Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

lunedì 12 aprile 2010

Ho sceso

Ho sceso, dandoti il braccio, almeno milioni di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perché con quattr'occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.


Forse vi è capitato già di leggere questa poesia. È citata su vari blog per esempio, spesso però con gli "a capo" scorretti, a distruggere la ritmica e musicalità che possiedono: nella poesia forma e sostanza vanno sempre a braccetto, dandosi forza l'un l'altro.

Eugenio Montale (1896-1981) scrisse questi versi in ricordo della moglie Drusilla Tanzi, scomparsa nel 1963. Appartengono alla raccolta Satura (per la precisione alla sezione "Xenia", interamente dedicata a Drusilla), pubblicata nel 1971 da Mondadori.

Che l'essenziale è invisibile agli occhi è fatto evidente per chi ascolta ciò che gli suggerisce il cuore. Un sentimento di vero amore provato per qualcuno, come quello tra Eugenio e Drusilla, è una di quelle esperienze capaci di rivelare questa semplice grande verità, anche a chi può essere solo testimone di quell'amore. E noi, leggendo la poesia in questione, ne siamo testimoni.

4 : commenti:

la_kia ha detto...

Bellissima, mi piace moltissimo, Eugenio Montale lo faremo noi a scuola, quando ancora non si sa, però lo faremo. Per ora stiamo facendo Ugo Foscolo, poi credi Leopardi e poi è tutta da vedere! =)

Daniele ha detto...

È bello che sei già così innamorata della poesia. Una curiosità: conosci molte coetanee e molti coetanei che condividono con te questa passione?

Daniela Brusco ha detto...

ti ricordi ...di Zingaretti?..

Daniele ha detto...

La sirena? Sì certo... anche se ricordo molto le belle emozioni che mi ha trasmesso e poco le parole del testo! Come al solito, la mia memoria!

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails