Siamo appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Siamo uno specchio capovolto della realtà, fuori c’è il patriarcato qui una "società gilanica", fuori c’è il petrolio qui siamo pro E-Cat: per previsioni sull’esterno invertite (quasi) sempre i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

BACHECA DEL BLOG

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

sabato 16 dicembre 2017

Danni da vaccino: per ora se ne occupa la Corte Costituzionale, prima o poi dovrà occuparsene la Corte dei Conti.

Qualcosa, finalmente, si muove intorno alla questione dei vaccini e ne vedremo presto della belle. Si legga il comunicato del 14 dicembre 2017 dell'Ufficio stampa della Corte Costituzionale...
VACCINO ANTINFLUENZALE, DIRITTO ALL’INDENNIZZO IN CASO DI MENOMAZIONI PERMANENTI  
La Corte costituzionale, con sentenza n. 268, (relatore Nicolò Zanon), ha dichiarato costituzionalmente illegittima la legge n. 210 del 1992 nella parte in cui non prevede il diritto a un indennizzo in favore di chiunque abbia subito una permanente menomazione dell’integrità psico-fisica a seguito della vaccinazione contro il virus influenzale, purché sia provato il nesso di causalità tra l’una e l’altra. 
La legge sottoposta a giudizio della Corte prevede il diritto all’indennizzo solo se la menomazione consegue a una vaccinazione obbligatoria, mentre la vaccinazione influenzale appartiene a quelle raccomandate dalle autorità sanitarie pubbliche. 
La Corte ha ritenuto che, come accade per quelle obbligatorie, anche la vaccinazione raccomandata antinfluenzale ha l’obbiettivo di assicurare la tutela della salute collettiva, attraverso il raggiungimento della massima copertura vaccinale della popolazione. Pertanto, anche in questo caso esigenze di solidarietà sociale e di tutela della salute del singolo richiedono che sia la collettività ad accollarsi l’onere dell’eventuale pregiudizio individuale, mentre sarebbe ingiusto consentire che siano i singoli danneggiati a sopportare il costo del beneficio collettivo. 
La sentenza precisa poi che l’estensione del riconoscimento del diritto all’indennizzo non implica affatto valutazioni negative sul grado di affidabilità scientifica della somministrazione delle vaccinazioni. Al contrario, la previsione dell’indennizzo, sempre che sia accertato un nesso di causalità tra somministrazione del vaccino e menomazione permanente, completa il “patto di solidarietà” tra individuo e collettività in tema di tutela della salute e rende più serio e affidabile ogni programma sanitario volto alla diffusione dei trattamenti vaccinali, al fine della più ampia copertura della popolazione.  
Roma, 14 dicembre 2017
Quindi, che la vaccinazione sia obbligatoria per legge o solo raccomandata dal medico, lo Stato deve indennizzare chi ne ha ricavato reazioni avverse con danni permanenti. Questo è il principio sancito dalla Corte Costituzionale.

Sarà molto interessante vedere cosa succederà quando lo Stato s'accorgerà che i fondi a bilancio per indennizzare le vittime della "Guerra ai virus" dichiarata dal Ministero della Salute (a beneficio più dei profitti delle case farmaceutiche che del benessere della popolazione), sono clamorosamente insufficienti rispetto al numero di casi con nesso di causalità provato tra menomazioni permanenti (o morte) e vaccino. È una semplice questione di ordini di grandezza, che porterà, prima o poi, la Corte dei Conti ad interessarsi, finalmente, all'operato del Ministro Lorenzin.

7 : commenti:

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Daniele
"...rispetto al numero di casi con nesso di causalità provato tra menomazioni permanenti (o morte) e vaccino..."

Per caso hai qualche ordine di grandezza, se non numeri precisi? Quante sono le casualità provate di cui hai notizia? E non ho difficoltà ad immaginare che saranno pure sottostimate.
Mica è facile provare qualcosa in un paese che è, o era, capace di chiederti di presentarti con un certificato che attestava la tua 'esistenza in vita' :-D

Io comunque, molti anni fa, fiducioso nella scienza medica, provai il vaccino antinfluenzale, per vedere se in quella stagione avrei evitato l'influenza. La presi due volte, o perlomeno mi beccai qualcosa che le assomigliava tanto. Pietra tombale sulla vaccinazione antinfluenzale, da allora! :-D

CLaudio Rossi ha detto...

Secondo me, qualsiasi medico "ortodosso" nel caso svolga la funzione di CTU, si guarderà bene dal dichiarare un nesso di causalità tra un morto e i vaccini che gli sono stati somministrati. Ricordo male o qualcuno è stato radiato dall'Albo solo per essersi opposto alle vaccinazioni obbligatorie?

Mario Massa ha detto...

Qui:
http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=51393

si parla di 78 casi sospetti di morte e 12.000 sospette reazioni avverse nel 2014-2015. Costituiscono circa il 13% del totale delle segnalazioni relative ai farmaci in generale.
Mediamente in un anno i casi di morte diretta per influenza sono alcune centinaia e quelli per complicanze a seguito dell'influenza circa 8000 (dato Ministero della Sanità). Nel 2016, a causa della diminuzione delle vaccinazioni secondo i medici, i morti sono raddoppiati.
http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2017/10/11/influenzaricciardi-15-18mila-morti-tra-anziani-scorso-anno_fe9187f4-a314-4753-bb09-cedb7d79d1f7.html

IlPorticoDipinto ha detto...

> "sono clamorosamente insufficienti rispetto al numero di casi con nesso di causalità provato tra menomazioni permanenti (o morte) e vaccino"

Sono loro che decidono quando c'è il nesso, e quindi non c'è questo rischio.

Basta verificare l'enorme difficoltà che hanno avuto i (pochi) genitori che hanno avuto la capacità e volontà di riuscire ad avere l'indennizzo anche quando il legame era lampante anche per un bambino.

Il terrorismo psicologico che viene applicato sui genitori che non hanno adeguata preparazione in merito (cioè tutti, perché chi è preparato evita di vaccinare), fa si che il 99% accetti la prima loro risposta che è "è impossibile che ci sia un nesso".

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario
Sono raddoppiati i numeri delle influnze, come nel mio caso? :-D
Non affannarti a rispondere, sto scherzando ovviamente ;-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Portico

Esatto. E' proprio quello che volevo far notare a Daniele e che mi pare che Mario, sempre ottimo nel fornire dati puntuali, abbia confermato.


OT (quasi)
Occhio a quello che si dice, perchè, o c'è un malinteso, o l'aria potrebbe essere in via di cambiamento e in peggio:

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/liguria/genova-posta-una-barzelletta-sui-carabinieri-su-facebook-casalinga-denunciata_3112481-201702a.shtml

Io ho sempre stimato l'arma, eppure barzellette sui carabinieri ne ho sempre raccontate a bizzeffe. Qualcuno ne sa qualcosa di più? Non è che oltre alla stretta sulle fake news, qui si sta arrivando anche all'abolizione del diritto di satira?

Daniele Passerini ha detto...

@TUTTI
Restando assolutamente in topic, INVITO A LEGGERE CON ATTENZIONE E A VOTARE LA SEGUENTE PETIZIONE:
https://www.change.org/p/andrea-orlando-adeguare-la-circolare-fani-del-1910-alle-attuali-esigenze-delle-autopsie-giudiziarie?recruiter=56267263&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink&utm_campaign=share_petition&utm_term=autopublish

Posta un commento

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

Related Posts with Thumbnails