Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

martedì 4 settembre 2012

Energy Change with E-Cat Technology
web-streaming

Ho ricevuto stanotte questa segnalazione da un lettore:
Ciao,
segnalo che pare che la conferenza di Zurigo sarà disponibile in streaming qui:
http://www.ecat-deutschland.org/index.php/live-stream
S.
Si parla naturalmente della presentazione che Andrea Rossi farà ai suoi licenziatari e a chiunque interessato a Zurigo, l'8 e il 9 settembre prossimi: Energy Change with E-Cat Technology.

Buona giornata a tutti.

77 : commenti:

Alessandro Pagnini ha detto...

Che evento! A mio avviso superiore alla discesa sulla Luna, che aveva più un valore simbolico, ma praticamente non ha cambiato nulla (il programma spaziale nel suo insieme ritengo di sì, parlo del famoso 'passo' di Armstrong). Chissà perchè, ma ho la sensazione che il nostro ingegnere non avrà la stessa attenzione mediatica. Anzi, vuoi vedere che praticamente non se ne sentirà neppure parlare? Sono maligno? ;)

Teknico ha detto...

Non esageriamo, non vedo nessun evento "eclatante", sarà una presentazione commerciale di un prodotto che non ha ancora nessuna validazione tecnica da terze parti.
Il vero evento epocale sarà quando renderà pubblico il funzionamento dell'E-cat.
Come ho già detto più volte e una tecnologia talmente rivoluzionaria (se confermata, come mi auguro) che non può essere appannaggio di una sola ditta, deve essere resa pubblica per il bene dell'umanità.

Tizzboom ha detto...

In teoria una validazione tecnica di terze parti dovrebbe uscire durante questo convegno... si vedra`, ho il presentimento che molti rimarranno delusi in merito.

Per il momento, dal punto di vista scientifico-tecnologico trovo piu` interessante seguire il lavoro di Francesco Celani, che e` simile almeno in principio a quello di Rossi. Chissa` se e` riuscito a far operare il suo ultimo reattore in autosostentamento.

gio ha detto...

@ tizzie

chissà.....è che la validazione del terzo .....serve a vendere adesso!

Luigi Versaggi ha detto...

Sul gruppo Facebook dedicato all'E-CAT e LENR ci sono interessanti dichiarazioni di Gerd Neuman, uno dei soci della licenziataria per la Germania che parlerà a Zurigo.
https://www.facebook.com/groups/ECat.LENR/
Saluti

hidetoshi rossy ha detto...

E vedremo chi riderà e chi piangerà.

Ringraziamo Passerini per avere riaperto i commenti.. almeno non ve la cantate e suonate da soli -_-

GianLupi ha detto...

Il dott. Celani è il primo ad essersi presentato sul mercato con una proposta concreta e visivamente funzionante, la volta buona che talune persone cominceranno a rimangiarsi tante di quelle cose vomitate, i vari tia miglietto Gentzen etc. e che anche grazie a loro in italia cè stata e cè sinora una certa apatia a cio' che stà accadendo.

Endymion ha detto...

Non credo che i vari Tia Miglietto Gentzen abbiano tutto questo poter; quello che leggo (quest'ultimo commento + il primo) comincia a preoccuparmi, al di là dell'effettivo funzionamento del trabiccolo, circa il reale grado di percezione della realtà di taluni utenti.

Shine ha detto...

"circa il reale grado di percezione della realtà di taluni utenti"

pensa che io la stessa preoccupazione, al contrario, ce l'ho da quasi un anno. E mi manca molto quell'utente che riportava i numeri su eCat...Finiva sempre con chiacchiere >> 1

Cesare Piccolo ha detto...

scusate ma non ho resistito :D

http://cheezburger.com/6562846976

tia_ ha detto...

Ecco il sito del licenziatario tedesco: http://www.ecat-deutschland.org/

Come si nota, altro perfetto sig. nessuno, con la sfacciatatezza di mettere un video del fusionista freddo della NASA e chiamarlo "Die Nasa bestätigt, der E-Cat funktioniert!" (La nasa conferma: l'e-cat funziona).
Questa è la gente che tiene in mano la rete commerciale dell'invenzione del millennio :)
Quanta ingenuità

GianLupi ha detto...

Consideri che ne capisco 0,1 di queste cose e assicuro che sin dal principio, ancora prima della dimostrazione in via dell'elettricista, il tipo di diffidenza oltre la soglia di un ragionevole ottimismo dato anche dal buonsenso, che ha pervaso il tipo di commenti rilasciato dai suddeti menzionati e altri ancora, mi ha sempre instillato un principio di malumore. E' comprensibile che non avendo io ferrattezza in materia e rifacendomi a una percettibile buona fede nei post del blog di Daniele, ho sempre comunque dato un certuno peso ai commenti, pero' ad un certo punto, sono arrivati taluni nick con post pesanti al mi
lle per cento contro, che poi dopo un po' sono risultati anche ridondanti, e li ho interpretati come ottusità scientifica se non peggio. Ho tentato di esprimere con onestà il mio pensiero, ora rispetto la loro posizione di arrocco presumo dettato dalla disperazione di apparire comunque validi studiati in materia e di salvare la faccia, anche se un attimino di maggiore apertura mentale sin da tempi remoti non sarebbe guastata. La mia percezione dell'attualità è che ci sono sufficienti prove che gli eccessi di calore ci sono e servono in modo davvero bastevole per fare corrente elettrica. Se poi qualcuno ferrato in materia certo molto piu' di me vuole sostenere che sono un illuso, non ci posso fare niente, buon per lui che crede in quel modo.

GianLupi ha detto...

ERRATA CORRIGE ne capisco circa lo 0,0001 (cioe' so' che per accendere fase e neutro si devono incontrare, quando l'incontro avviene nel bulbo della lampadina....c'è la luce ;)

gio ha detto...

http://www.ecat-deutschland.org/index.php/modelle/1-mw-kraftwerk


controlling software: National Instruments

tia_ ha detto...

>controlling software: National Instruments

E secondo te cosa significa? :)

gio ha detto...

sei tu il tecnico...fai prima a spiegarlo tu!

tia_ ha detto...

> sei tu il tecnico...fai prima a spiegarlo tu!

No, prima vorrei chesentire i "non tecnici"

gio ha detto...

io invece vorrei sentire il tecnico!:)

Paul ha detto...

Estratto da cobraf.com:

Scrive Celani: "Rossi non riesce a controllare la reazione e temporeggia ..."

Risponde Cures: "...Celani presume ma non sa. Il controllo funziona. Per il modulo ad alta temperatura, la potenza termica generata segue abbastanza linearmente quella generatrice..."

Domando io: Ma come diavolo possono esistere persone che si ostinano a dire che l'E-Cat non funziona?

Alessandro Pagnini ha detto...

@Teknico
Se mi fai notare che l'evento in sè, teknicamente ;) non è eclatante, ne convengo. La scoperta e la messa a punto della tecnologia (se confermata, ovviamente) lo sono state di più, ma la portata è politica e sociale. Per la prima volta qualcuno OSA proporre al pubblico un dispositivo a fusione fredda (scusate: LENR :) ) e questo è un evento enorme in quanto, se la nostra informazione avesse voglia di dare almeno il beneficio di inventario a queste tecnologie, il tutto si tradurrebbe in un enorme interesse da parte del mondo intero. Quella di Rossi POTREBBE essere la prima applicazione industriale presentata della scoperta del secolo se non del millennio. Sarà uno scherzo del nostro ingegnere? Forse sì, ma mi pare piuttosto improbabile e nel dubbio un servizio, almeno possibilista, sui nostri TG nazionali me lo aspetterei. L'evento incredibile davvero, invece, temo che sarà l'assordante silenzio che circonderà la cosa :(
Comunque essere scettici è bene e io ho solo delle buone sensazioni (e amici che conoscono direttamente le persone coinvolte ;) ), non certo delle sicurezze. Ripeto che quello che mi sconvolge è che da mesi il POSSIBILE oggetto capace di influire pesantemente sulla storia dell'umanità, sia assolutamente negletto. Solo in certe frequentazioni del web si riesce a scovare qualcosa. L'informazione istituzionale mette la sordina a tutto, quando non distorce palesemente i fatti (vedi Repubblica con i suoi 1700 esperimenti FALLITI)
@tizzboom
Per la verità non mi risulta sia prevista una validazione tecnica di terzi, ma quella eseguita da coloro che hanno presieduto alla certificazione. La validità a cui ti riferisci dovrebbe avvenire entro ottobre ad opera di una università ancora non indicata, per motivi...prudenziali.
Vito che sono arrivato da poco su questo blog, almeno come scrivente, approfitto per salutare tutti e ringrazio Daniele per l'ospitalità :)

Tizzboom ha detto...

@Alessandro Pagnini:

Dal programma:

- Test results of the 600 degree E-Cat, report from an impartial testing company

Teknico ha detto...

Avrei preferito
...report from an impartial testing UNIVERSITY

Attendiamo fiduciosi sperando che la "impartial testing company" non sia la PIZZA E FICHI SAS.

GUIDO310 ha detto...

Se fosse qualche ditta seriamente collegata a NI ??

Teknico ha detto...

E che senso avrebbe? A questo punto sarebbe meglio che la NI stessa validasse i test, avrebbero di certo un peso diverso.

Alessandro Pagnini ha detto...

@TizziBoom
Sì, sì, hai ragione, solo che per quanto ne so io (potrei sbagliarmi, ovviamente) sono i certificatori. La loro funzione, anche se sicuramente ci saranno dei report tecnici interessanti, se rispecchia quella degli omologhi nostrani, non è tanto quella di sancire se l'E-CAT offre un guadagno di energia, ma se risponde a precise norme di sicurezza. Questo debbono certificarlo per forza, ma come fa giustamente notare Teknico, uno studio sul reale funzionamento come generatore dell'E-CAT, sarà quello che seguirà un percorso diverso. Tuttavia, Rossi sembra attribuire non molta importanza a questa 'validazione', che pure conta di offrirci entro Ottobre, ma piuttosto si affida all'incontrovertibile evidenza dei fatti che spera di poter produrre, cioè svariati E-CAT venduti e funzionanti presso clienti. Sembra strana come posizione, ma a quanto ho capito dell'uomo è di un pragmatismo sconcertante e probabilmente già si prefigura il muro che potrebbe venire eretto: L'Università non è prestigiosa abbastanza, il CICAP non era presente, i professori erano un po' indisposti, uno di loro era un lontano parente di un amico del cognato di un conoscente di Rossi e quindi non imparziale e forse Rossi potrebbe anche avergli allungato una mazzetta ;)
Insomma, solo mettendo in funzione un certo numero di generatori presso clienti soddisfatti, Rossi conta di tacitare gli scettici e forse potrebbe aver ragione. Con questo, anche io come già Teknico, attendo con impazienza un responso da una università, anche per poter verificare l'impatto reale che questo avrà sulla informazione e l'accettazione dell'E-CAT.

Anto ha detto...

@Alessandro
>per quanto ne so io (potrei sbagliarmi, ovviamente) sono i certificatori.

non ti sbagli, Rossi stesso ha scritto che il test è stato fatto dai certificatori.

Teknico ha detto...

Bisogna anche vedere cosa hanno testato i certificatori, se i loro test sono "l'E-cat produce calore a 600°C alimentato da energia elettrica, non si sono riscontrate emissioni radioattive o di gas nocivi e non ci sono rischi di esplosione" ha la stessa validità della certificazione di un forno elettrico, magari industriale ma nessuna differenza da un normale forno.
Se sono solo i certificatori allora credo che non ci sarà nessun dato interessante, credo che loro debbano solo certificare eventuali pericoli e non il rendimento.
Spero di no ma sospetto che le novità "vere" saranno tendenti a zero in questa conferenza.

Alessandro Pagnini ha detto...

@Teknico
"se i loro test sono "l'E-cat produce calore a 600°C alimentato da energia elettrica, non si sono riscontrate emissioni radioattive o di gas nocivi e non ci sono rischi di esplosione" ha la stessa validità della certificazione di un forno elettrico"
Eh, sì, sono d'accordo, per questo aspetto la validazione universitaria, ma a differenza di te, come già detto, ritengo che la presentazione sul mercato, perchè di questo si tratta, di un generatore LENR, sia un evento rilevante. Certo bisogna pensare che le probabilità che non si tratti di una bufala siano consistenti e qui mi sbilancio un po', dichiarando che la storia dell'E-CAT, come quella di tutti i vari studi e le iniziative anche commerciali sulle LENR, mi inducono all'ottimismo. Insomma, se dovessi scommettere una cifra, ragionevole, sul fatto che Rossi abbia davvero in mano il dispositivo che dice, mi sentirei di rischiare, in base a una serie di ragionamenti e a una 'sensazione' che non valida un bel niente, ma mi induce ad avere sul mio personalissimo cartellino (Rino Tommasi mi perdonerà se lo scopiazzo ;) ) un buon 90% di fiducia.
Buonanotte a tutti :)

Alessandro Pagnini ha detto...

E a proposito della presentazione di Zurigo, ecco un domanda e risposta verso Rossi, piuttosto recente, come si evince dalle date dei post:

"Ecco Liberation
September 4th, 2012 at 10:09 AM
Dott. Rossi, please correct if I’m wrong. If I understand correctly there will be:

1) Disclosure on September 8th (during the Zurich conference) of a validation by a third party entity (private company?) already performed earlier this Summer;
2) Disclosure within Mid-October of a University validation
3) Additional disclosure of a third party validation to be yet performed, very soon, with videos, etc.

That would be three different independent validations. Am I correct?


Andrea Rossi
September 4th, 2012 at 2:23 PM
Dear Ecco Liberation:
1- yes
2- this depends on the University, not on me: I cannot decide for them. While point 1 depends on me, point 2 does not.
3- probably
Warm Regards,
A.R. "

piero41 ha detto...

Forse potrebbe esser utile ricordar le considerazioni di Cures sulla posizione di Rossi col brevetto..da cobraf 05 Settembre 2012 02:06. archivi dell'anno scorso .. Cures il- 18:16 15/05/11 scrisse:
".....A questo punto il problema si sposta sulla tutela dei diritti della scoperta tramite brevetto. E qui credo che il Rossi sia molto vicino alla posizione di scacco matto. Non può rivelare dettagli sul catalizzatore (credo che si tratti di trattamenti superficiali della polvere di nichel) fino a quando non sia assicurata la copertura in tutto il mondo ed in particolare gli Stati Uniti.
Quando venderà il prodotto, con o senza senza copertura brevettuale, il segreto durerà un battito di ciglia. Compri un esemplare, lo smonti e fai un’analisi fine chimica e fisica del contenuto e stai tranquillo che nel giro di qualche settimana te lo copiano. Nel giro di due mesi trovi in giro i cloni cinesi.
Il gioco si fa duro perché gli USA reclamano il dettaglio tecnico come se fosse indispensabile per concedere il brevetto.
E’ falso. Qualche anno fa ho dovuto, su commissione, approfondire le ricerche su un certo materiale plastico inventato negli USA per verificare se ci fosse qualcuno al mondo in grado di riprodurlo o, più esattamente, di riprodurne le caratteristiche senza per questo violare il brevetto.....Col cavolo che li trovi i dettagli sui brevetti. Non c’era niente di utile."
Questo era valido un anno fa, ora Rossi ha introdotto la famosa scatola nera che può rivelare la manomissione di un e-cat in tempo reale
ieri sera ha risposto :"Of course our plants will be given only to Customers with the necessary safety structure and culture." mentre il personale d'assistenza "persons that will have to sustain an exam...."
Controllando gli aquirenti, minacciando di risolvere il contratto e forse chieder danni per le manomissioni rapidamente rivelate... riuscirà il nostro a mantener chiuse quelle famose scatolozze per qualche anno specialmente per i cinesi?? P.S. Niente caldaiette ancora per un lungo tempo !!!

Andrea Rossi September 4th, 2012 at 5:25 PM Dear Piero:
Our plants have been made with all the necessary attention to safety. They will be operated only by persons that will have to sustain an exam with us after studying the manual during a course of certification. We will respect all the requirements put by the certificator. And we have a throughly knowledge of our plants, with which I work every day for many hours.
Of course our plants will be given only to Customers with the necessary safety structure and culture. Obviously I am not talking of domestic apparatuses, for which the way to a certification is still long.
About the shape: you were right.
Warm Regards, A.R.

GPT ha detto...

Con i rendimenti garantiti dichiarati (COP > o = a 6) non serve un prof universitario o un laboratorio della NASA per fare una verifica certa di guadagno molto maggiore rispetto a input o controlli elettrici.
Quello che è mancato fino ad oggi è qualcuno di indipendente che pubblicamente garantisce (mettendoci faccia e reputazione) che sia vero. Qualcuno che può essere messo alla berlina e che ha tutto da perdere se afferma una cavolata o fa macro-errori. Insomma un professionista rispettato. Certo una università sarebbe l'optimum!
Secondo voi questo cambierà a valle della conferenza? La domanda per me è tutta qui... Chi ci mette la faccia oltre Rossi o chi sta vendendo l'apparato?

Giorgio ha detto...

Sarebbe interessante una validazione dell'ecat da parte del settore ricerca e sviluppo della Siemens Svedese....

GUIDO310 ha detto...

Riprovo: potrebbero essere professori e tecnici di un'università (Bologna???) che certificano a proprio nome personale e non per conto dell'ente cui appartengono??

Utilizzando strumentazione NI....se non ricordo male proprio a Bologna fu consegnata della strumentazione...all'università o a qualcuno in particolare, tipo un comodato d'uso, magari per uno scopo ben specifico???

Non so come sono le regole accademiche, se ciò sia possibile, suppongo al di fuori dei locali e senza utilizzare materiale di proprietà dell'università (ovvero le apparecchiature concesse in una sorta di comodato)

sarebbe una situazione intermedia tra la certificazione di un ente prettamente tecnico e la validazione Universitaria....

Così anche il prorettore alla ricerca Dario Braga e il direttore del Dipartimento di Fisica Paolo Capiluppi, specificando che “non c’è alcuna misura in atto né ve ne sono in programma sull’apparecchiatura denominata E-Cat” in effetti hanno detto il vero in quanto chi ha effettuato i test lo ha fatto a proprio nome...

Che ne dite è possibile???

GUIDO310 ha detto...

Non avevo letto nell'altro post che l'ente certificatore è stato "svelato"...

SGS Svizzera

piero41 ha detto...

Tanto per provocare ....
Dr Rossi On August 29th, 2012 at 3:05 wrote: " we are designing the new 1 MW plants, for hot temperature, and the dimensions will be those of a cylinder .......Is shocking, I myself are surprised, but it is so."
Certo che è rimasto sorpreso e scioccatto , sapete cosa significa ..ha trovato la via facile alla costruzione delle mega centrali da 1 o 2 GW , 200 torri cilindriche di 2,5 o 5,0 ml in un edificio di 100x 10 ml...specialmente se riesce a trasformare direttamente calore in energia... Può veramente sconvolgere tutto il grande mercato dell'energia in brevissimo tempo : una torre da 10 MW una caldaia di 5,00 ml x 1,40 realizzata automaticamente, pochi montaggi manuali va a finire che costa quanto un impianto da 1 MW o poco più. I costi delle grandi centrali ridurrebbero ad 1/10 o forse meno i costi d'installazione d'una centrale da 2 GW ! Rossi potrebbe trattare direttamente coi governi e per loro con Siemens, G.E. Ansaldo nucleare.. soprattutto sicuramente risolverebbe il problema della protezione del suo segreto, del brevetto... perchè mai G.E o Simens dovrebbero rivelare i propi segreti....
Gli avevo scritto; I hope that will be developed large and medium-sized power plants in isolated buildings, protected and well controlled; the spread of a large number of 1 MW all over the world statistically could result in death or serious injury among the population. Your enemies might take advantage of these in the early years to slow or stop the spread.
Mi ha risposto:Our plants have been made with all the necessary attention to safety. They will be operated only by persons that will have to sustain an exam with us after studying the manual during a course of certification. We will respect all the requirements put by the certificator. And we have a throughly knowledge of our plants, with which I work every day for many hours. Of course our plants will be given only to Customers with the necessary safety structure and culture. Obviously I am not talking of domestic apparatuses, for which the way to a certification is still long

Troppo giustificazioni , cercava di convincere me o se stesso!!! La strategia di sviluppo sinora adottata è già stata variata ... Ormai per le caldaiette sarà lunga!! Ma era stato tirato in ballo dai Greci che volevan vender subito!! Ora con tutta la rete per gli impianti industriali col pericolo di trovarsi nemici e cinesi a sostituirlo fra pochi mesi?? E non non può nemmeno dire ne vendo un po' per farli conoscere.. ne basta uno in cattive mani ed è finito. Fossi in lui manderei al diavolo tutti gli attuali impegni, certificazioni, verifiche e cavolate varie svilupperei una o due belle nuove torri ad alta T con trasformazione diretta in energia e poi collaudi e concessioni di licenze a quelle 2 o 3 grandi industrie mondiali lasciando loro a difendere i segreti industriali...
Nell'ultimo mese la realtà dell'e-cat si è evoluta enormemente ed in una chiara logica linea di sviluppo ben coerente non certo ideato per una truffa, e noi stiamo a parlare solo di gicattolini da verificare... Seghe mentali diceva Rampa...

tia_ ha detto...

>Nell'ultimo mese la realtà dell'e-cat si è evoluta enormemente ed in una chiara logica linea di sviluppo ben coerente non certo ideato per una truffa, e noi stiamo a parlare solo di gicattolini da verificare... Seghe mentali diceva Rampa...

Eh si hai proprio ragione.
Basta guardare gli altisonanti nomi dei licenziatari esclusivi per capire la serietà dell'e-cat

piero41 ha detto...

@Tia
Se non hai niente di meglio che offender le persone che in questi tempi rischian per lavorare .. siete propio alla frutta!!

:P

:P

tia_ ha detto...

>Se non hai niente di meglio che offender le persone che in questi tempi rischian per lavorare

Vedere l'invenzione del millennio con licenziatari esclusivi perfetti sig. nessuno come Proia, o quelli tedeschi della Transaltec, che vendono pure motori magnetici overunity di grossa taglia (MW) [ma non si fanno autoconcorrenza? :D] proprio non fa accendere nessuna lampadina a nessuno?
Dove sono finiti i grandi nomi? Dov'è General Electric, dov'è Areva, dov'è TEPCO, dov'è ENEL?
:)

tia_ ha detto...

Iniziate a chiedervi come mai Rossi è sempre attaccato a gente come quelli della Transaltec, o a gente come Sol Millin.

piero41 ha detto...

@Tia
Perchè G.E ecc che vendono centrali chiavi in mano per miliardi di euro dovrebbero mettersi a far i piazzisti per Rossi?. Anche loro sanno se costruiscono e vendono 1 MW poi arrivano i cinesi e.. Se Rossi riesce a convincerli con le Mega centrali allora l'affare sarebbe un vero affare e durerebbe nel tempo segreto.. e comunque aspettimo qualche giorno ... Siemens ehh?? a proposito matematico dice speriamo che Siemens compri Ansaldo ne farebbe una vera grande azienda moderna con lavoro italiano, in fondo la Pignone è di G.E ed è un suo fiore all'occhiello!!

tia_ ha detto...

>Perchè G.E ecc che vendono centrali chiavi in mano per miliardi di euro dovrebbero mettersi a far i piazzisti per Rossi?

Molto meglio affidarsi a gente che vende motori magnetici perpetui vero?
:)

>Anche loro sanno se costruiscono e vendono 1 MW poi arrivano i cinesi e.. Se Rossi riesce a convincerli con le Mega centrali allora l'affare sarebbe un vero affare e durerebbe nel tempo segreto.. e comunque aspettimo qualche giorno ... Siemens ehh?? a proposito matematico dice speriamo che Siemens compri Ansaldo ne farebbe una vera grande azienda moderna con lavoro italiano, in fondo la Pignone è di G.E ed è un suo fiore all'occhiello!!

Il giorno che inizierai a scrivere un messaggio senza farcirlo di

eeeeh
nohh

manco fosse una canzone di Vasco, inizierò a leggerlo seriamente.

AC/DC ha detto...

Tia ha ragione, fino a quando non uscira' qualcuno di credibile a metterci la faccia che credibilita' potra' mai avere l'ecat? l'attuale armata bracaleone non e' molto rassicurante.

Speriamo arrivino presto i report universitari (prima doveva essere UNIBO ,adesso non si sa piu') e che non si tratti che so della libera universita' di monte cucco o roba del genere.

Paul ha detto...

Parlate (anzi sparlate) di serietà e di credibilità dell'E-Cat.
Si dovrebbe eventualmente parlare o sparlare delle certificazioni, dei licenziatari e della rete di vendita.
Sul fatto che l'E-Cat sia una realtà funzionante non ci sono dubbi.
Lo leggete cobraf.com? Sapete chi è Cures? Li leggete i messaggi di Cures?
Se poi pensate ancora che l'E-Cat sia una bufala, ditelo chiaramente, senza giri di parole...

gio ha detto...

Dove sono finiti i grandi nomi? Dov'è General Electric, dov'è Areva, dov'è TEPCO, dov'è ENEL?


eh certo come no.....me lo vedo l'ad di areva(una a caso) che parla agli azionisti:" abbiamo comprato la tecnologia del secolo, non costa neanche molto qualche decina di milioni di euro"

l'azionista domanda" ma adesso quanto valgono gli assets tradizionali iscritti a bilancio per miliardi"

l'ad risponde" beh praticamente nulla...

paolo ha detto...

@gio,
dovresti replicarlo al saccente Shine, queste tue considerazioni, almeno impara l'abc della borsa

tia_ ha detto...

>eh certo come no.....me lo vedo l'ad di areva(una a caso) che parla agli azionisti:" abbiamo comprato la tecnologia del secolo, non costa neanche molto qualche decina di milioni di euro". l'azionista domanda" ma adesso quanto valgono gli assets tradizionali iscritti a bilancio per miliardi"

Non varrebbero comunque nulla :)

AC/DC ha detto...

@Paul
Magari non ci fossero dubbi sul funzionamento dell'ecat, purtroppo invece di conferme ufficiali e credibili non ve ne sono ancora, questa e' la realta' ad oggi.

Cures non puo' essere la cura di tutte le lacune di questa storia, e' solamente un nick dietro cui potrebbe nascondersi chiunque, e anche se si trattasse di Fioravanti non cambierebbe molto visto che chiaramente non rappresenta una terza parte.

A me sta bene che uno sia possibilista, ma dire che "l'ecat e' gia' una realta' funzionante"
lo trovo intellettualmente disonesto allo stato attuale delle cose.

GUIDO310 ha detto...

@ AC/DC

Su questo ti do completamente ragione...in effetti anche sulle centrali "già installate" non è che si sappia poi molto, per dire un eufemismo...

La possibilità che tutto sia vero rimangono secondo me ancora più alte di quelle che sia tutto falso, ma anche io aspetto delle prove più convincenti

Cures-Fioravanti dà tante indicazioni ma rimane sempre di parte, se così si può dire

Merlian ha detto...

La Transaltec non ispira molta fiducia neanche a me, ma nel Curriculum professionale di Adolf Schneider c'è anche questo: 1970-1987 attività di sviluppo, infine, capo del laboratorio centrale di Siemens di Monaco di Baviera!
Magari avrà anche fatto da tramite tra Rossi e la Siemens? Insomma, non mi sembra uno sprovveduto nel campo dell'energia, ma come azienda non mi convince molto.

tia_ ha detto...

>Insomma, non mi sembra uno sprovveduto nel campo dell'energia

Si certo, fatta eccezione il fatto che venda motori magnetici over unity :)

sandro75k ha detto...

@Tutti

qualcuno di voi deve ancora prenotarsi per il pranzo e/o ci sta pensando?

gio ha detto...

>Non varrebbero comunque nulla :)

diciamo che haisolo sbagliato l'uso del condizionale..dovevi scrivere" non varrano comunque nulla":)

Merlian ha detto...

@tia

Scusa, sono ignorante in questo campo, ma se sti motori del Prof. L. I. Szabo, sono una c***ata, perché allora non c'è nessun cliente che li contesta? Magari non li hanno ancora venduti? Allora cosa vendono? Oppure funzionano? Boh, come ho già detto: non ne capisco niente.

Alessandro Pagnini ha detto...

@gio
@tia_

">Non varrebbero comunque nulla :)

diciamo che haisolo sbagliato l'uso del condizionale..dovevi scrivere" non varrano comunque nulla":)
"
Solo se Rossi avesse successo. Quindi vedo più motivi per cercare di obliare/affossare la cosa, piuttosto che mettersi il cappio al collo da soli. Ammesso e non concesso che l'E-CAT funzioni, vedo molta più convenienza a cercare di far morire tutto, piuttosto che rimetterci cifre enormi che dubito potrebbero mai essere compensate, nemmeno in buona parte, da un coinvolgimento in una tecnologia nuova, forse troppo economica e persino troppo facile (mi spiace per Rossi cui auguro il contrario) da copiare, come testimoniano gli sforzi per il mantenimento del segreto industriale. Il prossimo mercato dell'energia potrebbe essere (speriamolo per tutti noi), molto meno lucrativo. Ovvio quindi che si cerchi di rimanere nello status quo.

Merlian ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Merlian ha detto...

varran(n)o, con due enne, futuro semplice

gio ha detto...

@merlian
almeno questo lo so merlian...arrivo anche alla consecutio temporum:)....la (n) l'ho ciccata sulla tastiera...

@alessandro

il problema è che l'energia costa troppo e mantenendo lo status quo costerà sempre dipiù.........a chi interessa un'energia che costi di meno?

a tutti ...tranne le società che al momento la vendono e la fanno pagare cara

paolo ha detto...

@gio,
interessante la disputa "verbale" peccato - Gio - che mi sei incimpato sulla "n" giustamente rilavata da Merlian, sicuramente per la fretta; altro che la fisica ... è l'italiano una bestiaccia, ricca di insidie ad ogni piè sospinto:-) :)))))))))

gio ha detto...

@ paolo
e vuoi pure farmi scrivere un post:):):):):)

Alessandro Pagnini ha detto...

@gio
"il problema è che l'energia costa troppo e mantenendo lo status quo costerà sempre dipiù.........a chi interessa un'energia che costi di meno?

a tutti ...tranne le società che al momento la vendono e la fanno pagare cara "

Esattamente !
Meglio cercare di far morire (speriamo in senso solo figurato, eventualmente ;) ) la 'perturbazione' Rossi (qui una tastatina scaramantica è d'obbligo, povero ingegnere ;) ).
Speriamo che ci sia dell'arrosto in mezzo al fumo e, se così fosse, che non riescano nell'intento.

Merlian ha detto...

@paolo

...secondo me era stata lavata e "rilavata" che si è ristretta una enne!

hahaha, che battuta che ho fatto!

paolo ha detto...

quello che conta è la sostanza, la forma con un po' di attenzione si può migliorare; ad esempio il Signor Alessandro Pagnini, che pure vanta un nome altisonante, mi vuol spiegare in "tre" parole come si pone rispetto alla FF?

@Merlian,
ti sei fustigato, quanto e, soprattutto, dove?! :)))))))

gio ha detto...

@ alessandro
>Esattamente !
Meglio cercare di far morire (speriamo in senso solo figurato, eventualmente ;) ) la 'perturbazione' Rossi (qui una tastatina scaramantica è d'obbligo, povero ingegnere ;) ).


qui sotto hai la lista delle 500 maggiori società al mondo:

http://money.cnn.com/magazines/fortune/global500/2011/

quelle che vendono energia sono ottimamente posizionate, ma sono molte meno rispetto a tutte le altre...tutte le altre hanno interesse che l'energia costi meno.....tutte le altre hanno interesse affichè rossi stia in ottima salute e prosperi

Alessandro Pagnini ha detto...

@ paolo
Nome altisonante? E' il mio! Ho fatto un account google proprio per poter intervenire qui e ho inserito il mio nome e cognome. Non sapevo neppure se sarebbe stato visibile, ma la cosa non mi disturba affatto. Aggiungo che abito a Prato e ho 53 anni :)
Rispetto alla fusione fredda, cito la persona che più stimo al mondo, me stesso ;) (qualche post più in alto):
"...e qui mi sbilancio un po', dichiarando che la storia dell'E-CAT, come quella di tutti i vari studi e le iniziative anche commerciali sulle LENR, mi inducono all'ottimismo. Insomma, se dovessi scommettere una cifra, ragionevole, sul fatto che Rossi abbia davvero in mano il dispositivo che dice, mi sentirei di rischiare, in base a una serie di ragionamenti e a una 'sensazione' che non valida un bel niente, ma mi induce ad avere sul mio personalissimo cartellino (Rino Tommasi mi perdonerà se lo scopiazzo ;) ) un buon 90% di fiducia."
Mi sembrava fosse abbastanza chiaro il mio outing, ma resto a disposizione per chiarimenti ulteriori. Tra l'altro stamani ho parlato con un potenziale cliente per un E-CAT e gli ho detto di seguire la cosa, perchè secondo me prima di scartare l'idea, come molti suggerirebbero, conviene dare tempo ai fatti di manifestarsi. Tanto non deve provvedere immediatamente; la caldaia ce l'ha già, ma potrebbe convenirgli di sostituirla (un abiente di quasi 10.000 mq) magari tra un anno o due. Mi farò dare la provvigione da Aldo Proia ;)
@gio
Verissimo. E non solo le aziende, ma la gente. Solo che chi controlla e vende l'energia ha il vantaggio opposto e gli altri, se anche Rossi avesse in mano qualcosa di rivoluzionario ( e a beneficio di gio ribadisco che lo ritengo quantomeno probabile), non lo verrebbero a sapere tanto facilmente. Anzi viene detto di tutto CONTRO le lern e Rossi in particolare, visto che è l'unico in grado di vendere qualcosa, sembra.

Alessandro Pagnini ha detto...

"se anche Rossi avesse in mano qualcosa di rivoluzionario ( e a beneficio di gio ribadisco che lo ritengo quantomeno probabile)"

Era a beneficio di paolo....scusate, è la senilità incipiente! ;)

paolo ha detto...

OK ... ma avevo detto tre parole, come ad esempio: "sono dei vostri" semplice no? :)))))))))

paolo ha detto...

...oh Alesssssaandro, son più vecchio ed essendo tu toscano, dovresti "praticare " la battuta ...o sbaglio?

Alessandro Pagnini ha detto...

@paolo
Oh, ma io mica sapevo da che parte stavi ;)
E comunque mi riservo il beneficio di inventario, giusto per cascar da ritto! :)
Comunque diciamo che sono 'ben più che tiepidamente possibilista' se proprio dovessi sintetizzare. In effetti al momento attuale di prove concrete ve ne sono ben poche, ma lo scenario complessivo mi induce ad un certo ottimismo, con tutto il rispetto verso i più pessimisti....non vorrei che qualcuno, nottetempo, mi venisse a tagliar le gomme della macchina per rappresaglia, visto che sono bene identificabile! ;)

Robert Zellermann ha detto...

A proposito del signor Gerd Neumann di Kassel/Kaufungen: non si trova quasi niente a proposito di questa persona o del suo servizio “abos-conworks-coaching” nel internet. Si presenta nel internet come „Life Coach“ e „Business Coach“ e „Büroprofi“ (no so cosa significa, sarebbe una specie di “professionale ufficio” booah). Mi sembra una specia di esperto per servizi difficilmente spiegabili o di multilevel marketing. In conessione con l’ECAT dice di essere solo un „Generalvertriebslizenzbeteiligter für Deutschland". Non ho mai sentito questa parola o qualifica. Significherebbe “licenziato participante generale per la vendita”, in somma, sarebbe solo uno tra altri ad avere la licenza per una vendita dei prodotti Rossi in Germania, dove sarebbero aquistabili entro meta 2013. (sapete che nel tedesco si possono unire le parole costruendo nuove parole lungissime come Donaudampfschiffahtskapitänsanwärter) Neumann promette per il ECAT una “relazione potenza entrata/uscita” di 100 volte. La centrale termica da un MW consumerebbe 200 kW con costi di 1 Euro all’ora. Il mio calcolatore di tasca mi dice invece che con i costi di 25 ct per la kWh (nella mia citta) arrivo gia a 50 Euro solo per la corrente elettrica per un ora di servizio. E poi la centrale dovrebbe forrnire secondo lui 20 MW (100x200kW). Si sbaglia dunque, o non sa niente di energia. In commenti spaccia teorie del complotto circa una presunta oppressione o soppressione dei prodotti di Rossi, senza specificare chi sarebbe responsabile e perche e non nomina esempi. Testualmente dice: “Doch Vorsicht: Es ist nicht gewollt, dass wir es unter die Leute bringen! Es ist nichts für Angsthasen, nur etwas für die, die Nerven haben und Mut! „ (ma attenzione: non e‘ voluto che questo [parla di ECAT] viene distribuito tra la gente! Non e‘ niente per conigli ansiosi, e solo qualche cosa per chi ha nervi e coraggio!).

Devo aggiungere che il mio consulente bancario mi fa sempre delle affermazioni opposte a quelle di Neumann… E’ anche cosi da voi la giu’ nel caldo?

E a proposito del altro tizio cruco per cosi dire: il signor Hartmut Dobler di Weinstadt-Beutelsbach che vuole intromettersi nel commercio tedesco e‘ contemporaneamente anche commerciante per prodotti esoterici che sarebbero in grado di ravvivare o di animare aqua attraverso processi segreti. (Naturalmente non ancora provati dalla scienza) Basta avvicinare tali prodotti ad un bichiere d’acqua e – simsalabim – l’acqua e’ “animata” e ha un gusto migliore. Insomma…

Roberto

Alessandro Pagnini ha detto...

@Robert Zellermann
Ciao Robert e buongiorno :-)
Sono nuovo del blog e non ti conosco, ma presumo tu sia tedesco, da quello che dici, anche se ti esprimi eccellentemente nella nostra lingua.I nomi che citi, immagino siano di personaggi coinvolti nella distribuzione in Germania, giusto? Qui da noi la vendita è affidata ad un'azienda che si occupa anche di fotovoltaico, quindi direi che è comunque nel ramo energia e, anche se non è un grande nome, risulta adatta al compito. Del resto i grandi nomi dell'energia e le stesse aziende del fotovoltaico, vedono in Rossi un temibile concorrente, essenzialmente da tener lontano e il più possibile nell'ombra. Se capisco bene, ti lascia perplesso la tipologia di persone che, nel tuo paese, dovrebbero occuparsi della distribuzione dell'E-CAT. Ho letto proprio su uesto blog qualche commento a proposito di licenziatari, che dai nomi ho creduto fossero tedeschi, che apparivano, come dire...un po' improbabili, se non addirittura poco presentabili. E' uno degli argomenti a favore dei detrattori dell'E-CAT e in effetti non serve certo a rinsaldare la fiducia nel prodotto, tuttavia presumo che Rossi abbia, alla fine, dovuto prendere quello che gli si presentava e chi era disponibile, senza andare troppo per il sottile. L'importante per lui è costruire una testa di ponte, i nomi più qualificati verranno quando l'evidenza del funzionamento dell'E-CAT, sarà incontrovertibile (e forse verrà anche il Nobel) e questo Rossi giudica che potrà avvenire, non da certificazioni universitarie, ma solo da svariati clienti soddisfatti. Durante la seconda guerra mondiale, per garantirsi appoggio per lo sbarco in Sicilia, gli americani contattarono la 'mafia' (la criminalità organizzata siciliana) attraverso le famiglie mafiose di italo-americani. Io ho praticato per 25 anni un arte marziale che si chiama Aikido. Il mio primo istruttore era una cintura nera di judo e mi raccontò che per poter fondare una scuola in Italia, la federazione a cui appartenevamo, convocò un certo numero di cinture nere di judo interessate all'aikido, per un seminario di 3 giorni, al termine del quale venne loro assegnata la cintura nera e la qualifica di istruttore! Quando si deve costruire una testa di ponte in un paese straniero, molte volte non si fanno tanto gli schizzinosi. Non è bello, ma è una realtà. Inoltre, che questo signore che citi, abbia a che fare con prodotti un po' 'strani' non mi sorprende. Fermo restando che sulle proprietà dell'acqua ci sono ancora molti interrogativi aperti, vedi anche le ricerche di Luc Montagner, che pur essendo un Nobel è stato messo alla gogna per questi suoi studi, non è strano che si avvicinino all'E-CAT ambienti vagamente NEW AGE, per una sorta di contiguità culturale. Rossi mi pare di altro stampo, ma molti vedono in lui uno dei grandi artefici dell'atteso cambiamento per l'ingresso nella nuova era, una sorta di Messia e in effetti una nuova era potrebbe aprirla davvero, anche se lui non pensa affatto a questo aspetto, credo.

paolo ha detto...

... bravo Alessandro:

1° per l'aikido, forse la disciplina più bella tra le arti marziali, praticata, troppo poco ma sufficiente per apprezzarne l'armonia - l'intelligenza dei movimenti - la filosofia ispiratrice
2° per le qualità dialettiche
3° per la legittima diffidenza verso gli sconosciuti ... però consentimi di suggerirti che i post sono firmati ed alcuni sono miei :))))

Alessandro Pagnini ha detto...

@paolo
Grazie, grazie..il vostro applauso mi rende sordo! ;-)))
Riguardo ai post firmati, se ti riferisci ai post citati riguardo ai licenziatari tedeschi e nei quali si esprime qualche perplessità, non ricordo neppure dove e quando gli ho letti. Forse anche in questa stessa discussione (non so se mi esprimo in termini giusti. Sto usando quelli di un forum cui partecipo attivamente, ma sono nuovo ai blog), ma non sono andato a ricercarli per verificare (sono moooolto pigro ;-) ). Ho solo richiamato alla memoria il succo dei concetti letti.
Grazie di nuovo per l'apprezzamento, anche per l'aikido, del quale sembri avere quantomeno una certa conoscenza. Non voglio andare OT, quindi chiudiamola qui, altrimenti si comincia a ragionare di arti marziali e ci bannano con onta e vergogna, per il clamoroso fuori tema! ;-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@paolo
A rischio di ban (o tortura della ruota in alternativa), ma fidando nella misericordia di Daniele e dello staff, mi correggo. Nel rileggere il tuo post mi pare di capire che non lamenti che l'aikido sia poco particato genericamente, ma che TU lo hai praticato troppo poco, giusto? Allora ne sai ben più di quanto supponevo, caro 'collega' :-)
Dal 1979, tra l'altro ho praticato il Ki-Aikido di Tohei, se lo conosci.
Ciao :-)

paolo ha detto...

... in estrema sintesi: ormai in un'altra epoca Io ho praticato ...
Daniel mi ha concesso il privilegio di essere coautore - insieme ad altri amici - del suo blog: ogni post è firmato e, per esempio, l'ultimo in ordine di tempo è firmato Franco Morici:))

Alessandro Pagnini ha detto...

@paolo
Ah, ok!
Nota che io per post intendo ogni intervento anche quello che sto compilando in questo momento. Ovviamente compare comunque un nick, che nel mio caso coincide col mio nome e cognome. Il post iniziale che dà origine ad una nuova discussione (o thread), ne impone anche il titolo. Quindi quando parlavo di 'post', mi riferivo alle centinaia di interventi che ho scorso tra le varie discussioni in vista (che magari sono una decina).Ecco, questo è come sono abituato a pensare e non so se dovrò imparare qualche nuovo termine o dovrò correggerne l'uso, frequentando il blog. Cercherò di stare attento e non abusare della vostra pazienza :-)

paolo ha detto...

... non ti preoccupare:) e non farti problemi, stiamo giocando :))))))

Anto ha detto...

@Alessandro

anch'io vengo dai forum: son qui da più di un anno e ancora ho difficoltà con la terminologia eh eh

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails