Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

giovedì 28 ottobre 2010

Il suo aroma

Suave mía, a qué hueles,
a qué fruto
a qué estrella, a qué hoja?
Ho approfittato delle ore passate in questi giorni in treno e metropolitana per leggere e rileggere un po' di libri, tra cui una sorta di "the best" di poesie di Paolo Neruda, una selezione da varie sue raccolte pubblicata da Guanda e intitolata Poesie d'amore e di vita. Ce ne sono davvero tante che mi piacciono, oggi ho scelto questa.
L'ode al suo aroma
Mia dolce, di che profumi, di quale frutto,
di quale stella, di quale foglia?
Vicino alla tua piccola orecchia
o sulla tua fronte mi chino, inchiodo il naso tra i capelli e il sorriso
cercando, conoscendo
l'origine del tuo aroma: è dolce, ma non è fiore, non è la pugnalata del garofano penetrante o impetuoso aroma di violenti gelsomini, è qualcosa, è terra, è aria, legna o mele,
odore della luce sulla pelle, aroma della foglia dell’albero della vita con polvere di strada
e freschezza di ombra mattutina nelle radici, odore di pietra e fiume, ma più simile a una pesca, al tiepido
pulsare segreto del sangue, odore
di casa pulita e di cascata, fragranza di colomba e chioma, aroma della mia mano che ha percorso la luna del tuo corpo, le stelle della tua pelle stellata, l’oro, il grano, il pane del tuo contatto, e lì, nella longitudine della tua luce folle, nella tua circonferenza di giara, nella coppa, negli occhi dei tuoi seni, tra le tue grandi palpebre e la tua bocca di schiuma, in tutto lasciò, lasciò la mia mano odore d’inchiostro e selva, sangue e frutti perduti, fragranza di pianeti dimenticati, di pure carte vegetali, lì il mio stesso corpo immerso nella freschezza del tuo amore, amata, come in una sorgente o nel suono di un campanile lassù tra l’odore del cielo e il volo degli ultimi uccelli, amore, odore, parola della tua pelle, della lingua
della notte nella tua notte, del giorno nel tuo sguardo.
Dal tuo cuore sale il tuo aroma come dalla terra la luce fino alla cima del ciliegio: nella tua pelle io trattengo il tuo battito e aspiro l’onda di luce che sale, la frutta immersa nella sua fragranza, la notte che respiri, il sangue che percorre la tua bellezza fino ad arrivare al bacio che mi aspetta sulla tua bocca.
(Pablo Neruda)

2 : commenti:

Kylie ha detto...

Una bellissima scelta.

Un abbraccio

Daniele ha detto...

Grazie. Anche a te

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails