Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

martedì 24 marzo 2015

"NAZARBAYEV BELIEVES IN PERPETUAL MOTION ?"

(post di Andrea Rampado)

Devo le mie scuse ad Ocasapiens, ha ragione sono stato molto superficiale nel riportare le informazioni nel mio penultimo post su 22Passi, mi scuso ancora.

Ringrazio soprattutto il troll mW che ha inventato il titolo di questo post; per capire meglio vi invito a visitare il blog di Ocasapiens (1)(2) che mi ha dedicato come sempre un paio di post denigratori per le "scoregge" che ogni tanto mi scappano via web, me le sono meritate.

Certamente non si tratta di un moto perpetuo, come certamente non viene violato nessun principio fisico e chi scrive questo dimostra una ignoranza superiore alla mia che sono una semplice capra tibetana, ma accetto la provocazione di mW con la supervisione di Ocasapiens.

In fin dei conti ho riportato una notizia, vecchia tra l'altro, è così difficile verificarla?

Effettivamente ho citato l'attuale Presidente del Kazakistan "NAZARBAYEV" come sostenitore di una tecnologia rivoluzionaria, in grado di rompere le molecole di CO2 in carbonio e ossigeno, gli NOx in azoto e ossigeno, gli SOx in zolfo e ossigeno con molta meno energia di quanto previsto nelle reazioni chimiche tradizionali.
Qualcuno molto prima di me ha affermato questo, al momento mi limito a riportare quello che chiunque può trovare in rete, beh non proprio tutto, alcuni file sono stati tolti dalla rete con l'aggiornamento del sito principale...

Certo che Forbes e diverse altre testate, basta conoscere il russo e saperlo scrivere per cercare con google (3)(4), ha un suo peso.

Detto questo, rinnovo le mie scuse per aver spinto "involontariamente" in errore Ocasapiens e un gruppetto di troll, ma vi prometto che capiterà ancora, nella speranza che questo vi aiuti a migliorare la vostra capacità di approfondimento delle notizie...



Ci sono altri documenti (beh, ce ne sono ancora altri oltre a questi): lo riporto in più immagini fino a che Daniele non mi darà una mano per riportare il file completo in pdf..
In a world-first, the cleansing of technological gases is accompanied by the generation of power, giving off 100 times more energy than it uses for the purification process.




Silvye Coyaud, ora mi rivolgo a te, al di la degli attriti che intercorrono tra di noi, che penso sia inutile ogni volta rinvangare, molte volte ti sei occupata del problema della CO2 citando articoli e ricerche scientifiche di altissimo livello, potrei elencarli tutti. Non potresti per una volta prendere in seria considerazione quanto sto documentando? In fin dei conti non ho scritto io queste informazioni, le sto solo riportando dopo averle documentate e raccolte per oltre otto anni.
Perché ritieni che sia una bufala? Perché apparentemente vengono violati il principio di conservazione dell'energia e quello di massa e chissà cos'altro? Non merita un approfondimento serio da parte tua e da parte del pool di esperti che ti consigliano?
Con la Ralstonia ci siamo arenati e cristallizzati nelle nostre posizioni, ma non certo per volontà tua o mia o di Gvdr, come sai bene. Vorrei inviarti i documenti che possiedo in merito a questa notizia e darti/darvi la possibilità di approfondire e possibilmente verificare, se lo desideri, basta che me lo scrivi, ho una storia da raccontarti.

Se fosse tutto vero avremmo tutti da guadagnarci, mi sbaglio? 

Sono a vostra disposizione, non serve che mi prendete per il culo con denigrazioni e quant'altro per ottenere qualcosa, non ho nulla da nascondervi.


 










Andrea Rampado 

P.s. Per scrupolo scientifico e visto che mi viene chiesto proprio da Sylvie Coyaud se esistono pubblicazioni scientifiche a supporto di questa scoperta, riporto quanto ha scritto non molto tempo fa la stessa Sylvie Coyaud nel suo blog:

Ciao Mamma, Crediti: Andrea Rampado

70 : commenti:

Barney ha detto...

"Sponsored section"...
Interessante come SOLO LI' si trovi il rendimento 100 volte maggiore dell'energia immessa.

Interessante, ma certamente non incredibile, visto che e' la "Sponsored section".

Oste, come e' il vino?

MISTERO ha detto...

Barney, non solo li.
Li viene scritto in modo evidente e chiaro, in altre parti non viene scritto in questo modo, ma basta fare un semplice calcolo partendo dai m3 di gas che viene tratto, quindi la potenza iniziale e l'energia utilizzata per il trattamento.

O leggi in modo superficiale o non sono stato abbastanza chiaro.

Dovresti spiegarmi come è possibile bloccare, ridurre, più del 90% della CO2 emessa da una centrale con solo pochi kW, questo dichiarano in tutti i documenti compreso il sito principale.
http://www.absalutecology.com/en/tech.php
Colonna di sinistra Carbon dioxide not less than 90%

Se hai voglia di ridicolizzare e denigrare, fai pure, ritengo però che questa sia una questione molto seria. Come ho scritto sono pronto ad inviare tutti i documenti in mio possesso a Silvye.

Anonimo ha detto...

Però, davvero:
"C'i sono" e "c'è ne sono"
non si possono proprio vedere...

Barney ha detto...

Mah, secondo me mischi due ambiti, e modi di ridurre del 90% la CO2 anche usando meno energia ci sono: basta sfruttare la chimica.
Che quel processo sia interessante, puo' essere anche vero; che ci si cavi energia in eccesso rispetto a quella immessa francamente mi pare difficile...

MISTERO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
MISTERO ha detto...

Scusa Barney se insisto ma non sono d'accordo con te.
Sfruttare la chimica per ridurre la CO2 non ha senso perché comunque i reagenti chimici li devi produrre, per produrli consumi energia.
Il bilancio non va mai a pareggio anzi è fortemente negativo.
Scusa ma mi sorprende che hai fatto questa affermazione.
Per quanto riguarda il processo in esame, non si ricava più energia di quella spesa, si produce nuovamente carbonio (cabone) o metano dai quali si può ottenere nuovamente energia.
Dichiarano di arrivare ad una efficienza del 99%, quindi il sistema non è perpetuo, l'1% lo devono sempre consumare.. ;-)

Barney ha detto...

"Scusa Barney se insisto ma non sono d'accordo con te.
Sfruttare la chimica per ridurre la CO2 non ha senso perché comunque i reagenti chimici li devi produrre, per produrli consumi energia.
Il bilancio non va mai a pareggio anzi è fortemente negativo."

Guarda, che questo e' il mio punto :-)

Ed e' esattamente il motivo per cui il sistema NON puo' funzionare per produrre energia. Puo' essere un ottimo abbattitore di anidride carbonica, ma non sara' mai un sistema che ti fa guadagnare.

MISTERO ha detto...

@Barney
Prima scrivi:
modi di ridurre del 90% la CO2 anche usando meno energia ci sono: basta sfruttare la chimica.

Ti rispondo che sbagli, ma di grosso...

Poi scrivi:
Guarda, che questo e' il mio punto :-)
Ed e' esattamente il motivo per cui il sistema NON puo' funzionare per produrre energia.


Mettiti d'accordo, non perdo più tempo con te...

CLaudio Rossi ha detto...

Trovo una stridente discrasia tra l'approccio irridente e caustico di Daniele nei confronti di Silvye Coyaud, con tanto di statistiche annesse, e il post di Mistero che, quasi quasi, la implora di ascoltare i suoi argomenti.
Non capisco i tentativi di coinvolgere e persuadere soggetti che si pongono in modo sprezzante su un piedistallo e che si ritengono depositari del sapere pur non avendone alcun titolo.
Del resto, se si è chiamata "oca" da sola, un motivo ci sarà!

MISTERO ha detto...

@Claudio Rossi
Trovo una stridente discrasia tra l'approccio irridente e caustico di Daniele nei confronti di Silvye Coyaud, con tanto di statistiche annesse, e il post di Mistero che, quasi quasi, la implora di ascoltare i suoi argomenti.

Hai ragione, ma ti manca un punto.
L'analisi che fa Daniele è giusta e interpretata nel modo giusto, mancano però altri fattori da analizzare.

Guarda caso proprio oggi Ocasapiens mi risponde:
Andrea Rampado,
non conviene ripetere il link più volte di seguito per gonfiare il PageRank di 22 passi, così si annullano.


PageRank!!!

Ma guarda un po, mi nomina il PageRank.. E se il fine non fosse quello di ottenere accessi, ma solo (si fa per dire) togliere credibilità con discredito e diffamazione sulla persona sfruttando il posizionamento del portale di Repubblica.it?

Quando fai una ricerca su google quante volte vai a visitare la terza quarta pagina nell'elenco che ti compare quando nelle prime due trovi subito un bel po di informazioni?
Tante che ti stufi e ti convinci di aver trovato quello che ti serviva?

Prova a scrivere "Daniele Passerini" su google e riporta qui l'elenco dei primi 3 link.
Prova a scrivere "Andrea Rampado" su google e riporta qui l'elenco dei primi 3 link.

Mi segui?
E' importante il PageRank del blog di Ocasapiens o è più importante il posizionamento del portale di Repubblica.it?

Quando incontro delle persone per lavoro, il mio lavoro, per presentare soluzioni innovative e certificate, per la rigenerazione di emulsioni, olii esausti, trattamento delle acque e altre attività connesse, secondo te non vanno a fare una breve ricerca su google sul mio nome?

Cosa trovano, trovano che la mia passione, il mio impegno per la divulgazione e la ricerca, totalmente gratuito e senza fini di lucro è la punta di diamante loro per il discredito e la diffamazione.
Non solo, l'impegno di queste persone è scientifico, nel senso che è programmato, calcolato, previsto, è un lavoro ideato proprio per togliere credibilità.
Non è un ricatto questo?
Taci o ti sputtaniamo?

Come spieghi trai i tanti che ho trovato in rete in questi 5-6 giorni un commento di questo tipo:

mW ha detto:
21 marzo 2015 alle 10:15 am

Uhm, ma è una cosa seria, quella che hai linkato? Sai che le fuel cells sono state una delle peggiori delusioni degli ultimi 20 anni, vero?

RAMPADO: NAZARBAYEV BELIEVES IN PERPETUAL MOTION

Quanto sopra è invece la sintesi delle affermazioni di Andrea Rampado su 22Passi, http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2015/03/20/effetto-roflmao-la-prova-finestra/#comments
analizzate in primis dal sempre valido Cimpy (onore al merito)
http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2015/03/16/stranieri-nel-mio-genoma/comment-page-1/#comment-918277

Non so se Rampado voglia causare un incidente diplomatico come diversivo, oppure se sia un vero incosciente.
Pare che stia diventando costume concludere i propri interventi con questa formula:
RAMPADO: NAZARBAYEV BELIEVES IN PERPETUAL MOTION


Il nome Rampado è menzionato 4 volte su 12 righe.
Non solo ti entra in testa, ma nelle indicizzazioni?
Il Psicoanalista cosa direbbe in questo caso?

Spero di essermi spiegato..

Silvio Caggia ha detto...

@Andrea Rampado
Guarda, anche cercando Silvio Caggia con google nella prima pagina appaiono ben 2 link al blog della gattamorta... E solo perché vi ho scritto dei commenti, mica perché c'è un post dedicato al mio nome come nel caso tuo e di Daniele... Evidentemente il pagerank google della gattamorta è tale che chiunque tu sia, basta che scrivi una qualunque cagata nel suo blog e subito questa diventa la cosa più importante che hai fatto in vita tua... :-)

MISTERO ha detto...

@Silvio
Confermi la mia tesi, non sarei mai andato a scrivere da lei se non fossi stato OBBLIGATO a smentire le cazzate che ha scritto su di me fino al punto che mi sono stufato...

Scrivi "Domenico Canino" su google..ulteriore conferma al contrario..
Scusa Domenico era solo per portare un esempio. ;-)

MISTERO ha detto...

Silvio, comunque a me risulti al 6° e 7° posto, non mi freghi il primo posto.. :-p

giorjen ha detto...

secondo me dovreste chiedere alla signora Simona Movilia di far levare il vostro nome dai tag e di non farlo pubblicare come l'oca fa con quello di Franchini che pubblica con asterischi. Non siete personaggi di interesse pubblico quindi non credo ci sia nessuna giustificazione giornalistica per avere il vostro nome pubblicato sul sito di un giornale in maniera sprezzante.
g

domenico canino ha detto...

@mistero
tu hai giustamente il dente avvelenato con la signora di cui sopra; ragione per cui il tuo tentativo di dialogo, è un atto di apertura e sottomissione che non si meritano. Non ci può essere dialogo, e dunque mi chiedo il perchè di questo tentativo. Non mi è chiaro.

bertoldo ha detto...

più che un atto di sottomissione è un'ultima chance data di "redimersi" che ovviamente non coglierà e la conseguenza è un te lo avevo detto gigantesco tra qualche tempo , che schiaccierà definitivamente la credibilità residua .

Mauro elia ha detto...

da e cat World:
Solar Hydrogen Trends Update
COP of 900 (900 times more energy output than is inputted to the system).

MISTERO ha detto...

e la conseguenza è un te lo avevo detto gigantesco tra qualche tempo

Fai meditazione?))))
Sono sorpreso, complimenti.....

Anche questo ha intuito:
...Io cesso di occuparmene....
Devo riconoscere che gestisci queste situazioni con più intelligenza di altri.


Mentre il super idiota troll, ne esiste solo uno così idiota cerca ancora di girare la frittata che ha alimentato.

1) il sistema ha una efficienza del 99%, non è un moto perpetuo
2) non viola nessun principio fisico
3) ha un COP 100

Buon giorno a tutti, oggi piove..(

MISTERO ha detto...

@giorjen

C'è un unica strada per ottenere quello che tu scrivi, la stessa che ha utilizzato Franchini, ma senza preavvisi.
Lui ha ottenuto gli asterischi, noi.....

Anonimo ha detto...

@Andrea Rampado, Barney, Mario Massa.
Avevo già scritto manifestando il mio disappunto per la notizia pubblicata.
Ho letto attentamente i documenti che lei ha gentilmente postato, e posso concludere quanto segue:
Il sistema del quale si parla è un filtro.
Non è chiaro se possa segregare o meno la CO2 dagli altri gas di scarico.
Faccio però presente che la segregazione della CO2 è comunque tecnologia già esistente, e non è nulla di nuovo. Inoltre richiede energia, e richiede lo stoccaggio della CO2 ottenuta.

Il filtro sembra inoltre in grado di recuperare eventuali incombusti dai gas di scarico e di bruciarli. Mi sembra di capire che gli incombusti possono essere sia particelle di carbonio all'uscita di processi industriali, sia veri e propri incombusti quali quelli presenti nei gas di scarico delle autovetture. Il filtro viene infatti proposto come soluzione per le autovetture. In questo caso sarebbe esattamente uguale a un catalizzatore, che brucia gli incombusti.

In sintesi, il dispositivo sembra un filtro che recupera ed eventualmente brucia gli incombusti, ne più e ne meno che un catalizzatore.
Se vi è una forte quantità di incombusti, può darsi benissimo che il calore generato dalla loro combustione sia molto superiore alla energia utilizzata per operare il filtro, ma questo non è per nulla strano.
Non escludo che il filtro segreghi la CO2, ma in questo caso non è affatto chiaro cosa si faccia poi della CO2. Escludo che se ne possa ricavare energia, perchè ricavare energia dalla CO2 è come bruciare la cenere, e nessuno ipotizzerebbe mai una cosa del genere.

Il signor Domenico Canino può a sua volta fare la fatica di analizzare i documenti proposti ed offrire un contributo utile alla discussione.
Cordialmente,
Pino.


Anonimo ha detto...

"1) il sistema ha una efficienza del 99%, non è un moto perpetuo
2) non viola nessun principio fisico
3) ha un COP 100"

Mi chiedevo... tu cosa intendi per COP? Prova a scrivermelo qui in due righe. In linea di principio le proposizioni 1-2-3 non si contraddicono tra di loro, ma serve che tu prosegua con una risposta a questa domanda altrimenti non ci intendiamo

Daniele Passerini ha detto...

@tutti
NOTA DI SERVIZIO
Onde permettere una discussione proficua, i commenti lasciati senza registrazione saranno pubblicati solo se accompagnati da una firma/nick (vedasi es. del commento "anonimo" precedente firmato comunque "Pino".

MISTERO ha detto...

@Pino
Grazie della sua fatica, ma la rimando a Settembre ))
Ha visto il brevetto?
Ha visto (leggere è impresa ardua) la monografia?

Ovunque viene scritto e riportato, anche in formula, che la CO2 come tutti gli altri gas molecolari vengono dissociati nei loro componenti fondamentali.
Non è filtro per particolato.
Riprovi a leggere attentamente..

MISTERO ha detto...

Non c'è segregazione ma dissociazione.
Guardi questa animazione:
https://www.youtube.com/watch?v=zJqdkmP6kh0

bertoldo ha detto...

"Fai meditazione?))))
Sono sorpreso, complimenti....."

no solo esperienza personale su cose dette che poi si avverano e se non capisco o ho informazioni sufficenti non dò del truffatore o sparaballe a nessuno .

Anonimo ha detto...

@Rampado, Mario Massa, Barney, Domenico Canino.

Il video ci mostra una combustione. Grazie al filtro proposto, tutti i prodotti di combustione diventano una granella nera che viene raccolta in apposito contenitore, e quindi non si usano più le ciminiere.
Mi sono chiesto come mai non abbia trovato immediata applicazione nelle centrali a carbone del Kazakhstan, dove è stata costruita la ciminiera più alta del mondo. Inoltre queste mostruose centrali a carbone, sono i più grandi produttori di CO2 del mondo, oltre che del Kazhakstan.
http://en.wikipedia.org/wiki/Ekibastuz_GRES-2_Power_Station
Trovo che sia un video per i gonzi, che promette cose impossibili.
Io non comprerei nemmeno un apriscatole, con un video del genere.
Inoltre, se ad esempio voglio dissociare tutta la CO2 prodotta dalla centrale a carbone, devo usare almeno tutta l'energia prodotta dalla centrale a carbone.
Comunque, aspetto con fiducia l'abbattimento della ciminiera della GRES2.
La mia opinione, al momento, questa è solo una operazione imprenditoriale portata avanti con toni sensazionalistici, claims ambigui che si prestano a varie interpretazioni, e video per creduloni.
Non c'è niente di nuovo, altrimenti se ne troverebbe traccia sia nella letteratura scientifica, sia sulle riviste tecniche di settore..
Chiedo conferma di questo a Mario Massa.
Io non perdo altro tempo, a meno che non decida di farlo il signor Domenico Canino. Sto usando la pausa pranzo, e se sforo, dovrò uscire dal lavoro più tardi.
Cordiali Saluti
Pino

bertoldo ha detto...

Pino "Il filtro sembra inoltre in grado di recuperare eventuali incombusti dai gas di scarico e di bruciarli. Mi sembra di capire che gli incombusti possono essere sia particelle di carbonio all'uscita di processi industriali, sia veri e propri incombusti quali quelli presenti nei gas di scarico delle autovetture."

ti invito a visitare la pagina di hydromoving e controllare le analisi dei prodotti di uscita di quell'auto ...l'iniezione di idrogeno in dosi prestabilite e probabilmente anche monoatomica , fa trasformare il carbonio in azoto puro e semplice e non in nox , basta legger una tabella periodica degli elementi ...dopo C viene N ...semplice ed è la strada più semplice da seguire ...

bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...

quindi non vengono distrutte semplicemente il carbonio si trasforma in gas N ?= azoto e fa parte di quel gas chiamato aria ...the capì ?

bertoldo ha detto...

oppure nel caso in questione si dissocia il c da o2 e con dell'idrogeno possono ottenre h2o il semplice carbonio di scarto e forse anche una parte di azoto .Nel caso hidromoving sono abbastanza sicuro che buona parte del carbonio si trasforma in azoto , senza nox , che verrebbero rilevati dalle misure di prova , mentre non misurano affatto l'azoto in più e sarebbe proprio interessante misurarlo .

MISTERO ha detto...

Grazie al filtro proposto, tutti i prodotti di combustione diventano una granella nera che viene raccolta in apposito contenitore, e quindi non si usano più le ciminiere.

Bravo Pino, vedo che hai capito, tutti i prodotti della combustione, CO2, CO, OSX, polveri...Tutti questi prodotti diventano polvere nera..
Finalmente ci voleva tanto?

Mi sono chiesto come mai non abbia trovato immediata applicazione nelle centrali a carbone del Kazakhstan

E' scritto nei link che ho riportato, usa il traduttore, non penserai mica che ti devo scrivere tutta la storia di questa tecnologia vero?
Lavoro anch'io come te....
Ciao Pino continua a studiare nel tempo libero, mi raccomando..

Anonimo ha detto...

@Pino

"Io non perdo altro tempo, a meno che non decida di farlo il signor Domenico Canino. Sto usando la pausa pranzo, e se sforo, dovrò uscire dal lavoro più tardi."

Scusa ma.. qualcuno ti ha chiesto di impiegare il tuo tempo su queste cose?! O_o
E poi che c'entra Mimmo !? Ahahahah LOL XD

"don't feed the troll" me lo dico da solo! XD

Marco

Anonimo ha detto...

@Rampado, Barney, Mario Massa, Canino.

Aggiungo che al minuto 4:23 del video linkato all'articolo di cui discutiamo, viene ripreso un display di uno strumento che evidenzia chiaramente assenza di CO, NO ed NO2, ma non di CO2. Dalle dichiarazioni si può intendere tutto e il suo contrario, ma io credo che lo strumento ripreso nel video sia la prova più evidente del fatto che il sistema non lavora sulla CO2.
Se fossimo in tribunale, l'autore del video potrebbe dire: "No, Vostro Onore, io non ho mai detto che la macchina abbatte la CO2! Ho solo detto che il mondo produce tanta CO2. Pensi, ho anche mostrato uno strumento che non indica affatto assenza di CO2, ma solo di CO, NO, NO2. Più chiaro di così non potevo essere."
Ma nel video si parla spessissimo di CO2, e la gente potrebbe pensare che il filtro abbatta la CO2, anche se in realtà non viene mai esplicitamente dichiarato, o se viene dichiarato si potrà sempre parlare di un innocente "lost in translation".
Questa è solo pubblicità ingannevole.

Rampado, non lo sa nemmeno lei perchè l'invenzione del Borisenko non è applicata alle centrali a carbone del Kazhakstan. E' troppo facile dire: "studia" invece che rispondere alle domande.
Studierò ancora quando studieranno gli altri suoi lettori.
Come mai a quelli che si fidano non chiede di studiare?

Pino.

Anonimo ha detto...

@Pino
>Come mai a quelli che si fidano non chiede di studiare?
Le rispondo io se permette.
Se si fidano che bisogno hanno?

Stateme abbuono
Maurizio

Mauro elia ha detto...

da e Cat World
The following post was submitted by Axil Axil
Lets put some numbers on this concept to make it more understandable.
There is evidence that heat transfers its energy to photons in LENR. The wavelength of Far infrared EMF is about 1 millimeter. We know that the Rossi reactor produces a maximum EMF in the soft X-ray range or an EMF photon in the 10 nanometer range.
In the Ni/H reactor there is a process that increases the energy of the photon from 1 mm to 10 nm.
Since 1 millimeter = 1 000 000 nanometers, there is an energy amplification factor of 100,000.
There is a nano structure that produces this amplification of EMF power by 100,000. We know that when a photon is confined in a nano sized box, that photon will adjust its wavelength to resonate inside that box. The nano box that produces soft x-rays is sized to resonate in the circumference of 10 nanometers. So the nano box has a radius of about 3 nanometers.
The heat energy is converted to dipole vibration by the free electrons on the surface of the metal.
The spin of a dipole electron/photon hybrid or SPP is 2. But the nano box also amplifies this spin by a factor of 100,000 to conserve angular momentum. This is like an ice-skater who pulls in her arms to rotate in a smaller circumference. The tuck in of her arms increases her rotation rate.
For every SPP that goes into the nano-box, its spin is amplified to produce 200,000 Bohr magnetons. That is like having 800,000 magnetized iron atoms for every SPP that the heat photon produces.
When the nano box is filled to the maximum with SPPs, it will explode into a bosenova. At this point, the energy stored in the nano-box is returned to the system. This return happens when the electrons and x-ray photons decouple to produce independent electrons and x-rays. These soft x-rays are seen in many LENR systems such as cavitation, Mills catalysts as black light, and Ni/H reactors.
Because the SPP is a boson, coulomb repulsion does not limit the number of SPPs that can be packed into a nano-box. At this juncture, it is unknown how many SPPs can be packed into a nano-box before it explodes. But the number of SPPs could be very large. You can now see how a very powerful magnetic beam can be generated from heat energy.
The nano-box is a magnetic vortex or soliton because all the SPPs are coherent and form a Bose Einstein condensate. Like a tornado, the soliton focuses the magnetic field produced by the SPPs into a tight spot that shines on the matter near the soliton. This strong magnetic field does unusual things to the matter and space that falls within the influence of this magnetic beam. This concentration of heat energy into a focused magnetic field I believe underpins the nature of LENR.
Axil Axil

MISTERO ha detto...

@Pino
Non alterarti, vedi anche tu le truffe ovunque?
Metti le mani avanti come l'Avvocatessa della Silvye??
Sei arrivato alla frutta?

Su dai, un po di self control, non è ancora arrivata la "fine del mondo" per voi, ma è inevitabile.

Inutile che ti rigiri o che provi a raggirare le parole, non ci riesci ne con me ne con i frequentatori di 22Passi, te lo assicuro.

Ho riportato più volte che viene dissociata la CO2 e dove questo è scritto..
Continua a studiare, sarai più fortunato magari alla prossima...
Buona giornata... Di studio..))

Anonimo ha detto...

Se lei non è in grado di dare risposte nel merito io cosa ci posso fare? Io mi sono divertito a perdere tempo con lei per mera curiosità, ma temo che in questa discussione non ci sia nessuno che creda a ciò che lei afferma, anzi, forse nessuno ha capito cio che afferma.
Non è nemmeno in grado di dire, con parole sue, cosa fa questo filtro.
Peccato, era partito bene.
Pino

Daniele Passerini ha detto...

@Pino (anonimo)
È vero Pino, eri partito bene, ma con questo ultimo commento direi che hai gettato la maschera... :)
Almeno sei sincero, ammetti che volevi solo divertirti alle nostre spalle. Ok, il gioco è finito ora.
Come ti firmerai al prossimo commento? Marcello? Maurizio? Alessandro?
Del resto ognuno si diverte come può.
Saluti

MISTERO ha detto...

@Pino
Dimenticavo, puoi ricordare alla nostra cara amica che non molto tempo fa ha postato questa pubblicazione?

Tandem Photoelectrochemical Laminar Flow Cell for Carbon Dioxide Reduction
http://ma.ecsdl.org/content/MA2012-01/40/1526.full.pdf

Se hai studiato bene, dovresti intravvedere delle analogie con il Kazzaro, no?
Con il supporto e la collaborazione della NASA, o parbacco... ;-)

MISTERO ha detto...

Cavoli ho dimentica il link del post di Sylvie Coyaud:
Campionessa di free energy
http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2013/07/09/campionessa-di-free-energy/

Hai capito?
Campionessa di Free Energy, solo lei però, gli altri sono solo fuffa e bufale..

Anonimo ha detto...

Sig. Passerini,
io mi "diverto" fino a quando ho la speranza arrivare a un chiarimento. Quando mi rendo conto che vengo mandato da un articolo a un video a un articolo ancora, tutti inattinenti, smetto di "divertirmi", penso di "avere perso tempo" e di essere stato "preso in giro".
Uso sempre il mio nick e la moderazione mi va bene come è.
Sig Rampado, nel paper che lei allega, c'è una cella che converte energia elettrica in CH4 partendo da CO2 e un elettrolita.
http://ma.ecsdl.org/content/MA2012-01/40/1526.full.pdf
Nessuno mette in dubbio che si possa ridurre la CO2, ma ci vuole energia. Questo è un esempio di trasformazione da energia elettrica a chimica. Una batteria.
"Electrochemical based reduction processes are particularly interesting as they could be easily incorporated into the electric power grid and have the
ability to convert excess electrical energy from renewable
or carbon neutral sources to chemical energy"
Ossia serve energia. Il filtro kazzako è una batteria? Non mi sembra.
Che ci azzecca?
Non c'è nulla di strano nel ridurre la CO2, ma vede, serve tanta energia.
Pure le piante, riducono la CO2, ma hanno bisogno dell'energia solare.
Mi sembra che lei stia facendo un minestrone.
Pino.

Daniele Passerini ha detto...

@Pino
Visto il tono che inizia a tirar fuori nei suoi commenti, resteranno doverosamente fermi in moderazione fino a quando mi scriverà in privato una email (preferibilmente dandomi un telefono a cui poterla chiamare) spiegandomi chi è e per quale motivo si sta prendendo così a cuore questa storia.
A sua disposizione.

MISTERO ha detto...

Invito tutti alla calma, soprattutto l'Avvocata della Sylvie Coyoud...

http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2015/03/20/effetto-roflmao-la-prova-finestra/comment-page-1/#comment-928569

Cara "Barbara", quello che Lei sta cercando di fare per impostare la diffamazione ha un suo senso: dal momento che non potete fare leva sull'interesse pubblico e sulla verità dei fatti, agite sulla continenza. Il vostro avvocato dovrebbe però sapere che c'è molta giurisprudenza che considera la provocazione nel valutare la continenza (questo senza nemmeno scomodare il diritto di satira). Dopo tutti gli insulti e le minacce contro Sylvie Coyaud, sarà molto difficile per Andrea Rampado ottenere qualcosa in più di un'archiviazione.

Mi chiedo come abbia fatto il Carpa, me lo chiedo...con un'Avvocata così...
Satira, continenza, oh Madonna mia!!!
:-)))))))

domenico canino ha detto...

SHT Solar Hydrogen Trend, sono una banda di armeni in California che dichiara di aver ottenuto un processo chimico che permette di ottenere idrogeno puro al 97% con poca energia, contrariamente alla elettrolisi che consuma più energia di quanto idrogeno produce. Il claim è 900% di overrunity.. E' la sola vicenda che seguo insieme a quella di Rossi, nel mare magnum delle energie alternative. Mi sono simpatici, speriamo che non raccontino balle.

Gio2 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gio2 ha detto...

Altra dimostrazione di come le LENR si stiano diffondendo nell'ambito di importanti realtà industriali. Gli scettici ad oltranza dovrebbero considerare che chi ha scelto di investire in questa area non appartiene alla schiera degli sprovveduti che non sanno valutare sulla base di evidenze numerose e serie. Secondo gli scettici sono tutti idioti facili da abbindolare? Dubito fortemente.

http://www.e-catworld.com/2015/03/25/airbus-representatives-to-attend-lenr-cities-event-on-april-10-in-milan-another-very-big-group-interested-in-lenr-research/

Ciao
Gio

Gio2 ha detto...

@domenico canino

"SHT Solar Hydrogen Trend"

Sarebbe una svolta per i motori ad idrogeno...!!!!
Attualmente la produzione dell'idrogeno è troppo cara visto il consumo di energia elettrica necessario.

Ciao

bertoldo ha detto...

con i sistemi attuali l'idrogeno costa troppo , non se si usa tecniche stile meyer o hydromoving , passibili di miglioramenti incredibili basati sulla coerenza super coerenze ultracoerenza , ovviamente senza utilizzo di elettroliti ma pura coerenza ...

bertoldo ha detto...

parte-nopeo e parte-tedesco ... cercate di capire se vi riesce altrimenti riascoltate .

bertoldo ha detto...

scissione acqua tramite risonanza di acqua coerentizzata

bertoldo ha detto...

la fisica classica e i gesuiti lottano insieme perchè a tutte e due serve un dio per far muovere la materia , mentre in epicuro e in quantistica la materia si muove da sola e non c'è posto per il padreterno ...

Anonimo ha detto...

Vedo che il moderatore permette i commenti anonimi, purchè firmati... d'accordo, poteva almeno pubblicarlo e POI spiegare, ma mi adeguo. D'ora in poi mi firmerò come "anonimo1", dovrebbe esser sufficiente (anche io volevo usare Pino ma l'hanno già preso).

Riposto la questione:
"1) il sistema ha una efficienza del 99%, non è un moto perpetuo
2) non viola nessun principio fisico
3) ha un COP 100
"

Ma, Mistero, tu sai cos'è un COP? Le tre asserzioni non si contraddicono, ed è vero, ma mi chiederi che cosa è per te il COP altrimenti è impossibile discutere.

Anonimo1

Anonimo ha detto...

Ciao a tutti,
con scarsa fantasia, prendo come nick "Anonimo2"
Volevo rispondere ad Anonimo1
Ciao A1
Un sistema non può avere contemporaneamente una "efficienza" e un COP.
Quindi secondo me le affermazioni 1 e 3 che riporti sono in contraddizione
tra di loro.
Fammi sapere la tua opinione, grazie.
A2

patrol ha detto...

Io non capisco questa super forzata censura di Daniele nei confronti di Pino. E' squisitamente ridicola, stavo osservando con interesse la discussione tra i dui e mi dispiace per Andrea, ma, dalle parole scritte, si evence una chiara non capacitá a rispondere a Pino.
E' palese che quando qualcuno comincia a non rispondere nel merito, punto per punto, ma si limita a un: studia. Bhe é alla frutta.

Daniele che fa, censura l'unico che ha osservato il video e pone domande concrete. bha.... i misteri di 22 passi.

Marco Mazzei, 29 anni, nato a Roma (atualmente vivo ad Aix En Provence)

Anonimo ha detto...

A2: hai ragione anche tu, rimane il problema di chiedere a Mistero cosa intende per efficienza, COP, eccetera, se parla di un processo singolo o dell'intero sistema (lui scrive sistema, ma in effetti questo non è possibile)

A1

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Anonimo1

La definizione di COP, in effetti, penso possa essere insidiosa. Noi prendiamo per scontato che sia l'energia uscente da un sistema, rapportata a quella entrante, ma magari ci dimentichiamo di mettere nel conteggio eventuale energia accumulata in componenti chimici o nucleari, compresi nel sistema. Forse dico una bestialità e qui magari servirà una chiarificazione da parte di Mario Massa, che su queste cose ne sa parecchio, mantre io raglio e basta, ma a meno di non pensare ad una violazione del principio di conservazione dell'energia, se si prendono in esame tutti i fattori necessari, il COP sarà sempre e soltanto = 1 (non minore come ogni tanto si vede scritto). Il caso Rossi, tanto per fare un esempio, ma anche quello di molti dispositivi presunti overunity, si suppongono, appunto, aventi COP>1, un po' garibaldinamente, sulla base di considerazioni che magari non contemplano l'energia accumulata in talune componenti e questo non tanto perchè tale energia non ci sia, ma perchè in certi casi (vedi E-CAT) si suppone che non ci possa essere, perchè la fisica nota e le banche dati lo vietano. In effetti, qualora si comprendesse il meccanismo (fusionista, fissionista, altro...) alla base dell'E-CAT, introducendo tutti i fattori nel conteggio, il COP risulterebbe di nuovo = 1, come accade nella mia automobile quando muovo tonnellate di ferro su per una salita, col minimo sforzo di premere sull'acceleratore. Però prima o poi devo passare dal benzinaio, che mi abbassa il COP e il conto in banca, ahimè! ;-)

Nel caso del dispositivo presentato da Andrea, di cui non ho letto niente e non leggerò niente, quindi tiro per gioco ad indovinare solo leggendo il post nudo e crudo e i commenti seguenti, si potrebbe essere in un caso in cui si riesce a recuperare energia altrimenti perduta. Energia magari fornita dalle lavorazioni che hanno prodotto i fumi. Un po' come riuscire a recuperare energia utilizzabile in forma, ad esempio, elettrica, dal calore prodotto dal motore a combustione interna di un'automobile (oggi ce l'ho con gli esempi automobilistici ;-) ). Questa è una interpretazione abbastanza riduttiva, però.
Per riuscire ad ottenere un 'ciclo infinito', serve qualcosa di più, anche se di per sè la notizia sarebbe comunque interessante. Spero di riuscire a capire meglio la cosa col tempo, tanto se è la 'bomba' che potrebbe essere, verrà fuori in maniera talmente fragorosa che non si potrà non sentirla. Altrimenti sarà comunque un'interessante tecnologia per massimizzare l'efficenza di alcune lavorazioni.

MISTERO ha detto...

@Bertoldo
Idrogeno monoatomico, guarda sopra le 4 immagine aggiunte.. ;-)

bertoldo ha detto...

ciao sono anomìnimo 3 e vorrei mandare affanculo a1 e a2 .

triziocaioedeuterio ha detto...

>Bertoldo

Ti quoto in pieno mi aggrego ai vaffa:)))

bertoldo ha detto...

in effetti non sò quante volte devo averlo ripetuto che tutto quello che cè da sapere su questi fenomeni e' basato sull'idrogeno monoatomico e sulla velocità di ricombinazione che intrappola l'etere che si trova nello spazio tra i due monoatomi = energia in eccesso (per i non udenti) . Se in hidromoving il carbonio diventa azoto , in questo caso il co2+ 8h diventa metano e acqua ... un bel ciclo con la produzione aggiuntiva del 10% di fullerene mentre il carbonio semplice può essere nuovamente trattato con idrogeno per farlo diventare fullerene ...il tutto con un guadagno non indifferente .

bertoldo ha detto...

trizio all'inizio era volante uno a volante 2 inseguitevi o solo fatto una variazione sul tema più diretta .

bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...

ho pure sbagliato a scrivere anonimo ...

Mario Massa ha detto...

@Pino
@Mistero
@Alessandro Pagnini

Mi rivolgo a voi perchè ho visto che mi avete tirato in ballo. Poichè seguo poco chiedo scusa se dico cose già dette o se non ho risposto ad altri.

1 - COP: lasciando perdere il suo significato usuale utilizzato in campo termotecnico (frigoriferi e pompe di calore), il significato che si dà in campo fusionista e affini è il rapporto tra l'energia in uscita (qualunque essa sia) e quella in ingresso (normalmente elettrica, ma anche chimica nel caso del mai visto Gas-cat).
Ora dire che l'E-Cat ha COP 3 o 10 o 100 non ha alcun significato, dato che questo calcolo non tiene conto che all'interno secondo il costruttore si sta bruciando un combustibile (nucleare). In quest'ottica il motore di una automobile avrebbe COP infinito: nessuno gli dà energia da una spina o altro, semplicemente esce energia meccanica che proviene dalla combustione (chimica) di un combustibile. Se però consideriamo l'energia (chimica) presente nel combustibile bruciato, possiamo dire che il rendimento del motore è del 25% e parlare di COP appare fuorviante. Quindi dire che in certe condizioni l'E-Cat ha COP infinito significa semplicemente che sta funzionando come ci si aspetta debba funzionare una qualunque sorgente energetica. Se il COP è solo 3 o 10 è perchè il costruttore non ha ancora capito come controllarlo e questo è il massimo che è riuscito a fare (ovviamente sto parlando facendo finta che funzioni). L'E-Cat quindi anche con COP infinito non viola alcun principio: è un reattore nucleare diverso dagli altri.

2 - Andrea Rampado dice che il sistema per la riduzione della CO2 avrebbe rendimento 99% ma COP = 100. Andrea, potrai dire a Pino di andare a studiare, ma lo devi dire anche a me, perchè questo non lo capisco neanch'io.
Scrivi:
"In Kazakistan da molti anni stanno sviluppando un'invenzione incredibile, un sistema che è in grado di rompere la molecola di CO2 con molta meno energia dell'energia prodotta dal carbonio che si ottiene, il rapporto tra energia spesa e ottenuta è di 1/100"
Lasciamo perdere la storia del metano che non è importante. Quello che scrivi è per definizione moto perpetuo chimico: sembra che ti vergogni ad ammettere di credere nel moto perpetuo (nel MEG, motori magnetici, ecc.). Io come ben sai non ci credo, ma la impossibilità di tali marchingegni deriva dal principio di conservazione della massa-energia, principio che per definizione non è dimostrabile. Noi ingegneri, molto pragmaticamente, avendo visto che da memoria d'uomo tale principio non è mai stato violato, diciamo che è inviolabile. La fisica sa di avere lacune enormi (energia del vuoto, materia oscura, ecc.): persone ottimiste come te sono libere di pensare che dietro queste lacune si celi la soluzione ai problemi energetici dell'umanità e il moto perpetuo o la riduzione gratuita della CO2 ne siano una conseguenza. Però, per favore, non tirare il sasso per poi nascondere la mano!
Al povero Pino dici poi di studiare questo lavoro: http://ma.ecsdl.org/content/MA2012-01/40/1526.full.pdf , ma in quel caso non c'è nulla che vada contro una qualunque legge fisica nota: si utilizza l'energia della luce per scomporre la CO2 (in presenza d'acqua in O2 e metano): una cosa simile la fanno anche le piante con la fotosintesi clorofilliana.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario

Perfetto! :-)
L'idea, pur approssimativa, che mi ero fatta del concetto di COP, mi viene per fortuna confermata da te, che su queste cose ne sai più di molti!


"....Io come ben sai non ci credo, ma la impossibilità di tali marchingegni deriva dal principio di conservazione della massa-energia, principio che per definizione non è dimostrabile. Noi ingegneri, molto pragmaticamente, avendo visto che da memoria d'uomo tale principio non è mai stato violato, diciamo che è inviolabile. La fisica sa di avere lacune enormi..."

Questo è quello che io chiamo un approccio scettico e condivisibile ad una questione. Nessuna convinzione sbandierata per certezza assoluta. Ecco quello che fa la differenza, come si è discusso in altro post, tra una persona che conosce e accetta i limiti delle proprie convinzioni, pur pragmaticamente dandole per buone (si deve pur scegliere che strada seguire), ma così facendo lascia aperta la porta ad eventuali nuove conoscenze e chi decide che la propria convinzione è verità indiscussa e si picca pure di convincere gli altri in un impeto di furia messianica.

Detto tra noi, sui motori magnetici et similia, ho anche io fortissime perplessità. Per adesso non ci credo! Un domani non escludo di poter cambiare idea :-)

Già che passi da queste parti...ci sono state risposte, mezze risposte, rumours, qualche novità insomma, riguardo alla questione del coefficente di taratura della fotocamera? O c'è ancora silenzio assoluto?

bertoldo ha detto...

"Al povero Pino dici poi di studiare questo lavoro: http://ma.ecsdl.org/content/MA2012-01/40/1526.full.pdf , ma in quel caso non c'è nulla che vada contro una qualunque legge fisica nota: si utilizza l'energia della luce per scomporre la CO2 (in presenza d'acqua in O2 e metano): una cosa simile la fanno anche le piante con la fotosintesi clorofilliana."

Ma che nessuno fino a d oggi era riuscito a replicare , ottenendo fullerene al 10% come prodotto di scarto . Oltre alla luce l'acqua è "polarizzata" in maniera opportuna , tipo hydromoving , e c'è un campo elettrico da 100kv che scinde l'idrogeno in monoatomico , proprio come faceva Brown , da lì Gas di Brown ... anche detto Gas per la saldatura atomica ... comme ?

Mario Massa ha detto...

A chi può interessare qui:

https://www.google.com/patents/CA2545593C?cl=en&hl=it

il brevetto cui fa riferimento Andrea Rampado.
A me pare ci sia stato un profondo malinteso da parte di Andrea: da nessuna parte si dice che i prodotti ottenuti permettono di erogare 100 volte l'energia spesa per ottenerli. Anche la riduzione della CO2 è indicata come possibile effetto, ma non si dice in che percentuale e quanta energia elettrica è necessaria per farlo (e in tal caso si ha come possibile prodotto metano, che secondo me è un fenomeno da evitare dato che ha effetto serra 30 volte maggiore della CO2 e la bassa percentuale in uscita renderebbe la sua separazione antieconomica).

Il sistema è presentato come un filtro elettrostatico che in particolari condizioni può essere usato per produrre fullerene e in nessun posto si dice che possa essere considerato un metodo per produrre energia.
In definitiva un oggetto industriale interessante spacciato (non dal brevetto) per una rivoluzione.

Mario Massa ha detto...

A chi può interessare qui:

https://www.google.com/patents/CA2545593C?cl=en&hl=it

il brevetto cui fa riferimento Andrea Rampado.
A me pare ci sia stato un profondo malinteso da parte di Andrea: da nessuna parte si dice che i prodotti ottenuti permettono di erogare 100 volte l'energia spesa per ottenerli. Anche la riduzione della CO2 è indicata come possibile effetto, ma non si dice in che percentuale e quanta energia elettrica è necessaria per farlo (e in tal caso si ha come possibile prodotto metano, che secondo me è un fenomeno da evitare dato che ha effetto serra 30 volte maggiore della CO2 e la bassa percentuale in uscita renderebbe la sua separazione antieconomica).

Il sistema è presentato come un filtro elettrostatico che in particolari condizioni può essere usato per produrre fullerene e in nessun posto si dice che possa essere considerato un metodo per produrre energia.
In definitiva un oggetto industriale interessante spacciato (non dal brevetto) per una rivoluzione.

MISTERO ha detto...

@Mario
"da nessuna parte si dice che i prodotti ottenuti permettono di erogare 100 volte l'energia spesa per ottenerli."

Apri le immagini sopra è scritto chiaramente.

Il sistema è presentato come un filtro elettrostatico che in particolari condizioni può essere usato per produrre fullerene e in nessun posto si dice che possa essere considerato un metodo per produrre energia.

carbon may be recovered from the plant’s smokestack and repeatedly re-used to fuel combustion, greatly enhancing the efficiency of the power plant.
E' scritto nel brevetto che citi Mario :)))
Leggilo meglio o leggi meglio i documenti che ti ho già inviato da tempo.

MISTERO ha detto...

@Mario
The energy spent for reception 1g of carbon, in 95.2 times is less than energy gained from its incineration.
It is separately necessary to note that fact, that gained carbon in the form of black, contains fullerenes of various types, preferentially С60 and С70.

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails