Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

sabato 17 aprile 2010

Quousque tandem abutere, Silvi, patientia nostra?

Riporto il comunicato diramato oggi da Libertà e Giustizia circa l'apologia dell'omertà improvvisata ieri in conferenza stampa dal nostro inenarrabile presidente del consiglio dei ministri, carica istituzionale che non merita più lettere maiuscole, ma solo lettere di sdegno.

L'ufficio di presidenza di Libertà e Giustizia, a nome dell'associazione tutta:

1) esprime a Roberto Saviano la profonda riconoscenza per il lavoro civile che continua a compiere, sfidando le minacce della criminalità organizzata e dei complici in “colletto bianco” che da sempre la sostengono con parole, silenzi, comportamenti, ispirando e gestendo la sciagurata politica di distruzione di anime, vite, risorse del territorio e dell'ambiente.

2) Libertà e Giustizia esprime orrore per le dichiarazioni di Silvio Berlusconi su Gomorra, chiede al presidente del Consiglio se quando parla è cosciente del carattere di incitamento che possono avere le sue parole.

3) ritiene che le forze politiche che in Parlamento non condividono le dichiarazioni di Berlusconi, pretendano che si presenti alle Camere per spiegare la sua esternazione e per dare il sostegno esplicito del governo a un italiano che tiene alti i valori di quell'Italia civile e coraggiosa che si batte per il riscatto delle terre abbandonate al predominio delle mafie più spietate e sanguinose.

(17/04/2010)
VEDI ANCHE:

4 : commenti:

i3giusti ha detto...

La frase filologicamente giusta è: "Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?" 'Quo' staccato da 'usque'.
Mi chiedo inoltre se "Silvius" non debba essere "Silvi", vocativo in -i della seconda declinazione per i nomi propri che terminano in -ĭus e in -ĭum.

Daniele ha detto...

Ho volentieri accolto entrambe le correzioni. In effetti, avevo scritto il titolo ricordando la frase imparata a memoria a scuola, mettere poi il nominativo invece che il vocativo è stata proprio una svista. Grazie.

i3giusti ha detto...

Grazie a te.
Se ti va, puoi seguirci sulla nostra pagina facebook: http://www.facebook.com/itregiusti.
Ci occupiamo di generare discussione sulla lingua italiana correggendo post, commenti e note degli amici.
A presto.
:-)

Daniele ha detto...

@i3giusti
Fatto!
Avrete notato che questo blog si fregia del marchio no kappa - io scrivo in italiano a cui ho aggiunto pure la postilla
e amo il congiuntivo e
perfino gli accenti tonici.
Per favore segnalami i refusi
che a volte mi scappano nel blog:
sono soltanto un pochettino distratto!

Un abbraccio

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails