Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

sabato 23 marzo 2013

La verità delle idee innovative


Domenica 10 marzo 2013, sulla terza de Il Sole 24 Ore è stato pubblicato un articolo intitolato: “La verità delle idee innovative”.
Si tratta della replica e delle precisazioni del prof. Alberto Carpinteri agli "sbigottiti e allarmati" Roberto Battiston, Giovanni Bignami, Fernando Ferroni, Alessio Guglielmi, Giorgio Parisi e Giancarlo Ruocco, che il 21 ottobre 2012 avevano ottenuto di fare pubblicare sul quotidiano della Confindustria un loro pamphlet intitolato Pseudoidee generano querele” (lo trovate in questa rassegna stampa) in cui - a mio modesto, inconsistente ed incompetente avviso, naturalmente - gli autori erano più tesi a recitare il ruolo di inquisitore che quello di scienziato.

Perché sono passati quasi 5 mesi dal primo al secondo articolo? Duole dirlo: secondo quanto appreso in ambiente del Politecnico di Torino, il prof. Alberto Carpinteri ha dovuto conquistarsi per via legale questo diritto di replica.

PRECISAZIONI
La verità delle idee innovative 
In merito all'articolo «Pseudoidee generano querele», pubblicato su questo quotidiano il 21 ottobre 2012, desidero precisare quanto segue.
1) Non ho inserito nel mio curriculum titoli accademici a pagamento: non ne ho alcun bisogno. 
Sono il docente del Politecnico di Torino con l'indice scientifico più elevato (h=31);
ho più di 750 pubblicazioni di cui oltre 300 su riviste internazionali Isi;
ho presieduto tre importanti società scientifiche internazionali; 
ho vinto premi prestigiosi nel mio settore (L'Hermite, Griffith, Swedlow, Paris). 
2) I risultati sui fenomeni piezonucleari li ho pubblicati su ottime riviste, tutte con impact factor piuttosto elevato. L'eventuale confutazione dei miei esperimenti dovrebbe essere effettuata replicandoli identicamente, non analizzandone sporadicamente ed erroneamente solo alcuni dati. 
3) Non è vero che io abbia organizzato un convegno per fare lobby e ottenere finanziamenti pubblici, ma solo per informare e discutere tra scienziati interessati all'argomento, come dimostra il fatto che non ci fossero esponenti né di amministrazioni locali né di partiti politici e che non abbia ottenuto alcun finanziamento. 
4) Ho proposto, e non imposto, la ricerca piezonucleare all'Inrim (Istituto nazionale di ricerca metrologica) approvata all'unanimità dal consiglio di amministrazione. Nonostante tutto ciò, al posto di un aperto e civile dibattito scientifico, mi sono trovato di fronte a una campagna diffamatoria e persecutoria. 
5) Desidero infine sottolineare come le reazioni piezonucleari appaiano essere ripetibili e della massima utilità per spiegare diversi fenomeni non ancora compresi. 
Ritengo che questi attacchi, prima ancora che alla mia persona, siano nocivi nei confronti di ricerche che potrebbero risultare importanti e strategiche per il nostro Paese.  
Alberto Carpinteri
Presidente Inrim
***


Sarebbe doveroso che la pubblicazione di questo articolo trovasse riscontro ed eco sul web, almeno quanto i tanti pseudo articoli che hanno popolato svariati blog e pseudoblog basandosi essenzialmente su diffamazioni e giudizi non scientifici.

Ed è ormai un paio d'anni ormai che 22 passi d'amore e dintorni si occupa spesso, nei limiti del poco tempo che posso dedicargli, proprio a puntualizzare gli eccessi commessi da chi, quanto più si esalta nel credersi "amico della scienza", tanto più si rivela scientista e "amico di merenda" di pseudolobby accademica in guerra contro la cosiddetta pseudoscienza. Una parola - pseudoscienza  - sempre più abusata e piegata a logiche di parte, un bollino pass-partout appiccicato a qualsivoglia ricerca troppo oltre le conoscenze consolidate per potere essere accettata, se non lentamente, col progressivo ricambio generazionale degli scienziati "ortodossi" e l'arrivo di nuove leve dalla mente più aperta. Una piccola guerra tra l'evidenza sperimentale e la forza delle teorie accreditate, che sembra rispecchiare il parallelo tra ricerche escluse dai finanziamenti e ricerche, al contrario, finanziate fin troppo: se l'agenda dei finanziamenti fosse costruita in base a ferree logiche galileiane le cose andrebbero diversamente. Ma come oggi gli equilibri geo-politico-economici tra Nord e Sud del mondo stanno saltando, in modo modo simile stanno saltando gli equilibri all'interno della comunità scientifica... è solo questione di tempo.

Per inciso, la replica di Carpinteri, firmata il 10 marzo scorso da un Presidente Inrim ancora in carica, dimostra per l'ennesima volta la consistenza pseudogiornalistica di chi, il 25 dicembre scorso scriveva: "Ieri l’Istituto Nazionale di Ricerca in Metrologia è stato commissariato". Un riepilogo abbastanza esaustivo della vicenda, scritto a puntate su 22 passi, è stato ripubblicato su Nexus con il titolo "Piezopoli o gioco dell'Oca?". Ovviamente un procedimento amministrativo si conclude con l'ultimo atto del suo iter, non col primo, almeno negli stati di diritto... ma vallo a spiegare a chi scrive per compiacere l'ego e i suoi pseudopigmalioni.

Intanto, mentre in Italia è di moda mettere all'indice ogni ricercatore che si occupa di LENR, anche su Phisycstoday (ringrazio Nemo per la segnalazione) si continua a discutere dell'ospitalità che le LENR trovano presso la NASA... to be continued... 

P.S. Visto che va di moda tra i migliori scienziati abusare del termine pseudo, ho deciso di fare altrettanto in questo post!


22passi.blogspot.com: post n. 2067 (-155)

36 : commenti:

E.Laureti ha detto...



“Viviamo in un regime di inquisizione in cui l’arma più frequentemente impiegata contro la realtà non conformista è il disprezzo accompagnato dallo scherno.”

L. Pauwels & J. Bergier, Il mattino dei maghi

robi ha detto...

incredibile libro "il mattino dei maghi"per chi lo lesse negli anni 70

Virgilio Catanzano ha detto...

ottimo post,prevedo che sara´ fonte di accese discussioni!

Virgilio Catanzano ha detto...

vediamo tutti questi pseudofurbacchioni come reagiranno adesso!quando si toccano determinati interessi non esiste dio e non esistono santi.

spero che il cambiamento di cui parla daniele avvenga presto e completamente ma vedo che troppa gente ha ancora una mentalitá limitata e chiusa per dare davvero una spinta decisiva verso un mondo migliore.c´é troppa ignoranza in giro...speriamo di non ritrovarci una santa inquisizione scientifica...

Robbins ha detto...

@Virgilio Catanzaro
"quando si toccano determinati interessi non esiste dio e non esistono santi."
E la Sindone dove la mette?

Daniele Passerini ha detto...

@E. Laureti
Ottima citazione, da un libro che adoro.

@robi
Concordo, Il mattino dei maghi è un libro fantastico e anche se ha i suoi anni se li porta molto bene: ne consiglio caldamente la lettura (io l'ho letto una decina di anni fa... ci sono arrivato un po' tardi).

@Virgilio Catanzano
ottimo post,prevedo che sara´ fonte di accese discussioni!
Grazie, più che accese io spero che susciti tranquille e intelligenti discussioni... di solito questi post sono per i troll quello che sono i fiori per le api.

@Robbins
E la Sindone dove la mette?
Sei troppo intelligente per non sapere che se si potesse spulciare il curriculum del migliore ricercatore del mondo, pure in quello si troverebbe qualche passo falso. In altre parole. usare quell'articolo come esemplificativo della carriera intera di Carpinteri è un argomento decisamente poco significativo.

Paul ha detto...

Anche Josephson crede a telepatia ecc.
Ed Einstein anadava in giro senza calzini ed era un pessimo marito.
Ecc. ecc.
Ma ciò non toglie nulla al loro valore.

Robbins ha detto...

@Daniele Passerini
E' proprio per questo che mi preoccupo: cosa sta succedendo a Carpinteri?
Poi: ieri ho dato un'occhiata alle opere di Enrico Fermi e, anche spulciando, non ho trovato riferimenti né alla Sindone né ad altre reliquie. Si racconta che, sul letto di morte, Enrico calcolasse a mente la durata della flebo dalla frequenza delle gocce. Come vedi, il mondo è molto vario e - se devo dire - Fermi mi piace di più di Carpinteri e del suo laboratorio "cristiano". Che c'entra il Vangelo con la metrologia?

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Robbins ha detto...

'Quid autem vides festucam in oculo fratris tui trabem autem quae in oculo tuo est non consideras' Luca 6:41
Dedicato a chi - nel proprio crepuscolo - non si accontenta di ricordi e parla di linguistica comparata senza aver mai letto una parola di De Saussure, o cita Ockham a sproposito, non sapendo cos'è la 'suppositio' o il nominalismo. Figuracce in pubblico, come quella di chi riporta gli "Exercitia spiritualis" dal testo chirografo, dimostrando di ignorare che fu proprio Sant'Ignazio a comandarne la traduzione in latino, e che l'originale spagnolo, pubblicato a stampa un secolo dopo, non è mai stato testo di devozione o di studio della Compagnia. E poi parlano di errori da dilettanti ... Ah, il Qoelet: 'Vanitas vanitatum et omnia vanitas'.

piero41 ha detto...

In un prossimo futuro, forse , dovrebbero uscire le famose pubblicazioni di terzi sugli apparati di Rossi che sappiamo in passato sono stati “vicini” a UniBo. Prima di conoscerne l’esito credo sarebbe importante sapere da Daniele22 se in quell’università vi siano stati riconoscimenti ufficiali o siano in essere ricerche sull’esistenza di tali fenomeni (Lenr). Lui ha già più volte ripetuto di aver certe informazioni; è evidente che non può nuocere alle sue fonti, ma potrebbe almeno raccontare sue testimonianze personali magari legate a fatti, eventi reali a testimonianza. A quanto possiamo vedere ufficialmente risulta che il prof Giuseppe Levi, laureato in fisica nucleare ecc, ad UniBo viene attualmente utilizzato in insegnamenti di elettronica ed informatica quindi … ..
http://www.unibo.it/docenti/giuseppe.levi

Allora, risulta a Daniele che in UniBo sia dato credito concretamente al fenomeno Lenr o anche là si sia seguito l’esempio della Sapienza? Così per esser pronti ad ammirare la lungimiranza dei responsabili che avrebbero impedito lo spreco inutile di fondi pubblici se quelle certificazioni dovessero dar loro ragione come asseriscono di là.. Certo che tali responsabili al contrario dovrebbero assumersi tutte le loro incapacità in caso contrario senza possibilità di rapidi possibili passaggi sul carro del vincitore .
Purtroppo penso che esista anche la possibilità che tutta questa storia non trovi ne una verifica ne una smentita chiara ma venga sempre più affossata nel famoso “ muro di gomma” proprio per dar modo ai poteri economici e finanziari di riadattarsi secondo i loro ritmi del profitto … Proprio per questo , forse ormai in fase di chiusura , sarebbe bene ripeto, che Daniele si spendesse a demistificare anche per lo e-cat quanto si è speso in difesa del piezo. A meno che anche a lui “qualcuno” non abbia suggerito di lasciar un po’ perdere il blog…... ma non esageriamo ehh!! …. :-P

mario massa ha detto...

Riporto le ultime righe del “famigerato” articolo:

“Caro prof. Carpinteri, si dimetta da presidente dell’INRIM, perfezioni le Sue misure e le pubblichi su riviste dignitose. E se per caso andranno diversamente da come si aspetta, le pubblichi insieme ai Suoi critici più severi, come ha fatto la biologa Judy Mikovits…. Prof. Carpinteri, torni a essere uno scienziato, lo faccia per il bene di tutti.”

Credo nelle misure e solo in quelle. Ma misure fatte bene. Se sei uno scienziato e tuoi colleghi criticano le tue misure e ti chiedono di rifarle non puoi tirarti indietro. Rossi, che si proclama semplice industriale, può rifiutarsi. Uno scienziato non può, o deve chiamarsi fuori dalla comunità scientifica.

L’articolo chiede la pubblicazione su riviste dignitose: ai complottisti che ritengono la cosa impossibile rispondo che se le misure sono ineccepibili le puoi pubblicare anche solo in rete (per esempio su ResearchGate) e la comunità scientifica non le ignorerà.

La Scienza non è democratica, ma la comunità scientifica sì: se buona parte di essa ti critica non puoi fare la vittima o dire “zitti, siete voi che non capite nulla”. Devi umilmente lavorare per dimostrare la correttezza delle tue affermazioni. E se dimostrerai di avere ragione, state certi che anche i critici più severi ti faranno gli onori.

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Robbins ha detto...

@Mario Massa
Osservazioni chiarissime e buone, se posso permettermi.
Noto però che:
- Quando si passa dalle enunciazioni di principio alla prassi di laboratorio molte buone intenzioni si scontrano con difficoltà esterne alla tecnica, difficoltà di origine, diciamo così, storico-politica.
- Il Nostro non si è limitato a proporre esperienze, ma le ha confezionate in papers in cui, oltre a dare spiegazioni curiose, si è allargato troppo, proponendo ad es. un modello di arricchimento dell'alluminio lungo le linee di frattura della crosta troppo ardito rispetto ai dati.
- Il metodo che Lei propone contempla la sollevazione con forconi di mille colleghi, tramite istigazione via blog di dilettanti vanitosi e giornaliste approssimative?
E' questo uno degli schemi di falsificazione delle teorie empiriche individuato da Popper, a garanzia della loro consistenza logico-induttiva?

Mi chiedo quali titoli scientifici abbia la giornalista: dove ha pubblicato i propri lavori sulla frattura? Qual'è il suo rank su Scopos?
Si dice faccia teatro. Si tratta di titolo scientifico dirimente all'emissione di censure tecniche, nello schema razionale della peer-review?

Il caso nella sua interezza suggerisce la presenza di un cialtrone, molti cialtroni, una cialtrona - e conferma la temperie morale della nostra accademia, quella della delazione e delle liste di proscrizione.
Un elenco analogo è stato firmato nel '38 da seicento 'scienziati', con consequente licenziamento dei traditori (meno di trenta) e dei giudei.
Nel dopoguerra tutti zitti, e Severi ha mantenuto la cadrega. Proprio quel Severi che, come espulsore di Enriques, avrebbe meritato un calcio nelle terga e il silenzio, invece della promozione a presidente del repubblicano Istituto Nazionale di Alta Matematica.
Oggi Carpinteri è alla gogna ... si dice che scriva non formule ma figure retoriche (ed è vero), altri ne fanno di peggio e nell' indifferenza generale. E allora, perché? Già, perché a lui il calcio e ad altri le carezze?

Daniele Passerini ha detto...

@Robbins
Pienamente d'accordo!!!

bertoldo ha detto...

"Oggi Carpinteri è alla gogna ... si dice che scriva non formule ma figure retoriche (ed è vero), altri ne fanno di peggio e nell' indifferenza generale. E allora, perché? Già, perché a lui il calcio e ad altri le carezze?"

Perchè lui è un cattolico-cristiano mentre gli altri sono lecchino-sionisti !?

Robbins ha detto...

@Bertoldo
Antonino Zichichi (certamente cristiano-cattolico) la gogna non l'ha avuta. Anzi.
Quindi direi che il criterio "cristiano-cattolico" non è dirimente.

Puffo trollatore ha detto...

>Perchè lui è un cattolico-cristiano mentre gli altri sono lecchino-sionisti !?
Troppo rigida questa suddivisione!
Dimentica che ci sono pure
catto-sionisti, lecco-cristiani, catto-lecco (detti anche ciellini), sion-lecco, sion-catto, catto-e-basta, lecco-e-basta, catto-sion, *.*, eccetewa, eccetewa.
P.S. Lo scemo del paese non capisce l'ironia e s'incazza abbestia. Ah! Per carità non offritegli da bere, nemmeno un bianchino, perchè poi fa casino e magari passate pure di guai. Ciaooooooooo

mario massa ha detto...

@Robbins
Il confronto con il caso Severi - Enriques mi sembra fuori luogo. In questi pezzi di Notices of AMS del 2011 e 2009:

http://www.ams.org/notices/201102/rtx110200240p.pdf

http://authors.library.caltech.edu/16230/1/fea-goodstein.pdf

si legge che Enriques subì la conseguenza delle infami leggi razziali ma B. Segrè (assistente di Severi, poi suo successore a Roma, profugo in Inghilterra per le stesse leggi) dopo la guerra difese fortemente Severi dall’accusa di aver cavalcato tali leggi tanto meno per allontanare Enriques. Il fatto che, dopo aver firmato il manifesto antifascista di Croce, si convertì pienamente al fascismo mi pare possa accusarlo di opportunismo, ma mi risulta che nessuno mise mai in dubbio la sua rettitudine morale (neppure Castelnuovo che pure impedì la sua rielezione all’INDAM fino al 1948 dopo l’amnistia).

Scusatemi ma qui non ci sono di mezzo leggi razziali o cose simili: qui si parla di dichiarazioni sconvolgenti non sufficientemente supportate: una cosa molto più semplice. Per favore non buttiamola in politica.

Robbins ha detto...

@Mario Massa
Severi sostituì Enriques alla Sapienza.
Basta questo - e l'aneddotica non passa nei documenti scritti.
Nel caso di Attilio Momigliano, il grande italianista che insegnava a Firenze, Luigi Russo, che era suo assistente, rifiutò la promozione/sostituzione, perché ritenne sarebbe stata una porcata.
Come vede, due comportamenti, due diverse responsabilità. Lei ha mai conosciuto qualcuno che abbia vissuto la vita accademica di quegli anni? Io sì, e le assicuro che certi distinguo sui documenti è meglio lasciarli a chi ha la faccia tosta e l'interesse a farli.

Accolgo volentieri il suo invito a non buttarla in politica: mi parli piuttosto, con la precisione che la contraddistingue, della preparazione scientifica dei giornalisti del Sole 24ore. Che titoli di studio hanno, con chi si sono laureati, con che argomento di tesi ecc.? A quale selezione si sono sottoposti per mosconeggiare sul posto che occupano? Mi sembra che queste domande non offendano la sensibilità di nessuno.

Franco Morici ha detto...

Mario Massa wrote:
qui si parla di dichiarazioni sconvolgenti non sufficientemente supportate: una cosa molto più semplice. Per favore non buttiamola in politica.

Questo mi pare un elemento che dovrebbe essere centrale della questione.
Secondo me a poco serve continuare nei battibecchi e nella contrapposizioni tra schieramenti.

Non ricordo le parole esatte, ma qualcuno più ascoltato e autorevole di me disse:
la scienza non si fa sui Blog
Da sempre si sostiene che 22passi non è un Blog scientifico, ma almeno potrebbe farsi promotore e fare da coagulo nei confronti di coloro che supportano la tesi e scientificamente volessero replicare gli esperimenti di Carpinteri in questione.

Daniele Passerini ha detto...

@Robbins
...della preparazione scientifica dei giornalisti del Sole 24ore. Che titoli di studio hanno, con chi si sono laureati, con che argomento di tesi ecc.? A quale selezione si sono sottoposti per mosconeggiare sul posto che occupano?
Qualcuno dice che quei giornalisti non abbiano nemmeno una laurea, io naturalmente non ci credo... chi mai gli permetterebbe di scrivere di scienza con tale sicumera su testate importante altrimenti?! È vero che in internet non si riesce a trovare un CV su di loro, a parte due righe scarne che non dicono nulla... ma sono certamente io a non essere capace a usare google.
Figurati che io stesso, che comunque nel mio piccolo gli esami del biennio di ingegneria li detti e una laurea triennale in Servizio Sociale e una quadriennale in Scienze politiche le presi, non sono ritenuto capace nemmeno di scrivere su un blog. Figuariamoci se quei giornalisti lì non sono plurilaureati.

Daniele Passerini ha detto...

ERRATA CORRIGE
testate importanti

Robbins ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Franco Morici ha detto...

@ Robbins
Il problema è che i papers del contendere sono straordinariamente deboli, quasi ingenui...e sono stufo di ripeterlo, è che un paper sbagliato NON implica che il fenomeno non esiste

Bene, senza perdersi in chiacchere, gli studiosi-sperimentatori che credono che vi sia comunque un fondamento, effettuino delle repliche scientifiche indipendenti per dimostrare l'esistenza del fenomeno.
In base ai risultati ottenuti si potrà capire come stanno effettivamante le cose.

Robbins ha detto...

@Franco Morici
Il problema è che i papers del contendere sono straordinariamente deboli, quasi ingenui, direi.
Altro problema è che non si censurano gli scienziati con le petizioni - non si tratta di democrazia ma di totalitarismo. Siamo alle liste nominali di proscrizione. A quando i treni per il Gulag?
Altro problema, e sono stufo di ripeterlo, è che un paper sbagliato NON implica che il fenomeno non esiste.
Esempio: di teorie sull'origine dei raggi cosmici ce ne sono molte, alcune possibili, altre no, ma i raggi cosmici hanno continuato a pioverci sulla testa.
Visto che ci siamo, vorrei che qualcuno dei difensori dei fondi pubblici mi parlasse dell'acceleratore progetto di bandiera dell'Infn e dei suoi "design update".
Mi chiedo perché ai proscritti tocchino calci negli stinchi, mentre agli amici di Viale dell'Astronomia si tributano affettuosi silenzi.

Franco Morici ha detto...

Per chiarezza di lettura, il mio commento delle 20.55 si riferisce al primo commento Robbins, riscritto poi alle 20.57.

sandro75k ha detto...

io la penso come Franco Morici.... le chiacchiere stanno a zero dall'una e dall'altra parte.... si replichi, punto.

GabriChan ha detto...

Sandro, in teoria è giusto quello che dici tu e Mario Massa, in pratica però chi è in grado di replicare?
Chi ci metterebbe la faccia ora, visto i trascorsi?...io ho molta fiducia nella scienza, molto meno negli uomini.
Se consideri che c'è qualcuno che non accetta o forse non capisce neppure il sacrosanto diritto di replica, da parte di una persona che è stata attaccata su tutta la linea, sia in ambito lavorativo che in quello personale.
Per quanto riguarda il lavoro ci sta, fa parte del gioco, ma è intollerabile quello sul piano personale.
Il mio augurio è che prima o poi si riprendano gli esperimenti perché come già detto la scienza la si fa nei laboratori non sui blog e poi si valuteranno i risultati, alla fine sono quelli che contano.
Nei blog al limite si viene bannati... hehehe
perché si dice ad un vecchio paranoico che è un vecchio paranoico e la verità come sempre fa male.


mario massa ha detto...

@sandro75
"si replichi, punto"

Ma quel famoso progetto di cui mi parlavi che fine ha fatto?

sandro75k ha detto...

@Mario Massa

mi sarebbe piaciuto coinvolgere qualche amico e te in primis per spaccare qualche roccia ma la crisi sta facendo una strage... io sono "morto" da tempo.... :)

bertoldo ha detto...

@Robbins
Antonino Zichichi (certamente cristiano-cattolico) la gogna non l'ha avuta. Anzi.
Quindi direi che il criterio "cristiano-cattolico" non è dirimente.

Ma Zichichi non dice nulla di "rivoluzionario " e non mette in nessun modo in dubbio il dogma della religione Einstein-sionisti ...In questo caso i sionisti utilizzano Einstein come propaganda per la superiorità della razza ...se cade , il sionismo non esiste più , o meglio non esiste più l'assioma ebreo-intelligenza su cui si basa la propaganda ma non solo , cade letteralmente il blocco totale allo sviluppo di nuove teorie ,fallaci come quella di Einstein , ma capaci di aprire nuove prospettive e superare l'invalicabile .In poche parole il predominio globale che hanno adesso scomparirebbe pressoche immediatamente e tutto quello che si accumulato negli anni esploderebbe quasi immediatamente , in un nuovo rinascimento . Chi la scriverà la prima pagina sul libro d'Oro ?

bertoldo ha detto...

Zichici ultimamente ha detto che vuole ancora le centrali nucleari ...solo dà questo si capisce il valore dello"scienziato" ...

bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails