Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

domenica 6 aprile 2014

Letture quantistiche della domenica

"Il nostro intuito alimenta da sempre un principio fondamentale: per muovere un sasso (o qualunque altro oggetto) dobbiamo toccarlo. O toccare un bastone che tocca il sasso. 
O dare un ordine che attraversa l’aria sotto forma di vibrazioni che raggiungono l’orecchio di una persona che ha un ramo con cui può toccare il sasso. E così via. Più in generale, intuiamo che le cose possono esercitare un effetto solo su altre cose che siano accanto a loro. Se A ha un effetto su B ma senza essere vicino a B, allora l’effetto deve essere indiretto, cioè deve essere qualcosa che viene trasmesso grazie a una catena di eventi in cui ciascun evento porta direttamente al successivo, in modo da coprire la distanza tra A e B. Ogni volta che ci sembra di aver trovato un’eccezione all’intuizione, per esempio interruttori che accendono i lampioni della città (ma poi ci rendiamo conto che il processo avviene grazie a cavi elettrici) o le trasmissioni radiofoniche (ma poi ci rendiamo conto che si propagano grazie alle onde radio), ci accorgiamo che pensandoci meglio non si tratta affatto di un’eccezione. Ovvero, non troviamo un’eccezione nell’esperienza quotidiana del mondo. 
Indichiamo questa intuizione come «principio di località». 
La meccanica quantistica ha ribaltato molte intuizioni, ma nessuna tanto radicata quanto la località. E questo ribaltamento porta con sé una minaccia, ancora irrisolta, alla relatività speciale di Einstein, un fondamento della fisica moderna." (David Z. Albert e Rivka Galchen)

"Per quelli che hanno una educazione tecnica in fisica sembra che l'interpretazione Everett-Wheeler-Graham dell'indeterminazione quantistica una volta fatte poche aggiunte si possa dimostrare corretta. Per quelli che questa educazione non ce l'hanno occorre una piccola spiegazione.
La fisica, da qualche anno a questa parte ha avuto un problema centrale: che c'è di sbagliato nella meccanica quantistica? La meccanica quantistica è un metodo per calcolare i valori a livello atomico e sub-atomico, un po' come la meccanica newtoniana si può usare per calcolare valori su scala più ampia. Le formule newtoniane possono predire dove cadrà un sasso se qualcuno lo butta per aria, le formule quantistiche cercano di fare la stessa cosa per gli atomi.
Ma non ha mai funzionato in modo giusto. La fisica newtoniana, la fisica del mondo reale, esce fuori sempre con una specifica risposta... potrebbe non essere la risposta giusta, diciamo, se si è dimenticato qualche fattore o si è letto male qualche misura, ma è pur sempre una risposta unica. La fisica quantistica, invece, produce sempre più di una risposta e TUTTE sono tecnicamente e matematicamente corrette. Viene chiamata "indeterminatezza". Newton dice che il sasso cadrà QUI, la meccanica quantistica dice che il sasso cadrà QUI e QUI e QUI.
Questo, naturalmente è impossibile.
Nel mondo reale non puoi avere più di una risposta. Non è una questione di gettare un sasso e stare a vedere dove cadrà. Le formule già forniscono una risposta, e solo una. Fine." (Greg Knauss)

Buona domenica, oggi vi propongo la lettura di un articolo sulle implicazioni profonde della "rivoluzione quantistica", da cui ho tratto il primo incipit

(pubblicato su Le Scienze nel 2009)
di David Z. Albert e Rivka Galchen

e ancora un altro articolo, meno scientifico e corposo, ma certamente molto paradossale e provocatorio, da cui ho tratto il secondo incipit

di Greg Knauss

In conclusione, una provocazione mia: nella vostra esperienza quotidiana non vi  è mai capitato di imbattervi in qualche eccezione al "principio di località"? Sono certo che molti di voi potrebbero testimoniarne tante di eccezioni, ma il pensiero scientifico moderno è riuscito a farne un tale tabù che pochi si azzardano a metterlo in discussione, quasi fosse dichiararsi d'essere superstizioso, irrazionale, fuori di senno. Coraggio, siete sicuri al 100% che non esistano persone in grado di passare attraverso a un muro?
  • David Z. Albert è docente di filosofia alla Columbia University di New York. Ha conseguito la laurea in fisica presso il Columbia College e il dottorato in fisica teorica presso l'Università Rockefeller.
  • Rivka Galchen, scrittrice, è stata professore associato nella sezione di scrittura della School of Arts della Columbia University. 
  • Greg Knauss è un umorista/blogger statunitense e programmatore. 

277 : commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   1 – 200 di 277   Nuovi›   Più recenti»
AleD ha detto...

"
Coraggio, siete sicuri al 100% che non esistano persone in grado di passare attraverso a un muro?
"
Io dico di si.
Dentro un muro invece quante ne vuoi, da sole non ci vanno ma se chiedi alla malavita vedi che è ben capace di mettercele.

Comunque non capisco perché non possa essere semplicemente che ciò che regola il funzionamento dell'infinitamente piccolo sia diverso da ciò che regola quello che non è infinitamente piccolo.
Non si è sempre ripetuto che l'unità è ben più della somma delle singole parti perché i legami che ci sono tra le parti sono di fatto un valore aggiunto reale? Se un fottiglione di particelle sono tenute insieme da legami per fare un sasso, quel sasso può benissimo essere soggetto a leggi che c'entrano nulla con quelle che regolano il funzionamento delle sue particelle, ed entrambi i gruppi di leggi sono contemporaneamente vere ed esistono assieme, solo che si manifestano a livelli diversi dando effetti diversi, ma ogni gruppo da effetti nel livello dove la natura lo ha piazzato e solo li.

Vincenzo Bonomo ha detto...

Caro Daniele chiedi se esistono persone in grado di "passare" attraverso i muri, ebbene se ti riferisci ad un evento puramente fisico ti rispondo che non ne conosco nessuna, se invece il tuo è un discorso più ampio potrei risponderti affermativamente.
Durante le esperienze di premorte numerose persone affermano di essere uscite dai corpi e fluttuando di essere uscite dalla stanza in cui si trovavano,(per esempio la sala operatoria) attraversando pareti e corridoi, ricordando nel dettaglio particolari che era impossibile potessero conoscere precedentemente che ad una verifica a posteriori sono risultati assolutamente reali.

tia_ ha detto...

>Nel mondo reale non puoi avere più di una risposta. Non è una questione di gettare un sasso e stare a vedere dove cadrà. Le formule già forniscono una risposta, e solo una. Fine.

No, esiste piu di una risposta ed esiste contemporaneamente. L'esperimento della doppia fenditura (fatto anche con elettroni) lo conferma sperimentalmente.

ravecarl ha detto...

Caro Daniele.
Ti rispondo dopo aver letto le prime 3 risposte che dopotutto sono tutte positive alla tua domanda :
"Coraggio, siete sicuri al 100% che non esistano persone in grado di passare attraverso a un muro?"
Evidentemente le risposte riportate sono positive. A parte la prime di cui non sono sicuro di aver avuto l'intera comprensione (lo so sono limitato nella lingua e ho una sicura mancata cultura della fisica), le altre risposte convergono tutte e due sul fatto che la realtà cosi' com'è si può cambiare solamente se si riesce a liberarsi dal corpo fisico. In poche parole occorre andare un po' più in là del nostro legame con questo mondo, e connetterci con il resto che non si vede (nel senso, di quello invisibile, che è quello piu' importante, come diceva Antoine de Saint-Exupéry).
Occorre fede ? Occorrono capacità extrasensoriali ? Occorrono strumenti speciali ? Non lo so. So solamente che, come nel caso della seconda risposta, la persona può passare i muri grazie al suo scorporamento, perché di colpo si è liberata dai suoi legami materiali, fisici, intellettuali, emozionali, affettivi, che la tenevano ancorata. Possiamo noi fare questo in maniera cosciente e non per caso ?
Conosco una persona (Non personalmente, l'ho visto ad una trasmissione di stato francese, si si succede) di cui non ricordo il nome, che poteva vedere cosa succedeva nel quartiere senza uscire da casa sua. Ci andava con il pensiero e poteva vedere tutti i dettagli del luogo scelto dal giornalista. (se trovo il video lo metto).

ravecarl ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ravecarl ha detto...

Ecco Daniele l'ho trovato.
In effetti non è la televisione francese ma Svizzera. Eh si succede che gli svizzere si pongono certe domande.
https://www.youtube.com/watch?v=CkF2dxhasMw
Potete vedere tutto il video. Ma è al 14' che succede.

ravecarl ha detto...

Oops gli svizzeri e non gli svizzere.
Ho una tastiera svizzera ne chiedo venia.

neutrino ha detto...

@daniele

La formazione di un fisico teorico richiede 8 anni di corsi specialistici e questo non basta a fornire un minimo teorico comune, Ma dopo il dottorato chiunque sa che lo sviluppo della fisica teorica degli ultimi 25-30 anni si e' concentrato proprio al superamento del concetto di località' nelle interazioni fondamentali.

Non locali sono le infinite varietà' della teoria di stringhe e lo sviluppo su reticoli delle teorie di Gauge,

Il fatto e' che perdendo la località non e' definibile il concetto di limite in un punto di una funzione e quindi di botto ci si perde 300 anni di sviluppo dell'analisi e si deve sviluppare una nuova matematica, che non e' proprio un task banale.



neutrino ha detto...

ps

l'effetto tunnel e' un effetto fenomeno locale, Si risolve con equazioni differenziali ....

Vincenzo Bonomo ha detto...

Nei casi di premorte potrebbero verificarsi eccezioni al "principio di località" ovvero si potrebbe ipotizzare, durante l'entrata in coma della persona, l'emissione di particelle sotto forma di onda (che normalmente definiamo anima) che si propagano intorno e catturano l'informazione, queste particelle entangled una volta usciti dal coma rimarranno patrimonio della memoria del soggetto risvegliato che avrà la sensazione di aver "visto" quello che accadeva intorno a lui.

ravecarl ha detto...

@Vincenzo,
Mi piace questo tuo modo di vedere.
"Nei casi di premorte potrebbero verificarsi eccezioni al "principio di località" ovvero si potrebbe ipotizzare, durante l'entrata in coma della persona, l'emissione di particelle sotto forma di onda (che normalmente definiamo anima)...."
Perché mi fa pensare all'esperienza di questa signora :
http://embed.ted.com/talks/lang/fr/jill_bolte_taylor_s_powerful_stroke_of_insight.html
Ecco chi è Jill Bolte Taylor :http://it.wikipedia.org/wiki/Jill_Bolte_Taylor
Notate che il suo video è stato visto piu' 15 milioni di volte.

Non sarebbe il nostro cervello sinistro che ci tiene ancorati in un mondo che non è proprio quello che sembra essere ? Non è lui il colpevole delle particelle che diventano manifestazione in questo mondo materiale ?
Non è il cervello destro il "responsabile" della nostra consapevolezza dell'immateriale e del mondo infinitamente piccolo ?
E' vero poi che tutto funziona fino a quando il cervello è vivo. e poi ? Se siamo morti, questa "memoria" del mondo infinitamente piccolo cosa diventa ? Chi nutre ? cosa nutriamo con la nostra esperienza di tutti i giorni ?

indopama ha detto...

Ravecarl,
il tipo poteva vedere quello che stava succedendo in un altro luogo perche':
Tutto e' Mente (1), l'Universo e' Mentale (2).
1- tutto cio' che esiste come essere possiamo paragonarlo ad una immensa mente che
2- crea la realta' col pensiero, ovvero immaginandola. la realta' e' puro pensiero, quella della coscienza globale (Dio).

poi ci siamo noi che siamo sempre tutto Dio (tutto e' Uno) ma solo una parte della sua coscienza, la coscienza di Dio che si e' disintegrata per sperimentare la Creazione da diversi punti di vista, come se ci fosse dentro quando pensiamo di essere per esempio il corpo. essendo tutto Uno ci si puo' anche connettere (privilegio di pochi) al resto della coscienza e sperimentare cosi' la realta' da un diverso punti di vista rispetto a quello del "corpo", come nel caso del video il tipo era connesso ad una coscienza probabilmente di un livello superiore (piu' estesa) che "vede" la realta' in maniera molto piu' ampia.

la materia non esiste, e' illusione, la realta' e' puro pensiero, se fermiamo il pensiero (difficile da fare e privilegio di pochi) la realta' sparisce e si rimane come coscienza pura.
l'unica materia se cosi' si puo' chiamare e' l'essenza della mente globale, ovvero anche di noi stessi, solo che e' inconoscibile, cioe' non possiamo sapere cosa siamo ma possiamo solo sapere cosa stiamo immaginando (creazione della realta' fatta solo di pensiero).

indopama ha detto...

aggiungo che ho assistito di persona ad un evento di questo tipo anni fa con mia moglie, riusciva a vedere da Bali mente era seduta (e sveglia) cosa facevano i miei zii in italia e me lo raccontava. poi ho chiamato e mi hanno confermato che era tutto vero. riusciva pure a leggere il loro pensiero, anche questo confermato.
pero' queste cose sono casi rari che avvengono in persone con un grado di conoscenza di loro stessi (consapevolezza) molto elevato, la massa non avendocelo non ha queste esperienze e siccome nel nostro modo di pensare cio' che avviene in maggioranza e' corretto mentre i casi particolari sono l'eccezione che confermano la regola, ecco che la verita' diventa quella della massa, cioe' che non e' possibile che sia vero.

Daniele Passerini ha detto...

@neutrino
Il fatto e' che perdendo la località non e' definibile il concetto di limite in un punto di una funzione e quindi di botto ci si perde 300 anni di sviluppo dell'analisi e si deve sviluppare una nuova matematica, che non e' proprio un task banale.
Esaltante. E dire che è stato proprio col concetto di limite che riuscii per la prima volta a dare a me stesso una spiegazione convincente della soluzione dei paradossi di Zenone! :)
Esaltante, perché se pensiamo ai progressi che la scienza (e di conseguenza, sia la nostra visione del mondo sia la tecnologia) ha fatto grazie alla matematica differenziale, i secoli futuri (se non ci autodistruggiamo prima, ovvio) potranno donarci la realizzazione di tantissime "impossibilità" dei nostri giorni.
Fai un lavoro meraviglioso, siine sempre fiero.

@ravecarl
Grazie 1000! Non conoscevo la storia di Jill Bolte Taylor, ho visto il video TED sottotitolato in italiano e merita veramente. Se si riuscisse a inventare una procedura per riuscire temporaneamente e a comando a "spegnere" l'emisfero sinistro, dovrebbe diventare una sorta di "esperienza obbligatoria" da far fare a tutte le persone del mondo almeno una volta nella loro vita: e questo pianeta di colpo si trasformerebbe in un paradiso.

Daniele Passerini ha detto...

@indopama
...e siccome nel nostro modo di pensare cio' che avviene in maggioranza e' corretto mentre i casi particolari sono l'eccezione che confermano la regola, ecco che la verita' diventa quella della massa, cioe' che non e' possibile che sia vero
Non potevi esprimerlo in modo più chiaro. È proprio così.

ravecarl ha detto...

@Indopama.
Grazie per averlo spiegato cosi' bene.
Quello che mi aveva, come dire... sconcertato era che dicevi appunto che tutto è mente. Poi scrivi anche che tutto è coscienza. Allora là siamo d'accordo. Tutto è coscienza. Ma la coscienza davanti la quale metto una "C" maiuscola (possiamo dire DIO).

Questo lo so perché pratico l'ipnosi e a volte mi viene di praticare la meditazione. E a volte con i due metodi si accede ad uno stato di coscienza particolare. Come se si accedesse alle funzioni e modi di vedere del cervello destro che secondo me è il più capace per entrare in comunicazione con la parte di noi, come dire... meno materiale.
Per meglio specificare di cosa vorrei parlare, quando si fa dell'ipnosi, è che si è in tre, nello stato ipnotico. Il mentale, la parte di noi che ci fa fare i conti, mette insieme i nostri ragionamenti, ci fa parlare e ragionare. L'inconscio, la parte di noi che gestisce la memoria e che permette alle nostre funzioni vitali de appunto funzionare, gestisce le intuizioni, le emozioni, in pratica 80-90 % di noi stessi. e poi c'è ancora qualcosa sopra che io chiamo coscienza, o se preferisci consapevolezza, che "controlla" la seduta "ipnotica" che permette che tutto evolva in modo "ecologico" per utilizzare un termine terapeutico.
Questa coscienza (con la "c" minuscola) è collegata alla "Coscienza" (forse via l'anima). Quando siamo in questo stato "particolare", come dici tu "in assenza di pensiero", (difficile da fare te lo concedo) accediamo alla parte di noi che ci permette di accedere alla "nozione d'onda" di cui parla la fisica quantistica.
Secondo me è cosi. Quando ci riusciamo, possiamo modellare il nostro "pensiero" e la nostra realtà (se sappiamo aspettare, è la quarta dimensione) si modificherà.

nemo ha detto...

Naturalmente io ho un punto di vista leggermente diverso... :-D

Entanglement e Relatività Speciale: due aspetti della stessa realtà?
http://la-theory.blogspot.it/2012/12/entanglement-e-relativita-speciale.html

ravecarl ha detto...

@ Daniele
Prego.
Il metodo esiste. Io ci provo le mattine della domenica (quando posso). Entro in uno stato particolare di ipnosi dove cerco appunto si "spegnere" il cervello sinistro.
Ti ricordi un giorno quando ti è successo una certa cosa di cui non ne hai avuto il controllo ?
Io mi ricordo della mia e ho cercato di riprodurlo in modo cosciente. Ogni tanto ci riesco. e ti posso assicurare che è come di essere in un mondo che assomiglia molto a quello che ho vissuto quella notte di cui te ne ho parlato.
Come faccio non lo so mi viene spontaneo. Diciamo che certi lo descrivono come sogni lucidi. Si sogna essendo coscienti dei propri sogni. Ma non è proprio cosi' perché non vivo nelle immagini che vedo nei sogni. Le mie sono immagini fatte di forme e colori che si muovono, sono flash. Come se fossero viaggi intersiderali ma colorati. Tutto va veloce e nello stesso tempo le forme mi seguono e ruotano intorno a me. Piu' o meno come la descrizione di Jill Bolte. Per me é come accedere al cervello destro dove è tutto diverso della realtà. E' come se il mio cervello sinistro è messo da parte. Ti posso dire che per un buon momento sono in forma.

ravecarl ha detto...

@Indopama e Daniele
"@indopama
...e siccome nel nostro modo di pensare cio' che avviene in maggioranza e' corretto mentre i casi particolari sono l'eccezione che confermano la regola, ecco che la verita' diventa quella della massa, cioe' che non e' possibile che sia vero
Non potevi esprimerlo in modo più chiaro. È proprio così. "
Eh si, e aggiungo che, come l'ho sempre affermato, che non siamo soli in questo universo. Il potere che abbiamo è relativo. Per questa ragione che ci vuole tempo. Fino a quando non si arriva alla massa critica...

Daniele Passerini ha detto...

@ravecarl
Si, di metodi ne esistono tanti.
Certe cose le ho sperimentate con la meditazione, ma dopo giorni di applicazione ininterrotta, semi digiuno, regola del silenzio ecc., un setting difficilmente replicabile nella vita di tutti i giorni. Ma non tutti sono disponibili a imparare tecniche, sai senz'altro che molti oppongono un vero e proprio rifiuto, e intanto il mondo va come vediamo. Per questo fantasticavo di un qualcosa che permettesse a chiunque e senza nessunissima preparazione di vivere anche per pochi secondi con l'emisfero sinistro spento, già questo sarebbe sufficiente.
P.S. Mi è capitato anche per caso, tipo "grazia divina" (l'ho raccontato qui: http://22passi.blogspot.it/2010/07/il-mio-incontro-con-dio.html). E non ringrazierò mai abbastanza per questo dono che ho avuto! Sigh, più passano gli anni e più sento di non riuscire a ripagare la vita di questo dono... ma questo è un altro discorso.

barnumxp ha detto...

siete sicuri al 100% che non esistano persone in grado di passare attraverso a un muro?

Mmm...il Generale Hopgood?

ravecarl ha detto...

@Daniele
"P.S. Mi è capitato anche per caso, tipo "grazia divina" (l'ho raccontato qui: http://22passi.blogspot.it/2010/07/il-mio-incontro-con-dio.html)"
Si so cosa vuoi dire, l'ho sperimentato anch'io, non proprio preciso preciso come te, a me è successo di notte. E' per questo che cerco quando posso di riviverlo. Con la tecnica che cerco di sperimentare. Misto di meditazione, Auto-ipnosi, Auto-ipnosi umanistica. Tutte le volte che posso, quando ho un momento per me. Pianin pianotto...
Sig. Quando ne parlo una grande emozione mi avvolge.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Daniele
Sono andato a leggermi la tua esperienza. Davvero bellissima :-)

Fabio Crestani ha detto...

Vi metto il link di una famosa NDE di uno scienziato russo: http://www.fisicaquantistica.it/spiritualita/vladimir-efremov-uno-scienziato-tornato-dall-aldila
@Nemo
Ho letto su tuo consiglio "la danza dei fotoni", ... bellissimo grazie!

Tranga Hominidis ha detto...

Il tema della miniaturizzazione dell'E-Cat per Rossi dev'essere rilevante.
La risposta che ha dato ieri ad un certo "Mark" mi pare sia stata riscritta (se qualcuno trova il testo precedente potrebbe essere interessante fare il confronto). Tempo fa gli avevo personalmente rivolto una domanda sempre sul tema della miniaturizzazione, intesa a comprendere se stavano lavorando all'idea di realizzare delle specie di "pile a combustibile", ma non l'ha pubblicata e non mi ha mai risposto.

piero41 ha detto...

Ieri su repub. mi ha molto interessato un articolo di Carlo Rovelli che cerca di definir/considerar meglio il concetto di tempo :” ..la logica ci impedisce di superare i paradossi, ma la realtà è coerente : è la nostra intuizione che zoppica..” dice. Purtroppo il link è ad un’immagine da ingrandire su schermo per leggerla. Molto elegante è il superamento del paradosso del viaggio temporale con l’uccisione della nonna.
https://it-it.facebook.com/photo.php?fbid=777747428916996&set=a.625285087496565.1073741825.463140377044371&type=1&theater

Quanto poi :” ecco che la verita' diventa quella della massa,...” cioè :“siete sicuri al 100% che non esistano persone in grado di passare attraverso a un muro? Io dico di si. “
E’ la nostra intuizione che zoppica.. L’intuizione che ci viene introiettata sin DALLA NASCITA da un sistema,, da una educazione in questa società...occidentale . Ampliamo un po’... anche se non so se poi avrà molto significato e conferme razionali...

Giorni fa ho visto un bel documentario tv sull’antichissima popolazione australiana (50.000 ?! anni) Un viaggio di un suo membro nei villaggi interni per registrare le antiche storie e credenze prima che vadano perse... Era ripreso un tradizionale viaggio “religioso” di un gruppo o tribù ....

Dopo aver a lungo vagato in zone aride arrivano in zone d’acqua al loro tradizionale lago di pesca... solo un pesce... E’ la grande madre che è irritata con gli uomini.. dice la tradizione.
Allora dalla mattina successiva inizia la tradizionale cerimonia/festa per riconnettersi ad essa spalmando il Suo corpo fango sui corpi, sulle capanne, alberi e poi festeggiando in modo sacro la notte. La mattina dopo felici e riconnessi a Madre Natura in cerimonia gettano le reti che si riempiono di pesce come DICE LA TRADIZIONE... (ripreasa tv!!)
Il fisico quantistico russo Zeland nei suoi libri direbbe che il pensiero del gruppo ha modificato/creato alcuni aspetti di quella loro realtà perchè tale pensiero era in armonia col loro animo_sentire e con la loro credenza logica della realtà(= tradizione). Noi viviamo in una diversa logica razionale..
La cosa ancor più complessa è la causa-giustificazione del loro girovagare nei LORO boschi tradizionali con canti e musica ripetitiva quasi in una trance comune (in una processione ) : erano sicuri così facendo di CREARE- DARE REALTA' LA LORO REALTA’ a quei luoghi... (eh..Indo!! pensiero comune non solo singolo!!)

Qualcosa di simile potrebbe esser avvenuto per la costruzione delle grandi opere megaliti, piramidi ecc.. Non è (dice Zeland) che il pensiero vince le nostre leggi di natura e sposta la materia.. solo in certe situazioni riesce a creare aspetti/strati diversi di quella realtà.. magari l’uomo che sta davanti al famoso muro un attimo dopo esiste al di là ... non lo ottraversa ma dopo esiste in una “diversa”realtà di là..

Non è che io ci ossa credere al 100% ma come per Rossi tempo fa dovevo lasciarmi libero un 50%. Comunque è strano ritrovare certe assonanze tra Il pensiero,le credenze antichi decine di migliaia d’anni e le idee di un fisico quantistico ...che parla di un’intuizione e logica non tradizionale...

bertoldo ha detto...

"Il fisico quantistico russo Zeland nei suoi libri direbbe che il pensiero del gruppo ha modificato/creato alcuni aspetti di quella loro realtà perchè tale pensiero era in armonia col loro animo_sentire e con la loro credenza logica della realtà(= tradizione). Noi viviamo in una diversa logica razionale.. "

molto spesso capita anche alle singole persone di pensare un qualcosa che poi si realizza veramente . http://www.youtube.com/watch?v=pyrTHQjpuiY

Silvio Caggia ha detto...

@daniele
oh... finalmente qualcosa su cui divergiamo Daniele! :-)
per me la teoria dei molti mondi di Everett... è una cagata pazzesca! :-D
E quello che mi infastidisce è che sempre più scienziati gli diano retta... siamo in pieno decadentismo... :-(
non posso certo dimostrare che è "impossibile" ma che faccia cagare sì... :-) è di una "prodigalità ontologica" schifosa... :-)
ma tanto le interpretazioni della MQ sono come il fantacalcio... ognuno ha la sua squadra e sulla carta vincono tutte... :-)

Silvio Caggia ha detto...

@daniele
ma restiamo in tema... sì, mi sono accadute cose molto strane, ma io voglio pensare che la stranezza sia una qualità della mia mente, prima o poi troverò una spiegazione di queste stranezze che saranno perfettamente normali... :-)
Molte di queste si possono classificare in una percezione lievemente anticipata del futuro, parlo di pochi secondi, e di eventi improbabili ovviamente, ma credo che si potrà trovare qualche spiegazione nel campo delle neuroscienze (se c'è già avvisatemi!).
L'esperienza che più mi lascia perplesso è stata invece una sorta di messaggio-predizione per me dal futuro... chiacchieravo con una amica anni fa, e mentre le tenevo una mano le facevo sopra dei ghirigori con le dita... non so nemmeno io perché feci la stupidaggine di tracciarne uno che non avrei dovuto usare... ma il giorno dopo lei mi raccontò di aver fatto un sogno molto inquietante quella notte... sognò un vecchio, come un saggio con la barba bianca, che le prendeva la mano e le tracciava sopra un simbolo che lei non conosceva, pronunciando delle frasi che lei non conosceva... fin qui, nulla di strano, lei non si ricordava coscientemente di ciò che le avevo fatto sulla mano, ma quando le chiesi se si ricordava il simbolo che il vecchio le aveva tracciato sulla mano me lo seppe descrivere benissimo... era evidente che il vecchio del sogno ero io! :-)
Il problema era che lei sapeva ripetere perfettamente anche l'invocazione verbale del simbolo fatta dal vecchio! E la cosa mi turbò molto... il racconto del sogno continuò... il vecchio disse alla ragazza di riportare a me la predizione di un fatto che mi accadrà quando sarò vecchio... e la predizione turbò molto entrambi.
La cosa mi lasciò sgomento per alcuni giorni... il sogno si presentava come un chiaro messaggio protetto da una "chiave di certificazione di autenticità", come dire: io adesso ti faccio dire da questa ragazza una cosa che solo tu puoi capire e che lei non può sapere o essersi inventata o cercata su internet, così che tu sappia che quello che sto per dirti non è frutto della sua fantasia ma un mio messaggio preciso... così non puoi avere i solidi dubbi del ca**o che hai... :-)
Il messaggio non ve lo posso dire, è una cosa tanto bella quanto privata e non vi può riguardare, quindi non stateci nemmeno a pensare, il punto è ovviamente la modalità di recapito certificata del messaggio... Certo che se sono io nel futuro ad essermi mandato quel messaggio sono un gran furbacchione ad aver concepito questa strategia, e se è stato invece qualcun altro è stato ancora più furbo a riuscire a fregarmi in questo modo... :-)
Non dispero comunque di trovare, prima di diventare vecchio, una spiegazione più semplice di questo fatto, anzi, se qualcuno me ne vuole suggerire qualcuna lo ringrazio in anticipo.

Paul ha detto...

Intanto, notizie da BlackLight di qualche giorno fa. Stanno procedendo molto bene (sembra):

http://www.blacklightpower.com/wp-content/uploads/pdf/Press_Release_040214.pdf

piero41 ha detto...

@Silvio
Innanzi tutto è irritante saper di esser considerato in sogno, come un nonno saggio, da una bella figliola alla quale tenevi stretto una mano ..... ma e’ cosi ..... ehh!! :-(
Comunque un tuo pensiero a livello conscio (diciamo al 20% ) e a livello incoscio-nascosto 80% è una realtà---un campo d’energia che può facilmente entrare in risonanza con un’altra mente specie se vicina emotivamente..
Diciamo che inconsciamente le hai passato l’immagine di quel simbolo che le stavi tracciando sulla mano assieme all’invocazione e a molti altri tuoi pensieri anche per il futuro !!!... Le si sono impressi incosciamente nella mente poi il sogno gliele ha fatti rivivere, e ti ha avvertito magari dandoti anche una sorta di risposta al tuo pensiero domanda..... Dovresti anche essere in grado di capire cosa al fondo del tuo incoscio desideravi da lei e le chiedevi in quello 80% nascosto, inconfessato.(?).. :)) :))
Ti è mai capitato in una riunione comune che ti si formino nuove idee_domande in mente e poi qualcuno ti anticipa con le stesse idee?? Chi è che le ha create e chi è che le ha ricevute??? Oppure il pensiero-campo nasce contemporaneamente già in risonanza nelle varie menti più ricettive?? bohh!!

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio
Capita a molti, penso di avere sogni premonitori, direi che sono il minimo sindacale :-)
Non so invece che tecnica usasse mio padre (o da quale tecnica fosse usato, perchè non credo fosse volontario), ma egli talvolta era in grado di avvertire persone di cose che gli sarebbero accadute in un futuro, talvolta nemmeno prossimo.
A me personalmente è accaduto di avere esperienze singolari, che, almeno in un caso, riportavano una specie di firma di autenticità, come dici tu, anche se molto particolare e piuttosto antipatica.

Archimede ha detto...

Comincio a sentirmi a disagio.
Non ho mai fatto sogni premonitori.
Non ho mai avuto esperienze extrasensoriali.Non mi sento parte di un tutto più ampio e trascendente.
Non capisco perché gli uomini parlino da sempre di miti, leggende, divinità ed intere cosmogonie varie ed incoerenti tra loro a me incognite e delle quali non ho mai avuto esperienze dirette o indirette.
Non capisco perché la gente dica sempre tutto e il suo contrario, sui sopraddetti argomenti (e anche sull'Inter, sugli oroscopi di Paolo Fox, sulle Belen Rodriguez…) nella certezza ciascuno di essere nel giusto.
Io invece, poverino, non ho nessuna certezza ma solo la mia ragione e la mia ragione (assieme al vecchio Socrate) mi suggerisce che io, in realtà, non so un tubo di nulla per cui tutto potrebbe essere possibile o impossibile..
Per orientarmi perciò tra le molte verità a disposizione, dato che bisogna pur vivere, non mi resta che affidarmi alla logica (che è al ragione stessa), alla matematica, che è già più insicura ed intrinsecamente incompleta (come dimostrava Kurt Gödel), alla fisica che è certamente un'approssimazione fallace ma comoda a risolvere praticamente i problemi pratici che sorgono in questa parte dell'universo, alla scienza in generale le cui affermazioni vanno prese tuttavia un tanto al chilo e contestualizzate, sempre per fini pratici al tempo al luogo ed alle circostanze mutevoli.
Si. C'è di più. Ci sono i sentimenti, i rapporti umani, i colleghi, gli amici, l'amore, ecc. ecc. ma qui andremmo fuori tema, anche se a mio giudizio sono solo questi che possono dare un senso alla nostra vita e alla nostra morte, senza tante elucubrazioni, ma semplicemente, dal profondo della nostra coscienza, come suole accadere in ogni parte del mondo.


p.s. Per alleviare il disagio di cui sopra, dato che quelli come me sembrano essere rimasti in schiacciante minoranza rispetto alla media propostaci dai “media”, mi avvalgo anch’io del ragionamento per assurdo di di indopama ...e siccome nel nostro modo di pensare cio’ che avviene in maggioranza e' corretto mentre i casi particolari sono l'eccezione che confermano la regola, ecco che la verita' diventa quella della massa, cioe' che non e' possibile che sia vero.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Archimede
"...la mia ragione (assieme al vecchio Socrate) mi suggerisce che io, in realtà, non so un tubo di nulla per cui tutto potrebbe essere possibile o impossibile.."

Non preoccuparti, non sei solo, neppure io ci capisco nulla :-D
Anzi, quando sento qualcuno che mi spiega di avere la verità in tasca, sento subito odor di bruciato. Ogni tanto anche su questo blog ho un po' polemizzato sull'argomento, facendo notare come sedicenti chiaroveggenti, proponessero modelli del 'presunto' aldilà, a dir poco non coincidenti. Come per Rossi, una cosa è non avere una spiegazione accettabile, un'altra è dire che siccome non si sa spiegare una cosa, se non in termini di imbroglio, abbaglio, o suggestione, questa, al di fuori dei termini appena descritti, non può esistere. Bisogna essere scettici a tutto tondo, non pensare di avere la verità nè in un senso, nè in un altro. Non escludere niente categoricamente e non credere a tutto solo perchè ci piace farlo, o perchè tifiamo per una parte, invece che per un'altra. Il mettere in pratica questo atteggiamento, è un esercizio difficile che richiede un continuo e talvolta faticoso, auto-monitoraggio.

Merlian ha detto...

OT

«L'acqua del mare diventa carburante»: il 'miracolo' energetico della Us Navy

http://www.ilmattino.it/PRIMOPIANO/ESTERI/acqua-carburante-navi-miracolo-usa/notizie/619918.shtml

Silvio Caggia ha detto...

@piero41
"Comunque un tuo pensiero [...] è una realtà---un campo d’energia che può facilmente entrare in risonanza con un’altra mente specie se vicina emotivamente"

se fosse così dovrebbe facilmente entrare in risonanza anche con un apparecchietto artificiale che mi permetta di comunicare direttamente i pensieri invece di parlare o scrivere... qualche specifica per costruirlo? :-)

"Ti è mai capitato in una riunione comune che ti si formino nuove idee_domande in mente e poi qualcuno ti anticipa con le stesse idee?? Chi è che le ha create e chi è che le ha ricevute??? Oppure il pensiero-campo nasce contemporaneamente già in risonanza nelle varie menti più ricettive?? bohh!!"

cosa sia il pensiero andrebbe sicuramente approfondito... è uno dei misteri più affascinanti che ci sia... l'idea della "risonanza" è molto poetica e trasmette il concetto in modo... risonante... :-) ma se non approfondiamo di più rimane poesia... non che non ci sia bisogno anche di poesia nella vita, ma non andiamo oltre solo con la poesia... :-) bisognerebbe farci sopra qualche ragionamento... qualcuno ne ha già di pronti?

giorjen ha detto...

@HT
grazie hermano, come al solito se uno ci vuole capire qualcosa bisogna che si affidi a te! hai una pazienza infinita comunque...
g

Vincenzo Bonomo ha detto...

http://www.ilgiornale.it/news/interni/ora-posso-dirlo-certezza-mia-caterina-resuscitata-1008059.html

indopama ha detto...

la cosa inverosimile e' credere che la realta' non esista se non nel nostro pensiero.
ogni spiegazione che cerchiamo di dargli viene dalla comprensione di questa realta', solo che questa realta' con le regole che la compongono e' solo una delle infinite possibili creazioni.
la realta' e' come il gioco della playstation, uno dei tanti realizzabili, noi non siamo il protagonista dentro la playstation (qui il nostro corpo), quello e' solo lo strumento che noi manovriamo dentro il gioco per giocare momentaneamente con quelle regole del gioco ma le regole che governano noi stessi (noi siamo un qualcosa di inconoscibile come ESSENZA ma siamo consci di esistere come Coscienza) sono altre.
per esempio noi siamo anime immortali, parte dell'anima di Dio che crea la realta' col pensiero, per questo Dio si puo' assimilare ad una Mente infinita.
la realta', essendo fatta di puro pensiero, e' governata dalle leggi del pensiero e puo' cambiare le regole in ogni istante. le regole rimangono costanti perche' il gioco e' piu' facile da giocare, inoltre il gioco e' ciclico per lo stesso motivo.
le regole del pensiero sono quelle delle emozioni, dell'amore. per esempio quando pensiamo ad un possibile scenario futuro, se in quel momento proviamo amore allora lo scenario verra' creato nella realta', altrimenti ne verra' creato un altro che portera' quelli che chiamiamo problemi. per questo si dice "segui il cuore" o segui la passione, significa segui quel pensiero che ti ha dato amore quando lo hai pensato.
il gioco e' tutto interno a noi e si gioca sui vari stati d'animo, se mantengo uno stato d'animo di paura allora verra' creata una realta' atta a sperimentarlo, quindi situazioni che faranno paura e problemi, ecc.
la regola e': COME DENTRO, COSI' FUORI e non viceversa.
dare la colpa all'esterno del nostro stato d'animo e' sbagliato, segno di una non ancora raggiunta consapevolezza.
per quanto mi riguarda devo dire che non ho trovato una relazione al fatto che la realta' viene tanto piu' creata quanto piu' persone si concentrano nel pensarla, il gioco secondo me e' personale ed io ho sempre il controllo/responsabilita' delle MIE esperienze che poi a volte possono essere fatte assieme a tanti altri ma questo lo decide la coscienza superiore non i tanti io.

indopama ha detto...

quindi per capire cosa siamo occorre lasciare cadere quello che pensiamo di sapere e focalizzarsi su cosa stiamo facendo ora.
sto toccando la tastiera o sto pensando di toccarla?
la sto vedendo o pensando di vederla?
cos'e' il pensiero?
esiste la realta' anche senza di me? se credo di si allora come posso provarlo a me stesso?
qual'e' l'unica cosa che e' stata sempre presente durante la mia vita? forse io?
perche' i sogni sono cosi' simili a questa realta'? perche' li' posso volare contro la gravita' e qui no ma provo gli stessi stati d'animo che provo qui?
se credo di essere il mio corpo e questo e' fatto della materia che sta la' fuori, principalmente cibo aria acqua, perche' io ritengo di avere una coscienza e l'altra roba la' fuori no? perche' io ho il libero arbitrio e l'altra roba la' fuori no?
se credo di essere il mio corpo, qual'e' il perimetro che lo distingue dal resto la' fuori che dico non essere me? per esempio ho bisogno di respirare, quando allora quell'aria la' fuori diventa me e smette di essere l'aria la' fuori? quando una mela che mangio diventa me e smette di essere la mela la' fuori? e poi come fa quella roba la' fuori a smettere di non essere me per diventare me? come posso essere sicuro di essere il mio corpo? come posso essere sicuro che la mia coscienza venga dal corpo?
ecc. ecc...

lullo lallo ha detto...

gnee gnee ueee ueee voio ecat, voio ecat!

lullo lallo ha detto...

comincio a odiare rossi quasi più di oca sapiens

Silvio Caggia ha detto...

@lullo lallo
e-cat...tataccillo ao picciriddu! :-D

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Lullo lallo
@ Silvio

Ostrogoti! :D

Silvio Caggia ha detto...

@franco morici
"Per me la soluzione che darebbe una grande impulso sarebbe quella basata su una dimostrazione scientifica rigorosa, indipendente, pubblicamente verificabile, replicabile. "

anche per me... e come ho dedotto logicamente è appena avvenuta

@mario massa
"1 - è possibile che gli accordi con Rossi siano che si esegue un test in segretezza per 6 mesi POI si pubblicano i risultati: una pubblicazione anticipata non concordata con Rossi potrebbe essere impugnata da Rossi come inadempienza contrattuale."

no mario, solo gli sprovveduti al loro primo test possono cadere in un nda simile, ti ricordo che elforsk ha già fatto un tot di test, e questo è solo un ulteriore test di durata e per fugare ogni eventuale dubbio avanzato dal mondo intero, compresa la tua corrente continua... di fronte ad un dubbio o errore un NDA tiene, ma di fronte al dolo non c'è NDA che tenga e quantomeno il committente rimanda a casa i suoi tecnici (che costano) e si ritira al massimo in silenzio a meditare per 6 mesi. non sta lì a cazzeggiare per 6 mesi.
Guarda che ha fatto quel pivello di tecnico svedese non appena "gli è sembrato" che l'e-cat non funzionasse: ha alzato i tacchi e se ne è andato.
Pensi che elforsk non abbia verificato in questi test anche i dubbi avuti dal pivello? Pensi che non lo conoscano personalmente?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio

Ah...ma state ancora accapigliandovi nell'altra discussione, dunque! ;-)
Io non vedo contrasti con la posizione di chi vuole vedere 'il cammello' prima di 'cacciare i soldi'. Come ho sempre detto, la maggiore differenze sta nello stato d'animo, diciamo la percentuale di probabilità positiva che ci si sente di attribuire alla cosa, dovuta ad una diversa valutazione degli indizi disponibili. Lo stesso Rossi ha criticato F e P, per essersi esposti troppo, prima di aver trovato la possibilità di replicare il loro risultato e quindi confermare i loro claims. Io credo che fino al punto in cui la dimostrazione serva a cambiare paradigma, siamo tutti d'accordo: io, Franco, Mario, Silvio e Rossi. Incredibile, no?
Possono emergere differenze sull'opportunità di destinare sforzi e denari pèubblici alla ricerca, laddove si tema comunque di non trovare niente e credo che questa sia la battaglia di Franchini, anche se forse ormai si è fusa con questioni di orgoglio e di 'partito preso'. Qui l'orientamento è, per così dire, politico e ognuno lo valuta per proprio conto. Io sono di quelli che ritiene che investimenti non dissanguanti, in un settore con ricadute potenziali enormi, siano giustificabili. Ovviamente possono andare persi, ma questo va messo in conto. Però capisco che su questo punto si potrebbe aprire una discussione da bar sport, quindi ribadisco che è una mia posizione personale, ma lo sarebbe parimenti anche una diversa. Se poi, per disgrazia somma, Rossi avesse successo, chi ha sempre pontificato contro qualunque possibilità di sostenere ricerche nel campo delle LENR, che figura ci farebbe? Comunque in queste cose, dove quasi tutti gli esperti sostengono che non ci sia possibilità, alla fine ha spesso risolto il privato con mezzi propri e spesso di fortuna, vedi Marconi, o i Wright. Sognatori che hanno avuto successo. Qualche volta falliscono, lo so, ma per questo ai sogni va data un 'ragionevole' sostegno, senza considerarli 'impossibili' a priori.

piero41 ha detto...

@Silvio
Naturalmente saprai benissimo come il funzionamento del cervello sia stato studiato già da molto attraverso i tracciati degli encefalogrammi, più di recente con la PET e soprattutto con la RMF ecc ecc. Le neuroscienze ci stanno dando dentro !! e quando per scherzo mi dici :” se fosse così dovrebbe facilmente entrare in risonanza anche con un apparecchietto artificiale che mi permetta di comunicare direttamente i pensieri invece di parlare o scrivere...”
Behh leggi qua cosa stanno combinando quei mattacchioni del Laboratorio di biochimica clinica e biologia molecolare dell'Università di Pisa col prof. Pietro Pietrini....!!! :-))

http://www.unipi.it/index.php/tutte-le-news/item/2750-come-nasce-il-pensiero

Quanto a Rossi ormai mi sembra inutile ritornar ossessivamente a lunghe discussioni sulle sue prove... Ciascuno ormai si è costruito certe sue verità alle quali crede profondamente e che forse addirittura.... :))... potrebbero influire su quei fenomeni abbastanza aleatori e ancora non ben definiti nelle nano come in fondo forse pensava anche Piantelli di fronte alle sicurezze di Mario....

Come diceva Cures su Cobraf ormai in fondo Rossi decideva ben poco, sono altri che gestiscono l’affare.. Per loro questi 6 mesi di prove credo non siano altro che la prova su strada dell’impianto prima di metterlo in vendita. Provarne non solo il funzionamento ma soprattutto gli eventuali difficoltà, e incertezze . Penso che alla fine dovrà esser rismontato e ricontrollato tutto pezzo per pezzo, per evidenziarne la tenuta e i consumi dei materiali nelle varie zone, la corrosione interna per le correnti vaganti ecc per mettere in atto gli ultimi aggiornamenti.. ed evitar al massimo interventi di manutenzione in garanzia!!
Cosa vuoi che interessi ai nuovi padroni dimostrare scientificamente al PUBBLICO l’esistenza del fenomeno!! ....Segui il money e le ville e troverai. il......:))

indopama ha detto...

piero41,
beh quell'articolo di scientifico dice ben poco.
prendiamo per buona l'ipotesi che il pensiero nasca dal cervello, questo pero' e' costituito dagli elementi del cibo/acqua/aria/altra energia da fuori.
il pensiero c'e' anche dentro questi elementi oppure per magia nasce solo quando sono assemblati come nel cervello? c'e' una spiegazione scientifica per questo?
di cosa e' fatto il pensiero, qual'e' la materia che lo compone?
come lo misuro, come riesco a vederlo?
una tac mi dice niente sul pensiero, mi dice solo cosa fa la materia del cervello quando si pensa a certe cose (e si provano certe emozioni) ma questo cambiamento avviene anche nel resto del corpo e non solo nel cervello.
di cosa sono fatte le emozioni e dove risiedono/nascono?
di che materia e' fatto il mio sentimento di giusto o sbagliato?
e l'amore? che roba e' e di cosa e' fatto? come lo vedo nella realta' oggettiva?
e la paura?
ecc.......


Silvio Caggia ha detto...

@piero41
Ma di preciso che riescono a leggere questi mattacchioni? Perche' se siamo ancora al flusso dei capillari sanguigni del cervello stai solo mappando delle aree (o delle micro-aree) con dei contenuti emotivi... Ma che hai ottenuto? E' gia' nascosto nell'etimo della parola emozione la radice emos, flusso sanguigno... Siamo arrivati solo a dar ragione ai nostri progenitori di qualche migliaio di anni fa?
Vorrei qualcosa di piu' dopo duemila anni di storia... Ad oggi temo che siamo ancora a livello di ipotesi sulla coscienza, un sistema a livelli come i livelli iso-osi di un computer, ma niente macchinette che entrano in risonanza e leggono davvero i pensieri. E per leggere i pensieri intendo proprio leggere dalla mia testa la frase di invocazione di un simbolo che sto pensando.

La miglior ipotesi sulla coscienza che ho trovato finora e' questa:
1) Processi metabolici: meccanismi di gestione dell'energia interni all'organismo. (es.: micro-organismo)
2) Emozioni: meccanismi attraverso i quali vi è un cambiamento dell’organismo in risposta ad uno stimolo. (es.: pianta)
3) Sentimenti: rappresentazioni neurali di tali cambiamenti. (es.: animale "semplice", ben-essere)
4) Coscienza nucleare: rappresentazione neurale di un "soggetto" a cui tutto accade, senso di se', consapevolezza limitata al "qui e adesso". (es.: animale "complesso", neonato, coscienza non verbale, valori: integrita' delle funzioni dell'organismo)
5) Coscienza autobiografica: rappresentazione neurale della coscienza nucleare nel tempo e nello spazio, individuo. (es.: uomo, coscienza verbale, giudizio, valori esistenziali, relazioni)

Riguardo a rossi vedo che hai capito anche tu la situazione, ma e' buffo che proprio nel momento in cui e piu' chiara la situazione vengono fuori gli epigoni del negazionismo a giocarsi la faccia... :-D

Silvio Caggia ha detto...

@indopama
Se prendi un cervello vivo dentro brulica di pensiero.
Se lo metti qualche secondo in un frullatore non c'e' piu' alcun pensiero.
Che cos'e' il pensiero?
Quella cosa che hai tolto col frullatore.
Strutture.
Tra l'altro anche la vita a sua volta e' fatta di strutture.
Ed anche la materia fisica sottostante e' fatta di strutture.

gio ha detto...

>è possibile che gli accordi con Rossi siano che si esegue un test in segretezza per 6 mesi POI si pubblicano i risultati: una pubblicazione anticipata non concordata con Rossi potrebbe essere impugnata da Rossi come inadempienza contrattuale.

..sono d'accordo; penso che ci sian dei limiti, sopratutto legate ai tempi di pubblicazione !

ravecarl ha detto...

Ci provo:
Il pensiero o Coscienza (quella con la C maiuscola) è informazione pura.
E' informazione in movimento.
Per me l'informazione in movimento non è altro che energia. Dunque se ricapitoliamo : il pensiero o Coscienza non è altro che energia pura.
Non è E=mc2 per caso ?
Se cambio "m" la massa, in informazione "I". cosa mi succede ? Che piu' ho informazione e piu' ho energia. Dunque che cosa ha piu' informazione di tutti ? La Coscienza ("C" maiuscola).
Dunque energia e informazione e pensiero non sono altro che la stessa cosa. La sola cosa che cambia è solamente chi l'utilizza. Cosa vuol dire ? vuol dire che l'informazione o pensiero o energie cambia di valore a seconda di quale è il supporto fisico. Io, voi, tu, noi, il sasso, il gatto della vicina, la pianta ecc.
Il mio postulato (tenendo conto che non ho fatto fisica, e ne chiedo venia) è che l'informazione esiste da quando esiste il mondo. (non ce lo dicono i fisici ?). Dunque prima del Big-Bang. Il punto zero ?
Questa informazione, pensiero c'è sempre stata. è sempre esistita. Siamo noi che incominciamo a rendercene conto in questi ultimi secoli. E piu' ne prendiamo coscienza e piu' abbiamo energia. e piu' abbiamo energia e piu' ne abbiamo bisogno. E piu' ne abbiamo bisogno e piu' dobbiamo rendere il combustibile di questa energia fine, piccolo. Per questo che do molta importanza all'E-cat. Perchè se funziona, per me è la conferma che la nostra coscienza evolve verso una coscienza piu' grande. In poche parole acquistiamo piu' informazione. La nostra coscienza da c sta diventanto sempre piu' C. c--->C.

Sal ha detto...

@ravecarl
Alcune delle ultime teorie nel campo della filosofia della mente si basano proprio sul binomio coscienza-informazione.

ravecarl ha detto...

@Sal Grazie.
Ah bene! son contento che non son solo!

Paul ha detto...

Sto leggendo il libro di Lewan che mi è arrivato da pochi giorni e sono arrivato intorno alla pagina 60.
Ci sono un sacco di informazioni e aneddoti che Mats ha potuto avere a seguito delle sue ricerche e soprattutto direttamente da Rossi. Tali informazioni si integrano con quanto già sappiamo, e tratteggiano la figura umana di Rossi, ad iniziare dalla sua gioventù. Testardaggine e genialità e spirito combattivo, non per partecipare ma per vincere.
L'esperienza del carcere, che gli ha dato la possibilità di potersi concentrare totalmente sui suoi studi preliminari sulla cold fusion.
L'inizio del sodalizio con Focardi. Ecc. ecc.
Sto continuando a leggere, piano piano....

Silvio Caggia ha detto...

@gio
Ma sei consapevole almeno che il test di 6 mesi non ha l'obiettivo di verificare SE funziona ma di per QUANTO funziona? Il fatto che funzioni e' dato per scontato, i dubbi che ha rossi con i suoi ripetitivi positive or negative sono appunto sulla durevolezza ed affidabilita'.
Se non funzionasse proprio tu pensi davvero che aspettino 6 mesi ad andarsene?!?
Stai mica ipotizzando la presenza di FCA nei test? :-D

Silvio Caggia ha detto...

@sal
@ravecarl
ma voi intendete cose del genere?
http://www.lastampa.it/2013/08/20/scienza/leco-del-cervello-svela-il-livello-di-coscienza-yAzBsRRsDRFLQ2dAOjd57I/pagina.html
perché non ho capito cosa intendete per informazione altrimenti...

Sal ha detto...

No, non si intende del problema facile, ovvero della base biologica dei pensieri, che fondamentalmente è già stato risolto in modo riduzionista. nel senso che non sappiamo esattamente il come, ma sappiamo il perché dei pensieri.
Intendevo proprio il problema che riguarda la coscienza, la consapevolezza di se e del mondo. la stessa a cui credo si riferisca ravecarl.

Per informazione invece si intende proprio il significato fisico/matematico a cui sembra essere legata la coscienza, che può essere considerata una grandezza fondamentale(un pò come la massa/energia o la carica). E come queste grandezze non possono essere definite fisicamente se non come il rapporto che hanno tra di loro e le varie leggi che le governano, così la coscienza, che proprio come queste grandezze fondamentali potrebbe agire già a livello subatomico, potrebbe essere definita fisicamente attraverso il rapporto con l'informazione, e non cerando di comprendere la cosa "in sé".

Cercare di comprendere cosa sia "in sé" la coscienza, l'energia, lo spazio o quant'altro è privo di senso, ma capire le leggi che governano queste grandezze fondamentali può e deve essere oggetto di analisi scientifica.

gio ha detto...

@silvio


Su questo sono d accordo con te ma è indubbio che la pubblicazione ha effetti zul business e rossi &c avravvo preso precauzioni . Non possono lasciare nelle mani dei professori il timing.
Infatti rossi dice che il report lo devono dare a lui 3 giorni prima della pubblicazione.

gio ha detto...

@silvio


Su questo sono d accordo con te ma è indubbio che la pubblicazione ha effetti zul business e rossi &c avravvo preso precauzioni . Non possono lasciare nelle mani dei professori il timing.
Infatti rossi dice che il report lo devono dare a lui 3 giorni prima della pubblicazione.

gio ha detto...

P.s. sai bene che la presenza di Fca sconvolge ogni cosa persino le leggi della fisica

tia_ ha detto...

>Ma sei consapevole almeno che il test di 6 mesi non ha l'obiettivo di verificare SE funziona ma di per QUANTO funziona?

E tu sei consapevole di cosa ha esplicitamente detto Rossi?

>Il fatto che funzioni e' dato per scontato, i dubbi che ha rossi con i suoi ripetitivi positive or negative sono appunto sulla durevolezza ed affidabilita'.

Andrea Rossi
April 4th, 2014 at 10:46 AM

Bob:
1- let’s first see if the Third Indipendent Party work ( which is still in course, and is not finished yet) finds an effect, eventually we will go in the possible details.

Questo è quello che conta in tribunale.

Silvio Caggia ha detto...

@sal
faccio fatica a seguirti (come faccio fatica a seguire ravecarl e indopama).
Se ho capito bene voi credete nell'esistenza della coscienza "a priori", non come frutto della complessità di struttura, ma come qualcosa che c'è di per se' prima, tanto che mi parli di unità di misura di coscienza come fosse una grandezza fondamentale... se la coscienza e/o i pensieri sono tali, perché si trovano stranamente concentrati nel cervello? perché non sono in giro e lasciano magari il mio cervello e se ne vanno in quello di un altro o si impossessano del mio computer o del mio frullatore? perché queste coscienze/pensieri se ne sono state per miliardi di anni a fare niente ed hanno ora voglia di fare tanto? non potevano entrare nel cervello di un dinosauro (era bello grande, eh!) e fargli fare qualcosa di tipico della coscienza tipo disegnare una scena di caccia al mammifero sulla parete di una grotta?
Più semplicemente, che evidenza hai, a parte la tua impressione che sia così, che questa coscienza/pensieri preesistano di per sè a ciò dentro cui si manifestano?

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Ancora non hai capito rossi... :-)
Quando stava per venir fuori il risultato del test di terze parti alla domanda di cosa ne pensava del budget di elforks risondeva che non sapeva chi fosse elforsk...
Quando si stava per palesare il big partner, alla domanda di cosa ne pensasse del from cradle to cradle diceva di non sapere cosa fosse...
Ora che ti dice che bisogna vedere se il rossi effect esiste cosa pensi che stia per accadere? :-)

Franco Morici ha detto...

Silvio Caggia wrote:
@franco morici
"Per me la soluzione che darebbe una grande impulso sarebbe quella basata su una dimostrazione scientifica rigorosa, indipendente, pubblicamente verificabile, replicabile. "

anche per me... e come ho dedotto logicamente è appena avvenuta


Cosa sia effettivamente avvenuto al momento lo sanno (forse) solo i partecipanti.
Che poi sia già avvenuata addirittura la "dimostrazione scientifica rigorosa, indipendente, pubblicamente verificabile, replicabile" è una tua deduzione (il classico bicchiere 1/2 vuoto e/o 1/2 pieno considerato dai believer come già completamente pieno).

Immagino che al momento tu non abbia dei dati scientifici relativi a questo nuovo test da mostrare pubblicamente e che supportino in modo incontrovertibile la tua affermazione/deduzione e non disponi ancora di un prototipo del dispositivo disponibile per verifiche indipendenti presso un altro laboratorio, o sbaglio?

Silvio Caggia ha detto...

@franco morici
Io sono il cieco dei cappelli, franco! :-)

tia_ ha detto...

>Ancora non hai capito rossi... :-)

Che sia un contaballe è noto, ma non mi risulta che si chiami pure Tafazzi e si dia apposta le mazzate sui coglioni.
Mai prima d'ora rossi aveva messo in dubbio addirittura l'effetto stesso e questo sa tanto di exit strategy.



Sal ha detto...

@Silvio
Correlazione non implica causazione, è vero che la coscienza si manifesta nel substrato fisico, ma ciò non vuol dire che sia semplicemente un prodotto della complessità di una struttura, perché a mio parere nessuna struttura, per quanto complessa, potrà mai generare consapevolezza di sé. In questo senso sono assolutamente antiriduzionista. Il fatto di considerare la coscienza una grandezza fondamentale e non spegabile scomponibile in fattori più semplici ne è la logica conseguenza. Detto questo, e vorrei sia chiaro che siamo nel campo delle speculazioni, anche piuttosto ardite, potrei ipotizzare che questa coscienza si esprime nel mondo in misura più o meno importante a seconda dell'attitudine della materia di organizzarsi per scambiare informazioni. Il cervello sarebbe una macchina perfetta in questo senso, un ottimo catalizzatore di coscienza. Ciò non implica però che livelli più bassi di consapevolezza di sé non possano essere in strutture meno organizzate. Ripeto, ipotesi di lavoro e basta, e comunque la coscienza non ha necessariamente a che vedere col pensiero, con l'idea di sé, con l'immaginazione. questi sono pensieri, elaborazioni, o se vogliamo "immagini" che la coscienza vede. Un robot potrebbe essere capace di tutto questo un giorno, ma non esperirebbe la presenza di nessun pensiero, di sé stesso e di nessun oggetto intorno a sé, questo è il motivo per cui non sono riduzionista riguardo alla coscienza.

indopama ha detto...

" se la coscienza e/o i pensieri sono tali, perché si trovano stranamente concentrati nel cervello?"

e chi ce li ha mai visti nel cervello? esiste una foto dei pensieri dentro il cervello? un misuratore di pensieri?
no, quello che adesso misurano sono gli effetti sul cervello dei pensieri della coscienza. dire che i pensieri sono generati dal cervello e' falso, non e' mai stato dimostrato ed e' solo un'ipotesi.
in ogni caso gli esperti della coscienza e dei pensieri ci sono e sono per esempio i vertici religiosi, la massoneria, i rosacroce, ecc... oppure basta leggere l'ermetismo con i suoi 7 principi ermetici. gente esperta c'e', solo che non la si comprende.
oggi per noi il nuovo Dio e' la scienza per cui se la scienza non spiega una cosa allora questa non esiste oppure deve per forza essere farlocca.
la scienza invece e' un gradino sotto lo studio della coscienza, la scienza studia e spiega soltanto uno degli innumerevoli universi (la nostra realta') che la coscienza puo' creare, lo studio della coscienza spiega come vengono creati tutti gli universi. la scienza non ha una minima idea del fatto che questa realta' sia SOLO PURO PENSIERO e sia governata dalle leggi del pensiero e dell'amore (quella dell'amore che crea la realta' poi e' la cosa piu' inverosimile che si possa credere). illusione, maya come la chiamano gli hindu (e gli studiosi indiani sono evoluti assai).

indopama ha detto...

cmq hindu, buddisti, islamisti, sufi, hopi, cristiani, massoni, rosacroce, ermetisti, quelli tra loro che hanno raggiunto l'illuminazione dicono tutti le stesse cose perche' la realta' e' una (non questa). la realta' e' gia' cosi' com'e', siamo noi che pensiamo sia un'altra cosa...

Franco Morici ha detto...

Silvio Caggia wrote:
Io sono il cieco dei cappelli, franco! :-)

Puoi crederlo e magari può darsi che tu abbia ragione, anzi te (e me) lo auguro, ma per cambiare un paradigma scientifico comune (nel caso fosse...) giocare agli indovinelli e alle deduzioni non serve a niente; quello che secondo me servirebbe (come detto) è ben altro.

Con il tempo sto giungendo alla conclusione che ad un "believer" non interessa e non si impegna (se non a parole) nel prodigarsi intensamente affinchè le prove, eventualmente, siano raccolte (con le proprie mani) dagli scettici stessi perchè lui è già convinto e questo gli basta; un compito che magari, facendo proprio leva sull'essere visto come già credente, sarebbe maggiormente agevolto a svolgere.
In genere sembra sufficiente che esista un insieme, anche molto limitato e ristretto, che abbia queste sue stesse opinioni e il circolo si chiude felicemente.
Questo a mio avviso è un "circolo vizioso" e che va avanti e si sostiene da alcuni decenni ma senza sbocchi, finchè non verrà qualcuno che (nel caso fosse arrivato ad un risultato solido) sia in grado di fare quello che da tempo auspico.

Paul ha detto...

7 professori, 7 fisici, 7 università, 7 mesi fra test e report...
Ci sarà qualche significato "cabalistico"?

indopama ha detto...

si, c'e' un qualcUno che ti suggerisce di dare una letta ai :
7 principi ermetici.
:-)

triziocaioedeuterio ha detto...

Il report su arxiv lo scorso anni e' uscito a maggio ve'?
E allora pure quest'altro uscirà a maggio vedrai

nemo ha detto...

@Fabio Crestani
Anton Zeilinger è un grande

lullo lallo ha detto...

@lullo lallo tra un rinvio di rossi e l'altro, sei diventato pazzo, ora ti parli da solo

Silvio Caggia ha detto...

@sal
"a mio parere nessuna struttura, per quanto complessa, potrà mai generare consapevolezza di sé. In questo senso sono assolutamente antiriduzionista."

Il mio parere e' opposto, ma i pareri sono pareri... Quello che non capisco e' che anche io sono antiriduzionista... Che centra il riduzionismo? Riduzionismo e' pensare che dividendo la mente in pezzi sempre piu' piccoli puoi trovare la coscienza, come se ci fossero i microbi di coscienza o le molecole di coscienza o gli atomi di coscienza... Cosa che tra l'altro mi sembra molto vicina al tuo pensiero... Il mio e' che la coscienza sia un fenomeno collettivo, che emerge dalla complessita' (come tutte le cose)

"Un robot potrebbe essere capace di tutto questo un giorno, ma non esperirebbe la presenza di nessun pensiero, di sé stesso e di nessun oggetto intorno a sé"

Non ne sarei cosi' sicuro... Lo schema a livelli che ho indicato prima e' computazionalmente implementabile, un prototipo semplifice lo puoi realizzare, solo che non lo riconosceresti come senziente, tu vorresti superasse il test di turing... :-)

Riccardo R. ha detto...

@lullo lallo
Traaaaanqui zio! Non sei solo. Qua dentro ci sono diversi amici che hanno avuto esperienze mistiche ben più prepotenti e non spiegabili con la scienza MEIN STRIIM. Ingredienti: ipnosi, meditazione, tanta sfiga, relax, mi ha mollato la morosa, ho cannato l'esame, mi ha cazziato papi, una tazza di grappa (e per decenza non si menziona la mano stretta a pugno sul coso e il dito medio dell'altra mano infilato nell'altro coso) ed eccoti scodellata l'esperianza mistica!
Uhauuu che libidine! Ho visto la terra dallo spazio e i Cherubini e Serafini che facevan il girotondo!

Per i rinvii ancora più tranqui! A.R. giura - giurin giuretta - che questo è l'ultimo ultimissimo ma proprio ultimo-ultimo ultimino report. Non glie ne frega un cazzo di dove verrà publicato e se sarà negativo o positvo. (Lo fa per scaramanzia - tipo guai a dire auguri a uno che deve fare un esame)
Poi per il 2015 è tutto un altro discorso e se i fan vogliono un altro concerto, ne riparliamo.

@tutti
Di cognome non faccio Reitano e nemmeno Rossi ma Rxxxxyyzz. Mi sego ma xxyy zzxx non mi piego.
Magari viene buono per la sciarada di sabato prossimo.
Hasta Luego
(El pueblo - unido - jamás será vencido!)

Sal ha detto...

"Il mio parere e' opposto, ma i pareri sono pareri... Quello che non capisco e' che anche io sono antiriduzionista... Che centra il riduzionismo? Riduzionismo e' pensare che dividendo la mente in pezzi sempre piu' piccoli puoi trovare la coscienza, come se ci fossero i microbi di coscienza o le molecole di coscienza o gli atomi di coscienza..."

Non ci capiamo, per riduzionismo intendo la possibilità di ridurre la coscienza ad un fenomeno basato esclusivamente sulla combinazione complessa di elementi fisici e biologici(cervello). Il termine esatto sarebbe monismo, in contrapposizione al dualismo cervello/coscienza, ma non volevo creare confusione col significato religioso.

"Non ne sarei cosi' sicuro... Lo schema a livelli che ho indicato prima e' computazionalmente implementabile, un prototipo semplifice lo puoi realizzare, solo che non lo riconosceresti come senziente, tu vorresti superasse il test di turing"

Il fatto che un qualcosa sia computazionalmente implementabile non significa che sia in tutto e per tutto uguale a noi, soprattutto per quanto riguarda la coscienza. La mia macchina potrebbe passare anche il test di Turing simulando pensieri, consapevolezza di sé, emozioni, ma la domanda è: Queste cose sono davvero ESPERITE dalla macchina? Il problema non è saperlo davvero, dato che tutto può essere simulato, persino la consapevolezza, il problema è che io posso immaginare un robot che implementi tutte queste caratteristiche e che tuttavia non sia dotato di consapevolezza e che quindi non esperisca nulla di ciò che sembra vivere.
Allo stesso modo posso immaginare un intero universo identico a quello in cui viviamo ma in cui la consapevolezza è assente. Questo implica che la materia, la vita, il cervello, l'uomo, non implicano necessariamente la consapevolezza che quindi non deriva necessariamente da essi e dalla materia di cui sono composti.

E comunque, anche intuitivamente, una combinazione di atomi, per quanto complessa, potrebbe mai generare consapevolezza di sé così come la sperimentiamo noi? Non parlo di simulazioni di comportamenti, OGNI comportamento, emozione, pensiero può essere simulato nella sua parte "esteriore", ma riguardo l'intima percezione di vivere tutti questi stati mentali come la mettiamo?
C'è una sottile ma enorme differenza.

Citando Huxley: « Come avvenga che qualcosa di così sorprendente come uno stato di coscienza sia il risultato della stimolazione del tessuto nervoso è tanto inspiegabile quanto la comparsa del genio quando Aladino, nella favola, strofina la lampada. »

Silvio Caggia ha detto...

@sal
Ah, ho capito, sei dualista.

Ti vedrei bene in blade runner a far fuori androidi impazziti...

Pensa se tu scoprissi che nemmeno tu esperisci le cose, ma che hai solo l'illusione di esperirle...

Cosa sarebbe peggio per te scoprire: che i tuoi ricordi dell'infanzia sono innesti di memoria, o che Susan Blackmore abbia ragione? :-)

Daniele Passerini ha detto...

@lullo lallo
@Riccardo R.
Ciao psicanalista, ben tornato! :)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Franco Morici
"non disponi ancora di un prototipo del dispositivo disponibile per verifiche indipendenti presso un altro laboratorio, o sbaglio? "

Penso anche io che Silvio non abbia quello che dici, ameno che lui e Rossi non siano parenti. Povero Rossi, nel caso.... ;-)
Però il test pare sia svolto stavolta in un laboratorio terzo, da esperti di varia estrazione, alcuni dei quali forse saranno stati anche scettici, ma non al punto di non voler guardare nel cannocchiale. Scettici o fedeli (del Sì o del No), parleranno comunque i dati. Speriamo siano buoni e convincenti.
Comunque Rossi non mette in dubbio il suo effetto. Teme solo, secondo me più per 'posa' che per altro, che il test possa andare male, come anche uno studente preparato può aver la tremarella prima dell'esame. Tant'è vero che Rossi non considera il test dirimente per la dimostrazione o riprovazione dell'esistenza del suo effetto (anche se insisto a dire che credo stia più che altro recitando). Alla domanda su cosa sarebbe accaduto se il test fosse stato negativo, non ha risposto: "Ci arrendiamo e ammettiamo di aver sbagliato, sia pure in buona fede", per uscirne alla chetichella, ma più combattivamente:"Lavoreremo ancora più duro per renderlo positivo". Se ci rifacciamo ai Rossi says, facciamolo fino in fondo. Rossi non dice che il test potrebbe dimostrare che il suo effetto NON esiste, ha solo paura (forse) che possa andare male, il che può avvenire per molte ragioni, anche semplicemente dovute a malfunzionamenti non rilevati. Tuttavia, se il test fosse positivo, dimostrerebbe senza dubbio, salvo quelli derivanti dalla qualità dello stesso test, che l'effetto esiste. In caso negativo, comunque sarebbe un brutto colpo, inutile negarlo. Non credo che IH ne sarebbe felice, tanto quanto non credo che IH avrebbe organizzato questo test se non fosse abbastanza sicura del suo prodotto e 'stracerta' che l'effetto Rossi è reale. Io la vedo così, almeno.

mario massa ha detto...

@Silvio Caggia
@Silvio Caggia
"Guarda che ha fatto quel pivello di tecnico svedese non appena "gli è sembrato" che l'e-cat non funzionasse: ha alzato i tacchi e se ne è andato."

Scusa ma non so a cosa ti stai riferendo. Se ti riferisci alle misure del 06-09-2012 Mats descrive la cosa in modo molto diverso e a mio avviso, come ho scritto nell'altro post, nemmeno lui (che ha capito subito che sbagliava Rossi) si è reso conto che stava assistendo alla prova che Rossi truffava (o gli conveniva fare finta di nulla come ha fatto successivamente con Defkalion).

Sal ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Sal ha detto...

@Silvio
"Ah, ho capito, sei dualista."

Orientativamente e per quel poco che riesco a capirne, sì.

"Ti vedrei bene in blade runner a far fuori androidi impazziti..."

:-) Comunque non escludo che una macchina possa contenere consapevolezza,se è questo che intendi, in fondo il corpo stesso è una macchina,
io escludo soltanto che la coscienza, che reputo ontologicamente differente da tutto ciò che è fisico, debba necessariamente derivare da qualcosa di fisico come proprietà emergente dalla complessità. Tuttavia penso che essa possa associarsi, in certe condizioni, a ciò che è fisico, un pò come i bosoni di Higgs si associano a tutte le particelle dotate di massa.

"Pensa se tu scoprissi che nemmeno tu esperisci le cose, ma che hai solo l'illusione di esperirle..."

Per quanto mi riguarda la mia convinzione di esperire non è assolutamente in discussione. Posso mettere in discussione che quello che esperisco sia corrispondente alla realtà o illusorio, ma non il fatto stesso di esperirlo, dato che è l'esperienza più immediata che conosca, ed a pensarci bene l'unica che io conosca.
Poi per carità, tutto è possibile in linea di principio, anche il solipsismo...

"Cosa sarebbe peggio per te scoprire: che i tuoi ricordi dell'infanzia sono innesti di memoria, o che Susan Blackmore abbia ragione? :-)"

La memoria non ha molto a che fare con la coscienza, si tratta semplicemente di informazioni (vere, fittizie, innestate che siano) scritte in un supporto che sia un hard disk o il cervello. Poi ci deve essere qualcosa che vada a leggere quelle informazioni e che soprattutto le esperisca, appunto, ma le due cose sono totalmente indipendenti.

Per quanto riguarda la Blackmore, posso dirti di aver avuto io stesso delle cosiddette OBE in passato e per anni ed anni mentre mi addormentavo. Non ho mai dato troppo peso alla cosa, nonostante l'idea e il tutto avesse a che fare con una qualche forma di corpo astrale/spirito/anima mi abbia sempre affascinato. Chiaro che se davvero io avessi visto durante queste OBE qualcosa che avrei potuto vedere soltanto viaggiando astralmente, e se successivamente io avessi potuto verificare di persona, avrei cominciato a crederci davvero.

Silvio Caggia ha detto...

@mario massa
Mi linki o mi invii in privato questa descrizione di cui parli? Io mi riferisco a quello che so per quello che abbiamo vissuto "in diretta" qui a suo tempo: la pagina degli svedesi, la versione di rossi su jonp... Condividi le tue news... Quindi secondo te Mats pensa che rossi sia una truffa? 8-|

Robbins ha detto...

@Mario Massa
> si è reso conto che stava assistendo alla prova che Rossi truffava <

Lei corre troppo, senza conoscere i fatti. Anche Lewan, che forse sa di più di quello che scrive, non conosce i fatti per esperienza diretta - la sua cronaca è comunque per sentito dire.
In queste condizioni così vaghe la prudenza dovrebbe suggerire, soprattutto a un esperto di prove sul campo fatte di persona, di non esprimere giudizi troppo tranchant.
Una cosa è la constatazione Defkalion, altra le chiacchere da bar.
Non riconoscere questa differenza elementare comporta rischi, nella fattispecie il rischio di andare a sbattere. Di brutto.

Silvio Caggia ha detto...

@sal
Ma che differenza c'e' tra coscienza e consapevolezza per te?
Ce l'abbiamo tutti o solo qualcuno?
E da che eta' l'abbiamo?
Quando dormiamo l'abbiamo?
Un elefante ce l'ha?

Intendevo la susan blackmore matura dei memi e della coscienza come illusione, non la giovane fricchettona che si occupava di paranormale! :-)

Silvio Caggia ha detto...

@alessandro pagnini
"non credo che IH avrebbe organizzato questo test se non fosse abbastanza sicura del suo prodotto e 'stracerta' che l'effetto Rossi è reale."

Bravo. E non credo che non abbiano gia' fatto in casa dei test da 6 mesi. Ma alle prove ufficiali giustamente qualcosa puo' sempre andare storto.
La legge di Murphy docet :-)

Mir Amar ha detto...

@Mario Massa
> si è reso conto che stava assistendo alla prova che Rossi truffava <

Lei corre troppo, senza conoscere i fatti.


Scusate, ma com'è possibile che ancora si stia discutendo se sia qualcosa di reale o meno? Funziona o no questa cosa? E perché non lo dice chiaramente in un senso o nell'altro qualcuno al MIT o alla NASA o ad HARVARD o Rubbia o equivalente?

Sal ha detto...

@Silvio
"Ma che differenza c'e' tra coscienza e consapevolezza per te?"

Li sto usando all'incirca come sinonimi, anche se dovrei parlare soltanto di coscienza.

"Ce l'abbiamo tutti o solo qualcuno?"

Non ho motivo di pensare che qualcun altro non ce l'abbia.

E da che eta' l'abbiamo?

Immagino dalla nascita

Quando dormiamo l'abbiamo?

Quello del sonno è un bel problema, probabilmente siamo consapevoli dei sogni, anche se a volte non ce ne ricordiamo, ma per quanto riguarda il sonno profondo non ho una risposta.

"Un elefante ce l'ha?"

Immagino di sì, anche se in grado e forma diversa da noi.

"Intendevo la susan blackmore matura dei memi e della coscienza come illusione, non la giovane fricchettona che si occupava di paranormale! :-)"

Da quello che ho potuto capire secondo lei non si può distinguere tra ciò di cui siamo consapevoli e ciò di cui non siamo consapevoli ed a volte diventiamo consapevoli di qualcosa soltanto ricordando e chiedendoci se ne eravamo consapevoli. Correggimi se sbaglio, non sono molto informato a riguardo.
Secondo me in questi casi la coscienza era in realtà focalizzata su qualcosa, mentre tutto il resto veniva registrato dalla memoria come ricordo accessibile in un secondo tempo alla coscienza, ma questa volta non più come esperienza diretta, piuttosto come lettura di un qualcosa che è stato registrato dalla nostra mente inconscia.

Sal ha detto...

@Silvio
Fra l'altro la blackmore stessa dice che le sue osservazioni non rappresentano la soluzione al problema della coscienza, quindi non vedo come questo possa intaccare la mia visione.

Paul ha detto...

@ Mir Amar:
> E perché non lo dice chiaramente in un senso o nell'altro qualcuno al MIT o alla NASA o ad HARVARD o Rubbia o equivalente?

Non c'è bisogno, non c'è alcun problema.
Appena uscirà il report dei 7+7 professori di tre università che hanno lavorato per 7 mesi per 24 ore al giorno raccogliendo milioni di dati, ci saranno sicuramente molti che nei vari blog ci faranno subito sapere che è tutto sbagliato. Ci diranno dove hanno sbagliato, quali trucchi hanno usato, quali set avrebbero dovuto usare, e che non hanno verificato bene i fili nascosti.
E scopriranno che uno dei professori è cugino del cognato del fruttivendolo di Rossi, e che quindi il test non è stato "indipendent".

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Paul

Eheheheheh, più o meno immagino che la prima reazione sarà proprio codesta! :-D
Comunque alla Nasa e mi pare anche al MIT, stanno prendendo la cosa molto seriamente, ma se ci si riferisce a certezze conclamate di fenomeni ripetibili e consistenti, per adesso l 'apripista è Rossi, quindi è a lui che bisogna guardare e tra un po' avremo qualche certezza in più.
Ribadisco il punto di vista di Silvio, comunque: se il COP attualmente misurato fosse 1, Rossi sarebbe già stato chiamato a dare qualche martellata 'aggiustatoria' alla sua creatura. La situazione più crudele, sarebbe un COP di poco superiore a 1 (1,2 o 1,3) che oltre a lasciare dei dubbi sulle incertezze di misura e quindi non avere il potere di causare il famoso cambio di paradigma, sarebbe largamente insoddisfacente dal punto di vista pratico.L'unico scenario possibile in cui per sei mesi potrebbe essere rimasta lì a campeggio una squadra di volenterosi tester, senza che questo significhi già un successo, è appunto quello di un COP deludente, ma scientificamente interessante, salvo poi essere dichiarato NON bastante per garantire l'autenticità del fenomeno oltre ogni dubbio.
Se il COP rilevato fosse già un buon 2, credo ci sarebbe poco da discutere dal punto di vista scientifico, mentre da quello commerciale ancora sì e Rossi in IH si troverebbe più o meno nella posizione di Domenicali in Ferrari, cioè col fuoco al deretano per ottenere qualcosa di decente da mandare in pista. :-)

Shine ha detto...

@Robbins

"In queste condizioni così vaghe la prudenza dovrebbe suggerire, soprattutto a un esperto di prove sul campo fatte di persona, di non esprimere giudizi troppo tranchant."

tranchant? Dopo TRE anni di minchiate? Dimmi se conosci qualcuno qui più misurato, diplomatico e prudente di Mario Massa.

Silvio Caggia ha detto...

@sal
Susan sostiene che la coscienza e' un epifenomeno, che tra l'altro si manifesta con qualche frazione di secondo in ritardo rispetto alle scelte fatte dal cervello quindi l'idea che sia la coscienza ad eserare delle scelte e' secondo lei scientificamente dimostrata falsa :-) insomma coscienza e libero arbitrio sarebbero un illusione positiva che hanno dato un vantaggio evolutivo... Niente di piu'... Un po' pesante per un dualista... :-D

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Shine
"..tranchant? Dopo TRE anni di minchiate? Dimmi se conosci qualcuno qui più misurato, diplomatico e prudente di Mario Massa. ..."

Scusa Shine, ma se non sbaglio nel frattempo, fra le tante minchiate, c'è stato un primo TPR, che Mario ha legittimamente contestato, dicendo che secondo lui il problema era nella sottostima dell'input. Una ipotesi che ha formulato, era quella della continua. Possibile? Sì, in linea ipotetica e tecnicamente parlando, non potrei escluderlo. Calandomi nel contesto di misure libere e con setup imprevedibile, ritengo sia altissimamente improbabile, però potrebbero esserci anche altre possibilità di barare, che al momento non ci vengono in mente. Tuttavia non si può dire che siano tutte minchiate. Altrimenti definiamo pure minchiata qualunque cosa abbia l'effetto di minare i convincimenti dei fedeli del negazionismo e allora, in questa accezione 'distorta' del termine, ti posso anche dare ragione. Comunque ora è in arrivo l'ennesima 'minchiata', ancora più grossa e ci sono motivi per credere che possa chiarirci le idee e che non sia stato rilevato un piatto COP=1, come spiegavo sopra. Io mi affianco a Robbins nel ritenere che al momento sarebbe più saggio non sparare a zero su Rossi. Mario lo fa a giorni alterni. A volte è più possibilista, altre volte un po' più talebano. Secondo me è per la bevuta che ha imprudentemente promesso di pagare in caso di successo di Rossi e che ora, pentito di tanta generosità, cerca di esorcizzare gufando a più non posso :-D

indopama ha detto...

se fosse vero...
http://www.segnidalcielo.it/2014/04/10/fukushima-grande-successo-della-tecnologia-keshe-usata-per-la-bonifica-delle-radiazioni/

Lavorando su campioni di acqua e di terreno, provenienti dalle zone più critiche della centrale nucleare di Fukushima andata distrutta durante lo tzunami del 2011, la radioattività dell’acqua, delle parti metalliche coinvolte, delle scorie di varia natura presenti in sospensione, Yukako Saito, knowledge seeker attualmente in stage presso la sede italiana della Fondazione Keshe ed inviata in missione ha potuto ridurla in un brevissimo intervallo di tempo a ZERO.

Data l’assoluta eccezionalità del responso del test, che si è svolto in livestream pubblico, per la massima trasparenza nei confronti della popolazione giapponese, esso è stato ripetuto con esito identico e poi ripetuto ancora da altri due laboratori indipendenti. Anche in questi casi il responso è stato sovrapponibile.

Daniele Passerini ha detto...

@Shine
tranchant? Dopo TRE anni di minchiate?
Alludi a quelle che ci regali tu? In effetti ci mancavano un po', bentornato anche a te! Cos'è, una "controffensiva delle Ardenne"? :D

gio ha detto...

>Alludi a quelle che ci regali tu? In effetti ci mancavano un po', bentornato anche a te! Cos'è, una "controffensiva delle Ardenne"? :D

:):)....almeno franchini ci mette la faccia su questo bisogna dargli atto, ma tutti gli altri .......??!!!!

intanto:

Dear Andrea,
you wrote on April 8th, 2014 at 9:02 PM:
“….7 Universities and Nuclear Physics Institutes of Europe, Asia, America …”
They seem to be … 7 DIFFERENT institutes and universities, which is a big number …
Did I understand correctly?
Thank you, I wish you a good work,
Giuliano Bettini.

Andrea Rossi
April 9th, 2014 at 8:58 PM
Giuliano Bettini:
You understood correctly.
Warm Regards,
A.R.

Silvio Caggia ha detto...

@shine
Io conosco te che sei molto piu' prudente di mario massa, infatti con ti esponi mai con un nome e cognome. :-)
Se per tre anni hai fatto solo minchiate e' un problema tuo... L'e-cat ne ha fatta di strada invece negli ultimi 3 anni... Se non la vedi... Pazienza... Continua a non vederla... Non e' obbligatorio vederla... Ne' e' vietato fare minchiate... :-)

indopama ha detto...

hellllloooooooooooo
pettegoli che non siete altro, date un occhiata al link su keshe dove c'e' anche un video di 3 ore con la prova, se e' vero e' un fatto clamoroso!
redioattivita' azzerata in un istante!!!!!!

http://www.segnidalcielo.it/2014/04/10/fukushima-grande-successo-della-tecnologia-keshe-usata-per-la-bonifica-delle-radiazioni/

altro che Rossi... se funziona sta cosa allora probabilmente funziona anche il resto che ha detto.

Silvio Caggia ha detto...

@gio
Ma tanto lo Shine International Institute non e' tra i 7... :-D

... Who? ha detto...

Ciao a tutti: tutto bene?
come la va? Come la va?....

vi volevo informare che sto seguendo dall'inizio il progetto QEG Quantum Energy Generator (opensource) ...ho tradotto il manuale e sto sul pezzo con costanza. Sono già partiti ufficialmente i dispositivi a Taiwan e in Germania...una decina di gruppi stanno lavorando al prototipo qui in italia

guardate un po' se vi può interessare :-D
http://onepeoplefactory.org/faq/

(trovate altri articoli in giro per il blog...
ciao!!

Daniele Passerini ha detto...

@indopama
hellllloooooooooooo
pettegoli che non siete altro, date un occhiata al link su keshe dove c'e' anche un video di 3 ore...

Che ti devo dire... io ci andrei con i piedi di piombo... fino a ulteriori conferme, che non vengano autoreferenzialmente da Keshe stesso, ma da governo e scienziati giapponesi.

@Silvio Caggia
Ma tanto lo Shine International Institute non e' tra i 7... :-D
:D :D :D

Sal ha detto...

@Silvio
Negando il libero arbitrio si nega soltanto una parte del pensiero dualista, quella che crede nell'effetto della coscienza sulla materia, l'altra parte considera la coscienza come mero testimone interno passivo, un pò come in certe filosofie orientali.
Per quanto mi riguarda sono convinto soltanto di quest'ultima funzione, e cerco di non complicarmi la vita mettendoci dentro anche la questione spinosa del libero arbitrio.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Indopama

"Che ti devo dire... io ci andrei con i piedi di piombo... fino a ulteriori conferme, che non vengano autoreferenzialmente da Keshe stesso, ma da governo e scienziati giapponesi."

Quoto Daniele per quanto nel virgolettato, ma prego in dialetto della Patagonia citeriore che sia vero tutto quello che Keshe sostiene di poter fare. Mi riesce assai difficile fare affidamento su Keshe, ma non sai quanto sarei entusiasta di aver commesso un errore di valutazione.

@ Valeria
"Ciao a tutti: tutto bene?
come la va? Come la va?...."

Meriteresti di non essere salutata, per come ci hai abbandonato ;-) :-D
Comunque va benino, diciamo. Poi vado a vedere anche il link, tranquilla, ora ho il tempo contato :-)




... Who? ha detto...

Ho rubato anche la new del report su Nature che finalmente ci libera dalla rigidità termodinamica (citandoti @Daniele ;-) )

dai, sto facendo altre cose....un sacco belle!!
@Alessandro

Shine ha detto...

come al solito il dito invece della luna. Non sono minchiate? Va bene, Rossi dice cose serie e pensate. E' professionale scientifico ed affidabile.

Ma dire a Massa che, dopo 3 anni, sarebbe meglio essere 'prudenti' con queste condizioni 'vaghe' mi sembra una stupidaggine. Non parlo dei greci, nè di Prometeon (povero Proia) ma di tutte le volte che Rossi dice una cosa e voi gli credete acriticamente. COP 200? COP 200 sia. Ah no, COP 3. Ok, vada per COP 3. Gamma termalizzanti? Certo, come fosse antani. Radiazioni? No, non è nucleare! Rame? è la prova della trasmutazione nucleare. Brevetto bocciato? Chissenefrega del brevetto. Hotcat? E vai di hotcat. Test di sei mesi? Allora funziona sicuro.

Che diamine, a volte mi sembrate davvero rincoglioniti. Lo dico senza polemica, ora torno a sparire. Ciao!

Silvio Caggia ha detto...

@sal
Il mondo e' bello perche' e' vario... :-)
Io ho la fissa del libero arbitrio anche se tutte le evidenze sono contro di me... :-)
Non sono dualista, ma non mi definirei nemmeno monista... Diciamo che sono il fondatore dello "stratismo" :-D

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Shine
"...Che diamine, a volte mi sembrate davvero rincoglioniti..."

Talvolta mi sembro anch'io un po' rincoglionito :-D
Vedi che abbiamo qualche punto di contatto! ;-)

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Robbins ha detto...

@Daniele Passerini

Niente Ardenne.
http://www.corrieresalentino.it/2013/06/la-battaglia-di-austerlitz/

Ovviamente un altro nano chiaccherone. E anche lui guardava il dito. Ed è finito male.

Però Wellington non abita a Tirrenia - non ci ha mai abitato, troppe zanzare.

Il punto è questo - le cornamuse del novantacinquesimo da qualche mese suonana un altra canzone, favorevole al bastardo italiano.

Mario Massa ancora non si è sintonizzato a dovere - peccato - un buon imprenditore dovrebbe saper annusare il vento - vorrà dire che continuerà con gli alimentatori switching.

indopama ha detto...

veramente in test mi sembra di capire li abbiamo fatti i giapponesi, quelli del video.

bertoldo ha detto...

d22"Che ti devo dire... io ci andrei con i piedi di piombo... fino a ulteriori conferme, che non vengano autoreferenzialmente da Keshe stesso, ma da governo e scienziati giapponesi. " e' solo fuffa per non far passare la tecnologia italiana wow

Paul ha detto...

Su Nature, il Nobel per la Fisica Brian Josephson parla (bene) del libro di Mats Lewan

http://www.nature.com/news/seven-days-4-10-april-2014-1.15003#comment-1329446567

triziocaioedeuterio ha detto...

Lezione di rossi sulle pagine di jonp sul significo della arola serendipity!!!
Da nn perdere :)))

Alessandro Pagnini ha detto...

@ triziocaioedeuterio
Già, si vede che gli va di scherzare. Buon segno! :-)

Aggiungo che abbiamo saputo dal Jonp, per bocca...no, anzi, per tastiera di Rossi, che:

1) Qualora i test fallissero, saranno impegnati a risolvere il problema che è stato causa del fallimento e che egli si impegnerà per questa tecnologia, finchè avrà vita. L'effetto Rossi non viene messo in dubbio.

2) I test si svolgono in un laboratorio non posseduto da IH, che è stato comunicato pochi giorni prima dell'inizio dei test. Non si trova in Italia e neppure negli USA.

3) Sono stati spediti 3 E-CAT, per poter avere un ricambio in caso di guasto dell'unità sotto test. Per adesso non c'è stato bisogno di utilizzare i rimpiazzi.

Scusate se lo faccio notare, ma se non avessero visto produzione di calore in eccesso, non avrebbero provato a usare gli altri due?

Comunque abbiamo solo le affermazioni di Rossi per adesso. A me confortano abbastanza, ma so che a molti qui dentro entreranno da un orecchio e usciranno dall'altro, senza attecchire minimamente in qualche area del sistema nervoso centrale, perchè quelle sono già occupate da concetti, tipo: Impossibile, fuffa, truffa.
Io incrocio le dita e mi pregusto già la faccia di Putin e delle sue bollette per il gas
E già che ci sono anche quella dei miei fornitori di luce e gas, che mi massacrano con fatture che mi fanno stramazzare ogni bimestre. ;-)

Daniele Passerini ha detto...

@triziocaioedeuterio
Lezione di rossi sulle pagine di jonp sul significo della arola serendipity!!!
Da nn perdere :)))

:D :D :D
Ma non è per la scoperta dei tre stati quantici della serendipity che passerà alla storia, questo è certo! ;)

gio ha detto...

vi siete rincoglioniti!!!!!

p.s.: mi adeguo , visto che è di moda passare di qui dare dei rincoglioniti a tutti e andarsene:)

Daniele Passerini ha detto...

@Bertoldo
...e' solo fuffa per non far passare la tecnologia italiana wow
Non sarebbe certo la prima volta che succede... :(

@Robbins
Però Wellington non abita a Tirrenia - non ci ha mai abitato, troppe zanzare.
A Tirrenia abita Philippe Pétain e lo aiutano a piantare pomodori e zucchine a mo' di trincea André Maginot e Marie-Eugène Debeney... al grido di "o Coulomb o morte!".

domenico canino ha detto...

@gio
mi sa che la Volvo ha soffiato il posto alla fiat, e messo i soldi per il report in un suo lab in svezia,
ciao

gabriele ha detto...

Salve a tutti,

"L'effetto Rossi non viene messo in dubbio.".
Da Rossi.
Dalì ci avrebbe fatto un quadro surrealista eccezionale.
Kafka uno dei suoi racconti nomen omen.
Oppure Beckett avrebbe quasi certamente cambiato il titolo alla sua principale opera.

Citazionismi scontati a parte,

poi un giorno qualcuno mi dovrà spiegare da dove viene questa convinzione che "costerà meno".

Posso capire il "inquinerà meno" (Dalì, Kafka e Beckett permettendo) ma il costo da dove deriva?

Dalla predisposizione filantropica degli xcat-produttori o dal fatto che ognuno si costruirà in casa il proprio generatore di energia?

Vorrei capire fino a dove si spinge la speranza dei believers!

Fermo restando che il tutto, per ora, si riduce a un racconto da Bar dello Sport di Benny.

Ok, dai, che se non ci fosse qualche scettico che si espone con sprezzo più che del pericolo del ridicolo (ma mi sembrerebbe giusto pagare un po' di pegno, quindi avanti cos'), in questo bel blog ci sarebbe meno divertimento :-)

CIao a tutti e alla prossima,

gabriele, che ha appena finito di scrivere una mail dal valore aggiunto un po' bassino ma personalmente lieto di averlo fatto

triziocaioedeuterio ha detto...

Comunque è' già da un po che i rossi says non sono più i rossi says ma i says dello chief scientist di ih...e questa non mi sembra una cosa di poco conto.

triziocaioedeuterio ha detto...

Sassottizzo il post con una notizia interessante:
http://www.affaritaliani.it/culturaspettacoli/alieni-messaggi-criptati.html

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Robbins ha detto...

@Daniele Passerini
Petain non lo hanno impiccato solo perché era troppo vecchio. Non so se basti essere vecchi e basta per evitare la forca.

Di questi tempi, e con la temperie morale corrente, si potrebbe pensare a una accoglienza nei servizi sociali, cooperativa agricola di ex-carcerati.

Sono sicuri che i redimibili verrebbero ben motivati dalla coltivazione degli zucchini - meno dai deliri sullo psi quadro - irresistibili! Dalle mie parti un certo personaggio mette di buon umore tutta la giornata, lo nominiamo nei corridoi.

gio ha detto...

@ domenico

sui soci mi aspetto sorprese.

Merlian ha detto...

@domenico canino

Volvo non vuol dire necessariamente Svezia, a secondo se autocarro o automobile potrebbe essere Svezia, Francia, Giappone o Cina!

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Gabriele
"...poi un giorno qualcuno mi dovrà spiegare da dove viene questa convinzione che "costerà meno"..."

Beh, l'obbiettivo dichiarato è 1 centesimo di dollaro a kwh alla produzione. Ovviamente sempre Jonp e sempre Rossi says, ma è ovvio che stiamo ragionando su un'ipotesi basata su questi, senza dimenticare che non costituiscono certo un dogma di fede (quindi almeno io non mi classifico believers, ma speranzoso sì). Quanto poi arriverà a pagarla l'utente finale, tra tasse e accise, non lo so, ma è ragionevole pensare molto meno delle cifre attuali. Sempre finchè non ci sia una generazione 'casalinga', quindi energia a Km zero.

""L'effetto Rossi non viene messo in dubbio.".
Da Rossi."

Esatto! Oltre a seguire di più il Jonp, devi lurkare con più attenzione, anche su 22passi ;-)
Qui si sta cercando di capire se, come qualcuno ipotizza, certe dichiarazioni prudenzialissime del nostro filosofo(a dire il vero Rossi con quella tiritera avrebbe pure stancato!), riguardo ai possibili esiti del test, possano costituire una base per una prossimo abbandono del prodotto. Insomma si ipotizza che i test andranno male e che Rossi stia preparando una exit strategy, con cui dire: "Ci ho provato, ero in buona fede, ma è andata male ed eveidentemente mi ero sbagliato e ora aprò una bella pizzeria!" o qualcosa del genere. Ecco perchè PROPRIO quel che dice Rossi è interessante.

Devi applicarti di più, Gabriele, ti vedo distratto ultimamente ;-)

Daniele Passerini ha detto...

@merlian (e domenico canino e gio)
Volvo non vuol dire necessariamente Svezia, a secondo se autocarro o automobile potrebbe essere Svezia, Francia, Giappone o Cina!
Ops, a me google ha restituito anche qualcos'altro... È un lapsus freudiano la tua omissione o solo scaramanzia?!? ;)
http://www.volvotrucks.com/trucks/na/en-us/Pages/Volvo%20Trucks%20USA.aspx

Daniele Passerini ha detto...

@robbins
:D :D :D
Mi piacerebbe molto riuscire a concretizzare presto quel che ci siamo ripromessi.
Un abbraccio

gio ha detto...

7 università 7 istituti di fisica nucleare , quanti nazioni o meglio quanti continenti ??!! quanti milioni di consumatori

un'operazione di questo non passa per le mani di un socio solo e una sola nazione , ma penso a più soci e più nazioni!

c'è un capocordata ??!!! sicuramente ma è un " primus inter pares" altrimenti non funzione perchè un'opeazione di questo tipo deve avere un placet governativo e istituzionale se l'obiettivo è quello di distribuire il device su larga scala !

volvo ha il giusto profilo? sicuramente ed era presente al test del 2011..ricordo male daniele??!!

vedarem!!!

Merlian ha detto...

@daniele

Non ricordavo che VOLVO avesse comprato anche la MACK e che fosse così radicata anche negli States, allora rilancio con Penn State come lab: ..."Penn State and Volvo Group will cooperate in the areas of diesel combustion and efficiency, alternative fuels..."

Silvio Caggia ha detto...

Mi sono perso come siete arrivati a Volvo e da dove...

Io l'unico collegamento lo vedo da quando avevo 3 anni nella canzone:
Volvo un e-cat nero
[Zecchino d'Oro 1969]
CORO:
La la la…
SOLISTA:
Un coccodrillo vero
un vero alligatore:
ti ho detto che l’avevo
e l’avrei dato a te.
Ma i patti erano chiari
il coccodrillo a te
e tu dovevi dare
un e-cat nero a me.
Volvo un e-cat nero nero nero:
mi hai dato un e-cat bianco
ed io non ci sto più.
Volvo un e-cat nero nero nero…
Siccome sei un bugiardo
con te non gioco più.
CORO:
La la la…
SOLISTA:
Non era una giraffa
di plastica o di stoffa:
ma una in carne ed ossa
e l’avrei data a te.
Ma i patti erano chiari:
una giraffa a te
e tu dovevi dare
un e-cat nero a me.
Volvo un e-cat nero nero nero:
mi hai dato un e-cat bianco
ed io non ci sto più.
Volvo un e-cat nero nero nero…
Siccome sei un bugiardo
con te non gioco più.
CORO:
La la la…
SOLISTA:
Un elefante indiano
con tutto il baldacchino:
l’avevo nel giardino
e l’avrei dato a te.
Ma i patti erano chiari:
un elefante a te
e tu dovevi dare
un e-cat nero a me.
Volvo un e-cat nero nero nero:
mi hai dato un e-cat bianco
ed io non ci sto più.
Volvo un e-cat nero nero nero…
Siccome sei un bugiardo
con te non gioco più.
CORO:
La la la…
SOLISTA:
I patti erano chiari:
l’intero zoo per te
e tu dovevi dare
un e-cat nero a me.
Volvo un e-cat nero nero nero:
invece è un e-cat bianco
quello che hai dato a me.
Volvo un e-cat nero
ma insomma nero o bianco
l'e-cat me lo tengo
e non dò niente a te.
TUTTI:
La la la..

Silvio Caggia ha detto...

Che è tra l'altro collegata a questo blog dalla precedente:
22+22 e-cat
[Zecchino d'Oro 1968]
Nella cantina di un palazzone
tutti gli e-cat senza padrone
organizzarono una riunione
per precisare la situazione.

Quarantaquattro e-cat,
in fila per sei col resto di due,
si unirono compatti,
in fila per sei col resto di due,
coi baffi allineati,
in fila per sei col resto di due,
le code attorcigliate,
in fila per sei col resto di due.

Sei per sette quarantadue,
più due quarantaquattro!

Loro chiedevano a tutti i bambini,
che sono amici di tutti i e-catini,
un pasto al giorno e all’occasione,
poter dormire sulle poltrone!

Quarantaquattro e-cat,
in fila per sei col resto di due,
si unirono compatti,
in fila per sei col resto di due,
coi baffi allineati,
in fila per sei col resto di due,
le code attorcigliate,
in fila per sei col resto di due.

Sei per sette quarantadue,
più due quarantaquattro!

Naturalmente tutti i bambini
tutte le code potevan tirare
ogni momento e a loro piacere,
con tutti quanti giocherellare.

Quarantaquattro e-cat,
in fila per sei col resto di due,
si unirono compatti,
in fila per sei col resto di due,
coi baffi allineati,
in fila per sei col resto di due,
le code attorcigliate,
in fila per sei col resto di due.

Sei per sette quarantadue,
più due quarantaquattro!

Quando alla fine della riunione
fu definita la situazione
andò in giardino tutto il plotone
di quei e-cattini senza padrone.

Quarantaquattro e-cat,
in fila per sei col resto di due,
marciarono compatti,
in fila per sei col resto di due,
coi baffi allineati,
in fila per sei col resto di due,
le code dritte dritte,
in fila per sei col resto di due.

Quarantaquattro e-cat,
in fila per sei col resto di due,
marciarono compatti,
in fila per sei col resto di due,
coi baffi allineati,
in fila per sei col resto di due,
le code attrorcigliate,
in fila per sei col resto di due,
col resto di due.

indopama ha detto...

pero' siete forti, vi state arrabattando da anni su di una storia di chiacchiere e adesso che c'e' un video di 3 ore con un test strabiliante (se vero) fatto dai giapponesi nemmeno un minuto di analisi?
se e' un falso di 3 ore lo scopriamo subito...

Silvio Caggia ha detto...

@indopama
ma tu pensi che qualcuno si sorbisca un video giapponese di 3 ore qui?
posta un link ad un articolo di giornale (testata giornalistica, comunicato ansa...) in cui si parli di questa cosa anche in solo due righe e ci interessiamo subito... :-)

Merlian ha detto...

Secondo Rossi il Lab non si trova negli States:

April 10th, 2014 at 8:30 AM
Dear Andrea Rossi, When you say that the Professors are conducting their work “in a neutral laboratory”, do you mean they are still in your premises, or instead situated in a laboratory that is not owned by you?

Best Regards,
Teemu

Andrea Rossi
April 10th, 2014 at 6:02 PM
Teemu:
The Professors have worked and are working in a laboratory that is not owned by us, is totally out of our premises and that we never used before. We knew of it few days before the beginning of the test and sent there the E-Cat. It is located in a Country that is not Italy and is not USA. I cannot give further information, but, obviously, the precise location where the test will have been completed will be described in the Report that will be written by the Third Indipendent Party. When we arrived there for the assembling of the reactor, some of the components of the t.i.p. were already there for the set up.

Warm Regards,
A.R.

gio ha detto...

"The Professors have worked and are working in a laboratory that is not owned by us, is totally out of our premises and that we never used before."

la responsabilità di "quel laboratorio" non è roba loro!!....è chiaro il messaggio!!!

loro hanno solo fornito i devices!!!!

Silvio Caggia ha detto...

forse ho trovato un video del Country dove hanno fatto le prove dell'e-cat...
https://www.youtube.com/watch?v=kPjoZYjcmJs
:-D

Silvio Caggia ha detto...

Supertele-cattone
[1989]
Sono il tele-cattone, maoo!
Rambo Rocky Sting e Lucio Dalla
grazie a me stan sempre a galla
Per l'attore ed il cantante
sono un premio inebriante
Supertele-cattone
Miao
Gullit Biagi Prinz e Ramazzotti
io li ho visti ragazzotti
senza me il Kabir Bedi
non sarebbe che un baby
Come un supere-catto io vedo dentro ai fatti
dal satellite artificiale
vi racconto la TV locale
Sono un e-catto su tetto che ascolta
tutto come fosse la prima volta
Con la faccia a TV u u u
Questi baffi all'insù sù sù sù
Gli occhi più blu blu blu blu blu blu blu blu blu
di Paul Newman!
Se vi piace chiamatemi Nobel.

Silvio Caggia ha detto...

l'e-cat
[Gino Paoli, 1971]
C'era una volta un'e-cat
che aveva una macchia rossa sul muso
e una vecchia soffitta vicino al mare
con una finestra a un passo dal cielo blu.

Se la chitarra suonavo
l'e-cat faceva le fusa ed una
stellina scendeva vicina, vicina
poi mi sorrideva e se ne tornava su.

Ora non abito più là,
tutto è cambiato, non abito più là,
Ho una casa bellissima,
bellissima come vuoi tu.

Ma, io ripenso a un'e-cat
che aveva una macchia rossa sul muso
a una vecchia soffitta vicino al mare
con una stellina, che ora non vedo più.

. . . . . .

Ma, io ripenso a un'e-cat
che aveva una macchia rossa sul muso
a una vecchia soffitta vicino al mare
con una stellina, che ora non vedo più...

bertoldo ha detto...

"..tranchant? Dopo TRE anni di minchiate?" minchia tre anni che state quà ...

Silvio Caggia ha detto...

Maledetto e-cat!
[Lucio Battisti, 1978]
Elegante, contenuto, un po' ironico, garbato.
Misterioso, interessato, imbroglione, subdolo, matto
Maledetto di un gatto, maledetto di un e-cat!
Indifeso ma per gioco. Dolce caro sempre amico.
Un poeta me per poco, giusto per un platonico ricatto:
Maledetto di un e-cat, maledetto di un e-cat!
Giovane mio amore, quanto ingenua non lo so,
ti vorrei avvisare, ma far questo non si può..
Paternalista a questo punto, non divento proprio no! Potresti ridere!
Tu disturbi? Vuoi scherzare?
È un grandissimo piacere. Puoi unirti a noi a mangiare.
Un 'intruso, ma chi l'ha mai detto.
Maledetto di un e-cat, maledetto di un e-cat!
Abbiam tempo per star soli: solo un whisky forza sali!
Ma tutt'altro ci consoli. Bravo è vero andarsene è brutto.
Maledetto di un e-cat, maledetto di un e-cat!
Giovane mio amore, quanto ingenua non lo so,
ti vorrei avvisare, ma far questo non si può..
Paternalista a questo punto, non divento proprio no! Potresti ridere!
Quindi maledetto e-cat, tu continua a far le fusa,
se percaso lei fosse confusa, riuscirai a mangiarmi nel piatto!
Maledetto di un e-cat, maledetto di un e-cat!

Silvio Caggia ha detto...

...dalle frequenze di radio 22 Passi il vostro DJ silvio è pronto per l'ora di dediche a richiestaaaaaa...
...scegliete la vostra e-ca(t)nzone e dedicatela a chi volete! :-D

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio Caggia
...dalle frequenze di radio 22 Passi il vostro DJ silvio è pronto per l'ora di dediche a richiestaaaaaa...
...scegliete la vostra e-ca(t)nzone e dedicatela a chi volete! :-D

La fo...llia scorre potente in te! ;)
Le tue e-ca(t)nzoni sono irresistibili, ci si potrebbe fare un ottimo post "sassotto", diavolo di un post-sessantottino che non sei altro! :D

Merlian ha detto...

Caparezza - Un Vero Uomo Dovrebbe Lavare I Piatti

Non sei un uomo se come un frate chiedi perdono.
Non sei un uomo se a fare mazzate non sei buono.
Non sei un uomo se tua moglia di te se ne fotte.
Non sei uomo se.. se non la gonfi di botte.
Non sei un uomo se non guidi le macchine grosse.
Non sei un uomo se non tiri due ganci alle giostre.
Non sei un uomo se hai paura di tornare in carcere.
Non sei un uomo sei gay se ti metti a piangere.
Non sei un uomo e farai una brutta fine.
Non sei un uomo... se non hai la pancia sferica.
Non sei un uomo senz'abito buono alla domenica.
Non sei un uomo se di notte non vai al bordello.
Non sei un uomo... se non ti tira il pisello.
Non sei un uomo se ti arrendi e non mostri gli artigli.
Non sei un uomo se non prendi a ceffoni i tuoi figli.
Non sei un uomo se il rispetto che hai non ti basta.
Lo sai cosa ti manca? Un ferro nella tasca.
Non sei un uomo e farai una brutta fine.

RIT: Non ascoltare questi maldicenti.
Non si va avanti con la forza ma con la forza degli argomenti.
Non ascoltare questi ment-e-cat-ti.
Un vero uomo si dovrebbe alzare per lavare i piatti.
Un vero uomo dovrebbe lavari i piatti.

Non sei un uomo se non hai lo stereo più potente.
E poi si vede dalla foto che hai sulla patente.
Non sei un uomo se perdi tempo a studiare i libri.
Se sei un uomo.. meglio che inizi con gli scippi.
Non sei un uomo se ti beccano la piantagione.
Non sei un uomo se dalla prigione fai il mio nome.
Non sei un uomo se mi fotti, che se me ne accorgo.
Non sei un uomo vivo, tu sei un uomo morto.
Non sei un uomo e farai una brutta fine. RIT.

carloluna ha detto...

@DJ silvio
una richiesta di rifacimento di
Romagna mia con inserimento tags Bondeno,Focardi,ecat,etc
dedicata all'amico dott.Rossi perché ritorni in italia(if positive)

silvio sei un grande!parimerito con Freak Antoni

Silvio Caggia ha detto...

@carloluna
"purtroppo" l'hanno già fatta: https://www.youtube.com/watch?v=tDpILaes5WQ
:-D

Alessandro Pagnini ha detto...

Oh Silvio, sei stato a Vinitaly a far l'assaggiatore, di' la verità! ;-) :-D
E hai contagiato anche Merlian, che a vederlo così pareva una personcina tanto seria! :-D

Bravi, l'allegria fa veramente bene! :-)

Comunque Merlian arriva secondo. La notizia della localizzazione del laboratorio (fuori Ilalia e USA), l'avevo già postata io. Sigh, sob, non mi legge nessuno! :-(

Merlian ha detto...

Fatece largo che passamo noi,
Li scienziati de la fusione fredda,
Semo regazzi fatti cor cervello
E le persone famo sognà,
E le persone famo sognà.

Ma che ce frega, ma che ce 'mporta
Si dentro ar l'e-cat cià messo l'acqua;
E noi je dimo, e noi je famo:
"Dai Rossi l'ENEL nun la pagamo".
...

CLaudio Rossi ha detto...

Scusate ma ho avuto un incubo: e se con il costo dell'energia tendente a zero e con la possibilità di autoprodurla si scatenasse una folle corsa al consumo sfrenato e alla cementificazione di tutto il globo terracqueo?
Siamo sicuri che avremmo fatto "bingo" ?

Paul ha detto...

Come avrete letto su JoNP, Rossi ha consegnato tre E-Cat per i test. Uno da sottoporre alle prove, gli altri due di scorta nel caso il primo non avesse funzionato.
Rossi dice che non hanno avuto bisogno di cambiare reattore, perché il primo ha/sta funzionando bene.

Al di là di questo fatto (importante) si deduce anche che Rossi mantiene contatti costanti con i professori.

Non so però se gli viene detto cosa hanno/stanno scoprendo.

Rossi, in uno dei suoi ultimi messaggi ha detto "...I am worried...".

Quanto possono essere forti gli NDA da entrambe le parti? Fortissimi credo, data l'importanza del fatto.

domenico canino ha detto...

@paul
Non è proprio così; lui ha inviato (In Svezia e lab Volvo penso, perchè viene fuori dal libro di Lewan) 3 e cat ed i ricambi; in un laboratorio neutro fittato per l'occasione; ma chi dice che ne hanno messo il funzione solo uno? Se io fossi stato uno del team li avrei accesi in contemporanea tutti e tre e spinti a tutta forza, sennò che prova è? E poi c'è un fatto, se voi aveste messo un gettone minimo di 25 milioni di dollari (come ha detto di aver fatto il fondo Cherokee e con cui Rossi si è comprato 14 immobili a Miami) rischiereste di mandare a puttane un affare se il prodotto non è maturo e stabile? Io al loro posto non glielo avrei dato. Il punto non è più da tempo se funziona o no, ma se è davvero stabile e maturo per andare sul mercato, ecco la validità ed utilità a fini commerciali di un test lungo 6 mesi. Se è andato bene per tanto tempo, è gia pronto per il mercato industriale almeno.
Ciao

Paul ha detto...

@domenico canino: Rossi dice che ne ha inviati 3 "as spare parts", non "and spare parts". Comunque il succo del discorso è che non c'è stato bisogno dei "ricambi". Provarli tutti e tre? Solo se il primo avesse fatto cilecca..
Credo che con tutti i milioni di dati che hanno raccolto sul primo sarebbe stato dispersivo (e troppo faticoso e complicato) mettere in servizio anche gli altri.

Frank Acland:
We sent 3 of them, as spare parts, but ( this I can say) we did not have breaks or malfunctions, so far, so the spare parts are intact.
Warm Regards,
A.R.

Alessandro Pagnini ha detto...

Anche io la leggo come Paul e questo conferma che il primo risponde alle aspettative minime, altrimenti ne avrebbero provato uno di quelli di scorta, nel dubbio di un guasto. A questo punto, tra quelle sfortunate, rimane aperta solo l'ipotesi di una resa infelicemente bassa, al limite dell'errore di misura. Oppure che Rossi si stia inventando tutto, con la complicità di IH però, perchè adesso è il loro capo scienziato e parla dei test di un loro prodotto, quindi parla di questioni aziendali di IH da cui dipende, e il silenzio di quest'ultima, equivale ad un avallo alle sue parole, direi.

Silvio Caggia ha detto...

@alessandro pagnini
cavoli... se ti sbilanci anche tu a fare il cieco dei cappelli allora siamo proprio vicini al redde rationem... :-)

Silvio Caggia ha detto...

La Lumaca Quantica di Coulomb

Una lumaca si arrampica ogni giorno su una barriera salendo di 3 metri, ma la notte con l'umidità scivola in basso di 2 metri.
Quanti giorni ci metterà a scavalcare una barriera alta 5 metri?

domenico canino ha detto...

@paul
penso che tu abbia ragione, e che io abbia equivocato sulle ali dell'entusiasmo;
ma la sostanza non cambia, il punto non è se va, ma quanto va, se è maturo per la produzione industriale; è questo il mio augurio, dopo tre anni passati a spulciare i Rossy says;
ciao

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio Caggia
Una lumaca si arrampica ogni giorno su una barriera salendo di 3 metri, ma la notte con l'umidità scivola in basso di 2 metri.
Quanti giorni ci metterà a scavalcare una barriera alta 5 metri?

Ok, ti do corda. Ovviamente 2 giorni e mezzo!

triziocaioedeuterio ha detto...

Si ma se il primo report e' stato positivo allora non vedo perché quwst'altro dovrebbe essere negativo ...tanto più che si testa l'ultima(a noi conosciuta)versione dell hot cat con il mouse.
Nel frattempo l hot cat e' divenuto dannatamente stabile;)

Andrea Rossi
April 11th, 2014 at 3:08 PM
Steven N. Karels:
The Hot Cat under examination from the third indipendent party has never been stopped and it run continuously with no interruptions of sort.
Warm Regards,
A.R.

bertoldo ha detto...

"Siamo sicuri che avremmo fatto "bingo" ? " non ti preoccupare già sono pronte guerre e virus ...

Riccardo R. ha detto...

Si ma se il primo report e' stato positivo allora non vedo perché quwst'altro dovrebbe essere negativo
Cari Trizio Caio e Deuterio la risposta è semplice
L'invenzione della storia è fantastica ma ha un difetto che sta facendo impazzire A.R.
Ad ogni perfezionamento funziona sempre meno! Ricordate cari la prima versione, quella che scaldò gli uffici di Bondeno? Aveva un rendimento di 200. Poi, lima, martella, salda e dissalda, a Gennaio 2011 si arrivò a 30. Successivamente, dopo un anno di duro e assiduo lavoro nel capannone di Bologna, ecco l'ultima meraviglia. l'accacat con un fantastico rendimento di 3. Ma 3 se si legge il TPR con un occhio solo e si salta una riga si e una no, altrimenti, ad essere onesti salta fouori un 2 o anche meno..
Ora, dopo ulteriori fatiche e con l'aiuto economico del ricco paparino IH/Cherokee, non dovete stupirvi se, estrapolando la curva rendimento/tempo, oggi avesse raggiunto il valore unitario. Ecco perchè AR è tanto preoccupato. Adesso posso farvi io una domanda? Quando scrivete lo fate contemporaneamente oppure digitate una riga o una parola a testa? Riuscite sempre a mettervi d'accordo? Nella mia lunga carriera devo dire che non ho mai incontrato casi come il vostro. Ho spesso afffrontato casi di disturbi binari di personalità ma ternari è veramente un evento rarissimo. Se venite da me tutti assieme vi faccio lo sconto.
P.S. Passerini, non ne azzecca una che sia una. Come non sono Reitano, non sono nemmeno lo psicanalista.
Buone cose.

Daniele Passerini ha detto...

@Riccardo R.
Nella mia lunga carriera devo dire che non ho mai incontrato casi come il vostro. Ho spesso afffrontato casi di disturbi binari di personalità ma ternari è veramente un evento rarissimo. Se venite da me tutti assieme vi faccio lo sconto.
P.S. Passerini, non ne azzecca una che sia una...

Per quel che riguarda il post scriptum, non posso che sorridere a cotanto pulpito! (E ribadisco che lei non è nuovo di questi lidi)
Per il resto se lei fosse veramente lo psichiatra o psicoterapeuta che vuol dar da intendere di essere, la maggioranza dei suoi colleghi, leggendola, non potrebbero che vergognarsi per lei. Saluti a lei e alla sua lunga carriera

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Sivlio
Azzardo, secondo me il viscido animale, dopo la seconda scivolata si rompe i 'lumaco@@@@ni' e torna a brucare nell'orto ;-)

@ Riccardo
"Ora, dopo ulteriori fatiche e con l'aiuto economico del ricco paparino IH/Cherokee, non dovete stupirvi se, estrapolando la curva rendimento/tempo, oggi avesse raggiunto il valore unitario"

E chi si stupisce. Sappiamo tutti che sia nel primo TPR, che in quello in corso, lo scopo dell'investimento di IH e dei tester al lavoro, è semplicemente quello di scaldare i mushmellows e preparare i pop corn. Infatti seguo questa cosa proprio con interesse prettamente culinario. Tra l'altro ho il forno a microonnde che fa le bizze e pare che l'Hot Cat, per scongelar bistecche sia il meglio del meglio. :-)

Fatta la battuta, su Bondeno e certe sparate, stenderei un velo pietoso. Capisco le tue perplessità, ma ci sono dei momenti in cui si può dover azzardare anche qualche...esagerazione, per arrivare allo scopo. Se lo scopo sia reale e nobile, o solo truffaldino, lo svela il contesto, che però ognuno interpreta a modo suo. Io dal contesto traggo fiducia, tu no. Tra poco sapremo chi avrà avuto ragione.

domenico canino ha detto...

@riccardo r
secondo me tu sei riccardo ruggeri, grande scrittore ed editore torinese, ma si sa io non ci prendo mai;
ciao

Franco Morici ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Franco Morici ha detto...

Alessandro Pagnini wrote:
...su Bondeno e certe sparate, stenderei un velo pietoso. Capisco le tue perplessità, ma ci sono dei momenti in cui si può dover azzardare anche qualche...esagerazione, per arrivare allo scopo.

Sparate? Azzardo? Esagerazioni?
Il 22 Marzo 2010 è stato pubblicato il Paper-Report:
"A new energy source from nuclear fusion"
a firma Focardi/Rossi in cui questi valori erano scritti nero su bianco a pagina 4:
anno 2009 (dal 2-17 al 3-3) rapporto OUT/IN 197
anno 2009 (dal 3-5 al 4-26) rapporto OUT/IN 203
e tu ora minimizzando le definisci "sparate", "azzardo" oppure "esagerazione"?

e ancora è stato scritto:
"It is remarkable that similar results have been obained in the factory of EON in Bondeno (Ferrara, Italy) in a test performed with ENEL (spa) on June, 25th 2009 and in another sery of tests made in Bedford, New Hampshire (USA) in a lab of LTI with the assistance of the DOE (November 19 2009) and of the the DOD (November 20 2009)."

La teoria in esso descritta è stata poi completamente smentita da Rossi e quindi ti chiedo:
per convenienza ora sostieni che sono farlocchi anche i dati sperimentali e le misure riportate nel documento?

Allego il link al documento:
http://www.journal-of-nuclear-physics.com/files/Rossi-Focardi_paper.pdf

Se non lo hai mai fatto almeno leggi il Paper.
Essere "believer" non ti esenta dal conoscere gli eventi, almeno per decenza.

Silvio Caggia ha detto...

@daniele
sei sicuro della tua risposta?

Silvio Caggia ha detto...

@franco morici
ancora al cop stiamo? ma non hai capito che il cop è infinito? :-)

Franco Morici ha detto...

@ Silvio Caggia
ancora al cop stiamo? ma non hai capito che il cop è infinito? :-)

No, convincimi usando matematica e senza far riferimento ai "Rossi says".

Silvio Caggia ha detto...

@franco morici
convincerti usando la matematica? :-D
secondo i dati dei test pubblicati l'e-cat emette energia anche nella fase quando l'energia in input è zero. il cop in quella fase è quindi infinito.
l'energia in input serve, oltre che ad iniziare la reazione, solo poi a controllarla.
il problema del cop è quindi solo ingegneristico, di minimizzare l'energia necessaria al controllo.
come dovresti sapere, tagliando di colpo il controllo l'e-cat va in runaway fondendo se non addirittura esplodendo.
Nessun rossi says, solo logica.
prova con la lumaca adesso :-)

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio Caggia
sei sicuro della tua risposta?

Con la tua coscienza quantica a n stati non si può mai essere sicuri di nulla! Ma collassando tutte le risposte a quella più probabile (o meglio a quella che mi sembra più logica e sensata), confermo la mia.
Comunque, come ben hai fatto, continuiamo a parlare della lumaca nel nuovo post (http://22passi.blogspot.it/2014/04/il-sabato-della-sciarada-5.html) e continuate qui gli altri discorsi.

Franco Morici ha detto...

@ Silvio Caggia
...l'energia in input serve, oltre che ad iniziare la reazione, solo poi a controllarla.
Se complessivamente ti serve fornire dell'energia per controllare la produzione di altra energia vuol dire che il COP per definizione non può essere considerato infinito. Lo sarebbe se anche l'energia in input fosse prodotta dal medesimo dispositivo ma dopo più di un anno ancora non vedo una turbina o altro accoppiata al H-Cat e che generi dell'energia elettrica.
Parlare di "quella fase" è come voler considerare per comodità solo una parte del problema.

come dovresti sapere, tagliando di colpo il controllo l'e-cat va in runaway fondendo se non addirittura esplodendo.
Dovrei saperlo? e come? utilizzando una "logica believer"?
Vedo però che tu sembri conoscere a fondo tutte queste problematiche, allora magari potresti scrivergli e consigliare anche delle soluzioni :)

Silvio Caggia ha detto...

@franco morici
e' qui che ti volevo portare... infatti non capisco perché state a parlare di cop che è un problema prettamente di ottimizzazione ingegneristica che non interessa affatto alcun thirdy party test. chi fa o ripete quei discorsi di "discesa del cop" nel tempo non ha capito niente o peggio è in molta cattiva fede.

la fusione di reattori è documentata anche nel primo thirdy party test che andò in fumo proprio per questo motivo.
tra l'altro la fusione del proprio reattore è proprio il motivo che ha scatenato l'iniziale interesse da parte della maggior parte di quelli che si sono interessati di fusione fredda, a cominciare da fleischmann e pons.
e questa è storia ormai
anche tu, ne avessi mai fuso uno, staresti lavorando a scoprirne il perché invece di cercare in ogni modo di negare quello che fanno gli altri... :-)

ma non ti ricordi dell'onion-cat (porro-cat) che proposi con successo a rossi? :-)
chi ha regalato la parola "epitassiale" a rossi? quando la userà ricordati di me... :-D

Franco Morici ha detto...

@ Silvio Caggia
e' qui che ti volevo portare... infatti non capisco perché state a parlare di cop che è un problema prettamente di ottimizzazione ingegneristica che non interessa affatto alcun thirdy party test.
Strano anche gli autori del famoso TPR (qello che citi con i 7 professori) si sono soffermati e si sono prodigati lungamente nei calcolo per arrivare a determinare questo parametro.
Secondo te quindi discutevano solo di una cosa superflua e/o secondaria?

ma non ti ricordi dell'onion-cat (porro-cat) che proposi con successo a rossi? :-)
con successo?
Il 19 Aprile 2013 hai scritto su JoNP:
...Imagine an onion like architecture, with the mouse inside, and various layers around…
http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=802&cpage=3#comment-680606
a cui fu risposto cortesemente:
"Good suggestion…actually, we are working on it."
http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=802&cpage=3#comment-680609
Da allora hai quindi avuto dei riscontri, delle evidenze, dei risultati tangibili?
Se sì, ce ne fai partecipi con i dettagli?
Il tuo commento ha quindi risolto per sempre il problema della rimozione dell'energia di controllo?
Bene e allora il prossimo Report certamente documenterà che non è più necessario fornire alcuna energia elettrica (tolti ovviamente i primissimi minuti di riscaldamento) ed il sistema va avanti per mesi e mesi senza più richiedere un solo Joule di energia in input.

chi ha regalato la parola "epitassiale" a rossi? quando la userà ricordati di me... :-D
Quindi Rossi non conosceva la parola "epitassiale" (in inglese "epitaxial") scritta anche nell'Abstract del Brevetto Piantelli
https://register.epo.org/application?documentId=EQC5GEN97647FI4&number=EP09806118&lng=en&npl=false
e ribadita in un commento su JoNP del lontanissimo Giugno 2010?
http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=96&cpage=1#comment-688

Silvio Caggia ha detto...

@franco morici
sì, quelli del tpr discutevano solo di una cosa superflua e/o secondaria, non era obiettivo del tpr calcolare il cop massimo dell'apparecchio e non l'hanno fatto.

"Good suggestion…actually, we are working on it."
non si può proprio scherzare con gli ingegneri... eh? :-D
rossi fa sempre così, ogni volta che gli danno un suggerimento utile ringrazia e ti dice che guardacaso lo sta già facendo, sa mai che poi accampi pretese... :-D

franco, please, rassegnati al fatto che da anni c'è in commercio un ecat con cop garantito 6, e qualcuno nel mondo lo usa anche... non mi chiedere chi, ovviamente non lo so io... trova una azienda a cui ne serva qualcuno e faglielo comprare così poi lo vedi da vicino... :-D non mi sembra che sia andato fuori produzione o sia stato ritirato dal commercio... è l'unica cosa in vendita, no? :-)
se davvero sei curioso di sapere come funziona l'e-cat prima del dovuto hai una sola strada: spingere verso l'epo perché accettino il brevetto così che non abbia più alcuna scusa per rivelare il segreto. e ve lo dico da quanti anni? :-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Franco
Se permetti, Franco, decido io cosa è necessario che io conosca e qualunque cosa io scelga mi riservo di rigettare un giudizio di indecenza che non ritengo tu abbia diritto di esprimere nei miei confronti. E se anche tu lo avessi, e ribadisco che non te lo riconosco, educazione imporrebbe maggior delicatezza. Tra l'altro e qui vorrei fosse l'ultima volta che debbo ripeterlo, gli unici che sembrano credenti (believer) e convinti di avere la verità in tasca, sono i 'negazionisti' (non gli scettici, come me, che mantengono sempre la porta aperta al dubbio e prronunciano raramente e sottovoce la parola 'impossibile'), anche perchè si sentono forti di un paradigma favorevole, insomma stanno dalla parte dei più, dei riconosciuti, dei saggi! Quei paper, che NON ho letto, probabilmente potrei riuscire a interpretarli, non so quanto affidabilmente, facendo uno sforzo piuttosto intenso, perchè non è la mia materia e le mie conoscenze tecniche e scientifiche andrebbero probabilmente rinfrescate o ampliate sul momento con documentazione e studio in tempo reale ed è uno sforzo che ora non posso permettermi, neppure volendo.
Quello che intendevo, tanto per chiarire, è che mi sembra altamente improbabile e ritengo verosimilmente esagerata, la storia del riscaldamento degli uffici di Rossi per mesi e senza problemi, con un E-CAT che pareva stabile e che addirittura si pensava a come fare per poter spengere (se ricordo bene cosa dichiarava Focardi) e quindi in autosostentamento e COP infinito. Ovviamente è solo un mio parere, ma non duro fatica ad immaginare che altri possano avere lo stesso dubbio mio.
Ma per tornare alla guerra dei documenti, il primo TPR ve lo siete sviscerato in non si sa quanti, con lo stesso risultato di quando si vedono le tribune politiche in cui ognuno snocciola i dati 'ufficiali' immediatamente contraddetto dall'antagonista che ha quelli 'ancor più ufficiali', o comunque meglio interpretati. Siamo arrivati a ipotizzare una possibile continua nascosta. Arriveremo a ipotizzare di tutto, pur di leggere nei report cosa ci vogliamo leggere e negare quel che non ci piace. Per codesta via, puoi divertirti con uno degli estensori del report e probabilmente starete settimane a dibattere, cavillando su cifre, errori di misura e influenza di variabili trascurate o assunti non leciti e chi più ne ha più ne metta, senza che nessuno arrivi a convincere l'altro, a dispetto della presunta 'obiettiva chiarezza delle cifre'. Tecnici e scienziati, che hanno letto tutti i report e i paper, ci sono in entrambi gli schieramenti, anche coloro per i quali la materia trattata è pane quotidiano e attività professionale. Ecco perchè ha molto più senso aspettare a vedere cosa succederà tra un po', perchè quelli che sono esperimenti isolati e poco convincenti, verranno via via sostituiti da altri sempre più chiarificatori, in positivo, o in negativo (dove ho già sentito queste parole?), fino ad allora si va a sensazioni di contesto, lo ribadisco. Oppure puoi dire che dalla lettura dei dati dei vari paper hai potuto ottenere una CERTEZZA INCONTROVERTIBILE che l'E-CAT non funziona, che l'effetto Rossi non esiste e che alla fine tutta la sua vicenda finirà con un bel COP unitario? Se sì, dillo chiaramente che registrerò mentalmente la tua posizione e già che ci sei avverti anche IH, che almeno limitino i danni. Sarebbe un gesto carino e magari te ne sarebbero grati.

Vincenzo Bonomo ha detto...

@ Franco Morici

Caro Franco ho notato una certa impazienza nei tuoi post nel cercare una risposta ai tuoi dubbi scientifici che difficilmente qualcuno di noi potrà soddisfare.
Come forse sai, personalmente sono convinto che l'e-cat sia un semplice acceleratore di particelle che sfrutta la superconduttività dell'idrogeno metallico per ottenere la fusione col nickel, superconduttività confermata indirettamente da Rossi in passato quando rivelò che il reattore "produceva campi magnetici".
Conoscendo le tue competenze di ingegnere, la tua disponibilità di un laboratorio e suppongo anche del tempo necessario, se ritieni plausibile una spiegazione dell'effetto Rossi dovuto a fenomeni superconduttivi, mi chiedo perché non provi direttamente tu a verificare sperimentalmente questa ipotesi.
A questo proposito, eventualmente, avrei anche qualche idea su come cercare di approfondire la questione.

robi ha detto...

è interessante vedere quante parole si sprecano per convincersi/convincere
che l e-cat sia reale o no
complimenti all inventore

Franco Morici ha detto...

@ Silvio Caggia
trova una azienda a cui ne serva qualcuno e faglielo comprare così poi lo vedi da vicino... :-D non mi sembra che sia andato fuori produzione o sia stato ritirato dal commercio... è l'unica cosa in vendita, no? :-)
Mi chiedi troppo... a giudicare dal bilancio della Prometeon srl (che immagino fedele)
http://www.cobraf.com/forum/immagini/R_123548058_1.pdf
bilancio che spero avrai letto, dovrei quindi riuscire a fare ciò che non è riuscito a dei professionisti in un paio d'anni di attività?


@ Alessandro Pagnini
Quei paper, che NON ho letto, probabilmente potrei riuscire a interpretarli, non so quanto affidabilmente, facendo uno sforzo piuttosto intenso, perchè non è la mia materia e le mie conoscenze tecniche e scientifiche andrebbero probabilmente rinfrescate o ampliate sul momento con documentazione e studio in tempo reale ed è uno sforzo che ora non posso permettermi, neppure volendo.
Non serve una particolare conoscenza per leggere la Tabella 1 di pagina 4 del documento (come inglese è ampiamente sufficiente quello di base), documento che da anni è lì, ben in vista nella prima pagina del sito JoNP, che immagino frequenti per attingere notizie, e rappresenta uno dei primissimi punti, tra i più discussi e controversi, della questione.
Piuttosto dimmi solo che non l'hai mai letto perchè mi pare che affermare di non essere in grado di capire, mortifica un po' troppo la tua intelligenza.

Quello che intendevo, tanto per chiarire, è che mi sembra altamente improbabile e ritengo verosimilmente esagerata, la storia del riscaldamento degli uffici di Rossi per mesi e senza problemi, con un E-CAT che pareva stabile e che addirittura si pensava a come fare per poter spengere (se ricordo bene cosa dichiarava Focardi) e quindi in autosostentamento e COP infinito.
Infatti, sono state proprio queste considerazioni alla base, inizialmente, della diatriba che da quel documento prende spunto.

Ma per tornare alla guerra dei documenti...
Guarda che non c'è nessuna guerra, semplicemente la constatazione che il tuo commento, ancora oggi nel 2014, prescindeva completamente da quei contenuti noti, lasciando intendere che si trattasse di semplici sparate e/o esagerazioni propagandistiche, questo ho dovuto fartelo notare, forse bruscamente (e nel caso ti chiedo scusa) ma doverosamente.
Documentarsi su quanto si discute e si afferma mi pare sia un comportamento auspicabile.

Oppure puoi dire che dalla lettura dei dati dei vari paper hai potuto ottenere una CERTEZZA INCONTROVERTIBILE che l'E-CAT non funziona, che l'effetto Rossi non esiste e che alla fine tutta la sua vicenda finirà con un bel COP unitario?
No, ma purtroppo nemmeno la certezza scientifica del contrario.

Franco Morici ha detto...

Vincenzo Bonomo wrote:
Come forse sai, personalmente sono convinto che l'e-cat sia un semplice acceleratore di particelle che sfrutta la superconduttività dell'idrogeno metallico per ottenere la fusione col nickel, superconduttività confermata indirettamente da Rossi in passato quando rivelò che il reattore "produceva campi magnetici".
Conoscendo le tue competenze di ingegnere, la tua disponibilità di un laboratorio e suppongo anche del tempo necessario, se ritieni plausibile una spiegazione dell'effetto Rossi dovuto a fenomeni superconduttivi, mi chiedo perché non provi direttamente tu a verificare sperimentalmente questa ipotesi.

Vincenzo non sopravvalutare troppo le mie competenze e capacità, poi secondo me, così non è logico e molto probabilmente non funzionerebbe.
Concedimi di spiegarmi con un esempio figurato...

Se qualcuno affermasse di essere stato così fortunato da aver individuato un ago d'oro in un pagliaio posto all'interno di una stanza buia tu cosa faresti, entreresti nella stanza buia e ti metteresti a cercare da capo nella remotissima speranza di essere altrettanto fortunato? Oppure chiederesti al fortunato di indicarti almeno la zona del pagliaio dove ha visto l'ago o meglio ancora di portarti lui li vicino?

A me personalmente, senza una qualche indicazione, non basterebbe la vita intera per replicare il fortunato evento e poi è illogico perchè ripetere da capo e da zero una ricerca quando c'è già chi ha avuto modo di trovarlo? (i passi in avanti nascono dalle esperienze fatte. Per assurdo, secondo questo principio, staremo ancora discutendo su come fare per accendere un fuoco)
I campi da esplorare sono infiniti, le teorie pure e ne nascono di nuove ogni giorno.

ant0p. ha detto...

>>>>domenico canino: "Il punto non è più da tempo se funziona o no, ma se è davvero stabile e maturo per andare sul mercato">>>>>

magari fosse così, purtroppo il vero spartiacque di questa vicenda è la sfiatella del giugno 2011: prima rossi era prodigo di test e appariva molto sicuro di se. prima del gennaio 2011 la vicenda era nota solo ai pochi appassionati dell'argomento, poi da gennaio a giugno 2011 si è estesa anche a chi (come me) è interessato a questioni scientifiche e energetiche pur non essendo appassionato o professionalmente direttamente coinvolto. riguardo alla possibilità di capire dall'esterno le possibilità di funzionamento si è visto molto di più in quei 6 mesi che dalla sfiatella a oggi, e purtroppo quello che si era visto in quei 6 mesi non era stato assolutamente convincente nel complesso (anche al netto di moviolismi sterili stile tia e altri adepti franchiniani:)) e alle discussioni infinite e inutili sul titolo del vapore, bastavano l'occultamento sistematico dell'output unito alla sfiatella nell'unico caso di non-occultamento evidente per far far pendere la bilancia verso il pessimismo).
quello che si è visto in seguito (pentoloni, container mega-cat, gatti caldi) non aggiunge quasi niente per chi non ha direttamente a che fare con gli accrocchi.
dopo la sfiatella rossi è diventato molto insicuro e incazzoso con chi non si fidava di lui (vista anche la reazione che aveva avuto e le sciocchezze che diceva per negare l'evidenza, quando sarebbe bastata una prova della serva semplicissima per azzerare qualsiasi polemica), si è sostanzialmente nascosto, ha cambiato il tipo di test fino ad arrivare alla calorimetria per irraggiamento con l'hotcat (che ovviamente è meno facile da valutare da 'lontano'), in modo da non dover fare più test parzialmente valutabili anche da casa con un video di youtube: tutti erano concordi nel dire che i tubi di scarico del vapore dovevano essere visibili per avere una conferma occhiometrica delle misure di energie, ma l'unica volta che sto cazzo di tubo era stato tirato fuori dal cesso era uscita una sfiatella da 500watt contro i 5kw dichiarati, dopodichè rossi si è nascosto sul piano sperimentale e ha rilanciato su quello commerciale, saltando di fatto la fase della valutazione pubblica via internet.

adesso rossi non può sperare nella memoria corta dellaggente, perché qualcuno salta sempre fuori a ricordare che al massimo può aver dato una prova convincente del funzionamento ai suoi interlocutori diretti, ma di sicuro non a noiggente:)) noiggente in questo momento aspettiamo (io col pessimismo più totale:)) che rossi superi l'asticella della commercializzazione, che di sicuro è più alta di quella del funzionamento, ma non possiamo dimenticare che in pubblico non ha nemmeno superato l'asticella più bassa del funzionamento.

mario massa ha detto...

@Alessandro Pagnini
@Franco Morici
"Quei paper, che NON ho letto, probabilmente potrei riuscire a interpretarli, non so quanto affidabilmente, facendo uno sforzo piuttosto intenso, perchè non è la mia materia e le mie conoscenze tecniche e scientifiche andrebbero probabilmente rinfrescate o ampliate sul momento con documentazione e studio in tempo reale ed è uno sforzo che ora non posso permettermi, neppure volendo."

Alessandro ti capisco: secondo me l'affermazione di Franco è condivisibile quando è rivolta a un tecnico che vuole parlare senza prima essersi documentato. 22passi è un blog ove i tecnici con competenze specifiche relative a questi problemi sono pochi: la maggior parte dei lettori, anche se tecnici, non hanno (o non si sentono di avere) le conoscenze specifiche per poter dare un parere basato sulla propria analisi dei fatti. In questo caso tendono a dare peso a ciò che ha detto questo o quello, o anche solo alle sensazioni e alle speranze. Spesso poi i report e i filmati sono in inglese e questo per molti è un ulteriore ostacolo alla comprensione.

Per contro da Camillo le discussioni sono quasi solo tra tecnici, spesso a livelli troppo alti per la media dei tecnici, me compreso, figuriamoci per chi nella vita fa tutt'altro.

E allora chiedo a entrambi: perchè non chiedere a Daniele, in attesa di questo benedetto report, un post nei commenti del quale i tecnici di diversa opinione rianalizzano sotto il solo aspetto tecnico, magari in ordine, i vari report, test e dimostrazioni di Rossi cercando di essere semplici e rispondendo "visto da destra e da sinistra" ai dubbi dei meno tecnici? Sarebbe un modo obiettivo di riassumere questi 3 anni a beneficio di chi volesse oggi farsi un'idea del passato prima di visionare il report in arrivo.

Le regole perchè la cosa possa essere utile sono semplici: i non tecnici non si vergognano a fare domande, i tecnici non litigano, rispondono anche alle domande "elementari" e non si vergognano a rispondere "non lo so" o "hai ragione mi sono sbagliato".

Antonio ha detto...

@Franco Morici
Curiosamente il link che hai indicato su Jonp non funziona (documento rimosso?) ma ho trovato comunque il paper qui:
http://www.nyteknik.se/incoming/article3080659.ece/BINARY/Rossi-Focardi_paper.pdf
Sinceramente non lo avevo letto. La trattazione fisica mi lascia perplesso (qualcosa non torna con i gamma) sebbene io debba "rinfrescare le mie conoscenze" prima di esprimere alcunché.
Mentre sulla parte sperimentale hai ragione: si tratta di risultati stellari, mai più raggiunti.
E' un fatto che non può essere ignorato, non si fa sviluppo di prodotto a livello industriale per peggiorare le prestazioni di ordini di grandezza.
Non scherziamo!

Robbins ha detto...

@Mario Massa
>Per contro da Camillo le discussioni sono quasi solo tra tecnici, spesso a livelli troppo alti per la media dei tecnici, me compreso, figuriamoci per chi nella vita fa tutt'altro.

Ma Lei quello che scrive, lo crede davvero? Cioè è CONVINTO che altrove ci siano alte competenze e profonde discussioni tecniche? Limitandomi agli ultimi sei mesi le potrei produrre in dieci minuti un elenco di due pagine di stupidaggini senza pari, di andate e ritorni, di offese e sberleffi.

L'unica volta che un'affermazione capitale ("chiudo il blog se sbaglio", e lo si è visto) è stata sottoposta a verifica sperimentale (proprio da Lei, e dopo anni di arroganze teoriche), questa si è dimostrata falsa.

Dilettanti allo sbaraglio, roba da trasmissione televisiva col soprano che stecca e tutti a ridergli d'intorno battendo le mani.

Hanno il coraggio di sindacare sul rigore scientifico di Francesco Celani, stappando lo spumante per il suo licenziamento - proprio loro, i campioni della patacca.

Qui, almeno, si fanno sciarade e canzonette, ma senza pretese - si spera, è vero, anche nella non-località, ma - stante che non siamo in casa di grandi scienziati - come rimproverare chi attende un progresso drammatico a favore dell'umanita? Soprattutto se la controparte vuole farci schiantare a tutti i costi sul libro di chimica del liceo, rimasto lo stesso dai tempi di Matusalemme.

"Livelli troppo alti per la media dei tecnici": anche Lei è stato preso dall'inganno di chi si spara le pose? Anche Lei conquistato da quei provinciali che si promuovono grandi, e da anni si riempiono la bocca con le parole dei grandi? Maestri da sempre del calcio nel culo con scappellamento a destra? Ed è proprio Lei che viene a proporre qui un punto d'incontro tra questi esperti di cartone, tutti chiacchere e distintivo, e i tanti Bertoldi residenti? Ma via ... a una causa segue l'effetto - non c'è bisogno di laurea per rendersene conto...

Daniele Passerini ha detto...

@Robbins
Scrivi a Mario: Ma Lei quello che scrive, lo crede davvero? Cioè è CONVINTO che altrove ci siano alte competenze e profonde discussioni tecniche? Limitandomi agli ultimi sei mesi le potrei produrre in dieci minuti un elenco di due pagine di stupidaggini senza pari, di andate e ritorni, di offese e sberleffi...
Grazie. A volte, leggendo certi commenti, mi viene il dubbio di avere perso il contatto con la realtà... poi fortunatamente arriva un intervento come il tuo a confortarmi del contrario.

mario massa ha detto...

@Robbins
" Ma Lei quello che scrive, lo crede davvero?"

Purtroppo sono in partenza, ma questa risposta la dovevo: sì, sono convinto che da Camillo scrivono alcune persone con competenze molto superiori alle mie in alcuni campi specifici. Camillo è tra questi. Che queste competenze vengano a volte utilizzate in modo arrogante è vero, che anche di là facciano fatica a dire "mi sono sbagliato" è vero, che a volte ci si arrampichi sugli specchi per sostenere una tesi preconcetta è vero, ma chi non ha peccato scagli la prima pietra.

Daniele Passerini ha detto...

@mario massa
...sì, sono convinto che... ma chi non ha peccato scagli la prima pietra.
Convinto pure che Berlusconi sia stato un grande statista?

Robbins ha detto...

@Mario Massa
Ho appena ricevuto una mail da un professionista di prima classe che commenta, dopo aver trattato argomenti tecnici e come alleggerimento, un salto mortale doppio carpiato a dx dei nostri. Mi creda, il mio giudizio di pataccari, al confronto di quello dell'amico, è tanto benevolo da essere pietoso - un fioretto di carità cristiana.

Qui, per tormare alla realtà dopo anni di chiacchere bombastiche, sono necessari diversi chiarimenti, il primo dei quali - assolutamente elementare - è riconoscere i cialtroni come tali.

Tenga conto, paradossalmente, che esistono buoni argomenti sfavorevoli alla fusione fredda, sia contro la parte sperimentale (e lì bisogna valutare con intelligenza, e Lei sarebbe un ottimo giudice), sia contro le teorie (un'ecatombe), e non è fare un buon servizio alla scienza mainstream sputtanarli in quel modo, sulla base di caratterialità miserabili e mediocrissima dottrina.

Buona domenica.

domenico canino ha detto...

@robbins
"riconoscere i cialtroni come tali."
parole sagge, pensa se potessimo farlo sempre in tutte le situazioni della vita, e poterlo liberamente affermare, documentando le affermazioni con fatti naturalmente; nel mio piccolo orto, la storia e l'archeologia, è pieno di cialtroni che si inventano teorie arbitrarie su tutto, e siccome gli imbecilli sono la maggioranza, le loro fesserie, in realtà facilmente smontabili con metodo galileiano, diventano il mainstream. Non so se in campo fisico, questo avviene con la stessa frequenza, ma a giudicare dalla vicenda Rossi, non siamo troppo lontani.
Io ho scritto libri ed articoli in cui contestavo (da solo) contro l'establishment:le sovrintendenze e la cattedre universitarie, sulle fesserie che affermavano, mettendoci la faccia ed il nome sempre, almeno questo è dovuto; risultato, mai nessuno mi ha smentito, vi assicuro che non potevano, perchè non avevano i mezzi intellettuali, ma usano un altro subdolo metodo, non rispondono, fanno passare gli articoli sotto silenzio, minimizzano, e così dopo un pò tutto va nel dimenticatoio, speriamo non accada altrettanto con Rossi, forse è questa la vera funzione del Blog di daniele, fare i vigilanti critici, perchè la vicenda non finisca nell'oblio, e non è facile, perchè vi assicuro che con chiunque ho parlato nella vita reale, università e ricercatori, fuori dal blog, nessuno sa di Rossi e del suo ecat.
ciao

domenico canino ha detto...

@paul
rossi su jonp da ragione a te e torto a me: gli altri 3 e cats, sono stati mandati solo come safety ship, navi di salvataggio, nel caso il primo si rompesse; il test long run è stato condotto su un solo esemplare .
ciao

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Franco Morici

"Non serve una particolare conoscenza per leggere la Tabella 1 di pagina 4 del documento (come inglese è ampiamente sufficiente quello di base), documento che da anni è lì, ben in vista nella prima pagina del sito JoNP, che immagino frequenti per attingere notizie, e rappresenta uno dei primissimi punti, tra i più discussi e controversi, della questione.
Piuttosto dimmi solo che non l'hai mai letto perchè mi pare che affermare di non essere in grado di capire, mortifica un po' troppo la tua intelligenza "

Per l'inglese me la cavo, ma se quei documenti che, come ti dicevo NON ho letto, servono solo a ribadire quei dati dei quali per primo non dubito e non a convincermi o meno, con una trattazione tecnica che implica la valutazione dei gamma (vedi l'intervento di Antonio) e sui quali invece NON sono in grado di poter dire la mia, allora che mi stai dicendo? Non posso dire di essere il biografo di Rossi e Focardi, ma le cose che mi indichi le conosco e sono state riportate e ribattute più volte anche qui. Immaginavo mi stessi indicando qualcosa che richiedeva una conoscenza della fisica o delle tecniche di misura calorimetrica, che non posseggo a livello adeguato per contestare o meno documenti che le incorporino. Quello che dico è che anche prendendo atto di certe affermazioni, scritte o dichiarate di fronte a testimoni, che secondo me sono frutto di sopravvalutazioni, o errori di misura, o in qualche caso di propaganda, la vicenda ha molteplici aspetti a conferma che più volte si sono elencati qui dentro, ma che da un anno a questa parte si sono arricchiti di due 'perle' che da sole le darebbero ampia linfa vitale: Il TPR e l'acquisizione da parte di IH, con tanto di faccia messa lì da personaggi che fino a ieri mi erano ignoti (non frequento molto Wall Street), ma che risultano potenti e stimati e che mi viene naturale presumere abbiano voluto ben vedere il cammello, prima di aprire il portafogli. Aggiungo che, mentre dall'analisi di tutto quel che è disponibile, sicuramente a buona conoscenza da parte di chi è stato coinvolto nella vicenda in maniera più diretta, a quanto pare non si riesce a prendere una decisione dirimente, o nel caso di IH che adesso possiede tutti i segreti della tecnologia, la si è presa addirittura a favore di Rossi, restano aperte diverse opzioni di valutazione, che si basano su sensazioni e percezioni del contesto, incluso come uno si tratteggia la personalità di Rossi. Da non tantissimo, ma almeno da più di un anno, non mi pare di essermi mai perso un suo intervento sul Jonp e per quanto mi riguarda, mi sono fatto l'idea di una coerenza di fondo, assolutamente opposta, a quanto pare, all'idea che ricavi tu e che ovviamente hai pieno diritto di avere. Non posso escludere che alla fine tutto si sgonfi e non lo fa neppure Rossi, che insiste a dire che si ritiene molto preoccupato, ma posso dire e mi prendo la responsabilità di affermarlo, che mi trovo in una posizione ottimista riguardo all'E-CAT. Io ci spero con fiducia, ma non cieca da believer, che non sono, ma semplicemente 'orientata' da una valutazione pesata di tutti gli indizi, inclusa l'impressione, chiamala pure 'nasometrica' se vuoi, dell'uomo Rossi, così come ho imparato a conoscerlo per quel che ho potuto.

Robbins ha detto...

@Domenico Canino
Mi dispiace smentirla: io, più di un anno fa, ho parlato con un fisico nucleare che stava percorrendo questo triangolo: Urbana, Stoccolma (Swedish Academy), Roma, e lo studioso conosceva benissimo la storia di Rossi, miserie comprese.

Il mondo è pieno di persone più attente di quanto possa sembrare, soprattutto ai contesti ritenuti potenzialmente "interessanti". L'accademia, non devo spiegarglielo io, ha bisogno di argomenti da macinare - non può rispondere solo a silenzi.

Quelli del libro di chimica del liceo sono i perdenti della banda - nel senso che hanno perso la battaglia per il posto o il progetto da finanziare, e si sfogano addentando i polpacci alla povera gente. Sai che divertimento ... .

domenico canino ha detto...

@robbins
anche io ho un parente all'ENEA, ed ogni settimana parliamo solo di Rossi, nonostante lui abbia tre brevetti mondiali ed altre ricerche interessanti in corso;
ma stiamo parlando di una piccolissima elite, E se ne parla quasi da carbonari, senza esporsi mai pubblicamente...
ciao

Paul ha detto...

Io ne ho parlato con i miei due figli che mi hanno sfottuto sghignazzando. E sono ragazzi colti ed estremamente intelligenti, quasi geniali.
L'unica persona che si mostra interessata è il mio barista che ogni tanto mi chiede come vanno le vicende di Rossi. Ecco, chiacchiere da bar...

La gente della strada non conosce Rossi e le sue vicende. Ma sappiamo che finché i media taceranno, la situazione rimarrà così.
Siamo alle solite cose dette una infinità di volte. Adesso il cammello sta chiuso nel suo zoo. Quando lo faranno uscire per la strada e tutti lo potranno vedere, le cose cambieranno.

Robbins ha detto...

>Quando lo faranno uscire per la strada ...
Speriamo che in quella deambulazione/epifania non rilasci una mer*a delle dimensioni di una casa, che per pulirla ci vogliono decenni.

Franco Morici ha detto...

@Alessandro Pagnini
Abbi pazienza ma continuo a non capire con chiarezza quello che intendi dire.
...una trattazione tecnica che implica la valutazione dei gamma (vedi l'intervento di Antonio) e sui quali invece NON sono in grado di poter dire la mia, allora che mi stai dicendo?
Non posso dire di essere il biografo di Rossi e Focardi, ma le cose che mi indichi le conosco e sono state riportate e ribattute più volte anche qui.

NON ti ho chiesto valutazioni dei Gamma o cose del genere. Anzi per agevolare la discussione ho riportato direttamente nel mio commento i valori di OUT/IN della Table 1 contenta nel Paper e per correttezza ti ho linkato documento e pagina come fonte di quei dati.
Quindi per favore lasciamo perdere la questione della trattazione tecnica, perchè NON è necessaria.
In ogni caso confermi comunque di essere a conoscenza di quelle cose e questo è quanto basta.

Per l'inglese me la cavo, ma se quei documenti che, come ti dicevo NON ho letto, servono solo a ribadire quei dati dei quali per primo non dubito ...
Se di quei dati, pur non avendo letto il documento “non dubiti”, perche nel precedente commento definivi (in risposta a Riccardo) quei valori di COP 200 come "sparate", "azzardare..., " esagerazioni"?
(Rammento la tua definizione usata in precedenza:
...su Bondeno e certe sparate, stenderei un velo pietoso. Capisco le tue perplessità, ma ci sono dei momenti in cui si può dover azzardare anche qualche...esagerazione, per arrivare allo scopo.)


Quello che dico è che anche prendendo atto di certe affermazioni, scritte o dichiarate di fronte a testimoni, che secondo me sono frutto di sopravvalutazioni, o errori di misura, o in qualche caso di propaganda...
Qui non ti seguo bene ed è quello che mi interessava sinteticamente capire, cioè se stai affermando che il prof. Focardi, che ha scritto e sottoscritto quei valori nel suo Paper, secondo te lo ha fatto “anche” per facendo della esagerazioni e della propaganda perchè l'attendibilità di quello cha ha scritto e dichiarato di conseguenza ed in generale ne risentirebbe negativamente.
Se vuoi rispondimi chiaramente e solo su questo.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Franco
"In ogni caso confermi comunque di essere a conoscenza di quelle cose e questo è quanto basta. "

Sì.
Può darsi che mi sfugga qualche dettaglio, ma nella sostanza le ho viste rimbalzare tutte più volte nelle varie discussioni. Per dirla tutta, tanti anni fa sentii parlare di Rossi e del suo petrolio, ma non sapevo di chi si trattasse, forse neppure mi fu fatto il nome. Non è il caso di citare le fonti, ma chi ne parlava sapeva quello che diceva e mi fu detto che c'era la volontà comunque di estrometterlo da quel mercato, il che, col senno di poi, mi rafforza nella possibilità di credere alla sua versione dei fatti.


"Se di quei dati, pur non avendo letto il documento “non dubiti”, perche nel precedente commento definivi (in risposta a Riccardo) quei valori di COP 200 come "sparate", "azzardare..., " esagerazioni"? "

Non dubito che quei dati siano stati dichiarati. Come ti ripeto, se ne è dibattuto non poco.


"Qui non ti seguo bene ed è quello che mi interessava sinteticamente capire, cioè se stai affermando che il prof. Focardi, che ha scritto e sottoscritto quei valori nel suo Paper, secondo te lo ha fatto “anche” per facendo della esagerazioni e della propaganda perchè l'attendibilità di quello cha ha scritto e dichiarato di conseguenza ed in generale ne risentirebbe negativamente."

Mentre sui vari COP ottenuti posso anche pensare che ci sia stato un concorso tra un possibile errore di misura e il fatto che si è lavorato su un prototipo, non considerando abbastanza bene, sull'onda dell'entusiasmo, il fatto che poi non fosse utilizzabile in una produzione di serie con l'affidabilità e il controllo rihiesti. Quello che mi lascia più perplesso è che ci fosse un E-CAT in grado di scaldare per una stagione gli uffici di Rossi. Francamente, io non ci credo, ma non sto a fare troppa dietrologia sul perchè sia stato detto o se sia stato Rossi a prendere in giro Focardi per rincuorarlo o se fossero d'accordo, oppure se fosse vero e sono io incapace di capire come sia stato possibile. Tuttavia, quando si è sicuri, al punto di giocarci la propria carriera e la propria faccia, e pure la casa, di qualcosa che si ha in mano, possono esserci anche derive 'propagandistiche'. Mi compiaccio che tu non le abbia mai viste, a me è capitato più volte. L'ultima e la più eclatante è stata quando mi fu chiesto di realizzare in 3 giorni (e 3 notti, perchè ho davvero lavorato anche alle 4 di mattina) un finto xxxxxx (non è il caso di essere troppo chiari sulla cosa), che consisteva di un cestello con dei led che blinkavano grazie ad una schedina che avevo velocemente messo su con uno stampato millefori. Ovviamente si partì dal fare le forature, le serigrafie, comprare i vari pezzi, poi montare tutto e portarlo ad una fiera e tutto in 3 giorni, senza limite di budget. Era essenziale per poter sperare di prendere una importante commessa da yyyyyy. Poi mi fu affidata la direzione di una parte (io e la mia squadra in 5 o 6 mesi avevamo finito e consegnatO) di quel progetto, che, dato già per realizzato, ho lasciato ancora in alto mare e ho avuto notizie che non era ancora completato a distanza di qualche anno. Per quella che è la mia esperienza (non la mia attitudine caratteriale, che è diametralmente opposta), che evidentemente non è la tua, in certe situazioni, si tende, come dire...ad anticipare un risultato che si è convinti di poter raggiungere. E nel caso specifico ti parlo di aziende con un nome a tutt'oggi tutt'altro che negativamente influenzato da quel comportamento. La differenza la fa tutta il successo, o meno. Magari, se ti dicessi il nome, potresti anche dire: "Ah sì, la conosco, gran bell'azienda!"

«Meno recenti ‹Vecchi   1 – 200 di 277   Nuovi› Più recenti»

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails