Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

martedì 6 gennaio 2015

Una Teoria Giocattolo per una Teoria del Tutto:
noi siamo in (3|1), molto vicini a (2|2) !



Al momento attuale non è possibile interpretare compiutamente tutte le manifestazioni della realtà fisica all'interno di una teoria generale. La ricerca di una Teoria del Tutto è da molto tempo affrontata dalla comunità scientifica, e se fino ad una ventina di anni orsono (anni '90) si provava un sostanziale imbarazzo all’impossibilità di formulare una tale teoria, negli anni recenti, il problema sembra apparentemente perdere completamente di interesse. Il presente lavoro quindi, in controtendenza, si pone l’obbiettivo di arrivare ad una sua formulazione, cercheremo attraverso l’espediente di una Teoria Giocattolo di arrivare ad una Teoria del Tutto. Da questo punto di vista, l'unica e sola strada percorribile è quella di ricondurre la scienza nel suo più ampio ambito originale, quello filosofico.


La realtà è solo fisica? o solo matematica? o piuttosto la realtà siamo noi, le nostre menti e i nostri pensieri?

Cogliamo l'occasione per ringraziare Daniele Passerini dell'ospitalità nel suo meraviglioso blog. 


Pierluigi Cirilli    Francesco Santandrea    

    

162 : commenti:

Carlo Ravedoni ha detto...

Sparo per primo, Non ci ho capito niente. A mia discolpa:
che parlo meglio francese che italiano. In piu' non sono neanche un esperto di fisica.
Se qualcuno puo' spiegarmi meglio, in un italiano piu italiota, mi farebbe un piacere.
Mi piace vedere le cose da un'altro angolo. Si aumenta la propria consapevolezza. Se la mia aumenta, aumenta anche la vostra.

domenico canino ha detto...

Interessante davvero; chiaro che tutta la realtà fisica nè la percepiamo totalmente, ed è il primo errore di percezione, nè una volta percepita siamo in grado di capirla ed elaborarla compiutamente, errore di interpretazione dovuto a mancanza di intelligenza o altri pezzi mancanti. Io faccio in piccolo l'esempio del campo degli archeologi, si trova un reperto ruota che ci fa dire che questa antica civiltà aveva una evoluzione tecnologica che arrivava sino a ruota e carri; poi in tempo successivo si scava un motore, che è un tassello inaspettato che cambia totalmente la interpretazione del livello di quella antica civiltà. Molti archeologi, quando trovano un motore, lo risepelliscono velocemente, sennò tutti i libri che hanno scritto prima sarebbero da buttare. Inoltre ci sono degli archeologi talmente stupidi che non riconoscono nemmeno un motore, perchè sono delle schiappe. E sono la maggioranza, in tutti i campi. Io citerei il grande Epicarmo di Siracura: E' l'intelligenza che vede, è l'intelligenza che sente, tutto il resto è sordo e cieco.

SPAXIO ha detto...

@Carlo Ravedoni

Grazie per il suo commento


"Non ci ho capito niente."

Viva la sincerità!

E' la condizione ideale per iniziare a capire! Non c'è atteggiamento migliore, o perlomeno per iniziare a farsi un'idea di una qualunque cosa


"Mi piace vedere le cose da un'altro angolo. Si aumenta la propria consapevolezza.Se la mia aumenta, aumenta anche la vostra"

Questo significa avere la mente aperta non essere prevenuti o polarizzati, si inizia a pensare insieme, ci si confronta, si condivide il pensiero, nell'era della comunicazione siamo inondati di pensieri già pronti, questo è da evitare, occorre pensare con la propria testa confrontarsi e condividere e sopratutto fare esperimenti sia pratici che teorici occorre entrare in gioco con la realtà, da qui l'idea di una "Teoria giocattolo"

Ritornando alla spiegazione di quanto pubblicato non è facile farlo sul blog brevemente, stiamo parlando di un articolo di dodici pagine che in origine era composto da più di cinquanta, e comunque questa sua richiesta di spiegazioni rappresenta anche la nostra necessità di farsi capire.

Ad esempio il nostro lavoro vuole mettere in luce come la realtà possa essere concepita a livello globale, per comprendere questo occorre evitare di parlare al singolare in discipline settoriali: fisica, matematica, chimica, ecc.

per capire occorre trovare i nessi logici tra le singole discipline, l'insieme minimo degli assiomi che le uniscono, occorre farne la metacrasi,

Metacrasi è un termine nuovo da noi inventato, per capirne il significato le consiglio di leggere dal terzultimo capoverso a pagina 5 "Per la semplicità del modello adottato risulta facile attribuire ... ...

Un consiglio si concentri sul punto 2 - Relazioni di sistema a pag.4

Quello che vogliamo mettere in luce è che esiste un modo di pensare la realtà in maniera unificata, univoca, logica,

ad esempio cosi come una particella per entrare nel nucleo di un atomo deve essere neutra, così la nostra mente si deve addentrare nel concetto senza essere polarizzata da una sola disciplina.

Un altro punto importante è sul nuovo modo di vedere le particelle elementari, non sono palline ma risonanze, qui la lettura di questo articolo:

http://www.spazionica.org/index.php?option=com_content&view=article&id=4&Itemid=113

le potrebbe risultare utile, nell'articolo viene messo in luce che i fondamentali della materia non sono da ricercare nelle particelle o nei costituenti dell'atomo / nucleo (quarks),

ma piuttosto nelle proprietà e caratteristiche elettromagnetiche dello Spazio che assieme al meccanismo della risonanza ne permettono e regolano l'esistenza.

e ancora da un commento su un post precedente:

Lo spazio ha una frequenza di risonanza e permette l'autolegame,
nel modello proposto non c'è dicotomia,

lo spazio è esso stesso energia e partecipa all'edificio dell'atomo, lo mantiene.

La materia è un fenomeno elettromagnetico e il dualismo onda corpuscolo è un falso problema.

Il corpuscolo è un'onda elettromagnetica stazionaria.


Nelle prossime settimane metteremo altri articoli sul sito www.spazionica.org quindi le consiglio di tanto in tanto di dare un'occhiata

SPAXIO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
SPAXIO ha detto...

@Domenico Canino

Mai banale nei commenti che sono sempre veri e propri contributi

Grazie!

Carlo Ravedoni ha detto...

@Domenico,
Che siamo tutti in un insieme di realtà che non riusciamo a spiegare non ci piove. E' impossibile spiegare qualcosa dal di dentro.
Se siamo in una stanza possiamo solo vedere e spiegare le sue pareti. Se queste pareti poi sono trasparenti, possiamo vedere il mondo che ci sta intorno, quindi descriverlo. Ma anche cosi' siamo limitati dalla nostra vista.
Se poi andiamo nel piu' piccolo, possiamo spiegare il mondo del piu' piccolo attraverso il microscopio, ma anche li vediamo solo la realtà degli atomi.
Non so se "la teoria del giocattolo" lo spiega, ma secondo me bisogna "vedere" con altri occhi.

Sono gli occhi del cuore e della mente collegata al cuore. Occorre guardare la realtà attraverso la "Bottiglia di Klein". (http://it.wikipedia.org/wiki/Bottiglia_di_Klein) E per farlo occorrono gli occhi del cuore.
Solo in questa maniera si va al di là, si passa attraverso. Si possono avere quindi percezioni inspiegabili dalla mente che abita la stanza. Questa mente scollegata dal resto del "SE'" che vuole assolutamente "spiegare" e capire e "dare la prova" di tutto quello che vede senza unirsi al tutto, e soprattutto senza unirsi agli altri.
Forse una spiegazione piu' consona della realtà è quella data da Haramein Nassim e da Giuliana Conforto. Ma forse è perché io le capisco meglio con il mio cuore. Ma forse la teoria del giocattolo dice la stessa cosa ma in modo diverso.

Merlian ha detto...

Science is not just about making new discoveries, but about seeing the world in new ways — which then makes new discoveries almost inevitable.
(Paul Rosenberg)

Carlo Ravedoni ha detto...

@SPAXIO
Grazie per la risposta. Sono andato a vedere i link de te proposti (ci diamo del tu ? per me è piu' semplice se no continuo con il lei). Mi ci vuole tempo per "digerirli".

Nel post precedente dici :"Lo spazio ha una frequenza di risonanza e permette l'autolegame". non ho capito.

"lo spazio è esso stesso energia e partecipa all'edificio dell'atomo, lo mantiene". Questo concetto lo capisco. Grazie.

"La materia è un fenomeno elettromagnetico e il dualismo onda corpuscolo è un falso problema". Sono d'accordo.

"Il corpuscolo è un'onda elettromagnetica stazionaria". Sono d'accordo.

"Nelle prossime settimane metteremo altri articoli sul sito www.spazionica.org quindi le consiglio di tanto in tanto di dare un'occhiata". Fai un link quando sono online. Grazie.

Gio2 ha detto...

Ho letto con fatica l'articolo, cercando di cogliere i concetti fondamentali: molto interessante! Sarei curioso di sapere se la Teoria possa fare a meno del concetto/Ente Tempo, che per alcuni è solo una illusione: p. es. Julian Barbour, La fine del tempo, Einaudi 2005: "Se non accadesse nulla, se nulla cambiasse, il tempo si fermerebbe. Perchè il tempo non è altro che cambiamento, ed è appunto il cambiamento ciò che noi percepiamo, non il tempo. Di fatto il tempo non esiste."

Ciao
Giovanni

Mauro elia ha detto...

Introduco anche la non nuova analogia (citata, mi sembra in altri commenti): realtà = software (es. film Matrix, il 13esimo piano..)
In quest’ottica, noi siamo virtuali/proiezioni olografiche ed il “trascorrere” del tempo = refresh
Poco poetico però..

domenico canino ha detto...

@Spaxio
E' veramente una cosa complessa. Sono d'accordo che usare compartimenti stagni tra fisica, chimica ed altre scienze, fa perdere l'unità del tutto. Oggi ci si specializza e perde di vista la vision complessiva. Per quanto riguarda la teoria che le particelle non sono crpuscoli ma risonanze, mi dispiace ma non capisco. Cosa cambia? Per me non ci sono limiti nella ricerca nell'infinitamente piccolo e nell'infinitamente grande. Ci sarà sempre un altra frontiera da superare. E' una scala con infiniti pioli, ogni volta che si sale un piolo più in alto, si è convinti di avere una visione più ampia e definitiva, ma poi se si guarda bene, si intravede un altro piolo che ci porta ancora più in alto...

Carlo Ravedoni ha detto...

@ Domenico
"E' una scala con infiniti pioli, ogni volta che si sale un piolo più in alto, si è convinti di avere una visione più ampia e definitiva, ma poi se si guarda bene, si intravede un altro piolo che ci porta ancora più in alto".
Secondo me siamo qui per fare questo, tra altre le cose.

Mahler ha detto...

@SPAXIO

Ho letto velocemente e personalmente penso che ci siano sicuramente spunti interessanti, insieme a qualche imprecisione o a commenti a mio avviso evitabili (che rendono il lavoro gratuitamente meno “professionale”), ma nel complesso vale la pena leggere, in quanto stimola di certo la riflessione. A occhio direi che un modello del genere, se veritiero, sarebbe molto più unificante del Modello Standard quanto a unificazione e profondità, ma, tuttavia, qualche gradino sopra a una possibile Teoria del Tutto.
La mia impressione è che la tendenza oggi sia quella di ridurre tutto, materia, energia e spazio e tempo compresi a --> proprietà (o a fenomeni emergenti) di un'unica singola cosa: l'informazione.
Se ho capito bene (ma può essere anche di no), nel vostro giocattolo molte costanti note (velocità della luce, etc.) sono proprietà dello spazio-tempo-vixio-sfizio stesso. Ma non spiegate perché (ma forse non l'ho colto io) sono esattamente quelle e non altre. Chi ce le ha messe?
Un'idea che a mio avviso andrebbe molto più in profondità sarebbe quella di capovolgere l'approccio e pensare che lo spazio e il tempo stessi siano fenomeni che a loro volta emergono dal modo in cui l'informazione interagisce con sé stessa – se il vostro giocattolo fosse vero, dal modo in cui l'informazione prima, il “fotone” – ma si tratterebbe in realtà qualcosa di molto più primitivo – interagirebbe con tutti gli altri “fotoni”, creando l'apparenza di spazio, tempo, risonanze-particelle, etc. etc. Sempre che questo giocattolo fosse vero. Io cambierei a questo punto anche il termine “interazione”, in quanto rimanderrebbe al tempo e allo spazio – ma noi stiamo parlando di un livello in cui queste dimensioni perdono di significato: io parlerei di “ralaticità” (= quanto un'informazione è relata, connessa, dipendente, da altre informazioni circostanti), statica, non-geometrica.
Potremmo pensare ad esempio che quello che noi chiamiamo “valore della velocità della luce nel vuoto” (strettamente legato al fenomeno dell'entanglement), o il valore delle altre costanti, dipenda dalla quantità di informazione presente nel giocattolo e a come essa è correlata. In parole più povere: come e quanto a un'informazione è concesso essere “relata” con il resto dell'universo circostante in confronto con altre parti più “prossime” o più “lontane” (ma occhio alle virgolette): una gerarchia logica insomma.
Non mi voglio dilungare troppo. L'idea è che esista un unico, statico, a-spaziale, a-temporale, calderone di microscopici quanti di relazione (chiamiamoli “relatoni”), che non viaggiano e non si muovono (sono parole che non avrebbero neppure senso), “statici”, che formano unicamente un intreccio di informazione e il cui aspetto emergente sarebbe quello che noi chiamiamo “realtà” – tempo compreso. Differenti configurazioni possibili di questi quanti plasmano l'“emergenza” di diverse costanti e dimensioni possibili (temporali, spaziali, etc.) e, quindi, di diversi universi possibili.
Alcuni aspetti del Modello Standard astronomico, per quanto spieghino cose altrimenti inspiegabili sono pillole dure da digerire così per come sono. Ad esempio: e se la tremenda velocità di espansione dello spaziotempo durante l'epoca inflazionistica fosse semplicemente dovuta a una diversa “relaticità” dell'informazione in quell'“epoca” (ancora occhio alle virgolette!)?
Ho parlato fin troppo… buona fortuna! ;)

hint ha detto...

Credo sia in tema....

http://ombrevirtuali.blogspot.com/

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mahler
Ehilà, ben riaffacciato! :-)

Mauro elia ha detto...


Facendo riferimento al libro Universo mente e materia di David Bohm, (che conoscerete) e riprendendo l analogia con realtà come un software, allora gli sviluppatori del software siamo noi con le nostre menti, aprendo così via via degli scenari sempre nuovi..

mauro bertini ha detto...

Forse l'informazione contenuta in questo universo pseudomateriale allora è collegata al "vuoto portatore di informazione"ed è in grado di modificarlo. Come dire se molte persone sono convinte che le reazioni tipo lenr esistono l'universo cambierà affinche' queste esistano

Silvio Caggia ha detto...

@spaxio
Ho letto con interesse il vostro documento. Apprezzo l'approccio, l'intenzione di ripartire da zero cercando nuovi paradigmi, ovunque questo porti...
La mia comprensione del documento è molto parziale, mi permetto comunque alcuni commenti sparsi.

"Questo nodo va affrontato a nostro parere, solo attraverso lo studio e l’analisi, degli invarianti di scala ovvero: lo spazio ed il tempo ed anche lo spazio-tempo ed anche il tempo-spazio."
Vi segnalo che nel secolo scorso Larson si era posto lo stesso obiettivo postulando che l'universo avesse un unica base (invece che le vostre 2), lo scalar motion, e deducendo da questo tutta la fisica.
Spazio e Tempo sarebbero secondo lui solo manifestazioni di un'unica entità.
Per approfondimenti googlate RS2theory.

"dobbiamo pensare in grande, dobbiamo cercare non una Teoria del Tutto valida per questo Universo, ma una teoria del tutto che cerchi di comprendere tutti Gli Universi Possibili a parità naturalmente di condizioni."
Sticazzi! :-D

"assiomi di “esistenza” e di “relazione”"
Mi fate ritornare in mente i tempi in cui facevo l'analista-dati ed il mio lavoro quotidiano era rappresentare la realta' attraverso diagrammi entità-relazione... Ero diventato una specie di cyborg che sul suo monitor della realtà sovrapponeva in tempo reale tali schemi che si costruiva mentalmente... :-D
Per quanto quindi mi trovi molto bene con questa dualità esistenza-relazione, mi viene però il dubbio che possa essere un po' troppo "umana" come visione... Avete valutato e scartato altri assiomi di partenza? Se sì, quali?

"Big-bang"
Qual è quindi la vostra visione del Big-bang?
Io contestualizzo storicamente la teoria del big-bang come una invenzione dei gesuiti... non vedo l'ora che sia falsificata... :-)

"devono quindi essere presenti tre dimensioni dell’ente Spazio e tre dimensioni dell’Ente Tempo."
Su questo siete in perfetto accordo con Larson! Per lui sono la conseguenza di uno scalar motion con 3 dimensioni.

Silvio Caggia ha detto...

@mahler
Non ci posso credere!
Proprio ieri ti "evocavo" in un commento sul gruppo facebook che sai scrivendo a Vettore: "Mi ricorda tanto quello che diceva Mahler su 22 passi, ti ricordi? :-)", e tu poco dopo riappari!
Credevo fosse necessario invocare il tuo nome 3 volte... :-D

Silvio Caggia ha detto...

@mahler
quando parli di informazione alla base di tutto l'universo mi ricordi indopama che ci mette il pensiero...
Che differenza c'è tra la tua "informazione" ed il suo "pensiero"?
Io temo che il pensiero, come anche l'informazione, siano qualità emergenti... Prima che esistessero l'uomo o gli animali in questo universo non c'era pensiero, e da un certo punto di vista non c'era nemmeno "informazione" visto che nessuno poteva essere "informato"...
Boh... È proprio vero che gli estremi in fondo in fondo si uniscono... :-)
Se siamo ragionevolmente certi che questo universo si espanda, di moto scalare, da sempre, allora il moto scalare è l'unica vera invariante a cui ricondurre tutto: spazio, tempo, energia, informazione, massa...

Briel ha detto...

http://i.imgur.com/XGFHVz2.jpg

gio ha detto...

>http://www.cobraf.com/forum/topic.php?reply_id=123576524#123576524

>Ormai è ora di lanciarsi in qualche previsione ...


........se MFMP raggiunge l'autosostentamento, direi che Rossi & c fanno bingo!!

gio ha detto...

OT : avrei bisogno un informazione tecnico scientifica, e se non me la date qui non so proprio chi sappia darmela:)

per avere un idea :il peso di un mc per diversi tipi di materiali dal più pesante al più leggero......................grazie!

Mahler ha detto...

Stamattina mentre mi facevo la doccia, dopo due ore di stress dietro a email di lavoro, sono arrivato alla conclusione che i buchi neri non esistono.
O meglio, esistono.
Let me explain.
Immaginiamo un buco nero isolato che vivrà per un trilione di anni prima che la radiazione di Hawking lo faccia fuori. E immaginiamo che Silvio Caggia voglia farcisi un tuffo. Bene.
Un po' prima che raggiungerà l'orizzonte vedremo la sua manina che ci stava salutando rallentare tremendamente, la sua luce spostarsi verso il rosso, infrarosso, radio, etc. e penseremo che il povero Silvio sia ormai spacciato. Noi però avremo la pazienza di aspettare quel trilione di anni in attesa del botto finale del buco nero. La manina di Silvio avrà fatto pochi scatti in tutti questi millenni, forse a stento mezzo, che ecco, toh! gran botto finale del buco nero! con tanto di ombra di Silvio stampata in 2D.
Cosa avrà visto Silvio in quei suoi cinque secondi di caduta libera durati miliardi di anni per il resto dell'Universo? Un orizzonte rimpicciolirsi velocemente e farsi sempre più caldo, allontanandosi da lui per poi esplodere piuttosto rapidamente e festosamente.
E il nostro Silvio si ritroverà fra un trilione di anni, sparato a velocità relativistica, senza più alcun buco nero di fronte a lui.
Di certo non potrà mai aver raggiunto quella vicinanza all'orizzonte tale per cui nell'universo circostante saranno passati, che so, due trilioni di anni, il buco nero sarà già esploso: il trilione di anni non si tocca.
Ed ecco il ponte di Einstein-Rosen: il buco bianco è in realtà il buco nero stesso spalmato nel futuro e il paradosso dell'informazione perde di significato.
Le cose dovrebbero essere in realtà molto più complesse, bisogna pensare che lo stesso deve accadere a tutta la materia che è caduta prima di lui e mi vengono in mente alcuni paradossi che andrebbero risolti, ma dovrebbe essere certo che il nostro Silvio non solo non potrà mai raggiungere l'orizzonte (come afferma la teoria classica), ma che addirittura non potrà mai avvicinarsi all'orizzonte più di un tot (questa la novità della mia doccia di stamattina).
È assai verosimile che qualche meccanismo trasformerà il nostro Silvio in radiazione elettromagnetica, ma a quel punto era finita l'acqua calda e son dovuto uscire dalla doccia.
Buon viaggio, caro Silvio! :)

@Alessandro

Buon anno! :)

@Silvio

> quando parli di informazione alla base di tutto l'universo mi ricordi indopama che ci mette il pensiero...

Buon anno anche a te! :)
Proprio, uguale uguale.

Silvio Caggia ha detto...

@gio
Se non ho capito male cerchi questo:
it.m.wikipedia.org/wiki/Peso_specifico

Silvio Caggia ha detto...

@mahler
Ma che cavolo! Devo ancora vedere interstellar e tu mi spoileri tutto! Uff... :-D

gio ha detto...

@ silvio

grazie!

triziocaioedeuterio ha detto...

http://www.ecat-thenewfire.com/blog/ethylene-runaway-lenr-reactions/

Mahler ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mahler ha detto...

Dopo breve ricerca ho scoperto che per ora si avvicinano alla mia doccia di stamattina solo alcuni fautori della Gravità quantistica a loop.
Per salvare Silvio dobbiamo trovare un meccanismo che batta sul tempo la radiazione di Hawking – magari prevenendola del tutto – e che contemporaneamente faccia perdere massa al buco nero. Solo così l'informazione sarà salva u.u
Ohmmmm…

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mahler
"...Per salvare Silvio..."

Lascia perdere le tentazioni salvifiche, cerchiamo invece di assicurarci dell'opposto ;-)

Mahler ha detto...

Alessandro Pagnini ha detto...

> @ Mahler
> "...Per salvare Silvio..."
>
> Lascia perdere le tentazioni salvifiche, cerchiamo invece di assicurarci dell'opposto ;-)

Già già :)

Silvio Caggia ha detto...

@mahler
@Alessandro Pagnini
Vi consiglio questo documentario sui buchi neri... Altro che Interstellar... :-D
http://m.youtube.com/watch?v=uVoWNE268hI

indopama ha detto...

@Daniele
magari potresti fare un articolo per ogni principio ermetico, cosi' da studiarli un po' meglio e riuscire a trovarci la relazione con la realta'.

gio ha detto...

http://www.cherokeemap.com/sample-page/cherokeemap-in-china-2/

Mahler ha detto...

Grande Pappi Corsicato! :)

Merlian ha detto...

Intanto la Toyota annuncia:

http://www.motorlife.it/55094/auto/foto/brevetti_auto_idrogeno_toyota.html

domenico canino ha detto...

@silvio
pensa che io il film di corsicato l'ho visto in sala a Napoli; doppia goduria;

Gdmster ha detto...

@Merlian
OT
Il 26 sono su da te per tutta la settimana (ICT-14 Rogier)
Ci si vede?
OT

Buon Anno a tutti

Daniele Passerini ha detto...

@indopama
magari potresti fare un articolo per ogni principio ermetico, cosi' da studiarli un po' meglio e riuscire a trovarci la relazione con la realta'.
Scusa il ritardo, non ho avuto modo di risponderti prima. L'idea è stimolante. Potrei riportare il testo latino della Tabula Smaragdina e alcune delle traduzioni più comuni, in italiano e in inglese, come quella di Isaac Newton (N.B. anche in questo caso, come in tanti altri, ci è più di aiuto la voce inglese di wikipedia, piuttosto che la voce italiana).
Ne verrebbero fuori 14 post da centellinare in modo che su ognuno posa svilupparsi una utile e produttiva discussione.
0) Verum, sine mendacio, certum et verissimum:
1) Quod est inferius est sicut quod est superius, et quod est superius est sicut quod est inferius, ad perpetranda miracula rei unius.
2) Et sicut res omnes fuerunt ab uno, meditatione unius, sic omnes res natae ab hac una re, adaptatione.
3) Pater eius est Sol. Mater eius est Luna, portavit illud Ventus in ventre suo, nutrix eius terra est.
4) Pater omnis telesmi[12] totius mundi est hic.
5) Virtus eius integra est si versa fuerit in terram.
6) Separabis terram ab igne, subtile ab spisso, suaviter, magno cum ingenio.
7) Ascendit a terra in coelum, iterumque descendit in terram, et recipit vim superiorum et inferiorum.
8) Sic habebis Gloriam totius mundi.
9) Ideo fugiet a te omnis obscuritas.
10) Haec est totius fortitudinis fortitudo fortis, quia vincet omnem rem subtilem, omnemque solidam penetrabit.
11) Sic mundus creatus est.
12) Hinc erunt adaptationes mirabiles, quarum modus est hic. Itaque vocatus sum Hermes Trismegistus, habens tres partes philosophiae totius mundi.
13) Completum est quod dixi de operatione Solis.

Antonio ha detto...

Sono OT rispetto all'argomento ma credo sia interessante per tutti la "guerra" scatenata da GSVIT (con due lavori di Mario Massa) che ha trovato un errore metodologico nelle misure senza il quale non c'è eccesso di calore nella cella di Mizuno:
https://gsvit.wordpress.com/2014/12/04/analisi-della-calorimetria-della-cella-mizuno-e-del-relativo-report-di-jed-rothwell/
https://gsvit.wordpress.com/2015/01/05/misura-calorimetrica-sulla-pompa-md-6k-n-utilizzata-da-tadahiko-mizuno/
http://www.mail-archive.com/vortex-l@eskimo.com/msg100724.html

La questione mi pare importate visto che parliamo di Mizuno, mostro sacro della FF, qualcuno se la sente di fare un review "terza" dei vari lavori?

Alain Coetmeur ha detto...

off topic:
http://www.electroyou.it/m_dalpra/wiki/la-fusione-fredda-si-scalda
La fusione fredda si scalda

hope this helps

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Daniele
Mi raccomando la traduzione (magari ben fatta) ad uso del volgo ignorante (firulì, firulà ...perchè guardate me? ;-) ).

Come disse Don Zaucker l'esorcista (mitico personaggio del "Vernacoliere" di Livorno), durante una sfida teologica: "Non cominciamo col latino, che io ho fatto l'ITI" ;-) :-D

Mauro elia ha detto...

Non seguo bene la FF e quindi non conosco Mizuno, però se vogliono convincere i creduloni come me, che è una cavolata (la FF) devo vedere Rossi sbugiardato.. Se lo fanno con Mizumo x me, non cambia nulla.. Adesso costruisco anche io una stufetta che non ha cop maggiore di 1, loro certificano che è una stron***a e in questo modo pretendere di mettere in dubbio la esistenza del fenomeno..

Paul ha detto...

Rossi se ne frega altamente di tutti i critici e demolitori. Fino ad oggi tutte queste "brave persone" gli hanno solo fatto un gran favore, spargendo ampiamente in giro tutto questo letame assieme all'idea che non poteva avere niente in mano. E così "quelli che contano" lo hanno ampiamente sottovalutato e ignorato. E Rossi ha potuto lavorare tranquillamente facendosi i fatti propri e sviluppando la sua tecnologia.

Oramai, se queste "brave persone" volessero fare il male di Rossi, dovrebbero, per assurdo, parlarne bene dappertutto, in tutti i blog e forum.

Ma oramai è troppo tardi per qualsiasi azione di freno. Tra fine 2015 e inizi 2016 ci sarà l'esito finale dell'impianto da 1MW, come ha detto Rossi. Lui sa il fatto suo ed evidentemente le cose stanno andando MOLTO bene.

Mauro elia ha detto...

Premesso che io sono il primo idiota sulla faccia della terra, questi ^detrattori^ non mi paiono esserlo di meno..

AleD ha detto...

@Paul
"
Ma oramai è troppo tardi per qualsiasi azione di freno. Tra fine 2015 e inizi 2016 ci sarà l'esito finale dell'impianto da 1MW, come ha detto Rossi. Lui sa il fatto suo ed evidentemente le cose stanno andando MOLTO bene.
"
L'accendiamo? E se invece a fine anno è ancora li che tergiversa, poverino?
Nel 2016 facciamo che rossi lo inizieremo a scrivere con la r minuscola?
La sua (di rossi) voglia di convidere le chiacchere, i sogni, e i proclami non ha rotto abbondantemente i zebedei?
Ma che sparisse, tacesse, facesse quel cavolo che deve fare, e se ne uscisse fuori di nuovo quando è ora! Cos'è, un altro malato di mania di protagonismo?
Bah.

Paul ha detto...

@AleD: Scusa, ma se leggere di Rossi ti fa tanto male, perché farlo?
Evitare ciò che nuoce. Tanto resta tutto scritto e memorizzato, positive or negative :) A tempo debito, e con molta serenità, vedremo.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mauro Elia
Il GSVIT sta facendo un'opera meritoria. Voler estendere un risultato ottenuto in un esperimento, a tutto un filone di ricerca, è un'estrapolazione avventurosa, direi dovuta all'intima e legittima, ma tutt'altro che verificata, convinzione che la FF sia composta solo da solo frodi o errori. Credo che questa sia convinzione comune di tutti i membri del gruppo e ogni tanto traspare, magari in modo che forse può essere definito inopportuno o quantomeno che può urtare chi ha idee diverse, ma se metto su un piatto della bilancia il lavoro che svolgono (ricordiamoci che la verità dev'essere un fine comune) e, almeno finora lo credo fermamente, la correttezza con cui lo fanno, anche se a volte posso udire un suono che mi appare una 'stecca' dovuta al 'bias', il bilancio è, a mio personale giudizio, ampiamente positivo. Vogliamo concederci reciprocamente, ogni tanto, il diritto a far trasparire un po' della nostra....tifoseria, senza prendercela più di tanto? :-)

@ AleD
Rossi non va a giro per blog a dire che devi tacere. Se ne sta sul suo, parla della sua invenzione, della quale, se sarà confermata, ha di che andare fiero. I tempi che passeranno prima di vedere una commercializzazione dell'E-CAT disturbano anche me, che continuo a credere che quella macchina un qualcosina di rivoluzionario forse ce l'ha e proprio per questo a me il dilatarsi dell'attesa scoccia assai. A volte prende anche a me la voglia di disinteressarmi delle vicende di Rossi, che comunque ha tutto il diritto di continuare a tenere i riflettori accesi su di sè, magari anche solo in una sorta di 'ego trip' riparatore di quanto ha dovuto tribolare in passato. Se non mi interessa perchè non gli credo, o perchè al momento non soddisfa le mie aspettative, mi rivolgo comodamente ad altro e non credo che Rossi verrà a molestarmi sul forum dei programmatori. Certo se sto sul Jonp e pretendo di non vedere dichiarazioni di Rossi, è come andare in Duomo e non voler sentire messa. Se poi Rossi sta dicendo un sacco di fregnacce e lui e IH ci stanno meleggiando, saremo noi che ci abbiamo perso tempo ad essere, in qualche misura, parte lesa. Una persona che a Rossi non dà alcun credito e che si lamenta delle sue uscite, peraltro circoscritte a pochissimi ambiti e ben conosciuti, la capisco male. E' tanto difficile dedicarsi ad altro e farsi una silenziosa risata degli stupidi che invece ancora vanno a consultare il Jonp? perchè invece c'è questa voglia/esigenza di mettere un bavaglio a Rossi?

Robbins ha detto...

@Daniele Passerini

Perché non fare un post, invece che sulla Tabula Smaragdina, sulla figura di Franz Tausend? Wiki va letta in tedesco, la corrispondente voce inglese non vale nulla. Non mi sono mai divertito tanto. Alchimie ...

Mauro elia ha detto...

@ Alessandro Pagnini
Sicuramente fanno un lavoro utile, sono io che purtroppo non riesco a cogliere limportanza del loro operato.. dopodiché facciano.. sono liberi..
ieri (davanti l, ingresso di un teatro nel quale si è tenuto uno spettacolo di magia) ho convinto alcune persone a non entrare e a non pagare quindi il biglietto (li ho salvati) stavano per buttare dei soldi per vedere dei trucchi, nulla di reale in ciò che avrebbero visto.. mi sento bene così, non faccio nulla di male, oggi fatto lo stesso a Perugia, domani sarò a Pescara, dopodomani ad Ascoli Piceno.. i maghi mi odiano..

Mario Massa ha detto...

@Mauro Elia
"Se lo fanno con Mizumo x me, non cambia nulla."

Ciò che abbiamo pubblicato (una terzo aggiornamento è in corso) sulla cella Mizuno non pretende di fare cambiare idea ai fiduciosi in Rossi. E', secondo me, la dimostrazione che non ce l'abbiamo con Rossi, ma con chi, in generale, fa dimostrazioni non corrette.
Che non cambi nulla per te ci credo, ma non credo sia lo stesso per la comunità fusionista: se all'interno di essa le persone intellettualmente oneste (spero quindi la maggioranza) avranno voglia di analizzare con calma i nostri risultati, credo dovranno ammettere che l'eccesso di calore proclamato da Mizuno allo scorso ICCF18 non è reale.
Anche se la cosa è passata sotto silenzio, il risultato finale del MFMP sulla cella di Francesco Celani è che non c'è dimostrazione dell'eccesso di calore. Se le loro prossime misure confermeranno le mie negative di 15 anni fa sulla cella Piantelli, che ricordo, ha scritto la base per le ricerche di Rossi, sei sicuro che la tua fede non rimarrebbe un poco turbata? Auguro di cuore a Francesco Piantelli di vedere confermate le sue misure, ma inutile nascondere che sono convinto che le cose andranno diversamente.

AleD ha detto...

@Alessandro Pagnini
"
perchè invece c'è questa voglia/esigenza di mettere un bavaglio a Rossi?
"
Desiderio, è diverso.
rossi scrive quel che vuole, posso dire che personalmente ha rotto i marroni visti i proclami di risultati/tempistiche/modalità disattesi?
E poi, rossi, se la prende con chi gli da del pescivendolo (ricordi gli enne suoi post riferiti ai famosi serpenti scettici?), quando si comporta come tale.
OVVIAMENTE mi sento coinvolto perché so bene quanto l'argomento energetico sia importante e sentire/leggere rossi che cincischia ad oltranza decantando risultati certi da anni mi da fastidio.
Posso dirlo?
E si che a me da un punto di visto logico mi vien da concludere che più uno è interessato all'argomento energetico, più dovrebbe avere voglia di sentir tacere rossi che ha chiaccherato e scritto che metà basta.
Lo vedrei bene a far politica, non l'"inventore".

CLaudio Rossi ha detto...

Che tutte le persone intellettualmente oneste debbano augurarsi che la verità dei risultati sperimentali sia adeguatamente vagliata non si discute.
Credo però che tutte le persone intellettualmente oneste dovrebbero anche augurarsi che una novità, capace di portare enormi benefici a tutti, abbia successo.
Quello che invece traspare da alcuni commenti è l'auspicio inverso, per il rischio che ciò possa mettere in discussione le certezze ereditate che molta gente auspica definitive e immutabili. E' un atteggiamento dettato dalla paura dell'inesplorato. Da chi ha un potente bisogno di vincoli e binari perchè, al di fuori di quelli, la via potrebbe offrire altre possibiltà e scelte....Perchè guardare nel cannocchiale? E' stato già tutto scritto!

Mario Massa ha detto...

@Claudio Rossi
"Quello che invece traspare da alcuni commenti è l'auspicio inverso, per il rischio che ciò possa mettere in discussione le certezze ereditate che molta gente auspica definitive e immutabili."

Non credo esistano scettici che sperano che una nuova fonte energetica non esista. Direi che nel caso della FF molti scettici sono talmente convinti che sia così da non porsi nemmeno il problema. Da entrambe le parti alcune persone hanno esposto certezze talmente assolute da rischiare di essere beffeggiate nel caso che un giorno la verità dia loro torto. Questo li porta a negare anche l'evidenza quando qualcosa sembra andare contro le loro convinzioni.
GSVIT non nega di pensare che la FF sia una nuova edizione dei raggi N, una sorta di follia collettiva cui si sono aggregati (questo è storia) imbroglioni e imbroglioncelli, ma si sforza di affrontare le analisi nel modo più obiettivo possibile, non dando nulla per scontato. Se un giorno dovessimo verificare una prova certa dell'esistenza di qualcosa di positivo, stai certo che tutti i membri di GSVIT non solo non negherebbero, ma festeggerebbero insieme a tutti i be e unbe intellettualmente onesti, e ammetterebbero di essere stati, fino a quel momento, in errore.

Antonio ha detto...

@Claudio Rossi io penso che se persone capaci (su questo almeno dovremmo concordare tutti) dedicano del tempo a sperimentare e ad analizzare le asserzioni circa queste "novità" lo facciano principalmente perché affascinati proprio dalla novità e guidati dalla passione. Il punto è che se io ho delle conoscenze che ho appreso studiando, che uso giornalmente per progettare, costruire, verificare cose che funzionano prima di accantonarle me ne devo convincere (e mi devono convincere) in maniera adeguata e laica.
Questo approccio può essere letto come "negativo" ma non è così, la sperimentazione e la contrapposizione di teorie è il sale del metodo scientifico che, mi pare, tutti riconosciamo.
Hai scritto che abbiamo un "potente bisogno di vincoli e binari", è una critica che spesso sento muovere agli ingegneri e probabilmente è anche una constatazione che ha un fondamento. Se la guardi da un'angolazione diversa è l'effetto osservabile di un approccio rigoroso che cerca di non lasciare nulla al caso e in molti ambiti questo fa la differenza tra qualcosa che funziona e qualcosa che si rompe, tra informazioni corrette e puntali o meno, tra la vita e la morte delle persone.
Ma l'ingegnere non è assolutamente un "sacerdote" di antiche conoscenze tetragono e riluttante ad ogni cambiamento, non è vero. Pochi ambiti professionali si sono evoluti così velocemente negli ultimi 50 anni e una quantità incredibile di novità (anche radicali) è stata "assorbita" e studiata in ogni dettaglio.
Ma la "novità" deve essere spiegata, compresa, vivisezionata, applicata. Solo così si può innescare quella veloce maturazione che porta le innovazioni in ambito scientifico a diventare scienza applicata, ingegneria e quindi utilizzo quotidiano. Ma primo devono essere "vere".
Per "fede" o per "desiderio" non si fa scienza, non si fa ingegneria, figuriamoci prodotti e cose utili alla vita di tutti.

Mauro elia ha detto...

@ Mario Massa
capirei tutto questo lavoro di misurazione calorimetrica, se tu fossi pagato per farlo, se tu avessi una azienda che lavora nel campo dell, energia che può essere danneggiata dalla FF, se tu avessi da perdere dei finanziamenti nel caso che la FF fosse reale.. invece per diletto o per passione non riesco a comprenderlo.. Stiamo parlando di un fenomeno fisico (FF) che tu non ritieni possibile sottolineo impossibile..
Ma chi metterebbe impegno se non ha interesse per dimostrare che persone dichiarano di fare/ottenere cose impossibili.. Esiste un tizio che sostiene di attraversare letteralmente col proprio corpo un muro di cemento, col tempo molti altri sostengono di riuscire in questa assurdità.. ti invitassero a guardare coi tuoi occhi una dimostrazione di ciò, che faresti, ci andresti a vedere sapendo che si tratta certamente di assurdità e che se lo fanno sicuramente il trucco esiste? Convincimi che sei super partes lo so che esistono persone che dichiarano di avere macchine che producono energia in eccesso e che non si vuole che finanziamenti vadano a ciarlatani.. ma basta dichiarare cavolate x avere finanziamenti? Ma allora chi li prende già dichiara cavolate? Lo fate x proteggere i consumatori dalle truffe... scusa ma io non ci credo.

Mario Massa ha detto...

@Mauro Elia
"invece per diletto o per passione non riesco a comprenderlo.. Stiamo parlando di un fenomeno fisico (FF) che tu non ritieni possibile sottolineo impossibile.."

Premetto che sono tra quelli che, pur ritenendo il fenomeno estremamente improbabile, dicono sempre "mai dire mai", e ti sfido a trovare in tutti questi anni un mio commento nel quale abbia scritto la parola "impossibile". Comunque ti capisco benissimo, perchè il tuo è il modo di pensare comune. L'ingegnere "tipo", come ha scritto sopra Antonio, pensa in modo diverso.

Le cose dichiarate in campo tecnico-scientifico devono quadrare. Se non quadrano ti fanno star male. Non è questione di guadagnarci qualcosa.
Supponi che degli storici qualificati trovino documenti che le loro analisi dicono essere autentici, ove si legge di un ottavo re di Roma di cui non si è mai sentito parlare. Se tu fossi uno storico appassionato, diresti "impossibile, poi tanto non ci guadagno niente che sia vero o meno" o, pur sapendo che la cosa è estremamente improbabile perchè è stata indagata da migliaia di altri storici, e pur sapendo che per te non ha alcun interesse economico, saresti incuriosito e cercheresti di contattare gli scopritori? Sono certo che lo faresti perchè ritieni che la storia che tramandiamo ai nostri figli deve essere (per quanto possibile discernere) vera e non artefatta, non certo perchè vuoi a tutti i costi dimostrare che i re erano 7, nè perchè ci tieni a danneggiare quegli storici, qualcuno magari anche tuo amico. Per noi è esattamente lo stesso.

Mauro elia ha detto...

@ Mario Massa
Aggiungo ancora che solo recentemente ti stai mostrando possibilista riguardo il fenomeno e hai un atteggiamento quasi conciliante.. Invece nei commenti del passato mi ricordo che affermavi l,inesistenza del fenomeno in maniera categorica. Io no penso tu abbia cambiato idea, ma cambiato strategia..

domenico canino ha detto...

@mauro elia
molto interessante la tua analisi: se non credono che Rossi abbia nulla in mano, perchè perdere tempo energie e soldi (alcuni) a confutarne le affermazioni? Solo amore per la scienza e per la verità? Bastava dire nel genaio 2011 (ed io sono qui dal 14 gennaio 2011 e me lo ricordo) non funziona e chiuderla lì; invece sono esattamente quattro anni che confutano e Rossi nel frattempo da malandato e approssimativo è diventato molto ricco e ultimamente sembra anche più spavaldo e sicuro di sè. C'è qualcosa che non mi torna.

indopama ha detto...

@mauro e domenico
il GSVIT ha portato delle prove, voi andate avanti a chiacchiere, c'e' una bella differenza...

Silvio Caggia ha detto...

@Mario Massa
Come ho già detto in passato, gran parte del mio essere believer convinto deriva dallo spiegamento di forze degli unbeliever. E' la logica del cieco dei cappelli: non hai nessun nemico? Bufala. Hai tutti contro? Hai centrato il segno.
Il giorno che sparissero i vari troll, i Mario Massa e le gatte morte allora riconsidererei la mia opinione sull'e-cat.
Insomma, se volete decimare il numero dei believer c'è solo una strategia funzionante da parte dei believer: sparite tutti di circolazione per 6 mesi-1 anno... :-)

Silvio Caggia ha detto...

@aled
"La sua (di rossi) voglia di convidere le chiacchere, i sogni, e i proclami non ha rotto abbondantemente i zebedei?"
Beato te che Rossi ti suona il citofono ogni domenica mattina come i Testimoni di Geova... Io purtroppo non ho questo privilegio... Come ti invidio!
:-D

Silvio Caggia ha detto...

@Antonio
Ovviamente Mizuno avrà ritrattato il suo paper e ringraziato il GSVIT, vero?
Questa è la notizia che devi linkare, altrimenti potremmo pensare che il tuo punto di vista sia parziale... :-)

indopama ha detto...

@Silvio
il punto di vista di Antonio non e' parziale, e' semplicemente il punto di vista di chi ha la necessaria conoscenza per comprendere certi documenti.
anche per me Mizuno si e' sbagliato e il GSVIT no e io non sto da nessuna parte se non da quella della conoscenza.
la prova di Mizuno poi fatta su differenze cosi' piccole (pochi watt e pochi gradi di temperatura) si prestava facilmente ad errori, il chiaro segno di uno sperimentatore poco bravo.
a chi manca la sufficiente conoscenza per comprendere certe cose cosa fa?
lui non capisce ne la prova di mizuno ne quella dello gsvit, quindi ha due scelte:
1- non prendere posizione
2- prendere posizione facendo un atto di fede, lasciando che sia la sua parte emotiva a decidere cosa e' giusto e cosa e' sbagliato.
te la lasceresti progettare casa tua da uno che non sa niente di costruzioni ma che ha una gran fiducia di farcela?

Mahler ha detto...

> Silvio Caggia ha detto…
>
> @Mario Massa
> Come ho già detto in passato, gran parte del mio essere believer convinto deriva dallo spiegamento di forze degli unbeliever. E' la logica del cieco dei cappelli: non hai nessun nemico? Bufala. Hai tutti contro? Hai centrato il segno.

Seguendo questa logica dio esiste, basta contare gli atei.

Antonio ha detto...

@Silvio: premetto che il mio punto di vista è molto parziale anche perché conosco le persone di GSVIT (Mario Massa personalmente ed è stata una piacevole sorpresa) e, nel mio piccolo, do anche una mano (diciamo che faccio le fotocopie :-) ).
Il metodo di lavoro è ineccepibile: formulare ipotesi, verificarle teoricamente e praticamente, ascoltare le critiche (anche interne al gruppo), analizzare e verificare nuovamente.
Anche quelle scontate: se vedi la discussione del momento sulla pompa di Mizuno anche andando a fare test sostanzialmente inutili (tipo quello relativo alla sezione del tubo di mandata, chiunque conosca la teoria delle pompe centrifughe, o si prenda la briga di studiarla avrebbe avuto la risposta).
Nessuno ha chiesto a Mizuno di ritirare un articolo (per per inciso è di Rothwell), io penso che il lavoro di GSVIT ha fornito importanti informazioni a Rothwell e Mizuno. Ora sta a loro decidere cosa farne, Rothwell non mi pare partito molto bene chiudendosi a riccio (anche in maniera alquando sgarbata) che per inciso è un comportamento che trovo ricorrente tra gli scienziati coinvolti nella FF e che trovo estremamente deleterio e autolesionista ed il principale motivo per il quale, in 25 anni, non ci siamo sostanzialmente mossi di un millimetro (lasciamo da parte Rossi che gioca un'altra partita).
Devi ammettere che è stupefacente come molti di questi ricercatori intendono il metodo scientifico: "io ho visto la luce e non ammetto discussioni", più che metodo scientifico a me pare metodo integralista.

Ti faccio una domanda; nell'obiettivo di affermare questa "rivoluzione" secondo te quanto vale di più convertire un bè in unbè o il viceversa?
Io una risposta ce l'ho, tu?

Mario Massa ha detto...

@Mauro elia
"Aggiungo ancora che solo recentemente ti stai mostrando possibilista riguardo il fenomeno e hai un atteggiamento quasi conciliante."

Se intendi possibilista riguardo le LENR è esattamente il contrario: all'inizio collaborai con Piantelli, Focardi, Stremmenos convinto che avessero davvero in mano delle prove. Poi i fatti mi hanno portato a convincermi che era tutta una illusione e abbandonai le indagini.

Se invece ti riferisci alla storia Rossi ti sbagli ugualmente: quando seppi del test del gennaio 2011 (ero in Polonia), l'ho scritto più volte, telefonai immediatamente all'amico Focardi per fargli i complimenti. Non avevo dubbi di essere io a essermi sbagliato, Focardi era sicurissimo. Poi, tornato in Italia, analizzai il test e mi apparve pazzesco: nessuno aveva visto il vapore! Nessuno aveva controllato gli assorbimenti elettrici! Fu in quell'occasione che scrissi per la prima volta su 22passi per chiedere a un testimone (Daniele) cosa effettivamente avesse visto. Andai da Focardi e ne discutemmo, uno convinto della correttezza delle misure, uno del contrario. Si può essere amici e vedere le cose in modo opposto, l'importante è l'onestà intellettuale.

Da quel momento non ho mai smesso di affermare che per me siamo davanti a una truffa da parte di Rossi che ha deliberatamente raggirato Focardi. Ma di questo non ci sono prove, per cui rimane una mia opinione. Una misura fatta bene e veramente terza avrebbe chiarito la questione come è avvenuto per il caso Defkalion, ma Rossi si è ben guardato dal concederla. Ovviamente non escludo di essere io a sbagliarmi (e chi mi conosce sa benissimo che lo spero proprio), ma non mi pare che questo possa essere preso come un atteggiamento conciliante.

Silvio Caggia ha detto...

@mahler
Se mi trovi un dominio internet di secondo livello contro una confessione religiosa o contro dio ci comincio a fare un pensierino...

Silvio Caggia ha detto...

@indopama
Non divaghiamo, ho fatto una domanda precisa ad Antonio... Presenti le risposte di Mizuno alle affermazioni del GSVIT visto che mi aspetto ci sia stato un dialogo.
Io sull'argomento sono nel tuo caso 1, ma visto che Antonio ce ne sta parlando grazie a lui possiamo farcene un opinione, no?

Silvio Caggia ha detto...

@Antonio
Mi stai dicendo che da Mizuno e Rothwell GSVIT non ha avuto alcuna risposta o che tu stai sintetizzando le loro risposte invece di riportarle/linkarle?

Riguardo la tua domanda... Non l'ho capita... La puoi formulare in termini più chiari? Quanto vale in che termini? Per chi?

Mauro elia ha detto...

Se fossi capace costruirei un marchingegno dentro il quale posizionare l, una vicino l, altra una grande quantità di giunzioni di josephson sperando che l, effetto tunnel mi tiri fuori piū energia di quella immessa.

Antonio ha detto...

@Silvio: da Mizuno non si hanno notizie, ma è normale visto che la discussione è nata con Rothwell che è l'estensore dell'articolo.
Prima di fare il lavoro scientifico e sperimentale GSVIT ha contattato Rothwell facendogli notare che c'erano delle cose che non quadravano e chiedendo un confronto su questo; la risposta "precisa" (non molto elegante) te la può dare Mario Massa se vuole visto che l'email l'ha ricevuta lui ma il succo è "non capite nulla di calorimetria". A seguito di ciò è stato fatto il lavoro (che al momento consta di 3 articoli con le relative traduzioni).
La prima risposta di Rothwell è stata pubblica e ha detto " If you would like to send them the last sentence please do so. I do not
have the time or the inclination to deal with such people." Valuta tu se questa è la strada per il "dibattito scientifico".

Riguardo la domanda: premetto che io, tu e gli altri (diciamo quasi tutti tranne Rossi ;-) ) non abbiamo interessi economici nella vicenda e quindi la guardiamo da appassionati, da competenti, in ultimi da "utenti finali" ammesso che se ne cavi qualcosa di utile (e al momento pare di no).

Supponiamo per un attimo che dietro queste ricerche ci sia del vero e ci sia realmente eccesso di calore; visto che si sono create due fazioni: i believers e gli scettici, la domanda è:
quale conversione giova di più alla "causa" (la causa è rendere reale e sfruttabile il nuovo fuoco): un Mario Massa che passa dalla parte di Rossi o un Jet Rothwell che passa dalla parte di Camillo Franchini?

Mahler ha detto...

@Silvio

Ti propongo un metodo che di solito funziona: più gli unbelievers sono autorevoli e più sarà una bufala (esempio: “HAARP causa terremoti”), più i believers sono autorevoli e più NON sarà una bufala (esempio: “L'intreccio quantistico è non-locale”).

> Se mi trovi un dominio internet di secondo livello contro una confessione religiosa o contro dio ci comincio a fare un pensierino…

http://www.uaar.it/
http://godisimaginary.com/
http://debunkingchristianity.blogspot.co.at/
https://whynogod.wordpress.com/

Buona conversione :)

Silvio Caggia ha detto...

@Antonio
Per la "causa" ormai gran parte dei giochi sono fatti, quindi credo che nessuna delle due conversioni cambi qualcosa, credo che le cose sarebbero andate diversamente se non ci fossero stati i Camilli Franchini e le gatte morte... Ma viviamo nel migliore dei mondi possibili, per cui...

Riguardo Mizuno: ma il GSVIT contesta la cella di Mizuno o il report di Rotwell? Non conosco nessuno dei due ma dovrebbeste rivolgervi alla persona giusta o regolare bene i vostri titoli e claim...

AleD ha detto...

@silvio caggia
"
Riguardo Mizuno: ma il GSVIT contesta la cella di Mizuno o il report di Rotwell? Non conosco nessuno dei due ma dovrebbeste rivolgervi alla persona giusta o regolare bene i vostri titoli e claim...
"
Se vai sul sito del gsvit e leggi i report magari...

Alessandro Pagnini ha detto...

Non sono un believer, nel senso che non credo ciecamente alla verità dell'effetto Rossi, ma mi ritengo uno scettico ottimista, ossia uno che ha un'opinione positiva sull'argomento, ma non ritiene di essere in possesso di una verità acclarata. In tutto questo e in molto altro, l'indagine del GSVIT io la ritengo benemerita e non mi sorprendo che un appassionato svolga, per hobby, dei lavori che gli consentono di coltivare quella che è una sua inclinazione tecnica (io ho studiato elettronica per passione e sono stato radioamatore per molti anni) e che faccia chiarezza in un campo nel quale magari ha solo interesse intellettuale o comunque lo stesso interesse che abbiamo tutti noi, potenzialmente beneficiati dall'invenzione di Rossi (e mica è poca cosa).
I metodi di indagine del GSVIT vanno benissimo nel campo di un qualcosa che pretende di essere industrialmente applicabile. Non sarebbero utilizzabili in contesti quali quelli citati da Camillo, ma infatti non si sta parlando di quelli, si sta trattando di apparecchi che producano effetti replicabili a piacere. Io sarei felicissimo che Mario, Giancarlo & C., potessero misurare il reattore di Rossi. Confido che avrebbero una sorpresa, ma sono anche disposto ad ammettere che potremmo averla noi. Comunque meglio saperlo per certo piuttosto che seguire una chimera, no? Lasciamoli lavorare e aiutiamoli a indagare, se possiamo, invece di criticarli, visto che fanno un favore a tutti. Magari cerchiamo di disinnescare il loro bias, che potrebbe, anche involontariamente, produrre qualche risultato negativo. Di certo non gli apre le porte di molti laboratori che non hanno nella loro onestà intellettuale, la stessa fiducia che ho io.

Silvio Caggia ha detto...

@mahler
"più gli unbelievers sono autorevoli e più sarà una bufala (esempio: “HAARP causa terremoti”)"
L'autorevolezza di un unbeliever è un ossimoro. Se non credi ad una cosa non ne puoi essere autorevole, più sei esperto in un campo meno sarai capace di comprenderne nuovi paradigmi.
Non ho capito l'esempio su HAARP.

"più i believers sono autorevoli e più NON sarà una bufala"
Purtroppo nemmeno l'autorevolezza di un believer è una garanzia, come l'autorevolezza del Papa in campo di religione cattolica è indiscussa, ma non mi aggiunge nulla sull'esistenza o meno di dio...
E' l'impegno elevato di certi unbeliever professionisti che mi danno sicurezza... Nick che da anni seguono attivamente qualcosa che per loro dovrebbe essere una bufala... E' come se io parlassi male di una trasmissione televisiva ma ne seguissi attentamente tutte le puntate... Sarei scemo, no?

“L'intreccio quantistico è non-locale”
Perché, non è così? L'entanglement è una evidente non località spaziale. Non ho capito nemmeno questo esempio... :-(

"http://www.uaar.it/"
Il loro motto è “Liberi di non credere!”, mica vogliono obbligare qualcuno a non credere...
Anche tu sei libero di non credere all'e-cat, ci mancherebbe! :-)
"http://godisimaginary.com/"
Qui sono elencate tante divertenti tesi per cui dio esiste solo nell'immaginazione. Beh, l'immaginazione di miliardi di persone è già un buon risultato, è una forma di realtà... È giusto dire che nella testa dei credenti dio esiste, è innegabile...
Comincio a vacillare... :-)
Comunque non se la prendono con nessun essere umano in particolare mi pare.
"http://debunkingchristianity.blogspot.co.at/"
Non è un dominio di secondo livello
"https://whynogod.wordpress.com/"
Non è un dominio di secondo livello.
Se c'è una cosa che questi siti mi sembra vogliano far fuori è la spiritualità, ed in effetti io da tempo mi sono convertito verso l'essere una persona spirituale...
Credere in dio è un'altra cosa...
Grazie per i link

Mahler ha detto...

@Silvio

> L'autorevolezza di un unbeliever è un ossimoro. Se non credi ad una cosa non ne puoi essere autorevole, più sei esperto in un campo meno sarai capace di comprenderne nuovi paradigmi.

Questa frase non ha molto senso. Un unbeliever è autorevole se non crede sia vera una tesi riguardante il suo campo di competenza. A proporre il Metodo Stamina è un laureato in scienze della comunicazione, a non credere sono gli scienziati. È un classico esempio in cui gli unbeliever sono quelli “autorevoli”.

> l'autorevolezza del Papa in campo di religione cattolica è indiscussa

Il clero è tra i meno competenti in religione, cattolica o meno. Papa incluso.

> ma non mi aggiunge nulla sull'esistenza o meno di dio...

Se possiamo discutere della competenza del Papa e del clero per quanto riguarda la religione organizzata (intesa come fenomeno umano storicamente costituito), è indiscutibile invece che per quanto riguarda il problema dell'esistenza di dio non abbia neanche i requisiti base. È un filosofo? È un fisico? A che titolo parla?

> “L'intreccio quantistico è non-locale”
> Perché, non è così?

È proprio così. Questo era un esempio in cui quelli autorevoli sono quelli che credono in una cosa come la non-località quantistica, per quanto stramba.

> E' l'impegno elevato di certi unbeliever professionisti che mi danno sicurezza... Nick che da anni seguono attivamente qualcosa che per loro dovrebbe essere una bufala... E' come se io parlassi male di una trasmissione televisiva ma ne seguissi attentamente tutte le puntate... Sarei scemo, no?

Non funziona così. Ti faccio un esempio in terreno neutro. Il mese scorso mi sono abbonato a Kindle Unlimited. Avendo a disposizione libri gratis, ho cominciato a scaricare a destra e a manca. Incuriosito dal titolo ho iniziato a leggere questo libro: Franco Rendich, L'origine delle lingue indoeuropee.
Speravo si trattasse di un testo scientifico. Ma purtroppo sin dalla prima pagina mi sono reso conto che si tratta di fantalinguistica inventata da un tipo suonato, e il libro è pieno di tipiche affermazioni infalsificabili.
Devo per questo smettere immediatamente di leggere?
No, se mi va di leggere lo faccio comunque, in cerca di quello che mi pare, dove e quando mi pare e con la passione che più mi garba. E se trovo il tempo scrivo pure un articolo per smontare il matto perché ne ho voglia. È così che funziona.

Saluti.

Mario Massa ha detto...

@Silvio Caggia
"ma il GSVIT contesta la cella di Mizuno o il report di Rotwell? Non conosco nessuno dei due ma dovrebbeste rivolgervi alla persona giusta o regolare bene i vostri titoli e claim."

Scusami Silvio, ma quando fai il fazioso mi pare che tu lo faccia per metterti sulle difensive, sapendo che affrontare seriamente il problema nel merito ti farebbe perdere.
Mizuno parla poco inglese, a quanto mi risulta (non lo conosco neanche io), tanto che il suo famoso libro "nuclear trasmutation" (che lessi 15 anni fa) era tradotto da Rothwell: dovremmo scrivergli in giapponese?
Rothwell segue Mizuno da una vita e ha eseguito le misure calorimetriche sulla sua cella, esattamente come Levi (anche se solo da 4 anni) sta facendo con Rossi: vuoi dire che per criticare una misura sul hot cat dovremmo chiedere sempre direttamente a Rossi e non a Levi? (a parte che, avendolo fatto, nessuno dei due risponde, mentre Rothwell almeno lo ha fatto ampiamente e se leggi tra i commenti qui su 22passi l'ho ringraziato per la disponibilità).

Se sei serio, e non vuoi sentirti dire da me per la seconda volta che ti comporti da "cretino" (che certamente non sei), leggi il report di Rothwell, la nostra analisi e gli scambi intercorsi (quelli privati non ho l'autorizzazione al momento da parte di Rothwell, ma da parte nostra non abbiamo problemi a renderli pubblici). Poi ne discutiamo qui "alla pari" come abbiamo fatto tante volte.

SPAXIO ha detto...

@Tutti

Grazie dei vostri commenti, per le vostre domande sempre stimolanti, ma grazie soprattutto per aver impegnato del vostro tempo nella lettura di questo nostro lavoro. Che da alcuni commenti, sembra almeno interessante.

E’ difficile e complesso, su questo siamo d’accordo. Ma è la materia ad essere difficile e complessa. Scriverne una sintesi, altrettanto.


Crediamo comunque che il modello proposto sia vincente per comprendere la realtà fisica, indipendentemente dalle nostre singole capacità di esporlo e scriverne.

Questo è il primo commento (risposta) @Tutti ne seguiranno a ruota gli altri alle domande e questioni postate, un solo commento sarebbe stato troppo lungo

SPAXIO ha detto...

@Merlian
"Science is not just about making new discoveries, but about seeing the world in new ways — which then makes new discoveries almost inevitable.
(Paul Rosenberg)"


Citando un noto attore italiano "fussa ca fusse la vorta bbona"

Silvio Caggia ha detto...

@mahler
"Un unbeliever è autorevole se non crede sia vera una tesi riguardante il suo campo di competenza."
Una persona esperta in un campo di competenza tende a considerare falsa ogni tesi che contrasta con il paradigma delle sue conoscenze, quindi è la persona le cui opinioni sono meno autorevoli riguardo una nuova tesi. Non per niente i cambi di paradigma li porta sempre qualcuno che è fuori quel campo di competenza... :-)
I fisici e gli ingegneri nucleari più sono bravi più saranno unbeliever.
Sono quelli che meno bravi che di fronte ad un dato sperimentale avranno meno problemi ad accettarlo per quello che è.
Diversa è la perizia dei tecnici misuratori, li' chi è più bravo nel misurare sarà anche più autorevole nel valutare una misurazione, ma attenzione: deve limitarsi alla misurazione, non giudicare i risultati.
Diversa ancora è la perizia dei detectives, quelli che devono sgamare un eventuale dolo, solo li' chi è più unbeliever è più autorevole.
Non puoi essere tutti e 3, e neanche solo 2.
Insomma il massimo della autorevolezza te la darebbe un team così composto:
- Un ingegnere che misuri asetticamente una quantità
- Un detective che controlli che non ci siano trucchi
- Ed un fisico teorico che urli: "ma non è possibile!"
:-D

"Il clero è tra i meno competenti in religione, cattolica o meno. Papa incluso."
A posto siamo...

"per quanto riguarda il problema dell'esistenza di dio non abbia neanche i requisiti base. È un filosofo? È un fisico? A che titolo parla?"
Forse come teologo? :-)

"E se trovo il tempo scrivo pure un articolo per smontare il matto perché ne ho voglia."
Ecco, in quanti siete che scrivete sui blog di tutto il mondo per criticare questo linguista matto?
Ne ha mai scritto qualche gatta morta?
Ottimo esempio, grazie! :-)

SPAXIO ha detto...

@Mauro elia
“Poco poetico però..”

Perché? La poesia è conseguenza diretta del libero arbitrio, indipendente dalla struttura con cui sono costituite o costruite le realtà fisiche. Passare dall’Australopiteco all’Uomo può anche essere stato inizialmente un mero atto di volontà, ma con il passare del tempo questo si è trasformato in un atto di consapevolezza.

SPAXIO ha detto...

@Carlo Ravedoni

“Se poi andiamo nel piu' piccolo, possiamo spiegare il mondo del piu' piccolo attraverso il microscopio, ma anche li vediamo solo la realtà degli atomi.”

In realtà, stando almeno a quanto accertato sperimentalmente il “più piccolo” è ad alcuni ordini di grandezza inferiori.


“Non so se "la teoria del giocattolo" lo spiega, ma secondo me bisogna "vedere" con altri occhi.”

Possiamo vedere solo con gli “occhi” e gli strumenti che abbiamo.


“Ma forse la teoria del giocattolo dice la stessa cosa ma in modo diverso.”

Fare confronti tra quanto scritto nel nostro lavoro preliminare ed altri studi più maturi e complessi ci sembra, almeno al momento, difficile.


"Lo spazio ha una frequenza di risonanza e permette l'autolegame. non ho capito.”

Stiamo lavorando ad un successivo articolo nel quale affronteremo più in dettaglio le varie questioni rimaste in sospeso. Con questo vogliamo soltanto dire che una spiegazione in questo ambito risulta piuttosto difficile da inserire come commento nel blog.

SPAXIO ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
SPAXIO ha detto...

@Domenico Canino
“Sono d'accordo che usare compartimenti stagni tra fisica, chimica ed altre scienze, fa perdere l'unità del tutto.”

Siamo d’accordo sul fatto che siamo d’accordo. :-)


“Per quanto riguarda la teoria che le particelle non sono corpuscoli ma risonanze, mi dispiace ma non capisco. Cosa cambia?”

Vedere risposta data precedentemente a Carlo Ravedoni faremo un successivo articolo.


“Ci sarà sempre un altra frontiera da superare.”

E’ difficile controbattere a questa interessante affermazione ma la nostra frontiera, quella almeno che noi ci siamo posti è fisica ed è con questa frontiera o limite che ci siamo sempre confrontati ed è sempre doveroso continuare a farlo.

SPAXIO ha detto...

@Mahler
“o a commenti a mio avviso evitabili (che rendono il lavoro gratuitamente meno “professionale”)”

In fin dei conti siamo semplicemente degli amanti della materia, in alcuni casi pero è necessario superare gli schemi normalmente utilizzati


“A occhio direi che un modello del genere, se veritiero, sarebbe molto più unificante del Modello Standard quanto a unificazione e profondità, ma, tuttavia, qualche gradino sopra a una possibile Teoria del Tutto.”

Nessun commento :-)


“La mia impressione è che la tendenza oggi sia… di ridurre tutto... un'unica singola cosa: l'informazione.”

In tempi in cui eravamo molto più giovani ed infervorati pensavamo anche che l’informazione avesse una velocità circa 2 x 10^46 metri al secondo, una specie di refresh.


“molte costanti note…. non spiegate perché (ma forse non l'ho colto io) sono esattamente quelle e non altre. Chi ce le ha messe?”

Anche in questo caso la risposta più estesa sarà oggetto di un successivo articolo. Ma possiamo anticipare, visto che la questione è importante, che nel modello è presente un gamma zero nel quale, come risultato delle permutazioni e disposizioni degli enti, gli enti Spazio e Tempo, non sono presenti. Cosa è contenuto in quel campo?


“Alcuni aspetti del Modello Standard astronomico…”

Vedere risposta che diamo più avanti a Silvio Caggia.


“Ho parlato fin troppo… buona fortuna! ;)”

Questo no, anzi grazie degli spunti e per quanto riguarda la fortuna questa è sempre bene accetta.
P.S. chissà in quale Campo si trova :-)

Silvio Caggia ha detto...

@Mario Massa
Non si può fare tutto nelle vita e per questo avevo declinato la tua offerta di seguire i vostri lavori sulla cella Mizuno. Pensa che mi ero anche letto il vostro report ma non mi ricordo più niente, si vede che sto invecchiando o l'argomento non mi prendeva... :-)
Mi incuriosiva solo l'affermazione qui di Antonio: "credo sia interessante per tutti la "guerra" scatenata da GSVIT (con due lavori di Mario Massa) che ha trovato un errore metodologico nelle misure senza il quale non c'è eccesso di calore nella cella di Mizuno" per cui ero solo curioso di leggere il documento di "resa incondizionata" di Rothwell... Ma a quanto ho capito dai vostri commenti lui è ancora nella foresta convinto che la guerra non sia finita... Mentre per voi dopo aver sganciato le bombe atomiche dell'errore metodologico la guerra è finita...
Magari avvisate qui quando si lascerà catturare e risponderà all'interrogatorio, nel frattempo buona licenza caporale... :-)

SPAXIO ha detto...

@Silvio Caggia
“Vi segnalo che nel secolo scorso Larson si era posto lo stesso obiettivo…”

Abbiamo avuto modo di leggere quanto scritto da Larson. Anche se la nostra lettura non è stata approfondita, non abbiamo colto molti punti in comune con quanto da noi proposto.


“Avete valutato e scartato altri assiomi di partenza? Se sì, quali?”

Rispondere con poche righe a questa domanda è impossibile, questo se si vuole essere compresi.
Ma semplificando molto gli “assiomi di partenza”, si sono palesati nel momento in cui abbiamo posto l’attenzione, sulla per noi fondamentale questione, degli invarianti di scala, o se si vuole sugli enti costituenti la realtà fisica.


“Qual è quindi la vostra visione del Big-bang?”

Molto semplicemente il primo manifestarsi della nostra realtà fisica può essere desunta dalla relazione (5) del modello cosi come scritta nell’articolo. Un solo campo, quello elettromagnetico ed una sola particella, il fotone. Nessun grande botto ma una manifestazione o una nascita come tante (una manifestazione in piccolo :-).

Per quanto riguarda l’inflazione questa è ricavabile dalle relazioni (6) e (4).
La (4) sembra descrivere la nostra attuale realtà fisica.
E interessante in questo caso menzionare un esperimento sui fotoni proposto da Yuz nel suo sito Scienza Laterale

http://www.scienzalaterale.altervista.org/forum/viewtopic.php?f=22&t=10&start=40

Se dovesse dare i risultati cosi come ipotizzati da Yuz questi sarebbero un buon inizio per valorizzare il modello;
ne sono allo studio anche altri ma occorre avere il tempo di pensarli bene e poi anche farli


“Su questo siete in perfetto accordo con Larson! Per lui sono la conseguenza di uno scalar motion con 3 dimensioni.”

Anche in questo caso ci risulta difficile fare dei collegamenti con il lavoro di Larson

SPAXIO ha detto...

@Tutti
Ancora grazie per la vostra attenzione

P.S. Per vostra informazione le risposte date in precedenza sul blog ci siamo imposti di darle sotto l’influsso dei seguenti artisti:
(senza peraltro nessuna prescrizione medica)

Creedence Clearwater Revival
P.O.D. Payable On Death (per chi è di Roma “a babbo morto”)
John Lee Hooker
Manfred Mann
Spandau Ballet (non si sa chi noi due lo abbia proposto)

Mario Massa ha detto...

@Silvio
"per cui ero solo curioso di leggere il documento di "resa incondizionata" di Rothwell"

Credi davvero che finchè i be avranno il tuo modo di affrontare le cose, i vari Rothwell si possano arrendere? Tutto ciò che è "contro" non interessa o si dimentica. E sono convinto che non c'è consapevolezza, è una forma di difesa mentale, la stessa del bigotto o di chi va dal cartomante, la coperta di Linus. Chissà se i vari tecnici che scrivono su 22passi, mi riferisco in particolar modo a quelli fiduciosi come Hermano, Vettore, Gabrichan, Mistero, ma anche ai dubbiosi come Alessandro avranno voglia di fare ciò che tu ti rifiuti di fare e se alla fine vorranno poggiare la loro biglia sul piatto GSVIT o su quello Rothwell. Secondo me molti dei lettori di 22passi, anche se non svolgono nella loro vita un lavoro tecnico, hanno le conoscenze sufficienti a poter dare un giudizio.

Silvio Caggia ha detto...

@Mario Massa
"Credi davvero che finchè i be avranno il tuo modo di affrontare le cose, i vari Rothwell si possano arrendere?"
Il mio modo di affrontare questa cosa può cambiare il comportamento di Rothwell?!?
Voi dite di aver trovato un errore concettuale nell'esperimento di Mizuno-Rothwell e lo avete comunicato a Rothwell. Rothwell alla fine vi può aver risposto in 3 modi:
A) l'errore concettuale non sussiste, vi siete sbagliati voi del GSVIT: vi manda a stendere
B) l'errore concettuale sussiste ed invalida completamente l'esperimento: si scusa, vi ringrazia, ritira il paper "smentito"
C) l'errore concettuale sussiste ma l'esperimento continua ad essere valido anche se con valori diversi: vi ringrazia, aggiorna il paper ora "sostanzialmente confermato" anche dal GSVIT.
Anche senza rivelarci la mail private, ci potete dire quale di queste 3 opzioni è quella che sintetizza meglio il suo pensiero?
Io questo mi aspettavo da Antonio per dovere di cronaca.
Poi se la situazione è tale che non riuscite a mettervi d'accordo tra voi e Rothwell su come stanno le cose, non ho certo io la competenza tecnica calorimetrica per valutare chi ha ragione, non ci provo neanche!

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mario
"...ma anche ai dubbiosi come Alessandro ..."

Il dubbio lo si conserva sempre, come antidoto alla sclerotizzazione delle meningi ;-)
Mi pare di aver già visto qualcosa del vostro lavoro, forse aveva fornito un link Giancarlo....magari su Cobraf ?
Non so se riuscirei a interpretare in maniera convincente il vostro lavoro e poi, come dice Silvio, ci sarebbero da valutare eventuali voci contrarie che potrebbero evidenziare errori da parte vostra. In effetti, sapere se e come reagisce Rothwell, aiuterebbe e a capire.
Detto questo, anche se Mizuno è un nome che ho sentito già citare, non è che la cosa mi scaldi più di tanto (prevengo la tua battuta: "Al massimo ti scalda con COP unitario" ;-) )
Per come la vedo io, la FF, o quel che diavolo sia, ha dato (forse) prova di esistere più con episodi isolati, quasi casuali e magari esplosivi o comunque eclatanti, che non attraverso esperimenti controllabili. La voglia di pensare che si è centrato il cuore del problema, può comodamente far prendere lucciole per lanterne e qui è prezioso il vostro contributo. Non è detto però che la FF sia solo negli errori di misura, come credo pensiate voi. Forse in molti errori di misura, risiede la convinzione di averla 'domata'. Pochi parrebbero esserci riusciti e non vedo l'ora che possano finalmente rendere evidente tale risultato (leggasi: In mercatu veritas :-) ). Finchè tale risultato non sarà raggiunto, rimarrà il mio dubbio....e una salata bolletta del gas!

Mario Massa ha detto...

@Silvio Caggia
"Il mio modo di affrontare questa cosa può cambiare il comportamento di Rothwell?!?"

Se non vado a votare, può cambiare il risultato elettorale? Nessuno vada a votare.

"A) l'errore concettuale non sussiste, vi siete sbagliati voi del GSVIT: vi manda a stendere"

Ha risposto A, rendendosi ridicolo a chiunque sappia fare le 4 operazioni. Dire che il bianco è nero non è mandare a stendere.

"non ho certo io la competenza tecnica calorimetrica per valutare chi ha ragione, non ci provo neanche!"

Però hai la competenza per verificare l'autocarica dei condensatori, il costo energetico delle centrali nucleari, verificare il TPR2, ecc.. Stai mettendo la testa sotto la sabbia.

Mario Massa ha detto...

@SPAXIO
In un mio commento precedente ho messo i primi nomi di tecnici di 22passi che mi sono venuti in mente, ma omettere il tuo in questo post è imperdonabile! A te, se vorrai, 2 biglie.

Mauro elia ha detto...

@ Mario Massa
Mi piacerebbe mettermi d,accordo con te sulla logica che sostiene il tuo modo di agire... esiste un signore che si chiama Mizuno, molto rinomato nel campo della FF (io non l, ho mai sentito nominare, ma questo ovvio non significa niente) dichiara di avere un eccesso di calore che non ha (diamolo per certo) quindi? Avete dimostrato Mizumo non possiede la tecnologia da egli vantata, che significa appunto solo quello.Ti spiego invece la logica che ho io così mi dici dove sbaglio...
Penso che esiste altra vita intelligente oltre la nostra nell, universo, lo penso perché è talmente grande ( l, universo) con miliardi e miliardi di galassie che è probabilissimo anzi direi certo che la vita intelligente esiste su un, altro pianeta di un,altra galassia. Poi nessuno lo sa.. tu vai su marte e mi dici.. guarda che qui non esiste vita intelligente..poi vai su saturno e mi dici, anche qui non esiste vita intelligente.. poi vai su giove e mi dici anche qui non esiste vita intelligente. . Quindi io dovrei smettere di pensare che esiste vita intelligente nell, universo perché tu mi porti queste prove? Secondo me la FF esiste perchè intuisco che sia così, magari non la ha scoperta bene ancora nessuno, neanche Rossi, ma secondo me bisognerebbe cercare, cercare, cercare, cercare, cercare, cercare, cercare, cercare, cercare, che poi la FF la troviamo..

gio ha detto...

eccolo ...nuova puntata dell'ing.Er Ventola:):):

http://www.ecat-thenewfire.com/blog/rossi-effect-visible-without-catalyst/

Silvio Caggia ha detto...

@Mario Massa
"Se non vado a votare, può cambiare il risultato elettorale?"
La scienza non è democratica.

"Stai mettendo la testa sotto la sabbia."
Eh no Mario, avevo declinato l'invito in tempi non sospetti, prima che faceste l'analisi, per cui non accetto la tua accusa.

"Ha risposto A, rendendosi ridicolo a chiunque sappia fare le 4 operazioni."
Bene. Allora dal momento che sei il mio attuale tecnico di riferimento nel campo della calorimetria devo assumere che Rothwell non sa fare le 4 operazioni.
Con la riserva che se qualche tecnico qui che abbia le basi di calorimetria (non io quindi) impugnerà i vostri ragionamenti calorimetrici allora assumerò che siete voi del GSVIT a non saper fare le 4 operazioni.
In ogni caso le mie assunzioni non partecipano ad alcuna elezione democratica scientifica, al massimo all'elezione di boccalone dell'anno. :-D

Mauro elia ha detto...

Io metto la mia biglia sulla teoria Cirilli-Santandrea

domenico canino ha detto...

@mauro elia
ti quoto per la logica indiscutibile; se mario massa va a funghi in un bosco e non ne trova, vuol dire che ha cercato nel posto sbagliato o è andato nel tempo sbalgiato, non che i funghi non ci sono; di contro però qualcun altro in quel bosco i funghi li deve trovare e fotografare con data per affermare che ci siano; a chi spetta l'onere della prova? Ma il punto fondamentale rimane perchè gli unbè perdono tanto tempo su una cosa che non esiste? Non trovo la risposta.

AleD ha detto...

@domenico canino
"
perchè gli unbè perdono tanto tempo su una cosa che non esiste? Non trovo la risposta.
"
Sul perché ha già risposto, e ben chiariamente, Mario Massa:
"
Le cose dichiarate in campo tecnico-scientifico devono quadrare. Se non quadrano ti fanno star male. Non è questione di guadagnarci qualcosa.
"
Con poi il paragone in ambito storico, che magari così ti è più chiaro.

Mauro elia ha detto...

@ Domenico Canino
Almeno io e te la pensiamo allo stesso modo
Poi il punto fondamentale è proprio quello che dici tu.. fanno un sacco di lavoro, Sisifo è il loro eroe.

Mauro elia ha detto...

@ Mario Massa
Ho esagerato.. utile il vostro lavoro per smascherare i ciarlatani, ma direi che non si deve strumentalizzare il ciarlatano per screditare la FF che è un ambito che necessiterebbe ricerca..

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mauro Elia
"... utile il vostro lavoro per smascherare i ciarlatani..."

Io credo che il GSVIT sia utile anche a chi vuole una conferma delle proprie misure, o per scoprire chi può aver commesso un errore in perfetta buonafede.

GuidoGG ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
GuidoGG ha detto...

@Mauro elia

...cercare, cercare, cercare, che poi la FF la troviamo..

Desidero farti notare come la Fusione Fredda esiste con certezza, il termine "Fusione Fredda" è stato coniato per la prima volta per definire la fusione muonica, la quale (ovviamente) esiste,per ora con COP <<1, lo sanno perfettamente sia i bé che gli unbé, su tutto il resto c'è discussione.
Controlla se vuoi su wikipedia.
Per fortuna almeno un punto iniziale di accordo lo abbiamo!

Mauro elia ha detto...

@ Alessandro Pagnini
Certo! Si sbaglia in buona fede.. Per il vero, Se io fossi un imprenditore che deve decidere se investire una grossa somma di denaro su un apparato che si dichiara avere un certo cop sfruttabile commercialmente, mi avvarrei premiliminarmente della consulenza calorimetrica di Mario Massa la cui professionalità non discuto, prima di decidere di fare l, investimento
@ Guido gg
Sono contento che abbiamo almeno un punto di accordo, ma per spiegarmi meglio, dico FF che tiri fuori un cop che sia sfruttabile come fonte energetica

Silvio Caggia ha detto...

@gio2
Anche secondo me non bisogna partire dal tempo. Il tempo è un'illusione. E' una delle categorie mentali umane, ma non esiste tempo senza cambiamento. Lo dice wikipedia stessa:
"si constata facilmente che tutti gli
strumenti di misura del tempo ("orologi") si basano sul confronto (e conseguente conteggio) tra un movimento nello spazio (ad esempio la rotazione o la rivoluzione terrestre) e un altro movimento "campione" (meccanico, idraulico, elettronico), con sufficienti caratteristiche di precisione e riproducibilità.
[...]
In base a queste osservazioni, data la totale sovrapponibilità degli effetti operativi, si potrebbe addirittura assumere direttamente quale definizione
del tempo, in fisica, l'identità con il movimento stesso. In questo senso, l'intero Universo in evoluzione si può considerare il vero fondamento della definizione di tempo; si noti l'importanza essenziale della specifica "in evoluzione", ossia in movimento vario, accelerato: senza movimento, senza variazione anche il tempo scompare!"

Un discorso analogo andrebbe fatto per l'altra categoria mentale: lo spazio.

Da cosa dobbiamo partire quindi?
Come avevo già detto parlandone con Camillo, bisogna pensare all'universo in toto... Che fa' l'universo nel suo insieme a livello cosmico?
Semplicemente si espande scalarmente.
Lo spaziotempo è solo conseguenza di questo moto scalare, un nostro modo di percepirlo.

domenico canino ha detto...

@aled
mario massa lo stimo molto, ma non ha spiegato nulla; se io fossi dall'altra parte, ed avessi pensato che Rossi è un truffatore come si afferma e non tra le righe, dopo aver messo sull'avviso i possibili truffati, mi sarei disinteressato della cosa, con la coscienza a posto; io scrivo su questo blog per il gusto del ragionamento e per malcelato narcisismo di dire alla fine della storia, avevo ragione io che avevo capito tutto, e torto gli altri: se mario massa mi dice che fa lo stesso, massimo rispetto e ci vediamo alla fine della storia. Ma qui spendono soldi e fanno esperimenti, ed io alle favole ancora non ci credo.

GuidoGG ha detto...

@Mauro elia
Sono un possibilista, né bé né unbé, e per me è rassicurante sapere che la FF esista e che anche i più convinti unbé (quelli che non vogliono guardare nel cannocchiale) abbiano a suo tempo dovuto ammetterlo, sebbene a malincuore.
Mi piace ogni tanto ricordarlo, nessuno sa con certezza come si evolveranno gli studi di questo eventuale "nuovo fuoco", io rimango ottimista.

indopama ha detto...

@Silvio
" Lo spaziotempo è solo conseguenza di questo moto scalare, un nostro modo di percepirlo. "

d'accordo ma cos'e' questo nostro modo di percepirlo?
potremmo descriverlo scientificamente?

AleD ha detto...

@domenico canino
Ma fai finta di non capire o proprio non cogli il significato di:
"
Le cose dichiarate in campo tecnico-scientifico devono quadrare. Se non quadrano ti fanno star male. Non è questione di guadagnarci qualcosa.
"

Gio2 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gio2 ha detto...

Julian Barbour "la fine del tempo" è tutto scritto lì

Gio2 ha detto...

@Silvio
Forse dovremmo fare qualche speculazione anche sul concetto di spazio... come il tempo, è anch'esso una nostra percezione? Non è per caso che il tutto sia confinato nei nostri cervelli e che da essi tutto scaturisca e sia "definito"?
ciao

Daniele Passerini ha detto...

@Gio2
Ho inviato pochi giorni fa un commento, non passato alla moderazione, evidentemente...
Ti assicuro che non risulta alcun tuo commento in moderazione. Né avrei avuto alcun motivo di bloccarlo se ci fosse stato.
Un abbraccio

Gio2 ha detto...

Ciao Daniele ho inviato tempo fa un commento chiedendo che effetti possa avere sulla teoria Giocattolo il fatto di non tener conto del Tempo.. Ok grazie del tuo intervento, probabilmente non ho cliccato appropriatamente sul tasto "pubblica"...!!!! Ciao

Mario Massa ha detto...

@Mauro Elia
"Secondo me la FF esiste perchè intuisco che sia così..ma secondo me bisognerebbe cercare, cercare,cercare"

L'intuizione è alla base di molte scoperte e invenzioni. Cioè da lì partono le indagini o i primi tentativi. Però secondo me se dopo 25 anni ciò che ci fa pensare alla loro realtà è ancora solo l'intuizione siamo in pieno nella definizione di scienza patologica.

La ricerca di una prova come sta facendo il MFMP mi pare un atteggiamento più razionale, ma, come ho sempre sostenuto, fino ad ora hanno scelto la strada del tentativo di replica che è perdente. Forse con Piantelli tenteranno finalmente la strada della verifica e in questo hanno tutto l'appoggio di GSVIT.

Paul ha detto...

@AleD:
Questo è un generatore di elettricità alimentato esclusivamente dalla forza di gravità terrestre:
http://risvegliodiunadea.altervista.org/?p=3829

Tu dici: "Le cose dichiarate in campo tecnico-scientifico devono quadrare. Se non quadrano ti fanno star male. Non è questione di guadagnarci
qualcosa."

Bene, le cose affermate dall'articolo suddetto non quadrano affatto, anzi sono totalmente ridicole. Ma non mi fanno star male anzi, mi fanno fare una grossa e bella risata. POI, NON CI PENSO PIU', NON VADO IN GIRO A SCRIVERNE OSSESSIVAMENTE, PENSO AD ALTRO...

Gio2 ha detto...

Stasera sono in vena di scrivere.....!!! Scusatemi... :-)
E' da tempo che mi domando: se, in base a quanto detto precedentemente, in tutte le attuali equazioni che "descrivono" i fenomeni fisici si eliminasse la "T" di Tempo, cosa accadrebbe? Potrebbe essere sostituita da qualcosa del tipo "M" movimento nello Spazio? o similare? che implicazioni? Non sono uno scienziato, nè un esperto, ma solo un "esploratore"....
Ciao

Gio2 ha detto...

@Daniele
non pubblicare questo
Ho visto che in effetti il commento è passato, solo con qualche ritardo e io non l'ho visto... scusami

Mario Massa ha detto...

@domenico canino
"Ma qui spendono soldi e fanno esperimenti, ed io alle favole ancora non ci credo."

Il test che ci è costato di più fino ad ora è stato quello della bombolina (un centinaio di euro o poco più). Il test Mizuno è costato meno di 50 euro per la pompa che Franco ha trovato su ebay. Io ho la fortuna di avere una azienda attrezzata con quasi tutto quello che serve per tutte le prove. Quando manca qualcosa di specifico qualche amico magari me lo presta (come nel caso del PCE uguale a quello di Levi che mi ha prestato Antonio).
Ti sembrano costi eccessivi per 4 ingegneri? Quanto ti costa una settimana bianca? Noi saremo un po' matti (potrei anche togliere il condizionale), ma ci divertiamo così. Forse il problema è che siamo cani sciolti che ci mettono la faccia con nome e cognome, veramente indipendenti e nessuno può imbavagliarci o "orientare" i nostri risultati.

Mario Massa ha detto...

@domenico canino
"io scrivo su questo blog per il gusto del ragionamento e per malcelato narcisismo di dire alla fine della storia, avevo ragione io che avevo capito tutto, e torto gli altri: se mario massa mi dice che fa lo stesso, massimo rispetto e ci vediamo alla fine della storia."

Il tuo sperare alla fine della storia di poter dire "funziona, avevo ragione io" ha un senso. Se il motivo che mi spinge a scrivere su 22passi fosse quello di sperare di dire alla fine "avete visto che non funziona, avevo ragione io" sarei uno scemo.

Silvio Caggia ha detto...

@aled
""Le cose dichiarate in campo tecnico-scientifico devono quadrare. Se non quadrano ti fanno star male. Non è questione di guadagnarci
qualcosa."
Fosse in campo politico mettereste le bombe? :-D

@indopama
Dal punto di vista scientifico lo spaziotempo (3+1) è un frame di riferimento. Per fare un paragone immagina i dati dei tuoi soldi sul conto della tua banca nel loro computer. Quelli sono i dati veri che però tu non vedi direttamente, ma attraverso una applicazione vedi delle colonne di cifre sul tuo schermo. Lo videata sullo schermo è lo spaziotempo (3+1) ma è solo un modo di vedere i dati che NON sono memorizzati così ma in modo più sintetico.

@gio2
Io il tuo commento l'avevo letto ed a quello ho risposto... Guarda bene che c'è... :-)
Riguardo lo spazio il discorso è come per il tempo. Vedi l'esempio fatto a indopama per entrambi.
Una riflessione utile è quella sulle unità di misura: si possono esprimere TUTTE come rapporti tra spazio e tempo elevati alle opportune potenze.
rs2theory.org/natural_units
Alla base di tutto c'è quella che puoi vedere come la relazione tra spazio e tempo, l'unica che genera cambiamento. Puoi vederla come s/t=speed o come t/s=energy.

domenico canino ha detto...

@mario massa
OK, va bene, se è un hobby divertente per voi mi sta bene. Siccome in maniera chiara e palese da fronti opposti ci abbiamo messo la faccia, ci rivediamo alla fine della storia. Al di là del fatto scientifico in sè, mi interessa conoscere il tuo parere sulla personalità di Andrea Rossi. A me sembra un a persona che la vita ha segnato e indurito, l'altro giorno ha risposto su JONP che "alcuni credono ancora che io sono arrivato all'ecat come un imbecille fortunato che gioca col caso, oppure come un truffatore, e questa sottovalutazione costante di me, ha giocato a favore, perchè i grandi gruppi ed i concorrenti, hanno pensato è un imbroglione, e quindi ora ho dieci anni di vantaggio su tutti, e il gatto non è così semplice come sembra, così ora tutti sono molto in ritardo, e non ci prendono più." A me sembra lo sfogo umanissimo di chi ne ha passate tante ed ora gusta una rivincita clamorosa che va al di là del denaro, che ormai ha raggiunto. E poi Mario voi fate sempre i conti senza l'oste che è IH, Allora sono dei polli, e solo voi avete sgamato l'imbroglione? Non vi sembra un pò presuntuoso pensare che un gruppo che mette gettoni minimi di 25 milioni di dollari abbia verificato de visu il funzionamento del gatto. Dove sbaglio nella mia analisi Mario?

Carlo Ravedoni ha detto...

@Daniele, @tutti quelli che se ne interessano.
Porto qui la traduzione che ho trovato qui (http://it.wikipedia.org/wiki/Tavola_di_smeraldo)

0) Il vero senza menzogna, è certo e verissimo.
1)Ciò che è in basso è come ciò che è in alto e ciò che è in alto è come ciò che è in basso per fare i miracoli della cosa una.
2)E poiché tutte le cose sono e provengono da una, per la mediazione di una, così tutte le cose sono nate da questa cosa unica mediante adattamento.
3)Il Sole è suo padre, la Luna è sua madre, il Vento l'ha portata nel suo grembo, la Terra è la sua nutrice.
4)Il padre di tutto, il fine di tutto il mondo è qui.
5)La sua forza o potenza è intera se essa è convertita in terra.
6)Separerai la Terra dal Fuoco, il sottile dallo spesso dolcemente e con grande industria.
7)Sale dalla Terra al Cielo e nuovamente discende in Terra e riceve la forza delle cose superiori e inferiori.
8)Con questo mezzo avrai la gloria di tutto il mondo e per mezzo di ciò l'oscurità fuggirà da te.
9)È la forza forte di ogni forza: perché vincerà ogni cosa sottile e penetrerà ogni cosa solida.
10)Così è stato creato il mondo.
11)Da ciò saranno e deriveranno meravigliosi adattamenti, il cui metodo è qui.
12)È perciò che sono stato chiamato Ermete Trismegisto, avendo le tre parti della filosofia di tutto il mondo.
13)Completo è quello che ho detto dell'operazione del Sole.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Domenico
Io ho un'impressione simile di Rossi. Tecnicamente, infatti, non sono state fornite ancora evidenze tali (nonostante i TPR che qualcosa significano, ma non sono proprio 'tranchant') da poter dire che l'effetto Rossi esiste. Anzi la storia di Rossi e del suo E-CAT può tranquillamente essere sottolineta per varie incongruenze. Tuttavia, l'analisi globale della vicenda, per quanto ne possiamo sapere noi da qui, incluso e non certo in maniera secondaria, l'ingresso di IH/Cherokee (che probabilmente prepara la strada in Cina), mi rendono ottimista. Mario ha visto più volte l'ottimismo tramutarsi in delusione. Anche lui è stato 'indurito' dalla vita, come Rossi ;-)
Ovviamente nel GSVIT danno un'interpretazione e un peso diverso ai vari aspetti, spesso contrastanti, che hanno caratterizzato la vicenda dell'E-CAT in particolare e della FF in generale. Allo stato attuale certezze non ce ne sono. Io rimango ottimista e Mario e come lui penso tutto il GSVIT, stanno invece sul fronte dei pessimisti. Il tempo è galantuomo e l'opera del GSVIT può aiutarci a capire come stanno le cose. Ripeto che vorrei vedere l'E-CAT testato dal GSVIT, ma siccome questo è un desiderio irrealizzabile, me ne faccio una ragione. Ho buone speranze in Rossi, ma l'attendo, con una forse insana fiducia, alla prova del mercato: la prova regina! :-)

Silvio Caggia ha detto...

@Carlo Raverdoni
La frase che meno capisco è questa:
"3)Il Sole è suo padre, la Luna è sua madre, il Vento l'ha portata nel suo grembo, la Terra è la sua nutrice."
Tu come la intendi?

Mahler ha detto...

@Spaxio

> In tempi in cui eravamo molto più giovani ed infervorati pensavamo anche che l’informazione avesse una velocità circa 2 x 10^46 metri al secondo, una specie di refresh.

Domanda: 2 x 10^46 m/s rispetto a quale sistema di riferimento?!? Sistema di riferimento privilegiato? Specchio, specchio delle mie brame, chi è il più fermo del reame? E se anche accettassimo una cosa del genere facendo fuori Einstein, avremmo comunque due patate bollenti davanti a noi ancora da spiegare: spazio e tempo su cui tale informazione si muoverebbe. Non sarebbe un gran passo avanti…
Un'alternativa potrebbe essere quella di immaginare che sia il tempo del Supercomputer su cui gira la Grande Simulazione. Ma in tal caso non faremmo altro che spostare il problema, un po' come si fa sempre con l'esistenza di dio: dovremmo infatti spiegare in che spazio e in che tempo si trovi quel computer (chi ha creato dio?).
No, io sono dell'idea che i panni sporchi si lavino in casa. L'informazione di cui parlavo non può “aggiornarsi”, né “muoversi”, in quanto il tempo stesso non avrebbe senso: groviglio “statico” jè – ma anche la parola “statico” perderebbe di senso.
In quest'ottica la geometria stessa dello spaziotempo, la gravità, sarebbe considerata una forza apparente, un comportamento emergente, a volte chiamato “forza entropica”. C'è anche qualcuno che prova a farci esperimenti falsificabili sopra.

> Anche in questo caso la risposta più estesa sarà oggetto di un successivo articolo. Ma possiamo anticipare, visto che la questione è importante, che nel modello è presente un gamma zero nel quale, come risultato delle permutazioni e disposizioni degli enti, gli enti Spazio e Tempo, non sono presenti.

In attesa del lungo articolo, già intuisco che si andrà sul tautologico (ma spero di sbagliarmi), della serie: “vedi? esiste una velocità che costituisce un limite!”. Ma va?!? Ma se riuscirete a cavar fuori calcoli che senza bisogno di osservazioni sperimentali daranno come risultato un bel numerino preciso preciso, ovvero 299 792 458 m/s, vincerete il Nobel.

@Silvio

Alla doccia successiva ho ripensato al problema dei buchi neri. Purtroppo ti schianterai con l'orizzonte degli eventi contemporaneamente alla sua definitiva evaporazione per un osservatore esterno. Sorry.

> Forse come teologo? :-)

Gliel'hai data tu la laurea in teologia?

> Ecco, in quanti siete che scrivete sui blog di tutto il mondo per criticare questo linguista matto?
Ne ha mai scritto qualche gatta morta?
> Ottimo esempio, grazie! :-)

Purtroppo è così sfigato che nessuno se lo caga. Adesso però mi hai fatto venir voglia di montarci una propaganda contro solo per vederti convertire all'idea che l'indoeuropeo fu inventato a tavolino da uno sciamano-grammatico-stregone che visse al Polo Nord nell'8000 a.C. Che goduria sarebbe!! :)
Ti prego, convertiti!! O:)

gabriele ha detto...

Ciao Mahler,

tu dici:

"Un'alternativa potrebbe essere quella di immaginare che sia il tempo del Supercomputer su cui gira la Grande Simulazione. Ma in tal caso non faremmo altro che spostare il problema, un po' come si fa sempre con l'esistenza di dio: dovremmo infatti spiegare in che spazio e in che tempo si trovi quel computer (chi ha creato dio?)."

Capisco appieno la tua domanda, ma non ne trovo l'utilità.
Hai ragione quando dici che sarebbe semplicemente "spostare il problema", ma intanto ne avremmo risolto uno, e non di poco conto!
Determinare cioè cos'è la nostra realtà (Supercomputer che gioca).
E a spiegare lo spazio e il tempo del supercomputer per ora non ci pensiamo proprio; un passo alla volta, please :)

Sbaglio?

ciao,

gabriele

Carlo Ravedoni ha detto...

@Silvio
Ovviamente quanto segue è frutto della mia comprensione o interpretazione, non è la realtà.

- Il sole : energia del cielo, energia maschile, il fare, l'impulso della vita nel senso del creare, mente. Da sola non fa nulla. Giorno. Luce. Padre. Elementi come il fuoco. Lato visibile chiaro. Voglia di passare all'atto. Simbolo di potere. (orgoglio?)
- La luna : energia femminile, intuizione, accogliere il creare, il riflesso dell'energia maschile, l'altra faccia. (bisogna considerare qui che alcuni dicono che l'energia femminile appartiene alla terra). Notte. Lato oscuro, ombra. Madre. (umiltà?)
- Vento : parola, (non si parla con il soffio ?), Passaggio intermedio (non occorre trasmettere l'idea prima di eseguirla ?) Trasmettere, veicolo dell'idea
- Terra : Alcuni dicono che sia energia femminile. Anch'io la penso cosi'. Ma in questo caso la distinzione con la luna è interessante. La luna è un elemento in piu'. Qui nella "terra" intendo il passaggio all'atto, il fare concretamente, è il mondo fisico. E' dentro questo mondo che si fà, che si esperimentano le idee. Senza questo passaggio non si puo' evolvere verso un'altra idea (in questo caso il Sole, il Cielo, il maschile). Da questo passaggio all'atto ci si nutre. La terra è nutrice anche materiale. Guarda caso è lei che ci dà tutto il sostegno alimentare. Senza di lei non c'è nulla che si possa fare. E' l'indispensabile. Come il resto d'altronde. Secondo me la terra rappresenta il corpo fisico (il nostro)

E' da considerare il fatto che per evolvere e comprendere occorre fare il ciclo seguente :
--> Impulso dell'energia maschile e dell'energia femminile (sole, cielo, voglia di creare; luna, intuizione).
--> Sperimentare (terra), l'adattarsi al nuovo (corpo fisico).
E di nuovo : idea....

Questo è il ciclo che noi abbiamo bisogno di seguire per evolvere e aumentare la nostra consapevolezza (coscienza, che non è quella mentale).

Se interpreto bene quanto scritto, secondo Ermete, il ciclo si completa nel modo seguente :
1)Intuizione, nel senso imulso dell'energia femminile.(luna)
2)voglia di fare nel senso impulso dell'energia maschile.(sole)
3)trasmettere al corpo. (vento)
4)mettere in atto, fare (terra). senza questo mettere in atto. non serve a niente. infatti dice : "Il padre di tutto, il fine di tutto il mondo è qui". E' qui che si "FA" (fare con l'energia del sole, intuire con l'energia della luna, trasmettere con il vento,). E poi dice anche : La sua forza o potenza è intera se essa è convertita in terra. Qui la sua forza è intesa : forza del Sole. Padre.
5)adattamento, feed-back

ciclo : 1->2->3->4->5 ... e cosi di seguito.

Mahler ha detto...

@gabriele

> Sbaglio?

In un modo un po' singolare, ma probabilmente sì, sbagli. Il punto è che, di solito, se una soluzione a un problema ci crea un nuovo problema ancora più inconoscibile, allora è con tutta probabilità sbagliata – e ancor di più se ci sono alcune strade sembrano già promettenti nel risolvere il problema alla radice, facendo coesistere la necessità di avere un'informazione (= esistenza), con la non-necessità di avere un contenitore o una macchina che la processa (= dio, spazio, tempo, computer, etc.).
Ciao! :)

Mahler ha detto...

@Carlo Ravedoni ha detto...

- Il sole : energia del cielo, energia maschile, il fare, l'impulso della vita nel senso del creare, mente. Da sola non fa nulla. Giorno. Luce. Padre. Elementi come il fuoco. Lato visibile chiaro. Voglia di passare all'atto. Simbolo di potere. (orgoglio?)
- La luna : energia femminile, intuizione, accogliere il creare, il riflesso dell'energia maschile, l'altra faccia. (bisogna considerare qui che alcuni dicono che l'energia femminile appartiene alla terra). Notte. Lato oscuro, ombra. Madre. (umiltà?)

Mi ero ripromesso di tirarlo fuori non appena sarebbe uscito fuori lo stereotipo di Sole maschio/attivo, Luna femmina/passiva (stereotipi sessisti a parte).
Vivo in Austria da un po' ormai. In tedesco il sole è femminile e la luna è maschile. E vi assicuro che qui gli stereotipi sono invertiti (con una “donna”, il sole, un po' più attiva della nostra luna – “tipo nordico” – ma sempre femmena jè!), con tutti i clichés annessi e connessi.
Dovrebbe bastare a far tacere queste suggestioni naif sul nascere, facendoci pensare che siamo “agiti” dalla cultura in cui siamo nati (nel caso non bastasse il ridicolo della loro non-scientificità).
Suggestive le immagini evocate, comunque! 8++.
Però fatevi una chiacchierata con un germanofono qualche volta!

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Mahler
"...Però fatevi una chiacchierata con un germanofono qualche volta! ..."

Cerco sempre di parlare con qualche tedesco dopo ogni partita di calcio tra noi e loro, ma chissà perchè si defilano sempre! ;-) :-D

Comunque la tua osservazione è interessante :-)

Carlo Ravedoni ha detto...

@Mahler
"E vi assicuro che qui gli stereotipi sono invertiti (con una “donna”, il sole, un po' più attiva della nostra luna – “tipo nordico” – ma sempre femmena jè!), con tutti i clichés annessi e connessi."
Si è vero che una donna è certamente alcune volte piu' attiva e maschile dell'uomo.
Ma qui non parlo di uomo o donna ma di energia.
Io sono uomo Su questo non ci piove ;-))). Omo sono e omo rimango. Essendo uomo ho in me una parte femminile (femmina, nel senso di intuizione, accoglienza, l'altra faccia, la zona di ombra, ecc...). Ti assicuro che con gli anni sono diventato un po' piu' "femminile", ma non cambia il fatto che "omo sono" (capisse ?).
Jung parla di animus e anima.
"Animus e Anima rappresentano rispettivamente l'immagine maschile presente nella donna e l'immagine femminile presente nell'uomo. Si manifesta in sogni e fantasie ed è proiettata sulle persone del sesso opposto, più frequentemente nell'innamoramento. L'immagine dell'anima o dell'animus ha una funzione compensatoria con la Persona, è la sua parte inconscia e offre possibilità creative nel percorso di individuazione." (http://it.wikipedia.org/wiki/Carl_Gustav_Jung#I_tipi_psicologici).
Secondo me una donna (femmina) puo' essere attiva, cosa glielo impedisce ? E di pari pari un uomo (maschile) puo' essere inattivo (o disattivo) chi o cosa glielo impedisce ? E' questione di energia. Niente altro.
Yin Yang. Anche i cinesi ne parlano : Il primo è femminile. il secondo è maschile.

Carlo Ravedoni ha detto...

Secondo me una donna (femmina) puo' essere attiva, cosa glielo impedisce ? E di pari pari un uomo (maschile)
Correggo : uomo (maschile) volevo dire MASCHIO.

Daniele Passerini ha detto...

@Carlo Ravedoni
Salta agli occhi la corrispondenza del passo della TS che hai citato con i 4 elementi dell'astrologia caldea:
Sole = fuoco
Luna = acqua
Vento = aria
Terra = terra
Che a loro volto ricordano gli stati fisici della materia:
Sole = fuoco = stato plasmatico
Luna = acqua = stato liquido
Vento = aria = stato gassoso
Terra = stato solido
Mi chiedo se la sequenza ( diversa da plasma-gas-liquido-solido) abbia un senso preciso: possiamo passare da liquido a gas (evaporazione) e da gas a solido (brinamento) e all'opposto da solido a gas (sublimazione) e da gas a liquido (condensazione/liquefazione), ma è possibile il passaggio diretto da plasma a liquido o viceversa senza passare per lo stato gassoso?

Daniele Passerini ha detto...

@Carlo Ravedoni
P.S. Plasma in greco significa "cosa formata", "figura", da cui plasmare = DARE A QUALSIVOGLIA MATERIA LA FORMA CONCEPITA NELLA MENTE... perché Langmuir battezzo il quarto stato della materia proprio PLASMA???

Silvio Caggia ha detto...

@mahler
"In quest'ottica la geometria stessa dello spaziotempo, la gravità, sarebbe considerata una forza apparente, un comportamento emergente, a volte chiamato “forza entropica”. C'è anche qualcuno che prova a farci esperimenti falsificabili sopra."
Qualunque teoria che spieghi le cosiddette "forze fondamentali" in termini di emergenza è apprezzabile, penso che ti piacerà questo:
marius-gravity.blogspot.com/2012/06/in-un-recente-articolo-pubblicato-su.html
Anche se trovo più semplice l'interpretazione di Larson della gravità.

"Gliel'hai data tu la laurea in teologia?"
Accendi il cervello... È gesuita, minimo ha due lauree, figurati se non ne ha una in teologia... Ma non fidiamoci della logica, andiamo a controllare...
"Dal 1967 al 1970 studia teologia laureandosi sempre al collegio San Giuseppe."
"professore presso la facoltà di teologia, consultore della provincia della Compagnia di Gesù e rettore del Collegio."
In fondo avevi ragione, non è dottore... È professore! :-D

"l'indoeuropeo fu inventato a tavolino da uno sciamano-grammatico-stregone che visse al Polo Nord nell'8000 a.C."
A parte luogo e data non mi stupirebbe, sono già convertito. Magari l'attuale polo sud e molto tempo prima...

Incredibilmente condivido la tua risposta a Gabriele sul computer-dio... Comincio a preoccuparmi... :-)

Carlo Ravedoni ha detto...

@Daniele
Secondo i 4 Elementi dell'astrologia caldea, è impossibile passare da Maschile a Femminile, da Sole a Luna, da Fuoco ad Acqua. Secondo l'energetica cinese neanche. Non lo so se in fisica si può.

Ma il nostro corpo è fatto dei due elementi e degli altri, certamente. D'altronde senza l'elemento terra niente ossa. L'aria circola nel sangue (acqua).
Acqua e Fuoco sono "elementi" che si completano, che si contrappongono e si aiutano nello stesso tempo. Sono elementi base che non possono esistere senza l'altro.
Se guardo il segno Yin et Yang vedo i due elementi : maschile e femminile, acqua e fuoco che si completano e formano un cerchio.
Se vado poi piu' in là nel ragionamento, e traspongo il disegno in modello tridimensionale, vedo che questi due segno formano una sfera.
Guarda questo video : https://www.youtube.com/watch?v=u0DyNZ5KPLY
al minuto 6:20 vedrai il maschile e il femminile in movimento tridimensionale. nella parte destra vedrai lo yin e lo yang (maschile e femminile).
Ti faccio notare che il doppio toro che gira, per Nassim Haramein è un buco nero.

Carlo Ravedoni ha detto...

@Daniele
perché Langmuir battezzo il quarto stato della materia proprio PLASMA???

Secondo me il motivo è semplice. Per creare ci vuole l'idea senza idea niente si fa.
Il fuoco (sole) è il fare, la parte maschile dunque è da li' che parte l'idea concreta. Che viene dopo l'intuizione.
Ma poi bisogna mettere in pratica. Senno' niente evoluzione, niente accrescimento della consapevolezza che io chiamo Coscienza (C maiuscola).

Daniele Passerini ha detto...

@Carlo Ravedoni
Intendevo far notare l'ironia insita nel fatto che proprio Lamgmuir, che ha coniato il concetto di scienza patologica, ha battezzato il 4º stato della materia con un termine che sembra fatto apposta per evocare l'intervento alchemico del Logos/mente/pensiero sulla materia, dal fuoco primordiale alla Creazione! ;)

bertoldo ha detto...

"P.S. Plasma in greco significa "cosa formata", "figura", da cui plasmare = DARE A QUALSIVOGLIA MATERIA LA FORMA CONCEPITA NELLA MENTE... perché Langmuir battezzo il quarto stato della materia proprio PLASMA??? " perchè dal plasma si trae tutto , anche i subcodici che fanno attivare il DNA . https://www.youtube.com/watch?v=kanYuBp video molto utile a capire che la Teoria del TUTTO può essere identificata con uno Stato della Materia da cui deriva tutto . Leggendo il libro : I segreti dell'acqua si scoprono cose interessanti e manca solo di capire quali sono i segnali che il plasma trasmette all'acqua per attivare la vita . Attivate i sottotitoli , la 4° versione di questo esperimento è ora in "onda" sulla ISS . http://www2011.mpe.mpg.de/theory/plasma-crystal/index_e.html ci sono i precedenti esperimenti . buon viaggio astrale .

bertoldo ha detto...

http://www.hoepli.it/libro/i-segreti-dellacqua-lopera-scientifica-di-giorgio-piccardi/9788883232749.html e costa pure poco , non è tecnico ma un racconto delle mirabolanti avventure dell'acqua ( anche se quello era un'altro libro ...) .

Silvio Caggia ha detto...

@Carlo Raverdoni
il mio dubbio è sul "suo" di suo padre è il sole, sua madre la luna. "Suo" di chi? Di che si sta parlando? Sembra che si cambi soggetto in vari punti...

Carlo Ravedoni ha detto...

@Silvio.
Accidenti che perspicacia. Bravo non ti sfugge niente.
Per suo qui intende "vero". "verità" ? Non lo so.
Vedi il punto 0). ;-))

Carlo Ravedoni ha detto...

@Silvio
"vero" qui intende forse la realtà.
Non stiamo forse descrivendo la realtà, in questo post ?

Mauro elia ha detto...

http://www.lenr-coldfusion.com/2015/01/13/hot-cat-replication-attempt/

Qui ci sarebbe un, altra minireplica del gatto di Rossi, ho visto tra i commenti che l,autore del test risponde.. magari Mario se vuole potrà chiedere qualche cosa di tecnico..

sine sole Sileo ha detto...

@ Bertoldo

non mi funziona il link di youtube che hai segnalato.
E' un problema solo mio?
Grazie
Paolo

Mario Massa ha detto...

@domenico canino
"Dove sbaglio nella mia analisi Mario?"

Forse non sbagli, ma la tua analisi non è una analisi scientifica. Noi facciamo solo una analisi scientifica. Non è che una è giusta e l'altra sbagliata: sono due analisi diverse. Noi (o almeno io) non mi sento di avere conoscenze e informazioni sufficienti per fare il tuo tipo di analisi, mentre penso di averle per il tipo di analisi che faccio. Per te probabilmente è l'opposto. Quando due tipi diversi di analisi danno risultati opposti è normale che nascano differenze di opinioni tra persone con indole differente. Personalmente continuo a ritenere più affidabili le analisi scientifiche, ma ammetto che in qualche caso possano essere miopi. Non credo però che questo sia il caso.

Daniele Passerini ha detto...

@sine sole sileo
E' un problema solo mio?
Direi proprio di no, non si è aperto nemmeno a me.

Silvio Caggia ha detto...

@Carlo Raverdoni
"Il Sole è suo padre, la Luna è sua madre, il Vento l'ha portata nel suo grembo, la Terra è la sua nutrice."
Credo che si riferisca al mercurio dei filosofi, alla pietra filosofale, alla quintessenza, l'obiettivo da raggiungere...
E' una analogia funzionale con l'inizio di una nuova vita:
Padre+Madre
Grembo
Nutrice
Con dei simboli:
Sole+Luna
Vento
Terra
Quindi con gli elementi:
Fuoco+Acqua
Aria
Terra
Ovvero:
Mettere l'acqua sul fuoco,
in un contenitore, fino ad ebollizione,
e mettervi a scaldare a bagnomaria...
Il latte?!?
Forse è una ricetta di pasticceria... :-D

Magari c'entra qualcosa questo:
Deuteronomio 32:13,14,16
Benedictus est a' Domino terzae eius
pretioso Coeli fructu, Rore;
et ex abysso cubante inferne':
pretioso fructum proventuum Solis;
et pretioso fructu influentiae Lunae:
pretioso denig' fructu terrae, uberta
teg' eius
Adjectum est.

13 Per Giuseppe disse:
«Benedetta dal Signore la sua terra!
Dalla rugiada abbia il meglio dei cieli,
e dall'abisso disteso al di sotto;
14 il meglio dei prodotti del sole
e il meglio di ciò che germoglia ogni luna;
16 e il meglio della terra e di ciò che contiene.
Il favore di Colui che abitava nel roveto
venga sul capo di Giuseppe,
sulla testa del principe tra i suoi fratelli!

Mario Massa ha detto...

@Mauro Elia
"http://www.lenr-coldfusion.com/2015/01/13/hot-cat-replication-attempt/"

Grazie del link, sono sempre interessato a vedere nuovi tentativi.
I dati sono troppo pochi per dare una opinione, ma l'eccesso di potenza (meno di 10W) è piccolo rispetto alla potenza immessa (90W) e il sistema di misura del presunto eccesso di calore non è calorimetrico ma termometrico (confronto delle temperature con sistema quasi identico ma senza "reazione"). Anche in questo caso il sistema si è rotto impedendo una verifica della calibrazione. L'autore stesso dice che occorrono ulteriori misure per confermare/smentire la misura. Lasciamolo lavorare, se si rifarà vivo più convinto e magari con misure più convincenti, vedremo. (io e credo la maggior parte di chi ha una mentalità "scettica" avrebbe replicato più volte il test prima di presentarlo: questa "fretta" non depone a suo favore)

bertoldo ha detto...

riposto "P.S. Plasma in greco significa "cosa formata", "figura", da cui plasmare = DARE A QUALSIVOGLIA MATERIA LA FORMA CONCEPITA NELLA MENTE... perché Langmuir battezzo il quarto stato della materia proprio PLASMA??? " perchè dal plasma si trae tutto , anche i subcodici che fanno attivare il DNA . plasma space experiment"video molto utile a capire che la Teoria del TUTTO può essere identificata con uno Stato della Materia da cui deriva tutto . Leggendo il libro : I segreti dell'acqua si scoprono cose interessanti e manca solo di capire quali sono i segnali che il plasma trasmette all'acqua per attivare la vita . Attivate i sottotitoli , la 4° versione di questo esperimento è ora in "onda" sulla ISS . http://www2011.mpe.mpg.de/theory/plasma-crystal/index_e.html ci sono i precedenti esperimenti . buon viaggio astrale .

bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...

Dovete scorrere anche i link su Anatoli P. Nefedov http://www2011.mpe.mpg.de/pke/index_e.html il tutto è estremamente interessante oltre ad essere l'unica linea da seguire per il progresso e per avere una base di partenza iniziale finalmente stabile e senza bisogno di cambiare le teorie di volta in volta .

Daniele Passerini ha detto...

@Bertoldo
Carissimo, ho rivisto con piacere il video sul "plasma space experiment" realizzato a bordo della ISS, che avevi già segnalato nel blog un mese fa o forse anche più. Come allora ti ringrazio per questo strainteressante spunto che ci hai dato e che, per inciso, tende a rafforzarmi l'intuizione che il Sole citato nella Tabula Smaragdina possa sul serio essere il plasma... in effetti cercando informazioni al riguardo nella rete, sembrerebbe che gli antichi alchimisti fossero riusciti a produrre il plasma nei loro atanor in modo soft, molto prima che la tecnologia moderna ci riuscisse in modo hard.
A questo punto però rilancio.
Mentre guardavo il video mi è caduto l'occhio, tra i link a contenuti simili elencati da youtube, su quest'altro intitolato "Keshe Plasma Generator ~ Here is The Future ~ Infinite Energy":
https://www.youtube.com/watch?v=kkB2g7ai2bs
Chiedo a te e a tutti i lettori di guardarlo ed esprimersi al riguardo... mi sembra un po' troppo bello per poter essere vero.

Mahler ha detto...

> bertoldo ha detto...
> perché Langmuir battezzo il quarto stato della materia proprio PLASMA??? " perchè dal plasma si trae tutto , anche i subcodici che fanno attivare il DNA.

No, semplicemente perché il plasma si poteva modellare facilmente con campi elettrici e magnetici, da cui il nome suggestivo. Non avete mai distrutto il televisore di famiglia strusciandoci le calamite sopra?

…I fisici amano impressionare… Ecco una lista di termini strambi coniati negli ultimi 40 anni:

• “Asse del male
• “Grande Attrattore
• “Energia oscura
• “Cunicolo di tarlo
• “Materia strana
etc.
etc.

(può essere che mi sia sfuggita qualche altra locuzione suggestiva…)

Quale alchimista saprebbe fare di meglio? ;P

> plasma space experiment [ https://www.youtube.com/watch?v=kanYuBptuZ0 ]

La “a” con l'acca non lascia dubbi, il “Bertoldo Gesualdoche commenta su YouTube è proprio lui!!

> Bertoldo gesualdo 1 mese fa
> e' in orbita la versione PK4 plasma kristall 4 di tale esperimento e ha gestirlo sarà l'astronauta italiana insieme hai colleghi .

Stima sempre più profonda.

u.u

bertoldo ha detto...

in effetti stà storia dell' H non mi ricordo mai , si vede che sono negato in italiota , l'importante è che qualcuno che vuole leggere o osservare và oltre l'ignoranza che ho dimostrato e si interessi alla propria ignoranza , senza usare quella degli altri per convincersi che si è nel giusto o per dimostrare che chi sbaglia a scrivere o mettere le H non può capire nulla di più . H come idrogeno un chiodo fisso .

bertoldo ha detto...

a keshe preferisco jlnaudin e captret oppure le batterie al magnesio-grafite immerse in acqua oppure magnesio rame sempre in acqua , sfruttano la dissociazione dell'acqua al 13% indicata nel libro aqua di Roberto Germano , qualche tempo fà .

bertoldo ha detto...

rivisto il video per bene di keshe e potrebbe anche funzionare e la spiegazione somiglia molto al video dei russi nella parte in cui il plasma da origine ad una galassia in miniatura .Il problema è che è presentato malissimo e senza molte spiegazioni .

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails