Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

domenica 17 febbraio 2008

La Venere in metrò

Si è felicemente conclusa la vicenda che aveva in questi giorni vista protagonista la Venere di Lucas Cranach (1472-1553), scelta come opera-simbolo per una mostra del pittore tedesco rinascimentale alla Royal Academy of Arts di Londra. L'autorità dei trasporti della capitale britannica aveva infatti vietato l'affissione del manifesto nella metropolitana, ritenendo la nudità di questa Venere potenzialmente offensiva per i passeggeri. Trovo ora su internet la notizia del ripensamento! Con tutte le pubblicità a sfondo palesemente sessuale che troneggiano irriverenti ovunque, prendersela con un quadro di mezzo millennio fa suonava più come una barzelletta che altro... sembra che, sotto sotto, i germi del puritanesimo e del vittorianesimo continuino a serpeggiare tra i sudditi di sua maestà. A volte la censura sa essere talmente becera e cieca che bastano sul serio le risate a seppellirla.

3 : commenti:

danDapit ha detto...

concordo: una barzelletta!!
un controsenso dell'attualità.
Il quadro è molto bello, e pensare che sia del 1500 mi fa stupire!!
MOLTO BELLO!

Daniele ha detto...

Sì hai ragione! E mi stupisco a pensare che a qualche "decisore" possa essere parso offensivo!
Però, a fare l'avvocato del diavolo, bisogna riconoscere che pur nella sua compostezza (tanto di cappello al pittore rinascimentale) questa giovane donna trasmette una decisa carica erotica... niente a che vedere insomma con quella pudica Venere di Botticelli che si copre il suo "monte" e dei seni lascia intravedere giusto un capezzolo!

danDapit ha detto...

Sì, ah ah!!
l'avevo notato, e mi aveva colpita! Perciò avevo scritto che mi stupiva pensare fosse del 1500!
Lo sguardo e il movimento della fanciulla è fin troppo provocatorio, quasi invitante, possibile che nel 1500 fossero così "arditi"????
Tanta nudità, solo collane e acconciatura? e un velo che più trasparente non si può?
caspità che "linguaggio" eloquente!!
...Forse è per questo che si sono scandalizzati, eh eh!!! ^__^
L'animo vittoriano ulula!!
:-DD

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails