BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

sabato 2 novembre 2013

Dal flop della ricerca scientifica "nobile" alla speranza negli outsider derisi

Nel XX secolo sembravamo esserci liberati della fede assoluta positivista nella scienza, non è stato così: il positivismo e il delirio di una razionalità onnipotente oggi è più vivo e vegeto che mai. Un articolo uscito qualche giorno fa su Il Messaggero riassume bene - e in modo equilibrato - la pericolosa situazione che vede oggi una buona fetta della Comunità scientifica recitare contro la Scienza una parte inquisitoria simile a quella svolta un tempo dalla religione. Infatti venegono bloccate ed etichettate troppo spesso e troppo facilmente come pseudoscienza le ricerca o teorie "scomode" (vuoi perché potrebbero mettere in crisi interessi economici molto forti o idee trionfalmente consolidate, vuoi per semplice inerzia mentale), mentre si proietta fuori di sé il "marcio" che non si vuole vedere (tipico meccanismo psicoanalitico di negazione) piuttosto che combattere sul serio il vero cancro che sta divorando la Scienza dall'interno.

Attenzione, è un discorso di proporzioni e ordini di grandezza: tutto ciò che la Comunità scientifica espelle e bolla come pseudoscienza (che a sua volta va - si noti bene - distinto in pseudoscienza ritenuta giustamente tale e in vera scienza ritenuta ingiustamente pseudoscienza) è davvero una piccola zanzara rispetto ai "pachidermi" a cui la stessa comunità scientifica (comprese le sue autorevoli riviste) danno patente di scientificità con leggerezza: insomma, una pseudoscienza autorizzata e col bollino di "vera scienza garantita" che si è diffusa indisturbata, poiché evidentemente NON minaccia interessi ed equilibri di potere del sistema dominante.

Il flop della ricerca scientifica in assenza di merito e rigore
di Giorgio Israel (pubblicato su Il Messaggero il 30/10/2013)

L’ultimo numero dell’Economist denuncia con un dossier (“How the science goes wrong”) il preoccupante declino della qualità della ricerca scientifica. Un numero sempre maggiore di articoli si rivelano privi di fondamento, basati su dati o statistiche sbagliati o taroccati, su analisi approssimative; il rigore nella selezione delle pubblicazioni è in caduta libera. La scienza – osserva la rivista – dal Settecento ha cambiato il mondo e ancora ha diritto a un enorme rispetto. Ma il suo status privilegiato si basa sulla capacità di fornire risultati quanto più possibile esatti e, soprattutto, di correggere i propri errori. Poiché questo accade sempre meno, ora è la scienza a dover cambiare.

Negli stessi giorni la rivista New Scientist batte sullo stesso tasto, mettendo sotto accusa, in particolare, le neuroscienze, ritenendo «ormai chiaro che la maggioranza dei risultati» ottenuti in questo campo «sono spuri come le onde cerebrali di un pesce morto». L’allusione è a una celebre esperienza di alcuni anni fa, in cui si sottopose a risonanza magnetica un salmone morto rilevando un’attività cerebrale quando il cadavere del pesce “vedeva” delle persone. Un approccio serio avrebbe dovuto suscitare un approfondimento delle correlazioni tra quelle tecniche e l’attività cerebrale, ma si è fatto finta di niente.
Le ragioni di questo andazzo preoccupante sono almeno tre. In primo luogo, il numero crescente di ricercatori che sgomitano per farsi largo in un palcoscenico troppo affollato. Poi il principio del “publish or perish” che, soprattutto nel contesto statunitense, obbliga il ricercatore a pubblicare secondo precisi obbiettivi quantitativi, altrimenti è spazzato via. Se un ricercatore, per essere confermato, deve pubblicare in quattro anni due libri e sei articoli, baderà poco alla sostanza e s’ingegnerà a inventare qualsiasi cosa pur di sfangarla. Ma la produzione di risultati davvero originali richiede talvolta lunghi periodi in cui si studia, si riflette o si sperimenta, senza pubblicare. Il terzo aspetto è dato dalla degenerazione dei sistemi di valutazione dei lavori. Si è ritenuto che l’introduzione dell’anonimato di chi dà un parere su un lavoro presentato a una rivista sia garanzia di autonomia, e invece esso si è rivelato un sistema perverso che consente al recensore di scrivere nel giudizio qualsiasi cosa senza metterci la firma e la faccia, e di compiere impunemente operazioni mafiose, come favorire gli amici e penalizzare i nemici o i concorrenti. A ciò si aggiunga l’idea “geniale” di valutare la qualità di un ricercatore o di una rivista senza leggere la loro produzione, mediante sistemi bibliometrici basati sul calcolo del numero di citazioni. In questi anni si sono moltiplicate le denunce degli effetti perversi di questo sistema, ma esso è sostenuto dai potenti interessi delle ditte che fanno i conteggi bibliometrici e la macchina infernale sembra inarrestabile.
Si aggiunga un aspetto che è forse il più grave di tutti. La qualità della ricerca è compromessa soprattutto in alcuni settori delle scienze biologiche, in particolare della genetica e delle neuroscienze. In questo ambito dominano due postulati: che tutto sia nei nostri geni e che i nostri pensieri siano rivelabili con tecniche di risonanza magnetica funzionale. Il carattere ideologico di questi postulati è confermato dal fatto che essi resistono a qualsiasi confutazione, anche ai salmoni morti: gli studiosi più avvertiti ripetono che il primo postulato è manifestamente falso, soprattutto nella pretesa di individuare mediante i geni, in modo meccanico, le nostre capacità intellettuali; e che la risonanza magnetica funzionale rileva processi macroscopici che individuano correlazioni troppo vaghe con l’attività mentale. Ma ogni avvertimento è vano perché è facile far ricerca su questi presupposti, “scoprendo” un giorno il gene della gelosia e l’altro il gene della generosità, o analizzando i flussi sanguigni cerebrali di una persona mentre fa una versione in prosa o legge una poesia; e su questa base scrivere articoli di valore nullo ma che servono a far carriera.
Fin qui il danno sarebbe serio ma resterebbe interno alla ricerca. Tuttavia, le cose si fanno gravi per tutti se dilagano di personaggi di dubbia competenza che vanno in giro a far seminari (magari nelle scuole) per spiegare che i bambini che hanno difficoltà con la matematica hanno difetti neuronali, senza essere ovviamente in grado di proporre altro che chiacchiere nebbiose. Ma di gran lunga più gravi sono i tentativi di mettere in piedi interventi massicci e promossi dallo Stato. Di recente, lo psicologo americano Robert Plomin, professore al King’s College di Londra, ha proposto di sottoporre i bambini a dei test genetici di massa per individuare la scelta scolastica migliore perché, secondo lui, dai geni si può dedurre in quale disciplina risulteranno migliori. Inutile dire che si tratta di affermazioni prive di qualsiasi base scientifica seria. Se è già problematico stimare quanto sia consigliabile fare certi interventi chirurgici per prevenire una malattia sulla base di un test genetico, la correlazione tra geni e disposizioni mentali e intellettuali è un territorio inesplorato. Difatti, è fin troppo evidente (e viene ripetuto invano dagli studiosi seri) che in questo ambito giocano tanti di quei fattori epigenetici, sociali, culturali, da rendere marginale il fattore genetico. Eppure c’è chi prende sul serio queste proposte. Non ci si rende conto di riproporre l’immagine del Brave New World di Huxley: una società totalitaria in cui la persona non ha scelta, perché nasce predeterminata a fare questo o quel mestiere, e a vivere in un certo modo. Già un secolo fa l’eugenetica, diffondendo miti analoghi, ha fornito basi pseudoscientifiche per i razzismi che hanno devastato il Novecento. Ora vediamo risorgere lo stesso spettro che, con la stessa inconsistente pretesa di scientificità, promette nuovi disastri sociali.

Chiaro il concetto? Se pseudoscienza è sinonimo di "errata descrizione e interpretazione della realtà" cominciamo a interrogarci seriamente sulle motivazione degli scienziati "senza peccato" che scagliano le pietre. Perché tanto accanimento per esempio contro "zanzare" come Valenzi, Celani, Scalia, mentre tanti altri "pachidermi" pseudoscientifici sono liberi di correre dentro a Università, Enti di ricerca, CERN ecc.? Seguite il denaro e troverete le risposte.

Per concludere, vi lascio il comunicato stampa di Vincenzo Valenzi relativo all'ultima conferenza sulla fusione fredda svoltasi pochi giorni fa a Roma e, in calce, le relazioni di Celani, Mastromattia e Scalia da scaricare e leggere sui vostri PC e dispositivi mobili. Sbaglierò, ma credo proprio che la cura al cancro che sta divorando la scienza arriverà dagli outsiders piuttosto che dalla comunità scientifica "ortodossa". Buon Weekend.
Comunicato Stampa
di Vincenzo Valenzi

Nell'affollata Sala "Francesco Baracca" (Medaglia d'Oro al Valore Militare ed Eroe Simbolo dell'Aeronautica Militare Italiana nella Prima Guerra Mondiale) della Casa dell'Aviatore di Roma, Circolo Ufficiali Nazionale dell'Aeronautica Militare Italiana, il 30 ottobre si è tenuto il Seminario Aeronautico sulla Fusione Fredda.

I lavori sono stati aperti dal Generale S.A.(r) Mario Majorani, Presidente dell'ANUA (Associazione Nazionale Ufficiali dell'Aeronautica) che, ricordando la missione dell'ANUA, ha impegnato l'Associazione e proposto ai vertici dell’Aeronautica Militare Italiana presenti un impegno diretto sulle frontiere della ricerca avanzata, in particolare sulle Low Energy Nuclear Reactions (LENR), le reazioni nucleari a bassa energia, le eredi della cosiddetta “Fusione Fredda”, che sono diventate un settore di punta anche per la NASA. 

Il Generale Isp.(r) Ing. Angelo Pagliuca, direttore del Centro Studi dell'ANUA, nel suo intervento ha mostrato come sia decisivo per il nostro Paese trovare nuove fonti di energia e la possibilità che l'Italia sviluppi il suo grande potenziale scientifico e tecnologico nel settore nucleare e resti affidato soprattutto alla ricerca sulle LENR/“Fusione Fredda”, dove l'Italia esprime posizioni di primo piano che non possiamo disperdere impunemente.

Il Generale Pagliuca ha quindi presentato, nelle sue vesti di moderatore, il dottor Francesco Celani, ricercatore dei laboratori nazionali dell'INFN di Frascati, che ha fatto il punto sullo stato dell'arte nella Fusione Fredda/LENR, che oramai presenta, oltre a picchi energetici di grande interesse, anche ben consolidati e riproducibili esperimenti con leghe di Costantana (una lega Rame-Nichel, a basso costo e nota fin dalla fine dell’Ottocento).

Infatti esperimenti analoghi sono stati replicati, dopo quelli effettuati all'INFN di Frascati da Celani, da Ubaldo Mastromatteo della ST Microelectronics (STM), da laboratori Giapponesi in ricerche connesse a possibili utilizzi nell’industria automobilistica, e dal Gruppo di Open Science, ispirato a Martin Fleischmann.

La corsa verso le applicazioni appare, secondo Celani, alla stretta finale e Oltre Oceano, dalla NASA ai Navy Lab, hanno sviluppato brevetti e messo in campo investimenti di uomini e mezzi rilevanti.

A fronte di ciò l'Italia, che pure ha dato contributi di rilievo, può mettersi in corsa per vincere la partita? 

L'intervento di Ubaldo Mastromatteo di STM ha messo in luce come possibilità ci siano in tal senso e come il colosso italo francese dei semiconduttori sia impegnato in questa direzione. 

Vincenzo Valenzi ha ricordato nel suo intervento il ruolo decisivo della scienza italiana nello sviluppo della modernità e della rivoluzione industriale, da Galilei a Fermi e che, prima di loro, Colombo varcò gli oceani alla ricerca delle Indie e sbagliò direzione, ma trovò le Americhe.

Venendo alle LENR, ha ricordato che sono state oggetto di due conferenze tenutesi quest’anno al Centro Interuniversitario per la Ricerca sullo Sviluppo Sostenbile (CIRPS) de “La Sapienza” e che lo stato dell’arte è stato presentato in una relazione introduttiva del Prof. Massimo Scalia.

Oggi l'Italia e i suoi “pionieri” sono chiamati a nuove scoperte e a nuovi sviluppi, essenziali per rilanciare le sorti di quella che qualche anno fa era Quinta Potenza Mondiale.

Su questi temi nel dibattito è intervenuto, tra gli altri, il Generale Ispettore Capo del Genio Aeronautico e Direttore Generale delle Costruzioni Armi e Munizioni, Ing. Esposito, che ha espresso la convinzione che solo dalla ricerca e dall'innovazione può emergere una via d'uscita dalla grave crisi che l'Europa e il nostro Paese stanno affrontando, plaudendo agli sforzi dell'ANUA che si è fatta parte attiva di questo avanzato filone di ricerca, alla quale l'Aeronautica Militare è sempre stata sensibile con scienziati e ricercatori illustri.

Ha concluso i lavori il Generale Mario Maiorani ringraziando tutti i presenti, ed in particolare il Generale(r) Stefano Murace, Presidente della Fondazione "FUTURA onlus" per la Ricerca Biomedica, che in questi anni ha seguito da vicino,collaborando, i convegni che l'ANUA ha patrocinato e seguito con attenzione, e lasciando intravedere qualcosa, più dell'auspicio, che l'Italia possa entrare in campo per vincere la partita delle LENR/“Fusione Fredda”, di vitale importanza nazionale.

MATERIALI DELLA CONFERENZA:
22passi.blogspot.com: post n. 2206 (-16) 

136 : commenti:

Silvio Caggia ha detto...

L'apice delle assurdita' "scientifiche" sono quelle che vengono propinate nel campo della salute... Miriadi di ricerche che dimostrano una il contrario dell'altra... Da mandarle manzonianamente in giro a braccetto a due a due... :-)

Vettore ha detto...

Condivido in pieno l'articolo, e confermo (avendoci lavorato) che le cose vanno veramente così: ci sono delle distorsioni enormi che oramai sono diventate sistematiche e strutturali. Ed i problemi citati nell'articolo sono limitati in numero, nella realtà ce ne sono pareccie altri.
Tempo fa avevo postato il link ai progetti di ricerca per i finanziamenti ministeriali PRIN. Leggendo anche solo i titoli (e gli importi) ci si può fare un'idea di cosa produce questa specie di autoreferenzialità della comunità scientifica...

Mi è piaciuto molto anche il contributo di Massimo Scalia, tra i documenti linkati in coda.

mario massa ha detto...

@Vettore
"Mi è piaciuto molto anche il contributo di Massimo Scalia, tra i documenti linkati in coda."

Scalia racconta che F&P ritenevano che aggiungendo ossido di trizio all'acqua pesante sarebbero passati da 10W/cc a 10kW/cc. Perchè non lo fecero? Se lo avessero fatto e, come probabile, nulla fosse cambiato, si sarebbe subito scartata l'ipotesi della fudione DD (o DT). Non ti pare che questa mancanza di metodologia fin dalle origini sia un ragionevole motivo di diffidenza?

Con i 600.000 euro stanziati da Rubia, non si poteva mettere su un piccolo esperimento semplice semplice che dimostrasse solo e inequivocabilmente l'eccesso termico (bastava un decimo della cifra) dato che alla fin fine è quello che interessa? Se con tre anni a disposizione e quella cifra l'unica cosa che si è riusciti a fare è un discutibile rapporto 41, ti lamenti se quelli come me sono sempre più scettici? Non bastava andare da Focardi o Piantelli (o da F&P, o da Celani o da chi vuoi di "credibile") e chiedere di misurare una loro cella come ho fatto io?

Il documento di Scalia termina così:

"Le proporzioni le sappiamo fare tutti, e quindi a 50 g di Costantana, ove
siano realizzate tutte le condizioni sperimentali, corrisponderebbe una potenza di 2 kW. Ad ancor piu elevate prestazioni fa riferimento Luca Gamberale – direttore tecnico-scientifico della societa Defkalion Europe, una societa di ricerca e sviluppo e non di produzione di impianti – a proposito del reattore Nichel-Idrogeno “R5”, progettato dalla Defkalion. La prudenza e d’obbligo, come insegna l’esperienza dell’E-cat, ma sono sicuro che Gamberale – che e stato un allievo di Preparata ed e sincero il rammarico che esprimo perche non ha potuto partecipare alla nostra conferenza – prima dell’ingresso sul mercato di quella tecnologia, anzi come condizione necessaria alla sua credibilita, vorra sottoporre R5, o altre sue evoluzioni, a una vera validazione."

Non posso non notare che:

1 - Perchè Celani invece di 1000 esperimenti al MFMP non ha messo insieme 25g di costantana per ottenere 1kW (difficile sbagliarsi con 1 kW)?


2 - scrive: "La prudenza è d'obbligo come insegna l'esperienza dell'E.cat" che io interpreto come: "sappiamo tutti che l'E-Cat è quasi certamente una bufala".

3 - Luca Gamberale ha seguito il consiglio e credo che oggi si guarderebbe bene dal fare quella dichiarazione come dimostra la sua presa di distanza dalla Defkalion.

piero41 ha detto...

Uuuuh, che noia qui al bar, che noia la sera,
la sera sentirsi qui al bar.
Che noia qui al bar

Come entro, ci trovo il Mariotto,
il Mariotto ch'e' sempre depresso.
Fra un sospiro, un lamento e un espresso
Ha negli occhi l'infelicita'.
L'infelicita'

Poi c’è il Vettore,il Silvio e il Sandro
E uno strano che chiamano goKatto
Dice lui che fa solo il fake
Di che cosa, nessuno lo sa
nessuno lo sa..

Ma per fortuna che c’è il Daniele
.....

_ “che io interpreto come: sappiamo tutti che l'E-Cat è quasi certamente una bufala" ecc ecc..
Wiki _ “Una tecnica comune del troll consiste nel prendere posizione in modo plateale, superficiale e arrogante su una questione vissuta come sensibile e già lungamente dibattuta degli altri membri della comunità..”

mario massa ha detto...

@piero41
OK Piero, allora per favore dai la tua interpretazione alla frase di Scalia: "La prudenza è d'obbligo come insegna l'esperienza dell'E.cat".

Vettore ha detto...

@Mario Massa
Non ti pare che questa mancanza di metodologia fin dalle origini sia un ragionevole motivo di diffidenza?
Mancanza di metodologia?!? Ti imbatti in una cosa che non solo è totalmente sconosciuta, ma che dovrebbe essere addirittura impossibile in base a tutto quello che si conosce, e parli di metodologia? Sarebbe come criticare chi incontra un alieno perchè non gli ha offerto del cibo, supponendo che l'alieno debba essere sicuramente affamato dopo il lungo viaggio... :-)
Tieni sempre presente che puoi parlare di metodologia quando hai a che fare con fenomeni ripetibili e controllabili. Questo perchè gli esperimenti si fanno per confermare o smentire le ipotesi date. Se non hai la certezza di osservare il fenomeno a prescindere dall'ipotesi che vuoi verificare, è dura parlare di metodologia... Problema attuale ancora oggi.

Con i 600.000 euro stanziati da Rubia, non si poteva mettere su un piccolo esperimento semplice semplice
Ti invito a leggere la lista dei PRIN per capire per cosa viene spesa normalmente una cifra simile... Dai un'occhiata al sito del MIUR, è istruttivo...

Non bastava andare da Focardi o Piantelli (o da F&P, o da Celani o da chi vuoi di "credibile") e chiedere di misurare una loro cella come ho fatto io?
Il tuo approccio è completamente sbagliato! Come dicono gli inglesi, quando si ha solo un martello tutti i problemi sembrano chiodi... Tu riduci tutto ad una misura calorimetrica. Questo è sbagliato! Prima di tutto perchè il presupposto per una calorimetria corretta è avere un controllo perfetto del fenomeno sottostante (altrimenti non saprai mai cosa misuri o non misuri), secondariamente perchè ci sono altri prodotti nelle reazioni LENR, e nessuno ha mai stabilito che il calore sia l'effetto principale, diretto e più rappresentativo. Se non misuri calore, ma hai certezza dell'emissione di neutroni e particelle energetiche (come nel caso di Piantelli), cosa concludi, che il fenomeno non esiste?

Perchè Celani invece di 1000 esperimenti al MFMP non ha messo insieme 25g di costantana per ottenere 1kW (difficile sbagliarsi con 1 kW)?
Perchè lo scopo della sua ricerca non è produrre 1kW "per gioco", ma piuttosto migliorare il controllo del fenomeno, il suo rendimento e comprenderne meglio i meccanismi, senza sprecare tempo e risorse a costruire apparati che reggano 1kW e che sarebbero totalmente inutili in pratica (ammesso che sia così banale farli funzionare)

scrive: "La prudenza è d'obbligo come insegna l'esperienza dell'E.cat" che io interpreto come: "sappiamo tutti che l'E-Cat è quasi certamente una bufala".
Perchè sei particolarmente biased... :-)

Per inciso, uno dei motivi per cui mi è piaciuto l'articolo, è proprio perchè è forse l'unico che accenna ai limiti metodologici della comunità di ricercatori LENR, dovuti alla situazione che si è creata: mancanza di confronto serio col resto della comunità scientifica, parziale autoreferenzialità, carenze metodologiche, "ingenutà", etc. E' verissimo, e basta leggere alcuni articoli dell'ultimo ICCF. Questo si che è criticabile. Ridurre tutto ad un problema di calorimetria invece è del tutto fuori luogo.

Silvio Caggia ha detto...

@mario massa
Mi permetto di rispondere alla domanda che hai fatto a piero.
Scalia a pagina 7 scrive: "Sergio Focardi è purtroppo morto tre settimane fa – e trovo opportuno ricordarlo con affetto in questa nostra conferenza – ma la recente validazione dell’ E-cat non mi pare proprio che regga alle critiche che sono state avanzate22."
E la nota 22 ( daniele! :-) ) e' questa:
"22 Göran E., Stephan P.(2013). “Comments on the report ‘Indications of anomalous heat energy production in a reactor device containing hydrogen loaded nickel powder’”. arXiv:1306.6364. Molto più dura la critica di Steven B. Krivit su New Energy Times del 21-5-13: “Rossi Manipulates Academics to Create Illusion of Independent Test”."

Entrambi documenti di cui mi sembra si sia parlato qui.
Ora, escludendo il fatto che tu abbia letto il pdf di scalia cominciando dalla fine e ti sia fermato alla frase contro rossi, se l'hai letto tutto dall'inizio, per portare scalia come esempio di persona perplessa sui risultati di rossi, dovresti almeno esserti persuaso quanto lui sulla bonta' delle lenr... :-)
Non e' infatti possibile leggere tutto quel documento cosi' ben fatto e non persuadersi che le lenr sono un fenomeno reale, a meno che si abbia un filtro mentale per cui si sente solo quello che si vuol sentire... In tal caso complimenti... Hai trovato l'unico ago nel pagliaio! :-)
Ma visto l'ago (nota numero 22) direi che sappiamo come interpretarlo.

Alessandro Pagnini ha detto...

Intanto posso provarci io?

"dai la tua interpretazione alla frase di Scalia: "La prudenza è d'obbligo come insegna l'esperienza dell'E.cat". "
+
"anzi come condizione necessaria alla sua credibilita, vorra sottoporre R5, o altre sue evoluzioni, a una vera validazione."

=

Per riuscire ad avere credibilità sufficiente, non basta un test, sia pure qualificato (vedi reazioni ed illazioni, anche mie, fatte più per piacere di discussione tecnica, almeno da parte mia, che come ipotesi reale), che dia risultati positivi.

Probabilmente ha capacità di (facile) profeta, il Rossi, perché anch'egli affermava che il test sarebbe stato comunque contestato perché ognuno avrebbe voluto indicare quelli che sarebbero stati i 'giusti' per effettuarlo, ricusando naturalmente coloro che avevano partecipato. Questa è l'esperienza dell'E-CAT che è sotto gli occhi di tutti, anche quelli di Gamberale, che non può scordare che DGT ha sempre sostenuto di aver 'carpito' il segreto di Rossi, per poi migliorarlo. Rossi e Stremmenos, invece, hanno sempre detto che bluffavano e gira voce che sia così, ma forse tu lo sai meglio di me, o sbaglio? ;-)

Adesso pare sia in corso una coppia di test prolungati sull'E-CAT, che qualcosa dovrebbero dire e che sono condotti su impianti funzionanti 'in produzione'. Insomma, forse basterà leggere la bolletta del gas per capire se funziona :-)

Incrocio le dita!


"Perchè Celani invece di 1000 esperimenti al MFMP non ha messo insieme 25g di costantana per ottenere 1kW (difficile sbagliarsi con 1 kW)?"

Questa è una buona domanda. Mi piacerebbe ricevere una buona risposta. Ho l'impressione che se tanta gente ci si impegna, qualcosa di particolare debbono pur aver visto, ma non sono ancora in grado di padroneggiarlo come pensano. Non escluderei che anche DGT fosse in condizioni simili. Si diceva che avessero problemi a mantenere la reazione. Magari, per non perdere il treno del mercato, dopo i test dell'E-CAT, sia pur contestati e un po' perfidamente sottostimati da Gamberale in quella frase che riporti, potrebbero aver deciso che non avendo un prodotto ancora stabile, potevano organizzare almeno una dimostrazione stabile. Non so se mi spiego.... ;-)


Silvio Caggia ha detto...

Io direi che c'e' un treno in corsa, verso il nuovo klondike, e diversi cercano di saltarci sopra... C'e' chi cade, chi e' appigliato al predellino... Ma il fatto che ci sia il treno in corsa e' il FATTO.
Chiudere gli occhi al fatto e ridere di chi cade e' semplicemente demenziale... :-)
Consiglio a tutti di leggere bene TUTTO il pdf di scalia.

Silvio Caggia ha detto...

Piero41
Sono onorato dal fatto di essere stato incluso in una poesia... :-)
Mi sento come la bella Otero che legge una poesia di Gozzano... :-D

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio
"Io direi che c'e' un treno in corsa, verso il nuovo klondike, e diversi cercano di saltarci sopra... C'e' chi cade, chi e' appigliato al predellino... Ma il fatto che ci sia il treno in corsa e' il FATTO. "

E' anche la mia impressione

nemo ha detto...

@Mario Massa
The subject requires research, not fiat.

http://ptp.oxfordjournals.org/content/85/4/711.full.pdf

http://it.wikipedia.org/wiki/Julian_Schwinger

piero41 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
piero41 ha detto...

@ Mario Massa
Già altri a partire da Vettore hanno commentato le tue affermazioni in modo molto più appropiato di quanto avrei potuto fare io. Certo ognuno ha il diritto di credere e esprimere la propia opinione ...... anche dopo la verifica di Levi & Co , dopo la serie di appartamenti di lusso comprati dal nostro.ecc Poi magari come su Cobraf:” Chissà se alla fine non gli tocchi firmare l'armistizio..., per di più. Nel caso, saranno capriole all'italiana. [O Roma , o Orte !!..]

No per me , fra tutto il resto, è quel:” interpreto come: sappiamo tutti che l'E-Cat è quasi certamente una bufala” in particolare quel “tutti” espresso IN QUESTO BLOG in una tua posizione plateale, .. e arrogante su una questione sensibile e già a lungo dibattuta (vds Wiki) che probabilmente non dimostra solo una tua posizione di prevenuto di biased, ma quella ragionata di provocazione, di evidente trolleraggio qua sopra... appunto.....
Le parole hanno un peso e posson ben irritare...
Anche questa è naturalmente una mia opinione personale....ehh...

mario massa ha detto...

@Daniele
@Silvio

Anch'io ho apprezzato la poesia di Piero, ma l'essere considerato un troll perchè dico quello che penso mi pare atteggiamento di chi non sapendo rispondere comincia ad offendere. O forse dico le mie considerazioni in modo "plateale, superficiale ed arrogante" senza accorgermene. In tal caso ditemelo che allora è meglio che abbandoni il bar.

Daniele, 22passi è un bar?

"dovresti almeno esserti persuaso quanto lui sulla bonta' delle lenr"

Esattamente il contrario. Un tempo, ero estremamente fiducioso, ma io da Piantelli e Focardi a fare le misure ci sono andato, così da altri, famosi e meno. Lui c'è andato? Ed è inutile che Vettore mi dica che non devo fossilizzarmi sulle misure calorimetriche: se non esce calore, anche se le LERN fossero realtà, noi ingegneri cosa ce ne facciamo?

Sono preoccupato che davanti al problema energetico che colpirà i nostri figli e nipoti si spinga (anche con interpellanze parlamentari) per soluzioni fantasiose. Intanto nel mondo si continuano a costruire centrali nucleari tradizionali (dovrebbero raddoppiare nei prossimi 20 anni) e la maggioranza verranno costruite nel terzo mondo (con dubbi sui criteri di sicurezza adottati).

tullio68 ha detto...

Quanto detto credo sia la conseguenza dell’istituzionalizzazione del processo di creatività!
Nessuno più viene creduto poter essere in grado di inventare, e chi inventa viene guardato con sospetto in quanto l'invenzione è solo appannaggio delle grandi multinazionali la possibilità di creare… sia mai che la mente di un comune mortale abbia la capacità di interpretare la realtà diversamente.
Ma dove sta scritto???
Questo è –a mio dire- il risultato di un distorto meccanismo di tutela della proprietà intellettuale: i piccoli inventori non son in grado di affrontare tutte le spese anche della sola registrazione del brevetto, figuriamoci poi qualora dovessero scontrarsi con i giganti multinazionali che vogliono continuare a vendere le loro cose –divenute obsolete a seguito della nuova tecnologia brevettata o brevettabile….
Conosco alcuni casi, e di uno (un sistema di storage dell’energia termica in un solido per la produzione di energia che va ben oltre il progetto Archimede) ne sono stato diretto testimone.

Comunque, torno ad un argomento discusso proprio qui su "Fukushima, un disastro senza soluzioni", e che sul blog dell’anatra transalpina è stato affrontato con sprezzo ed assoluta superficialità da bar sport dietro l’angolo.

Avete visto per caso visto cosa è successo alla piccola WOW WATER???? Vi invio i link di chi comincia a far circolare la notizia (certificata dai laboratori che hanno lavorato con loro).
http://www.ilgiorno.it/pavia/cronaca/2013/10/31/974462-Nucleare-Radioattive.shtml
http://www.ilgiorno.it/pavia/cronaca/2013/10/31/974803-strumento-depura-acque-radioattive-adriano-marin.shtml
http://www.ilgiorno.it/pavia/cronaca/2013/10/31/974807-strumento-acque-potabili-tecnologia.shtml
http://www.ilgiorno.it/pavia/cronaca/2013/10/31/974462-Nucleare-Radioattive.shtml
inoltre la trasmissione Caterpillar ha dedicato uno spazio di alcuni minuti in diretta nazionale alla cosa…
Wow water sembra proprio che abbia fatto il miracolo
Il fegato d'oca francese a questo punto dovrebbe essere pronto

Perchè la ricerca che mlte volte parte dal famoso "garage" deve essere demonizzata e presentata come una farloccata? Non è forse che lo stesso Steve Jobs è partito da un garage che è considerato il prototipo della creatività...


Bravi ragazzi di WOW
...e –ribadisco- io c'ero...

MISTERO ha detto...

@Tullio68
Il fegato d'oca francese a questo punto dovrebbe essere pronto

E' a cottura lenta da un paio di giorni, questa sera è pronto.

carloluna ha detto...

@Mario Massa
"Sono preoccupato che davanti al problema energetico che colpirà i nostri figli e nipoti si spinga (anche con interpellanze parlamentari) per soluzioni fantasiose. Intanto nel mondo si continuano a costruire centrali nucleari tradizionali (dovrebbero raddoppiare nei prossimi 20 anni) e la maggioranza verranno costruite nel terzo mondo (con dubbi sui criteri di sicurezza adottati). "

Perchè gli ingegneri non si focalizzano con studi e brevetti sulla pirolisi come soluzione alternativa alle centrali atomiche nel mentre aspettiamo il nuovo fuoco?L'introduzione di stufe pirolitiche economiche ed efficenti eliminerebbe migliaia di km di gasdotti e decine di centrali di vario tipo
La pirolisi rientra nel novero delle soluzioni fantasiose?Non mi sembra
visto l?impatto ambientale=0 e la perfetta intellegibilità scientifica.

Go Katto ha detto...

Massa,
disse lei - per sbaglio oso sperare - Defkalion?
Del troll si prese, è ovvio e anche d'uopo. Le dirò di più: diranno ch'è infingardo, che sapeva, che ha da portare prove (lei!), che deve documentare, che - perfino - lei ha da esser quello che in gran segreto fece i test di cui pare tutti (i be') sappiano ma di cui tutti chiedon conto ad altri, non certo a Defkalion - che anzi quella ora proprio non può: sta lavorando con la casa madre per produrre misure più nuove, più chiare, definitive.
Troll, come chiunque si azzardi a rammentare. Infingardo, come chiunque osi (ah, che vigliacco!) ipotizzare o intuire o -è mai possibile?- calcolare - ché nessuno ha da poterlo fare, non davvero, non dai video e dalle dichiarazioni: che siano fatte tutte a bella posta per evitare qualsiasi contro prova?

sandro75k ha detto...

@Mario Massa

Sono preoccupato pure io per il problema energetico...
Sarebbe utile un bel post fatto da te che metta a confronto le principali soluzioni di energia alternativa ma mi sa che ti stia passando la voglia....
Mio suocero ha montato il fotovoltaico a casa, io ho fatto 2 conti alla buona e non mi è sembrata una buona idea. Difficile districarsi se non si è davvero competenti. Quando non si è competenti, tuttavia, ci sono solo 2 possibilità:
1. farsi fregare dai venditori
2. ammettere la propria ignoranza e farsi consigliare da uno bravo.

Esiste in realtà anche la terza via, essere quello bravo...


mario massa ha detto...

@tullio68
"Nessuno più viene creduto poter essere in grado di inventare, e chi inventa viene guardato con sospetto in quanto l'invenzione è solo appannaggio delle grandi multinazionali"

Lo sviluppo di una nuova teoria anche epocale è chiaramente possibile anche da parte di un singolo (Einstein non era un semplice impiegato dell'ufficio brevetti?). L'invenzione spicciola pure (molte piccole aziende producono su brillanti idee sviluppate "in garage").
La grande invenzione però, quella in grado di cambiare il corso della storia (come potrebbe essere l'E-Cat) ritengo assolutamente improbabile che oggi possa venire da una singola persona. E' estremamente più probabile che l'inventore sbagli o imbrogli: la diffidenza (che non vuol dire ostacolare, ma chiedere dimostrazioni) mi pare solo buon senso.

Per quanto riguarda la WoW i link che hai messo (uno è doppio) sono pieni di imprecisioni e assurdità che ha evidenziato anche Mistero che pure li sostiene: se gli inventori non imparano a essere rigorosi e onesti nell'informazione, come possono pretendere di essere presi sul serio? Il loro brevetto poi non ha nulla di innovativo (infatti non è stato rilasciato) e anche loro, come Rossi, si appellano al segreto industriale. Ma come ho già scritto, è chiaro che se distilli l'acqua puoi separare tutti gli inquinanti (eccetto deuterio e trizio).

In ogni caso Fukushima ha un problema contingente (il trizio che non può essere tolto dall'ALPS, il sistema attualmente utilizzato per la concentrazione dei radionuclidi), non può aspettare che la WoW che fino ad ora ha realizzato piccoli prototipi realizzi un sistema delle dimensioni necessarie (occorrono anni). E in ogni caso non mi risulta esista metodo per la separazione del trizio (a parte i metodi utilizzati per produrre acqua pesante, ma sarebbe impossibile su 1200 m3 al giorno), quindi anche la WoW cosa potrebbe fare?

Barney ha detto...

Per la questione delle fonti energetiche, esiste secondo me un'unica via: consumare meno.
Io non vedo tutti questi modi per vincere contro la termodinamica E la sovrappopolazione E l'aumento dei consumi, ne' con la costantana, ne' con la cavitazione, ne' col nickel caricato con nanoparticelle di "ingrediente segreto".

Il miracolo lo si puo' certamente sperare, come si puo' sperare di essere il nuovo Einstein e d'avere inventato la fonte gratuita d'energia per tutti.
Poi, pero', la gGente ci crede: io ricordo con affetto (e con paura, sia chiaro) Valeria che qua sopra urlava che lei PRETENDEVA il suo ecat in giardino per il Natale 2012, cosi' da poter consumare quanto gli pareva senza spendere una lira. Come se la soluzione ai problemi energetici fosse il poter consumare tutti quanto ci pare...

O come se -per tornare in topic- la soluzione al problema del "publish or perish" sia il comunicato di Valenzi che pare preso pari pari -allitterazione non voluta- da una sceneggiatura di "Fascisti su Marte", NON per il colore politico di Valenzi di cui mi impippo, ma proprio per il linguaggio da Istituto Luce del ventennio.

Saluti,

Barney

Barney ha detto...

Prima che mi si rinfacci: ho letto la cronaca di Valenzi, che e' UGUALE a quella di Coherence dello scorso mese, cambia qualche nome e qualche ufficiale, ma il resto lo conosco abbastanza bene. Ho scaricato il documento di Scalia, che mi leggero' domani in treno.

B.

Alessandro Pagnini ha detto...

Personalmente ho spesso una visione diversa da Mario Massa, ma il fatto di non essere d'accordo su alcune cose non deve impedirmi di riconoscere se e quando ha ragione. Le conclusioni a cui arriva, magari, risentono del suo 'bias', come dice Piero, ma se siamo onesti e ci guardiamo dentro, lo fanno anche le nostre. Tempo fa parlai, mi pare, del colore delle lenti che decidiamo di indossare. Se Mario ha occhiali più grigi e noi più rosa, non significa che sia un troll, né che non possa dire cose sacrosantemente vere. Mi spiace che spesso si additi a troll semplicemente chi non è d'accordo con noi, ma che pure ha comportamento educato e corretto. Ovviamente ci infastidisce sentire qualcosa di diverso da quello che vorremmo e che ci piace sentire. Succede a noi e succede a Mario. Cerchiamo di prendere coscienza di questo 'limite emotivo' che tutti abbiamo e proviamo ignorarlo. Personalmente ringrazio Mario per i preziosi contributi che dà. Chi abbia gli occhiali sul naso con le lenti del colore più giusto, lo dirà il tempo, ma a parte questo, non vedo 'colpe' che meritino reprimende. O vogliamo ascoltare solo la nostra campana, come quei dittatori che si circondano di 'yes men' che li adulano? Fa comodo confrontarsi con una opinione diversa. Alcuni hanno comportamenti davvero insopportabili, antipatici e sfotterecci. Non è il caso di Mario, però.

tullio68 ha detto...

@mario massa
la pubblicazione del brevetto è ritardata di mesi rispetto alla sua concessione
quindi una non visibilità immediata è normale e prevista per normativa

il giornalista fa appunto il giornalista, per cui è possibile che ci siano degli svarioni anche se appunto trattandosi di invenzione non ci dovrebbe essere nulla in giro che parla di tale tecnologia, ed il brevetto non è ancora visibile...
quindi non credo che sia corretto parlare di svarioni di qualche cosa che non si conosce (da parte di tutti)

mi dolgo del doppio link: peccato mortale...

la conseguenza quindi tratta è proprio capziosa e parte da premesse false: come si fa a giudicare qualche cosa che non si conosce?

a me piace e mi sembra che non ci siano gli estremi per dire che si tratti di una truffa...
e poi ricordiamoci la questione della fusione fredda.... tutti addosso ai due poveretti, ed ora ci si ricrede a distanza di anni

tutti soloni con i piccoli

comunque questo forum ha la capacità di permettere uno scambio civile di opinioni grazie ad un moderatore che non manomette ed altera la realtà

ovvio che ci siano opinioni divergenti ...

e poi ci sono le paperissime transalpine...

sandro75k ha detto...

@Alessandro Pagnini

Se tu dovessi installare una caldaia o qualsiasi metodo di accumulo energetico, di chi ti fideresti? Del venditore o di Mario? Così tanto per sapere...
Tutti credenti ma nessuno mi pare che si fidi di Piantelli quando questo chiede dalla "nostra" tasca... Dove sono finiti i sostenitori?
Qualcuno che non si fidi di Mario e che abbia certezza del suo "trollismo" lo smentisca ed investa una bella somma da Piantelli... a chiacchiere possiamo dire tutto ed il suo contrario ma quando si sfiora il portafoglio siamo tutti bravi a fare le "misure"....

sandro75k ha detto...

tempo fa feci una domanda particolare a cui nessuno mi rispose, la ripropongo:
Chi crede che l'effetto F&P sia reale? sarebbe bello che diciate sì/no e perché (molto in breve)

Silvio Caggia ha detto...

@mario massa
Se con questo metodo si separano dall'acqua tutti gli inquinanti, tranne deuterio e trizio, forse siamo a cavallo... Avere acqua pesante non dovrebbe essere un problema ma una risorsa... penso che la puoi addirittura vendere a chi, tipo iter o militari, gli serve! :-)
Alla peggio che danni farebbe scaricare nell'oceano un po' di acqua pesante purissima?

@sandro
L'effetto f&p e' reale, leggiti il pdf di scalia.
Secondo te al mit serviva taroccare i dati positivi di un esperimento per renderli negativi se l'effetto non era reale? :-)

Mario trolleggia sull'e-cat, non su piantelli o dgt. Lui pecca di generalizzazione... :-)
E tu non puoi sfidare i believer nell'e-cat chiedendogli di dare soldi a piantelli... :-)
Hai letto cosa ho scritto io sull'investire soldi in prozion?

sandro75k ha detto...

@Silvio

Adesso complico la domanda...;) Focardi Sergio pensava che l'effetto F& P fosse reale?

nemo ha detto...

F&P: Penso sia reale perchè tutto quello che non è vietato dalle leggi della Natura è possibile. Basta leggere anche il docimento di Schwinger che ho postato. Schwinger ha dato contributi fondamentali alla teoria quantistica dei campi, su cui è costruito tutto il modello standard, fino al bosone di Higgs

nemo ha detto...

The subject requires research, not fiat.

nemo ha detto...

Se "l'effetto F&P" fosse vietato dalle leggi della Natura fisici del suo calibro lo avrebbero notato. Ed oggi la questione è ancora aperta. E di fisici in gamba, anche oggi, in giro ce ne sono...

sandro75k ha detto...

adesso facciamo un altro lavoro insieme... proviamo a definire cosa sia l'effetto F&P? E proviamo anche a capire cosa pensasse Focardi di tale effetto...

sandro75k ha detto...

@nemo

La natura non vieta nulla per fortuna..... altrimenti non staremmo qui a discutere....

nemo ha detto...

ho già lavorato troppo. sono già stanco

nemo ha detto...

"La natura non vieta nulla per fortuna"
Non è vero. Ad esempio il principio di conservazione dell'energia è inviolabile

nemo ha detto...

2 esempio: E' vietato anche percorrere la medesima geodetica di un raggio di luce.

sandro75k ha detto...

Sì Nemo ci mancherebbe , si parlava di reazioni nucleari... Non esistono reazioni nucleari vietate solo probabili e meno probabili. Allora cos'è sto benedetto effetto F&P? E per "reale" cosa intendiamo?

Silvio Caggia ha detto...

@sandro
Porti tu la planchette? :-D

L'effetto e' quello descritto nel pdf di scalia.

nemo ha detto...

Io il manuale di dio dove trovare le probabilità di una reazione nucleare all'interno di una matrice solida non l'ho ancora trovato e nemmeno i fisici, credo!

sandro75k ha detto...

Silvio... se vi va di ragionare insieme bene altrimenti torno ad ascoltare Gli Area di Stratos.... :D
Per Silvio l'effetto F&P è quello che è scritto su un pdf...
Se qualcuno me lo chiedesse gli spedisco il pdf... Silvio a parole tue no :)

nemo ha detto...

L'ironia sarebbe scoprire un giorno che le reazioni nucleari nel palladio debbano accadere proprio per garantire il principio di conservazione del'energia! :-D

nemo ha detto...

"Silvio... se vi va di ragionare insieme bene altrimenti torno ad ascoltare Gli Area di Stratos.... :D"

Si farebbe prima se tu invece di chiedere agli altri cosa ne pensano dicessi cosa pensi tu.

Il confronto è divertente se c'è chiarezza

sandro75k ha detto...

Bravo Nemo! Risposta esatta!
Se la reazione riguardasse solo 2 atomi di Deuterio avremmo bisogno del manuale di Dio, quando riguardano n N_A di atomi facciamo statistica... cosa dovremmo fare?

sandro75k ha detto...

penso quello che ho sempre scritto... c'è sicuramente un condizionamento e per quello che conosciamo non pare efficace...

nemo ha detto...

facciamo statistica dentro al deuterio? Non lo sapevo... Peccato che Schwinger sia morto, se no glielo dicevo subito...!

sandro75k ha detto...

è quello che diceva sempre anche Focardi su F&P

sandro75k ha detto...

Nemo... facciamo statistica calcolando le probabilità che una reazione avvenga... non è così? Vuoi dire che non puoi fare statistica mai?

tia_ ha detto...

>la pubblicazione del brevetto è ritardata di mesi rispetto alla sua concessione
quindi una non visibilità immediata è normale e prevista per normativa

Non è vero

>e poi ricordiamoci la questione della fusione fredda.... tutti addosso ai due poveretti, ed ora ci si ricrede a distanza di anni

Basta guardare il numero di partecipanti ad ICCF e a quanto siano diminuiti come numero per smentirti.

> E proviamo anche a capire cosa pensasse Focardi di tale effetto...

Focardi pensava che fossero solo fluttuazioni, e l'ha detto davanti ad una telecamera con in parte Celani.
Che i fusionisti freddi poveri (Focardi/Nickel) facessero la guerra con quelli ricchi (Celani/Palladio), è cosa nota


sandro75k ha detto...

Se non puoi fare statistica, sulle reazioni DD nel palladio, non possiamo definire nulla... di che parliamo?

nemo ha detto...

In realtà non possiamo nemmeno dire di sapere come si fanno a formare i metalli più pesanti del ferro. Per farlo si invoca l'esplosione di una supernova, ma perchè esplode nessuno ha saputo descriverlo. Ci sono alcuni modelli parziali ma non una teoria, perchè servirebbe una teoria sulla gravità quantistica che nessuno conosce. Le sezioni d'urto delle banche dati le lascio a Franchini ed al suo blog. Aspetto invece di leggere lavori interessanti sulla materia condensata da parte di qualche altro scienziato.

nemo ha detto...

Parliamo di cose che per capirle c'è bisogno di studio e sperimentazione

sandro75k ha detto...

@Nemo

per produrre energia non deve essere possibile, deve essere probabile... e deve esserlo a bassa energia (T ambiente)... possiamo o no misurare quanto la materia condensata e/o l'ambiente chimico condizioni una reazione nucleare?

nemo ha detto...

Se fosse per Franchini dovrei credere che nel palladio esiste il diavoletto di Maxwell. Roba da medioevo... :-D

nemo ha detto...

Le equazioni di Dirac danno come risultato stati di energia negativa, ma non è mica che sono sbagliate..! Oggi, nessuno sa come trattare gli stati di energia negativa, perchè non si sa nemmeno quale significato fisico dare al concetto. Queste cose non le risolvi ne con la chimica ne con le banche dati. serve una teoria fisica che oggi non abbiamo. tutto qui.

sandro75k ha detto...

Io ho capito che Franchini dice che la probabilità nella materia condensata e nel vuoto sono troppo simili per poter parlare di qualche effetto positivo....

nemo ha detto...

dice male

nemo ha detto...

prova a leggere Schwinger che forse e sa un po' di più. Non ci sono equazioni nel lavoro che ho postato. Se vuoi però ha pubblicato anche lavori formali sull'argomento

sandro75k ha detto...

Nemo se mi dici che vuoi capire i meccanismi per poterli governare, concordo. Se però dici che non li governiamo perchè non sappiamo, dobbiamo ammettere che le reazioni nella materia condensata avvengono in modo casuale. Quando c'è casualità possiamo solo fare statistica...cosa dovremmo fare allo stato delle cose?

nemo ha detto...

non puoi fare nessuna statistica se non sai quali sono le leggi matematiche che li governano. Se lo fai ottieni semplicementi dei valori statistici privi di senso, non probabilità che è una cosa completamente diversa

nemo ha detto...

Immagina di mandare qualcuno al mercato a fare la spesa. Immagina anche di non sapere che sia necessario avere del denaro in tasca. Una volta il tizio torna con una cipolla, a volta con niente ed a volte con le borse piene di roba. Probabilmente pensi che è scemo, ma in realtà il poveraccio non sempre ha i soldi per comprare quello che chiedi

sandro75k ha detto...

@nemo

se la differenza di probabilità è già alta significa che è già sfruttabile... meglio così per tutti. Non vedo nessuno che venda energia fatta così ma evidentemente sbaglio io. vado a lavorare, ciao

indopama ha detto...

"Le equazioni di Dirac danno come risultato stati di energia negativa, ma non è mica che sono sbagliate..! Oggi, nessuno sa come trattare gli stati di energia negativa, perchè non si sa nemmeno quale significato fisico dare al concetto. Queste cose non le risolvi ne con la chimica ne con le banche dati. serve una teoria fisica che oggi non abbiamo. tutto qui."

oggi nessuno ancora si e' accorto che la supposizione della realta' oggettiva e' appunto solo una supposizione, indimostrabile.

in vero la realta' e' tutta un'altra roba, conoscibile solo se uno ha voglia di farlo.

l'energia negativa e' un aiutino dato dal Creatore del gioco per dirci: hei, prima ti viene l'idea, poi la crei. l'idea significa vedere il futuro, un qualcosa che ancora non c'e', ecco che l'energia si muove nei due sensi, dal passato verso il futuro e viceversa.


indopama ha detto...

per esempio ecco come analizzerei io la realta'.
passato e futuro sono dimostrabili?
no, io esisto solo in questo momento presente ed e' sempre e solo ora che penso, attraverso una logica analisi di un qualcosa che chiamo eventi, che la vita si evolva nel tempo.
ma non potro' mai dimostrarne l'esistenza, per farlo dovrei essere nello stesso istante qui, prima e dopo. ora invece ho solo documenti/ricordi che mi dicono che c'e' stato un passato, i ricordi sono solo PURO PENSIERO e i documenti potrebbero essere la stessa cosa, ovvero puro pensiero, io che sto pensado di vedere un filmato di ieri, di leggere un qualcosa che e' accaduto ieri. ma solo ORA lo sto vedendo, solo ora sto immaginando che sia accaduto ieri...

indopama ha detto...

e se il tempo e' indimostrabile, ovvero e' solo un puro construtto mentale (la mente che pensa e i pensieri sono intangibili) che significato vado a dargli all'energia? perche' deve essere conservativa? puo' esistere una energia senza il tempo? ecc ecc.......

nemo ha detto...

@indopama
ti consiglio il blog di Franchini. Li certamente troverai Ascoli65 che ti fa un grafico, Mario Massa che calcola il calore e Franchini la sezione d'urto

nemo ha detto...

P.S.: E Cimpy che mangia pop corn ! :-D

indopama ha detto...

tanto per provare di essere piu' chiari, uno mi dice:
guarda che ieri e' stato cosi' e cosi'. ok, allora gli chiedo, dimostralo.
e lui mi fa vedere un filmato di ieri...
e io gli rispondo: occhio che questo filmato lo stiamo vedendo ora, come fai a provare ora che sia stato filmato ieri? potrebbe invece essere che io e te stiamo solo pensando di vederlo ora?
e lui dice no, sono sicuro che e' stato filmato ieri, guarda la data e poi io mi ricordo di averlo filmato ieri.
io gli chiedo: mi puoi dimostrare oggettivamente il tuo ricordo? o magari e' un qualcosa che ESISTE SOLO dentro di te? e poi la data la vediamo solo ORA, potrebbe anche essere che solo ORA stiamo PENSANDO di vederla....
e cosi' via... con lui che non riuscira' mai a dimostrare l'esistenza di un qualcosa che non c'e' piu' attraverso cose che esistono ORA, con Io che provo ad aiutarlo a comprendere cosa sia il pensiero, quella cosa che esiste solo dentro di lui e non si e' mai fermato un attimo ad analizzarla...
:-)

indopama ha detto...

hahaha
Nemo, se poi ad uno qualsiasi gli dicessi: hai mai trovato una curiosa analogia tra i sogni e la realta'? hai mai notato come anche nei sogni puoi provare le stesse sensazioni e che l'unica differenza sta nel fatto che li ricordi male mentre di "questa realta'" i ricordi sono molto migliori?

ecco allora che mi manda a fanculo perche' ha paura di capire..... :D

indopama ha detto...

se poi gli fai di nuovo notare che i ricordi sono un qualcosa che lui chiama di intangibile ecco allora che scatta il panico... :-D lui si ricorda bene quello che ha appena fatto ma non fargli mai assolutamente notare che sta parlando di una cosa (i ricordi) che non conosce affatto. li chiama e basta, sono cosi' e basta. W l'itaglia. :-)

MISTERO ha detto...

@Tullio68
Quoto il tuo intervento, purtroppo questa sera uscirà solo la prima parte della puzza generata dalla pennuta, in seguito nella seconda parte approfondirò con WOW e le interviste ai diretti interessati, non gli inventori, i certificatori del L.E.N.A. che in questo ambito ne sanno qualcosina più di me, di Mario, di Giancarlo e dell'OCA.
Porta pazienza qualche giorno ;-)

@Mario
Il problema più impellente a Fukushima non è il Trizio ma il Cesio.
Gli articoli citati da Tullio li ho da qualche giorno e non li ho ancora letti, lo farò. Dopo averlo fatto potrò dire se ci sono delle imprecisioni scritte dai GIORNALISTI, non certo da parte dell'inventore o peggio da parte dei certificatori.

@Nemo
Nel palladio come in tutte le leghe devi prendere in considerazione l'effetto Kinkerdall (tientelo per te e non lo dire in giro). Possiamo conoscere l'esatta composizione percentuale di una lega e riprodurla in qualsiasi parte del mondo, difficilmente però possiamo prevedere quante micronano cavità si formano a seguito del processo di fusione della lega. Questo di per se basta ed è sufficiente per capire perché a volte i fenomeni "ff" (di deformazione spazio temporale) avvengono e altre volte no pur avendo riprodotto esattamente tutte le condizioni sperimentali.

@Per i sostenitori di Keshe:
Si è trasferito a Brescia e vuole mettere su un laboratorio con 250 ricercatori grazie alle donazioni che ha ricevuto..Proximamente per dovere di cronaca riporterò la notizia completa.
Forse Piantelli dovrebbe chiedere a lui come fare.. :-)

giorjen ha detto...

@Mario Massa
quello che è successo con WOW sul blog della papera francese è disgustoso. L'ennesima dimostrazione che il Sig Giancarlo si comporta spesso alla "tutte chiacchere e distintivo". Mi sorprende che ancora insistete sull'argomento dopo che vi è stato dimostrato che una "istituzione" seria del settore sta collaborando con esiti positivi nelle sperimentazioni di WOW. Il tutto è stato presentato ad esperti (più di lei, Mario) durante Remtech 2013. Eppure per voi continua a rientrare tra le bufale/imbrogli di persone poco serie.
http://ocasapiens-dweb.blogautore.repubblica.it/2013/09/20/perle-os-undigested/comment-page-1/#comment-459379

sul fatto che non si possa usare questa tecnologia in poco tempo mi permetto di dubitare visto che stiamo parlando del Giappone e di un manufatto di idraulica (le ricordo che l'"istituzione" in questione di lavoro fa manufatti in acciaio, in particolare una sua controllata fa "tubi" e soprattutto sono esperti negli impianti che servono per "fare" queste cose). Certo bisognerebbe intendersi su cosa è poco tempo e soprattutto su quali sono le alternative.

Per quanto riguarda gli eccessi di calore e gli ingegneri mi pare che sia proprio lì l'ingarbugliamento. Gli ingegneri non dovrebbero far ricerca, non sono scienziati (se non della domenica, come Rossi) e dovrebbero fare applicazioni di principi scientifici noti. Pensare che la fusione fredda risolverà tout court i problemi energetici del pianeta da un momento all'altro mi pare ridicolo. Così come non lo farà il kitegen sul quale si studia da oltre 10 anni piuttosto che la fusione calda (e ITER) sul quale si spendono miliardi (di euro) da non so quanti anni. Eppure con quest'ultima voragine di spesa mi pare che siate tutti, voi ingegneri, più generosi. Certo deve essere una bella sfida fare l'ingegnere per quelle aziende, e così ci si scorda del futuro energetico dei propri figli e delle casse dello stato.
Quando invece c'è un tizio che sta spendendo i suoi soldi per portare avanti un progetto, strampalato quanto vuoi, diventate tutti degli eroi, proattivamente difendendo il mondo da un filosofo che non merita di essere un ingegnere. A che pro?

MI posso permettere di sospettare che per molti di voi qualsiasi cosa che non siete in grado di spiegare è una bufala? Oggi il doodle ci porta qui:
http://en.wikipedia.org/wiki/Shakuntala_Devi
Per me potrebbe benissimo essere una bufala. Ma non mi sognerei mai di scriverlo su un blog.
Eppure DEVE esserlo... la radice 23esima (non so neanche come si dice) di un numero di 201 cifre in 50 secondi... pensateci bene.
g

tia_ ha detto...

>Quando invece c'è un tizio che sta spendendo i suoi soldi per portare avanti un progetto, strampalato quanto vuoi, diventate tutti degli eroi, proattivamente difendendo il mondo da un filosofo che non merita di essere un ingegnere. A che pro?

Rossi non sta spendendo i suoi soldi, sta spendendo i soldi tirati su vendendo le licenze

>piuttosto che la fusione calda (e ITER) sul quale si spendono miliardi (di euro) da non so quanti anni. Eppure con quest'ultima voragine di spesa mi pare che siate tutti, voi ingegneri, più generosi

ITER (ed altri progetti di fusione nucleare) poggia su solide basi scientifiche, la fusione fredda non ha nemmeno delle basi.

>Gli ingegneri non dovrebbero far ricerca, non sono scienziati (se non della domenica, come Rossi) e dovrebbero fare applicazioni di principi scientifici noti.

Benissimo, allora perchè i fusionisti freddi sono cosi restii a lasciare che il setup di misura lo faccia un ing. misurista?

giorjen ha detto...

Sorvolo poi sulle centrali nucleari del terzo mondo...
al solito un po' di superficialità condita da provincialismo che sembra incredibilmente esser un punto comune degli unbè
g

Go Katto ha detto...

F&P?
Noi provammo e non trovammo. Smantellammo tutto in brevissimo tempo e, da allora e solo per aver creduto per un breve istante, l'argomento è a tutt'oggi tabù.
Nessuno da noi tagliò grafici o misure, semplicemente non trovammo quel che altri giuravan ch'era vero - neppure la più piccola traccia. Eravamo, tutti noi, incompetenti? Eravamo solamente molto sfortunati? Mancava una vera fede? Sta di fatto che smantellammo e non per ordini esterni. F&P dalle mie parti sono usati solo per dileggio: "Che fai lì immoto, stai ponsando?! Credi d'esser in vacanza alle fleishmann islands??"

Hermano Tobia ha detto...

@tia_
ITER (ed altri progetti di fusione nucleare) poggia su solide basi scientifiche,

Anche i viaggi nel tempo poggiano su solide basi scientifiche (relatività), peccato che non esiste un'astronave che va a velocità vicine a quelle luminali.

Su ITER leggi quanto dice (ad esempio) Sebastien Balibar, Director of Research, CNRS, and a professor of physics, Ecole Normale Suprieure in Paris.

http://www.project-syndicate.org/commentary/the-fusion-myth

Con l'equivalente dei soldi spesi sulla ricerca LENR probabilmente a Caradache sono forse riusciti a comprare le cialde per il caffè.

tia_ ha detto...

>Anche i viaggi nel tempo poggiano su solide basi scientifiche (relatività), peccato che non esiste un'astronave che va a velocità vicine a quelle luminali.

C'è certamente un problema tecnologico dietro la fusione calda, e quindi? Preferisci forse destinare soldi a chi ti promette energia gratis senza che abbia nemmeno le basi scientifiche? E' una promessa puntualmente disattesa da 25 anni.

>Con l'equivalente dei soldi spesi sulla ricerca LENR probabilmente a Caradache sono forse riusciti a comprare le cialde per il caffè.

Cialde per un miliardo di euro attualizzato? Costosette.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ tia

"Rossi non sta spendendo i suoi soldi, sta spendendo i soldi tirati su vendendo le licenze"

Vendere qualcosa non è reato, o dobbiamo considerare ladri tutti i rivenditori, commercianti e produttori di qualcosa, beni o servizi che siano? Io vendo spazi pubblicitari (un Berlusca in piccolo, ma moooolto in piccolo ;-) ), che non si sa se effettivamente porteranno qualcosa. L'azienda valuta, e se lo ritiene adeguato, acquista. A quel punto i suoi soldi, spesi bene o spesi male, se permetti e anche se non lo permetti, li considero miei. Se poi chi acquista le licenze di Rossi fa o meno un affare, non lo so. Io non so se azzarderei una cosa del genere, ma questi sono affari loro. I soldi ottenuti sono di Rossi, che non gli ha estorti e non ha compiuto circonvenzione di incapaci. Mica è Vanna Marchi!


"ITER (ed altri progetti di fusione nucleare) poggia su solide basi scientifiche, la fusione fredda non ha nemmeno delle basi."
Questa è una considerazione valida, però sono valide anche le argomentazioni di Hermano Tobia. Negare una frazione dei finanziamenti di iter a studiare per 'ricavare' le basi scientifiche di un fenomeno che si manifesta in maniera sporadica, ma che promette interessanti sviluppi, mi pare molto poco saggio. Anche a volerli dare come soldi persi, utilizzare 5% delle risorse di Iter per lo studio delle LENR, non mi sembra una follia, tuttavia qui siamo nel campo delle opinioni e tu hai pieno diritto di vederla come vuoi.

"Benissimo, allora perchè i fusionisti freddi sono cosi restii a lasciare che il setup di misura lo faccia un ing. misurista? "
Hai ragione e prima o poi dovranno farlo, almeno se vogliono sostenere che ci sono eccessi di calore. Non escludo che stia avvenendo sugli E-CAT di Rossi, il cui test di lunga durata dovrebbe comunque essere dirimente. Magari non sarà il nostro Mario, che anche a me piacerebbe potesse partecipare, ma magari ci saranno tecnici equivalenti, oppure le misure saranno tali che non sarà necessaria una rilevazione calorimetrica, ma una ben più conclusiva (quantomeno dal punto di vista del mercato) consistente riduzione della bolletta energetica delle aziende presso cui gli E-CAT in prova sono installati. Comunque anche io aspetto prove conclusive per decidere che quella che per me è una speranza (che non ritengo campata in aria), possa considerarsi una realtà.

Silvio Caggia ha detto...

@giorjen
Shakuntala Devi
Sha-kunta-la Devi
Nomen omen! :-D
Certo, anche io se mi chiamassi toni fusipro avrei qualche chance nella fusione fredda... :-D

tia_ ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
tia_ ha detto...

> A quel punto i suoi soldi, spesi bene o spesi male, se permetti e anche se non lo permetti, li considero miei.

Beh allora la frase di giorjen non ha alcun senso.
Se uno mi dice che non capisce la preoccupazione su Rossi visto che sta usando soldi suoi, poi non mi si può dire che considera soldi suoi pure quelli degli altri che hanno investito su di Rossi, perchè l'intera frase non ha senso.
Io mi preoccupo di Rossi proprio perchè prende soldi dagli altri per portare avanti l'-ecat (tradotto: per comprare appartamenti a Miami). E quel qualcuno potrebbe anche essere noi tutti, visto l'andazzo di certe interrogazioni parlamentari.

>Anche a volerli dare come soldi persi, utilizzare 5% delle risorse di Iter per lo studio delle LENR, non mi sembra una follia

Allora perchè non darli pure a Keshe? Non sta forse promettendo mirabilanti invenzioni? Tanto, se la base scientifica non conta, qual'è la vera differenza?

mario massa ha detto...

@jorgen
"Eppure per voi continua a rientrare tra le bufale/imbrogli di persone poco serie."

Mai detto che WoW sia un imbroglio. Ho detto che il brevetto che ho letto è un semplice distillatore con un prefiltro, senza nulla di innovativo. Esiste un altro brevetto ancora secretato? Aspettiamo e vediamo, tempo al massimo 18 mesi e verrà reso pubblico. Comunque per me il primo brevetto oltre a non contenere innovazioni contiene assurdità (butta il calore latente), accettabili per un piccolo potabilizzatore, non per un sistema che deve purificare 1200 tonnellate al giorno.

Nell'articolo linkato si asserisce che l'ALPS concentra solo 5 volte, mentre a me risulta che concentra circa 1000 volte. Asserisce anche che WoW concentra 25000 m3 in 5 m3 senza produrre fanghi: dal momento che l'acqua del mio rubinetto contiene 0.4 g/litro di sali, 25.000 m3 contengono 10.000 kg di sali: mi spiegate come fanno a starci in 5 m3 di acqua? E sto parlando di acqua di rubinetto, là oltre ai contaminanti che vengono dal reattore c'è anche il sale dell'acqua marina che è stata usata per il raffreddamento.
Anche se Mistero dice che il problema è il cesio (l'ALPS rimuove perfettamente il cesio), a me risulta che il problema sia il trizio che non può essere rimosso in nessun modo, nemmeno col WoW, ma sono curioso di avere informazioni da Andrea.

mario massa ha detto...

@Jorgen
Dimenticavo, quando leggo che si ritiene che a Fukushima ci sia un disastro ambientale inarrestabile, e si dice "noi abbiamo la soluzione" ma non ve la diciamo altrimenti le multinazionali ce la soffiano, scusatemi, ma mi viene il voltastomaco. Comunque hanno promesso che a primavera ci sarà un piccolo prototipo dimostrativo, poi cominceranno le prove su 45 m3 di acqua (quanti ne passano a Fukuschima in un'ora). A questo punto se tutto andrà bene comincerà la progettazione di quello definitivo e poi la sua costruzione: a dire che sarà operativo fra 2 anni ho esagerato? (forse si per chi pensava di scaldarsi con l'E-cat due anni fa). Nel frattempo a Fukushima saranno passati un milione di tonnellate di acqua radioattiva: a cosa servirà il WoW?

MISTERO ha detto...

ma sono curioso di avere informazioni da Andrea.

Le informazioni le avrai Mario, ma consentimi:
Mai detto che WoW sia un imbroglio.

Quello che hai scritto (non solo tu, anche Giancarlo De Marchis) nel merito, poche righe, sono state utilizzate da Sylvie Coyaud per sostenere che è un imbroglio...Bufala=Imbroglio.

Ah si sei intervenuto...Dopo mio sollecito...Lisciando e lasciando le cose come lei aveva deciso, non ti sei opposto, non hai chiesto correzioni sostanziali, non hai impedito che il suo post restasse nei contenuti e nell'oggetto "bufala", non hai chiesto rettifiche del post o che venisse cancellato, ma ti FAI USARE, che tornaconto hai da questo, il sospetto è legittimo.
Se vuoi veramente essere imparziale dovresti quantomeno opporti a questo tipo di strumentalizzazioni, se non lo fai non ti puoi sempre giustificare dicendo sono stato via o ho avuto da fare, perché il tempo per scrivere cazzate oggetto di strumentalizzazioni lo trovi e non ci puoi trattare in seguito tutti da coglioni.
Quello che risulta a te, non risulta ai ricercatori del L.E.N.A.

Sono più autorevoli dei ricercatori che sono a stretto contatto con i problemi di Fukushima e ci lavorano tutti i giorni, o quello che asserisci tu?

p.s. l'acqua del tuo rubinetto, il rubinetto di Mario Massa, non è l'acqua utilizzata nella cappa nucleare del L.E.N.A., come non è l'acqua di Lorenzo o l'acqua di Lourdes..Forse non è l'acqua di Fukushima, ma ne sei sicuro?
La parte 2 del post di questa sera è interamente dedicata a questo, sono anch'io curioso di vedere le risposte in altre sedi.

E si scrive Giorjen, non jorgen.

Daniele Passerini ha detto...

@Piero41
Uuuuh, che noia qui al bar, che noia la sera,
la sera sentirsi qui al bar.
Che noia qui al bar...

Ma possibile che "Il Riccardo" di Gaber lo conosciamo solo io e te qui dentro? ;)

MISTERO ha detto...

a cosa servirà il WoW?
Intanto Fukushima si scrive senza la "c", sai Fermigas è molto formale. A che cosa servirà il WoW hai solo l'imbarazzo della scelta in Italia, da quale vasca cominciamo che la Sogin non ha ancora riprocessato?
1,4 miliardi di euro in 10 anni per trattare solo l'1% del lavoro di riprocessamento, contenimento e stoccaggio ad oggi programmato...Sai quanto cazzo me ne frega di Fukushima?
Me ne frega in modo proporzionale alla capacità dei giapponesi di risolvere i problemi, un esempio; dopo il terremoto 800 km di autostrade devastate rimesse a nuovo in 6 giorni, SEI GIORNI, e si sono scusati perché un autogrill non aveva ancora il gas metano ripristinato... La Salerno Reggio Calabria in Italia?
Gli agricoltori della provincia di Fukushima se la stanno bonificando da soli la terra dopo l'esplosione, ho postato diversi link confermati da fonti autorevoli. Quel popolo ha già affrontato il fallaout radioattivo e dalla stessa terra contaminata hanno trovato le soluzioni, batteri, ma pensa un po.
Scusa ma stasera mi gira così..

Daniele Passerini ha detto...

@Silvio Caggia
Io direi che c'e' un treno in corsa, verso il nuovo klondike, e diversi cercano di saltarci sopra... C'e' chi cade, chi e' appigliato al predellino... Ma il fatto che ci sia il treno in corsa e' il FATTO.
Chiudere gli occhi al fatto e ridere di chi cade e' semplicemente demenziale... :-)

Ormai mi sono persino stufato di ripeterlo: bisogna essere in overdose da pregiudizio per non vedere che le cose stanno esattamente come dici!

Daniele Passerini ha detto...

@barney
O come se -per tornare in topic- la soluzione al problema del "publish or perish" sia il comunicato di Valenzi che pare preso pari pari -allitterazione non voluta- da una sceneggiatura di "Fascisti su Marte", NON per il colore politico di Valenzi di cui mi impippo, ma proprio per il linguaggio da Istituto Luce del ventennio.
Strano che stigmatizzi il linguaggio da Istituto Luce ma sincero di Valenzi e non quello da CT SSSR e menzognero della Sylvye Coyaud... da buon trollerellone non ti smentisci mai! :D

Silvio Caggia ha detto...

@daniele passerini
Notavo una somiglianza con il refrain del riccardo ma non avevo capito che era uguale! :-)

Daniele Passerini ha detto...

@Go Katto
Noi provammo e non trovammo. Smantellammo tutto in brevissimo tempo e...
Noi del CAMEN... I suppose.

@Hermano Tobia
Con l'equivalente dei soldi spesi sulla ricerca LENR probabilmente a Caradache sono forse riusciti a comprare le cialde per il caffè.
:D :D :D
Anche se ci sarebbe da piangere...

@tia
Ma una persona intelligente come te, che soddisfazione profonda può trarre dal fare il mercenario? È un lato di te che continuo a non comprendere.
Non ti viene mai voglia di appendere polemiche e sofismi al chiodo e cominciare a essere davvero te stesso?

MISTERO ha detto...

Noi del CAMEN... I suppose.
Oddio, Cesare Imperiali è Camillo Franchini?
Cioè, Franchini è un bot controllato da Cimpy?
Non avevo colto la sfumatura di quando spiegavi la diversità tra il Camillo originale incontrato di persona e il Camillo che scrive nel fanghificio..
Che capra che sono...;-)

p.s. mi hanno confermato oggi che hanno aumentato il budget per contrastare le capre tibetane e vietnamite che stanno invadendo gli spazi loro..
Fattore 10^2, alla faccia della crisi, ci sguazzano...Un kg di polvere bianca sotto il letto come dice Giancarlo a questo punto non me lo toglie nessuno, gli auguro solo che non lo trovo prima io, sai che festa?

giorjen ha detto...

@MM
http://www.wowwater.eu/user_images/datiTecnici/8922RemTech%202013_Techint-WOW%20conference%2018-09-2013.pdf

sinceramente gli articoli di giornale postati non li ho neanche aperti.
Capisco il tuo stato d'animo ("voltastomaco") ma mi chiedo in che mondo vivi se pensi che le aziende debbano fare beneficenza. Ogni giorno leggiamo di aziende del farmaco che fanno morire milioni di malati perchè le medicine che si potrebbero produrre con pochi spiccioli costano troppo, altro che danni ambientali. Le multinazionali del nucleare realizzano utili sulla vendita di energia ma non mi risulta che facciano una ricerca "pubblica", o meglio senza brevetti, sul decommissioning. Stesso dicasi per quelle del petrolio che non mi risulta che quando fanno una scoperta contro l'inquinamento da oli la condividano col mondo, per non parlare degli investimenti nelle energie pulite che stanno tutte facendo che più chi meno.
Sta storia dei buoni samaritani ancora una volta, chissà come mai, si applica solo ai poveretti che fanno l'invenzione della loro vita e che vengono trattati con disprezzo da molti ingegneri con la "puzza sotto il naso", non alle grosse multinazionali.
Io per una multinazionale ci lavoro, mi stupisco certamente come dici se un singolo fa l'invenzione del secolo (ma è pieno di casi anche nella storia recente), mentre se ci vuol far pure i soldi son contento per lui e mi stupirei del contrario.
g

Silvio Caggia ha detto...

@giorjen
E comunque anche nelle multinazionali e' comunque un singolo (dipendente o consulente) che ha l'intuizione dell'idea innovativa... Esattamente come nella tua testa e' un singolo neurone alla fine che grida "eureka!" e attiva la risposta... Grazie allo stato di tutti gli altri... :-)
Perche' stupirsi degli inventori singoli? L'unica cosa di cui stupirsi non e' che intuiscano una soluzione, ma che riescano a trasformarla in un prodotto finito da soli, quello si' mi stupirebbe molto! :-)
Nota: parlo per esperienza personale.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ tia
"Allora perchè non darli pure a Keshe? Non sta forse promettendo mirabilanti invenzioni? Tanto, se la base scientifica non conta, qual'è la vera differenza? "

Se vuoi li MIO parere, perché keshe a quanto pare i soldi se li è trovati con le donazioni, perché va avanti per conto proprio e non lavora in strutture pubbliche e principalmente perché non mi fido. Te l'ho ben detto che è questione di opinioni, questa.

"Se uno mi dice che non capisce la preoccupazione su Rossi visto che sta usando soldi suoi, poi non mi si può dire che considera soldi suoi pure quelli degli altri che hanno investito su di Rossi, perchè l'intera frase non ha senso.
Io mi preoccupo di Rossi proprio perchè prende soldi dagli altri per portare avanti l'-ecat (tradotto: per comprare appartamenti a Miami). E quel qualcuno potrebbe anche essere noi tutti, visto l'andazzo di certe interrogazioni parlamentari "

Rossi non ha mai chiesto soldi pubblici e ha rifuggito l'azionariato popolare. Ha scommesso molto sullo sviluppo dell'E-CAT quando ancora di Aldo Proia non si sentiva parlare, si vociferava avesse dovuto alienare le sue proprietà immobiliari ed egli stesso confessa che per un certo periodo, durante il suo soggiorno in USA, una sana dieta a base di economiche uova non gliela toglieva nessuno, per via di ristrettezze economiche. A quanto pare l'impresa sembra riuscita e ha cominciato a raggranellare qualche soldo, adesso. Questo non è rischiare in proprio? O per rischiare in proprio si deve implicare anche che l'impresa debba fallire, altrimenti il rischio non ci è piaciuto abbastanza?

Comunque siamo in democrazia e se ritieni che, a parte Rossi che è negli USA e fa per conto suo, lo studio sulle LENR non debba essere finanziato, rispetto la tua opinione, dalla quale però mi permetto di dissentire esercitando lo stesso diritto.

AleD ha detto...

@giorjien:
"
Io per una multinazionale ci lavoro, mi stupisco certamente come dici se un singolo fa l'invenzione del secolo (ma è pieno di casi anche nella storia recente), mentre se ci vuol far pure i soldi son contento per lui e mi stupirei del contrario.
"
Limpido, quello che stona però è quando chi ci vuol fare sopra i soldi tira fuori argomentazioni che io chiamo da libro cuore, nel caso specifico: energia pulita per tutti a costo bassissimo facendo riferimento in particolar modo alla parte di mondo che è presa con le pezze al popo', e poi i classici riferimenti al mondo ai figli e ai nipoti e altri bla bla bla vari.
O almeno li fai quando c'hai il risultato in mano (cosa non vera visti i fatti).

tullio68 ha detto...

forse vi siete persi il fatto che l'acqua per il raffreddamento dei reattori a Fukushima è acqua demineralizzata
l'acqua di mare è stata utilizzata solo all'inizio.
allora rimane il problema del rubinetto....

in relazione poi al recupero calore latente di evaporazione, mi spiegate che c'azzecca in una macchina che consuma circa 600w? e perchè pensate si debba fare in una macchina così piccola???
comunque è tecnologia che si trova comunemente sul mercato, sempre che ne valga la pena proprio per le dimensioni.
il condizionatore di casa è basato su tale principio di recupero del calore latente di evaporazione anche se a temperature diverse.

siamo sempre al "che c'azzecca"

crostini al foie gras...

giorjen ha detto...

@AleD
a parte che stavamo parlando di WOW, ma comunque anche nel caso Rossi mi pare che le dichiarazioni del salverò il mondo siano durate poche settimane, poi potrei sbagliarmi... ma è importante??

mi chiedo ancora perchè non sei intervenuto sul Rubbiatron di là, ne sarebbe nata una discussione interessante secondo me, più di quelle nelle quali ti sei lanciato in 22p qualche tempo fa facendoti tanti amici... ahahahah
g

giorjen ha detto...

@silvio
sono abbastanza d'accordo, ma l'intuizione di un dettaglio (seppur importante) è un conto, l'innovazione importante è invece tutt'altra cosa, e ti posso assicurare che senza un team piuttosto rilevante attorno non si va lontano in progetti complessi, dove per arrivare ad un risultato bisogna metterne insieme tante di intuizioni, in molte discipline. Anche nella ricerca e su questo Franchini ha ragione (come su tante altre cose).

Certo la tazzina innovativa o il portabanana si possono inventare anche da soli.

Spero che lo abbia capito anche Rossi e che si sia contornato di un abbondante gruppo di collaboratori, perchè altrimenti sarebbe stato destinato al fallimento (o alla svendita).

poi è ovvio che ci sono dettagli più importanti di altri, alcuni che neanche sono dei dettagli ma dei concetti rivoluzionari, e su quelli ci arriva uno solo.
Anche Tesla senza westinghouse non sarebbe andato lontano.

se Rossi uscirà fuori con un nome tipo GE non ci saranno storie per nessuno e spero che anche Tia darà atto che la licenza è stata venduta legittimamente, così come non ci sono storie per quanto mi riguarda quando sento che WOW fa il paio con Techint...
g

mario massa ha detto...

@Mistero
"Quello che hai scritto (non solo tu, anche Giancarlo De Marchis) nel merito, poche righe, sono state utilizzate da Sylvie Coyaud per sostenere che è un imbroglio...Bufala=Imbroglio."

Io ho cominciato criticando un brevetto che confermo per me non vale nulla. Non ho detto che non funziona (=imbroglio), ho detto che non c'è nulla di innovativo. Se Sylvie Coyaud ha estrapolato che utilizzare un potabilizzatore per risolvere il problema Fukushima era una bufala concordo con lei. Se invece quel brevetto non c'entra nulla (ma sono loro che lo hanno nominato) allora ritiro ciò che ho detto.

"Ah si sei intervenuto...Dopo mio sollecito...Lisciando e lasciando le cose come lei aveva deciso, non ti sei opposto, non hai chiesto correzioni sostanziali, non hai impedito che il suo post restasse nei contenuti e nell'oggetto "bufala", non hai chiesto rettifiche del post o che venisse cancellato, ma ti FAI USARE, che tornaconto hai da questo, il sospetto è legittimo."

Io scrivo mie considerazioni qui e da Camillo. Rispondo solo di quelle. Ognuno le usa come crede. Quando hanno scritto falsità (che ci voleva una centrale nucleare per farlo andare) li ho subito corretti dicendo tra l'altro che noi cose simili le usiamo normalmente in campo alimentare e di dimensioni paragonabili a quella necessaria a Fukushima (vai a vedere i miei commenti da Camillo). Sui tuoi sospetti non commento.

"Quello che risulta a te, non risulta ai ricercatori del L.E.N.A."

Confermo che a me risulta che il problema è il trizio e quello non lo può togliere nessuno, nemmeno WoW. Se lo afferma imbroglia.

"A che cosa servirà il WoW hai solo l'imbarazzo della scelta in Italia"

Stavo parlando di Fukushima. Che un sistema per la separazione dei radionuclidi dall'acqua (che sia il Landysh, l'ALPS o il WoW) sia utile è ovvio. E sia chiaro che auguro a WoW di entrare sul mercato e fare un buon lavoro, quello che contesto è che sia rivoluzionario e abbia risultati diversi rispetto ai sistemi attuali e che possa separare ciò che gli altri non possono (trizio). E se è basato su quel brevetto secondo me è meglio se lasciano perdere (parere personale: ci diamo appuntamento tra 1 anno per vedere come è andata a finire?)

@giorgen
"sinceramente gli articoli di giornale postati non li ho neanche aperti."

Apprezzo la sincerità: il fatto che avessi postato 2 volte lo stesso me lo aveva fatto sospettare.

Ti ringrazio del link: a mio modo di vedere chiarisce molte cose:

1 - è attualmente sotto test un prototipo da 20 litri/giorno (ricordo che a Fukushima siamo oltre un milione di litri al giorno)

2 - Seguirà un test presso un cliente vero che deve eliminare in tutto 40 metri cubi (meno di quelli che a F. passano in un'ora)

Se hai esperienza di prototipi saprai che è normale partire da un prototipo piccolo, poi si sale man mano di un fattore che raramente supera 10 (più normalmente 2-3). Il prototipo attuale deve salire di un fattore 50.000.

Credo che ci sia un errore di fondo nella valutazione degli attuali sistemi di decontaminazione: infatti nell'ultima slide si dice che il sistema WoW è in grado di ridurre il volume di circa 5000 volte (che è un po' troppo a mio avviso, a meno di partire da acqua demineralizzata, ma non importa), mentre i sistemi attuali lo ridurrebbero di sole 6-12 volte. Ma di che cosa parlano? Secondo te a Fukushima hanno costruito un ALPS (grosso come una fabbrica) per concentrare i radionuclidi di solo 6 volte? E manderebbe allo stoccaggio 150 m3 di acqua contaminata al giorno? Oggi avrebbero già 100.000 m3 stoccati (quanto 50 piscine olimpioniche!).

Se fosse così non resterebbe che dire "sono pazzi questi giapponesi" (e i francesi e i russi che hanno collaborato). Molto più probabile che qui in Italia qualcuno abbia preso uno svarione.


tia_ ha detto...

>e principalmente perché non mi fido. Te l'ho ben detto che è questione di opinioni, questa.

Non è una questione di opinioni, ma di metodo. Non si può affidare o meno finanziamenti perchè uno ti ispira fiducia o no.

>Rossi non ha mai chiesto soldi pubblici e ha rifuggito l'azionariato popolare.

Nel 2009 ha avvicinato il DOD, il DOE e l'ENEL (che sono enti pubblici), ma non l'hanno cagato. C'ha provato.

>Questo non è rischiare in proprio? O per rischiare in proprio si deve implicare anche che l'impresa debba fallire, altrimenti il rischio non ci è piaciuto abbastanza?

Ma sei capace di seguire un filo logico? O pretendi di prendere le mie risposte rivolte ad altre persone per poi andare a criticarle senza tener conto del contesto?
Ripeto: Se giorjen mi dice che non capisce la preoccupazione su Rossi visto che sta usando soldi suoi, poi non mi si può dire che considera soldi suoi pure quelli degli altri che hanno investito su di Rossi, perchè l'intera frase non ha senso.
Io mi preoccupo di Rossi proprio perchè prende soldi dagli altri per portare avanti l'-ecat (tradotto: per comprare appartamenti a Miami)

Se usa i soldi che ha preso dagli altri non sta usando solo i soldi suoi, ma sta appunto rischiando anche coi soldi degli altri, e la preoccupazione è quindi piu che logica.

piero41 ha detto...

@ Tia
E’ anni che insisti sempre sullo stesso tasto dei capitali consegnati a Rossi dai futuri venditori ed io ti rispondevo che un imprenditore sul mercato specialmente coi tempi che corrono quando mai lascia in mano ad altri capitali a garanzia quando anche il contratto non ha avuto inizio.. e non si sa ancora quando lo avrà... Ma dai!! ti ricordavo che nel commercio in queste situazioni si usano le fidejussioni bancarie a garanzia e già costano abbastanza. Fideiussioni della banca che si potrebbe rifare in caso di pagamento diretto a Rossi su ipoteche, propietà immobiliari messe a disposizione appunto dal venditore ecc ecc. Ma non ti sei chiesto come ultimanente dopo aver venduto anche la sua casa abbia potuto d’improvviso disporre dei capitali necessari per tutti quegli attici hollywoodiani con piscina.?.
L’altro, che non ha certo bisogno della tua difesa, dopo avergli ca@@to in faccia come dicevi, ora ha riconosciuto l’affare “sicuro” ed ha inizizto a sborsargli probabilmente solo la prima parte del money per la disponibilità piena (?) e la propietà del futuro brevetto. E non è detto che poi lo usi veramente, lo potrebbe anche insabbiare fichè gli è comodo!!!
E comunque anche se fossero stati capitali liquidi , quelli dei licenziatari, sarebbero stati certamente su conti bancari bloccati almeno fino all’inizio dell’operatività del contratto.... saluti....

MISTERO ha detto...

@Mario
Confermo che a me risulta che il problema è il trizio e quello non lo può togliere nessuno, nemmeno WoW. Se lo afferma imbroglia.

Confermo che il problema è il Cesio.
Il trizio per quello che ne so si può estrarre solo in due modi:
1) Congelamento, sfruttando il diverso punto di congelamento.
2) Arricchimento isotopico per mezzo di laser.

Entrambi i metodi possono essere utilizzati abbinati al WoW.

Quando hanno scritto falsità (che ci voleva una centrale nucleare per farlo andare) li ho subito corretti dicendo tra l'altro che noi cose simili le usiamo normalmente in campo alimentare e di dimensioni paragonabili a quella necessaria a Fukushima (vai a vedere i miei commenti da Camillo).

Lo ricordo benissimo, i commenti sono da Oca con risposte di un certo "anonimo 8". Hai fatto bene a riprendere Giancarlo, aveva sbagliato solo di un fattore 10^3, bella figura di merda, ma di questa e molte altre Sylvie Coyaud non ci scrive articoli..Mah!!

Se Sylvie Coyaud ha estrapolato che utilizzare un potabilizzatore per risolvere il problema Fukushima era una bufala concordo con lei. Se invece quel brevetto non c'entra nulla (ma sono loro che lo hanno nominato) allora ritiro ciò che ho detto.

E qui che sbagli, i test e le certificazioni al L.E.N.A. non hanno più valore per te di un brevetto?
Comunque il contesto è semplice, Ocasapiens voleva darmi contro (è diventato il suo sport preferito da Luglio di quest'anno) come fa ogni qual volta segnalo un articolo o una tecnologia, soprattutto quando tu o Giancarlo scrivete le vostre "impressioni" trasformandole in denigrazioni, derisioni e diffamazioni. Se tu e Giancarlo (soprattutto) volete stare al gioco dell'Oca, liberi di farlo, io farò altrettanto il mio gioco ovviamente.
Buona fortuna.

Daniele Passerini ha detto...

@tia
Repetita juvant.
Ma una persona intelligente come te, che soddisfazione profonda può trarre dal fare il mercenario? È un lato di te che continuo a non comprendere.
Non ti viene mai voglia di appendere polemiche e sofismi al chiodo e cominciare a essere davvero te stesso?

Alessandro Pagnini ha detto...

@ tia_

Concedere o meno finanziamenti dipende da molte considerazioni. Io mi limito ad affermare quello che farei io, prendendo una decisione di politica economica (cosa che in Italia non si fa da troppo tempo) e riporto quanto avevo scritto che mi contesti, nella speranza che rileggendolo ti sia chiaro "Anche a volerli dare come soldi persi, utilizzare 5% delle risorse di Iter per lo studio delle LENR, non mi sembra una follia, tuttavia qui siamo nel campo delle opinioni e tu hai pieno diritto di vederla come vuoi."
Se poi vuoi negarmi il diritto di pensare così e magari anche di votare per un eventuale partito che proponesse di finanziare le LENR, vuol dire che siamo messi bene!
Quando scegli una certa linea, lo fai perché hai fiducia in quella linea. Io vedrei bene finanziare anche ricerche attualmente neglette, valutando interessante un possibile risultato positivo. Non posso? Non potrebbe deciderlo un eventuale governo?


"Se usa i soldi che ha preso dagli altri non sta usando solo i soldi suoi "
Sodli di qualcuno sono quelli della pentola di monete d'oro all'estremità del ponte di arcobaleno? Tu lo stipendio lo rubi o lo consideri 'soldi tuoi'? O se lavori in proprio, quando un cliente ti paga una consulenza o un progetto, rimangono soldi suoi, o sono diventati tuoi? Inoltre, Rossi è andato avanti a suo esclusivo rischio anche prima di avere altri partner nella sua impresa. Quanti avrebbero avuto la sua forza?
Ribadisco che se un partner consapevole compra da te una licenza, intanto sei arrivato fino al punto di avere qualcosa da vendere (la licenza) con le tue gambe, poi quello che intaschi sono soldi TUOI. Spesi bene o male da chi te li ha dati, è altra questione. Se ti fai finanziare dalle casse pubbliche hai altri obblighi di trasparenza. Oppure se turlupini dei sempliciotti, si può configurare la circonvenzione d'incapace. Al di fuori di questi casi, Rossi ha ben diritto di disporre dei soldi che ha ottenuto lavorando e vendendo il frutto del proprio lavoro, come immagino farai pure tu. E ne farà pure quello che gli pare, aggiungo. E se non ci sta bene, non abbiamo altro da fare che girarci altrove e ignorarlo, come mi sembrerebbe logico tu facessi, invece sembra che tu abbia un conto aperto con Rossi. Non ti converrebbe ignorarlo, scusa? Ti ha rubato qualcosa? Sta rubando qualcosa a qualcuno? Ma fatti una risata di noi stupidotti che insistiamo a prestargli attenzione e passa ad altro, no?
Sarei curioso di conoscere i motivi della tua crociata, premettendo che io sono molto meno convinto di Daniele che ci siano interessi tangibili dietro certi irrazionali accanimenti.

bertoldo ha detto...

https://www.dropbox.com/s/5uyu2ldgnh8l9n5/Upconversion.zip (copia e incolla da cobraf) ipotesi di conversione gamma (= frequenza molto alta ) in infrarossi ir (frequenza più bassa) .Come per i colori si parla ancora di differenza di frequenze solo che questa volta non si tira fuori luce ma calore .

Silvio Caggia ha detto...

@bertoldo
Non so cosa si siano detti su cobraf, ma quei pdf che hai allegato a me sembrano parlare di UPconversion, ovvero da frequenze piu' basse verso frequenze piu' alte, cosa insolita ma a quanto pare possibile, la conversione da frequenze piu' alte a frequenze piu' basse, ovvero da energie piu' alte ad energie piu' basse penso invece sia la norma e che avvenga normalmente...
Ma qual e' il punto? Cosa volevi dire? Che i gamma si possono trasformare in calore non mi sembra una novita'... Non riesco a cogliere il messaggio...

P.s.: Non mescolare "differenza tra frequenze" con "frequenze differenti"... La prima significa a - b, la seconda significa a <> b :-)

piero41 ha detto...

@Mario Massa
Propio perchè ho il massimo rispetto ed attenzione per i tuoi interventi scientifici dove dimostri di saper ben usare le parole non credo molto ad una distrazione nel’uso diciamo di quel“ tutti” al posto di un “ molti “ in quella frase dopo una tua ampia picchiettante disanima sugli altri, specie se scritta su questo blog che ben conosci. Mi ero molto irritato e forse non solo io.....ma va be andiamo oltre...
.
Hai detto:” La grande invenzione però, quella in grado di cambiare il corso della storia (come potrebbe essere l'E-Cat) ritengo assolutamente improbabile che oggi possa venire da una singola persona”

Vedendo gli attuali risultati nelle Lenr, come dice anche Nevanlinna, mi vien da credere che da una parte vi possa esser Rossi con i Kw per caso o per precedenti esperienze dall’altra il resto... un bel “salotto” ma non andranno molto avanti ; il singolo o il gruppetto probabilmente non potranno farcela come dici . Se agisse il caso per Rossi ormai statisticamente anche qualcun altro dovrebbe esserci arrivato....

Già da vario tempo, l’ho scritto, credo molto in qualche input esterno su Rossi magari dopo Teg quando lasciò gli USA per l’It. . Lui su Focardi e Piantelli aveva in più questo indirizzo derivante penso dai militari dai anni di loro studi sul nucleare che hanno portato all’ U.I come riconosce annche Scalia :
“Se il metallo fosse Uranio fissile ‘caricato’ con Idrogeno e sottoposto
a una forte pressione, come quella di una ‘percussione’. Il seguito della storia e ben raccontato nell’avvincente libro di Mauro Torrealta e Emilio Del Giudice14, ma e, appunto, un’altra storia."
Ho letto i commenti poi cancellati di Nevanlinna e Cures erano giunti per lo Hot –cat ad ipotesi di caricamento e successiva emissione , a situazioni di burst di calore nei primi min (?) con possibilità esplosive (?) Perchè sono stati cancellati? Lo so è un ipotesi complottistica ma fra questi scandali Usa.. ed anche Scalia.... Il salto “infernale” ai Kw potrebbe esser avvenuto nei grandi laboratori Usa che non possono certo spiegare a fondo al pubblico lo U.I
Non credo sarai d’accordo ma potrebbe salvare “capra e cavoli” ?? mahh!!

Quanto ai commenti di Krivit sulla verifica di Rossi penso che dalla caffettiera in poi, tenti di bloccarlo per favorire qualche connazionale , il nostro diplomato in arte!!

tullio68 ha detto...

@ Massa
ma chi sono le fonti che elargiscono tutte queste informazioni?
So solo che al Remtech di Ferrara li Anatroccoli Sapiens non si sono visti... Io invece c’ero! e ho parlato con i francesi (che poi sono italiani) ed ho sentito Techint ed ho assistito al lungo intervento del Prof. Naviglio (quello di Emilio?)

Comunque mi risulta che l’acqua è appunto demineralizzata e APLS produce 590 m3 di sludge (zeolite + flocculanti ecc,) alla settmana + filtri eccc.. e Questo per togliere SOLO il cesio.

Queste mi pare siano documentazioni ed informazioni pubbliche.

A Ferrara tutti sapevano di questo e nessuno ha confutato quello che ha riportato Techint (ho girato pure un video di tutta la sessione!!!!).

Tradotto: torniamo al problema delle fonti: la necessarietà della verifica prima delle asserzioni....
Era il dato di cui si parlava a Ferrara. Quanto sperate si possa andare avanti con questo APLS e a questo ritmo?

Il vero problema sono il Cesio e questi sludge generati dall’APLS e non il trizio che ha formule di diluizione migliaia di volte il CESIO.

La domanda potrebbe allora essere vista così: perchè WOW non prova ad occuparsi anche del Trizio???

I tentativi di distillazione sono già stati compiuti con successo da altri ma ahimè senza controllare l’effetto di trascinamento, come invece fa WOW.

Magari con WOW andranno molto lontani: che siano Anatre Migratrici?

Meditate gente….

mario massa ha detto...

@Mistero
Ho raccolto un po' di informazioni aggiornate su Fukushima:

Qui il problema del trizio:
http://agreenroad.blogspot.it/2013/09/tritium-levels-soaring-at-fukushima-2.html#!/2013/09/tritium-levels-soaring-at-fukushima-2.html

Qui per avere una idea di che cosa è ALPS (purtroppo non sono leggibili le ultime tabelle):
http://www.tepco.co.jp/en/nu/fukushima-np/handouts/2013/images/handouts_130329_01-e.pdf

Qui si asserisce che il trizio non puà essere eliminato da ALPS ma non è molto pericoloso perchè non si fissa nell'organismo:
http://fukushima-is-still-news.over-blog.com/article-how-effective-is-alps-119833113.html

Qui è spiegato che non scaricano l'acqua trattata in oceano perchè il livello di tritio è oltre il limite (60.000 Bq/litro), ma data la modesta pericolosità pensano di diluirla e poi cominciare a riversarla nell'oceano perchè non hanno più posto dove stoccarla:
http://news.nuclear.com/blog7.php/fukushima-should-the-alps-treated

Qui si asserisce che il governo giapponese sta guardando a un sistema più efficiente dell' ALPS (non dirmi che è il WoW! se fosse così mi metto il cappello con le orecchie da asino e faccio il giro delle 4 porte - ma lo farei volentieri):
http://www.fukushimaminponews.com/news.html?id=251

Qui si dice che non ci sono perdite nell'ALPS come si era sospettato (altrove, ma non lo ritrovo, avevo trovato che l'aumento di radioattività che faceva temere per una perdita era in realtà dovuto a una quantità di trizio molto più alta di quella stimata):
http://newsonjapan.com/html/newsdesk/article/104750.php

Qui si parla di una radioattività dell'acqua marina a 1km dall'impianto di 1.4 Bq/litro per Cesio 137 (quella naturale, dovuta all'ossigeno è circa 10 volte maggiore): l'aumento di radioattività è quindi piccolissimo (per dare l'idea la soglia di attenzione è normalmente posta a 1 milione di Bq/litro), ma essendo dovuto a cesio (che come lo stronzio si fissa nelle ossa e entra nella catena alimentare) è comunque pericolosa:
http://enenews.com/immediate-release-1400-bqm3-of-radioactive-cesium-detected-in-ocean-offshore-of-fukushima-daiichi-kyodo-suggests-that-toxic-water-leaks-at-plant-have-not-been-contained-photo

Silvio Caggia ha detto...

@mario massa
"Qui si asserisce che il trizio non puà essere eliminato da ALPS ma non è molto pericoloso perchè non si fissa nell'organismo
...
Qui è spiegato che non scaricano l'acqua trattata in oceano perchè il livello di tritio è oltre il limite (60.000 Bq/litro), ma data la modesta pericolosità pensano di diluirla e poi cominciare a riversarla nell'oceano perchè non hanno più posto dove stoccarla"

Ma guarda... :-)

MISTERO ha detto...

@Mario
Nei report della WOW nessuno ha mai citato il trizio.
Hanno testato il sistema con il cesio.
Hanno testato il cesio perché è ritenuto il problema più importante oggi a Fukushima, non solo per il raffreddamento ma anche per il dilavamento a seguito delle piogge a seguito del fallout dei reattori esplosi, questo ha fatto aumentare la radioattività le mare, ci sono gli studi e le pubblicazioni.
Porta pazienza li vedrai quando sarà pronto il post.
Comunque 590 m3 giorno sono un problema immenso da stoccare, soprattutto fino a quando non smetteranno di raffreddare i reattori, nessuno lo sa con certezza, qualcuno parla di 30 anni almeno.
6.500.000 di m3 è tanta, ma tanta roba radioattiva anche se il cesio in 30 anni si dimezza, nel frattempo la devi stoccare.
Ridurre anche solo di 100 volte questo problema i conti li sai fare.
I fanghi possono essere ridotti di un ulteriore 75% con l'utilizzo di un mix tra batteri, funghi e muffe. Possono impiegarli anche con i fanghi oggi prodotti dall'ALPS, quindi WOW non gli serve (anche se servirebbe meglio di qualsiasi altra cosa ad oggi conosciuta) , quindi WOW non andrà mai in Giappone, WOW serve qui in Italia per lo stesso tipo d'impiego, ma ci impiegheremo 300 anni non 30.

Altri discorsi, sono solo tentativi per non ammettere di essere stato un po affrettato e superficiale nel giudicare una tecnologia che non conosci senza prenderti il tempo di approfondire oltre al brevetto, cosa che di solito fai molto bene e meglio di chiunque altro ho conosciuto fino ad oggi.
Il resto lo ha fatto la vostra amica Insapiens.

Paul ha detto...

E a proposito di ricerche, questa volta segretissime e piene di NDA, guardate qui:

http://www.latimes.com/local/columnone/la-fi-c1-google-mystery-barge-20131104-dto,0,3834418.htmlstory?track=lat-pick#axzz2jhieAyMP

Vuoi vedere che Google sta assemblando containers pieni di e-cat? Abbiamo scoperto chi è il socio di Rossi?
Curiosa tutta questa segretezza. Notare l'intervista al saldatore, perseguitato anche a casa per dover rispettare l'NDA...

tullio68 ha detto...

@Massa
Credo ci sia un problema generalizzato di fonti: i documenti citati sono relativi ad altri argomenti.
Ho avuto la fortuna (bravura??? Volontà??? Lato B???) di vedere personalmente i documenti –che volendo sono rintracciabili da tutti- e proprio per questo motivo ritengo che debba essere fatta una piccola attività di ricerca.

Mancando un sostrato comune non ha senso ogni tipo di dialogo che assume sempre più le caratteristiche del dialogo tra sordi… come da vecchie barzellettine delle elementari.
Questo sempre che si tratti di una asimmetria informativa e non di un’attività svolta scientemente con altri fini come una certa vecchia scuola di partito propugnava e che ha intriso la vita di tutti gli italiani ormai.

La questione nasce e viene ancora propugnata da pennuti separati in culla, la cui origine transalpina (e la proliferazione nostrana) altro non fa che rendere l’accento alla Clouseau la caratterizzazione più simpatica.
Piccola digressione: spero non sia una mutazione genetica. Esistono infatti molte specie di anatre, tra cui le più comuni sono: i germani reali, da cui originano gran parte delle specie di anatre; le anatre mute (anche se con accesso a tastiere e similari); l'anatra pechino, originaria della Cina ma allevata in tutta Europa e in America, che è quello che noi chiamiamo comunemente papera;
e poi ci sono le oche che sono una specie diversa e di cui si contano varie razze.

Ossia: ho chiamato per richiedere informazioni sui brevetti e mi è stato tranquillamente riferito che al numero 1111613/20EA è stato ALLOWED dall’ufficio della DE EURASIA PATENT ORGANIZATIONS, in data 13.08.2013 il che significa che in Russia esiste il brevettino di cui tutti ciarlano senza avere mai visto il documento (per i motivi di secretazione previsti dalla legge).
Informazioni offerte sia dallo studio NOTARBARTOLO E GERVASIO che dalla stessa WOW.
Quindi –tornando a bomba alle papere- che sia giunto il tempo non solo di rettificare lo svarione, ma anche di chiedere scusa a tutti coloro che hanno lavorato e lavorano a questo brevetto.
Capisco che le baguettes non riescano a fare a meno dello sciovinismo d’oltralpe, ma che almeno per correttezza intellettuale, ritrattino quanto detto in malafede sarebbe sintomo di umiltà ed intelligenza soprafine.

Tra le altre cose che ho fatto, e che tutti potrebbero fare seguendo il mio esempio se esiste un vero interesse alla Conoscenza della Realtà (per quanto accessibile al comune mortale in nome di altri interessi), è quello di chiamare qualche istituto a Washington che magari ha un sito internet efficiente. Non solo sono stati carini ma mi hanno dato tutte le informazioni del caso e mi hanno perfino richiamato. Il potere di Skype.

tullio68 ha detto...

II PARTE
Come detto in varie sedi, il vero problema è il cesio. Questa settimana lo sludge prodotto dall’ALPS è esattamente 597m3 + il resto. E così tutte le settimane. Credo comunque che l’interesse dei giapponesi è quello di sviare l’attenzione su altre questioni, ma nei fatti questo problema rimane!!!
Per certo ALPS funziona, eccetto quando devono aumentare il flusso a causa di perdite dal fondo del vessel, anche se il prezzo da pagare è la produzione dello sludge.
D’altronde una volta che questa zeolite e questi flocculanti sono intrisi di Cesio non credo che il problema sia risolto e che possano magicamente sparire (forse in terre a noi vicine si potrebbero alimentare dei sospetti…)
Al fine di essere produttivi di effetti benefici, di creare un ambiente che sia improntato al “think positive” serve un altro approccio, altrimenti il dubbio che ci sia qualcosa d’altro sorge spontaneo e la domanda immediatamente successiva è che davvero viene da sospettare che si stia creando disinformazione e confusione per coprire altro.
Uno stadio di calcio ogni 4 mesi di scorie radioattive. Evviva l’ALPS!!
Ad majora…..

Per concludere, suggerisco una rilettura con gli occhiali del report del REMTECH presentato da Techint .
Ci sono due elementi che offrono lo spunto alle menti aperte per una riflessione:
1)Il cesio è un metallo liquido a 29° e rimane allo stato atomico. In altre parole sono atomi/ioni singoli vaganti. Il WOW li abbatte di 7500 in condizioni di worst case. Questa era una cosa che l’ingegnere di fianco a me, durante il Remtech, sottolineava. Ovvero che con il cesio in quelle condizioni scappa dappertutto!!
2)Sempre nella stesso testo della conferenza si danno dati relativi ai risultati dei report di IAEA su sperimentazioni precedenti. Un distillatore, mi spiegava sempre lo stesso ingegnere, ha un abbattimento tipico di 1: 100. Il problema è quando Lei comincia a concentrare. Ad un certo punto deve fermarsi perché altrimenti il depurato è più contaminato di quello che entra dato che il fattore di decontaminazione è praticamente costante e agisce come se fosse l’operatore di divisione matematico. Quindi è necessario concentrare, arrivare ad un massimo e poi rimanere tale concentrazione costante
Ebbene con i distillatori normali, per ottenere lo stesso risultato, a Fukushima si dovrebbe metterne almeno 6 in cascata e poi l’estratto del concentrato, volume consistente, dovrebbe essere riprocessato da una serie di altri distillatori in cascata e poi così via sul concentrato del concentrato ecc. con lo scopo di raggiungere una riduzione di volume di 5000 volte.
Il risultato poi sarebbe la contaminazione di un sacco di macchine con il cesio e che ad un certo punto, a distanza di giorni o settimane, rilascerebbero il Cesio accumulato negli scambiatori rendendo così praticamente inutilizzabili le macchine in pochi mesi.

Questa cosa con la tecnologia WOW non solo non si verifica (ho detto verifica??? Certo: ci sono i certificati del LENA a testimoniarlo, ed il LENA non è la SPECTRE o una pattuglia degli scout volenterosi…).
Cambia tutto perché ha un fattore di abbattimento non paragonabile. Anzi mi risulta che il laboratorio abbia proprio verificato se la macchina è facilmente decontaminabile. E lo è…

Sono convinto che la problematica sia solamente nei documenti alla base di questo confronto. Quelli veri non si recuperano solo sniffando siti non originali o quello che dicono i giornalisti. Bisogna chiederli a chi sa! Ed averli…..
Se non è così rimaniamo tutti dei rosiconi . D’altronde questo è il male nazionale figlio della scuola velatamente richiamata sopra.

Report proprio ieri sera: che abisso tra Italia e USA. I nostri devono andare di là e trovano le porte spalancate e i capitali. WOW è ancora qui e nonostante certificati, report di multinazionale e dei laboratori preposti, ancora qualcuno è disposto a dire di se stesso che se fosse così è un asino. Ecco perché nasce il sospetto degli altri partecipanti a questo BLOG. Ma che razza di morbo ha contagiato l’Iitalia?

Ripeto: E io c’ero!!!!

sandro75k ha detto...

@Tullio68

Non commento generalmente argomenti di cui mi sfuggono i principi scientifici. Del WOW non ci ho capito una mazza,... per quanto riguarda il morbo italico, sono semplicemente finiti i soldi... Sono finiti anche quelli degli USA ma loro risolvono questo piccolo particolare con il pulsante "stampa banconote" e con qualche guerra sparsa qui e là per l'approvvigionamento energetico e delle materie prime..così, tanto per puntualizzare...

tullio68 ha detto...

@sandro75k
concordo con te
solo che gli USA rappresentano ancora una terra di opportunità dove le persone volenterose possono fare ed organizzarsi
alla fine -almeno in alcuni settori- vince la soluzione migliore
da noi vince sempre la soluzione migliore: che è sempre la "LORO"...
il morbo poi che impazza è quello della delazione e del bizantinismo sterile per non dire del pressapochismo di tesserati e raccomandati
con queste premesse è ovvio che non si vada da nessuna parte

piero41 ha detto...

@Mario Massa
Sig. Mario Massa attendo ancora una sua risposta al mio commento del 04 novembre 2013 20:25 ; essa, come ho già detto non potrà esser che “ sciocchezze !!.. non adatte nemmeno ad un filmone di 007!!” Non me la prendo di certo!! D’altrra parte, altre risposte tipo “no data per definire” o “ Anche possibile” confliggerebbero di certo col quel 99% di sue sicurezze ...nohh!! O teme per la sua credibilità ad esporsi in una risposta (ha dei dubbi?).. lo U.I il Camen, meglio il silenzio!! .....

mario massa ha detto...

@piero41
Scusami non avevo capito che ti aspettassi una mia risposta. (non ci si dava del tu?)
Se non erro mi chiedi un mio parere sulla tua ipotesi che in USA Rossi abbia trovato il modo di arrivare ai kW dopo aver riunito tutte le informazioni da Piantelli in avanti (o ho capito male?). I commenti scomparsi di Cures e Nevanlinna ti confermerebbero l'ipotesi.

Sinceramente su queste cose non mi pronuncio: mi piace discutere su fatti. Poi magari i fatti non sono quelli che penso (per esempio per il WoW si era parlato di un loro brevetto di potabilizzatore che conteneva il principio da loro adottato anche per la separazione dei radioisotopi, e io ho analizzato quello. Se invece il sistema si basa su altro principio ed è stato depositato un altro brevetto tuttora secretato, io come facevo a saperlo?).

Così la mia sfiducia su Rossi deriva dai test che ha fatto vedere, ma se erano volutamente falsi (secondo me no), io come facevo a saperlo? Se oggi è normale dire il falso per "tutelarsi", allora è inutile stare qui a cercare di capirci qualcosa.

piero41 ha detto...

@Mario Massa
Chiarisco. Sto pensando che i militari USA abbiano fatto grandi studi nel campo delle armi atomiche tattiche da campo . Es.fin dagli anni ’60 era apparso il “davy crockett nuclear weapon system” con testata a fissione W-54 da 10 a 250 tn di TNT ottenuti da pochi kg di plutonio .
Con le upgrade nel 2008 nello scandalo alle Hawai si parla di prove per l’uso del detto sistema però con l’UI non più fissione di plutonio(?) Se si può giustificare l’UI nei proiettili per la penetrazione nelle corazze che ci azzeccano gli enormi depositi di bombe a caduta allo UI ? Ritornerebber in ballo come dice Scalia, le ipotesi di Del Giudice sul caricamento dell’uranio impoverito con processi simili o identici a quelli della FF....
Allora come dici tu il famoso segreto del catalizzatore o cos’altro che dovrebbe far raggiungere i Kw a Rossi potrebbe esser stato studiato ed elaborato nei laboratori militari USA. con lo U.I e dopo gli potrebbe esser stato rivelato di massima al tempo dei suoi rapporti per il TEG (“ai militari bastano poche parole per aprirti una via”, disse il nostro..) Forse gli sarebbe stato anche consigliato di venir in italia dai migliori specialisti del Ni –H del tempo.

Per le prove sono d’accordo con te erano reali ma lui ancora non aveva certo un controllo sicuro sulla reazione che poteva sfuggirgli in alto o in basso e. penso dovesse provvedere al momento magari mentendo , un po’ imbrogliando , arrangiandosi insomma!! senza farsene accorgere molto . Se il gatto avesse fallito pubblicamente una prova, col suo passato poteva chiuder subito. Ciò penso durò almeno fino alla scatola di controllo elettronica..
Per questo non poteva affidar l’e-cat nelle mani ne di un M.M nè di Unibo; Quando poi con Cures arrivò un po’ di autosostentamento ( con 500 Kw non con 1 Mw e chi lo reggeva?) arrivarono allora gli inizali committenti USA.
E perchè poi lo Hot-cat ? Gli rovinò lo sviluppo commerciale dello 1 Mw calore, ma serviva molto alle Forces magari abbinato a nuovi Teg.. Ora non se ne sa più niente.. Quale fu il ruolo di Cures e perchè rivelò la foto lui ex militare?..

Dico tutto questo perchè forse la realtà e la verità può anche esser molto più complessa e “grigia” ( con gli attuali scandali USA!!) più di quanto crediamo e vediamo e forse potremo allora spiegare più “ragionevolmente “ certe contrastanti evidenze, apparenze.... forse anche tu.. Però quegli attici hollywoodiani con piscina , ora suoi , sono un dato , mi sembra.. Quindi tutte le speranze per un futuro energetico migliore, prima o poi, forse non sono perdute...

mario massa ha detto...

@Piero41
"Dico tutto questo perchè forse la realtà e la verità può anche esser molto più complessa e “grigia” ( con gli attuali scandali USA!!) più di quanto crediamo"

E' sempre possibile, ma di natura tendo a vedere le cose nel modo più semplice.

"Però quegli attici hollywoodiani con piscina , ora suoi , sono un dato , mi sembra."
Come sai questi aspetti non mi toccano. Potrei dire che anche uno a cui è andata bene una truffa può comprarsi gli attici, ma non vorrei farti innervosire!
"Quindi tutte le speranze per un futuro energetico migliore, prima o poi, forse non sono perdute..."

Su un futuro energetico migliore ci spero anch'io per i nostri figli e nipoti ma dubito che verrà dalla FF. In ogni caso, contrariamente a quanto mi descrivevi nella tua simpatica poesia, non sono depresso ma ottimista (troveremo una strada forse un po' meno pulita della ipotetica FF, ma accettabile).

giorjen ha detto...

@Mario Massa

i brevetti WOW li hai tirati fuori tu:
http://22passi.blogspot.hk/2013/09/lettera-aperta-allillmo-presidente.html?showComment=1379623356796#c3995381228688631713
quindi no "si era parlato" ma ne hai parlato tu.

ripeto anche io la mia domanda:
MI posso permettere di sospettare che per molti di voi qualsiasi cosa che non siete in grado di spiegare è una bufala?
Cosa ne pensi di una persona che calcola a mente la radice 23esima (non so neanche come si dice) di un numero di 201 cifre in 50 secondi?
g

Daniele Passerini ha detto...

@Mario Massa
Giorjen ti ha fatto notare che "i brevetti WOW li hai tirati fuori tu". Alla luce di ciò e delle opinioni che hai manifestato in seguito al riguardo, mi sembra più che naturale sospettare che appartieni a quella categoria di persone che Giorjen riassume bene così: "per molti di voi qualsiasi cosa che non siete in grado di spiegare è una bufala". Che può essere semplicemente una deformazione professionale tipica di chi è molto competente in certe materie, non si parla di mala fede stavolta.
Accadono cose che sfidano la nostra logica, ciononostante accadono.
Accadono cose che contraddicono le nostre credenze, ciononostante vanno comprese non messe nel cassetto degli x-files, andando avanti come se non le avessimo mai viste.
P.S. Continui a parlare di una "simpatica poesia" che attribuisci a Piero41. A quanto pare non ti ha nemmeno sfiorato l'idea che fosse una canzone di Gaber (vedi il mio commento delle ore 1:07 del 4 novembre) appena appena parafrasata da Piero41... un pochino ciò suona come una metafora, non credi? ;)
Un abbraccio e buona giornata

AleD ha detto...

@Daniele: vero tutto, il punto è che però par fin troppo facile farsi prendere dall'emozione dimenticando che, come si dice, "affermazioni eccezionali richiedono prove eccezionali". In fin dei conti si discute su queste prove eccezionali che, per gli addetti ai lavori con le giuste competenze, è più facile che necessitino di chiarezza, pulizia e dettagli che invece parrebbero fin troppo spesso mancare.
E trovo veramente strano che chi di competenze non ne ha abbia voglia di tacciare chi invece quelle competenze ce le ha ed espone i suoi dubbi/critiche. O quei dubbi qualcun altro di pari livello le smonta/conferma entrando nel merito della questione oppure io direi che è una forma di trollaggio.

Daniele Passerini ha detto...

@AleD
...e trovo veramente strano che chi di competenze non ne ha abbia voglia di tacciare chi invece quelle competenze ce le ha ed espone i suoi dubbi/critiche. O quei dubbi qualcun altro di pari livello le smonta/conferma entrando nel merito della questione oppure io direi che è una forma di trollaggio.
Scusa, ma a parte il fatto che mi rivolgevo a Mario - e non vedo deleghe di Mario a che tu rispondessi in vece sua - ti faccio cortesemente notare che nella tua visione questo sarebbe un blog curato, gestito e apprezzato da un gruppo di troll che mette delle esche e aspetta - come il ragno sulla tela le mosche - il malcapitato esperto/competente che viene qui a esporre dubbi/critiche così da poterlo trollare. Però questa descrizione calza ben poco a questo blog, descrive invece molto bene la dinamica di quelle pagine web dove a gestire i commenti ci stanno S.C. e C.F.
Saluti

AleD ha detto...

@Daniele: suvvia, mica rispondevo per Mario Massa. Facevo solo notare l'importanza del "affermazioni eccezionali richiedono prove eccezionali" e perché queste sembrano essere così frequentemente disattese.

Silvio Caggia ha detto...

@aled
"affermazioni eccezionali richiedono prove
eccezionali"

Certo. Ma chi e' qui che fa affermazioni eccezionali?
Qui si riportano fatti e situazioni che accadono (e a cui nella comunicazione mainstream non si da spazio).
Il giudizio su questi fatti e situazioni e' ovviamente personale e non definitivo finche' questi fatti non passano alla storia.
E' ragionevole ed auspicabile che questi fatti e situazioni evolvano positivamente.
L'unica vera affermazione eccezionale che richiederebbe prove eccezionali e' questa: nessuna di queste cose e' vera, sono tutte bufale.
:-)

giorjen ha detto...

ma sono solo io che vado giù di testa al pensiero di una di mezza età che calcola a mente una radice ventesima di un numero di 200 cifre in meno di un minuto????
io duecento cifre non ce le farei nemmeno a pensarle in 50 secondi, altro che farci dei calcoli sopra.
secondo me è tutta una bufala. Chissà perchè questi indiani si fanno fregare sempre tutti.

g

AleD ha detto...

@giorjen: quindi? Dove starebbe l'analogia?

giorjen ha detto...

nessuna analogia. Secondo te è possibile? secondo me assolutamente no.
g

mario massa ha detto...

@Giorgen
"ma sono solo io che vado giù di testa al pensiero di una di mezza età che calcola a mente una radice ventesima di un numero di 200 cifre in meno di un minuto????"

La cosa appare sconvolgente e porta a pensare a un falso, ma ti stupirò dicendoti che invece credo sia vero. La mente è talmente complessa che non si può dire "impossibile" ed esistono algoritmi che ti aiutano moltissimo nel calcolo mentale.
Qui trovi un altro esempio molto ben documentato:
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2004/11_Novembre/24/mittring.shtml
Pensa per esempio al cubo di Rubik: se non sai il metodo, quanto tempo ci metti a risolverlo (ammesso di riuscirci)? Il record è meno di 6 secondi. Si è dimostrato che comunque siano disposte le facce al massimo occorrono 20 mosse per riordinarlo.

@Daniele
"Giorjen ti ha fatto notare che "i brevetti WOW li hai tirati fuori tu". Alla luce di ciò e delle opinioni che hai manifestato in seguito al riguardo, mi sembra più che naturale sospettare che appartieni a quella categoria di persone che Giorjen riassume bene così: "per molti di voi qualsiasi cosa che non siete in grado di spiegare è una bufala"."

Non ho la pazienza di andare a cercare come è cominciata la cosa WoW, ma secondo te io mi sarei immaginato che esisteva un brevetto e lo avrei trovato in mezzo a milioni di brevetti?
Se non ricordo male qualcuno ha postato la notizia riportata da un giornale. Forse era questa (o qualcosa di simile):
http://ricerca.gelocal.it/mattinopadova/archivio/mattinodipadova/2013/09/19/NZ_13_01.html
dopo di che, come faccio sempre quando si dice che esiste un brevetto e si mette il nome dell'inventore (Adriano Marin), sono andato a cercarlo sul epo. Quando possibile cerco il brevetto perchè quella è la diretta testimonianza dell'inventore, tutto il resto, riportato dai giornalisti spesso è poco attendibile.
Chiaramente su espacenet vedi solo i brevetti pubblicati. Quello era un brevetto di Marin del 2012, riguardava un potabilizzatore come diceva l'articolo per cui mi pareva ragionevole considerarlo il brevetto su cui era fondata la macchina.
In quel brevetto non c'è nulla di inspiegabile ma neanche di innovativo e non ho detto che era una bufala: ho detto che era un distillatore e che un distillatore sia in grado di separare l'acqua dai radionuclidi mi pareva normale. Si scriveva che era la soluzione da proporre ai giapponesi, ma una cosa è farlo per qualche litro al giorno da bere, un altro farlo per 1200 tonnellate che servono a Fukushima.
L'ALPS è un impianto enorme e complesso, dire che possa essere sostituito in quattro e quattrotto da un sistema simile sulla base di prove fatte su un minuscolo potabilizzatore mi pareva avventato: si tratta di aumentare di 50.000 volte la dimensione, non è uno scherzo.
Se poi mi chiedi se secondo me è possibile che un sistema fisico possa fare in modo molto più semplice e forse anche meglio il lavoro che fa l'ALPS ti rispondo che lo reputo possibile (io essendo un meccanico e non un chimico e utilizzando sistemi simili nel mio campo direi addirittura "probabile") ma non certamente sulla base del brevetto che ho visto.

AleD ha detto...

@giorjen: Mai visto Rain Man?

Daniele Passerini ha detto...

@AleD
Mai visto una DOMANDA RETORICA? O_o
Perché qui dove voleva andare a parare giorjen mi pare l'abbiamo capito tutti fuorché te! :)

Daniele Passerini ha detto...

@Mario Massa
Non ho la pazienza di andare a cercare come è cominciata la cosa WoW...
Me too, e ancor più della pazienza mi manca il tempo e le forze... inter nos, mi sono capitate più cose "assurde" nelle ultime 24 ore che negli ultimi mesi... altro che i giochi dell'oca!

triziocaioedeuterio ha detto...

Caro Daniele apprezzo i tuoi ripetuti tentativi di salvare anime dall'oblio ma...chi nasce quadro non diventa mai tondo:-/

AleD ha detto...

@Daniele:
"
Mai visto una DOMANDA RETORICA? O_o
Perché qui dove voleva andare a parare giorjen mi pare l'abbiamo capito tutti fuorché te! :)
"
Per me non era una domanda retorica proprio perché l'analogia non ce la vedo ma nemmeno con il binocolo...
Comunque, circa le domande retoriche, il più delle volte è parecchio interessante stare a sentire le risposte come escono, "costringere" una risposta per una domanda retorica è interessante, IMHO

tullio68 ha detto...

@mario massa
no no no sig. mario massa. e’ fuori tema e continua a puntare il dito su altre cose ancora per infangare e dubitare di wow e ancora non si capisce per quale motivo. anche lei ha fatto scuola di partito o queste famose scuole per “master in comunicazione” assieme alla giornalista oca che lei tanto sostiene a cui presta la sua verginità? e per onestà intellettuale (mi domando effettivamente se ha onestà intellettuale e cura della sua persona) per rettificare e invitare nuovamente oca sapiens a rettificare?
andiamo con ordine.
il wow è stato taggato come bufala in seguito alle sue elucubrazioni sul brevetto. qualcuno qui glielo ha già ricordato. visto che nell’altro blog era già intervenuto a difesa di gabriele, che poi si era arreso, si ricorderà sicuramente che anonimo 8 aveva invitato innumerevoli volte a contattare notarbartolo & gervasi ma nessuno lo ha fatto. anzi il sig. giancarlo dice di averlo fatto chiamando e chiedendo informazioni su dati incorretti (lo ha fatto? volutamente ha dato dati non corretti al centralinista di n&g? davvero spregevole!). in seguito a questa prima telefonata il sig. giancarlo ha continuato ad infangare wow su questioni di brevetti (davvero contano qualcosa su questo argomento?) poi all’apparire del brevetto italiano la cosa è continuata lo stesso portando l’attenzioen su quelli internazionali senza che fosse chiaro il motivo di tale richiesta per rettificare . anzi con forza rinivigorita si è gettato fango su wow nonostante report degli enti preposti e la presentazione di una multinazionale!!!! insomma per farla breve nessuno ha accettato l’invito di anonimo 8 sul blog di “ xxxx ora ha tanti nomi xxxx” a chiamare n&g e chiedere dei dati corretti!!!! perche’? capisce che il sospetto è legittimo. a chi wow sta dando fastidio?

ora ha capito anche lei che la questione del cesio e i fanghi di risulta sono il vero problema e allora invoca l’effetto scala pensando impossibile che i giapponesi adottino questo sistema.. e invoca la questione del trizio. mi scusi, ma vuole proprio suicidarsi e guardare sempre di più al cappello di asino da indossare? (le suggerisco il vestitino rosa e il chitarrino a corredo visto che lei conosce questo modo di attaccare le persone singole: tecnica conosciuta bene? vero? ). ma veniamo al punto. ebbene: che c’azzecca qui l’effetto scala? e chi impedirebbe ai giapponesi di dotarsi di 10000 -- 30000 macchine wow così come sperimentata e certificata lungamente ? lei che è così informato saprà benissimo che costo di stoccaggio hanno 597 m3 alla settimana di quella roba contenente quasi 7 kg di cesio? vero? e allora lei sa quanto posto occupano queste macchine e quando grande è l’alps?
andiamo…. vuole proprio essere seppellito dalla sua stessa ridicolaggine (in)fondata su non informazioni? lei sa che sul resto del carlino, sul giorno ecc. c’è una pagina intera su wow’ lei conosce la tiratura di quei giornali. vero? fra poco tutti leggeranno il suo nome sui blog di mezza italia. e la cosa è comparsa anche su radio 24 che non è proprio una radio di parrochhia.
e ancora continua , non si arrende e sospetta? e non rettifica o fa rettificare? lo sta facendo perché anche su di lei hanno un fascicolo b e la stanno ricattando? oppure è un disinformatore di professione?
++++uvvia rettifichi e faccia rettificare. gli italiani perdonano tutto. lei ha questa speranza. anche eventualmente il suo fascicolo b.
e’ giunto il tempo.

e io c’ero !!!!!!!!!!!!!!

ed ho fatto tutto il filmato...

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails