Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

mercoledì 29 aprile 2009

Il campo di Arischia

Uno dei presupposti di una cosiddetta istituzione totale è la spersonalizzazione degli individui, in particolare privarli del loro nome e assegnargli un'altra "etichetta", specialmente un numero.
Nel '97, quando lavoravo come assistente sociale per il Comune di Assisi, capitavo quasi ogni giorno nelle tendopoli allestite dalla protezione civile (prima che fossero istallati container e prefabbricati): non vi era minimamente il livello di "militarizzazione" descritto in vari resoconti messi on line dall'Abruzzo, ad esempio quello riguardante il campo di Arischia (potete leggerlo qui). Riporto da Wikipedia gli elementi che definiscono una cosiddetta istituzione totale (carcere, manicomio, lager ecc.):

L'istituzione totale è il luogo in cui gruppi di persone risiedono e convivono per un significativo periodo di tempo.

I tratti distintivi di detta istituzione sono:

  1. l'allontanamento e l'esclusione dal resto della società dei soggetti istituzionalizzati
  2. l'organizzazione formale e centralmente amministrata del luogo e delle sue dinamiche interne
  3. il controllo operato dall'alto sui soggetti-membri

Le modalità di accesso ad una istituzione totale sono fondamentalmente due [nel nostro caso ci interessa la prima]:

  1. la piena identificazione di un soggetto con le tensioni e le finalità espresse dalla situazione comune, come nel caso di luoghi di convivenza continua tipo i conventi e le caserme, in cui lo status di persona istituzionalizzata è di fatto una scelta;
  2. la costrizione derivante dall'essere considerato un soggetto pericoloso per la società, come nel caso delle carceri e dei manicomi, in cui lo status di persona istituzionalizzata è di fatto imposto.
A parte il primo dei tratti distintivi (l'allontanamento e l'esclusione dal resto della società degli sfollati abruzzesi non è totale né imposto dall'istituzione, bensì accettato a seguito di una situazione eccezionale quale un terremoto devastante), per il resto sono evidenti le analogie con la gestione delle tendopoli aquilane, spesso descritta più autoritaria che autorevole. In una situazione di "crisi" non si può andare tanto per il sottile (ma siamo sicuri che si tratti di sottigliezze?), certo, però basterebbero un po' di sensibilità e pochi accorgimenti per evitare di sommare, ai disagi di una popolazione già messa letteralmente a terra, pure la sofferenza psichica di abitare in una "sorta d'istituzione totale". Lo ribadisco, un decennio fa non vidi avvenire nulla del genere in Umbria. Che sta succedendo? È talmente cambiata la nostra società da allora? Michel Foucault e Erving Goffman - autori di due libri fondamentali, quali rispettivamente Storia della follia e Asylums (entrambi del 1961) - probabilmente avrebbero giudicato tendenzialmente disumanizzanti le regole e le condizioni vigenti nel campo di Arischia. P.S. Mutatis mutandis, ecco perché sono sempre stato contrario, per principio, all'uso dell'esercito con funzioni di polizia e ordine pubblico... si comincia così e poi non si sa mai dove si va a finire.

1 : commenti:

Alla Scoperta ha detto...

Abbiamo una proposta interessante per te

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails