Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

martedì 10 maggio 2016

Voci, risonanze, accordi dell'inclusione interculturale.

Post di Daniele Passerini (22 passi)

" Lo stato di emergenza legato alle immigrazioni è conseguenza del fenomeno della globalizzazione che – oltre al mercato economico globale, diffusione di internet, melting pot culturale planetario, disparità di accesso alle risorse naturali, alla ricchezza e al benessere, crisi ecologiche ecc. – ha comportato un indebolimento del ruolo dello stato-nazione e del concetto di confine-frontiera.
I crescenti focolai di crisi e le tensioni geopolitiche mondiali (che hanno portato Papa Francesco a parlare di “Terza Guerra Mondiale”), hanno innescato flussi migratori che non possono essere affrontati e tanto meno risolti innalzando nuovi muri.
Tutto ciò, vissuto “in tempo reale”, non rende più possibile nel XXI secolo la coesistenza di “isole felici” di benessere e “ghetti” di aree sottosviluppate. Non si può essere felici di quello che si possiede nel proprio “orticello” se si è consapevoli delle condizioni di vita sofferte dagli abitanti di altre zone del pianeta: ogni membro dell'umanità ha lo stesso diritto di poter essere felice.
A partire da queste premesse, il progetto “Le armonie della felicità” – richiamandosi a quanto espresso dall’art. 3 della Costituzione italiana (“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”) – ha sviluppato un percorso di educazione all’inclusione interculturale. Duecentocinquanta bambini e bambine, dopo essere stati accompagnati a riflettere su questi temi, hanno dato voce alle loro emozioni scrivendo la canzone “Girotondo”. Oggi [15 maggio 2016] la intoneranno all'unisono, facendo levare dalla Città Serafica il loro messaggio di pace rivolto agli adulti di tutto il mondo, in armonia con i principi universali di accoglienza e fratellanza di S. Francesco. "
 
Segnalo con piacere l'ultima tappa di un intervento di inclusione interculturale, realizzato lungo l'anno scolastico 2015/2016, che si svolgerà ad Assisi nel pomeriggio di domenica prossima 15 maggio.

È stata una bella avventura per il gruppo di lavoro che ha curato la progettazione di base, la costituzione della partnership, la partecipazione al bando per accedere al finanziamento, il coordinamento e l'organizzazione delle fasi attuative, il monitoraggio e la promozione.
È stata una bella avventura soprattutto per i numerosi soggetti che hanno partecipato: circa 2000 alunni alle riprese video, 250 alla formazione e ai laboratori, 11 plessi scolastici di 5 Comuni, 3 bande musicali, il Sacro Convento di Assisi ecc.

Fornirò maggiori dettagli delle varie fasi dell'intervento quando sarà diffuso il videoclip che ne è nato; per ora lascio solo il manifesto (un click per ingrandire la foto a lato) e la brochure (da cui è tratto l'incipit del post) con il programma di domenica prossima:


Viste le previsioni meteorologiche avverse, è molto probabile che l'evento non si potrà svolgere sul sagrato e sul prato di fronte alla Basilica Superiore di San Francesco, come previsto, ma dentro la navata della Basilica Superiore, quella col celebre ciclo di affreschi di Giotto.

56 : commenti:

domenico canino ha detto...

@daniele
La mia stima per come dimostri con i fatti la forza delle tue idee. Al pensiero segue l'azione. E' così che deve essere.

Daniele Passerini ha detto...

@domenico
Grazie, a nome anche delle altre 3 persone che sono state dietro a tutto questo po' po' di roba, passo dopo passo, sfruttando ogni attimo di pausa in mezzo al lavoro ordinario e tantissime ore di straordinario non retribuito (ente pubblico) o di volontariato (associazioni).
E ti assicuro che da questo primo post non emerge per niente la complessità del progetto, tanto meno come evolverà ulteriormente, anche dopo il 15 maggio... ;)

pegupe@gmail.com ha detto...

Montesquieu attorno al 1620 scrisse:

“Se conoscessi qualcosa che fosse utile a me, ma dannoso alla mia famiglia, cercherei di togliermelo dalla mente. Se conoscessi qualcosa di utile alla mia famiglia, ma dannoso alla mia patria, tenterei di dimenticarlo. Se conoscessi qualcosa di utile alla mia patria, ma dannoso all'Europa, oppure utile all'Europa, e dannoso al genere umano, lo considererei un delitto.”

Sono passati quasi 400 anni e ancora oggi molti vogliono far credee che alzare muri e stendere fili spinati sia una cosa utile alla nostra sopravvivenza.

Daniele Passerini ha detto...

@pegupe
Parole sante le tue... o meglio quelle, più attuali che mai, di Montesquieu.

Il progetto LE ARMONIE DELLA FELICITÀ lo abbiamo elaborato tra l'inizio e la fine di settembre 2015. Il primo ciclo di 3 su 7 incontri con le classi coinvolte è partito pochi giorni prima degli attentati di Parigi (13 novembre): di fatto abbiamo così lavorato anche su ansie e paure vissute dai bambini rispetto alle immagini degli attentati viste in TV.
Nulla, assolutamente nulla, può giustificare la violenza, ma comprenderne appena appena le radici, sia pure lontane dalle nostre personali responsabilità, sicuramente aiuta ad affrontare l'estrema complessità del mondo d'oggi.
Il focus del progetto era naturalmente l'immigrazione e l'accoglienza. Abbiamo fatto vedere a bambini delle scuole primarie un film difficile e duro come TERRAFERMA... e ci hanno stupito per quante riflessioni "adulte" esso ha suscitato in loro. Sono stati fantastici!
I bambini hanno un cuore molto più grande e aperto degli adulti, dobbiamo impegnarci davvero affinché questa società di anti-valori dominanti non glielo chiuda.

bertoldo ha detto...

"Sono passati quasi 400 anni e ancora oggi molti vogliono far credee che alzare muri e stendere fili spinati sia una cosa utile alla nostra sopravvivenza. "

ci si accorge solo dei migranti che arrivano mentre delle bombe che tirano i vostri governi su quei migranti costretti , alcuni , a scappare , da ISIS = $$ ovvero gli ISIS globlai sono finanziati dai nazisionisti USA e getta e soci europei . Ma di questo voi non vi accorgete e la rigirate con l'accoglienza , quando fino poco fà si raccoglievano i soldi per aumentare la loro autonomia nelle loro patrie . Decidetevi da che parte state perchè è evidente che tutti quei milioni di persone non possono trovar posto in europa e in italia , perchè trà un pò e per molti è già cosi , non c'è niente per gli italiani figuriamo per chi viene da furoi . L'importante è sempre criticare chi dice l'ovvio e metter in mostra come il relativismo culturale basata sulla mediaticità delle notizie , per lo più trasmesse da mezzi in mano hai nazisionisti , sia l'unico riferimento per delle menti deboli e incapaci di distinguere e di giudicare i propri merdosi governanti . Basta con il buonismo di accogliamo tutti , voglio il buonismo di un no alle guerre finanziate dagli USA e getta dall'europa in special modo dai francesi e dagli inglesi , sempre pronti a spartirsi il bottino mentre all'italia toccano i disperati da loro creati . BASTA

bertoldo ha detto...

INclusione interculturale ? ma perchè ? perchè non si può rimanere con la propria di cultura che è già difficile tramandare e si vuole per forza integrareforzatamente con chi non c'entra nulla ? perchè c'è bisogno di nuovi schiavi che devono essere importati con navi militari perchè ? perchè il governo austricao a definito l'italia "scafisti di Stato " i barconi non partono neanche più si vanno a prendere direttamente sottocosta libica e si chiamano salvataggi . Intanto per questi evidentissimi motivi italiotilandia si ritrova al 77 posto sulla libertà di stampa dietro il burkina faso proprio per le sconcezze propagandistiche di un regime nazista che è ora al governo che non fà altro che attuare piani concertati in altri posti da gente non eletta da nessuno . BASTA

Daniele Passerini ha detto...

@bertoldo
BASTA tu, per favore, visto che stai affrontando il tema con una profondità a livello del peggiore Salvini: le tue parole dimostrano quanto ragioni - al di là di molte buone intuizioni in altri campi - per etichette e stereotipi. Ora sono fuori casa. Stanotte ti rispondo con calma.

Daniele Passerini ha detto...

@bertoldo
INclusione interculturale ? ma perchè ? perchè non si può rimanere con la propria di cultura che è già difficile tramandare e si vuole per forza integrareforzatamente con chi non c'entra nulla ?
Intanto ti invito semplicemente a riflettere su quanto le tue parole siano in contraddizione con la STORIA dell'Italia stessa (limitando forzatamente l'analisi all'Italia, ma il discorso può ampliarsi ad libidum), e non parlo solo degli ultimi secoli ma soprattutto degli ultimi 3 o 4 millenni come minimo.
Ora torno alla mia passeggiata lungo il Tevere. A più tardi.

bertoldo ha detto...

Aspetto la risposta , ho espresso solo in parte la mia visione generale della questione . Lo sò che questo vi dà fastidio perchè il limite della vostra democrazia è , appunto , limitato al relativismo culturale a cui vi riferite . Fatevene una ragione , avete una visione complessiva dei fatti limitatissima e pensate di poter risolvere i problemi creati con delle risposte errate e limitate e senza disturbare il potere nazista attuale . lo sò non potete dirlo dichiaratamente , pena pesanti ripercussioni per i vostri lavori e le vostre prospettive , tutte abbastanza limitate . Un saluto . La logica è logica e non può abdicare al relativismo culturale o monetario .

bertoldo ha detto...

"Intanto ti invito semplicemente a riflettere su quanto le tue parole siano in contraddizione con la STORIA dell'Italia stessa (limitando forzatamente l'analisi all'Italia, ma il discorso può ampliarsi ad libidum), e non parlo solo degli ultimi secoli ma soprattutto degli ultimi 3 o 4 millenni come minimo." Semnpre di imperialismo si tratta , l'integrazione dei romani era molto più avanzata di quella attuale ma pur sempre imperialismo e sfruttamento di schiavi e di risorse si tratta , allora come adesso , cambiano solo gli attori e la presunta democrazia , manca solo un cavallo come senatore a vita e siamo a posto .
"Ora torno alla mia passeggiata lungo il Tevere. A più tardi. " roma è uno spettacolo di sera con temperature molto gradevoli per chi non soffre il caldo .

Silvio Caggia ha detto...

Le considerazioni di Bertoldo sono condivisibili, e non le vedo in conflitto con il senso del post. Anzi...
Ed il punto di contatto è proprio quanto ci ha ricordato Pegupe.

Roberto Bletzo ha detto...

sono convinto che nessuno lascerebbe la propria casa la propria patria
se non per necessità..

Daniele, Bertoldo ti ha presentato uno dei motivi per cui bisogna scappare dal luogo natio

Robbins ha detto...

... La relligion de Mahomet ayant este portée en Asie en Affrique en Europe les prisons se formerent. La motie du monde s’eclipsa on ne vit plus que des grilles et des verroux ; tout fut tendu de noir dans l’univers et le beau sexe enseveli avec ses charmes pleura partout sa liberté.

Montesquieu, Pensées, n.503


Attenzione con le citazioni, che ci può essere qualche sorpresa. Soprattutto se si cita dai bigliettini dei Baci Perugina senza aver studiato l'autore.

La vera posizione "multiculturale" di Montesquieu sembra sia questa:

"... metà del mondo si eclissò e non si vide altro che inferriate e chiavistelli ... (e) il bel sesso ... pianse ovunque (la perdita del)la sua libertà".

Anche

"... furono i maomettani a portare le scienze in Occidente. Da allora non hanno mai voluto riprendersi quello che ci hanno dato"

non è niente male.

Antonio ha detto...

Bellissimo progetto Daniele, la mia stima.
Tutti noi presi in mille impegni quotidiani o assorbiti da teorie più o meno astruse tendiamo a dimenticare o a relegare nella "ovvia normalità" questi aspetti del vivere civile che invece vanno continuamente motivati e comunicati alle nuove generazioni.
Bravo.

Ultimamente ho chiuso un incontro con: "I think that meet new companies, new ideas, new people and new peoples is one of the best way for enhance ourself".
Ecco io l'ho detto... tu lo hai fatto. E io penso che fare "fa" la differenza.

Silvio Caggia ha detto...

@Antonio
"new people and new peoples"
Mi ricorda "un prolo ed una prola"...

Silvio Caggia ha detto...

Questa è socialmente utile:
MFMP scopre le banche dati IAEA.
Scrivono infatti su facebook:

nice calculator

https://www-nds.iaea.org/exfor/endf.htm

Camillo Franchini sarà contento.

Daniele Passerini ha detto...

Mi rivolgo a tutti, non solo a Bertoldo.

Questo post voleva essere solo un accenno al progetto LE ARMONIE DELLA FELICITA' della Zona Sociale 3 dell'Umbria, ma le parole di Bertoldo mi spingono ad anticipare quello che avrei detto con più calma, magari nello spazio più consono di un altro nuovo post, ma qualcosa devo per forza aggiungere subito, a scanso di equivoci.

Innanzi tutto una battuta... ma mica tanto battuta... si dice: "se la Terra fosse veramente visitata da esseri extraterrestri perché essi non si manifesterebbero apertamente a noi?" Rispondo: forse perché vedono che non riusciamo nemmeno a convivere tra noi esseri umani, divisi come siamo da confini, religioni, culture, interessi... figuriamoci se riusciremmo ad accogliere dei veri alieni!

Riprenderò semplicemente la SINTESI ESTREMA del progetto fatta per inserirla in brochure, messa a incipit del post, e la commenterò.

Lo stato di emergenza legato alle immigrazioni è conseguenza del fenomeno della globalizzazione che – oltre al mercato economico globale, diffusione di internet, melting pot culturale planetario, disparità di accesso alle risorse naturali, alla ricchezza e al benessere, crisi ecologiche ecc. – ha comportato un indebolimento del ruolo dello stato-nazione e del concetto di confine-frontiera.
Qui dentro c'è condensata tanta di quella roba che si potrebbe stare a parlarne per settimane! Dietro globalizzazione, disparità di accesso alle risorse naturali, alla ricchezza e al benessere OVVIAMENTE sta e deve starci tutto il tema dell'imperialismo, che come giustamente osservi, Bertoldo, non nasce certo con la rivoluzione industriale ma ha radici ben più antiche. I popoli del mondo hanno sempre avuto il vizietto di espandersi e consolidarsi a spese di qualcun altro.
Il punto è proprio che adesso questo non è più possibile, perché lo stato di benessere di una parte del mondo a spese di un'altra presenta immediatamente un conto salatissimo che va ad inficiare quello stesso benessere. È un colpo di coda paradossale della globalizzazione. Finché le economie erano a livello "locale", l'imperialismo funzionava a beneficio delle nazioni ricche e a discapito delle nazioni poveri; alla fine la globalizzazione stessa (nata come evoluzione estrema dell'imperialismo economico) ha infranto questo giochetto antico quanto la storia della civiltà. Adesso a ogni azione tesa all'arricchimento di una parte del mondo non corrisponde più solo l'impoverimento dell'altra parte: corrisponde anche una reazione uguale e contraria e istantanea verso i paesi "egemoni".

(continua)

Daniele Passerini ha detto...

(segue)

I crescenti focolai di crisi e le tensioni geopolitiche mondiali (che hanno portato Papa Francesco a parlare di “Terza Guerra Mondiale”), hanno innescato flussi migratori che non possono essere affrontati e tanto meno risolti innalzando nuovi muri.
Tutto ciò, vissuto “in tempo reale”, non rende più possibile nel XXI secolo la coesistenza di “isole felici” di benessere e “ghetti” di aree sottosviluppate. Non si può essere felici di quello che si possiede nel proprio “orticello” se si è consapevoli delle condizioni di vita sofferte dagli abitanti di altre zone del pianeta: ogni membro dell'umanità ha lo stesso diritto di poter essere felice.

Certo Bertoldo, i flussi immigratori non nascono dal nulla, ma se invece di proiettarne le cause alla "cupola nazistocacchio" (ma non ti stufi di ripetere le stesse etichette e gli stessi slogan all'infinito svuotandoli tu stesso di ogni significato? perché non psicofascista o cyberimperialista o demoplutocratico ecc.) ognuno di noi occidentali si assumesse quota parte la propria responsabilità? Posso essere felice della mia vita, se altri nel mondo muoiono di fame, di malattie curabilissime, di guerra ecc.? La mia risposta è no. È una felicità ipocrita. L'umanità è una, chiudersi ogni cultura a riccio nelle proprie tradizioni, nei propri confini, nei propri livelli di vita è un'illusione che ha i giorni contati.
È ovvio che al povero devi imparare a pescare, più che regalargli pesci, è ovvio che bisogna puntare a innalzare le condizioni di vita del terzo mondo, e che non devono esistere più primi, secondi e terzi mondi. Ma è ovvio che dovremmo semplicemente salvaguardare quest’unico mondo che abbiamo? E intanto che cosa facciamo con la gente che scappa dalla morte? Il fatto che la tua onnipresente e onnipotente “cupola” abbia causato tutto questo ti legittima, Bertoldo, a fregartene? A ributtarli a mare? A non accoglierli come fossero non esseri umani, come me e te, ma bestie?
Tu lo hai visto Terraferma (2011) di Emanuele Crialese? Prima di replicare, guardalo per favore... e dimmi che emozioni ti suscita, che parole ti evoca, che reazioni ti provoca... e poi ti dirò che differenza corre tra come hai risposto tu e come ha risposto la stragrande maggioranza dei 250 bambini che sono stati guidati a vederlo e accompagnati a discuterne e ad interrogarsi sul modo di vivere che hanno sempre dato per scontato. Ti assicuro che i bambini, in tante cose, sanno dimostrarsi molto più saggi e umani degli adulti.

(continua)

Daniele Passerini ha detto...

(segue)

A partire da queste premesse, il progetto “Le armonie della felicità” – richiamandosi a quanto espresso dall’art. 3 della Costituzione italiana (“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”) – ha sviluppato un percorso di educazione all’inclusione interculturale.
Ciascuna delle 12 classi quarte delle scuole primarie, coinvolte nel progetto in questione, hanno fatto prima 3 incontri con un educatore in grado di parlare insieme ai bambini di queste tematiche. Poi 2 incontri con un mediatore culturale di origine argentina e un altro di origine africana. Quest’ultimo in particolare – si chiama Bakary - ha raccontato ai bambini la sua storia: scappato dal Mali a 14 anni insieme ad altri profughi, ha vagato da confine a confine nelle nazioni limitrofe, ha attraversato a piedi il deserto del Sahara, è stato imprigionato nelle carceri libiche, ha visto per la prima volta in vita sua il mare e si è imbarcato fino ad arrivare a Lampedusa. 19 mesi (sic!) nel corso dei quali ha visto quasi tutti i suoi compagni di viaggio morire nel deserto, in carcere, affogare in mare... lui c’è la fatta, ed oggi è un mediatore culturale dell’Associazione CIDIS Onlus.
Poi ai bambini è stata insegnata una base musicale e sono stati stimolati a scrivere un testo che vi si adattasse, un testo che affrontasse tutte le cose che avevano affrontato, discusso e imparato nei 5 incontri precedenti. Con la supervisione artistica di esperti musicisti è nata una canzone che è stata provata e appresa a memoria in ulteriori incontri, fino a creare un master in studio di registrazione.
Poi coinvolgendo altri 2000 ragazzi è stato realizzato un videoclip per accompagnare la canzone.

Duecentocinquanta bambini e bambine, dopo essere stati accompagnati a riflettere su questi temi, hanno dato voce alle loro emozioni scrivendo la canzone “Girotondo”. Oggi [15 maggio 2016] la intoneranno all'unisono, facendo levare dalla Città Serafica il loro messaggio di pace rivolto agli adulti di tutto il mondo, in armonia con i principi universali di accoglienza e fratellanza di S. Francesco.
Dite che tutto questo non servirà a nulla? Penso invece che un bel seme in tutti i bambini coinvolti lo abbiamo piantato. Alla fine il messaggio di questo progetto può essere anche solo semplicemente: NON TI PIACE QUESTO MONDO, COMINCIA A CAMBIARLO TU ATTORNO A TE. Se solo lo facessimo tutti...!

Ho scritto di getto le prime cose che mi hanno suscitato alcuni commenti che ho letto. Il discorso è vastissimo: potremmo stare a discuterne all’infinito. Ma stanotte vorrei andare a dormire prima di mezzanotte e ho ancora del lavoro da finire, quindi per quel che mi riguarda per stasera basta così.

P.S. Bertoldo, ho scritto che passeggiavo lungo il Tevere, non su un lungotevere romano... stavo in campagna, nei dintorni di Perugia.

pegupe@gmail.com ha detto...

@Bertoldo
@Robbins
Veramente non pensavo che una semplice, quanto profonda citazione, avrebbe sollevato questo putiferio.
Caro Bertoldo, ma cosa ti fa pensare che io non concordi pienamente con la tua analisi geopolitica sui disastri prodotti dall’avidità degli uomini di potere che oggi sono prevalentemente in occidente e domani potrebbero prevalere in oriente? Voglio solo farti notare che i vari Donald Trump, grandi progettisti di muri, sono anche coloro che progettano la distruzione dei muri degli altri. Basta vedere le immagini di intere città rase al suolo da ogni tipo di arma. Quale differenza trovi tra queste immagini e quelle delle città distrutte della seconda guerra mondiale? Anche per questa ragione Papa Francesco parla di terza guerra mondiale, ma tanto, almeno per il momento non sono le nostre case.
Per favore mi spieghi che cosa significa la parola buonismo? Qual’è il suo contrario: cattivismo?
Accusi me, ma soprattutto Daniele di seguire il flusso della gran cassa dei media e poi usi neologismi di moda che non significano un bel niente. A proposito di neologismi: petaloso è uno che ha mangiato fagioli?

Per rincarare la dose aggiungo una citazione, forse già scritta in un post precedente, di un altro grande buonista.

"Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l'inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”
(Albert Einstein)

Caro Robbins, hai ragione, non ho affatto studiato Montesquieu che tu citi in lingua originale, ma se trovo un pensiero che concorda con il mio modo di pensare lo faccio mio. Personalmente mi sono impegnato a studiare direttamente il mondo, piuttosto che studiarne l’immagine che altri se ne sono fatta. In sostanza preferisco sbagliare per conto mio che per conto terzi.
Comunque, forse per miei limiti culturali, non vedo alcuna relazione tra la mia e le tue citazioni e non sono per nulla interessato alle gare di “celodurismo”.

bertoldo ha detto...

"(ma non ti stufi di ripetere le stesse etichette e gli stessi slogan all'infinito svuotandoli tu stesso di ogni significato? perché non psicofascista o cyberimperialista o demoplutocratico ecc.)" perchè nazisionista rende meglio l'idea con chi si ha a che fare . Cambiare le parole disorienta rimanere sempre sulla stessa fà capire le molteplici facce dell'imperialismo nazista attuale ed è più facile fare raffronti storici con l'altro nazifascismo sempre targato sionista , anche se allora non c'era internet , i flussi di denaro dei sionisti sono sempre gli stessi .

bertoldo ha detto...

"Il mondo è quel disastro che vedete, non tanto per i guai combinati dai malfattori, ma per l'inerzia dei giusti che se ne accorgono e stanno lì a guardare”
(Albert Einstein)

Infatti stare li a guardare significa non contraddire il potere politico attuale e prendere i responasabilli e sbatterli in un luogo consono alle loro deviazioni mentali da psicopatici guerrafondai . Aiutare quelli che sono già arrivati è un obbligo , come è un obbligo fermare i psicopatici bombaroli e mentre aiutare il prossimo è molto facile , cacciare a pedate nel sedere i politici nazisionisti è un'altro paio di maniche , che comporta un certo grado di rischio che nessuno di voi è disposto a correre .

bertoldo ha detto...

"P.S. Bertoldo, ho scritto che passeggiavo lungo il Tevere, non su un lungotevere romano... stavo in campagna, nei dintorni di Perugia." riflesso condizionato da cane di pavlov : ho pensato a roma perchè stavo rispondendo pensando al cavallo senatore a vita di caligola .

bertoldo ha detto...

"Dite che tutto questo non servirà a nulla? Penso invece che un bel seme in tutti i bambini coinvolti lo abbiamo piantato. Alla fine il messaggio di questo progetto può essere anche solo semplicemente: NON TI PIACE QUESTO MONDO, COMINCIA A CAMBIARLO TU ATTORNO A TE. Se solo lo facessimo tutti...!"

Non serve urlare per affermare qualcosa , basta scriverlo sommessamente si legge lo stesso . Al contrario del classico buonismo da fiabe per bambini , l'unico modo per cambiare il mondo è spodestare chi lo governa , altrimenti non cambia mai niente e le buone intenzioni si perderanno nel tempo , danneggiate irreparabilmente da altri accadimenti che arriveranno e prenderanno il posto di quelli attuali . Invece di inseguire sempre , per una volta e solo per una volta si può pensare di prevenire , cacciando i bombaroli dai loro posti di comando oppure pensi che sti qua se ne vanno via da soli ?

bertoldo ha detto...

" E intanto che cosa facciamo con la gente che scappa dalla morte? Il fatto che la tua onnipresente e onnipotente “cupola” abbia causato tutto questo ti legittima, Bertoldo, a fregartene? A ributtarli a mare? A non accoglierli come fossero non esseri umani, come me e te, ma bestie?" La percentuali di maschi adulti che arriva sulle spiaggie ? no perchè qua parli solo di bambini o al massimo di donne con bambini , mentre al percentuale di maschi adulti che migrano economicamente sono l'80% dei migranti e non scappano da guerre ma da condizioni economiche imposte dai nazisionisti locali , poi vengono qua e si lamentano che stanno pure peggio di quando erano partiti e allora perchè non prendono un treno un aereo e ripartono ? Ti faccio un esmpio pratico , vicino al posto in cui mi trovo c'è la piana del fucino , un vecchio lago prosciugato prima dai romani e poi dai torlonia , tramite un'opera di ingegneria idraulica romana in cui sono riusciti a scavare un pozzo sottoterra per 5km circa , passando sotto il mio paese per arrivare a sfociare nel fiume Liri , bene . Questa piana è oggetto di moltissime coltivazioni estensive di molte varieta di verdure patate e quant'altro . Fino a 15 anni fa ci andavano le signore del mio paese a lavorare le carote , in special modo , e il resto delle coltivazioni , ora sono impiegati esclusivamente o quasi extracomunitari . Non ti dico i casini che possono combinare in piccoli paesi , tra droga alcool e sono costantemente sfruttati dai nazifasciosionisti locali con forme di capolarato estensive e senza che nessuno controlli mai un bel nulla o con controlli sporadici tipo spot pubblicitario . Riassumendo : nelle loro patrie vengono sfruttati per fargli estrarre i materiali che servono e sono praticamente schiavizzati , quelli che scappano e migrano economicamente che sono 80% di quelli che arrivano , vengono sfruttai dall'altro ramo nazifasciosionista locale e tu mi parli di aiutare ad integrare che % lo 0,000% ? questo serve solo per pulirsi la coscienza e dare agli altri dei razzisti cosi puoi dire che tu la tua parte l'hai fatta mentre gli altri sono dei gretti . Non funziona cosi è troppo facile veramente troppo facile , anche perchè in questo modo permetti a chi continua questi traffici di continuare e di giustificare il loro modo di operare , non mettendo mai in risalto le loro deviazioni mentali e magari chi finanzia questi progetti di integrazione sfrutta proprio i loro padri e le loro madri . Meno ipocrisia grazie che il buonismo serve ma non risolve , anzi aiuta il nazifasciosionismo .

Silvio Caggia ha detto...

@Daniele
@Bertoldo
La situazione è analoga ad una casa allagata per un rubinetto che perde.
È chiaro che lavorare di straccio e secchio tampona il problema, e se non ripari il rubinetto sarai solo frustrato da un lavoro infinito.
D'altro canto non per questo non asciughi il pavimento mentre aspetti l'idraulico.
Non vi rendete conto di essere complementari e non in opposizione?

Silvio Caggia ha detto...

Il punto di unione, ripeto, dovrebbe essere la frase riportata da Pegupe.
Per inciso, non importa chi l'abbia detta e cosa intendesse a suo tempo, l'avesse anche detta per sbaglio quello che conta è se ci riconosciamo noi oggi in quello che significa semanticamente.

Silvio Caggia ha detto...

Se invece vogliamo divertirci a litigare possiamo metterci a parlare di integrazione.
Che cosa significa integrare?
Che cosa stiamo facendo quando realizziamo una integrazione?
Ricordiamoci sempre di donna Prassede e di cosa fosse il bene per lei è di cosa fosse invece per Lucia.
Siamo consapevoli di ciò che avviene al di sopra le nostre teste? Siamo consapevoli che c'è un piano Kalergi che si sta attuando come da programma anche grazie al nostro inconsapevole e pieno di buone intenzioni contributo?
Ecco, se proprio vogliamo litigare almeno facciamolo proficuamente.

pegupe@gmail.com ha detto...

Sono in completa sintonia con Silvio Gaggia. Non riesco proprio a capire il disaccordo di fondo. Vorrei comunque capire se con il termine nazisionismo si intende raggruppare tutti gli psicopatici del pianeta. Sarebbe meglio usare un vocabolo meno restrittivo, perché l'avidità e la stupidità umana affondano le radici in tempi nei quali il nazismo ed il sionismo non erano ancora nati e sono queste le radici malate che occorre curare o tagliare, ma dobbiamo cominciare a tagliarle dentro di noi.

CLaudio Rossi ha detto...

Le soluzioni ai problemi globali che stanno esplodendo sono in parte a carico dei paesi evoluti e in parte di quelli del terzo mondo.
I paesi ricchi dovrebbero anzitutto decretare la fine delle guerre per avidità, ma il partito dei bellicosi per interesse - nazisionisti o come li si voglia chiamare - è sempre presente in tutti i governi (anche il nostro) e soprattutto nei gruppi di potere occulto. Gli interessi inconfessabili che ruotano intorno alle guerre, alle armi, alle distruzioni, sono enormi, devono essere sradicati dalle pubbliche opinioni.
Trasferimenti di genti tra le varie aree del mondo ci sarebbero comunque, ma non quelli disastrosi causati dalle guerre di rapina che l’Occidente scatena per arricchirsi. Aiutare uno sviluppo sociale nei paesi poveri costerebbe un millesimo delle guerre e fermerebbe le migrazioni disordinate.
Inoltre i paesi ricchi dovrebbero farla finita con il mito della “crescita” a tutti i costi perché le risorse non sono infinite mentre gli sprechi e il consumo di risorse naturali aumentano indiscriminatamente. La crescita dovrebbe essere quella qualitativa, culturale, del tempo libero come ricaduta dei progressi tecnologici, non quantitativa di beni inutili e dannosi destinati alle discariche. Ma gli ottusi economisti odierni, che hanno studiato negli anni ’60 e ’70 e pontificano in tutti i centri di potere, ancora non l’hanno capito.
Dal lato dei paesi del terzo mondo, l’impegno dovrebbe essere quello di evitare i modelli di sviluppo copiati dai paesi ricchi e di evolvere (anche con l’aiuto di questi) rifiutando gli eccessi che alla distanza danneggeranno anche loro. Ma anche imporsi una crescita demografica consapevole che non crei pressioni insostenibili e penuria di mezzi di sopravvivenza.
Le risorse per rendere tutto ciò possibile non mancherebbero; se solo si prosciugassero le spese militari e si mettessero nel conto i costi veri dei guasti umani, economici e sociali che le convulse migrazioni attuali producono.
Certamente, nel frattempo, costruire muri è la più stupida delle non-soluzioni.

bertoldo ha detto...

pegupe "Vorrei comunque capire se con il termine nazisionismo si intende raggruppare tutti gli psicopatici del pianeta."
non dovrei dirlo perchè palese ma tutti gli esseri umani sono psicopatici per un motivo o per l'altro , bisogna vedere se si fà parte di una maggioranza o di una minoranza ed entrambe possono essere tacciate di psicopatia reciprocamente .Quelli che evoco sono soggetti abbastanza viscidi e molto pericolosi e intendono dominare gli altri esseri e schiavizzarli a loro uso e consumo senza preoccuparsi di nulla all'infuori di se stessi e partono dal bancario che ti appetta dei bond marci fino a su per la scala gerarchica del fascismo attuale che termina invariabilmente con i rockfeller e soci , tanto che il presidente della repubblica ha ospitato la creazione dei rockfeller ovvero la trilatelare o trinità fate vobis , direttamente a Roma . non è un caso che la pagina porta il numero 311 .
"Sarebbe meglio usare un vocabolo meno restrittivo, perché l'avidità e la stupidità umana affondano le radici in tempi nei quali il nazismo ed il sionismo non erano ancora nati e sono queste le radici malate che occorre curare o tagliare, ma dobbiamo cominciare a tagliarle dentro di noi." 2000 anni fa si sono inventati una nuova religione , quindi il sionismo era già presente anche se non si chiamava in questo modo .Il nazismo che è una derivazione del fascismo che a sua volta è una derivazione del capitalismo , è un fatto quasi naturale per soggetti che hanno paura e tendono a riunirsi in branchi come gli animali , evitando di pensare singolarmente ma pensando in gruppo o non pensando affatto , quindi congenito .Se si sommano gli aspetti di sicurezza economica e quella di seguire il "pensiero" di chi ti passa i soldi per vivere o per far politica o per qualsiasi altro motivo legato ad ideologie (l'unica rimasta sembra il fasciosionismo) il patatrack è servito . Per questo Rossi e soci non potranno mai regalare la loro invenzione , l'energia è il motore di tutto se l'energia diventa gratis o quasi finisce il controllo sulle azioni della gente e quindi il castello di carte costruito nel tempo si estingue e piano piano scompaiono i motivi della presenza del fascismo . Per questo motivo nessuna energia sarà mai libera , l'illusione attuale è data dal fatto che non avete la minima idea di chi sia dietro il controllo di questi apparati tecnologici ne a cosa servano effettivamente . Non è troppo difficile immaginare che la produzione di qualsiasi cosa sarà ben presto affidata a robot e quindi si avrà una obsolescenza umana che potrà essere risolta solo con l'eliminazione di quasi tutta la popolazione mondiale e l'energia di tali apparati servirà per compensare gli operai che servono ad estrarre il petrolio il carbone l'uranio e molto altro ancora . Il video dei Casaleggio parlava abbastanza chiaro , questi sono gli scopi che vogliono raggiungere se non vengono fermati prima : https://www.youtube.com/watch?v=JodFiwBlsYs e questo avverrà ben prima del 2054 di come ipotizzato nel video . Nel video l'unica la religione non citata è l'ebraismo ovvero lo scudo di cui si servono i sionisti per raggiungere i loro scopi . Vi faccio solo un esempio pratico , negli ultimi attentati europei le prime immagini trasmesse dai luoghi delle presunte stragi , sottolineo presunte , perchè le telecamere quando devono funzionare non ci sono mai , sono state trasmesse sempre da tv o persone legate ad ambienti sionisti e visto che le coincidenze non esistono . Il primo che scrive gombloddo gli fò uno sputacchio virtuale ...

bertoldo ha detto...

ovviamente il presidente della repubblica ha ospitato una società mista segreta e pubblica e ciò è contro la legge Anselmi creata per andare contro la p2 di allora , mentre oggi hanno la faccia di ospitarli direttamente al quirinale . mii che roba .

bertoldo ha detto...

sentite cosa dice il procuratore Scarpinato in merito al nazifasciosionismo attuale , ovviamente lui non lo identifica con questo nome : https://www.youtube.com/watch?v=vFgvorKgjHg#t=161 gli immigrati e i vari piani di invasione rientrano in questi ambiti destrutturanti attuati da forze maligne ed esterne e i politici attuali non sono altro che marionette in mano a questi parassiti globali .

bertoldo ha detto...

IL capitale ingrassa sottopagandovi . Voi sottopagati non gli date figli da sfruttare (andate e moltiplicatievi ...) . Lui li prende altrove . L'immigrazione è solo questo .

bertoldo ha detto...

https://www.youtube.com/watch?v=CRoDwIXoxKM#t=359

pegupe@gmail.com ha detto...

@Bertoldo
Solo un semplice chiarimento su questa tua affermazione “2000 anni fa si sono inventati una nuova religione, quindi il sionismo era già presente anche se non si chiamava in questo modo”.
Devo intendere che i Sumeri, gli Assiri, i Babilonesi, gli Egizi, solo per citare l’occidente, non conoscessero né l’avidità né la stupidità? E anche se tutte queste civiltà fossero l’emanazione di ancora più antichi criptosionisti, come la mettiamo con il potere imperiale dell’antica Cina? Non mi sembra proprio che quei popoli vivessero ancora nel paradiso terrestre.
Tu parli di non generalizzare, ma comprimere il male del mondo tutto all’interno del nazisionismo, non ti sembra una grave generalizzazione?

Daniele Passerini ha detto...

@pegupe
Condivido e quoto tutto al 100%. Avevo tentato di suggerire a Bertoldo alcuni input (non con la tua capacità di sintesi e limpidezza di esposizione) affinché arrivasse egli stesso ai punti che hai perfettamente inquadrato ed evidenziato... ma la sua reazione "stereotipata" mi ha tolto ogni voglia di proseguire... ti ringrazio per avere evidenziato tutta la mancanza di visione storica e sodio logica insita nel "nazisionistizzare" qualsivoglia cosa.

bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...

"Tu parli di non generalizzare, ma comprimere il male del mondo tutto all’interno del nazisionismo, non ti sembra una grave generalizzazione? " amico sei tu quello che fà le sintesi io ho solo in parte argomentato e solo perchè la gente come te dopo 2 righi già entra in confusione senza seguire quello che c'è scritto appena sopra .Scusate se ho scritto troppo ma questo è per dare una definizione se volete restare nelle nuvole non definiti , fate pure ...

bertoldo ha detto...

"Devo intendere che i Sumeri, gli Assiri, i Babilonesi, gli Egizi, solo per citare l’occidente, non conoscessero né l’avidità né la stupidità? E anche se tutte queste civiltà fossero l’emanazione di ancora più antichi criptosionisti, come la mettiamo con il potere imperiale dell’antica Cina? Non mi sembra proprio che quei popoli vivessero ancora nel paradiso terrestre." quindi per deduzione siccome il "paradiso" non c'è mai stato o almeno andando indietro fino ai sumeri e gli altri non c'era( ma prima secondo te non c'era nessun altro ? davvero pensi che la storia sia esattamente cosi com'è stata scritta ? se ci credi veramente beh allora c'è veramente poco margine nella tua testa ...) mi dici che cosi stanno le cose e che quindi bisogna accettare la situazione attuale come normale ? ma dico l'hai capito cos'hai scritto oppure il tuo livello non ti permette di andare oltre ?

bertoldo ha detto...

"Condivido e quoto tutto al 100%. Avevo tentato di suggerire a Bertoldo alcuni input (non con la tua capacità di sintesi e limpidezza di esposizione) affinché arrivasse egli stesso ai punti che hai perfettamente inquadrato ed evidenziato... ma la sua reazione "stereotipata" mi ha tolto ogni voglia di proseguire... " Il problema e tutto tuo visto che io ho spiegato come la penso su quello che "sintetizzato" . Il problema delle sintesi e dell'estrapolazione da un contesto più allargato fà apparire i problemi come singoli problemi e non come uno di tanti pezzi di un puzzle . Ti vuoi divertire a risolvere solo un pezzetto ? bene fallo a me interessa il quadro generale . Se non hai informazioni se non sai cosa dire sul quadro generale non è un problema che mi riguarda , ma non puoi neanche dirmi cosa devo pensare o scrivere , non accetto limiti .

"ti ringrazio per avere evidenziato tutta la mancanza di visione storica e sodio logica insita nel "nazisionistizzare" qualsivoglia cosa. " i limiti di visione sono limiti non giudicabili , informati e poi giudici . puoi partire dal video del procuratore di Palermo che eplica in maniera soft cosa sia il nazisionismo attuale anche se usa altre parole , ma se la tua linea politica è non disturbare il manovratore , non vedo come tu possa migliorare la tua libertà di pensiero e di espressione . https://www.youtube.com/watch?v=CRoDwIXoxKM#t=359 non aggiungo altro per diventare troppo prolisso come al solito ...

Silvio Caggia ha detto...

Il termine nazisionismo è troppo sintetico... Meglio essere più prolissi e fare qualche esempio tangibile.
Prendo a prestito le parole di Gianluca Crimi su FB:

"Che cosa c'entrano Banche, Finanza, Massoneria, Governo, Fascismo e Riforme Costituzionali?
Per capirlo è necessario unire i puntini e mettere in fila un po' di eventi:

18-Giugno-2013 La nota società finanziaria Jp Morgan in un documento ufficiale "raccomanda" agli stati dell'eurozona di sbarazzarsi delle costituzioni antifasciste. Nel documento si critica la dipendenza del governo nei confronti del parlamento e vengono viste di mal occhio anche le tutele dei diritti dei lavoratori.
7-Gennaio-2014 La società di servizi finanziari UBS di Zurigo pubblica l'outlook per il 2014 in cui analizza il futuro dei paesi dell'eurozona e riferendosi all'Italia fa riferimento esclusivamente a Renzi senza mai citare Letta. (allora Letta era presidente del consiglio e Renzi solo sindaco di Firenze) E' come se già si sapesse dell'avvicendamento. Nel documento viene fatto più volte il nome di Renzi e tutte le volte ci si riferisce a lui come se fosse già premier.
10-Gennaio-2014 Renzi comunica al telefono al comandante interregionale della Guardia di Finanza Michele Adinolfi la sua intenzione fare un rimpasto di governo: "mettiamo qualcuno di questi ragazzi dentro nella squadra… a sminestrare un po’ di roba."
17-Gennaio-2014 Renzi "dimostra" che UBS si sbagliava twittando #enricostaisereno
20-Gennaio-2014 Viene varato il decreto IMU-Bankitalia ricorrendo per la prima volta nella storia della Repubblica alla ghigliottina che limita la discussione parlamentare. Il decreto "regala" 7,5 miliardi di euro alle banche azioniste di Bankitalia. Ironia della sorte all'approvazione i membri della maggioranza intonano "Bella Ciao".
25-Febbraio-2014 UBS aveva ragione e infatti Renzi giura di fronte a Napolitano. Il ministro scelto per le riforme costituzionali è Maria Elena Boschi figlia del banchiere Pierluigi Boschi allora membro del CDA di Banca Etruria.
Primavera-2014 Per tre volte Pierluigi Boschi incontra Flavio Carboni noto faccendiere coinvolto nelle inchieste sulla P2, processato in merito al caso Calvi, coinvolto in inchieste sulla Banda della Magliana, sul riciclaggio di denaro per la mafia di Pippo Calò, nella P3, eccetera, eccetera, eccetera. A sua difesa c'è da dire che è stato condannato solo una volta, guarda caso per il fallimento di una banca: il Banco Ambrosiano.
4-Maggio-2014 Pierluigi Boschi diventa vicepresidente di Banca Etruria.
3-Dicembre-2014 Viene approvato il Jobs Act così viene eliminato definitivamente l'articolo 18.
Inizio-Gennaio-2015 In borsa avvengono strani movimenti nel comparto Banche Pololari.
16-Gennaio-2015 Viene annunciata la riforma delle Banche polari che schizzano in borsa.
12-Febbraio-2015 La procura apre un'inchiesta per insider trading in cui è coinvolto anche il finanziere e amico stretto di Renzi Davide Serra. Nei giorni precedenti l'annuncio ci sono stati imponenti acquisti sulle banche popolari partiti da Londra dove Serra vive ed opera. In seguito lui dichiarerà che il suo fondo Algebris aveva forti investimenti nelle popolari ma da marzo 2014 (cioè da quando Renzi è diventato premier). Ci si chiede se Renzi abbia mai rinfacciato a Serra di essere trattato come uno sguattero del Guatemala.

(Segue)

Silvio Caggia ha detto...

(Segue)

30-Aprile-2015 Il governo pone la fiducia sull'Italicum. Nella storia della repubblica l'unico precedente storico è la legge Acerbo. Approvata da Mussolini e che pose le basi per l'introduzione del fascismo in Italia.
11-Settembre-2015 Viene approvato il Bail In, il decreto che rende solidali in caso di fallimento delle banche anche azionisti, obbligazionisti e se necessario anche correntisti.
16-Gennaio-2016 Renzi propone Marco Carrai (nella cui casa viveva senza pagare l'affitto quando era sindaco di Firenze) al vertice di una futura agenzia per la cyber-security. Carrai è membro del CDA della Cassa di Risparmio di Firenze. Nello stesso giorno Flavio Carboni dichiara "Se parlo cade il Governo".
11-Febbraio-2016 Banca Etruria fallisce portando sul lastrico un sacco di famiglie.
20-Marzo-2016 Pierluigi Boschi viene indagato per bancarotta fraudolenta per il fallimento di Banca Etruria.
12-Aprile-2016 Viene approvata la riforma costituzionale.

Abbiamo quindi un governo, legato a doppio filo con banche e finanza, che riformando la costituzione esegue il volere di uno dei principali gruppi della finanza mondiale, abbiamo un premier che della costituzione se ne fotte (la dichiarazione da Fazio "Io devo fare le leggi, i giudici devono applicarle" è l'equivalente di pisciare sopra l'articolo 70 della costituzione), abbiamo una lista infinita di favori del governo alle banche che vanno dalla legalizzazione dell'anatocismo (si pagheranno gli interessi sugli interessi) all'esproprio della casa se si saltano le rate del mutuo (perché se grazie al Jobs Act ti licenziano senza giusta causa la casa la devi perdere!) allo sconto sulle tasse per i trasferimenti giudiziari (per risparmiare quando metteranno all'asta la casa che hai perso). Abbiamo una riforma che aumenterà a dismisura il potere del premier, specialmente se vista insieme alla legge elettorale. Abbiamo una contrazione della discussione parlamentare dovuta a ghigliottine e canguri che sono diventati prassi ma che non erano mai state utilizzati prima di questa legislatura, abbiamo un modo di fare arrogante e sottilmente fascista: la frase "io devo fare le leggi" è tipica di un dittatore non di un presidente del consiglio. Quindi cara Boschi prima di darmi del fascista ("Chi vota no è come Casa Pound") guardati allo specchio, guarda la tua storia, guarda perché ti hanno messa lì e per fare cosa."

Ecco, era giusto per fare un esempio di cose non troppo lontane o troppo strane, ma abbastanza tangibili.

bertoldo ha detto...

Resta il fatto che le manifestazioni per accogliere in maniera adeguata immigrati o integrare altri già presenti , sono manifestazioni di altissimo valore civile che andrebbero estese a tutta la popolazione , ma questo da solo non basta , vanno eliminate la cause dell'immigrazione e le cause principali sono lì sotto i vostri occhi e vanno di pari passo .

Daniele Passerini ha detto...

bertoldo
...l'hai capito cos'hai scritto oppure il tuo livello non ti permette di andare oltre ?
Anticipo Guglielmo. Francamente, questo è esattamente quello che penso di te quando ti imbarchi in discussioni come queste. Per quel che mi riguarda il mondo attorno a me, fosse anche solo per un raggio di 100 metri, mi impegno a cambiarlo in meglio. Tu che fai oltre a contestare chi non condivide le tue visioni?
Quello che veramente mi dispiace è che stai riempendo con polemiche fuori luogo proprio un post come questo.

Daniele Passerini ha detto...

@bertoldo
Resta il fatto che le manifestazioni per accogliere in maniera adeguata immigrati o integrare altri già presenti , sono manifestazioni di altissimo valore civile che andrebbero estese a tutta la popolazione , ma questo da solo non basta , vanno eliminate la cause dell'immigrazione e le cause principali sono lì sotto i vostri occhi e vanno di pari passo .
Alleluja, e ci voleva tanto? Lo penso anche io questo! Ed è esattamente quello che abbiamo spiegato ai bambini! Lo hai letto l'esempio di Silvio della perdita d'acqua in casa?
Tanto rumore per nulla.

CLaudio Rossi ha detto...

Attenzione però a chi strumentalizza il nobile slancio di generosità e apertura nei confronti dei più sfortunati che migrano per sottrarsi a guerre e privazioni, per far passare come ineluttabile quello che succede, invece, per motivi molto meno nobili.
Le migrazioni sono eventi che se si sviluppano lentamente migliorano il mondo e arricchiscono ospiti e ospitanti. Le trasmigrazione massive e improvvise creano invece gravissime conseguenze e ulteriori conflitti che non si possono ignorare se si è onesti intellettualmente.
Ti darebbe fastidio anche se nel tuo quartiere si impiantassero improvvisamente centinaia di persone “wasp” di lingua italiana e di cultura identica alla tua. Qui non si tratta di paura o di avversione per il “diverso” si tratta della sindrome di cui parlava Desmond Morris ne “Lo zoo umano”; per cui se in una gabbia c’è un topolino, si annoia; se ce ne sono due si accoppiano; tre si scrutano ma se ce ne sono 30 si mangiano l’uno con l’altro anche se sono sazi.
Cerchiamo di non offrire i buoni sentimenti per i comodi di chi produce guerre, carestie, disperati che migrano e poi se ne frega dei problemi degli altri (leggi ad es. USA).

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Ho appena finito di vedere (era arrivato ieri, ma ancora non avevo trovato il tempo per scaricarlo - 800MB - e aprirlo) il videoclip con riprese e audio canzone definitivi. WOW! :)
Domani verrà proiettato alla Basilica Superiore di S. Francesco di Assisi in anteprima, assieme all'esecuzione dal vivo.
Quando sarà disponibile on line ve lo linkerò.
Tra l'altro i lunghissimi titoli di coda sono accompagnati da un video nel video... che a me piace quanto il videoclip vero e proprio.
Buon weekend.

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
SUCCESSONE IERI ALLA BASILICA SUPERIORE DI S. FRANCESCO D'ASSISI PER L'ANTEPRIMA DELLA CANZONE "GIROTONDO" del progetto LE ARMONIE DELLA FELICITA'!!! :-)
In attesa trovare un po' di tempo per scrivere un post in cui espongo tutto il percorso, il senso, e i futuri sviluppi del progetto, chiedo a voi di dedicarmi solo 7 minuti.
Vi lascio come promesso il link del videoclip della canzone "GIROTONDO"... e ripeto, non perdetevi il PIANO SEQUENZA che accompagna i titoli di coda!!!
BUON ASCOLTO E BUONA VISIONE:
https://youtu.be/2WzS1byPn2I

Daniele Passerini ha detto...

P.S. Registrazione (fatta col mio telefonino) del servizio andato in onda oggi alle 19.35 sul TG3 Umbria, con l'intervista al garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Umbria:
https://youtu.be/7gtgzlQmuDs

CLaudio Rossi ha detto...

@ Daniele
Ho visto i due video: gran lavoro e veramente ben fatto. Non so quale sia stata la tua parte, ma complimenti anche a te.

Daniele Passerini ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Daniele Passerini ha detto...

@CLaudio
Grazie, a nome della "cabina di regia" del progetto, composta da:
M. Mastrini, direttore artistico
S. Morosi, assessore
T.C. Tribuzi, pedagogista
D. Passerini, coordinamento e organizzazione
Sai, paradossalmente in un progetto come questo - progettato tra settembre e ottobre 2015, realizzato nelle scuole tra novembre e marzo (quasi 200 ore di incontri tra bambini, pedagogisti, mediatori culturali e alla fine un direttore di coro), in cui il prodotto è stato realizzato ad aprile (il 7 aprile il master audio in studio, il 12 aprile le riprese nella città di Assisi, con i montaggi finiti ai primi di maggio) - essendone scaturito un prodotto di qualità, il rischio è che si noti troppo il prodotto e non si riesca a comunicare bene il percorso. Cercherò di farlo - prima o poi - con un post, per ora basti sapere che se il percorso non fosse stato di alto livello non ne sarebbe potuto nascere un prodotto così.
Un abbraccio

Daniele Passerini ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Il video va niente male! :)
36 ore e siamo ormai vicino alle 1000 visualizzazioni.

Cominciano ad arrivare i primi feedback da "addetti ai lavori" a cui ho inviato il link è una stringatissima sintesi del progetto.

Una delle psicoterapeute più in gamba di Perugia, splendida persona, un po' più grande di me, mi ha scritto:
"Lo ho appena visto tutto il.video! È formidabile! Super potente! Ora scrivo un testo sulla base del tuo messaggio w.app e lo metto su fb a ruota!"

Altra psicoterapeuta mia coetanea:
"Bellissimo, Daniele!!! Scalda il cuore e spalanca la speranza vedere tutti quei bambini cantare una nuova coscienza collettiva. :)))))) Grazie!!!

Una psicologa poco più giovane di me:
"Bellissimo il video e credimi capisco il lavoro che può esserci stato dietro ...quando si fanno questi progetti la parte più significativa è il processo...e chissà quanto i bambini hanno lavorato per riuscire a fare questo bel prodotto comune...tanto alla fine è la condivisione il fine!!!e loro hanno tanto bisogno di questi momenti.alla fine un po tutti noi...come i bambini!!
Lo condivido domani sulla mia pagina fb professionale.


Una bravissima operatrice sociale laureanda in lettere moderne:
"Che bello Daniele!!! Ricordo che me ne avevi parlato...lo divulgherò a tutti i miei contatti!
...sto preparando la tesi su un filosofo e sceneggiatore contemporaneo, G. Marcel, è un lavoro abbastanza lungo, ma arriverò alla fine.:))

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Ecco un nuovo post con qualche dato in più:
http://22passi.blogspot.it/2016/05/le-armonie-della-felicita-voci-accordi.html"

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails