BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

giovedì 31 marzo 2016

Cosa troveremo nella rete? Un pesce o un gatto?

Post di Daniele Passerini (22passi)

...intanto, dall'altra parte dell'Atlantico, un countdown correva verso la sua destinazione. Ancora 22 ore e sapremo:
http://www.newplanetenergy.com

Curioso (veramente curioso) che, quando il countdown scadrà, in USA sarà ancora il 31 marzo e in Italia sarà invece l'ora zero del 1 aprile! Quindi, mentre da noi il countdown è già stato etichettato dai più come "pesce d'aprile", oltreoceano è preso di sicuro molto più seriamente.

Ricordo ai più distratti che l'aspetto del sito di New Planet Energy un anno fa era questo:

Insomma, molto presto sapremo quanto è stata azzardata la mia ipotesi: 

Buon divertimento! :-)

169 : commenti:

Silvio Caggia ha detto...

Una spiegazione del perché IH abbia spostato la sua holding in UK ci viene curiosamente proprio da INEOS:
http://www.goinpharma.com/ineos-riporta-la-sede-in-uk/

Alessandro Pagnini ha detto...

Non è che magari nella rete troveremo un 'pesce gatto'? :-D

Silvio Caggia ha detto...

Anche il sito della holding di New Planet Energy punta al countdown...
http://www.npeholdings.com/

Silvio Caggia ha detto...

Lo Spinoso su Cobraf ha già deciso che new Planet Energy è una truffa... Bisognerebbe avvisarlo che stanno per farne una ancora più grossa a NY...
http://www.npe-stonypoint.com/
http://www.dec.ny.gov/permits/102531.html

bertoldo ha detto...

IHL = JHS ? gesuiti inside ...

bertoldo ha detto...

intanto mr.bean si stà facendo una vacanza , a nostre spese , di una settimana nelle sedi imperiali , inaugurando energie alternative pagate con le nostre bollette ...

Silvio Caggia ha detto...

Apolonia su Cobraf cerca di prendere in giro, ma non si rende conto che siamo comunque di fronte ad una grande notizia:
O NPE è una mega truffa come sostiene Lo Spinoso, o è una rivoluzione tecnologica nello smaltimento rifiuti e produzione di biocarburanti.
Che questa rivoluzionaria tecnologia stia energeticamente in piedi da sola, o funzioni solo perché usa l'e-cat come fonte economica di energia, sarebbe in entrambi i casi una notizia degna di nota.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio
"...Lo Spinoso su Cobraf ha già deciso che new Planet Energy è una truffa......"

Lo conosco poco o nulla, non frequentando il suo ambiente, ma se è come dici, allora è un essere superiore a tutti noi, capace di vedere con certezza un intero panorama da un semplice e piccolo scorcio.
Ce ne sono un sacco sulla sponda negazionista. Meno male che tali genii stanno ad indicarci pazientemente la via. Alleluia! :-D

AleD ha detto...

@tutti: se non succede ancora nulla, qui veramente a far annunci troppo presto c'è qualcuno (anche più di uno) che porta sfiga... :-D

bertoldo ha detto...

"Meno male che tali genii stanno ad indicarci pazientemente la via. Alleluia! :-D" la questione è che è dal 2011 che và avanti stà storia di sicuro c'è niente , l'unica cosa sicura è che se faranno uscire qualcosa lo faranno quando gli servirà e visto che stanno spostando truppe verso la russia potrebbe avvenire presto ... una guerra lunga 20 anni senza energia come si combatte ?

Silvio Caggia ha detto...

@AleD
Le tue affermazioni andrebbero sottoposte al vaglio del CICAP.
Se non passano: sei una persona scioccamente superstiziosa.
Se passano: avrai demolito il CICAP.
Non saprei cosa preferire...

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio
@AleD
Se non passano: sei una persona scioccamente superstiziosa.
Se passano: avrai demolito il CICAP.
Non saprei cosa preferire..

:D :D :D

Alessandro Pagnini ha detto...

@ AleD

Può non sembrare ma sono d'accordo con te:
"...qui veramente a far annunci troppo presto..."

Pensa da quanto è che qualcuno ha sentenziato che certe cose NON sono possibili e che di truffe trattasi!
Cerchiamo di capire chi sono i veri believer e chi i veri scettici!

Hermano Tobia ha detto...

@Daniele
Un pesce o un gatto?

Nel dubbio ... http://goo.gl/55u3WJ :)

A parte gli scherzi, penso ci sarà molto su cui discutere nelle prossime settimane / mesi ...

Inoltre ... la proposta per il mitologico raduno conviviale di 22passi che fine ha fatto ?!?

Hermano Tobia ha detto...

@Daniele
Un pesce o un gatto?

Nel dubbio ... http://goo.gl/55u3WJ :)

A parte gli scherzi, penso ci sarà molto su cui discutere nelle prossime settimane / mesi ...

Inoltre ... la proposta per il mitologico raduno conviviale di 22passi che fine ha fatto ?!?

Daniele Passerini ha detto...

@Alessandro
@Hermano
Vi confesso che scrivendo il titolo, l'immagine del pesce gatto era venuta pure a me... l'inconscio con l'occhiolino si è preso gioco del tertium non datur! ;)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Hermano
L'incontro conviviale lo si vedeva bene a Bologna per la strategicità del luogo, ma se nessuno 'locale' è in grado di occuparsene, se ne può riparlare. Fino ad una trentina di persone, penso di non aver difficoltà ad organizzare qualcosa io, però a Prato. Comunque a 10 minuti dalla stazione centrale e una 30ina dall'aeroporto di Peretola. Mi offro anche per una parte del servizio navetta, per chi arriva con mezzi pubblici. Per i casi disperati si può anche andare a recuperare qualche cireneo verso la stazione di Firenze Rifredi, dove a volte fermano treni che invece saltano Prato e che rimane sempre entro la 30ina di minuti.
Preferirei Bologna, sicuramente saremmo di più, ma chi se ne occupa?
Vedete voi... :-)

Hermano Tobia ha detto...

@Alessandro
Bologna mi sembra un'ottima scelta ... ma non c'è nessun "locale" che potrebbe suggerire un buon ristorante ?!?

gio ha detto...

Anche per me Bologna è ok

Alessandro Pagnini ha detto...

Io direi di provare a Bologna tra maggio e giugno. Se non si trova un organizzatore valutiamo altre possibilità. Che ne dite?

gio ha detto...

ok

Alessandro Pagnini ha detto...

Allora sono aperte le iscrizioni al ruolo di organizzatore in Bologna del pranzo di 22passi :-)
Chi si fa avanti?

gio ha detto...

presente:)


p.s.:

http://www.e-catworld.com/2014/11/09/possible-nrg-connection-seems-disproven/

gio ha detto...

In addition, Andre Blum discovered the following and posted it here today:

I used the paid service of the chambers of commerce to see if there is more info.

There isn’t, really.

Sole shareholder of IPH international BV is IPH Management LLC, 2140 South Dupont Highway, 19934 Camden, Delaware, USA.

Management is IPH Management LLC, and First Names (Netherlands) B.V., Keplerstraat 34, Badhoevedorp. I guess this is the firm offering these financial offshore services to foreign IP owners.

No persons on payroll.

Activities: SBI-code: 7740 – Lease van niet-financiële immateriële activa

Het verkrijgen, bezitten, overdragen, exploiteren en in licentie geven en verkrijgen van patenten, handelsmerken, auteursrechten, know-how en andere rechten van intellectuele eigendom.

(get, own, transfer, exploit and license patents, trademarks, copyrights, know-how and other rights of intellectual property).

placed capital: EUR 2.500

nemo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Ormai meno di 6 ore allo scadere del countdown... chissà che razza di pesce-gatto sarà?!? ;)

nemo ha detto...

Non credo che il biocarburante sia necessariamente da associare alla fusione fredda. Già da tempo ci sono aziende che distillano il bioetanolo dagli scarti dell'agricoltura che poi viene mescolato con la benzina.
Ci sono molte possibilità alternative, incluso credo, l'uso di batteri.

Silvio Caggia ha detto...

@Nemo
La produzione di biocarburante è una delle tante applicazioni che hanno bisogno di energia economica altrimenti non è conveniente, sta solo lì il nesso.
Il processo di questo stabilimento usa la tecnologia TRI, è spiegata molto bene nei link che abbiamo indicato nei post, ed ha una fase di fermentazione batterica. Qui si usano anche scarti contenenti cellulosa e lignina, ed anche rifiuti urbani, quindi non si usano i raccolti edibili ma i rifiuti.

MISTERO ha detto...

La penso come Nemo..
E' vero che i processi di gassificazione hanno bisogno di calore ma solitamente si utilizza parte della biomassa per ottenere il calore necessario o parte del singas prodotto a valle..
Nel processo INEOS ci sono due punti innovativi, i batteri selezionati e molto agressivi che operano per la biodigestione (TANTO CALORE DI SCARTO) e il biocatalizzatore per trasformare il singas+biogas in etanolo, sicuramente qualcosa di molto simile alla classica reazione di Fischer-Tropsh..
Manca poco e sono molto curioso perchè al posto di Rossi avrei FATTO altre applicazioni/reazioni per produrre carburante dal calore prodotto dall'E-cat.

nemo ha detto...

E' difficile tracciare una linea di demarcazione netta tra ciò che è energicamente conveniente e non.
Mi spiego meglio, il prezzo dei carburanti (ed anche del metano) sono legati ovviamente al prezzo del petrolio il quale dipende al 99% da fattori politici.
Ricordo che negli ultimi anni il prezzo del petrolio è variato dai 30 ai 200 dollari al barile. Credo che i costi estrattivi reali siano nell'ordine di 1/2 dollari al barile.
Detto questo sono pure io estremamente curioso di capire che cosa possa succedere alla fine del countdown. Fortuna che è questione di poche ore ormai...

triziocaioedeuterio ha detto...

Probabilmente ci sarà la presentazione di nuovi prodotti legati al bio fuel ma non vedo cosa centri con le cat...mi spiego meglio...anche se l'azienda in questione utilizza l'impianto da 1 megawatt di rossi per produrre a basso costo perché mai dovrebbe far riferimento allo stesso sulla sua pagina web...?
Non fraintendetemi...è stato un gran lavoro scovare con i pochi indizi a disposizione questa azienda che molto probabilmente utilizza le cat all'interno del suo sistema produttivo ma non credo però che pubblicizzi la cosa.
Perché mai si dovrebbe esporre più degli stessi produttori dell'e cat e cioè IH E L.C.?
Non avrebbe molto senso...non mi faccio grandi illusioni anche se spero di sbagliarmi.

Silvio Caggia ha detto...

@Triziocaiodeuterio
Non mi aspetto affatto che il sito nomini l'e-cat. Mi aspetto che vendano il loro successo come un loro merito, non dei loro subcontractor.
Starà a noi poi capire dalle spiegazioni che daranno se gatto ci cova...
Io ti mostro solo cosa avevo scritto su JoNP:
"Silvio Caggia

March 29, 2016 at 2:36 PM

Dear Andrea Rossi,

I am pleased that you are pleased about the ERV report.

Why don’t you mention the customer but only you and IH?

Is IH the customer?

Can you and IH decide without the customer?

I bet that the customer is about to publish something abouth his success story on April 1st, without making reference to e-cat but claiming all the success by himself…"

Hai visto come è diventato il mio commento dopo che le manine si sono attivate?

"Dear Andrea Rossi,

I am pleased that you are pleased about the ERV report."

Silvio Caggia ha detto...

@Nemo
Proprio perché tutti i tentativi di produrre bioetanolo dalla cellulosa sono falliti per questioni di convenienza economica quando il petrolio era caro, come potrebbe essere conveniente adesso?
Quindi che penseresti se stasera ti dicessero che hanno trovato un modo conveniente di far funzionare lo stabilimento? Penseresti anche tu che gatto ci cova?

gio ha detto...

Sarebbe una gran cosa oltre all'aspetto ecologico magari ci garantiremmo 30 $al barile per i prossimi. ....sarebbe un bel l'inizio

triziocaioedeuterio ha detto...

@Silvio

Si si la tua interpretazione degli eventi mi era già chiara e la sposo in pieno.
Rispondevo più che altro a chi si aspetta rivelazioni dirimenti sulla questione e cat.
Ho sempre più la sensazione che si rimarrà nel limbo ancora per diverso tempo relativamente alla piena disclosure.
Spero di sbagliarmi...

gio ha detto...

http://www.e-catworld.com/2016/03/31/the-e-cat-moment-billy-jackson/

nemo ha detto...

Perchè falliti Silvio?
Un paio di giorni fa al TG hanno parlato della fabbrica in Sardegna...

http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2014/12/13/news/bioetanolo-nel-sulcis-pronto-l-accordo-per-la-fabbrica-1.10491234

nemo ha detto...

I sacchetti di 'plastica' del supermercato sono fatti con i derivati dell'agricultura.. ad es. ho visto che si può fare con i semi del cardo. Temo però che sia una follia sfruttare un terreno per produrre bioetanolo. Ci sepelliranno tutti in un barile di petrolio...

Silvio Caggia ha detto...

@Nemo
Al TG parlano anche del ponte di Messina... Tu lo hai attraversato?
1) Quella fabbrica è ancora da costruirsi.
2) Quella tecnologia usa prodotti agricoli non rifiuti
3) È il solito sussidio del pubblico per creare lavori "socialmente utili" o l'investimento di imprese che contano di ricavarci utili?

Hai letto l'articolo del 19 gennaio 2015 che avevo linkato?

nemo ha detto...

Si la tecnologia usa prodotti agricole ed altro. L'articolo è del 2014. Da quel che ho visto al TG è già in produzione. Sempre che non abbia capito male

triziocaioedeuterio ha detto...

Uhhhhhh...tra 'n par d'ora scade il conto alla rovescia...tutti che ardono come la canfora ;))))))))

Daniele Passerini ha detto...

@trizio
Meno 1h... sono proprio curioso!!! :)

Paul ha detto...

Avete letto l'articolo proposto da gio su ECW? Eccellente!

Tic tac : -30 minuti

in quanti siamo ad aspettare la mezzanotte?

Silvio Caggia ha detto...

@Nemo
Ufficialmente New Planet Energy è attivo e funzionante dal 2013... Ma di bioetanolo finora non se ne era visto uscire... Vediamo tra poco che novità ci sono...

triziocaioedeuterio ha detto...

Server in tilt?
O siamo solo noi poveri pazzi romamtici che aspettiamo la fine del countdown?

Daniele Passerini ha detto...

@trizio
"COOMING SOON - Update Site"????
Li mortacci loro!!!!!!!!! :(

Paul ha detto...

Embé? Conteggio finito...schermo come prima, senza conteggio.
E' un April Fish?

Daniele Passerini ha detto...

@Paul
tu mi sai spiegare perché se aggiorni la pagina "Update Site" si anima con un carosello di caratteri? Programmatori burloni? :D
Vado a dormire... mi riaffaccio domattina.

Andrea Michielin ha detto...

Anch'io son propenso a pensare che si tratti di burla (almeno per ora)! Mi aggiungo ai li mortè! :)

triziocaioedeuterio ha detto...

Che sóla questi qua aho' :))))))

Robbins ha detto...

@Daniele

Plop

Silvio Caggia ha detto...

@Robbins
Eh, sti fusi orari...

Alessandro Pagnini ha detto...

Fantastico! :-D
Per fortuna io dormivo della grossa e non sono rimasto ad attendere il 'pacco'! ;-)

Daniele Passerini ha detto...

@Snibbor
Plop?
Ma dai, così sembra che hai lasciato un ricordino! :))
Visto che si parlava di pesci gatto, ti leggo al contrario ché Polp è più in tema! :D
Un abbraccio fraterno

@Ale
@Silvio
@trizio
@Paul
@Andrea
@Nemo
Voi come vi spiegate sto pesce?
Mica uno Snibbor, un Namar, una Sneipasaco cce. cce. cce. qualsiasi possono aver rilevato un anno fa un sito collegato allo stabilimento di Vera Beach. Abbiamo controllato com'era quella pagina fino al 2014.
Quindi qualcuno ha deciso che era meglio fare una figuraccia piuttosto che mantenere un programma già definito.
Avanti: brainstorming aperto! :)

@Robbins
Non essere del solito umore "nero" (e non te lo sillabo!) e partecipa anche tu al brainstorming! :)

Daniele Passerini ha detto...

@gio
@hermano
@mistero
@bertoldo
Scusate la svista. Ovviamente il brainstorming è rivolto pure a voi!

Silvio Caggia ha detto...

@Daniele
Ci vuole pazienza, gli April fool day comunque finiscono alla mezzanotte di oggi...

Silvio Caggia ha detto...

Nel frattempo ho trovato la società "mamma" di New Planet Energy:
NPE Florida Llc
http://florida.intercreditreport.com/company/npe-florida-llc-l08000051671
NPE Florida llc è il grantee dei 50 milioni di $ dal governo al fine di produrre 32 milioni di galloni di biofuel l'anno.
E questo non è un pesce.

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio
Il pesce è il countdown, non certo il sito. ;)
Comunque, consumato il pesce di rito, vediamo quanto ci vorrà per capire cosa combinano dalle parti di Vera Beach.
Buona giornata e a più tardi

Silvio Caggia ha detto...

@Daniele Passerini
Il sito istituzionale di un impianto su cui sono stati investiti più di 150 milioni di dollari, di cui 50 pagati dai contribuenti, non può permettersi di scherzare molto...
Il countdown era attivo da parecchie settimane...
Sì può scrivere al signor Carter per chiedere che fine ha fatto il suo sito... Oppure pazientare... Chissà, magari li abbiamo disturbati...

F.C. ha detto...

Io dico che le probabilità che il sito sia collegato in qualche modo a Rossi sono altissime, visto quello che è successo. Stessa identica strategia al rimando...

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio
@F.C.
Concordo con entrambi ;)

@tutti
Continuo a scrivere Vera Beach invece di Vero Beach... scusate il refuso, anzi il lapsus, ma non ve lo posso spiegare. ;)

Alessandro Pagnini ha detto...

Per adesso credo che la cosa migliore da fare sia monitorare il sito. Silvio ha ragione, non è che possono stare tanto sull'albero a cantare, dopo aver imbastito quel countdown, poi.

Barney ha detto...

Scusate, ma nessun altro ha visualizzato il sorgente html della homepage? Nessun altro ha notato una cosa strana in una lingua strana, per un sito d'una azienda merregana da $million$ $dollars$?
Magari se qualcuno l'ha notato, l'ha interpretato come un ulteriore segnale positivo, chissa?
:-)

triziocaioedeuterio ha detto...

Se so' rifarditi come se dice a Roma...cioè c'hanno ripensato ste chiaviche...

andrew ha detto...

@Barney
Puoi spiegare a cosa ti riferisci di preciso?

Daniele Passerini ha detto...

@Barney
Mi associo alla richiesta di Andrew.

Barney ha detto...

@Andrew.
Sono solo una cinquecentina di linee di codice, credo sia abbastanza semplice trovare la cosa che a me e' saltata improvvisamente all'occhio.

Qua c'e' gente che ha fatto una ravanata di siti di finanza per scoprire che il 5% di una societa' e' detenuto dal 30% di un fondo sovrano che accetta solo vegani e che s'e' quotato alla borsa di Calcutta in un lunedi' di maggio in cui pioveva; se non si vede questa roba qua non so piu' cosa pensare.

MISTERO ha detto...

@Barney
Che fai mi togli il lavoro? :-)
Puoi spiegarti meglio o non lo fai perchè non sei certo della opinione che ti sei fatto a seguito della "scoperta"?
Su dai parla chiaro....

@Daniele
Hai visto il bellissimo regalo che ci hanno dedicato per il primo di Aprile su Cobraf?

http://www.cobraf.com/showimage.php?image=/forum/immagini/R_123620723_1.gif

Chissà quanto sarà felice l'amministratore di quel forum tra qualche mese.

Barney ha detto...

@Mistero: non voglio assolutamente togliere il divertimento ai segugi del blog, e' una cosa d'una banalita' sconcertante rispetto a quel che e' stato fatto sino ad oggi.
La mia opinione e' che la cosa non depone certamente a favore dell'eventuale annuncio.

RAmen, ovviamente :-P

andrew ha detto...

@Barney
riga 191 200 e 201 ?

MISTERO ha detto...

@Barney
Secondo me ti poni nel modo sbagliato, è una mia opinione ovvio.
Di fatto sei anche tu tra gli autori di questo blog, ma in verità sei qui solo per perculare e non perdi occasione per farlo alimentando continuamente ad ogni tuo intervento separazioni, tifoserie, cameratismo.
Il blog è di Daniele, capisco la sua posizione ma a volte bisogna saper accettare il fatto che non tutte le persone sono in fondo brave persone..

sono solo un misero test ha detto...

@andrew

forse non conosce il concetto di geolocalizzazione... :-)

Robbins ha detto...

@Barney

Ho notato già due settimane fa, alla prima visita. E ho anche fatto notare, ma non è servito a nulla.

Daniele Passerini ha detto...

@Barney
Quella pagina esiste dal 4 dicembre 2009 e da allora fa riferimento all'impianto INEOS di Vero Beach. cfr gli snapshot del 2010.
http://web.archive.org/web/20100615000000*/http://newplanetenergy.com
Quindi?
Un pesce d'aprile organizzato più di 7 anni fa? È questa la tua idea?
Giusto per capire...

Barney ha detto...

@Mistero: non voglio perculare nessuno. Ti assicuro che se voglio farlo, lo faccio apertamente.
@sonosolo...: geolocalizzazione va bene. Contenuto un po' meno.
@Robbins: Ok, sono arrivato ultimo. Mi perplette che la cosa non abbia avuto la eco adeguata, visto che TUTTI i segnali sono interpretati questo mi pareva degno di commento. Tutto qua.

Daniele Passerini ha detto...

@Robbins
Non fai prima a dirci semplicemente a chi appartiene quel sito allora, e quali intenzione avesse nel crearlo 7 anni fa e a mettere il countdown più di recente?
È indubbio che su 22passi siamo dei dilettanti, non si discute, quindi restiamo in attesa di essere edotti da te.

sono solo un misero test ha detto...

@barney

fai il tuo mestiere, valà

contenuto...

Daniele Passerini ha detto...

@Barney
Tra infiniti segnali, ognuno mette ovviamente in evidenza quelli che ritiene più interessanti.

Alessandro Pagnini ha detto...

Credo che Barney si riferisca alle righe dalla 199 alla 203 nel sorgente della pagina

Daniele Passerini ha detto...

@Barney
Quindi 22passi è ritenuto dagli unbe' un sito non credibile a priori perché costruito con risorse gratuite della rete???
E perché non lo avete detto subito 5 anni fa! :D

Alessandro Pagnini ha detto...

'sono solo un misero test' (ma se abbrevio a ssumt ti impermalisci? ;-) )è più addentro alla cosa e credo possa capire meglio il significato. Non mi intendo di web programming (anche se giuro e spergiuro di cercare di infilarci il naso un giorno ;-) ) per cui non sono sicuro di come interpretare quelle righe. Direi che pare un refuso di una consultazione da parte di un italiano. Magari il sito è stato fatto, servendosi di un format precostituito, da una mente italica, che ha consultato qualche fornitore di servizi per la compilazione di siti web, nella propria lingua madre. Ma potrebbe esere anche ben altro. Credo che per fare una buona ipotesi serva di conoscere le dinamiche di quel tipo di servizi e quindi capire se quello che uno immagina è almeno verosimile.

Alessandro Pagnini ha detto...

Io ipotizzo due cose:

Qualcuno è stato messo a fare in fretta e furia un sito ed è pure in ritardo sul countdown :-D

Questo qualcuno potrebbe essere un italiano

Daniele Passerini ha detto...

@Ale
Gratuito e con mani italiche dietro!
Il massimo del fraudolento!!! ;)))

Silvio Caggia ha detto...

@Robbins
@Barney
Sinceramente penso che nemmeno voi due abbiate capito cosa voleva dire l'altro... figuriamoci tutti noi altri...
Se avete qualcosa da dire, dovreste preoccuparvi innanzitutto di farvi capire, come ci sforziamo tutti di fare qui...
Non c'è un premio a chi è più criptico qui, anzi, tutto il mio disappunto.
Piccola sfida: provate a dire con parole vostre quello che secondo voi voleva dire l'altro... dateci questa bella prova d'intelligenza, grazie.

Daniele Passerini ha detto...

@Ale
È questo qualcuno sarebbe riuscito ad avere accesso a un dominio dove si parlava dell'impianto di Vero Beach già nel 2009?????
Se è un pesce è bellissimo, i miei complimenti! :)
Ma come mai nessuno avrebbe ancora rivendicato la paternità di un pesce così magistrale?

Daniele Passerini ha detto...

@Sivio
Ben detto! Mi associo alla richiesta incrociata rivolta a Robbins e Barney.

Silvio Caggia ha detto...

@Mistero
Bellissimo regalo il capolavoro artistico su Cobraf...
Io me lo sono messo su facebook!

sono solo un misero test ha detto...

@Alessandro

quasi

quel sito è stato fatto utilizzando uno dei tanti strumenti online per la costruzione di siti.

non mi pare che lo strumento sia gratis, ma se lo fosse neanche questo scandalizzerebbe. vengono usati perchè costruiscono velocemente siti "responsive", ossia adatti a tutte le piattaforme (smartphone, pc, tv, ecc), e se hai fretta e non hai pretese di funzionalità particolari sono imbattibili. e non è una questione di soldi, è una questione di tempo.

all'interno c'è un "div" invisibile che fa della pubblicità all'azienda che ha creato lo strumento, un po' come succede coi telefoni TIM (ti ho pagato, perchè devi farti anche pubblicità? mah...). il div diventa visibile in condizioni particolari (navigando nel sito)

la pubblicità viene "geolocalizzata" a seconda della provenienze del visitatore (avete presente quando certe pubblicità vi dicono che c'e' una bonazza 25enne che vuole trombonare nella via di fianco alla vostra? ecco, si chiama geolocalizzazione)

scritto in fretta, scusate, ma spero si capisca

triziocaioedeuterio ha detto...

Ha ragione Silvio...ma che mi rappresenta che si giochi a fare gli indovinelli oppure a "chi è più ermetico è più figo"...eddaje...pane al pane su....

MISTERO ha detto...

@Sono solo..
fai il tuo mestiere, valà

Lo sta facendo egregiamente.. ;-)

Alessandro Pagnini ha detto...

"...la pubblicità viene "geolocalizzata" a seconda della provenienze del visitatore (avete presente quando certe pubblicità vi dicono che c'e' una bonazza 25enne che vuole trombonare nella via di fianco alla vostra? ecco, si chiama geolocalizzazione)..."

Ottimo. Questo non mi era affatto chiaro. Probabilmente se avessi un PC con windows e/o il browser in finlandese, mi apparirebbero quelle righe di sorgente in quella lingua, quindi (e io non ci capirei un acca, ovviamente ;-) )

Quindi resta solo il fatto che si sono usati strumenti preconfezionati per comporre (di corsa, direi) il sito. Gratuiti probabilmente, se ci sono quelle inserzioni in agguato, ma di per sè questo non vuol dire molto. La cosa più notevole è che mi pare che qualcuno stia arrancando per far uscire un sito presentabile il prima possibile (quick and dirty)...pant...pant...puff...puff... ;-) :-D

MISTERO ha detto...

quel sito è stato fatto utilizzando uno dei tanti strumenti online per la costruzione di siti.

Ma dai?
Che beoni che siamo, credevo che Barney avesse scoperto la bufala e trovato l'inghippo progettato e programmato 7 anni fa, pensavo pure che fosse stato il dr. Tuscolana che potendo viaggiare nel tempo assieme alla cronanuta Ocapancia avesse macchiavellicamente predisposto questo pesce d'Aprile in funzione della LAFF.. Cavoli a credergli mi sento proprio un complottista.

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Barney ha detto...

@Daniele. Il tuo sito e' assolutamente NON rappresentativo di una azienda con $million$ $dollars$ di azioni. A meno che tu non ci nasconda qualcosa... Allora voglio una quota anche io, grazie. :-)

Per gli altri: cristo santo, interpretate un battito di ali di farfalla in congo Belga come un SICURISSIMO indizio che l'E-Cat funziona, e qua siete di fronte a un sito fatto a BESTIA (e diciamolo, su), con strumenti liberamente utilizzabili online e NON ne ricavate che ALMENO il sito e' di una amatorialita' disarmante e non riflette la supposta grandiosita' della Big Company?
Va bene che io interpreto tutto a mio personale modo di vedere, ma qua chiederei un minimo di obiettivita'. Avreste voi lasciato al primo che passa la realizzazione di un sito internet se foste CEO di un'azienda che macina milionate di dollari? Io no. pero' -lo ripeto- sono quello strano...

Robbins ha detto...

@Daniele

Non siete dei dilettanti, siete di più: siete dei dilettanti pervicaci e coglioni.

Ti spiego in due parole.

A) Andrea Rossi, interrogato all'uopo, ha risposto "NO", e avete continuato come nulla. Sapete voi cosa fa Rossi meglio di Rossi stesso?

B) I profeti professionisti non danno mai una data PRECISA per la fine del mondo. Questo perché sanno che se la data passa e il mondo non finisce si sputtanano.

Invece i profeti dilettanti quella data la danno, da cui la conclusione.

E la danno anche se qualcuno gli si tira il freno a mano per vedere di fermarli prima del precipizio.

Ma no - loro VOGLIONO cadere nel precipizio, sostenendo che è una loro libertà.

Bene, è una loro libertà - peccato che dopo la caduta si ritrovino irritati per le percosse ricevute e non sappiano far altro che mordere chi ha cercato di moderarli, e lo ha fatto per amicizia.

Stai sereno, Daniele, che è meglio.

Silvio Caggia ha detto...

@Robbins
"A) Andrea Rossi, interrogato all'uopo, ha risposto "NO", e avete continuato come nulla. Sapete voi cosa fa Rossi meglio di Rossi stesso?"
Ci sei o ci fai?

sono solo un misero test ha detto...

@Alessandro

se avessi un PC con windows e/o il browser in finlandese...

no, di solito non funziona cosi (si può avere anche quella informazione, ma di solito non ci si basa su quello). il minimo è che server di weebly guardi il tuo indirizzo IP e in base a quello è in grado di capire DI dove sei. poi si arriva proprio a guardare il tuo punto di accesso per capire dove sei, non solo DI dove sei.

chiaro che con gli smartphone si ha una precisione molto maggiore; coi pc ci si accontenta di sapere dove è posizionato l'armadio telecom che ti sta servendo l'adsl. :-)

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
" e qua siete di fronte a un sito fatto a BESTIA (e diciamolo, su), con strumenti liberamente utilizzabili online e NON ne ricavate che ALMENO il sito e' di una amatorialita' disarmante e non riflette la supposta grandiosita' della Big Company?"
Mi spieghi come fai tu a vedere già il sito quando noi poveri mortali abbiamo visto solo il countdown e la pagina vuota alla fine?
Hai un accesso privilegiato al server che noi non conosciamo?
O stai semplicemente parlando a vanvera?

MISTERO ha detto...

siete dei dilettanti pervicaci e coglioni...
Stai sereno

Ora che è così chiaramente espresso posso dormire tranquillo.
Grazie

Alessandro Pagnini ha detto...

@ sono solo...
2... di solito non ci si basa su quello..."

Ok, grazie!
Interessante mondo, questo, ha il suo (perverso) fascino :-)

Silvio Caggia ha detto...

Se c'è da essere pervicaci e coglioni, molto meglio essere dei dilettanti che dei professionisti.

Daniele Passerini ha detto...

@Ale
@ssumt
I vostri scambi chiariscono le idee a tutti (quelli tra Robbins e Barney le confondono), grazie! :)
Dunque la pietra dello scandalo non è l'eventuale imprimatur italico ma il sito fatto troppo alla buona. Ok.

@Robbins
@Barney
Se un giorno avessi necessità di camuffare, professionalmente, come poco affidabile qualcosa di molto solido, grazie alle vostre spiegazioni farei un ottimo lavoro. Che ci vuole: ci si muove alla carlona dall'Italia e si usano risorse gratuite della rete. Facile! ;)
Vuoi vedere che altri stanno lavorando attorno all'e-cat in questo modo da più di 5 anni, e tanti altri fanno altrettanto su tanti altri argomenti scomodi?
In fondo cosa c'è di meglio per nascondere qualcosa che farla passare per bufala?
Pesci, bufale, gatti, galli e oche... questa storia è più roba da zoo che da blog! :D

@tutti
Ma un sito più divertente di 22passi dove lo trovate? ;)))

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio

Ovviamente Barney si riferisce alla amatorialità degli strumenti, più che del prodotto, finendo, per traslato, per etichettare il tutto nel solito modo.
E-CAT o meno, resta il fatto che il dominio sembrerebbe appartenre ad una azienda non prorpio a conduzione familiare, o sbaglio?
Probabilmente là, in questo momento, si stanno valutando come abbastanza marginali talune problematiche. Ripeto, sgombriamo il campo da ipotesi feline, ma tolte queste, che erano una scommessa un po' azzardata, cosa si evincerebbe dalle critiche di Barney? Che hanno rubato il dominio di quell'azienda? O che è diventata una SNC tra due soci squattrinati? Perchè E-CAT a parte, l'obiezione di Barney è, fondamentalmente, che quello del sito non è un lavoro adeguato ad una azienda di un certo livello, giusto?

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Mi auguro che tu non gestisca budget nel tuo lavoro, perché se per far fare la pagina di countdown allocheresti budget alti figuriamoci che faresti poi per il sito vero e proprio...

Barney ha detto...

@Silvio.

Ok, ci rinucio.

hai ragione te, come con la nuova medicina germanica. Come sempre.

Il countdown e' un evento epocale, ma quando si scopre che il sito e' artigianale allora il countdown non conta una cippa.

La pagina del countdown era la Bibbia, adesso e' un troiaio fatto per tenere il posto al VERO sito, che avrebbe dovuto essere online oggi, forse domani ma dopodomani vedrai sara' attivo di sicuro e vedrai sara' fatto da Foster+Partners in marmo di Carrara...

E poi sono io quello col bias di interpretazione...

Daniele Passerini ha detto...

@Robbins
@Barney
Certo che a spiegare sempre CIÒ CHE NON È si fa la figura degli intelligenti e si fa passare per *****oni tutti gli altri. È un bisogno quotidiano del vostro ego???
Personalmente non mi porto dietro un ego ingombrante come il vostro, forse per questo mi muovo con più leggerezza di voi, provate! :)
E provate per favore (con leggerezza!) a spiegare a noi comuni mortali COSA È QUEL SITO della New Energy Planet. Cosa non è lo abbiamo capito!
Grazie :)))

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
mettiti d'accordo con te stesso: se ci rinunci poi non è che puoi continuare a sparare cazzate...

Dimmi solo una cosa: concordi con me che c'è qualcosa di strano nel fatto che quel sito sia stato sostituito da un countdown e poi dal nulla?
Se è strano è quindi anche interessante e degno di nota o è da ignorare?
E mi spieghi poi secodo te cosa vuole dire Robbins?

MISTERO ha detto...

@Barney
hai ragione te, come con la nuova medicina germanica. Come sempre.

Ecco il troll..
Barney, questa volta la medaglia alla Mattley non te la sei guadagnata, niente scoop per la tua mentore; leccati le ferite e attendi altre battaglie.... Tanto prima o poi qualche coglionata la faremo no?

Briel ha detto...

Vorrei togliermi un dubbio...
Ecco cosa leggo io, nelle famose righe dello script, stante che il mio IP è francese :
"... Créez votre site Web gratuit...
...Un créateur de site de type « glisser-déposer » d'une facilité d'utilisation surprenante."
Potrebbe uno di voi (Alessandro ?) con un IP italiano fare un copia-incolla delle stesse righe ?
Grazie in anticipo :)

Silvio Caggia ha detto...

Comunque, visto che "Ha da passà 'a nuttata", come diceva Eduardo, ed oggi direi proprio letteralmente, nell'attesa di scoprire se New Planet Energy si è impantanata da sola nel far partire il suo nuovo sito (ipotesi Pagnini) o se Anonymous se ne è impossessato da settimane (ipotesi Barney?) o se qualcuno li ha fermati un attimo per non darci subito soddisfazione (ipotesi Caggia) vi invito ad un nuovo gioco (di cui non so la soluzione):
Chi sono i personaggi rappresentati nel quadro tarocco su Cobraf?
http://www.cobraf.com/showimage.php?image=/forum/immagini/R_123620723_1.gif
Da sinistra a destra, dall'alto in basso:
1 Silvio Caggia
2 Vassela Nicolova
3 ?
4 Sergio Focardi
5 ?
6 ?
7 ?
8 ?
9 Andrea Rossi
10 ?
11 Daniele Passerini
12 Andrea Rampado

Andrea Michielin ha detto...

Ciao!

Ci provo...

Da sinistra a destra, dall'alto in basso:
1 Silvio Caggia
2 Vassela Nicolova
3 Cures
4 Sergio Focardi
5 ?
6
7 Levi
8 Fabiani
9 Andrea Rossi
10 Sterling Allan
11 Daniele Passerini
12 Andrea Rampado

Silvio Caggia ha detto...

@Briel
Grazie per la tua testimonianza che chiude definitivamente il discorso Weebly.
Per tua curiosità ecco le frasi da un IP italiano:
"Crea il tuo sito gratuitamente"
"Un creatore di siti con funzionalità trascina e rilascia, sorprendentemente semplice."
"Scopri di più."

Andrea Michielin ha detto...

Il 6 potrebbe esser Celani. Ma... come per gli altri, l'ho sparata senza certezza alcuna! :)

MISTERO ha detto...

@Silvio
Il quadro è https://it.wikipedia.org/wiki/Prestigiatore_%28Bosch%29

Su wiki sono spiegati un po i ruoli dei vari personaggi..
Tu sei il complice del prestigiatore, Vessela la Monaca, Daniele il sempliciotto immorale, io il ragazzo che osserva incuriosito e mi diverto...

gio ha detto...

Il 10 non è Fabiani?

Robbins ha detto...

@Daniele

Vedi: la pervicacia. E parli di ego ingombranti.

Posso dirti questo. Il tuo sito è COMPLETAMENTE incorrelato ad Andrea Rossi, che è la cosa che conta stante come hai impostato il discorso.

Discorso collegato da TE, la volpe, a un conto alla rovescia - non è colpa mia se c'è stato the fizzle.

Briel ha detto...

@ Silvio

Grazie
Quindi...niente "mano italiana"
Sono deluso :))

Briel ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
MISTERO ha detto...

Nella versione posteriore di Brueguel all'opera di Bosh, il prestigiatore (Rossi) diventa il ciarlatano..
https://www.google.it/#q=brueghel+il+ciarlatano&hl=it

Silvio Caggia ha detto...

O.T. ma la salute è la prima cosa...
"Altro sintomo comune è un senso di confusione improvvisa, difficoltà a parlare e a capire quanto accade o si dice."
http://www.lastampa.it/2013/05/08/scienza/benessere/salute/ictus-i-sintomi-che-dovrebbero-farci-drizzare-le-antenne-bJtqwfjfCwIL3lejUlh8LK/pagina.html

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Briel
@ Silvio

Mi sono divertito ad usare il browser tor, che rimbalza attraverso dei proxy, e il testo stavolta era in inglese :-)

Daniele Passerini ha detto...

@Robbins
Se non ti conoscessi! :)
Esci per favore dal ruolo del Cavaliere Nero e seguimi un attimo.
La correlazione tra INEOS Vero Beach e Rossi è sempre stato un gioco; la smentita di Rossi può valere indifferentemente come prova a favore o a sfavore, concedimelo. Appena saranno state messe in tavola vere prove che smentiscono la correlazione, allora smetterò di giocare. Fino ad allora continuo (se a te non ti interessa gioca altri giochi) anche perché per serendipity in questo modo vengono sempre fuori cose interessanti.
Interessanti tipo la produzione di bioetanolo da Vero Beach, diventata improvvisamente conveniente, e il progetto già pronto per replicare a New York, come ha scoperto Silvio.
A questo punto, appurato che il countdown non era un pesce (tu sostieni il contrario?), possibile che non ti interessa scoprire che razza di annuncio stia tenendo fermo nel cassetto New Energy Planet? A me si, Rossi o non Rossi.
Se poi vuoi estrapolare pezzi di miei frasi per dimostrare che sragiono come tu dici che sragiono, quello è un gioco da fare in certi Dblog, non qui; un cavaliere, nero o bianco che sia, non dovrebbe mai confondersi con quella mota.
Aiutaci a scoprire cosa bolle in pentola a Vero Beach piuttosto, seriamente, come seriamente va giocato ogni gioco.

Robbins ha detto...

Non bolle nulla, e non capisco perché ti impicchi così a un gioco.

Gioca con la poesia, o con la visita alla Villa del Cardinale, o con quello che ti pare - ma che non sia una polemica (in cui, tra l'altro, perdi) o un'assurdità - stile le abduzioni, le scie chimiche o la medicina ariana.

Alcuni di questi tuoi derapage sono borderline, come puoi constatare qui:

http://wypracowania24.pl/img/Picture/454/img.jpg,

dove trovi un'immagine che è INDEGNA e che va tenuta ben presente quando si fanno certi distinguo tra antisemitismo e antisionismo e si dà corda all'eterodossia.

Permettimi un esempio di ciò che NON si dovrebbe fare nel blog pena il ridicolo e l'irrilevanza, e ti prego di non parlarmi di dimensioni dell'ego.

Tom Darden ha fatto i soldi negli anni '90 con una ditta farmaceutica.
Non dice mai quale, perché nell'ambiente del North Carolina è sconveniente - si trattava di una ditta di anticoncezionali.
Questa sua peculiare attività ha uno strascico nel presente, in quanto è ancora uno dei soci di Evofem (puoi controllare sul sito).
Ora, Evofem è stata comprata da Neil Woodford nello stesso giro di investimenti di IH.
Il punto è questo: dopo l'acquisto, il consiglio di amministrazione di Evofem è stato completamente rinnovato eccetto Darden.
Quello che interessa non sono i nuovi consiglieri, ma i vecchi - in particolare un certo Neil Eckert e un tale Edward Atkinson. Ecco le bio, abbreviate:

A) Neil Eckert is Chairman of Aggregated Micro Power Ltd, a business that specializes in developing and investing in small scale alternative energy projects and technologies. Until August 2010, Mr Eckert was Chief Executive of Climate Exchange plc, an AIM listed company which owned the European Climate Exchange (ECX) and the Chicago Climate Exchange (CCX). ECX was a joint venture with the Intercontinental Exchange (ICE) trading EU ETS futures and traded in excess of 80% of EU volume. CCX is the only U.S. legally binding, voluntary exchange trading carbon permits and sulphur futures.

B) Mr Atkinson is currently Head of Waste to Energy at Abu Dhabi National Energy Company (TAQA). He was previously a founder and CEO of CCAS LLP in London and AIP Renewable Energy in Abu Dhabi and part of the Benfield Group in London specializing in insurance backed securitization of funding. He is also a UN Young Energy Leader and speaks regularly at conferences, the most recent being the World Energy Forum in Dubai.

La domanda che si farebbero i tuoi amici, quelli che dall'impronta della pulce risalgono alla regola generale dell'universo, è: "cosa ci incastrano due energetici come quelli con i gel spermicidi?".

E si risponderebbero: "ma è ovvio, il modulo da 1 Mw serve sia alla produzione di dette pomate che alla digestione della spazzatura - ne siamo certi, abbiamo trovato fotografie di DUE fabbriche (una delle quali è una copertura) e un conto all'arrovescia".

Come vedi ho prodotto un caso analogo a quello che ti sta a cuore in cinque minuti. Ti assicuro che il mio è una sciocchezza come il tuo e che in meno di mezz'ora ne potrei montare altri tre ugualmente "plausibili".
Ad esempio, tu cosa ne sai di Andrea Rossi e della produzione di olio di canola in Montana? O dei residui basso-radioattivi delle esplorazioni petrolifere, che interessavano tanto a Roberto Monti? Dai retta a me, lascia perdere.

Silvio Caggia ha detto...

@Daniele Passerini
E soprattutto... Che ne sai tu di un campo di grano?
Attento che il prossimo non sarà un consiglio ma un'offerta che non potrai rifiutare...

Daniele Passerini ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Daniele Passerini ha detto...

@Robbins
Quante parole.
In due parole, tu puntualizzi a chi gioca (aggratis) di non avere la forma mentis del soldato (mercenario). Ok, ci sta. E allora?

Tornando ai nostri giochi. Nel bel pesce di Cobraf, i quadri utilizzati nel fotomontaggio sono due: quello a sx qual è?

E i volti inseriti?

Ok Silvio Caggia, Daniele Passerini, Andrea Rampado, Vessi Nikolova, Domenico Fioravanti, Sergio Focardi (RIP), Giuseppe Levi, Fulvio Fabiani, Andrea Rossi.

Ma i volti sopra e a destra di Focardi chi sono? E il personaggio a destra di Rossi chi è?

Grazie.

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio
E soprattutto... Che ne sai tu di un campo di grano?
Ah il bel dono della sintesi, perfetto! :)

Daniele Passerini ha detto...

ERRATA CORRIGE.
Il quadro è uno ok:
http://bacheca.chatta.it/icaffesonovuoti/iarqyc65/default.aspx

Robbins ha detto...

Non mi prendere per il culo. Sei tu che hai chiesto una spiegazione - o no?

Il mio primo post (ore 00:25 di oggi) consisteva di UNA sola parola.

Ah il bel dono della sintesi, perfetto! :)

Buona fortuna Daniele.

Daniele Passerini ha detto...

@Robbins
Se veramente tu volessi PARLARE, mi telefoneresti o mi scriveresti una email.
Puntualizziamo forte e chiaro che NON TI STO PRENDENDO PER IL COSIDDETTO, in alcun modo. Lo hai capito si o no? Il fatto che tu lo dica mi fa pensare solo a due cose:
1) lo credi sul serio;
2) mi stai pigliando TU per i fondelli.
Sia vera la 1 o la 2, se vuoi chiarire ti ho ribadito come farlo.
Se invece vuoi continuare a far caciara qua dentro e a infilarci pure turpiloqui e - in due parole - a dar spettacolo, ne trarremo le debite conclusioni.
Sinceramente.
P.S. Cavaliere nero - se è questo che ti ha innervosito - non è una presa per il culo, è la semplice sintesi del Cavaliere dimezzato (tra due siti) di Calvino .

Silvio Caggia ha detto...

“PESCE D’APRILE”

"La tradizione vuole che, in tempi lontani, alcuni pescatori di un paese di mare, per fare uno scherzo agli abitanti della collina vicina, li mandarono a pescare al largo con le reti proprio il primo di Aprile, illudendoli che avrebbero trovato un’enorme quantità di pesci. Chiaramente non pescarono nulla e tornarono a riva mesti e con le reti vuote. Solo più tardi vennero a sapere che i pesci, con il riscaldarsi della stagione, si abbassano sui fondali limacciosi del mare, per deporre le uova e, quindi, non è possibile pescarli con la rete."

Hermano Tobia ha detto...

@Daniele
A proposito di Cavaliere Nero, per sdrammatizzare ...

http://m.youtube.com/watch?v=7Lb5ZErTMZU

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio
Come ho appena scritto nel nuovo post (oh, 4 post in meno di 2 giorni erano una vita che non si vedevano più qui dentro!) "negli ultimi 5 anni il mio approccio al blog è molto cambiato: vengo qui per stare sereno e sorridere un po'. Di cose serie e seriose ne ho la vita fin troppo piena."
Forse è per questo che ultimamente Robbins e io non ci prendiamo più: i motivi per cui lui si affaccia (ancora) qui dentro credo siano molto molto molto diversi dai miei.

Daniele Passerini ha detto...

@Hermano
LA MORALE È CHE... STO RIDENDO ALLE LACRIME!!! :D :D :D
Video fantastico!

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Tu che mastichi di html, hai notato che se navighi direttamente alcune pagine del sito queste esistono?
http://www.newplanetenergy.com/mission.html
http://www.newplanetenergy.com/clean.html
http://www.newplanetenergy.com/community.html
http://www.newplanetenergy.com/process.html
http://www.newplanetenergy.com/news.html
http://www.newplanetenergy.com/contact.html
Tuttavia appaiono sul browser come pagine bianche, anche se aprendo l'html la pagina c'è, con tanto di contenuti...
hai idea di come poter sbloccare l'html e visualizzarne i contenuti?
Grazie

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
per esempio mission contiene questo:
"Today's rampant population growth, geopolitical instability and the constraints of natural resources have communities across the globe out of balance.

We consume more fuel than we can produce, and we produce more waste than we can dispose of.

At New Planet Energy, our mission is to help right the scales by creating a solution that addresses both of these issues.  Our technology converts household waste into fuel, thereby reducing pressures on landfills while simultaneously creating new supplies of low-carbon transportation fuels

In doing so, we can improve the health of our planet by reducing our reliance on foreign countries and governments whose interests are not always aligned with ours.

We can also create jobs, generate tax revenue and improve the health of our communities and our planet."

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Clean contiene questo:
"New Planet Energy's process not only allows us to produce low-carbon fuels and clean energy and also generate electricity.

Using the heat generated by our process, we can generate electricity to help power each plant, which will limit additional strain to the grid as well as reduce the generation of harmful emissions.

For countries throughout the world, the use of fossil energy (coal) has created an environmental threat.

We must continue to find ways to not only reduce the energy we consume but also find new and clean sources of energy.

We have successfully developed, demonstrated and proven our technology and the process of converting municipal solid waste (MSW) into low-carbon transportation fuels utilizing technologies in an innovative, clean and efficient thermochemical process."

Nota il "We have successfully developed, demonstrated and proven"...
Forse è un po' presto per dirlo pubblicamente?

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Community:
"New Planet Energy's plan of development is built around a fundamental win-win philosophy that benefits the community:

Allowing communities to channel the cost of waste management into value added manufacturing, construction and other long-term jobs, thereby generating new tax revenue

Delivering sustainable supplies of transportation fuel and power

Decreasing the need to import and refine oil

Reducing the cost of waste disposal

Extending the life of existing landfills

Separating and properly utilizing recyclables and organics

Reducing greenhouse gas emissions"

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Process:
"For countries throughout the world, the use of fossil energy (coal) has created an environmental threat.

We must continue to find ways to not only reduce the energy we consume but also find new and clean sources of energy.

New Planet Energy's process not only allows us to produce low-carbon fuels but also clean energy.

Using the heat generated by our process, we can also generate electricity to help power the plant, which will limit additional strain to the grid as well as reduce the generation of harmful emissions.

We have successfully developed, demonstrated and proven our technology and our process of converting municipal solid waste (msw) into low-carbon transportation fuels.

We utilize TRI's innovative clean and efficient thermochemical process."

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
News:
"Article from Bio Mass Magazine on May 5, 2015:


Fulcrum awards Abengoa EPC contract for 10 MMgy biofuel plant
By Katie Fletcher

Abengoa will construct the plant under a fixed-price contract that guarantees the schedule, startup and performance of the plant. “Abengoa is a large, well-respected EPC firm with years of experience in the energy and biofuels industries and we are very pleased to be partnering with them on our Sierra project,” said Rick Barraza, vice president of administration with Fulcrum.

The Sierra Biofuels plant will convert 200,000 tons of municipals solid waste (MSW) into renewable syncrude that will be upgraded to more than 10 million gallons of jet fuel annually. The company currently holds 20-year feedstock agreements with Waste Management and Waste Connections, as well as an offtake agreement with Cathay Pacific Airways for 10 years.

According to Barraza, the company is looking to close financing within the next couple of months, and soon after will start construction. “Everything is in place to get the Sierra project under construction,” Barraza said. “Our feedstock is under contract, the offtake for fuel is under contract, we have secured the technology, we’ve demonstrated and proven our process, we’re nearing financial close and we'll be ready to start construction during the second half of this year.”

The financing Fulcrum is wrapping up in the coming months is a $105 million loan guarantee the USDA awarded the project last September. Around the same time last year, the company received a $70 million grant through a contract under the U.S. Department of Defense’s Defense Protection Act. The remaining balance of the construction capital will come from equity Fulcrum already has in place, Barraza said.

The Sierra Biofuels project consists of two facilities. One facility is the biorefinery itself, and the other a feedstock processing facility. The feedstock processing facility will take in all of the garbage, removing inert materials like metal and glass, as well as high-value recyclables. The remaining material will be shredded and transported to the biorefinery.

The project is being built approximately 20 miles east of Reno, Nevada, in an industrial park in Storey County. “It’s a great location,” Barraza said. “Northern Nevada provides a good base of construction and operational talent, and has been very receptive to our facility.”

The plant, scheduled for operation in the third quarter of 2017, is anticipated to create more than 500 engineering, construction and operations jobs in Nevada.

Barraza said that the Sierra Biofuels project is the company’s first commercial project, but will more than likely be the company’s smallest. “Our development program includes larger projects where we will have the capacity to produce 30 or 60 million gallons of fuel a year per facility,” he said. “We already have waste material under contract with our waste service partners throughout North America, so we are currently evaluating different sites where we have access to MSW to build our next facilities.”"

Barney ha detto...

@Silvio.
Non credo ci sia modo di vedere online il contenuto, per adesso. Sono comunque pagine fatte con Weebly, tutte.


Per quel che riguarda quel che c'e' scritto, e' roba nota da un po'. L'impianto vicino a Miami che secondo la vulgata ospiterebbe il container di Rossi ha un problema biologico che spiega perche' l'impianto non ha funzionato prima del 2015 (Spoiler: l'E-Cat non c'entra nulla).


Piu' in generale, pur essendo questi impianti assolutamente lodevoli come fine ultimo, hanno tutti enormi problemi energetici. Io personalmente ho smesso di credere alle efficienze overunit da un po', qui se fai il bilancio energetico completo di quanta elettricita' ti serve per triturare i rifiuti, seccarli, scaldarli, far passare il syngas da sei o sette torri di raffinazione, e poi trattare il residuo che ti resta mi pare strano anche andarci pari (se consideri che poi il syngas lo puoi usare in una turbina).


Qui e qui alcuni esempi. Qualche anno fa fummo coinvolti in un progetto di gassificazione di sottoprodotti industriali con torce al plasma, la cosa funziona alla grande ma hai bisogno di una centrale elettrica tutta per te. E l'energia che ricavi dal syngas non e' mai pari a quella che ti serve per il processo. Pero', se il tuo scopo e' trattare rifiuti sei a posto. l'unica cosa e' non raccontare balle su quanto sia magGico il processo, su quanta piu' energia elettrica tiri fuori rispetto a quella che usi.


Ciao

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Ma stiamo dicendo la stessa cosa!
Quegli impianti consumano tanta energia!
Quindi se uno di questi se ne viene fuori dicendo dopo 100 anni che sono riusciti finalmente nell'intento di produrre biofuel di qualità senza rimetterci dal punto di vista energetico ovvero non andare in bancarotta come fanno tutti questi impianti da 100 anni, cosa vuol dire?
Unisci i puntini dai...

Barney ha detto...

@Silvo.
Noto con piacere che NON hai letto il primo link.

Il problema energetico e' a latere del problema biochimico, superato proprio ad inizio 2015. Sara' una coincidenza che da quel momento l'impianto ha iniziato a funzionare? Io dico di no.

La presenza dell'E-Cat e i suoi supposti benefici per la trasformazione di cellulosa in bioetanolo sono appunto supposizioni, l'acido cianidrico che impediva la partenza dell'impianto e' un dato di fatto.
Prima di unire i puntini, ti chiederei almeno di guardare la pagina giusta. E di non tralasciare i fatti a scapito della fervida immaginazione.

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Noto con dispiacere che non hai letto nessuno dei miei link in questo post ed in quello precedente dove si parlava di Ineos New Planet Bioenergy...
Il problema biochimico è stato risolto a dicembre 2014.
Al 19 febbraio 2015 si tentava ancora una ripartenza dell'impianto ma ancora fallita per problemi non divulgati.
Poi silenzio fino alla novità del countdown.
Rileggiti bene i due post con tutti i miei commenti ed i link prima di sentenziare su cosa io non avrei letto, ti eviteresti le solite figuracce come questa.

Barney ha detto...

@Silvio
@Barney
Noto con dispiacere che non hai letto nessuno dei miei link in questo post ed in quello precedente dove si parlava di Ineos New Planet Bioenergy...


Ti parra' strano per come ti muovi te, ma io i link li leggo, e ne aggiungo altri anche.

Il problema biochimico è stato risolto a dicembre 2014.
Questo e' provatamente falso, e le cose stanno come si dice qua (e' la seconda volta che lo linko).

A Settembre 2015 l'impianto NON era ancora attivo perche' non c'era un permesso dello stato della Florida, e perche' c'era bisogno di un terzo stadio di abbattimento dell'HCN. In fondo al link c'e' il report dello stato della Florida sul progetto di modifica. Puoi verificare senza neanche lo sforzo di doverlo immaginare: e' li' anche per te.

Al 19 febbraio 2015 si tentava ancora una ripartenza dell'impianto ma ancora fallita per problemi non divulgati.

Che tu interpreti come "mancava l'energia".
E io invece come "forse il terzo stadio di abbattimento dell'HCN non funzionava ancora bene, tutti i batteri morivano".
Due punti di vista, entrambi degni di essere presi in considerazione.

Poi silenzio fino alla novità del countdown.
Questo e' vero. Ma il countdown e' terminato e stiamo sempre aspettando dopodomani.
E se non bastasse, nei link "fantasma" che si ricavano dal sorgente html c'e' una serie di affermazioni generiche sul trattamento della cellulosa, discorsi su quanto avremo bisogno di energia oggi come oggi, e altre banalita'.
Fatti: ZERO, almeno per me. Se non che pure quelle pagine sono tirate su da un webmaster che usa strumenti di terza scelta. ma ammetto che questo e' l'ultimo dei problemi.


Rileggiti bene i due post con tutti i miei commenti ed i link prima di sentenziare su cosa io non avrei letto, ti eviteresti le solite figuracce come questa.

Calmati e prova anche tu a interpretare i fatti, non le viscere del piccione.
I film li guardo piu' volentieri al cinema, evito di dovermi chiedere perche' il main character cambia idea, versione e magari anche sesso ogni due scene.

Aspettiamo comunque fiduciosi dopodomani, sicuramente succedera' qualcosa.

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
"Il problema biochimico è stato risolto a dicembre 2014.
Questo e' provatamente falso, e le cose stanno come si dice qua (e' la seconda volta che lo linko)."
Ma oltre a linkarlo lo leggi anche?
hai letto la data? September 5, 2014
Come può un articolo di settembre smentire un fatto di dicembre?
Perché non ti leggi il report del DOE di marzo 2015 che ha segnalato subito Daniele?

"A Settembre 2015 l'impianto NON era ancora attivo perche' non c'era un permesso dello stato della Florida, e perche' c'era bisogno di un terzo stadio di abbattimento dell'HCN. In fondo al link c'e' il report dello stato della Florida sul progetto di modifica. Puoi verificare senza neanche lo sforzo di doverlo immaginare: e' li' anche per te."
Dove cazzo leggi 2015?
I documenti che tu linki sono del 2014!

Daniele Passerini ha detto...

@Barney
Insisto, e so che divento pedante quando insisto, ma tu mi superi! :)
Invece di continuare a spiegarci cosa quel countdown non fosse ci spieghi cosa diavolo fosse? :)
Lascia pure perdere Rossi e l'E-Cat, per favore (se no continui a mischiare le carte), dimmi solo cosa diavolo combina questa New Planet Energy, che riusulta coinvolta (non lo è più?) in un impianto sperimentale INEOS (una tra le più grandi multinazionali della chimica, o sbaglio?) per la trasformazioni di rifiuti in bioetanolo, con l'approvazione del DOE.
Perché hanno organizzato il pesce d'aprile del contdown?
Come fai combaciare il contesto di riferimento con quel sito lì?
Sei senz'altro in grado di riunire i trattini meglio di noi, daccene dimostrazione.
Grazie.

Barney ha detto...

Ok, mi sono SBAGLIATO sulla data, chiedo venia.

Per il resto, rimango dell'idea che quell'impianto avesse problemi di avvelenamento da HCN e che l'inserimento dei tre filtri abbia preso piu' tempo del previsto.

Sul sito: a parte il countdown che ne annuncia uno nuovo (e che e' scaduto da un par di giorni ma va bene cosi'), i contenuti sono -e lo ribadisco- di una genericita' stupefacente, basta leggere quel che riporta Silvio, non serve unire alcunche'.

Sul processo in oggetto: sicuramente funziona, se riescono a non far morire i batteri. Altrettanto sicuramente e' energivoro a bestia, e non c'e' verso che ricavino piu' energia di quante ne serve per il processo.
Ma questo va benissimo, intendiamoci: se lo scopo e' ridurre i rifiuti e ricavare un po' di bioetanolo come sottoprodotto e' tutto OK. E potrei anche capire il countdown: sono anni che ci provano, magari saran contenti di dire che adesso QUEL processo funziona.

Se pero' credete che quel processo sia un ennesimo "new fire" a somma positiva, vi sbagliate.

Infine, c'e' la teoria che va per la maggiore tra i true believers: l'impianto funziona SOLO PERCHE' c'e' il ciottoro di Rossi li' da un anno. Non avrebbe potuto mai funzionare senza, per i noti problemi di energivoricita' del processo.

Ecco, a questa ipotesi credo come credo a Babbo Natale: i puntini da unire sono esattamente gli stessi.

Daniele Passerini ha detto...

@Barney
Grazie della risposta.
Però continuo a non capire cosa s'azzecca - come soleva dirsi negli anni di "mani pulite" - da una parte un impianto INEOS con finanziamenti governativi USA e dall'altra un sito maldestro e da 4 soldi (anzi gratis!) come quello del countdown...
A te sembra normale?

Barney ha detto...

INEOS ha 54 MILIARDI di dollari di turnover.
Presumo (basta guardare il loro sito) che il 99% sia dal settore oil&gas, piu' la chimica tradizionale. INEOS Bio e' una pulce in questo contesto, magari e' utilissima per pagare meno tasse, per fare apparire la casa madre un'azienda "pulita", che ha rapporti col governo.
Magari non investono neanche un Euro nel sito, lo useranno solo come veicolo pubblicitario per la loro immagine.
Il sito INEOS e' fatto da un'azienda UK, e mi pare abbia piu' che un verso. Quello dell'impianto di Miami e' ridicolo.

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
"Ok, mi sono SBAGLIATO sulla data, chiedo venia."
Sei veniato...

"Per il resto, rimango dell'idea che quell'impianto avesse problemi di avvelenamento da HCN e che l'inserimento dei tre filtri abbia preso piu' tempo del previsto."
Se leggi il report DOE cambi idea. Quel bottleneck è stato risolto a fine 2014, dice a posteriori, ovvero a marzo 2015.

"Sul processo in oggetto: sicuramente funziona, se riescono a non far morire i batteri. Altrettanto sicuramente e' energivoro a bestia, e non c'e' verso che ricavino piu' energia di quante ne serve per il processo.
Ma questo va benissimo, intendiamoci: se lo scopo e' ridurre i rifiuti e ricavare un po' di bioetanolo come sottoprodotto e' tutto OK. E potrei anche capire il countdown: sono anni che ci provano, magari saran contenti di dire che adesso QUEL processo funziona.
Se pero' credete che quel processo sia un ennesimo "new fire" a somma positiva, vi sbagliate."
Eppure quelli del DOE sostengono che produca 6MW di energia elettrica di cui se ne mangi 4MW... Oltre a produrre il bioetanolo ovviamente, e smaltire i rifiuti... La gallina dalle uova d'oro!
Glielo spieghi tu al DOE che si sbagliano?

"Infine, c'e' la teoria che va per la maggiore tra i true believers: l'impianto funziona SOLO PERCHE' c'e' il ciottoro di Rossi li' da un anno. Non avrebbe potuto mai funzionare senza, per i noti problemi di energivoricita' del processo."
Eccomi qua!

"Ecco, a questa ipotesi credo come credo a Babbo Natale: i puntini da unire sono esattamente gli stessi."
Perché tu non credi a questa ipotesi? Ne hai una migliore compatibile con i documenti del DOE?

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Il sito di New Planet Energy è un sito istituzionale dello stabilimento, non devono vendere niente a nessuno in questo momento... Guarda invece il sito di NPE-stonypoint.com dove il business è vendere uno stabilimento n volte più grande allo stato di New York...
Quello di Vero Beach è uno stabilimento DEMO, il business sarà venderne uno per ogni regione del mondo che produce rifiuti.
E con l'energia elettrica prodotta illuminare lampioni...
Già... Lampioni...
Dove l'ho già sentita questa storia dei lampioni?

Barney ha detto...

Spero che i lampioni non siano quelli dell'ennesimo genio italico, mi pare si chiamasse Chiacchieroni :-).

Ma siccome ero sicuro di avere letto 2015 su qualche articolo, ho ritrovato questi due articoli qua (uno e due) su un giornale locale (sara' una roba tipo "Il Tirreno" per noi toscani, immagino). A parte le parole usate, tipiche del giornalismo di basso livello, le notizie mi sembra siano convergenti sul fatto che a febbraio 2015 (spero l'anno sia giusto, stavolta) nulla o quasi era funzionante (poi e' arrivata la fatina dei dent^W Andrea Rossi e... :-) ).

Silvio Caggia ha detto...

@barney
Se tu avessi visto il video che avevo linkato sapresti di quali lampioni parlo...
Se linki un articolo senza renderti conto che io l'ho già linkato e proprio da quello ho detto che al 19 febbraio l'impianto ancora non funzionava, poi miracolosamente, nessuno si è più lamentato finora, per pura combinazione in perfetto sincrono con l'inizio del test di un anno del gattone, non ci fai la figura di quello molto attento a quello che dico...
Ti ripeto: stai confermando tutto quello che ho scritto, ma incredibilmente le tue conclusioni sono opposte alle mie... Perché?
Per un solo motivo: escludi categoricamente che l'e-cat funzioni.
Ma non puoi cercare di capire qualcosa assumendo tra gli assiomi di base quello che vuoi dimostrare, ti chiudi in un loop!
Rispondi a Daniele: come avrebbero raggiunto gli obiettivi di overunity questi dello stabilimento visto che "chimicamente", concordo con te, è impossibile? Come fanno ad eliminare rifiuti, produrre combustibile, e farsi avanzare 6-4=2MW per accendere i lampioni della città?
Magia? Truffa? O è più probabile che...

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Ti prego LEGGI questo articolo di uno che è scettico almeno quanto te:
http://www.energytrendsinsider.com/2015/05/20/where-are-the-unicorns/
Siamo d'accordo che la situazione di New Planet Energy descritta nell'articolo è quella reale?
Se sì, cosa significherebbe se New Planet Energy dimostrasse oggi di aver prodotto realmente tonnellate di Bioetanolo nelle modalità previste (qualità del fuel, energia consumata, energia immessa in rete, rifiuti eliminati)?
a) Truffa
b) E-cat
c) Magia
d) Altro

Barney ha detto...

@Silvio: quello e' cio' che dicevo del processo dall'inizio. Fattibilissimo, ma a costi ENERGETICI mostruosi. Che poi PARTE di quei costi siano recuperabili va benissimo, ma che si vada in CREDITO e' qualcosa che confligge contro la logica e la termodinamica, almeno per me.

Se NPE dimostrasse di avere prodotto realmente tonnellate di etanolo, potrebbero essere vere sia a) che d). b) e c) le vedo sullo stesso piano, assieme all'unicorno.

d) allora significherebbe solo che sono riusciti ad ottimizzare i loro impianti e a far costare meno degli altri il processo. Perche' i conti che vedi sul volantino (4 MW necessari, 6 MW prodotti, quindi 2 MW guadagnati) sono un ottimo jingle pubblicitario (infatti lo trovi su una brochure), ma raccontano mezza verita'.

Ma dal tuo articolo si evince anche altro:
1) che almeno TRE aziende hanno aperto il primo impianto di trasformazione di cellulosa in etanolo negli ultimi anni.
2) che in realta' il processo e' noto da UN SECOLO, e il primo impianto e' stato costruito cent'anni fa.
3) che tutti sono abbondantemente sotto la produzione di targa. Con un picco ad Aprile 2015 che l'articolista adduce alla POET, non alla NPE.
4) che -dato il quadro normativo USA- CONVIENE per le aziende investire in questi impianti, visto che lo stato ti sovvenziona alla grande.
In termini di decine di milioni di Dollari.
Senza bisogno di E-Cat che funzionano.

Prova tu a ragionare come se l'E-Cat fosse fuffa: cosa otterresti dai tuoi puntini?

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Io ragiono partendo dai dati e poi cerco un'interpretazione che li spieghi...
Ho realizzato questo grafico che mostra l'andamento della produzione mondiale di BioEtanolo.
La fonte dei dati che ho elaborato è l'EPA cui tutti i produttori chiedono i RIN senza i quali non possono commercializzare il loro BioEtanolo.
1 RIN = 1 gallone di BioEtanolo.
https://drive.google.com/file/d/0B7NA_x_rEHcQMGFJQ3BPN0N4SEE/view?usp=docslist_api
La curva rappresenta la media mobile a 3 mesi.
Noti anche tu che da Aprile 2015 la produzione globale è aumentata di diversi milioni di RIN e quindi quasi raddoppiata rispetto al 2014 e inizio 2015?
Qualcuno sembra essere riuscito in quello che si tenta da 100 anni...
Secondo te chi?

Barney ha detto...

??? La risposta te la da l'articolo che te hai linkato sopra:
On the positive side, April’s numbers were slightly greater than the year-to-date production of the previous 3 months combined. If I had to guess, based on the lower capacity of INEOS and the ongoing problems at Abengoa, that production is predominantly POET’s.

Barney ha detto...

@Silvio: anzi, per fugare tutti i dubbi sono andato sul sito della POET. Questo comunicato mi pare ambiziosetto, ma darebbe conto piu' o meno di tutto il tuo bioetanolo, mi pare...

Silvio Caggia ha detto...

@barney
Non confondiamo però la capacity, che è un valore potenziale massimo ottimistico, se tutto va bene, con la reale produzione effettiva. E ragioniamo ad aprile 2015, non a gennaio 2016...
Poet poi se non vado errato produce utilizzando mais, non rifiuti, che è tutta un'altra tecnologia...
In pratica mi stai dicendo che poiché la produzione degli uni e degli altri finisce in un unico calderone di dati EPA oggi non riusciamo a capire dai dati del grafico come sta andando la produzione di BioEtanolo derivata solo dai rifiuti, giusto?
O secondo te dai dati EPA si può fare questa distinzione?
Cellulosic Ethanol include tutto?

Aiutami a fare due conti...
La capacità produttiva massima dell'impianto New Planet Energy è, se ricordo bene, 8 MMGPY (Milioni di Galloni per anno), quindi 8/12=0,66MMG (Milioni di Galloni) al mese...
Se EPA sta registrando negli ultimi mesi una produzione media di 14MMG (Milioni di Galloni), la produzione del nostro stabilimento, anche alla massima capacità, sarebbe quasi impercettibile?
Sto sbagliando qualche equivalenza?

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
La fonte dei dati che sto analizzando è questa...
https://www.epa.gov/fuels-registration-reporting-and-compliance-help/2015-renewable-fuel-standard-data
Se puoi aiutarmi a districare questa matassa ti ringrazio.

Barney ha detto...

@Caggia. I dati sono gia' scorporati su quel sito, io sostenevo -come l'articolista che tu hai citato- che l'aumento di aprile 2015 potrebbe piu' facilmente essere ascritto a POET che a Ineos Vero Beach.

POET ha n impianti, tra questi ci sono quelli descritti nel tuo articolo che fanno etanolo da cellulosa di scarto.
L'articolista sostiene che e' molto piu' facile farlo dal mais, e mi sembra di capire che l'unico impianto POET che ha un senso (sempre per l'articolista) e' uno accanto ad un altro a mais proprio perche' c'e' comunalita' di impianti energetici.

Su cosa sia successo a tutti gli impianti USA negli ultimi mesi per avere questo fiorire di galloni di etanolo, io posso solo fare ipotesi (che -si sappia subito- NON comprendono l'E-Cat :-P).

Una spiegazione facile potrebbe essere che con un regolamento piu' incentivante e' oggi conveniente "buttar via" energia elettrica e calore per ottenere etanolo da cellulosa. Ossia: anche se mi costerebbe 1000 fare 1 gallone, siccome lo Stato mi da 980 allora mi conviene.

Come dici te, mettiamo per assurdo che Rossi abbia fatto 'o miraculo. Beh, sarebbe fantastico come miracolo, perche' avrebbe non solo ottenuto un cop ALMENO 6 (o 200, o come vuoi), ma addirittura la produttivita' di un impianto industriale "x", che beneficia dell'E-Cat sarebbe decuplicata. Meglio che i raggi Gamma per Bruce Banner.

BTW: hai guardato il sito POET? Mi pare abbiano molti piu' impianti di produzione di bioetanolo che INEOS (diciamo che quello e' il loro core business).

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Devo fare una rettifica importante: il grafico che ho prodotto, quello con i RIN prodotti mese per mese, computa tutti i tipi di fuel della categoria cellulosic biofuel D3, che comprende anche fuel come il natural gas che a noi non interessa. Per computare solo l'etanolo bisogna partire da un altro file EPA che però non ha la suddivisione per mese.
Ho chiesto all'EPA se mi possono dare i dati suddivisi per fuel E ANCHE per mese, in attesa ti riporto i RIN dell'etanolo che ci interessano:
2012 20,069
2013 0
2014 728.509
2015 2.181.096
2016 (solo G+F) 556.953 pari a 3.341.718 annui previsti
Ora i dati sono più ragionevoli, vero?
Nota che la produzione nel 2015 è triplicata rispetto al 2014 ed il trend è positivo nel 2016.
Le aziende che potrebbero aver prodotto l'etanolo secondo EPA sono queste:
Abengoa Bioenergy Biomass of Kansas, LLC
American Process Inc.
BIOFLEX AGROINDUSTRIAL S/A
E.I. du Pont de Nemours & Co.
INEOS New Planet BioEnergy LLC
POET Research Center (POET Research Center, Inc)
POET-DSM Project Liberty, LLC
QUAD COUNTY CORN PROCESSORS
ZeaChem Inc.
Ma non ti dice quanto ciascuna. Potrebbe anche essere zero per molte...
Ed i due stabilimenti poet in questione, secondo EPA, sono:
SCOTLAND
Emmetsburg
Il che vuol dire che gli stabilimenti dell'articolo da te citato (POET Biorefining – Hanlontown 
- Current capacity: 58 million gallons per year (MGPY) 
- Expansion capacity: 64 MGPY 
POET Biorefining – Hudson 
- Current capacity: 58 MGPY 
- Expansion capacity: 65 MGPY 
POET Biorefining – Caro 
- Current capacity: 55 MGPY 
- Expansion capacity: 67 MGPY ) direi che NON si riferiscono a cellulosic biofuel ma a produzione di etanolo dal mais (come ti dicevo).
Sono quindi dell'idea che quei 2 milioni di galloni di etanolo prodotti nel 2015 partendo da rifiuti cellulosic (e non da mais) siano tutti o quasi provenienti da INEOS New Planet Energy.
In questa ipotesi lo stabilimento sta andando ad 1/4 della sua capacità che è di 8MMGPY.
Forse perché, come ha detto Pagnini, ha solo 1MW disponibile dei 4 che gli servirebbero per andare a regime? :-)

Altra cosa: alcuni dati annuali dell'EPA ho notato vanno dal 1 aprile di un anno all'altro... Forse è per questo che il countdown scadeva al primo aprile?

Però i dati al 1 aprile 2016 non sono ancora disponibili sul sito EPA... Forse è per questo che il sito, scaduto il countdown, non mostra ancora il lieto annuncio?

Tutte supposizioni, lo ammetto, ho solo prove indiziarie, mi manca la pistola fumante... Certo che se EPA mi desse i RIN di INEOS mese per mese e questi confortassero il mio ragionamento... Cominceresti a credere a Babbo Natale?

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
W. L. Carter
Chief Executive Officer and Member of The Board of Directors, New Planet Energy, LLC
http://www.bloomberg.com/research/stocks/private/person.asp?personId=140080897&privcapId=139878469

Wendy Carter Accountant of Cherokee
http://cherokeefund.com/wendy-carter/
Parenti?

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
E siccome sono complottista ci metto anche che Rossi era andato in america con "an American Visa by The President of the United States (Carter)"...

Fammi il calcolo delle probabilità, grazie.

Silvio Caggia ha detto...

"Ingenuity and Purpose"...
dove ho visto di recente questa scritta?
In qualche foto mi sembra scritta su qualche veicolo... mi aiutate a ricordare dove l'ho vista?
Qui o su Cobraf o altrove... qualcosa che riguarda l'e-cat o IH o INEOS... non ricordo...
Help!
Grazie

Barney ha detto...

Le probabilita' di un caso sono abbastanza elevate.

Carter e' il 44° cognome piu' diffuso negli USA.

Non siamo a "Rossi" in Italia, ma neanche a "Canavacciuolo".

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Ok, una persona su 796 negli States si chiama Carter.
La probabilità che uno dei 10 notabili di Cherokee si chiamasse Carter, come W. L. "Tex" Carter di New Planet Energy, è quindi 1 su 80.

La probabilità che di questa Wendy Carter ne parli oggi Nevanlinna su Cobraf quant'è?
http://www.cobraf.com/showimage.php?image=/forum/immagini/R_123620930_3.jpg

La probabilità che W. L. "Tex" Carter sia l'ex presidente di Ingenuity And Purpose è comunque 1/1.
https://www.iapws.com/about/

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio
Sono basito...
Anche la probabilità che il nostro Nevanlinna sia un agente IAP arruolato in Italia è altissima! :D

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails