Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

giovedì 20 novembre 2014

Autogol clamoroso dei denigratori di Andrea Rossi

"We decided to offer to all our commercial Licensees to buy back their licence at a price, obviously, superior to the price they paid for it. Some of our Licensees have accepted our proposal and sold us back their license." (Andrea Rossi)

Dedico questa "piccola news" di ieri al troll che - mettendo in stand-by la sua coscienza - dipinge me nel web come un bugiardo... ma sappiamo entrambi benissimo chi è il bugiardo: lui e i pochi "blogger" che ancora gli offrono asilio.



Ma facciamo un passo indietro. Due settimane fa Gabriele lasciava questo commento nel blog...

05 novembre 2014 17:34
salve a tutti,
solo una domanda da persona totalmente estranea ai fatti.
Qualcuno qui sa i motivi per cui il sito della Prometeon si presenta "under costruction" perlomeno dalla "pubblicazione" del TPR II?
ciao,
Poiché di recente avevo ottenuto qualche informazione sulla questione, rispondevo a Gabriele così...


Sì, conosco i motivi e ho promesso ai miei informatori di lasciare che sia Aldo Proia stesso, o chi per lui, a decidere come e quando renderli pubblici.

Per inciso, quando sarà noto quello che è successo, i bè avranno ben ragione a vedere definitivamente sbugiardato il teorema degli unbè secondo il quale il business di Rossi sarebbe esclusivamente quello di vendere licenze; gli unbè da parte loro troveranno sicuramente modo, come al solito, di rivoltare la frittata e sbeffeggiare i bè. E la storia - ahimè - continua senza che si veda ancora la conclusione...


S'intrometteva il solito troll...
Sembra quasi che tu stia dicendo che Proia esce dal business - non stavi dicendo quello vero?
Comunque Rossi i soldi li ha presi. Adesso si tratta solo di uscire con stile senza doverli restituire. Anche tra 20 o 30 anni, per dire, piuttosto che domani stesso - insomma, come gli viene, purché senza che qualcuno lo insegua...
Sapendo bene come stavano i fatti e vedendo bene che lui spacciava per verità delle mere supposizioni, o meglio, delle autentiche calunnie, gli rispondevo così...

05 novembre 2014 21:44

Sembra invece che stai proprio per fare un autogol coi fiocchi! Ma che ti avverto a fare, tanto tu non mi credi... ;)
E ieri finalmente si è concretizzato l'autogol di quel troll e di tutti coloro che - sin dal 2011 - intervengono urbi et orbi nella rete, come idiosincratici martelli pneumatici, ad "aprire gli occhi" (sic!) a chi non ha ancora capito (a dir loro!) che il vero business di Rossi sarebbe quello di vendere licenze (e se lo dicono loro, fidatevi eh!)...
Andrea Rossi (sul JONP)


Daniele Passerini (blogger of “22 Passi”)
You asked me few days ago [il 06/11/2014 per la precisione] about why some of our commercial Licensees have cancelled their websites. The reason is that we decided to offer to all our commercial Licensees to buy back their licence at a price, obviously, superior to the price they paid for it. Some of our Licensees have accepted our proposal and sold us back their license.
The details of the agreements are covered by NDA ( Non Disclosure Agreement).
We maintained with our former Licensees a friendly and collaborative relationship, open to the possibility of future collaboration upon specific issues.
Warm Regards,
A.R.
Era stata infatti la stessa insistenza ed insolenza del troll a spingermi, due settimane prima, a provare a chiedere a Rossi stesso se fosse possibile rendere pubbliche quelle informazioni che giravano ancora in ambiti molto ristretti e coperti da vincoli di riservatezza.


Ecco dunque svelato ieri perché non esiste più il sito della Prometeon. È uno degli effetti della strategia commerciale di Industrial Heat a cui Rossi ora non può che attenersi: dopo la vendita del know how dell'E-Cat a Industrial Heat, la Leonardo Corporation ha proposto a chi aveva già acquistato una licenza per commercializzare l'E-Cat di riacquistarla a un prezzo superiore. Prometeon e altri hanno accettato. 


Ecco dunque l'autogol clamoroso di chi da anni ci spacca i maroni ripetendoci che il business di Rossi è vendere licenze... ops, strano, prima le vende e poi le riacquista pagandole più di quanto aveva incassato prima. Il teorema della truffa crolla dalle fondamenta.


Sarebbe ora che chi si proclama scettico, cominciasse - applicando sul serio il rasoio di Occam - a valutare (bontà sua!) anche l'ipotesi che l'E-Cat funzioni... almeno prima di ritrovarselo in vendita sotto casa!

20 : commenti:

gio ha detto...

@ mario massa

P.P.P.s.:mi raccomando ancora Mario il brevetto , solo il brevetto.........mi raccomando, non perdere tempo con il TPR

Marco Serra
November 20th, 2014 at 2:51 AM
Dear Andrea,
you said that “We cannot feed more information to our competition, which now is very powerful”. My question is: how can any competitor be powerful without knowing the core effect that drive the ECat ? Do you know of any lab that succeded in replication of the Rossi Effect even in a minimal part ?
God bless you
Marco

Andrea Rossi
November 20th, 2014 at 7:26 AM
Marco Serra:
Yes.
Warm Regards
A.R.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Daniele
Tsk tsk tsk, non mi dire che non hai capito il gioco di quel demonio di un Rossi, che ha fatto combutta con quell'altro gaglioffo del Darden:
Si liberano di questi pivelli, stile Prometeon, togliendosi così dagli impicci di svariate potenziali cause e preparandosi a tirare, con accresciuta credibilità, un pacco ben più consistente, specialmente ai cinesi, così imparano a fare il made in Italy contraffatto, tiè! ;-)
A volte sei veramente ingenuo, benedetto ragazzo! :-D

Mauro elia ha detto...

@ gio
secondo me Mario è un competitor... ha capito il segreto, grazie anche all'aiuto di Silvio.. :-)

gio ha detto...

@ Mauro elia

prima o poi li vedremo a Miami con Rossi:)

domenico canino ha detto...

no ragazzi a Miami ci voglio andare prima io;

domenico canino ha detto...

@daniele
sono contento che ti sei levato un sassotto dalla scarpa; chi la dura la vince; ma il Rossi non ci lascia dormire lo stesso, perchè ha detto choaramente a Marco Serra che lui sa di laboratori che gli hanno replicato il gatto!!! Se non è una notizia questa!

domenico canino ha detto...

pure der spiegel
http://www.spiegel.de/wissenschaft/technik/kernfusion-was-wurde-eigentlich-aus-herrn-rossis-wunderreaktor-a-1003850.html

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Domenico
"...lui sa di laboratori che gli hanno replicato il gatto!!! Se non è una notizia questa! ..."
Sì, ho letto. Perlomeno, da quello che ho capito, hanno replicato se non proprio il gatto, qualcuna delle sue esotiche caratteristiche, magari non è detto che abbiano raggiunto il pieno controllo, ma questo forse inizia ora ad avercelo pure Rossi ;-)

triziocaioedeuterio ha detto...

Ma se Proia ha rivenduto la licenza alla leonardo corp. allora perchè il sito è in ristrutturazione?
Forse ha preferito mantenere un low profile per nn alimentare storie e/o chiacchiericci vari...e tra un po' di tempo farà scomparire anche la pagina attuale,oppure è ancora involved nel settore della futura distribuzione dell'e cat...magari con un contratto revisionato che prevede nuove soluzioni.

Mauro elia ha detto...

Forse è un bene o forse no, ma se ci sono delle repliche in giro anche se "primitive" costringeranno IH e gli altri soggetti coinvolti ad accelerare per quanto possibile i tempi di marcia..

Bert Abbing ha detto...

Scusate l'intruzione....
ma un recente "articolo" in italiano contro Rossi merita alcune considerazioni scientificamente corrette.... mi sono fatto aiutare nella traduzione da un amico
Dato che è un lungo testo lo potete scaricare da qui:
https://www.dropbox.com/s/r1qgswkvqw4ef56/qualenergia.txt?dl=0

Alessandro Pagnini ha detto...

"...Forse è un bene o forse no..."
Infatti è un bel dubbio. E' scientificamente un bene e una conferma, l'eventuale replica, ma dal punto di vista delle conseguenze economiche derivanti da una diffusione troppo rapida e incontrollata di questa tecnologia, ho delle serie preoccupazioni.

triziocaioedeuterio ha detto...

Secondo me è un bene...un gran bene.
Ditemi voi quando mai nel corso della storia dell'uomo il monopolio di una risorsa o invenzione è' stato foriero di positività relativamente agli interessi della collettività...mai!
Il discorso sarebbe diverso se le cat fosse una tecnologia bellica ma grazie a dio non e' questo il caso.
Quindi ben venga una sana competizione fra diversi soggetti che inevitabilmente accorcerà i tempi di sviluppò implementazione e commercializzazione di questa tecnologia.

bertoldo ha detto...

"Il discorso sarebbe diverso se le cat fosse una tecnologia bellica ma grazie a dio non e' questo il caso"
Il problema e che tu non lo sai ma potrebbe già essere un'arma o diventarlo a breve , oltre alle altre armi non conosciute che hanno . Troppo ottimismo . Le concentrazioni sono sempre foriere di controllo delle masse e quindi la libertà si riduce a 0 , se introducono delle leggi specifiche che limitano l'uso delle energie solamente a quelle come l'ecat ? Visti gli accordi per ridurre le "emissioni" la strada è quella e il prezzo dell'energia invece che azzerarsi si alzerà di molto , perchè gli unici produttori autorizzati a produrre saranno Ecat e simili .Per questo ritirano le licenze già autorizzate , non si fidano di chi ha quelle licenze che potrebbe vendere a gente non confacente la "loro" politica che è sempre la stessa . Quindi penso che il Proia abbia si dato il consenso a dare indietro sua la Licenza , ma sotto quali pressioni ?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ triziocaioedeuterio
C'è una politica buona e una cattiva. Purtroppo in genere prevale la seconda. Se a gestire il tutto fosse la prima, credo che verrebbe gradualmente introdotta la FF (o LENR o QUAR ;-) ) come energia nuova e a basso costo, ma dando il tempo di riposizionarsi a chi vive di gas e petrolio. Ci sono paesi come la Russia, i vari paesi del golfo, la Libia, il Venezuela, ecc... che accuserebbero colpi durissimi e i loro popoli sarebbe ro stremati, con conseguenze che arriverebbero fino a noi, ma che comunque dovrebbero preoccuparci almeno dal lato umano. E' un po' il discorso delle guardie forestali siciliane che eccedono quelle dell'intero Canada. E' ovvio che sono sprechi che vanno combattuti ed eliminati, ma se ne licenzi i 4/5 dall'oggi al domani, come probabilmente sarebbe contabilmente corretto fare, spingi qualcuno al suicidio, altri alla delinquenza e l'intera regione alla recessione più nera. La Germania sta peccando di uguale miopia nei confronti della politica europea: per loro valgono le regole contabili, e la politica economica non conta un piffero e così finiranno per distruggere l'euro. Non si può ballare sui cadaveri di interi stati e dei loro popoli, intanto perchè questi hanno la tendenza a incattivirsi e nel caso della Russia non è uno scenario augurabile, poi perchè ci dobbiamo pure lavorare con loro e in ultima analisi, ma non meno importante, perchè ci sono persone che verrebbero gettate nella miseria. Pertanto, come ogni importante transizione, è necessaria una gradualità che introduca i benefici nei tempi giusti e sostenga e aiuti chi si troverebbe spiazzato a imboccare vie alternative. E' un dosaggio difficile, anche perchè è necessario pure salvare la pelle di quei disgraziati di cinesi che vivono nello smog. Assomiglia al problema del sale nell'insalata, per fare la quale si dice che occorra un filantropo per l'olio, un avaro per l'aceto, un avvocato per il sale e un pazzo per mescolarla. :-)

Silvio Caggia ha detto...

Rassegnatevi... Il destino dell'uomo è quello di ripetere ciò che hanno fatto gli antichi visitatori della terra: Costruire anche lui macchine in grado di portarlo su altri mondi a rompere le... Ahem, a conoscere altre civiltà... In questo senso è destinato a passare per scoperte ed invenzioni come quella di Rossi e come quella di Laureti...
Che farà quando ci arriverà? Camminerà in un bosco, si siederà sulla riva di un fiume, assaggerà un frutto e dirà: "non so perché... ma sento che è bellissimo tutto questo... Non so perché tutte queste strane cose mi piacciano, ma ne è valsa davvero la pena, tutti gli sforzi di una vita e di quella dei miei progenitori per arrivare finalmente a questo..."
:-D
Non ridete tanto... È quello che facciamo tutti ogni volta che andiamo in vacanza!

Mauro elia ha detto...

@ Silvio Caggia
Si, in effetti mi ha fatto sorridere questa tua considerazione.. aggiungo: ma c'era bisogno di fare tutto questo casino per andare a trovare altri pianeti, quando ne avevamo uno che prima che lo rovinassimo, era meraviglioso? :-D

giorgiomugnaini ha detto...

Guardiamo i dinosauri: abitare un pianeta solo significa esporsi al rischio di estinzione.

Silvio Caggia ha detto...

@giorgiomugnaini
"Guardiamo i dinosauri: abitare un pianeta solo significa esporsi al rischio di estinzione."
in realtà i dinosauri non si sono mica estinti, si sono adattati ed oggi sono uccelli.
Speriamo di "estinguerci" anche noi, mica vorrai rimanere sempre uguale come specie!

giorgiomugnaini ha detto...

@Silvio Caggia: capisco che gli uccelli sono "dinosauri" e che alcuni uccelli si sono salvati (non tutti, gli uccelli con i denti si estinsero anche loro al limite k-t). Ma la maggior parte dei dinosauri, ( i tirannosauri, gli pterosauri e quella roba la'...) quelli mica ci sono piu' no? Insomma dinosauri "classici", tutte quelle specie, si sono estinte SENZA DISCENDENZA. Mi pare di poter ribadire che le specie legate a un solo pianeta risultino altamente soggette al rischio di estinzione-senza-discendenza (meteoriti, supernove vicine, vulcanesimo, chi piu' ne piu' ne metta...)

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails