BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

sabato 16 aprile 2016

SURSUM QUORUM !

ore 7:03 - screenshot de Il Fatto Quotidiano
Post di Daniele Passerini (22passi)


Come cambiano i tempi... Il Fatto Quotidiano diventa sempre più moderato e trasversale, La Repubblica sempre più populista e di parte! :)

Non ci credete? Stamattina, appena sveglio, sono andato col telefonino sulle home on line delle due testate.

Su FQ ho trovato un buon ed equilibrato invito a votare...
e - più avanti - due altri articoli:

ore 6:55 - screenshot de La Repubblica
Mentre su Repubblica troviamo accorpati in home, uno dopo l'altro, prima questo "articolo principale"...
e a seguire questi tre "corollari":
  1. Referendum trivelle, l'attesa sulla piattaforma: "Quanta amarezza, non siamo inquinatori"
  2. Trivelle, viaggio tra gli operai sulla piattaforma: "Non siamo inquinatori"
  3. Referendum trivelle, l'amarezza degli operai sulla piattaforma

Già la difesa d'ufficio dell'invito di un capo di governo all'astensione (come un prete che invitasse il suo gregge a non andare a messa!) non mi pare degna del quotidiano fondato nel 1976 da Eugenio Scalfari, ma La Repubblica - si sa - sotto De Benedetti è diventata ben altra cosa dal riferimento della Sinistra italiana che fu per tanti anni. Poi repetita iuvant, devono pensare i giornalisti di Repubblica:
  1. Referendum trivelle, l'attesa sulla piattaforma: "Quanta amarezza, non siamo inquinatori"
  2. Trivelle, viaggio tra gli operai sulla piattaforma: "Non siamo inquinatori"
  3. Referendum trivelle, l'amarezza degli operai sulla piattaforma
Poverini, li capisco, in questo momento sono stati schierati in campo, come bravi soldatini, per essere di parte e propinare propaganda filogovernativa... con i pochi argomenti che hanno, cos'altro possono fare se non moltiplicare lo stesso spot?

Esiste un censimento dei giornalisti che sono transitati da Repubblica al Fatto Quotidiano dal 2009 ad oggi? Immagino che non siano pochi!

La Repubblica di stamattina è un bell'esempio di quanto il fronte "si-triv" del NO (no quorum soprattutto) si stia attaccando a tutto (o meglio, a quel poco che trova) pur di dipingere il fronte "no-triv" del SI come non è.

Il principio dello sfruttamento sostenibile delle risorse non rinnovabili è concetto ben più complesso del tema generico e generale dell'inquinamento. Dire che il movimento "no-triv" (voto SI) sia motivato tout court dalla paura dell'inquinamento è becero travisamento, bieca banalizzazione, mera disinformazione. Basta semplicemente informarsi (per esempio qui).

Chi ha pagato le concessioni per le estrazioni, decenni fa, ha già ben guadagnato abbastanza: non si capisce proprio perché debba ricevere ulteriori sconti, vantaggi e leggine ad hoc, perché debba essergli procrastinato sine die (o meglio, sino al giorno del prosciugamento dei pozzi) lo sfruttamento dei giacimenti. O meglio, si capisce benissimo, se riflettiamo su come le lobby stiano influenzando le azioni del governo Renzi non meno di quanto già facessero con i governi Berlusconi.

Capisco ovviamente la preoccupazione di qualche migliaio di lavoratori del comparto e delle loro famiglie, ma di chi è già in cassa integrazione in altri settori e con ben alte cifre non diciamo nulla? (*)
Dobbiamo infliggere all'ambiente l'ennesimo prosciugamento delle sue risorse, per difendere - confrontando le cifre in gioco - pochi posti di lavoro? 
C'è molto più da preoccuparsi per i milioni di posti di lavoro a rischio per la dilagante automatizzazione e robotizzazione dei processi produttivi, fenomeno che in tutta Europa (tranne poche eccezioni come l'Italia) ha già giustificato l'introduzione del reddito minimo garantito, destinato inevitabilmente a diventare più la norma che l'eccezione.

(*) A marzo 2016 l'INPS ha registrato, tra cassa integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga, ben oltre 52 milioni di ore autorizzate a operai e impiegati (fonte).

P.S. Perché mai le posizioni contrapposte a questo referendum sono state apoditticamente "etichettate" in no-triv e si-triv? In effetti le trivelle non c'entrano un tubo con questo referendum: sarebbe stato più corretto distinguere al limite in no-poz e si-poz, visto che si parla di sfruttamento di pozzi già esistenti. Probabilmente la sintesi giornalistica ha trovato facile gancio con l'assonanza al noto movimento no-tav, da lì a no-triv e quindi a si-triv il passo è breve. Non sono riuscito a capire chi, quando e dove abbia coniato il termine no-triv, mentre si-triv sembrerebbe apparire per la prima volta il 14/09/2015 su e-gazzette.it.

439 : commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   1 – 200 di 439   Nuovi›   Più recenti»
Silvio Caggia ha detto...

Amarezza l'ho già detto? :-D

Ricopio il mio ultimo commento dall'altro post...
Parliamoci chiaro:
Chi ha voluto questo referendum?
8 consigli regionali a maggioranza PD.
Chi è contrario a questo referendum?
I renziani del PD.
Non prendiamoci in giro sugli effetti tecnico-pratici del sì: sono veramente piccoli e chi vi propina cifre apocalittiche sull'occupazione e sull'economia mente sapendo di mentire.
La verità è che questo referendum è un regolamento di conti interno al PD tra la minoranza favorevole e la maggioranza renziana contraria.
Tutti gli altri partiti si sono giocoforza schierati per il sì perché è comunque la posizione che fa meno schifo.
Ora fate pure le vostre scelte liberamente e secondo coscienza ecologica e politica.
Per me è facilissimo e non ho dubbi: tutte le mie ragioni convergono per il sì.

http://www.ilpost.it/2016/04/11/referendum-trivellazioni-voto-partiti/

AleD ha detto...

@Daniele
"
Dobbiamo infliggere all'ambiente l'ennesimo prosciugamento delle sue risorse, per difendere - confrontando le cifre in gioco - pochi posti di lavoro?
"
Scusa eh, ma qui però sei tu che banalizzi e generalizzi alla grande.

Stiamo parlando di ciucciare qui da noi al 90% metano e per il resto petrolio da giacimenti già in svuotamento.
Ovviamente è perfettamente sensato estrarre tutto quello che si può estrarre, prima di andare a cercare altro in altri posti.
O ti spaventa non lasciare disponibili metano e petrolio nel sottosuolo per il futuro delle prossime generazioni??? :-)

Daniele Passerini ha detto...

@AleD
Ovviamente è perfettamente sensato estrarre tutto quello che si può estrarre, prima di andare a cercare altro in altri posti.
PERFETTAMENTE SENSATO? Che mentalità dell'altro secolo che hai... anzi ancora più da '800 da '900.
A beh, se lo dici tu stiamo tranquilli!!!! :D

@AleD
O ti spaventa non lasciare disponibili metano e petrolio nel sottosuolo per il futuro delle prossime generazioni??? :-)
Ma sì, la razza umana ha già estinto membri del regno vegetale ed animale iosa, che vuoi che sia estinguere anche "membri" del regno minerale! :)))

AleD ha detto...

@Daniele: pronto??? C'è nessuno? :-)
"
Stiamo parlando di ciucciare qui da noi al 90% metano e per il resto petrolio da giacimenti già in svuotamento.
"

Silvio Caggia ha detto...

@AleD
Pronto??? Non c'è campo da te?
Ti mando un SMS:
"Se dopo 30 anni non sei riuscito ad esaurire un giacimento sei un idiota."

Idiota perché mi hai costretto in quei 30 anni ad aprire altri pozzi e/o a comprare gas e petrolio dall'estero.

Hai capito o no?
Richiedo conferma di lettura

Antonio ha detto...

Salve a tutti... visto che il tema "politico" ha invaso anche 22P ;-) segnalo questo articolo di Enrico Verga che porta dei dati oggettivi al discorso:

http://www.econopoly.ilsole24ore.com/2016/04/14/trivelle-si-trivelle-no-facciamo-due-conti/

Daniele Passerini ha detto...

@AleD
Io ho capito. Sei tu che non riesci a capire cosa ti ho risposto... provaci, puoi farcela! :)
Buon weekend, ci risentiamo domani sera.

Silvio Caggia ha detto...

@Antonio
Ottimo articolo quello che hai linkato.
Sono contento di aver sbagliato a pensare che tutti gli un-believers sarebbero stati contro il referendum, vedo anzi che gli apporti più intelligenti sull'argomento vengono proprio da loro. Onore al merito.

Barney ha detto...

@Silvio: spero che tu ti renda conto, quindi, che e' difficile accusare gli scettici di una posizione precostituita a priori, in ogni campo :-).

L'atteggiamento dello scettico NON e' negare ad oltranza per partito preso, ma analizzare la situazione e derivarne, con strumenti scientifici, una logica conseguenza. Lasciando fede e forzature logiche nel cassetto.

Sul referendum piu' o meno la pensiamo allo stesso modo: lite tra pastori per questioni di eredita' (e' De Andre', ma si adatta benissimo al braccino di ferrino interno al PD), bestialita' dichiarate da ambo le parti per giustificare le rispettive posizioni, corsa al carro del probabile vincitore da parte di improbabili ambientalisti come CasaPound e la Lega Nord.

Il succo vero lo dici te: chi vota si' vuole abbattere Renzi, cominciando da questo piccolo passo.
Per me e' una posizione legittima, permettimi di dire che politicamente mi fa ribrezzo, ma la capisco.

E permettimi di dire un'ultima cosa: scommetto che qualunque sara' il risultato qusto referendum non avra' impatti sul governo.

vincenzo da torino ha detto...

Penso che qualunque politico abbia la facoltà anche di invitare a sabotare un referendum. Non capisco le motivazioni dei magistrati. Il cittadino è libero ugualmente e decide liberamente come sono liberi i politici a consigliare. E' una gran cavolata incomprensibile. Posso capire la neutralità del presidente della repubblica e il divieto per gli scrutinatori, non quello del politico, quando si tratta di referendum con quorum del 50% per la validità. E' un consiglio politico giustissimo. I magistrati non sono neppure in grado di distinguere? Siamo mal piazzati!

Silvio Caggia ha detto...

Visto che il tema del post è il quorum, parliamo di quorum.
Dal momento che i referendum abrogativi, come questo, pretendono un quorum del 50%, e stante la "fisiologica" percentuale di astenuti ai referendum, è facile rendersi conto che il modo migliore per contrastare un referendum è boicottarne l'informazione , quindi la partecipazione, ed istruire tutti i propri fedeli a non parteciparvi.
Fin qui potremmo anche vederla come una strategia politica intelligente, ma c'è un "ma" che preoccupa: la segretezza del voto.
Seguendo lo schema: chi è favorevole vota e chi è contrario non vota, si va di fatto a rendere palese, e registrato per sempre sulla scheda elettorale e sui registri, chi è favorevole e chi è contrario, e questo per il diritto è inaccettabile.
La soluzione a questo problema generalizzato sui referendum dovrebbe quindi essere un drastico abbassamento, se non l'eliminazione, del quorum, così da avere un chiaro confronto tra i sì ed i no, nell'ambito di quelli che hanno liberamente deciso di esprimersi o altrettanto liberamente deciso di non essere competenti/interessati all'argomento in questione.

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Sono d'accordo con te su tutto, tranne che sul fatto che sia "difficile accusare gli scettici di una posizione precostituita a priori, in ogni campo".
Anche questo caso non fa eccezione.
Lo scettico applica le cognizioni scientifiche NOTE, in questo caso tecniche ed economiche, ed elaborandole logicamente conclude che certe clausole delle leggi sono fatte per fare un favore agli amichetti dei politici, che non sia quindi interesse della collettività tenersi certe clausole, e quindi che sia meno peggio votare sì al referendum.
In questo caso arriviamo fortuitamente alle stesse conclusioni.
Ma immagina invece che ci sia una proposta di un politico od un economista che pensi fuori degli schemi accademici e che proponga delle leggi che secondo l'economia "mainstream" portino al disastro, mentre secondo lui le sue nuove teorie portino ad un benessere maggiore per tutti. Probanilmente lì ci scontreremo ancora.
Per farti un esempio pratico pensa al programma del m5s o alle proposte di libertà di cura dei sostenitori della NMG...

Silvio Caggia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...

andare a votare di mattino presto in modo che chi deve votare dopo sia invogliato ad andare a votare per vincere e non per perdere . http://www.google.com/intl/it/sky/#latitude=22.626473102967573&longitude=-94.42451541743162&zoom=13&Spitzer=0.00&ChandraXO=0.00&Galex=0.00&IRAS=0.00&WMAP=0.00&Cassini=0.00&slide=1&mI=-1&oI=-1 nell'attesa potet godervi il panorama del pianeta o sistema solare in arrivo dalle nostre parti ! ca@@i vobis ...

bertoldo ha detto...

Domenico canino che ne pensi di nibiru e del suo sistema solare che si porta appresso ? http://www.mymovies.it/film/2011/melancholia/trailer/

bertoldo ha detto...

Completamente ot come al solito .
http://www.dukicdaydream.com/ in questo sito che ho postato molto tempo fà finalmente si arriverà alla conclusione della vicenda con l'incriminamento di 5 funzionari della motorizzazione , che secodno il mio parere dovrebbero essere appesi per il collo ed esposti alla pubblica gogna ... in rete gira una versione economica chiamata bobina di BAC che forse somiglia a questo tubo ... anche il tubo di tucker funzionava solo che non faceva risparmiare il 50% ma solo il 10-15% ...

AleD ha detto...

L'articolo sul il sole 24 ore ha una logica incapibile:
"
Cioè, già non abbiamo molte risorse energetiche (in proporzione al mondo) e in più le svendiamo? Sono un poco perplesso da questa strategia che dovrebbe “incentivare le estrazioni di risorse scarse”.
"
Se sai che hai poche risorse per stimolare comunque le compagnie a sostenere costi fissi importanti che di certo nel complesso contano meno quanto più possono ciucciare, mi par naturale che si scelga di compensare tenendo le royalty basse, altrimenti non ci viene nessuno ad estrarre metano e qualcosa di petrolio.

Mauro elia ha detto...

OT: MFMP: 50° differenza tra cilindro carico e quello no..

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mauro
"...50° differenza tra cilindro carico e quello no....."

Ottimo, io ero rimasto a soli 20°. Comunque Mario ci direbbe e magari giustamente, che serve una calorimetria. Nel lungo periodo, se i cilindri differiscono per pochissimi dettagli di struttura, come i pochi grammi della carica, allora comunque una differenza del genere dovrebbe avere il suo bel significato. Però qui ci vuole la consulenza di Mario per non prendere un granchio.

domenico canino ha detto...

@bertoldo
vedrò il film, grazie; sembra una bella storia; chissà cosa c'entra nibiru...
Per quanto riguarda il dispositivo salvagasolio, è un clone di un dispositivo brevettato in ukraina da scienziati russi; e che usa come combustibile poco carburante e molta aria; si basa su una nuova fisica bellissima di Bazaev; e su un nuovo elemento detto electrino nel modello atomico che spiega molte cose più di quello mainstream, ed è stato provato dall'accademia russa di scienza nel 2002, scoperto da bazaev; questi dispisitivi in russia si chiamano "autothermia" e sono fatti di un tubo con magneti concentrici che ionizzano l'aria; e costano solo 50 euro in russia; qua ci marciano molto di più senza aver inventato nulla.
Se Rossi leggesse il modello di bazaev, forse potrebbe capire di più nelle LENR, che con il modello occidentale non si spiegano.

pegupe@gmail.com ha detto...

Non ho dubbi sull’andare a votare e non ho dubbi su come votare: voterò si.
Non entro nel merito degli argomenti tecnici, perché non ho gli strumenti culturali per appoggiali o contestarli. Posso solo, come ogni cittadino e, non, suddito, cercare di non lasciare campo libero a chi ci governa, di qualunque colore sia. Anche il migliore potere, se sa di non essere controllato, inevitabilmente rimarrà accecato dalla sua tracotanza.
Mi pongo e sottopongo questa riflessione: per quale motivo il governo boicotta sia la partecipazione al voto sia l’informazione sul voto su un problema che secondo loro è una bufala? Se hanno ragione, dal momento che possiedono, a differenza dell’opposizione, tutti gli strumenti mediatici per convincerci, di cosa hanno paura? Ho il fondato sospetto che sotto il coperchio ci nascondono cose che non dobbiamo assolutamente sapere.
Pensiamo forse che i magnati del petrolio e i fabbricanti di armi non facciano i loro interessi, fregandosene delle esigenze dei cittadini? Se qualcuno di voi lo crede, lo dica in modo chiaro, perché questo è il vero tema di discussione, tutto il resto è irrilevante.
La battaglia sull’eliminazione delle energie derivate dal fossile è una battaglia epocale come è epocale il drammatico problema dei profughi e le due cose non sono affatto scollegate. E’ certo che l’Italia, da sola, non potrà risolvere temi di questa portata, ma ha la possibilità di essere di esempio alle altre nazioni e al mondo intero, come in qualche misura lo è stato il referendum sul nucleare, ma non vorrei aprire una nuova discussione.
Se la politica continuerà ad essere guidata dalla ragioneria e noi ad essere d’accordo su questa linea, tanto vale smettere anche di discutere e di andare a votare.
Sul fatto che la salute e la vita sono valori primari che solo pochissimi mettono in discussione, per quale motivo quando si parla della vita e della salute in molti si mettono a far di conto?
Scusate, ma sono molto preoccupato e arrabbiato.

Mauro elia ha detto...

@ Alessandro
ho dato un occhiata adesso, ho visto che la differenza di temperatura persiste...boh vedremo..

AleD ha detto...

@pegupe:
"
Sul fatto che la salute e la vita sono valori primari che solo pochissimi mettono in discussione, per quale motivo quando si parla della vita e della salute in molti si mettono a far di conto?
Scusate, ma sono molto preoccupato e arrabbiato.
"
Ma tu sei disposto a stare un po' peggio per fare in modo che altri (che adesso stanno peggio di te ovviamente) stiano un po' meglio?
Poi gira questa domanda a tutti quelli che conosci e fatti una statistica, poi magari scalala e vedrai che chi governa alla fin fine non è poi così tanto peggio del cittadino medio.

Roberto Bletzo ha detto...

condivido pienamente le considerazioni di -pegupe -
un analisi che mette in luce un "possibile" interesse che va al di là di neanche un minimo di umanità.

ma..!mio caro pegupe brutto scenario ci hai mostrato
purtroppo non riesco a pensare che non sia fattibile..

Silvio Caggia ha detto...

@AleD
Ti consiglio la storiella dei palloncini con il nome sopra...
http://www.panecirco.com/professore-lezione-vita-cose-importanti-vita/

Daniele Passerini ha detto...

@AleD
Ma tu sei disposto a stare un po' peggio per fare in modo che altri (che adesso stanno peggio di te ovviamente) stiano un po' meglio?
È uno scherzo vero?
Ma veramente tu pensi che noi possiamo vivere su un'isoletta "felice" isolati da tutto il resto del mondo, anestetizzati di consumismo e sport?
Ma tu la raccolta differenziata la fai perché sei obbligato o perché pensi che sia la cosa migliore per tutti?
Ma tu il riscaldamento d'inverno lo tieni sui 20° gradi o vai in giro per casa in t-shirt perché tanto i soldi per pagare la bolletta ce li hai?
Ma tu giri con un suv benzina 4 ruote motrici per fare il figo o con una una auto a basso impatto ambientale?
Sei un italiano medio? Non potevi dirlo prima? Per me gli italiani medi sono destinati a estinguersi... troppo anacrostici, individualisti, egoisti per potere avere un futuro in un mondo in cui siamo ormai tutti interdipendenti.
E ci credo che oggi voterai NO o non ti recherai alle urne, e ci credo che ti sembra normale prosciugare tutte le risorse finché ci sono, che cavolo te ne frega a te dei figli degli altri visto che di tuoi non ce ne hai (e considerato come ragioni la vedo dura che trovi una donna disposta a dividere con te la responsabilità di crescere una prole), che cavolo te ne frega di come si vive in Africa, che cavolo te ne frega di chi non ha il livello di benessere che ti godi te.
Che pena che mi fai.

Roberto Bletzo ha detto...

ciao Daniele

Silvio Caggia ha detto...

@AleD
Ho trovato il tuo palloncino!
http://25.media.tumblr.com/tumblr_m4tbhrGZkr1r7cfjjo1_500.jpg

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Invito seriamente chiunque sia iscritto a questo blog A CANCELLARSENE IMMEDIATAMENTE se in cuor suo sa di non essere disposto, nella sua vita quotidiana, a stare un po' peggio per fare in modo che altri (che adesso stanno peggio di noi) stiano un po' meglio. Non sto scherzando. Le persone siffatte mi fanno schifo e non le voglio tra i piedi qui dentro.

Daniele Passerini ha detto...

@Roberto
Ciao Roberto... mi spieghi come può AleD aver scritto quello che ha scritto senza vergognarsi, ma in che mondo vive? Giusto nell'Europa colonialista del XIX secolo, non certo nel mondo di oggi.

Roberto Bletzo ha detto...

dai ..Daniele
si parla ..si dice
poi penso che tutte le persone nella vita quotidiana abbiano un minimo di ...quello che ci fa amare
non puoi giudicare una persona da quel che scrive..
e poi è giusto sentir anche pensieri differenti
ho letto cosa ha scritto aleD e non mi ha sconvolto.
è un opinione ..
dopo per dire come aleD la pensa realmente bisognerebbe conoscerlo
Daniele ,magari , a parole siam tutti dei santi ,ma, dopo nei fatti chi mette la mano sul fuoco..
pace e tranquillità

Daniele Passerini ha detto...

@AleD
Mi metti in una forte dissonanza cognitiva: il tuo modo di ragionare urta tutti i miei principi e pertanto non mi piace vederti qui dentro.
Allo stesso modo riconosco che col tuo modo di essere così sinceramente egoista, consumista, utilitarista ecc. riesci a mostrare in modo maledettamente efficace e didattico il volto marcio e malato della società occidentale.
Per es. i tuoi commenti hanno sicuramente portato più persone a votare SÌ domani di quanto possa essere riuscito io coi miei post.
Sei odioso e indisponente ma maledettamente utile, perciò non riesco a cancellarti io dal blog perché farei un torto alle cause in cui credo...
Perciò toglimi dall'inpasse, cancellati tua sponte.

Daniele Passerini ha detto...

@Roberto
È che la tolleranza va riservata a chi la merita... se no tanto vale far iscrivere al blog Cimpy, Lo Spinoso, Lo psicanalista ecc.

Daniele Passerini ha detto...

P.S. Se AleD non è disposto a stare un po' peggio per fare in modo che altri (che adesso stanno peggio di noi) stiano un po' meglio, SICURAMENTE NON SCAMBIEREBBE MAI LA SUA VITA CON LA MIA... e parlo di fatti, non di parole!

Daniele Passerini ha detto...

Buonanotte

Daniele Passerini ha detto...

E ANDATE TUTTI A VOTARE OGGI !
NON DATE RETTA A MATTEO "ITALIANO MEDIO" RENZI ! :)))

triziocaioedeuterio ha detto...

Perfettamente d'accordo e con te Daniele nulla da aggiungere !

bertoldo ha detto...

"domenico canino ha detto...
@bertoldo
vedrò il film, grazie; sembra una bella storia; chissà cosa c'entra nibiru..."

Come film melancholia era solo un suggerimento , non riferito propriamente a nibiru , mi chiedevo cosa ne pensassi della immagine di google sky e del sistema in avvicinamento , secondo alcuni , e secondo il regime solo una nuova stella . L'angolo di arrivo di quella stella coincide con la striscia scura comparsa sul sole nei primi anni 2000 , ovviamente in seguito la nasa a taroccato tutte le immagini relative al prima e al dopo . Mi ricordo questo particolare perchè guardavo spesso il sito soho per ragioni di scie chimiche e d'intorni sul clima : http://sohowww.nascom.nasa.gov/data/realtime/c3/1024/latest.html di solito quella striscia nera che appare più densa o meno densa si trova in basso a sinistra , non mi intendo di coordinate stellari ma ricorre di nuovo il 22° nell'immagine .

pegupe@gmail.com ha detto...

@AleD

“Ma tu sei disposto a stare un po' peggio per fare in modo che altri (che adesso stanno peggio di te ovviamente) stiano un po' meglio?”
Sono molto arrabbiato, ma allo stesso tempo sono un grande ottimista e sono ragionevolmente convinto che se AleD si trovasse in riva al mare e vedesse un bimbo immigrato che stesse annegando, non penserebbe più al suo interesse più grande, cioè la sua vita, ma si getterebbe in mare per salvarlo, ma lui questo non lo sa.
Andate a votare e farete il minimo/massimo bene per voi stessi e per tutti gli altri.

bertoldo ha detto...

http://nicolaiannazzo.org/wp-content/uploads/2012/08/quadrologgia.jpg sostituire quello che stà arrivando con la seconda sfera a dx

bertoldo ha detto...

si capirà cosa significa quel simbolo , maledetto

AleD ha detto...

@pegupe: scusa, ma non hai risposto alla domanda:
“Ma tu sei disposto a stare un po' peggio per fare in modo che altri (che adesso stanno peggio di te ovviamente) stiano un po' meglio?”

AleD ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
AleD ha detto...

@tutti: miiii che levata di scudi, guardate che ho fatto UNA domanda...
Capisco che sia una domanda difficile ma c'entra molto bene la questione, altro che sensibilizzazione delle masse con carastroppole varie a colpi di manifestazioni.
Non vi preoccupate per la mia morale e per il mio 730, davvero non ce n'è ragione :-)
Piuttosto rispondete alla domanda, non è difficile rispondere, essere coerenti magari un po' di più.

pegupe@gmail.com ha detto...

@AleD e a tutti coloro che la pensano come lui. Penso di aver risposto in modo più che esauriente, ma vorrei sentire se anche per gli altri la mia è stata una risposta mancata. In ogni caso la mia risposta è si, ma devo essere sicuro che la mia apparente perdita vada a vantaggio di chi ha realmente pù bisogno di me, perché nella realtà di oggi viene tolto a chi ha meno per darlo a chi ha dippiù.

Qui sotto trascrivo, perché penso sia in tema con l’argomento in discussione, un mio pensiero tratto da un testo da me scritto.

E' pur vero che verso la fine dell’epoca dell’Inquisizione, l’aver introdotto il concetto di tolleranza, verso chi era di cultura e religione diversa, ha avuto un impatto di grandissima innovazione e ne è prova il grande successo che ebbe il saggio di Voltaire che affrontò questo tema nel “Trattato sulla tolleranza del 1763”. Oggi, al concetto di tolleranza sta subentrando il concetto di empatia che indica la capacità di sentire le ragioni dell’altro cercando di vederle come proprie, così da estendere a piacimento l'io oltre i propri confini corporei rendendoci, al tempo stesso, partecipi e partecipati con l'intero Universo.
Se volessimo codificare una scala dell’evoluzione della partecipazione, potremmo collocare la simpatia sul gradino più basso; affermazione che ha molti potrebbe sembrare impropria. Tuttavia, quel positivo sentimento ci fa sentire affini solo a chi riteniamo vicino a noi e di conseguenza, attraverso il sentimento dell’antipatia, ci induce a considerare nemico chi è in disaccordo con le nostre aspettative. Ciò non significa che chi prova simpatia per l’altro debba necessariamente provare anche sentimenti di antipatia verso altri, ma è del tutto evidente che il termine simpatia genera il concetto antitetico di antipatia. Il gradino successivo è rappresentato dal sentimento di tolleranza che concede, attraverso uno sforzo concettuale, il diritto di esistenza anche a chi è diverso. L’empatia, infine, superando il concetto di uguale e diverso, apre la mente al concetto di simile, favorendo l’ideale convivenza di tutti gli esseri tra loro fino ad estenderlo all'intera natura. Ciò diventa possibile solo se ognuno di noi si immagina partecipe e partecipato con il tutto, così da estendere l'io oltre la gabbia del proprio corpo secondo volontà e possibilità. Potrei usare, per definire questo concetto, il più comune ed abusato termine: Amore. Questa parola, tuttavia, ancor più del termine simpatia, rischia di alimentare il concetto del suo opposto: Odio.


Empatia è saper cogliere il simile nel diverso e il diverso nel simile.

Come potrà sopravvivere, il grande corpo dell’umanità se continuerà a rimanere insensibile alle grida di dolore e di rabbia emesse dalle sue parti offese.

Inserto - 13 Agosto 2013

Mi è capitato di leggere recentemente il seguente pensiero di Montesquieu scritto attorno al 1720 (60 anni prima di Voltaire), che dimostra come il concetto di empatia nella mente di quel pensatore fosse scolpito in modo straordinariamente chiaro, e ciò conferma che, anche ciò che crediamo originale ed attuale, è improbabile che qualcuno non l'abbia già pensato.
Fine inserto.

“Se conoscessi qualcosa che fosse utile a me, ma dannoso alla mia famiglia, cercherei di togliermelo dalla mente. Se conoscessi qualcosa di utile alla mia famiglia, ma dannoso alla mia patria, tenterei di dimenticarlo. Se conoscessi qualcosa di utile alla mia patria, ma dannoso all'Europa, oppure utile all'Europa, e dannoso al genere umano, lo considererei un delitto.”

AleD ha detto...

@Daniele: vedo che sei saltato sulla sedia, abbondantemente a sproposito rivolgendoti direttamente a me per una domanda che ho fatto e insinuando varie cazzate sulla mia vita e guarda caso le hai cannate tutte, ma proprio tutte eh.
E di certo non mi sento in dovere di scrivere pubblicamente qui o privatamente a te il perché hai cannato di brutto, figurarsi se adesso devo mettermi a elencare a qualcuno che ho fatto di buono nella mia vita, ma per piacere, siamo ridicoli dai.

Facciamo così, io mi cancello dal tuo blog, di certo non ci tengo a darti fastidio visto che qui è casa tua.
Ma datti una pulitina al naso perché ti funziona maluccio circa le conclusioni che tiri.

AleD ha detto...

@Daniele: procedi pure tu, io non ho mica capito cosa fare per cancellarmi.

Daniele Passerini ha detto...

@AleD
Certo che sono disposto a rinunciare a una parte del mio benessere per aiutare chi sta meno bene di me. È da almeno 25 anni che questo orienta tutta la mia vita... e non ho dubbi che sia lo stesso per Guglielmo Pepe, perché ho presente i commenti che scrive da anni, perché ho avuto modo di scambiare mail e telefonate in private e so che è la bella persona che sembra.
Sei tu che non rispondi MAI a niente, ragazzino viziato e consumista e provocatore che non sei altro.
Ha ragione Silvio, sembri un finto tonto, ma non c'è proprio nulla di finto in te!
Per quel che mi riguarda non sprecherò mai più tempo a rispondere alle tue cortine fumogene: sei una persona molto presuntuosa, molto piena di sé, molto poco consapevole... una zavorra sociale... spero che oggi il quorum sia raggiunto anche per dare una ridimensionata ai finti tonti come te, non tanto nel web, dove riesci benissimo a guadagnarti la pagnotta, quanto nella vita reale.
Con profonda disistima, ti saluto. Cresci e matura, mai smettere di sperare.

Daniele Passerini ha detto...

@tutti (eccetto AleD
Vi chiedo scusa, sono molto stanco e nervoso questi giorni,m e ho margini di tolleranza molto ridotti nei confronti dei finti tonti.

vincenzo da torino ha detto...

@Daniele.A me sembra che AleD abbai semplicemente fatto una domanda, una provocazione e un invito a guardare e pesare il nostro quotidiano comportamento di come spesso siamo pronti a fare la morale ad altri senza vedere prima noi stessi. Guarda che io lo vedo spesso in giro questo comportamento. Lo vedi ora con la questione immigranti in modo plateale. Si chiama egoismo nelle forme più svariate. Tocca sempre agli altri...Dall'altra parte vedo anche molta generosità spesso nascosta ed umile. Per età sono costretto a fare il giro degli ambulatori ed ospedali per me e mia moglie. A volte incontro persone di una generosità e compassione che ti fa allargare il cuore e dico:io sono proprio un egoista. Altre volte vedo volontari che si sentono...buoni. Mah. Certo, se non siamo disposti a rinunciare a qualcosa per gli altri siama una...nullità e non uomini veri.

Silvio Caggia ha detto...

@AleD
Non credi che ti ho risposto esaurientemente con la storiella dei palloncini?

Daniele Passerini ha detto...

@Vincenzo
Per lavoro ho contatti con tutto il mondo del terzo settore, associazionismo e volontariato, ho fatto l'assistente sociale per molti anni... ti assicuro che siamo circondati da un sacco di gente generosa e oblativa che è il vero orgoglio dell'Italia, ma che purtroppo appare poco sui mass media. Poi certo, c'è tanta gente egoista che pensa solo al suo portafoglio, al calcio ecc. Ma credimi, tendo a dare per scontato che le persone che frequentano 22passi appartengano alla prima categoria non alla seconda, ed è per questo che trovo la domanda di AleD inutilmente provocatoria qui dentro. È come se avesse chiesto a dei medici se conoscono il giuramento di Ippocrate cercando di coglierli in fallo!

Daniele Passerini ha detto...

@Vincenzo
Mi spiego meglio: è come se avesse chiesto a dei medici se sanno cos'è il giuramento di Ippocrate sperando di potergli cogliere in fallo! Ti sembra credibile.
Non sono uno che chiacchiera, sono uno che fa. E questo è lo spirito - ho sempre creduto - che contraddistingue chi si riconosce in questo blog. Non a caso AleD non ci si riconosce, è qui solo per... chiedilo a lui, perché scrive qui dentro. Per me ha poco senso: è come se io andassi a lasciare commenti da Ocasapiens o da Franchini.

Silvio Caggia ha detto...

@Daniele Passerini
Il "fenomeno AleD" è ben inquadrato nell'ambito della ponerologia di Andrzej M. Łobaczewski
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Ponerologia

Daniele Passerini ha detto...

@vincenzo
Aggiungo di più, confido molto che chi legge con attenzione i commenti del blog sia in grado di valutare chi siano qui dentro le persone VERE (direi la stragrande maggioranza) e chi quelle FINTE (molto poche).

Daniele Passerini ha detto...

@vincenzo
Concludo. Ho chiuso il blog alla pubblicazione libera di commenti da parte di chiunque, proprio perché non mi piace che su 22passi scrivano persone finte, facendo perdere tempo a tutti gli altri. Per questo ieri ho sentito da parte di AleD la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
Poi sicuramente avrò esagerato, sono tutt'altro che perfetto, ma questo blog per me è come un figlio, e se vedo qualche bulletto che viene a stuzzicarlo reagisco, da padre troppo apprensivo magari, ok. Ma santa pazienza, incasso, incasso, incasso, se ogni tanto scoppio è comprensibile.

AleD ha detto...

@Daniele, @Silvio: prendo atto, ma già immaginavo, che qui dentro gli spunti di riflessione vanno bene se scritti dagli amici "manifesti". Daniele, ti do un hint: guarda i contatori del tuo blog e confrontali con gli utenti iscritti, magari il blog viene letto anche da chi non commenta perché non registrato? Magari quindi la mia domanda non era rivolta *solo* agli 83 utenti che tu hai autorizzato? Magari lasci il blog pubblico apposta perché altri possano lurkare? Perché altrimenti metti il blog in modalità completamente privata e gli 83 leggono e scrivono quel che pare a loro senza preoccuparsi che qualcuno possa un giorno entrare a rovinare il perfetto equilibrio così creato ad arte.

Mi cancelli o hai sbroccato per nulla? Oppure scrivi come ci si fa a cancellare così provvedo?

AleD ha detto...

@Daniele: trovato, si fa da blogger.com

Bye bye

vincenzo da torino ha detto...

@Daniele. Grazie.

pegupe@gmail.com ha detto...

Mi spiace che un dialogo che dovrebbe essere costruttivo si sia tramutato, parzialmente, in uno scontro distruttivo. Sono convinto che o si cresce insieme, oppure non si cresce affatto. Credo sia un principio elementare sul quale non si dovrebbe neppure discutere, ciò che invece merita discussione è su come crescere insieme, questa è la vera difficoltà che merita una profondo e serio scambio di opinioni. AleD, invece, mette in discussione il principio di base e, quindi, o lo condivide oppure non ha senso per noi e per lui partecipare alla discussione, perché come dice Daniele diventerebbe solo un elemento di disturbo. La sua non è una semplice domanda, è una chiara provocazione alla quale non ha senso dare risposta. Se rispondo: no, il mio pensiero è chiaro: sono, quasi certamente, un antisociale; se invece rispondo: si; chi potrebbe verificare se dico la verità?

PS.
Sono appena andato a votare nel mio seggio elettorale di Milano e, purtroppo, ho visto un’affluenza molto bassa; spero di sbagliarmi, ma la cosa più grave è che coloro che ho visto erano quasi tutti pensionati. Ma dove è finito il corpo anagraficamente attivo di questa nostra società? E’ stata quasi tutta inghiottita dalla televisione? Spero che Milano rappresenti un’eccezione.

Daniele Passerini ha detto...

@Guglielmo
Sono convinto che o si cresce insieme, oppure non si cresce affatto.
Assolutamente d'accordo. Ma cosa fare con chi cerca volutamente di non far crescere gli altri... sperare di fargli cambiare idea?
Silvio prima ha risposto ad AleD perfettamente con l'esempio del palloncino. Poi lo ha inquadrato perfettamente nel concetto di Ponerologia.
Ad AleD non interessa discutere, anche Vincenzo da Torino e Barney la pensano diversamente sul referendum, ma hanno mostrato un livello ben diverso da quello di AleD che sembrava avere come unico scopo quello di impedire ogni discussione buttandola in caciara. È questo che mi ha fatto sbroccarle.
Le sue balle sul fatto che non ho naso sono finte quanto è finto lui. Lo ho inquadrato benissimo e la sua unica possibilità di uscirne fuori alla meno peggio è negarlo.
Se è riuscito a cancellarsi un po' mi mancherà, perché è difficile trovare testimonial così efficaci di tutto ciò che è marcio e sbagliato nella nostra società. Penso che abbia aperto gli occhi a molti.

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Tornando in topic, con mia moglie e mia madre siamo andati a votare verso mezzogiorno, sommando maschi e femmine siamo stati gli ottantesimi su 1041 votanti del nostro seggio, un 7,7%, allineati al dato nazionale del 8%.
Difficile far paragoni con altri referendum, dove si votava in due giorni. Chiaramente a questo ritmo si arriverebbe solo verso il 30%, ma l'affluenza storicamente cresce nel pomeriggio e a sera se non erro. Quindi ce la possiamo fare al photofinish! :)
Del resto Renzi ha giocato col fuoco: un capo di governo che non è stato votato da nessuno che invita a non votare... se lo meriterebbe proprio che gli facciamo un quorum così! :)))

Ha proposito, ho mandato a tutti i miei contatti WATHSAPP il seguente messaggio che circola sui social (e devo dire che i feedback sono molto buoni), fate altrettanto:

OGGI 17 aprile 2016 si può votare per il referendum dalle ore 7 alle ore 23.
Si ricorda che il diritto al voto è previsto dalla Costituzione Italiana.

Comunque la pensiate
(SI , NO , scheda bianca , scheda annullata),

ANDATE A VOTARE !

UN POPOLO CHE NON VOTA SARÀ UN POPOLO SENZA FUTURO.

Passa parola! #UnQuorumCosi

MISTERO ha detto...

Ma tu sei disposto a stare un po' peggio per fare in modo che altri (che adesso stanno peggio di te ovviamente) stiano un po' meglio?

Si, tutti i giorni della mia vita.

F.C. ha detto...

@Barney

http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=608&cpage=1#comment-204848

Ma poi hai avuto pizza e birra pagate? Sono passati ben più di 16 mesi, più del doppio mi sa...

Silvio Caggia ha detto...

"Ma tu sei disposto a stare un po' peggio per fare in modo che altri (che adesso stanno peggio di te ovviamente) stiano un po' meglio?"

Ho risposto con l'esempio dei palloncini.
Ti dico subito che non sono disposto ad essere l'ultimo ad entrare nella stanza, così da favorire gli altri a trovare prima il loro palloncino.
Così sarei stato apparentemente altruista, perché avrei messo tutti gli altri davanti a me. In realtà dovremmo tutti aspettare che il primo ci metta una vita a trovare il suo, poi il secondo è così via... un tempo lunghissimo fino ad arrivare all'ultimo prima di me (anche se poi io furbamente entro nella stanza e senza alcuna fatica prendolo il mio palloncino, l'ultimo rimasto).
Se sò che c'è un metodo migliore, con il quale tutti abbiamo il palloncino in molto meno tempo, perché dovrei penalizzare tutti per una falsa gentilezza di entrare per ultimo?
Sarei semplicemente stupido.
Non devo quindi stare un po' peggio per illudere qualcun altro di stare meglio, sarebbe appunto stupido.
Devo fare qualcosa per stare collettivamente meglio.
E per collettivamente non intenderò mai un gruppo ristretto di parenti, di amici, di gente che conosco, o di italiani o addirittura di umani... Collettivamente intendo tutti e tutto, includendo tutte le altre specie viventi ed anche i sassi se necessario.
Insomma devo puntare all'optimum globale e tentare di avvicinarmi a quello, altrimenti starò sempre facendo stare qualcuno peggio per far star meglio qualcun altro... Che purtroppo è la logica stupida di questa società.

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
Meglio tardi che mai! Finalmente Repubblica inizia a raccontare un po' di verità sui temi di questo referendum... vuoi vedere che hanno il sentore che il quorum non sia per nulla la chimera raccontata da Renzi e provano in extremis a mettere un piede sul carro dei vincitori con un triplo avvitamento carpiato? :D
Da ascoltare tutto con attenzione:
http://m.repubblica.it/mobile/r/repubblicatv/dossier/referendum-trivelle/referendum-trivelle-emiliano-amarezza-in-direzione-pd-e-un-partito-addolorato/234602/234259?abtest=b

Silvio Caggia ha detto...

Per fare un esempio più concreto potrei dirti che io non lavoro da parecchi anni.
La gente si stupisce quando dici che non lavori. Per prima cosa ti chiedono se sei in pensione... Ma io non credo che la mia generazione vedrà mai la pensione... "Al massimo in albergo!", rispondo scherzosamente.
E perché non lavori? Ti chiedono allora come se stessi commettendo un reato...
Perché in un momento di crisi come questo, in cui c'è così tanta gente che ha davvero bisogno di lavorare per poter sopravvivere, mi sentirei di rubare loro il lavoro...
Beh, in effetti, hai ragione, ti dicono...
Ma figurati se lo faccio per quello...
Sarebbe come mettersi per ultimo a prendere il palloncino... Te ne sei già dimenticato?
È che non credo in una logica di distribuzione delle risorse basata sul lavoro... Perché non è più proponibile...
Ci saranno sempre meno posti di lavoro, non solo di quello manuale, ma anche di quello di concetto, professionale e presto anche intellettuale.
L'automazione, l'informatizzazione, la disintermediarizzazione e presto l'intelligenza artificiale non lasceranno posti di lavoro per nessuno...
Ma questo non è mica un male... È il sogno dell'umanità quello di affrancarsi dai bisogni materiali!
Solo che il sistema di distribuzione delle risorse deve adeguarsi, non arroccarsi su logiche arcaiche...

Roberto Bletzo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Barney ha detto...

@F.C.: ovviamente no, ma si sa che Rossi non mente mai, e che -pizza (e soprattutto birra!) a parte- tutto quello che scriveva nel DUEMILADODICI si e' rivelato VERISSIMO.

Toh, quasi quasli lo copincollo qua:

"Dear “Barney” (or, better, Gxxxxx Cxxxxx):
Thank you for this comment of yours, which gives me the chance to answer to all the stupidities that some imbeciles, like your friend B., have put around, after tips got from some puppeteers.
Here are the answers:
1- I confirm that we are manufactiring a production line to make 1 million pcs per year
2- in this process we had all the permissions so far necessary from the competent Authorities, and to say that we have been stopped is totally false
3- it is totally false, as the puppet said, I am losing my collaborators: actually, I didn’t lose one, while they increase by the day
4- where the factory is in construction is confidential, and the reason for which is confidential is that we want to work in peace, without hurdles are put by puppeteers and puppets like the Snake or B., just to give a paradigmatic example, full time paid, to try to stop us, from their puppeteers
5- you say that to maintain confidential such a factory is impossible: obviously, you understand nothing of making a factory. Ask to somebody able to make a factory and get information to improve your knowledge of the matter.
6- conserve this comment of mine: if within 16 months we will not have in operation this factory, I will pay you pizza and bier.
Say hello to your friend B.
Warm Regards,
A.R.


Bello davvero, me ne ero completamente dimenticato... E adesso capisco perche' nei covi di ciucciaparole di Rossi come fossero le verita' della madonna di Medjugorjie io non ho facolta' di parola...
Fa eccezione Lewan, gliene do atto.

domenico canino ha detto...

@Unbe
Anche Piantelli è un truffa?
https://www.lenr-forum.com/forum/index.php/Thread/3018-Piantelli-patent-granted-METHOD-AND-APPARATUS-FOR-GENERATING-ENERGY-BY-NUCLEAR-R/

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Ma chi è B.?

vincenzo da torino ha detto...

@Daniele. Non ti illudere si arriva al massimo al 40%.

Barney ha detto...

@Silvio: boh? O e' Barney, visto che il genio della tecnica ci ha messo 10 minuti a scoprire come mi chiamo veramente (otto in piu' del necessario, ma almeno lui ci e' arrivato. Vatinno manco quello...) e si riferiva a me personalmente, oppure chissa' chi aveva in mente come "snake" oltre a me. Ma ti assicuro che non conosco nessun B. degno di nota in questa farsa.

Vedo che ti piacciono i particolari insignificanti, comunque.
La factory robotizzata in preparazione in localita' segreta ti e' sfuggita? :-)

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Non mi sembra insignificante...
Dalla tua email Rossi avrà desunto chi sei e dove lavori e saprà che hai un collega (B.) che è uno snake di primo livello... Chiaro che ti vede come un suo sodale...

Cosa mi sarebbe sfuggito della fabbrica robotizzata?

Barney ha detto...

@Silvio, non scherziamo.
Dalla mia mail Rossi non ha desunto niente che non si sapesse gia'. Dove lavoro non e' un segreto per nessuno che sia a livello informatico maggiore di un macaco giapponese, e -di nuovo- da me NESSUNO ha un cognome o un nome che inizia per "B".
Credo che pensasse a qualche "snake" del periodo, oppure faceva il simpatico parlando a me come se il mio amico immaginario Barney fosse un altro.

Di nuovo: non conosco direttamente NESSUNO coinvolto in alcuna attivita' "contro" le LENR. A parte me stesso, ovviamente. Addirittura non so chi sta dietro al 99% dei vari nick dal Franchini o su Cobraf, ti sembrera' incredibile ma e' cosi'. E non me ne puo' fregare di meno, tra l'altro.

Della fabbrica robotizzata t'e' sfuggito che era in costruzione avanzatissima nel 2012 (DUEMILADODICI). Ma probabilmente anche in questo caso Rossi faceva le battutine...

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney

Decisamente dovresti passare a farti pagare la scommessa da Rossi! Quando hai ragione, hai ragione! :-)

Alessandro Pagnini ha detto...

Secondo me col quorum non ci si fa! :-(

Mario Massa ha detto...

@domenico canino
AlainCo scrive :"Patent EP2754156 by Piantelli is granted, and I see no opposition." Io invece vedo che è un A2, quindi è solo una richiesta.

Alessandro Pagnini ha detto...

Anche Mats Lewan si è rotto gli zebedei, in buona sostanza!

http://www.e-catworld.com/2016/04/16/the-new-energy-world-symposium-has-been-cancelled/

Rossi si sta mettendo fuori gioco. Vuole che tutti pensino quello che che finora è stato sostenuto dagli 'snakes'? Vuole fare il male della ricerca LENR? Continui così e ci riuscirà senz'altro :-(
Per chiarezza, continuo a pensare che Rossi abbia davvero una tecnologia funzionante e proprio per questo mi fa più arrabbiare.

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Davvero siete una boita così piccola da non avere nessuno che inizia per B.? Pensavo lavorassi per una grande azienda...

Sinceramente non mi ricordavo, ma è normale che Rossi lavorasse alla robotized factory già 4 anni fa, tutto il suo lavoro è orientato pesantemente alla produzione, non fa mica ricerca pura...
Lavorarci non ci dice a che punto fosse o sia oggi, ma sicuramente il collo di bottiglia non è lui su questo ma la certificazione. Solo quando hai un prodotto certificato metti fisicamente assieme la produzione, prima magari l'hai perfettamente costruita ma su un simulatore software su un PC.
Per un progettista il lavoro è finito quando ha fatto il progetto...

Mario Massa ha detto...

@pegupe
"La battaglia sull’eliminazione delle energie derivate dal fossile è una battaglia epocale"

Sappiamo tutti che l'energia derivante dal fossile non è eliminabile, almeno non entro poche decine di anni. Le ultime stime (http://www.greenplanner.it/2014/01/30/fabbisogno-energetico-mondiale-situazione-attuale-e-prospettive-future/) danno per il 2040 il 31% di energia dal petrolio, il 27% dal gas, il 19% dal carbone, 8% dal nucleare; il restante 15% rinnovabili, principalmente eolico. Per la sola produzione di energia elettrica nel 2040 il nucleare si avvcinerà al gas ma entrambe resteranno inferiori al carbone.

Questo non significa che non si debba lavorare per andare nella direzione che dici, ma smettiamola di credere a Babbo Natale. Le illusioni sono pericolose; per migliorare le cose e fare le scelte giuste servono persone consapevoli.

" per quale motivo quando si parla della vita e della salute in molti si mettono a far di conto?"

E' un modo di ragionare che può apparire cinico, ma in realtà anche la vita nelle nostre menti ha un valore finito. Se non fosse così non potresti spiegare tanti nostri comportamenti: per esempio è chiaro a tutti che in autostrada a 130km/h rischi la vita più che su strada normale a 50km/h, eppure in autostrada ci vai. Un ingegnere che progetta una casa sa che potrà resistere fino a un terremoto di una certa entità e le case si progettano perchè possano resistere a un terremoto ritenuto limite per quella zona. Ma a volte ne arriva uno più potente e ci sono vittime: perchè non si fanno tutte le case antisismiche in grado di resistere all'ottavo grado?
In realtà se spendessimo una esagerazione di soldi in case sicure o se viaggiassimo come tartarughe il sistema sarebbe "poco efficiente" e verrebbero a mancare anche le risorse che servono a salvare vite. Il bilancio è difficile da fare, ma non è detto che spendere una esagerazione di soldi per sostituire l'energia fossile con delle rinnovabili nel nome di "migliorare la vita" non possa portare in realtà a perdere più vite. Ecologia è una bellissima parola, ma solo se associata alla parola razionalità.

Silvio Caggia ha detto...

Beh ragazzi, pare che AleD avesse ragione sugli italiani...
Il referendum è andato, ed i petrolieri stanno già festeggiando stappando bottiglie di petrolio...
http://genova.repubblica.it/cronaca/2016/04/17/news/cc-137852419/

Barney ha detto...

@Caggia: dove sono io siamo una cinquantina, il resto e' da altre parti. Non conosco tutti i miei colleghi delle altre sedi, da me di B. non ce ne sono.

Per il resto ti rimando alla lettura di quello che Rossi (non io) affermava nel 2012 e che per comodita' ti rischiocco qua:

1- I confirm that we are manufactiring a production line to make 1 million pcs per year
2- in this process we had all the permissions so far necessary from the competent Authorities, and to say that we have been stopped is totally false
3- it is totally false, as the puppet said, I am losing my collaborators: actually, I didn’t lose one, while they increase by the day
4- where the factory is in construction is confidential, and the reason for which is confidential is that we want to work in peace, without hurdles are put by puppeteers and puppets like the Snake or B., just to give a paradigmatic example, full time paid, to try to stop us, from their puppeteers
5- you say that to maintain confidential such a factory is impossible: obviously, you understand nothing of making a factory. Ask to somebody able to make a factory and get information to improve your knowledge of the matter.
6- conserve this comment of mine: if within 16 months we will not have in operation this factory, I will pay you pizza and bier.


Silvio Caggia ha detto...

@Barney
E che c'è di strano nelle frasi che evidenzi?
Prendi "we are manufactiring a production line to make 1 million pcs per year"
Come traduci manufactiring?
Assunto che sia il verbo transitivo manifactUre hai due possibilità come verbo transitivo:

manufacture[sth] vtr(create by machine)costruire⇒, produrre, fabbricare⇒ vtr The plant manufactures car parts. Lo stabilimento produce pezzi per macchina.

manufacture[sth] vtr(a lie)inventare⇒, falsificare⇒vtr The criminal manufactured the whole story to mislead the police. Il criminale si è inventato tutta la storia per depistare la polizia.

http://www.wordreference.com/enit/manufacture

Quindi, o stavano costruendo A MACCHINA una linea di produzione, cosa curiosa visto che in genere le linee di produzione si fanno a mano.
O stava INVENTANDO la linea di produzione.
A te la seconda traduzione piace molto scommetto... :-D

A parte gli scherzi, è indubbio che da qualche parte abbia messo su una fabbrica anche solo per produrre i pezzi delle centinaia di reattori che ha usato per le prove distruttive e per le preserie che ha usato dai suoi customer segreti. Che si sia dimensionato per arrivare a produrre potenzialmente a regime anche un milione di pezzi all'anno ci sta, che fosse già pronto a produrre milioni di pezzi allora non c'è scritto da nessuna parte, come non si parla di robot in questo messaggio.
Sicuramente ha tutte le autorizzazioni per fabbricare qualcosa, ma sono autorizzazioni di PROCESSO, non ha detto di avere le autorizzazioni di PRODOTTO, avesse quelle avresti dei prodotti di consumo sugli scaffali, mentre invece hai solo dei plant autorizzati ad un uso industriale sorvegliato.
Mi sa che ha abbastanza ragione sul fatto che tu ne sappia poco di come si metta su una fabbrica...
In compenso hai un grande privilegio: puoi chiedergli conto se la fabbrica è diventata operativa entro 16 mesi dalla data del messaggio, e se non lo è diventata puoi pretendere una pizza ed una birra con lui... Fortunello!
Ti prego, chiedigli conto di questo su JoNP, ma secondo me ti dirà che non ti deve nessuna pizza e birra perché proprio nei tempi da lui previsti la fabbrica è diventata operativa ed ha prodotto qualcosa, magari te ne mostra le foto.
Non sta scritto da nessuna parte che a quella data avrebbe dovuto produrre milioni di pezzi e che sarebbe stata robotizzata. Separa quello che c'è scritto dalla tua immaginazione...
Sforzati di immaginare che quello che scrive sia tutto vero, so che è un grosso sforzo per te, ma vedrai che arriverai a visioni diverse di tutto il grande scenario.

Silvio Caggia ha detto...

Quando ho letto il commento di Salvini avrei voluto abbracciarlo...
Non ho ancora capito se si è sbagliato lui o io...

Deve essere quella storia dei cerchi e degli ellissi...
https://youtu.be/mVmTY5nz6lg
- Catatonia
- Paranoia
- Schizofrenia

Silvio Caggia ha detto...

Il gap culturale tra i social network e la società aumenta... Non ci resta che chiudere le frontiere tra Facebook ed il mondo reale per impedire ai barbari lì fuori di rovinarci questo mondo fatato dove nessuno ha votato Berlusconi, nessuno è renziano e tutti sono andati a votare il referendum.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio

Io sono andato e ho votato sì. Mia figlia non è andata. La moglie di uno dei miei più cari amici non è andata (lui sì invece), l'altro mio più caro amico e sua moglie, credo non siano andati, almeno coì avevano detto avrebbero fatto quando ne abbiamo parlato, ovvero ieri mattina. Insomma, mi torna quello che poi è uscito fuori.

pegupe@gmail.com ha detto...

@Mario Massa
Non pensare che sia un ingenuo e che non conosca queste argomentazioni, ma tu confondi la volontà con la possibilità; quindi la politica con l’economia. Quando l’America, per ragioni politiche, decise di andare sulla Luna, lo fece (anche se qualcuno sostiene che non ci siano mai andati) e misero al lavoro 500.000 tecnici e scienziati e questo per non parlare del progetto Manhattan. Quindi, se mi permetti, non venirmi a dire che non si può fare per limiti tecnologici; i limiti sono solo e soltanto stabiliti degli interessi di pochi e mi meraviglio che persone molto più competenti di me credano, loro sì, a Babbo Natale.
Ricordo che il grande Marchionne, meno di tre anni fa, disse che l’auto elettrica era una grande sciocchezza, salvo ricredersi, e forse spaventarsi, dopo l’inimmaginabile successo all’annuncio della futura produzione della Tesla Model 3 che nel giro di tre giorni ha un pacchetto di ordini, sulla carta, per oltre 14 miliardi di dollari. Come mai un fatto che ritengo di portata epocale non è nella prima pagina delle testate economiche e motoristiche? Naturalmente la Tesla corre un rischio enorme se nascesse una nuova tecnologia pulita come quella preannunciata da Rossi, ma questo darebbe ancora più torto a Marchionne.
Questa è una società malata perché è capace di spendere milioni di euro per salvare la vita di una sola persona e allo stesso tempo non è capace di spenderne 1000 per salvarne 100.
Per favore smettiamo di credere a Babbo Natale.

Barney ha detto...

@pegupe:
C'e' gente che ci sta provando seriamente, ad avere energia pulita e a costi ridotti. Ma e' una strada lunga, dove i miracoli avvengono solo nei desideri della gente.

pegupe@gmail.com ha detto...

@Barney

“C'è gente che ci sta provando seriamente, ad avere energia pulita e a costi ridotti. Ma e' una strada lunga, dove i miracoli avvengono solo nei desideri della gente”.

I miracoli, come li chiami tu, a volte non arrivano mai, a volte dopo lunghissimo tempo e a volte dopo un piccolo clik. Il modo di oggi, dal punto di vista della tecnologia è un mondo pieno di miracoli se lo confrontiamo a quello di soli 10 anni fa. Certo che, se la gente che ci sta provando seriamente non ha l’appoggio della politica, per questo ho fatto l’esempio della missione lunare, ciò che potrebbe essere realizzato in 5 anni, potrebbe non realizzarsi mai.
Come giustamente dice Massa, occorre fare attenzione ai grandi cambiamenti perché rischiamo di aggiustare una cosa per creare un danno più grave da un’altra parte e porto un recente esempio. Ho letto che in California, dove la Tesla model S è maggiormente diffusa, piuttosto che ottenere una riduzione delle emissioni di CO2, si è verificato un aumento. Questo perché le vetture vengono messe in carico durante la notte e mettono in funzione centrali a carbone che altrimenti rimarrebbero spente. Vera o non vera, questa notizia ha comunque un senso. Altra notizia più importante e certamente vera. In uno stato africano, non ricordo quale, per opera di alcune organizzazioni umanitarie si è riuscito a debellare alcune comuni malattie infantile salvando la vita a moltissimi bambini, peccato che sono aumentati i morti per fame non essendo sufficienti le risorse alimentari di quel paese.
Ho portato questi esempi per dire che la complessità di questo mondo e la velocità dei cambiamenti è tale che se l’innovazione è lasciata all’intelligenza e la buona volontà dei singoli e non è governata da un attento piano politico strategico mondiale rischiamo di produrre più danni che benefici, ma se non partiamo dalla convinzione che non esiste problema che non possa essere risolto, come possiamo sperare in un mondo migliore? Se invece qualcuno è convinto che si tratta di una missione impossibile, perché spreca del tempo per scriverlo? Non sarebbe più utile che mettere tutte le loro energie per la soluzione di problemi che loro stessi ritengono fondamentali?

vincenzo da torino ha detto...

@ Silvio.Nel 2012 Rossi era ancora convinto di poter presto iniziare la costruzione dell'e-cat domestico, visto le prenotazioni che fioccavano. Poi intervenne IH e purtroppo la certezza che l'autorizzazione non sarebbe mai avvenuta.Dovette invertire la rotta sull'e-cat industriale e hot per cui le autorizzazioni erano e sono state più facili. Chiarito il mistero. Quindi Rossi era sincero, ma aveva fatto i conti senza l'oste. Ho l'impressione che HI per molto tempo lo abbia seriamente aiutato in ogni modo, poi, a detta di Rossi, fu di intralcio per i suoi piani, vedendo IH sempre più portato alla dilazione e nel contempo mosse per impossessarsi sa della tecnologia come del brevetto.Infatti per molti mesi Rossi si è sempre rifugiato nella segretezza e mostrava di essere quasi succubo di HI .Già a metà del 2015 e comunque all'ottenimento del brevetto sempre più spesso ricordava che Il brevetto era di Leonardo C. e che esso era indipendente da IH. Perchè? Stava vedendo manovre che non gli piacevano affatto. Scrupolosamente prendeva nota di tutto ed ha aspettato l'esito del Report di Penon. Qui i suoi timori si fecero realtà e scattò la denuncia. Nel frattempo anche Rossi, dovendo provvedere al lancio del prodotto per il 50% ha avuto il tempo per cercare finanziatori forti. Oggi dice che può benissimo da solo e con soci in particolare gli svedesi lanciare il prodotto. La mia paura è che ora con il contenzioso con IH, Rossi abbia più difficoltà ad ottenere altri brevetti, cosa che gli può procurare dei ritardi e rischi. Io ho sempre visto nel comportamento di Rossi una logica corretta che è data dal variare delle situazioni e cambi repentini di programmi. E' normale nella situazione di S&R non ancora finito.

camillo ha detto...

Riporto e condivido quanto detto da Mario Massa:
"..., ma smettiamola di credere a Babbo Natale. Le illusioni sono pericolose; per migliorare le cose e fare le scelte giuste servono persone consapevoli."

In Italia le informazioni tecniche scientifiche sono molto carenti, la maggioranza MANCA del senso della quantità, i giornalisti poi... un disastro.
Potrei fare un sacco di esempi, cominciamo col dire che le 1800 (milleottocento) centrali idroelettriche del Veneto NON fanno neppure l'energia di una centrale termica media.

Poi l'energia termica che ricaviamo dalle piattaforme relativa al referendum, potrebbe "forse" essere ricavabile da 5000 impianti eolici ben funzionanti.

Voi dire... facciamoli! Ci sono un enorme numero di sedicenti ambientalisti che si stanno battendo CONTRO il vento:
http://ambientebio.it/associazioni-ambientaliste-scrivono-al-governo-no-a-nuove-centrali-eoliche/
Sono appena stato in Molise e ho avuto pacifica discussione con ambientalisti contrari a pale eoliche sulla terra.
Intanto guardavo i tetti, privi di pannelli fotovoltaici in larghissima misura.
Ma come io vivo in una zona scadente per il sole ma ho fatto l'impianto sia fotovoltaico che termico. I colleghi che hanno il mio stesso impianto al cento sud vanno a 4000kWh annui contro i mie 2500. Lì investire nel fotovoltaico conviene molto di più. Eppure paradossalmente pochissimi lo fanno, eppure c'era un periodo in cui le banche si offrivano di farlo a loro spese, ora non so.
Se ci fosse il cuore e la volontà di fare da parte dei sedicenti ecologisti si potrebbero mettere milioni di fotovoltaici, e allora sì che la percentuale di energia rinnovabile cambierebbe significativamente.
Le dighe non si possono più costruire, i corsi d'acqua deviarli?... Assurdo
Le pale eoliche deturpano l'ambiente (addirittura c'è chi dice che fanno danni idrogeologici in quanto le fondamenta vanno fatte con cemento o pali fondi fino a 30 metri)
Il foltovoltaico nelle case a molti non piace, rovina la villetta...

Insomma smettiamola di dare tutta la colpa alle industrie, agli altri, ai politici... e noi? Cosa possiamo fare?

Vogliamo la botte piena e la moglie ubriaca?

vincenzo da torino ha detto...

@Camillo. Concordo con Massa e con te. Gli altri o almeno un bel numero vivono...nelle nuvole, senza offesa e la cosa è preoccupante, a mio avviso sopratutto perchè sono elettori...Il vento per alcuni non va bene. In effetti andando in Romania si vede un impianto enorme che mi ha impressionato per la sua bruttezza e rovina l'ambiente. In Veneto mi pare il Brenta è stato assassinato con numerose deviazioni per impianti idroelettrici mandandolo quasi in secca compromettendo le coltivazioni agricole e l'acqua potabile. Gli stessi pannelli solari dati per 25 anni dopo dieci rendono la metà. La loro rimozione avrà dei costi economici di smantellamento elevati e con materiale tossico. L'idea delle costruzioni da potenziare , ora per legge obbligatori sul nuovo,come fotovoltaico è un'idea buona. Però, come al solito, quando c'è da tirare fuori soldini gli stessi che blaterano poi non ci pensano neppure, o almeno pochissimi. Comunque il costo ora di queste energie alternative sono enormi. Tanto chi paga? Spero veramente che presto ci sia l'e-cat e finalmente tutte le polemiche cesseranno.

Mario Massa ha detto...

@pegupe
"Quindi, se mi permetti, non venirmi a dire che non si può fare per limiti tecnologici"

Il fatto che una cosa si possa fare non significa che convenga farla e con "convenga" intendo alla comunità umana. Tu stesso lo confermi in un tuo commento. La Tesla è l'esempio del fatto che nessuno boicotta l'auto elettrica: semplicemente la stragrande maggioranza dei tecnici (quindi delle case costruttrici) ritiene che i tempi non siano maturi. Sarà la Tesla a dare il via? Forse, ma per ora parliamo di un'auto che costerà in america 35.000 dollari, che nessuno ha mai visto e che bisognerà spiegare come fare a caricarla se non verranno prima installate le stazioni di ricarica (le poche S prodotte fino ad ora erano bellissimi giocattoli tecnologici da più di 100.000 euro per figli di papà).

In passato si sono fatti tanti errori per la fretta di adottare una nuova soluzione che sembrava "risolutiva": ricordi le lampade a basso consumo che l'Enel inviava a casa ai suoi clienti e che ora, dopo pochi anni, sono già obsolete perchè sostituite dai led? Se decidessimo ora per una tecnologia nel campo dell'auto elettrica potremmo buttare una quantità immensa di risorse: e se poi invece delle batterie la soluzione ottimale fossero le celle a combustibile (come penso)? Cosa ce ne faremmo delle stazioni di ricarica che nel frattempo avremmo installato ovunque?

Quando una soluzione tecnica è pronta, arriva sul mercato. Anzi, come ho ricordato a volte arriva troppo presto e sarebbe stato meglio aspettare un po'. E non credo proprio che debba essere la politica a decidere come e quando.

Mario Massa ha detto...

@Vincenzo da torino
"Spero veramente che presto ci sia l'e-cat e finalmente tutte le polemiche cesseranno."

Sperare non costa nulla, purchè a seguito di quelle speranze (che chiamerei illusioni basate su dichiarazioni non supportate da dimostrazioni scientifiche) non si facciano scelte sbagliate.

bertoldo ha detto...

http://creativemedia4.rai.it/podcastcdn/raitre/report/5323763.mp4 minuto 8:00 circa c'è un signore che si è inventato fibra di carbonio come riscaldamento e una stufa consuma solo 500watt e li prende tutti dal fotovolltaico.

pegupe@gmail.com ha detto...

@Mario Massa
Evidentemente c’è un deficit di comunicazione, perché siamo d’accordo su molti punti e poi di colpo le strade si allontanano e questo accade sempre quando si discute di qualche cosa senza prima aver stabilito un accordo sui concetti di base. E’ inutile continuare a parlare dei particolari se non affrontiamo e risolviamo i principi dai quali partiamo e quindi devi dirmi se sei d’accordo sul fatto che l’umanità è sul punto di svolta epocale come la storia ci ha più volte insegnato, forse ancora più importante della rivoluzione galileiana e newtoniana. Se invece pensi che non ci troviamo sul crinale di questo cambiamento, allora la nostra discussione poterà solo ad irrigidirci sulle nostre posizioni secondarie.

vincenzo da torino ha detto...

@Mario massa. Ormai è questione di mesi per l'e-cat. Se non funziona bisognerà seriamente prendere in considerazione anche il petrolio di casa con tutte le garanzie possibili ambientali, pena un decadimento irreversibile dell'Italia. La Thacher con il petrolio del Nord salvò la nazione! Ricordiamocelo.

camillo ha detto...

@Vincenzo.
Sono molti anni che "sembra" che l'E-Cat sia dietro l'angolo, Mmmm... Pur essendo io un netto sostenitore che il LENR esiste, A. Rossi non la racconta tutta giusta, è abilissimo a mostrare un volto funzionante e mi sa che usa molti "stratagemmi" (se non peggio).

Quando qualcun altro prova a ripetere, le cose appaiono molto meno ripetibili e meno funzionanti.

Per farti un esempio supponi che nel lungo Test di un anno del 1MW i giorni con rendimento sceso paurosamente, interviene PERSONALMENTE Rossi sostituisce, cambia, prova e il tutto riparte, ma capirai bene che questo non è un sistema industrializzabile, occorrerebbe vendere macchina con annesso Rossi.

Da come la vedo io la ripetibilità è ancora sotto soglia, serve sempre l'intervento umano per apportare nuove e imprevedibili modifiche.

La fusione fredda sta andando per le lunghe molto di più delle logiche aspettative. Questo porta acqua al mulino degli scettici che negano tutto il LENR (Sbagliando su questo)

Quando una soluzione tecnica è pronta, arriva sul mercato.

I pannelli fotovoltaici al silicio cristallino, dopo 20 anni hanno ancora l'80% ( i miei hanno 10 anni riduzione del 10%). Lo smaltimento non è un grosso problema.

Un grosso problema invece è che troppi mugugnano, brontolano, vedono difficoltà a metterli a casa propria, ma sono bravissimi a dire cosa devono fare gli altri.
Alla fine dei nostri giorni, il rammarico non sarà per quello che non potevamo fare perchè fuori portata, ma per le piccole cose che potevamo fare ma non abbiamo voluto fare.

vincenzo da torino ha detto...

@Camillo. Ho i miei fratelli con 5 grossi capannoni con installazione pannelli fotovoltaici. Tutto acquistato con fideiussione bancaria qualche anno fa. Anzi è stata la banca ad avviare la trattativa.Peccato che poi per finire hanno richiesto un deposito di denaro consistente come garanzia. Per ora sono contenti, ma lamentano la necessità di continua manutenzione non facile e pericolosa la sopra. Sono loro che mi dicono del decadimento in dieci anni senza una manutenzione non sempre facile. Non me ne intendo molto e credo a quanto tu dici. Sull'e-cat ho sempre rilevato come S&R sia lunga e difficile per un "coso" che c'e, ma che non è facile far funzionare come capire. Cosa che pure Rossi ha sempre affermato. Tuttavia credo anche che in un anno di prova abbia sufficientemente dato dati sulla sua affidabilità o no. Rossi ora afferma di essere pronto con i suoi clienti pionieri.Sono aziende che al loro interno hanno sempre personale addetto alla manutenzione spesso 24/7.Rossi li addestrerà ed interverrà solo in casi di maggiore urgenza.Inoltre vi sarà pure un sistema di avviso telematico per ogni disfunzione. Senza queste premesse Rossi non si azzarda a vendere nulla. E' parifico. Io sono sempre più fiducioso. Ormai in breve , fine 2016, o c'è un modo affidabile oppure Rossi perderà ogni credibilità, sempre che la causa di uno stop non sia HI, cosa che Rossi per ora esclude. Vediamo. saluti

domenico canino ha detto...

I Russi dimostreranno publicamente un dispositivo LENR con COP 3. Ovviamente gli unbe diranno che è un atruffa. Anche se sono tutti professori di università ed enti di ricerca. Ovvio.

1) Between April 22 and 27,, 2016 at an Exhibition it will take The Demonstration
of the functioning of the device FAKEL-D2 MT showing excess heat (COP to 3)
http://lenr.seplm.ru/novosti/22-i-27-aprelya-2016g-v-vieskh-sostoitsya-demonstratsiya-raboty-ustanovki-fakel-d2mt-s-narabotkoi-izbytochnogo-tepla-k3

Yuri Bazhutov (ERZION Co) announces that at the All-Russian Institute of Electrification of the Agriculture. The Demo will be videotaped by Ya.P. Starukhin
then presented and thoroughly discussed at a Seminar held at the People's Friendship University of Russia on April 28 this year.
At April 27 A.V. Shestopalv will make an other video recording.
Both video recordings will be placed on the Internet at the sites of the authors.

Alessandro Pagnini ha detto...

"...Ovviamente gli unbe diranno che è un atruffa..."

Non c'è peggior credente di un sedicente unbe'


Guarda cosa scrive Barney, che è persona per altri versi apprezzabile, a proposito non di Rossi in particolare ma della FF in generale:

"... siccome non ho molta voglia di scrivere sul nulla pneumatico, allora ripiego sulla fusione CALDA..."

Il "nulla pneumatico". Sarebbe stato perfetto e non avrei trovato nulla di sbagliato, dal mio punto di vista, se avesse usato altri termini, tipo:

"... siccome non ho molta voglia di scrivere su un argomento sul quale da decenni non si riesce ad avere una validazione scientifica degna di questo nome, allora ripiego sulla fusione CALDA..."

Beh....avrei dovuto arrendermi all'evidenza. In effetti per adesso è così. I termini e l'atteggiamento (e Barney non è tra i peggiori, anzi), sono rivelatori di un atteggiamento di assoluta certezza delle proprie posizioni e di altrettanto assoluta denigrazione e NEGAZIONE (nulla pneumatico) di quelle altrui. Gli scettici veri non sono così apodittici. I credenti lo sono sempre, invece!

Silvio Caggia ha detto...

@Domenico Canino
Magari se invece di chiamarlo fakel-d2mt lo traduciamo torcia-d2mt facciamo più bella figura...

Barney ha detto...

@Canino&Pagnini: non ho idea di cosa sia la dimostrazione pubblica russa; non parlo russo e mi fido il giusto delle traduzioni al volo di Google. (Conosco solo "Fakel", perche' e' anche il nome di una grossa azienda spaziale. La parola significa "torcia").

Come succede SEMPRE o quasi, pero', la news e' attinta da un blog di credenti sfegatati, l'istituto russo esiste e fa un po' di tutto a parte la fusione fredda (troverete anche la parola TESLA, nel link :-O), e la dimostrazione verra' fatta "at an Exhibition". Una a caso, tra il 22 e il 27 aprile...

Il presentatore del lavoro NON e' dell'istituto, ed e' noto nell'ambiente fusionista -e a Gluck in particolare- perche' avrebbe scoperto una particella che porta il nome dell'azienda che ha fondato. La quale azienda non ha nemmeno un sito internet, il che potrebbe anche non voler dire nulla, ma diciamo che si accumulano indizi.

A proclami siamo tutti bravissimi, non c'e' dubbio. Ma io dei 14 impianti venduti da Rossi fin dal 2012 (ho controllato, potete farlo anche voi, erano QUATTORDICI!) non ne ho visto UNO che e' uno. E di risultati sperimentali seri nemmeno.

Saro' troppo "choosy", o troppo poco credente, ma per adesso siamo a zero.

Alessandro Pagnini ha detto...

"...Saro' troppo "choosy", o troppo poco credente..."

No, tu sei un VERO CREDENTE. Solo che non vuoi ammetterlo

Alessandro Pagnini ha detto...

Credi nella certa confutazione di ogni indizio o affermazione sulla FF. Senza dubbio alcuno! Senza sospensione di giudizio

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Bravo, fai bene a rifare i conti ogni tanto...
1+13 ai militari
2 per il test di un anno + 3 ordinati al secret customer
Fanno almeno 19.
Ma ce ne sono probabilmente altri in giro visto che Rossi parla di "customer(s)"
Ma stai fresco che ti dice chi sono e dove sono, ce li dobbiamo scovare da soli, e non so nemmeno se sia un bene rompergli le scatole.

Sarà molto più facile avere prove indirette dalle rivelazioni che promette per la settimana prossima "Anonymous", per bocca dell'utente "H." su JoNP... Dal calibro dei fucili dei cacciatori capirai la preda braccata...

Giancarlo Lunardon ha detto...

Ma di Piantelli cosa dite?
http://www.e-catworld.com/2016/04/18/new-piantelli-patent-published/
Dopo tutto sembra che tutto sia iniziato dal suo esperimento nel 1989
Quando rilevò una temperatura anomala scaldando dei gangliosidi glicolipidici su supporto di nichel in atmosfera di idrogeno. Io penso che sostanze derivanti dagli acidi grassi come il glicerolo abbiano a che fare con le trasmutazioni biologiche e penso anche che nel pentolone di rossi un po' di glicerina ci sia. Mi sembra anche che Madre natura usi il fenomeno per il benessere degli esseri viventi più che per gli scopi del complesso industriale-militare.

MISTERO ha detto...

a parte la fusione fredda (troverete anche la parola TESLA, nel link :-O)

Nulla di strano, quando sono atterrato per la prima volta a Borispill (EX aereoporto militare Kiev) ho visto dei radar di terra durante il rullaggio, tutti avevano la scritta TESLA, stessa cosa quando sono atterrato a Kapustin Yar dove non solo ho visto gli stessi radar, ma all'interno della base molte delle apparecchiature con funzioni a me non note avevano la stessa scritta "TESLA".
Tesla è ben noto in europa dell'est e ancora molto studiato, solo in Italia è stato cancellato dalla storia, ma il motivo penso lo conoscono tutti.
Che poi venga citato a sproposito sono d'accordo con te, ciò non toglie la grandezza dell'uomo e delle sue scoperte.

Barney ha detto...

Vorrei ribadire per l'ennesima volta che l'atteggiamento del kattivo scettico scientista NON E' quello di negare a priori, ma quello di chiedere evidenza per ciascuna affermazione che dovrebbe sconvolgere i suoi fondamenti scientifici.
Secondo me questa e' la differenza tra chi crede a priori a tutto quello (o QUASI, Alessandro...) che Rossi-Parkhomov-il russo di turno dice, e colui che a fronte di affermazioni straordinarie chiede PROVE STRAORDINARIE.
Che -e anche qua mi ripeto- non sono un post su un blog, o i Rossi says, visto che per esempio questi ultimi sono -come dire?- volubili e variabili di ora in ora.

Silvio dice che da credito ai 14 impianti venduti, piu' chissa' quanti altri installati in basi militari in giro per il mondo.
Alcuni di questi impianti avrebbero dovuto essere in funzione da almeno il 2014. E' un po' strano che in due anni di funzionamento non ci sia UNA VOCE in giro che ne parla.
La spiegazione del kattivo scettico scientista e' che i 14+x sono l'ennesima balla dello psicopatico Rossi.
Il vero kredente invece cosa dice? Che e' tutto verissimo?

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
"Vorrei ribadire per l'ennesima volta che l'atteggiamento del kattivo scettico scientista NON E' quello di negare a priori, ma quello di chiedere evidenza per ciascuna affermazione che dovrebbe sconvolgere i suoi fondamenti scientifici."
Si chiamano convenzionalisti. Vi adeguate alle convenzioni, dette anche scienza ufficiale, e siete "dispostissimi" a mettere in dubbio le vostre idee, ma SOLO DOPO che sarà convenzionalmente accettata la nuova idea. Fino ad allora la nuova idea deve essere combattuta in tutti i modi.

"E' un po' strano che in due anni di funzionamento non ci sia UNA VOCE in giro che ne parla."
È strano semmai che qualcuno ne stia cominciando a parlare...

Le "cose vere" sono che ci sono sempre più persone che ci dedicano tempo ed alcuni denaro. Alcuni molto tempo ed alcuni molto denaro.
Ci sono addirittura dei temerari che sfidano la giustizia commettendo continuamente il reato di diffamazione. Ed alcuni che lottano tra di loro con mezzi leciti ed alcuni anche non leciti (vediamo che ci racconta H.).
Le "cose vere" sono che ci siamo dentro anche tu ed io in questo quadro.

Il vero scienziato dovrebbe fare epoché.

camillo ha detto...

Le fonti di corridoio (ma credo molto attendibili)raccontano che le 11 vendite NON esistevano, anzi i dati forniti nella prova da 500kW erano fasulli, il sistema era andato in tilt qualche giorno prima e le celle attive erano meno della metà.
Rossi in quell'occasione barò alla grande.
Pertanto la credibilità che ne abbia venduti 3 è VERA SOLO SE LO DIMOSTRA.

E' giusto essere scettici visto i precedenti.

Detto questo, è altrettanto assurdo negare il LENR, a parte le prove personali, conosco in Italia alcuni fisici che hanno attenuto COP tra 2 e 3 a ripetizione.
Piantelli poi ebbe una barra di nichel che produsse calore per mesi e in moltissimo tempo non si forniva neppure energia si operava a 400°

Però Piantelli e Focardi dopo attenta analisi conclusero che il COP ottenibile era da 2 a 2,5 che non serve a nulla. Una pompa di calore può rendere di più (dipende).

Quindi il mio consiglio è di concentrarsi non tanto se funziona o non funziona, per averla vinta sugli scettici, ma:
CHE GRADO DI RIPETIBILITÀ HA?
Qual'è il COP ottenibile stabilmente con controlli automatici?
Qual è la temperatura di lavoro?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney

Direi che Silvio ha già risposto:

"...Si chiamano convenzionalisti. Vi adeguate alle convenzioni, dette anche scienza ufficiale, e siete "dispostissimi" a mettere in dubbio le vostre idee, ma SOLO DOPO che sarà convenzionalmente accettata la nuova idea. Fino ad allora la nuova idea deve essere combattuta in tutti i modi...."

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Camillo

"...i dati forniti nella prova da 500kW erano fasulli, il sistema era andato in tilt qualche giorno prima e le celle attive erano meno della metà...."

Io sapevo di una sola vendita dichiarata (militare) e che il sistema doveva viaggiare ad 1MW, ma per un problema tecnico Rossi chiese ed ottenne di provare a metà potenza (500KW) e alla fine della prova dichiarò di aver capito di aver comunque commesso diversi errori dai quali pensava di aver tratto buon insegnamento. Questo però è noto a tutti e non occorrono 'rumours' particolari.
Daniele credo fosse presente a quella prova.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Camillo

"...Però Piantelli e Focardi dopo attenta analisi conclusero che il COP ottenibile era da 2 a 2,5 che non serve a nulla. Una pompa di calore può rendere di più (dipende)...."

Mah...io dubito piuttosto che avessero problemi di ripetibilità, sempre ammesso cha avessero fatto bene le misure, perchè una pompa di calore in certi ambienti proprio non ce la fai funzionare. E poi potrebbe essere solo questione di ingegnerizzare il prodotto (vedi Rossi, sperando che non prenda per i fondelli), ma se fosse vero si sarebbero a suo tempo già aggiudicati fama imperitura, aprendo un nuovo filone di ricerca. Io temo avessere grosse difficoltà a replicare il fenomeno a piacere, altrimenti un COP 1,5 (reale) sarebbe stato comunque un successone.

domenico canino ha detto...

@silvio
secondo me H si preannuncia ( se hanno davvero qualcosa in mano e non sono buontemponi) come il WIKILEAKS delle LENR. Speriamo di divertirci. John Podestà suo capo campagna ha promesso pubblicamente che se la Clinton vince la presidenza, sapremo tutto su dossier segreti UFO perchè ormai i tempi sono maturi. Qua, Rossi, H, e Podestà promettono e poi quasi nessuno mantiene...

Alessandro Pagnini ha detto...

"... Qua, Rossi, H, e Podestà promettono e poi quasi nessuno mantiene..."

Sottoscrivo! A chiacchiere siam tutti buoni! ;-)

Barney ha detto...

Ma chi sarebbe "H"?

MISTERO ha detto...

John Podestà suo capo campagna ha promesso pubblicamente che se la Clinton vince la presidenza, sapremo tutto su dossier segreti UFO perchè ormai i tempi sono maturi.

Scusa Domenico....ahahahahahahaha!!
Ho perso il conto dei presidenti che hanno promesso questo in campagna elettorale e poi il nulla cosmico.

Ma se poni attenzione la notizia/informazione l'hanno comunque data. ;-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney
"...Ma chi sarebbe "H"? ..."

Forse un mitomane. Guarda qui:

http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=892&cpage=98#comment-1174022

Mauro elia ha detto...

Bene!, basta che H non sia "preparazione"..

domenico canino ha detto...

@mistero
infatti l'ho pure scritto che lo so che non mantiene; ma che cavolo lo annuncia a fare allora? Che senso ha? Perchè dirlo?

Barney ha detto...

Ah, siamo alla testa di cavallo nel letto!
Interessante...

Rossi DICE di essere stato minacciato; questo H minaccia direttamente, dichiara che l'OVRA sa tutto di noi scettici e che la settimana prossima ci sara' lo showdown.

Addirittura si mette a capo della Chiesa dei Monaci! E' il vostro Papa con kalashnikov :-)

Spero vivamente sia un cialtrone da sbarco, altrimenti finisce il divertimento. Ed inizeranno a fioccare querele a destra e a manca.

Lavorando di fantasia, H potrebbe essere sia un emissario del male (I.H.) che cerca di gettare fango sui LENRisti, sia Rossi o un suo compare che vogliono scaldare ancora di piu' l'ambiente e far crescere la spasmodica attesa per il dopodoma(n)i...

Ma in 007 non c'era "M"? :-)

Silvio Caggia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Silvio Caggia ha detto...

@barney
H. parla di "pure scientist", sei preoccupato?

"Spero vivamente sia un cialtrone da sbarco"
Sei veramente preoccupato!

Io spero sia di Anonymous.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney

"...Addirittura si mette a capo della Chiesa dei Monaci! E' il vostro Papa con kalashnikov :-)..."

Insisto che non afferri neppure concetti semplici. Non mi sembri incapace di farlo, ma evidentemente qualche distorsione percettiva c'è. Qui di 'fedeli' a un'idea e alla Chiesa scientista vedo ben altri che non coloro che seguono le LENR con interesse.
Te l'ho già detto, avete un motto stampato in testa:
"Le LENR non esistono. Parola del Signore"

Silvio Caggia ha detto...

@Alessandro Pagnini
"Pagnotta, come te lo devo dire? NIENTE esiste fino a EVIDENZA contraria. E non si chiama fede scettica, ma pensiero scientifico. Puoi documentarti tu stesso se non credi a me (sotto la voce "metodo scientifico")."
Io ho cercato per te Alessandro, alla voce metodo scientifico
https://it.wikipedia.org/wiki/Metodo_scientifico
Ma non trovo le parole di Mahler...
Ha problemi ontologici il nostro amico...
Dai Mahler, vieni qui che parliamo un po' di cosa esiste, dai...

Silvio Caggia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Barney ha detto...

@Silvio: ben vengano i "pure scientists"! Speriamo, sono curioso. E spero anche siano nomi freschi.

Tu speri sia Anonymous? Ma non scherziamo... Anonymous ha cose molto piu' serie d fare, via.

@Pagnini: possiamo continuare fino al 2022, io con le mie affermazioni basate sulla scienza e le prove riproducibili, tu sui Rossi says. Se per te e' la stessa cosa, avanti cosi' fino alla muerte!
Io affermo che -per esistere- una cosa deve essere dimostrata, riproducibile e magari anche spiegabile. Non credo alla magia, a dio e ai miracoli, e ai discorsi di psicopatici che cambiano versione ogni tre giorni. E mi fa incavolare che i veri credenti (ossia il 95% di chi scrive qua) non vedano nemmeno gli evidenti cambi di versione del fuffaro autoconvintosi di essere genio.
Gli fate passare tutto: credete ai 14, no 19, no 33 impianti (senza manco averne mai visto UNO in una location che non sia il capannone di Bologna), alle trasmutazioni, ai gamma termalizzati, al piombo che non fonde a 700 gradi, al nichel che prima era carburante poi e' diventato catalizzatore, al rame ora si, ora no.
C'e' un limite a tutto, credo, no? Oppure alla prossima sparata darete credito anche al materiale alieno che gli e' stato portato di notte dall'Arcangiolo Gabriele?

Vuoi riassumere la mia posizione? Eccola: SE sei in grado di dimostrare che le LENR esistono, allora esistono.
Altrimenti, sono come il mio famoso draghetto in garage.

RAmen, fratello.

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Ben vengano i "pure scientist"? Forse non hai letto cosa ha scritto H.: Che il suo gruppo sa tutto dei cosiddetti "pure scientist", quindi diciamo "ben vadano...".

"Io affermo che -per esistere- una cosa deve essere dimostrata, riproducibile e magari anche spiegabile."
Io penso che le cose esistano o meno di proprio, poi tu le puoi scoprire, riprodurre, spiegare. Ma non ti chiedono il permesso di esistere.
Rifletti un attimo su quale sarebbe la conseguenza se tutti pensassero come te che le cose non dimostrate non esistessero, e che ovviamente nessuno si occupasse di cose che non esistono. La ruota chi l'avrebbe inventata?
Gli alieni?

Tu credi nella transustanziazione?
Immagino di no...
Ma quante volte sei andato sul blog dei Cattolici di Nicea a prenderli per il culo?

Io credo in una cosa vera e certa: nell'esistenza di Barney.
Mi basta e mi avanza come evidenza.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Barney

"..."Io affermo che -per esistere- una cosa deve essere dimostrata, riproducibile e magari anche spiegabile."
Io penso che le cose esistano o meno di proprio, poi tu le puoi scoprire, riprodurre, spiegare. Ma non ti chiedono il permesso di esistere...."

Ancora una volta Silvio mi ha preceduto e credo che se hai un minimo di discernimento ti abbia fornito abbastanza elementi per riflettere e per capire la assurdità della tua affermazione, ma se così non fosse, hai ragione tu, inutile insistere. I credenti come te sono difficili da convincere. Non ho mai trovato semplice discutere con i dogmatici. Meglio lasciar perdere. Salutami il draghetto, però. Ci tengo! :-)

Mario Massa ha detto...

@pegupe
"devi dirmi se sei d’accordo sul fatto che l’umanità è sul punto di svolta epocale"

Se "sul punto" intendiamo entro la metà di questo secolo siamo d'accordo (per quella data il petrolio comincerà davvero a scarseggiare). Se significa pochi anni la ritengo una esagerazione immotivata che può portare a scelte affrettate e quindi probabilmente errate. Ma è chiaro che occorre lavorarci fin da ora se vorrete (io non ci sarò) essere pronti.

Mario Massa ha detto...

@Bertoldo
" c'è un signore che si è inventato fibra di carbonio come riscaldamento"

Una resistenza elettrica vale l'altra. Magari l'idea è buona perchè la scelta di usare la fibra di carbonio è più economica o più furba da applicare di altre tipologie, ma se assorbe 500W eroga 500W come qualunque altra.

MISTERO ha detto...

@Barney
Vuoi riassumere la mia posizione? Eccola: SE sei in grado di dimostrare che le LENR esistono, allora esistono.
Altrimenti, sono come il mio famoso draghetto in garage.


Nessuno vuole convincerti, perché tu vuoi convincere gli altri?
Che pene hai, o che pene ti dai, per quale motivo?
Che cosa ti spinge?

Silvio Caggia ha detto...

@Mistero
"Che cosa ti spinge?"
https://youtu.be/_-dTZ_TFaS0

domenico canino ha detto...

@barney alias G.C.
Qui nessuno vuole convincere te. Si cerca con la lampadina nel buio. Ora io con la lampadina nel buio che mi circonda, mentre tu vivi nella luce del sole, mi sto lambiccando su due cose.
1) Perchè Rossi nel deposito delle causa mette un atto in cui nella concessione a IH e Darden sono ESPLICITAMENTE esclusi impianti militari in Italia. Questo a me dà una informazione importante che nessuno pare aver colto. Abbiamo un plant e cat in Italia in una installazione militare. Non sappiamo dove sia e se funzioni ancora,ma sappiamo che c'è. Mi piacerebbe che qualche insider dell'esercito italiano che ci legge, facesse una rivelazione anonima.
2) Per quanto mi sforzi, non riesco a ricordare una causa in cui il truffatore fa causa al truffato. Anche questa per me è una informazione valida per discernere la faccenda, ma la vedo trascurata.

Alessandro Pagnini ha detto...

Io non so se Rossi abbia quello che dice o se abbia venduto o in progetto di vendere qualcosa ai militari. So che non solo non é escludibile, come a rigore non lo é il draghetto di Barney, ma che in molti ci stanno giocando la loro credibilità e non escluderei anche qualcosa di più e ritengo che dietro al fumo ci sia un qualche arrosto. Non mi piace come Rossi sta cucinando, ma questa é altra faccenda. Se qualcuno ha dei motivi x credere al draghetto di Barney, o al complottone di Rossi, o che tutto quelllo che esiste sia ormai scoperto e compreso, faccia pure, ma non pretenda di convincermi.Potrò lasciare aperta una qualche possibilità, ma faccio le mie personali valutazioni e mi regolo di conseguenza

domenico canino ha detto...

@unbe
grande nevanlinna/robbins
"Incidentalmente, i milionazzi quelli di IH li hanno pagati - invece che difendersi da Quinlan dovrebbero citare in giudizio per danni il loro ingegnere capo, non le sembra? Erroruccio non da poco, il giudizio tecnico sul suo prezioso vapore da 1 Mw - eppure erano tutti lì a Ferrara, ci sono stati quanto hanno voluto e hanno fatto quel che credevano."

domenico canino ha detto...

@unbe
Aggiungo, nel mio piccolo, ma come i tecnici di IH sono stati quanto e come hanno voluto un anno nel plant di JM chemical dove Rossi sperimentava l'impianto da 1MW, fatto da loro non smentito, e non si sono accorti di nulla?
La tesi di Barney, che Rossi si è autoconvinto di avere qualcosa che funziona e truffa inconsapevolmente gli altri, presuppone che gli "altri" siano tutti imbecilli ed incapaci di valutare, orima di cacciare il grano. Invece dopo tanti test hanno cacciato 11,5 milioni di dollari. E ne hanno raccattato sul mercato almeno 50 inglesi ed almeno una bella fetta di milioni cinese. certo che i loro ingegneri sono davvero suggestionabili e manipolabili. Ma si sa, sono ingegneri...

Silvio Caggia ha detto...

@Dlmenico Canino
Gli unbé sostengono la "teoria inflattiva degli idioti", ovvero che da 5 anni, malgrado tutti i loro crescenti sforzi di mettere in guardia l'umanità, un numero crescente di idioti si faccia bidonare da Rossi & Co. di una quantità sempre maggiore di denaro.
In pratica stanno certificando la loro inutilità cronica.

Silvio Caggia ha detto...

@unbé
Matteo 10:28-31

Silvio Caggia ha detto...

@Franco (at Cobraf)
Mi piace quando Nevanlinna veste i panni dell'arbitro Collina, fischia il fuori giuoco, e rimette le squadre in posizione: "STOP: HANNO PAGATO".
Non se ne poteva più di leggere di pompe, fluidi ed adescamenti...
E mi piace la tua proposta di mettere ordine ai ragionamenti circolari.
Io avevo scritto la mia interpretazione dei fatti, non so se l'avevi letta...
Prova a partire da quella.

bertoldo ha detto...

Mario Massa ha detto...
@Bertoldo
" c'è un signore che si è inventato fibra di carbonio come riscaldamento"

Una resistenza elettrica vale l'altra. Magari l'idea è buona perchè la scelta di usare la fibra di carbonio è più economica o più furba da applicare di altre tipologie, ma se assorbe 500W eroga 500W come qualunque altra.
19 aprile 2016 22:55

hai ascoltato il video ? perchè report lo avrebbe intervistato se l'invenzione era cosi banale come la descrivi tu ? sai dirmi dove posso trovare tale fibra di carbonio per ottenere gli stessi risultati di una stufa a 80 gradi con 500watt ?

Silvio Caggia ha detto...

@Franco Morici (at Cobraf)
Il commento è questo
http://22passi.blogspot.com/2016/04/leonardo-corporation-press-release.html?showComment=1460239334612#c6007165444010843515

Silvio Caggia ha detto...

@Bertoldo
@Mario
Quel pezzo di Report a cui vi riferite parla di un tizio che scalda la casa con 4380kWh annui di consumo elettrico tramite effetto joule con resistenze a pavimento e a pannello di fibra di carbonio che equivalgono a 500 watt medi se fossero tenuti accesi h24 estate ed inverno.
Purtroppo anche la Gabbianella deve fare audience e per farla fa dei passaggi veloci ed illusivi...
Mi piacerebbe un giorno vedere la Gabbianella ed il Gatto, chissà che Report verrebbe fuori...

bertoldo ha detto...

i lconsumo è effettivamente alto , ma con il sole recupera buona parte durante il giorno . La cosa migliore di quel sistema è l'inquinamento 0 che ovviamente ha un costo .

Silvio Caggia ha detto...

@Bertoldo
Peccato che il riscaldamento serve proprio quando il sole c'è meno... Sai, è proprio perché c'è meno sole che fa freddo...
Mi è difficile vedere il fotovoltaico come soluzione per il riscaldamento invernale.
Inquinamento zero lì, ma l'energia elettrica da qualche parte la devi produrre, magari inquinando, ed essendo l'efficenza della conversione dalle altre fonti all'energia elettrica bassa, ed avendo quel sistema COP 1, non mi sembra un'ideona...
sarà forse buona l'idea del calore proveniente dal pavimento per trasmetterlo agli umani in modo efficiente e naturale, questo sì, ma non saprei quantificare l'effetto percentuale sul risparmio.

Mi sto interessando al problema perché ho intenzione di prendere una casetta in montagna dove andare a vivere e valutando le varie opzioni.
I consigli più intelligenti finora sono stati di puntare sull'isolamento termico (t/h Mario e Franco).
Il solare mi sto convincendo sia una truffa. È interessante l'idea della pompa di calore acqua/acqua ma non ho capito quanto verrebbe a costare compreso il pozzo termico...
Se qualcuno ha suggerimenti mi scriva pure in privato

Barney ha detto...

@Domenico:

1) Perchè Rossi nel deposito delle causa mette un atto in cui nella concessione a IH e Darden sono ESPLICITAMENTE esclusi impianti militari in Italia? Questo a me dà una informazione importante che nessuno pare aver colto. Abbiamo un plant e cat in Italia in una installazione militare. Non sappiamo dove sia e se funzioni ancora,ma sappiamo che c'è.

Mah, io so per certo che sul contratto c'e' quella clausola. Se poi tu derivi la certezza assoluta che allora c'e' un impianto, funzionante o meno, in una installazione militare sul teritorio italiano, ammiro la tua sicurezza ma io -dovessi scommetterci- scommetterei contro.
Ma sono io quello che ha certezze granitiche, no? :-)


2) Per quanto mi sforzi, non riesco a ricordare una causa in cui il truffatore fa causa al truffato. Anche questa per me è una informazione valida per discernere la faccenda, ma la vedo trascurata.

Non ho tempo per cercare, ma nel mio personalissimo mondo di cartapesta questo e' invece quel che succede sempre quando il truffatore ha abbastanza soldi (e abbastanza tempo) per querelare per diffamazione il truffato.
Qua tra l'altro il quadro e' ancora ambiguissimo: nessuno sa se l'ipotesi "tutti e due sono truffatori CONSAPEVOLI" sia falsa. In questo caso, l'intero processo sarebbe una farsa e tutto si spiegherebbe.
Poi c'e' la versione "capra e cavoli" di Silvio: tutti e due dicono la verita'. In questo caso, non essendo NESSUNO dei due un truffatore, entrambi accuserebbero l'altro di truffa e quindi sia Rossi che IH si sentirebbero assolutamente dalla parte della ragione.

La verita' e' che dal punto di vista "processuale" nessuno (al di fuori degli attori) ha nulla che prova alcunche'.

Dal punto di vista tecnico invece a mio modestissimo giudizio (giudizio che conta circa zero) le prove a favore sono tutte indiziarie e passibili di essere considerate non valide da una giuria qualificata. Un po' come le testimonianze a favore di un imputato "x" da parte dei suoi familiari o amici...
Appena avremo l'arma del delitto o le registrazioni delle telecamere di sorveglianza, magari si potra' approfondire.
Per il momento, siamo esattamente al punto in cui e' il mio amico che giura e spergiura di essere stato con Uma Thurman, non producendo uno straccio di prova, anzi, avendo contro la Thurman stessa che nega recisamente :-P.
Ecco, in quel caso do' piu' retta ad Uma Thurman che al mio amico.

Silvio Caggia ha detto...

@Barney
Non mi sembra che l'accusa di Rossi ad IH sia di truffa, ma di inadempienza contrattuale. E non sappiamo di alcuna accusa da parte di IH verso Rossi.
Rossi non mi sembra voglia gli 89 milioni ma bloccare per due anni la concorrenza IH, annullare l'accordo di licenza, forse un po' di penali per il disturbo.

Mario Massa ha detto...

@Bertoldo
"sai dirmi dove posso trovare tale fibra di carbonio per ottenere gli stessi risultati di una stufa a 80 gradi con 500watt ?"

Qualunque superficie liscia verticale di 0.7 mq a 80°C eroga circa 500W di calore in ambiente a 20°C. O quella stufa ha questa superficie, o non eroga 500W, o non è a 80°C.

Silvio Caggia ha detto...

Chi è H?
Eccolo qui:
Jimmy Hugh (H)
April 20, 2016 at 7:52 AM
Dear Dr Rossi:
This is big.
Read carefully, because gives evidence of the fraud made by IH.
Mr John Dewey Weaver, CEO of the venture capital group ” Deep River Venture”, in Raleigh, North Carolina, is going around the world to inform everybody that the test on the 1 MW plant has been not valid and that your process does not work, and is making this with gusto. But I know him, and I want you to know this: Deep River Venture” has been an empty shell from July 7 2012 to May 6 2015. In this year Mr John D. Weaver, old friend of Tom Darden, has collected money from investors to put it in IH Holdings International Ltd, wherein also Woodford has put 50 millions. All this money had to be collected to buy your IP, that was very hot, with the test on course of the 1 MW Plant, that Tom Darden promoted everywhere as a fantastic test, in conferences he made in US, in China. But that money has taken other directions; in fact, IH International Holdings Limited from the beginning knew that they were not going to pay you, even if, to convince their investors to give them the money, they were saying that the test on the 1 MW plant was stellar ( see the report of the conferences and interviews made in the USA,China, Italy by Darden ). For this reason, they started to buy patents and IP around the world, paying them few hundreds thousand dollars, plus MILLIONS in shares that are worth nothing, because all that IP they bought around the world is made by things that never worked, revoked or rejected patents or patents on things of small value, among which a printer; I should be nery curious to know how the “fair value” of such shares has been certified…
It is clear that guys like John D. Weaver are just puppets of Darden, used to collect money and make it disappear: the “Deep River Venture” of Raleigh, NC, is a company that has a turn over of 88 000 $: which weight can it have in a concern that Woodford structured with 50 million $ ??? So, why he is spending so much time to travel around all the world to slander you ?
We are sending you evidence of what I wrote here.
The next gift will be the presentation of the real nature of the “PhD” : I tell you: it will be fun!
Cheers
H

Andrea Rossi
April 20, 2016 at 9:03 AM
Jimmy Hugh (H):
No Comment.
A.R.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio

Non so quali progressi siano stati fatti dal 2007, ma in quel periodo degli amici ingegneri con cui lavoravo ad un progetto in ambito ferroviario, ma che seguivano anche il settore fotovoltaico (meccanismi per l'inseguimento del sole) mi spergiuravano che la miglior spesa da fare era nell'isolamento e di lasciar perdere il fotovoltaico. Per il solare termico, non saprei dire.
Io ho molta simpatia per il solare e penso che potrà essere una bella risorsa, ma forse è ancora tecnicamente non maturissimo e magari il gioco non vale la candela se si soppesano tutti i pro e i contro, almeno per il fotovoltaico (costo, decadimento prestazioni, manutenzione batterie e inverter, smaltimento, ecc...).
Mistero credo ne sappia qualcosa di più.

vincenzo da torino ha detto...

@Silvio. Sembra allora che Rossi abbia preso un bella fregatura con le persone sbagliate. Qualche soldino comunque l'ha preso ora.Non riesco ancora a capire la strategia di IH e che piano aveva quando ha tamponato Rossi fino a farlo cedere, come diceva il forse fantomatico colonnello. Ora dobbiamo aspetta giugno. Può essere che prima del 12 giugno Rossi possa far funzionare l'ecatXQ energia elettrica in un impianto. Sarebbe una mazzata per HI e la sua politica di chiacchiere.Inoltre per il tribunale sarebbe più facile risolvere il contenzioso, almeno per quanto conosciamo della faccenda

domenico canino ha detto...

Su Rossi arrivano anche le grandi testate americane; per me è un buon segno, non si potrà insabbiare in eterno, chiunque abbia ragione.
http://www.popularmechanics.com/science/energy/a20454/in-cold-fusion-20-whos-scamming-whom/

Mauro elia ha detto...

Riguardo ERV: un cop > 50 (in alcuni periodi) è una roba enorme, il certificatore avrà controllato e ricontrollato bene tutto prima di mettere nero su bianco una cosa del genere... salvo non sia pazzo o aveva una pistola puntata alla tempia l'ecat funziona, Rossi vincerà la causa se non ci sono clausole contrattuali che prevedano che la somma (89 m) non fosse dovuta qualora il "dispositivo" non è commercializzabile (ammesso che non lo sia)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mauro
"...Rossi vincerà la causa..."

Mah...le truppe messe in campo da IH appaiono decisamente agguerrite e assai temibili. Il fatto che lo ERV sia solo un professionista, per giunta italiano, e non un prestigioso ente a stelle e strisce e che il loro (di IH) uomo di sorveglianza fosse Fabiani (un altro italiano, vicino a Rossi) è già negativamente sbandierato ai 4 venti dai believer della grande truffa nostrani, figurati se non lo faranno IH e i suoi legali. Anzi, sembra che certe persone siano state messe lì apposta. A mio modestissimo e opinabile avviso, se avessero sospettato veramente che l'E-CAT non funzionava, probabilmente si sarebbero premuniti mettendo personale severissimo, occhiutissimo e incontestabile, invece, probabilmente piuttosto rassegnati a dover assistere al trionfo tecnico di Rossi, si sono mossi in modo da poterlo contestare il più facilmente possibile. Probabilmente Rossi sarà stato anche felice di vedere tranquillamente accettati certi nomi a lui congeniali. Ora potrebbe pagare cara quella ingenuità.
Temo non sia così scontato che Rossi vinca e comunque ci potrebbero essere ritardi e pastoie legali. Anche fuori dai territori di assegnazione di IH, se, come si rumoreggia, stanno maneggiando coi brevetti per registrarne alcuni a nome loro anche oltre i confini del loro mandato con Rossi.
Insomma, potrebbero non solo non pagare Rossi, ma anche bloccarne l'attività in toto.
Se ciò avvenisse, sarebbe ancor più chiaro che di trippa per gatti ce n'è e di quella buona anche, ma che noi non la vedremo per un bel pezzo.
Io spero che Rossi abbandoni il sogno di realizzare una super azienda e di diventare il Bill Gates della FF e sveli pubblicamente tutto, ma proprio tutto, quello che sa sulla FF.
E direi che il suo atteggiamento sulla questione mi sta facendo abbastanza inca**are, perchè oltre un certo limite, se continui a sbattere la testa nel muro, devi anche accettare che è meglio cambiare percorso, soprattutto se quello che sostieni di avere in mano è un dono enorme per l'umanità. C'è un limite anche a quanto sono accettabili le proprie ambizioni. Legalmente Rossi potrà essere anche a posto, ma moralmente sta iniziando a passare il segno. Spero se ne renda conto e provveda. Se poi riuscisse in tempi brevi a sbloccare tutto, avrà anche il mio applauso, ma che non ci faccia aspettare ancora anni, perbacco!

Mauro elia ha detto...

@ Ale
Mettiamo i piedi per terra, se IH non voleva sborsare 89 milioni doveva fare uscire fuori un ERV negativo (in ogni caso) a maggior ragione se e cat non funziona, e se funziona si fa pressione sulle persone (di modi purtroppo ce ne sono tanti per tale scopo) affinchè uscisse comunque negativo

Mauro elia ha detto...

In questo caso la persona (certificatore) è una sola e quindi è più facile "condizionarla"

vincenzo da torino ha detto...

@Alessandro. Certo,Rossi ora deve uscire in fretta con il suo prodotto sul mercato o almeno allestire un capannone con visite guidate e selezionate con i due e-cat funzionanti.In tal moso dimostrerà che non è vero che non funzionano, senza assolutamente disperdere pubblicamente l'IP, che da vero industriale vuole sfruttate. Quello su cui gli avvocati di IH punteranno sarà il contratto, dove forse ci possono essere delle discrepanze interpretative e buchi, oltre a contestare forse una ritrosia di Rossi nel far partecipe IH di tutto il lavoro di R&S. Qui buoni avvocati possono anche essere pericolosi. Non credo però che riusciranno a bloccare Rossi per la parte del globo su cui ha l'esclusiva.Come credo sia impossibile che possano avere un brevetto troppo simile a quello di Rossi.Rimane il mistero del comportamento di IH che a me pare irrazionale e non nella logica industriale. Hanno un tesoro che hanno inseguito da tempo ed ora lo bloccano? Sicuramante hanno degli obiettivi poco chiari oppure troppo arditi con tentativo di fagocitare Rossi. Credo che hanno trovato un vecchio marpione abituato alla lotta, insomma pane per i loro denti. Un vero peccato.Pensare che non funzioni per IH è darsi la zappa sui piedi e rovinarsi la reputazione. Può essere che, mentre fanno il giro per dire che non funziona, contemporaneamente diranno che loro hanno il segreto per farlo funzionare con il loro super-genio tanto per tranquillizzare gli investitori. Vediamo.

Mauro elia ha detto...

Ps non è che voglio.. "fare il mafioso", ma se avete una minima idea di come funzionino le cose dove ci sono dei forti interessi i "condizionamenti" ci sono eccome.. anzichè pagare fior fiore di avvocati, ti metti d'accordo col certificatore per un test negativo "a prescindere"

Mauro elia ha detto...

...rischiando tra l'altro di perdere la causa

vincenzo da torino ha detto...

Mauro.Come ho detto il comportamento di HI è incomprensibile. Non può dire che non funziona così laconicamente, poichè ha potuto sorvegliare ogni mossa di Rossi con i suoi uomini direttamente e con libertà massima ed era così convinta del funzionamento che è riuscita a convincere tanti investitoi. Agli stessi ora cosa dice? Mi sono sbagliato? Lo...impiccano immediatamente! Ha sicuramente una sua strategia per riassicurare gli investitori e per fare le scarpe a Rossi. Non vedo altra soluzione. Può essere che IH abbia ora dei problemi economici e tenta di tergiversare. E' più logico che IH abbia da tempo chiesto consulenze per il suo piano tattico Esempio, da come si comporta,considerare che l'IP , in base alla loro interpretazione del contratto sia di loro proprietà esclusiva e che Rossi sia solo lo chef tecnico di essi. Sappiamo che IH è una potenza e gioca in casa. Rossi sembra non intimidito, anzi più deciso e sicuro che mai. Un bel casotto.

Mauro elia ha detto...

@ Vincenzo
*Può essere che IH abbia ora dei problemi economici e tenta di tergiversare"

Ok, allora: HI non ha la liquidità da dare a Rossi, sperava di ottenerla (nuovi finanziamenti) ottenuti con un risultato positivo del test ERV (non ha fatto nulla per contrastarlo) e poi una volta ottenuto il malloppo avrebbe saldato Rossi... il quale li ha presi in contropiede andando subito per vie legali

Alessandro Pagnini ha detto...

Sarò pessimista, ma se Rossi pensa di vincere facile ha perso il lume della ragione. In tribunale non si sa mai, figuriamoci poi se il 90% della comunità tecnico/scientifica non crede ad una parola di quello che dici, se sei stato in galera in seguito a oscure vicende in cui si sospettava una frode e per giunta stai fronteggiando un big della finanza assistito dal più grande studio legale degli USA.
E ancora insiste a pensare di cambiare le carte in tavola andando in produzione con le proprie forze....
Testa dura, come tanti inventori che si sono rovinati con le loro stesse mani. E sì che la tecnologia che dice di possedere sarebbe talmente dirompente da assicurargli comunque fama e prosperità, se si decidesse a renderla pubblica.
Quanto impiegheranno i suoi detrattori in IH, facendo leva su tutto quello che possono, a far rifiorire l'immagine di 'truffatore seriale' a cui Rossi è stato per molto tempo associato? Di dubbi e contestazioni irrisolti ha seminato il proprio cammino e ha quindi un fardello pesante da portare di fronte a un giudice. E anche di fronte a chi lo segue come noi, perchè se stavolta si fa ancora bloccare per mesi o anni, non sarà facile mantenere aperta la porta della fiducia, o nell'invenzione, che potrebbe magari essere ancora assai immatura, o/e nell'inventore che potrebbe essere assolutamente inadatto a gestire quello che si ritrova per le mani.
E' il momento in cui deve mettere le carte in tavola. Almeno l'apertura, come a Poker, deve mostrarla, se poi il COP sarà 2 invece di 50, sarà comunque una enormità scientifica.

vincenzo da torino ha detto...

@Alessandro.Non conoscendo bene tutta la faccenda, come contratto, sua interpretazione, rapporto Rossi IH. è difficile fare ipotesi valide. Stavolta credo a Rossi che dice che sta andando a breve sul mercato, se non lo fermano prima. Di fronte ai fatti il "non funziona" non c'è nessun genio di avvocato che possa vincere una causa e nessun pregiudizio negativo sui fatti antecedenti che tengano. La lotta sarà sul contratto stipulato tre le parti e lì un buon avvocato potrebbe ottenere qualcosa in danno di Rossi. Rossi ha dalla sua dei soci e finanziatori che si fidano di lui e con questi apre il suo mercato. Costoro se ne infischiano delle chiacchiere se hanno il prodotto. E' la sua forza e ancora di salvezza.Inoltre Rossi di pratiche legali se ne intende e a quanto pare se l'è cavata bene non avendo subito condanne che non siano amministrative. Rossi è caparbio, ha fatto e continua forse a fare errori, ma è tosto a sufficienza. Ultimamente dimostra forza, sicurezza e tranquillità.Secondo me IH, se non ha altri motivi forti, ha sottovalutato Rossi.Stiamo a vedere.

Alessandro Pagnini ha detto...

"...Rossi ha dalla sua dei soci e finanziatori che si fidano di lui..."

L'ultimo conosciuto era un certo Tom Darden! Mah....speriamo bene....

domenico canino ha detto...

@Alessandro
Lo so che Andrea Rossi è un testone. Ma devi metterti nei suoi panni. Questa è una rivincita morale e di riabilitazione pubblica, oltre che economica. Gli anni passati in galera per Petroldragon, lo hanno segnato. Forse ha sbagliato tattica o forse no. Il punto è quando questa tecnologia sarà per tutti? Se lui si ostina a non metterla sul mercato. ossessionato dal reverse engeneering, potrebbe abortire prima di nascere. Io al suo posto, farei la causa e se vinco, faccio accordi e continuo come prima, gli è già successo dopo Defkalion. Ma se perde la causa, (guardate che Darden ha preso il più grande e costoso studio legale del mondo) dopo non gli rimane che sputare il rospo, rendere Open Source tutto quello che sa, e se non può diventare ricchissimo lui, almeno si prenda la rivincita morale ed il Nobel. Senza contare le conferenze a 200.000 dollari a botta. Sempre meglio che andare in carcere o venire uccisi. (sempre partendo dal presupposto che il gatto funzioni).

vincenzo da torino ha detto...

@Domenico. Concordo sulla prima parte. Rossi deve ed ha promesso l'uscita del prodotto entro 2016. La causa forse potrebbe prolungarsi nel tempo, l'importante è che non blocchi Rossi Dipende dagli interesse di IH. Sarebbe interessante che tu o altri chiediate a Rossi se, visti i rapporti interrotti, IH ha la tecnologia dell'e-catXQ per energia elettrica. Secondo me qualcuno l'ha chiesto e Rossi lo ha bannato dicendo che è materia di tribunale. Certo, se Rossi si è tenuta questa parte IH sarà ben incazzata. Visti i tempi potrebbe essere vero e si spiega come IH abbia detto che Rossi non ha passato tutto.

Mauro elia ha detto...

@ Alessandro
"Sarò pessimista, ma se Rossi pensa di vincere facile ha perso il lume della ragione. In tribunale non si sa mai, figuriamoci poi se il 90% della comunità tecnico/scientifica non crede ad una parola di quello che dici, se sei stato in galera in seguito a oscure vicende in cui si sospettava una frode e per giunta stai fronteggiando un big della finanza assistito dal più grande studio legale degli USA."

Secondo me Rossi prima di fare causa si è appoggiato a qualche avvocato di fiducia chiedendo se (in base al contratto sottoscritto) c'era la sicurezza della vittoria... non come un kamikaze... una volta avuto semaforo verde dai suoi legali è andato a "denunciare"... il fatto che Rossi ha avuto dei problemi con la giustizia e che non ha la credibilità della scienza ufficiale è un fatto risaputo a tutti e anche da IH prima di sottoscrivere l'accordo.... a Darden non rimane altro che dichiararsi incapace di intendere e di volere al momento della stipula...

gio ha detto...

Andrea Rossi
April 20, 2016 at 8:56 PM
Steven Ransom:
I am confused: IH says my plant is worth nothing…but: to fight against something that is worth nothing, do you need the most powerful Law Firm of the world ? That’s like to shoot an atomic bomb to hunt a rabbit !
Warm Regards,
A.R.
P.S.
Your comment is the number 30 000 !
Thank you


Alexvs
April 21, 2016 at 1:04 AM
Mr Rossi:
The reason why IH is shooting an atomic bomb is that 89,000,000 $ are not a rabbit.
Alexvs


Andrea Rossi
April 21, 2016 at 7:31 AM

Alexvs:
Even if a rabbit costs 89 000 000, you still do not use an atomic bomb to shoot at it: besides, the “hunters” we are talking of are used to expensive animals. They deal daily with them, it’s the core of their business: they sold a dog of 150 million dollars in change of 15 cats esteemed 10 million dollars each, after an accurate fair value auditing. So, it’s odd that they are so impressed of a rabbit priced 89 millions, to the point to use an atomic bomb !
Warm Regards,
A.R.
P.S.
I lost your original comment in the spam, where the robot sent it wrongly, when I tried to recover it : I reproduced exactly, I think, what you wanted to say rewriting myself your comment. It is not precisely equal, but my editing surely represents what you wanted to say.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Domenico

La causa tra appelli rinvii e ricorsi potrebbe andare avanti a lungo.
Qualcuno paventa una guerra di brevetti che blocchi le vendite di Rossi, anche in Europa.


@ Vincenzo
"...Certo, se Rossi si è tenuta questa parte IH sarà ben incazzata. Visti i tempi potrebbe essere vero e si spiega come IH abbia detto che Rossi non ha passato tutto..."

E la cosa non è da escludere, come non è da escludere che abbia dato a IH solo le briciole. Teniamo conto che i reattori prodotti da IH hanno evidenziato COP molto basso (e tenuto conto di alcuni rilievi di Mario, forse ancora più basso del dichiarato), anche se pare abbiano dato luogo a trasmutazioni che ne certificherebbero il funzionamento su base 'nucleare' e inoltre non sono stati fatti funzionare in autosostentamento (erano capaci di farlo?). Il brevetto presentato e approvato da Rossi, ha portato a repliche assai sporadiche e non ripetitive, quindi è verosimile che i segreti più importanti Rossi se li sia tenuti per sè e abbia brevettato solo ciò che è necessario per fare un E-CAT, ma non ciò che è sufficiente per fare un E-CAT stabilmente funzionante e commerciabile. Magari sono modi e tempi della stimolazione elettrica, un algoritmo di attivazione che non è stato divulgato. Oppure è un ulteriore additivo. Oppure ha preso tutti per i fondelli, ma occorre davvero coinvolgere una nutritissima schiera di personaggi nella truffa. A mio avviso, se non troppi, perlomeno 'quasi' troppi.
Comunque non escludo che Rossi non abbia condiviso tutto ciò che doveva, magari subodorando la mala parata del comportamento ambiguo di Darden. Oppure Darden era partito con le migliori intenzioni, ma poi, accortosi che Rossi non gli dava quello che si aspettava di ricevere, ha cominciato a corteggiare altri e questo del resto lo ha fatto pure in maniera plateale e niente affatto nascosta, quando è venuto a Padova. In quella occasione cercava qualcuno che potesse andare oltre i risultati di Rossi e lo disse pubblicamente. Segno che i risultati di Rossi non lo soddisfacevano già allora. In effetti Darden sostiene che IH non è riuscita a dare sostanza alle dichiarazioni di Rossi. Potrebbe essere vero, perchè forse a loro ha dato solo quel poco che serve a far funzionare un E-CAT a pedate con COP magari intorno al 2 e questo di certo non è quello che Darden si aspettava e quello che Rossi dichiara e forse dimostra di poter ottenere. Insomma, non escluderei che Darden avesse dei motivi per lamentarsi. Rossi ha fatto fuori Defkalion, Prometeon e altri vari licenziatari, sempre riprendendo il giocattolo in mano propria. Non vorrei avesse tentato di ripetere il giochetto.

Pasquale De Santis ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
vincenzo da torino ha detto...

@Alessandro.Quanto dici dimostra l'estrema prudenza di Rossi per non essere gabbato. Defkalion non ha pagato la prima rata e alla seconda li ha mollati senza dare nulla dei suoi segreti.Fatto bene no?La storia di Prometeon è un diversa. Qui Rossi ha tappato chiedendo ordini, trovati, ma mai operativi Nel contempo è entrata IH. Qui occorre capire quanto sia vera l'affermazione di Rossi che accusa IH di tergiversare sempre più tanto da impedirgli di produrre gli e-cat secondo gli ordini di Prometeon ed altri. Prometeon si è stufato e ha virato da altri chiedendo risargento per gli ordini perduti. Non so come sia andato a finire. Strano che anche con IH sia stato sempre la questione economica quella che ha bloccato tutto fino al tribunale.Rossi ha trovato la location, IH ha costruito l'ecat su indicazioni torali e complete di Rossi. Assieme hanno seguito il funzionamento. I soldi erano legati alla riuscita della prova. Cosa lamenta IH non si è capito in fondo. Rossi, sempre all'erta,ha potuto decifrare le grandi manovre all'interno di IH e credo che si sia ben premunito e preparato alla lotta, aspettando la data fatidica del pagamento.Rossi ha passato tutto a IH? Credo che alla fine qualcosa ha tenuto per se fino al pagamento, nonostante l'obbligo per contratto. Non credo neppure che IH non sia in grado di replicare l'ecat quando lo hanno costruito loro compresa la polverina. Farebbero la figura dei ciarlatani. Vi è qualcosa di grosso che sfugge

Antonio ha detto...

@vincenzo: "Vi è qualcosa di grosso che sfugge"
per esempio che il coso non funziona e tutti lo sanno benissimo, forse compreso Rossi?

Paul ha detto...

@Vincenzo: se il "coso" non funziona, che motivo avrebbe avuto Darden per incaricare il più GROSSO studio legale degli USA?
Paura di Rossi?

vincenzo da torino ha detto...

@Antonio.Sei troppo spiritoso!

vincenzo da torino ha detto...

@Paul. C'è gente che può! In ballo non ci son bruscolini, mi pare.

Daniele Passerini ha detto...

@Pasquale
Giusto, che fine ha fatto la replica positiva del MFMP segnalata il 24 febbraio?
Come mai non ne sento più parlare?

F.C. ha detto...

"se il "coso" non funziona, che motivo avrebbe avuto Darden per incaricare il più GROSSO studio legale degli USA? Paura di Rossi?"

È una argomentazione che sto leggendo ovunque, e l'ha fatta sua anche Rossi, ma secondo me non sta in piedi.
Uno come Darnen si serve di studi legali di quel tipo anche per le multe. È come l'avvocato di famiglia, se hai quello che fai, ti rivolgi ad un altro quando hai un qualunque problema? Al massimo lo studio manderà l'ultimo arrivato se crede di non avere nulla da temere.
E poi, anche se hai ragione e devi difenderti da accuse assurde, se c'è in ballo un patrimonio e la reputazione, non penso rischi di prendere un azzeccagarbugli qualunque quando puoi aver il meglio.

Barney ha detto...

@D22: giusto.
Ma dovremmo chiederci anche: che fine ha fatto la replica di Parkhomov? E quella di Songsheng Jiang? E Celani? E me365?

Dovrebbe esserci pieno il mondo di replicanti, e -di conseguenza- pieno il mondo di gamma termalizzati da qualche parte, eccessi di calore, COP >50, e vivaddio anche di IMPIANTI funzionanti. Non dico dal 2012, ma insomma... E' un po' che si replica, no?

I simpatici ragazzi (davvero, molto bravi) del MFMP l'altro giorno hanno trovato addirittura DUE gamma.

Boh, le certezze latitano. Quando dovrebbe iniziare il processo? Almeno ci si diverte con quello...

vincenzo da torino ha detto...

@F.C. Credo che Darden si è infilato in un bel casotto e ha bisogno della massima protezione. Non va dimenticato che è Rossi che lo vuole in tribunale con accuse pesanti, non viceversa. L'idea da propagandare che Rossi per i precedenti sia un imbroglione non tiene, perchè basta informarsi bene. Se mi metto nei panni dei suoi finanziatori cosa posso pensare? Che Darden per prima cosa è un citrullo, ha una schiera di tecnici di primordine, credo, e non si accorge dell'eventuale imbroglio di Rossi? Si mette a vendere un coso di cui non è sicuro, allora è lui il primo imbroglione, o no? Nell'alta finanza o anche bassa ora chi sta male veramente è Darden non Rossi. Chi di voi oggi darebbe una lira a Darden?

Mario Massa ha detto...

Renzi ieri ha affermato che le rinnovabili in Italia coprono il 39% del fabbisogno nazionale e dice dobbiamo mirare al 50% che, secondo lui appare vicino. Forse di simentica di dire che il grosso viene dall'idroelettrico e dal geotermico che producono giorno e notte e che non si possono aumentare (anzi l'idroelettrico è in flessione) per cui eolico e solare in tutto non arrivano al 15%. Occorrerebbe praticamente raddoppiarli ma come si sa hanno fornitura intermittente e incerta, per cui un loro forte aumento non solo economicamente ma anche tecnicamente è un problema (altrimenti perchè Rubbia a suo tempo aveva proposto il progetto Archimede?).

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario

Già, a me sembrava una buona idea quella di Rubbia. Sai per caso quali sono i punti deboli per cui poi non è stata adottata?

sono solo un misero test ha detto...

alcune considerazioni sulla vicenda AR/IH, che mi pare non siano ancora state espresse

- 11, 50, 89, 100 milioni di dollari per una questione di questa importanza sono spiccioli. se pensiamo che i soldi in ballo siano questi, allora smetto di essere un bè (1) e divento un convinto sostenitore della bufala. per noi che andiamo in vacanza a Pinarella o a Silvi Marina (col dovuto rispetto) questi possono sembrare soldi, ma l'ordine di grandezza su cui si muove questa cosa è completamente diverso, almeno di un fattore 4 (almeno!)

- tutto sommato, i personaggi finanziari che sono emersi attorno a questa storia (i greco/ciprioti di Defkalion GT, IH, ...) sono personaggi minori, che muovono appunto le centinaia di milioni. Abbiamo idea di cosa muove un fondo sovrano?

- il fatto che personaggi "maggiori" dal punto di vista finanziario non siano "emersi" non vuole assolutamente dire che non siano coinvolti. se la storia è vera, lo sono sicuramente, convolti

in questo quadro, i due spunti arrivati da gio (si vendono tutti i diritti, tranne eventuali usi militari italiani; si legge: quelli non posso darveli perchè li ho già venduti, ma non preoccupatevi che è gente che sa stare al proprio posto) e da domenico (dall'interno di ENEA: russia e venezuela in ritardo nel riposizionamento), possono darci una lettura d'insieme plausibile

le finanziarie troppo piccole si sono infilate in un gioco troppo grande e a un certo punto sono state fermate (con minaccia di rovina e/o con promessa di risarcimento: che volete che siano per la russia 89 milioni??? ne abbiamo buttati 300 noi italiani solo per fare il referendum!). In alternativa, potrebbe anche darsi che fin dall'inizio siano state usate, soprattutto IH, come cavallo di troia per "gestire" Rossi senza esporsi troppo

i miei due centesimi.

ps1:
prevengo gli unbè. so perfettamente che occam dice che la spiegazione più semplice del coinvolgimento di entità così piccole è data dalla miseria della vicenda, una specie di televendita di pentole a ore notturne. ma nel momento in cui nel quadro inserisci tutti i riscontri che le LENR, e Rossi in particolare, hanno avuto, allora occorre trovare un'altra spiegazione. come minimo del fatto che viaggiano decine di milioni, in questo caso più che sufficienti, intorno a una truffa e i giornali NON NE VOGLIONO parlare

nota 1:
sono un bè nel senso che sono uno dei tanti che non smette di guardare con grande attenzione la vicenda, nonostante più che altrettanti cerchino di sviarne l'attenzione sul calcio, la politica italiana, sanremo, albano e romina, e farmi apparire ridicolo perchè non mi occupo di questi ultimi argomenti anzichè di resistenza. quanto fu profetico questo post di loris ferrari di inizio 2011...

Silvio Caggia ha detto...

@sonosolounmiserotest
Un unico appunto:
"i giornali NON NE VOGLIONO parlare"
Non ne possono parlare.
Sì era capito benissimo a cominciare da Peter Svensson di Associated Press.

gabriele ha detto...

Salve a tutti,
scusate una domanda.
Giusto per capire se stiamo confondendo i + con -, e i - con i +.

Abbiamo tre entità reali e concrete che parlano di qualcosa di reale e concreto, ma visto che a me piacciono le letterine, così belle nella loro archetipicità (che non significa pressoché nulla, antani, ma vabbe') le chiamerà A, B, C e X.

Se A dice a B "ti cedo X che potrai adoperare con chiunque ma non con C",
significa che C ha chiesto ad A di adoperare X?

Giusto per sapere.

In ogni caso se qualcuno è interessato, non escludo di avere sul mio Pc un software di AI che vale circa una miliardata di Euro (non dollari, euro, ci tengo), lo vendo per cento milioni di Euro a chiunque che potrà adoperarlo dove vuole, MA, mi raccomando, non potrà rivenderlo a Google, IBM e Microsoft. Adesso che ci penso neanche a Facebook.

Ciao e tutti e alla prossima,

gabriele

vincenzo da torino ha detto...

@Non solo un mistero. Potrebbero anche essere pochi, ma se vi aggiunge il 5%, mi pare, sul fatturato o guadagno non sono pochi. Inoltre occorre sapere quanto apporto IH avrebbe dovuto dare sul R&S , costoso e lungo. Per iniziare un'attività così impegnativa occorrono non pochi capitali considerando sopratutto una espansione rapida, se funziona a dovere, con le varie possibili applicazioni. Occorrono nel tempo capitali quanto una grossa azienda automobilistica, credo.Non facile. Il vantaggio è che l'espansione è comunque graduale inizialmente per prudenza.Quando ormai ogni remota sarà liquidata ,trattandosi di attività molto rimunerativa e lunga nel tempo, trovare capitali sul mercato è facilissimo. Sono gli inizi che sono duri. Rossi spesso dice che sarà copiato in tempi non molto lunghi e vuole partire con una produzione di massa già bel collaudata per vincere sulla concorrenza.
Sulla prova pubblica è chiaro da sempre che a Rossi non interessa

sono solo un misero test ha detto...

@gabriele

excusatio non petita

sul contratto quello c'è scritto. se c'è scritto, qualche motivo ci sarà. ognuno si faccia l'idea che vuole.

Silvio Caggia ha detto...

@sonosolounmiserotest
Magari è solo un dispettuccio alle Forze Armate italiane...

domenico canino ha detto...

@sonosolounmiserotest
A me piace la tua analisi; sopratutto come è possibile che i media mainstream non parlino di questa causa. Se è così chiaro che è una truffa, è una occasione ghiotta per screditare per sempre Rossi. Ma non lo fanno, mi chiedo perchè...

gabriele ha detto...

Un classico della storia dell'umanità.
E come i vari classici, più aumentano le *stesse* informazioni, più le posizioni accentuano la loro divergenza.
A mente così, come se fossimo di fronte a una bella pastasciutta (o a una pizza tonno e cipolle, goduta doppiamente perché gratis, anzi di più, triplamente, perché *guadagnata* con l'ingegno), di "pancia" insomma, mi vengono in mente altri casi eclatanti, tipo il Comunismo (quello vero, non quello che si legge sui libri, intendo il Comunismo Sovietico e Cinese), il caso Giuliani, le torri gemelle, l'atterraggio sulla luna, cose così insomma.

Stesso film, emozioni divergente negli spettatori.

In questo Rossi, come regista, è un gigante; a me, da "sono solo un soddisfatto spettatore", l'augurio è che la storia continui con questo livello di divergenza ancora per un po' e che si concluda con finale aperto (il "non facciamo prigionieri" non mi è mai piaciuto).

Ciao!

gabriele

domenico canino ha detto...

@gabriele
Non mi do risposte, mi faccio domande. La domanda che mi faccio è perchè questa clausola è stata inserita nel contratto. Ti ricordo che in base a tale contratto Rossi ha lucrato 11,5 milioni di dollari. Non è proprio un documento senza valore. Se da quello che scrivi dipendessero 100 milioni di dollari, tu ci scriveresti una clausola eslcusiva, se non fosse strettamente necessaria?

domenico canino ha detto...

Qui ci vuole un IH leaks.
Ormai è chiaro che per svelare verità scomode nascoste ci vogliono documenti che si mantengono segreti per proteggere interessi economici e politici. Jiulian Assange, Edward, Snowden, Panama Papers, dimostrano che solo così si rivelano gli altari. Mi auguro che venga fuori un insider della faccenda per sapere la verità.

sono solo un misero test ha detto...

@gabriele

il "non facciamo prigionieri" non mi è mai piaciuto...

tranquillo, la democrazia che viene dopo la resistenza è sempre per la riconciliazione e la mediazione. è nel proprio DNA. tanto da spingere il ministro della giustizia comunista togliatti a firmare l'amnistia

quello che dispiace è il balenare spontaneo della domanda: se la democrazia la dobbiamo ri-conquistare, quando l'abbiamo persa? e come si chiama quella cosa in cui viviamo oggi?

gabriele ha detto...

@Domenico, se io pensassi che la vendita del mio software di AI (lo preferisco rispetto ai draghetti rosa nella cantina di Barney, sebbene essi siano un evergreen in questi discorsi, bisogna aggiornarsi) avesse più possibilità di essere venduto (per una catarvata di milioni, tutto è relativo of course, ma per *me*, proprietario del software, sarebbero una catarvata) se inserissi io (venditore) la clausola che l'altro (l'acquirente) non lo potrebbe rivendere a IBM/Microsoft/Google, una certa ragione di inserire la clausola la vedrei.

Tu no?

E, bada bene, questa mia scelta di inserire tale clausola, sarebbe interamente scorrelata dal reale valore del mio software di AI, sarebbe solamente una chance in più che mi darei per veder valorizzato il mio lavoro.

gabriele ha detto...

"la democrazia che viene dopo la resistenza"
Vedi, io pensavo (principalmente) agli alleati!

Stesso film, emozioni diverse :)

ciao, gabriele

Silvio Caggia ha detto...

Ciao,

Ho appena firmato la petizione, "Abolizione necessaria del Quorum".

Credo che questo sia importante. La firmerai anche tu?

Ecco il link:

https://www.change.org/p/abolizione-necessaria-del-quorum

Grazie,

Silvio Caggia

gio ha detto...

@ sonosolo.....
>In alternativa, potrebbe anche darsi che fin dall'inizio siano state usate, soprattutto IH, come cavallo di troia per "gestire" Rossi senza esporsi troppo

..probabile , probabile ..soprattutto per come è gestita l'operazione finanziaria, fin dall'inizio..... arrivando a raccogliere i dindini a londra per partire e poi tenere la testa e la direzione in Ammmericaa...

Silvio Caggia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Silvio Caggia ha detto...

@Hermano Tobia
Hai ragione!
http://a.disquscdn.com/uploads/mediaembed/images/3538/9701/original.jpg
Ha una tale faccia da poker che qualunque faccia cancellata finisce per somigliare a Tom!

«Meno recenti ‹Vecchi   1 – 200 di 439   Nuovi› Più recenti»

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails