Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

mercoledì 28 settembre 2016

88 giorni a... quel che resta del Natale.


Sono rimasto ad occhi spalancati quando, poco fa, ho visto i commessi di una nota catena internazionale di bricolage preparare... l’albero di Natale! E non ho potuto resistere a immortalarlo in queste due fotografie.

Ahinoi, con buona pace del calendario, ci siamo ormai assuefatti a trovare nei supermercati panettoni e pandori già ad ottobre, e uova e colombe di Pasqua, dove prima stavano panettoni e pandori, già a fine gennaio. Ma un abete addobbato in bella mostra già il 28 settembre è quanto mai off topic: stabilisce un nuovo record nel dilatare la vigilia della celebrazione da esso evocata
; evapora e banalizza ulteriormente quel poco senso che ancora sopravvive del Natale.

Un tempo questa festa era collegata al solstizio d'inverno, pur con un significato più spirituale che astronomico. Poi è entrata nella tradizione religiosa cristiana, come ricordo della Natività, e nella tradizione "nazionalpopolare", come occasione per riunire insieme le parentele intorno alle tavole imbandite. Oggigiorno appartiene soprattutto al Mercato dei beni di consumo e alle multinazionali che ne hanno fatto il testimonial più speciale dei loro prodotti. 
Eh sì, nel XXI secolo quel che resta del Natale - mediatico - è una festa multinazionalpopolare.

Comunque il Mercato ne sa sempre una più del diavolo. 
28 settembre: 88 giorni al 25 dicembre. 
Cioè 4 volte 22...

8 : commenti:

Alessandro Pagnini ha detto...

Fantastico! Certo non si può dire che si riducano all'ultimo momento! ;-D

domenico canino ha detto...

Money never sleeps.

CLaudio Rossi ha detto...

C'è una bellissima frase del compianto Luciano Gallino,(a proposito della finanziarizzazione dell'economia) che dice più o meno: "non potendoci più rifilare un presente avariato, cercano di venderci il futuro..."
Questi qui ci vendono, a fine estate, il clima natalizio perchè più propenso agli acquisti!

Merlian ha detto...

Da Harrod's a Londra ho trovato gli addobbi e prodotti natalizi già ad agosto!!! Probabilmente ci saranno durante tutto l'anno!
Un amico mio era solito comprare le colombepasquali e i panettoni natalizi "fuori stagione"... costavano di meno!!!

pegupe@gmail.com ha detto...

Non credo in Dio, ma credo nella divinità. Per questo mi definisco un “ateo credente”.
Preferisco, comunque, un dio della natura a un dio del mercato.

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Il 29 settembre Silvio Caggia ha scattato e mi ha mandato questa foto:
https://drive.google.com/open?id=0B766VMrC-BKocUJ4VkpDeVJhTnVRTF9RdEhrYkZEV3VMeVVV
Ok, business is business, ma resta il fatto che vedere un Albero di Natale (o un Presepe) a fine settembre è... a dir poco BIZZARRO (userei ben altri termini, ma evito)!!!

@Alessandro
Fantastico! Certo non si può dire che si riducano all'ultimo momento! ;-D
Vedi come va il mondo, da una parte inventano gli alberi "ecologici", cioè artificiali, per non sacrificare tanti giovani abeti, dall'altra gli alberi ecologici stessi li puoi piazzare tutti scintillanti di palle dal 28 settembre al 6 gennaio... che società efficiente! :)))

@domenico
Money never sleeps.
Giusto. Vedrai che dopo 4 mesi di Natale e 3 di Pasqua il Mercato - che ne sa sempre una più del diavolo - promuoverà la celebrazione no stop del non-compleanno, 364 giorni all'anno di regali da ricevere per tutti!!! Wow che progresso! :)))

@Claudio
Questi qui ci vendono, a fine estate, il clima natalizio perchè più propenso agli acquisti!
E già, del resto le lucine di Natale mettono allegria no! Mi aspetto presto la legge delle "buone strade", affinché tutte le vie cittadine siano costantemente inghirlandate delle luminarie natalizie, del resto perché sprecare ore di lavoro per montare qualcosa che poi deve essere smontato e rimontato l'anno dopo e così via... ci pensi a quanti milioni di euro risparmiati??? Oltre al fatto che a Natale tutti dobbiamo per forza sentirci più buoni e meno "gufi". Vedrai, vedrai che Renzi s'inventa pure questa! :))))

@Merlian
Da Harrod's a Londra ho trovato gli addobbi e prodotti natalizi già ad agosto!!! Probabilmente ci saranno durante tutto l'anno!
Un amico mio era solito comprare le colombepasquali e i panettoni natalizi "fuori stagione"... costavano di meno!!!

Harrod's è Harrod's! ;)
Ma quante colombe e panettoni regala ad amici e parenti il tuo amico?!? Perché voglio sperare che non se li pappa tutti lui. :)

@pegupe
Non credo in Dio, ma credo nella divinità. Per questo mi definisco un “ateo credente”.
Preferisco, comunque, un dio della natura a un dio del mercato.

Idem, e quando ho scritto "Un tempo questa festa era collegata al solstizio d'inverno, pur con un significato più spirituale che astronomico" alludevo proprio a questo... ma che te lo dico a fare, ci capiamo al volo! ;)

Alessandro Pagnini ha detto...

"...Non credo in Dio, ma credo nella divinità. Per questo mi definisco un “ateo credente”.
Preferisco, comunque, un dio della natura a un dio del mercato.
Idem..."

E idem pure da parte mia! :-)

CLaudio Rossi ha detto...

@Daniele

Creare bisogni, insoddisfazioni anche non avvertite e ambizioni fasulle da raggiungere a chi può spendere è lo scopo del liberismo mercantile. Tutto si può sacrificare alla crescita, dalle risorse ambientali alle esigenze primarie di una crescente fetta di umanità.

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails