Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

martedì 28 giugno 2016

Bella Di Bella!


Post di tre autori di 22passi.

C'è una vicenda riscoppiata recentemente che merita un approfondimento.
Il 16-06-2016 compare sul blog del Fatto Quotidiano un post a firma di un certo Dr. Bella Marco, ricercatore chimico organico dell'Università di Roma - probabile membro del CICAP e candidato al Senato Accademico - nel quale si vanta di essere riuscito a bloccare un convegno organizzato dalla Fondazione Di Bella con il patrocinio dell'Ordine dei Medici di Bologna, all'Università di Bologna il 02-07-2016 dal titolo “Molecole biologiche nella prevenzione e terapia dei tumori”.
Nel post in questione vengono scritte una serie interminabile di falsità, alcune delle quali ci siamo preoccupati di verificarle personalmente.
Scrive il Dr. Marco Bella:
La fondazione Di Bella è attiva nella diffusione del cosiddetto “metodo Di Bella”, un’inefficace forma di chemioterapia ideata dal compianto professor Luigi Di Bella, che una sperimentazione del ministero della Salute nel 1998 ha confermato essere inutile e dannosa.
Quanto sopra riportato è smentito dallo stesso Direttore del Fatto Quotidiano e dalla giornalista Milena Gabanelli su Report, come riporteremo più sotto ricopiando un ottimo contributo di Hermano Tobia.
Sempre il Dr. Marco Bella scrive:
Ho scritto quindi al Rettore dell’università di Bologna, Professor Francesco Ubertini per chiedere spiegazioni, che sono arrivate puntuali e tempestive. Il professor Mirko Degli Esposti, prorettore vicario dell’università di Bologna, mi ha spiegato la questione in modo chiaro e indiscutibile. Ha precisato che il convegno in questione è stato richiesto, ma non autorizzato da parte dell’università di Bologna (e infatti non è stato mai pubblicizzato da parte dell’ateneo) e che diversamente da come riportato l’aula di Via Belmeloro 14, Bologna, non è l’Aula Magna dell’università ma una delle tante strutture universitarie. Possiamo quindi con sollievo prendere atto che questo convegno non si terrà presso l’Università di Bologna.
Nei giorni scorsi abbiamo ricevuto via mail per conoscenza, l'autorizzazione data a suo tempo dall'Università di Bologna, in ordine:


Su richiesta della Fondazione Di Bella, la responsabile dell'Ufficio Logistico dell'Alma Mater di Bologna, risponde che avrebbero esaminato la richiesta e in caso di esito positivo e di accettazione avrebbero inviato il preventivo di spesa da sottoscrivere ed accettare, ed infatti:


 
Viene inviato il preventivo che, una volta sottoscritto e accettato, conclude l'iter della richiesta della Fondazione Di Bella con implicita accettazione dell'Alma Mater di Bologna affinché il convegno si possa svolgere.
Il preventivo è stato accettato con conseguente invio del contratto e del regolamento, quindi il Dr. Marco Bella scrive il FALSO in merito. Ma ripetiamo non sono le uniche falsità, riportiamo a seguito l'ottimo intervento di Hermano Tobia di oggi che fa una breve ed efficace sintesi:
Recentemente ha fatto scalpore l'ultima "impresa" portata avanti dai soliti noti blogger, ovvero aver cercato di impedire, con le solite tecniche di fango e di propaganda, un convegno patrocinato dall'Ordine dei Medici di Bologna sul Metodo Di Bella.

Consideriamo i seguenti fatti:

a) la sperimentazione del 1998 che ha "bocciato" il metodo è stata oggetto di critiche e rilievi molto gravi sia da parte del NAS, del Procuratore Guariniello (lo stesso che ha fatto condannare Vannoni per truffa) e di una giornalista vera e seria come la Gabanelli (1,2)

b) sono stati pubblicati su riviste peer-reviewed numerosi case report positivi sull'efficacia del metodo (3)

c) un articolo (4) dell'Università di Firenze ha dimostrato in vitro l'efficacia dei componenti principali del metodo sul cancro al seno

d) il Convegno è patrocinato dall'Ordine dei Medici, che probabilmente ne sanno di più dei blogger (che non hanno alcuna competenza in materia)

In particolare su c), di difficile gestione da parte di suddetti blogger e frettolosamente etichettato come "bufala", segnalo invece l'intervista, illuminante e che non lascia dubbi, ad uno degli Autori (5):
Però lei li ha copiati.

«Di Bella è stato il primo ad aver capito negli anni '60 e '70 che per frenare un tumore è più efficace la terapia biologica della chemioterapia».

Poteva dimostrargli la sua riconoscenza scrivendo nella biografia il cognome Di Bella.

«Io sono un sostenitore del metodo Di Bella, non sono un ladro, non ho rubato niente».

Ma è normale che per farsi accettare dalla comunità scientifica si debba negare la paternità di una scoperta?
«Non è la prima volta, il mondo è quello che è e noi ci stiamo in mezzo».

Ovvero: l'articolo riguarda proprio il Metodo Di Bella, ma non si poteva nominare perché il fango mediatico riversato su di esso in questi anni ne ha fatto un argomento tabù: "Il mondo è quello che è".

Sebbene l'efficacia del metodo valutata con gli standard EBM sia ancora controversa, mi chiedo se l'interesse della comunità di pazienti, medici e cittadini di approfondire, discutere, valutare e capire se, come e ed in che forme questo metodo può essere utile per contribuire a combattere i tumori e, nel caso, vedere come aumentarne il livello di evidenza medico/scientifica, possa essere messo in discussione da dei blogger, dal loro fango e dalla loro propaganda.
  1. http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2000/09/07/cosi-hanno-truffato-di-bella.html
  2. http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-04d3db17-54b7-4ac2-9857-8580454763a9.html
  3. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Di%20Bella%20G%5BAuthor%5D&cauthor=true&cauthor_uid=24378460
  4. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22532966
  5. http://www.ilgiornale.it/news/salute/metodo-bella-guerra-medici.html

Aggiungiamo, tra le tante testimonianze di guarigione documentate in rete con il Metodo Di Bella, una che ha un sapore intenso di giustizia, di libertà, di grande volontà a dispetto di ogni mala-interpretazione di un qualsiasi test o risultato scientifico; la testimonianza di una Donna (il maiuscolo non è un errore) testarda, caparbia, un'eroina per se stessa e per la sua dimensione e alla quale  rivolgiamo i nostri complimenti e i nostri migliori auguri di Buona Vita...

Chiara: Carcinoma al seno curato col Metodo Di Bella 

LA SCOPERTA DEL TUMORE

E sì, è così......., scoprire di avere il cancro è come un treno che ti passa sulla testa......;  "cancro"..... questa parola che ha volte si fa fatica anche a pronunciare..... per il timore che suoni come una fine
annunciata.........   E nel frastuono assordante del treno che passa perdi le coordinate....., sbandi......, annaspi alla ricerca di un appiglio, di un punto fermo......
E d'improvviso la vita che fino a ieri hai condotto nella sua quotidianità, a volte monotona ma rassicurante, ti appare in tutta la sua precarietà......  All'improvviso, paradossalmente, tutto si fa chiaro e limpido.....  e forse per la prima volta ti pare di riuscire a coglierne l'essenza stessa;   già.....   proprio nel momento in cui hai la cognizione esatta che magari stai per perderla......

Poi cominci a razionalizzare, a ricomporre i pensieri.....  sola con il referto in mano mi dico che una frase su un foglio ("carcinoma mammario duttale infiltrante con aree di carcinoma intraduttale di tipo cribriforme" - mm. 21x12, grado 1)  non può scombinarmi la vita......  a me che fino a ieri ho dato fondo a tutte le mie energie....  nessun dolore, nessun malessere (forse solo un pò di spossatezza strana negli ultimi tempi),   quindi non può essere una cosa così grave....
E invece non è così......,  me ne rendo sempre più conto dalla velocità supersonica con cui l'ospedale dove ho fatto l'esame istologico mi fissa l'appuntamento con il chirurgo in altra struttura ospedaliera più grande a cui sono collegati, solo due giorni dopo, chiamandomi più volte sul telefonino per darmi tutte le indicazioni, (però, penso...... se vogliono il SSN non funziona poi così male......!!).
E già.... bisogna agire, e agire subito.....  Mi dicono che sono già stata molto fortunata se in tre anni il nodulo ha coinvolto solo qualche linfonodo e non ha fatto altri danni..... (tre anni prima, infatti, a circa metà dimensioni,  avevo avuto una diagnosi errata, mi era stato detto che si trattava di un nodulo innocuo)  e che bisogna intervenire prima che il rischio di metastasi diventi troppo alto e imminente.
E’ inizio dicembre ’10. Ho comunicato la cosa quasi a nessuno. Vivo sola, anche se vicino alla mia famiglia d'origine,  e mi trattiene il ricordo di mio padre,  che d'improvviso torna nitidissimo nella mia mente,  morto circa dieci anni prima dello stesso male,   e nitido torna anche il ricordo di tutte le complicazioni e il travaglio degli anni precedenti..........

DOPO LA DIAGNOSI...
Le due settimane successive alla diagnosi saranno un turbinio di pensieri che si rincorrono e accavallano, e a poco valgono le rassicurazioni di quelle 3-4 persone a cui l'ho detto.
Mi sento ripetere che ormai la medicina ha fatto così tanti progressi nella cura di questo male che il mio sarà sicuramente un caso di facile soluzione;  ma io so che non è così..... ho visto persone morire a distanza di 2-3 anni o poco più, o altre che continuavano a vivere ma con qualità della vita non proprio delle migliori......,  e pochi i casi che si risolvono veramente.

A volte lo sconforto è veramente tanto.....  Avevo già avuto nella mia vita momenti non facili, dove cadi e ti rialzi;  peripezie varie e situazioni difficili.....,  ma per quanto duri e pesanti da gestire i miei pensieri erano sempre stati per cercare di trovare la soluzione più giusta,  e comunque mi sono sempre  data da fare per cercare di cavarmela e venirne fuori in qualche modo.
Ma stavolta no,  stavolta veramente mi sembra troppo da affrontare......  e in certi momenti il buio è totale....   fino a dirti che no....   stavolta proprio non ce la puoi fare.........

E' un frullare di considerazioni e pensieri che vorresti allontanare anche  solo per qualche ora,  ma non ci riesci..... non ti danno tregua.....  fino quasi a farti mancare il respiro e a toglierti lucidità......

LE CURE... L'INDECISIONE
E così,  nel frastornante sferragliare e nel rombo del treno che passa,  vado agli appuntamenti,  faccio domande,  cerco di capire il più possibile nei dettagli, e li il quadro comincia a farsi più grave anche per me:  è molto probabile, si deciderà in fase operatoria a seconda del responso istologico più completo da reperto operatorio,  una mastectomia (e non quadrectomia come avevo capito inizialmente),  con asportazione dei linfonodi ascellari  (ciò potrebbe compromettere la funzionalità del braccio)  più o meno ampia a seconda di quanti ne risulteranno coinvolti,   poi seguiranno diversi cicli di chemioterapia  oltre alla cura ormonale.
Mastectomia
Penso che il quadretto non sia per niente entusiasmante..... e poi l'idea di affrontare un intervento chirurgico senza conoscerne prima la reale entità non mi piace per niente......
Il chirurgo,  nonostante minimizzi sui possibili effetti collaterali e complicanze dell'asportazione dei linfonodi e della chemioterapia  (mi assicura con tono tranquillo e trionfale che comunque nel giro di un anno o poco più ne sarò fuori)  e  il mio non esternare,  capisce che il percorso che mi ha prospettato non mi piace affatto........  e al secondo colloquio,  con toni ancor più rassicuranti,  mi dice che,  valutato anche il risultato dell'esame immunoistochimico,  si può optare per dei cicli di chemio da fare prima dell'operazione  in modo da ridurre la massa tumorale  e fare poi un intervento chirurgico meno invasivo,  e poi ancora cicli di chemio per neutralizzare eventuali cellule tumorali residue e scongiurare quindi eventuali recidive.
A fine colloquio, e messa un pò alle strette,  acconsento per l'appuntamento presso la struttura dove dovrò fare la chemio,  ma pur non lasciando trapelare le mie perplessità (aveva già cambiato programma),  non sono affatto convinta neanche di questo percorso.

Non avevo recepito bene l'idea dell'operazione, ma non riesco a vedere come buono neanche il percorso con la chemioterapia preparatoria;  e uscendo dall'ospedale, mentre l'amica che mi ha accompagnato mi rassicura su quanto abbiamo appena ascoltato e parla, parla, parla.......  io faccio finta di crederle  ma comincio a riappropriarmi dei miei pensieri che vanno in tutt'altra direzione.......


Chemioterapia
Torno a casa, e li, nel buio della mia stanza, che i pensieri si fanno più chiari.......  NO ,  io non mi ci vedo a fare la chemio......  non riesco a immedesimarmi........ e soprattutto non la "sento" come buona;  io che ho già perso nei mesi precedenti, per altri motivi,  circa 6 kg  e che sono decisamente sottopeso.
Comincio a pensare che sopporterò male la chemio (si sa come in questi casi le reazioni possono essere molto soggettive),  che mi debiliterà oltre le normali previsioni e che arriverò all'operazione parecchio malmessa......,  e dopo sarà anche peggio..........  sia fisicamente che moralmente.........

Nonostante queste  considerazioni, vado all'appuntamento;  hanno organizzato tutto così velocemente e sembra che non ci siano altre soluzioni possibili.......  e poi mi chiamano continuamente dall'ospedale per darmi indicazioni (tutte queste attenzioni fin troppo solerti cominciano a infastidirmi........ ).   Vado comunque all'appuntamento con il medico per l'inizio della chemio (presso la struttura ospedaliera, che è appunto collegata all'ospedale in cui sono in cura, e che è appena fuori città a circa 30 km),  e sarà che sono sola e non c'è nessuno che mi accompagna e mi ripete che sto facendo la cosa migliore che c'è da fare.......  (salvo due amiche che si alternano in telefonate ma a cui non rispondo più........),  ma l'impatto è più negativo del previsto........  Tanto che al medico che mi visita,  la sua assistente intanto ha già aperto una cartella per il mio programma chemioterapico,   comincio a esternare i miei dubbi  al punto che non sa più se sono andata per iniziare la chemio come da accordi già presi con il chirurgo  oppure no.......;   anch'io lo saluto parecchio confusa e vado via alla svelta,  con in testa soltanto l'idea di allontanarmi da quel posto........,  l'ho sentito così estraneo da appena ci ho messo piede........,   ...di riacquistare calma e cercare di mettere ordine nei miei pensieri...........

L'IRRITAZIONE DEL MEDICO...
Passa neanche mezz'ora,  sto guidando per niente concentrata sulla guida,  che mi chiama di nuovo il medico-chirurgo sul cellulare;  questa volta è abbastanza irritato, dice che mi aveva dato spiegazioni ed indicazioni precise solo due giorni prima e di decidere cosa voglio fare  invece di creargli incomprensioni e problemi con il suo collega.......  Penso che ha ragione,  ma ormai la mia unica volontà  è  solo quella di  fermarmi  un attimo a pensare con calma........,  solo di prendere respiro........  Farfuglio delle scuse,  prendo tempo e saluto.
Tra l'altro mi aveva già chiamato circa 3 ore prima, mentre andavo all'appuntamento per la chemio,  per
Il bivio per la vita
dirmi che inaspettatamente si era liberato un posto-letto nel suo reparto, di approfittare di ciò altrimenti si rischiava di allungare troppo i tempi e di presentarmi la mattina dopo per il ricovero e per fare gli esami preparatori per l'operazione solo ascellare (avevamo infatti già preso accordi per questo),   per verificare quanti linfonodi erano coinvolti dalla malattia  in modo da tranquillizzarsi sul fatto  di poter effettivamente rimandare l'operazione completa  a dopo la chemio.
Io, invece, avevo già programmato per 2-3 giorni dopo con la segreteria dell'ospedale, e come da nostri accordi precedenti,  la pre-ospedalizzazione di un giorno per gli esami di rito prima dell'operazione,  in modo da rendere più limitata possibile la successiva degenza in ospedale.  Sono un pò sorpresa di questo improvviso cambio di programma,  e comunque non so se posso  (o forse non voglio.......!!)  ricoverarmi la mattina successiva,  perciò rispondo che lo ringrazio per avermi dato precedenza ma devo vedere se riesco ad organizzarmi per il giorno dopo  e forse è meglio fare  la pre-ospedalizzazione  come da programma.

Intanto di ritorno a casa sto ancora guidando......  mi rendo conto che sono troppo deconcentrata...... e forse non ne sono più in grado......  a me che guidare è sempre piaciuto e che mi rilassa come poche altre cose al mondo........!!!  Quindi mi fermo, accosto l'auto appena posso,  respiro più che posso.......  cerco di sgombrare un attimo la mente.....  per poi fare mente locale......
Decido che è il caso di informare almeno mia sorella...... e così,  vista l'ora  ormai di pausa pranzo,  la chiamo e le dico  che sto per passare dal suo lavoro.
Mi chiamerà di nuovo il chirurgo mentre parlo con lei.......  e a questo punto le dico gentilmente, ma con fermezza,  che non voglio ricoverarmi il giorno seguente  e non importa se l'operazione slitterà a data da destinarsi perdendo così giorni preziosi........
Sarà inevitabile giorni dopo e con la mente più serena, la considerazione che forse, salvando la buona fede del medico-chirurgo, quelle pressioni non erano proprio così casuali..... tutto quell'interessamento che in momenti così critici e particolari può essere rassicurante...... qualche settimana dopo diventerà quasi sospetto........

Preso un pò di tempo, e schivata la chemio  (lo sferragliare assordante e il rombo angosciante del treno che passa è però ancora troppo forte e vicino.........),   decido di consultare altri due oncologi/chirurghi tra quelli chi mi continuano a proporre le solite 2-3 persone mie amiche e che mi vengono presentati come tra i migliori,  anche se so già che non posso aspettarmi nulla di molto diverso.......;   infatti i due medici confermano la stessa tesi,  e comunque sottolineano l'urgenza dell'intervento chirurgico prima che  il male cominci a propagarsi.......  e allora si che sarà tutto più complicato......

LA PROSPETTIVA: DOPPIA MASTECTOMIA
Un terzo medico-chirurgo consultato, dietro pressioni di un'amica,  visti tutti i miei esami e referti,  mi prospetta, addirittura,  la possibilità che sia necessaria l'asportazione (ci sono anche lì dei noduli più piccoli ma di natura sospetta)   anche dell'altro seno.......  poichè, dice, sono un soggetto decisamente predisposto;  per un filo, e solo per educazione estrema, non gli volto le spalle e non lo pianto lì a metà colloquio........

UNA LUCE NEL BUIO 
Intanto è qualche giorno che comincia a farsi strada nella mia testa il nome Di Bella....,  riaffiorano ricordi lontani.......  Avevo, infatti, avuto modo di seguire molto da vicino la sperimentazione del '98 e
Il Professor Di Bella
anche di fare amare considerazioni su come si era svolta e conclusa........;   mi ricordo delle trasmissioni tv a suo tempo seguite e mi ritorna in mente il volto del  Prof. Luigi Di Bella  con la sua espressione pacata,  ma ferma e convinta  nello spiegare il  perchè  dell'efficacia del suo Metodo,  e anche che, nonostante gli attacchi di chi lo controbatteva,  spesso fin troppo "pre-confezionati"......,  mi aveva trasmesso affidabilità e competenza.
E così inizio a fare ricerche su internet  (ed è proprio il caso di dire..... per fortuna che c'è...!!).
So che il Professore è deceduto già da un pò di anni, ma mi chiedo che fine ha fatto il  suo Metodo  e se c'e ancora modo di applicarlo.
Cercando, cercando finalmente trovo il sito ufficiale  MDB,  leggo pagine di spiegazioni  medico-scientifiche del Metodo  cercando di afferrare i concetti base per quello che riesco a capire  (non sono un medico e non ho nessuna competenza specifica in merito),   ma credo di riuscire a capire,  o almeno intuire,  alcuni dei principi su cui si fonda;  e più leggo  più mi convinco  che  può  essere  la mia strada......

Intanto ho fatto la pre-ospedalizzazione come da programma, senza ancora sapere cosa esattamente fare e se dare seguito alla cosa.
L'ultima visita è con il medico-anestesista che mi ribadisce ancora una volta la gravità della mia situazione e l'urgenza estrema di intervenire subito (ormai me lo sono sentito dire così tante volte che quasi non mi fa più effetto........);  mi parla di barchette già passate  e  di quella che mi sta passando davanti  che è l'ultima  per la salvezza.......,  non gli rispondo neanche.....,   penso,  invece, che forse le  sue barchette  navigano in un mare che  non è il mio.........

Soltanto ad uno degli oncologi  che ho consultato  (di quelli sopra menzionati  per sentire altri pareri),  tra l'altro mi era stato presentato come uno dei migliori in assoluto.....,  sai,  mi avevano detto, fa parte dello staff di V. .......,  parlo, soltanto a fine visita, di  MDB  dicendo:  "in alternativa, cosa ne pensa del Metodo Di Bella"? ;   risposta lapidaria:  "è un suicidio!".
Non mi sono  mai piaciute  le risposte troppo drastiche e categoriche......,  soprattutto in campo medico e, soprattutto, per questo tipo di malattia.......   per la quale nonostante  la  "ricerca avanzata"  si è ancora in alto mare.....  senza certezza alcuna delle terapie che propone la medicina ufficiale,  e per la quale  ancora troppo spesso si  continua a morire..........;   quindi, se pur nella confusione che ancora alberga nella mia testa,  mi giunge netta la sensazione di tutta la saccenza di una risposta così categorica  e, quindi,  per niente affidabile.......
Non lo saprà mai,  ma sarò grata a  quell' "eminente" dottore  perchè mi ha spinto ancor più  a  documentarmi  su  MDB.....!!

Tra le mie amicizie, a cui ho detto della mia situazione,  sono pochissimi quelli che cercano di capire le mie considerazioni e che non mi contraddicono, anche con toni forti, cercando di  farmi cambiare opinione.
C'è chi continua a telefonarmi ripetutamente  per convincermi a ricoverarmi quanto prima  e seguire  le cure ufficiali  prima  che sia  troppo tardi.
So che lo fanno con le migliori intenzioni,  ma per me comincia a essere esasperante.......  e non li voglio più sentire.....  (con qualcuno arriverò a rompere i rapporti);   non ho bisogno delle loro ansie.......,  io ho bisogno solo di estrema tranquillità per fare una scelta........

Continuo a leggere  sul  sito ufficiale  cercando di chiarirmi il più possibile le idee, ci passo 2-3 notti, soprattutto rileggo le tabelle, se pur limitate nei numeri, del mio caso specifico e mi rendo conto che i casi che non hanno subito intervento chirurgico, e magari neppure chemio, sono quelli che hanno avuto maggior risposta......!!!!  D'altronde leggendo qua e là avevo già fatto mio il concetto di quanto la chemio possa essere dannosa e tossica per il nostro organismo minando alla base i nostri naturali sistemi di difesa.......

LA SCELTA
E  a questo punto......... LA DECISIONE.........   Mi rendo conto di essere a un bivio.........  Non è per niente facile.........   perchè comunque metti in conto tutte le incognite del caso........  e un bel pò  di confusione è ancora inevitabile........,   ma è praticamente presa.......    ed   è   la  MIA DECISIONE.........   e non può essere altrimenti..........

Ho praticamente quasi tutti contro (e per fortuna che l'ho detto a pochissime persone........!!),  pure mia sorella è molto titubante anche se è la meno scettica e qualche volta mi è un pò di sostegno (anche lei ricorda bene la sperimentazione del '98.......),   ma ormai io sono sicura dell'idea di prendermi almeno 3-4 mesi e provare con MDB, e  il mio unico pensiero  è di prendere appuntamento con  il  Prof. Giuseppe Di Bella.

LA MIA STRADA
Per un caso fortunato riesco ad averlo velocemente (intanto l'ospedale continua a chiamare......),   e l'incontro nel suo studio spazza via gli ultimi dubbi......
Controlla attentamente i miei referti,  poi tra il serio e il pacato mi  spiega la situazione  e risponde  con sintesi e chiarezza ad alcune mie domande;  spiegato così appare tutto così ovvio....;  non nasconde la gravità della malattia,  ma spiega con competenza e semplicità come affrontarla  e  come funziona MDB.   Il suo modo di esprimersi è lontano anni luce dai  toni trionfalistici e plateali degli "eminenti oncologi",   ma comunque diretto e fermo in ciò che dice,   trasmette  speranza  e positività;  ribadisce l'importanza di seguire la cura nei minimi dettagli  e, oltretutto,  traspare chiara una grande umanità.
Il Dottor Giuseppe Di Bella
Esco dal suo studio che è ormai sera inoltrata con già l'elenco dei medicinali,  e ora ne sono completamente convinta.....  E' LA MIA STRADA.......
Il viaggio di ritorno da Bologna, che dura tutta la notte, sarà memorabile.......  ma nonostante la stanchezza estrema ho finalmente riacquistato un pò di serenità.......

Il tempo di organizzarsi e un pò di giorni dopo sono di nuovo alla volta di Bologna per acquistare i farmaci.
Durante il viaggio mi chiama il primo chirurgo con cui ho parlato (quello dell'ospedale dove sarei in cura),  crede che ho cambiato ospedale e chirurgo e lo informo, invece, che ho deciso di prendermi un pò di tempo;  alla fine mi dice che lui mi ha detto e ripetuto tutto ciò che dovevo sapere, che sono adulta e cosciente della gravità della mia situazione e che quindi non mi chiamerà più, ma quando deciderò finalmente di fare ciò che c'è da fare dovrò essere io a cercarlo......  Sarà l'ultima volta che lo sento.......
Acquisto i farmaci per il primo mese di cura e la temporizzata.   Bella botta con i soldi.......  ed è solo l'inizio......,  ma ok lo stesso......  indietro non si torna!!!!

Da 2-3 mesi sono pure senza lavoro, motivo per cui, tra l'altro, avevo deciso di fare degli esami di controllo che rinviavo da tempo (e quindi la prima eco mammaria da cui è iniziato tutto...!!),  ma ho sempre lavorato e ho dei risparmi;  certo,  messi da parte tutti faticosamente e in tanti anni.......  e nei miei programmi destinati a tutt'altra impresa....

LA CURA
Finalmente ho tutti i farmaci e posso cominciare. E' passato un mese esatto da che ho avuto la diagnosi.
All'inizio sembra tutto complicato, tempi da rispettare e tante pastiglie da prendere che credi sempre di averne dimenticata qualcuna, più la macchinetta temporizzata tutta la notte, ma nel giro di una settimana o poco più diventa tutto abbastanza automatico e ci si abitua anche all'infusore da tenere attaccato così tante ore (10).
Il problema più che altro è lo stomaco, i primissimi giorni mi assale il timore di non riuscire a tollerare tutti quei farmaci, anche perchè soffro già da diversi anni di una forma di gastrite abbastanza seria, ma andando avanti anche le nausee si risolvono.
Rimarranno per un pò di tempo i problemi intestinali, faccio fatica a superarli  anche perchè sono sempre stati una mia caratteristica fisica,  ne soffrivo in maniera occasionale, praticamente da sempre;  certo così costanti sono un pò pesanti da sopportare,  e comunque, penso......,  niente in confronto alla chemioterapia e a tutti gli effetti collaterali che spesso comporta;  senza contare i tempi lunghissimi per smaltire tutta la tossicità che lascia nell'organismo.........

Il vero problema è l'ecografia di controllo da fare periodicamente.  Dopo la prima (la Dott.ssa che esegue l'esame, saputo dell'istologico e tutto il resto, quasi mi impone di ricontattare l'ospedale dove sono in cura),  decido che è meglio non parlare più di tanto della mia reale situazione.
Per la seconda eco, infatti, cambio studio,  ma il ritornello più o meno è sempre lo stesso.....,   e più o meno velatamente (ma neanche tanto....!!)  mi sento dire che devo essere fuori di testa......
 Il risultato di questa seconda ecografia sembra mostrare un accenno di riduzione (1-2 mm.),  ma avendo cambiato macchinario,  la diminuzione del nodulo non può essere certa.

Solo alla terza eco (sono già passati più di quattro mesi da inizio cura), e cambiando di nuovo studio,  trovo finalmente un medico che non mi contraddice troppo e, anzi, cerca di capire le mie motivazioni (persona di apertura mentale come poche.....!!)   e al quale, perciò,  mi sento di dire come stanno realmente le cose e della cura che sto seguendo,  senza dover subire le solite tiritere e sentirmi dire che sono pazza.......
Anche il risultato dell'ecografia comincia a dare qualche effettivo segno di riduzione (circa 2 mm. in larghezza,  3 in altezza?)  se pur con l'incognita di un diverso macchinario utilizzato e quindi senza possibilità di poter fare un raffronto certo e,  perciò,  cerco di prenderlo con la dovuta cautela...

Dopo quattro mesi devo aumentare i dosaggi di alcuni farmaci.
Il medico di base, da cui vado per i farmaci mutuabili,  che all'inizio aveva fatto di tutto per convincermi a seguire il percorso dell'ospedale (io avevo risposto dicendo che volevo provare almeno 3-4 mesi)  e che mi aveva ricordato con insistenza i grossi rischi che correvo facendo una scelta simile e lasciando passare invano anche solo quei pochi mesi....,  quasi neanche vede l'ecografia che mi porto dietro (se non altro sicuramente il nodulo non era aumentato come da sua previsione.....)   e questa volta,  visto anche che sono più che decisa a continuare con MDB,  mi parla in maniera ancora più dura e senza mezzi termini.....   praticamente mi urla che è una pazzia quella che sto facendo e che non può permettere di vedere lasciarmi andare così......  e che se vado avanti ancora un pò  in quel modo ho il tempo contato.....  si e no un anno di vita.......!!
Io rispondo che, invece, penso che il percorso che mi continua a proporre non mi salverà la vita, al massimo l'allungherà un pò e con una qualità decisamente non buona (e veramente ne sono convinta.......!!) e che, inoltre, non voglio buttare al vento quattro mesi di cura con MDB.
Riconosco le buone intenzioni del medico,  ma resto ferma e decisa nel proseguire nel mio percorso.....;   penso che magari ci vuole un pò di tempo ma che darà i suoi frutti.....;  a volte ho anche come la sensazione di "percepire" un qualche cambiamento nel mio fisico, difficile da spiegare........;  e comunque sono sempre più che convinta che è la mia strada.

Sono passati meno di sette mesi dall'inizio della cura,  qualche settimana prima ho avuto anche la prima notizia positiva dalle analisi del sangue (il marker che era alterato è rientrato nella norma!!),   e faccio la quarta ecografia  (la seconda con lo stesso macchinario).

I RISULTATI A 7 MESI DALLATERAPIA DI BELLA 
Il medico, mentre fa l'esame,  è così sconcertato che fatica a dirmi l'esito,  nel timore di non aver ben interpretato l'immagine e di dire qualcosa che potrebbe non corrispondere alla realtà.......  perchè sembra
La testimonianza di Chiara
proprio troppo per essere vera......!!!,  e ci mette un secolo mentre controlla e ricontrolla........;  responso:  dimensioni nodulo  9x6 mm.
Praticamente la  massa si  E'  RIDOTTA ALL'INCIRCA DEL 75%.........!!!!!
Il Prof. G. Di Bella confermerà il risultato anche per altri particolari importanti relativi ai cambiamenti del nodulo.

Continuo con  MDB con ulteriori, se pur con diverso andamento,  graduali riduzioni e, sorvolando sui dettagli dei mesi seguenti, a poco più di un anno e mezzo dall'inizio della cura, le dimensioni  sono:  3x2 mm.......!!!!

Intanto sto abbastanza bene  e, diminuendo un pò i dosaggi dei medicinali,  anche il senso di stanchezza che ho avuto nei mesi precendenti è diminuito;  e, soprattutto, non ho subito i pesanti effetti collaterali della chemio....,  ne tutto quello che comporta un'operazione....!!!


CURA E OSTRACISMI
Ciò che è stato decisamente pesante da affrontare, invece, è l'ostracismo ad oltranza (dopo, oltretutto, tutte le difficoltà economiche e non solo per avere i farmaci.......!!),  e lo scontrarsi con l' "ottusità"  (e mi fermo a questa definizione.....)  di certi ambienti ospedalieri, che a volte è stata veramente pesante da sopportare e da tollerare......;  ma questaè un'altra storia........

Mi viene spontanea solo una considerazione.....  e quante volte l'ho pensato in questi mesi.....
Se semplicemente si mettesse in pratica  (anche solo un pò...!)  il principio di agire "in scienza e coscienza"  (e non vorrei sbagliarmi ma credo che tutti i medici, prima di diventare tali, ne facciano giuramento.....),  senza trincerarsi dietro una burocrazia e un sistema tanto contorti quanto inutili.........,  tanti problemi che una persona con una malattia importante che sceglie una strada non convenzionale  si trova, suo malgrado, a dover affrontare, sarebbero automaticamente risolti...........


IO E IL CANCRO
Comunque, posso dire che questo percorso è stato ed è un'occasione unica per una presa di coscienza profonda riguardo al nostro essere, e al nostro essere relazionato alla malattia........   ed è stata un'incredibile esperienza di vita.
Già avevo avuto modo in passato di fare riflessioni in particolare su questa malattia (come tante persone, purtroppo, l'avevo già vissuta molto da vicino),   ma ora ne sono sempre di più convinta.......
La malattia non è mai casuale.......  ha  un  "suo perchè",   è il manifestarsi a livello fisico-materiale di un disagio più profondo.......   un disagio che il più delle volte ha origine, innanzi tutto, nella nostra psiche  (e perciò strettamente legato alla sfera emotiva)  che quanto più è forte, e quindi non arginabile dal nostro sistema immunitario che così ne viene intaccato,  tanto più troverà il suo naturale sfogo nelle cellule del nostro corpo fino a interferire, e così ad alterarli e deviarli,  con gli equilibri che presiedono alla vita stessa e che ne sono il presupposto fondamentale.
La rinascita
In quest'ottica va capita.....  e accettata.....,   ma mai va aggredita o trattata in maniera brutale e drastica.......,  in questo modo andremmo ad interrompere dei processi che, ormai innescati, devono "necessariamente" seguire  il loro "naturale decorso".......;  ciò andrebbe solo a istigarla nuovamente e,  magari dopo un'apparente e (haimè)  momentanea sconfitta,  a darle nuova forza............
Essa è parte di noi.......,   è stata "prodotta" da noi.........,  e come tale va affrontata nella maniera più naturale e "indolore" possibile,  e comunque sempre nel rispetto della vita intesa nel suo senso più ampio e globale......., in modo da poterla rimetabolizzare e così  "reintegrare" alla nostra parte sana.
E' solo dopo questo processo, che senz'altro richiede tempi più lunghi ma che proprio per questo è più  "produttivo" e garanzia di risultato,  che si può giungere ad una VERA guarigione.
In questa visione più ampia di considerare la malattia "cancro"  mettendola in relazione alla persona e al suo corpo nel loro insieme che, a mio modesto parere  (e senza entrare in questioni tecnico-scientifiche di cui non ho nessuna competenza),    si inserisce mirabilmente  il  Metodo Di Bella  e i principi medico-scientifici su cui si fonda, che va a ricostituire, a livello biologico e più profondo,  gli anelli venuti a mancare e gli equilibri saltati di meccanismi e processi cellulari.
Questo è il modo in cui l'ho percepita e vissuta..........
e non ringrazierò mai abbastanza il cielo per essere approdata, anche per fatti e coincidenze incredibilmente fortunate.......!!,  allo studio del Prof. Giuseppe Di Bella.

A volte arrivo a pensare  (non vorrei però fosse solo l'ottimismo e l'euforia del momento......!!)   che,  a dispetto di quello che ci viene detto negli ospedali  e al di là di ciò che ci induce a credere la mentalità comune.......,  è tutto così meravigliosamente semplice...........

Aggiornamento del 12-10 2012:

Salve a tutti amici del grupponesuper, vi dico i miei aggiornamenti. Pronti...??!!!
Dopo rinvii vari ho finalmente fatto la pet, risultato: il quadro pet risulta nei limiti della norma. Non c'è niente...!!!!! e sentirlo dalla voce del grande Prof. non ha prezzo.....!!!!! mi sembrava di volare.......

Aggiornamento 2016
Le pet sono sempre negative. Chiara continua la Terapia Di Bella

201 : commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   1 – 200 di 201   Nuovi›   Più recenti»
bertoldo ha detto...

bella storia da incorniciare

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Ok, mi sono turato il naso e sono andato a vedere cosa diavolo sta succedendo dentro Ocasapiens.
Bene, il collettivo che cura il "diffama-blog" più famoso d'Italia stavolta si è veramente sbracato.
Il sedicente E.K.Hornbeck ha postato 15 commenti abbastanza corposi tra le 3:48 e le 4:09 per un totale di 227 righe!!! È nelle possibilità di un essere umano tutto ciò?
Questo DIMOSTRA fuori da ogni dubbio che i commentatori "amici" di Ocasapiens - che contribuiscono al "teatrino" messo quotidianamente in scena in quel finto-blog - sono dei fake quanto lo è l'Oca stessa.
Abbiamo a che fare con un collettivo "ghost-writer" di cicappini e simili pagati a tempo pieno (a tempo perso un tale accanimento non è concepibile) per attaccare ben determinate posizioni/interessi e difenderne altre/altri, come da anni è evidente a qualunque persona onesta (strano che i redattori di Repubblica non se ne accorgano... o lo sanno?) e 22passi continua a segnalare.
Ripeto: 227 righe in 15 commenti postati in 21 minuti!!!
Anche supponendo che H.K.H. sia un super dattilografo nonché super potenziato da sostanze psicotrope illecite, nonché super esperto su ciò su cui interviene (sic!), anche concedendogli una surreale velocità di digitazione pari a 30 secondi a riga, sarebbe servite quasi due ore per scrivere quei 15 commenti... ripeto, scrivendo come un razzo e senza fermarsi neanche per far pipì. La realtà è che è facile capire come per scrivere tutta questa roba - velocemente - (per di più con i vari copia e incolla dei commenti a cui si risponde da mettere in corsivo ecc.) servirebbero almeno tra le 4 e le 6 ore.
Che tutti aprano gli occhi una buona volta.

P.S. ho problemi personali seri in questi mesi, per questo non posso stare sul blog.
Questo è un blog vero, fatto di gente vera, con una vita reale alle spalle, non un teatrino di comparse, imbonitori, finti giornalisti, finti esperti, diffamatori seriali ecc. come quello vergognosamente ospitato dal sito del quotidiano che fu fondato dal grande Scalfari.

Daniele Passerini ha detto...

P.S. Non ho avuto e non ho tempo di verificare: ci sono refusi nei commenti scritti da E.K.H.? (a me per esempio ne scappa sempre qualcuno).
Devono esserci per forza. Se non ci sono, allora i commenti del collettivo Ocasapiens beneficino pure di una apposita peer review! :D

Daniele Passerini ha detto...

Beneficiano.

camillo ha detto...

Concordo con Daniele che dice:
Questo è un blog vero, fatto di gente vera, con una vita reale alle spalle, non un teatrino di comparse, imbonitori, finti giornalisti, finti esperti, diffamatori seriali ecc. Credo che il merito vada al fatto che la maggior parte si ASSUME la responsabilità usando nome e cognome.
Consiglio di non prendere di petto la contrapposizione con altri blog, NON ne vale la pen!
- Ocasapiens è abbastanza superficiale non ha basi sue scientifiche e si appoggia spesso su altri "esperti", ne emergono considerazioni a volte corrette, altre volte completamente "fuori".
Peggio e più incomprensibile il modo di relazionarsi degli "anonimi" di cobraf: tantà ilarità, presa in giro, sostanza.... poca. Non vedo copetenza, se non sul denaro. Prima di vederlo citato in 22 passi non lo conoscevo come Bog e francamente... non è che avevo perso molto.

Qui in 22 passi se c'è da verificare lo facciamo, se c'è da usare il metodo scientifico lo usiamo; però quando c'è da esplorare nuove possibilità che escono dall'ufficialità siamo disponibili a scavalcare i condizionamenti e osare in prospettive differenti. Certo in un secondo tempo serve il rigore scientifico.
Vorrei riportare qui l'indirizzo delle 3 prove sul Magravs di Keshe
1° parte: https://www.youtube.com/watch?v=M8HW6XDbr2U
2° parte : https://www.youtube.com/watch?v=9XnsXqYWz6M
3° parte (Pubblicata ieri): https://www.youtube.com/watch?v=iZGJ3LSARV0

Silvio Caggia ha detto...

"Aggiornamento 2016:
Le pet sono sempre negative. Chiara continua la Terapia Di Bella"
Che significa che dopo 6 anni Chiara continua ancora la Terapia Di Bella?

Barney ha detto...

@D22: la spiegazione semplice -e logica- e' che abbia scritto due ore, preparato le risposte e poi abbia postato in sequenza in pochi minuti il tutto, copincollando.

Quella complottista e' che sia un alieno.

Tendo a fidarmi della spiegazione semplice, che spiega anche perche' non ci sono refusi.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio

"...Che significa che dopo 6 anni Chiara continua ancora la Terapia Di Bella? ..."

E non è niente. Pensa te se era andata da uno psicanaliata. Lì 6 anni servono solo per iniziare a impostare il lavoro. :-D

MISTERO ha detto...

Grazie Berto..

@Camillo
Guarderò con molto interesse i filmati più tardi, dalla settimana scorsa abbiamo condiviso il protocollo del test Quantum con DeMarchis e Massa, mi farebbe molto piacere anche un tuo interessamento e o coinvolgimento, siamo in attesa delle prime repliche e osservazioni e poi iniziamo il test. Si potrebbe eseguire in doppio e vista la nostra vicinanza potrei seguire da vicino lo svolgimento senza andare a Roma...

MISTERO ha detto...

@Barney
Avevo scritto che i consulenti alieni di Oca non sono affidabili, ma i nostri consulenti alieni hanno fatto sparire dal testo questa considerazione.. Strana coincidenza o abbiamo tutti gli stessi consulenti?
Mah!!

Silvio Caggia ha detto...

La testimonianza di Chiara è significat iva di cosa passano tutte le persone che si imbattono nel sistema sanitario per problemi considerati "gravi": non è lasciato il tempo di pensare, le pressioni sono tali che solo una piccolissima percentuale di persone ha la forza ed il coraggio di non lasciarsi trascinare, la capacità di fermarsi e riflettere lucidamente su cosa sta accadendo, ed avere magari qualche intuizione che le permetterà di non farsi del male.
Non è qualcosa alla portata di tutti andare controcorrente, non affidare la propria vita ad occhi chiusi nelle mani dei professionisti della salute, non adeguarsi agli standard ed ai protocolli ufficiali... è qualcosa di davvero molto difficile nella nostra società, alla faccia della libertà di cura sancita dalla costituzione.
Non sono un sostenitore della Terapia Di Bella, ma ritengo che chi la vuole seguire deve essere libero di farla.
E viste le statistiche di incidenza dei tumori suggerisco a tutti di non aspettare l'ultimo momento per porsi delle domande cui magari non avranno il tempo e la forza che ha avuto Chiara per rispondersi, ma di porsi adesso il problema, e darsi, ora che possono, delle risposte.
E se la società non è compatibile con tali risposte, lavorare per cambiarla adesso che si ha la possibilità di farlo...
Chiara ha guardato dentro se stessa ed ha avuto delle grandi intuizioni, apparentemente sorte dal nulla, ma che chissà come ha maturato... alcune le condivido, altre no, ma non è questo il punto, il punto è che un malato non dovrebbe essere costretto a lottare come un eroe, solo contro tutti, per sostenere i suoi diritti.

MISTERO ha detto...

Ti quoto alla grande Silvio, hai colto il punto essenziale per il quale abbiamo riportato questa bella testimonianza..

MISTERO ha detto...

Ho visto i filmati Camillo, ottimo lavoro!
Hai iniziato la procedura di recesso e restituzione del prodotto?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mistero
@ Camillo

Fatemi voi il riassunto dei filamti ;-)
Com'è andata?

MISTERO ha detto...

@Ale
Risultati ZERO!!
Ora dovrebbero secondo me provare la strada del recesso e se non ottenuto la denuncia per truffa alla quale sarò ben lieto di partecipare.

Salvatore Boi ha detto...

E' dal 2010 che in ospedale mi vogliono togliere la tiroide, a causa di un nodulo. Ho eseguito ecografia, elastosonografia, scintigrafia, ago aspirato ecoguidato con conseguente esame citologico. I risultati di tutti questi esami mi portarono a considerare il nodulo come da seguire e non come da eliminare. E vai col terrorismo da parte degli endocrinologi... Passano gli anni e ogni anno rifiuto l'intervento e faccio ecografia ed esame citologico, ultimamente il nodulo sta crescendo in questi ultimi 5 anni, ma in modo lento e graduale. Grazie a questo blog venni a conoscenza del Trimprob Bioscanner di Clarbruno Vedruccio, grazie a internet scoprì che a La Maddalena (OT) opera un bravo radiologo che ha il Trimprob: Dott. Marcello Tufano. Insisto a non voler togliere la tiroide (che continua a produrre corretti valori di ormoni), ma tengo sotto controllo il nodulo. Intanto giorni fa gli endocrinologi mi fanno l'impegnativa per consulenza chirurgica ed io a questo punto penso: ora vado dal macell... Ehm chirurgo e figurati se lui si tira indietro dall'operarmi... Invece, sorpresa delle sorprese, trovo un Medico, una persona che auguro a tutti di incontrare. E' lui stesso a capire che ho ragione io, senza che io dica nulla, mi fa gli stessi ragionamenti che mi sono fatto fin'ora io. Tralasciando che ci sia un'identità di vedute, spiego al Chirurgo del Trimprob e mi promette di documentarsi. Infine non avrò nulla da obiettare all'intervento di tiroidectomia totale, ma solo se ce ne sarà REALE bisogno.
Scusate la lunghezza, mi sono concesso un piccolo sfogo.

Salvatore Boi ha detto...

@Camillo
Ottimo lavoro, il risultato non mi sorprende. Praticamente non funziona.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Camillo
@ Mistero

Toh....ma non mi dite! E io che ci speravo tanto! ;-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Salvatore

Direi che il tuo commento è assolutamente in topic. Diffcile a volte barcamenarsi fra i consigli degli 'esperti', specialmente quando si è protagonisti del dramma. A me gli esperti che convincono sono quelli che davvero sanno risolvere quasi sempre la situazione. Quelli che ti allungano forse la vita di qualche mese, avvelenandoti, non mi entusiasmano un granchè. Comunque la questione della malattia è complessa e va vista caso per caso. In generale mi affido alla medicina ufficiale, ma in certi casi mi pare che brancolino nel buio più degli inquirenti sull'aereo abbattuto ad Ustica. In quel caso e se la decisione riguarda me, mi riservo di contestare ciò che mi viene detto, almeno sbaglio con la mia testa.

MISTERO ha detto...

Grazei della testimonianza Salvatore, io avevo un brutto nodulo alla corda vocale sn (si sente dalla mia voce nell'intervista sul mio youtube) dopo la prima visita mi prenotano un operazione di asportazione della corda vocale con urgenza, il giorno dopo vado a fare le varie analisi pre-operatorie, in sala d'attesa ho guardato le persone attorno a me, i loro volti, quasi tutti avevano operazioni di asportazione da fare. Ho visto la loro rassegnazione mi sono alzato e me ne sono andato, mi son detto che prima dovevo provare qualcos'altro.
Ho cambiato dieta e ringrazio Luca Chiesi per i suggerimenti e il supporto che mi ha dato.
In sei mesi il nodulo è sparito e non è più tornato, ho risparmiato l'operazione, il logopedista e chissà che altro..

Salvatore Boi ha detto...

@ Alessandro
Grazie Alessandro, quando scrivi "... se la decisione riguarda me, mi riservo di contestare ciò che mi viene detto, almeno sbaglio con la mia testa" mi leggi nel pensiero. Per mia indole sono portato sempre a capire prima di agire. Non mi fido a priori di nessuno, soprattutto se non sono in grado di argomentare adeguatamente le cose. Internet non è una incontestabile fonte di verità, ma è uno straordinario strumento comunicativo che, se adeguatamente usato, è di incomparabile efficacia. Infatti, in definitiva, è grazie a Internet (ed in particolare a questo blog) se io ora posso ancora essere con una tiroide al suo posto e che fa il suo dovere.

Hermano Tobia ha detto...

Un altro case report positivo, non c'entra con Di Bella ma è relativo al dott. Rege-Gianas ed alla sua proposta terapeutica basata su un cambiamento drastico delle abitudini alimentari:

https://www.facebook.com/PaoloRegeGianas/posts/1022489604496032

MISTERO ha detto...

Leggo un altri lidi un pochina di confusione in merito all'esercizio abusivo della professione, nello specifico la professione di "giornalista scientifico".

Meglio fare un pochina pochina di chiarezza:
Importante novità dal Parlamento: per chi esercita abusivamente la professione di giornalista é in arrivo una condanna penale più “pesante”, carcere compreso. Stanno infatti per scomparire le attuali blande sanzioni per i redattori e collaboratori abusivi non iscritti all'Albo. Oggi infatti l'articolo 348 del Codice penale prevede che "chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a 6 mesi o con la multa da 103 a 516 euro". Ciò significa che ce la si può cavare facilmente con una multa abbastanza ridotta senza mai rischiare praticamente il carcere, in quanto la reclusione é alternativa alla sanzione pecuniaria.
Ma il 3 aprile scorso il Senato ha invece deciso di invertire rotta, inasprendo radicalmente le pene previste in caso di violazione dell'articolo 348 del Codice penale in tema di esercizio abusivo di una professione e cancellando la sanzione del carcere alternativa alla multa, in quanto le due sanzioni saranno entrambe cumulabili.
Questo é il nuovo testo dell'articolo 348 del Codice penale in tema di esercizio abusivo di una professione, approvato a Palazzo Madama: «Chiunque abusivamente esercita una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, è punito con la reclusione fino a 2 anni e con la multa da 10.000 euro a 50.000 euro. La condanna comporta la pubblicazione della sentenza e la confisca delle attrezzature e degli strumenti utilizzati».
La proposta di legge n. 2281 dei senatori Marinello, Ruvolo, Mazzoni, Torrisi e Pagano dovrà essere ora esaminata dalla Camera probabilmente entro l'autunno (cliccare su: http://www.camera.it/leg17/126?leg=17&idDocumento=2281).
Si ricorda che il requisito dell'abusività richiede che la professione sia esercitata in mancanza dei requisiti richiesti dalla legge, come ad esempio il mancato conseguimento del titolo di studio o il mancato superamento dell'Esame di Stato per ottenere l'abilitazione all'esercizio della professione. Integra il reato anche la mancata iscrizione presso il corrispondente Albo.
La Corte Costituzionale con la sentenza 27 aprile 1993 numero 199, ha respinto la questione di legittimità costituzionale di tale norma rispetto ai principi di tassatività e determinatezza, affermando, però, nel contempo la natura di norma penale in bianco, in quanto necessita, a fini integrativi, del ricorso a disposizioni extra penali che stabiliscono i requisiti oggettivi e soggettivi per l'esercizio di determinate professioni.
Due anni fa le Sezioni unite penali della Corte di Cassazione con la sentenza 23 marzo 2012 numero 11545 hanno affermato che: "Gli atti nonché gli adempimenti delle professioni regolamentate sono riservati a coloro che sono iscritti agli albi; qualsiasi attività tipica e di competenza specifica va a configurare il reato di esercizio abusivo della professione. Commette, quindi, il reato di esercizio abusivo della professione il soggetto che svolge attività “tipica e di competenza specifica” della professione regolamentata senza però essere iscritto all'Albo professionale."


MISTERO ha detto...

Domandona quiz per vedere se avete capito.

-Nel caso in cui una persona viene intervista e l'intervistatore si rivolge a voi con il titolo di Ing., Dr., Avv., Giornalista Scientifico e non possedete nessuno di questi titoli:
a)correggete l'intervistatore?
b)non correggete l'intervistatore?

-Nel caso in cui, siete invitati a presenziare ad un concresso o convegno e il vostro nome appare nelle locandine e negli inviti con il titolo di Ing., Dr., Avv., Giornalista Scientifico e non possedete nessuno di questi titoli:
a)Chiedete che vengano ritirate le locandine e gli inviti e rettificati?
b)Non chiedete che vengano ritirate le locandine e gli inviti e rettificati?

Nei due casi sopra elencati si può raffiguare il reato di "esercizio abusivo della professione" se in entrambi le risposte sono b)?

Chi risponde giusto vince un Asino d'Oro. :-)))

p.s. non cercate le sentenze della Cassazione del 2014 e del 2013, non vale...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mistero

Quindi, per restare in tema medico, se ti radiano dall'albo sarà più rischioso proporre cure alternative?

cikagiuro ha detto...

@ Salvatore Boi, bene hai fatto!

Mia moglie ha un gozzo multinodulare che già oltre venti anni fa una cafona di endocrinologa voleva farle asportare. Cafona perchè ad alcune domande di chiarimento da parte di mia moglie per capire questa rispose in modo villano: ma cosa vuole sapere, mica posso spiegarle la medicina.. Evidentemente collaborava interessatamente per aumentare le prestazioni chirurgiche...
La mandammo a quel paese e ci rivolgemmo ad un altro endocrinologo di tutt'altro stampo.
Questi, pur non escludendo in assoluto per il futuro una possibile asportazione della tiroide, in presenza della benignità dei noduli e dei valori ematici nella norma, non ne vedeva la necessità e ne l'urgenza. Da allora mia moglie si controlla ogni due anni con ecografia (ha fatto anche ago-aspirato) non registrando significative modificazioni e tenendosi pertanto la sua ghiandola.
Ho notizia che con il "composto Di Bella" si possono ottenere importanti riduzioni dei noduli oltre a mettere in definitiva protezione la ghiandola da eventuali mutazioni in senso tumorale. (Per questo è nostra intenzione passare una visita dal dott. Giuseppe Di Bella)

MISTERO ha detto...

Il giorno 2 sarò a Bologna al convegno. Voglio intervistare Di Bella su alcune incongruenze emerse dagli approndimenti di questi giorni. Inoltre voglio intervistare alcuni pazienti che sono guariti che saranno presenti, saranno in molti, voglio raccogliere documentazioni cliniche e quant'altro riuscirò ad ottenere. Sarebbe una occasione per incontrarci e per chi può venire... Mario vieni a fare un giro?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mistero

Indaga, indaga. Sarò curioso di vedere cosa viene fuori. Di certo mi pare che ci siano più approcci (vitamina C, aloe, veganesimo, Di Bella, radiofrequenze, miracoli vari, ambiente alcalino, ecc...) che, con maggiore o minor frequenza, danno risultati insperati contro certe patologie e in particolare mi riferisco a quelle tumorali. Se questi siano, o meno, ascrivibili ad una sorta di effetto placebo, è difficile dirlo. Sicuramente, di fronte a certa macelleria chimica e chirurgica, peraltro molto spesso più dannosa che inutile, ben venga anche il misterioso e sottovalutato effetto placebo, di qualunque cosa si tratti, almeno in attesa di qualcosa di meno abborracciato e finalmente ben capito, anche da parte del mainstream.

cikagiuro ha detto...

Mi fa piacere Mistero che tu venga a Bologna Sabato 2
Scoprirai un mondo che forse non conoscevi, così potrai poi spiegare a Pagnini che il MDB è già ben capito (sempre per chi vuole capire) e che non c'entra niente con l'effetto placebo.

Quanto ai titoli.
Non sarebbe il caso dell'art. 498 CP "Usurpazione di titoli ed onori" ? Vedi caso pietoso di O. Giannino.

Andrea Michielin ha detto...

L'argomento è a me molto caro.
Ad oggi la considero la migliore soluzione per i malati di cancro (e che, soldi a parte, sceglierei per me stesso).
Ho conosciuto diverse persone ormai ad un passo dalla morte praticamente miracolate grazie alle intuizioni del Prof. Luigi Di Bella, sapientemente praticate dal figlio, il Dr. Giuseppe Di Bella.

Proverò ad esserci anch'io al convegno. Non garantisco la presenza ma... ci provo! :)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Cikagiuro

"...così potrai poi spiegare a Pagnini che il MDB è già ben capito (sempre per chi vuole capire) e che non c'entra niente con l'effetto placebo..."

Ne sono felice. Se così è, spero che la cosa venga compresa da chi ha le basi per capirlo e che venga ottimizzata al meglio e possibilmente resa disponibile per chiunque. Purtroppo c'è chi ipotizza una cura, chi l'altra, chi nessuna cura (ma solo il disinnescare le conseguenze di alcuni traumi), eccetera eccetera e ognuno adduce le proprie ragioni, sulla carta tutte buone. Difficile vederci chiaro. A prima vista sembrerebbe che esistano quantomeno diverse strategie di attacco del tumore, ognuna delle quali con il suo ambito di validità e la sua efficenza a seconda dei casi. Probabilmente capiremo meglio quali metodi utilizzare quando sarà più chiara la natura e la dinamica della malattia e non è escluso che il metodo Di Bella o una sua evoluzione, possa rivelarsi tra i migliori.

cikagiuro ha detto...

Caro Pagnini, il problema non è tanto che il MDB venga compreso da chi ha le basi per capirlo (il razionale nei suoi fondamenti è comprensibile da chiunque abbia un QI normale), ma che prevalga l'onestà intellettuale di non disconoscerlo soltanto per puro pregiudizio o interesse come, purtroppo, ancora oggi accade. Cordialmente.

http://www.metododibella.org/files/2014/04/pages/il-metodo-di-bella-conferme-cliniche-razionale.pdf

Robbins ha detto...

Cercherei di non usare "cafone" come termine offensivo. La cosa fu fatta notare da Di Vittorio a Togliatti, sessanta anni fa. Sessanta anni passati invano, sembra. Però adesso rispettiamo le differenze di genere - essere gay oggi è un diritto e un pregio, essere "cafoni" ancora uno sputo in un occhio.

sono solo un misero test ha detto...

Cercherei di non usare...

e quindi eliminiamo villano, poco urbano, burino...

potremmo usare: poco avvezzo alle buone maniere, indipendentemente dal luogo topografico di provenienza. Abbreviato PAABMIDLGDP.

al femminile, come nella fattispecie, PAABMIDLGDPa

Robbins ha detto...

Hai capito benissimo, e cazzeggi. Ovviamente abiti sopra la Linea Gotica e ti senti un dio della definizione furbina. Auguri di profonda infelicità lessicale ... te lo meriti.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ cikagiuro

A scanso di equivoci, preciso che ritengo il metodo Di Bella rispettabilissimo, anche se le sperimentazioni, comunque contestate, non mi pare abbiano evidenziato efficacia. Non sarò certo io ad escludere che siano stati fatti giochi sporchi, per i soliti interessi di bottega.
Detto questo vorrei solo precisare che se fosse così evidente che il metodo funziona, agli occhi di biologi e medici (ai miei non conta nulla), non sarebbe così semplice ignorarlo o contraffare i dati che lo riguardano. Anche i sostenitori dell'acido ascorbico (ne abbiamo trattato ampiamente non da molto qui sul blog) vedono la perfetta logicità del loro metodo e qualcuno di loro sostiene che se hai qualche patologia che non passa, è perchè prendi poca vitamina C. E siccome mi sono seguito il filmatino, da ignorante che sono, mi pareva abbastanza plausibile che si riuscisse ad ingannare un tumore con quel composto chimico. Probabilmente se qualcuno mi spiega perchè funziona il metodo Di Bella, riesce anche a convincermi, dato che su certi punti sarò costretto a prendere per buone certe affermazioni (anche se fossi intelligentissimo, non è la mia materia). Qualcuno si rivolge ad altri approcci, che ho terrore al sol nominare (Silvio stai buono! :-D ) nei quali l'assunzione di tutti quei farmaci e addirittura per anni e anni, non dovrebbe avere un gran senso e bada bene che se parli (non lo fare, io ti avverto ;-) ) con qualcuno di loro, ti accorgerai che hanno una loro teoria comprensibile e forse anche condivisibile, se si accettano alcuni punti di partenza, da qualunque persona di QI medio. E vantano anche un bel po' di casi risolti, a loro dire.
Ma di sistemi sedicenti funzionanti, ce ne sono molti, gran parte dei quali spesso appare funzionare soprattutto quando viene messo in pratica con una certa disposizione d'animo alla guarigione, indotta magari dalla fiducia nel metodo stesso, o dalla personalità rassicurante del terapeuta. Poi magari viene fatta una sperimentazione in doppio cieco e le cose non funzionano più così bene. E allora si comincia a dire che c'è il trucco, perchè sulla carta sembrava piuttosto logico che dovesse funzionare (almeno per quello che CREDIAMO di aver capito sul tumore) e guarda caso a noi ci funzionava benissimo. Qui ci può stare il trucco, ma ci può stare che certe cose non funzionano in maniera oggettiva, ma soggettiva e credo sia la base dell'effetto placebo o comunque ne costituisce una costola significativa. Io reputo l'effetto placebo una grande risorsa, ma se si vuole uscire dalla sua ombra, non rimane che effettuare i test in doppio cieco. Siccome il metodo Di Bella ha avuto un notevole e positivo impatto, almeno stando a quello che si legge in rete, credo sarebbe il caso che venissero svolte indagini esaurienti e approfondite e ben fatte, stavolta, che non si prestino a contestazioni. Se poi dovesse risultare di nuovo che il metodo in sè non ha particolare efficacia, allora sarebbe utile, anzichè pensare di aver perso tempo, cercare di capire perchè invece in tanti casi è sembrato essere efficace e probabilmente lo è davvero stato. Io spero che si cerchi la verità dietro le apparenze, senza fare guerre di religione e se ci sono indizi di qualcosa di dissonante, usarli per andare avanti nella conoscenza, correggendola, anzichè impuntarsi nel rifiutarli. Se poi le prove, stavolta, dovessero rivelare una efficacia oggettiva, sarà un'ottima notizia per tutti.

MISTERO ha detto...

@Barney
E poi sono io che cerco il consenso del branco. Ma dimmi una cosa, quando eri bambino stavi sempre con i bulli e te la prendevi con i più deboli vero? Altrimenti non riesco proprio a giustificare il tuo comportamento da immaturo, strano per uno che dice di avere dei figli. Detto questo, premessa doverosa, se hai qualcosa da chiedermi puoi farlo qui.

bertoldo ha detto...

Pagnini "Purtroppo c'è chi ipotizza una cura, chi l'altra, chi nessuna cura (ma solo il disinnescare le conseguenze di alcuni traumi), eccetera eccetera e ognuno adduce le proprie ragioni, sulla carta tutte buone. Difficile vederci chiaro." tendenzialmente i tumori dovrebbero avere una base comune che sia un programma di riparazione o meno , basterebbe distinguere quali tipi di tumore sono programmi di riparazione in stile Hamer , oppure qualli sono i tumori indotti da fattori ambientali ovvero accumulo di nanoparticelle metalliche , dovrebbe essere semplice ma non penso ci siano strumenti tecnici sufficentemente dettagliati da visualizzare particelle metalliche in un tessuto , in maniera rapida e precisa . Basterebbe un trim prob modificato ma con una profondità di scandaglio (profondità intesa a livello di nanoparticelle) sufficente a fare una mappa in 3d in tempo reale della distribuzione di tali particelle estranee .

bertoldo ha detto...

"Siccome il metodo Di Bella ha avuto un notevole e positivo impatto, almeno stando a quello che si legge in rete, credo sarebbe il caso che venissero svolte indagini esaurienti e approfondite e ben fatte, stavolta, che non si prestino a contestazioni." e chi le farebbe ? gli stessi che dovrebbero perdere miliardi di euro e che hanno fidelizzato con regali più o meno pesanti anche il più piccolo medico di famigghia ( non è un errore ormai sono tutti mafiosi o quasi ...) . Altrimenti non si spiega la presenza costante di "informatori scientifici" che di scientifico non hanno nulla ma sono solo venditori di prodotti qualsiasi e per farlo regalano soldi o viaggi per convegni in località esotiche .

bertoldo ha detto...

"Qui ci può stare il trucco, ma ci può stare che certe cose non funzionano in maniera oggettiva, ma soggettiva e credo sia la base dell'effetto placebo o comunque ne costituisce una costola significativa. Io reputo l'effetto placebo una grande risorsa, ma se si vuole uscire dalla sua ombra, non rimane che effettuare i test in doppio cieco." sei completamente fuori strada e sinceramente non hai capito una mazza di nulla di quello proposto che sia hamer o di bella .

Andrea Michielin ha detto...

Chi vuole saperne di più e magari conoscere direttamente persone ancora in vita grazie al Metodo Di Bella (molti pazienti hanno utilizzato tale metodo come prima istanza, senza cioè fare nessuna delle cure cosiddétte ufficiali), venga a Bologna questo sabato.

Affidate all’esperienza personale e diretta il compito di sciogliere qualche dubbio.
Rimanendo in superficie o limitandosi spesso a leggere qualche riga (in siti a favore o meno) e vedendo un paio di video, certe lacune rimangono vive e… senza risposta (non devo raccontarvi quanta disinformazione vi sia al riguardo, rammentando quanto sia grave la libertà di stampa in Italia...).

Mettendosi in discussione e affidandosi alla propria curiosità, magari provando ad ascoltare i principali protagonisti dal vivo (medici e pazienti in cura, in primis), credo sia una buona occasione per conoscere meglio l’argomento.

Il futuro e la libertà di cura per noi tutti dipendono anche da questi convegni. Non trovate ulteriori scuse. Muovetevi e… trovate occasione di esserci, anche soltanto per stringerci la mano! :)

Barney ha detto...

@Vice: non ho alcun controllo su quanto pubblicano i dieci Hornbeck che in 5 minuti scrivono 160 post senza neanche fare pipi', ne' su quanto scrive OcaSapiens sul suo blog. Se hai notato -e hai notato-, ho solo riportato una eccezionale dichiarazione (tanto per cambiare) senza alcuna eccezionale prova, pubblicata su E-catworld. Che riguarda un altro eccezionale -direi miracoloso- metodo di TRASMUTAZIONE BIOLOGICA di tutto in tutto, grazie ad altri batteri. Roba russa che in parecchi anche su E-catworld hanno preso come una sparata da 1 aprile.

Giusto per chiarire che non esiste il gombloddoh, ne' "il branco". Almeno degli scettici.

Se ho qualcosa da chiedere non ti preoccupare che lo faro'. Dove, quando e come pare a me ovviamente, nella convinzione che risponderai come, dove e quando pare a te.

Saluti.

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
Hai scritto: su E-CatWorld hanno riscoperto la Ralstonia mangiaradiazioni....Peccato in molti non ci credano del tutto. Ma sono sicuro che Vice ha gia' impostato un test di verifica.

Ripeto, poi sono io il bulletto!
Già solo per il fatto che di la hai utilizzato la parola Ralstonia mentre di qua hai scritto:grazie ad altri batteri.

Questo dice tutto, continua così che ti devo dire.

OT
@Hermano
Come ti dicevo la settimana scorsa, questi russi (citati da Barney) non hanno riscoperto una Ralstonia Detuscolanense, per il semplice motivo che quest'ultima non trasmuta nulla. Al contrario, secondo le dichiarazioni di questi russi, il Thiobacillus, probabilmente il ferrooxidans, trasmuta in particolari condizioni di ph (altamente acido, H+ disponibile) e di elementi associati (minerali) come il FERRO. Secondo le loro dichiarazioni è l'elemento che favorisce meglio le trasmutazioni, penso ti ricorderà qualcosa...
Leggendo i brevetti, una verifica è molto facile disponendo di un laboratorio biologico atrezzato, magari Cesaretti che se non ricordo male è un biologo, visto che si diverte solo a fare "battutine", potrebbe improvvisamente maturare è collaborare per un test.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Bertoldo

I tuoi primi due interventi diretti a me li comprendo e purtroppo li condivido. Il purtroppo è riferito alla difficoltà di effettuare dei test effettivamente credibili. Gli interssi in gioco sono alti e lo capisco, ma allora che si fa? Si prende tutto per buono? O tutto per cattivo? Non ho una risposta precisa. Penso si debba cercare di ottenere un protocollo serio e controllare al massimo possibile quello che viene fatto. Altrimenti non saprei come si possa arrivare a capire se qualcosa funziona.
Il discorso della tua contestazione al doppio cieco non l'ho capita, invece. Lasciamo fare Hamer che ha una impostazione che temo non si presti, visto che non si tratta di testare una terapia farmacologica (e infatti non mi sono sognato di proporre un doppio cieco per la NMG. Per quella c'è già il 'cieco dei cappelli' ;-) ), ma per Di Bella, perchè non dovrebbe essere fattibile. Hermano ci ha linkato pure riferimenti ad esperimenti in vitro, che paiono positivi. Perchè non il doppio cieco? Sarò l'unico a pensare che talvolta si guarisce per motivi che poco hanno a che fare con le medicine che si prendono? Qui si tratta di capire se una terapia farmacologica ha una validità e il metodo è quello. In più, ho suggerito, come spunto di riflessione, che se si scoprisse che dei metodi in doppio cieco non vanno, ma in altro modo funzionano, anzichè semplicemente scartare l'informazione, sarebbe il caso di chiedersi il perchè ciò accada. Miracolo, magia, capacità autoriparatrice del corpo? Boh...però fare finta di niente non sarebbe una reazione costruttiva. Forse non si vuol capire che l'uomo potrebbe avere risorse inaspettate che ancora non sa bene come attivare (al limite potrebbero anche esserci motivi simili a quelli teorizzati dalla NMG) e che tante terapie potrebbero rivelarsi inutili. Questo farebbe ben più paura a big pharma della terapia Di Bella.

Barney ha detto...

@Vice: vedo che leggi con attenzione.
Bene!
Il succo era proprio quello di sottolineare l'ennesima notizia BOMBA, senza alcun supporto scientifico se non un brevetto russo, per una biotecnologia miracolistica (che punta in primo luogo a raccattare fondi, stavolta esplicitamente).

La Ralstonia era messa li' per sottolineare la sostanziale vicinanza delle due cose.
Qua pero' si va oltre, come probabilmente hai gia' avuto modo di leggere.

Ora, siccome dal mio punto di vista siamo nel campo della magia medievale (le trasmutazioni in Californio non le avevo ancora sentite...), la domanda che mi faccio e': ma esiste un limite a cio' che puo' essere creduto possibile, oppure TUTTO deve essere verificato?
Siamo di nuovo al punto della mentalita' aperta, ma aperta quanto?
Per dirla con D22: siamo dalle parti della pioggia di Coca Cola, o no?

Hermano Tobia ha detto...

@Mistero
Secondo le loro dichiarazioni è l'elemento che favorisce meglio le trasmutazioni, penso ti ricorderà qualcosa...

Eh mi ricorda MOLTE cose, e non solo a me penso ...

@Barney
ma esiste un limite a cio' che puo' essere creduto possibile, oppure TUTTO deve essere verificato?

Poni una questione interessante, che andrebbe discussa seriamente e senza la solita bagarre ... ovvero quali sono i criteri che dovrebbero "scremare" cosa andrebbe verificato e cosa no ?

Dico subito la mia, secondo me andrebbero valutati 2 criteri per stabilire una priorità dei fenomeni "anomali" da verificare:

1) criterio sperimentale: valutazione delle evidenza sperimentali portate a supporto (validità protocollo, possibili errori, cross-check, repliche, significatività statistica, ecc)

2) criterio economico: rapporto tra costi della verifica / benefici di un eventuale riscontro positivo

A mio avviso la plausibilità scientifica dovrebbe avere un peso minimo e comunque di grado inferiore all'evidenza sperimentale (come avviene nell'EBM, cove la expert opinion conta meno di una semplice case-serie).

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
siamo dalle parti della pioggia di Coca Cola, o no?

Questo è il tuo punto di vista.
La verifica è obbligatoria anche se ho già da tempo conferme di quanto dichiarato.
Scusa se cambio discorso, è per farti un esempio del mio modo di procedere; ricordi la macchina che spacca la CO2 in Kazzakistan?
Anche in questo caso avevo avuto conferme indipendenti, ma non ci credevo e sono andato in Kazzakistan.
Ho messo la testa dentro il tubo dei fumi, non scherzo, con la macchina in funzione il fumo spariva.
Ma non ci credevo, ipotizzavo un semplice effetto elettrostatico che bloccava le particelle carboniose, mi sono detto la CO2 non la posso controllare a naso, quindi non credo.
Ho passato poi 18 mesi in Bulgaria a fare una replica da brevetto (più alcune "dritte" fortunose), funziona.
Senza se e senza ma e ti prego di non alludere al fatto che dovrei essere milionario oggi (non era il mio scopo), la situazione che si è creata a seguito è molto complessa e non è questo il luogo per approfondirla, prendilo solo come esempio, ti assicuro che il prossimo anno ne sentirai parecchio parlare di questa tecnologia (segnatela).

In merito al Thiobacillus, sono almeno 13-14 anni che ne sento parlare negli ambienti che abitualmente frequento (Russia e Giappone), la prima volta mi era stato presentato come soluzione per decontaminare il suolo bielorusso. Pensa, volevano irorare i terreni utilizzando degli aerei, prima con dei composti chimici acidificanti e poi con i batteri. Qualcuno ha fatto persino un BP economico finanziario, una follia (dovrei averlo da qualche parte, te lo cerco se vuoi farti due risate)!!
Andando in Giappone ho scoperto in seguito che il Thiobacillus è noto per le sue capacità trasmutative da almeno 70 anni. MA NON CI CREDO, non ostante ho avuto molte altre conferme indipendenti e indirette e totalmente scollegate fra di loro, voglio verificare.

Ora anziché passare il tuo tempo a perculare e deridere lo impieghi in verifica, forse qualcosa di buono salta fuori, c'è sempre qualcosa di buono che può saltare fuori; questo è il mio pensiero e il modo di agire.

MISTERO ha detto...

Eh mi ricorda MOLTE cose, e non solo a me penso ...

Pensa che 8 anni fa lo avevo fatto notare a chi di dovere, come ulteriore prova (da verificare) in merito alla teoria del "DURO COME IL FERRO"..
La risposta è meglio che non la riporto, penso che oggi la mia correlazione verrà rivalutata. Beh non propio oggi ma a metà Luglio certamente. ;-)

MISTERO ha detto...

@Michielin
Il futuro e la libertà di cura per noi tutti dipendono anche da questi convegni. Non trovate ulteriori scuse. Muovetevi e… trovate occasione di esserci, anche soltanto per stringerci la mano! :)

Ti quoto alla grande, ci vediamo sabato. :-)

Vincenzo Bonomo ha detto...

Negli anni 70 ascoltavo il Dr. Veronesi affermare pubblicamente che "entro 15/20 anni avremo la cura per il cancro". Negli anni 90 ascoltavo il Dr. Veronesi affermare pubblicamente che "entro 15/20 anni avremo la cura per il cancro". Qualche mese fa il Dr. Veronesi ha affermato pubblicamente che lui (a causa dell'età avanzata) "non potrà vedere risolto il problema della cura del cancro". La cosa grave è che i sostenitori delle cure "ufficiali" non abbiano da obiettare nulla per quanto accaduto come se fosse la cosa più normale del mondo. Intanto le case farmaceutiche fanno affari colossali con i chemioterapici (chiedetevi il perché dell'insistenza ossessiva, al limite della molestia, con le telefonate a Chiara) per cui potete star certi che l'attuale scandalo mondiale andrà avanti per molto.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Vincenzo

Sono troppo cattivo se dico che questi 40/50 anni di rimandi pur con le migliori teste pensanti al lavoro e ampiamente finanziate, assomigliano tanto alla storia di ITER?
Comunque penso (e spero) che siamo abbastanza vicini a qualcosa di piuttosto efficace anche contro i tumori, soprattutto grazie alle biotecnologie e alla mole enorme di sforzi profusi. Dove siamo e saremo ancora lontani, è dalla gestione delle cose fatta per il bene comune. Che si tratti di farmaci, o di finanza, l'imperativo è sempre quello di consolidare potere e patrimonio, a qualunque costo. Follie dell'ego, generate dalle paure e dall'ignoranza che ognuno di noi si porta dentro :-(

Barney ha detto...

@Bonomo e Pagnini: purtroppo le sfide tecnologiche sono cosi'. Si parte con un piano a lunga scadenza, sperando che non ci siano ritardi, e si ripianifica strada facendo, quando si battono le musate contro la dura realta'.

ITER e' un'impresa colossale, i farmaci anticancro pure. Ma vorrei sottolineare che NESSUN ricercatore serio ha mai promesso "per domani" (intendo proprio il domani che dice Rossi: i sei mesi che tutti qua aspettano dal 2010...) ne' energia gratis, ne' cure per TUTTI i tumori.
Men che meno lo ha fatto su youtube, o attraverso una conferenza stampa autogestita in cui manco Celani puo' fare domande.

Secondo l'amico di Silvio il cancro non esiste, e comunque lui lo cura al 98%. Secondo Vannoni la cura per la SLA e' il suo siero, secondo Di Bella TUTTI i tumori guariscono grazie al suo metodo.
E TUTTI questi signori promettono la cosa non tra vent'anni, non tra cinquanta, ma OGGI.
Vi faccio notare che OGGI si continua a morire di cancro, contro le previsioni di Veronesi ma anche contro le PROMESSE di DI Bella, Vannoni e GRH.
E se si muore un po' meno, lo si deve al progresso della scienza, non a quello delle promesse...

Vincenzo Bonomo ha detto...

Caro Alessandro, cura del cancro ed ITER sono esattamente la stessa cosa ovvero occasione di immensi affari spacciati per ricerca scientifica. Sicuramente fra i protagonisti di queste vicende ci sono persone serie che svolgono con coscienza il loro lavoro ma non si può negare l'evidenza dei fatti di questi ultimi decenni. Per quanto riguarda le tue speranze io sono convinto che le tessere del "puzzle" cura del cancro siano già tutte sul tavolo ed occorre qualcuno con le competenze giuste e libero da interessi personali e vincoli di qualsiasi tipo (oltre che un gran coraggio) che le ricomponga e trovi il bandolo della matassa. Da qualche parte deve esserci un "pazzo" con queste caratteristiche che riesca a mandare in crash il "sistema" e a far vedere la nudità di Re Bigpharma, perché se aspettiamo che lo facciano i laboratori finanziati dalle case farmaceutiche allora stiamo freschi!!!!!

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney

Sì, sì, ma se la reazione a chi dice di avere qualcosa è chiudergli il laboratorio o radiarlo dall'ordine dei medici, capisci che la differenza tra questo e buttargli sul tavolo miliardi e miliardi per decenni, non è trascurabile. Con questo non voglio dire che Vannoni sia in grado di curare la SLA, nè che Celani abbia ottenuto risultati preziosi (Rossi non c'entra perchè fa col suo e sul suo, non curando nessuno, e può fare il gioco commerciale come vuole, con la sua faccia), nè che Di Bella sia in grado di curare QUALCHE tumore (perchè sici TUTTI, non ti basterebbe un risultato un po' migliore di quelli attualmente raggiunti? A me sì, tanto per cominciare), ma di sicuro alcune cose vengono scartate di brutto e magari pure messe al bando e altre finanziate a profusione. Sono scelte politiche, legittime da questo punto di vista, ma non si possono confrontare le due cose, quando una è sugli scudi, ottenga quel che ottenga e un'altra, magari, è addirittura fuorilegge.

Hermano Tobia ha detto...

@Barney
Secondo Vannoni la cura per la SLA e' il suo siero, secondo Di Bella TUTTI i tumori guariscono grazie al suo metodo.

Secondo me dovremmo evitare la propaganda ed attenerci alle evidenze scientifiche disponibili.

L'unica evidenza scientifica sul metodo Stamina è l'articolo di Bach e Villanova (1) che riguarda i bambini di Brescia affetti da SMA (non SLA), ed è positiva ancorchè limitata a 3 case report. Tale articolo è stato recentemente citato da quest'altro (2) che sottolinea l'importanza delle terapie con cellule staminali mesenchemiali nelle malattie neurodegenerative:

Also mesenchymal stem cells (MSCs) could be good candidates for MN disease cell therapy, since they display a great plasticity, secrete several growth factors [such as vascular endothelial growth factor, glial cell-derived neurotrophic factor (GDNF) and BDNF], modulate host immune system (Mazzini et al., 2009), and delay atrophy in denervated muscles (Jiang et al., 2012): allogenic MSCs have been administered to SMA type I patients, inducing improvements of general physical condition during treatment, without side effects (Villanova and Bach, 2015), but reference to NMJ feature was not reported.

Un trial clinico positivo (i cui risultati sono in linea con quelli di B&V) su un metodo del tutto simile (NurOwn, infusione di staminali mesenchemiali) per la SLA è riportato qui (3).

Vannoni è stato condannato (giustamente) per truffa perchè prometteva risultati definitivi (invece lo studio di Bach e Villanova dimostra il contrario) e poi lo spacciava come panacea per tutte le malattie neurodegenerative (cosa non vera). Non va confusa la verità giudiziaria (stabilita dai tribunali) con quella scientifica (stabilita dalle evidenze pubblicate).

C'è un altro aspetto di questa vicenda che deve ancora emergere bene, ovvero il colossale conflitto di interessi di chi, rappresentando la cosiddetta "scienza ufficiale" ha affossato la sperimentazione (e la ricerca sulle staminali mesenchemiali - adulte - per le malattie neurodegenerative, liquidandole con "Fanno solo osso"): si tratta infatti prevalentemente di studiosi che gravitano attorno all'associazione Luca Coscioni, che promuove da sempre l'uso di staminali embrionali (che hanno cercato addirittura di brevettare, 4).

Tale tipologia di staminali, oltre ai giganteschi problemi etici che solleva, ha efficacia dubbia ma pericolosità certa (5): facile immaginare che tale linea di ricerca sarebbe incenerita da una sperimentazione che provasse l'efficacia e la sicurezza delle staminali adulte (mesenchemiali) sullo stesso tipo di patologie.

Mi chiedo cosa verrà raccontato all'opinione pubblica (ed alle famiglie dei bambini malati a cui è stata negata la cura compassionevole) quando un metodo simil-Stamina (es NurOwn, ma ce ne sono altri in fase di trial) sarà approvato per malattie neurodegenerative.

Su Di Bella non mi risulta che abbia mai detto che il suo metodo sia la panacea per tutti i tumori, anzi (6):

Non che tutti i tumori rispondano nella stessa misura ed in tempi analoghi ... la percentuale di successi è più limitata per alcuni tipi di ca. polmonari ....


(1) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25882135
(2) http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4737916/
(3) http://www.brainstorm-cell.com/pipeline/clinical/
(4) http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2011/10/19/addio-brevetti-sugli-embrioni-per-la-ue.html
(5) http://www.nature.com/stemcells/2009/0903/090305/full/stemcells.2009.36.html
(6) http://www.metododibella.org/metodo-di-bella-la-terapia.html

giorjen ha detto...

Bravo Silvio, vedo che finalmente stai sviluppando un po' di autocontrollo! resisti!
g

Alessandro Pagnini ha detto...

@ giorjen

Ma sei impazzito? Zitto! Non svegliarlo! :-D

giorjen ha detto...

@Barney
E se si muore un po' meno, lo si deve al progresso della scienza, non a quello delle promesse...

BMJ- gli errori medici sono la terza causa di morte negli stati uniti, dopo cardiovascolare e tumori, seguiti a breve da incidenti e suicidi. Per farla semplice uccidono molte più persone i dottori delle armi da fuoco.
Quindi in questo caso ti do ragione, grazie ai medici si muore meno ma anche le promesse, quelle ufficiali, uccidono parecchio.
g

giorjen ha detto...

@ale p
a dire il vero ero preoccupato, voglio solo sincerarmi che stia bene, sono tempi brutti per i vegani, ma anche per tutti noi. Dopo Marco, adesso Bud, a questo punto spero che almeno i miei arrivino a mangiare il panettone...

g

Alessandro Pagnini ha detto...

@ giorjen

Eh sì, ai vegani a volte fa difetto la vitamina B12, ma Silvio è un cagnaccio e non lo si abbatte tanto facilmente. Credo che purtroppo ;-) non sarà facile metterlo in crisi. Lui invece riesce benissimo a farlo con gli altri! :-D

Silvio Caggia ha detto...

Io quello che vi dovevo dire sulla cura Di Bella ve l'ho già detto qualche anno fa, usate search22.
Inutile ripetere discorsi logici a chi la logica non la segue.
Mi riferisco tanto al signor "Secondo l'amico di Silvio il cancro non e­siste" quanto al signor "Comunque penso (e spero) che siamo abbastanza vicini a qualcosa di piuttosto efficace anche contro i tumori".
Tanto, prima o poi, i conti con queste cose li farete tutti, e Chiara vi ha spiegato cosa vi aspetta: non avrete tempo di farvi una cultura vostra.

Barney ha detto...

@giorjen:
Questo e' un thread aperto da Gianpaolo Vanoli (lo Staff) su it.discussioni.misteri. GPV e' il sodale di Tullio Simoncini, per capirsi.

Ora, nel thread al quarto messaggio compare Leonardo Serni, compaesano di Pagnini. Che cerca -cerca, eh?- di spiegare il famoso discorso della terza causa di morte in USA.

Leggetelo, il Serni e' sempre molto divertente.

Robbins ha detto...

"Terza causa di morte negli STATI UNITI, ecc."

Non sequitur: se ne può dedurre solo che negli STATI UNITI hanno una pessima classe medica.

Con quello che insegnano al college, non mi meraviglia - è molto più difficile "importare" dal Pakistan un buon medico che un genio della matematica.

Silvio Caggia ha detto...

Io quello che vi dovevo dire sulla cura Di Bella ve l'ho già detto qualche anno fa, usate search22.
Inutile ripetere discorsi logici a chi la logica non la segue.
Mi riferisco tanto al signor "Secondo l'amico di Silvio il cancro non e­siste" quanto al signor "Comunque penso (e spero) che siamo abbastanza vicini a qualcosa di piuttosto efficace anche contro i tumori".
Tanto, prima o poi, i conti con queste cose li farete tutti, e Chiara vi ha spiegato cosa vi aspetta: non avrete tempo di farvi una cultura vostra.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio
"...non avrete tempo di farvi una cultura vostra..."

Magari ce la siamo già fatta, ma siamo arrivati a conclusioni diverse? O la cultura giusta è solo quella di chi si è sciroppato tutto Hamer? Silvio, tu fai come vuoi e aspetta le caseificazioni, ma se mai docvessi incontrare sulla mia strada quella brutta bestia, penso proprio che agirò diversamente: secondo la cultura, sia pure da profano, che mi sono fatto io. Speriamo che nessuno debba mettere alla prova le proprie convinzioni, comunque.

Alessandro Pagnini ha detto...

Ah, a proposito di batteri, ma stavolta NON trasmutanti, sembra che abbiamo nuovi standard di sfruttamento dell'energia solare, un ordine di grandezza meglio della fotosintesi. Lo ha detto Rossi, memore della Petroldragon? No!
Quindi per cortesia riponete giù i felini irrigiditi dal rigor mortis che stavate per lanciarmi addosso. Sembra che la cosa sia nata....beh vedetevi il link:

http://www.treehugger.com/solar-technology/harvards-bionic-leaf-now-outperforms-real-thing.html

Ho solo dato un'occhiata velocissimissima, poco più che al titolo, ma mi pare interessante.

Silvio Caggia ha detto...

@Alessandro Pagnini
"Speriamo che nessuno debba mettere alla prova­ le proprie convinzioni, comunque."
Le leggi le statistiche?
Uno su due!
Continua a sperare...

Silvio Caggia ha detto...

@Alessandro Pagnini
"aspetta le caseificazioni"
Ma 'ndo vai, se la TBC ormai non ce l'hai?
E poi, mica di solo endoderma vive l'uomo...

Tornando a Chiara, ed al suo carcinoma duttale, guarda cosa sta scoprendo la Scienza (ignora tutte le interpretazioni idiote che aggiungono, rimani ai fatti che hanno scoperto):
https://notiziemediche.it/tumore-del-seno/tumore-del-seno-scoperti-batteri-che-possono-bloccarne-lo-sviluppo/
Ricorda che la quarta legge biologica ha 35 anni...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio

Avevo letto dei batteri di cui parla il link, ma se continuiamo così andiamo in overdose batterica ;-): Trasmutazioni, Energia, Oncologia... ma c'è qualcosa che non sanno fare 'sti ca@@o di batteri? :-D

Alessandro Pagnini ha detto...

Al Portogallo sarebbe servito un batterio 'finalizzatore'. Seguivo il live sul sito di Gazzetta e pare che Ronaldo si sia mangiato dei gol tali che avrà indigestione per mesi! :-D

Silvio Caggia ha detto...

@Alessandro Pagnini
Sono riusciti a viaggiare nello spazio cosmico... sono riusciti a fare l'uomo... sono più evoluti di noi (ragiona: chi è più evoluto? Chi si è evoluto per più tempo o l'ultimo arrivato?)...

MISTERO ha detto...

Ale, i batteri sono comparsi prima di noi su questo pianeta e sicuramente ci saranno ancora quando noi saremo estinti. Il nostro corpo contiene più batteri che cellule. Sono ovunque, vivono in qualsiasi condizione ambientale, gli estremofili sembrano usciti da un racconto di Marvel. Possono fare praticamente qualsiasi cosa.

MISTERO ha detto...

Ho letto ora il link a Nocera, vecchia conoscenza. Anche con laarmellata di mirtilli si produce energia fotovoltaica in modo più efficiente degli attuali pannelli, il problema è stabilizzare la naturale decomposizione. Comunque c'è ancora il veto militare per tutte le tecnologie fotovoltaiche che superano il 20℅ di efficienza, se non lo sapevi sappilo. ;-)
Se vuoi ti documento il veto, è stato declassificato qualche anno fa, ma è ancora applicato e non solo su FV.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio
"...sono più evoluti di noi (ragiona: chi è più evoluto? Chi si è evoluto per più tempo o l'ultimo arrivato?)..."

Ti voglio troppo bene per fare battutacce partendo da questa affermazione, caro il mio 'ultimo arrivato' :-D


@ Mistero
"...Ale, i batteri sono comparsi prima di noi su questo pianeta e sicuramente ci saranno ancora quando noi saremo estinti..."

Lo so e so anche che la biologia ha dei margini di crescita spaventosi. Stiamo iniziando adesso a comprenderne la straordinaria complessità. Già si stanno pensando batteri almeno parzialmente artificiali, per dei compiti specifici. Nuovi quindi e non evoluti spontaneamente, ma 'liberamente ispirati' a queste primordiali macchinette incredibili, grazie alle quali siamo qui a pestare sulle tastiere dei nostri PC (io almeno, che col touch screen me la dico poco).
Il motivo per cui da una fiammata di energia, si sia giunti a questo, organizzandoci in maniera sempre più complessa, è decisamente argomento affascinante, che trovo difficile relegare nell'ambito della pura casualità.

Alessandro Pagnini ha detto...

Toh....sincronicità? Un mio contatto su facebook normalmente pochissimo attivo, ha, proprio stamani, condiviso un link che vi rigiro pari pari:

http://salutecobio.com/giuseppe-di-bella-mammografia-errore

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
Leggetelo, il Serni e' sempre molto divertente.

Fatto, quindi se un medico sbaglia una diagnosi o una cura a tuo figlio e quest'ultimo muore, ti ricorderai poi le parole di Serni che erano divertenti perché come giustamente spiega:
Ma quel milione di malati non si trasforma magicamente in "0 morti". Si trasforma
invece in "1000 morti" -- quattrocento di malattie cardiache, trecento di cancro,
e duecento... eh. Duecento, sono quei duecento casi su un milione in cui forse il
paziente si sarebbe potuto salvare, MA IL MEDICO HA SBAGLIATO.

Allora cosa preferiamo? Un milione di morti per malattie, o mille morti dove però
duecento li hanno ammazzati i medici?


Cosa vuoi che siano 200 morti per cause iatrogene su un milione di persone, su via è la statistica che lo dice, la media mediana che con un carpiato ti entra nel c***...
L'importante è che capiti agli altri no?

A voi del CICAP stanno tutti bene e in salute i figli vero?

Hermano Tobia ha detto...

Staminali mesenchemiali per malattie neurodegenerative, nuovo trial promettente per il Parkinson:

http://www.freedompress.cc/staminali-mesenchimali-parkinson-altro-bluff/

Barney ha detto...

@Vice.

Vedi, il problema e' che la scienza medica NON ti puo' dare certezze. Ti da' migliori condizioni di vita, e una ragionevole speranza di guarire da certe patologie. La speranza di guarigione in genere tende a salire con l'aumentare delle conoscenze sulla cause della malattia (ad esempio sui batteri e i virus che la portano, o sugli stili di vita che ti fanno ammalare), che porta a nuove cure o a nuove prescrizioni igieniche (lavarsi le mani prima di una operazione chirurgica e' una cosa che ha salvato milioni di vite; prima la setticemia provocata dallo sporco sulle mani del chirurgo era una enorme causa di morte, per esempio).

Ma siccome siamo appunto nell'ambito della scienza, non avrai mai la certezza assoluta del risultato. Nessuna cura strombazza il 98% di guarigioni, o il 99% o addirittura il 100% come in genere fanno i fuffari.

Al fuffaro-medico piace poi moltissimo guardare i morti iatrogeni. Si dimentica sempre di contare i morti da cure alternative (nessuno, ovviamente, no? E poi tutte cure gratuite, mica come quelle di BigPharma!), e soprattutto si dimentica di confrontare quanti sono sopravvissuti GRAZIE alle cure.

Si, alla fine guarire e' una questione di probabilita'. E nell'ipotesi che ne abbia bisogno, mi fidero' sempre piu' di un processo rigoroso e comprensibile piuttosto che delle parole del primo santone che passa per la strada.

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
Non metto in discussione quanto hai appena scritto, sono d'accordo, il problema è altrove.
Certamente ci sono i fuffari come certamente ci sono i patoscettici, entrambi creano dei danni, a volte irreparabili purtroppo.
Uno che afferma che 200 morti per malasanità sono statisticamente una cosa ridicola, personalmente mi viene da prenderlo a calci nel sedere, c'è una possibilità statistica che magari gli smuovo qualcosa nel cervello.

Mi trovi d'accordo anche su Vannoni nello specifico, ma con DB non sono affatto d'accordo; gli metti in bocca dichiarazioni che non ha mai fatto, anzi esattamente il contrario e questa è una prerogativa dei patoscettici.
Dall'altra abbiamo i complottisti più estremisti che incalzano aggiungendo ulteriore fuffa e dichiarazioni mendaci creando e alimentando un circolo vizioso di disinformazione.
Chi ha la pretesa di fare informazione scientifica, di elevare il grado culturale della massa media, dovrebbe dare l'esempio con comportamenti virtuosi, seri, professionali. Al contrario vedo solo tanta buona volontà nel canzonare, denigrare, perculare, deridere e produrre zingarate a volontà. Indice di scarsa affidabilità, indice di profonda ignoranza, indice di malafede.

Andrea Michielin ha detto...

Versione di Barney: "secondo Di Bella TUTTI i tumori guariscono grazie al suo metodo."

Realtà dei fatti: "Come ebbe modo più volte di chiarire il Prof. Luigi Di Bella, il successo della terapia è influenzato - oltre che dallo stadio del male e dalle cure pregresse - più dal quadro clinico complessivo del malato che dalla patologia neoplastica. Non che tutti i tumori rispondano nella stessa misura ed in tempi analoghi: se il Linfoma non Hodgkin ed i carcinomi prostatici possono curarsi con tranquillità pressoché totale, se i tumori epiteliali, della gola, della vescica, i sarcomi dei tessuti molli e quelli ossei, i ca. mammari ed uterini, i ca. gastrici intestinali e renali, i melanomi non infiltrati, neoplasie cerebrali anche insidiose e perfino tumori della testa del pancreas hanno fatto registrare risultati totali, la percentuale di successi è più limitata per alcuni tipi di ca. polmonari (specie quelli a piccole cellule) e del corpo o della coda del pancreas. Senza sottovalutare che c'è sempre l'insidia del caso particolare. Ma, tornando a quanto detto sopra, un paziente con seri problemi riguardanti la funzionalità epatica, cardiocircolatoria o relativi ad altre funzioni fondamentali dell'organismo, può rispondere meno di uno affetto da forme tumorali più insidiose ma immune dalle disfunzioni sopra esemplificate. E' in questi casi che la preparazione e le capacità del medico curante sono determinanti, essendo indispensabile ripristinare - per quanto possibile - condizioni essenziali per il buon esito della cura."
Tratto da: Metodo Di Bella - La terapia

Boh, io da ignorante e persona che crede nella sincerità del prossimo mi chiedo a cosa serva stravolgere in questo modo la verità.
È sola incomprensione di quello che si legge o si ascolta? C'è dell'altro?
A chi o cosa è utile raccontare il falso, quando gli stessi protagonisti sostengono altre cose, rimanedo più modesti ed esprimendo i risultati di fatiche cliniche e pratiche ultradecennali?
Mah!

Mario Massa ha detto...

@Mistero
"Il giorno 2 sarò a Bologna al convegno. ...Sarebbe una occasione per incontrarci e per chi può venire. Mario vieni a fare un giro?"

Il caso Di Bella secondo me non è nemmeno paragonabile al caso Rossi. Non vedo quindi nulla di male (anzi) che venga trattato in sede universitaria, purchè non si usino toni da complottisti o vittimismi.
Domani penso proprio di venire. E' disponibile il programma?

Andrea Michielin ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Andrea Michielin ha detto...

Bravo Mario, così si fa!
Mi ricordo della chiacchierata al primo pranzo del blog. Spero di non averti annoiato a morte in quell'occasione! Nel caso chiedo venia! :)
Mi fa molto piacere che dimostri, una volta di più, di avere curiosità e desiderio di conoscenza diretta.
Il programma: Programma del Convegno

Alessandro Pagnini ha detto...

Non conterà un tubo, ma Di Bella gode di ottima considerazione presso alcuni medici che conosco, quantomeno come persona preparata che, stando a loro, ha varato una terapia utile, almeno a livello palliativo e nel contempo meno dannosa di certa chemioterapia. Non si azzardano a parlare di efficacia più manifesta, ma già questo non è poco. Insomma non è considerato un imbecille che si è levato dalla testa qualcosa di campato per aria.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Hermano

Visto il link. Interessante.

MISTERO ha detto...

@Mario
Domani penso proprio di venire.

Io arrivo verso le 09:30, sono con Tom Bosco e un altro Andrea..
Sono molto felice di rivederti. :-)

Silvio Caggia ha detto...

@Alessandro Pagnini
Concordo con quanto scritto nell'articolo che hai linkato sulla mammografia. Non c'entra però nulla con il metodo Di Bella, anche se l'ha scritto il figlio.

Certo che se Cochrane per qualcuno qui sono santoni non c'è più nulla da dire...
Per chi invece li considera affidabili non resta che dedurne le conclusioni...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio

Sì, è vero direttamente non c'entra col metodo Di Bella, però denuncia le storture del sistema che poi è lo stesso che il metodo FORSE (io penso probabilmente)glielo boicotta. Ho notato che ha ripreso un tuo discorso di qualche tempo fa sulla sovradiagnosi. Sapevo che avresti apprezzato! :-)

Chi è "Cochrane". Quello della propulsione a curvatura? :-D

MISTERO ha detto...

Chi è "Cochrane". Quello della propulsione a curvatura?

Ah ecco, grazie Ale!!!
:-))

Andrea Michielin ha detto...

Domani dovrei esserci, con la mia compagna.
Sarà un piacere avere occasione di salutarvi! :)

Alessandro Pagnini ha detto...

Ma a parte gli scherzi e star trek, chi é quel tale?

Alessandro Pagnini ha detto...

Era in qualcuno dei link postati?

Hermano Tobia ha detto...

@Alessandro
https://en.wikipedia.org/wiki/Cochrane_Library

Si tratta di un gruppo no profit di studiosi che revisiona e riassume i risultati dei più importanti trial clinici in modo da validarne i risultati e favorirne la diffusione.

A mio modesto avviso si tratta di un contributo fondamentale per lo sviluppo e la diffusione dell'Evidence Based Medicine.

Alessandro Pagnini ha detto...

Grazie Hermano. Se aspettavo quel delinquente di Silvio..... ;-)

Alessandro Pagnini ha detto...

Noooo, incerdibile, mi tocca rimangiarmelo, mi aveva inviato notizie su whatsapp. Tutto pur di cotraddirmi! :-D

Hermano Tobia ha detto...

http://www.freedompress.cc/molecole-biologiche-nella-prevenzione-terapia-tumori-bologna-convegno-giuseppe-bella/

Grande Cinzia Marchegiani, una giornalista vera.

Hermano Tobia ha detto...

http://www.freedompress.cc/molecole-biologiche-nella-prevenzione-terapia-tumori-bologna-convegno-giuseppe-bella/

Grande Cinzia Marchegiani, una giornalista vera.

Alessandro Pagnini ha detto...

Leggo dal link:

"...E’ la consapevolezza sempre più profonda di molti malati che chiedono il diritto di scelta, quando sullo stesso piano ci sono le stesse probabilità di sopravvivenza ma effetti collaterali molti diversi..."

Ed è praticamente quello che mi dicevano gli amici medici cui accennavo, che il MDB lo hanno visto usare da alcuni loro pazienti: non guarisce dal cancro, come non lo fa la chemio del resto, ma ti aiuta anche di più e non ti massacra.
E scusa se è poco. E comunque loro avevano casistiche limitatissime, nel bene e nel male.

Di Bella, sembrerebbe proprio che dei buoni risultati li abbia ottenuti, a quanto pare qualche volta anche con episodi di remissione e continuando a lavorarci, probabilmente si potrebbe giungere a migliorarlo ancora.

Il convegno di domani sembra davvero interessante. Fa piacere vedere che ci sono tanti diversi e interessanti approcci alla cura dei tumori.

Naturalmente, come ogni volta che c'è qualcosa che pare 'dirazzare' da 'ciò che si vuole, là dove si puote', hanno tentato di stopparlo. Faranno una lettera dei mille anche contro coloro che cercano approcci diversi dalla chemio?

Sarà anche un veicolo di diffusione di bufale, anzi lo è senz'altro, ma internet da questo punto di vista è benedetta, altrimenti certi 'bavagli' sarebbero difficilissimi da evitare. Dio benedica la rete!

Andrea Michielin ha detto...

@Alessandro

studio clinico retrospettivo su 122 casi di tumore della mammella

Carcinoma plurifocale della mammella

studio clinico retrospettivo osservazionale su 23 casi di tumore della testa e del collo

Studio retrospettivo sul Carcinoma Mammario trattato unicamente con MDB (terapia di prima-linea)

Studio osservazionale retrospettivo su 55 casi di Linfoma

Pubblicazione su cancro alla prostata di 16 pazienti e revisione della letteratura

Solo questi sono 217 casi ben descritti. Ma... ce ne sono diverse migliaia. Solo di ricorsi vinti dai pazienti (che hanno quindi costretto le asl a rimborsare il costo della cura) ce ne sono forse 2.000.
Non sono ancora sufficienti a stabilire che tale Metodo funzioni?
Essere efficace significa soltanto che le percentuali di guarigione o comunque di sopravvivenza in buono stato di salute sono più alte rispetto ad altre cure proposte dal SSN (tra l'altro a costi decisamente inferiori...).

Le informazioni ci sono. Ma... non verranno mai a bussare alla porta di noi tutti, se non facciamo qualcosa noi per primi in merito.
La partecipazione al convegno è un buon primo passo! Dai, che Prato non è così distante! :)

Andrea Michielin ha detto...

Ecco le due brochure informative:
Programma del convegno

Programma della riunione organizzativa

CLaudio Rossi ha detto...

@ mistero
"c'è ancora il veto militare per tutte le tecnologie fotovoltaiche che superano il 20℅ di efficienza"
Mi potresti dare qualche indicazione in più su questo punto? Mi servirebbe poterlo documentare.
Grazie

MISTERO ha detto...

Certamente Claudio, magari ci faccio un post, visto che non è affatto nota ed è stata desecretata da qualche anno con l'IFC americano..
Ora però provo ad andare a dormire altrimenti domani sai che occhiaie con le foto ricordo.. :-)

Silvio Caggia ha detto...

@Alessandro Pagnini
Ahem... non è che Cohcrane ha ripreso un mio discorso dell'overdiagnosys, sono io che riprendo i discorsi della Evidence Based Medicine e Cohcrane!

Silvio Caggia ha detto...

Per chi va oggi al convegno: mi dite che ne pensate di Sergio Stagnaro?
Per me è molto più matto di Hamer...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio

Intendevo dire che era stato ripreso nell'articolo, ma non intendevo dire che si stessero ispirando a te :-)
Comunque quello delle sovradiagnosi è un punto di vista interessante, che non mi suona sbagliato.


@ Andrea

Più tardi do uno sguardo ai link.
Se potessi venire lo farei, veramente. La cosa mi incuriosisce, ma non posso proprio.
Tuttavia rimane il fatto che, come dico per le LENR, se ci fossero state dimostrazioni positive ineccepibili, non saremmo a discuterne su un blog, ma ormai sarebbe letteratura medica acquisita. Però la differnza è che gli operatori LENR paiono tutti gelosi e timorosi di mettersi alla prova: chi per un motivo chi per l'altro e inoltre, a differenza della medicina, lì il problema della ripetibilità, ancora una chimera per molti, è particolarmente sentito, perchè se nella tua dimostrazione l'acqua poi non bolle, non si butta la pasta, non si fa la carbonara e tu vieni preso per un pataccaro! ;-)
In campo medico, hai ragione tu, l'importante è avere numeri statistici migliori ed è già un altro approccio. Tuttavia, anche le statistiche vanno fatte con un certo criterio oggettivo, per cui vengono effettuati quei famosi 'studi scientifici' che si contraddicono bellamente l'un l'altro, specialmente in campo nutrizionista (Hanno appena riabilitato anche il burro, che forse protegge persino dal diabte. Tiè!), ma non solo. Comunque sia, sono una forca caudina da cui si deve passare. Mi pare che per Di Bella sia stato fatto e con esiti negativi, quindi dobbiamo riflettere sulla possibilità che tale studio sia stato 'pilotato' verso quella conclusione, come sulla possibilità che Di Bella effettivamente si sbagli. La sensazione mia è che il metodo Di Bella dia fastidio e sia stato voluto mettere a tacere, però la mia sensazione vale poco, come con Rossi, del resto. E come con Keshe (in negativo, in questo caso). Contano i fatti. In questo caso specifico, probabilmente è il caso di lottare perchè venga riconsiderata la posizione 'ufficiale' sul metodo, attraverso un nuovo trial di validazione, il che porterebbe a poter estendere a tutti i benefici del metodo. Se poi, l'atteggiamento di chiusura fosse chiaro, netto e giustificato solo da interessi di bottega, allora non rimane che la 'guerriglia', che è più o meno quello che si sta facendo con queste riunioni e grazie all'uso della rete.
Buon lavoro a tutti i guerriglieri (ma con la speranza di poter combattere in campo aperto quanto prima) :-)

giorjen ha detto...

C'è un altro punto da non sotto valutare.
Quanto costa la cura al cliente dei Di Bella? lo dico da ignorante, non ne ho idea. Ma ho il dubbio che se Di Bella fosse stato un po' meno attaccato ai soldi sarebbe andato all'estero con tutta la baracca, dove probabilmente se avesse avuto qualcosa sarebbe stato accolto a braccia aperte, e oggi sarebbe osannato dagli stessi che sono convinti che gli italiani che decidono di rimanere in Italia sono sempre solo dei ciarlatani. Sicuramente sono un po' provinciali...
g

Alessandro Pagnini ha detto...

@ giorjen

"...Ma ho il dubbio che se Di Bella fosse stato un po' meno attaccato ai soldi sarebbe andato all'estero con tutta la baracca..."

Mah...., fammi capire, tu pensi che i soldi della terapia se li metta in tasca Di Bella? Questo francamente non lo pensavo e non lo penso tuttora.
Di persone non immuni al fascino dei soldi, poi, ne conosciamo qualcuna che è andata fino a Miami per tentare di metter su la fabbrichetta coi robottini, quindi non tutti rimangono in Italia ;-)

giorjen ha detto...

se Rossi avesse iniziato in America sarebbe unanimemente considerato un genio (a torto o a ragione). Ma siccome ha provato a iniziare in Italia è, evidentemente, un ciarlatano. E' una forma di provincialismo tutta italiana che è uno dei peggiori mali del paese. Uno studio considerato bufala a bologna diventa automaticamente altissima scienza quando viene fatto a Ginevra.

Un dottore che sbaglia con una terapia "buona" è accettabile secondo Barney, mentre se una terapia "alternativa" e sperimentale non salva il 100% dei malati allora coloro che la promuovono sono tutti dei ciarlatani lestofanti.

Sui soldi e Di Bella non so sinceramente, infatti chiedevo. Immaginavo fosse una clinica privata visto che la terapia non è riconosciuta.
g

Silvio Caggia ha detto...

Per chi va oggi al convegno: mi dite che ne pensate di Sergio Stagnaro?
Per me è molto più matto di Hamer...

vincenzo da torino ha detto...

O.T. Sapete qualcosa sui 442 giorni di prova chiesti dal Tribunale nella causa IH-Rossi? Io vi ho capito poco.

Mario Massa ha detto...

@Silvio
"mi dite che ne pensate di Sergio Stagnaro? Per me è molto più matto di Hamer..."

Sono venuto via alla fine delle relazioni, verso le 14. Hanno spostato domande e discussione al pomeriggio alle 15. Per quello che ho sentito credo tu abbia ragione. Le slides con la parola "Quantic" ovunque erano tutto un programma (poi magari, al di là del nome assurdo, la Semeiotica Biofisica Quantistica ha un senso, ma bisognerebbe sentire un medico). L'impressione comunque è che oggi Luigi di Bella si sia rivoltato nella tomba.

I dati (mi pare 130 casi relativi a carcinoma mammario trattati con solo MDB) riportati da Giuseppe Di Bella erano "impressionanti". Saranno supportati da altrettante cartelle cliniche ineccepibili? Tra i 150 seguaci plaudenti (la sala era piena con gente in piedi) avrei voluto vedere in sala 5 oncologi in contraddittorio. Se fossi un oncologo di Bologna e fossi convinto che il MDB non solo è inutile, ma pericoloso come concludeva lo studio di una ventina di anni fa, sarei andato là e li avrei subissati di domande (il convegno è stato introdotto dal presidente dei medici di Bologna).

Ho incontrato di volata (mi dispiace non ci sia stato il tempo di parlare un po per scambiare qualche opinione) Andrea Michelin e la sua compagna che forse sono rimasti per la discussione al pomeriggio. Forse loro potranno dirti qualcosa di più.

domenico canino ha detto...

da mats2:
Focardi - Gullible.
Fioravante - co-conspirator or inept.
Levi - co-conspirator.
Penon - co-conspirator or ultra-mega-world champion inept.
Fabiani - co-conspirator.
Lewan - gullible
Darden/Vaughn - gullible/inept
Woodford - gullible
New partner (pending verification) - gullible/inept

Phew. Quite a trail of stupidity and corruption.

Umilmente quoto.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Domenico

Sì, più o meno il discorso è quello. Ovviamente il quadro descritto NON è impossibile, ma a me sembra poco probabile. Comunque Murphy insegna a tenere conto anche delle situazioni poco probabili, o ritenute tali, parcheggiando prudentemente il deretano accosto ad una solida parete ;-)

Robbins ha detto...

"Fioravanti", non "Fioravante". Questi americani dovrebbero imparare a citare correttamente i nostri cognomi prima di darci di disonesti o di cretini.

Alessandro Pagnini ha detto...

Di nuovo Mills con la sua azienda BLP:

http://brilliantlightpower.com/wp-content/uploads/presentations/Tech-Business-Presentation-062816.pdf

Ma non ho capito una cosa: l'idrino, che fine fa? A perdere? Se non sbaglio lo ottiene dall'acqua, giusto? Finiremo tutti esageratamente energizzati, ma disperatamente disidratati? ;-)

MISTERO ha detto...

Questi americani dovrebbero imparare

Non finiranno mai di imparare.
Ora segretamente finanziano il piezocongresso di questo mese giù nelle Marche, proprio per imparare..

MISTERO ha detto...

@Robbins
Shhhh!!!
Il nemico ci spia.. ;-)

Hermano Tobia ha detto...

Mentre confidiamo in un resoconto del convegno, volevo condividere alcune osservazioni. Dal punto di vista mediatico il metodo Di Bella è stato "venduto", sostanzialmente, come ciarlataneria, ovvero inefficace nel 100% dei casi, principalmente sulla base del solo "famigerato" studio del 1998 pubblicato sul BMJ, sui cui limiti si è già discusso abbondantemente.

Bisogna ricordare che in medicina il concetto di "funzionamento" di una terapia va inteso esclusivamente in senso statistico, e nella valutazione vanno presi in considerazioni anche altri fattori tra cui la qualità della vita, il costo del trattamento, ecc.

Consideriamo uno studio come questo (1) che dimostra su un campione abbastanza significativo l'efficacia del trattamento: il fatto che le "critiche" a tale studio siano ottusamente basate sul solito fango e disinformazione (come confondere remissione e sopravvivenza a 5 anni, oppure non considerare che alcuni dei 29 casi iniziali sono stati esplicitamente esclusi per mancanza di analisi istologica o trattamento non seguito), non fa altro che irrobustire notevolmente i risultati pubblicati.

Ed infatti qualsiasi risultato di efficacia non nullo rappresenta un problema enorme anche dal punto di vista mediatico, in quanto come detto il metodo è stato "venduto" all'opinione pubblica come totalmente inefficace: bisognerebbe infatti spiegare come mai è stato bloccato ed osteggiato per tanti anni, si aprirebbe la caccia alle streghe per le responsabilità, emergerebbe che la cosiddetta comunità scientifica non è affatto esente da errori (o peggio ...), e la fiducia in essa verrebbe ulteriormente minata.


(1) http://www.nel.edu/archive_issues/o/34_7/NEL34_7_DiBella_660-668.pdf

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Hermano
"...emergerebbe che la cosiddetta comunità scientifica non è affatto esente da errori (o peggio ...)..."

Ma non mi dire! Non l'avrei mai pensato, giuro! ;-)

cikagiuro ha detto...

Ecco un toccante caso, uno dei tanti, di "ciarlataneria" raccontato da una paziente in carne ed ossa che ha optato per il MDB: NO CHEMIO, NO RADIO:
http://cronacadiungirasole.blogspot.it/2013/11/la-storia-di-olly-jocarcinoma-duttale.html

Delle statistiche, soprattutto quelle sbandierate dalla nostra oncologia, mi fido poco per non dire nulla.
Come diceva il prof. Di Bella la statistica è spesso soltanto la fossa degli imbroglioni.

Chi, eventualmente,voglia sapere come stanno effettivamente le cose sulla reale efficacia della chemioterapia può leggersi questa disamina sul "Rapporto Morgan",l'unico studio credibile mai effettuato:
http://www.dibellainsieme.org /discussione.do?idDiscussione=42638

Barney ha detto...

Mi scuso per l'OT.

Dopo anni, in Iraq ci si e' arresi all'evidenza che il Quadro Tracker NON funziona.

Per chi non conoscesse la storia, eccola qua per l'ennesima volta.

Il mercato dice che funziona: 85 MILIONI di dollari di fatturato in anni di truffa...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney

"... Ha dimostrato di non funzionare”. Una dichiarazione grottesca se si pensa che ci sono voluti centinaia di morti e 85 milioni di dollari investiti in un falso scanner per confermare una bufala già scoperta due anni fa...."

Duri come le pine verdi, eh? ;-)
Ci vuole un po' più di occhio vispo e magari evitare di prendere qualche bustarella sottobanco, anche?
Meno male che adesso, colpevolmente tardi, si sono svegliati. Ne siamo tutti felici, credo.

Barney ha detto...

Tra l'altro la bufala e' stata DIMOSTRATA essere bufala gia' prima del 2000. Ma e' bastato cambiare paese per la sede legale, e allargare il mercato a nazioni sempre in guerra per andare avanti benissimo sino ad oggi.

giorjen ha detto...

grazie Barney!
quanti professori universitari (o premi nobel, a scelta tua) avevano fatto un "endorsement" per il Quadro Traker?

g

Barney ha detto...

@giorjen:
boh? E' importante? Non sceglieva il mercato, una volta? Che te ne fai dell'endorsement di Josephson, se poi non vendi nulla?

Mario Massa ha detto...

@Alessandro Pagnini
"Meno male che adesso, colpevolmente tardi, si sono svegliati. Ne siamo tutti felici, credo."

Chissà quando scriveranno la stessa cosa riguardo la FF:-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario
"...Chissà quando scriveranno la stessa cosa riguardo la FF..."

Sarebbe stato più equilibrato ed apprezzabile un

"..Chissà SE scriveranno la stessa cosa riguardo la FF..."

Me lo chiedo anche io, ma penso e spero di no.

Non è che non avessi sospettato dove credo volesse andare a parare Barney, che probabilmente ha sparato a mitraglia (mirando a LENR, cure NON ufficialmente riconosciute, ecc...), solo che non ha scritto niente di non condivisibile, almeno da me, e non ho potuto che dargli ragione, disinnescando in partenza eventuali polemiche e paragoni arditi.
Lui la palla però l'aveva alzata e sei arrivato tu a rete a schiacciare. Vi raccomando per la nazionale di Volley, altro che Cacciatori e Piccinini (oddio...dovendo scegliere, scusatemi ma non avrei proprio dubbi! ;-)

IO non ho neppure voluto far polemica, tra l'altro sarebbe stata anche in thread, andando a ricercarmi i farmaci che, pur avendo passato i vagli dei vari trial (della MEDICINA UFFICIALE), sono poi stati ritirati dal commercio, vuoi per pericolosità, vuoi per pericolosità ed efficacia più che dubbia.
Mi fa troppa fatica andare a googlare, anche perchè stasera sono rientrato alle 21,30 è ho finito una frugalissima cena da una ventina di minuti e la notte scorsa ho dormito nemmeno 4 ore, quindi la mia vena combattiva ha limiti evidenti stasera, ma se qualcuno vorrà fare una indagine delle 'bufale mediche' ovvero di quei preparati, terapie, o semplicemente indicazioni nutrizionali che sono state gabellate come scientificamente avallate e poi puntualmente smentite da 'studi più recenti', o dall'evidenza di patologie indotte, anche gravi, credo che ci sarà da passare molto tempo a leggere.
Comunque SE le LENR si dimostreranno una bufala, ne prenderemo atto. Però io, che non ho la sfera di cristallo (la sta aspettando anche Rossi a quello che dice ;-) ) e quindi nel frattempo mi tengo il dubbio e le mie OPINIONI.

Vedremo.....

Mario Massa ha detto...

@Alessandro Pagnini
Sulle LENR vedremo. Sul caso Di bella l'ho già detto, la cosa è molto diversa. A me pare che sia lui che la MU non siano molto onesti e cerchino di sminuire l'"avversario" con stile tipico da politici. Come fa una indagine a concludere che il MDB non serve a nulla, anzi è pericoloso se ci sono molte testimonianze di persone che dopo molti anni stanno bene senza avere subito nè operazioni nè chemio ma solo il suo metodo? E come fa Di Bella ad affermare che la MU non guarisce nessuno se io stesso conosco molte persone che grazie ad operazione o/e chemio o terapia ormonale stanno benissimo da molti anni? E' ovvio che, per entrambi, i casi che vanno a finire male sono la maggioranza ma ognuno evidenzia solo i propri successi e gli insuccessi dell'altro.

Se nel caso FF lotte e imbrogli sono tollerabili, nel caso della medicina trovo questi atteggiamenti veramente disgustosi da entrambe le parti. Perchè i vari pazienti curati da Di Bella non firmano un consenso a divulgare la loro cartella clinica? Inutile che girino come tifosi con le magliette inneggianti al Maestro: se vogliono sdoganare il MDB rendano disponibili i dati in grado di farlo. Anche volendo, come fa la MU ad approvare un metodo se non è documentato con le cartelle cliniche dei curati?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario

Nella diatriba Di Bella vs MU non so esprimermi neppure io, al momento, non avendo capito bene il comportamento, ad esempio, della parte Di Bella. Non avevo capito e me lo riveli tu, che i dati non vengono messi a disposizione se non in forma aggregata e quindi praticamente incontrollabili e icontestabili. Questo è certamente un bell'ostacolo. Mah....effettivamente per adesso non credo di aver capito moltissimo sulle rispettive posizioni/contestazioni.
Sui successi della MU, se dovessi dire quale è la mia idea, ma, sia chiaro, basata quasi su ispirazioni aruspicine ;-)e qualche lettura, direi che la chemio ha in alcuni casi una utilità temporanea in cui riesce a far regredire il tumore, rendendolo operabile e favorendo la chirurgia che in molti casi può essere risolutiva. Quando ci sono linfonodi interessati e quindi la metastasi è dietro l'amgolo, o quando addirittura è già conclamata, farebbero meglio a lasciar perdere la chemio, perchè nella stragrande maggioranza dei casi di interessamento di linfonodi sentinella, la situazione è quasi compromessa e nei casi di metastasi, ormai il tumore è tecnicamente inguaribile. In quei casi, mi convince più il rafforzare una risposta efficace dell'organismo, che sembra essere l'approccio di Di Bella. Per la chirurgia, invece, sarei più cauto a scartarla. E' un mezzo spiccio, ma con la sua brava efficacia. Se c'è verso prima aggredire il tumore in altro modo, bene (Chemio o Di Bella), se non reagisce positivamente, o se la situazione non ammette ritardi, può essere il caso di asportare la massa, ove possibile. Comunque, da quello che ho letto, sembra che la chemio abbia un primo effetto positivo, ma che poi finisca con il far sviluppare forme mutate più aggressive del tumore. Quindi la sua utilità è breve ed eventualmente propedeutica ad una successiva asportazione chirurgica. Diciamo che, a naso e per quel poco che ho capito, mi piace di più il metodo Di Bella e non poco, ma anche io ho visto persone guarire dopo un'operazione e magari della chemio (che forse ha fatto peggio che meglio, ma non abbastanza peggio, per fortuna), quindi penso che almeno l'opzione chirurgica, per il momento, vada considerata come utile e la chemio possa esserlo solo se serve a favorire una momentanea riduzione della massa tumorale, così da favorirne l'asportazione, prima che cellule mutate si diffondano. Se tale riduzione la si riesce ad ottenere col metodo Di Bella, è meglio e siccome in quel caso non dovrebbero esserci tutte le controindicazioni che si sanno essere associate alla chemio, il ricorso alla quale, nel lungo periodo, vedo sempre come perdente, si può anche provare a finire il lavoro con quella terapia (Di Bella o simili), o altrimenti aggiungervi, in un secondo tempo, l'opzione chirurgica. Per ora, questo è il confuso quadro che mi sono fatto.

Barney ha detto...

La segnalazione della -parziale- fine della storia "Quadro Tracker" mi sembrava doverosa, in quanto paradigmatica di fuffa conclamata in cui "ha deciso il mercato". Ha deciso cosi' bene che la cosa ha mosso 85 milioni di dollari, e fatto piu' di un migliaio di morti.

Sulla questione-Di Bella mi trovo abbastanza d'accordo con Mario. Se Alessandro vuole addentrarsi nella lettura dell'enorme corpus presente su MedBunker, si accorgera' che Di Grazia non e' completamente negativo nei confronti della cura, anzi. Parecchi componenti il "metodo" si sono oggettivamente dimostrati -da soli- efficaci nell'intervenire sulle cellule cancerogene, quello che Di Bella invoca e' l'effetto sinergico del mix (che comprende -ma questo probabilmente sfugge ai piu'- ANCHE piccole dosi di CHEMIOTERAPICI), mai in effetti acce(r/t)tato scientificamente.

Rispondo anche a Michelini, il quale mi accusa di affermare che secondo Di Bella il suo metodo cura tutti i tumori.
Lo cito mentre lui cita Di Bella:
Non che tutti i tumori rispondano nella stessa misura ed in tempi analoghi: se il Linfoma non Hodgkin ed i carcinomi prostatici possono curarsi con tranquillità pressoché totale, se i tumori epiteliali, della gola, della vescica, i sarcomi dei tessuti molli e quelli ossei, i ca. mammari ed uterini, i ca. gastrici intestinali e renali, i melanomi non infiltrati, neoplasie cerebrali anche insidiose e perfino tumori della testa del pancreas hanno fatto registrare risultati totali,...

Per questi tumori Di Bella dichiara il 100% di successo. Possiamo quindi dire che il MDB cura al 100% QUEI tumori? Se si, e' semplicissimo scoprire la verita'...

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
Di Bella non dichiara il 100% di successo, lo dichiari tu in base ad una tua interpretazione personale.
Confondi, secondo me volutamente altrimenti sei stupido, il 100% di successo su un singolo caso con il 100% di successi su tutti i casi.
Le frasi che hai riportato si riferiscono ad una casistica di tumori differenti per tipologia nei quali ha avuto - IN ALCUNI CASI E NON TUTTI - il 100% di successo.
Quindi, usando le tue parole, non puoi dire nulla e sciacquati la bocca con il sapone quando TU parli di VERITA'.

@Ale
Non avevo capito e me lo riveli tu, che i dati non vengono messi a disposizione se non in forma aggregata e quindi praticamente incontrollabili e icontestabili.

Scusa chi lo ha detto?
Mi risulta il contrario, non solo, mi risulta che chi critica non guarda appunto il cannocchiale anche se è stato più volte invitato a farlo.
Di Bella e non solo lui ha dato e dà, ampia disponibilità di visionare ogni singolo caso, basta chiederlo secondo prassi.

MISTERO ha detto...

Scusa Ale, ho letto ora l'intervento di Mario, gli rispondo.

@Mario
Perchè i vari pazienti curati da Di Bella non firmano un consenso a divulgare la loro cartella clinica?

Hai chiesto a Di Bella di poter visionare le cartelle cliniche?
Se si quando? Al convegno non ti ho visto fare domande.
Se si, come ti sei presentato, come dottore, medico o come ingegnere?

Inutile che girino come tifosi con le magliette inneggianti al Maestro

Non ho visto nessuno con la maglietta inneggiante a Di Bella, forse ero ad un altro convegno?

se vogliono sdoganare il MDB rendano disponibili i dati in grado di farlo.

Ripeto, li hai chiesti? E se si con quale titolo?

Anche volendo, come fa la MU ad approvare un metodo se non è documentato con le cartelle cliniche dei curati?

Ti ripeto, hai conoscenza di chi le ha chieste e non le ha ottenute?

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
(che comprende -ma questo probabilmente sfugge ai piu'- ANCHE piccole dosi di CHEMIOTERAPICI)

Non ne ero a conoscenza, mi citi i documenti e i link please.
Mi bastano le frasi anche decontestualizzate e il link ai documenti.

Mario Massa ha detto...

@Mistero
"Di Bella e non solo lui ha dato e dà, ampia disponibilità di visionare ogni singolo caso, basta chiederlo secondo prassi."

Andrea, questo secondo me è un punto fondamentale per capire come stanno le cose. Io ho sentito Garattini affermare che le cartelle non sono state mostrate. Sono disponibili o no? Se si, sostengo che i pazienti darebbero il massimo aiuto a Di Bella se firmassero la liberatoria per renderle pubbliche e l'associazione le rendesse disponibili su Internet liberamente. Qualcuno per motivi di privacy non vorrà farlo, ma su 10.000 casi trattati ce ne saranno almeno un centinaio che accetteranno, o no?
Se sei della mia opinione, perchè non esponiamo la cosa a Di Bella?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario
@ Mistero
@ Barney

Le piccole dosi di chemioterapici le cita quella paziente con il cancro al seno del quale è stata linkata la storia, pro Di Bella. Non mi era sfuggita la cosa, infatti me lo ricordo senza dovermi ricercare il link, piacere che lascio a voi :-)

Per quanto riguarda i dati 'secretati', avevo preso per buona l'affermazione di Mario che essendo stato al convegno pensavo avessa avuto notizia certa di questo tipo di impedimento.
Una delle cose che da tecnico progettista mi era stata insegnata, oltre a considerare sempre il caso peggiore, era di non fare affermazioni 'certe' su cose delle quali certezza non si ha. Mario tende a derogare da questa che io ritengo una regola aurea di prudenza, quantomeno sulle LENR e glielo ho fatto notare poco sopra, ma se lo ha fatto anche qui allora è recidivo (forse frequenta ambientacci che hanno su di lui una cattiva influenza ;-) ) e quando ci vedremo, se mai accadrà, ad un convivio, pagherà l'apertitivo a tutti, per punizione. Tiè! ;-) :-D

Andrea Michielin ha detto...

@Tutti

A scanso d’equivoci, la famiglia Di Bella non ha MAI speculato sui malati.
Ricordo, per quelli che fossero poco informati, che il Professor Luigi Di Bella (scopritore del Metodo) in oltre 60 anni di attività medica non ha MAI chiesto una sola lira ai pazienti.
Anzi, sono stati parecchi i casi in cui personalmente provvedeva all’acquisto dei farmaci da donare al malato di turno (ad una persona sono stati forniti gratuitamente i farmaci per 15 anni…).
Rammento inoltre che… la processione che vi era a Modena (quando il Professore era ancora in vita) iniziava al mattino presto (anche alle 4…) e finiva a tarda notte.
Tutto questo gratis! Quindi, per favore, non diffondete false notizie su guadagni che non ci sono mai stati!

Il figlio si fa pagare la prima visita (mi sembra 120 euro, che finiscono nelle casse della Fondazione) e le restanti sono gratis.

Ditemi, voi fate altrettanto con la vostra occupazione?

Andrea Michielin ha detto...

@Mistero
L’utilizzo dell’ ENDOXAN nel METODO DI BELLA

UTILIZZO CONVENZIONALE (secondo gli attuali protocolli chemioterapici ):
10 grammi di ciclofosfamide in vena ottengono la morte cellulare per lisi (citolisi - cioè la cellula tumorale viene spaccata) oppure avviene la morte cellulare tumorale per intossicazione acuta ( anche delle cellule sane, però) e sovvertono la quantità delle altre cellule tumorali che non sono uccise, ma sono completamente alterate nei loro aspetti vitali, predisponendole a nuove mutazioni.

UTILIZZO NEL METODO DI BELLA
Se utilizzate 100 milligrammi, invece di 10 grammi, non otterrete un effetto citolitico o citotossico, ma avrete un effetto diverso in maniera totale: avrete un effetto apoptotico. (l’apoptosi – dal greco: morte naturale) è quella fase della vita cellulare che fisiologicamente ne determina e ne precede la morte.
Qualsiasi cellula normale nasce, invecchia e muore.
La cellula tumorale, non invecchia e non va in apoptosi, perché attraverso la prima mutazione inattiva i geni che portano all’apoptosi).
Non deve sembrare strano, perché ogni specie vivente ha una diversa aspettiva di vita ed è programmata nel DNA. Anche a livello umano ci sono famiglie longeve e famiglie meno longeve, per cui l’aspettativa di vita fa parte di un c.d. programma genetico.
Ci sono delle sequenze geniche che codificano questo aspetto.
La cellula tumorale alla prima mutazione inattiva questi geni per cui non va in apoptosi, non muore più.

Tratto da: Utilizzo del Endoxan nel MDB

Andrea Michielin ha detto...

@Mario

Forse hai visto una persona che aveva stampato sulla maglietta una frase del Professor Di Bella.
Tale persona la conosco. È il figlio di una delle prime pazienti del Dr. Di Bella (nel 1973 l'ha guarita da leucemia insieme ad altre 6 persone).
Da allora tutta la sua famiglia cerca di aiutare l'operato della famiglia Di Bella, ovviamente gratis.
Allora furono queste le parole pronunciate dal Professore:
"Non posso dire se siamo sulla strada di debellare non solo la leucemia bensì ogni forma di tumore. Non posso nemmeno dire di avere trovato la cura assoluta della leucemia. Oggi devo soltanto dire che i pochi ammalati che ho curato stanno bene."

Chi riferisce che sostengano di guarire tutti, dichiara il falso interpretando a proprio modo un concetto completamente diverso.

MISTERO ha detto...

Mario mi sfugge chi è Garattini, ma ti assicuro che rispettando le cosuetudini e le prassi scientifiche i dati e le cartelle cliniche sono disponibili.

Internet è uno strumento potente per la libertà di parola e la sua diffusione, ma lo è altrettanto per chi le parole le sa usare bene per dimostrare il contrario.
No, non sono della tua opinione, diffondere le cartelle cliniche via internet non è una soluzione e alla meglio verrebbe strumentalizzata ulteriormente da chi passa 23 ore al giorno per scrivere che il MDB non ha nulla di scientifico o per dire che "i casi singoli non hanno rilevanza scientifica."

Tu pensa che almeno 1000 persone intervengono nel blog di Oggiscienza per riportare la propria esperienza POSITIVA con il MDB (è un esempio, ne sono intervenute ad oggi 4-5) e c'è uno che prontamente risponde che ogni caso è singolo E NON VIENE CONSIDERATO SCIENTIFICAMENTE.

Capisci Mario?

1000 e più casi di guarigione, remissione, etc, sono SINGOLI casi e quindi non valgono nulla.

Non solo, ora si vuole far passare il MDB come una cura chemioterapica senplicemente perché - proprio come chiede l'idiota che sostiene che i singoli casi non valgono scientificamente - viene pubblicato (come chiede l'idiota che fa finta che non esistono) uno studio scientifico nel quale si dimostra che il MDB funziona ANCHE abbinato a chemioterapici in basse dosi.
Trascurano però, dimenticano, fanno finta di nulla, che ci sono molte altre pubblicazioni del MDB non abbinato a chemioterapici.

Il mantra del giorno, ripetuto 4 volte:
Non si aspetti che, dai lettori abituali di Oggi Scienza, la sua testimonianza individuale..

Poi accusano i "guariti" dal MDB di essere settarici quando intervengono per portare la loro testimonianza e si confonde volutamente la loro voce - PASSIONALE, UMANA, IGNORANTE - con il lavoro SCIENTIFICO di Di Bella.

MISTERO ha detto...

@Ale
Non mi era sfuggita la cosa, infatti me lo ricordo senza dovermi ricercare il link, piacere che lascio a voi :-)

Lo so bene anch'io, ma sapevo anche dove voleva andare a parare Cesaretti, ma purtroppo Michielin ha anticipato tutti e mi ha rovinato un altro bel post dedicato a Barney il Cesaretti, un MITO.. :-)))

Andrea Michielin ha detto...

@Mario e Mistero

Scusate se non ho più avuto occasione di salutarvi sabato.
Sono uscito di fretta per un problema col parcheggio e... al ritorno non c'eravate più. Chiedo venia!

Ehm... Mistero, fai conto che non abbia scritto/detto nulla e crea lo stesso il post, per favore.
I commenti spesso non li legge nessuno! :)

Barney ha detto...

@Vice, er bulletto d'aa bassa padana.

Leggi quello che ha scritto Di Bella stesso: "se il Linfoma non Hodgkin ed i carcinomi prostatici possono curarsi con tranquillità pressoché totale, se i tumori epiteliali, della gola, della vescica, i sarcomi dei tessuti molli e quelli ossei, i ca. mammari ed uterini, i ca. gastrici intestinali e renali, i melanomi non infiltrati, neoplasie cerebrali anche insidiose e perfino tumori della testa del pancreas hanno fatto registrare risultati totali..."
Vuole dire qualcosa di diverso da "100%"? Ok, facciamo quanto?
95%? 90%?

Leggi, o ti servono i diesgnetti?

Ah, vedo che hai anche scoperto l'uso dei chemioterapici nel MDB, caro il mio Rampado techunta grillante. C'e' speranza tu impari anche l'inglese, quindi?

MISTERO ha detto...

e crea lo stesso il post, per favore.

Grazie del consenso Andrea, meglio così dai..
Ho altri post carini da finire e pubblicare, per Cesaretti spazio abbiamo dato, poi magari si monta la testa. ;-)

Spiace anche a me che non ci siamo salutati a modo con ulteirori chiacchere, purtroppo come hai visto c'era il nipotino Argeo che ha resistito la mattina ma per il pomeriggio ha voluto tornare a casa e mi sono perso tutto il dibattito.

MISTERO ha detto...

@Cesaretti
Abbiamo più di 200 tipologie di cellule differenziate nel nostro organismo di conseguenza essistono oltre 200 tipologie di tumori differenti.

Di Bella ne elenca 12 nei quali ha ottenuto risultati positivi del 100%, non ha scritto che ha ottenuto il 100% delle guarigioni come non ha scritto che ha curato con il 100% di remissione il 100% dei tumori esistenti.
Sei de coccio..

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Andrea Michielin

"...A scanso d’equivoci, la famiglia Di Bella non ha MAI speculato sui malati.
Ricordo, per quelli che fossero poco informati, che il Professor Luigi Di Bella (scopritore del Metodo) in oltre 60 anni di attività medica non ha MAI chiesto una sola lira ai pazienti..."

Complimenti sinceri. Si potrà dibattere sul metodo, ma sulla persona tanto di cappello, anche se avesse preso comunque qualcosa, ma in misura modesta, figuriamoci così. Bella differenza coi santoni che girano in Rolls.
Comunque, dovessi scegliere di giocarmi la pelle tra il suo metodo e una bella valangata di chemio, non avrei dubbio alcuno ad optare per Di Bella.

Barney ha detto...

Ribadisco: se leggeste un decimo delle cose "scettiche" -Medbunker in primis- vi accorgereste che il giudizio sul Di Bella uomo e' unanimamente favorevole.

E' sull'approccio della multiterapia che vi sono numerose remore e buchi neri.

La questione filologica del Vice la lascio a lui. 100, 90, la maggioranza, 12 su 13... ha ragione lui e stop. Come interpreta lui le cose 'un ce n'e' e vi basti sapere che LUI ha detto, LUI sa tutto, LUI studia e guarda i videini su youtube; aspetto solo che si metta a difendere la tecnologia vibrazionale del Quadro Tracker e poi esco di scena.

Mario Massa ha detto...

@Andrea Michielin
"Scusate se non ho più avuto occasione di salutarvi sabato."

Peccato, forse se avessimo avuto modo di reincontrarci alla fine della mattinata saremmo rimasti anche al pomeriggio per la discussione. Ma ormai è andata così.

Luigi Di Bella fu professore di mia moglie che lo ha sempre stimato moltissimo. Il problema è che anche persone integerrime e preparatissime possono sbagliarsi (e io non so se questo è il caso, ma so che in mancanza di prove certe potrebbe essere il caso).

Ero anche amico di Focardi, ma lui non riuscì mai a darmi una prova certa delle sue (e di Piantelli) affermazioni: restammo amici fino alla fine, ma continuo a ritenere che le sue affermazioni fossero infondate. Bisogna saper distinguere tra la persona e le sue affermazioni.

Alessandro Pagnini ha detto...

"... Bisogna saper distinguere tra la persona e le sue affermazioni...."


Quoto!
Però un farabutto mi genera più sospetto che mi stia prendendo per il baugigi! :-)

Hermano Tobia ha detto...

Il peso dei singoli casi (case report e case series) c'é eccome ed è stabilito dalle regole dell'EBM.
Il livello di evidenza scientifica si eleva tramite pubblicazioni su riviste peer reviewed (come fa Di Bella al quale i revisori, se hanno dubbi, chiedono i dettagli delle cartelle cliniche) e non sui blog, come fa medbunker, ginecogo completamente sconosciuto su google scholar, o peggio i soliti pseudoblogger incompetenti con troll al seguito per rispondere ai commenti.

Mario Massa ha detto...

@Mistero
@tutti
"No, non sono della tua opinione, diffondere le cartelle cliniche via internet non è una soluzione....1000 e più casi di guarigione, remissione, etc, sono SINGOLI casi e quindi non valgono nulla."

Ma cosa dici! Se 4 o 5 di quei 1000 casi raccontano la loro storia allora è evidente che sono casi singoli. Se sul sito della Fondazione si trovassero pubblicate 100 o 200 cartelle cliniche (hai mai visto la cartella clinica di un malato oncologico? Spesso sono più di 200 pagine) chi potrebbe sottovalutarle?
Siccome non mi piace discutere, ma fare, propongo di chiedere (anche qui su 22Passi ma non so se tecnicamente possibile essendo "chiuso") di lanciare un passaparola a quante più persone possibile che hanno seguito il metodo Di Bella perchè dichiarino di essere pronte a dare il nulla osta alla pubblicazione della propria (o del proprio caro) cartella clinica e se alla fine il numero sarà congruo, girare il tutto al dott. Di Bella.
Io conosco solo un caso (moglie di un medico amico) e penso non avrebbe nulla in contrario, anche se è uno di quei casi in cui il ricorso al MDB è stato come ultima speranza: non c'è da stupirsi quindi se la fine fu infausta, ma testimonio che durante questa cura Antonella stette decisamente meglio.

Al congresso, Di Bella ha mostrato istogrammi che si riferivano a circa 130 casi curati solo col metodo di suo padre, che avrebbero avuto la remissione nella stragrande maggioranza dei casi. Possibile che almeno una buona parte di queste persone non siano disponibili a testimoniare "fattivamente" autorizzando la pubblicazione delle loro cartelle cliniche?
Ma stranamente è lo stesso Di Bella sul suo sito a invitare i suoi pazienti a mantenere l'anonimato!

Sono andato a vedere medbunker indicato da Hermano in modo molto critico ma che invece CONSIGLIO DI LEGGERE: http://medbunker.blogspot.it/p/dossier-di-bella.html
Il dott. Salvo Di Grazia mi è parsa persona molto seria e meticolosa e non parla per sentito dire ma per analisi diretta. (oserei dire un po come me nel caso FF).
E' un po lungo ma vale la pena dato che a mio parere mostra solo due possibilità: o hanno ragione i complottisti più duri (tutti, a partire dal ministero della sanità e dai giudici hanno complottato contro Luigi Di Bella), o il metodo non funziona e probabilmente l'onestà anche di Luigi Di Bella è da mettere in dubbio. Verso la fine del link si legge:
"Invito chi è davvero interessato alla questione a non fermarsi solo alle mie parole ma indaghi e ragioni personalmente, cercando di capire se davvero il MDB sia stato un grande bluff oppure un "misterioso" complotto che ha affossato il tutto. Il caso, ormai quasi dimenticato, è stato un grande evento che ha mischiato scienza, creduloneria, speranza e cupidigia."
E poco oltre:
"Se qualcuno dovesse avere altri elementi da aggiungere o correzioni da fare mi contatti pure, io non vedo altri elementi sui quali basarsi per un giudizio. Se esistono pazienti con documentazione completa che vogliono inviarmi le carte del loro caso mi contattino tranquillamente."
(continua)

Mario Massa ha detto...

(seguito)
Ha inoltre chiesto direttamente a Giuseppe Di Bella di poter visionare cartelle cliniche:
"Per cercare eventuali altri casi con evidenza di efficacia ho allora contattato direttamente il dott. Giuseppe Di Bella (figlio del prof. Luigi) e gli ho inviato un messaggio mail il 04/03/11, questo:
Gentile Dott. Di Bella,
sono un medico che gestisce un blog critico sulle medicine alternative (l'indirizzo lo trova in calce al messaggio).
Sto per completare (dopo mesi di lavoro, analisi e studio) un dossier sulla cura Di Bella ed ho praticamente finito di scrivere tutti gli articoli che saranno pubblicati appena possibile.
Alla fine degli articoli era mia intenzione inserire eventuali casi di guarigione o miglioramento oggettivo di tumori maligni tramite il MDB e per questo motivo ho chiesto tramite vari canali (soprattutto, ma non solo, via internet) che chiunque avesse casi simili li avrebbe potuti inviare al mio indirizzo di posta elettronica per studiarli ed eventualmente (se autorizzato) pubblicarli.
Mi riferisco naturalmente a casi ben documentati con i dovuti riferimenti clinici e diagnostici, che hanno effettuato esclusivamente il protocollo Di Bella e che dimostrano un'efficacia del metodo. Il mio appello ha prodotto purtroppo pochissimi casi, dei quali solo uno pubblicabile perchè autorizzato. La documentazione completa quindi (come lei comprenderà sicuramente) è fondamentale."

La risposta la trovate nel link.

L'opinione finale dell'autore (che da giovane medico aveva sperato molto nel MDB) la trovate alla fine ed è la seguente:
"La mia impressione è che il prof. Di Bella si sia intestardito (probabilmente in buona fede) sulla sua idea andando oltre quello che è il metodo scientifico, in questo modo è scivolato, come capita spesso, in un terreno pericoloso e criticabile: le cure alternative senza efficacia. Molti sono quelli che ne hanno approfittato (non in buonafede, stavolta) per fini personali. Infine gli atteggiamenti dell'odierno gruppo Di Bella sono assolutamente fuori dai canoni scientifici e medici (ed anche del buon senso) non hanno alcuna attendibilità scientifica e come collega diffido dal loro operato in maniera profonda...Non ho alcuna intenzione di definire il mio giudizio una sentenza: resta un giudizio personale come tutti quelli che fornisco tramite questo blog, a chi mi ha seguito l'onere di scegliere."

MISTERO ha detto...

aspetto solo che si metta a difendere la tecnologia vibrazionale del Quadro Tracker e poi esco di scena.

Se vuoi comincio ad occuparmene, ho altri post prioritari per il momento, ma se ti fidi sulla parola, sparisci da subito?

Negli anni 30 (vado a memoria poi verifico) un ingegnere italiano emigrato in Belgio aveva messo a punto una tecnologia identica che oltre ad individuare a distanza depositi di esplosivi, bombe, etc, sembra fosse stato in grado ANCHE di farli esplodere.
Ci sono documenti militari declassificati che ne riportano testimonianza e un lavoro di recupero tramite un nipote di macchinari di vario genere. Più o meno sulla falsa riga del raggio della morte di cui tra l'altro tornerò a breve con un post, visti i documenti segreti americani divulgati recentemente da WL..
Peccato che te ne vai, perché te ne vai vero?

Hermano Tobia ha detto...

@Mario
non hanno alcuna attendibilità scientifica

Già solo questa frase è un palese sovvertimento della realtà: l'attendibilità scientifica si costruisce e misura con le pubblicazioni scientifiche (che Di Bella ha e lui no) e non con quelle sui blog.
Come ho già scritto le cartelle cliniche le chiederanno i revisori se hanno dubbi. Per aumentare il livello di evidenza ci sono delle regole ben precise codificate dall'EBM e la pubblicazione in rete delle cartelle cliniche in rete non rientra tra le modalita previste. Si pubblica e si scala la piramide EBM, chi vuole criticare mandi dei comment. Non ci sono altre strade.

PS per avere un'idea delle perle di medbunker leggi cosa ne capisce di brevetti qui:

http://medbunker.blogspot.it/2015/04/perche-il-complotto-medico-mondiale-non.html

Adesso vado a brevettare il monossido di diidrogeno per uso medico contro la disidratazione...

MISTERO ha detto...

sono un medico che gestisce un blog critico sulle medicine alternative

Mario, questa richiesta ti sembra una consuetidine di prassi scientifica?
Un blogger che fa una richiesta simile a me non pare proprio, poi vedi tu.
Decantate tanto il metodo scientifico e le pubblicazioni rigorose e poi vi affidate ad un blogger?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario

Ho tentato di leggere tutte le pagine del link, ma dopo un po' ho desistito. Per oggi ho anche altre cose da fare :-D
Non ho visto, quindi, dove è la risposta di Di Bella junior alle richieste.
Certo che ne ha di tempo quel blogger. Stando a lui, il metodo sarebbe da considerare al più una cura palliativa, che è poi quello che mi era stato riferito da amici medici: non guarisce, ma migliora la vita rispetto alla chemio, che non guarisce comunque.
L'ideale sarebbe avere davvero accesso a dei dati validi e confrontarli con quelli della sperimentazione. Non mi sorprenderebbe più di tanto se si scoprisse che per chi è paziente di Di Bella e ci parla e viene rassicurato e così via, le cose funzionano meglio. Potrebbe non esserci solo la chimica al lavoro, ma questo a MedBunker sarebbe difficilmente proponibile.
Sarei curioso di vedere fatta la maggior chiarezza possibile, ovviamente, visto che l'argomento è assolutamente importante e, come dice Silvio (e per colpa delle toccature a cui mi costringe, devo mantenermi costantemente pulito con bidet a profusione ;-) ), potremmo trovarci a doverlo affrontare con altissime probabilità...scusate... devo un attimo distrarre la mano dalla tastiera....fatto! :-D

Mario Massa ha detto...

@Mistero
"Decantate tanto il metodo scientifico e le pubblicazioni rigorose e poi vi affidate ad un blogger?"

Guarda che stai girando la frittata. Lui DENUNCIA UNA SITUAZIONE non fa pubblicazione scientifica. Chi dovrebbe fare documentazione scientifica è la Fonfazione Di Bella.
Se per la MU il metodo è già classificato come inutile o dannoso, come pretendi che qualche medico faccia pubblicazioni scientifiche a riguardo?
La situazione è esattamente quella della FF.
Smettano gli uni e gli altri di fare le vittime e se hanno dati verificabili li pubblichino. Se affermano che le riviste blasonate gli rifiutano le pubblicazioni rendano pubblico su internet: su questo Rossi e Focardi hanno agito correttamente.

Mario Massa ha detto...

@Alessandro Pagnini
"Certo che ne ha di tempo quel blogger."

Guarda che è un chirurgo. E da appena laureato ha voluto vederci chiaro nel metodo Di Bella. Poi ha un blog medico. Che un medico usi internet per fare informazione e controbattere bufale mi pare lodevole. Se qualcuno ha dati che lo smentiscono lo dica.

Hermano Tobia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Hermano Tobia ha detto...

@Mario
Chi dovrebbe fare documentazione scientifica è la Fonfazione Di Bella.

Ehm ...

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Di+bella+giuseppe

I blogger cosiddetto anti bufala (che invece spesso diffondono bufale a piene mani) fanno spesso critica (anche scientifica) sul piano mediatico, senza contraddittorio, senza peer review e senza essere esperti. Il contrario del metodo scientifico.

Hermano Tobia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Hermano Tobia ha detto...

Per farsi un'idea dei post di medbunker é utile ad esempio confrontare le posizioni espresse nel post citato in precedenza sui brevetti, e quanto sostengono sull'argomento due premi Nobel per la Medicina (1,2).

Mi inorgoglisce il fatto che sono stato bannato dal blog di medbunker dopo solo 3-4 commenti: aveva cominciato a spalar fango sull'articolo di Bach e Villanova ancor prima che uscisse e gli ho fatto notare che:

- era stato lui circa un anno prima a sfidare Villanova a pubblicare dei case report (che adesso invece criticava come poco significativi)

- B&V sono esperti neurologi (Bach di livello mondiale) con centinaia di pubblicazioni, lui non é né esperto di malattie neurodegenerative né ha mai pubblicato niente

Il vero atteggiamento credulone e religioso che ho notato è quello dei commentatori del suo blog, che pendono dalle sue labbra in maniera acritica ed a volte ridicola.

Non nego che a volte vengano messebin luce delle vere bufale, ma spesso questi blog diventano "prigionieri" di una linea che deve a tutti i costi piazzare la "bufala in prima pagina" senza andare troppo per il sottile. E sappiamo bene quanti danni può fare un falso negativo.

(1) http://www.adnkronos.com/salute/2014/09/11/laurea-honoris-causa-nobel-marshall-che-rivela-infettai-contro-big-pharma_uZUuwZxldEToT0v5csV9nO.html
(2) http://www.leonardorubini.org/2015/10/i-farmaci-che-curano-completamente-non.html

Mario Massa ha detto...

@Hermano
"Ehm..."

Critichi Salvo Di Grazia, ma non hai letto nulla del suo documento:
"Per quanto riguarda le "pubblicazioni scientifiche" realizzate dallo stesso gruppo Di Bella, queste riguardano alcuni studi, quasi tutti pubblicati sulla rivista Neuroendocrinology Letter, dal bassissimo impact factor ("fattore di impatto" che è un valore che indica la "stima" di cui gode una rivista scientifica nel suo ambiente, più è citata in letteratura, più è alto il suo "impact factor", per Neuroendocrinology Letter qui fornisce uno 0.70, qui 1,05, per avere un metro di paragone Lancet ha 30,0, Nature 30,98, la più citata di neuroscienze oltre 20) anche se Giuseppe Di Bella la definisce [min. 1:28] "una delle massime riviste internazionali" e ciò è evidentemente falso e che vede nell'editorial board diversi scienziati anche rispettati uniti a gente di discutibile valore scientifico compresi medici hameriani. Come mai Di Bella pubblichi praticamente sempre nella stessa rivista può avere diverse spiegazioni, UNA PUo' ESSERE IL FATTO CHE DEL COMITATO EDITORIALE DELLA RIVISTA FA PARTE Giuseppe Di Bella".
(Il maiuscolo è mio) In pratica come le pubblicazioni scientifiche di Rossi su JONP.

Se hai prove del contrario smentiscilo. Forse non hai letto nemmeno del "famoso congresso di Singapore": se non ci fosse da piangere ci sarebbe da ridere. Riporto dal blog:

"Ho provato personalmente a "farmi invitare" al congresso inviando uno studio assolutamente non credibile (a firma del dott. Massimo Della Serietà) i cui autori si chiamavano Fasullo, Cetriolone e Tarocco e sono stato invitato insistentemente a partecipare al convegno con assegnazione di 20 minuti di relazione (sempre dopo lauto pagamento)."
Sul sito sono riportate le immagini dei documenti.

Riporta anche altre amenità tipo:
" Adolfo Di Bella definisce gli omosessuali "depravati", li chiama "pervertiti dal popò ipersensibile" e li accosta ai pedofili".
Non mi risultano querele. Veramente brava gente. Come ho scritto dopo essere tornato dal congresso, secondo me Luigi Di Bella si sta rivoltando nella tomba.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario

"..."Certo che ne ha di tempo quel blogger."

Guarda che è un chirurgo...."

C'ero arrivato anch'io, ma devo dire che per occuparsi anche di operazioni chirurgiche, probabilmente deve fare gli straordinari.
Con questo non è che voglio criticare i contenuti, sia chiaro, ma credo sarebbe utile un riassunto di una paginetta o due, ad uso di chi non sta sui blog tutto il giorno a leggere o scrivere, altrimenti diventa quasi un lavoro a tempo pieno. Lui ha il tempo evidentemente, io no, ma comunque le prime pagine le ho lette e poi ho scorso saltellando qua e là. Di più non ce la faccio.


"...diversi scienziati anche rispettati uniti a gente di discutibile valore scientifico compresi medici hameriani..."

E allora cerchi la rissa. Se poi Silvio ti azzanna il deretano, non venire a lamentarti :-D

Hermano Tobia ha detto...

@Mario
Critichi Salvo Di Grazia, ma non hai letto nulla del suo documento

Per la verità ci avevo dato solo una veloce occhiata, ed i passi che riporti confermano che ho fatto bene a non perdere tempo.

per Neuroendocrinology Letter qui fornisce uno 0.70, qui 1,05, per avere un metro di paragone Lancet ha 30,0, Nature 30,98

Qui (1) gli IF della rivista, che negli anni risultano mediamente più alti di quelli riportati (quello a 5 anni è circa 1.1). Chiunque conosca un minimo i criteri di indicizzazione delle riviste, sa che non ha nessun senso paragonare l'IF di una rivista di nicchia con una generalista come Science o Nature: l'IF va confrontato con quello delle riviste dello stesso settore (e magari della stessa area geografica); nel caso specifico abbiamo le seguenti a livello europeo:

- Journal of Neuroendocrinology (2, della British Society for Neuroendocrinology (BSN)): IF a 5 anni 3.5
- Neuroendocrinology (3): IF a 5 anni 3.8

Quindi l'IF della rivista dove pubblica Di Bella (Neuroendocrinology letters, svedese) non è affatto bassissimo, ma perfettamente in linea con una dignitosa rivista del settore.

Come mai Di Bella pubblichi praticamente sempre nella stessa rivista può avere diverse spiegazioni, UNA PUo' ESSERE IL FATTO CHE DEL COMITATO EDITORIALE DELLA RIVISTA FA PARTE Giuseppe Di Bella

Forse bisognerebbe ripassare il concetto di causa ed effetto: normalmente si entra a far parte dell'Editorial Board di un giornale perchè grazie alle precedenti pubblicato su di esso, e non viceversa (4).

Il concetto di causa ed effetto evidentemente ti sfugge anche sul motivo per cui c'è difficoltà a pubblicare su riviste più prestigiose: leggi bene il post qui su 22 passi e l'intervista a Pacini (Univ. Firenze) che per pubblicare un esperimento positivo del metodo di Bella su European Journal of Pharmacology (IF 2.6 circa) ha dovuto omettere il nome del metodo: questo a causa soprattutto del fango mediatico che negli anni si è riversato su di esso.

In pratica come le pubblicazioni scientifiche di Rossi su JONP.

Questa è una cavolata colossale in quanto si tratta di rivista catalogata, indicizzata e riconosciuta il cui Editorial Board annovera circa 100 studiosi.

Adolfo Di Bella definisce gli omosessuali "depravati"

E magari non va a messa la domenica ed ogni tanto gli scappa una bestemmia. Qui siamo alla propaganda pura (in particolare la tecnica del Transfer, che trovi qui 5, e di cui questi blogger sono spesso esperti). Ti pregerei di non scendere così in basso nella discussione, ed, in generale, di essere meno credulone su quanto propinano i cosiddetti blogger anti bufala.

Di Bella ha scelto la via corretta per proporre il suo metodo, ovvero quella basata sull'EBM e sulla pubblicazione di case report, case series e studi controllati.

Chi lo critica faccia altrettanto, le parole sui blog e la propaganda, dal punto scientifico, valgono ZERO.

(1) https://www.researchgate.net/journal/0172-780X_Neuro_endocrinology_letters
(2) https://en.wikipedia.org/wiki/Journal_of_Neuroendocrinology
(3) http://www.karger.com/Journal/Home/223855
(4) https://www.researchgate.net/post/How_can_a_researcher_become_an_editor_of_a_journal_paper
(5) https://it.wikipedia.org/wiki/Propaganda

MISTERO ha detto...

@Hermano
Sono impressionato, parole scritte che non rimarranno al vento.
Detto questo, la pulce al naso; Mario se non fosse che ho una grandissima stima per te, direi che sei un bugiardo.
Perdonami, ma sei sicuro di non far parte del CICAP?

Riporto il motivo del perché te lo chiedo ancora, tu riporti questo:

"Ho provato personalmente a "farmi invitare" al congresso inviando uno studio assolutamente non credibile (a firma del dott. Massimo Della Serietà) i cui autori si chiamavano Fasullo, Cetriolone e Tarocco e sono stato invitato insistentemente a partecipare al convegno con assegnazione di 20 minuti di relazione (sempre dopo lauto pagamento)."

Immagino dal post di Medbunker, giusto?

Guarda cosa scrive un altro "signore":

L'annuale BIT's World Cancer Congress si tiene da nove anni in Cina, e i relatori provengono da tutto il mondo. Alcuni relatori vengono invitati, ma basta presentarsi per tempo e pagare la quota d'iscrizione per avere uno spazio. Per verificarlo ci provo: sul sito c'è l'indirizzo e-mail di una certa Vicky, è a lei che occorre mandare nominativo, curriculum, abstract. Le scrivo e le dico che sono un ricercatore svizzero, e che vorrei venire in Cina per parlare di qualcosa di cui non ho la benché minima idea. Firmo tutto con uno pseudonimo buffo che non riporto perché un po' me ne vergogno, e aspetto.

Poi mi arriva una e-mail. È Vicky, da Shanghai. È passata una settimana da quando le ho scritto. Mi dice che hanno preso in considerazione la mia ricerca, ma che purtroppo i tempi non sono dalla nostra parte e che hanno già pubblicato le presentazioni dell'edizione 2016 del BIT's World Cancer Congress. Però si augura che voglia portare avanti il mio progetto (di scarso, se non totalmente nullo, valore scientifico—ma questo Vicky non lo dice). Vuole che l'anno prossimo mi rifaccia vivo. Se invierò tutto in tempo mi potrebbero assegnare un talk di venti minuti. Basterà pagare 1549 dollari, poco più di 67 euro al minuto.

Al corso del CICAP, che ho frequentato nel 2014, dopo aver speso circa 600 euri(1) per tutto il programma+l'iscrizione di 500 euri(2), mi hanno insegnato a scrivere queste cose e a fare queste cose.

La lezione principale era tenuta da un certo Attivissimo.
Strano che non ci siamo incontrati.

(1)http://www.cicap.org/corso/2016/scheda.php
(2)https://www.cicap.org/new/carrello_1.php

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario

"...Adolfo Di Bella definisce gli omosessuali "depravati"

E magari non va a messa la domenica ed ogni tanto gli scappa una bestemmia. Qui siamo alla propaganda pura (in particolare la tecnica del Transfer, che trovi qui 5, e di cui questi blogger sono spesso esperti). Ti pregerei di non scendere così in basso nella discussione..."

Quoto Hermano. Mi sembra un modo di attaccare le persone che non ti fa onore e mi lascia non poco perplesso sulla reale volontà di capire SE il metodo Di Bella ha efficacia attraverso un confronto o altre iniziative chiarificatrici che qualche post più su ti sembravano di comune interesse. Mi sembra tu oscilli fra stati di reale sano e condivisibile scetticismo, ad altri in cui parti a testa bassa, quasi livorosamente e in questo caso anche scorrettamente (dopo aver predicato, tra l'altro, di separare le affermazioni dall'uommo che le fa), contro quello che hai già deciso essere il 'cattivo', da stroncare sempre e comunque. Salvaguardando e rendendo onore solo ai morti (Focardi, Luigi Di Bella), perchè non si sa mai. Forse un pizzico di superstizione? Boh....
Di Biglino, per contestare le sue scomodissime teorie, stanno sventolando la sua appartenenza alla Massoneria, che in un paese che ospita il Vaticano e ha radici profondamente cattoliche, non è un marchio d'infamia leggerissimo, da portare. Credo stia per essere pubblicato un dossier nel quale si dimostra anche che egli usi abitualmente scaccolarsi durante la sosta ai semafori.

domenico canino ha detto...

@Patoskeptics
Su E-cat wordl l'utente engineer48 ha postato una foto di un prototipo E-cat del 2008-2009 fatta nell'appartamento di Rossi a Bologna o Ferrara. E' un grosso bottiglione molto più primitivo di quello con la carta stagnola del test del 2011 a Bologna dove c'era Daniele. Domanda ai sostenitori della truffa: chi era il pollo da truffare in quel caso visto che era un esperimento in corso in casa sua? La moglie di Rossi? E poi il anche il fatto che Steven "the snake" krivit, severo oppositore di Rossi, si è lasciato scappare nel suo blog che il direttore della DARPA USA, nel 2011 testò l'e-cat, e misurò un cop 25, calcolando anche che l'idrogeno consumato non potesse essere la fonte del calore prodotto. Tutto ciò sommato al test di Camillo (all'insaputa di Rossi) a quelli di Focardi, di Uppsala, di Levi, dell'ENEA ( e questo lo so io), dell'ENEL che gli fece una proposta economica ridicola, e tutti gli altri che dimentico, non ultimi quelli di Darden per cui poi scucì ben 11,5 milioni di dollari non fa un pò riflettere? Qua sono tutti polli tranne voi, anche la moglie di Rossi, la simpatica Maddalena Pascucci, è stato oggetto di truffa in casa da parte del marito, però ora vive in una villa principesca a Miami e gioca a tennis tutte le domeniche e pure bene. La vostra logica non fa una grinza.

Barney ha detto...

@Domenico Canino. Non so se tu leggi Cobraf, ma li' Nevalninna stronca la foto in maniera -diciamo- decisa.

E Nevalninna e' tutto fuorche' patoskeptic...

MISTERO ha detto...

E io che avevo appena preso una cassetta di Cartizze e 2 kg di Mazzancolle appena pescate da grigliare per festeggiare..
Ma non te ne eri andato?
Va beh dai festeggio che sei rimasto.

domenico canino ha detto...

@barney
Non leggo cobraf, da quando Nevanlinna/Robbins è diventato ultraspocchioso, cioè io capisco tutto e voi non capite un cazzo. Dunque vedetevela tra voi. Concordo con Mistero, noi invece avevamo preso lo champagne, ma guarda...

domenico canino ha detto...

Io volevo solo dire che si scopre sempre di più che il gatto lo hanno provato quasi tutti gli enti e le società importanti sul mercato dell'energia, direttamente o meno. E tutti quelli che lo hanno provato e toccato con mano non sono scettici. (IH ci ha messo su 11,5 milioni e lo testato bene prima di scucire, poi nega per non pagare il resto o per ritardare l'ingresso sul mercato per altri interessi) Gli scettici sono solo tra quelli che NON lo hanno provato. Ci sarà un motivo in tutto ciò? Quale è la probabilità matematica che tutti quelli che lo hanno testato sono dei polli truffabili, ed invece tutti quelli che NON lo hanno mai visto sono dei GENI? Io vorrei una risposta a questo semplice intrerrogativo.

Mario Massa ha detto...

@Hermano Tobia
@Alessandro Pagnini
@Mistero

Caro Hermano, che tu tirassi in ballo Debunker attaccandolo senza averlo letto avevo pochi dubbi, pare che sia normale qui su 22passi. Io non sapevo nemmeno che esistesse, ma dato che lo avete nominato sono andato a leggere.

Se certe affermazioni le facesse Rossi è chiaro che non sposterebbe di una virgola il giudizio sul funzionamento della sua invenzione; un genio inventore può essere omofobo o razzista, persino un pedofilo.

Ma qui stiamo parlando di un medico che non ha inventato nulla (sta solo applicando il metodo di suo padre) che dice di applicare un metodo quasi risolutivo per la cura di molti tumori e dice alla gente "non curatevi con la MU, venite da noi". Se ciò che ha riportato il dott. Salvo Di Grazia è vero (e finora non ho trovato smentite) e voi foste omosessuali, andreste tranquilli? O gli omosessuali malati di tumore li lasciamo uccidere dalla MU così eliminiamo dei pervertiti?

Quindi, ritenendo che per voi affermazioni simili non possono essere "irrilevanti" per un medico, l'unica spiegazione che ho è che riteniate che Salvo Di Grazia abbia riportato spudoratamente il falso. Se è così invece di discutere tra noi, chiediamogli di riportare la fonte o una testimonianza dell'accaduto.

Mario Massa ha detto...

@domenico canino
"Quale è la probabilità matematica che tutti quelli che lo hanno testato sono dei polli truffabili, ed invece tutti quelli che NON lo hanno mai visto sono dei GENI? Io vorrei una risposta a questo semplice intrerrogativo."

Bisogna considerare che a provare l'oggetto ci va solo chi è ammesso dall'inventore. Per esempio io ho chiesto di andare, ma mi ha detto di no. Se l'inventore è furbo sa chi accettare e chi no. Se poi l'inventore è un imbroglione, probabilmente parecchi di quelli che hanno testato saranno suoi complici (quindi volpi, non polli).
Con questa distinzione è chiaro che il calcolo delle probabilità non si può usare.

Che tutti quelli che non l'hanno mai visto siano geni è una affermazione senza senso: semplicemente non sono andati e hanno la loro opinione della storia, chi positiva, chi negativa.

Che tutti quelli che lo hanno testato (escluso Krivit?) abbiano dato opinione positiva ti autorizza a credere che funzioni. Ti assicuro però che esistono persone (di cui non posso fare il nome) che lo hanno testato, a suo tempo diedero opinione positiva, ma oggi affermano che non funziona. Camillo, se glielo chiedi, ti dirà che ritiene che funzionicchi (ma sarebbe più che sufficiente), ma non ne è certo perchè le misure fatte furono poco attendibili.

cikagiuro ha detto...

Mamma mia quanti luoghi comuni e quanta ignoranza ancora sul MDB! Andare poi a visionare Medbunker, per tentare di delegittimare Di Bella, è come andare a rovistare nei cassonetti della spazzatura.

MISTERO ha detto...

rovistare nei cassonetti della spazzatura.

Quando mancano argomenti è così purtroppo.
Hanno la pretesa di insegnare e di fare scienza, mah, per loro abbiamo tutti l'anello al naso.
Quando non possono spalare merda, usano la denigrazione e le battute spiritose o le burlonate.
C'è veramente poco da stare allegri.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario

Non insisto nel polemizzare con la tua posizione riguardo le conseguenze sulle presunta omofobia di un tale, sul lavoro del di lui padre. Già questo per me è un mistero insondabile, ma avrei molte altre cose da dire, però ci rinuncio, perchè ho troppo caldo e mi ci vorrebbe troppo tempo, che adesso non ho. Continua pure, se lo ritieni opportuno, con questa tattica. Ti ricordo ancora una volta che quando si parlava di personalità MEDICHE di moralità specchiata, tu hai GIUSTAMENTE suggerito di distinguere le affermazioni dalla moralità di chi le fa. Adesso vorresti associarci la moralità addirittura del figlio, che, lo scrivi tu, altro non fa che proseguire la strada tracciata dal padre (buono e pio). Non so se il MDB sia efficace o quanto e non ritengo corretto neppure scartare affermazioni perchè lette su MedBunker, proprio perchè non voglio associare obbligatoriamente certe notizie alla loro fonte, e secondo me fa bene leggere anche le critiche, però quello che conta alla fine è se sia possibile o meno avere dati e verifiche. Per inciso, non credo che anche Rossi, o chiunque abbia cose importanti da fare e non sia magari pagato per scrivere su un blog, vada a smentire ogni stupidaggine che viene scritta su di lui. Sarebbe uno sforzo immane. Quindi, anche se non smentita, l'affermazione omofoba che tu attribuisci a Di Bella, è possibile, ma non necessariamente vera. Potrebbe essere stata semplicemente 'ignorata'. Hai chiesto tu a Di Bella se davvero lo ha detto?

domenico canino ha detto...

@mario massa
Secondo me se lo provi tu funziona lo stesso, tu onestamente lo dici, e ti prenderai tutti gli improperi e valanghe di fango dei mario massa residui che non ci hanno potuto mettere mano. E' così che ha funzionato sinora. Ti chiedo per favore non dare della volpe o del pollo a Focardi, per me era un grande signore. Gli altri non hanno bisogno della mia difesa, possono farlo da soli, ma lui per favore no.

Hermano Tobia ha detto...

@Mistero
Sarei curioso di conoscere i criteri di valutazione dei CV che ha il CICAP per selezionare i propri docenti, visto che il corso che hai frequentato è stato tenuto da un ex DJ diplomato (nemmeno laureato) in lingue (1). Se il prossimo lo tiene Er Piotta vengo anch'io.

(1) https://it.m.wikipedia.org/wiki/Paolo_Attivissimo

Barney ha detto...

@HT: i criteri sono gli stessi per i quali Rossi e' un ingegnere, evidentemente. Un po' laschi, e validi solo per chi e' dalla parte di Attivissimo (o di Rossi) e si serve della laurea per supportare un'idea.

Ma magari al CICAP invece dei titoli di studio si considerano capacita' specifiche, come nel caso di James Randi che pur non essendo ne' fisico, ne' chimico, ne' ingegnere e' uno tra i migliori per discriminare tra la fuffa e la scienza...

Tra l'altro questo blog e' uno dei maggiori concentratori di tuttologi iperspettrali al mondo, non vedo cosa ci sia da discorrere su Attivissimo con quel che si vede passare qui.

cikagiuro ha detto...

Visto che qualcuno ha citato Medbunker come contraltare al Metodo Di Bella, nel tentativo di delegettimarne la validità, basterebbe questa breve frase in chiusura del dossier spazzatura per dimostrare lo spessore morale del suo autore: "Una discreta carriera universitaria bruciata dalla voglia di apparire.."
Si possono sopportare inesattezze, superficialità, finanche innocue bugie, ma non menzogne di questa portata. Al di là di qualsiasi opinione sulla validità del Metodo ocorrono un livore e una spudoratezza fuori del comune per condensare in poche parole l'esatto contrario di quello che fu il Prof. Luigi Di Bella durante tutta la sua lunga esistenza. VERGOGNA!

bertoldo ha detto...

"Tra l'altro questo blog e' uno dei maggiori concentratori di tuttologi iperspettrali al mondo, non vedo cosa ci sia da discorrere su Attivissimo con quel che si vede passare qui. " non è neanche italiano ... quindi stà bene in territorio neutrale , almeno non può subire attacchi .

Mario Massa ha detto...

@cikagiuro
"Si possono sopportare inesattezze, superficialità, finanche innocue bugie, ma non menzogne di questa portata."

Io non sopporto nemmeno superficialità e tantomeno innocue bugie. Però spiegami perchè te la prendi con quella frase: puoi definire la carriera universitaria di Di Bella in modo diverso da "discreta" (cioè nella media dei normali professori universitari)? Ho già scritto che mia moglie è stata allieva di Luigi e ne ha un ottimo ricordo come insegnante. Se sei convinto che il MDB funzioni puoi reclamare sul fatto che lo abbiano boicottato anche sul piano della carriera, ma non puoi incolpare di mentire chi racconta le cose come stanno.

In ogni caso ho scritto a Salvo Di Grazia per chiedergli la fonte delle affermazioni che riporta relative agli omosessuali.
Mi ha prontamente risposto, inviandomi 2 immagini, tratte dal sito della Fondazione Di Bella. Una delle due l'ho effettivamente trovata a pag. 30, l'altra non sono riuscito a trovarla (ma non è facile in mezzo a tante pagine).
Quindi quelle affermazioni sono effettivamente state fatte e addirittura scritte da Adolfo Di Bella sul sito ufficiale dell'associazione. Ma prendo atto che per Alessandro e Hermano ciò è ininfluende nel considerare con che persone abbiamo a che fare. E se devo essere sincero, l'atmosfera che ho respirato sabato a Bologna non mi è piaciuta per nulla.

Se il dossier come dici tu è spazzatura, riporta qui i punti che ritieni falsi con le relative prove. Di Salvo (che scrive con nome e cognome e non con un Nick come te) mi ha risposto immediatamente. Vediamo se sai fare altrettanto. Io bado ai fatti, non alle chiacchiere.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario

"...In ogni caso ho scritto a Salvo Di Grazia per chiedergli la fonte delle affermazioni che riporta relative agli omosessuali.
Mi ha prontamente risposto, inviandomi 2 immagini, tratte dal sito della Fondazione Di Bella. Una delle due l'ho effettivamente trovata a pag. 30, l'altra non sono riuscito a trovarla (ma non è facile in mezzo a tante pagine).
Quindi quelle affermazioni sono effettivamente state fatte e addirittura scritte da Adolfo Di Bella sul sito ufficiale dell'associazione. Ma prendo atto che per Alessandro e Hermano ciò è ininfluende nel considerare con che persone abbiamo a che fare...."

Intanto bravo, perchè hai eseguito quella verifica.

Debbo però correggerti, almeno per quanto mi riguarda. Ogni cosa mi dà indicazioni sul tipo di persona con cui ho a che fare. Alcune cose me la fanno classificare come inaffidabile e disonesta, altre, come quella che citi tu, me la rendono poco simpatica per certi aspetti (ma io conosco brave persone con cui so che è meglio non toccare certi argomenti: reeligiosi, politici, o altro, perchè siamo agli antipodi e allora cerco magari quello che ci accomuna), ma quello che Alfonso Di Bella dice sugli omosessuali, non inficia la validità del lavoro del padre. Se non mi ero spiegato bene, spero di esserci riuscito adesso.
Sono con te, invece, nel ritenere corretto considerare anche le affermazioni CONTRO, anche se provengono da MedBunker. L'importante è non farsi 'ipnotizzare' nè dall'una, nè dall'altra parte. Non possiamo partire a farci un'idea, avendo già in testa chi sono i buoni e i cattivi.
Se vengono citati dei fatti a discredito, casomai sarà il caso di verificarli, ma se MedBunker, o Di Bella, risultano aver ragione su qualche specifico punto, ne va preso atto, altrimenti si fanno gli ULTRAS e a me non piace.

Mario Massa ha detto...

@Alessandro
"Non possiamo partire a farci un'idea, avendo già in testa chi sono i buoni e i cattivi."

Ho già detto che mia moglie ha un ottimo ricordo di Luigi Di Bella, come professore e come persona. Se mi leggi attentamente troverai che ho scritto che penso che il padre del MDB si stia rivoltando nella tomba. Cosa intendevo? Che lui in quel metodo ci credeva ed è possibile che avesse qualcosa di buono (la mia idea è che fosse un buon metodo paliativo e ti ho portato l'esempio della moglie di un medico mio amico, ma lui non ha mai voluto considerarlo tale ed ha sempre asserito che è un metodo curativo). In ogni caso sono abbastanza convinto che lui fosse in buona fede. Non a caso l'ho paragonato a Focardi. Al contrario, secondo me, chi oggi dice di proseguire il suo lavoro ha la stessa serietà e credibilità di chi si è servito di Focardi per portare avanti la truffa FF. Per esempio, il fatto che Stagnaro asserisca di avere creato la Semeiotica Biofisica Quantistica e la Blue Therapy grazie a informazioni ricevute dagli alieni ti è indifferente? (me lo ha detto Mistero sabato durante l'intervento dello stesso Stagnaro).

cikagiuro ha detto...

@ Mario Massa

"Di Salvo(..) mi ha risposto immediatamente. Vediamo se sai fare altrettanto."
Fammi capire: secondo te gli argomenti aumentano di consistenza se si risponde immediatamente?

Quanto al nickname, anche qui: la consistenza degli argomenti di Di Salvo "(che scrive con nome e cognome e non con un Nick come te)" aumenta perchè declina le sua vera identità?

In un blog io non giudico le persone dal loro nome, vero o nick che sia, ma per quello che scrivono. Se, invece, di Mario Massa ti firmassi con gli improbabili nomi di Giuseppe Garibaldi o Giuseppe Verdi, a me non importerebbe proprio un bel fico secco. Se, secondo me, dici cose condivisibili le apprezzo, contrariamente le critico. Punto. O c'è forse qualche altro problema ?

Bene, tolti questi pretestuosi e un po'ipocriti rilievi veniamo alla sostanza.

Io, per capire a fondo chi sia stato veramente l'uomo e lo scienziato prof. Luigi Di Bella, il suo immane lavoro e il rivoluzionario razionale del suo Metodo ci ho messo qualche anno. Chiunque volesse impegnarsi allo stesso modo può farlo esaminando tutto quanto scritto, pubblicato, sperimentato e prodotto da questo genio dell'umanità che ha avuto la sfortuna di vivere in un tempo di cialtroni ed ignoranti alla massima potenza.

Ora, capisci bene, caro Massa, che dopo un tale percorso imbattersi in un dossier come quello pubblicato da Medbunker definirlo spazzatura è il minimo che si possa definirlo.

Tu mi chiedi di riportare i punti che ritengo falsi con le relative prove? Tutti, tanto sono viziati dalla malafede e dalla mistificazione del suo autore.
Quanto alle prove: mica siamo in un’aula di tribunale; fai il percorso suggerito e poi quelle che tu chiami “prove” le scoprirai da te.

Se, invece, per te comprendere Di Bella e la sua opera significa dare un qualche credito alla ricostruzione del ginecologo Di Salvo liberissimo di ritenerlo. Ognuno è libero di attingere "sapere" da dove vuole, anche dai bidoni della spazzatura, se crede.

cikagiuro ha detto...

Refusi
Come non Alfonso (Di Bella),ma Adolfo (Pagnini), così io, non Di Salvo, ma Di Grazia,

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario

Hai preso quello che ho scritto esattamente a rovescio. Intendevo dire che a me interessa anche quello che scrive MadBunker, salvo verificarlo, se posso, o comunque rifletterci e stabilire che impressione mi fa, sperabilmente senza partire già con l'idea che lì si trovano solo cattiverie e falsità, cosa possibile, ma che non prendo affatto per scontata.

"...il fatto che Stagnaro asserisca di avere creato la Semeiotica Biofisica Quantistica e la Blue Therapy grazie a informazioni ricevute dagli alieni ti è indifferente? (me lo ha detto Mistero sabato durante l'intervento dello stesso Stagnaro)...."

No, è molto interessante invece. Può esserlo in positivo o in negativo. Normalmente quando si farciscono le cose stravaganti con l'immancabile riferimento alla fisica quantistica, mi prende l'orticaria. E altrettanto normalmente mi stupisco un po' quando sento che qualcuno ha avuto rivelazioni dagli alieni. Diciamo che considero probabile che se potessi approfondire troverei un po' di follia al lavoro, ma siccome non mi piace escludere qualcosa, se mi promette di togliere almeno la parola quantistica (che ormai mi esce dagli occhi più dei contatti con gli alieni), forse una certa credibilità gliela potrei anche dare. :-)

Mario Massa ha detto...

@Alessandro Pagnini
" forse una certa credibilità gliela potrei anche dare"

Alessandro, qui non si sta giocando! Dargli credibilità significa affidarsi alle cure dell'associazione Di Bella e non fare quelle della MU in un campo nel quale la scelta significa vivere o morire. Quindi, devo dedurre che se tu avessi un tumore andresti da Stagnaro a ricevere le cure indicategli dagli alieni? Secondo me lo faresti solo a patto che tirino fuori un bel po di cartelle cliniche da far analizzare a un tuo medico di fiducia. Io dico solo questo a Di Bella: pubblicate dati incontrovertibili e se avete ragione vincerete come Marshall con l'Helicobacter.

Mario Massa ha detto...

@cikagiuro
"Tu mi chiedi di riportare i punti che ritengo falsi con le relative prove? Tutti, tanto sono viziati dalla malafede e dalla mistificazione del suo autore."

Però lui scrive (e sottolineo con nome e cognome, mettendoci la faccia) e tu parli (e da dietro un nick), rifiutandoti di controbattere anche una sola delle sue affermazioni. Questo è il modo di comportarsi di un fedele di una setta, non di un amante della verità.

cikagiuro ha detto...

@ Mario Massa

“Però lui scrive (e sottolineo con nome e cognome, mettendoci la faccia) e tu parli (e da dietro un nick)..”

Ancora con sta storia del nickname? E che c’azzecca col merito della discussione?

"Questo è il modo di comportarsi di un fedele di una setta, non di un amante della verità."

E ti pareva che non saltasse fuori la "setta"?! Aahh.. che delusione e quanto sei scontato!

Ma dimmi: tu saresti, invece, un amante della verità mettendo sullo stesso piano una intera vita di un uomo geniale, con una preparazione medico-scientifica mostruosa, spesa totalmente per il bene del prossimo, senza alcuna mira di tornaconto economico e lontano migliaia anni luce dalla "voglia di apparire", con un mediconzolo borioso e ignorante che in poche paginette di un dossier spazzatura vorrebbe demolire decine di anni di studio, ricerca e clinica che hanno portato ad un rivoluzionario Metodo per la cura dei tumori, con risultati sorprendenti che soltanto per una cecità isterica e interessata si continua a non voler vedere, nonostante 60 anni e passa di sostanziali fallimenti di cure chemio-radio tossiche?

Fai una cosa, Massa: studia bene e a fondo il MDB, il cui razionale è comprensibile a tutti e scientificamente dimostrato, checché ne raglino mandrie di somari col pedigree travestiti da medici.
Ti accorgerai, così, che se c’è una “setta” (e che “setta” essendo questa planetaria) è proprio quella che ci spaccia la lager-chemio-terapia come unica ed efficace cura contro i tumori.
Il percorso suggerito nella ricerca della verità, quella vera, ti eviterà, peraltro, di dovere consultare materiale infimo proveniente da certi cassonetti della spazzatura con l’inevitabile lezzo che sprigionano. Sono sicuro che un giorno mi ringrazierai, vedrai. Stammi bene caro Massa. Saluti.





Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario

Sto perdendo il filo. Tu scrivi:
"... Dargli credibilità significa affidarsi alle cure dell'associazione Di Bella e non fare quelle della MU in un campo nel quale la scelta significa vivere o morire. Quindi, devo dedurre che se tu avessi un tumore andresti da Stagnaro a ricevere le cure indicategli dagli alieni?..."

Ma questo Stagnaro applica il MDB? Devo dedurre che quel nome strano con l'antipatica parola "quantistica" è uno pseudonimo del MDB?
Credevo fossero cose diverse.
Sul MDB avevo risposto seriamente un po' di giorni fa, mi pare. Questo non so a questo punto se sia un altro modo di chiamare il metodo Di Bella, o una sua variante, come mi parrebbe di poter dedurre dal tuo accostamento. Comunque di questo Stagnaro, alieni a parte non so nulla, quindi mi astengo da ogni seria considerazione. Per le battute resto invece disponibile ;-)

Mario Massa ha detto...

@Alessandro
"Ma questo Stagnaro applica il MDB?"

Non so che legami abbia con la Fondazione Di Bella. Forse Mistero che sembrava conoscerlo bene (io era la prima volta che lo vedevo) potrà spiegarcelo.
Fatto sta che sostiene il MDB (non so se lo applica) come potrai trovare in rete e presenziava all'incontro insieme a Di Bella.
Ma Luigi Di Bella lo conosceva e condivideva le sue idee? In una lettera dello stesso Stagnaro nella quale nomina Luigi Di Bella con l'appellativo di Maestro, onestamente dice:"Purtroppo, questo originale pensiero (la Semeiotica Quantistica), corredato da numerose mie pubblicazioni, fatto conoscere per lettera direttamente al Prof. Di Bella, rimase senza risposta."
Secondo me Luigi Di Bella, a prescindere dal fatto che il suo metodo funzionasse o meno, era una persona seria e a questa gente che oggi porta avanti il suo metodo nemmeno rispondeva.

Mario Massa ha detto...

@cikagiuro
"Ancora con sta storia del nickname? E che c’azzecca col merito della discussione? "

Che tu puoi scrivere qualunque cosa senza rimetterci la faccia. Qui le persone che non hanno nulla da nascondere si presentano con nome e cognome come a suo tempo aveva consigliato (ma non imposto) Daniele. Alcune presenze storiche (come Hermano) hanno mantenuto il nick, ma sappiamo tutti chi sono (Hermano l'ho conosciuto di persona al pranzo a Cesena).
Mistero ha pubblicato a lettere cubitali l'identità di Barney. Farlo contro la sua volontà mi è parsa una azione fortemente criticabile, ma come vedi Barney continua a scrivere tranquillo. Quindi dov'è il problema di non manifestare la propria identità se uno ha il coraggio delle proprie idee?
A me questa storia dei nick è sempre sembrata una cosa da ragazzini. Ma qui la maggior parte di noi ha passato i 50.

"Ma dimmi: tu saresti, invece, un amante della verità mettendo sullo stesso piano una intera vita di un uomo geniale, con una preparazione medico-scientifica mostruosa....... con un mediconzolo borioso e ignorante che in poche paginette di un dossier spazzatura vorrebbe demolire decine di anni di studio..."

Questo tuo modo di scrivere dimostra che o sei un ragazzino (e allora vai perdonato) o sei un immaturo che non avendo argomenti per sostenere la propria tesi dà aria ai denti senza dire nulla. Sai indicarmi i motivi per cui dichiari che Salvo Di Grazia sarebbe un "mediconzolo borioso e ignorante"? Io ho letto per la prima volta ciò che scrive l'altro giorno su indicazione, mi pare, di Hermano. Può essere che tu abbia ragione, ma personalmente l'ho trovato rispettoso di Luigi Di Bella e il suo modo di argomentare molto lineare e condivisibile e di ciò che dice riporta dati e foto di documenti. Certo puoi contestare quei numeri, farebbe parte della normale discussione per cercare la realtà dei fatti, ma tu non contesti e non dici nulla, tranne che "ragliare" come accusi stia facendo questo medico (a proposito, dato che accusi tutti i medici di essere ignoranti, in cosa sei laureato?).

cikagiuro ha detto...

@ Massa

Se postassi col mio vero nome ti assicuro che ne avrei ulteriormente tutto da guadagnare in termini di ritorno di consensi. Figurati, poi, cosa avrei da temere nel mettere quella che chiami “la faccia” nel denunciare la bassezza morale e disonestà intellettuale di certi mediconzoli. La ragione per cui ho deciso di utilizzare un nickname è ben altra da quella da te sottesa che preferisco mantenere riservata. Pertanto, mi dispiace per te e per il tuo pruriginoso desiderio di scoprire identità, ma finchè sarà consentito posterò come Cikagiuro.

Quanto al resto.

“Questo tuo modo di scrivere dimostra che o sei un ragazzino (e allora vai perdonato) o sei un immaturo che non avendo argomenti per sostenere la propria tesi dà aria ai denti senza dire nulla.”

Ehi Massa, ma ci sei o ci fai? Ma cosa pretendi che ti riporti qui tutto quanto c’è da conoscere e capire su Di Bella e il suo Metodo, o te ne faccia un bignamino uso e consumo blogghisti superficiali e pigri, per dimostrarti a che razza di spazzatura stai dando credito?
Te lo già scritto e te lo riscrivo: studia a fondo che cosa è il MDB e chi è stato veramente il prof. Luigi Di Bella. Documentazione in proposito ce n’è fin quanto vuoi, basta solo compulsarla con umiltà e senza pregiudizi. E’ un percorso che devi fare tu se t’interessa veramente capire, perchè solo così potrai renderti conto dei motivi per cui non vale la pena rispondere a certi detrattori della peggior specie. In quel dossier non c’è nulla da contestare per la semplice ragione ché è soltanto tutta paccottiglia da mandare al macero.

“Può essere che tu abbia ragione, ma personalmente l'ho trovato rispettoso di Luigi Di Bella…”

Ah si? Esempio:

“La vittoria dell'ignoranza sulla scienza, della speranza sulla ragione, questo è stato il "caso Di Bella".

“Del metodo Di Bella in Italia restano i figli che continuano a vendere la cura..”

“vendere la cura ” menzognero mediconzolo?

“Una discreta carriera universitaria bruciata dalla voglia di apparire”

“voglia di apparire” mediconzolo menzognero?

Massa, te lo ripeto per la terza volta, se non vuoi apparire superficiale leggendo certa paccottiglia, studia.

Barney ha detto...

@Cikagiuro.

Faccio solo notare che la tua legittimissima volonta' di postare con il nick e' rispettata da Vice e Sceriffo, mentre la mia no.

Ora, chiediti il perche'.

Daniele Passerini ha detto...

@Cikagiuro
Bisogna portare pazienza con le persone strafottenti: si qualificano per quel (poco) che sono con la loro invadenza, la loro maleducazione, la loro sgradevolezza.
Un abbraccio

cikagiuro ha detto...

@ Daniele Passerini
"...un abbraccio"
Grazie e ricambio.

@ Barney
"Ora, chiediti il perchè"
Perchè?

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Non ho dubbi che pochissimi blog al mondo hanno dimostrato un sì alto livello di pazienza quanto 22passi rispetto all'utente Barney. Ma se qualcuno continua indefessamente a pubblicare commenti che, in qualunque forum moderato, lo porterebbero ad essere bannato, alla fine, insisti oggi insisti domani, va accontentato.
L'utente Barney è stato accontentato.

Silvio Caggia ha detto...

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Dallas_Buyers_Club

Silvio Caggia ha detto...

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Dallas_Buyers_Club

«Meno recenti ‹Vecchi   1 – 200 di 201   Nuovi› Più recenti»

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails