Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

venerdì 15 aprile 2011

L'E-Cat sbarca su Il Fatto Quotidiano

L'articolo sul Fatto Quotidiano di oggi - la didascalia recita: Sperimentatori
italici, Andrea Rossi, filosofo e ingegnere chimico, e Sergio Focardi, fisico.
Riporto l'articolo uscito su Il fatto quotidiano di oggi, venerdì 15 Aprile 2011, nella pagina VI dell'inserto Saturno.

Il reattore

Ventidue anni dopo Fleischmann e Pons, l'italiano Andrea Rossi presenta un brevetto per la "fusione fredda". Scettici gli scienziati


di Dario Bressanini


È DIFFICILE AL giorno d'oggi trovare scienziati che prendano sul serio la fusione fredda. È dal 1989 che, dopo un breve momento di euforia dovuto all'annuncio di Fleischmann e Pons, questo campo di studi agli occhi di molti è stato completamente screditato. A dire il vero, però, nel corso degli ultimi vent'anni vari laboratori in giro per il mondo hanno silenziosamente continuato a lavorare in questo campo, rinominato "reazioni nucleari a bassa energia". Anche l'ENEA, in Italia, ha svolto in questi anni vari esperimenti. Nessuno però è mai riuscito a realizzare un esperimento che fornisse in modo riproducibile più energia di quanta ne venisse immessa. Attirati dalla possibilità di fama e ricchezza, anche molti personaggi estranei alla cosiddetta "scienza ufficiale" hanno inseguito in questi anni il sogno di una produzione di energia da fusione nucleare. Uno di questi è l'inventore Andrea Rossi, già noto alle cronache italiane per la vicenda Petroldragon, una società che negli anni '80 si prefiggeva di trasformare i rifiuti solidi urbani in petrolio utilizzabile come combustibile. La società e Rossi andarono però incontro a diversi problemi, che sfociarono in una serie di inchieste giudiziarie e alla chiusura dell'azienda.


Ora Rossi è tornato alla carica con un apparecchio, per cui ha depositato una domanda di brevetto, che riuscirebbe a produrre energia dalla fusione di atomi di nickel e di idrogeno. Ancora il sogno della fusione fredda. Ciò che rende diverso il suo annuncio da molti altri è che Rossi non vuole sottrarsi alle verifiche sperimentali e ha chiesto ad alcuni scienziati di controllare che il suo apparecchio produca effettivamente energia.

E rispetto alle piccole quan­tità di energia in gioco degli esperimenti di Fleischmann e Pons, qui l'energia in gioco è molta di più.


Una dimostrazione pubblica del funzionamento dell'apparecchio, abbastanza piccolo da poter essere posizionato su un tavolo, è avvenuta il 14 gennaio scorso, a Bologna, sotto gli occhi attenti e soprattutto gli strumenti di misura dei ricercatori del dipartimento di Fisica di Bologna e della sezione locale dell'INFN (Istituto Nazionale di Fisica Nucleare).


Rossi stesso, da tempo, collabora con Sergio Focardi, fisico sperimentale e Professore Emerito dell'Università di Bologna, che negli anni scorsi si è interessato alle reazioni nucleari a bassa energia; né il dipartimento di fisica né l'INFN sono però coinvolti in alcun modo nello sviluppo dell'apparato. Dopo che la miscela di nickel, idrogeno e un catalizzatore segreto è stata innescata da una resistenza elettrica, l'apparecchio ha prodotto per quaranta minuti una potenza di 12 kW sotto forma di calore, utilizzato per vaporizzare dell'acqua che scorreva nel reattore. Rossi, in attesa del rilascio del brevetto, non ha permesso di aprire il suo apparecchio, e per questo motivo molti scienziati si mostrano ancora estremamente scettici. Non è possibile quindi, al momento, escludere la presenza di un trucco, anche se è difficile immaginare quale possa essere per poter generare in modo continuativo una così grande quantità di energia in un così piccolo volume. Dopo vari mesi di utilizzo continuo di un reattore sperimentale, secondo Rossi una parte del nickel si sarebbe trasformata in rame. Se questo venisse confermato da un'analisi indipendente sarebbe il segno inequivocabile di una reazione nucleare. Questo tipo di reazione però è impossibile secondo le attuali conoscenze, ed è anche per questo che permane molto scetticismo nell'ambiente scientifico rispetto all'apparecchio di Rossi.


Un secondo test è stato effettuato lo scorso 29 marzo sotto gli occhi di due fisici svedesi: Hanno Essén dell'Università di Stoccolma e Sven Kullander dell'Università di Uppsala. Essén è presidente della Skeptics Society svedese, l'equivalente svedese del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale), e abituato quindi a confrontarsi con fenomeni apparentemente inspiegabili e a smascherare truffe. Nel loro rapporto i due fisici escludono che l'energia prodotta possa essere dovuta a reazioni chimiche e si mostrano abbastanza convinti che nell'apparecchio avvengano davvero delle reazioni nucleari.


Un reattore da un megawatt è in costruzione, secondo Rossi, ad Atene presso la Defkalion Green Technologies e dovrebbe essere pronto entro ottobre 2011. Senza poter effettuare altri test non è possibile dare un giudizio definitivo sull'invenzione di Rossi. Probabilmente dovremo aspettare ottobre, e vedere se davvero il generatore da 1 megawatt entrerà in funzione o se si ripeterà quanto accaduto a Fleischmann e Pons.

Link:
II brevetto di Andrea Rossi: http://bit.ly/dLSxHI
Il filmato dell'esperimento: http://bit.ly/e6xz38
Le dichiarazioni dei fisici svedesi: http://bit.ly/fbMcKS


IL CASO - IL 23 MARZO 1989 il mondo credette di aver trovato la soluzione al problema energetico. Quel giorno i chimici Martin Fleischmann e Stanley Pons annunciarono in una conferenza stampa di essere riusciti a realizzare la "fusione fredda" producendo energia nucleare, come avviene nelle stelle, ma a temperatura ambiente e nelle loro provette, in modo sicuro e pulito. L'annuncio venne accolto da molti scienziati con grande scetticismo. Immediatamente altri laboratori cercarono di riprodurre i loro risultati ma senza successo. Alcuni risultati positivi vennero in seguito spiegati come errori nell'esperimento. Nel giro di poco tempo, in campo scientifico "fusione fredda" divenne sinonimo di bufala e la carriera di Fleischmann e Pons venne stroncata. Nonostante tutto, i due continuarono a credere di avere fatto una scoperta reale. Nel 1992 si trasferirono in Francia per proseguire le ricerche presso un laboratorio privato. Fleischmann andò in pensione nel 1995 e nel 1998 il laboratorio chiuse senza aver trovato nulla.

49 : commenti:

zippo ha detto...

@daniele: Bario Bressanini? Mi sa che stai leggendo troppo la tavola periodica degli elementi ultimamente. :-D

Naturalmente e' Dario.

Vitamina ha detto...

Tg leonardo , rai 3 ,alle 15 meno 10 oggi hanno parlato di un altro esperimento del Politecnico di Torino, ho già dimenticato il nome del fisico , ma ricordo la denominazione dell'energia, definita "piezonucleare" , non è fusione , ma , in questo esperimento , il ferro si trasforma in elementi più semplici, fra cui il calcio ,e si libera moltissima energia , insieme ai neutroni . Te lo volevo dire, anche se la mia relazione , obbiettivamente , fa pena.

Vitamina ha detto...

L'intervistato, responsabile dell'esperimento , ha accennato con molta ironia alla fusione fredda.

amarcado ha detto...

Si legge sul sole 24ore che la grecia è sull'orlo del crack..

Se fallisse secondo voi sarebbe un bene o un male per lo sviluppo del reattore?

Peter Gluck ha detto...

A la prima vista- an ill-willed article by an incompletely informed bureaucrat.

A la seconda vista- there will be no second sight. Basta!

Peter

federico ha detto...

ma il fatto quotidiano per fare buona informazione dopo
"già noto alle cronache italiane per la vicenda Petroldragon, una società che negli anni '80 si prefiggeva di trasformare i rifiuti solidi urbani in petrolio utilizzabile come combustibile. La società e Rossi andarono però incontro a diversi problemi, che sfociarono in una serie di inchieste giudiziarie e alla chiusura dell'azienda."
non ci dovrebbe spiegare il perche di questo decisione o ci dovrebbe bastare?

e poi:"l'equivalente svedese del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale)"
ancora co sto cicap?
ma sempre in mezzo alle palle ?
non si dovrebbero occupare di "paranormale" ? lo facessero e non rompessero i maroni alle persone serie che si occupano di scienza .

il problema del cicap comuque si intravede qualunque cosa non appartiene alle cosi dette "leggi fisiche" cade nel "paranormale".

ma andassero a incastrare i poveri maghi di turno senza autoeleggersi a certificatori de sta fava.

mi chiedo ma chi gli da tale "autorevolezza"? autorefenziata?
andiamo bene ....

tia ha detto...

Italiano compatto - Dizionario della Lingua Italiana © 2010 Zanichelli editore:

paranormale
[pa-ra-nor-mà-le] aggettivo

1. si dice di un fenomeno che non ha spiegazioni scientifiche

federico ha detto...

@ tia

la tua "spiegazione" è un inutile e ignorante tentativo di parare il culo al cicap che non nasce per verificare i fenomeni scientifici o fare ricerca ma che è nato per smascherare tutti quei cosi detti fenomeni "paranormali" che non sono intesi come che non hanno spiegazioni scientifiche ma che si riferiscono

comunque l'etimo viene da "para-" vuol dire al di là del "normale" appunto ma nessuno ha detto che la esiste l'equivalenza di "normalità" e "scienza"

quindi anche se studi su wikipedia e cerchi le parole difficili sullo
zaganelli "compatto", "paranormale" non significa che "non ha spiegazioni scientifiche" è anche quello ma non solo .

in medicina "paranormale" ad esempio vuol dire una reazione al di là del normale ovvero non nella regola cosi come in parapsicologia si riferisce a fenomeni di natura no legate a leggi fisiche.

e comunque dalle dichiarazioni stesse del suo fondatore (piero angela) il cicap NON nasce per fare ricerca scientifica ...quindi for da le bal.

Daniele ha detto...

@zippo
Eheh Bario... simpatica la tua ipotesi :)
ma in verità l'errore è scappato all'OCR e non me ne sono accorto.

@Vitamina
Probabilmente era Alberto Carpinteri... ma non sono riuscito a vederlo. Grazie comunque.

@Peter
Sigh, if you were accustomed to the poisonous environment that prevails in Italy, you would say that this article is almost as good! :(

@Federico
Ultimamente, quando leggo un articolo, spesso ho come l'impressione che l'obiettivo principale del giornalista è riempire tot battute. Che dire, noi ci confrontiamo da 3 mesi su questo argomento, forse chi scrive su un giornale dovrebbe avere l'umiltà di informarsi un po' di più, chiedere, interrogare, prima di uscire fuori con un pezzo basandosi su quello che legge su internet. Comunque è talmente grave il silenzio stampa sulla vicenda che sono comunque grato a Il Fatto Quotidiano.

@Tia
Sicuro del fatto tuo, come sempre. Ti consiglio, un vero dizionario non un "compatto". Questo per esempio è quello che riporta il mio Garzanti:
"PARANORMALE: 1. (med.) non pienamente normale, anche se non del tutto anormale 2. si dice di quei fenomeni apparentemente indipendenti dalle normali manifestazioni del mondo psichico e fisico, che avvengono in circostanze particolari e di cui non sono ancora conosciute le cause, quali la telepatia, la chiaroveggenza, la levitazione, la bilocazione, ecc.
Oppure il DIR di G. D.Anna: 1. nel ling. corrente, relativo a fenomeni non comuni (medianismo, telepatia, visione a distanza ecc.) 2. nel ling. med. di fenomeno non del tutto normale.
La lingua italiana ha 1000 sfumature e la scienza non è da meno: l'apoditticità con cui continui a contraddistinguerti è la negazione della ricchezza di sfumature e di opinioni...

Daniele ha detto...

@Federico
Leggo ora il tuo commento... più colorito del mio, ma esattamente sulla stessa lunghezza d'onda! :)
È che io spero sempre che Tia si renda conto, prima o poi, crescendo e diventando un po' saggio, che il mondo è assai più complesso di come lo crede lui. Per questo non mi disturba la sua presenza qui.

tia ha detto...

Bene, visto che siete cosi sicuri potete benissimo scrivere al CICAP (basta scrivere nei commenti dell'articolo linkato) perchè loro non possono indagare.

>La lingua italiana ha 1000 sfumature

Ecco appunto. Però stranamente si vanno a prendere SOLO le sfumature che piacciono.
Rinnovo l'invito, scrivi al CICAP.

tia ha detto...

>non significa che "non ha spiegazioni scientifiche" è anche quello ma non solo .

Ecco, appunto. Significa ANCHE quello.

Vanesio ha detto...

>Daniele
...prima o poi, crescendo e diventando un po' saggio...
io invece l'ho già dato per perso da un pò...

>federico
resta comunque una speranza che si sta trasformando in certezza: il furor di popolo, e che un giorno questi spaventapasseri si sveglieranno pallidi in un mondo che non riconoscono più, dove le regole del gioco sono ormai cambiate.
(musica di sottofondo: la fine del cinema muto di Claudio Lolli)

Daniele ha detto...

@Tia
Ti ho riportato tutti i significati, riportati nei due vocabolari che ho a casa (se andassi a casa di mia madre ne avrei altri 3 o 4). Sono edizioni di una ventina di anni fa. A quanto pare il significato che hai riportato tu è abbastanza nuovo (la lingua è viva ed evolve, proprio come le teorie scientifiche) ed è un significato - per quanto di uso attestato - che non mi piace né convince molto, perché tradisce un po' l'etimologia del termine. Proprio come a te non piacciono le nuove teorie scientifiche alle porte: che vuoi fare, è difficile per tutti mettere da parte le proprie "abitudini"! :)

tia ha detto...

Ed io ti ripeto, puoi tranquillamente scrivere al CICAP.
Io penso che ti risponderanno tranquillamente "ci occupiamo anche di frodi scientifiche". Non a caso ci sono anche articoli sulla "predizione dei terremoti" osteggiata da certi personaggi.

Anonimo ha detto...

segnalazione x 22passi:
http://www.queryonline.it/2011/04/15/reattore-e-cat-la-posizione-del-cicap/

tia ha detto...

Al poste di "osteggiata" leggere "proposta".

federico ha detto...

@ tia

senti io non so questo zaganelli "compatto" dove lo hai comprato ma sicuramente io al posto tuo chiederei i soldi indietro.

se proprio ti serve l'autorità ti posso dire che il dizionari treccani è in cima come autorevolezza a tutti e non è "compatto"...riporta gli stessi concetti espressi dal garzanti di daniele.

"paranormale" non si limita ad essere un qualcosa che "non ha spiegazioni scientifiche" non facciamo i furbini giocando con le parole. ovviamente un fenomeno "paranormale" non ha spiegazioni scientifiche ma ad esempio proprio l'e-cat di rossi non ha nulla ma proprio nulla di "paranormale" .può essere una bufala (ovvero un imbroglio di cui non si capisce dati gli eventi la motivazione) ma di "paranormale" non ha proprio niente.
quindi il cicap non c'entra niente punto e basta.

il problema è che questo manipolo di "capoccioni" si vogliono arrogare il diritto di mettere bocca su qualunque cosa destabilizzi lo status quo e infatti intervengono guarda caso proprio come comun denominatore proprio in questi casi .

si occupano di complotti come l'omicidio kennedy tanto per fare un altro esempio perche lo sbugiardamento definitivo (come sta avvenendo )di quella vicenda turberebbe lo status quo ; in pratica dei conservatori oscurantisti.

come vedi nè l'omicidio kennedy , nè l'11 settembre , nè l'e-cat sono vicende a cui di dovrebbero interessarsi data la loro "fondazione" ma tant'è.

Daniele ha detto...

@Tia
Primo, in questo caso non esiste nessuna prova di frode scientifica (e non c'è da stupirsene visto che non c'è nessuna frode).
Secondo, che loro si occupino ANCHE di frodi scientifiche è vero, ma che abbiano autorevolezza, competenza e riconoscimento per farlo NON CREDO PROPRIO. Stanotte racconterò a tutti qualcosa al riguardo.

federico ha detto...

@ tia

grazie non ho tempo da perdere a scrivere al cicap non dando risposte alle domande che uno fa e non ho nemmeno tempo da perdere spiegando a qualcuno la moltitudine di domande aperte senza risposta che hanno.

detto questo il problema grosso del cicap che indaga su "frodi scientifiche" è che non hanno la buonafede dalla loro parte.
loro partono dal concetto che tutto è spiegabile con le attuali conoscenze scientifiche .
loro non diranno mai questa cosa ma in realtà i loro comportamenti parlano per loro e per questo sono in malafede.

i terremoti ?
certo come no ...sicuramente loro sanno che "certi personaggi" mentono ...se lo dicono loro ....

la protervia ,la sfacciataggine nel mentire ,l'attegiamento antiscientifico sono i tratti caratteristici di questa banda di conservatori oscurantisti

tia ha detto...

Veramente rispondono quasi in tempo reale.
Vai qui: http://www.queryonline.it/2011/04/15/reattore-e-cat-la-posizione-del-cicap/
E scrivi

@ CICAP

Tuo testo

Vedrai che rispondono.
Su.

federico ha detto...

@ tia
mi sa non è chiaro il concetto provo a rispiegarlo:

non ho la minima fiducia nel cicap.

non ho stima del cicap.

non ho la minima intenzione di recuperare tale fiducia e stima sbattendomi io cercandoli per darmi risposte che già so da solo senza di loro.

per quanto mi riguarda se potessi li lascerei allo scuro di tutta la vicenda possono solo contribuire a mandare in vacca qualunque vera innovazione.

ciao

marcodave ha detto...

Ciao Daniele, ti giro qui una domanda/dubbio che ti ho mandato anche via email, ma che vorrei condividere anche con gli altri utenti: con il referendum del 12/13 giugno, sarebbe possibile, paradossalmente, che l'e-cat diventi *illegale* in Italia ? Penso questo perché, alla fine, l'e-cat è un reattore nucleare, no ?
Solo che invece di fissione è una "fusione" e non produce scorie radioattive...

Spero di sbagliarmi, ammetto di non essere molto informato sul testo del punto del referendum relativo al nucleare. Se tu o qualche altro può smentire questo mio dubbio, ne sarei più che contento! :)
Marco

ant0p. ha detto...

io su q.o.l. ogni tanto scrivo nei commenti per l'e-cat.
l'impressione è che la redazione sta molto sulle sue e non vuole schierarsi, mentre molti dei frequentatori sono molto critici e spesso in modo pretestuoso..la fanno tutti troppo semplice. ultimamente va di moda l'argomento 'umanità'. cioè dicono: se rossi ha in mano una scoperta che cambierà le sorti dell'umanità'' cosa glie ne frega del brevetto..verrà comunque ricordato come il primo a aver inventato un dispositivo funzionante a ff. non sto a nemmeno a spiegare perchè è un argomento ingenuo:)) (a volte usato in modo fintamente ingenuo..) poi mica esiste solo il cicap nella contesa sulle lenr, anzi il cicap si è tenuto ben lontano dall'argomento..non è che adesso in piena resa dei conti possono pretendere di buttarsi in mezzo con richieste varie..mo'aspettano pure loro come aspetto io, tia e chiunque altro che ha scoperto questa vicenda solo da internet. sono rossi, focardi o piantelli o arata o gli altri fusionarifreddi a decidere chi tirare in mezzo.

Tizzie ha detto...

@marcodave: se l'E-Cat funziona mediante reazioni nucleari a bassa energia (LENR) credo purtroppo che si possa assimilare ad un reattore nucleare. Fra l'altro emettendo raggi gamma a bassa intensita` (schermati con il piombo) comincio ad avere dei dubbi riguardo la sua introduzione a breve o medio termine negli ambienti domestici, nel senso che come dice Rossi ci sono problematiche di autorizzazioni da non sottovalutare.

Comunque credo decisamente che occorra assicurarsi se votando si` al referendum poi non venga impedita la diffusione in Italia di tale apparecchiatura, una volta verificato il funzionamento.

tia ha detto...

Il referendum è abrogativo.
Non impone una legge che rende illegale il nucleare.
Cancella solo le norme attuatorie necessarie per il nucleare a fissione.

Alberto ha detto...

@ TIA: ma credi veramente alla buona fede del CICAP? Leggi questo allora: http://www.disinformazione.it/aqua.htm

E se non hai voglia di aprire la pagina web e leggere tutto, almeno leggi questo estratto:

"Ebbene, ci credereste? Malgrado abbia mandato la sua domanda sia negli USA che al CICAP in Italia, non solo l'esperimento "controllato" ancora non è stato organizzato, ma addirittura, Elia ha ricevuto una qualche risposta soltanto nel Giugno 2003 (4 anni dopo!!!!) e soltanto a seguito di ripetute altre sollecitazioni di cui parleremo a breve.

Qual è il messaggio che ancora passa e si diffonde con gran fracasso? Semplice: C'è un milione di dollari in palio per chi dimostra scientificamente che è possibile trovare differenze chimico fisiche tra "acqua omeopatica» e acqua pura, ma nessuno lo ha mai ritirato!!! Quindi, nessuno è in grado di mostrarlo scientificamente!

Questa fallace deduzione presuppone che (tutte cose a dir poco non banalmente vere):
l. chi ne fosse capace deve essere a conoscenza del premio;
2. chi ne fosse capace ed a conoscenza del premio debba decidere che vuole quel milione di dollari, mettendo a rischio la propria immagine di "serio ricercatore";
3. si consideri di nessun valore scientifico tutta l'estesissima casistica della medicina omeopatica (su uomini, animali e piante);
4. il premio sia totalmente in buona fede e non sia neanche minimamente una trovata di marketing dello "scettico pigro".

Perché mai accade che, quando un serio professore universitario di chimica è così sicuro dei suoi esperimenti degli ultimi 7 anni e che, inoltre, superando le inibizioni e i rischi della ridicolizzazione, venendo a sapere del premio, decide di parteciparvi (e tutto ciò già è poco probabile), neanche ci si degna di rispondergli? Forse ci vuole il CICACICAP? (Comitato Italiano per il Controllo della Affermazioni del CICAP). Chissà?!"

Daniele ha detto...

@Vitamina
Sì, risulta anche a me che quel fisico torinese è critico rispetto alla fusione fredda...

@amarcado
Fai una domanda da fantapolitica: che succede se la Grecia fa bancarotta? E che succede se in Italia scoppia una guerra civile? Speriamo che non succeda né l'una né l'altra. Non sono in grado di risponderti.

(Vitamina e amarcado, scusate ma mi erano sfuggiti i vostri commenti)


@tutti
Riporto una serie di considerazioni di Federico che quoto totalmente perché - dopo quello che ho avuto modo di osservare negli ultimi 3 mesi - corrispondono al mio pensiero:
...il problema grosso del cicap che indaga su "frodi scientifiche" è che non hanno la buonafede dalla loro parte. Loro partono dal concetto che tutto è spiegabile con le attuali conoscenze scientifiche .
loro non diranno mai questa cosa ma in realtà i loro comportamenti parlano per loro e per questo sono in malafede.
non ho la minima fiducia nel cicap.
non ho stima del cicap.
non ho la minima intenzione di recuperare tale fiducia e stima sbattendomi io cercandoli per darmi risposte che già so da solo senza di loro.
per quanto mi riguarda se potessi li lascerei allo scuro di tutta la vicenda possono solo contribuire a mandare in vacca qualunque vera innovazione.


@marcodave
Ciao, ti ringrazio, perché ricordavo che qualcuno mi aveva posto questa domanda ma non sono riuscito più a ritrovarla né tra i commenti né tra le email.
Questa volta, nota bene, sono perfettamente d'accordo con Tia: si tratta di un referendum abrogativo di norme specifiche che riguardano solo ed esclusivamente il nucleare a fissione (giusto a titolo di esempio non riguardano le apparecchiature mediche "nucleari". L'intenzione dei promotori è chiara. Se qualcuno volesse estenderlo al reattore di Rossi, allora andrebbe esteso anche ai reparti ospedalieri di medicina nucleari. Bisogna votare no (cioè SI per dire no) al nucleare a fissione... senza se e senza ma. Questa la mia personale opinione.

@ant0p
Sì quell'argomentazione umanitaria che ho letto pure io tra i commenti di QOL è veramente da far cascare le braccia... mi chiedo come mai nessuno la usi rispetto a Berlusconi. Tra poco comunque voglio scrivere un post per dimostrare la mala fede del Cicap.

@tizzie
Anche i macchinari dove vai a farti raggi X e tomografie varie emettono radiazioni, mica vengono messi in discussione dal referendum: come ho scritto prima la costruzione delle centrali nucleari è sottoposta a una legislazione particolarissima e specifica ed è solo tali norme che vengono abrogate ad hoc in modo da rendere impossibile costruire una centrale nucleare. Poi che vuoi che ti dica, in Italia tutto è possibile, ok... ma non mi preoccuperei più di tanto.

@Tia
Come vedi quando dici cose ragionevoli, sono d'accordo con te. Questa volta lo sono al 100%.

Daniele ha detto...

@Alberto
BRAVO! Vorrei proprio che il CICAP venisse qui a rispondere e vorrei proprio vedere cosa risponderebbe.

amarcado ha detto...

@Damiele
secondo me il fatto che la Grecia realizzi il primo reattore a "fusione" della storia (speriamo sia veramente cosi) non è un caso in quanto essendo il paese a forte rischio di bancarotta, ha bisogno di nuovi input economici e rivoluzionari.
Naturalmente avendo molto nichel a sua disposizione le giovà ancora di più.

ant0p. ha detto...

@daniele

vabè ma lo stesso discorso sul nano non è applicabile..a parte le palle nella sua vita non ha mai inventato niente:))

Daniele ha detto...

@amarcadao
Sul fatto che la Gracia abbia molti buoni motivi per sposare questa impresa non c'è dubbio. Ma la tua domanda era un'altra.

@ant0p
Be', non è proprio vero, la Tv commerciale non l'ha semplicemente copiata agli USA e trapiantata qua: è riuscito a inventarsi qualcosa di nuovo. Soprattutto nel momento in cui ha creato un sistema economico-politico integrato, che tutto il mondo studia come un caso da laboratorio (sociale), di cui è tuttora difficile immaginare gli esiti futuri. Buona giornata carissimo

Dario Bressanini ha detto...

Buongiorno, sono l'autore dell'articolo. No, quando scrivo non devo solo "riempire il numero di battute", ma le battute richieste (in questo caso 5500) sono un limite che impone di scegliere quali dettagli tralasciare perchè ritenuti poco importanti per il lettore (in questo caso la fine della vicenda Petroldragon)

E prima di scrivere il pezzo ho letto tutto quanto di "abbastanza affidabile" (cioè tralasciando siti web, blog di tifosi, etc...) ho trovato: brevetti, rapporti etc. e ho tratto le mie conclusioni che ho riportato nel pezzo. (Tra l'altro sono un chimico-fisico quindi non ho avuro problemi di "comprensione")

Daniele ha detto...

@Dario
Spero che possiamo darci del tu e ti ringrazio per l'intervento e soprattutto per avere scritto l'articolo. Ci tengo a precisare che il discorso delle battute si riferiva alla stampa in generale, non a te in particolare, e che nessuno qui ha messo in discussione la qualità di quanto hai scritto. Quello che spero è che Il Fatto Quotidiano continui a stare sulla notizia e la approfondisca. Auspico ad esempio che la vicenda Petroldragon possa essere ripresa e sviscerata, altrimenti continuerà a essere uno spettro che aleggia sulla vicenda. Non credo che bisognerà aspettare fino a ottobre per avere aggiornamenti. Penso che l'Università darà comunque una serie di annunci e informazioni sul piano di ricerca che metterà in campo. Buon lavoro

amarcado ha detto...

@Daniele

La mia domanda era in tema cmq evitiamo polemichette assurde...

Luigi ha detto...

@ Dario Bressanini

QUOTA: “ … e prima di scrivere il pezzo ho letto tutto quanto di "abbastanza affidabile" (cioè tralasciando siti web, blog di tifosi, etc...) ho trovato: brevetti, rapporti etc. e ho tratto le mie conclusioni che ho riportato nel pezzo. (Tra l'altro sono un chimico-fisico quindi non ho avuro problemi di "comprensione")”

Non per vis polemica. D’accordo, sarà corretto tralasciare siti web ecc…, trovare brevetti, rapporti ecc…, ma prima di trarre le “conclusioni”, io mi aspettavo di trovare almeno una breve, stringata citazione delle motivazioni della sentenza di assoluzione di Rossi. Così, giusto per completezza. Anche se non capisco né apprezzo una struttura argomentativa tenuta insieme, a ben guardare, dalle insinuazioni:

“… Attirati dalla possibilità di fama e ricchezza …Uno di questi è l'inventore Andrea Rossi… Ora Rossi è tornato alla carica…” ecc…

Tutto sempre così omologato, assolutamente nello standard. E’ poi difficile attenersi con sobrietà alla cronaca dei fatti ? (Pochi, è vero). Cogliere al balzo la sfida del momento, assumendosi il “rischio” di proporre qualcosa di veramente nuovo ?

Egregio Dr. Bressanini, perché accontentarsi dei ringraziamenti per un articolo che comunque è stato scritto. Coraggio, colga la sfida, adesso o mai più.

Luigi

ant0p. ha detto...

@daniele
prima e ultima volta che parlo in modo approfondito del nano: fino al 99 abitavo vicino al san raffaele, praticamente attaccato a milano2, in palazzi contigui agli uffici della fininvest (poi mediaset). e conosco bene l'ideale sociale del nano: creare una serie di quartieri-dormitorio per ricchi con molto verde..così laggente se ne sta tranquilla e non rompe le palle a chi gestisce il potere:)) ma questo può funzionare con bambini e vecchi, ma dai 15 ai 75 anni è un modello sociale molto noioso, come del resto tutti i modelli sociali.. le tv non sono state altro che un incrocio tra la rai e le tv commerciali americane, col beneplacito dei poteri già costituiti (stato e mafia) e senza scontrarsi troppo con i poteri religiosi vaticani..il nano non è mai stato molto religioso, almeno in senso tradizionale.. e in sostanza hanno la funzione di propagandare in forma liofilizzata per tutta italia quella specie di perbenismo/collettivismo ipocrita pseudo-socialista (di natura laica ma non in contrasto con la chiesa come già detto prima) che sta alla base dell'ideologia nanesca. poi purtroppo per lui entrando in politica e dovendo mettere in piazza il suo privato a scopi propagandistici (si ricorderanno tutti gli stucchevoli quadretti familiari con moglie/figli/nipoti che gli servivano come avamposto mediatico per le campagne elettorali) ha finito per dover condividere anche le cose che non avrebbe voluto..la moglie che lo lascia, lui che da anziano un po' patetico e bisognoso di affetto va a puttane ecc.
insomma è più o meno quello che si devono inventare ovunque le persone assetate di potere per riuscire nei loro scopi personali. e non è che le sue 'invenzioni' abbiano niente di originale o di veramente utile a altri al di fuori di lui..al massimo la particolarità è che nel nano non c'è veramente niente che si discosti dalla mediocrità, forse è stato questo il suo vero trucco per ottenere soldi+potere:)) avesse avuto qualche caratteristica che si discosta in modo netto dalla media sarebbe risultato troppo inquietante per laggente comune e non sarebbe riuscito a imporsi.

Daniele ha detto...

@amarcado
La tua domanda era: Si legge sul sole 24ore che la grecia è sull'orlo del crack... Se fallisse secondo voi sarebbe un bene o un male per lo sviluppo del reattore?
In tutta franchezza non lo so. Intendevo solo questo...

@ant0p
A livello descrittivo condivido tutto. Però ricordo - quando detti l'esame di scienze della comunicazione - la storia di Publitalia negli anni '80 e di come essa avesse stravolto le regole del gioco. Non ho mai discusso le qualità di Berlusconi come imprenditore, in quello è stato un innovatore. Sfortunatamente per lui (e ancora di più per noi, uno Stato non potrà mai essere governato come un pool di aziende (a meno di non scivolare in un regime non democratico).

Rampa ha detto...

"Uno di questi è l'inventore Andrea Rossi, già noto alle cronache italiane per la vicenda Petroldragon, una società che negli anni '80 si prefiggeva di trasformare i rifiuti solidi urbani in petrolio utilizzabile come combustibile. La società e Rossi andarono però incontro a diversi problemi, che sfociarono in una serie di inchieste giudiziarie e alla chiusura dell'azienda.


Ora Rossi è tornato alla carica con un apparecchio..."
@ Dario Bressanini
Troppo difficile per un giornale come il vostro mettere in dubbio l'operato di una giustizia che tutto sommato è l'unico potere in Italia a tenere in scacco il Berlusca ?
Tra le due frasi riportate, c'è uno spazio con due puntini appena visibili e si avverte uno iato del discorso .. un taglio della vostra redazione ?

tia ha detto...

@Dario Bressanini

Le faccio i miei complimenti.
I suoi articoli sugli OGM son sempre molto interessanti da leggere.

ant0p. ha detto...

@daniele su nano
come imprenditore si è imposto prima nell'edilizia, campo abbastanza bloccato in cui c'è bisogno di aiutini mafiosetti/bancari che lui ha ottenuto in pieno, poi nell'editoria e nelle tv, in cui ha introdotto una logica commerciale/pubblicitaria ancora molto poco praticata a quel tempo in italia ma già consolidata negli stati uniti, dovendo inevitabilmente adattarla alla situazione italiana..i profitti erano ottenuti sia con la pubblicità (e fin qui niente di male, al di là dei moralismi squallidi che si scagliavano contro questo falso problema quando ancora la rai era monopolio e si manteneva solo con le tasse), ma soprattutto grazie all'ottenimento di protezioni politiche e mafiose, nè più nè meno di quello che aveva avuto solo la rai fino a quel momento.
in più con i suoi agganci mafiosetti usava la tattica di affamare le aziende concorrenti nell'editoria per acquisirle..gli bloccava i fornitori ecc..non che i vari debenedetti fossero meglio di lui, però nemmeno peggio..insomma uno dei tanti squaletti di quel mondo mediatico editoriale/televisivo, solo un po' più rampante e ambizioso di altri che magari erano lì da decenni e si stavano un po' impigrendo. c'era bisogno di uno nuovo e più zelante e il nano è stato scelto come sponsor mediatico del potere politico, soprattutto di craxi, e anche ben disposto con gli altri del pentapartito.
poi s'è preso il milan per acquisire popolarità e anche per avere un certo potere indiretto di indottrinamento giovanile:)) nel milan la tattica era semplice, spendeva uno sproposito di soldi per prendere e pagare tutti i giocatori migliori possibili e immaginabili (usando i profitti ricavati nelle altre attività) e ..magari comprava pure baggio per tenerlo in panchina:)) bastava toglierli alla concorrenza..
e nel 94 dopo la caduta dei suoi protettori politici s'è dovuto mettere in mezzo in prima persona anche in politica, se non l'avesse fatto avrebbe subito un grosso ridimensionamento anche come imprenditore.

francescog ha detto...

ecco il servizio di rainews24 già online:http://www.rainews24.rai.it/it/canale-tv.php?id=22918

Luigi ha detto...

Per chi fosse interessato:

segnalazione da

Query Online

(http://www.queryonline.it/2011/04/04/fusione-fredda-a-bologna-il-punto-della-situazione/comment-page-2/#comment-3023)

Postato aprile 16, 2011 alle 19:46
segnaliamo che tra poco, alle 20.00, Stefano Bagnasco sarà ospite della trasmissione scientifica Moebius (Radio 24) per parlare dell’E-Cat.

ifftb ha detto...

A proposito delle passate vicende di Rossi....

Credo che sarebbe molto interessante poter risalire ...

a chi, da un giorno all'altro, aveva dichiarato "tossici" i rifiuti che Rossi utilizzava per produrre biodisel;

a chi AVEVA, in tempi incredibilmente brevi, ASSEGNATO l'appalto per lo smaltimento di tali rifiuti;

a chi, infine, ERA STATO ASSEGNATO l'appalto, che prevedeva compensi quasi quadrupli rispetto al normale costo di smaltimento delle stesse sostanze fino a pochi giorni prima.

Potremmo avere delle sorprese...

Rampa ha detto...

ifftb ha detto...
"A proposito delle passate vicende di Rossi....

Credo che sarebbe molto interessante poter risalire ..."

Quoto.
E quello è il versante politico...
Quello giudiziario ha fatto il resto.
Entrambi con chissà quale tornaconto !

Vanesio ha detto...

ifftb ha detto...Potremmo avere delle sorprese...
Quoto. Ci vorrebbe una stampa leggermente più investigativa ...hello Mr Dario Bressanini??... o a difetto, un blog apposta.

ant0p. ha detto...

quoto anch'io ifftb ma non sono appassionatissimo delle vicende giudiziarie, ovvio che tutte queste ricerche dovrebbero farle tutti quelli interessati agli aspetti giudiziari della vita:)) soprattutto quelli che pensano seriamente di sputtanare rossi con un link a un articolo di giornale buttato lì su queryonline:))
detto questo per me non c'è bisogno di demonizzazioni o santificazioni giudiziarie di rossi riguardo a cose passate e inerenti all'e-cat solo per il fatto che erano legate all'uso sperimentale di processi chimici piuttosto complicati che poi a rossi sono serviti anche per l'e-cat. e erano processi chimici reali e funzionanti che producevano in effetti l'olio combustibile. che poi il bilancio energetico tra energia necessaria a produrre il combustibile e energia ricavabile dal combustibile potesse non essere molto conveniente è irrilevante..rossi era comunque uno che smaltiva i rifiuti per produrre qualcosa che in quegli anni poteva essere utile. adesso invece ci si è evoluti e si tratta di trovare qualcosa per rendere ininfluenti i combustibili oleosi:)) e la proposta attuale di rossi mi pare da prendere molto seriamente in cosiderazione, senza cercare di santificarlo o di demonizzarlo andando a fare delle dietrologia su vicende ormai abbondantemente chiuse.

Paolo ha detto...

guardate cosa ho trovato!
http://dibattiti.wordpress.com/2011/04/18/interessante-inchiesta-di-report/

Luigi ha detto...

@ Paolo

Ti suggerisco di postare la segnalazione anche qui:

http://www.blogger.com/comment.g?blogID=18734659&postID=6580597610634358394&page=1&token=1303161542702&isPopup=true

è più recente

Grazie

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails