cercare di capire ti chiedo una cosa:
Immagina una persona che da piccola (diciamo a 5 anni) sarebbe deceduta se non curata con medicinali moderni, e che oggi (diciamo a 45 anni) assume regolarmente dei farmaci.

Quanto vale per costui quella che chiami la sua "speranza di vita sana"?

Ciao, grazie.

tia_ ha detto...

Tra l'altro, mettendo 'average' si vede che è in leggero aumento nell'Unione.

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Ho scelto una pagina a caso di quelle che uscivano cercando con google immagini "speranza di vita sana", mi interessa il grafico non le opinioni del tipo, mi interessano le vostre opinioni del perche' stiamo peggiorando.
Come sai bene non penso sia l'inquinamento, ma sia proprio colpa della nostra medicina iatrogena.
Non ho capito dove metti average...

@merl1n0
Mi chiedo anche io dove sono finiti i grafici ufficiali... Secondo te?

Stiamo parlando di statistiche, non di casi singoli emotivi!

Virgilio Catanzano ha detto...

trovo sia una bellissima discussione

non amo generalizzare,ed é per questo che non faccio di tutta la medicina un fascio,sicuramente le molecole di sintesi hanno risolto moltissimi problemi e aiutato tanta gente e animali e piante a configgere malattie considerate mortali in passato.
il ragionamento di silvio pero´ non fa una piega,la medicina dovrebbe aiutare l´organismo ad agevolare la guarigione,ma molto spesso tantissimi farmaci che si trovano in commercio servono ad eliminare i sintomi piu´che a curare le cause,a che serve eliminare il dolore se poi l´infiammazione rimane e dopo un po degenera in peggio?non senti dolore ma nel frattempo stai morendo e riempiendo le tasche di chi ti vende la droga.
tantissime malattie,non dico tutte,sono causate da stili di vita scorretti che hanno radici profonde che cominciano gia´durante la gravidanza.
quello che contesto alla medicina ufficiale e che non ha nessun interesse nel tenere le persone in buona salute,e guardate che non fallirebbero,avrebbero solo meno profitti.ma questo per le politiche aziendali é inaccettabile.
io preferisco parlare di biodiversitá di fortificare l´organismo con cibi forti nutrienti e non avvelenati,sono stanco di andare a fare la spesa al supermercato pensando a quali e quanti trattamenti sono stati fatti su quelle bellissime mele tutte uguali o su quell´insalata
grassa e senza neanche un buchino.
sono convinto che in un´organismo forte le malattie non attecchiscono,e si é forti se si vive in un ambiente sano equilibrato e non avvelenato e si tiene uno stile di vita corretto e attento.
ma vedo che a molti non interessa,tanto basta ingurgitare una pillola tutte le mattine e via...tutto passa.


merl1n0 ha detto...

Ciao Virgilio,
Quello che imputi alla medicina ufficiale (non ha interesse alla tua salute, ma solo interesse economico) andrebbe secondo me imputato alla naturale (quella si') ed umana tendenza al tornaconto personale.

Derivando quindi da una qualita' umana, non e' peculiare della medicina ufficiale, bensi' di qualunque attivita' sia condotta da persone; ciascuna delle quali, individualmente, avra' una sua propria tendenza piu' o meno forte verso il suo proprio interesse rispetto che verso l'altrui.

Alla luce di questo, per me, diventa importante il criterio con cui scelgo a chi o a cosa affidarmi per risolvere o affrontare un mio problema.

Come faccio a sapere se il luminare che propugna una terapia alternativa ha una sincera motivazione a curare me o piuttosto ha interesse ad arricchire se'?

Nel dubbio, cerco statistiche e cerco di valutare la credibilita' della persona. Per questo vado a guardare su posti come medbunker: se vanta risultati non validati dalla scienza (ricordo che muffa + scienza --> antibiotico; muffa - scienza --> sciamano) lo scopro.

Un motto, di non so bene chi, dice questo: "puoi ingannare tutti per qualche tempo, qualcuno per tutto il tempo, ma non puoi ingannare *tutti* per tutto il tempo".

Lo considero vero. Una terapia ufficiale, se non funziona, non puo' ingannare tutti per tutto il tempo. Si viene a sapere, ed altre terapie con base scientifica prevarranno.
Al solitario curatore alternativo, purtroppo, basta ingannare qualcuno per qualche tempo. Il rischio che la sua motivazione non sia verso la mia cura quanto verso il suo arricchimento e' piu' forte rispetto al caso della terapia ufficiale. E' vero, bigfarma vuole far soldi, ma se vende un farmaco inefficacie, la concorrenza imporra' presto o tardi il suo (per me, spero presto).

In sintesi, il problema attribuito alla medicina ufficiale (avidita') affligge individualmente le singole persone, per cui anche chi propone una terapia alternativa e' imputabile dello stesso sospetto. A quel punto deve vincere chi e' piu' credibile e vanta piu' successi dimostrabili. Non c'e' altro metodo che questo, basato sull'insegnamento di Galileo.

PS:
ho trovato i grafici "grandi" che dice Silvio. Beh, io direi che si tratta di conseguenze da inquinamento e varie altre possibili cause, comprese alcune strane, che possono falsare clamorosamente il grafico. Per esempio (e' solo un'ipotesi campata per aria, serve per dare l'idea) supponete che nel 2003 divenga per legge italiana riconosciuta come malattia l'ipertensione, e quindi sia inserita nel computo, quando prima del 2003 non lo era: questo basterebbe a dare una decisa china al ribasso al grafico...

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Rifletti: e' assolutamente inutile che consulti Medbunker, ti basta sapere che tutto quello che fa la medicina e' buono, tutto il resto e' cattivo :-D c'e' anche una sola eccezione su medbunker a questo paradigma?

Rifletti: Se fosse l'inquinamento la causa come mai le malattie non colpiscono in modo proporzionale all'esposizione tutti quelli esposti? E perche' anche la stessa persona reagisce in modo diverso nel tempo?
Rifletti: stai dando dell'idiota ai valenti medici e statisti europei ed italiani che fanno le statistiche e che paghiamo profumatamente... :-)

Virgilio Catanzano ha detto...

abracadabra merll1n0 querido

mi sembra che non sai piu´che incantesimi tirare fuori dal tuo cappello per avallare le tue tesi.
parli di medicina naturale senza avere la minima nozione di quello che significa.
poco tempo fa é uscita la notizia di un soldato russo disperso in afganistan che in seguito ad uno scontro a fuoco era stato gravemente ferito.
sebbene fosse un nemico i cittadini di un villaggio vicino lo hanno soccorso ed il capovillaggio sapiente erborista é riuscito a guarirlo completamente,tanto che il coraggioso soldato ha mollato tutto e tutti e ha continuato l´arte del suo benefattore per circa trentanni.
trovo questa una storia molto interessante.
tu hai una fiducia ceca verso il sistema bigfarma,ok,ma io il tuo medbunker lo aperto e letto,ora nn ti chiedo di leggerti le 320 pagine della cura gerson,ma almeno guardati il video se solo avessimo saputo su youtube per avere anche tu una completezza di informazioni riguardo a metodi di cura differenti dalla medicina olistica.
non é di questo in fin dei conti che stiamo parlando!!avere quante piu´informazioni possibili prima di affrontare una cura qualsiasi.non demonizzo nessuno ma tu per l´amor di dio abbi la consapevolezza su quello di cui parli...


tia_ ha detto...

Visto che nessuno s'è preso la briga di guardarsi i dati originali (bastava seguire i link...) eccoli:
http://img803.imageshack.us/img803/9052/healthlife.png

Un confronto tra italia, francia e la media europea. Si nota subito che la catastrofica riduzione della vita sana è affetta da forti oscillazioni (vedere 2010) quindi bisogna prendere i dati con le molle, cosi come la francia se ne sta bella calma con leggero rialzo, la media europea idem.
Quindi di cosa stiamo parlando? Di un complotto delle case farmaceutiche giusto contro l'italia?

Virgilio Catanzano ha detto...

@tutti

non di complotto ma truffa ai danni del pianeta.
pubblico un estratto del libro agricoltura di transizione.www.kokopelli-seed-foundation.com
Quando le piante sono alimentate a forza con i set di fertilizzanti chimici assorbono una quantità eccessiva di NPK a scapito di altri minerali chiamati micro-nutrienti e oligoelementi. "(Calcio e fosforo, zinco, rame, magnesio , ferro, ecc). Questo accade anche quando i minerali sono disponibili in abbondanza nel terreno ". (Peavy e Peary 1993:15).

Questo spiega il boom di farmacie - spuntano come funghi dopo la pioggia - in ogni angolo del paese. Le persone sono ora spinte a comprare integratori alimentari, minerali e vitamine che mancano dal loro piatto e farmaci per tenerli sulle loro gambe. Carenze nel funzionamento del sistema immunitario umano, e molte delle malattie degenerative associate all'invecchiamento sono ora collegate a tali carenze nutrizionali.
aggiungo che chi non cammina a piedi nudi nella terra queste cose non le puo minimamente immaginare.


Virgilio Catanzano ha detto...

e questi sono i francesi che se ne stanno belli calmi calmi,indovinate chi produce i set di fertilizzanti...
ti ammalano per poi venderti la cura...

Virgilio Catanzano ha detto...

scusate www. kokopelli-semences.fr

tia_ ha detto...

>e questi sono i francesi

Ne ho per tutti i gusti:
http://img42.imageshack.us/img42/867/healthlife2.png

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Visto che le istantanee statiche che trovo io su internet:

http://m.flickr.com/#/photos/34285036@N08/5585512179/sizes/m/

della stessa pagina web che usi tu per produrre le tue istantanee, SEMBRANO molto diverse, ti dispiace, come verifica, provare a produrre il grafico analogo a quello linkato sopra ovvero relativo alle donne a partire dal 1995? Perche' i casi sono due: o coincidono o una delle due fonti sta ciurlando nel manico... :-)
Fammi anche un favore, visto che non sono riuscito a trovarlo, mi dai il link per produrre il grafico online che stai usando?
Grazie

merl1n0 ha detto...

@Virgilio,

in pratica mi stai dando ragione:

... il soldato russo ferito si ritrova nelle mani del sapiente erborista afgano ...

E' lo stesso esempio che facevo io, piu' in generale, dicendo: *se sei fortunato* trovi uno che ti cura (con infusi di corteccia di salice, ecc.).

Ed e' questo il punto: e' la fortuna ad avere il ruolo del leone. Per un ferito che trova il sapiente erborista, che ne sono 99 che trovano quello *non* sapiente, quello *non* preparato, quello *non* onesto.

Per il semplice motivo che un erborista puo' essere un genio come ogni altra persona: uno ogni diecimila o giu' di li'.
Non mi aspetto affatto che il medico di base sia un grande *come Pasteur, Fleming, etc.*. Il fatto importante e' che la cono-scienza di questi si conserva e si trasmette, si consolida; con le universita', con le discipline, i protocolli, eccetera.

Questo protegge me, sprovveduto paziente, dal rischio di terapia inadeguata: se avro' una febbre o una grave ferita, il primo medico che mi incontrera', *senza dover essere speciale*, seguira' la strada corretta per farmi guarire. E ci riuscira', senza essere speciale, perche' si avvale, magari anche senza saperlo, di una poderosa catena di accorgimenti, conoscenze e scoperte, maturate dai grandi della medicina e condivise, messe a capitale comune della scienza medica.

Il geniale erborista, purtroppo, tramandera' il suo sapere al suo nipote preferito; di solito gli dira' di tenere segrete le sue conoscenze, non di condividerle, perche' cosi' piu' gente si rivolgera' a lui e non ai concorrenti "meno sapienti".

Chi puo' permettersi di diffondere le proprie scoperte, e lasciarle verificare, si avvale della scienza e produce una comunita', che condivide un nucleo di conoscienze destinato ad ampliarsi.

Per questo preferisco affidarmi ad un medico ufficiale: gli strumenti che ha ed impiega sono i prodotti del lavoro dei migliori medici e dei migliori scienziati. Ho molto meno bisogno della fortuna di incontrare *proprio quello bravo* (e se mi fido di quello sbagliato, la vita che salta e la mia).

tia_ ha detto...

>della stessa pagina web che usi tu per produrre le tue istantanee, SEMBRANO molto diverse

No, sono uguali a quelle del primo link che hai postato, che prendeva in considerazione il maschio. Quelli che ho postato io vanno dal 2004 al 2011, mentre nel link va dal 95 al 2007.
Se lo si rifa con le femmine viene fuori lo stesso risultato.
Link: http://ec.europa.eu/health/indicators/echi/list/echi_40.html#main?KeepThis=true&TB_iframe=true&height=450&width=920

bertoldo ha detto...

con stamina foundation stanno facendo lo stesso gioco che hanno fatto con Di Bella , i risultati si sono visti ...i cialtroni di telethont e altri miseri esseri ...

Silvio Caggia ha detto...

@tia
ti ringrazio molto del link, con quello si puo' giocare un po' con i dati delle statistiche europee...
purtroppo però non riesco a ricostruire il grafico di cui ho diffuso l'immagine... sembra che non ci sia più modo di avere un grafico come quello in quanto, per motivi che ignoro, hanno separato le statistiche della speranza di vita sana antecedenti il 2004 da quelle dal 2004 in poi, mentre sicuramente fino al 2008 erano uniche...
tu hai qualche idea del perché?
certo che visti separati hanno un effetto ben diverso che vedere il grafico unico!

tia_ ha detto...

>tu hai qualche idea del perché?

Ti faccio io una domanda retorica: perchè tiri fuori sempre domande quando devi dare risposte?
Io ci perdo del tempo a tirar fuori quei grafici e metterli online. Abbi la decennza di rispondere.

>certo che visti separati hanno un effetto ben diverso che vedere il grafico unico!

Questo è il mio ultimo sforzo:
http://img687.imageshack.us/img687
/2305/healthlifeextendend.png
dal 1995 al 2011, uomini.
Tu hai parlato di un complotto farmaceutico per farci ammalare tutti prima, ed ora hai i dati degli altri paesi e la media europea, dove si vede che non c'è nessun crollo.
Quindi di cosa stiamo parlando? Di un complotto delle case farmaceutiche giusto contro l'italia?

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Proviamo a riepilogare un attimo...
Su un post sulle medicine non convenzionali qualcuno ha lanciato un monito: valutate anche la medicina convenzionale perche' e' quella che da i risultati migliori, prova ne e' l'allungamento costante della vita media in italia.
Io ho risposto che anche ammesso che l'allungamento della vita media sia da imputarsi alla medicina (cosa che non sostengo io, beninteso, ma chi ha postato quel grafico), gli stessi che hanno prodotto quella statistica hanno anche prodotto una statistica piu' attinente all'argomento che stiamo trattando che e' quella sulla vita SANA media, che come si vede chiaramente dai grafici ha in ITALIA un crollo dal 2003.
Ho anche fatto notare che cercando su internet "speranza di vita sana" trovi un tot di articoli scritti dal 2008 in cui si discute di questo crollo (di cui purtroppo non si parla comunemente) ed ognuno cerca di dare una sua interpretazione.
Io ho anche accennato alla mia, senza svilupparla, ovvero che e' "merito" proprio della medicina convenzionale che ha artificialmente creato una quantita' spropositata di malati cronici e disabili, semplicemente cambiando i parametri per cui una persona deve sentirsi malato e quindi curarsi, definendo quindi iatrogena la causa di questo crollo. E' una mia opinione personale e non sono qui per proporla, ho chiesto invece alla persona che vantava la medicina come causa dell'allungamento della vita media come spiegava l'accorciamento della vita sana media e, sorpresa, per lui la causa non e' piu' la medicina ma qualcos'altro...
Sottolineo questa incredibile capacita' di interpretare a convenienza le statistiche: se mi danno ragione sono giuste, se mi danno torto sono sbagliate! :-D
Concludendo: ti ringrazio di avere fatto il bellissimo lavoro di collage dei due grafici in cui si vede molto bene cosa sta capitando oggettivamente in italia.
Se altrove le cose vanno diversamente non e' una consolazione per me italiano, anzi! Pretendo che vadano meglio anche qui da me!
Spero di averti risposto in modo esauriente ed aspetto di sapere la tua opinione del perche' ci sia questo crollo in italia... Sempre che la tua idea non sia semplicemente: non c'e' nessun crollo, va tutto bene! :-)

merl1n0 ha detto...

@Silvio.

Chiedi come si spiega il calo di "vita sana", che appare evidente in Italia dal 2003.

Bene, quel indice e' definito cosi':

The 'Healthy Life Years' (HLY) indicator is the expected remaining number of years, lived from a particular age without long-term activity limitation.

che indica (traduzione mia) gli anni di vita senza limitazioni invalidanti a lungo termine.

Curiosamente il calo appare piu' marcato in Italia, mentre nello stesso periodo la tendenza dell'unione e' addirittura il lieve crescita.

La tua ipotesi e' che sia dovuto all'abuso di farmaci.

La mia ipotesi e' che sia dovuto ad una peggiorata gestione del servizio sanitario nazionale; che si accompagna tra l'altro, direi, ad una peggiorata gestione di piu' o meno tutto il sistema pubblico.

Per l'indice che segnali, una persona che *interrompe l'assunzione di farmaci* che gli mantengono l'integrita' fisica, rischia di incorrere in effetti collaterali invalidanti e quindi perdere la sua *vita sana*.

Cosi', per esempio, se aumenti del ticket sanitario precludono l'accesso a farmaci loro necessari, a fasce di popolazione sane ma povere, ecco che queste aumenteranno il rischio di arrivare a forme invalidanti, non potendo piu' avere accesso alle cure che ne prevenirebbero l'insorgenza. Lo stesso accade a persone che perdono reddito, che si impoveriscono ed hanno quindi un piu' difficile accesso alle cure.

In pratica, io temo che l'effetto sia dovuto non ad un undiscriminato aumento di assunzione di farmaci, bensi' alla riduzione dell'accesso a farmaci importanti per le fasce meno abbienti che ne necessitano.

Pensi anche tu che ampie fasce di popolazione si siano impoverite dal 2003 ad oggi? E non ne concludi anche tu che queste hanno meno accesso a terapie efficaci?

Detto questo, i farmaci sono troppo cari. Le spese della sanita' sono troppo alte. E lo sono in troppa parte a causa degli effetti delle "avidita' personali" di cui ho gia' detto. Sono le inefficienze dovute alle avidita' che vanno contrastate e ridotte. Prendersela coi farmaci moderni e' un po' come "buttare il bambino con l'acqua sporca".

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Parliamoci chiaro, quell'indice non e' misurato e calcolato per la bonta' dei nostri governanti che hanno a cuore la nostra salute e che si sono dati l'obiettivo entro una certa data di innalzare di due anni quell'indice... Quell'indice serve a dare ai governanti la risposta alla domanda: fino a che eta' posso obbligare a lavorare le persone? Infatti l'interesse e' su quando si arriva al punto in cui la persona non puo' piu' lavorare per lunghi periodi. Questo ha impatto per esempio sulle scelte politiche riguardo l'eta' pensionabile, non avrebbe senso infatti definire una eta' pensionabile superiore all'eta' in cui la persona non puo' piu' lavorare... E' piu' chiaro il contesto in cui ci muoviamo?
Se non ne sei ancora convinto chiediti perche' oltre il grafico "alla nascita" c'e' anche quello "a 65 anni di eta'" :-D
Nota che queste statistiche non considerano le situazioni di malattia cronica che non produca effetti invalidanti, tu puoi anche essere iperteso cronico e dover prendere tutti i giorni le tue pastigliette ma essere perfettamente abile al lavoro, cosi' come lo e' un miope cronico che deve portare tutti i giorni i suoi occhiali. Se si facesse un grafico della vita sana considerando anche le malattie croniche non invalidanti il risultato sarebbe devastante, altro che semplice crollo, non si salverebbe niente!
Che cosa fa la medicina convenzionale per guarire queste malattie? Nulla. L'unica cosa che sa fare e' cronicizzarle. L'obiettivo non dichiarato della medicina e' di cronicizzare garantendo la sopravvivenza qualunque malattia.

Io preferisco una medicina che guarisce, che ti da la restituzio ad integrum, non che mi fa tirare a campare!
Hai detto bene, queste persone se fossero costrette ad interrompere la loro terapia probabilmente morirebbero... E questo ti sembra un successo?
Questo si chiama controllo!
Io semplicemente non voglio proprio entrarci in quella spirale penosa... Voglio una medicina 2.0 che comprenda realmente cosa significa la malattia e mi aiuti a superarla, che mi aiuti ad arrivare al momento del trapasso in perfetta salute! :-)

P.s. L'unico campo della medicina che "funziona" e' per me la traumatologia, qui siamo effettivamente aiutati a guarire superando la situazione contingente che ha causato il problema. Tanto di cappello a questa medicina che salva ogni giorno tantissime vite!

tia_ ha detto...

che mi aiuti ad arrivare al momento del trapasso in perfetta salute! :-)

Escludendo i casi di morte violenta, vorresti campare per sempre.
Vabeh dai, ci sono ricascato ancora a farmi prendere in giro da te.

merl1n0 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
merl1n0 ha detto...

S: "Quell'indice serve a dare ai governanti la risposta alla domanda: fino a che eta' posso obbligare a lavorare le persone?"

Inizialmente lo segnalavi per indicare che a causa delle medicine si riduce la speranza di vita sana. Ora, vedo, non piu'. Ok, mi fa piacere.

S: "Se si facesse un grafico della vita sana considerando anche le malattie croniche non invalidanti, il risultato sarebbe devastante"

Abbiamo discusso il grafico che segnalavi tu.
Di quest'altro che dici, ammesso di trovarne uno, ed ammesso che sia fatto rispetto ad una definizione che ti piaccia di piu', lo valuteremo.

Ma un commentino lo farei: un tempo, chi sviluppava la miopia rimaneva tanto penalizzato rispetto agli emmetropi da ritrovarsi molto probabilmente con una bassa qualita' di vita.

Poi sono arrivati occhiali, lenti a contatto, cheratotomia, e grazie a questi l'handicap e' stato sostanzialmente eliminato. I miopi possono per esempio eccellere a scuola (possono leggere la lavagna senza difficolta') e magari portare ottimi contributi alla collettivita', grazie all'aver potuto superare le limitazioni della miopia.

Bene, qual e' il problema? Sono persone normali che grazie ad un ausilio superano un limite permanente. Nel grafico che dici tu contribuirebbero a ridurre l'indice.

E ALLORA? La qualita' della vita, e' un valore soggettivo. Decide la persona se gli vale tanto o poco la vita che conduce. Vai tu a spiegare ad un miope che sta danneggiando il tuo grafico?

Pensi che se mangiassero meglio o diversamente la miopia recederebbe?

Scelgo la miopia, tra le forme invalidanti, perche' ha anche un'altra caratteristica importante:

S: "Io preferisco una medicina che guarisce, che ti da la restituzio ad integrum, non che mi fa tirare a campare!"

Ecco, la restituzio ad integrum, per la miopia e' arrivata.
Si tratta della cheratotomia. Si tratta della medicina che (parole tue) preferisci.
E si tratta di medicina convenzionale, resa possibile da scienza, tecnologia, e medicina.

S: "Hai detto bene, queste persone se fossero costrette ad interrompere la loro terapia probabilmente morirebbero... E questo ti sembra un successo?"

Certo che lo e'. Scherziamo?
Finche' consentono una buona qualita' di vita (a giudizio soggettivo dei pazienti) si tratta di una loro scelta ("vuoi prendere una pastiglia al giorno e vivere normalmente, o preferisci sospendere la terapia e morire?").

Senza contare che col tempo, come per la miopia, potrebbe anche arrivare la "restituzio ad integrum". Sarebbe il caso di aspettare, no?

Daniele Passerini ha detto...

@Sivio Caggia
Tia_ e Merl1n0 fanno gioco di squadra, ma reggi bene il loro tiro incrociato! :)
Bella discussione.

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Mai sentito parlare di morire di vecchiaia?
Alla morte violenta non ci avevo pensato... Effettivamente la mia frase era ambigua...
Ma perche' concludi sempre che ti prendo in giro? Io sono sincero quando ti ringrazio e quando dico che servono persone come te che sanno trovare le cose e fare brillanti elaborazioni come il collage dei due grafici, su queste cose sei un ottimo collaboratore, io a quest'ora sarei ancora li a chiedermi il perche' questi hanno spezzato la statistica in due... :-(

Silvio Caggia ha detto...

@merl1no
Non mi sembra di aver mai parlato di farmaci, io ho parlato di iatrogenicita' che e' un discorso molto piu' ampio, iatrogena per me puo' essere quella che per la medicina e' considerata prevenzione, iatrogena puo' essere una diagnosi infausta... Poi iatrogeno puo' essere una eradicazione, un trattamento chemioterapico, radioterapico, ed infine la terapia del dolore con la morfina.

Sulla miopia non ci siamo proprio... Innanzitutto dovresti sapere che una volta la malattie degli occhi erano curate con gli occhiali solo per un brevissimo periodo, gli occhiali stessi ti venivano prestati come ti prestano adesso le stampelle quando ti rompi una gamba, per aiutarti in un breve periodo di difficolta', poi basta. Li avevi una vera restituzio ad integrum. Viceversa oggi sai come va.
La cheratomia radiale e' un intervento che non si fa piu' da decine di anni viste le cornee che si sono distrutte, ora si usa la lasik o la prk, in nessuno di questi casi comunque hai una restituzio ad integrum, hai semplicemente scavato la cornea modellandola come se le impiantassi in modo irreversibile una lente a contatto, chi ti parla di guarigione e' un delinquente e va deferito all'ordine, miope eri e miope rimani, solo con una correzione fissa non piu' rimovibile. Ma queste cose medbunker non te le spiega?!? :-)
Se vuoi capire qualcosa della miopia ti consiglio di leggere william horatio bates (oftalmologo di 100 anni fa) oltre che ovviamente studiarti il "conflitto di attacco alla nuca" nella nmg.

"vuoi prendere una pastiglia al giorno e vivere normalmente, o preferisci sospendere la terapia e morire?"
A me sembra un ricatto, soprattutto sapendo che HO DELLE ALTERNATIVE a tutto questo, posso per esempio semplicemente e naturalmente guarire e non dover piu' dipendere da nessuno.
Come? Non cercando la soluzione su medbunker ovviamente... :-)

Virgilio Catanzano ha detto...

silvio parole sante posso aggiungere qualche dettaglio?

er merl1no non sa e sopratutto non vuole sapere che una vita sana comporta sanita´ di mente e di corpo.
parlando di malattia ci riferiamo sempre ad uno stato temporale si spera passeggero ed i farmaci appunto dovrebbero servire ad abbreviarne ulteriormente i tempi.(medicina che cura)
quando,invece,i farmaci sono utilizzati per compensare carenze e stili di vita errati lo stato temporale da passeggero diventa a tempo indeterminato.(medicina che droga).
poi nessuno dice che le cure di oggi non siano valide ed i dottori non abbiano le competenze per applicare tali cure.
ma nella mia vita mi é capitato di incontrare due tipi di dottori,quelli che per una macchia sulla pelle ti fanno spendere 150 euro in creme e pastiglie(dottori spacciatori)molto cari alle case farma e quelli che invece con un semplice consiglio tipo lavare la pelle con accqua e amuchina ed avere uno stile di vita meno stressato,tale macchia te la fanno passare con 0 euro.(medici guaritori).
questo un esempio ma ce ne sono infiniti.
ci sono casi in cui non é possibile sottrarsi a cure lunghe anche tutta la vita ma sono o dovrebbero essere rari,e casi in cui i rimedi sono semplici efficaci e duraturi ma nessuno te li consiglia perche´a costo zero!!! posso portare numerosi esempi se qualcuno é interessato.
ora merl1n0 tu che malato saresti?un malato che vuole guarire o un malato che si vuole drogare?
perché guarire é una cosa molto piu´complicata che drogarsi.
e comunque non hai fatto i compiti a casa merl1n0 trovare anche altre fonti ancora no vero?se qui in sud america le grandi case farmaceutiche si sono lanciate alla conquista degli ultimi schamani rimasti nella foresta un motivo ci sara´.
guarda l´allarme lanciato sui super batteri che nessun antibiotico riesce piu a curare,secondo me non sanno piu´a che santo votarsi,e aspettate che gli ogm si misturino con l´ambiente naturale,allora si che ne vedremo delle belle...con tutte le porcherie che hanno fatto con i virus vettori.
qualcuno sa dirmi che fine ha fatto aoooooooooo
er romanaccio?era tanto simpatico dove lo trovo?

Virgilio Catanzano ha detto...

ma poi dico io come possiamo aspettarci un aumento del livello della vita sana in italia???

da nord a sud l´italia é stata avvelenata con tutti i metodi possibili e immaginabili vedi l´ilva a taranto la fibronit,le centrali a carbone dell´enel,le centrali nucleari dismesse,i depositi di rifiuti bellici,il lazio e la campania completamente sommerse da ogni genere di rifiuto,la pianura padana e le coste della penisola ricoperte da colate selvagge di cemento,le montagne abbandonate i fiumi inquinati, il mare non ne parliamo che é meglio vedi tra l´altro le famose navi dei veleni e la sovrapesca,ma pensate che le persone siano sceme chiaro che degradando l´ambiente l´aspettativa di vita sana diminuisce,il sistema immunitario é iper stimolato e non ha le armi per difendersi e la spesa anziché farla al supermercato la dobbiamo fare in farmacia...ma vi sembra una cosa normale???
ora che le industrie cominciano a chiudere gli operai non potranno fare nemmeno i contadini perché praticamente abbiamo desertificato uno dei paesi piu´fertili del mondo.

merl1n0 ha detto...

S: "dovresti sapere che una volta la malattie degli occhi erano curate con gli occhiali solo per un brevissimo periodo, gli occhiali stessi ti venivano prestati come ti prestano adesso le stampelle quando ti rompi una gamba, per aiutarti in un breve periodo di difficolta', poi basta."

Interessante. Dove? Quando? Quindi una volta la gente guariva dalla miopia? Tutti? Oppure, semplicemente, un paio d'occhiali costava quanto adesso costerebbe un transatlantico e cosi' lo si divideva piu' possibile tra bisognosi?

Per dire, la miopia assiale, dovuta all'eccessiva lubhezza dell'asse anteroposteriore del bulbo oculare.
Un fenomeno che prosegue con l'eta' dello sviluppo, quindi fino a circa 25 anni.
In soldoni l'occhio diventa un po' troppo grande e cosi' l'immagine non e' piu' a fuoco sulla retina, ma poco piu' avanti ad' essa. La lente da miope riduce il potere refrattivo oculare quel tanto che basta per ripristinare la corretta posizione del fuoco.

E tu mi stai dicendo che una volta la miopia durava solo un breve periodo, dopodiche' regrediva. E come?
L'occhio decresceva in dimensione? Cambiava il potere refrattivo?

Conosci casi documentati? Ci sono delle statistiche?

Ti dico una cosa, e spero di chiarire un equivoco.
Non sono un fan della medicina ufficiale. Ho solo un criterio per credere qualcosa diverso dal tuo.

Cosi', se uno mi dice che si puo' regredire dalla miopia, ed un altro mi dice che ha visto gli asini volare, ed un altro che l'uomo e' stato sulla Luna,

io credero' al primo tra questi che mi documenta il fatto in modo riscontrabile. E', ripeto, il criterio insegnatoci da Galileo Galilei.

E, per la salute, tutela dal rischio di incorrere in terapie definite con malafede, cioe' prive di valore scientifico.

Se una terapia X funziona allora c'e' un effetto positivo Y, il quale si puo' misurare; da una raccolta di tali osservazioni si ottiene una statistica e da qui, se la catena di osservazioni e misurazioni e' ben fatta, si ottiene una verifica di valore.

Se la statistica non c'e' ed e' fatta di soli casi episodici ("mio cugggino stava malissimo ma poi coi clisteri di caffe' si e' svegliato dal coma") non e' credibile, almeno per me.

Infine, ripeto una cosa gia' detta; sono certo che mangiare sano sia meglio che mangiare malsano. E' giusto e doveroso condurre uno stile di vita che prevenga e prolunghi al meglio la salute.

Non credo affatto pero' che chi prende una malattia seria possa vederla regredire con la sola alimentazione e senza ricorso a farmaci moderni.

Daniele Passerini ha detto...

@Virgilio Catanzano
Grazie anche a te per l'importante contributi alla discussione, ti ho letto con attenzione.

@Merl1n0
@Silvio Caggia
Spezzo mezza lancia a favore di entrambi riguardo la miopia. Posso testimoniare molto positivamente in favore della miopia corretta chirurgicamente: operato a entrambi gli occhi 11 anni fa (mi mancavano 7 diottrie e mezza ad entrambi.
Allora non conoscevo il metodo Bates, ma come avrei potuto guarire da una miopia così grave con quello, conciliando lavoro, necessità di guidare l'auto e quant'altro?
Sono soddisfattissimo dell'intervento: 10 diottrie piene.
Però testimonio anche che il mio occhio sinistro (pigro) tenderebbe sempre a riadagiarsi, perdere l'accomodamento e via a ripartire con la miopia; ne sono consapevolissimo ed è per questo che ogni volta che vedo (letteralmente) che la sua acutezza sta calando mi rimetto a fare per qualche giorno alcuni dei semplici esercizi raccomandati da Bates e in breve tempo torna nuovamente a posto. Per piccole miopia funziona benissimo.

Virgilio Catanzano ha detto...

sono d´accordissimo,penso che le medicine debbano essere usate solo per far passare la fase acuta,per il resto occorre solo capire quali sono i motivi della malattia e cercare di eliminarli alla fonte(prevenzione).e fortificare il sistema immunitario che ha in se tutte le conoscenze per far sopravvivere in salute l´organismo.
una buona domenica a tutti...daniele,merl1n0, silvio ,tia...qui é appena mattino.

Virgilio Catanzano ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
All'origine la miopizzazione e' un fenomeno transitorio dovuto al "conflitto di attacco alla nuca", se al bambino verra' dato il tempo o se conpensera' con le tecniche batesiane avra' alla fine la restituzio ad integrum, se invece gli inforcheranno un paio di occhiali per tutto il giorno non potra' fare altro che adeguarsi a quella correzione diottrica, cronicizzarsi, ed alla prossima ricaduta conflittuale miopizzarsi ulteriormente, fino a raggiungere miopie elevate.
E non sara' certo la correzione diottrica, di qualunque tipo, a scongiurare i pericoli fisiologici di una alta miopia quali il distacco di retina.
Queste cose sono scritte anche nel consenso informato che avranno fatto firmare a daniele poco prima dell'intervento, insieme a tutti i rischi e complicazioni possibili con l'operazione... Ma ci avra' pensato in quel momento?

merl1n0 ha detto...

Devo concludere che la risposta alla mia domanda: "conosci casi documentati e statistiche" e' no.

Quel che segnali vale quanto qualunque dichiarazione non documentata. Grazie, ora sono piu' convinto di prima.

Virgilio Catanzano ha detto...

bravo merlino che poi alla fine nell´esistenza quello che conta piu´di tutto sono le convinzioni e la perseveranza con cui esse vengono portate avanti.

anche i contadini che riempiono i loro campi di ormoni per la crescita pesticidi e fertilizzanti chimici sono stati convinti dalle dichiarazioni documentate riportate dalle industrie.

penso poi alla guerra in iraq anche li ci sono state tantissime dichiarazioni documentate sull´esistenza di armi di dstruzione di massa.

evviva le dichiarazioni documentate,almeno fino a prova contraria.







merl1n0 ha detto...

Intendi dire che una volta si guariva dalla miopia proprio perche' non c'e' alcun riferimento documentato?

Virgilio Catanzano ha detto...

una volta non lo so,ma solo per il fatto che tu non conosca altri studi sull´argomento cio´non vuol dire che non possano esistere altri metodi di affrontare il problema.
e basandosi solo ed esclusivamente sulle proprie conoscenze si perde il punto di vista della storia e se vogliamo di questa discussione,e cioé la ricerca di una medicina che cura.
lo so lo spero almeno immagino che la tua sia buonafede merl1n0 e sicuramente le tue argomentazioni sono condivisibili perché ciarlatani che hanno condannato alla morte persone sprovvedute,ce ne sono,ce n´erano e ce ne saranno,ma ci sono stati medici vedi il dottor gerson appunto ed il dottor di bella che ciarlatani non lo erano affatto!
se vuoi documentarti le carte si trovano,i loro studi sono portati avanti da altri luminari in tutto il mondo,qui non parliamo di occhio malocchio prezzemolo e finocchio,ma di gente che ha sacrificato la vita alla ricerca con l´intento di portare avanti una medicina che vada aldila´delle medicine appunto per non costringere milioni di persone di avvalersi esclusivamente dei prodotti di poche industrie che cercano di avere il controllo assoluto sulla possibilitá che tu guarisca o meno.fabbriche di droghe appunto.
ad ognuno le sue convinzioni,ma per me se una convinzione nasce dal buon senso questa é a priori gia giusta e meritevole di essere perseguita,ma di buon senso oramai ce ne é sempre di meno perche´?perché la natura é buon senso,e noi la natura non sappiamo piu´ come é fatta.
parlo anche della natura di cui noi siamo fatti.
chi puo´dire di conoscere l´essere umano nella sua interezza e le complesse relazioni che regolano la sua vita sia interna che esterna?
be quando troverai una fonte ben documentata con statistiche precise e puntuali bhe spero me lo farai sapere.

merl1n0 ha detto...

Io non conosco altri stuidi sull'argomento, quindi possono esistere; ok. Chi li conosce li puo' segnalare. Prendersela con la documentabilita' non rende piu' vere le dichiarazioni non supportate. Al contrario, le relega ancor piu' tra le ombre della superstizione.

Le verifiche indipendenti sono importanti. Sono l'unico modo che permette di distinguersi da "Wanna Marchi". Non ce n'e' altri.

Quanto ai "prodotti di poche industrie che cercano di avere il controllo assoluto sulla possibilitá che tu guarisca o meno":

Anni fa soffrivo d'insonnia. Notti in bianco.
Penserai che ho preso calmanti/sonniferi, immagino.
No, nient'affatto. Ho seguito alcuni esercizi di rilassamento trovati su un paio di libretti che parlavano di yoga.

Ebbene, sono riuscito a rilassarmi e dormire bene, svegliandomi riposato e di buon umore. In seguito non ho continuato con gli esercizi, e non ho approfondito lo yoga, ma almeno ho ripreso ad addormentarmi normalmente. Sporadicamente mi ricapita ma rifiuto categoricamente di prendere cose piu' forti di una camomilla.

Detto questo, non credo nei chackra, non credo in un sacco di storie che sento raccontare tra i piu' convinti "yogatori" eccetera.

Rimango invece convinto della verificabilita' e del riscontro. A me, qualche giorno di esercizi di rilassamento ha aiutato. Su questo non ci faccio uma scienza (non e' il mio ambito).

E rimango un acceso sostenitore del "effetto placebo", che per me e' una delle prove delle possibilita' dell'organismo di aiutare se stesso nella guarigione, ed essendo misurabile offre una finestra alla scienza per l'esplorazione.


Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Io te li ho dati i riferimenti, se non li trovi su medbunker che ci posso fare?
Googla "william horatio bates" o scaricati "perfect sight without glasses"
Googla "conflitto di paura alla nuca" o comprati "testamento per una nuova medicina"
Il punto e' che se non svuoti un po' la tua tazza di the non ce ne puo' stare altro.

Puoi trovare i riferimenti dove si parla male scientificamente della cheratomia radiale... Nei documenti della lasik!
Puoi trovare i riferimenti dove si parla male scientificamente della lasik... Nei documenti della prk! :-)
Capisci che e' un continuo venderti qualcosa che dopo pochi anni si accorgono che fa male, e' pericoloso, meglio un'altra cosa nuova che ho da venderti?

Tu il documentario che qualcuno ha linkato piu' sopra non l'hai visto, vero?
Ma tu quando spacciavano l'azt come cura quanti anni avevi? Non c'eri?
Ed il bello e' che non verra' mai fatta una norimberga per questi crimini contro l'umanita', tutti i milioni di morti hanno firmato il consenso informato...

Virgilio Catanzano ha detto...

scusami silvio crimini contro il pianeta.non solo contro l´umanita´!!! siamo responsabili di quello che sta succedendo i nostri piccoli chimici sprovveduti stanno provocando l´estinzione di moltissime forme di vita e questo é il crimine peggiore!!!É l´unico pianeta del sistema solare che puo´ospitare vita rigogliosa e noi lo stiamo avvelenando.

tia_ ha detto...

>Mai sentito parlare di morire di vecchiaia?

Quando si muore c'è sempre qualcosa che fallisce e se fallisce è perchè non è perfettamente in salute.

>Però testimonio anche che il mio occhio sinistro (pigro) tenderebbe sempre a riadagiarsi, perdere l'accomodamento e via a ripartire con la miopia; ne sono consapevolissimo ed è per questo che ogni volta che vedo (letteralmente) che la sua acutezza sta calando mi rimetto a fare per qualche giorno alcuni dei semplici esercizi raccomandati da Bates e in breve tempo torna nuovamente a posto. Per piccole miopia funziona benissimo.

Non è vera miopia, ma pseudomipia (miopia accomodativa) dovuta alla non pieno rilassamento del cristallino, in cifre tipicamente 0.25-0.50 diottrie, che comunque si fanno "vedere".
A me capita quando passo svariate ore al pc.
La vera miopia è una alterazione meccanica dell'occhio (allungamento) che il cristallino non può compensare neppure quando è massimamente esteso.

>Capisci che e' un continuo venderti qualcosa che dopo pochi anni si accorgono che fa male, e' pericoloso, meglio un'altra cosa nuova che ho da venderti?

Si chiama evoluzione tecnologica. Mille anni fa ti vendevano un foro nella testa per farti passare il mal di testa e oggi l'aspirina.

merl1n0 ha detto...

@Silvio

Ma cosa ti ha fatto di male quel sito? Sembra che se non ci fosse uno che smaschera i trucchi da ciarlatano di taluni guaritori staremmo tutti meglio.

Io penso il contrario e che andrebbe ringraziato, piuttosto. C'e' gente pronta a convincerti che il cancro si cura col bicarbonato. Tu che fai, non ringrazi uno che smaschera (clamorosamente, direi) l'insussistenza di una simile idea e che dimostra le falsificazioni fatte per convincere gli inesperti?

Se ci tieni davvero ad una nuova medicina, piu' rispettosa, completa ed etica, non credi che questa possa arrivare prima se non viene danneggiata da guaritori pseudo scienziati che usano trucchi ciarlataneschi? Non pensi che i truffatori affossino le possibilita' dei pochi ricercatori alternativi onesti?

E se le loro teorie sono corrette, stai tranquillo che non c'e' niente da smascherare. Perche' i tentativi di mostrare false le idee vere falliscono.

Silvio Caggia ha detto...

@virgilio catanzano
Finche' parliamo solo di medicina mi fermerei ai crimini contro l'umanita'... Quelli contro il pianeta hanno altre responsabilita', credo...

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Hai presente un fiore? Una pianta? Nasce, cresce, si riproduce, avvizzisce, muore. Deve per forza ammalarsi per morire? Tutte le piante si ammalano prima di morire? Perche' dovrebbe essere diverso per gli animali e per l'uomo? Ma non hai mai sentito di nessuno morto di vecchiaia? Sei giovane, sei scusato... :-)

Silvio Caggia ha detto...

@tia
L'occhio e' una struttura biologica un po' piu' dinamica di come ce la dipingono a scuola...
Il potere diottrico cambia continuamente, coinvolge tutta la struttura ed e' governato dal cervello.
Pensa solo che ci sono bambini afachici (senza cristallino) che riescono a mettere a fuoco al punto prossimo ed al punto remoto... Pensa che io stesso con un po' di santa pazienza e molto impegno arrivo ad avere dei clear flash da 8/10 partendo da un errore refrattivo di -3 diottrie... :-)

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Quel sito fa semplice disinformazione, non ce l'ho con quello, ma con chi legge SOLO un punto di vista come quello ed esprime poi un giudizio su qualcosa senza leggere prima il punto di vista originale dell'autore.
Sono tranquillo che alla lunga (100 anni) la verita' verra' fuori, altrimenti foreremmo ancora i cranii e distribuiremmo azt... ma io non posso aspettare cosi' tanto... :-)

Virgilio Catanzano ha detto...

@silvio

nn mi riferisco alla medicina,mi riferisco alla chimica della medicina.e a tutto quello che sta dietro a tale pratica.
stiamo immettendo in natura attraverso feci urine e rifiuti sostanze che o non esistevano o se esistevano erano equilibrate e non pure,tali sostanze finiscono nella catena alimentare e vanno ad alterare la vita di tutto il mondo vivente,ti faccio un esempio,la pillola che usano le donne,gli ormoni finiscono nei fiumi attraverso i depuratori e cosi oltre alle umane anche altri esseri non riescono piu´a procreare...tutto é collegato silvio quello che fai a te stesso consapevolmente o no ricade anche su gli altri con effetti poco prevedibili nel lungo periodo.
scusami visto che sugli occhi sei ben ferrato a mia suocera che é ipermetrope ed astigmatica hanno proposto un intervento per impiantare una lente all´interno dell´occhio,a me questa cosa mi puzza,sai se ci sono soluzioni alternative?
ti ringrazio anticipatamente

Silvio Caggia ha detto...

@virgilio catanzano
Ti consiglio di far iscrivere tua suocera alla mailing list Visus ed esporre li il suo problema, trovera' sicuramente persone qualificate che potranno darle utili informazioni sui problemi della vista, ovviamente in un'ottica di educazione visiva :-)

http://it.groups.yahoo.com/group/Visus/

Virgilio Catanzano ha detto...

;)

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Ce l'ho fatta, ho dovuto invocare l'intercessione di san daniele ma alla fine sono riuscito a trovare il mio commento che avevo scritto tempo fa... :-)
Si trova nel post "Una piccola comunicazione" http://22passi.blogspot.com/2012/11/una-piccola-comunicazione.html
ed e' il commento scritto il 16 novembre 2012 alle 01:48 indirizzato ad andrea michielin, inizia pure da "Se potessino convocare"

Riguarda appunto l'effetto placebo e rispecchia, se ti potesse mai interessare, la mia personale supra-visione su tutte le medicine, buone o cattive che medbunker le giudichi... :-)

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
@tia
Davvero mi piacerebbe avere la vostra opinione su quello stralcio... Chissa' che non vi ci riconosciate anche voi in quella definizione di medicina "super-partes"... L'apertura scientifica al placebo mi fa ben sperare... Vi basta l'importanza del fattore "momento giusto"... :-)

merl1n0 ha detto...

Ciao, ho trovato e letto il commento che dici.

Premetto che non sono un medico e sono digiuno di terminologia specifica (d'altra parte cercando "processo bifasico" google trova testi di diritto :-) ).

Qualcosa sul placebo mi pare che lo si sappia gia': ha una portata limitata, e ha piu' forza per situazioni in cui la componente psicosomatica e' prevalente.

Ti segnalo questo, che mi pare molto interessante.
http://www.pforster.ch/Placebo/Trattato.html
Per alcune considerazioni che fai penso che potresti essere d'accordo in alcuni passaggi.

In gran sintesi: placebo puo' sempre aiutare in una terapia, consentendo di ridurre il dosaggio di principio attivo (meno farmaco, piu' effetto).

Poi: i risultati riportati sono statistici: quindi (es. buoni esiti trattando ulcera con placebo nel 40% di casi) sono delle medie e "nascondono" o appiattiscono eventuali casi eccezionali.

Per esempio: magari uno ogni mille guarisce da un male serio grazie a solo placebo (e' convintissimo della terapia che segue, per quanto magari sia priva di statistiche di successo confortanti).

Bene, quel uno su mille sarebbe quello che possiede delle capacita' personali che altri non hanno. E' un fatto naturale a cui siamo abituati. C'e' chi ha forza eccezionale, chi ha memoria strabiliante, intelligenza superiore e via discorrendo. Non troverei troppo strano che alcuni abbiano capacita' di "autoguarigione o sensibilita' al placebo" molto superiori alla media. E sarebbe bello se si potesse "aumentare" queste qualita' in chi ne abbia meno.

Detto questo io, che sono una persona media e non sono speciale in alcunche', so bene che a fronte di un malanno, faro' bene ad avere attese positive, e faro' bene ad affidarmi ad un farmaco di provata (scientificamente) efficacia.

In fin dei conti,nella sperimentazione clinica, un nuovo farmaco si giudica efficace solo se dà risultati significativamente superiori ad un placebo.

Del tuo commento contesto un passaggio:

"Chi di voi puo' dire di aver guarito una persona ..."

Ecco: aver guarito una persona e' proprio cio' che non fa testo in ambito scientifico. O ci sono statistiche significative, o manca la necessaria "guida al progresso" per la terapia, e la necessaria "selezione naturale" per cui i rimedi efficaci resistono e quelli inefficaci si estinguono.

Io, per me, tra due terapie A e B delle quali sapessi:

"con la terapia A mio cugggino e' guarito dopo che lo avevano dato per spacciato"

e "con la terapia B il 20% dei pazienti guarisce ed il 50% supera il quinto anno dall'inizio della terapia"

Sceglierei la B.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Tieni presente che quel brano e' estratto quasi alla fine di un libro... il processo bifasico lo trovi spiegato prima nelle "5 leggi biologiche"... googla questa stringa e trovi tutte le spiegazioni che vuoi.

Sono daccordo in molti passaggi "pratici", tipo sul fatto che finche' si parla di malattie banali (che ricordiamoci sono la maggioranza dei casi!) questi processi non necessitano di medicamenti, basta concedere all'organismo il tempo e la calma per ristaurarsi. Esempio per tutte le battute:
-L'influenza curata dura due settimane, quella non curata quindici giorni.
-il medico deve divertire il paziente mentre la natura lo guarisce.
Peccato che queste cose magari a te ovvie vengono ignorate comunque dalla maggior parte delle persone e purtroppo anche da molti medici.
Motivo per cui consiglio a tutti la lettura del testo che hai linkato, quantomeno per entrare in una certa ottica di slegarsi dal bisogno del rimedio e dalla paura che viene se non ci si cura come ha detto il medico. :-)
Quello che ovviamente non c'e' scritto e' che questo processo, chiamato malattia, segue sempre il processo bifasico di cui sopra (che ti devi andare a studiare!) e che non e' una sfiga cosmica che ce l'ha con te, ma ha un senso biologico e quindi una causa che lo ha attivato, motivo per cui proprio tu (e non un altro) ti ammali proprio di quella malattia (e non un'altra).
E' questo un paradigma completamente diverso da quello della medicina 1.0, per cui all'inizio ti puo' sembrare assurdo e paradossale, ma se verifichi retroattivamente, alla luce delle 5 leggi biologiche, tutte le malattie che hai avuto finora, scopri che e' stato proprio cosi'.
Cosa manca ancora? Rendersi conto che quanto hai capito e verificato su te stesso non funziona solo sulle malattie "banali", che non c'e' alcuna classificazione naturale delle malattie in banali e gravi, il processo bifasico e' lo stesso, le cause analoghe, la cura quindi analoga, solo con un pochino piu' di attenzione verso il monitoraggio dei parametri vitali per compensare dolcemente eventuali deviazioni se qualcosa va "storto".
Il tutto codificato in maniera scientifica ed ineccepibile.
Ecco, ti ho presentato la medicina 2.0, detta NMG, scoperta dal dottor hamer 30 anni fa.
Ora invece guarda su medbunker come viene presentata, e poi chiediti perche'... :-)

merl1n0 ha detto...

Ciao,
come suggerisci ho cercato Hamer su medbunker. Per valutare e' sufficiente questo passo:

--- INIZIO ---
Anche nel caso di Hamer, esisterebbero centinaia di persone "guarite" dal cancro, ma di queste persone non esiste una documentazione completa, non esistono dati controllati, non esiste traccia del loro decorso, solo testimonianze vaghe, solo testimonianze da parte di Hamer o dei suoi seguaci.
[...]
Quando una persona "guarisce" (al solito in questi casi non esistono diagnosi ufficiali, esami istologici, cartelle... solo la parola del "guaritore") è per merito di Hamer, quando non succede (e quando si tratta di malattie documentate non succede mai che si guarisce) è "colpa" del paziente che non è riuscito a "risolvere il conflitto" o non ci ha creduto sino in fondo.
--- FINE ---

E' appunto un caso di "terapia A", come la chiamavo nel mio commento precedente ("mio cugggino era grave serio ma poi e' guarito").

Non devo chiedermi perche' viene presentato cosi'.
Se non ci sono risultati documentabili allora non ci sono risultati documentabili.

Al di la' della medicina, in tutte le discipline, ci sono quelli che hanno scelto e condiviso un certo criterio per dire di qualcosa: "e' vero".
Quelli che lo adottano, col tempo, hanno prodotto il computer, internet, l'infrastruttura grazie alla qale stiamo comunicando, e hanno reso disponibili le conoscienze di cio'-che-e'-vero secondo il loro criterio.

Bene. Se tu, Silvio, affermi qualcosa, per far pensare a me che quel qualcosa *e' vero*, allora deve essere conforme a quel criterio che ti ho detto. Osservabile, riscontrabile, ripetibile, eccetera. Altrimenti rimane tutt'alpiu' uno stimolante argomento di conversazione, senza speranza di poter valere di piu'. E non dipende da me. Non e' un fatto personale, ed e' anche questo a permettere la credibilita'.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
"Osservabile, riscontrabile, ripetibile"
Sacrosanto discorso, infatti hamer diceva: trovatemi anche un solo caso che non rispetta le 5 leggi biologiche ed io brutto a mare tutta la NMG.
E dopo trenta anni ancora non glielo hanno trovato... Altrimenti si sarebbe messo l'anima in pace!
Per questo non solo considero le 5 leggi biologiche validate da migliaia di casi, ma sono soprattutto falsificabili e MAI falsificate da alcuno quindi sono scientificamente corrette, cosa che non si puo' certo dire delle medicine che vanno avanti invece a piccoli delta percentuali rispetto alla percentuale dei placebo...
Solo che, ripeto, queste cose non le troverai mai scritte su medbunker, sono verita' scomode che puoi leggere solo altrove.
Hamer chiede da trenta anni che gli permettano di gestire ufficialmente e sotto monitoraggio esterno un repartino di oncologia in cui si trattino al 100% secondo le 5 leggi biologiche una ventina di malati cosi' da poter falsificare le sue teorie, ma "ovviamente" non solo non glielo consentono ma lo costringono a fare il suo lavoro in totale clandestinita', infatti la nmg e' di fatto vietata in tutto il mondo, a differenza di tutte le medicine alternative e complementari che per quanto derise sono tuttavia sopportate e a volte anche supportate dalla medicina... Chiediti sempre perche'...
Poi se vuoi ti mando in privato qualcuno dei migliaia di casi di cuggini che sono guariti completamente grazie alla conoscenza delle 5 leggi biologiche, come pure dei cuggini che proprio grazie all'ignoranza delle 5 leggi biologiche sono ovviamente morti, ma mi hai gia' detto che le storie dei cuggini giustamente non ti interessano e di questo ti faccio onore.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Comunque non ti fermare a medbunker, ci sono almeno due domini (si', domini, non semplici pagine web!) interamente dedicati a fare disinformazione su hamer e la NMG. Da una mia ricerca di qualche mese fa non ero riuscito a trovare in tutto il web altre persone a cui avessero dedicato un intero dominio per fare disinformazione attiva su di lui, eccetto andrea rossi, obama e ratzinger. Chiediti sempre perche'...
-----------------
Chi non conosce la verita' e' un ignorante, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, e' un delinquente.
[Bertolt Brecht]

Virgilio Catanzano ha detto...

@silvio

sono rimasto di stucco nel leggere la storia del dott hamer,tra l´altro conoscevo la storia del traditore della patria ma non immaginavo che era il figlio del dott ad essere stato colpito.
la sua vita ricalca filo filo quella del dott gerson,anche lui tedesco,interessante che anche quest´ultimo ha individuato le stesse cause nella formazione dei tumors.
solo che a gerson é andata anche peggio visto che é morto avvelenato.
percio´merl1no,tu hai ragione nel parlare di test di convalida delle terapie,ma leggendo due storie molto simili tra loro come quella dei due dottori appena citati la loro vita non e´gia di perse´sufficente come dimostrazione di quanto essi affermano e di come la medicina ufficiale ``guarisce le persone``?

Virgilio Catanzano ha detto...

@silvio
grazie mille merita un approfondimento,ho dato una letta veloce e ci ho capito qual cosa,interessante la storia dei microbi che agiscono su comando del cervello,anche le piante funzionano con i microrganismi che vivono nelle radici.
hai dei siti attendibili sui quali potersi documentare?

merl1n0 ha detto...

No. Se mi capitera' di cercare una terapia per me non rischiero' questa situazione:

http://www.cadoinpiedi.it/2013/03/21/curava_il_cancro_con_la_vitamina_c_condannato_falso_oncologo.html

E non si tratta di "parlare senza conoscere".
Si tratta solo di quale criterio si usa per dire: "X e' vero".

Per esempio, se uno studia matematica, poi non ha nessun bisogno di conoscere la "numerologia" per confutarla. Gli strumenti che ha sono del tutto sufficienti per stabilire che si tratta di bubbole, senza bisogno di approfondimenti sulla numerologia. Tutto cio' che usiamo comunemente oggi sarebbe impossibile senza matematica. Nulla di cio' che usiamo comunemente oggi sarebbe possibile grazie alla numerologia.

E lo stesso per le terapie ed i terapeuti.
Uno non ha bisogno di conoscere / approfondire le teorie di Tizio o di Caio. Se Per come espongono e per come spiegano le loro cose non sono distinguibili da "Wanna Marchi" allora non c'e' da perdere tempo e rischiare la (propria) vita.

Se un medico mi dice "sono vittima di un complotto" la prima cosa che devo fare e' darmela a gambe. La vita a rischio e' la mia.

Silvio Caggia ha detto...

@virgilio catanzaro
Googlando "5 leggi biologiche" dovresti facilmente trovare i siti di
nuovamedicina.com
albanm.com nuovamedicinagermanica.it
Poi se mi scrivi in privato posso prestarti qualche libro tipo "grazie dottor hamer" o "testamento per una nuova medicina"

Virgilio Catanzano ha detto...

merl1n0 sei su un altro pianeta,io parlo di dottori veri e tu parli di dottori falsi.

sei liberissimo di affidare la tua vita e i tuoi soldi a chi meglio credi.

qui si discute di medicina che cura!ma ti sono stati portati esempi e fonti che tu puoi benissimo consultare,sarai dipendente di qualche casa farmaceutica?

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Mio figlio fa prima: mette le mani sulle orecchie e poi fa "la la la la la!" :-)

Virgilio Catanzano ha detto...

silvio ti scrivo in privato a due condizioni
la prima e´che mi dici come?
la seconda é che non mi chiami piu´CATANZARO
UAUAUAUAUAUUAUAUAUUA

merl1n0 ha detto...

I dottori veri non sono "vittima di complotto".

Virgilio Catanzano ha detto...

per esempio????

Silvio Caggia ha detto...

@virgilio catanzaNo
Cliccando sul nome degli utenti accedi alle loro informazioni personali... Se le hanno messe! :-)

Scusami ma per nomi e date sono una frana! :-D

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
"La verità è che, eccetto in rari casi, l'uomo non è un essere razionale. Egli è dominato dall'autorità, e quando i fatti non sono in accordo con la visione imposta dall'autorità, allora tanto peggio per i fatti. Questi
potranno, e certamente dovranno, vincere nel lungo periodo, ma nel frattempo il mondo brancola inutilmente nell'oscurità e
permane la molta sofferenza che poteva essere evitata"
Dr. William Horatio Bates

merl1n0 ha detto...

Parlate di medici veri? Un medico radiato dall'albo non e' un medico vero.

Esattamente come un ladro che dice di essere onesto, se condannato, e' un vero ladro e un falso onesto (dis-onesto). E non perche' lo dico io. Ma perche' lo dice una regolare sentenza.

E' molto semplice e so che lo capite benissimo, ma lo spiego lo stesso:

Siamo specializzati.
Dopo anni di studio, impegno, lavoro ed esperienza, so fare bene determinate cose, so quel che dico quando parlo delle cose su cui lavoro eccetera. Lo stesso vale, naturalmente, per ogni onesto professionista.

Per questo motivo io sono specializzato nel mio, e un altro e' specializzato nel suo. Fin qui e' tutto supremamente ovvio.

Se ho un problema di salute devo rivolgermi ad uno specialista. Ovvio anche qui.

Devo anche essere sicuro che si tratti di un vero ed onesto specialista:
- Potrebbe essere un millantatore:
- Potrebbe agire scorrettamente.

Per tutelare me, che sono profano, e per tutelare chi crede di saperne moltissimo, ci sono altre due cose forse meno ovvie ma certamente note a tutti noi:

-- abbiamo le scuole, le universita', le specializzazioni, le abilitazioni.
Servono per garantire a me, che *ignorante* in quella materia, di avere davanti una persona competente.

-- Siccome puo' non bastare, abbiamo anche la legge; sempre per garantire a me, che sono profano, di avere davanti un corretto professionista. Se la legge stabilisce che un medico si e' comportato scorrettamente, viene radiato dall'albo e non puo' piu' esercitare. Altrimenti io, profano, rischierei di affidarmi alle mani di un disonesto.

E siccome sono profano, scuole, abilitazioni e leggi servono per garantire me al meglio possibile di avere davanti una persona competente e corretta.

Ora, uno puo' anche dirmi: "leggiti le cinque leggi biologiche e tutto sara' chiaro" tuttavia:

1) Io ho impiegato molti anni per acquisire la competenza che mi consente di svolgere il mio lavoro.

Se proponessi ad un profano di leggere quattro cose per capire come e perche' funziona quel che faccio io, e questi dopo aver letto qualche ora o qualche giorno avesse ben chiare le cose, beh, allora vorrebbe dire che per fare quello che faccio io sarebbe bastato studiare pochi mesi.

La verita' e' che la realta' e' complicata e difficile. Per ottenere risultati veri serve impegno, fatica, continuita', conoscenza e giusti criteri. Chi segue la direzione del riscontro scientifico accumula e tramanda conoscienze, crea le premesse per la comprensione e, per le conseguenti soluzioni.
Chi devia sul percorso delle soluzioni semplici e suggestive ("basta il bicarbonato per guarire il tumore!", "il cancro e' un fungo", "con le vitamine si guarisce tutto" eccetera) si inganna. Puo' ingannarsi, se vuole, ma non puo' ingannare, le vite con cui gioca non sono le sue.

Virgilio Catanzano ha detto...

certo merl1no sai che diceva la scienza ufficiale prima di galileo?le stesse cose che dici tu!infatti galileo fu radiato bandito ed imprigionato.
ma la storia per fortuna ha restituito pane al pane e vino al vino!!! peccato che le scuse siano arrivate diversi secoli dopo solo con giovanni paolo 2!!

merl1n0 ha detto...

La scienza ufficiale prima di Galileo diceva: "Ipse Dixit".
Cioe', "e' vero perche' c'e' scritto qui".

Galileo ha cambiato criterio.
E oggi si dice scientifico cio' che usa la verifica sperimentale per poter dire: "X e' vero".

Una medicina che se ne avvale e' scientifica. Le altre no. Sono rimaste, appunto, ai tempi di prima di Galileo.



Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Se non ho capito male sei medico ed anche specialista, questo spiega perche' non ti interessano i racconti dei cuggini, cosa saggia, e spiega anche perche' tu non abbia tempo e voglia di spendere dieci minuti per leggere le 5 leggi biologiche. Quello che non si spiega e' dove trovi il tempo e la voglia di leggere i siti dove si critica la nmg e hamer... Come dire, il tempo e la voglia di vedere la partita in tv non ce l'hai, ma il tempo di seguire il processo del lunedi' ed il coraggio di esprimere giudizi sulla partita non ti mancano... :-)
L'importante e' che con onesta' lo hai ammesso, non sai niente delle 5 leggi biologiche, ma sei certo che siano cazzate altrimenti medbunker e gli altri siti non ne parlerebbero cosi' male, anzi, hamer invece di essere radiato dall'albo sarebbe oggi nobel per la medicina e te lo avrebbero insegnato a scuola... :-)

Che ti posso dire? Sei in una botte di ferro! Spero non ti dispiaccia se invito tutti quelli che ci leggono, meno te ovviamente, a leggere la storia di una mia cugggina, una delle prime verifiche ufficiali della nuova medicina. Il documento e' uno dei tanti presenti nel trattato di medicina "testamento per una nuova medicina" scritto da hamer, testo di medicina scritto per i medici e molto pesante per un non laureato in medicina... Ma visto che i medici non se lo leggono (dove lo trovano il tempo di leggersi 1300 pagine?) vuol dire che se lo leggeranno i pazienti, che tanto di tempo e voglia ne hanno da morire...
Stavo quasi per mettermi a digitare qui le lunghe pagine del caso quando per mia fortuna grazie a san google ho scoperto che qualcuno lo aveva gia' fatto in un commento su un forum, per cui vi linko semplicemente il commento che ho verificato essere fedele al documento.

www.godlikeproductions.com/forum1/message250408/pg1#4482856

Virgilio Catanzano ha detto...

no caro la scienza ufficiale diceva che la terra era piatta quando é dai tempi dell´antica grecia che si sapeva che la terra era sferica e girava intorno al sole.chi affermava il contrario veniva denigrato e ridicolizzato.
chi deteneva il potere allora aveva tutto l´interesse nel tenere le persone nell´ignoranza,proprio come avviene oggi.
perché e´ nel terreno dell´ignoranza che nasce il seme della schiavitu´.

merl1n0 ha detto...

Caro, di "scienza ufficiale" parli tu. Io ho parlato sempre di metodo sperimentale, anche detto metodo scientifico, o galileiano.

E' quello che ci ha permesso di avere l'aspirina anziche' l'infuso di salice (per i fortunati che ci indovinavano; agli altri, salassi ed emetici) e l'antibiotico anziche' Oscillococcinum CH30.

Cioe' il criterio che si usa per stabilire che qualcosa e' vero. E' l'unico criterio che non dipende dalle parti, perche' interroga la Natura. Cosi', con il metodo sperimentale, una cosa si stabilisce vera, "perche' lo dice la Natura"; non piu' "perche' lo dice lui. E basta".

So che hai capito benissimo, e guardo con curiosita' al prossimo modo di travisare, che temo non tardera'.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
"Una medicina che se ne avvale e' scientifica. Le altre no. Sono rimaste, appunto, ai tempi di prima di Galileo."
Sono daccordissimo con te su questo, non siamo daccordo invece su QUALE sia la medicina che applica il metodo scientifico e quale invece no! :-D
L'attuale medicina 1.0 e lontanissima dalla "medicine by evidedence" che preconizzi tu, se solo applicasse davvero il metodo scientifico e non seguisse gli interessi politici ed economici si sarebbe gia' evoluta nella medicina scientifica 2.0, e invece stiamo qui a discutere di cose che non vuoi conoscere... Non noti una certa discrepanza tra la medicina che hai in testa e quella che c'e' nel mondo reale intorno a te? :-)

Virgilio Catanzano ha detto...

La scienza ufficiale prima di Galileo diceva: "Ipse Dixit".
Cioe', "e' vero perche' c'e' scritto qui".

che c´e´ da travisare?

Virgilio Catanzano ha detto...

e una medicina scentifica non é forse frutto della scienza ufficiale secondo il tuo ragionamento?

spiegami merl1 perche´secondo me non ti capisci nemmeno da solo!

Virgilio Catanzano ha detto...

@silvio

ho letto con attenzione le 5 leggi
sono piu´ che scientifiche sono logiche,ma non capisco una cosa secondo hamer gli sciock sono solo
da intendere nella sfera emotiva o possono anche essere addebitati a cause ``esterne``come scompensi chimici all´interno dell´organismo?

Virgilio Catanzano ha detto...

che so per dire: se il cervello che e´... odio la parola computer...l´organo addeto al coordinamento tra le varie parti del corpo utilizza determinate sostanze per attivare i processi di simbiosi,non sarebbe possibile secondo te che l´assunzione di determinate sostanze o la carenza possa attivare o disattivare determinati processi all´interno di un organismo travisando il dictat del cervello quando un organismo non e´ in equilibrio bio chimico?
mi sembra che a questa teoria manchi qualcosa,ma sicuramente devo approfondire il discorso.
questo blog é pericoloso!!! ;D

Silvio Caggia ha detto...

@vincenzo catanzano
Non e' la sede per una disamina di questi dettagli...
Pero' ti consiglio di approfondire il concetto di DHS dove troverai risposta a questo tuo dubbio con esempi di cosa e' e cosa non e' una DHS.
Ora attenzione, non e' che tutto quello che non e' una dhs non faccia male, semplicemente non innesca un programma SBS... Ripeto, non vuol dire che non possa creare altrimenti problemi alle cellule dell'organismo, ma queste problematiche esulano dalla nmg (come esulano la psicologia pura e la traumatologia tra l'altro). Come dire, se assumi dei veleni magari le tue cellule moriranno prima e magari tu invecchierai prima, ma (salvo l'assunzione di dosi letali) non sono questi la causa delle tue malattie. Almeno questa e' la mia interpretazione personale.

merl1n0 ha detto...

@Silvio

Ho letto il link che segnalavi (godlikeproductions eccetera).

A te sembrano elementi convincenti?
Non lo sono; tutt'altro. Sono, cose da credere "perche' c'e' scritto qui". Per l'appunto il criterio pre - Galileiano.

E, a parte questo, non sembrano neppure grandi novita'. Il tipo deve aver letto "Il libro dell'Es" di George Groddeck ed aver deciso che anche i piu' gravi mali devono essere psicosomatici e che se la psiche li puo' permettere allora la psiche li impedire e risolvere.

E' molto semplice vedere quanto quest'idea sia limitata: ti propongo un esempio.

Cammini in un prato e scivoli, cadendo in fondo ad un pozzo artesiano.

Bene; e' stato il tuo corpo a portarti li', giusto? Allora dirai che il tuo corpo ti tirera' fuori, no?

No. E' stata la gravita' a portarti in fondo al pozzo, il corpo ha solo subito l'ambiente, che lo ha fatto cadere in fondo. Non potra' tornare indietro da solo.

Ora, per tirarlo fuori, le buone parole fanno poco, se non alpiu' fornire conforto.
Servono soccorsi qualificati e strumenti idonei, altrimenti non ne vieni fuori.

Ecco. E' giusto curare al massimo la prevenzione (non recarsi in posizioni pericolose) ma se "ci caschi" poi serve l'aiuto migliore, piu' qualificato e piu' efficacie. Il cibo sano, la dieta mirata, non basteranno.
Non sara' il genio incompreso, vittima di complotto, oscurato e vilipeso dall'invidia dei colleghi, o dall'avidita' dei potentati medicofarmaceutici a tirarti fuori. Se e' in buona fede ha strumenti troppo piccoli e criteri antiquati ("e' vero perche' lo dico io, e pure diversi cugggini") per un problema troppo grande. Se e' in malafede (e come fai a escluderlo?) sei fritto.

Virgilio Catanzano ha detto...

intendo silvio cage!

merita cmq approfondimento!!!

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Eh no! Che fai? Ti leggi la storia di mia cugggina? Ma se a te la avevo espressamente sconsigliata!
Anche perche' non sapendo tu di cosa ti devono convincere, ci credo che non ti possano convincere! :-)
Le verifiche delle 5 leggi biologiche possono aver senso solo per quelli che almeno le conoscono! Tu, non sapendo che sono, che te la leggi a fare una verifica?!? Hai perso solo del tempo prezioso che potevi dedicare a cose piu' proficue...
Continuo a stupirmi di dove trovi il tempo di leggerti una verifica della nmg, testo molto lungo e prolisso, quando non hai tempo di leggerti le concise 5 leggi biologiche...
E dovi trovi il tempo di dissertare su una cosa che, per tua scelta, non conosci...

Comunque una verifica e' una certificazione, da parte di terzi, del riscontro di una previsione che hai fatto basandoti su una teoria.
E' da credere perche' c'e' un documento con timbro e firma di medici terzi che dicono che hanno riscontrato vera una predizione fatta dalla teoria.
Questo e' il metodo scientifico. E purtroppo NON viene usato in medicina, dove vengono continuamente fatte delle previsioni (diagnosi, terapie), si verifica spesso che sono sbagliate, e tuttavia non si rimette minimanente in discussione la teoria che le ha prodotte! Un fisico o un chimico inorridirebbero!
Centinaia di verifiche di questo genere non sono altro che centinaia di cugggini guariti miracolosamente, dal punto di vista scientifico dovrebbero pero' spingerti a cercare di falsificare la teoria e, finche' non ci riesci, ritenerla valida.

Le 5 leggi biologiche non parlano di psicosomatica o di psicologia o di psiche ma di biologia, quindi tutta la tua discussione che fai su Groddeck anche se fosse giusta non centra nulla con l'argomento di cui si parla e che riconfermi, giustamente, di non conoscere.

Caro merlino, una cosa e' dire: non conosco la nmg e non la voglio conoscere perche' non ho tempo e persone di cui mi fido mi hanno detto che e' una stronzata, un'altra e' dire: non conosco la nmg e non la voglio conoscere ma ora ti dimostro che e' una stronzata...
Il primo e' un discutibile, ma logico, segno di economia mentale, il secondo e' segno di dissociazione mentale...

merl1n0 ha detto...

Non hai risposto al mio esempio/analogia, e ci tenevo.

Cadi in fondo ad un pozzo. Se non arrivano soccorsi molto ben attrezzati non puoi uscirne da solo /
Ti prendi un brutto male. Se non ottieni cure mirate e medicinali efficaci, non migliorerai.

Somministra e prescrive medicinali il mr. nmg? O dice che fara' tutto il tuo organismo, sostanzialmente da solo?

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Guarda che su groddeck ti ho risposto: cosa centra la psiche, la psicologia, la psicosomatica con la nmg? Qui si parla di conflitti biologici, non psicologici... Prova ne e' il fatto che si applicano anche a cani, gatti, topi, vermi, amebe...

"Somministra e prescrive medicinali il mr. nmg?" Certo, e' un medico.

"dice che fara' tutto il tuo organismo, sostanzialmente da solo?" Certo, le malattie sono un programma speciale biologico sensato.

Lo so che le due risposte ti sembreranno in contraddizione, ma se vuoi capire qualcosa non puoi continuare ad affidarti alle teste altrui (me compreso), ma usare la tua! :-)

Virgilio Catanzano ha detto...

appro appro approposito

letto il nuovo post di 22passi?cade come il cacio sui maccheroni!!!!

dicevamo della scienza ufficiale?come vedete nn riguarda solo la medicina.
adesso ovviamente merl1n0 dira´circa il prof carpinteri...;)

merl1n0 ha detto...

Mi fa piacere: mostra che hai fiducia nella legge, che riconosce un diritto al carpinteri; e coerentemente quindi la approverai per aver radiato Hamer dall'ordine dei medici, e vorrai quindi spontaneamente rettificare la tua affermazione:

"Certo, e' un medico." poco sopra.

Un "medico" che:
Il 22 gennaio 1992 viene condannato dal tribunale distrettuale di Colonia a 4 mesi di carcere, per avere ingessato, a un ragazzo con un tumore a un ginocchio, una gamba che è stato poi necessario amputare (cfr: http://it.wikipedia.org/wiki/Nuova_medicina_germanica ).

Non e' necessario continuare, ma si puo', e molto a lungo.

Non preoccuparti, mentre ti aspetti medicina 2.0 da un soggetto del genere, il progresso (anche) medico, continua ad avanzare, anche per te.

E se rischi la vita per una malattia grave, e sei indeciso tra un trattamento medico qualificato e uno col curriculum di questo soggetto, mi permetto, ancora, di sconsigliartelo, non certo perche' ti piace la mia parola, ma perche' vedo che hai fiducia nela legge.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Hai problemi cognitivi? Con chi stai parlando? :-D
Non so cosa curi tu, ma non mi farei mai curare da un medico che non riconosce le persone... :-D

merl1n0 ha detto...

Ooops, vero, con la stanchezza ho confuso i nomi; siamo pari: mi dai del medico, quindi ti confondi, dato che ne ho gia' detto tra i commenti.

Buonanotte!

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Siamo pari?
Io ti avevo scritto: "Se non ho capito male sei medico ed anche specialista", non ho letto smentite per cui perche' dovrei sbagliarmi a continuare a darti del medico?
Ma non c'e' problema, capita a tutti di interpretare male...
Pero' sei un po' ripetitivo nelle tue azioni... Ti stai studiando l'enciclopedia dall'anti-hamer, ma non hai la piu' vaga idea di cosa dicano le 5 leggi biologiche... Non lo trovi un po' assurdo?

Mi ricordi un po' quelli che oggi sparano a raffica su grillo ma si rifiutano di leggere i 20 punti del suo programma... :-D

Ora, che tu sia medico o non lo sia, che ne pensi di quei (pochi) medici italiani che dopo aver preso una laurea in medicina, esercitato il loro qualificato e certificato lavoro con merito, hanno "malauguratamente" conosciuto la nmg, l'hanno studiata, e cominciata a praticarla (in clandestinita' ovviamente)? Sono degli idioti? Lo erano anche prima di conoscere hamer? Devono smetterla subito e tornare ad onorare le loro lauree comportandosi come era stato loro insegnato? Sono curioso della tua risposta...

merl1n0 ha detto...


Silvio,
" Io ti avevo scritto: "Se non ho capito male sei medico ed anche specialista", non ho letto smentite"

Non hai letto smentite perche' non servono. Avevo gia' scritto "non sono un medico" *prima*.

Quanto a quelli che praticano nmg, sono, tecnicamente, dei fuorilegge, dato che operano in clandestinita'.
Non ti sorprendera', vero, che esistano disonesti al mondo?
Ve ne sono eccome. Altrimenti alle porte delle case non vi sarebbero serrature, non credi? E cosi' come la serratura ti protegge dal ladro d'appartamenti, cosi' la legge, se dichiara illegale una pratica, lo fa, proprio, per proteggerti.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Per fortuna che non sei un medico... Visto che sono loro la nostra speranza che si upgradino un attimo per passare alla medicina 2.0 e tu mi sembri invece un disco protetto in scrittura... :-)

L'ontogenesi ripete la filogenesi...
Hai ripercorso le stesse tappe storiche:
1) La derisione della teoria, senza conoscerla. Ma la presa immediata sul buonsenso e sulle esperienze personali di chi vi si avvicina sbaraglia ogni tentativo di derisione.
2) La contrapposizione di dogmi medici spacciati per scientifici. Ma le innumerevoli verifiche sperimentali e la semplice falsificabilita' mai riuscita non lasciano dubbi su quale sia la medicina scientifica e quale no.
3) La radiazione dall'ordine dei medici, l'accusa di esercizio abusivo della professione medica, il carcere, la latitanza... Ma chiunque legga le carte dei fatti sa come sono andate le cose... e chiediamoci: quanti altri casi conosciamo in cui la medicina radia dall'ordine un brillante medico di successo? Ed in quanti di questi casi lo perseguita in tutta europa fino a costringerlo all'alternativa tra l'abiura o il carcere?
4) Ora ti manca solo l'ultima: quando mi dirai che e' un nazista antisemita? Poi abbiamo fatto tombola...

Guardati intorno merl1n0, la politica (le regioni) stanno aprendo a qualsiasi forma di medicina alternativa e complementare, anche alcune forme di preghiera, basta che si sottomettano alla medicina e ne accettino i paradigmi... L'unica cenerentola che secondo me rimarra' fuori indovina qual e'? E perche'?

merl1n0 ha detto...

1) La derisione della teoria, senza conoscerla.

tu indulgi agli attacchi personali ("Hai problemi cognitivi?", "sembri invece un disco protetto in scrittura") ma puoi continuare, se sono i migliori argomenti che hai.

Sul senza conoscerla, nei commenti qui sopra dici:

"Le 5 leggi biologiche non parlano di psicosomatica o di psicologia o di psiche "

"cosa centra la psiche, la psicologia, la psicosomatica con la nmg? "

Bene, avevo letto le 5 leggi che dici, poco dopo aver menzionato Groddeck; sono descritte in un sito sostenitore italiano che troverai da solo e che probabilmente gia' conosci.

Comincia con questa frase:

La Nuova Medicina Germanica Biologica descrive esattamente il contesto medico biologico dell’organismo vivente COME UNITÀ DI PSICHE, cervello e organo. (maiuscolo mio).

Come vedi la psiche c'entra, a detta di chi cura un sito per proporla. Davanti a questa contraddizione, calano ulteriormente i presupposti di attendibilita'.

Nella stessa pagina si legge:
..."la PSICHE diventa il programmatore"...
..."corpo e PSICHE diventano l’organo esecutore"...

E tu mi dici, ripetutamente, che la psiche non c'entra nulla.

Io mi do una personale spiegazione su questo:

Io dico "non sono un medico" e tu poco dopo deduci: "secondo me sei un medico". Ti rispondo che ne ho gia' detto, e tu insisti ("non hai smentito").

Mi suggerisce l'ipotesi che si tratti di effetti da "wishful thinking": credere vere cose che piacerebbe fossero vere, trascurando, dimenticando o distorcendo i fatti che danno evidenza del contrario.

Cosi' se la giustizia condanna il mio beniamino, sbaglia la giustizia, non il beniamino. E se nominano casi di pazienti gravemente danneggiati da queste "cure" bandite, si tratta di delatori prezzolati, eccetera. Le sofferenze di queste persone vengono del tutto dimenticate e saltate a pie' pari.
Se ci fossero moltitudini di guariti, sarebbe facilissimo raccogliere, mantenere e tracciare e documentare clinicamente il decorso, da inizio terapia
fino a guarigione completa.

Ma questo non avviene. Serve allora un po' di whishful thinking per dirsi che e' colpa di un complotto, che tiene nascosta la verita'.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Vedo che la decontestualizzazione e' il tuo forte...
Allora...
cancella "hai problemi cognitivi?" e sostituiscila con "guarda che stai confondendo me e virgilio...",
cancella "sembri un disco protetto in scrittura" e sostituiscila con "sembri non ben disposto a recepire idee innovative",
cancella "Le 5 leggi biologiche non parlano di psicosomatica o di psicologia o di psiche" e sostituiscila con "Le 5 leggi biologiche non parlano di psicosomatica o di psicologia",
cancella "cosa centra la psiche, la psicologia, la
psicosomatica con la nmg?" e sostituiscila con "cosa centra la psicologia, la psicosomatica con la nmg? ".
Va meglio cosi?
Gli ultimi punti sono importanti, non devi confondere i conflitti psicologici, che sono roba della psicologia e della psicosomatica, con i conflitti biologici, che e' un concetto specifico della nmg. A dispetto di quello che pensi non c'e' niente di psicologico nella nmg ma e' tutto biologico.

Scusami se ho pensato che eri un medico, addirittura uno specialista! Sono io che ho male interpretato la tua frase "1) Io ho impiegato molti anni per acquisire la competenza che mi consente di svolgere il mio lavoro.", non avevo capito che il tuo dire "io" era solo un immedesimarti tuo in un medico.

"Whishful thinking": si', ne sono affetto pesantemente, ma mica solo su questo! Sono un complottista a 360 gradi. :-D

Daniele Passerini ha detto...

@Sivio Caggia
Scusami se ho pensato che eri un medico, addirittura uno specialista! Sono io che ho male interpretato la tua frase "1) Io ho impiegato molti anni per acquisire la competenza che mi consente di svolgere il mio lavoro.", non avevo capito che il tuo dire "io" era solo un immedesimarti tuo in un medico.
Ero caduto nello stesso equivoco, tale e quale.
Ma a questo punto è chiaro che non è un medico... dubito che ne esista ancora qualcuno che possa negare l'indissolubilità psiche-corpo e le loro reciproche retroazioni.

@Merl1n0
Mah, un marziano leggendoti avrebbe sicuramente supposto che eri laureato in medicina. A questo punto un marziano potrebbe pure pensare che c'è qualcosa di strano nel modo in cui hai presidiato questo post. Strano gente questi marziani, vedono le cose per quel che sono e non come si vorrebbe far sembrare che siano! :)

merl1n0 ha detto...

Dunque,
il 20 Marzo dico: "non sono un medico"
il 21 Marzo dico: "ho impiegato anni per ...".

Mi dispiace, ma avete tratto conclusioni affrettate. Non c'entrano i marziani.

Puo' capitare. Se rileggete il secondo commento dovrebbe essere chiaro cosa volevo dire (in sintesi: siamo specializzati, quindi non possiamo pretendere di capire qualcosa di un campo che non e' il nostro con poco sforzo e in poco tempo. Per questo siamo costretti a fidarci di uno che riteniamo competente, ecc.).

@Daniele: inizialmente la trovavi una bella discussione, e piaceva anche a me; ragion per cui ho continuato a RISPONDERE. E' una "conversazione", perche' desta sospetto? E sospetti di entrambi gli interlocutori o solo di me?

Infine, ero a scuola quando si parlava di occhio, per cui ne ho parlato con termini grossomodo appropriati. Se questo mi fa passare per laureato in medicina, beh, ancora una volta: attenzione a come si attribuisce competenza alle persone.

Mi impegno a non rispondere piu', ora; se rispondere viene preso per "presidiare", fore sto arrecando disturbo.

Daniele Passerini ha detto...

@merl1n0
...se rispondere viene preso per "presidiare", fore sto arrecando disturbo.
No nessun disturbo. E il tono scherzoso del "presidiare" e dei marziani vari era dato dallo smile finale. :)
Quello su cui ero invece serissimo è che per la scienza è diventato impossibile impossibile "negare l'indissolubilità psiche-corpo e le loro reciproche retroazioni."

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Sarebbe bello se qualcuno che oggi sia andato al convegno di Milano potesse riferire qualcosa qui nel blog.

merl1n0 ha detto...

Solo perche' ne sei serissimo:

dove nego l'indissolubilita' psiche-corpo e le loro reciproche retroazioni?

Non lo ho fatto; trovi anzi mie affermazioni positive sul placebo, un fenomeno provato e riconosciuto anche dalla medicina mainstream, che considero una prova del potere della mente di agire positivamente sul benessere corporeo. ENTRO CERTI LIMITI.

Ho negato semmai la "reversibilita'" con un esempio - analogia:

"Cadi in fondo ad un pozzo. Se non arrivano soccorsi molto ben attrezzati non puoi uscirne da solo /
Ti prendi un brutto male. Se non ottieni cure mirate e medicinali efficaci, non migliorerai."

E di questo sono convinto. Ci sono situazioni di elevata gravita' e *difficili*. Si affrontano con strumenti e modi evoluti da contributi di comunita' vaste e scientifiche. Un solo "genio incompreso e perseguitato" puo' poco. Non mi pare un argomento irragionevole.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0

fammi capire... Tu immagini un "potere della mente" che agisce positivamente sul benessere corporeo... Ma "entro certi limiti"...
Ma intendi limiti statistici o limiti qualitativi?
Perche' guarda che l'effetto del placebo, come il tuo documento spiega, non ha limiti qualitativi, ma statistici! Ci sono guarigioni spontanee di malattie molto gravi ben documentate dalla medicina ufficiale, solo che secondo lei sono statisticamente piccole e quindi vengono ignorate. E' proprio da li che dovresti cominciare.
Se la medicina ufficiale ti dicesse che e' possibile che tu esca spontaneamente dal pozzo artesiano levitando, solo che e' un fenomeno raro, per cui nel dubbio usiamo sempre l'argano, non ti viene il dubbio che in realta' la normalita' sia levitare e che sia proprio l'argano ad impedirti di farlo?
Chi ti garantisce che la levitazione spontanea sia solo rara? Perche' la natura dovrebbe predisporre delle gestioni miracolistiche per eccezione solo per alcuni? Sono speciali? E' contorta la natura?
Fai tutte le tue ipotesi...
Poi prendi in considerazione quella piu' semplice: tutti levitiamo, e' il business del noleggio argani che ti ha convinto che non puoi levitare. Ogni tanto pero' arrivano in ritardo e qualcuno e' gia' levitato fuori. allora devono giustificare il noleggio del tuo argano con qualche cazzata: Non e' vero che era caduto nel pozzo... Aveva usato un argano invisibile... Spluff! Toh, vedi che e' ricaduto nel pozzo? :-)
Nel caso proprio tu non riuscissi a prendere in considerazione questa ipotesi semplice e lineare allora sei un evidente caso di dissonanza cognitiva... Non e' grave, non preoccuparti, fai altro, distraiti, poi magari tra qualche mese riprova a pensarci...
http://it.m.wikipedia.org/wiki/Dissonanza_cognitiva#section_1

merl1n0 ha detto...

"non ti viene il dubbio che in realta' la normalita' sia levitare e che sia proprio l'argano ad impedirti di farlo?"

:-) aggiungo "levitazione" ai traguardi della medicina 2.0

Scherzi a parte; pensavo di aver chiarito in quel commento. Provo a rispiegare:

- Mozart si esibiva al pianoforte a tre anni, e suonava le sue composizioni a cinque (vado a memoria, potrei essere inesatto)

- Pascal derivava da solo i primi 31 teoremi della Geometria di Euclide, a 11 anni.

- Leopardi a 11 anni caccia il suo insegnante di Greco Antico per "incompetenza"; compone opere in greco che i filologi del tempo considerano "originali".

- Marie Curie imparò da autodidatta, a quattro anni, il Francese ed il Tedesco.

Questo per quanto riguarda l'intelletto. Si possono trovare esempi analoghi per la forza, per il peso, per l'altezza e, in generale, se consideri una qualita' umana, vedrai che alcuni ne sono dotati, per piu' o meno tempo, in grado eccezionale, ed altri meno.

Per questo motivo, trovo verosimile che qualcuno possa trarre "giovamento eccezionale" dal placebo. Cioe' che possa ottenere benifici molto piu' alti rispetto ad altri.

Non mi sfiora l'idea che questa dovrebbe essere la normalita'. Mozart aveva un dono eccezionale, Pascal anche, eccetera. Non credo proprio che, preso un neonato a caso, lo si possa indurre "dall'esterno" a manifestare capacita' eccezionali per l'eta'. Quelli che ci hanno provato hanno creato piccoli infelici. Bene stimolare le capacita', ma in natura ci sono (per me) corde da non tirare troppo.

Ogni individuo ha i suoi limiti, oltre i quali non si puo' pretendere che arrivi; un buon medico per conto mio dovrebbe conoscere, anche in questo, il suo paziente. Ma il "medico personale", come "il sarto personale", "il cuoco personale", eccetera, sono roba da nababbi. Noi ci si deve contentare di una buona anamnesi, interpretata con professionalita'. Lo so, tende ad essere spersonalizzante, e se condotta da professionisti senza la minima empatia, in effetti lo e'. Ma rimane misurabilmente piu' efficiacie di un "intruglio sciamanico".


Infine:

"sei un evidente caso di dissonanza cognitiva... "

Vedo che ti rimane il vezzo dell'offesa personale. Prosegui pure, se non hai di meglio.
Ma e' sgradevole.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Partiamo dal fondo... "Dissonanza cognitiva" non e' un offesa! ti avevo messo anche il link a wikipedia cosi' che tu potessi approfondire il concetto, vuol solo dire che alcuni concetti non riescono a varcare la soglia della tua mente perche' in conflitto con altri concetti radicati dentro di te... Non sto certo dicendo che sei di coccio e non puoi capirli (quello sarebbe offensivo!) ma che se non fai spazio per ospitarli non possono entrare!
Vediamo insieme alcuni esempi:
Esempio 1. Dai ragionamenti che fai, sembra che hai l'idea della nmg come una disciplina olimpionica in cui dover essere piu' o meno bravi o in cui doverti allenarti a guarire, quasi come fosse un'arte marziale... Ma non e' cosi!
Esempio 2. Tu concepisci il placebo alla stregua di un farmaco particolare... addirittura vedi in alcuni individui una iper-reazione al placebo ed in altri una allergia (nocebo)... Ma non e' cosi! Il placebo non e' un farmaco!
Il fatto oggettivo e scientifico e' che una certa percentuale di individui "malati", sono perfettamente guariti senza assumere alcun farmaco! E' questo che c'e' scritto nel documento che mi hai linkato, ma tu questo non lo concepisci, una barriera mentale non ti fa vedere questa verita'... Per te questo e' ridicolo come levitare! Invece c'e' proprio scritto che e' verificato che una certa percentuale di persone levita spontaneamente dal buco in cui cade! C'e' scritto che in alcune malattie la percentuale e' alta anche 80-90%, in altre molto meno, magari anche solo 20%, in alcune meno dell 1%, ma mai zero!
Esempio 3. Quando scrivi "non mi sfiora l'idea che..." Stai perfettamente rappresentando il concetto di dissonanza cognitiva. Non ti sfiora... E' come se dentro la tua testa avessi un magnete respingente che fa deviare l'idea.
Ora merlino, tu non crederai ad una parola di quello che ti ho scritto, e' normale... Ed indovina perche'? :-)
Quello che puoi fare e prendere una persona terza (una mamma, una sorella...), e fargli leggere questa conversazione dall'inizio, e poi chiedere a lei come le sembra il tuo comportamento... Provaci!

Ti parlo con il cuore in mano merlino... Perche' se tu fossi stato uno di quelli diciamo "quadrati" (e ce ne sono qui...) che sosterrebbe che nessuno guarisce spontaneamente ma che si erano sicuramente sbagliati nella diagnosi, o che il placebo agisce psicologicamente solo sugli ipocondriaci, allora non avrei perso tempo a fare questi discorsi con te, se te li faccio e' proprio perche' vedo una tua potenziale comprensione, ovviamente dopo aver fatto un po' tabula rasa... :-)

Virgilio Catanzano ha detto...

@silvio
@merl1n0

vorrei invitarvi a prendere un caffe´ per stemperare un po i toni,chissa´se é un servizio che 22 passi potrebbe offrire!!! :)
ora dopo 130 messaggi vorrei riassumere brevemente in base a quello che ho capito di questa conversa.
merl1n0 come un intrepido cavaliere difende a spada tratta il metodo galileiano,affermando che l´unica scienza di cui potersi fidare é appunto quella che si basa su tale metodo.
sillvio di canto suo afferma che tale metodo non é in discussione,e´in discussione il fatto che 1) tale metodo puo´ essere piegato agli interessi egoistici(e questo merl1n0 lo ha ammesso anche lui)di determinati soggetti ``interessati``;2)che esistono fenomeni non pienamente spiegabili con statistiche e postulati ma cmq fenomeni di autoguarigione importanti che meritano una discussione approfondita.
ora se posso azzardare,entrambi siete sulla giusta strada ma le vostre teorie si completano solo se prese insieme.
l´essere vivente ha sia un aspetto quantitativo che riguarda il suo lato materiale,ed un aspetto qualitativo che riguarda il suo lato diciamo cosi spirituale(congnitivo)difficile anche solo trovare la parola corretta per descriverlo.
ora a livello quantitativo i principi galileiani sono applicabili pienamente,prova ne e´che la medicina ha fatto passi da gigante nell´affrontare e risolvere moltissime sfide;a livello qualitativo invece abbiamo diversi problemi perché i principi galileiani sono di piu´difficili da applicare.
ma chiedo principalmente a merl1n0 potresti escludere categoricamente il fatto che in qualche modo l´anima o psiche chiamala come piu´ti aggrada,influisca in maniera preponderante sui processi che portano sia alla malattia che alla guarigione?
mi viene in mente come esempio patch adams spero di non sbagliare il nome quel famosissimo dottore che ha inventato la clownterapia.
sempre nellóttica di una medicina CHE GUARISCE appunto.
per daniele non cé´nessun modo di saper quali sono state le conclusioni raggiunte in quel seminario?
attendo risposta.
saluti a tutti

Silvio Caggia ha detto...

@virgilio catanzaro
Il caffè e' un simpaticotonico, altro che stemperare i toni! Camomilla senza zucchero semmai... :-D
Se poi tiriamo dentro il discorso l'anima e cose simili penso che il discorso non solo si complichi ma diventi addirittura ingestibile... Appena entriamo nel campo spirituale usciamo purtroppo dal campo scientifico, ci possiamo mettere a fare filosofia ed in pratica non concludiamo niente... :-)
Motivo per cui da tempo mi forzo a mettere il paraocchi e rimanere rigidamente nei binari di discorsi potenzialmente comprensibili da scienziati e medici, almeno quando parlo di medicina e salute, altrimenti non ci sarebbe mai un dialogo con chi ha oggi in mano la medicina, e quindi si ridurrebbe tutto in semplici pippe mentali... :-)
In quest'ottica io e merlino andiamo gia' daccordissimo sulla stragrande maggioranza delle cose, per quanto ti possa sembrare strano, perche' volendo per forza applicare il metodo scientifico abbiamo gia' messo fuori dal campo, per definizione, tutte le medicine spirituali e dell'anima, alternative e complementari... :-)
Che ci rimane? La medicina 1.0, che per merlino e' il meglio che abbiamo, e la medicina 2.0, che cerco di spiegargli perche' e' meno peggio della 1.0 :-)
Dove sta la differenza? Nel paradigma di base. Ovvero su cosa e' la "malattia", e di conseguenza su come si arriva a una diagnosi, come si arriva alla guarigione, perche' mi sono ammalato proprio io e perche' proprio in quell'organo, qual e' il ruolo dei microbi, e qual e' il senso biologico di tutto questo. Insomma le 5 leggi biologiche che penso tu hai scoperto in... Mezz'oretta? Mezza giornata? Certo non ci vogliono i 5 anni necessari per mandar giu' i 5000 postulati della medicina 1.0 :-)

Virgilio Catanzano ha detto...

silvio non allargare troppo il discorso parlavo di lato qualitativo intendendo tutta quella serie di intrecci ancora in gran parte incomprensibili ai piu che determinano appunto le autoguarigioni.
lascia perdere per un attimo le 5 leggi sto cercando di capire che cosa é che definisci medicina 2.0

Virgilio Catanzano ha detto...

silvio non allargare troppo il discorso parlavo di lato qualitativo intendendo tutta quella serie di intrecci ancora in gran parte incomprensibili ai piu che determinano appunto le autoguarigioni.
lascia perdere per un attimo le 5 leggi sto cercando di capire che cosa é che definisci medicina 2.0

merl1n0 ha detto...

Virgilio, grazie; concordo in gran parte con la tua sintesi.

Per la tua domanda:
"potresti escludere categoricamente il fatto che in qualche modo l´anima o psiche chiamala come piu´ti aggrada,influisca in maniera preponderante sui processi che portano sia alla malattia che alla guarigione?"

Questo per me e' quel che chiamarei "psicosomatico": effetti "corporei" indotti da processi mentali.

Sul "preponderante", come ho detto, non credo. Ogni individuo ha un suo proprio "raggio d'azione", per alcuni eccezionalmente vasto, per altri limitato. I casi eccezionali di cui si favoleggia a volte sono (se veri) per l'appunto eccezionali (fanno eccezione, non ci dobbiamo illudere che a tutti si applichi).
La natura ha fatto le cose per bene, ma solo dal suo punto di vista: "arriva a procreare e crescere la prole, poi ti scade la garanzia; e se hai un acciacco te ne puoi andare; non servi piu', per miei scopi. Ciao". Per questo, se si estende l'attesa di vita, sono traguardi umani; conquiste dell'uomo per l'uomo. Se fosse per la natura, avremmo per tetto la volta d'una caverna.

Il placebo per me e' "trattamento con assenza di principio attivo". Quando scrivo placebo intendo questo. Fondamentale, pero', la fiducia del paziente nel trattamento.
E' misurabile, ma solo statisticamente. Questo fatto lo rende un soggetto scientifico indagabile, ma proprio per questo non sono possibili assunzioni certe sul singolo individuo. In futuro, magari. Ma solo per via di misure e riscontri ampliamente condivisi.

Infine, sulla ciotola del te'.

Sono soddisfatto di quel che c'e' nella mia ciotola; mi e' costato tempo ed attenzione. C'e' posto, ma lo seleziono con cura.

Silvio Caggia ha detto...

@virgilio catanzano
Medicina 2.0 e' la nmg, ovvero le 5 leggi biologiche.
Perche' la chiamo medicina 2.0? Perche' gli attori sono quelli della medicina 1.0, ovvero i medici, solo upgradati (qualcuno direbbe riformattati...) al nuovo paradigma delle 5 leggi biologiche. E se non saranno in grado di upgradarsi saranno un giorno sostituiti... tra 100 anni avremo sicuramente una medicina 2.0, cerchiamo solo di anticiparla un po'... :-)

Il problema piu' grosso e' quello della tazza di the... Per installare la nuova applicazione e' necessario rimuovere la vecchia perche' e' incompatibile a livello software... E li' nascono molte resistenze perche' siamo cosi' abituati alla vecchia applicazione che pur avendo letto tutte le incredibili feature della nuova ci sembra di fare un salto nel buio a disinstallare la vecchia... :-)
Siamo cosi' abituati al paradigma di malattie e cure che quando notiamo una remissione spontanea la archiviamo come miracolo, quando nei trial farmacologici si riscontrano grosse percentuali di successo (40%-80%) del ramo placebo si pensa a qualche proprieta' magica del placebo e a come commercializzarla... "Non sfiora proprio la mente" di questi signori che la remissione sia stata spontanea e sarebbe avvenuta anche senza il nulla introdotto con il placebo! :-D
Caro virgilio, come faccio a dimostrarti che tutti, ma proprio tutti, siamo in grado di guarire spontaneamente e che non c'e' bisogno di essere dei superuomini?
Provo a farti un mio esempio originale volutamente provocatorio e scherzoso sperando che nessuno si offenda, ma di cui mi assumo tutte le responsabilita'...

(Segue)

Silvio Caggia ha detto...

(Segue)

C'e' una "malattia" che si manifesta in circa il 50% della popolazione... Tutto inizia con un evento biologico ben preciso, anche se la maggior parte dei pazienti non lo ricorda, ma quell'evento (dhs) innesca un programma speciale biologico sensato (sbs) che, indipendentemente dalla psicologia del paziente, avra' un preciso sviluppo... Nei primi 3 mesi dara' luogo ad una fase simpaticotonica di conflitto attivo (ca) con frequenti fenomeni di emesi, cioe' vomito... Si arriva quindi alla fase di conflittolisi (cl) in cui in genere il paziente si rende conto del proprio stato, arriva spesso ad identificare con precisione il momento e la causa della dhs... Segue una lunga fase vagotonica di postconflittolisi A (pcla) in cui si hanno le manifestazioni piu' evidenti della malattia: senso di pesantezza, sonno, gonfiori anche notevoli in diverse zone del corpo, questa fase dura mediamente sei mesi e si conclude con la cosiddetta crisi epilettoide (ce) un momento di forte simpaticotonia e sofferenze molto acute per il paziente, in cui si manifestano intense contrazioni tonico cloniche, e' la fase piu' delicata del programma biologico, in cui e' necessario predisporre un supporto alle funzioni vitali, in alcuni casi infatti si sono manifestate complicazioni con esiti anche infausti per il paziente... Segue quindi una ulteriore fase vagotonica detta di postconflittolisi B (pclb) in cui tutto l'organismo torna lentamente ma spontaneamente allo stato antecedente alla "malattia", tutti i tessuti in eccesso vengono caseificati ed eliminati ad opera dei microbi e normalmente si ha la restituzio ad integrum in tutto il corpo... Il paziente e' quindi perfettamente guarito e tornato alla fase di normotonia.
Note:
La "malattia" sembra estremamente correlata con il sesso femminile.
La "malattia" e' spesso correlata con un'altra "malattia" detta "vita prenatale" che affligge la totalita' degli esseri umani e che viene sempre vissuta dai suoi pazienti in simbiosi con un paziente di questa "malattia".
La "malattia", nel passato remoto, era erroneamente non considerata tale, era anzi, a causa dell'ignoranza, era oggetto di culto e riti pagani legati alla fertilita' della terra di cui fortunatamente si e' cancellata ogni traccia.
Resistono ancora alcune frange di ignoranza che non la riconoscono come malattia, e manifestano contro il trattamento sanitario obbligatorio inscenando pericolose forme di protesta quali l'assistenza terapeutica domiciliare alla crisi epilettoide.
Fortunatamente sempre piu' pazienti decidono invece di scegliere per l'eliminazione della fase di crisi epilettoide eseguendo un semplice intervento chirurgico di eradicazione totale, risparmiandosi un sacco di sofferenze. In alcune citta' del sud siamo fieri di aver superato il 30% di adesione a questi protocolli.
Sono anche disponibili interventi di anestetizzazione peridurale con i quali vorremmo tendenzialmente gestire brillantemente il 100% dei casi durante la fase di crisi epilettoide. Non capiamo ancora perche' la maggior parte dei pazienti rifiuta questo protocollo...
Nel campo della prevenzione di questa "malattia" possiamo vantare un ampia gamma di sistemi di profilassi, anche se e' scientificamente provato che la miglior prevenzione e' uno stile di vita ed abitudini sane tipo guardare la televisione.
:-D

Virgilio Catanzano ha detto...

be dai non essere troppo duro con la natura,senza di essa non esisteremmo neanche.
la natura ci ha fornito un corpo perfetto frutto dell´evoluzione di milioni di anni,che si puo´curare anche da solo,io personalmente non credo che alcuni siano piu´eccezionali di altri a livello biologico,in noi funzionano meccanismi che in gran parte non conosciamo, presente quando si afferma che usiamo appena il 4%o giu di li del nostro cervello?credo che alcuni anche se incosciamente riescano ad influire con il cervello sui meccanismi di malattia/cura piu´di altri,ma come applicare i principi galileiani ai meccanismi del cervello?
le caverne erano un riparo gratuito ma oggi i concetti di bioedilizia che si ispirano appunto al mondo della natura si stanno attestando sempre di piu´.
un´ altra cosa so di toccare un discorso per te ostico ma cerchero´di affrontarlo con leggerezza.
gli sciamamni,sai hanno curato per centinaia di milioni di anni gli esseri umani e di colpo sono stati soppiantati dai medici,ora la medicina sciamanica si compone in due fasi,la prima é quella che riguarda i principi attivi ,estratti dalle piante con sapienza millenaria e somministrati al bisognoso,la seconda e la parte rituale,che serve appunto a scacciare la malattia dalla mente del malato per far si che il processo di guarigione si completo.
quindi una medicina che cura deve si curare il corpo ma deve nello stesso momento curare anche la mente.questo ´possiamo o no assumerlo come punto fermo di questa discussione?

Virgilio Catanzano ha detto...

la televisione???ma anche guardare molto il pc fa benissimo sai!;D

il tuo esempio é calzante!propongo un riferimento ben preciso visto che sei ferrato in stori: possiamo usare come esempio l´epidemia di peste nera che sconvolse l´europa in diverse occasioni in passato?anche li c´erano persone che riuscivano a guarire da sole e questo credo rientra nella statistica di merl1n0 perche´ erano pochissimi.io credo che sarebbe molto utile per la razza umana capire come funzionano tali processi di auto guarigione,perche´ se fuzionano su alcuni ci deve essere un meccanismo che innesca tale processo,e se riuscissimo a capirlo controllarlo e ripeterlo,esso si che sarebbe un balzo in avanti per noi.ma la natura che stupida non é sa bene che un vantaggio del genere per una specie comporta il suo moltiplicarsi oltre ogni limite provocando la morte dell´ecosistema in cui tale specie vive.
poi vorrei sottolineare un concetto che poche volte viene preso in considerazione cioé il senso di comunitá.
puo´in qualche modo il senso di appartenenza ad una comunita´favorire i processi di guarigione malto meglio di quando un individuo si trova in uno stato di isolamento?

Virgilio Catanzano ha detto...

silvio non trattare il tuo cervello come un banale pc,e´infinitamente piu´complesso di quanto potresti immaginare.

Silvio Caggia ha detto...

@virgilio catanzano
Cervello? A cosa ti riferisci?

Virgilio Catanzano ha detto...

Il problema piu' grosso e' quello della tazza di the... Per installare la nuova applicazione e' necessario rimuovere la vecchia perche' e' incompatibile a livello software... E li' nascono molte resistenze perche' siamo cosi' abituati alla vecchia applicazione che pur avendo letto tutte le incredibili feature della nuova ci sembra di fare un salto nel buio a disinstallare la vecchia... :-)

ho forse frainteso?

Silvio Caggia ha detto...

@virgilio catanzano
Parlo informatichese perche' mi sembra il miglior modo di spiegare ad un pubblico che e' seduto davanti ad un computer, che non si tratta di un bug fix o una minor release, o un add-on ma una major release della medicina. Non e' qualcosa che puoi aggiungere in coda ad un libro di testo, o aggiungere ad una ristampa riveduta e corretta, devi proprio riscrivere completamente molti libri.
Piu' che di cervello parlerei di mente del medico che deve decidere se avere il coraggio di fare l'upgrade o se non se la sente... Quando cambiano i paradigmi di base non e' facile, e' come passare da una terra immobile ad una terra che gira intorno al sole... La dissonanza cognitiva (la tazza di the piena) e' il problema principale.
La storiella della gravidanza spero possa essere l'inizio di una scrollatina a quella tazza... Insinuare il dubbio... E se non fossero malattie quelle che ci insegnano a considerare tali? E se fossero cose naturali come una gravidanza? (Ammesso che ancora ci sia qualcuno qui dentro che non la consideri una malattia...)
Perche' seguono tutte lo stesso schema bifasico?
E perche' proprio io ed in questo momento sono rimasto incinto? :-D
come potevo evitarlo?

Mannaggia... Mi sembra di essere vulvia di rieducational... Schema bifasico: sapevatelo! :-D

Virgilio Catanzano ha detto...

si ma quanti mbuti ci vogliono per fare uno schema bifasico?
scusa sai ma non sono patatine fritte!!!

merl1n0 ha detto...

@Silvio:
"La dissonanza cognitiva (la tazza di the piena) e' il problema principale."

Proprio dal link wikipedia che segnalavi si conferma che dissonanza cognitiva non e' cio' che sembri intendere (tazza piena, ergo non c'e' posto per il nuovo)
bensi': "compresenza di manifestazioni tra loro [logicamente] incompatibili"

Mi pare invece che tu intenda grossomodo: "fin che mantieni quell'idea X non puoi accettare l'idea Y, che ti appare incompatibile".

Un esempio letterario celebre di dissonanza cognitiva e' il "bispensiero" (cfr. Orwell, 1984: " la volontà e la capacità di sostenere un'idea ed il suo opposto").

Per questo motivo non trovavo molto gradevole che me la attribuissi.

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Esatto, un'idea nuova che entra in conflitto con le idee preesistenti viene automaticamente rigettata.
Devi mettere in discussione l'idea di malattia che hai dentro per poter analizzare delle idee basate su un'idea completamente diversa di malattia.
Prova a partire dall'esempio della gravidanza...
La dissonanza cognitiva e' un fenomeno e come tale non ha valenza di giudizio sulla tua persona. E' un fenomeno che si manifesta in tutti, anche in me!
Se mi chiedi come ho fatto allora a superare la dissonanza cognitiva della nmg con le mie idee precedenti, ti rispondo: grazie al wishful thinking! :-)

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Oggi un'amica mi ha segnalato questo articolo, un po' vecchiotto, sulla chemioterapia. Mi piacerebbe che tu lo confrontassi con le tue fonti tipo medbunker...
http://www.stampalibera.com/?p=16821

merl1n0 ha detto...

Ciao Silvio,
se vuoi ti segnalo dei link dove:

- Si dimostra che fumare fa bene
- Che la terra e' cava, l'interno e' vuoto, piu' o meno come una bolla di sapone.
- che ci sono degli alieni tra di noi camuffati (insomma, Visitors non era fiction, era un documentario)
- che le vaccinazioni fanno malissimo (infatti hanno perfino portato all'estinzione una specie, quella dei "poliomelitici", di cui vedevo non raramente esemplari da bambino ed oggi invece non se ne vedono proprio piu', evidentemente a causa del terribile vaccino antipolio!)
- che con i poteri telepatici si puo' comunicare con i grandi del passato e del futuro.

La domanda che ti faccio (ed e' una domanda seria) e':
dato che su internet puoi trovare un sito o un link che sostenga *qualunque cosa* ti chiedo,
TU, personalmente, tra due siti che sostengono cose opposte, come stabilisci quale dei dua abbia ragione?

Silvio Caggia ha detto...

@merl1n0
Leggendoli ENTRAMBI, confrontandoli, e ragionando con la mia testa.
Che e' quello che ti consiglio di fare fin dall'inizio: leggiti qualcosa pro una cosa, esempio le 5 leggi biologiche, e leggi altrettanto contro quella cosa. Poi ponzaci sopra un po' e stabilisci tu chi per te ha ragione. Se leggi solo cose di un tipo non stupirti che darai ragione a quello che hai letto!
Io ho gia' fatto questo esercizio su tantissimi argomenti e se vuoi ti dico anche cosa ho concluso: nella maggior parte dei casi hanno ragione entrambi! :-)
Come e' possibile dirai tu? E' possibile... E' possibile... Per il semplice fatto che i due siti guardano le cose da due punti di vista diversi. In genere riesco nella mia testa a costruirmi un modello che giustifica il perche', viste dai due diversi punti di vista, vengono fuori le apparenti contraddizioni. Potremmo chiamarla visione olografica :-D

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails