Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

sabato 4 giugno 2016

Giovanni Cesaretti alias Barney Panofsky, sei un MITO!!!

Post di Andrea Rampado


Dalla notte scorsa quando ho letto l'ennesimo intervento di Giavanni Cesaretti nell'ennesimo tentativo di sputtanare, denigrare, mistificare i prodotti della ditta Freebioenergy, mi sono chiesto se sia mai possibile che l'arroganza, la presunzione e l'ignoranza umana possa arrivare a tanto. Mi sono reso conto che purtroppo il limite non è ancora stato raggiunto.
Da alcune settimane abbiamo assistito ad un vero e proprio attacco mediatico verso aziende e prodotti che propongono di risolvere il problema di risalita dell'acqua nei muri con metodi e tecnologie simili, sia attive che passive; una in particolare, la Freebioenergy,  propone anche dei sistemi passivi che impedirebbero la formazione di calcare e le incrostazioni di ferro nelle tubazioni, nelle lavastoviglie e nelle lavatrici.

Nel mentre che noi di 22Passi cerchiamo di fare chiarezza, spinti da curiosità e spirito scientifico, il buon Giovanni Cesaretti, in più occasioni e interventi ha cercato di chiudere la questione bollando il tutto come una bufala, una truffa, sistemi esotici ed esoterici. Nel far questo per diversi giorni ha cercato di trovare in rete testimonianze a supporto delle sue arbitrarie convinzioni, non trovandole ovviamente. Non contento, comunque ha cercato di sviare le discussioni riportando documenti non attinenti, ma soprattutto sparando a casaccio illazioni nel mal posto tentivo di insinuare dubbi dove dubbi non ce ne sono.

Purtroppo dobbiamo constatare per l'enenesima volta che esistono dei metodi di debunking di chiara scuola cicappina, solo che questa volta, i conti con l'oste li facciamo noi.
Mi spiego meglio riportando alcuni degli ultimi interventi del Cesaretti, sottolineando i punti fondamentali o per meglio dire i punti di forza del suo strenuo tentativo di debunking, il perché lo capirete alla fine, spero con delle grasse risate.

Cito il Barney alias Giovanni Cesaretti:
Ora HT ci ricordera' che esistono certificazioni TUV sul fatto che l'accrocchio funziona.
Lo prevengo, e gli rammento che la certificazione dice esattamente questo:
Proprieta': diminuzione dell'umidita' capillare nell'opera muraria, dipendente da varie condizioni marginali nel e sull'opera muraria. Gradi di efficienza accertati da 14% a 30% dopo 12 mesi di impiego.

Il "dipendente da varie condizioni marginali nel e sull'opera muraria" tu come lo leggi?
Io come "se rifai l'intonaco ammodino, dopo 12 mesi e' sicuro che avrai almeno il 14% dell'umidita' in meno, a prescindere dal fatto che tu usi o meno il bussolo".
In questo intervento ci fa capire con chiarezza che contesta una certificazione del TUV dando una sua personalissima interpretazione, cioè che non è il dispositivo oggetto di analisi che funziona, ma al contrario secondo lui ha funzionato il fatto che l'intonaco è stato rifatto. Quindi secondo il Cesaretti quelli del TUV si fanno infinocchiare, mentre lui a distanza di tempo, dotato di opportuna sfera di cristallo ha capito che l'intonaco è stato rifatto e che quelli del TUV ovviamente li presenti non se ne sono accorti. Non solo, la cosa ancora più incredibile è che l'intonaco nuovo non ha più risentito del problema della risalita dell'acqua.
Ha trovato, capito e dimostrato a dispetto di migliaia di esperti, che la soluzione è banale, si cambia l'intonaco e il problema è risolto.
Ovviamente le cose non stanno così, è solo come dicevo il metodo del debunker, infatti a riprova di questo, l'intonaco è un punto sul quale preme da diversi giorni, ne cito un'altra delle sue:
Secondo me, come ho gia' scritto a HT per quel che riguarda la certificazione, questi sistem funzionano quaòche anno, solo perche' prima dello scatolozzo la ditta ti fa' rifare l'intonaco dove c'e' umidita'. Per un po' e vero che tutte le prove che fai sono positive, ma il merito e' tutto del nuovo intonaco.
Quindi per ripetermi, lui c'era con la sfera di cristallo, ha visto che quelli del TUV non si sono accorti che l'intonaco è stato cambiato, supposizioni, supposizioni, supposizioni.

Arriviamo quindi alle perle del debunking, il 03-06-2016 fa un intervento riportando quello che a suo modo di intendere sono dei documenti che dimostrano che i dipositivi non funzionano, sono esoterici e sono una truffa, ecco l'intervento con i link ai documenti:
(Summary report on existing methods against rising damp)
C'e' una splendida review dell'Universita' di Delft sui vari sistemi di controllo dell'umidita' nei muri.
Ecco qua il summary report. In fondo ci sono i metodi esotici che non funzionano. C'e' anche quello descritto da yoda, che pero' NON E' a magnete permanente ma a elettrodi piantati nel muro, e probabilmente funziona. La versione youtube non l'ho trovata, spero qualcuno perda tempo a leggerselo, son poche pagine.                                                 
Qua tacciano tutti i metodi esoterici come truffa
Sono letteralmente saltato sulla sedia, ma ci fa o ci fa, nel senso è proprio lui o non è lui che scrive?
Freno la mia voglia di ringraziarlo per tanto ed inaspettato regalo e provo a verificare se almeno si è reso conto di quanto ha riportato, con delicatezza e con un suggerimento ovviamente, gli chiedo:
Fai attenzione con le parole, esotici e poi esoterici e truffa.
Queste associazioni sono state ben definite dalla cassazione, poi fai un po come ti pare...Magari ho letto male, ma non trovo scritto che non funzionano.
 In grassetto il suggerimento, capirete poi perché. Con la speranza che capisca, il buon Cesaretti al contrario affonda nella sua stessa presunzione.
Mi risponde dicendo che magari ho letto davvero male e per aiutarmi mi scrive:

pagina 17 del .pdf:
If the principle of active electro-osmosis is scientifically proven and successfully applied in laboratory, the other method do not have, to the author best knowledge, a scientifically based proof
of their working principles [37,38].


Con "the other method" li' si intende "tutto quello che somiglia ad Aquapol".

pagina 19:
Many authors [16,43] agree on the absolute
inefficacy of this method in the field
. Experimental results confirms the inefficacy of this method as well [32,47].


Pagina 26, dopo aver presentato un campionario vasto ed esaustivo dei trabiccoli "passivi" a onde magnetiche:
In spite of the unclarified scientific basis on which these systems claim to work, the market for these products has increased in the last decade.
In The Netherlands and in Italy these systems are often applied in monumental buildings [www.ecodry.de], mainly because of their reversibility, non-invasiveness and easiness of installation. The actual effectiveness of the system on rising damp is generally left to measurements performed by the producer.


Come al solito, l'oste dice che il suo vino e' buonissimo.

Ah, i numeri tra parentesi quadre rimandano alla bibliografia alla fine del documento.

Per il resto, ho citato una pagina in cui si dice che e' truffa. L'hai letta?
O ti sei fermato a "truffa", senza leggere che io riportavo una pagina in cui si discettava con dovizia di particolari sulla cosa?
La pagina l'hai aperta?

Sulle decine di migliaia di installazioni, mi tocca ricitare per l'ennesima volta il tubo Tucker, il Gopher, il magGico additivo Aqua (acqua demineralizzata e basta) che se lo metti nel radiatore consumi meno benzina, e se vuoi continuo.
Ahi...
Cesaretti ma che mi combini, mi citi un documento che secondo te dimostra che gli apparecchietti che bloccano la risalita dell'acqua sono una truffa (ma non c'è scritto da nessuna parte) e me ne posti un altro che scrive chiaramente che non funazionano.Ma andiamo con ordine..
Mi scrivi anche che non leggo quello che posti o lo lasci intendere.
Nella relazione dell'Università estrapoli delle frasi e lasci intendere che ci sono dei numeretti che riportano a una bibliografia che dimostra che gli apparecchietti non funzionano.
L'hai letta la bibliografia abbinata ai numeretti?
No, penso proprio di no, perché ASSOLUTAMENTE non c'è scritto nulla di quanto tu sostieni riportando frasi decontestualizzate, non solo, la bibliografia riporta a LIBRI del 1985.
Non ci perdo tempo Cesaretti con le cazzate che riporti, ma sulle cose intelligenti si, ad esempio: Sempre in merito al paper dell'Università ti sei accorto che "Come al solito, l'oste dice che il suo vino e' buonissimo", ma non ti sei accorto che il secondo link che riporti è di una società che di mestiere fa interventi di RESTAURO e guarda caso opera nel campo dei risanamenti dei problemi dovuti alla risalita dell'acqua, sono quindi una fonte autorevole che dice che gli aparecchietti non funzionano, anzi come sostieni tu, loro sostengono che sono una TRUFFA...
Ma va? 


Cioè, un oste di nome Mario che mi dice che il vino dell'oste Gianni non è buono.
Cesaretti ma che mi combini? 
Fosse finita qui, il bello deve ancora arrivare..
Non contento dell'avvitamento carpiato che hai fatto, cerchi di mettere il carico da novanta e scrivi: 
Vedi, la differenza tra me e te (e la maggioranza di quelli che stanno qua dentro) e' che io in genere leggo anche la roba che linki tu.
Mi sa che la cosa non e' reciproca, cosi' a naso.
Tu invece li leggi bene i link che riporti vero?
Guarda un pochino, solo un pochino che cosa ti è sfuggito nel primo link, quello del pdf dell'Università di Delft.

Chiesa di San Matteo, Lecce
Aaccademia Miliatere, Modena

Palazzo TE, Mantova
Cona dei Gagini, Duomo di San Giorgio, Ragusa

Mi fermo qui per non appesantire troppo il post, il link l'ho messo e sono tantissimi i casi documentati con termocamera e non solo.
Infatti preventivamente ti ho chiesto:
@Barney
Hai visto il sito che hai linkato Heritage House
[L'oste che parla male di un altro oste]?
Quelli che sostengono che gli aparecchietti sono tutte truffe (no questo lo sostieni tu), cioè bufale.
Utilizzano come sistema di analisi delle "Thermal Imaging Camera".
Secondo te è un metodo affidabile?
E tu caro Cesaretti mi rispondi:
Volevo rispondere in maniera ironica, perche' leggo sotto la domanda un "e se si, allora perche' a Lugano no?".

Ma vado subito al: si, IN QUESTO CASO e' affidabile.

L'emittanza di un muro scommetto che non varia del 50% se la temperatura passa da 20 a 30 gradi. Non e' che esplori un range da 20 a 1500 ° C.
Tra l'altro la misura la puoi considerare "qualitativa": vedi dove e' piu' freddo il muro e li' intervieni per evitare la condensa o per isolare. Al limite te ne puoi anche fregare del valore che leggi.

La termocamera e' IL metodo che usano tutti per fare queste cose, anche in Italia.
Quindi, ricapitoliamo (se ci riesco, ho il mal di pancia dal ridere, ok, mi fermo un attimo).....

Eccomi, ho provato a mettermi anche il rimmel, ma non ci sono riuscito, volevo vedere l'effetto del rimmel che cola ma mi sono messo il rimmel direttamente nelle pupille, non riuscivo a stare fermo, ancora un attimo....

Ok, perchè LEGGI TUTTO, in maniera ironica che ti sto prendendo per il c..o, non capisci però da che parte ti sto prendendo anche se la logica suggerirebbe, sempre e solo da dietro; fai un ulteriore carpiato ma alla fine la risposta che tanto desideravo la dai, l'analisi con termocamera è una analisi attendibile per dimostrare che i dispositivi QUANTUM o simili funzionano.
Il bello è che il link lo hai messo tu con l'intento di dimostrare il contrario o peggio con l'intento di dimostrare che addirittura è una TRUFFA.

Ho dimostrato che non leggi bene quello che linki, o meglio lo leggi, ma hai la presunzione che il resto del mondo sia composto da stupidi che non leggono o che leggono e non capiscono.
Ho dimostrato che per te la parola "BUONA FEDE" non esiste nel tuo vocabolario.
Ho dimostrato che sei un debunker da strapazzo.
Ho dimostrato che forse è meglio che cambi aria, dopo questa figura di m. (tu che ami citare la teoria della montagna di m. a sproposito) dovresti come minimo cambiare continente.
Ho dimostrato che sei ne più e ne meno ignorante.

Ma non è finita.

Si perchè dal tuo link, giusto per svelare quanto manca ai nostri autori e lettori di 22Passi, c'è dell'altro.
Ricordi il suggerimento "Associazione"?
Dal tuo link http://www.emerisda.eu/wp-content/uploads/2014/07/D-2_1.pdf a pag. 22 l'elenco delle aziende che vendono apparecchietti passivi per bloccare la risalita dell'acqua nei muri, trovi il marchio DOMODRY http://www.domodry.it/, marchio di proprietà della LEONARDO SOLUTIONS S.R.L., società che viene pubblicizzata nel sito della ASSORESTAURO (Associazione Italiana per il restauro architettonico, aritistico, urbano), link:
 Azienda specializzata nel trattamento dell'umidità muraria da risalita capillare tramite l'innovativa Tecnologia a Neutralizzazione di Carica (T.N.C.), Leonardo Solutions è detentrice della tecnologia utilizzata, a marchio Domodry, protetta da brevetto (Brev. UIBM n° 0001391107, EPO n°2157491; US Patent Application n° 13/029,053). A differenza di altri sistemi, che tentano di contrastare la risalita capillare "sbarrandone " il flusso o "respingendolo " verso il terreno di provenienza, Domodry è in grado di prevenire sul nascere il fenomeno stesso della capillarità, agendo direttamente sulle cause che ne sono all'origine. Anche per questo motivo, l'efficacia della T.N.C. Domodry non è minimamente eguagliabile da nessuno dei sistemi, tradizionali e non, ad oggi disponibili sul mercato. L'azienda, operante sia in campo edile che nei Beni Culturali, garantisce un approccio integrato al problema tramite un'attività riassumibile in tre fasi: diagnostica preventiva, progettazione e applicazione del sistema Domodry, monitoraggio del processo di asciugatura dei muri fino a completamento dello stesso. Il controllo della fase di deumidificazione viene effettuato mediante mappature termografiche IR e/o misure ponderali, oltre ad eventuali attività di monitoraggio microclimatico. Gli stessi servizi e/o forniture di sistemi per il monitoraggio microclimatico sono erogati e forniti anche per applicazioni diverse, come il controllo climatico in musei ed ambienti conservativi in genere.
Come vedi dalle referenze questi signori non tolgono gli intonaci, li preservano (magari perché con affreschi) grazie a tecnologia non invasiva, quella che tu vuoi a tutti i costi che sia una TRUFFA.

Ora per cortesia, stai buono e aspetta che i grandi si mettano al lavoro per capire fin dove la SCIENZA può spiegare perché funzionano, se insisti il resto te lo scrivo nei commenti a questo post, ti devo ancora spiegare perché sei uno ....... assieme ad Andrea Idini nel confrontare questi sistemi con il tubo Tucker e Wanna Marchi, ma forse è meglio dedicarci un altro post..
Spero di essere stato abbastanza esaustivo, c'è dell'altro, molto altro.. ;-)
Comunque Giovanni Cesaretti sei un MITO!!!
Ah dimenticavo, grazie e a buon rendere.

310 : commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   1 – 200 di 310   Nuovi›   Più recenti»
Andrea ha detto...

Ma se disattivi i commenti nell'altro post, nel senso che non li fai nemmeno vedere, come rispondo?
Ci sta non farlo diventare una sequela infinita di centinaia di reply come al solito, ma un sistema deve pur esserci.

A scanso di equivoci soprattutto, non ho mai paragonato questa scatoletta al tubo Tucker o a una truffa.

Ho semplicemente portato un esempio di come clienti felici non sia affatto garanzia di funzionamento.

Poi che Paolo non mi sembri essere particolarmente ferrato in materia QED è un altro discorso (e la sua risposta non ha di certo cambiato la mia opinione) che prescinde completamente da considerazioni economiche e di funzionamento (a meno che la scatoletta non l'abbia progettata esclusivamente lui), ma ci sarà tempo per quello.

Barney ha detto...

Ma Sceriffo che fa? Lascia tutta la baracca in mano a te?

Vice, non hai bisogno di confermare la tua non conoscenza dell'inglese anche di base, ne' la tua abilita' nel cherrypicking bibliografico, ne' la tua assoluta faziosita' da bulletto cinquantenne che fa solo pena.

Ne' hai bisogno con questi interventi-flood di confermare la teoria della montagna di merda. Io lo so gia' che e' vera.

Pubblicherai anche questo delirio su Nexus, Vice? Oppure la'il livello e' un cincinino piu' elevato?

Mario Massa ha detto...

@Mistero
Ho controllato i brevetti della Leonardo Solutions relativi al Domodry (risanamento muri). Uno è del 2008 (EP2535782A1) ed è quello cui si riferisce la pubblicità. L'altro è del 2012 ed è per l'America (US2012205455A1), quindi fatto a nome dell'inventore Antonino Campo.

A parte il fatto che a me risultano ancora A1 (quindi solo domande, ma potrebbero esserci ritardi), tu li hai letti?
Perchè a dire il vero credo proprio che abbia ragione Barney (che in questo scontro con te ha tutta la mia solidarietà): qui si buttano link su link ma chi li mette non li legge, e siccome sono quasi tutti in inglese anche la maggior parte dei lettori non si mette a leggerli.

I due brevetti differiscono un po' sia nell'esposizione che nei claims, ma hanno in comune il fatto che si riferiscono a un sistema per MISURARE l'umidità nei muri, non per toglierla. Un solo claim (su 24 in quello americano e su 9 in quello europeo) fa riferimento al fatto di prevedere un sistema elettomagnetico per l'eliminazione dell'umidità. Ma ovviamente non c'è alcuna spiegazione di come sia fatto questo ipotetico oggetto, quindi il claim in oggetto non potrà mai essere accolto (ammesso che esista una versione B di questi brevetti).

Che il sistema sia montato su monumenti come riporti tu è quindi normale, dal momento che è importante tenere sotto controllo la loro umidità, ma che ci siano davvero montati sistemi elettromagnetici di deumidificazione e che in più funzionino è tutto da dimostrare. Poichè sarebbe montato anche nel palazzo ducale a Modena a due passi da casa mia, andrò a verificare.

Rimane poi sempre il fatto che bene o male questi oggetti vanno a 230V e quindi utilizzano energia, mentre quello che difendi tanto della Freebioenergy è uno scatolotto con un magnete e basta e non emette nemmeno onde elettromagnetiche. Credo che se tu fossi nato nell'800 saresti stato un grande sostenitore dei raggi N :-)

MISTERO ha detto...

Credo che se tu fossi nato nell'800 saresti stato un grande sostenitore dei raggi N :-)

Probabilmente mi sarei divertito moltissimo anche con i raggi N.. :-)

Che il sistema sia montato su monumenti come riporti tu è quindi normale, dal momento che è importante tenere sotto controllo la loro umidità, ma che ci siano davvero montati sistemi elettromagnetici di deumidificazione e che in più funzionino è tutto da dimostrare.

qui si buttano link su link ma chi li mette non li legge

Ecco appunto, non li leggete!!
http://www.domodry.it/soluzione-2A.html

La tecnologia elettrofisica a neutralizzazione di carica (T.N.C.) Domodry® rappresenta la soluzione definitiva al problema dell’umidità di risalita capillare.
Domodry® è un sistema non invasivo e totalmente biocompatibile, applicabile a qualsiasi tipo di struttura affetta da umidità di risalita, con garanzia di risultato assoluta e illimitata nel tempo.
Il sistema agisce tramite un apparecchio di piccole dimensioni (28 x 17 x 6 cm) che viene installato all’interno dell’edificio e collegato ad una presa elettrica domestica.
Una volta in funzione, Domodry® neutralizza la carica elettrica dell’acqua presente nel terreno a contatto con la muratura, interrompendo così la risalita di nuova acqua attraverso i capillari del muro [1].
L’umidità in eccesso viene quindi espulsa gradualmente tramite evaporazione spontanea, più o meno velocemente a seconda delle caratteristiche costruttive del muro, della quantità d’acqua inizialmente presente nel muro stesso, nonché delle condizioni climatiche del luogo. Completata la deumidificazione, sarà sufficiente mantenere in funzione l’impianto Domodry® così da garantire, tramite l’azione di prevenzione anti-capillare esplicata dall’impianto stesso, il mantenimento in via permanente dello stato di equilibrio (umidità igroscopica naturale) raggiunto dalla muratura.


Sconfigge l’umidità di risalita per sempre
Impatto zero su ambiente persone o animali
Più economico rispetto ai sistemi tradizionali
Senza tagli né elettrodi nelle murature
Senza iniezioni di resine
Funzionamento elettrico a bassissimo consumo (leggi consumo sensori RH-T + IDROSCAN)
Nessun costo di manutenzione
Per qualsiasi tipo di struttura
Risultati garantiti a vita


Vai a fare una visita al Duomo, io nel frattempo ho fatto qualche decina di telefonate e mi sono bastate.

MISTERO ha detto...

@Mario
Freebioenergy è uno scatolotto con un magnete

No ti sbagli.

MISTERO ha detto...

@Idini
Ma se disattivi i commenti nell'altro post, nel senso che non li fai nemmeno vedere, come rispondo?

L'ho scritto nel post, mandi una mail con le tue osservazioni/risposte esattamente come ha fatto Renati, verranno aggiunte al post o alla peggio ne verrà pubblicato un altro.

Per l'invito ad un dibattito pubblico è chiaro che lo faremo in Italia e chiaramente sarai rimborsato delle spese di viaggio, vito e alloggio. Ma prima di questo si procederà a verifica dei dispositivi come ha richiesto l'Ing. De Marchis. Solo dopo verifica e se positiva, si procederà alla discussione scientifica, prima non avrebbe senso.

A scanso di equivoci soprattutto, non ho mai paragonato questa scatoletta al tubo Tucker o a una truffa.

Boh, forse ho interpretato male quanto hai scritto ieri:
Un po' come Wanna Marchi e il tubo Tucker...

A scanso di equivoci ti spiego perché non è corretto fare questo tipo di confronto.

Tucker: Era un sistema di Multilevelmarketing nel quale il cliente era il venditore. Venivano organizzate riunioni con musica, belle ragazze, automobili di lusso. Tramite tecniche note e consolidate si attuavano pressioni psicologiche per indurre il mal capitato di turno a convincersi di essere un venditore e di poter diventare ricco in brevissimo tempo.
Inizialmente, la partenza del multilevel, sono stati arruolati venditori esperti (MANAGERS) provvenienti (riciclati) da altri multilevel come Alpha club (primi anni del 2000), James Colections (fine anni 90).
http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2004/02/05/prima-maxiudienza-per-la-truffa-alpha.to_011prima.html

Il mal capitato solitamente firmava un contratto capestro convinto con tecniche come "senso di perdita", se non firmi oggi domani non puoi più avere una seconda occasione, tecniche "farai parte del branco", non ti preoccupare ti aiuteremo noi a vendere, etc.
L'appartenza al branco (vere e proprie SETTE) veniva consolidata con percorsi motivazionali di crescita attraverso corsi di formazione progettati allo scopo o presi in prestito da altri percorsi motivazionali come il firewalking, i pali e per finire una settimana rinchiusi in stupendi residence dove venivi letteralmente pestato di botte per attuare tecniche di lavaggio del cervello, Il D.B.M, Dinamic Business Management..
http://laboirc.jimdo.com/gruppi-e-movimenti-salutisti/life-discovery-principles/
http://www.cesap.net/index.php?option=com_content&view=article&id=1528%3AIL%20D.B.M.%20%28DYNAMIC%20BUSINESSMANAGEMENT%29&catid=225%3Aterapie-folli&Itemid=215
Il prodotto, funzionante o meno era solo l'oggetto tangibile del contratto di vendita che innescava il processo trufaldino del multilevel.

Fino a che i "morti di business", così chiamati in gergo i mal capitati che pagata la quota iniziale poi non riuscivano a coinvolgere amici e parenti, venivano gestiti da apposito ufficio contenziosi, la truffa proseguiva. Con l'aumentare esponenziale di suddetti "morti di Business" sono arrivati alla soglia di crash del sistema truffaldino per l'impossibilità di gestione dei contenziosi che in proporzione erano maggiori dei non contenziosi.
La fine di tutti i multilevel truffaldini.
In questo caso il prodotto, come ho scritto non c'entrava nulla con la vera truffa in atto.

Wanna Marchi: altre tecniche, te le spiego più tardi, ora mi guardo il moto GP :-)

triziocaioedeuterio ha detto...

Ah ecco si...si chiama Domodry lo pubblicizzano sempre su una emittente radiofonica qui a Roma e promette di risolvere i problemi legati alla risalita d'acqua dal terreno tramite i muri...

sono solo un misero test ha detto...

santo cielo, che tristezza... liti da ballatoio che 22passi sembra diventato il gazzettino delle comari... daniè, ma davvero vuoi questo?

spero di non parlare solo a nome mio (in questi ultimi post non vedo interventi di silvio, domenico, alessandro, vincenzo... o sono almeno molto rarefatti), ma in qualità di "iscritto" ti chiederei di porre un limite al nr di post che uno di noi, a parte te, può pubblicare in un mese (anche 2, mesi!). non una regola, una sorta di codice di buon gusto, perdiana, buon gusto!

de para, come da descrizione che fa di se' stesso nel suo sito, è moderatore in svariati forum (piacerebbe sapere quando lavora), possibile che anche qui lui e i suoi pupi debbano occupare tutto lo spazio? dare diritto di parola non è licenza di fracassarci i zebedei. se non abbiamo niente da dire, possiamo anche serenamente stare zitti.

e il primo che mi viene a dire che sono un amico del canadese con cottage in riva al lago, gli rispondo di andare a vedere il pregresso: l'ho sempre bellamente ignorato, come si dovrebbe fare con ogni troll!

piuttosto esiste un altro argomento maledettamente interessante: jed rothwell! persona informata, equilibrata, intelligente e... "sul pezzo"; come dire, un equivalente del nostro tizzie, ma più bibliotecario e meno scientifico. non so se qualcuno segue le ultime vicende di vortex, ma jed ritiene l'ultimo report di penon una vaccata, e non perde intervento per farlo a pezzi.

siccome in passato aveva una posizione decisamente più aperta verso rossi e l'e-cat (un pasticcione un po' isterico, ma ha qualcosa che funziona), che ne dite di "intervistarlo" via email affinchè porti anche qui la sua posizione e ciò che lui conosce, o dice di conoscere, direttamente? la mia mancanza di tempo, e soprattutto la mia incapacità linguistica, mi impediscono di farlo di persona, ma se silvio, o daniele, o... volessero offrirsi credo che sarebbe interessante per tutti, anche e soprattutto per gli umbè.

Mario Massa ha detto...

@Mistero
"Ecco appunto, non li leggete!!"

OK, allora per favore indicami sul brevetto e in particolare sui claims come è fatto il sistema per "neutralizzare la carica" perchè io non l'ho visto. A me pare che abbiano furbescamente depositato una richiesta di brevetto col nome "sistema per deumidificare i muri" ma in realtà è un sistema per misurare l'umidità dei muri (10 pagine di spiegazioni e calcoli a riguardo con parecchi disegni) e solo in uno dei claim fanno accenno al fatto che il sistema comprende un deumidificatore a radiofrequenza. Come se io brevettassi una astronave per andare su Plutone, poi nel brevetto parlassi solo di come è fatta la consolle di pilotaggio e in uno solo dei claim dicessi che il sistema comprende anche un motore ad antimateria.

Andrea Michielin ha detto...

Ciao a tutti!
Anch'io non gradisco granchè quando si parla di singole persone, tralasciando i molti argomenti validi che potrebbero invece essere discussi.
Anche se posso comprendere almeno in parte certe "rivalità" credo che... certi "dialoghi" forse sarebbe meglio proseguirli in privato.
Meglio ancora sarebbe parlare soltanto degli argomenti, senza attaccare alcunchè (ci pensano già diversi blog a fare altrettanto).
Per favore, almeno qui comportiamoci diversamente!

Grazie a tutti.

Daniele Passerini ha detto...

@SSUMT
...daniè, ma davvero vuoi questo?
Caro amico, queste settimane il blog è veramente l'ultimo dei miei pensieri.
Come ho avuto modo/tempo di spiegare a qualcuno in privato, c'è una emergenza in famiglia (mia suocera non sta bene) e tutto il resto può attendere.
Non ho tempo di scrivere post né di vagliare quelli che vengono pubblicati... l'ultimo messo in line da MISTERO per esempio non l'ho nemmeno ancora letto.
Comunque tu stesso - come chiunque scrive commenti - puoi pubblicare post se pensi di avere cose importanti da condividere.
Un abbraccio.

@tutti
Per favore, non mi tirate più in causa finché non ritornerò nel blog... e non so davvero se sarà questione di settimane o di mesi.
Ho fatto un'eccezione per SSUMT, perché mi ha dato occasione di spiegare a tutti che sono "in congedo" dal blog sine die. Ma d'ora in poi non risponderò più a nessuno, anche perché la settimana scorsa - per esempio - sono stato quasi tutta la settimana in arretrato con la lettura dei commenti, e non vorrei che si scambiasse la mia lontananza causa forza maggiore dal blog con un voler restare in silenzio o non aver nulla da dire. Quando le cose più urgenti saranno risolte, tornerò. Su questo contateci, ma nel frattempo - per favore - gestitevi il blog tra voi.
Un abbraccio a tutti.

sono solo un misero test ha detto...

arrivato forte e chiaro, trank ci sopport... ehm, ci arrangiamo! :-D

un grandissimo in bocca al lupo e un altrettanto grande abbraccio!

flavio :-)

Andrea ha detto...

"A scanso di equivoci ti spiego perché non è corretto fare questo tipo di confronto"

Ovvio che ogni sistema ha le sue peculiarità, ma la sostanza è che dopo infiniti esempi non mi fido di recensioni positive perché oramai dovrebbe essere chiaro che il meccanismo è universale e tende a ripetersi (survivorship bias e compagnia).
Esistono ed esisteranno sempre casi in cui decine di clienti saranno soddisfattissimi di una scatola vuota o di una fisioterapia fatta a caso.

Daniele: in bocca al lupo.

MISTERO ha detto...

@Mario
OK, allora per favore indicami sul brevetto e in particolare sui claims come è fatto il sistema per "neutralizzare la carica" perchè io non l'ho visto.

Abbiamo già visto dei brevetti "furbeschi" ciò non pregiudica il fatto che un dispositivo funzioni a meno. L'esperienza con WoW e il brevetto di Marin vedo che non ti è stata utile. Brevetto del quale lo stesso Ing. Marin dal Prof. Pennetta dichiara più o meno velatamente essere "furbesco".
Non capisco perché ti attacchi ancora a questi indicatori che in verità non tolgono e non aggiungono nulla.
Nel link che ho messo ci sono decine di casi riportati come referenze, se non puoi andare di persona ci sono i telefoni e chiedere non costa nulla.

La differenza tra il prodotto Quantum e tutti è che azzardano una risposta scientifica basata sugli studi di Praparata, etc.
Un azzardo, ne sono convinto quanto te.
Ma loro hanno la certezza che funziona e qualche anno di esperienza, forse il loro azzardo e ben riposto.

Qualche anno fa sono entrato in contatto con dei ricercatori dell'ENEA che sperimentavano una macchinetta che informava l'acqua, predefinivano loro la frequenza di programmazione dell'acqua a seconda di che cosa avrebbo poi fatto con l'acqua.
Lo studio era finanziato privatamente, quindi niente pubblicazioni purtroppo. Alcuni tecnici a cui hanno commissionato le varie parti della macchinetta, hanno preso l'idea e se la sono sviluppata in proprio.

Ora ti sembrerà incredibile, lo è anche per me, ho trovato tempo addietro una ditta che vende l'acqua informata da spennellare sui muri con problemi di umidità di risalita!!!
Follia..
Personalmente non l'ho provata, ma c'è chi mi ha giurato (cliente) che funziona.
Io l'ho trovata talmente assurda che ho lasciato perdere; però oggi a distanza di tempo, mi "fischiano le orecchie" e mi piacerebbe indagare come nel caso di cui stiamo discutendo.
Ho perso di vista l'azienda e non ricordo come si chiama, più tardi la cerco, ma anche in questo caso parlavano di fenomeni quantistici, memoria dell'acqua etc..

Per la seconda volta rinnovo la mia totale e completa solidarietà con Sylvie Coyaud per le minacce di morte che ha ricevuto, sono certamente degli idioti e la invito a procedere con l'identificazione e le denuncie del caso, anche e soprattutto in considerazione del caso che probabilmente gli stessi idioti o idioti di altra specie, stanno dando a me questa responsabilità.

Hermano Tobia ha detto...

@Andrea
Molto interessante ... Ho letto i documenti linkati da Barney e le sue "conclusioni" basate su di essi: mi sono letteralmente cadute le braccia, mi sa che questo post se l'è meritato. Adesso sono di fretta e dopo dettaglio meglio, anche con qualche articolo p-r sulla "strana" influenza del magnetismo sull'acqua.

Rinmovo anche io la mia completa solidarietà all'oca.

domenico canino ha detto...

@daniele
auuguri

MISTERO ha detto...

@Hermano
Grazie, lo so che se lo è meritato, lo avevo anche avvisato, venire a fare il disinformatore e lo sputtanatore qui dentro e pensare di passarla liscia è una grossa presunzione.
Ho appeso il topo come si suol dire, anche se alla fine risulto io antipatico e stronzo, non importa, il topo è appeso come monito per gli altri topi.

@Mario
Ho ritrovato il link dell'acqua informatizzata che viene utilizzata per impedire ad altra acqua la risalita dei muri..
Sono basito!!!

Il sito è cresciuto con altre cosine carine carine che penso ti interesserannno ancora di più... ^__^

Allora il primo link:
http://www.disaqua.com/
Poi il secondo:
http://www.igrodry.com/
E poi qui trovi tutto:
http://www.termocell.it/index.php/termocell

Olè!!!

Alessandro Pagnini ha detto...

@ SSUMT

Sì, hai notato bene, non ci sono interventi miei sull'argomento perchè non ne so nulla e non ho voglia e tempo di leggermi i vari link di....maggioranza e opposizione, posto che comunque probabilmente non arriverei a capirci granchè in ogni caso. Poi qui la faccenda è finita un po' in rissa, con attacchi personali tutt'altro che eleganti, quindi non è la situazione in cui mi piace intervenire, soprattutto quando non ho niente di interessante da dire. Posso solo invitare tutti a mantenere toni di confronto accettabili, ma per il resto passo la mano.

Barney ha detto...

@Vice: tu non sei stronzo. Sei solo un misero bulletto da quattro soldi, che ha bisogno del branco per sentirsi uomo.

HT, aspetto la selezione "a' la' Vice" di quei passaggi che secondo te provano indubitabilmente che quegli accrocchi A MAGNETE PERMANENTE funzionano.

Non ho fretta, sono curioso. Per favore, pero': non linkare articoli paywalled che neanche tu leggi (per tua stessa confessione), grazie mille.

Silvio Caggia ha detto...

@sonosolounmiserotest
Non amo parlare di persone, al limite di fatti, meglio comunque di idee.
Parlare dell'Oca o di Barney vuol dire dare loro un'importanza che non hanno.
Forse sarebbe stato interessante parlare di queste tecnologie, ma se lo si fosse fatto in termini divulgativi, chiari per tutti, io così non ci ho capito niente, e non ho certo voglia di studiarmi quintali di link per farmi un'idea di qualcosa che a livello pratico non credo possa tangermi...
Se c'è una cosa che mi dà l'orticaria è l'uso del termine quantico a muzzo. Io sono ancora fermo al vecchio concetto se un fenomeno è quantico non può essere macroscopico, almeno nel contesto di cui stiamo parlando.
Per questo non entro nel merito di questa discussione.

Andrea ha detto...

"Se c'è una cosa che mi dà l'orticaria è l'uso del termine quantico a muzzo. Io sono ancora fermo al vecchio concetto se un fenomeno è quantico non può essere macroscopico, almeno nel contesto di cui stiamo parlando."

Crescono così in fretta *sniff sniff*

Barney ha detto...

@Silvio. Sono d'accordo sul "quantistico". E' una delle spie della fuffa, e quando viene usato per spiegare qualcosa c'e' la quasi certezza che si tratti di sciocchezze.

Sul post, non devi prendere le parti mie o di OcaSapiens, devi solo cercare di prendere atto che il Vice e' un bulletto.

Ringrazio te e gli altri che rispettano la mia volonta' di apparire con il nick, anche Hermano Tobia. Io da parte mia rispetto al tentativo di intimidazione del minisceriffo sono imbarazzato che mi si dia tutta questa importanza, e questo attacco ad personam e' solo lo specchio della pochezza delle argomentazioni del techunta.

Se questo e' il metodo per avere ragione e se questo e' un campione rappresentativo degli italiani, di nuovo: augurissimi a tutto il paese.

Hermano Tobia ha detto...

@Barney
Dal documento dell’Università di Delft tu estrapoli, in maniera molto maldestra, la seguente frase, attribuendola a fantomatiche “tecniche esotiche”:

Many authors [16, 43] agree on the absolute inefficacy of this method in the field. Experimental results confirms the inefficacy of this method as well [32, 47]

Leggendo però tale documento, si evince che si parla di tutt’altro, ovvero della cosiddetta “elettrosmosi passiva”, una tecnica che consiste nell’inserimento nella muratura di barre metalliche conduttrici che “cortocircuitano” la muratura stessa in modo da annullare il campo elettrico indotto dalla risalita capillare:

short circuit established between the base and the summit has annulled the current that was producing the capillarity

Sul fatto che questa tecnica funzioni o meno [e comunque se funziona è molto lenta] ci sono pareri discordanti. In ogni caso ha poca importanza in quanto non c’entra nulla con i dispositivi di cui stiamo discutendo.

Il report analizza nel seguito anche i dispositivi cosiddetti “wireless” e molto prudentemente non si sbilancia (nè positive nè negative) in quanto non ci sono sufficienti informazioni disponibili. Viene fatto notare che però tali dispositivi sono molto diffusi.

Il secondo sito che [ancora più maldestramente] linki è invece una autentica miniera di cavolate. Partiamo con il carico da 90: l’umidità di risalita non esiste !

Rising Damp is almost non-existent - it rarely occurs naturally , and it CERTAINLY doesnt move a metre up the walls as 'damp proofing'

Bene, quindi se non esiste, ovviamente tutte le tecniche per contrastarla sono bufale, a partire dall’elettrosmosi, anche quella attiva:

Electro Osmosis is scientific theory that is being pushed by various manufacturers as a 'cure' for rising damp. Strange that - a cure, for something that barely exists, if at all..

There are two types: active and passive; neither has been approved by a recognised laboratory

Lasciamo perdere [che è meglio] anche perchè anche questo non c’entra nulla con quanto stiamo discutendo.

Barney, hai gridato alla bufala copia-incollando le prime frasi che hai trovato su google senza capire che non c’entravano niente con i dispositivi di cui stiamo discutendo, confondendo poi [v. commenti al post precedente] umidità di risalita con umidità di condensa [che sono due fenomeni completamente diversi].

Non ho parole. Forse, potevi almeno risparmiarti il solito, penoso, repertorio dei credenti, della montagna di m…, ecc.

Domani gli articoli p-r.

Barney ha detto...

Vice e HT: non fermatevi alle figure, per favore. Leggete anche il testo, soprattutto quando e' in italiano e si capisce tutto.

Per esempio, nel restauro della Cona del Gangini (si prega il techunta di correggere "dei" con "del" nell'immagine sopra. Gangini ringrazia dalla tomba) la procedura adottata e' (morirete dalle risa, lo so) questa qua, direttamente dal sito "Domodry".

Si ponga l'attenzione (state scompisciandovi, vero?) su tutto quello che e' stato fatto prima di applicare lo scatolozzo.

[tralascio la termocamera perche' oramai e' chiaro che Vice sa tutto di come si usa in ambito-restauro. Risate dal pubblico]

Come si legge, nulla o quasi.
Beh, a parte:
l'apertura di canali di aereazione,
la bonifica dei locali posteriori,
la rimozione delle tubature rotte.

Nulla, davvero. Chi mai potrebbe dare l'autorizzazione a toccare un'opera d'arte?

Poi hanno applicato lo scatolozzo.
E tutto l'umido e' venuto via grazie allo scatolozzo.

Non so perche', ma mi ricorda tanto la storia del bambino operato al cervello al Meyer (non alla Clinica di Monculi di Sotto. Al Meyer...), guarito secondo la Nazione grazie alla Madonna di Montenero.

Anzi, guardate: suggerisco un altro esperimento.

Facciamo da un'altra parte tutto uguale a come s'e' fatto alla Cona del Gagini, e alla fine di tutti i trattamenti invece dello scatolozzo di Domodry mettiamoci una figurina di Padre Pio.

Anche a 15 metri di distanza.

Poi aspettiamo un anno (che e' il tempo dal trattamento alla scrittura di quell'articolo) e vediamo che succede.

Per me funziona anche Padre Pio.
Alla stragrandissima.
Maanche una figuina di Marco Van Basten con la maglia del Milan, oppure Don Zauker.
A scelta vostra.

Alle obiezioni di HT sul sito australiano: il link era messo li' solo per dire che oltre alle testimonianze positive ci sono altrettante pagine che bollano tutti questi aggeggi come trabiccoli inutili. Era la prima che ho trovato, ma ce ne sono molte altre in italiano, inclusa la tua "ingegneri.cc" in cui l'unico che dice che funziona e' -classicamente- l'oste.

MISTERO ha detto...

@Barney
E poi il bulletto sono io...
Leggi solo quello che interessa a te, come abbiamo già dimostrato sia io che anche Hermano.
Vero, anzi verissimo che hanno effetuato queste operazioni:
l'apertura di canali di aereazione,
la bonifica dei locali posteriori,
la rimozione delle tubature rotte.

Ma è rimasto il problema dell'umidità di risalita, fenomeno che nulla ha a che vedere con l'umidità di condensa, come ti è stato già spiegato, infatti, esattamente al punto seguente da dove ti SEI FERMATO A LEGGERE, scrivono:

Restava solo parzialmente irrisolto il problema dell’umido di risalita, giacché esso comportava il non autorizzato smontaggio totale dell’opera per intervenire anche alla base del monumento. Già nello studio di progetto si erano peraltro evidenziate le forzature e le manomissioni dell’originaria opera gaginiana: durante il restauro scultoreo del 2005, infatti, l’asportazione delle malte non originarie e degradate portò alla luce ben dodici statue nei piedritti delle colonne, occultate per carenza di spazio durante il riassemblaggio ottocentesco.
Seguirono poi le usuali tecniche di restauro con pulitura e consolidamento delle parti ammalorate, mentre l’inamovibilità dell’opera permetteva solamente la superficiale rimozione dei sali nocivi come operazione palliativa in attesa del suo smontaggio per la risoluzione definitiva del problema umidità. Durante lo studio preliminare di tale operazione veniva proposta ed applicata al monumento in oggetto una nuova tecnica di deumidificazione denominata “a neutralizzazione di carica”. L’intervento, basato su tecnologia concepita e sviluppata interamente in Italia, aveva lo scopo di effettuare un totale risanamento dell’umido di risalita in maniera completamente non invasiva. L’installazione del dispositivo elettronico, posto in un locale attiguo e non visibile ai visitatori, dava risultati tangibili e risolutivi interrompendo ed eliminando dalla Cona nell’arco di pochi mesi la presenza di umidità ascendente, tanto da rendere evitabile la rimozione del monumento.
Tale miglioramento è documentato dalle indagini svolte (termografie all'infrarosso).


Ridi pure quanto vuoi, il riso abbonda nella bocca degli stolti.. ;-)

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
il link era messo li' solo per dire che oltre alle testimonianze positive ci sono altrettante pagine che bollano tutti questi aggeggi come trabiccoli inutili.

Potevi scriverlo prima anziché scrivere:
Ecco qua il summary report. In fondo ci sono i metodi esotici che non funzionano.

Affermazione che abbiamo dimostrato non vera e totalmente inventata, per poi ancora scrivere:

Qua tacciano tutti i metodi esoterici come truffa.

Altra affermazione che abbiamo dimostrato non vera.
Come non è vero che il link lo hai messo li SOLO per dire..

Altra tua affermazione non vera:
in cui l'unico che dice che funziona e' -classicamente- l'oste.

Purtroppo per te chi dice che funziona non è solo l'oste, ma anche chi beve il vino e ci assicurano che è molto buono.

Immagino che quando sei in viaggio per strade normali, non autostrade, verso l'ora di pranzo ti fermi sempre in trattorie dove ci sono bilici parcheggiati in doppia fila e il parcheggio pieno, mi sbaglio?
O sei di quelli che dice, cavoli non c'è parcheggio disponibile e chissà quanto ci metteranno a servirci, meglio che cerchiamo un altro posto, magari con il parcheggio libero e bello comodo?

Eh già, il principio dell'Oste, il principio di Occam, il principio del principio del principio..
K.I.S.S. ;-)

Hermano Tobia ha detto...

@Barney

Come promesso, una breve rassegna di articoli peer-reviewed sul cosiddetto "Magnetic Water Treatment"; tutti sono indicizzati su Google Scholar.

"Reduction in the surface tension of water due to physical water treatment for fouling control in heat exchangers" (International Communications in Heat and Mass Transfer, 1)

Si tratta di uno studio sperimentale che mostra come il trattamento magnetico dell'acqua (attraverso magnete permanente o solenoide) riduce la tensione superficiale della stessa, misurata attraverso l'effetto di capillarità.

EXPERIMENTAL EVIDENCE FOR EFFECTS OF MAGNETIC FIELDS IN MOVING WATER (IEEE TRANSACTIONS ON MAGNETICS, 2)

Si tratta di un'altro studio sperimentale che valuta gli innegabili effetti dei campi magnetici sull'acqua, in particolare sulla modalità di cristallizzazione dei minerali (CaCo3) in essa disciolti. Interessante la parametrizzazione relativa alla frequenza dal campo magnetico e l'analisi al microscopio a luce polarizzata.

La conclusione è che:

Further studies are urged in view of the staggering potential benefits for many water uses, such as prevention of hard lime scale build-up, increased effectivity of chemical additions to water for softening, fertilizing, feeding, cleaning purpose

MAGNETIC WATER TREATMENT FOR SCALE
PREVENTION
(Water Research, 3)

Altro articolo sperimentale, molto ricco di dati, che conferma l'efficacia del trattamento magnetico relativamente al deposito del calcare. Viene ipotizzata una relazione con l'effetto magneto-idro-dinamico:

The magnetic treatment of scaling waters was
proved to be efficient. The efficiency obtained with
this very simple magnetic device can be very much
improved if the geometry is better devised ... Commonly, authors have ascribed the magnetic treatment effect to MHD processes



Magnetic treatment of irrigation water: Its effects on vegetable crop yield and water productivity (Agricultural Water Management, 4)

Articolo molto interessante che mette in relazione il trattamento magnetico dell'acqua di irrigazione con la sua resa (kg prodotto / litri d'acqua): in ambiente controllato si ha un incremento di resa fino al 25% per il sedano e 8% per le taccole (una varietà di piselli). Niente dati sulle cipolle, purtroppo. Interessante anche la bibliografia.

Magnetic water application for improving wheat (Triticum aestivum L.) crop production (AGRICULTURE AND BIOLOGY JOURNAL OF NORTH AMERICA, 5)

Articolo analogo al precedente che riporta un incremento di resa dell'acqua di irrigazione sottoposta a trattamento magnetico di quasi il 30% nella coltivazione di grano.

The elusive mechanism of the magnetic ‘memory’ of water (colloids and Surfaces, 6)

Infine, un articolo che riassume i vari effetti "anomali" riscontrati nell'acqua sottoposta a trattamento magnetico e prova a fornirne una spiegazione:

The possible molecular and quantum electrodynamic mechanisms of these effects will be discussed later in the text.

Mi ricorda qualcosa ...

(1) https://goo.gl/nJN7EM
(2) http://scalexglobal.com/MTA%20Documents/Kronenberg%20IEEE%20article.pdf
(3) http://www.eau-calcaire.fr/pdf/Magnetic_Water_Tre_amtent_for_Scale_prevention_Studie1999_Universit_Pierre_Curie_Paris.pdf
(4) https://www.fractalwater.com/wp-content/uploads/2014/05/Elsevierl-AgWater_2009-Short.pdf
(5) http://scihub.org/ABJNA/PDF/2010/4/1-4-677-682.pdf
(6) http://files.limescale-cyprus-com.webnode.com/200000046-ecac3eda60/1999%20-%20The%20elusive%20mechanism%20of%20the%20magnetic%20memory%20of%20water.pdf

Mario Massa ha detto...

@Mistero
"Ho ritrovato il link dell'acqua informatizzata che viene utilizzata per impedire ad altra acqua la risalita dei muri.."

Andrea ho visto i link e ti confermo quanto ti avevo già detto: indaga tu, io da queste cose preferisco starne fuori perchè ritengo che la probabilità di truffa sia elevatissima. Se avrai personalmente conferme positive e avrai voglia di contattarmi ne riparleremo.

Hermano Tobia ha detto...

oops: CaCo3 => CaCO3

MISTERO ha detto...

@Hermano
Gran bel lavoro!

Vedo lo spettro di Preparata aggirarsi su quel di Roma, a volte ritornano.. ;-)

Barney ha detto...

@Vice ed HT: le figure, le figure...

Leggetevi Cobraf.

MISTERO ha detto...

@Giovanni Cesaretti
I papers, i papers...
I clienti, i clienti....
Le prove, le prove.....

MISTERO ha detto...

@Giovanni Cesaretti
C'era una volta un Oste che diceva di avere un vino miracoloso, talmente buono che ogni sorso inebriava fin quasi a perdere i sensi.
In molti lo criticavano, un eretico dicevano, ma nessuno osava provare il suo vino ed essere vero testimone di quanto lui asseriva.
Ma arrivò un giorno in cui l'Oste venì messo alla prova, non saremo noi bevitori a decidere, ma sarà un altro Oste, quello che da sempre è stato riconosciuto come il più bravo e il più onesto.
Il primo Oste accettò la sfida e finirono tutti imbriaghi felici e contenti..

Oste n°1 Gruppo Leonardo Solutions S.R.L (Domodry)
Oste n°2 Arcadia Ricerche S.R.L

Giudici i Funzionari presso la Soprintendenza per beni
architettonici e paesaggistici di Venezia e Laguna;
- FRANCESCO TROVO’
- TIZIANA FAVARO

Patrocinio e finanziamento UNESCO

http://www.domodry.it/webadmin/CONF_UPLOAD/uploads/N-102_Rivista-Unesco-umidita-risalita-capillare_03.pdf

Le conseguenze di questo risultato:
"Eresia ed Ortodossia nel restauro"
Spesso nell’ambito del restauro e della conservazione ci si è trincerati dietro la consolante e protettiva idea che soltanto i materiali e le tecniche più tradizionali consentano il raggiungimento di risultati in linea con i criteri della disciplina e con le aspettative poste.

Tale convinzione, se da un lato ha tenuto alla larga materiali e tecniche effettivamente dannose, ha talvolta contribuito d’altro canto, a rallentare la ricerca di soluzioni in grado di ottemperare anche a più criteri contemporaneamente, come le sempre maggiori esigenze funzionali, tecnologiche, impiantistiche, ecc. richiedono.

Anche per il restauro e la conservazione, come per ogni altra disciplina, convivono invece e talvolta confliggono elementi di rassicurante “ortodossia” con pulsioni, o scarti e deviazioni di carattere “eterodosso”, o persino “eretico” che potrebbero innescare significative innovazioni, se affrontate, accolte e convalidate dalla comunità scientifica e culturale di riferimento.

D’altra parte se il relativismo delle teorie può determinare giudizi radicalmente differenti in casi di intervento affini, d’altra parte un’apologia del relativismo incentrata su “caso per caso” finisce per indurre ad una anarchia di regole e principi altrettanto pericolosa.

Per questo, è forse giunto il momento di approfondire, in modo esplicito e laico, le riflessioni critiche sui fondamenti delle discipline e delle pratiche della conservazione, per rafforzarne la presenza e l’azione nella società contemporanea. Non si tratta di decidere se debba prevalere il rispetto per una “ortodossia” frutto di una lunga storia o se si debba piuttosto lavorare per il suo radicale scardinamento e superamento “eterodosso”. In realtà, l’eventuale “eresia” di nuove riflessioni ideali, d’inedite proposte progettuali, sperimentazioni scientifiche o applicazioni tecniche è riconoscibile solo rispetto a un patrimonio di riferimenti “ortodossi”, già dati e diffusamente accettati.

(continua)

MISTERO ha detto...

(continua)
Per questo, Il Convegno intende indagare la dialettica che si instaura tra i due poli estremi che, solo apparentemente, sono separabili in modi netti e definitivi, più che lottare per affermare la prevalenza dell’uno o dell’altro. Da questa continuo confronto, infatti, potranno emergere inediti contributi che non ‘tra-discano’ quanto sinora acquisito ma che, piuttosto, lo arricchiscano, consentendo di ‘tra-durlo’ e ‘tra-sferirlo’ nella contemporaneità.

Solo in tal modo è possibile dare nuova vita agli apparati ideali (teorici o scientifici), e operativi (tecnici, tecnologici e pratici) che assumiamo spesso come misura per valutare i progetti analitici, diagnostici o di intervento nel campo del restauro ma che, talvolta, appaiono solo stancamente o formalmente rispettati. Strumenti codificati che, utilizzati in modo acritico, si rivelano spesso più che altro un esercizio di maniera senza fornire una loro effettiva applicabilità.

Il convegno Scienza e Beni Culturali si propone di superare gli attuali rischi di marginalizzazione del Restauro, o quelli speculari di un suo semplice sfruttamento strumentale, ad opera di altri protagonisti che spesso agiscono per interessi e scopi assai lontani dalla tutela e dalla salvaguardia. Per farlo, tuttavia, dobbiamo per primi individuare la parte ancora vitale degli apparati ideali e operativi ricevuti in eredità dal passato anche recente, distinguendola dalle loro stanche e formalistiche applicazioni e valorizzando anche ciò che, a prima vista, può apparire “eretico”, errato e condannabile!

La comunità scientifica, culturale e professionale del Restauro, che da sempre si ritrova nella speciale Agorà di Bressanone, è chiamata a dare il proprio attivo contributo a questa nuova avventura del pensiero e dell’azione, coinvolgendo nuove intelligenze e competenze, per rafforzare il perseguimento dei fini comuni.

In particolare si auspicano contributi che affrontino il rapporto tra eresia ed ortodossia rispetto alle seguenti tematiche:


- Riflessioni sulla storia del restauro e la sua continua “rilettura” critica

- Rilettura critica degli interventi passati

- Sperimentazioni di soluzioni, attraverso la pratica multidisciplinare del progetto e della programmazione, oltre la logica dell’evento concluso in sé e aperta alla natura processuale del divenire.

- Pratiche operative, in ogni settore coinvolto e a tutti livelli dell’intervento, dalla programmazione, alla realizzazione in cantiere, alla manutenzione ed alla gestione successiva del bene restaurato

- Ricerca di fondamenti teorici (ideali), delle diverse discipline coinvolte nella gestione del Patrimonio Culturale

- Approcci innovativi (metodi di indagine, materiali, tecnologie, interventi)

- Riflessioni su Reversibilità, Compatibilità, Durabilità

- Esperienze di interventi significativi

- Nuove esigenze: impiantistiche, anti-sismiche, ambientali,

- Proposte teoriche e metodologiche per affrontare i cambiamenti climatici in atto
http://www.scienzaebeniculturali.it/convegno.html
Dal 28 Giugno al 1 Luglio
http://www.scienzaebeniculturali.it/download/progr_16_br.pdf

MISTERO ha detto...

@Giovanni Cesaretti
Cosa sostieni ora, sono tutti truffatori?

Ma scrivilo chiaramente però che ti leggono anche loro.

Alessandro Pagnini ha detto...

Con tutta questa umidità, che sia di condensa o in risalita, a me stanno venendo i reumatismi! :-D

Barney ha detto...

@Andrea "Vicesceriffetto bulletto" Rampado.

Se penso che qualcosa sia una truffa non ho problemi a dirlo.
Qua sostengo semplicemente che la cosa non funziona, e che le aziende che applicano ANCHE lo scatolozzo fanno ottimi restauri -anche "eretici", che poi chissa' che vuole dire?-, ma in cui si interviene sul palazzo con aerazione, deumidificazione fisica, rifacimento di intonaci e via andare.

Se poi vogliono metterci pure lo scatolozzo, liberi di farlo.
Ma mi piacerebbe vedere almeno UN INTERVENTO fatto SOLO con lo scatolozzo.
Che poi, di quale scatolozzo stiamo parlando, Domodry o Quantum? Quello con elettromagnete pulsante o quello con magneti permanenti?
S'era partiti da Quantum, no?
E su Cobraf la folla che chiede a Hermano lumi termografici aumenta.

Hermano Tobia ha detto...

@Barney
Qua sostengo semplicemente che la cosa non funziona

Giusto. Non funziona e basta. Argomentazione ineccepibile.

Ho riportato un elenco di pubblicazioni peer-reviewed relativi agli effetti dei campi magnetici sull'acqua [compresa la riduzione della tensione superficiale e quindi della risalita per capillarità]: trovo però strano che a te, sempre pronto a sproloquiare su ogni argomento, adesso ti manca la favella ...

E su Cobraf la folla che chiede a Hermano lumi termografici aumenta.

Non vedo nulla, a parte una lunga lista di messaggi con "Utente da te oscurato" ... poi non eri tu l'esperto di termografia ? In questo caso si tratta solo di verificare un gradiente termico ...

Barney ha detto...

@HT.

La termografia e' perlappunto, in questo caso, questione di gradiente termico (ma va? E io che dicevo?).

Ora, se tu volessi cortesemente guardare le termografie prima-dopo...

Poi ne riparliamo.

MISTERO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
domenico canino ha detto...

Perchè pagano i trolls?

Aspettando l'esito dell'ennesimo test di Rossi con un altro partner (sbaglia ancora strategia secondo me) la cosa che mi ha interessato delle ultime vicende sul gatto è la crescita della disinformazione. Finchè erano delle piccole caccole insignificanti come C..y i troll pagati mi interessavano poco, ma Sikkerfoll ha scoperto una vera e propria rete di troll di livello molto più alto secondo lui. come Dewey e Zoepl, e uno studio americano APCO o come diavolo si chiama appositamente pagato da IH. Io la domanda che faccio a me stesso ed a tutti voi è: se il gatto non funziona e Rossi è un semplice truffatore perchè pagare queste organizzazioni per attaccarlo? Prima o poi, se è truffa, verrà giù da solo. Se investono denaro e risorse umane per attaccarlo, sopratutto con una causa legale in corso, è perchè temono che prima o poi arrivi alla meta.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Domenico

Da quello che ho capito IH contesta, intanto la validità dei tempi di esecuzione della prova, ma anche la bontà della prova stessa. Per non pagare 89 M$ devono cercare di dimostrare, qualora non fosse sufficente il problema della tempistica, che Rossi ha barato. Che sia vero o meno, conta poco nella causa, l'importante è che giudici e periti siano orientati a pensarlo e quindi favorevolmente disposti verso le tesi di IH. Insomma, screditare è la prima mossa e non possono aspettare che lo faccia Rossi, che da almeno 5 anni sta sulla breccia senza che nessuno abbia potuto mai dimostrare che è un truffatore. Devono insinuare questo sospetto subito, prima che siano costretti a pagare.

Robbins ha detto...

"... Rossi, che da almeno 5 anni sta sulla breccia senza che nessuno abbia potuto mai dimostrare che è un truffatore."

E, bisogna aggiungere, senza che in cinque anni nessuno abbia una prova CERTA del funzionamento dell'e-Cat, visto che i report pubblici sono insufficienti, e si tratta di giudizio generoso.

Effetto farlocco e truffatore dotato? Effetto reale e inventore incapace ("dedicherò tutta la mia vita allo sviluppo del reattore")? Altre ipotesi miscellanee?

Tizzie ha detto...

Una ipotesi potrebbe essere che voglia fare solo confusione ed irritare la gente a riguardo con risultati volutamente ambigui.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Robbins

"...E, bisogna aggiungere, senza che in cinque anni nessuno abbia una prova CERTA del funzionamento dell'e-Cat...."

Assolutamente d'accordo. Ma a IH adesso serve insinuare il più possibile il tarlo che Rossi sia un prestigiatore delle caldaie, capace di infinocchiare chiunque o quasi, magari con la complicità di connivenze o incapacità di terzi. Ecco che il gioco dei 'troll professionisti' comincia ad avere un senso.

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
S'era partiti da Quantum, no?

Si infatti, ma se non fossse stato per la tua deviazione verso altri lidi, questo post non esisterebbe. Hai fatto tutto tu, deciditi.

vincenzo da torino ha detto...

@ Domenico. Il test in Svezia è prolungato di un'altra settimana.Tutto volge sull'e-catQX che è mai stato sperimentato con osservatori patner e clienti.Con l'ecat sigaretta o penna cambia la conformazione di tutto il dispositivo che deve dare sia calore come energia elettrica.Rossi afferma che dal risultato positivo si passa decisamente alla produzione di massa. Quindi per fine anno la produzione parte. Intanto dovremmo conoscere qualcosa sia sul contenzioso come sulle prestazioni dell'e-cat nelle varie versioni. Su IH credo che ormai mi sono fatto un'idea chiara.Basta analizzare i dati e i tempi. IH, avuto la conoscenza del IP, tenta di rubare a Rossi tutto. Ha trovato pane per i suoi denti e anche la capacita economica per andare avanti. Vedremo

Barney ha detto...

@Vice, il bulletto.

Il post ad personam l'hai fatto te.
Ovviamente cercando di intimidire, perche' non sei buono nemmeno a prendere in giro.

Le termografie le hai messe te.
Spiegale, visto che sei tuttologo quantistico informato.
E' facile, basta guardarle.

Oppure cambia di nuovo discorso, la procedura e' quella, no?

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
Ovviamente cercando di intimidire

Ti piacerebbe, le termografie le hai messe tu. Io ho semplicemente dimostrato che fai disinformazione e non sei una persona corretta e psicologicamente stabile.

Le termografie le hai messe te.
Assolutamente no, ho semplicemente riportato quanto era nei link da te presentati per fare disinformazione, come tutti hanno potuto vedere.

Oppure cambia di nuovo discorso
Il discorso hai cercato di cambiarlo tu, ho semplicemnte dato visibilità al tuo discorso, fuori tema, tecnolgie diverse, disinformazione.
E ora che ho dato visibilità a quanto con cura hai cercato di dimostrare, ti lamenti peggio di un bambino?

Su dai, sono io quello che cerca il consenso del branco no?
Torna su Cobraf a discutere delle termografie che tu hai riportato con il tuo link..

MISTERO ha detto...

@Domenico
Perchè pagano i trolls?

Infatti me lo chiedo anch'io, con tutti quelli che lo fanno gratis qui in Italia e non solo, che bisogno c'era? Mah, valli a capire.. ;-)

giorjen ha detto...

A questo punto mi aspetto che esca l'argomentazione che devono pubblicare e vinceranno sicuramente il nobel... ma si può vincere il nobel per una applicazione sull'umidità di risalita?

@robbins
non sono sicuro che esista nei tribunali il concetto di prova CERTA (o di verità, ammesso che anche fuori dai tribunali esista). Esisterà una verità processuale, come sempre, o no?
Se serve una prova di funzionamento credo che porteranno i vari test fatti da professori di varie università (e mai contestati nelle dovute sedi) e ingegnere/i (nucleari credo, o sbaglio) e magari avrebbe fatto meglio Rossi ad avere anche un'università americana nel gruppo, che gli americani sono molto "domestici" nel valutare le verità. Ma chissà che per il processo non riesca a convincere qualcuno alla NASA a dare l'endorsement...
g

Robbins ha detto...

"Al di là di ogni RAGIONEVOLE dubbio", mi sembra che in tribunale si dica così.

Nel caso specifico possiamo non scomodare la metafisica del concetto di verità - sarebbe come sparare a una mosca col cannone.

Una calorimetria a flusso fatta in pubblico dagli amici di UNIBO sarebbe bastata - invece gli ha fatto misurare con due rivelatori a coincidenza i rinculi degli antiprotoni. Cinque anni, ma guarda te ... .

giorjen ha detto...

io lascerei ai tribunali esercitare la legge, la scienza lasciamola alle università e agli altri enti preposti.
Penso che per la causa con IH sia del tutto irrilevante se l'accrocchio funziona, visto che la causa l'ha promossa Rossi, e scommetto che in tribunale non ne parleranno mai, anzi scommetto che in tribunale non arriveranno proprio a sentenza e saranno tutti contenti, compresi noi che così ognuno continuerà a pensarla come prima. Anche se però in effetti tutti potrebbero giudicare la sentenza a proprio piacimento, ch'e pur sempre un tribunale ad emetterla, mica accademia, quindi è indifferente anche se arriveranno a un giudizio.

per la cronaca al di là di ogni ragionevole dubbio deve esser la condanna, non l'assoluzione, e il defendant non è rossi.
g

vincenzo da torino ha detto...

@giorjen
L'accusa di frode è forte e causa particolarmente sensibile in Usa. Qui rischiano tutti e due i contendenti. Rossi se non riesce a dimostrarlo e IH se viene condannato.

Barney ha detto...

@Vice.
E' bello discutere con uno che si fa un film tutto suo e pretende di avere ragione.
Un po' come parlare con un tombino di ghisa, solo che il tombino non e' il bulletto da quattro soldi che sei tu.

Le termografie le avrei messe io.
Certo. Come no?

Io ho citato un report di un progetto Europeo che si chiama Emerisda, e che ha come scopo proprio quello di verificare scientificamente (vulg.: non con i filmatini su youtube) l'efficacia di metodi per il contrasto dell'umidita' di risalita (Effectiveness of Methods against Rising Damp in Buildings).

Nel report che ho citato, nella sezione "altri metodi" (che io ho chiamato "esotici" o d "esoterici", e che il report -non io...- chiama "parafisici"), si parla ANCHE di Domodry. Il link non e' nella bibliografia, e' semplicemente messo li' per far vedere di cosa si parla, come c'e' quello di Aquapol.
Le termografie sono su quel link, li' tu le hai trovate, e poi le hai postate bello tronfio. Chissa' perche', poi...

Tra parentesi, quel progetto (Emersida, non Domodry) andrebbe seguito e letto bene, perche' vuole fare proprio la cosa che tutti chiediamo: ovvero testare se i vari metodi funzionano. C'e' gia' il setup spiegato, se abbiamo fortuna proveranno anche un metodo esoterico e cosi' avremo anche i dati scientifici e non solo le "testimonianze" su youtube.

Anzi, no.
pare che abbiamo sfortuna. Se non ho capito male, questi sono i metodi tra i quali saranno scelti i tre da testare.

Chiusa parentesi.

Ma poi, le termografie le hai guardate con attenzione?

Ora, vai di dirty quoting, ribaltamento della realta' e bullismo da bimbetto di terza elementare.

The floor is yours.

Hermano Tobia ha detto...

@Barney
Tra parentesi, quel progetto (Emersida, non Domodry) andrebbe seguito e letto bene

Ma non ne hai avuto ancora abbastanza ? Ti ricordo che sei tu che hai citato quel report senza capire un accidente, come ho dimostrato in precedenza.

Ho anche citato alcuni articoli peer-reviewed sui diverse caratteristiche dell'acqua magnetizzata ed invece di rispondere nel merito te ne esci con le solite trollate ... sembri un replicante di ocasapiens.

Non capisco poi la questione delle termografie: sebbene il metodo sia solo qualitativo, da molte di esse si evince chiaramente la differenza tra gradiente termico prima e dopo e quindi una minore presenza di umidità interna alla muratura stessa.

come c'e' quello di Aquapol

Già che ci sei potresti anche illuminarci su come hanno ottenuto questo certificato (1) di efficacia rilasciato da EURAFEM (Clean Masonry Restoration Association), e spiegarci anche come secondo te sono riusciti a fare > 40K installazioni in 30 anni ...

(1) http://www.aquapol-scotland.com/sites/default/files/styles/val_800_big/public/pages/eurafem2007.jpg?itok=P-Eeiacw

MISTERO ha detto...

(Apro una parentesi..
sembri un replicante di ocasapiens.

Già:
https://www.blogger.com/profile/15495014053074298937
https://www.blogger.com/profile/14450856859912011120

Interessante anche un nik/troll che utilizza per trollare contro Laureti:
Kitt'E Se 'nKula

Al quale lui dice:
Non sei mica un gran che come troll.

Interessante, chissà che cosa dirà ora il matematico del bagno ora che si è ripalesato con il suo nome e cognome, smetterà di utilizzare i vecchi nik per diffamare?
Mah...
Faccio il tifo per la Postale anch'io!!
Tic Tac...:-))
Chiusa la parentesi)

MISTERO ha detto...

@Hermano
Ma guarda questi della ASSORESTAURI, si son bevuti il cervello, continuano a certificare prodotti simili al Domodry, ora anche il Genié della Tecnovagroup:
http://www.tecnovagroup.it/it/soluzioni/deumidificazione/genie

http://www.tecnovagroup.it/pdf/Genie_ENG.pdf

Poi ho trovato questo papers del PoliMi:
http://www.bh2013.polimi.it/papers/bh2013_paper_354.pdf



MISTERO ha detto...

Tutti truffatori che vendono scatolette maggggiche!!
Ora vado dai carabinieri e li denuncio tutti e cito come testimoni Sylvie Coyaud, Giancarlo De Marchis, Giovanni Cesaretti, Alessio Guglielmi!!

Hermano Tobia ha detto...

@Mistero

Non male il Genié, sarebbe interessante leggere i report della campagna di test:

Experimental campaign with the CNR (Italian National ResearchCentre): The first trial of Genie was carried out in 2006 with the CNR and the Civil Protection Agency of Ragusa, at the former Albergo dei Poveri (Hotel of the Poor) in Modica. The results obtained with the Genie wall dehumidifying systemwere outstanding.

MISTERO ha detto...

Anche questo:
Da febbraio 2013 a giugno 2014 è stata condotta una campagna di rilevazione di umidità presso la Cattedrale di Santa Maria Assunta di Cremona.
Lo studio, eseguito dal Prof. Luigi Soroldoni in collaborazione col CNR, è stato avviato in seguito all’installazione del sistema di deumidificazione Genié nella Cripta del Duomo. I locali, infatti, accusavano gravi problematiche legate all’umidità di risalita capillare all’interno delle murature.

Dopo soli 12 mesi dall’installazione si è registrato un forte calo di umidità nelle pareti con punte del -70 %. Dopo 16 mesi il processo di deumidificazione ha stabilizzato le murature con valori di umidità compresi tra 2% e 4%.

MISTERO ha detto...

La tecnologia Genié a risonanza d’impulsi in multifrequenza è unica e differisce dalle apparecchiature similari, oggi esistenti sul mercato, per un motivo ben preciso:
le altre tecnologie emettono un’onda specifica su una sola frequenza.
Genié, invece, genera impulsi in multifrequenza che entrano in risonanza all’interno delle murature


Risonanza di "fase" come afferma Paolo Renati?

Andrea ha detto...

Ma perché leggi "risonanza" e devi interpretare una non meglio specificata "risonanza di fase"?

Attenersi a quello che c'è scritto?
Anche il microonde funziona con la risonanza, ma non funziona senza consumare energia (magari...) né più veloce della luce...
QEDzziamo anche quello?
I toast caldi gratis hanno più appeal dell'acqua, ma forse non è altrettanto facile dire ciò che si vuole...

Barney ha detto...

OT, ma fondamentale:
L'incompetenza spiegata agli wannabe tuttologi.
E' inutile, perche' nessuno arrivato a certi livelli puo' ammettere di non capire nulla di fisica quantistica, umidita' nei muri, fusione nucleare e via andare, ma la speranza e' l'ultima a morire...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney

Probabilmente i meccanismi dell'articolo linkato sono corretti. Oggi internet dà anche la possibilità di propalare scemenze ben oltre quello che uno si aspetterebbe. Insomma, le leggende metropolitane hanno terra fertile. Direi che l'informazione e l'interazione, hanno il loro rovescio della medaglia e che purtroppo non sempre siamo abbastanza consci di questo per adottare la necessaria prudenza nel valutare ciò che ci viene a piene mani 'dato in pasto'. Però è anche vero che quando si parla di informazione si tocca un argomento delicato. Non è che la si può abolire solo per evitare che venga usata male, anche perchè ci possono essere casi in cui idee non condivise dagli esperti, ma non necessariamente sbagliate, possono trovare una utile cassa di risonanza. E nemmeno si può impedire alla gente di discettare su argomenti riguardo ai quali hanno poca preparazione, almeno secondo i canoni usuali. Ecco quindi che ci ritroviamo a dover fare i conti con fisici, chimici, meteorologi e financo giornalisti scientifici, da acluni definiti 'della domenica', che pur non avendo lauree a supporto, inondano e influenzano il web. Pur dovendo ammettere che quanto hai linkato non è privo di fondamento, credo che l'unica sana risposta sia di tenerlo ben presente, soppesando 'cum grano salis' quanto viene proposto, cercando di valutare, ovviamente, anche la attendibilità della fonte, ma soprattutto cercando di valutare, nei limiti offerti dalle proprie competenze, la notizia in sè, oppure attenersi ad un sano scetticismo, qualora i dati e le fonti siano assai incerti e le proprie competenze decisamente insufficenti.
Per la risalita dell'acqua, infatti, sono alla finestra a cercare ancora di capire di cosa si sta parlando. Aspettavo anche la tua replica agli studi riportati da Hermano, per capirci qualcosa di più. Per adesso devo dire che non mi sono ancora fatto un'idea e che non so se e quando riuscirò a farmene una minimamente basata.

sono solo un misero test ha detto...

@Alessandro

premesso che bp è un provocatore che vuole farci perdere tempo e confondere le idee, e che quindi non merita considerazione, hai comunque toccato uno degli aspetti importanti della questione e di questo blog: non è che per decidere se si vogliono le centrali nucleari occorra essere laureati in fisica. anche perchè altrimenti la corsa non è mai finita: ce l'hai il phd? no? e allora di che ti immischi? hai una cattedra? e allora perchè parli? l'hai vinto il nobel?... (ricorda lo sketch di dario fo: "questa terra è mia!". "e chi l'ha detto?". "c'è scritto qui! sai leggere, tu?". "no". "e allora che vuoi?")

per avere un parere su una materia specifica occorre informarsi, che non è studiare 10 anni delle formule! è ascoltare diversi pareri esperti, riscontrarli, valutare quali interessi ci sono in gioco sapendo che nessuno regala niente, e alla fine farsi un'idea. è alla portati di tutti nel mondo occidentale, tranne di chi se ne strafrega

chi dice che solo gli esperti possono avere un'idea è... rimasto fermo a prima della rivoluzione francese. in mezzo c'è stata qualche capa che ha rotolato. non si capisce se non hanno ancora capito o se ci stanno riprovando (la domanda è retorica: quando più quando meno non hanno mai smesso di provarci)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ SSUMT
"...per avere un parere su una materia specifica occorre informarsi..."

Infatti!
C'è anche la famosa battuta, contenente comunque una perla di saggezza: "La guerra è una cosa troppo seria per farla condurre ai generali" ;-)

Robbins ha detto...

Non è che le leggi della fisica si possano decidere a maggioranza, dopo aver apprezzato il parere della Boldrini e agitato la bandiera arcobaleno - questo i rivoluzionari dell'ottantanove (che erano i borghesi che adoperavano la furia della plebe contro il Secondo Stato) lo sapevano benissimo.

sono solo un misero test ha detto...

@Robbins

le leggi della fisica, no. le leggi dello stato, si.

e non importa se tutti insieme appassionatamente decidiamo di fare la fine dei dodo: è comunque un sistema di gran lunga più saggio di qualsiasi altro inventato finora. forse di una saggezza di cui ancora non conosciamo tutti gli aspetti.

Barney ha detto...

@SSUMT. Informarsi e' doveroso.
Studiare anche.
Informarsi selezionando le fonti che hanno studiato al posto nostro anche.

E' di questi giorni la querelle per l'ennesima comparsata televisiva della Brigliadori a sostegno della NMG in TV.
Se e' pacifico che la Brigliadori e' liberissima di pensarla come vuole, e' anche pacifico almeno per me che il suo parere messo di fronte a un medico conta zero.

Informarsi senza selezionare le fonti e' inutile, insomma.

@Alessandro: il succo dell'effetto Dunning-Kruger in realta' e' leggermente diverso. E mi pare che qua dentro ci sia il pienone di soggetti che rispondono a quella descrizione :-)

@Robbins: sante parole. Troppa gGente si laurea alla Youtube University, o da Rosario Marciano'...

sono solo un misero test ha detto...

selezionatissimi: fisici docenti dell'università di bologna e uppsala e altrove; considerato che l'hanno detto e ripetuto e sono pure il 100% di quelli hanno potuto osservare il fenomeno, non basta per tenere alta l'attenzione di uno che si informa? ne avanza anche. mica urlare a squarciagola che è vero: semplicemente rimanere all'erta.

per tornare (quasi) in topic e ai domini dell'acqua: il taglio che ha preso la discussione mi pare talmente ridicolo che non posso che al momento dare ragione ai detrattori. l'argomento sarebbe interessantissimo (pollack, voeikov, del giudice, germano... si, sono informato), ma affrontato in questo modo da venditori di aspirapolvere perde completamente il suo appeal per le persone sopra i 17 anni. senza offesa per i diciassettenni.

MISTERO ha detto...

@Andrea Idini
Attenersi a quello che c'è scritto?

Hai toccato un punto importante.

Se scrivo nel mio sito che vendo la scatoletta QUANTUM e ti concedo 60 giorni di diritto di recesso, ti sto dicendo che hai 60 giorni per provarla.
Se non sei soddisfatto, entro 60 giorni me la rispedisci indietro con il suo imballo orginale e senza che tu l'hai aperta e/o manomessa; ti sto dicendo che se apri il dispositivo, decade la garanzia e la possibilità di recedere con giusta causa, a questo punto io non posso sapere se non ha funzionato per mia colpa o per il fatto che l'hai manomessa.

Questo esempio te lo riporto perché chi ha dato e riportato informazioni a tal proposito ha scritto che il diritto di recesso concesso dalla Freebioenergy è fittizio, Ocasapiens ha scritto che devi rispedire il dispostivio QUANTUM E OTTENERE RECESSO E RISARCIMENTO SOLO SE NON HAI APERTO LA CONFEZIONE ORIGINALE.

Confezione e oggetto dentro la confezione sono due cose diverse, ma a quanto pare si preferisce non attenersi a quanto è scritto, chiaramente e facilmente comprensibile per portare acqua al proprio mulino, con ironie e perculamenti vari.

Non andiamo da nessuna parte in questo modo.

Ho letto i suggerimenti che ti hanno dato e li condivido, mi permetto solo di dirti che nessuno vuole utilizzare la tua posizione di prof. per dare credibilità a prodotti o teorie. Puoi rispondere tramite il tuo blog o puoi scrivere una mail e vieni automaticamente messo in contatto con Renati, decidete poi voi cosa e come.

Il fatto che la QED mi dia una spiegazione valida o meno, questo non significa che un fenomeno avvenga o non avvenga, il fenomeno c'è ed è ben documentato, quello che manca è la spiegazione.

Ha ragione RAMAN (DeChisciotte) quando scrive che un apparecchietto che emette 0,1T non può influenzare nulla a 6 metri di distanza, ma sostenere quanto è ovvio non risponde a quanto comunque accade realmente.
Da capra tibetana quale sono, anch'io sapevo già che non è possibile senza che arrivi il RAMAN di turno a sostenere l'ovvietà.

Se voglio capire che cosa accade, non lo chiedo a chi non ha mai visto e toccato con mano e soprattutto non ha mai fatto una prova reale e verificato che cosa accade.
Ho parlato telefonicamente con diversi produttori, ho parlato telefonicamente con molti prof. universitari e ricercatori di ENTI di ricerca, tutti sono concordi nel dire che il fenomeno avviene e tutti sono concordi nel dire che effettivamente non sanno perché.
Alcuni mi hanno confessato che la spiegazione più facile e che normalmente viene riportata non può, per le conoscenze di base della fisica, essere una spiegazione (RAMAN ha ragione e non si discute).
In molti mi hanno detto che vorrebbero fare dei test di laboratorio per riprodurre in condizioni controllate il fenomeno e cercare quindi di interpretarlo, capirlo e alla fine spiegarlo, ma nessuna azienda al momento si è resa disponibile per questo. Non è solo una condizione economica o di costo di un eventuale approfondimento scientifico, è di fatto un problema di strategia aziendale; non si può brevettare un fenomeno fisico, quindi perché dare ad altri l'opportunità di capire, comprendere e replicare all'infinito facendomi concorrenza?

Si cade sempre qui Andrea e ti riporto quello che leggo, sento e capisco dopo aver chiesto agli interessati, senza interpretare.

Torniamo al punto "attenersi a quello che è scritto"; analizzando quanto viene riportato dalle varie aziende, possiamo classificare i dispositivi in 3 macro categorie:
-Passivi non alimentati
-Passivi parzialmente alimentati
-Attivi
(Continua)

MISTERO ha detto...

(continua)
Quelli più ovviamente interessanti da analizzare sono i passivi non alimentati perché, come riportato da diverse testimonianze e prove scientifiche di misurazione di ciò che avviene (non perché avviene) qualcosa fanno.
L'ultimo apparecchietto che ho riportato il Genié, viene alimentato in bassa tensione e produce uno spettro di frequenze pulsate. Impiega mediamente da 6 a 18 mesi per avere dei risultati significativi e misurabili (me lo hanno detto prof. e ricercatori del CNR), risultati che sono stati ottenuti anche senza altri interventi come il rifacimento di malte, cambi di aereazione etc, ottenuti cioè senza modificare lo status inziale in alcun modo.
Questo è un dato molto interessante perché, ad esempio, i dispositivi tipo QUANTUM che non hanno neussun tipo di alimentazione e lavorano ad una frequenza X prestabilita dal costruttore, impiegano anche solo 1 o 2 mesi per avere dei risultati misurabili e significativi nel caso appunto della risalita dell'acqua.

Questo probabilmente è un indizio che ci può essere utile per la stesura di un protocollo di test e per fare alcune "ardite" anticipazioni sulla possibile spiegazione.
Ma mi spiego meglio, è inutile secondo me replicare un test dove vedo che le cipolle crescono più in fretta o che l'acqua dai muri sparisce o che i carbonati non producono più calcare ma aragonite se non capisco anche perché ciò accade.
Non andiamo da nessuna parte e ognuno resterà nelle proprie posizioni.
Serve una replica che mi permetta al tempo stesso di investigare e di verificare in modo scientifico tutti i parametri necessari e utili a restringere il campo delle possbili spiegazioni fisico chimiche note prima di avventurarci in quelle esotiche come la QED.

Il lavoro che stai facendo con Renati, se lo stai ancora facendo, è comunque un lavoro utile perché se fatto in parallelo con gli eventuali test, ci permetterà di definire un protocollo più preciso e finalizzato. Personalmente non lo vedo come un confronto tra te e Renati e chi ce l'ha più lungo, vedo una possibilità di crescita e di approfondimento per tutti.

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Cos'è, ti va male e cerchi di deviare il discorso sulla NMG?
Non ti conviene...
Intanto la Brigliadori è viva, quindi la sua opinione vale almeno più di quella dei morti.
Se vuoi la dovresti mettere a confronto con un medico cui alla stessa epoca abbiano fatto la stessa diagnosi, abbia fatto scelte ortodosse e sia ancora viva. Allora possiamo confrontare le loro opinioni oltre che il loro oggettivo stato fisico.

Seguo con molto disinteresse la discussione sull'umidità di risalita, state facendo tanto rumore ma non state concludendo nulla, né proponendo metodi dirimenti. Vi divertite a passare il tempo così?

Hermano Tobia ha detto...

@Mistero
Standing ovation !!

MISTERO ha detto...

@Hermano
Sto preparando una relazione che include tutte le informazioni che ho raccolto tra le varie aziende e prof. e ricercatori che ho intervistato, penso che un protocollo deve essere definito partendo da tutte queste informazioni, non solo da chi si propone con perculamenti vari giocando sull'ovvietà e non solo da chi propone il dispositivo sostenendo che funziona e ci fa una dimostrazione senza capirè perché!

Il protocollo deve mediare le posizioni opposte e al tempo stesso darci la certezza (o quanto più si possa avvicinare ad una certezza) che SE replichiamo il fenomeno, siamo anche in grado di capire perché avviene.

Non escluderei a priori come possibile spiegazione del fenomeno le proprietà colligative (che spero stai approfondendo nella stesura del post su WoW) ne eventuali processi a catena come le macchine di Rube Goldberg di cui sto scrivendo da tempo un post.

A titolo di cronaca, un paio di prof. che ho sentito e con i quali sono rimasto in contatto, mi hanno entrambi segnalato un sistema di analisi che potrebbe, secondo loro, dare delle misure più approfondite in un eventuale test:
http://www.mdpi.com/1424-8220/14/4/6977/htm

Interessante no?
Mi sembra una complicazione in più, ma non posso non entrare nel merito di questa eventualità se si rende necessaria per capire il fenomeno e non ci sono altre soluzioni..

MISTERO ha detto...

Seguo con molto disinteresse la discussione sull'umidità di risalita, state facendo tanto rumore ma non state concludendo nulla, né proponendo metodi dirimenti. Vi divertite a passare il tempo così?

Hai ragione e mi prendo parte di questa responsabilità.
Mentre rispondo alle provocazioni, alimentando confusione purtroppo, sto comunque approfondendo per quanto mi è possibile ogni punto di questa questione.

Il quadro che emerge è estremamente interessante e mi viene quasi voglia di ringraziare Ocasapiens e il ricercatore che qualche settimana fa gli ha fatto la segnalazione.
Ci sono decine di aziende che hanno dispostivi simili e li propongono soprattutto per il problema della risalita dell'acqua.
Una in particolare, la Freebioenergy, dopo molti anni di esperienza, ha allargato il campo delle possibili applicazioni anche per contrastare il fenomeno delle incrostazioni da carbonati e da ferro.

Questo fenomeno è noto quasi da 40 anni ma nessuno lo ha investigato a dovere per capire come governarlo meglio ma soprattutto capire perché funziona.

Ocasapiens, De Marchis, etc, giustamente perculano perché si trovano nella posizione vantagiosa di sostenere che non c'è una spiegazione scientifica e quelle che vengono date si autodistruggono da sole.

Posizione facile, più facile di dover sostenere che il fenomeno è reale e di chiedere con fermezza che si trovi una spiegazione.

Spero con i prossimi post di riportati/vi maggiori approfondimenti e possibilimente con l'aiuto di Hermano, un protocollo che sia condiviso, comprensibile e accettato da tutti.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney

"...il succo dell'effetto Dunning-Kruger in realta' e' leggermente diverso..."

Quello che leggo su Albione-Wiki mi pare abbastanza simile a quanto già linkato. Ho solo posto l'accento su un aspetto che mi pare sia compreso in quel discorso, sviluppandolo. E mi pare anche che lo scrivere:
"... Pur dovendo ammettere che quanto hai linkato non è privo di fondamento, credo che l'unica sana risposta sia di tenerlo ben presente, soppesando 'cum grano salis' quanto viene proposto, cercando di valutare, ovviamente, anche la attendibilità della fonte, ma soprattutto cercando di valutare, nei limiti offerti dalle proprie competenze, la notizia in sè, oppure attenersi ad un sano scetticismo, qualora i dati e le fonti siano assai incerti e le proprie competenze decisamente insufficenti...."
Sia un invito a non cadere nella trappola del credersi tuttologi di chiara fama e più in gamba degli altri.
Ma non è che questo dovrebbe valere anche per 'gli esperti', talvolta assolutamente egoriferiti?
Ho solo voluto sottolineare che per farsi un'opinione non è strettamente necessaria una investitura formale, nè una profondissima conoscenza dell'argomento. Ovviamente quanto più si vuole che la nostra idea abbia buone fondamenta e tanto più ci si deve impegnare nel rendersi edotti e possibilmente scevri da idee preconcette.
Potrebbe tuttavia essere pericoloso pensare che una cosa NON può essere vera se, ad esempio, la totalità degli esperti la reputa impossibile. E comunque, all'atto pratico, non si arriva mai ad una unanimità del genere. Prendendo ad esempio la memoria dell'acqua, molti 'esperti' tra cui un Nobel come Montagner, hanno idee rivoluzionarie. Va bene credere a loro, perchè sono più esperti di noi ignoranti, allora? Oppure ci sono degli esperti abilitati a parlare ed altri no? Questa è una conseguenza imbarazzante del delegare agli altri le decisioni che spettano ad ognuno di noi. A quali altri ci si può affidare? C'è un albo apposito?
Quanto alle leggi della fisica, è vero che non si decidono a maggioranza (o forse sì, se talune teorie sull'intenzione condivisa fossero vere, ma diciamo che non lo sono), ma non si decide neppure a maggioranza quali sono quelle giuste. La natura parla da sè e se per l'esperto Aristotele (mi pare, correggetemi se sbaglio) le sfere celesti erano sospinte dagli angeli, oggi abbiamo una visione un po' diversa. Una cosa è la realtà, un'altra è ciò che crediamo di aver capito di essa, per quanto esperti siamo. E comunque le leggi della fisica che vengono insegnate e prese per buone, quelle sì che si decidono a maggioranza, fino a che non vengono corrette (o stravolte) da qualche nuova teoria, o, meglio ancora, dato sperimentale.
Non che sia una cattiva cosa in assoluto, perchè comunque ci vuole una basa realisticamente convincente, da cui partire. Il problema nasce quando si prende qualcosa per buono così com'è, senza lasciarsi lo spazio per un dubbio, o per una riflessione critica, anche impopolare, anche apparentemente stupida (e a volte stupida proprio). Se questo 'scetticismo' di fondo, diventa presunzione, allora abbiamo la conseguenza negativa di cui nell'articolo, ma se per non apparire 'strani e presuntuosi' si rinuncia a mettere in dubbio e a valutare anche le voci fuori dal coro, abbiamo un altro tipo di problema. A volte mi viene in mente quello che dice un tipo che conosco, riguardo al suffragio universale. Secondo lui andrebbe corretto, pesando il voto con un coefficente ricavato dal punteggio di un esame da fare per essere abilitati ad entrare in cabina elettorale. Chi sbaglia troppi quesiti non vota proprio e chi vota vedrà la sua scheda valere in proporzione al punteggio ottenuto. Mi sembra che si potrebbe facilmente pensare a un sistema del genere, partendo dall'idea che certe cose è bene che siano lasciate fare agli esperti. Anzi, forse si potrebbero del tutto eliminare le elezioni e si potrebbe arrivare al governo per titoli ed esami ;-)

MISTERO ha detto...

Grande Silvio!!
Ti dedico questa canzone uscita oggi:
Tu dove sei..
https://www.youtube.com/watch?time_continue=199&v=lj5H0kpWEw8

p.s. guarda bene le immagini ;-)

Barney ha detto...

@Alessandro.
Potrebbe tuttavia essere pericoloso pensare che una cosa NON può essere vera se, ad esempio, la totalità degli esperti la reputa impossibile. E comunque, all'atto pratico, non si arriva mai ad una unanimità del genere. Prendendo ad esempio la memoria dell'acqua, molti 'esperti' tra cui un Nobel come Montagner, hanno idee rivoluzionarie. Va bene credere a loro, perchè sono più esperti di noi ignoranti, allora? Oppure ci sono degli esperti abilitati a parlare ed altri no? Questa è una conseguenza imbarazzante del delegare agli altri le decisioni che spettano ad ognuno di noi. A quali altri ci si può affidare? C'è un albo apposito?

L'esempio Montagnier fa il paio con l'esempio Pauling, e non a caso e' uno dei nomi piu' citati nella fringe science.

Di chi ci dobbiamo fidare? chiedi.
Beh, nel caso in specie, quello di cui Vice e' espertissimo (ma lui e' tuttologo, sa tutto di tutto), direi che fidarsi del flyer pubblicitario di chi vende lo scatolozzo non e' esattamente la cosa piu' furba da fare. Per mille motivi; il primo che mi viene in mente senza scomodare la fisica e' che se davvero lo scatolozzo funzionasse come promesso, non avremmo piu' il problema dell'umidita' da risalita.
E tutti questi geniali inventori sarebbero miliardari.


Torniamo a Montagnier.
Ci dobbiamo fidare di lui (premio Nobel per la medicina) quando parla di acqua informata che passa le informazioni in wi-fi?
Molti (io sono tra quelli) pensano di no, per il semplice motivo che il Nobel Montagnier e' un bravissimo medico e biologo, ma di fisica probabilmente ne sa quanto me e te, e di fisica quantistica siam li' li'.

Nessuno -a parte Vice, che senno' si incazza- e' tuttologo techunta.

Tutti possono dire bestialita' in ambiti a loro non cosi' familiari.

Infine: Montagnier e' un idolo quando si parla di acqua informata, ma prima -quando studiava l'AIDS- era un prezzolato servo al servizio delle kattive multinazionali del farmaco? No, perche' questo e' il giudizio di molti "alternativi" che pensano che l'AIDS non esista sul Nobel francese.

MISTERO ha detto...

Libertà..

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney
"...No, perche' questo e' il giudizio di molti "alternativi" che pensano che l'AIDS non esista sul Nobel francese..."

Anche tu dunque lo pensi? Non capisco perchè svii di continuo. Io chiedo a te. Sei tu che pensi di lasciare la parola agli esperti, o sbaglio?
Montagnier, comunque, sta facendo ricerche, se non ho capito male, di tipo batteriologico (o virologico?) sull'acqua, studiando il riprodursi di alcuni microorganismi in un'acqua che dovrebbe esserne priva. Ci mettiamo Rubbia a fare queste ricerche, secondo te? Casomai un fisico servirà forse per aiutare a capire il meccanismo, ma per studiare la realtà dell'effetto, che diamine c'entra?
E tutti gli altri medici che seguono le sue teorie, o anche più fantasiose (ne conosco qualcuno personalmente), come li consideriamo? Hanno studiato, si sono laureati, praticano, magari vincono il Nobel...però...ma che cavolate sparano, accidenti! Meno male che ci sei tu, che ne capisci assai di più di loro (esattamente come ipotizza l'articolo che hai linkato ;-) ), che li snobbi e li perculi. Saranno anche esperti, ma esperti che sbagliano, ovviamente e a un occhio sveglio e di capacità superiore alla media questo non può sfuggire.
Facciamo così: tutti quelli che la pensano come te sono esperti, li altri no e non se ne parli più! Evvai!
Non ti viene il sospetto che quell'articolo parlasse ANCHE alle tue orecchie?

Alessandro Pagnini ha detto...

Ah...per me l'AIDS esiste ed è legato al virus HIV e per adesso mi sono sempre vaccinato tranquillamente. Domani potrei cambiare idea, ma la mia posizione attualmente è questa. Tanto per chiarire.....

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
"Infine: Montagnier e' un idolo quando si ­parla di acqua informata, ma prima -quand­o studiava l'AIDS- era un prezzolato servo al servizio delle kattive multinazionali del farmaco? No, perche' questo e' il giudizio di molti "alternativi" che pensan­o che l'AIDS non esista sul Nobel francese."
Vedo che hai sempre voglia di buttarla in ciaciara su argomenti nuovi...
Sì, Montagnier è uno dei cattivi che ha aiutato a mettere su l'enorme truffa assassina dell'AIDS, poi però si è pentito ed ha dichiarato che l'AIDS si risolve banalmente migliorando le condizioni di vita degli africani, insomma è diventato buono. Per la comunità scientifica ovviamente è diventato fesso.
Hai imparato qualcosa da questa vicenda? No, a quanto pare...

Andrea ha detto...

"Puoi rispondere tramite il tuo blog o puoi scrivere una mail e vieni automaticamente messo in contatto con Renati, decidete poi voi cosa e come."

Grazie per la disponibilità, in ogni caso.

"Il fatto che la QED mi dia una spiegazione valida o meno, questo non significa che un fenomeno avvenga o non avvenga, il fenomeno c'è ed è ben documentato, quello che manca è la spiegazione."

Ma guarda, ti do anche ragione in linea di principio. Nel senso è assolutamente vero che non ha moltissima importanza, davanti a un fenomeno, se la spiegazione teorica esiste o meno nella determinazione dell'avvenimento del fenomeno.
Il ruolo dello scienziato è anche (forse persino soprattutto), trovare nuove spiegazioni a inspiegati fenomeni. E se la QED dia una buona spiegazione o meno, e se le persone che vendono o costruiscono l'oggetto (senza averlo inventato) ne sanno poco o niente non importa molto.

Tuttavia mi preme di specificare due cose:
1- Se la costruzione teorica non ha moltissima importanza per determinare se un fenomeno esista o meno, ha comunque un ruolo molto specifico che è innegabile. Infatti se è decisamente normale per la scienza trovarsi davanti a dati sperimentali non spiegati e attualmente non spiegabili, non è affatto normale trovarsi davanti a fatti che la teoria determina impossibili. C'è una differenza, ad esempio fra l'osservazione della superconduttività (1911, spiegata teoricamente solo nel '57 valendo il secondo premio Nobel a Bardeen e il primo a Cooper e Schrieffer) e la magia di qualcosa che non emetterebbe campi e-m ma influisce l'acqua su decine e centinaia di mq. E' la diffrenza fra un fenomeno nuovo e inspiegabile, e un fenomeno che avremmo dovuto vedere in qualche salsa nei nostri centinaia di anni di studi oramai quasi completi della teoria e-m ma non vediamo. Con la teoria EM spieghiamo cose con 27 (VENTISETTE) virgole di precisione (ed è il motivo per cui possiamo inviare milioni di bytes/s con pochi mW senza attaccarci a un filo) eppure ci sarebbe sfuggito qualcosa di così macroscopico come l'etere o il fatto che si può propagare "qualcosa" senza campi o energia?
Idem con un'altro fenomeno un po' bislacco: un conto è un fenomeno nuovo e inspiegabile come il "proton puzzle" che ho già accennato, ma come mai dopo 100 anni che facciamo esperimenti sotto fascio, che studiamo le reazioni nucleari in reattori, in bombe, nel Big Bang, nel Sole...etc... qualcuno arriva a dirci che esiste qualcosa di così macroscopico che dovrebbe influenzare TUTTO il precedente ma che noi non abbiamo mai visto?

Se così fosse, non potremmo dire nulla a proposito di niente.
Sarebbe benissimo equivalente a incontrare una persona per strada che ti chiama:
- Adolfo! Quanto tempo!
- Ma guarda, io mi chiamo Andrea Rampado.
- Tu ti chiami e ti sei sempre chiamato Adolfo Gambastorta
- No guarda, io mi chiamo Andrea Rampado
- Nono, ti sei sbagliato. Sei Adolfo Gambastorta!
- Ma saprò pure il mio nome!
- Io ti sto chiamando in modo diverso, questo è un dato ineluttabile, quindi evidentemente no!
- Guarda chiediamo a mia mamma...
- Mente
- Ma come fa a mentire mia mamma?
- Tua mamma non ha mai mentito in vita sua?
- Beh... qualche volta magari...
- Allora può mentire anche su questo!
- Non mi pare possibile proprio su questo...
- Come no? Te lo sto dicendo io! Sta a te chiarire come mai tua madre menta proprio sul tuo nome.
- Vabbeh comunque non posso essermi sempre chiamato "Adolfo Gambastorta"! Pensa che mi ricordo molto bene l'appello delle elementari "Lucrezi, Pellegrino, Rampado, Rovati..."
- Invece sì, ti sono stati impiantati dei falsi ricordi...
- Ho un certificato di nascita che ha scritto "Andrea Rampado"
- Non è tuo, o è falso. Tu ti chiami Adolfo Gambastorta quindi quello non può essere il tuo certificato di nascita, ti pare?

(...continua...)

Andrea ha detto...

Ora, ti chiami Adolfo o Andrea? Solo perché hai un nuovo dato (una persona ti sta chiamando Adolfo!) ti metti buttare a mare tutto il resto della tua storia personale, o prendi per pazzo o burlone chi insiste in quel modo?
Filosoficamente la prima posizione si chiama "Scetticismo Radicale", ma non può essere usata per fare scienza, o industria, o qualsiasi cosa non sia una vita dissoluta.

Per il resto delle persone, esattamente come una persona per strada che ti chiama Adolfo, non rende di te un Adolfo, un dato sperimentale, ammesso che esista, non rende teorie validissime di colpo sbagliate.
O questo dato va rimpinguato per formare una consistente descrizione di dove e come la teoria corrente si scolla con la realtà, e come mai tale scollamento non è stato osservato prima (ad esempio se lo straniero per strada ti fornisse foto assieme, un giornale scolastico col tuo nome "Adolfo"...etc...), oppure non è affatto un dato!

2- Abbiamo due idee mooolto diverse di quello che significa "ben documentato". In scienza e quando si osservano nuovi fenomeni ben documentato significa un fenomeno minimo che è possibile osservare da ogni angolazione richiesta. Sicuramente non è definibile "ben documentato" un oggetto che non si sa da cosa sia composto, non si sa cosa e come emetta, e che dovrebbe agire su un fenomeno estremamente complesso come la capillarità dell'acqua o depositi calcarei in un modo non precisato.

Ora non sono un ingegnere, quindi non pretendo di comprendere un eventuale fenomeno di questa portata nella sua totalità, potrebbero essere cambi stagionali come altri fattori ambientali o intrinseci così come potrebbe essere che ci sia un effetto indubitabile da quello che ne posso sapere io. Però per essere "ben documentato" tale effetto dovrebbe quanto meno essere investigato super partes in condizioni controllate (non in edifici fatti e finiti ma in muri simulati in laboratori termo- e idro-regolati), raccogliendo dati statisticamente significativi (quindi non UN controllo e UN attivo, ma X controlli per stabilire la deviazione standard della misura che si vuole effettuare e poi il punto attivo per vedere se risiede >5 sigma dalla std e >99% di livello di confidenza) da persone che sanno cosa stanno facendo (perché se chi dice di inventarsi reattori nucleari non conosce l'energia di emissione del picco più famoso della sorgente di calibrazione più famosa... come posso io fidarmi?).
Inoltre mi aspetto che chi l'abbia costruito veramente dovrebbe poter saltar fuori con un possibile test ben più rigido se veramente il fenomeno esiste. la mia battuta sul microonde non era casuale: se è un effetto e-m, perché non metterlo in risonanza in una gabbia di Faraday e osservare gli effetti in piastrine di prova?

Sai, c'è sempre l'altra "spina nel fianco" che rivendicazioni eccezionali richiedano prove eccezionali...

Barney ha detto...

@Silvio:
Per la comunità scientifica ovviamente è diventato fesso.

Questo lo dici tu. Per la comunita' scientifica rimane un grande biologo, e un pessimo fisico quantistico.


@Andrea.
Scommetto che con tutto quello che hai scritto Vice si concentrera' su "Adolfo". Hai sbagliato nome, sappilo. Grave errore...
Per gli esperimenti sull'umidita' di risalita, come ho gia' detto (ma anche questo e' passato in cavalleria, qua c'e' una capacita' di non vedere le info importanti e di concentrarsi sui particolari insignificanti che rizzati...) c'e' un progetto finanziato dalla Commissione Europea che tratta esattamente di quello, con campagna sperimentale in fase di setup. Coinvolge anche il CNR, appena ho tempo gli scrivo.

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
"Per la comunità scientifica ovviamente [Luc Montagnier] è ­diventato fesso.
Questo lo dici tu. Per la comunita' scien­tifica rimane un grande biologo, e un pes­simo fisico quantistico."
Quindi tu lo consideri un grande biologo?
Quindi sei d'accordo su quello che lui dice sull'AIDS?
"In un'intervista[4] del 14 marzo 2010, Luc Montagnier rilascia alcune dichiarazioni accolte con sorpresa e cautela dalla comunità scientifica, nelle quali afferma come sarebbe possibile, a suo dire, eradicare il virus dell'HIV agendo in modo simultaneo su più fronti: con un corretto schema nutrizionale, eliminando lo stress ossidativo, migliorando le misure igieniche, instaurando una corretta flora intestinale.
Dopo la sua intervista alla trasmissione "Le Iene", dove affermava che anche un bacioprofondo poteva essere causa di trasmissione dell'HIV, o anche uno starnuto, molte associazioni si lamentarono, quindi la settimana successiva fu intervistata, come diverso punto di vista, Alessandra Cerioli, Presidente della Lega italiana per la lotta contro l'AIDS .[5]"
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Luc_Montagnier
A me sembra che la comunità scientifica lo consideri fesso proprio come biologo...

MISTERO ha detto...

@Idini
Purtroppo non ci siamo, il primo esempio che riporti non è attinente con il caso in questione, mi spiace che hai perso del tempo per scriverlo, ma parti dall'assunto sbagliato.
In merito al secondo punto ho già scritto, inutile commentarlo ulteriormente, rileggi quanto ho scritto in precedenza e troverai la mia risposta.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney
"...Per la comunita' scientifica rimane un grande biologo, e un pessimo fisico quantistico.."

E, mi ripeto sperando che giovi, per verificare se c'è presenza microbica in un campione di acqua, prima e dopo un certo trattamento, chi è più qualificato, un biologo o un fisico quantistico?

Barney ha detto...

Pagnini: ovviamente un biologo :-)

Il problema e' che lo stesso biologo poi non dovrebbe teorizzare PERCHE' in quell'acqua non vi siano microrganismi, massimamente se la cosa NON implica una teoria biologica, ma fa ampio uso della Quantum Field Theory...

Ma poi Montagnier incontra Del Giudice e si incaponisce a spiegare con le teorie di quest' ultimo un esperimento di anni prima i cui risultati sono molto probabilmente dovuti ad errore.
Questo e' l'articolo sulle onde EM e il DNA, scritto con Del Giudice. E' citato anche Josephson (per le giunzioni che gli hanno fatto prendere il Nobel :-)), e ti spiega come le informazioni lasciate dal DNA in acqua si possono trasmettere senza fili ad altre provette.

Questo esperimento e' stato preso ad esempio per il supporto dell'omeopatia (e vorei anche vedere. Fosse vero, ecco qua la spiegazione). La teoria che ci sta sotto e' quella di Del Giudice, mai accettata ne' provata dalla fisica "mainstream", ma il punto IMVHO e' un altro (continua)

Barney ha detto...

Il punto e' che secondo le affermazioni di Montagnier le molecole di acqua possono -dopo essere venute in contatto con il DNA di un virus o un batterio cattivi- trasmettere quelle informazioni, e addirittura queste informazioni si possono registrare con semplici bobine di rame, trasformare in file .wav e trasmettere su Internet a distanza.
Ricevuto il .wav, lo riproduci in un'altra bobina accanto ad una boccetta d'acqua ultrapura e riesci a trasmettere le informazioni del DNA della prima boccetta.

Io penso di essere una persona ragionevole e apertissima in campo scientifico (ti assicuro che per lavoro vedo ben altro rispetto alle bischerate che spara Rossi), ma robe cosi' non fanno che dare ragione a chi voleva dare a Montagnier anche l'igNobel, dopo il Nobel.

Una volta Daniele disse che lui non crede a tutto-tutto, ricordo che disse che secondo lui non potra' mai piovere Coca cola. Ecco, io ritengo questa cosa della pioggia frizzante molto piu' probabile della roba di Montagnier sull'acqua informatizzata.

Chiudo con una citazione da un articolo critico su Luc Montagnier (ma che si applica a tutti i Nobel che "le sparano grosse" DOPO aver preso il Nobel...):
Nobel Prize winners often feel a sense that they are freed to dream thoughts that others cannot. That is, on balance, a good thing. Science can make huge strides when people are able to think the unthinkable. But all Nobel unthinkable thoughts need not be true. In fact, very few will be. We need to be on our guard against those that exploit the false authority of the Nobel Laureate and examine all scientific claims with equal dispassion.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney

Quindi possiamo concludere che Montagnier è ampiamente qualificato e credibile per poter verificare un fenomeno, che appare misterioso e inspiegabile, ma travalica le sue competenze quando pretende di costruirgli intorno una certa teoria?

Bene, allora fermiamoci al primo punto. Il fenomeno è abbastanza credibile ed estremamente sorprendente e merita quantomeno approfondimenti. Le spiegazioni verranno poi, come diceva anche Andrea qualche post più su.
Quindi (perolomeno) l'acqua potrebbe avere comportamenti inaspettati? Direi che la risposta è sì, a questo punto.
Potrebbe questo avere a che fare con l'omeopatia? Mah...difficle dirlo, ma certamente apre degli spiragli di credibilità in più, visto che si dimostrerebbe, nel caso, che alcune proprietà dell'acqua estremamente sorprendenti, particolarmente in campo biologico, non sono ancora note.
Fermiamoci solo qui, ovvero ai fatti, e lasciamo fare le teorie a contorno di essi. Diciamo che per adesso non abbiamo spiegazioni convincenti.
Quanto sopra basterebbe e avanzerebbe per dare uno scossone importante a tutto il settore di competenza di Montagnier (lasciamo fare la fisica, ripeto) e difatti.....Montagnier viene perculato alla grande e si dice che sta facendo 'bad science'.
Ti sembra una cosa intelligente ignorare un fenomeno perchè le teorie avanzate per spiegarlo APPAIONO (poi il tempo dirà se veramente lo erano) impossibili?
Quindi se ci fosse un novello Gesù capace di resuscitare i morti e attribuisse tale sua capacità alla preghiera, siccome per molti questo sarebbe assolutamente incredibile, si ignorerebbero anche i fatti e i vari redivivi non potrebbero riavere il loro bel certificato di esistenza in vita (ecco a cosa serviva! :-D )? Bella logica!
Ovviamente la spiegazione è che NON si crede, o non si vuol credere, al fatto in sè, punto e basta, e nel caso di Montagnier e di chi lavora con lui, non si crede alla parola di persone che dovrebbero essere ritenute esperte e qualificate.
Praticamente c'è un cherry picking degli esperti. Quelli controcorrente perdono automaticamente tale qualifica e quindi chi gli presta orecchio è uno sprovveduto che si fa incantare e non ascolta il monito degli esperti VERI, cioè quelli iscritti all'albo (che dovrò informarmi dove si trova per evitare di far brutte figure contraddicendo qualcuno degli iscritti ;-) ) che qualcuno gestisce, inserendovi o depennandovi i vari nominativi.
Questo per sottolineare come in realtà non valga se quello che viene fatto e detto proviene da fonte autorevole, ma semplicemente se è in linea con i paradigmi imperanti al momento. Si torna sempre lì!

bertoldo ha detto...

e intanto il altri lidi ricompare l'etere non etilico : http://www.altrogiornale.org/la-fisica-e-a-una-svolta-storica-ma-pochissimi-se-ne-sono-accorti/

bertoldo ha detto...

ora manca solo che dicono che la ricombinazione dell'idrogeno da monoatomico in molecola h2 è sufficentemente veloce da intrappolare una parte di etere e voilà

Hermano Tobia ha detto...

@bertoldo
Penso che questo brevetto ti piacerà :)

http://www.google.com/patents/US20150027433

Alessandro Pagnini ha detto...

OT

Grandina che par pagata! :-(

Daniele Passerini ha detto...

@Bertoldo
L'articolo di Scala è encomiabile da tutti i punti di vista... sopratutto da quello di "unire i puntini" NEL MODO GIUSTO. Grazie per averlo condiviso.
Per non parlare della conclusione - da incorniciare - impietosamente vera nel descrivere il ruolo che in Italia hanno i difensori dell'ortodossia accademica (in questo blog ne abbiamo giusto un paio, da preservare e proteggere con ogni cura, visto che sono destinati ad estinguersi), i cicappini senza arte nè parte, a parte la boria della loro supponenza ecc. gli pseudo-giornalisti pseudo-scientifici con claps di esaltati al seguito, più vicini al mondo del disagio mentale che della scienza ecc.:
"...una triste profezia: alcuni italiani figureranno tra i primi nomi in queste scoperte, ma tutti proverranno da contesti di ricerca che operano fuori dal nostro paese e non per mancanza di finanziamenti, ma per una tendenza tutta italiana a privilegiare ed esaltare il peggio e la mediocrità in tutti i settori, allontanando innovazione, capacità e inventiva."

MISTERO ha detto...

Grazie Berto. :-)

Daniele, i puntini li collega bene anche Nevanlinna, ma serve l'ottusità pretestuosa ed egoiga di DeChisciotte per smuoverlo. Non ho mai visto tanti calci nel c*** partire e andare a segno in un concentrato di poche righe (punto A e B) in tanti anni di forum.

Va detto però che Silvio si era adoperato..
Tutti si sono fatti intimidire e nessuno ha mai controllato la qualità dei dati - strano scoprire oggi che tali banche non sono né precise né complete, e non in irrilevanti dettagli ma nella sostanza.

E con questo si mette la parola fine al blog di Franchini.

Barney ha detto...

e con questo si mette la perola fine al blog di Franchini

Cribbio, questa me la segno. Vai, Vice! Facce Tàrza!

Tornando al bussolo magnetico, hai mica dato un'occhiata perlappunto alle obiezioni di Andrea sull'annullamento dei dipoli, in un commento proprio da Franchini?

Cosi', perche' la logica abbia almeno una possibilita' di vittoria non dico contro la meccanica quantistica risublimata, ma almeno contro la fuffa e i "ricercatori indipendenti"...

[va bene avere il cervello aperto, ma se poi vi casca in terra son dolori...]

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
hai mica dato un'occhiata perlappunto alle obiezioni di Andrea

Si si, l'ho letta è quella in cui prepara il c**o di DeChisciotte nella giusta posizione dove casualmente passava Nevanlinna con una nuvola di calci..

Per una volta devo darle torto. Lei si concentra sulle energie quando le hanno dato un chiaro indizio che il meccanismo d'azione è legato all'informazione.

Mi chiedo su che cosa vi attaccherete ancora, non vi è rimasto poi molto, tornate ad occuparvi di maghi e fatucchiere??
Eravate bravini con questi, il fatturato grazie a voi è aumentato fino a 8,1 miliardi, poi vi siete montati la testa e vi siete dati alla scienza..

domenico canino ha detto...

@ bertoldo e daniele
Ottimo l'articolo linkato e veramente intelligente la conlcusione di Sala sottolineata da Daniele. Io spero che questo non accadrà solo nel campo della fisica, ma in molti altri settori! Basterà che una generazione di accademici legati alle loro baronie lasci il passo a qualche giovane meritevole che però non gli abbia fatto da portaborse. Lo spero sopratutto per la parte ch emi riguarda, la ricerca archeologica, che soffre di ortodossia patolologica e istemi di catalogazione rigidi ed irrazionali. Io spero di dare presto un mio piccolo contributo, avendo questa settimana registrato con la Rai un piccolo doc speciale Voyager che spera di mettere uno spot sull'archeologia di confine che è certamente molto più intrigante dei soliti dejavu. Ad maiora.

MISTERO ha detto...

@Giovanni Cesaretti
Sei solo un misero bulletto da quattro soldi, che ha bisogno del branco per sentirsi uomo.

A me sembra che il conforto del branco lo cerchi tu scrivendo da Oca (dove piangi e ti disperi), su Cobraf (dove non ti caga di striscio nessuno), da Franchini (dove vista la magra degli ultimi tempi e il mostruoso calo degli interventi, almeno un po di visibilità ce l'hai)...

Strano perché qui non sei solo, ti abbiamo scritto un post proprio per aiutarti e tu scappi altrove, tipico comportamento da gregario ingrato e fedigrafonico.. :-))

MISTERO ha detto...

@Domenico
Ti sto seguendo con grandissimo interesse sul tuo FB!!
Sei un Mito.. ;-)

domenico canino ha detto...

@Mistero
So che ci divertiremo un pò a vedere le reazioni dei sommi professori dell'accademia, opportunamente stuzzicati...

MISTERO ha detto...

@Franchini
Io non do credito a nessuno, tantomeno a lei e alle banche dati [CIT. Nevanlinna Scarichi: "http://bang.berkeley.edu/wp-content/uploads/nd_needs_whitepaper_102615-merged.pdf" e vada all'appendice A [pag. 44 del PDF], che permette di entrare nel merito delle banche dati nucleari, quello con cui avete rotto i zebedei per anni come esempio di precisione e realtà.
Tutti si sono fatti intimidire e nessuno ha mai controllato la qualità dei dati - strano scoprire oggi che tali banche non sono né precise né complete, e non in irrilevanti dettagli ma nella sostanza.
].
Ci sono continui aggiornamenti in chimica, soprattutto sui fenomeni connessi all'acqua. L'unica cosa che possiamo fare è tenerci aggiornati; referenziare che nei testi di chimica, dai quali prende a piene mani, non c'è scritto quanto oggi viene scoperto è una banale ovvietà.

MISTERO ha detto...

opportunamente stuzzicati...

Il più bel lavoro del Mondo ;-)

Alessandro Pagnini ha detto...

Toh....non mi sarei aspettato una così devastante rampogna da nevanlinna. A volte la realtà supera veramente la fantasia. Piacere di vedere che si conferma coraggiosamente fuori dal coro, comunque. Un plauso! :-)

Hermano Tobia ha detto...

@domenico
Incuriosito da Mistero, ti ho inviato anch'io una richiesta di amicizia su FB ..

MISTERO ha detto...

@Ale
Non mi ha sorpreso, mi ha stupito, ripeto non ho mai visto un concentrato di calci ben piazzati come in quel intervento in 18 anni di forum.
Gli animi sono extremamente accesi e molte spine stanno uscendo naturalmente, ben venga.

Andrea ha detto...

Cioè la mitica Bomba di questo Nevanlinna sarebbe che c'è da ancora da scoprire in Fisica Nucleare?

Ma dai... pensavate davvero che mi pagassero per trollare?

C'è ancora di più da scoprire sulla gravità, qualcuno desidera sperimentare lanciandosi dal balcone?

MISTERO ha detto...

@Hermano
Ti prego non rispondere, mi prendo tutta la responsabilità.
Il dr. Tuscolana (ex DeChisciotte) non capisce che scherzando...Gli scherzi e le battute prima o poi tornano indietro.

E' talmente gonfio (di calci nel sedere) di se che per argomentare usa troppo, nella sua dialettica ,la derisione e la battuta (ignorante e capra) che non si rende conto quando di-viene oggetto lui stesso di pari derisione. Nevanlinna deve averlo pistato un po troppo e con il c*** in pappa non connette più..

No, la verità è che solo lui può definire che cosa è scienza e cosa non lo è, come solo lui può definire che cosa è uno scherzo o una presa in giro e che cosa non lo è.
Dobbiamo utilizzare la carta bollata e i timbri quando scriviamo, mi raccomando Hermano, il DeChisciotte ha il monopolio di scherzi e scienza.
Renzi, su suo suggerimento, sta preparando in segreto una tassa per questo. :-))

Che peccato, un non scienziato (ma vorrei tanto esserlo) un non imprenditore (ma vorrei tanto esserlo), un padre (deriso pure dai suoi figli), perso nel suo stesso ego..
Mi sa che dedico un altro post al Dr.Tuscolana che perso nelle sue derisioni e scherzetti da BULLO (vedi 1° Aprile il photoshop), si perde il piacere delle nuove pubblicazioni su WoW, Ralstonia, Piezo, etc.. Se le perde eh, mica fa finta che non ci siano..
:-))))))

MISTERO ha detto...

@Capra
Cioè la mitica Bomba di questo Nevanlinna sarebbe che c'è da ancora da scoprire in Fisica Nucleare?

E' talmente banale che per risponderti mi devo rivolgere ad un quasi mio pari, una capra.
Da capra tibetana, ho capito perfettamente quanto sostiene Nevanlinna (lo sostiene da anni) e per fartelo capire meglio cito sempre lui:
Lì c'è tutto lo spazio necessario per le eccezioni che vuole [rigorosamente classiche, ovviamente], e senza invocare la nuova fisica e le scemenze dei cantinari.

E cioè tutto ciò che non è scritto nelle banche nucleari, tutto ciò che è scritto con gravi errori a volte, o con gravi mancanze o/e errori di misura, lascia uno spazio enorme alle reazioni nucleari a debole energia senza dover riscrivere la fisica o nuove teorie. Ergo chi cita le banche nucleari per dimostrare l'inconsistenza e/o inesistenza delle LENR fa un gravissimo errore.

Questo ha scritto Nevanlinna, se sbaglio chiaramente mi correggerà pistandomi come un DeChisciotte e farò ammenda.

C'è ancora di più da scoprire sulla gravità, qualcuno desidera sperimentare lanciandosi dal balcone?

Lo scienziato sei tu, è un tuo diritto buttarti, noi prendiamo le misure con DeChisciotte che è bravissimo, fidati.

Andrea ha detto...

"Lascia uno spazio enorme alle reazioni nucleari a debole energia senza dover riscrivere la fisica o nuove teorie"

No, non lo lascia, e dopo tanti anni dovreste averlo capito che state ripetutamente dicendo la gente di buttarsi dal balcone.

MISTERO ha detto...

Eh?
Noi stiamo dicendo alla gente di buttarsi dal balcone?
Tu sei fuori come un balcone e con te chi la pensa come te.

MISTERO ha detto...

Si ho letto grazie Hermano.
Però così, aprire la scatoletta per poi dire che non funziona, non mi sembra una gran furbata. Neppure il peggior ingegnere del mondo avrebbe fatto una cazzata simile, contento lui. A me sembra che sta facendo di tutto per farsi dire che con lui il test non lo fanno e avrebbero ragione secondo me..
Ecco la foto che ha postato DeChisciotte del dispositivo aperto:
http://www.cobraf.com/showimage.php?image=/forum/immagini/R_123625409_1.png

A occhio sembrerebbe un Ecodry, ma se non lo scrive lui potrebbe essere qualsiasi cosa; Genié, ecopol, biodry (no questo no), domodry, etc.. Dalla forma non penso sia un Quantum..

MISTERO ha detto...

@Emidio Laureti
Perché te la prendi con me?
Ho semplicemente riportato un punto importante scritto da Nevanlinna e l'ho commentato, che ho fatto di male da beccarmi in sequenza:

-Idiota
-Paranoide
-Scemo col botto
-Bugiardo
-Bugiardo che mente sapendo di mentire (bugiardo al quadrato o al cubo?)
-Allucinato
-Semi-allucinato
-Ciarlatano
-Falsario
-Asino
-Finto-ingegnere
-Truffatore

In solo 16 righe di un commento wordpress, non male.
Poi cosa farai, mi vieni a trovare con maschera di acciaio e alabarda spaziale?
Se posso, un po di sale inglese non ti farebbe poi tanto male, anzi..

Yoda ha detto...

@ Mistero, Hermano, chiunque possa rispondere

Premetto che negli ultimi tempi ho letto poco e con difficoltà il blog perchè trovo che ci siano troppe polemiche, attacchi personali e offese che non mi piacciono. Tuttavia, dato che sono molto interessato all’argomento deumidificazione, provo a chiedere quello che forse mi è sfuggito tra i vari commenti: qualcuno ha un’idea di come vengono realizzati questi dispositivi per la deumidificazione mediante onde elettromagnetiche? Che tipo di frequenze, potenza, ecc.? Sui siti internet dei rivenditori ovviamente non c’è scritto niente e lo comprendo visto che ci sarà un brevetto e con questo vogliono guadagnarci. Ci sarà qualcuno che ha fatto qualche pubblicazione scientifica per verificare il fenomeno?
Come ho già detto in un'altro post, sono molto scettico a riguardo ma non nascondo che mi piacerebbe provare a giocare un po’ con questi dispositivi. Avrei in mente alcuni set up per fare delle verifiche a costo quasi zero (controllo della risalita in condizioni controllate con misure visive, metodi geoelettrici, ecc) tuttavia, dato che non ho intenzione di spendere 800 € o più per l’apparecchio e visto che la tecnologia è apparentemente molto semplice da realizzare, chiedo se avete qualche informazione da condividere, senza violare le leggi del brevetto naturalmente ;-)

Andrea ha detto...

Non sono io a suggerire cose fisicamente irrealizzabili... ;)

Fare confusione fra enhancement factor e sezioni d'urto (dato l'enhancement factor di 2, quanto è la sezione d'urto?) anche se decisamente più comprensibile in quanto estremamente specialistico, nel mondo nucleare è tale e quale a far confusione fra l'alto e il basso nel mondo gravitazionale.

La legge di gravità attrae, e non respinge, due corpi dotati di massa.
La sezione d'urto tende esponenzialmente a zero per energie molto piccole. Quanto fa 0*400%? *

Sostenere che la sezione d'urto diventa enorme a energie microscopiche in condizioni magiche è ESATTAMENTE come sostenere che la gravità respinga in condizioni magiche.

Ci si può sbagliare, come ho detto è un ambito specialistico, è più che perdonabile perdersi fra i tecnicismi di cui non si ha dimestichezza...
Ma dopo un po', continuando a postare vaccate su vaccate su vaccate, fraintendendo in continuazione per anni e anni e anni... si dovrebbe cogliere:
Per quanto tempo ancora dovrai saltare e muovere le braccia sperando di spiccare il volo confidando che la gravità diventi, per una volta, repulsiva? (ma al punto giusto, non vorrai mica finire in stratosfera).

Io capisco sia bello sognare di volare, ma qui mi rammarico perché vedo tanta passione e potenziale sprecati nel dar retta a santoni che dicono di volare con la forza del pensiero, sostenendo che gli aerei sono faccenda del passato e presto voleremo tutti con le mutande sopra i pantaloni.

Fondare un aeroclub, invece?

*Appendice per veri intenditori.
Nell'articolo riportato da Nevanlinna, uno di quegli articoli che secondo voi: chemadonnalereazioniabassaenergia enhancementfactor!!!!
Si riportano delle formule molto chiare.
Qualcuno si è mai sprecato a controllare cavolo dicono quantitativamente quelle formule che dovrebbero dimostrare quanto spazio ci sia a bassa energia?

L'ho fatto io per voi inserendo i numeri per la reazione di fusione DD, ecco il link: https://www.wolframalpha.com/input/?i=linear-log+plot+1%2FSqrt(x(x+%2B+0.3))*e%5E(%E2%88%92Sqrt(986%2F(x+%2B+0.3))+)*x*e%5E(-31+Sqrt(4%2Fx)+),+x%3D0,+20

se non funziona copia incollate questa stringa su wolframalpha.com
linear-log plot 1/Sqrt(x(x + 0.3))*e^(−Sqrt(986/(x + 0.3)) )*x*e^(-31 Sqrt(4/x) ), x=0, 20

l'asse delle x è in keV, l'asse delle y la sezione d'urto in SCALA LOGARITMICA, secondo quell'articolo Nevanlinnesco che dovrebbe dimostrare a tutti quanto spazio ci sia.
Lo vedete quanto spazio c'è?
Moltiplicate per 4 10^-39 che trovate a 1keV (temperatura equivalente a 10 milioni di gradi) e cosa ottenete? comunque 30 ordini di grandezza in meno della sezione d'urto a 20 keV (che è già piccola).
E guardate con che bell'andamento quasi da esponenziale esponenziato! (ovvero x^(x^x), provate a cambiare x e metterlo da 0, 1 KeV e vedete che bei numeri per 100 eV).

Sì è proprio vero, c'è un grosso problema in fisica nucleare: il nostro metro può valere 1 o 4 (o pure peggio, garantito!), e può essere un grosso problema quando si vole essere precisi progettando reattori o esperimenti o investigando proprietà stellari. Avete quindi ben chiaro perché sto devolvendo anni della mia vita a studiare questo (ora proprio reazioni nucleari a bassa energia) anziché fare i soldi in banca.

Ma qua non si sta discutendo di 1 o 4 metri, ma letteralmente di metri contro miliardi di miliardi di miliardi di miliardi di anni luce.

Capisco che sia difficile abituarsi a certi numeri, ma fidatevi che è molto, molto, molto più impossibile fisicamente che spiccare il volo agitando le braccia.

MISTERO ha detto...

@Yoda
Leggendo i vari siti, produttori, etc, penso che il fenomeno non sia prodotto da onde elettromagnetiche, se così fosse le certificazioni di emissività a norma sarebbero false.. Sparo, forse ha a che fare più con la radionica, ma per me è arabo.
Tutti i prodotti sono simili (vedi foto di Raman postata sopra con il link) differiscono Polopposto (dichiarano un polimagnete) e Aquapol che ha una geometria particolare anche se ha sempre delle bobine in rame, vedi foto
http://aquapol.unas.cz/img/pristroj4.jpg
http://www.tzb-info.cz/docu/clanky/0028/002894o1.jpg

Quantum penso che sia molto simile alla foto di Raman, ma per sicurezza chiedo sperando che mi rispondano.

Con l'occasione potrei metterti in contato con Vantangoli e Renati, per definire dei test (ovviamente anche Hermano se disponibile) se sono disponibili. Vorrebbero il coinvolgimento di un ENTE e/o università, quindi non posso prometterti nulla.
Hai il mio indirizzo mail?
Eventualmente scrivi a Daniele.

MISTERO ha detto...

@DeChisciotte
Certo che non mi sento tranquillo, sto mettendo personalmente garanzia che non ostante sei un testa di cavolo rompicoj..., gogliardico spacca marroni, sei una persona onesta e corretta per tutto ciò che riguarda la scienza.

No mi pare però, da quello che scrivi e quello che riporti, che possiamo stare tranquilli.
Mi hai già deluso profondamente una volta (Celani bugiardo), cercarmela una seconda e trovarla, sarebbe proprio da idiota, non concordi?

Stai facendo tutto tu, dai dei bufalari, degli dioti, riporti esempi sui campi magnetici ovvi per dimostrare con ragionamenti ovvi che quei dispositivi non possono funzionare, posti foto di dispositivi smontati lasciando intendere che ci saranno delle sorprese (ovviamente negative), poi cosa pretendi?
Il bacio accademico e lingua in bocca?

A fronte di immediata disponibilità a fare dei test seri con l'unica condizione di avere anche un ENTE o una Università, disponibilità che di per se da già un positivo punteggio nel bufalometro.

A me sembra proprio che tu non vuoi fare il test, magari mi sbaglio, ma se tu la smettessi di fare lo stronzo sbruffone, magari saremmo già partiti da un bel pezzo.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Yoda

"...trovo che ci siano troppe polemiche, attacchi personali e offese che non mi piacciono. ..."

Condivido! Preferirei i toni fossero diversi :-(

MISTERO ha detto...

Effetto Čerenkov!
Alla faccia dell'energia pulita.
Mah..

Alessandro Pagnini ha detto...

@Mistero
Chi è codesto russo?

Alessandro Pagnini ha detto...

Sembra che Rossi abbia pubblicato dei dati sull'E-CAT Quark X, ma non riesco a capire dove siano. Qualcuno ha un link?

Andrea Michielin ha detto...

Ciao a tutti!

@Alessandro: ecat-quark-x-preliminary-report-findings

SPAXIO ha detto...

@Alessandro Pagnini

http://ecat.com/news/ecat-quark-x-preliminary-report-findings

Andrea Michielin ha detto...

Si "parla" di COP 200, se ho ben interpretato quelle due righe (visto il master in capranesimo tibetano che ho da poco raggiunto!)!
Certo, saremmo anche stufi delle sole parole... :)

vincenzo da torino ha detto...

Mi sembra COP 20 di elettricità(0,5W entrata,0-10W uscita), oltre calore e luce bleu. Avrei bisogno di maggiori spiegazioni da tecnici. Grazie

Daniele Passerini ha detto...

Dimensions:
- length 30 mm
- diam 1 mm

Ehhh?!?!?!
Come dire che in una manciata d'anni Rossi avrebbe scalato/miniaturizzato l'hot-cat di un ordine di grandezza nel diametro e di due nella lunghezza????? (sic?!?!?!)
O.o

THIS IS NOT A THIRD PARTY REPORT AND ALL THE MEASUREMENTS HAVE BEEN MADE BY ANDREA ROSSI AND HIS TEAM. THEREFORE THESE RESULTS CANNOT BE CONSIDERED AT ANY EFFECT OTHER THAN AN INTERNAL PROCESS CONTROL, NOTHING MORE

THIS IS NOT A THIRD PARTY REPORT. IT IS AN INTERNAL REPORT RELATED TO MEASURES MADE BY LEONARDO CORPORATION

Beh, c'è un limite a tutto: stavolta - anche concedendo a Rossi tutta la fiducia del mondo - questi suoi nuovi "claims" risultano veramente pari a chiacchiere senza alcun valore... :(((

MISTERO ha detto...

@Ale
La luce blu nel report di Rossi:
Extremely interesting is the blue light, the analysis of which has resolved theoretical problems related to the roots of the effect.

E l'effetto Čerenkov, https://it.wikipedia.org/wiki/Effetto_%C4%8Cerenkov

Rossi scrive che grazie a questo fenomeno hanno risolto il problema teorico degli E-Catzxy..

Solo che, ammette in questo modo di produrre radiazioni.

Difficile tenersi in casa un gingillo del genere, no?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Andrea e Spaxio

Grazie,anche se nel frattempo san google me lo aveva trovato :-)

Notevole! A chiacchiere andiamo fortissimo, anche perchè 100W da un aggeggino di mm 30X1 sono veramente tanta roba. Se ora seguisse qualche fatto, io sarei anche ansioso di stappare la famosa bottiglia. Vedi mai che invece me la fanno stappare gli azzurri di EURO 2016! ;-)

Ah....per quanto inadatti e 'caproni tibetanoni' quelli del Rossi's racing team non possono aver toppato più di tanto una misura con COP 200, quindi credo ancora di più che l'ipotesi corretta sia quella che io e Mario condividiamo: O funziona, o è una truffa. All'errore, come mi pare ipotizzi Barney, non riesco proprio a credere. Per me funziona, ma certo, almeno per adesso, non mi danno granchè di conferme, chiacchiere a parte.

Daniele Passerini ha detto...

P.S. Non posso in alcun modo tornare a interessarmi al blog in questo periodo... ma non potevo tenermi per me il disappunto che ho provato all'apertura del link che avete lasciato. Un caro saluto a tutti.

MISTERO ha detto...

@Andrea Idini
Fosse vero, facciamo una ipotesi assurda, cioè che effetivamente quella luce blu del nuovo E-cat di Rossi è l'effetto Čerenkov, come si potrebbe spiegare una nuova teoria o meglio, essendo l'effetto Čerenkov noto e studiato da sempre per i fenomeni nucleari noti, possiamo dire che non serve nessuna nuova teoria per spiegare il fenomeno Rossi e che di fatto il fenomeno Rossi non esiste?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mistero

"...Solo che, ammette in questo modo di produrre radiazioni..."

Purtroppo, il sospetto che l'E-CAT sia completamente scevro dalla produzione di qualcosa di poco raccomandabile, è più che lecito. Del resto Rossi ha sempre fatto cortina fumogena su questo, limitandosi a dire che non ci sono emissioni rilevabili FUORI dall'E-CAT. Continuo a ritenere NON impossibile e neppure improbabile che i COP 2,5 o 3 se non meno, 'generosamente' misurati a Lugano, siano dovuti anche a questo problema. Nessun autosostentamento, che potenzialmente poteva degenerare in un runaway che avrebbe rivelato la natura non intrinsecamente amichevole del reattorino. Insomma, credo abbiano misurato un E-CAT col freno a mano tirato, per ottenere una validazione dell'effetto, senza creare allarmismi. Speriamo bene, ma non sono tanto ottimista sull'utilizzo casalingo dell'E-CAT. Credo che questo sia uno dei problemi che affligge Rossi da sempre e al quale egli cerca di porre inutilmente rimedio da tempo, con l'unica via percorribile trovata nelle 'schermature', oppure in COP al limite della decenza.

MISTERO ha detto...

@Ale
Se non ho capito male, quel COP 200 NON è ENERGIA ELETTRICA, è la somma di calore, luce ed energia elettrica e quest'ultima è solo un 10%, quindi già si ridimensiona il tutto.
La molta energia luminosa può essere convertita con dei pannelli FV, come propongono qui i "concorrenti" di Rossi:
http://brilliantlightpower.com/

Mi sembrano tantine come complicazioni per sfruttare il nuovo fuoco!
Senza dimenticare che la luce è prodotta dal passaggio di particelle cariche nel mezzo di reazione, particelle che bene non fanno se non vengono schermate, di fatto quindi abbiamo un reattore nucleare non PULITO!

MISTERO ha detto...

Credo che questo sia uno dei problemi che affligge Rossi da sempre e al quale egli cerca di porre inutilmente rimedio da tempo, con l'unica via percorribile trovata nelle 'schermature', oppure in COP al limite della decenza.

Non solo affligge Rossi, ma anche e soprattutto gli investitori, non ti pare?
Investi per un prodotto che viene presentato come innoquo e pronto per il mercato e poi ti accorgi che il mercato diventa piccolo piccolo piccolo piccolo e soprattutto legato al vecchio sistema di centralizzazione con tutto ciò che esso comporta..
Io m'incazzerei come una bestia, come investitore intendo.
Il K.I.S.S., ricordi?
;-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mistero
"...Se non ho capito male, quel COP 200 NON è ENERGIA ELETTRICA, è la somma di calore, luce ed energia elettrica e quest'ultima è solo un 10%, quindi già si ridimensiona il tutto...."

Anch'io l'ho capita così, ma io ci farei un firmone subito per quelle prestazioni. Lasciamo stare l'energia elettrica per adesso, che alla fin fine è un insperato cadeu, visto che fino a poco fa si parlava di doverla ottenere con una conversione termolelettrica tradizionale, ma solo quella luminosa e termica sono da leccarsi i baffi. Il problema sono le eventuali 'sporcizie' rilasciate. Quelle mi preoccupano di più, ma più che altro nell'ottica casaling.

Alessandro Pagnini ha detto...

casalingA....mi son mangiato una 'a' ;-)

vincenzo da torino ha detto...

Si ritorna alle radiazioni! Rossi nei primi tempi aveva affermato che esistevano in forma talmente debole che venivano assorbiti dal fondo del "coso" e contribuiva al riscaldamento. Poi ha sempre negato che vi fossero radiazioni.Cerco di capire. Bisogna vedere se le prime affermazioni di Rossi fossero frutto di sperimentazione vera oppure di semplice deduzione a prova di una reazione nucleare vera. Per queste affermazioni di presenza di radiazioni Rossi subì severe ispezioni. Probabilmente la conseguenza fu che egli per evitare guai pubblicamente sempre negò una reazione nucleare per rassicurare. Come è possibile questo cambio di registro. Credo, forse, per il fatto che queste radiazioni venendo assorbite non lasciano tracce e quindi tanto valeva negarle per convenienza.Indovino? Ho l'impressione che Rossi sia che neghi sia che confermi possa avere problemi o di spiegazione teorica del fenomeno o di allarme per la sicurezza.Boh!

Yoda ha detto...

@ Alessandro
"...credo ancora di più che l'ipotesi corretta sia quella che io e Mario condividiamo: O funziona, o è una truffa"

a questo punto condivido anch'io il vostro pensiero. Troppo tempo è trascorso e troppe prove sono state fatte per poter essere degli errori di misura e poi ogni volta Rossi rincara sempre di più la dose. Verrebbe da dire che aumenta sempre di più il tiro per mettere a durissima prova i believers o per farsi sbeffeggiare con maggiore forza dagli unbelievers. Perchè lo fa?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Yoda
"... Perchè lo fa? ..."

Ci vuole stressare, quel disgraziato! :-D

MISTERO ha detto...

@Daniele
Non posso in alcun modo tornare a interessarmi al blog in questo periodo...

Non avvevo visto il tuo intervento, ci siamo sovrapposti e l'ho ritrovato su Cobraf ovviamente manipolato in negativo..

Ti faccio i migliori auguri, che tutto vada per il meglio e tutto si risolva, ti sono vicino.

Daniele Passerini ha detto...

@MISTERO
Non ho tempo per preoccuparmi di chi non merita: manipolassero pure quel che gli pare e buon pro gli faccia.
Grazie mille per gli auguri... questo è decisamente un anno horribilis per la mia famiglia, ma stiamo andando avanti.
Un abbraccio

vincenzo da torino ha detto...

Certo, una "cosetta" da mm 30X1 che sia possibile costruire e dare in uscita 100W è cosa difficile da digerire. Sarebbe bene che ora Rossi dia qualche spiegazione in più. Il rischio è la perdita di credibilità.Mah!

Silvio Caggia ha detto...

@Daniele Passerini
"Beh, c'è un limite a tutto: stavolta - anche concedendo a Rossi tutta la fiducia del mondo - questi suoi nuovi "claims" risultano veramente pari a chiacchiere senza alcun valore... :((("
A me sembrano coerenti con tutto il passato, non capisco il tuo disappunto... ma non mi aspetto una risposta, ognuno è libero di avere il disappunto che vuole.
Però, di fronte a uno che ti mette un chiaro disclaimer, lamentarsi del disclaimer mi sembra poco sensato...

Silvio Caggia ha detto...

@Mistero
"Alla faccia dell'energia pulita.
Mah.."
Certo che è pulita: non hai scorie radioattive, non inquini l'ambiente...
Volevi anche poterci entrare dentro incolume?!?
Non ti sembra di pretendere un po' troppo?

MISTERO ha detto...

Certo che è pulita: non hai scorie radioattive, non inquini l'ambiente...
Volevi anche poterci entrare dentro incolume?!?
Non ti sembra di pretendere un po' troppo?


Mi sembra solo di aver fatto una constatazione, basata su una ipotesi fra l'altro.

Forse, magari, come sempre, non lo so, non lo posso sapere, ma leggendo quella specie di comunicato stampa autoreferenziato l'unica cosa che a me è parsa voler comunicare è la luce blu che ha permesso a lui e non si sa a chi altro di formulare una teoria.

Dei COP, veri non veri, precisi, sbagliati, ipotizzati, inventanti, chissà; di certo salta all'occhio:
Extremely interesting is the blue light, the analysis of which has resolved theoretical problems related to the roots of the effect.

Perché anche il più idiota dei fisici nucleari o ingegneri nucleari o chimici nucleari che seguono da anni questa vicenda, con tutto il dovuto rispetto per ogni categoria citata, ha pensato all'effetto Čerenkov.

Lo ha scritto perchè voleva che si pensasse questo.
Non può averlo scritto per sbaglio senza citare appunto l'effetto Čerenkov, pensando che nessuno lo avrebbe pensato o immaginato.
Lo ha scritto perché non è vero?
Lo ha scritto perché è vero?
Lo ha scritto senza immaginare la correlazione con l'emissione di radiazioni che sarebbe stata poi evidentemente ipotizzata?
E' un idiota?

Nevanlinna, sempre ben informato, ha prontamente escluso questa possibilità citando un'altra frase del comunicato stampa autoreferenziato:

NOTE: THE PHOTO HAS BEEN MANIPULATED TO FORBID HIGH DEFINITION.The colors have been partially obscured. The light is much more intense.

Perché?
.....................

Perché poi ha sostenuto che il colore non è blu e che Rossi scrive il falso. Ha farfugliato qualcosa in merito al colore che, con l'antico metodo chimico "saggio alla fiamma", permette di capire l'elemento chimico in base al colore della fiamma.

Se non ricordo male il blu intenso alla fiamma è il Cobalto (non a fiamma busen libera, ma su perla di Borace), che c'entra?
Ah, non è blu e quindi è stato alterato il colore originale, che poteva essere?
Um metallo alcalino o un metallo alcalino terroso, quindi:
Litio (rosso carminio), sodio (giallo arancio), potassio (violetto), stronzio (rosso scarlato), rame (verde), bario (verde giallo), calcio (rosso giallastro).

Non mi intendo di fotografia, ma alterare una foto, gialla, verde, rossa o violetta (il potassio da una fiamma di colore violetto molto tenue, in decine di prove alla fiamma è l'unico elemento che non sono mai riuscito a vedere bene), per quale scopo, fosse anche possibile, ripeto non sono un esperto di photoshop.
Voleva camuffare la presenza del Litio, rosso carminio intenso (molto bello da vedere tra l'altro), perché?
Sappiamo già che utilizza anche il Litio.

Faccio prima ad inventarmela, la foto.
Perchè complicare sempre tutto, perché?

Secondo me, vero o falso che sia, lui voleva proprio farci pensare all'effetto Čerenkov.
Ripeto, vero o falso che sia, altre ipotesi camellate sono e rimangono solo ipotesi camellate, ma non di certo quello che lui ha scritto chiaramente.

E ti ripeto Silvio, se veramente si tratta di effetto Čerenkov, Rossi ha un bel po di problemi e questo spiegherebbe molte cose, forse non tutte, ma tante assai.

MISTERO ha detto...

p.s. qualcuno può chiedergli se si tratta di effetto Čerenkov?

MISTERO ha detto...

"Quantum+Čerenkov"
http://journals.aps.org/prx/abstract/10.1103/PhysRevX.6.011006

http://www.nature.com/nphys/journal/v12/n1/full/nphys3639.html

Solo per riportarne alcuni..

E-CatQ > Quantum < luce blu < Čerenkov

K.I.S.S.

Silvio Caggia ha detto...

@Mistero
Scusa, ma cosa ti aspettavi producessero delle particelle alfa ad alta energia?

Alessandro Pagnini ha detto...

Sono d'accordo con Silvio che quanto ci racconta oggi Rossi conferma quanto é andato sostenendo fino a ieri. Che poi sia vero é un altro paio di maniche. E comunque lo e-cat resterebbe potenzialmente pulito, salvo schermarlo forse anche pesantemente. Dubito che sia un giocattolo da tenere in casa. Anche le raccomandazioni di me356 sembrano andare in direzione della cautela

domenico canino ha detto...

@Alessandro
Rossi mi sembra coerente con la sua figura di inventore visionario che gioca a fare Dio. Ha già in mano un prodotto come il vecchio e-cat che ha un COP 50 ed è sufficientemente stabile e schermato, ed invece di metterlo in massa sul mercato, si mette a giocare al piccolo fisico nucleare e tira fuori qualcosa di ancora più strabiliante e difficile da digerire. Si è fissato con la teoria, vuole fare anche il teorico nucleare in competizione con il CERN. Mi permetto di suggerire, fai tutti gli esperimenti che vuoi, ma intanto metti sul mercato ed in massa il vecchio gatto, che per noi sarebbe già una rivoluzione. Il vero obbiettivo di noi utenti è avere un prodotto concreto e funzionante sul mercato. Ma forse ce lo darà prima ME365, o qualcun altro, ma non Rossi.

Robbins ha detto...

"Perché complicare sempre tutto?"

Già, perché?

Supponiamo che dalla collaborazione tra due soci scappi fuori un risultato e che i soci, in un secondo momento, si separino.

Il risultato è noto a entrambi, perché la separazione non cancella la conoscenza.

Allora il socio più debole lo rende pubblico in modo da danneggiare il socio più forte, il quale da quel momento non è più in grado di raccogliere fondi sulla base dell'esclusiva.

domenico canino ha detto...

@Robbins
Ci avevo pensato anch'io. Sono d'accordo. Lo ha tirato fuori per dire a IH e finanziatori, il vero game-changer ce l'ho solo io, voi mi avete "rubato" il know how del vecchio gatto, ma il nuovo è molto più interessante ed avanzato, ERGO senza di me non andate da nessuna parte e non raccoglierete più fondi sul mercato. Datemi i schei direbbe balasso.

Andrea ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Andrea ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Silvio Caggia ha detto...

@Domenico Canino
Guarda che secondo Rossi l'e-cat precedente è in produzione e vendita. Sempre ad uso industriale ovviamente, e senza una rete di vendita in questo momento visti i litigi con IH, e senza una robotized factory, ma ha ordini e ne stanno producendo....

Andrea ha detto...

Mi ero promesso di non scrivere dal cellulare ma...
Vi sembra un'atteggiamento saggio e costruttivo partire subito per un altro giro di giostra parlando di cose che non conoscete?
Fra l'altro subito dopo aver dimostrato che parlando di cose che non si conoscono di rischia di sbagliare di miliardi di miliardi di miliardi di miliardi di volte?

vincenzo da torino ha detto...

@Silvio.Rimane un punto interrogativo il fatto che Rossi non pensi a fare produzione di massa con l'e-cat calore già sperimentato. Infatti dice che per fine anno ne consegnerà solo 2-3 credo allo stesso cliente dell'esperimento. Secondo me ora che ha in mano l'e-catQX vuole buttarsi solo su questo, anche se , come dice lui, ha ancora delle criticità. Spera di avere il via dal suo patner per l'e-catQX ed abbandonare l'altro e così fregare subito IH e magari altri. Da una parte vedo Rossi che freme per uscire sul mercato, dall'altra lo vedo concentrato sulla "cosetta" di cui è super innamorato.E ci tiene tutti tirati e confusi. Mah. Mi sono dato fine 2016 come termine e credo che Rossi per quella data uscirà allo scoperto.Ormai non può più nascondersi per troppo tempo

Silvio Caggia ha detto...

@Idini
Hai ragione, è risaputo che la luce blu fa malissimo alla salute...
http://www.illuminotecnica.com/la-luce-a-led-sarebbe-dannosa-tutta-colpa-della-componente-blu.html

L'unica a cui fa bene è Patty Pravo:
Finché vivevo da sola,
ero una grande signora,
non mi mancava nessuna
delle cose che adesso ho
vivevo come la luna
tra fasi alterne e calanti
ed esplosioni crescenti
di fantastica luce blu.

Finché vivevo da sola,
ero una donna sicura,
non mi mancava nessuna
delle cose che adesso ho
vivevo come la luna
tra fasi alterne e calanti
ed esplosioni crescenti
di una fantastica luce blu.
so che la luce riflessa
tutta la mia bellezza,
tutta la mia bellezza,
tutta la mia bellezza.

Quando vivevo da sola,
ero una donna sincera,
e non avevo bisogno
di mentire la verità
vivevo come la luna
tra fasi alterne e calanti
ed esplosioni crescenti
di una fantastica luce blu
so che la luce riflessa
tutta la mia bellezza
ma non aveva importanza,
ma non aveva importanza.

Finché vivevo da sola,
ero una grande signora,
non mi mancava nessuna
delle cose che adesso ho.

Silvio Caggia ha detto...

@Vincenzo da Torino
Nel sistema economico in cui viviamo non puoi fare investimenti enormi per produrre per primo qualcosa se sai che sei mesi dopo può arrivare un altro che propone una versione migliore...
La strategia di Rossi è di arrivare ad un prodotto per cui non convenga essere secondi, e solo allora far partire la mass production. Lo ha sempre detto.

Silvio Caggia ha detto...

@Idini
"Cherenkov = particelle ad alta ­energia= è segno di massiccia RADIAZIONE"
Appunto: particelle alfa ad alta energia. Come sapevamo già da tempo.

Alessandro Pagnini ha detto...

Concordo con Robbins. Mi concedo la possibilità della 'variante Domenico', ovvero che al momento Rossi abbia, o stia cercando di far credere di avere, un certo vantaggio, il che lo porterebbe in una posizione di maggiore forza contrattuale nel suo braccio di ferro, secondo me ancora in atto e dagli esiti incerti, potenzialmente anche riconciliatori. Detto fra noi, non sono neppure tanto orientato a credere che abbia nuovi partner così entusiasti e danarosi da permettergli di iniziare una produzione di massa e metter su la famosa fabbrica coi robot della ABB, che ormai è una fissa per Rossi. Rossi è un virtuoso del bluff e questo vale anche per le dichiarazioni avventurose di prodotti già in commercio (se se li montano lui e Fabiani, come con il 'meccano', forse sì ;-) ), perchè finchè non interviene pesantemente un nuovo finanziatore, a Rossi manca la liquidità necessaria per iniziare una attività industriale.

Andrea ha detto...

Caggia,
Ti sembra un'atteggiamento saggio e costruttivo partire subito per un altro giro di giostra parlando, nuovamente, di cose che non conosci?

vincenzo da torino ha detto...

@Silvio. Potrebbe essere giusta l'idea e la necessità di superare e battere sul mercato IH che ha comunque la tecnologia dell'e-cat calore con un prodotto che lo renda obsoleto. A patto che IH non sappia nulla della nuova cosetta. Questo non lo sappiamo, ma è probabile.Da molto tempo Rossi parlava della miniatirizzazione come possibile e molto pratica.Allora vuol dire che Rossi voglia costruire tutto con il solo ecat QX con la doppia caratteristica del calore e energia elettrica. Sarebbe una favola per le industrie. Ma ha anche detto che per ora l'ecatQX non è ancora un prodotto industriale per le molte criticità. Quindi i tempi sono purtroppo ...lunghi.Può essere che Rossi voglia anche aspettare la fine del contenzioso per regolarsi. Certo, se vi è accordo, come penso, ma dubito molto, le cose vanno spedite. Se non vi è accordo Rossi dovrà temere sempre qualche sorpresa da parte di IH e non sarà mai tranquillo.Quindi punterà solo sul ecatQX. Tempi duri per noi e Rossi.

gabriele ha detto...

Ciao Vincenzo,

non capisco :-)

"...se vi è accordo, come penso, ma dubito molto..."

Ritieni più probabile che l'accordo ci sarà o ritieni più probabile che l'accordo non ci sarà?

:)

gabriele, che più che altro approfitta di tanto in tanto di queste occasioni lievi per rimarcare che *tutte* le nuove informazioni che si ricevono lato ecat confermano la mia idea iniziale; così, giusto per.

MISTERO ha detto...

June 15, 2016 at 6:27 AM
Hi Andrea, the blu light from E-CatQX is Čerenkov effect?


Andrea Rossi
June 15, 2016 at 7:23 AM

MISTERO:
We have understood what the blue halo is and I think we have resolved the theoretical issue. To be checked, obviously, with further study, probably in collaboration with Norman Cook.


Chiaro no?

vincenzo da torino ha detto...

@Gabriele.E' prassi tra i contendenti in Usa cercare un accordo extragiudiziale, quando gli interessi dei contendenti , grazie al lavoro degli avvocati, vengono sufficientemente tutelati.Un processo mette in piazza troppi particolari ed è, oltre molto costoso,dannoso per l'immagine pubblica dei contendenti. Non comprendendo quale sia il comportamento di IH in tutta la faccenda è difficile sapere che decisione verrà presa. Io propendo per il processo richiesto sopratutto da Rossi che deve tutelare il suo IP e non si fida in nessun modo di IH. Un processo lo tutela meglio di ogni accordo preliminare e gli rende giustizia nella sostanza e nell'immagine.

vincenzo da torino ha detto...

@Mistero. Quindi forti radiazioni? Rossi non ha risposto in modo affermativo e chiaro.Sa benissimo che forti radiazioni comprometterebbe l'uscita sul mercato della "cosetta" se contemporaneamente non trova soluzioni di mascheramento sicuro o produzione radiazioni a livelli minimi ed assorbibili facilmente. Non sono un tecnico ed oltre non so andare.

Andrea ha detto...

"Chiaro no?"

Chiaro per me. Ma tu sai cos'è, esattamente il Cherenkov Effect? Che energia è necessaria per generare luce Cherenkov in aria? Che potenza (non è la stessa cosa) per fare in modo risulti visibile in uno studio soleggiato?
Quante radiazioni, di che pericolosità ne conseguirebbero?

Per chiunque mastichi un minimo di numeri siamo alla fantascienza più pura, ma la giostra continua, perché c'è il rifiuto categorico a voler masticare il minimo numero.

Andrea ha detto...

Silvio: non mi pare che nessuno abbia mai fornito uno spettro alfa, nel caso ci fosse stato la questione sarebbe conclusa da tempo. Inoltre sai che energia deve avere un alfa per generare luce Cherenkov in aria?

domenico canino ha detto...

Notiziola dalla Svezia.
Bobcat Sweden (ottimi miniescavatori) ha donato al MFMP con il suo team leader Greenieer 10.000 euro per comprare attrezzature come un buon rivelatore di neutroni e coprire altre spese (spero) per raggiungere me365 e fare un esperimento insieme. E' ormai solo da lì che vengono le mie speranze, perchè Rossi ormai è nelle mani di chi mette soldi grossi, e gli daranno corda solo se gioca nel laboratorio al piccolo fisico, ma se prova a mettere qualcosa sul mercato, lo stoppano. Sono troppo vecchio per credere alle favole, è meglio che ci riesca qualcun altro, sennò stiamo qui sulla riva del fiume sino al 2050, dove sarà il fantasma di Rossi a dirigere gli esperimenti in seduta SPIRITICA.

vincenzo da torino ha detto...

@Domenico. Non essere così pessimista su Rossi.Non sono più giovane anch'io eppure credo che vedrò sfrecciare auto elettriche con e-cat tra 6-10 anni. A volte le cose ci sembrano impossibili solo perchè non ne abbiamo conoscenza diretta. Rossi non è un furfante ne un visionario. Meglio:è uno concreto come imprenditore e allo stesso tempo ha visioni di un futuro prossimo realizzabile.Nella sua vita grandiosa e travagliata ha fatto molti errori sicuramente per sua stessa ammissione, ma è sincero e non bleffa. Io ci credo per come lo ho potuto intuire dal suo blog. Credo che alla fine avremo le nostre soddisfazioni. Non sono vendicativo, ma credo che qualche rivincita ce la potremo godere. Tempo al tempo. Mi ha stupito lo stop di Daniele.

Silvio Caggia ha detto...

@Andrea Idini
Ti sembra un atteggiamento saggio e costruttivo partire subito per un altro giro di giostra parlando, nuovamente, di cose che non conosci? (Intendo l'e-cat ovviamente)

MISTERO ha detto...

@Idini
Che energia è necessaria per generare luce Cherenkov in aria?

Non lo sappiamo questo, quando uscirà, se mai uscirà un rapporto dettagliato, potremo fare due conti in croce, ma ti do ragione.

Per chiunque mastichi un minimo di numeri siamo alla fantascienza più pura

Molte cose sono passate per le visioni fantascientiche di molti autori prima di diventare scienza, quindi non mi stupisco e non mi meto le mani sui capelli.

Chiaro per me. Ma tu sai cos'è, esattamente il Cherenkov Effect?
Penso proprio di si, ma il mio "chiaro no?" era sarcastico.

@xTutti
Siamo arrivati quasi alla fine del protocollo per il test Quantum, Hermano lo sta revisionando.
Tra i molti tecnici informatici qui presenti, abbiamo bisogno di definire un controllo in remoto di webcam e metterla on-line in live, servono suggerimenti su come fare e che possibilmente non costi nulla o quasi.

Silvio Caggia ha detto...

@Andrea Idinini
Ho parlato io di effetto Čerenkov nell'e-cat o tu?
Se TU pensi che ci sia un effetto Čerenkov con forte radiazione IO ti ho fatto notare che la radiazione principale INTERNA all'e-cat è quella Alfa.
Se non è quello che pensi, cosa volevi dire?

Andrea ha detto...

"Ti sembra un atteggiamento saggio e costruttivo partire subito per un altro giro di giostra parlando, nuovamente, di cose che non conosci? (Intendo l'e-cat ovviamente)"

Giusto perché l'ecat funziona fuori dal nostro universo e non deve rispettare le leggi fisiche dei comuni mortali.

Popopopo... agita bene le braccine! Se non chiocci bene non prendi il volo! ;)

MISTERO ha detto...

Idini, Silvio è stato gentile e ti ha spiegato, ha ragione parli di cose che non conosci e hai la pretesa di conoscere per il semplice, per te, fatto che non può esistere.
Buttarla sul sarcasmo non ti rende più intelligente ma semplicemente più ignorante. Non sei costretto a stare dalla nostra parte, ma cerca comunque di portare rispetto se vuoi discutere e magari anche riuscire ad insegnarci qualcosa, hai tutto da imparare.. ;)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Andrea
"...Giusto perché l'ecat funziona fuori dal nostro universo e non deve rispettare le leggi fisiche dei comuni mortali..."

Ovviamente l'ipotesi è che l'E-CAT estenda, corregga o renda possibile una diversa e inaspettata lettura, delle leggi fisiche attuali. Se così non fosse non ci sarebbe tutta questa 'barricata' contro. Può essere che la cosa, una volta capita non sia poi così trascendentale, se non nelle implicazioni economiche, come potrebbe aprire strade completamente nuove anche a livello di fisica teorica. Non dico che sia certamente così. L'E-CAT potrebbe anche essere un bidone megagalattico, dico che non si dovrebbe chiudere la porta a questa possibilità. I fenomeni, per avvenire, non chiedono il permesso a noi. Sta a noi capire perchè, andando noi dietro alla natura e non viceversa.

Andrea ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Andrea ha detto...

E chi dice che io sia sarcastico?
D'altronde a tali risposte:

"Ovviamente l'ipotesi è che l'E-CAT estenda, corregga o renda possibile una diversa e inaspettata lettura, delle leggi fisiche attuali"

Vien semplicemente da evidenziare come ci sia una sospensione del giudizio e della razionalità e del valore delle leggi fisiche in presenza di questo E-Cat.

Quindi perché non mettersi a pigolare e chiocciare nei pressi dell'E-Cat (ma magari basta il pensiero però), potresti VERAMENTE prendere il volo, perché è questo che LETTERALMENTE stai dicendo! Non sono sarcastico, sto solo traslitterando la tua logica a una situazione diversa (ma non più assurda, anzi.).

Vi invito a fare l'esercizio logico-linguistico di rileggervi e sostituire alle istanze "Luce Cherenkov" una istanza "volare facendo il pollo" e vedrete che la ratio rimane esattamente invariata.

Cioè qualsiasi cosa, per quanto assurda, è possibile perché lo dice Rossi mostrando un fotogramma preso da incontri ravvicinati del terzo tipo e chiunque non è esperto della "faccenda Rossi" non può capire, perché la "faccenda Rossi" non rispetta le comuni leggi naturali.
A questo punto perché non dovreste credere a me se dico che posso spiccare il volo pigolando? Sicuramente credereste a Rossi se lo dicesse, perché emettere luce Cherenkov da 50W è sicuramente fisicamente molto più difficile che prendere il volo agitando le braccia.

C'è, in altri termini, letteralmente una riverenza di stampo miracolistico-religioso, una sospensione dell'ordine naturale in favore di un processo a voi gradito, che solo gli adepti possono infine comprendere. Mi state praticamente dicendo che la prossima versione sarà l'E-Cat Sant'Antonio praticamente, perché non importa l'assurdità di una affermazione o di un processo di pensiero, quello che sappiamo per qualche motivo non vale più in presenza dello sceicco della Brianza. In altri termini vale di più la parola di Rossi delle leggi che regolano l'Universo.

Sempre sia lodato.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Andrea
"...Vien semplicemente da evidenziare come ci sia una sospensione del giudizio e della razionalità e del valore delle leggi fisiche in presenza di questo E-Cat..."

Mi spiace che cercare di parlare serenamente e costruttivamente con te si riveli sistematicamente un esercizio inutile.
Sono d'accordo sulla sospensione del giudizio, ma non della razionalità, in quanto proprio quella impone di non poter escludere 'a priori' un fenomeno che ha avuto ben 4 validazioni (discutibili, infatti c'è sempre l'incertezza)ovvero i 2 TPR e le due di Penon, l'ultima quella del test di un anno. Inoltre altri tuoi colleghi la pensano diversamente sul fenomeno e alcuni spergiurano che sia reale (facendo arrabbiare Mario ;-) ). Mi pare che la sospensione della razionalità e la fede cieca nel possedere tutte le verità e in base a quelle poter escludere un fenomeno APPARENTEMENTE rilevato, sia tutta dalla tua parte. Se non capisci di essere tu, stracerto delle tue posizioni, il più estremo believer, pazienza. Io mi tengo le mie aperture, le mie sospensioni di giudizio e il mio scetticismo, tu tieniti la tua fede incrollabile. Per me va bene e cercherò di non disturbare più i tuoi 'vespri'

Andrea ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
sono solo un misero test ha detto...

@Andrea

stai facendo una (involontaria?) gran confusione.

Di Cherenkov Rossi non ha finora mai parlato nè tantomeno scritto. L'ipotesi, come tante altre campate per aria, è stata tirata fuori da un altro commentatore che quanto a portatore di confusione non ti è secondo. E nessun altro a parte te l'ha raccolta.

Nessuno dice che ciò che dice AR sia oro colato, ma almeno tu, dato che sei uno scienziato, attieniti ai fatti, altrimenti alzi polvere.

Andrea ha detto...

Deduco che non hai svolto l'esercizio.

Oppure che hai il pregiudizio e non sei aperto all'idea che agitando le braccia si possa volare... come mai?

Forse perché credere che un agitando le braccia non si voli è fede? E' il minimo per la sanità mentale...

Tuttavia, ciò che cerco di farvi capire, è che non è che se "fare il pollo" lo chiami "effetto" e anziché parlare di spiccare il volo parli di 50W di luce da particelle superluminari, diventa più probabile, o meno folle.

Al contrario, per quanto sia più esoterico, è MOLTO più folle, MOLTO più assurdo.

E non è "fede" è semplicemente lo stesso identico principio che porta i sani a rinchiudere in manicomio chi crede di volare facendo il pollo: esistono cose che a questo mondo sono impossibili.

Poi se credi che TUTTO sia possibile, che sei scettico (nel senso filosofico del termine) allora devi altrettanto credere nel fare il pollo.

Interessante modo di lavorare, funziona?

Andrea ha detto...

"Di Cherenkov Rossi non ha finora mai parlato nè tantomeno scritto"

Forse perché non scrive mai NULLA di definitivo e parla con lo stesso tono di Do Nascimiento?
Lui rispondeva a un commento senza negare fosse Cherenkov.
A casa mia se mi chiedi "Ti piace la pasta?" e io ti rispondo "Ieri mi son fatto un piatto di tagliatelle ai funghi così sopraffine che ho chiamato mio cugino per assaggiare" vuol dire di sì, anche se non dico "Sì, certo! Infatti ieri...".

Se poi bisogna star qua ad analizzare ogni perifrasi e sintassi, allora veramente assume aspetti messianici la vicenda.

In ogni caso a me non interessa Rossi, lui fa i suoi soldi gabbando le sue persone.

Mi interessa che la gente, ivi inclusi i presenti, assuma un atteggiamento più scientifico e più critico, e che si accorga della differenza fra un atteggiamento mistico-religioso che in queste pagine è stato adottato e quello che è un atteggiamento più sano nei confronti di attività scientifiche e industriali.

Che non è possibile far cadere le armi intellettuali e arrendere ogni logica e preposizione scientifica perché si crede che in presenza di un oggetto le leggi della natura vengono sconvolte, come viene più volte ripetuto qua. Questo è misticismo della peggior specie.

Almeno i mistici promettono la vita eterna, mica gli attici a Miami...

sono solo un misero test ha detto...

@Andrea

quello che AR ha risposto a quel commento l'hai voluto interpretare tu in quel modo; manco sappiamo se ha capito la domanda. ma in ogni caso, qualsiasi cosa avesse risposto, non sarebbe stato un fatto.

I fatti, per uno scienziato, sono i TPR. Occupati di quelli, come fanno tutte le persone serie. Se ti occupi del resto, non sei uno scienziato.

Se invece vuoi dirci che sei un prete che vuol salvare le nostre coscienze dall'inferno del peccato allora va bene, continua pure.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Andrea
"...Poi se credi che TUTTO sia possibile, che sei scettico (nel senso filosofico del termine) allora devi altrettanto credere nel fare il pollo...."

Tra credere possibile e credre probabile, ci sarebbe comunque differenza. Quanti testimoni puoi portare di essere riuscito a volare? Qualcuno, magari corrotto per carità, Rossi comunque lo porta e questi ci mettono firme e misure (fatte male? Forse). Inoltre è mia personale libertà decidere nell'ambito delle possibilità, quali mi interessa approfondire e attribuire a questei una percentuale di interesse e di soggettiva credibilità.
Comunque se ti fai misurare dagli stessi dei TPR, anche se non sono qualificatissimi per l'aeronautica, mentre ti libri in volo sbattendo le braccia, penso che avrai la mia attenzione. Se c'è da corromperli, paga! Per ottenere attenzione mediatica qualche sacrificio va pur fatto! ;-)

domenico canino ha detto...

@SSUMT
La penso quasi sempre come te. Devo preoccuparmi? Qua si prendono tutti troppo sul serio. Sei il Redde Rationem del blog, molto più degli unbe. Che ne dici se invece di invece di un rivelatore di Neutroni facessimo una colletta per un rivelatore di Neuroni?

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Robbins ha detto...

Prendetelo con la scala logaritmica, il rivelatore di neuroni. Sennò non vi serve.

domenico canino ha detto...

@Robbins/Nev
Su di me è a fondo scala. Non rileva nulla. Sono solo un povero Unbe.

Andrea ha detto...

"I fatti, per uno scienziato, sono i TPR"

No, i fatti, per uno scienziato, sono motivati ben più del TPR, come ho già spiegato.

"Quanti testimoni puoi portare di essere riuscito a volare?"

Sai quanti testimoni si trovano per le cose più ridicole?
Sei disposto ad abboccare a tutti?
Ecco un mio amico mentre Levita, e ha centinaia di testimoni:
https://coscienza.org/wp-content/uploads/Levitazione.jpg

Ed ecco altre miracolose opportunità industriali:
http://www.libertas.sm/files/icone/1205_t.jpg

Famo il compendio delle cazzate?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Andrea
Darò un'occhiata ai tuoj link. Chissà che non ci sia qualcosa di interessante :-)

Alessandro Pagnini ha detto...

Lo volevate un discorsino 'new age style' sulla fisica quantistica? Et voilà ;-):

http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/stilidivita/2016/06/15/la-nostra-mente-racchiude-energia-a-noi-sconosciuta_e589cac1-154a-44ec-a60f-b4d7e970408e.html

Daniele Passerini ha detto...

Caro Alessandro,
Ben venga il Metodo De Rose, purtroppo in Italia certi discorsi circolano solo in modo "carbonaro"... di fatto CICAP da un lato e Chiesa Vaticana dall'altro qui bloccano tutto, e vedere che due estremi assoluti quali Scienza e Fede possano addirittura convergere nel DOGMATISMO è sconcertante.
Da Wikipedia (inglese obviously) qualcosa su Luis Sergio Alvares De Rosa :
https://en.m.wikipedia.org/wiki/Professor_DeRose
A proposito del post sulla meditazione che scrissi tempo fa... ;)
Grazie del link è buon weekend!

Alessandro Pagnini ha detto...

Intanto, sul fronte mainstream:

http://www.ansa.it/scienza/notizie/rubriche/energia/2016/06/17/cinque-anni-di-ritardo-per-mega-progetto-di-fusione-nucleare_43e77033-059d-43e5-8500-dcc53395088a.html

domenico canino ha detto...

@tutti
L'avvocato di Rossi il 17 giugno 2016 ha depositato la opposizione al tentativo di Darden di dismiss. Io mi sono lette le 26 pagine su e cat world, e mi sembrano ben argomentate. Sopratutto è simpatica la parte sul tentativi goffi di Misappropriations of patents, in cui si dice ovviamente che non è stato corretto cointestarsi i brevetti di Rossi, non faceva parte dell'accordo. Ora non resta che aspettare il parere del giudice, che può aprire il dibattimento in favore di Rossi od accettare l'opzione di dismiss di Darden e chiudere la cosa. Smentiti tutti quelli che dicevano di un accordo extra corte. Qua continuano a scannarsi, il game changer fa paura a tutti coloro che hanno da perderci, che a ben vedere sono la maggioranza... Ecco perchè sono sempre più pessimista: il gatto funziona e bene, ma da Rossi non lo vedremo, la sua funzione è stata di importante apripista, ma si è esposto troppo e nel modo sbagliato, altri arriveranno alla meta prima di lui.

MISTERO ha detto...

Sempre a proposito di giustizia..
Tic Tac, Tic Tac... :-)

Sylvie Coyaud ha ricevuto ieri citazione a giudizio del 9 novembre 2015, dall'Ufficio Avocazioni presso la Corte d'Appello di Torino.

Lei ovviamente continua a scherzarci sopra, ma oltre a scrivere male avocazioni (si scrive con una V, non due), non si prende la briga di capire che cosa è l'avocazione e come mai è finita li a giudizio..
Il disegno criminoso in questo caso non è solo quanto riportato dalla denuncia del Carpinteri, ma quanto emerso dalle indagini [le procure generali della Repubblica non hanno la titolarità dell'attività investigativa, tuttavia possono far proprie determinate attribuzioni mediante avocazione], il che è molto peggio.

Presto lo scoprirà, tic tac, tic tac...

«Meno recenti ‹Vecchi   1 – 200 di 310   Nuovi› Più recenti»

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails