BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

venerdì 10 maggio 2013

NUOVE ENERGIE PER UN MONDO NUOVO

(un click sul volantino per ingrandirlo)
È assodato che su Wikipedia italiana vengano pesantemente censurate le informazioni presenti su Wikipedia anglosassone se ritenute fuori ortodossia scientifica. Allo stesso tempo i canali d'informazione tradizionali e mainstream ignorano gran parte delle rivoluzioni scientifiche in corso. 

Così diventa inevitabile andare a cercare sempre più spesso informazioni su blog, forum, riviste on line. Dove si può accedere a notizie che resterebbero altrimenti sommerse. Dove si trovano - gli uni accanto agli altri - i contributi di giornalisti professionisti e blogger indipendenti, di scienziati che lavorano negli enti pubblici di ricerca e ricercatori indipendenti, di docenti universitari e semplici appassionati ecc.

In tale contesto s'inquadra il convegno NUOVE ENERGIE PER UN MONDO NUOVO, a cura di Nexus Edizioni, che ha per sottotitolo IDEE, INNOVAZIONI E TECNOLOGIE PER UN FUTURO DI ENERGIA ABBONDANTE, ECONOMICA E PULITA e si terrà il 2 giugno nell'incantevole cornice dei Colli Euganei presso l'Hotel Terme di Galzignano, Galzignano Terme (PD), dalle 9:00 alle 19:00...
"Un appuntamento unico nel suo genere, ma sicuramente il primo di una lunga serie, dove incontrare scienziati, ricercatori e inventori che stanno rivoluzionando il pensiero scientifico contemporaneo e le tecnologie applicate in campo energetico. 
Saranno presentate applicazioni in grado di cambiare il mondo sotto ogni aspetto: dai trasporti alle telecomunicazioni, dall’industria all’edilizia, dall’ambiente all’agricoltura...

Un’occasione ideale per scambiare idee, presentare progetti e intavolare accordi e collaborazioni."
ATTENZIONE! Piccola parentesi: il giorno prima, sabato 1 giugno, gli affezionati a questo blog (e chiunque voglia unirsi ovviamente) potranno pranzare insieme - come a Cesena 8 mesi fa - alla Bettola del Refosco (trattoria nota anche come "Passo del Coyote") a Turri di Montegrotto Terme (PD). Vi darò presto tutti i particolari su un nuovo post.

Tornando al convegno di domenica 2 giugno, in verità non ho ancora deciso di cosa parlerò nei 15 minuti a mia disposizione, so solo che porterò la mia testimonianza di blogger che - da due anni e mezzo - segue molti dei temi caldi che verranno presentati nel corso del convegno. Seguiranno infatti come relatori del mattino... 
e nel pomeriggio...
Terrà la barra del timone, Tom Bosco, direttore di Nexus, che modererà gli interventi.

Per il programma dettagliato (ma potranno esserci aggiunte e sorprese fino all'ultimo momento) e le modalità di iscrizione (30,00€ per tutta la giornata) fate riferimento al link sul sito di Nexus:

L'evento sarà accompagnato da una parte espositiva:
    e tante altre cose!
Mando infine un caro saluto a tutti i simpatici "personaggi" che succhiano questo blog come le sanguisughe il sangue, lieto di aver appena dato alla loro presunzione, alla loro supponenza, alla loro egocentricità, materiale sufficiente ad almeno 22 orgasmi mentali, 222 pseudo articoli e 2222 commenti da troll! :-)


22passi.blogspot.com: post n. 2104 (-118)

236 : commenti:

«Meno recenti   ‹Vecchi   1 – 200 di 236   Nuovi›   Più recenti»
bertoldo ha detto...

https://fbcdn-sphotos-g-a.akamaihd.net/hphotos-ak-prn1/946250_602169303127357_1729232805_n.jpg

s-t-i-c-a ha detto...

Caro Daniele, mi spiace dirlo ma su Wikipedia italiana non vengono censurate le informazioni "ogniqualvolta escano dall'ortodossia scientifica".
Qui posso dirlo, li' mi interdirebbero per sempre, va be', bloccherebbero il mio pseudonimo, forse usando il mio IP aleatorio, he he ;-).
Ho seguito direttamente due casi, e li', non le censurano le cose: Ci sono DEI censori che se ti "puntano" non ti mollano, come dei cani da caccia, ti si aggregano e fanno di tutto per stroncarti, E TI STRONCANO; poi a loro volta, causa i loro eccessi vengo inabilitati ma il danno oramai e' fatto, e' una situazione ben nota a chi conosce.
E' un peccato, io stesso uso Wikipedia in varie lingue giornalmente, ma da quando sono conscio di questi fatti prendo sempre le informazioni con le "molle".

domenico canino ha detto...

@tutti
chi controlla il controllore?
Wikipedia non è diverso da qualsiasi altra fonte informativa, non è che wikipedia, o la Repubblica, o Science sono attendibili o meno, ma le singole persone che ci scrivono che sono responsabili delle informazioni che diffondono. Esempio: non è "la Scuola" o "la Università" che funziona o meno, ma semplicemente se hai la fortuna di incontrare nel tuo cammino un professore bravo e competente la materia ti è trasmessa con utile e dilettevole, se incontri un cretino no; E dunque non giudicate mai il mezzo in sè, che è solo un tramite, ma la persona che sta dietro; Sono le persone singole che fanno ricerche, scoperte, errori, non le istituzioni dove lavorano. Sarebbe a dire che l'ufficio brevetti svizzero del 1904 è il più grande ente formatore di cervelli e tecnologie dell'umanità, solo perchè ci lavorava Albert Einstein come impiegato passacarte.
Ciao

domenico canino ha detto...

@daniele
bella iniziativa, segno di apertura mentale, speriamo che i contenuti siano interessanti, auguri a tutti i partecipanti,
ciao

Daniele Passerini ha detto...

@bertoldo
Spiega, non capisco...

@s-t-i-c-a
@domenico canina
Ovviamente non è il mezzo wikipedia-Italia ma chi controlla l'editing delle voci di Wikipedia-Italia che criticavo.
Mi dispiace di non essermi annotato tutti i casi, in cui mi sono imbattuto negli ultimi anni, in cui la voce italiana era drasticamente "tagliata" di informazioni importanti rispetto alla controparte anglosassone. Per non parlare di intere voci che in Italia non esistono, mentre gli anglofoni trovano disponibili in forma dettagliata (riguardo yoga, esoterismo, spiritualità, archeologia ecc.). Prima o poi lo facciamo un post con i confronti.

domenico canino ha detto...

@daniele
questa storia del taglio di informazioni dalle versioni anglosassoni a quelle italiane, che mi segnalava silvio caggia con un esempio concretissimo e che tu riprendi nel post, mi ha fatto molto riflettere; l'interrogativo a questo punto è: accadono per incapacità, per sciatteria, o c'è un disegno disinformativo dietro? E se c'è, cui prodest?

Daniele Passerini ha detto...

@domenico canino
Inutile scomodare complotti. Penso che alla base ci stia la forma mentis di chi ha l'arroganza intellettuale di credere che il mondo sia solo quello cartesiano e si ritiene in dovere di ergersi a difensore della "sacra ragione" e della "divina scienza" (uso questi ossimori apposta ovviamente e in senso ironico) contro le orde di barbari vetero-esoterici, new age, pro nuovi paradigmi scientifici ecc. (sono altrettanto ironico). Ovviamente la verità è in mezzo.
Ora devo andare: weekend con coda di lavoro causa manifestazione istituzionale con Comuni, ASL, scuole ecc. Un abbraccio

robi ha detto...

Basta guardare Kervran in versione UK e in versione italia (cicap)

Silvio Caggia ha detto...

@alessandro pagnini
http://www.xmx.it/COPefficienza.htm

Silvio Caggia ha detto...

@bertoldo
Ighina?

robi ha detto...

Da notare che la versione inglese riporta la famosa prova fallita del cicap e come completezza di informazione la replica di un professore coinvolto nell esperimento in cui spiega in che modalità assurda si è svolta la prova

Spat ha detto...

Da 2 giorni a questa parte una 50ina di interventi sul JONP, e Rossi scrive che per sbaglio ha anche cancellato quelli dell'ultima giornata.
Sinceramente adesso si fa un po' fatica a seguire gli ultimi sviluppi che ci sono stati con le informazioni che vengono centellinate di volta in volta.
Se qualcuno mi trova un riassunto della situazione lo ringrazio già da adesso.

gio ha detto...

mi sa che al report manca poco....pochissimo:

http://www.e-catworld.com/2013/05/enter-the-tiger/

enrdawn on May 11, 2013 at 7:34 am
“Can anyone confirm the rumor about the pre-print of the hot cat report being available on the internet to certain individuals?”

Yes. Hank Mills brought it up on e-catworld yesterday.

domenico canino ha detto...

@daniele
sono d'accordo, inutile scomodare complotti alla Don Brown; però io sono sempre dell'idea che se qualcuno fa qualcosa è perchè direttamente o direttamente ci guadagna, ne trae vantaggio. Per quanto riguarda Rossi e le nuove tecnologie nergetiche, screditare ad hoc significa preservare la propria posizione dominante, e fin qui ci arrivo, ma nel caso dell'archeologia preistorica, non riesco proprio a capire come disinformare sulle civiltà antiche, e confondere tutto in megabrodo di misteri e bufale possa portare vantaggi a qualcuno; qui secondo me non ci guadagna nessuno, è proprio che coloro che lo fanno sono veramente INCAPACI e non capiscono un accidente.
Ciao

Silvio Caggia ha detto...

@gio
"Rossi said in this week’s interview that the COP of the ‘mouse’ in the new Hot Cat reactors is 1.1, so combining that with an e-cat with a COP in the ‘hundreds’ might give you a combined COP of perhaps between 10 and 50 — I don’t know."

E quale matematica produce un numero tra 10 e 50 partendo da 1.1 e hundreds?

Solo io mi aspetto che hundreds * 1.1 faccia hundreds?

Certo che concludendo con I don't know si puo' dire qualunque fesseria... :-)

bertoldo ha detto...

@ daniele
quella è la foto di una valvola antisismica di Ighina , il proprietario dice che è l'originale ...il proprietario è l'artista che sarà all'evento e l'ho vista guardando le foto delle sue opere su facebook .
Potresti mettere un link sul tipo di batteria ? E' il tipo multimetallo con capacità x 800km ?

bertoldo ha detto...

chissà se ha rispettato l'installazione originale ed ha messo qualche quintale di alluminio in trucioli sotto la base di appoggio ...da come si vede mi sà che ha troncato solo la parte superiore e la parte inferiore è rimasta nella sede originaria .Se almeno l'avesse presa per intero e non nascosta tra due alberi ...sti artisti ...vedono solo con gli occhi ...

Silvio Caggia ha detto...

@domenico canino
Cui prodest?
Parole chiave: discovery doctrine, societa' maggioritaria

Spat ha detto...

@ Silvio Caggia
Rossi ha scritto che il mouse va per un terzo del tempo e dà COP 1,1; mentre l'e-cat va per gli altri 2/3 del tempo dando COP di "hundreds".
Quindi il COP totale del nuovo warm-e-cat è approssimativamente 2/3 di "hundreds".

Silvio Caggia ha detto...

@spat
Primo: il cop e' una misura complessiva che contiene gia' dentro tutto quello che fa l'e-cat, sia quando "va" che quando "non va"
Secondo: non ha alcun senso un e-cat che "va" per solo 2/3 del tempo... Per 1/3 non produce calore? Le turbine le fara' andare a singhiozzo? :-)
Come dicevo rossi sta sbroccando dall'emozione e si esprime peggio del solito o deve far confusione perche' ha detto troppo prima... Se poi mi dite che ha anche combinato un data disaster allora ci ho proprio preso... Attenzione che e' un momento critico per la sua salute, se vede il rilascio di questi report come qualcosa di risolutivo dei suoi conflitti non mi stupirebbe vederlo poi doversi mettere in mutua... Temerei per la sua salute qualche settimana dopo il rilascio dei report...

Spat ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Spat ha detto...

Mah, penso che ci sia una confusione sui termini. Da quel che ho capito io, il nuovo dispositivo è un warm-e-cat, costituito da un attivatore, il mouse, e dall'e-cat vero e proprio. Quando si eroga energia al primo, non si eroga all'altro, e viceversa.
Comunque sono pronto a correggermi se ho capito male.

Spat ha detto...

Niente da fare, ho fatto proprio confusione.
Adesso ho letto che Rossi scrive: "the only source of external energy is the resistance of the Activator". Ma questo vuol dire che considera l'attivatore una fonte esterna, quindi adesso Rossi si focalizza solo sul secondo stadio del dispositivo.
Qualcuno è riuscito a capire bene il nuovo sistema? Me lo spiegate?

mario massa ha detto...

@Spat
Vuoi che qualcuno ti spieghi anche come funziona il motore ad antimateria dell'Enterprice? (immagina un tot di faccine, non so come si mettono)

mario massa ha detto...

Enterprise, ovviamente, quella di Star TreK.

mario massa ha detto...

@Daniele22
"in verità non ho ancora deciso di cosa parlerò nei 15 minuti a mia disposizione, so solo che porterò la mia testimonianza di blogger"

Ovviamente dirai ciò che ritieni meglio, ma se si fa il pranzo il giorno prima, cosa ne dici di chiedere a chi è presente cosa direbbe e magari tenerne conto?

sandro75k ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
sandro75k ha detto...

@Mario Massa

sai quanto ti stimo sia come ingegnere che come persona ma sul fatto che tu nonsappia mettere le faccine non ti ho mai creduto............. Mi dispiace! :)

Spat ha detto...

Per i motori ad antimateria qualcuno ci ha già provato: ;-)
http://www.howstuffworks.com/antimatter.htm

Tornando al discorso sul COP, ho trovato che per Rossi bisogna fare la media. (????)
"It is correct to make the average between the COP of the mouse and the E-Cat." May 10th, 2013 at 4:37 PM

Insomma mi sa che se non lo spiega per bene lui, nessuno capisce chiaramente cosa intenda.

benis67 ha detto...

@spat Dai una occhiata ai commenti su http://22passi.blogspot.it/2013/05/rivoluzione-non-autorizzata.html A quanto pare il nuovo COP dell'E-CAT è tra 100 e 200 :-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio

Sì, sì, il buon dr. Rossi è in stato confusionale anche secondo me. Speriamo sia un buon segno :-)

Silvio Caggia ha detto...

@spat
Ho letto le domande e risposte su jonp, vediamo di fare un po' di "esegesi"... :-)
Rossi dice che il topo e' attivo per il 35% del tempo ed il gatto per il restante 65%, e ribadisce che il gatto ed il topo non sono mai attivi simultaneamente.
Ora cosa vuol dire attivi?
In passato per attivo si intendeva che consumava energia elettrica, il complemento (l'opposto) al self sustain mode, ma ora?
Per il topo potremmo ancora immaginare che sia cosi', ma il gatto non e' alimentato elettricamente quindi non avrebbe alcun senso dire che e' "attivo" nel senso che consuma energia elettrica...
Il gatto poi e' attivo esattamente quando il topo non e' attivo, cioe' quando il topo e' in ssm.
Come dire che il gatto e' attivato "per simpatia", cioe' va "direttamente" in ssm, alla presenza di un piccolo reattore in ssm (il topo).
Ecco perche' rossi ha detto inizialmente che il gatto ha cop "virtualmente infinito", cioe' il gatto di per se non consuma energia elettrica, ma produce il suo output a spese dell'energia termica AND dello stato di ssm del topo, ecco perche' ha poi corretto che il gatto ha un cop reale di 100-200.
Quando il topo non e' piu' in ssm (torna ad essere alimentato, ad essere attivo), il gatto non e' piu' attivo, cioe' non e' piu' in ssm, e non produce piu' nulla.

Se rossi stesse contando correttamente i cop come rapporti tra energia totale in output ed energia totale in input il conto sarebbe presto fatto:
x e' l'energia elettrica in input al topo
y e' l'energia termica in output al topo
z e' l'energia termica in output al gatto
y=x*1.1
z=y*150
z=x*1.1*150
=x*165
Il cop sarebbe quindi 165.
Ma rossi sta facendo secondo me un po' di casino, considera probabilmente il cop del gatto limitatamente alla percentuale di tempo in cui e' attivo, cosa secondo me sbagliata, ma vediamo dove ci porterebbe il suo ragionamento:
Quindi immaginiamo il duty cicle del sistema:
A) 35% del tempo, topo assorbe xa energia elettrica e produce ya energia termica. Il gatto non fa nulla
B) 65% del tempo, il topo non assorbe nulla, va in ssm e produce ancora (supponiamo) yb energia termica. Il gatto e' in ssm "per simpatia" e produce zb energia termica.
ya=x*35%*1.1
zb=yb*150
=x*65%*1.1*150
=x*107.25
z=ya+zb
=x*35%*1.1 + x*107.25
=x*.385 + x*107.25
=x*107.635
Quindi il cop complessivo che rossi non ci dice se non che "dovrebbe essere una specie di media tra 1.1 e 100-200" e' secondo me 107.25

Questo modulo nel complesso produce energia termica in modo zoppicante, se vogliamo che produca in modo costante, la potenza di output del gatto zb (quando attivo ovvero in ssm) dovrebbe essere pari alla potenza di output del topo (quando attivo ovvero non in ssm) ya, cosa pero' non possibile. Assumiamo quindi che sia zoppicante e che la costanza dell'output sia data da tempi brevi di switch o dalla media di piu' reattori.

Spat ha detto...

Bravi, vedo che avete lavorato bene mentre non c'ero. ;-)
Appena posso mi rileggo tutto attentamente. Intanto segnalo anche che a Benis Rossi ha risposto testualmente:
"with this configuration, since the Activator has a COP that allows to produce energy equal or more ( even if slightly) to the energy consumed, the resulting COP is the one of the E-Cat, otherwise you can make the average, but at this point the concept of COP changes foundamentally."

Franco Morici ha detto...

Silvio Caggia wrote:
"una specie di media tra 1.1 e 100-200" e' secondo me 107.25"

Più che altro, dato il limitato contributo del basso COP del "topo" (ipotizzato) al COP totale, l'ordine di grandezza sarebbe già praticamente stimabile dal 65% di 150 cioè 97.
Secondo me fare tutte queste ipotesi per poi stimare 107 invece di 97 cambia poco la sostanza. Saremmo sempre intorno ad un centinaio, magari fosse vero!

Il dire e non dire di Rossi (che qualcuno definisce stato confusionale) ha come unico scopo, e risultato, quello di alimentare le discussioni sui vari Blog, così per tenere desta l'attenzione e alimentare la fiducia di chi lo segue.

Spat ha detto...

Interessante anche il calcolo che fa Karels sul blog di Rossi:

Bounding the Activator Power Size and Upper COP Limit

Determining the Activator power output requirements is essential in estimating the average COP of the 100kW Tiger eCat. This analysis attempts to estimate the needed size for the Activator and a resulting bound on the Tiger COP.

We know from previous postings that the start-up time for eCats is in the 1 – 4 hour range, so I will assume an Activator time of 1000 seconds although it could be up to 10,000 seconds. It is more likely the time needed to bring the eCat from room temperature to eCat ignition temperature is on the shorter side.

We assume the Activator must bring the Tiger from room temperature to over 350C to initiate the reaction.

We know the mass is 200 kg. We assume a specific heat capacity of 0.466 J / (kg * K) – we assume the mass is steel.

Power = 200 kg * 350K * 0.466 J / (kg * K) / 1000 sec = 32.62 W

Activator COP is stated at 1.1 so the needed output is ~ 30W.

Multiply by 10 to account for ambient heat transfer losses, unknown system losses, etc., we assume a working Activator power output of 300W.

Feeding that back into the Average COP computation:
Tiger: COP of 100 – 200, output power = 100 kW, 65% of time, therefore, input power when Activator if off = 0.5 – 1.0 kW

Activator: COP of 1.1, assume output power 300W to 1KW (Rossi – mentioned smaller 1KW eCats), 35% of the time, input power of 0.3kW to 1kW

Average input power: 0.4 – 1.0 kW

Average COP: 100 kW / (0.4 to 1.0 kW) = 100 to 250

This does not include any mechanical (pumps, etc) power consumption but this should bound the upper COP side.

Spat ha detto...

Però nei suoi calcoli Karels ipotizza che il Tiger sia un e-cat più grande che arriva a 350 °C con tutta la sua massa, mentre deve arrivare a quella temperatura solo il suo reattore (grande come un bicchiere di Whisky, secondo quanto detto da Rossi). Quindi non so quanto corretti siano quei calcoli.

Robbins ha detto...

@Franco Morici
Questo blog e quello avversario contano qualche centinaio di contatti il giorno, molti dagli stessi blogger che si ricollegano. Se si vuole applicare la logica (sbagliatissimo!) si ha: Rossi ha scoperto il motore dell'Enterprise e allora non ha senso che si curi dell'attenzione spasmodica positiva o negativa di cento dilettanti, oppure Rossi è un truffatore che dice di aver scoperto il motore dell'Enterprise e allora non ha senso che si curi dell'attenzione spasmodica positiva o negativa di cento dilettanti (idem com sopra).
C'è anche una terza possibilità: Rossi scrive da una casa di cura, il JONP è la sua medicina e la logica non si applica.

Franco Morici ha detto...

@Robbins

Se osservi quello che avviene in generale nel Web, a prescindere dai 2 Blog da te riferiti, scoprirai una marea altri siti governati da suoi fedeli "follower" che rilanciano, dibattono, amplificano o cercano di interpretare quanto afferma Rossi su JoNP.
E' ormai diventato una sorta di rito i cui contenuti sono pero' purtroppo privi di un minimo di attendibilita' e/o riscontri.

Non cerco piu' di stabilire una logica in questa vicenda, mi interessa solo appurare la verita'.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Robbins
"C'è anche una terza possibilità: Rossi scrive da una casa di cura, il JONP è la sua medicina e la logica non si applica "

Ah ah ah, me lo vedo proprio nella stanza con le pareti imbottite, poverello! ;-)

Però non è molto lontano da quanto sosteniamo io e Silvio, che più moderatamente valutiamo Rossi in stato non ancora da ricovero, ma certamente un po' sopra le righe, per via dell'emozione. Concediamogli che potrebbe essere un momento veramente importante e che tra stanchezza ed entusiasmo, la miscela formatasi possa farlo un po' sbarellare e magari cancellare una sfilata di messaggi del jonp :-)

gio ha detto...

@ silvio caggia

:):):)

@ robbins

rossi truffatore l'ho escluso da tempo; concordo con te o il motore dell'enterprise o la casa di cura ma una roba da tso:):):)

Robbins ha detto...

@Franco Morici
La "delivery" sembra ci sia stata - le foto appaiono eloquenti. Certo lo schema che adoperano i prestigiatori è proprio questo: mostrare qualcosa inducendo il credulone a scrivere in proprio la didascalia - cioè inducendo un auto-inganno.
Da questa osservazione segue un richiamo di prudenza.
Una cosa si può dire con sicurezza, se inganno c'è stato, non è per i blog, i blog sono solo tramite, perché in proprio e per Rossi non contano nulla.

Paul ha detto...

A questo punto, ciò che possono dire gli scettici ad oltranza è: "I 'Rossi says' non contano niente, non c'è nessuna prova"

Robbins ha detto...

@Paul
No - le foto ci sono. E infatti gli scettici glissano portando la discussione sull''affitto dei capannoni e sulle incongruenze temporali (come se non fosse già chiarissimo che Rossi è un bugiardo, insieme alla maggior parte dei padroncini della Padania). Nessun scettico ha discusso il monitor gamma o l'evidente presenza di gente strana (stranieri?) accanto al container. Prese in giro, o silenzi, il lumino da cimitero ecc..
E' una situazione curiosa: gli scettici accusano i credenti di avere i paraocchi, ma sono i primi ad indossarli quando gli conviene.
E' facile immaginare i prossimi post di Tia_ e compagni ... . Scettici e believers sono prevedibilissimi, la realtà un po' meno.

Paul ha detto...

Nuovo articolo su JoNP. Molto interessante ed attuale:

Electrical catalyst
by Tadej Bajda a.k.a.Tamal Krishna
das Krsko, Slovenia

piero41 ha detto...

“Secondo: non ha alcun senso un e-cat che "va" per solo 2/3 del tempo... Per 1/3 non produce calore? Le turbine le fara' andare a singhiozzo? “ Non si sta parlando di un singolo reattore ma di un centinaio (ora forse solo qualche decina?? :))...) e quindi la black-box può far partire i singolli alternandone opportunamente il ciclo e l’autsost. con turbina sempre accesa..
Per spiegarmi il funzionamento Tom&Jerry in parole molto povere e semplici (troppi calcoli su!!)esaminiamo ad es. un ciclo orario (20 –40)min. Quindi per 20 (meglio 15 min) la resis. scalda le polveri del mouse che accendono la reazione ed iniziano a scaldare e a far partire lareazione nel gatto. Si spegne la resist diciamo dopo 15 min. a 20 min (35%) lo autosost. mause finisce, ma inizia quello del gatto riscaldato a T di autosost alta dal topo. Per 40 min (65%) la reaz gatto si abbassa lentamente sino a cessare quando viene riaccesa la resist, del topo..e per 20 min deve esser riscaldto dal topo prim di rientrare in autos.
Forse sbaglio tutto? C’è un fatto quando il mouse ha raggiunto la T max se è interno al gatto caldo si raffredda in parallelo ad esso in autos. per 40 min fino a quando la resist si riaccende. Comunque nei primi 20 ha cop1.1 negli altri 40 fa parte della massa del gatto con cop molto alta.

Robbins ha detto...

@Paul
E' un peccato che i fenomeni descritti nel lavoro Focardi-Rossi citato da Tadej Bajda non abbiano luogo. Lo sostiene Rossi stesso: "ci siamo sbagliati".
Mi spieghi Lei, allora, perché Rossi permette la pubblicazione sul JONP di un articolo di cui ritiene false le premesse. Fine stratega che cerca di confondere le idee alla concorrenza? O, più semplicemnte, grandissimo cor**to?

triziocaioedeuterio ha detto...

Ahahah...la seconda che hai detto;)

mario massa ha detto...

Scusate, ma chi è questo Karels che pensa con 32W di portare a 350°C 200kg di ferro in 1000 secondi? Ci vogliono 35kW in assenza di dissipazioni.

robi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Franco Morici ha detto...

@ Robbins
La "delivery" sembra ci sia stata - le foto appaiono eloquenti.

Proviamo ad analizzare insieme concretamente il contenuto delle foto.
Cosa mostrano? Un container blu (si presuppone l'impianto da 1MW) caricato su un camion (a Bologna?) che dovrebbe essere spedito al "Partner/Cliente" US?
No. Tra le altre cose risulta evidente che il Container nella parte alta è diverso da quello mostrato all'interno del capannone (a Ferrara?) durante i presunti test. Quindi al massimo lo vediamo spostare da Bologna a Ferrara dove poi è stato modificato (e non credo in un giorno).
Rossi afferma che l'impianto da 1MW è stato spedito in US, OK va bene ma queste foto non ne sono la prova.

Robbins ha detto...

@Franco Morici
Qual'è la sua definizione di evidenza? Lei ha mai visto un elettrone? Ne dubita?

Franco Morici ha detto...

mario massa wrote:
Scusate, ma chi è questo Karels...

Mario è uno dei tanti amici/fans di Rossi che molto spesso nei suoi commenti si avventura in calcoli diciamo "molto discutibili" non so se con lo scopo di sostenere e dare una parvenza di attendibilità ai contenuti e alle informazioni pubblicate su JoNP.
Me lo ricordo tempo fa aver calcolato l'energia termica prodotta dal Hot-Cat, sovrastimandola in modo grossolano.
Come vedi anche in questo Blog chi non è esperto della materia e legge i suoi commenti è portato a pensare che sia un autorevole commentatore.

Franco Morici ha detto...

@ Robbins
Qual'è la sua definizione di evidenza? Lei ha mai visto un elettrone? Ne dubita?

Mi scusi ma se questa domanda tende, attraverso l'uso dei rimandi di tipo logico-filosofico, a dimostrare che ciò che non si vede può comunque esistere per me è fuori tema rispetto a quello di cui discutiamo.

Robbins ha detto...

@Franco Morici
No, non è così. Visto che Lei tiene artificialmente la perspicacia (che sono sicuro possiede) a livelli molto bassi, le chiarirò fuori dalle filosofie.
NESSUNA immagine può produrre le certezze che Lei sembra pretendere.
Mi descriva un set di fotografie che la soddisfarrebbero, e io le proverò che in un mese di telegiornali e letture non ne incontra nemmeno uno.
Da questa considerazione questa domanda: perché se Lei si beve Berlusca e Grillo, che potrebbbero essere controfigure, non si beve uguale anche l'americanino nel capannone di Rossi? Perché le stron**te dei telegiornali, della Dalla Chiesa, di Bruno Vespa e Piero Angela sì, e Rossi invece no?

Franco Morici ha detto...

@ Robbins

Scusi ma lei fa un minestrone di tutto.
Cosa c'entra la Dalla Chiesa, Bruno Vespa e le controfigure di Berlusca, Grillo ecc. con quanto da lei affermato nel commento (e cioè quello che non mi trova d'accordo), testualmente:
La "delivery" sembra ci sia stata - le foto appaiono eloquenti

Non mi riconosco nel pensiero complottista alla "Capricorn One" spesso abusato per comodità.

Evidentemente l'aggettivo e il concetto di "eloquente" non è fattor comune.
Se stessimo parlando delle foto di un impianto da 1MW scattate all'arrivo in US o dell'impianto installato ed in funzione in una riconoscibile località statunitense, potrei capire la sua affermazione, ma le foto pubblicate non mostrano questo.

sono solo un misero test ha detto...

@Robbins

non so se te ne stai rendendo conto, ma stai prendendo una china pericolosa.

Ho visto coi miei occhi il capannone, il container e Rossi. Gli ho stretto la mano e l'ho guardato negli occhi; posso dire di avere avuto un contatto "umano" e in quanto tale dire che provo un certo grado di "affetto" (capisciamme) nei suoi confronti.

Ciò nonostante, Rossi NON E' CREDIBILE. Non tanto per la sua storia, che non aiuta, ma perchè è semplicemente uno dei tanti che dice di avere trovato la pietra filosofale.

Ciò che Rossi ha, e lo rende credibile, sono i riscontri. Perchè in quel capannone ho visto mezzo dipartimento di fisica della mia università. Con pochissima eleganza possiamo sospettare di senescenza Focardi e Stremmenos, ma poi cosa diciamo di Levi, Ferrari, Villa et al.? Tutti impazziti o ladri? Possibile, ma improbabile.

Sarà solo quando questi signori diranno "ci siamo sbagliati" che calerà il sipario sull' interesse dei "believers": fino ad allora saranno vigili come pompieri. In questo senso, il tuo paragone con l'elettrone ci sta. Solo con Rossi, non sta in piedi.

E, no, _tia, Morici, Laureti, Massa, barnum et al. questi riscontri non ce li hanno. Cercano di spacciare per errori considerazioni desunte da un video. Alla faccia della scienza e dell'informazione.

robi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Franco Morici ha detto...

Mi fa piacere l'intervento e la testimonianza. Un po' meno l'accreditarmi come "spacciatore di errori" ma dall'utente/nick "sono solo un misero test" (se non ricordo male) in passato me ne sono sentite dire altre e non mi va di riprendere una sterile discussione.

Al solito secondo me i piani di valutazione sono due:

a) si ragiona sulla fiducia e sulle testimonianze (anche autorevoli)
b) si esaminano dei dati scientifici inoppugnabili e oggettivamente disponibili

I desideri e le speranze (anche le mie) non possono sostituire la condizione b), la differenza di valutazione per me è tutta qui.

Potrebbe (e dovrebbe) esistere un terreno comune sul quale poter ragionare con moderazione, ma ho capito che il clima è troppo avvelenato da polemiche tra fazioni contrapposte che a qualcuno fa piacere continuare ad alimentare.

Robbins ha detto...

@Sono solo un misero test
E' proprio questo il punto - a quel tavolo, con un Rossi balbettante in piedi (a domanda non rispondo, o rispondo cazzate), c'era un dipartimento di Fisica. Ho sentito parlare Levi (video dal tubo, ma per le interviste va bene) e NON mi è sembrato un cretino (e trovo ignobili certe considerazioni a posteriori, epifenomeno della sciagura umana del paese). Inoltre conosco l'ambiente universitario e sono certo che un dipartimento NON può essere costituito tutto da incapaci e che in un dipartimento ci sono delle dinamiche interne che impediscono solenni cantonate, sia che si tratti di UNIBO che della Sapienza: non stiamo mica parlando della CEPU, i diplomati in materie tecniche che contestano le calorimetrie universitarie mi fanno ridere, come mi fanno ridere i vecchioni che parlano di arrichimenti isotopici senza saperne una mazza.
Simmetricamente non posso escludere che l'improbabile (molto improbabile) Rossi abbia vinto il terno al lotto, scoprendo per caso il fenomeno del millennio. Rossi si è dimostrato bravo come "imprenditore", imprenditore che è rimasto sul pezzo e non ha mollato, né di fronte agli insuccessi (che ci sono stati), né quando gli sono finiti i soldi.
Bugiardo, vanitoso, superficiale, ma tenace e sintetico, mi ricorda certi personaggi emiliani o romagnoli del rinascimento - un Ezzelino da Romano della sfiatella. Non mi meraviglierebbe scoprire che sta installando il container in un residence ai Sette Lidi Ferraresi, invece che in un sommergibile atomico.
Vedremo: la storia è matura per finire nel nulla o rivelarsi, entro l'anno si chiude.

Silvio Caggia ha detto...

@paul
Pazzesco! Tutto qui? Cosi' semplice?
"Thinking out of the box is the real catalyst for transforming matter into gold!"
Non ci posso credere...
Diavolo di un rossi!
:-)

Silvio Caggia ha detto...

@paul
Ha proprio realizzato l'infilaperline atomico massivamente parallelo! Te lo ricordi il video dell'infilaperline? Le molecole di h2 sono coppie di aghi tesi radialmente lungo il cilindro dell'hot-cat, puntati verso la parete esterna e la parete interna, pronti a infilare le perline di nichel che si muovono caoticamente...
Serve urgentemente l'opinione degli scettici... Puo' essere? Manca qualcosa?

Silvio Caggia ha detto...

Infila perline atomico massivamente parallelo
Il concept
m.youtube.com/watch?v=NIRkh7ve_2A

tia_ ha detto...

@solosolounmiserotest
>Sarà solo quando questi signori diranno "ci siamo sbagliati" che calerà il sipario sull' interesse dei "believers"

Aspetta e spera. Nel report di gennaio 2011 (ma anche marzo con gli svedesi) c'erano grossolani errori fatti notare piu volte all'autore, di cui il piu grave è l'uso della sonda RH per misurare il titolo del vapore, sbagliando clamorosamente.
Questo report non è mai stato ritirato. Altro che "ci siamo sbagliati".


>E, no, _tia, Morici, Laureti, Massa, barnum et al. questi riscontri non ce li hanno. Cercano di spacciare per errori considerazioni desunte da un video. Alla faccia della scienza e dell'informazione.

I riscontri si fanno sugli articoli (o in questo caso sui report) pubblicati, e si, si fa scienza verificando la correttezza tecnica di quello che c'è scritto.

@robbins
> i diplomati in materie tecniche che contestano le calorimetrie universitarie mi fanno ridere

A me fanno ridere la gente come te che scrive queste frasi, soprattutto dopo le puntuali verifiche fatte ancora due anni fa da gente esperta in calorimetria e termodinamica.

>Inoltre conosco l'ambiente universitario e sono certo che un dipartimento NON può essere costituito tutto da incapaci e che in un dipartimento ci sono delle dinamiche interne che impediscono solenni cantonate,

Infatti Capiluppi continua a ribadire che il Dipartimento di Fisica di Unibo non c'azzecca nulla con Rossi, che non è in corso nessun test e tante altre belle cosine.

Spat ha detto...

Questo è Andrea Rossi in persona che puntualizza:

May 11th, 2013 at 6:56 PM

The Activator pays for itself, having a COP around 1.02, so its consumption of energy has not to be accounted for in the balance of the E-Cat, because it produces enough heat to pay for its own consumption with a 100% efficiency. The COP of the E-Cat is therefore net of the Activator’s consumpton. The COP of the E-Cat, as a matter of fact, has a zero at the denominator, but we rate it between 100 and 200 considering some parasitic consumption of energy, also bacause “infinity” makes no sense in Physics.

Silvio Caggia ha detto...

@spat
Io accantonerei un attimo il discorso cop e topi, dal momento che si e' aperto un campo di discussione ben piu' interessante che spiega forse tutta questa emotivita' di rossi di questi giorni: a me sembra che rossi stia facendo outing di come e perche' funzioni l'hot-cat lasciando pubblicare uno sconvolgente articolo su jonp... E per chi non se ne fosse ancora accorto rossi glielo va direttamente a dire:
"Dear Readers of the Journal Of Nuclear Physics:
today has been published the paper “Electrical
Catalyst” by Tadej Bajda ( Slovenia).
JoNP"
Come dire: andate a leggere cosa ha scritto tadej invece di continuare a fare le pulci al cop...
Ieri sera ho scritto alcuni commenti su questo che ho chiamato infilaperline atomico... Vorrei raccogliere l'opinione degli esperti e non in proposito... Puo' essere questo il segreto? Puo' funzionare? Abbiamo tutti gli elementi per costruire un hot-cat adesso? O rossi ci sta pigghiannupuculu alla grande? :-)

domenico canino ha detto...

@tutti
La prova vera sarà (se sarà) quella galileiana: persone diverse in luoghi diversi ed in tempi diversi potranno costruire e far funzionare un e cat. Fine. Ma questo non ci impedisce di appassionarci al racconto, alla narrazione su Rossi e le sfiatelle. Un piccolo tassello, la logica dice che Rossi non ha usato metodi da truffa, perchè sinora nessun truffato è venuto fuori. Allora se non ha niente in mano, a che pro avrebbe bluffato, visto che non ci ha ricavato nulla. Io continuo a credere che ognuno fa qualcosa solo se in qualche modo ci guadagna.Ergo ha qualche carta da giocare in mano.
Ciao

Paul ha detto...

Ho fatto a Rossi un paio di domande su JoNP e mi ha risposto quasi subito. Adesso ci sono un paio di informazioni supplementari sulla coppia topo-gatto.
- la durata del ciclo 35% + 65% non è fissa,
- tutta l'energia consumata dall'attivatore (il topo) è recuperata e passa all'utilizzatore esterno.

Go Katto ha detto...

"La prova vera sarà (se sarà) quella galileiana: persone diverse in luoghi diversi ed in tempi diversi potranno costruire e far funzionare un e cat. Fine."

Credo sia stato scritto più di due anni fa.
A me lascia un po' perplesso il fatto che molti siano convinti che "Rossi non ci guadagna nulla", se non vende niente o se non salta fuori qualcuno che dica "l'ho comprato e non funziona". Quindi avrebbe vissuto d'aria negli ultimi anni? E le sue fantomatiche "factories", che per chi crede hanno da esistere ed essere più di una in giro per il mondo, son gratis e senza alcun costo? D'altronde, si sa: notorietà e soldi si schifano a vicenda.

Silvio Caggia ha detto...

Dear Andrea Rossi,
Which is the true meaning of the publication of “Electrical Catalyst” by Tadej Bajda (Slovenia) on your JoNP?
A) explaining how hot-cat works
B) distracting from hot-cat real working
C) kidding

Silvio Caggia ha detto...

E chi diavolo e' Tadej Bajda a.k.a. Tamal Krishna das Krsko, Slovenia?
Su internet non ho trovato nulla di nulla!
Ma dico, fai una pubblicazione e manco ci scrivi la tua email sopra?
Ma sara' mica una personalita' parallela dell'ingegnere?
Io sono esterefatto... Ho bisogno che i miei fidi pseudoscettici si mettano al lavoro... Forza ragazzi su! Lavolale!

Paul ha detto...

Ho trovato questo, ma non so se è la stessa persona:
http://www.robolab.si/top-menu/people/staff/tadej-bajd/

tia_ ha detto...

@domenico canino
>Allora se non ha niente in mano, a che pro avrebbe bluffato, visto che non ci ha ricavato nulla

Amnesia selettiva? Ed i soldi delle licenze?

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Fortuna che ogni tanto ci sei tu che mi fai ridere con questa storia dei soldi delle licenze... A proposito, ti aspetto sul post sulla defkalion a parlare di soldoni delle licenze, quelle vere! :-D

Silvio Caggia ha detto...

@paul
Il nome e' diverso ma non so se in sloveno e' come dire franco-francesco, nel dubbio gli ho chiesto se e' lui... :-)

Silvio Caggia ha detto...

@paul
Ahem... Non so come dirtelo... Ma bajda significa palla e bajd e' il plurale... palle... Proprio nel senso di testicoli... :-D

tia_ ha detto...

>Fortuna che ogni tanto ci sei tu che mi fai ridere con questa storia dei soldi delle licenze...


Ridi ridi, intanto le fatture rimangono.

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Le fatture? Siamo gia' al plurale? Wow! Ed a quanto ammonta il totale di tutte le fatture pagate che hai visionato? :-)

Parliamo di cose serie, dacci una mano a capire se sto electric catalyzer funziona o e' uno scherzo, dai...

tia_ ha detto...

>Le fatture? Siamo gia' al plurale? Wow! Ed a quanto ammonta il totale di tutte le fatture pagate che hai visionato? :-)

Caggia, quella fattura da 100000€ è vera e parla da sola. Non si dissolverà col tuo sarcasmo da due soldi.
Rossi si fa pgare per avere in cambio licenze esclusive di vendita,e si sa pure (almeno una parte dell') l'importo.

>Parliamo di cose serie, dacci una mano a capire se sto electric catalyzer funziona o e' uno scherzo, dai...

Ti sei gia risposto.

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Robbins ha detto...

@Domenico Canino
L'argomento della truffa è debole (mi perdoni): Si dice che Vanna Marchi abbia truffato migliaia di persone, ma poi è stata denunciata solo da TRE.
La fortuna di Rossi potrebbe avere una base puramente statistica.

Robbins ha detto...

Mi piace chi fa la faccia sempre più feroce, chi si attacca sempre di più, in mancanza di osservazioni sul merito, ai dettagli più insignicanti; mi piacciono gli argomenti ad personam, del tipo: sta zitto te, che sei un cretino. Noto che in TUTTO il mondo solo nel blog del vecchione esiste un luogo riservato alle punizioni; così i ragazzi sono puniti in casa, mentre i nemici all'esterno vengono annichiliti; per questa annichilazione tutti gli argomenti sono buoni, da Cesare Lombroso all'attacco ideologico/pseudo-scientifico, tanto il lettore medio si beve ogni str****ta, gli manca "l'humus" per rispondere a tono agli scap****ti a dx di Tognazzi/Camillo.
Viceversa, di qua viene considerato l'influsso della mente (anzi, dell'anima) sulla materia, si crede nel sincronismo e nelle entropie strane. Si citano Occam e Galileo, ma nessuno dimostra voglia di lavorare, cioè di entrare nel merito delle proprie precostituite opinioni tramite qualche viaggetto in rete e la lettura di due-paginette-due in inglese.
Riepilogando:
a) tromboni sedicenti esperti (mi viene da ridere, 9,81 newton, massa, peso, che casino da liceale confuso, altro che canna serale), violenti e superbi, professionistici sparatori di pose le cui tesi al controllo si dimostrano imprecise o false;
b) gente comune molto simpatica che ha deciso di giocare al fisico atomico con spezie New Wave.

Noto come siano state annunciate DIVERSE rivoluzioni epocali - dalla cura del cancro alla fusione fredda, passando dalla dimostrazione scientifica dell'esistenza di Dio alle doccette ultrasoniche: sono idee che mi piaccino, ma mi direi contento che UNA di queste arrivasse al punto, tutte mi sembrano troppe - una specie di speranza da adolescenti entusiasti e ottimistici.

Silvio Caggia ha detto...

@robbins
Una e' arrivata al punto da trent'anni... Ma come dici tu bisogna avere la pazienza di leggere due paginette, magari in italiano, cosa che a molti manca... :-)

Silvio Caggia ha detto...

@tia
"Ti sei gia' risposto"

E come?
Ma soprattutto: perche'?

Robbins ha detto...

@Silvio Caggia
Secondo te, per la dimostrazione "scientifica" dell'esistenza di Dio quanti anni devo ancora aspettare? Sarei interessato anche al sincronismo ... .

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Robbins

"gente comune molto simpatica che ha deciso di giocare al fisico atomico con spezie New Wave "

"una specie di speranza da adolescenti entusiasti e ottimistici "

Ci poteva andare peggio! :-)
Tutto sommato è un giudizio di cui si può andare abbastanza soddisfatti.

"sono idee che mi piacciono, ma mi direi contento che UNA di queste arrivasse al punto"
Anch'io, anch'io!!! :-)

Robbins, parteciperai al pranzo?

Ciao e buona domenica a te e a tutti i frequentatori del blog :-)

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Robbins

Può darsi che tu tistia riferendo alla 'sincronicità'?
Comunque sull'argomento trovi materiale a bizzeffe, ma nessuna dimostrazione accettata, per quanto ne so.

Robbins ha detto...

@Alessandro Pagnini
No, niente pranzo: in realtà sono un vecchione anch'io (anche se non in pensione), e mi devo nascondere per pudore.

Robbins ha detto...

@Alessandro Pagnini
Sincronismo, sincronicità: piacevano anche al tremendo e potentissimo Wolfgang Pauli, dopo che aveva conosciuto Jung. Ma la storia è diversa: "Passo del lupo" era brutto e ne soffriva, pensava di non piacere alle donne; Jung lo incartò di argomenti archetipici che lo distrassero dal problema, e lui ripagò lo psichiatra (perché tecnicamente Jung era questo) con considerazioni borderline sul principio di causalità.
Poi ci sono stati gli epigoni, i numerologhi ecc.. Gli argomenti dell'umanità si ripetono, cambiano e si mescolano come in un caleidoscopio - ogni tanto scappa fuori qualcosa che mettere radici nella realtà, quello che resta è la nostra parte migliore: la fantasia, le fiabe.
Peccato che oggi si pretenda di "dimostrare" anche quelle. Tempacci, i nostri.

Robbins ha detto...

@Alessandro Pagnini
Dimenticavo: non vorrei che tra tutte le rivoluzionarie proposte si realizzasse soltanto la doccetta ultrasonica - sarei deluso.

MISTERO ha detto...

@Robbins

http://www.ilsole24ore.com/art/tecnologie/2013-04-17/nuove-batterie-potenti-durevoli-125835.shtml?uuid=AborT6nH

gio ha detto...

>Ridi ridi, intanto le fatture rimangono.

....il mondo è pieno di fattucchieri:)

Silvio Caggia ha detto...

@robbins
Sulla dimostrazione scientifica dell'esistenza di dio mastromatteo aveva cominciato un discorso che mi piacerebbe approfondire (insieme ad altri punti interessanti rimasti aperti) dopo il lavorone fatto per smarcare il primo passaggio logico...
Ma il problema piu' grosso sarebbe comunque dopo la dimostrazione dell'esistenza capire che tipo di dio e', ce ne sono cosi' tanti sul mercato... :-)

Il sincronismo e' un problema, sono rimasti davvero pochi tecnici radio-tv capaci di sistemare i monitor di una volta... :-D

Comunque non erano queste quella UNA a cui mi riferivo...

Silvio Caggia ha detto...

@alessandro pagnini
"Anch'io, anch'io!!! :-)"

Tu zitto, che finche' non leggi le due paginette che sai non puoi proprio parlare! :-)

Spat ha detto...

Il bestiario di Rossi si sta ampliando: al cat si è aggiunto il mouse e adesso la tiger. Magari adesso Rossi cercherà di produrre il lion da 1MW, con la nuova configurazione sembra che si siano risolti molti problemi di stabilità.

Robbins ha detto...

@Mistero
Grazie.
http://braungroup.beckman.illinois.edu/pvb126.pdf
Paul V. Braun - James H. Piku

Silvio Caggia ha detto...

@paul
Niente, il mio commento non si smuove dalla moderazione... forse e' ancora notte a miami... O forse e' ancora arrabbiato per lo scherzo della tavola periodica dei metalli che lo scherzo stavolta l'ha fatto a noi... :-D

Briel ha detto...

Silvio, ecco la tua risposta :))
http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=806&cpage=1#comment-694389
In ogni caso, se la credibilità del JONP e della sua peer review era per me praticamente a zero, non vi dico ora :)
Pro memoria :
Peer Review
All the articles published on the Journal Of Nuclear Physics are Peer Reviewed. The Peer Review of every paper is made by at least one University Physics Professor.

Silvio Caggia ha detto...

@briel
Vabbe', rossi dice no comment, ma voi che dite?
A me sembra proprio possa essere... Come dico da mesi l'e-cat e' un infilaperline... Se lo dice anche uno scienziato (?)...
A me tornano tante cose, anche alcune che prima non mi tornavano... Ma nessuno che commenta o critica la notiziona del giorno?

MISTERO ha detto...

@Robbins

Se posso permettermi, vieni al pranzo.
:-)

Briel ha detto...

Silvio,
per me questo ‘paper’ non puo’ essere stato scritto da uno scienziato, e ancor meno aver ricevuto il beneplacito di un professore di fisica.
E’ presentato come il prodotto dell’immaginazione…ma di chi ?
E’ una fiction ? D’accordo, ma è di pessima qualità, neanche divertente :(

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Silvio
"Tu zitto, che finche' non leggi le due paginette che sai non puoi proprio parlare! :-)"

Hamer, per caso? ;-)

MISTERO ha detto...

Dimenticavo, mi hanno appena confermato la presenza di un ospite d'eccezione tra i relatori che modererà la tavola rotonda finale.
Stanno modificando la scaletta, penso che domani verrà aggiornata.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ Robbins

Io conto di esserci al pranzo. Se Daniele aprisse una discussione apposita si potrebbe anche usarla per coordinare un eventuale car-sharing.
Vieni anche tu, che tra vecchioni ci si capisce ;-)

Ah...per la sincronicità, abbiamo comunque una testimonianza importante. Chiunque abbia visto l'eccellente cartone animato "Kung Fu panda" non può non sapere che "il caso non esiste"! :-)

Scherzi a parte, anch'io la penso come i personaggi del cartone, ma è solo una mia convinzione.

Alessandro Pagnini ha detto...

@ mistero
"Dimenticavo, mi hanno appena confermato la presenza di un ospite d'eccezione tra i relatori che modererà la tavola rotonda finale"

La tavola rotonda, o la tavola imbandita? ;-)
Stai parlando del 1 o del 2 giugno?

Alessandro Pagnini ha detto...

No, perché si potrebbe organizzare una piccola conferenza tutta nostra. Sai cosa salterebbe fuori, soprattutto dal 5° o 6° giro di bevute! ;-)))

Robbins ha detto...

@Alessandro Pagnini
Una discussione fatta bene sul sostantivo "caso" ci porterebbe lontano, molto lontano. Si tratta di un ombelico fondamentale: se entri di lì puoi andare dappertutto. E' per questo che nessuno dei filosofi contemporanei si azzarda a toccarlo. Hanno paura. Invece nell'antichità c'è stato qualcuno che ha accolto la sfida e non se l'è cavata male.

Daniele Passerini ha detto...

@bertoldo
Grazie della risposta, non avevo riconosciuto le "macchine" di Ighina. Quanto alla tua domanda la giro a MISTERO.

@mario massa
...se si fa il pranzo il giorno prima, cosa ne dici di chiedere a chi è presente cosa direbbe e magari tenerne conto?
Dovrei sottoporre a sondaggio cosa direbbero gli altri al posto mio e dirlo io??? Ma che senso ha??? Giuro che non capisco cosa intendi.

@Robbins
Secondo te, per la dimostrazione "scientifica" dell'esistenza di Dio quanti anni devo ancora aspettare? Sarei interessato anche al sincronismo ...
Ti rispondo molto seriamente.
Se intendi una dimostrazione scientifica del Dio in cui credono i cristiani, arabi, ebrei, o quelli in cui credono gli induisti, o il principio assoluto in cui credono i buddisti ecc. non ci conterei molto! ;)
Se invece intendi lo scoprire che "dietro" il mondo fisico (con tutte le sue leggi) che conosciamo si celi un mondo - chiamiamolo così in mancanza di altro - "astrale" (con altre leggi) di cui il mondo fisico è una conseguenza, mi auguro che non servano migliaia di anni ancora, ma siano sufficienti pochi secoli. Ovviamente parlo di conoscenza scientifica, perché ci sono altri tipi/sistemi di conoscenza che già conoscono bene queste questioni.
Sulla sincronicità, non ci giurerei che non esistano già prove scientifiche (di tipo statistico)... puoi indagare al riguardo? Ma penso che chiunque abbia sperimentato nella propria certe vita serie di conseguenze che sarebbe totalmente illogico attribuire soltanto al caso...
Un abbraccio
P.S. Tu quando ti innamori hai bisogno di una dimostrazione scientifica per capire di essere innamorato o ti accontenti di sentirlo? ;)

@MISTERO
...mi hanno appena confermato la presenza di un ospite d'eccezione tra i relatori che modererà la tavola rotonda finale.
Stanno modificando la scaletta, penso che domani verrà aggiornata.

Come ci si aspettava. Bene, e io aggiornerò il post.
Puoi rispondere a bertoldo sulla pila top secret, in effetti so solo di dove sono gli inventori... e a distanza di 8 mesi non mi ricordo più il principio di funzionamento... mannaggia alla mia memoria.

tia_ ha detto...

>E come?
Ma soprattutto: perche'?

Perchè quel tizio non ha nemmeno chiara l'idea di come funziona una capacità.

Paul ha detto...

Avete letto su JoNp come Rossi ha inventato il tiger-cat?

Lo scoiattolo che stuzzica il gatto facendolo diventare nervoso e vigile....
Aneddoto che finirà sui libri di storia.

Questa volta inoltre si è molto dilungato sul rapporto topo-gatto.

MISTERO ha detto...

@Bertoldo
Potresti mettere un link sul tipo di batteria ? E' il tipo multimetallo con capacità x 800km

No è molto simile a quella che ho evidenziato a Robbins.
In questo caso niente litio nano-strutturato ma SiO2 nano-strutturata.

Sono in attesa di un po' di risposte dalle persone alle quali ho chiesto di far parte del comitato tecnico scientifico dell'ONNE, una delle prime prove di misurazione e verifica del comitato sarà proprio su questo tipo di batteria.

L'inventore di questa batteria era presente al pranzo di Settembre.

Questo convegno si differenzierà molto dai precedenti dell'ONNE, ci saranno società e professionisti che si occupano di trasferimento tecnologico e industrializzazione, società d'investimento e capital venture.

Silvio Caggia ha detto...

@briel
Perche' sei cosi' critico con quel paper? Io l'ho trovato illuminante... Mi sono anche complimentato con l'autore...

Dear Tadej Bajda,
I appreciated very much your interpretation of how hot-cat could work. Months ago I thought a similar conceptual model based on Guglinski z axis of atomic nucleum and a toy of my doughter:
m.youtube.com/watch?v=NIRkh7ve_2A
Hope you can see similarities :-)
Regards
Silvio

Solo che hanno un po' tagliato il commento su jonp... Che strano...

Silvio Caggia ha detto...

@alessandro pagnini
Ovviamente... ;-)

Franco Morici ha detto...

Silvio Caggia wrote:
E chi diavolo e' Tadej Bajda a.k.a. Tamal Krishna das Krsko, Slovenia?
Su internet non ho trovato nulla di nulla!


A me sembra proprio possa essere... Come dico da mesi l'e-cat e' un infilaperline... Se lo dice anche uno scienziato (?)...

Per i contenuti potrebbe essere questo esperto.

Briel ha detto...

Silvio
A parte il fatto che la reazione Ni Cu è stata sconfessata anche da Rossi (Robbins l’ha fatto notare, mi pare), ci sono delle grossolane ingenuità :
Come fa TB a pensare di poter ottenere due distribuzioni di cariche uniformemente negative sulle superfici che si fronteggiano ?
Dando per buona l’ipotesi dell’avvio della risonanza, il mantenimento di quest’ultima si basa sull’assenza di forze di smorzamento (damping). Lo si puo’ immaginare nel caso teorico di una molecola isolata fra due armature, ma non certo in mezzo a molti miliardi di altre molecole, le cui cariche produrranno necessariamente interferenze e smorzamenti.
Quand’anche si evocasse per tutte le molecole di H2 un ‘comportamento coerente’ (ma TB non lo fa), quid dei miliardi di atomi di Ni ? Anche loro non interferiranno, lasciando le ‘molle molecolari’ di H2 libere di stiracchiarsi fino a rottura ?
No, io penso che sia solo un pessimo esercizio di fiction… ou bien le bon TB se fout de nos gueules !
Nei due casi sottolineo la mia incredulità per quanto riguarda la peer review.

Robbins ha detto...

@Daniele Passerini
Oltre a "caso", altra parola importante - più importante - è "realtà" (infatti la parola "caso" si riferisce a un attributo - che ci sia o meno - della "realtà").
Che cos'è la realta, secondo te? Quello che ti dicono i sensi, quello che credi nei tuoi pensieri o quello che ti dicono gli strumenti di un laboratorio scientifico?
Risposta banale (ma mica tanto): ci sono molte realtà, e noi umani ci muoviamo senza soluzione di continuità tra i diversi piani; il nostro stesso linguaggio non ha termini/strumenti per distinguere questi piani tra loro - ad es. "duro" è aggettivo dal significato intuitivo, ma può anche riferirsi alla durezza Brinell, che è un numero con una dimensione particolare e una specifica procedura di misura.
Al riguardo penso due cose diverse, una sono sicuro ti piacerà, l'altra meno:
a) la "realtà" è complessa e nella sua problematicità è una ricchezza a cui NON dobbiamo rinunciare; quindi tutti quelli che ci vogliono imporre delle mono-realtà vanno combattuti, perché sono dei cattivi maestri, i maestri dell'autorità;
b) tra le diverse realtà che costituiscono la "Realtà" bisogna stare attenti a non fare casino, visto che il rischio è concreto, e diffidare di chi quel il casino lo fa di proposito, perché questi sono i secondi cattivi maestri, i maestri della confusione.
Ti faccio notare che i cattivi maestri hanno un vantaggio: propongono sempre delle soluzioni semplici, come l'obbligo dell'energia atomica alla Franchini o le semplificazioni astrali di Carl Gustav Jung.
Invece il nostro vero peccato originale è la "grave mora" del Purgatorio di Dante: la rotoliamo con fatica fino in cima e, appena su, ci rirotola a valle e siamo alle solite.
Non esistono soluzioni semplici, bisogna far sempre dei distinguo, sporcarsi le mani con le eccezioni, fare fatica.
Fare fatica esattamente come hanno fatto quelli prima di noi, che erano più ignoranti ma più onesti, perché presumevano lo sforzo della salita e non avevano Wikipedia e l'i-Pad.

Tigi Giuseppe ha detto...

@MISTERO

Salve

Ho visto che nel convegno presenterete la Sparkling Shower (mi ricordo un video di qualche mese fa..)
Avete intenzione di metterla in commercio a breve?

Beppe

ravecarl ha detto...

@Robbins
Intervengo ogni tanto per leggervi tutti.
Il tuo ragionamento mi piace. :
"ci sono molte realtà, e noi umani ci muoviamo senza soluzione di continuità tra i diversi piani".

tia_ ha detto...

>Nei due casi sottolineo la mia incredulità per quanto riguarda la peer review.

Sul JONP è passato pure di peggio

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Possibile che sei prodigo a sparare giudizi e tirchio a dare informazioni utili? Che problema c'e' con la capacita'?

Silvio Caggia ha detto...

@robbins
Un post sul caso mi piacerebbe molto! :-)
"Il caso e' il nome che dio usa quando vuole mantenere l'anonimato" :-D

MISTERO ha detto...

@Tigi
Avete intenzione di metterla in commercio a breve?

Mi sembra sia già in commercio, non sto seguendo questo prodotto, prova a scrivere: http://www.sparklingshower.com/page6.html all'att.ne di Paolo.

tia_ ha detto...

>Possibile che sei prodigo a sparare giudizi e tirchio a dare informazioni utili?

Perchè non è mio compito insegnare l'elettrostatica.
Quella distribuzione di cariche non è possibile, cioè non è possibile avere sulle due interfacce cariche negative. Anche avendo caricato le due armature con un eccesso di carica negativa (sul come non mi dilungo), appena le si avvicina le cariche negative tendono a scappar via, mentre sulle superfici si riforma la solita distribuzione +++++ ----.
Non solo, ma appena si connette ad un circuito elettrico una capacità con due armature cariche con eccesso di carica negativa (coime vuol fare lui), queste cariche in eccesso schizzano via e si spargono lungo il circuito elettrico, con un minimo locale proprio sul condesatore.

Silvio Caggia ha detto...

@franco morici
Per i contenuti? Uno che scrive libri di urbanistica? :-)
Ha piu' chances l'elettronico che si chiama al plurale :-D

Franco Morici ha detto...

@ Silvio Caggia

Credo che uno che scrive libri di urbanistica magari può essere dotato di tale fantasia da immaginarsi una realtà tutta sua.
Cito Robbins:
...ci sono molte realtà, e noi umani ci muoviamo senza soluzione di continuità tra i diversi piani

Perchè non potrebbe averlo scritto?

Briel ha detto...

Silvio, fidati : l'ipotesi di TB non sta né in piedi né sdraiata !
Piuttosto, secondo te perché Rossi rende pubblico questo 'articolo' un anno dopo la sua redazione e si premura di farne notare la pubblicazione, come per raccomandarne la lettura ?
Io, mente semplice, sinceramente non lo capisco.

Silvio Caggia ha detto...

@briel
Le sconfessioni di rossi da quando sono vincolanti? :-) mi ha stupito infatti che robbins si sia fermato a quello...

Le cariche negative sulle superfici le ottieni applicando una tensione negativa li' e positiva da qualche altra parte... Immagina di avere due condensatori affiancati ed applicare il negativo alle due armature centrali ed il positivo a quelle laterali:
|+ -| |- +|
In mezzo ai due condensatori hai quello che cerchi, no?

Il comportamento coerente di tutte le molecole di h2 lo davo per scontato

Il nichel e' un problema... Ma se invece di essere in polvere vagante fosse uno strato proprio sulle pareti negative? :-)

Le mie sono fantasie ovviamente ma mi interessa proprio capire cosa non andrebbe... :-)

Vincenzo Bonomo ha detto...

Ho appena visto l'intervista a Keshe, un visionario straordinario e due ore spese bene.
Giudizio sintetico: se Rossi è un passo avanti lo scienziato iraniano è cento passi avanti rispetto agli altri e da scettico ora sono diventato ottimista, anche perché mi sono riconosciuto in certe sue considerazioni mentre delle altre mi hanno aperto mondi nuovi completamente sconosciuti.
Siamo alla vigilia di accadimenti formidabili per cui l'Umanità probabilmente non è ancora pronta.

Robbins ha detto...

@Silvio Caggia
Dall'ipotesi Focardi-Rossi segue OBBLIGATORIAMENTE che l'e-Cat deve produrre uno sfracello di radiazioni. Visto che l'e-Cat NON produce radiazioni (lo dice Rossi), l'ipotesi Focardi-Rossi è falsa (e Rossi non avrebbe dovuto pubblicare un articolo che o è falso o lo sput****na).
Si tratta di un maldestro tentativo di generare rumore di fondo.
Temo il peggio, l'inganno: è con l'acqua alla gola, non ha più niente da perdere e solleva polveroni nella speranza di guadagnare tempo prima dell'arrivo dei carabinieri. Gli "americani" delle fotografie erano comparse pagate a giornata, il reattore era di cartone. Non sto scherzando: tra i diversi piani della Realtà c'è anche il piano fregatura con gioco di destrezza.

Spat ha detto...

@ Briel
Rossi avvisa sempre quando c'è un nuovo articolo pubblicato, basta che sfogli il suo blog per vederlo.

Spat ha detto...

@ Vincenzo Bonomo
Se sei un passo avanti sei un innovatore, se sei 2 passi avanti sei un visionario, se sei 100 passi avanti sei un autore di fantascienza.

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Ma guarda che le due armature non sono vicine, sono i due cilindri dell'hot-cat, c'e' una bella distanza, come ho detto prima non vederle come le due armature di un condensatore ma come due armature di due condensatori diversi... Ogni condensatore ha la propria carica che e' diversa visto che deve essere proporzionale alla superficie...
Altro?

Silvio Caggia ha detto...

@briel
Perdonami briel, ma a fidarsi e' bene, non fidarsi e' meglio! :-) preferisco capire perche' non puo' stare in piedi...
Non avevo notato che era marzo dell'anno scorso, nella mia realta' leggevo 2013! Ma... A quei tempi c'era gia' l'hot-cat? O rossi ci sta facendo vedere un julio verne dell'hot-cat?
E' proprio il perche' che cerco di capire, come hai visto glielo ho chiesto... Hai letto la risposta... Ed hai visto come ha storpiato la mia domanda all'autore... Che gli fregava di modificarla?

Briel ha detto...

Silvio,
TB non parla di due condensatori coassiali (la cui ingegnerizzazione mi sembra ardua, ma…sia pure) ma di due cilindri coassiali, le cui pareti metalliche sottoposte ad AC si caricherebbero opportunamente in |- -|.
Per quanto riguarda la risposta di Rossi alla tua domanda, qui da noi si direbbe : « il est en train de noyer le poisson » :)

Silvio Caggia ha detto...

@robbins
L'e-cat produce delle radiazioni, ma al suo interno vengono tutte assorbite, questo e' quello che ha sempre detto rossi.
Che tradito dall'emozione abbia di recente detto qualcosa che non doveva dire ed ora sta mescolando le carte nella speranza che nessuno se ne accorga e' anche plausibile... :-)
Ma continuiamo il gioco lineare che sia tutto vero: che il rapporto rossi focardi sia corretto, che questo paper non sia uno scherzo, che rossi abbia solo ridotto il ruolo della produzione di rame (a causa di decadimenti di nuovo in nichel, tipo ciclo tendenzialmente chiuso...)... Cosa impedirebbe di costruire e far funzionare quanto descritto in questo paper? Cosi', come esercizio didattico se volete...

Robbins ha detto...

@Silvio Caggia
No, le radiazioni della spiegazione Focardi-Rossi non possono essere ragionevolmente assorbite, sono molto penetranti. E' questo il motivo per cui, anni fa, i fisici sostenevano che o la piegazione era sbagliata o Rossi truffava - Focardi non è mai riuscito a chiarire la mancanza delle radiazioni, le misure le hanno fatte i suoi allievi e sono al di sopra del sospetto.
Solo dopo, cioè a Pordenone, Rossi ha parlato di gamma a 200 Kev che venivano "termalizzati" e si è rimangiato la spiegazione originaria.

Silvio Caggia ha detto...

@briel
Non scambiamo il concept con l'ingegnerizzazione, mi dicevate che e' impossibile avere le due superfici entrambe negative ho immaginato il primo modo che mi e' venuto in mente per superare il problema... Da profano non mi sembra un problema di elettrostatica ma una situazione dinamica dominata da due tensioni alternate diverse applicate ai due cilindri. Non credo che i due cilindri di cui si parla siano la struttura metallica dell'hot-cat che vediamo, quanto incorporati in quel coso misterioso dall'apparenza ceramica che gli sta dentro... Di quello rossi ci ha solo detto che contiene le "resistenze", ma chissa' che c'e' davvero dentro...
Perdonami ma non conosco il francese... Traduzione?

Silvio Caggia ha detto...

@robbins
Ma riusciamo noi a prevedere che energia avrebbero i gamma prodotti dall'interazione di questi atomi di idrogeno pompati di energia fino a rompere il legame tra di loro ed infilarsi proprio nel buco lungo l'asse z dell'atomo di nichel? Non vorrei che le nostre previsioni di gamma ad alta energia siano dovute alle interazioni rare e violente che si ottengono con gli acceleratori e facendo urtare gli atomi a casaccio... Qui li si va a infilare gentilmente... Con dolcezza... :-)
Ah scusate, nel paper non mi sembra se ne parli, ma io sto immaginando che anche i nuclei del nichel non siano orientati a casaccio, ma con il loro asse z orientato come la molecola h2... :-)

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Avevo gia' chiesto a briel, ma tu sicuramente lo sai a menadito: l'hot-cat quando e' venuto allo scoperto per la prima volta? Prima o dopo il 6 marzo 2012?

Franco Morici ha detto...

Silvio Caggia wrote:
Cosa impedirebbe di costruire e far funzionare quanto descritto in questo paper?

Impedirebbe di costruire?
Nulla.

Far funzionare?
Lascio ad altri questo compito.
Non voglio ferire la memoria né di Coulomb, né di Gauss, né di Maxwell.

Franco Morici ha detto...

Silvio Caggia wrote:
...l'hot-cat quando e' venuto allo scoperto per la prima volta? Prima o dopo il 6 marzo 2012?

http://www.journal-of-nuclear-physics.com/?p=510&cpage=51#comment-227479

Silvio Caggia ha detto...

@franco morici
Grazie!
4 maggio 2012, la data in cui rossi per la prima volta dice che ha iniziato a sperimentare una cosa nuova, che poi chiamera' hot cat...
E questo sloveno il 6 marzo 2012 gli aveva gia' mandato il paper...
A me sembra che questo paper vada preso molto piu' seriamente di quanto state facendo... Come minimo e' la precognizione dell'hot-cat... Piu' probabilmente rossi lo ha visto e si e' ispirato liberamente... Se non addirittura l'ha brutalmente copiato? :-)
O davvero rossi non ne sapeva nulla fino ad oggi e dobbiamo pensare ad una forma di sincronicita'? :-D

tia_ ha detto...

> Immagina di avere due condensatori affiancati ed applicare il negativo alle due armature centrali ed il positivo a quelle laterali:
|+ -| |- +| In mezzo ai due condensatori hai quello che cerchi, no?


No, in mezzo non c'è nulla, nessun campo elettrico.

>Altro?

No, non serve altro: non funziona.

benis67 ha detto...

C'è da sperare che Rossi abbia sbagliato i numeri, ma dall'esempio che ha fatto, ad esempio in 100 ore di funzionamento il sistema ha COP pari a 3,1 scarso.
È l'ipotesi attivator consumo 900 wh/h e produzione 910wh/h e E-Cat da 1kw

100 ore. 35 ore consumo 31,5 kwatt produzione 31,85 kwatt
65 ore consumo zero, produzione 65 kwatt
COP=96,85/31,5=3,074

Mi Sa che si è sbagliato

Spat ha detto...

Beh, visto che scrive anche "The source of the activator can be electric power, gas, or any heat source", allora basterebbe già accoppiare il sistema con un altro per aumentare il COP.

Franco Morici ha detto...

Con tutta questa diciamo "confusione" e visti i recenti sviluppi sarebbe meglio vedere cosa hanno scritto nel Report gli 11+4 professori dei third party tests.

Silvio Caggia ha detto...

@franco morici
Qualcuno bravo a scovare il preprint nelle pieghe della rete? :-)

Silvio Caggia ha detto...

@spat
Quello e' l'onion-cat! :-)

Spat ha detto...

@ Silvio Caggia
Il pre-print in realtà è una "leggenda metropolitana". La sua esistenza è stata ipotizzata da qualcuno leggendo il blog di Peter Gluck. Però Gluck stava scherzando a proposito di uno scettico che ormai non mette più bocca da un pezzo sulla vicenda Rossi.
Ha scritto: "Gary Wright- it seems got annoyed with the story of Rossi or has got a pre-publication copy of the mythical Professors' report."

Spat ha detto...

Logicamente con "leggenda metropolitana" mi riferivo al pre-print DISPONIBILE IN RETE.

Neri B. ha detto...

A proposito di report...qualcuno del blog ha contatti con Mats Lewan? Daniele potresti sentirlo?
Non so ma secondo me la rivista della famoso pubblicazione sarà NyTeknik e se è così magari Lewan ci può dare qualche indiscrezione sulla data di uscita..

AC/DC ha detto...

Secondo me è un esercizio mentale pressochè inutile scervellarsi sul COP del gatto e su astruse teorie alla base del suo funzionamento finchè la fonte rimane il solito JONP.

Se il vino è buono, cosa che dubito fortemente, non lo si può chiedere all'oste, come non si può sperare che ci racconti i segreti della sua preparazione.

Shine ha detto...

ho visto le foto del nuovo gatto...Quello col diatermico. Esilaranti :)

miau ha detto...

@Benis67

ma neppure, quei 910wh/h vanno ad alimentare il gatto quindi non vanno contati come output.

quindi, andando bene, ne esce un COP di 2 circa.

rossi sta delirando. che sia nel senso che non riesce a spiegare i vantaggi di questa nuova configurazione (per errore nei dati o altro) nonostante un decina di commenti sul topic, che sia perché sta semplicemente delirando.

se i numeri son quelli non si capisce la convenienza della configurazione topo/gatto, se non la poesia del riferimento al mondo degli animali.

mah. vedremo. qualche collaboratore che scriva (spieghi e/o faccia i calcoli) per lui? o che lo mandi a riposare?

vincenzo da torino ha detto...

Non vorrei dire uno sproposito, ma a me pare che l'e-cat possa essere combinato da dare energia in modo continuativo senza pause.Abbiamo l'attivatore per il 35%del tempo nel qual periodo l'e-cat è spento e perde energia. Ma l-ecat da 1 MW è fatto di moduli indipendenti. Il topo è regolabile nei tempi di intervento per accendere l'ecat, oltre ad essere autosufficente per consumo con cop 1:1 o poco più. Dato il consumo globale superiore all'accensione considerando pure che gli stessi moduli possono essere accesi in sequenza usando il calore del precedente, è sufficiente regolare il tutto in numero di moduli e nel tempo di accensione-spegnimento ed abbiamo un e-cat di 1MW con cop 100-200 senza interruzione di energia. Dove è l'errore? A me pare così o forse troppo semplice. A voi tecnici.

benis67 ha detto...

@miau
Rossi in realtà dice che " This heat activates the E-Cat and then goes to the utilization by the Customer, so that its cost is paid back by itself "; credo andrebbe interpretato con il fatto che nel suo esempio per il 35% del tempo, entrano 900 Watt/h e ne escono 910 Watt/h.
Aspettiamo cosa replica oggi Rossi; forse l'errore che ha fatto è quello di pensare ad un modulo E-Cat da 10 KW e non da 1KW. In tal caso il COP facendo due conti sarebbe di circa 22 (in dieci ore avremmo (650+31,85)/31,5=21,96
Aspettiamo, tanto sono solo ipotesi sulla carta

miau ha detto...

su e-catworld c'è uno che fa tutto un discorso e un fiorire di formule che tornano con i commenti di rossi sul COP.

I believe the misunderstanding is: Rossi said
“when the Activator is on ( and the Cat off)” and others thought:
Activator Operation, on: 35% then off
Tiger Alone Operation, on: 65% then off

Therefore the equation is:
COP = (t1*P1 + t2*P2)/(t1*P1/C1 + t2*P2/C2)

But it may really be said:

The ECat is activated for 65% of the cycle and as it is coming off SSM (temperature is starting to lower), the Activator kicks in (35% of the cycle)to bring it back to active (and subsequently SSM state)state again then the Activator is actually OFF. So the ECat is not actually in “OFF” state but “cooling OFF” state just after SSM.

ECat is on in active and SSM state = 65% (but not really OFF)

Activator on = 35% and actually OFF 65%

The equation become: ECAt output always 100% ON (active + SSM) plus COP of the mouse for 35% of the cycle

COP = (P2/0)+ ((t1*P1)/(t1*P1/C1))

Since (P2/0) does not make sense

COP = (P2/n)+ ((t1*P1)/(t1*P1/C1))

n = parasitic heat loss


si però facendo i conti della serva, nel mondo reale a me viene un COP 4 e non quello che verrebbe da quelle formule (ossia gli hundreds di rossi).

cioé
energia prodotta sotto forma di calore nel tempo (100) - 1*100+0,91*35=131,85

energia consumata - 0,9*35=31,5

131,85/31,5 = 4,185714285714286

a me da un COP di 4 e non gli hundreds.

si, forse è meglio aspettare cose più concrete e sensate.

benis67 ha detto...

@miau
Attento che per il 65% del tempo E-Cat è spento e pertanto l'energia prodotta in 100 ore è 0,65*100+31,85=96,85 KWatt
Il COP è (0,65*100+31,85)/0,9*35=96,85/31,5=3,074
circa tre.
Aspettiamo la replica di Rossi, magari stiamo a fare mille conti e lui semplicemente nella fretta ha saltato una cifra :-)

miau ha detto...

@benis67

si, stavo seguendo l'ipotesi di John L. su e-catworld. ossia che in realtà il gatto è sempre attivo (65% on, ossia in SSM e 35% non in SSM). da ciò fa tutto un calcolo del cop molto antani e scappelamento a sx che torna con le affermazioni sul COP di rossi ma che, a mio parere, quando si torna alla realtà dal magico mondo delle formule per calcolare il COP, con i calcoletti di entrata-uscita reali, non ha molto senso.

si, non vale la pena fare questi conti, c'è qualcosa di sballato da qualche parte, ma mi preoccupo per rossi che in una decina di commenti non è riuscito a chiarire. e anche per me che preferirei che la LENR siano una rivoluzione energetica che ci sta per investire. :)

p.s. e ovviamente c'è pure la speranza che qualcuno mi dica: "guarda che sbagli, non è così, bensì cosà"

miau ha detto...

ah beh... su e-catworld Andre Blum suggerisce una spiegazione che darebbe senso alle affermazioni di rossi di COP quasi infinito che diventa 100-200 per via di perdite di calore.
e anche al suo stato di esaltazione.

il topo consumerebbe solo la prima volta che parte, poi "pays for itself", nel senso che generebbe il calore che usa per stuzzicare il gatto.

rossi si sarà pure stufato di rispondere alle domande sul topo e il gatto ma è stato tutto meno che chiaro nella spiegazione.

certo che se questa ipotesi sul funzionamento fosse corretta aumenterebbe esponenzialmente il "troppo bello per essere vero" che come il topo col gatto, stuzzica ed esalta pure lo scetticismo (fino a quando non salta fuori il marchingegno funzionante).

benis67 ha detto...

@miau
Gli ho fatto qualche giorno fa una domanda sulla questione SSM e la risposta di Rossi è stata netta e smentisce l'ipotesi di John L.:
"the E-Cat, when operates, is always in ssm"

vincenzo da torino ha detto...

@Benis67. Credo sia in errore. L'ecat è in autosostentamento per il 65% e fermo per il 35% quando l'attivatore è in funzione.

benis67 ha detto...

@vincenzo da torino
Si, diciamo la stessa cosa: secondo Rossi, nel 65% del tempo è in SSM e produce calore; nel 35% del tempo è spento e non produce calore.

Neri B. ha detto...

Io penso che sia chiaro a tutti quelli che masticano un pò di numeri come ottenerre il COP globale.
L'elemento fuorviante è stato quando Rossi ha scritto che un Ecat assorbe 0,9 kW (35% del tempo ) e genera in SSM 1 kW (65% del tempo)
Se questi numeri sono veri il COP è quello di Benis poco superiore a 3 (non certo il 100 -200 che cmq rimane valido se si considera solo la fase SSM) Insomma io spero che Rossi abbia sbagliato altrimenti non mi spiego il COP del report di Pordenone che con un 30% di energia tagliata veniva comunque superiore a 10

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Ops... Hai ragione... Fuori dai condensatori non c'e' campo elettrico... :-)
Pero' sparando una tensione alternata sui due cilindri perche' non dovresti avere, per la durata della fase, quello che dice il paper?

Silvio Caggia ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Silvio Caggia ha detto...

@benis
Scusa, ma cos'e' che non va del calcolo che ho fatto io ieri qui e che indica un cop complessivo un po' sopra 100 (ed una produzione di energia zoppicante)?

Nei tuoi calcoli l'errore e' che dimentichi che l'e-cat ha cop 100-200, facciamo 150 come ho considerato nei miei conti, e quindi l'attivatore ha una potenza di 1/150 non pari a quella dell'e-cat!

Silvio Caggia ha detto...

@shine
Puoi linkare queste foto di nuovo gatto con diatermico? Non ne ho ancora sentito parlare!

Silvio Caggia ha detto...

@vincenzo bonomo
Mi puoi gentilmente indicare (e spiegare) le tre cose piu' importanti che da scettico ti hanno fatto diventare ottimista su keshe?
Mi piacerebbe poter fare altrettanto... :-)
Grazie

benis67 ha detto...

@Silvio Caggia
I miei conti derivano da quanto ha chiarito Rossi nel suo ultimo intervento:
Activator: “.. consumes abour 900 Wh/h and produces about 910 Wh/h of heat”
E-CAT: ” …works for about the 65% of the operational time, producing about 1 kWh/h without consuming any Wh/h from the grid”
in queste ipotesi ad esempio in 100 ore si ha
INPUT: 35h*900 Wh/h=31,5 KW
OUTPUT: 35h*910Wh/h + 65h* 1000 Wh/h=96,85 KW
COP=96,85/31,5=3,074

Saluti

tia_ ha detto...

>Pero' sparando una tensione alternata sui due cilindri perche' non dovresti avere, per la durata della fase, quello che dice il paper?

L'ho gia spiegato il perchè.
Si comporta come un normale condensatore cilindrico, con una armatura carica positiva (negativa) e l'altra negativa (positiva), alternandosi al variare della polarità del generatyore di tensione.

RED TURTLE ha detto...

SCOPRI LE DIFFERENZE (vinci la salute)...

http://it.ekopedia.org/Centrale_elettronucleare_LaSalle

http://it.wikipedia.org/wiki/Centrale_elettronucleare_LaSalle
----
Giancarlo Rossi (uno che per poco non venne bannato...)

Silvio Caggia ha detto...

@benis
Senza fare tanti calcoli si vede subito che se la potenza di uscita dell'e-cat fosse dello stesso ordine di grandezza della potenza in entrata ed il guadagno fosse solo nel tempo il cop sarebbe come dici tu circa 3, (ovvero 1+2, 1 dato dal topo stesso e 2 a gratis dall'e-cat).

Voglio pero sperare che rossi abbia sbagliato a scrivere la potenza in uscita dell'ecat di un paio di ordini di grandezza, cosi' come ci sono diversi errori di battitura nel testo, altrimenti non si capirebbe che vantaggio si avrebbe ad avere un cop 3 invece che 6, ad avere moduli da 1kW (ce ne vorrebbero 1000 per fare 1MW!). :-)

Ad essere precisi rossi non parla di potenza (non usa i Watt) ma di energia per ora (Wh/h) il che dovrebbe farti pensare molto peggio: l'attivatore consuma 900 Wh/h, ma poiche' per farlo sta acceso solo il 35% del tempo ha una resistenza da 900/.35W ovvero consuma 2571W (ma solo il 35% del tempo).
Analogamente l'e-cat produce 1000 Wh/h ma poiche' per farlo sta acceso solo il 65% del tempo ha una potenza di uscita di 1538W. Da nessuna parte sta scritto come i 910Wh/h siano erogati nelle due fasi, assumiamo che siano erogati in modo costante a 910W. Quindi nel complesso il modulo emette 910W per il 35% del tempo e 910+1538W per il 65% del tempo. Insomma scalderebbe come un ferro da stiro ballerino! :-D
Il cop sarebbe ancora piu' basso: (1000+910)Wh/h / 900Wh/h = 2.12 :-(

Ti ricordo che conclude con "Combining
these modules we can make E-Cats of 1 kW , 10kW, 100 kW, 1 MW , respectively, of power."
Quindi per fare 1MW proporrebbe un container con 1000 moduli ed un cop 2.12?!? A CHI?!?
E per fare e-cat da 1kW che fa? Ci mette un po' di ghiaccio sopra per raffreddare cio' che analizzavamo prima? :-D

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Non ci capiamo: lui non mette una fase della tensione alternata su un cilindro e l'altra fase sull'altro!
Lui mette la stessa fase su entrambi i cilindri cosi' che siano entrambi negativi simultaneamente. Dall'alternanza di fase negativa e positiva si ottiene lo "stiramento" della molecola :-)
In realta' e' un po' piu' complesso perche' vuole avere cariche proporzionali a ciascuna superfice per dare una spinta simmetrica, ma per adesso ignoriamolo.

tia_ ha detto...


>Lui mette la stessa fase su entrambi i cilindri cosi' che siano entrambi negativi simultaneamente.

Si buonanotte, cosi ha cortocircuitato le due facce ed intanto l'altro terminale del generatore sta bello flottante. Se invece sono due generatori distinti attaccarli o meno cambia nulla.
E' un paper scritto da uno che non sa come funziona un circuito elettrico.

Silvio Caggia ha detto...

@franco morici
Uno che come pseudonimo si fa chiamare Tamal Krishna das e' al 99% un appartenente agli hare krishna... :-)

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Mi spiace ma:
Le tue spiegazioni tecniche non le capisco, sono troppo sintetiche e dai per scontate un sacco di cose come se ti rivolgessi ad un ingegnere elettronico quando sai benissimo che a me manca l'abc.
Sui giudizi invece sciali come se non avessi ancora capito quello che pensi del paper e dell'autore.
Cosi' sei perfettamente inutile. :-)

C'e' un essere di buona volonta' che mi spiega perche' non puo' funzionare?

tia_ ha detto...

>Le tue spiegazioni tecniche non le capisco, sono troppo sintetiche e dai per scontate un sacco di cose come se ti rivolgessi ad un ingegnere elettronico quando sai benissimo che a me manca l'abc.

Un perito elettronico/elettrotecnico è piu che sufficiente.
Mi spiace ma non sono un insegnante e di certo non mi metterò ad insegnarti l'elettrostatica e l'elettronica: ci sono un sacco di libri se ti interessa l'argomento.

>Cosi' sei perfettamente inutile. :-)

L'unica cosa che è perfettamente inutile sono queste tue uscite.

Shine ha detto...

@shine
"Puoi linkare queste foto di nuovo gatto con diatermico? Non ne ho ancora sentito parlare!"

perchè secondo te se erano in rete non sarebbero già state rese pubbliche? Ti posso solo dire che nelle foto si vede un cilindrone di acciaio di diametro di circa un metro. All'interno, i vari hot cattini e l'olio diatermico per trasportare il calore prodotto in un altro cilindrone, passando da un manicotto blu...Dopo l'hot cat, il mega hot cat.

Naturalmente come al solito non funziona una cippa.

AC/DC ha detto...

@Shine
foto scattate nel solito capannone di Ferrara?

Silvio Caggia ha detto...

@tia
"Mi spiace ma non sono un insegnante e di certo non mi metterò ad insegnarti l'elettrostatica e l'elettronica"

E allora perche emetti giudizi in continuazione? Non c'e' un tuo commento che non ne esprima uno... Sei forse un giudice?
Di che non hai voglia o non sei capace di dare un perche' alle cose che affermi, qui di periti elettrotecnici ce ne sara' una misera percentuale, hai sbagliato blog, come sempre...

Silvio Caggia ha detto...

@shine
E dove le hai viste queste foto? C'e' un giro di foto in bianco e nero tipo quello delle donnine del secolo scorso? :-)
E perche' non funziona? Oh, hai aggiunto "come sempre", il che fa ben sperare... :-)

Tizzboom ha detto...

Sarà mica questa la foto?
http://i.imgur.com/abV2n49.jpg

Silvio Caggia ha detto...

@shine
Se usa un olio diatermico allora non e' un hot-cat ma un warm-cat. Ti hanno spacciato foto fasulle o con didascalie fasulle :-)

Shine ha detto...

@Caggia

ah ok. Se lo dici tu ci credo

Shine ha detto...

da notare l'abilità matematica e la furbizia sopraffina:

"
@shine
Ti faccio una proposta che unisce l'utile al dilettevole:
Scommettiamo sul fatto che ci sia notizia certa che un ecat di qualsiasi tipo sia stato comprato da qualcuno.
Se a novembre (2012 ndShine) non succede io verso su un escrow virtuale un euro per te. Se invece succede dai tu un euro a me e la scommessa finisce.
Ogni mese che passa raddoppiamo la posta.
Quindi se a dicembre non succede io verso 2 euro (e ti devo in totale 3 euro) se succede mi dai tu 2 euro.
In pochi mesi se non avviene la vendita tu potrai vantarti qui che ti devo un sacco di soldi ovvero 1+2+4+8+16+32+64+128+256+512+1024+2048+4096+8192...
Quando avvera' la prima vendita tu mi darai il dovuto meno quello che ti devo io.
Te la senti di scommettere cosi tanto?
Che ne dici?"

A giugno sono 128€. Anche se avevo rilanciato di partire da 16€, quindi sarebbero 1024. Ma tant'è...Caggia solo chiacchiere

Silvio Caggia ha detto...

@shine
Gli oli diatermici hanno punto di autoaccensione a 350 gradi, tu te la sentiresti di metterli in un hot-cat? :-)
http://www.tecnodistribuzione.it/Raccomandazioni.html

Shine ha detto...

@Caggia

stai parlando di un genio italico che arricchisce il nichel, catalizza le reazioni nucleari e adotta vernici rivoluzionarie...Cosa vuoi che sia inventare un olio diatermico da 1200° ??

tia_ ha detto...

>E allora perche emetti giudizi in continuazione? Non c'e' un tuo commento che non ne esprima uno... Sei forse un giudice?

Non sono stato io a chiedere un giudizio sul paper

>Di che non hai voglia o non sei capace di dare un perche' alle cose che affermi, qui di periti elettrotecnici ce ne sara' una misera percentuale, hai sbagliato blog, come sempre...

Io ho sbagliato blog?
Cioè tu chiedi il giudizio di qualche esperto su un paper, io e Briel ti spieghiamo pure il perchè è una baggianata, tu non capisci la spiegazione e te ne esci fuori con questa perla dopo che ti dico che non è mio compito fare l'insegnante?
Bel modo di ringraziare le persone che perdono tempo a risponderti, la prossima volta che chiedi aiuto agli "esperti" non lamentarti se nessuno ti risponde.

AC/DC ha detto...

@Shine
ti sei dimenticato la pastiglietta che rilascia idrogeno, la termalizzazione dei gamma e tante altre belle cose.

Ma d'altronde anche il Caggia nel suo piccolo è un genio indiscusso, riesce a spaziare in quasi tutti i campi della Scienza con estrema sicurezza, passa le giornate nella lettura del JONP dal quale trae preziosissimi spunti per elaborare le sue rivoluzionarie teorie... mica bazzeccole.

Silvio Caggia ha detto...

@shine
"da notare l'abilità matematica e la furbizia sopraffina"

Comincio a pensare che tu non abbia ancora capito, dopo mesi che ci pensi, che presto o tardi, quando la scommessa volgera' al suo fine, tu dovrai darmi comunque la differenza di 1 euro! :-D

Quell'euro lo incornicero' con sopra la tua foto ad imperituro ricordo.

Tu intanto fai bene a ricordare pubblicamente, come pattuito dalla scommessa, quanti soldi ti devo... :-)

Silvio Caggia ha detto...

@shine
Ma perche'? Te l'ha detto rossi in persona che quello che vedi (solo tu attualmente) nelle foto e' proprio olio diatermico e degli hot-cat? :-)

Silvio Caggia ha detto...

@tia
Penso che la maggior parte delle persone che ci legge qui non abbia capito, come me, i motivi per cui quel coso non possa funzionare, se cosi' non fosse: c'e' un'anima pia volta al sacrificio che mi traduce, in termini comprensibili per un povero deficiente come me, cosa ha detto tia riguardo il perche'? :-)
E, ripeto, c'e' qualcuno che abbia qualche idea di come questo tizio abbia potuto descrivere il 6 marzo 2012 un oggetto fatto come l'hot-cat (almeno nell'esteriorita') quando l'hot-cat non era stato ancora inventato da rossi?

Silvio Caggia ha detto...

@ac/dc
Grazie della stima, ma sei troppo buono, piu' che genio indiscusso sono un genio molto discusso, secondo alcuni addirittura discutibile... :-D

benis67 ha detto...

Mi sa che ci avevo visto bene: semplicemente Rossi aveva sbagliato scrivendo che il Modulo E-Cat fosse da 1 kWh/h invece che da 10 kWh/h (è da sempre che il modulo base è da 10KW :-) ).
Rifacendo i conti si ottiene quello che avevo scritto ieri pomeriggio: COP=21 circa.

Infatti in 100 ore si ha in media:
Output Activator= 35*0,91=35,85 KW
Output E-Cat= 65*10=650 KW
Input Activator= 35*0,90=31,5 KW
COP=(650+31,85)/31,5=681,85/31,85=21,65
...ovviamente il tutto sulla carta :-)..

http://www.e-catworld.com/2013/05/a-correction-makes-a-difference-in-cat-and-mouse-discussion/

Shine ha detto...

"tu dovrai darmi comunque la differenza di 1 euro!"

Solo se l'eCat viene venduto e funziona. Una meno probabile dell'altra. Ma i soldi su escrow li stai versando?

Spat ha detto...

@ Shine
Mi pare che hai molto tempo libero se posti solo per bisticciare con Caggia.
Piuttosto scrivi cose più interessanti, tipo come hai fatto a vedere quella foto di cui parlavi, perchè te l'hanno mostrata, chi te l'ha fatta vedere, che test è stato fatto visto che il dispositivo non funzionava, e via di questo passo.

Alessandro Pagnini ha detto...

"Mi sa che ci avevo visto bene: semplicemente Rossi aveva sbagliato scrivendo che il Modulo E-Cat fosse da 1 kWh/h invece che da 10 kWh/h (è da sempre che il modulo base è da 10KW :-) )."

Non ci sto più capendo niente. Ho giornate convulse e che cerco in 10 minuti di leggere decine di post qui e sul jonp e di farmi un'idea e la conseguenza è che sto facendo confusione. Ma allora che ne è della tigre, il modulo da 100KW da 200Kg di peso? E' semplicemente una sotto taglia del primo E-CAT da 1MW, ovvero e solo una versione con 10 gattini, anziché 100, o è davvero una unità più grossa? Sì mi immagino di star facendo una gran confusione....correndo troppo sto perdendo il filo :-(

Silvio Caggia ha detto...

@benis
Mi sto facendo un sacco di risate con questa storia del cop... Sembra uno di quegli indovinelli di daniele... :-)
Ora senti questa risposta:
Rossi ha confermato (dice l'articolo) che la produzione di energia di output del modulo e' 10kWh/h, e questo necessariamente al netto di percentuali di tempo in cui e' attivo o meno qualcosa al suo interno, vedilo come una produzione media globale. Poiche' rossi ha anche detto che il consumo di energia e' 900Wh/h (nota: NON ha detto che la potenza di assorbimento e' 900W quando l'attivatore e' acceso!) ne consegue che il cop e' banalmente 10.000/900 = 11,11.

Questo spiega anche perche' sono dovuti venire 11 professori per certificarlo... Un cop per ciascuno non fa male a nessuno! :-D

Seriamente: l'aver diviso i due componenti del modulo ed insistere che la parte e-cat produce calore senza assorbire energia ma solo per la "presenza" dell'attivatore in fase di ssm deve far riflettere sulla natura della reazione... Che cosa gli passa realmente l'attivatore? Non energia, quella gliela passavano bene gia' le resistenze, no? Gli contagia "l'essere in stato ssm"... Ma che significa? Qualche idea? (Si astengano pronunciatori di giudizi, grazie)

@franco morici
Ci spieghi tu la differenza tra Wh/h (wattora per ora) e W (watt)? Grazie

Silvio Caggia ha detto...

@shine
Come tu hai giustamente riportato il testo della scommessa recitava:
"Scommettiamo sul fatto che ci sia notizia certa
che un ecat di qualsiasi tipo sia stato comprato
da qualcuno."
Sono buono ed intendo "certa" per te, ovvero che tu sia convinto che qualcuno lo ha comprato, io come sai ne sono gia' convinto... :-)
Che funzioni non c'e' scritto, ma se qualcuno lo compra e non glielo tira dietro assumiamo che almeno per lui funzioni, no?

Spero che tu ti sia reso conto che la scommessa non finisce prima ed in altri modi quindi scordati di poter in alcun modo ricevere i soldi che comunque come giustamente scrivi io attualmente "ti devo".

L'escrow e' virtuale, come ben indicato, e sei proprio tu che tieni il conto mensilmente di quanto vi ho versato :-)

Parole, parole, parole? Certo... Tranne l'euro che presto o tardi mi dovrai dare! :-D
Ti prego di continuare a ricordarlo a tutti ogni mese qui, e' tuo diritto ("tu potrai vantarti qui che ti devo un sacco di soldi"). :-D

Silvio Caggia ha detto...

@alessandro pagnini
Non c'e' niente da capire... Il cop del modello a due livelli non centra niente con la potenza maggiore del tiger. Sono due cose indipendenti. Rossi sta dicendo che ha imparato a tenerlo stabile con cop piu' elevati e sta anche dicendo, indipendentemente da questo, che ha imparato a fare gatti piu' grossi.
Ad oggi possiamo anche supporre che riesca a fare le due cose simultaneamente visto che dice che il modello tom&jerry lo sta applicando a tutti (tranne secondo me ai vecchi e-cat 1MW bassa temperatura gia' in commercio).

Spero che mentre tu cerchi di capire rossi se ne esca con i primi risultati del cop del futuro onion-cat con cop "billions", potenza da 1GW e consumo di un lumino da cimitero :-D

«Meno recenti ‹Vecchi   1 – 200 di 236   Nuovi› Più recenti»

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails