BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

martedì 2 luglio 2013

La costantana alla Celani in self-sustaining?

Novità da Celani, o meglio, novità dagli States a proposito del filo di Costantana che ha sviluppato per ottenere LENR a piacimento: un ricercatore privato sembrerebbe - il condizionale è d'obbligo - essere riuscito a mandare una cella in autosostentamento nel corso di una replica dell'esperimento originale messo a punto ai laboratori INFN di Frascati. Vi riporto il testo dell'annuncio di Celani e il messaggio originale di Ed Pell inviato alla lista del CMNS (Condensed Matter Nuclear Science).



***

Cari Colleghi,

ho appena ottenuto da Edmund Pell, USA, il permesso di pubblicare la sua relazione inviata ieri al "sito chiuso" della CMNS.

* Vi ricordo che SEMBRA sia riuscito ad ottenere lo AUTOSOSTENTAMENTO, cioè SENZA IMMISSIONE DI POTENZA, da circa 80 ore alla temperatura apparente media, dentro il suo voluminoso reattore (circa 50 litri di Idrogeno), di 30°C con l'ambiente a circa 20°C.

Il Prof. Pell è persona estremamente gradevole ed aperta a qualunque critica COSTRUTTIVA.

Utilizza 170cm di Costantana, diametro 200micron, peso circa mezzo grammo.
La superficie è stata ossidata in accordo al VECCHIO metodo da Noi sviluppato fino all'Aprile 2012 e pubblicato il 31 Marzo 2013 [...].

Tra poco vi invio il testo.

Cordiali saluti,
Francesco CELANI

------------------- Original Message -------------------
Subject: CMNS: my current experiment with Constantan and results
From: "Ed Pell"
Date: Mon, July 1, 2013 11:17 pm
-------------------------------------------------------- 

The material being tested is Constantan wire described by the seller as: vintage production, made in Austria during the 70's and 80's by Gebauer Griller, Wien-Linz, military grade production, coming straight from the military state surplus, ISOTAN (Constantan) – Copper Nickel alloy CuNi44, oxidized. It is 0.20mm in diameter, AWG 32.083169, 15.60 ohms/m, 4.75 ohms/ft.
After speaking with Francesco Celani about wire preparation, the wire is treated as follows. A piece 1.7m long is wound in a spiral around four ¼ inch ceramic rods. The rods are held about one inch from each other, using a short piece of copper pipe at each end as a spacer held with a hose clamp, forming a square, and about 6 inches long. The wire is wound by hand. After winding, the wire is cleaned with a paper towel soaked in acetone. Next, 2.5 amperes are passed through the wire for about 2 seconds. Portions of the wire glow red hot. This is repeated a total of three times. One difficulty is some windings loosen under heating and are drawn towards their neighbor. Higher and more uniform tensioning is desired in future experiments.

The vacuum chamber is a 36cm by 36cm by 36cm cube made from ¼ inch mild steel. It has a 12.5cm by 12.5 cm opening on the top. The volume is 47 liters. The opening is sealed with an o-ring and a 17.5cm by 17.cm plate of ¼ steel held in place with c-clamps. The chamber has three NW25 ports on the top surface. Two are used for gas, vacuum, and pressure instruments, one is used for a three pair electrical feed-through. Two pairs are used for thermocouples and one pair for applied voltage. The chamber sits on the floor on fire bricks to protect the carpet. The sides and top of the chamber are open to the room air. Inside the chamber there are some fire bricks and some mineral wool. The current experiment is supported on the two ends by the narrow end of two fire bricks. The center of the spiral winding is open on all sides. It is localed about 8 inches from the top of the chamber and about 4 inches from the bottom mineral wool insulation.

One thermocouple is placed inside the copper pipe that spaces the ceramic rods at the end of the windings. It is about 1cm from the nearest winding. The other is several inches away and is not reported on.

Initially the chamber and windings are exposed to vacuum, 500microns, for two hours. Then the chamber is filled with natural hydrogen gas to slightly, 6 KPa, over room pressure.

The first data taken are several point to determine the I-V curve for the wire. This was done using 3 seconds per point and returning to zero current between points for at least 10 seconds. Current 11 points up to a current of 1.365 were measured. The resistance was 25.64 ohms at 35 voltages, 1.365 amperes. After three hours in hydrogen at various voltages 5, 20, 30, and 35 the resistance has fallen by 1.2%. After 20 hours at various power levels the resistance had fallen by 2.0%. After 47 hours at various power levels the resistance had fallen 2.2%. After three days the resistance remained unchanged at 2.2% below its starting value. At this point the power supply fails and is replaced. The calibration between the two supplies is not good enough to be able to relate the later resistance values to the earlier values.

Next the temperature versus power level is determined. Some values found:

power tempC volts amp
35.5 46.1 30 1.184
47.8 51.2 35 1.365
63.2 56.2 40 1.579

At 26 hours an extensive list of power and temperature is taken, the ambient temperature is 23.6 degrees.

power tempC volts amp
1.0 29.4 5 0.200
4.0 31.6 10 0.400
9.0 34.7 15 0.601
16.0 38.6 20 0.800
25.0 42.6 25 1.000
35.9 47.6 30 1.1965
48.8 52.9 35 1.395
63.6 60.3 40 1.589
80.4 67.3 45 1.7865

At 43 hours it is first noted that when the power is increased the temperature rises and then falls. At 40 volts, 1.590 amperes the temperature rises to 59.1 and falls back to at least 58.2 degrees. At 46 hours for 40 volts, 1.591 amperes the temperature rises to 59.1 and falls to at least 58.5 degrees.

At 69 hours it is noted that with the power off the temperature is 31.0 with the ambient 22.4 degrees.

At this point, 69 hours, the power supply is changed due to a failure of the first supply. At 76 hours a new list of temperature versus power is taken with the new supply, the ambient is 20.7 degrees.

power tempC volts amp
0.0 27.2 0.0 0.00
0.035 27.9 1.0 0.035
1.0 28.7 5.0 0.20
4.1 30.5 10.0 0.41
9.3 33.6 15.0 0.62
10.7 37.2 16.0 0.67
12.1 37.8 17.0 0.71
13.5 39.0 18.0 0.75
15.0 39.7 19.0 0.79
16.6 40.3 20.0 0.83
18.3 40.9 21.0 0.87
20.0 41.7 22.0 0.91
22.1 42.6 23.0 0.96
24.0 43.3 24.0 1.00
26.0 44.5 25.0 1.04
28.1 45.1 26.0 1.08
30.2 45.9 27.0 1.12
32.8 46.8 28.0 1.17
35.1 47.6 29.0 1.21
37.5 48.6 30.0 1.25
40.0 50.3 31.0 1.29
42.6 51.4 32.0 1.33
45.5 52.1 33.0 1.38
48.3 52.8 34.0 1.42
51.1 53.6 35.0 1.46
54.0 54.3 36.0 1.50
57.0 55.3 37.0 1.54

At 88 hours, raising the power from 15 volts, 0.62 amperes to 35 volts, 1.46 amperes, the temperature rises to 58.5 and then over two hours falls to 53.3 degrees. The power is decreased to 15 volts, 0.625 amperes and the temperature falls to 35.8 and then rises to 37.1 degrees. This is the first observation of overshoot and the cooling side. Next, the power is increased to 35 volts, 1.46 amperes and the temperature rises to 56.0 and then over 35 minutes falls to 53.4 degrees. Next, the power is brought to 20 volts, 0.835 amperes, the temperature falls to 38.6 and then rises to 40.0 degrees.

At 96 hours the power is raised from 0 volts, 0 amperes to 45 volts, 1.87 amperes. The temperature rises to 67.4 and then over 80 minutes falls to 60.0 degrees. The power is then turned off and the temperature drops to 22.9 degrees with an ambient of 21.3 degree. Then over 15 minutes the temperature increases to 27.5 degrees. After 80 minutes we have 29.6 degrees. After 90 minutes we have 29.9 degrees. After 110 minutes the temperature reaches 30.1 degrees. After 18 hours we have 32.8 degrees with an ambient of 22.2 degrees. The lid measured by an external thermocouple reads 22.4 degrees. Cycling up to 45.0 volts, 1.87 amperes, the peak temperature is 71.3 degrees and this falls to 64.8 degrees after 26 minutes. Cycling down to zero we have a low of 27.5 and a rise to 30.0. Cycling to 45 volts we have a high of 67.9 falling back to 59.8 degrees. Cycling down we have a low of 24.4 rising to 30.9 degrees with an ambient of 21 degrees. Various cycling is recorded.

At the six day mark we have a power up to 48 volts, 2.01 amperes with a peak temperature of 68.8 reached and then a fall back to 62.8 degrees after 50 minutes. Then power down to zero with a low of 22.5 degrees and a rebound to 30.0 degree over 3 hours. After 12 hours the temperature is 30.2 degrees, with an ambient rise of 0.3 degrees. We are now at 7 days.

I will try Celani's suggestion and insulate the chamber and see if I can measure the top lid at above ambient.

Two interesting behaviors have been found in Constantan wire in hydrogen under thermal cycling. First, an overshoot in temperature in both the rising and falling direction. Second, the rebound on the falling power gives a persistent 10 degrees above ambient temperature measured by the internal thermocouple.

From various power deltas required to reach the same temperature I am estimating the persistent power at 4 watts over a broad range of temperatures.

The model I have in mind for the overshoot is that at low temperatures hydrogen is absorbed into the outer layer of wire. When heated above a certain value two things happen; the excess heat production increases and the hydrogen diffusivity increases. The hydrogen has two ways it can go in or out. Half goes in and half goes out depleting the outer layer, lowering the excess heat production, and lowering the temperature. Upon subsequent cooling hydrogen begins to absorb and eventually the excess heat production increases and the temperature increases.

The total area of the wire is about 10.7 square centimeters. This gives 0.37 watts per sqcm.

This experiment gives no direct measurement of the temperature of the wire. We do have the currents. We know that a current of 2.5 amps will cause the wire to glow red hot in air with only 2 seconds duration. The highest current used in hydrogen was 2.01 amps (96.5 watts at 48 volts) over an hour time period giving a thermocouple reading of 68.8 degrees peak (with excess power maximized) and a rebound value of 62.8 (with excess power minimized). The preparation of the wire is something that all experiments are able to do.

I hope someone will try to duplicate this results. My thanks to Francesco Celani for his most helpful guidance.

Edwin A. Pell III
July 1, 2013

22passi.blogspot.com: post n. 2148 (-74)

35 : commenti:

MISTERO ha detto...

Wow!!!
Un altro in pasto ai coccodrilli...

Il Santo ha detto...

Sembra, voluminoso e autosostentamento... perche' aggiungere altro?

domenico canino ha detto...

insomma ormai soltanto io non riesco a replicare questi stramaledetti scaldini ad idrogeno; sarà l'aria della Sila che non è adatta...
ciao

domenico canino ha detto...

e passi arrivare dopo rossi, e passi arrivare dopo defkalion, mò arrivano pure i celaniani in self-sustaining; sta diventando uno sport di massa. Immagino un post di 22 passi nel 2022: oggi discesa di 18 astronavi aliene provenienti da alfa centauri su Perugia, sono andate a trovare Passerini, presidente della Laserhot corporation per acquistare i diritti delle sue nuove invenzioni per la loro parte di galassia; ma il nostro daniele ha tenuto duro, ancora nessuno infatti riesce a clonare la sua fantastica tecnica. Ma come farà ato benedetto ragazzo a mantenere a lungo il suo segreto.
ciao

GabriChan ha detto...

@Mistero, di solito i vecchi coccodrilli muoiono per indigestione....

Robbins ha detto...

Miscellanea Preparata
https://www.dropbox.com/s/mbjq63jwt6u0q7p/Preparata.rar

mario massa ha detto...

L'autosostentamento è il modo migliore per dimostrrare l'esistenza delle LENR (l'hanno cercata tutti senza mai riuscirci)quindi se Pell non ha commesso qualche errore banale (può succedere), la notizia sarebbe storica. Trovo però il racconto di Pell "caotico": qualcuno ha voglia di diagrammare le curve potenza immessa e delta T rispetto all'ambiente in funzione del tempo?

Alessandro Pagnini ha detto...

"L'autosostentamento è il modo migliore per dimostrrare l'esistenza delle LENR (l'hanno cercata tutti senza mai riuscirci)quindi se Pell non ha commesso qualche errore banale (può succedere), la notizia sarebbe storica. "

D'accordissimo!
Incrociamo le dita e speriamo che non ci sia qualche errore. Mi sembra quasi troppo bello per essere vero! :-D
Aspettiamo che decanti un po' la cosa e si faccia qualche verifica, aspettiamoci anche gli immancabili strali dei negazionisti e vediamo se invece è arrivato il momento di stappare la 'bottiglia buona' :-)

Tizzboom ha detto...

Io proverei a misurare se ci sono differenze sulla superficie esterna della cella. Se l'incremento di temperatura avviene solo al suo interno, purtroppo è probabile che ci sia qualche errore od artefatto da qualche parte.

Il Santo ha detto...

voluminoso e' la parola chiave :)

Vettore ha detto...

Occhio che le termocoppie possono fare qualche scherzetto quando sono mantenute in contatto con l'idrogeno per tempi prolungati (contengono quasi tutte Ni, alcune proprio Costantana). Anche usare strumenti di lettura con impedenza d'ingresso alta (>1 MOhm) può produrre degli artefatti dovuti ad accoppiamenti capacitivi o induttivi con la parte di alimentazione...
Sarebbe stato utile inoltre caratterizzare meglio il box dal punto di vista termico (10°C di differenza sono pochi per trarre conclusioni certe, anche se in effetti mantenerli per più di un giorno è improbabile a meno di non avere una capacità o resistenza termica molto grande...).

@Mario Massa
L'autosostentamento è il modo migliore per dimostrrare l'esistenza delle LENR (l'hanno cercata tutti senza mai riuscirci)
A dire il vero è stato riportato spessissimo ed anche in quantità notevole a volte, a partire da F&P. Il problema è che la si otteneva quando non la si cercava, e non si è mai riusciti ad innescarla "a comando". In letteratura il fenomeno è conosciuto come "heat after death", credo che sia stato Rossi a chiamarlo per la prima volta "autosostentamento"...

comRED ha detto...

Vedo alcuni tratti in comune fra FF italiana e le cellule staminali della Stamina (italiana).
Oltre la nazionalità comune di residenza, pure i detrattori (italiani)e alleati all'estero al bisogno(riviste scientifiche).

Ciò che a me interessa sono i risultati, molto meno le chiacchiere cavillose. Siamo un popolo di "geni" ma il sistema immunitario "di stato" se li mangia. La ricerca italica è UNA MALATTIA "AUTOIMMUNE", non a causa di quelli che tutte le mattine si alzano dal letto col chiodo fisso di dimostrare il risultato del proprio lavoro ma di quelli che alla sera vanno a letto col pensiero, HO FATTO ABBASTANZA DANNI?

mario massa ha detto...

@Vettore
Hai ragione, ma non mi risulta sia mai stata misurata una differenza di 10°C su 2 sonde per 80 ore (dato di Celani che a dire il vero non mi pare trovi conferma nel resoconto di Pell). Brevi "heat after death" sono spiegabili in vario modo.

Concordo con te sul problema termocoppie-idrogeno, e anche Pell conferma di aver aperto la cella e aver trovato le sonde danneggiate, per cui è il primo a essere dubbioso.

Nessuno ha detto...

@comRED:
I due messia incompresi in comune hanno anche la laurea presso la facoltà di lettere e filosofia ed il vizietto di nascondere le informazioni fondamentali per capire se ci stanno prendendo per i fondelli.

nemo ha detto...

http://www.nature.com/news/italian-stem-cell-trial-based-on-flawed-data-1.13329

Robbins ha detto...

Una laurea in epistemologia presa negli anni '70 con Ludovico Geymonat vale 10 (dieci) lauree triennali in fisica di adesso e almeno 5 (cinque) specialistiche. Spero che nessuno dei lettori del blog debba ora o in futuro cadere nelle mani di un medico laureato con il nuovo ordinamento, soprattutto se ha problemi che richiedono giudizi di merito invece che l'applicazione dei protocolli regionali di contenimento della spesa.
Incidentalmente, Einstein Alberto si è laureato all'ETH proprio però - era debolissimo in matematica. Invece sono certo che il brillante collaboratore della Gelmini, quello del tunnel da Ginevra al Gran Sasso, ha curriculum fiammante e conosce a menadito le tre i: internet, inglese, impresa - laurea con lode nel Dipartimento di Fisica della Sapienza?

Salvatore ha detto...

Quoto Robbins in pieno. Aggiungo pure che la cosa si ripete anche ad altri livelli, ovvero mediamente (...se non sistematicamente) un diplomato di 20/30 anni fa vale ben più di svariati diplomati d'oggi. Lavolale, lavolale... Studiale, studiale, studiale...

Salvatore ha detto...

Quoto Robbins, perchè, salvo pochissime eccezioni, quello che scrive sta sotto gli occhi di tutti, anche se non proprio tutti lo vogliono ammettere...

Fabio Crestani ha detto...

io ho una laurea triennale e sono perfettamente d'accordo con Robbins :)
@Nemo
ho letto l'articolo, non entro nel merito ma faccio veramente fatica a capire questa rivistapeerreviewcrazia.
Se il metodo Stamina dovesse rivelarsi funzionante dopo quest'articolo così imparziale, approfondito e rigoroso mi auguro che la credibilità di Nature venga derubricata a quella di Donna Moderna

comRED ha detto...

Per me l'aneddotica è rispettabilissima, le montagne di carta non bastano per smentire certe EVIDENZE.o il medico è in combutta?

http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/387414/golia-staminali-un-medico-le-prova-su-di-se.html

Go Katto ha detto...

Robbins,
"Una laurea in epistemologia presa negli anni '70 con Ludovico Geymonat ... il brillante collaboratore della Gelmini... laurea con lode nel Dipartimento di Fisica della Sapienza"

Magari stavolta ho capito davvero male io.
Spiegami, Robbins, chi si è laureato negli anni '70 ? Non era Vannoni, nato nel 1969, vero? Era un bimbo prodigio?

E poi, un'altra cosa: com'è che al Dipartimento di Fisica della Sapienza danno lauree con lode in Scienze Politiche? Al Dipartimento di Scienze Politiche avevano finito le stanze libere? Mi ricorda vagamente qualcosa, come quando si fa vedere un video di un uomo che ha appuntata sulla giacca una spilla della Nasa in bella mostra, e poi si dice in giro che la Nasa approva, senza tema di smentite perché quell'uomo alla Nasa ci lavora davvero, come lavavetri, ma ci lavora. Oppure ti riferivi a qualcun altro? O stavi in realtà chiedendo, perché non lo sai?

Go Katto ha detto...

Che ci crediate o meno, avevo fiducia anch'io nel "metodo Vannoni". Almeno finché non ho iniziato ad informarmi meglio: che ci si creda ancora o meno, vale la pena di guardare chi siano questi Grandi Uomini che pare vogliano solo salvare il mondo:
http://medbunker.blogspot.it/2013/03/cure-con-staminali-litalia-dei-pifferai.html

ad esempio, cito da quel link:
"I dubbi sono sorti non appena ci si è accorti che chi "propagandava" questa cura non aveva mai pubblicato test, esperimenti, lavori clinici o altro sulla sua "idea". Ancora più preoccupante scoprire che il dott. Vannoni non era un medico con esperienza specifica ma è laureato in lettere (ed insegna all'università di Udine "psicologia della comunicazione"), un professionista quindi del tutto estraneo al mondo della medicina, già impegnato in passato con società che promettevano cure con staminali in giro per l'Europa. Vannoni ha un'attività "scientifica" che parla da sola: 2 pubblicazioni di architettura"


Avrà sicuramente la spilla di qualche prestigioso istituto di ricerca medico-scientifica sulla giacca. Comunque chi arriva a leggere i commento scopre che non è iscritto all'ordine dei medici(ma tanto non conta, basta lasciarlo credere).


e anche

"Bisogna anche ricordare che le "cure" non sono gratuite (come ammette nel sito della sua fondazione lo stesso presidente), si parla di decine di migliaia di euro (dai 20.000 ai 50.000 per l'intero ciclo) anche se non risulta che nel caso di Sofia (quello più noto) vi siano stati versamenti di denaro"


E ci mancherebbe, con tutta la pubblicità che ne è derivata: chi non ha sentito parlare di Sofia e della grande battaglia per garantirle le cure della speranza?
Non è una storia a lieto fine, però, ma chi avrà la pazienza di leggere dal link che ho postato, potrebbe scoprire un punto di vista alternativo alla fede cieca.

comRED ha detto...

Sono un "senza fede" per natura. Ho postato il video del dirigente sanitario della Regione Lombardia in cura con le staminali della Stamina, perchè non è andato a curarsi al S.Raffaele dal prof. Comi? Altri video sullo stesso tenore sui bambini sono disponibili, come si può dichiarare che NON funzionano e sono potenzialmente pericolose senza numeri in mano? Giusto per la chiarezza, solamente in italia la cellula staminale è diventata per legge magicamente un FARMACO dopo la FDI americana. Provate cercare UN SOLO STUDIO SCIENTIFICO che classifichi le staminali come principio attivo - farmaco!!! Le storie passate dei singoli vedi A.Rossi, per me ha importanza relativa, il succo è FUNZIONA O NON FUNZIONA. I maggiori progressi medici nella storia li hanno compiuti dei NON medici messi alla gogna. Sulla diatriba contro Stamina ci si mette pure la ministra con la maturità umanistica, al posto suo farei chiarezza sulle STECCHE ministeriali, AIFA e compagnia!

Ps. Se guardassimo al microscopio il pedigree di ogni singolo italico, alle elezioni non si candiderebbe praticamente nessuno..!

Robbins ha detto...

I due messia ...
Rossi - Statale di Milano - Facoltà di Lettere e Filosofia - relatività generale e fenomenologia husserliana - copia del certificato di laurea con data e voto - la lode - sul sito di "The Snake".
Ovviamente prurito di appartenenza. Spesso anche i gatti fortemente inseriti hanno la scabbia e sono comandati a difendere la mano del Padrone.

Go Katto ha detto...

Ah, men
Ah, meno male, Robbins, che avevo equivocato almeno sulla prima affermazione: non era Vannoni il primo messia ma Rossi.

In effetti, son sicuramente stato un po' affrettato, spero lei mi riconoscerà l'attenuante della sua approssimazione.

Peraltro, nello specifico, scorgo anche diverse analogie tra Vannoni e Rossi, il primo, iscritto a nessun ordine, ma praticone medico lo stesso, il secondo con lauree straniere honoris pecunia, con le conoscenze d'inglese di uno studentello di terza media parecchio scarso nonostante gli anni oltreoceano, ma tanto fortunato da essere inciampato nella scoperta del millennio per puro caso, entrambi assolutamente benefattori dell'umanità, purché rimanga l'esclusiva e molti denari, che altrimenti piuttosto non se ne fa niente, si lascia al gelo il mondo e senza cure i malati.
Entrambi quindi benefattori senza titoli, a pagamento e a singhiozzo.

Però noto anche con stupore che di quel "geniale collaboratore della Gelmini" non ha detto verbo. Devo intuire che non stava chiedendo informazioni, bensì inventando di sana pianta nuove figure leggendarie? Eppure un controllo in questo caso è facile, non ci sono NDA da superare. Davvero sperava di farla franca? Mi delude assai.

Poi dovrebbe saperlo che i gatti, scabbia o meno, son creature parecchio indipendenti. Guardi l'e-cat: nonostante tutti gli sforzi dei suoi padroni, si ostina a non dar prove reali del suo funzionamento. Saranno le mani dei Padroni a non essere capaci?

Robbins ha detto...

Molto affrettato - e formalmente impreciso.

... "il BRILLANTE" collaboratore della Gelmini, quello del tunnel da Ginevra al Gran Sasso, ha curriculum fiammante e conosce a menadito le tre i: internet, inglese, impresa - laurea con lode nel Dipartimento di Fisica della Sapienza? (= punto di domanda: "esso è graficamente formato da un ricciolo con avvolgimento antiorario soprastante verticalmente un punto: ?. Nella lettura esso corrisponde a un'intonazione ascendente, di DOMANDA o richiesta." "Tale segno viene spesso utilizzato nella formulazione di proposizioni dubitative o retoriche" - Perelman Tyteca, Trattato dell'argomentazione, citazione a memoria).

Daniele Passerini ha detto...

Robbins : Go Katto = Perry Mason : "Lello" Mascetti

comRED ha detto...

Caro Daniele, non vedo l'ora di leggere il post "Sul caso Stamina... (di bertoldo)" La tastiera prude assai...

Daniele Passerini ha detto...

@ComRED
Anche io, era praticamente pronto ma probabilmente bertoldo sta aggiornando il suo lavoro con le ultime notizie.

@bertoldo
A che punto sei?

piero41 ha detto...

Scusate lo OT.....
Josh R July 2nd, 2013 at 9:14 AM
Hi Dr. Rossi. Any chance that you or the US manufacturer will present at the ICCF-18 conference?
Andrea Rossi July 2nd, 2013 at 10:24 AM
Josh R
Impossible
Warm regards AR

Eppure che ci voleva a mandarci qualche ingegneruccio con uno Hot.cat, con la relazione dei professori e qualche immagine o video dello 1Mw calore??? Senza impegnarsi tanto...
Sarebbe stata tutta pubblicità , una sorta di rivalsa fra gli esperti, con una “leggera” presa per i fondelli per quelli sotto i Kw... Un po’ strano questo IMPOSSIBLE.... c’era pronta la relazione pubblicata di recente, la cosa più vicina ad una relazione “oggettiva”.di tutti i tempi.. Invece no... Strano ripeto, non mi sembra...il suo solito comportamento da imprenditore un po’ “sbruffone” Glielo hanno impedito? aveva/no qualcosa da non evidenziare?? In fondo l’occasione in USA era ghiotta!!

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Go katto
"Guardi l'e-cat: nonostante tutti gli sforzi dei suoi padroni, si ostina a non dar prove reali del suo funzionamento. Saranno le mani dei Padroni a non essere capaci?"
Intendi prove che convincano te?
Perché prove reali del suo funzionamento pare le abbia date a un manipolo di professori, giusto ultimamente. Se poi mi dici che una prova reale non è quella che viene misurata, ma quella che tu giudichi tale, allora forse abbiamo un problemino di semantica da mettere a punto per comunicare meglio, ma in questa tua accezione del termine non mi resta che darti ragione. Mi sorge spontanea una domanda: esisterà mai una prova 'reale' come sembra la intenda tu? Boh?
Presumo che dovrebbe forse implicare una tua presenza durante il test? Sto tirando ad indovinare, ovviamente.
Oppure che ci sia una replica ottenuta da persona a te gradita (quella dichiarata da Stremmenos diciamo che non conta perché è amico di Rossi?)?
O proprio non ci sarà mai verso convincerti?
Comunque, più ce ne sono e meglio è, su questo siamo sicuramente d'accordo. Dire che prove non ne sono mai state offerte, è un po' azzardato. Almeno una posizione dubitativa si dovrebbe tenere, date le testimonianze prodotte. Comunque verso Settembre ce ne dovrebbe essere un'altra. Speriamo ti piaccia di più delle altre :-)

Go Katto ha detto...

"laurea con lode nel Dipartimento di Fisica della Sapienza? (= punto di domanda"

Perdindirindina, Robbins, mi pedoni! Che sbadato a trascurare il ricciolo, ha chiaramente ragione lei: non si trattava di "sparata superluminale", bensì di "conoscenza abissale".

La ringrazio per aver chiarito che la "laurea con lode nel Dipartimento di Fisica della Sapienza" era una ipotesi tutta sua dopo aver correttamente misurato il genio dell'assistente in questione.

Come si dice, "ognuno misura coi propri passi".
Cordialità.

bertoldo ha detto...

"Passerini ha detto...

@ComRED
Anche io, era praticamente pronto ma probabilmente bertoldo sta aggiornando il suo lavoro con le ultime notizie.

@bertoldo
A che punto sei?"


Ho reinviato via email il "lavoro" correggi la grammatica e dovrebbe essere apposto , tranne che per un ultimo link che volendo posso mettere anche nei commenti.

"comRED ha detto...

Caro Daniele, non vedo l'ora di leggere il post "Sul caso Stamina... (di bertoldo)" La tastiera prude assai...
04 luglio 2013 13:43 "

vedremo cosa si può fare nei commenti ...

bertoldo ha detto...

X passerini
prima di pubblicarlo vorrei rileggerlo con le modifiche .
Grazie e Saluti

Daniele Passerini ha detto...

@bertoldo
prima di pubblicarlo vorrei rileggerlo con le modifiche .
Naturalmente e grazie a te.
Mi faccio vivo in giornata.

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails