Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

martedì 10 febbraio 2009

Lettera di Dacia Maraini a Beppino Englaro

...venne una man dal cielo, e in più spirabil aere pietosa la trasportò.


Proprio mentre le giuste parole della lettera che segue ieri andavano in onda, Eluana veniva liberata dal filo che la legava al corpo terreno e poteva finalmente fare ritorno alla sua Casa celeste. E molto prima di quanto i medici si attendessero. Per me è un segno inequivocabile...

(dal TG1 delle 20 del 9/2/2009)
Caro Englaro, fino a ieri mi chiedevo perché non mostrasse una foto, anche una sola foto di sua figlia come è oggi. Sono sicura che la gente capirebbe meglio. A costo di perdere in credibilità, lei evita di rendere pubblica un’immagine dolorosa e infelice di sua figlia. Lei avrebbe potuto mostrare quel corpo, e non l’ha fatto. Avrebbe potuto portare all’estero la figlia amata, e non l’ha fatto. Avrebbe potuto acconsentire alla pratica comune in tutti i nostri ospedali dove i parenti, in accordo con i medici, lasciano che i loro cari ormai perduti sino sepolti in pace, ma non l’ha fatto. E questo garantisce della sua buona fede. Eppure c’è chi in prepotenza vuole decidere per gli altri in base a principi astratti, ed è pronto a denigrarla e falsificare la realtà per affermare le proprie idee. Per questo lei oggi viene perseguitato e accusato della peggiore delle ignominie: quella di voler assassinare sua figlia. Chiunque a questo punto si sarebbe arreso, lei no. Anzi decide con più fermezza di agire secondo giustizia e secondo pietà. Di questo la ringrazio, perché la sua risolutezza costituisce un esempio di grande civiltà e coerenza. Mi auguro che dopo questo caso la scelta di una morte dignitosa sarà considerato un diritto e non un colpo del boia, qualcosa che le persone disperate possano desiderare per i loro cari, quando non c’è più niente da fare per riportarle al mondo. (Dacia Maraini)

2 : commenti:

blu ha detto...

Bellisima scelta caro Daniele... condivido il pensiero della Maraini che suppongo sia anche il tuo... e di quanti hanno rispetto della propria ed altrui vita!
Sto cercanmdo di organizzare un qualcosa per il quale, con piacere, ti con farò partecipe!
Un saluto
paolo

Daniele Passerini ha detto...

Caro Paolo, non avevo dubbi che condividevamo lo spesso pensiero.
Sarà un onore partecipare a una tua iniziativa. Grazie.

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails