Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

domenica 17 febbraio 2013

Il Caos è il momento che precede la Creazione

 ...cosa succederà negli anni futuri?
Dopo l'era industriale da noi ci sono stati i grandi processi.
Quali processi?
Chi fabbricava prodotti nocivi per la salute degli umani, degli animali e delle piante, è stato accusato di genocidio e crimini contro il pianeta.
Ah sì? E chi?
Le industrie agroalimentari e chimiche, i fabbricanti di armi, tabacco e alcool, le industrie farmaceutiche e nucleari, i costruttori di automobili, gli architetti, medici, e politici che si erano arricchiti lasciando fare. 
Migliaia eh!?
È stata la guerra civile e poi il boicottaggio...
Boicottaggio?
Tutto quello che era stato nocivo per la salute non si comprava più o si buttava. Fu l’arma vincente: senza vendite niente potere, l’esercito e la polizia erano impotenti… quell’epoca fu chiamata il “caos pre-Rinascimento”.
Da "Il Pianeta verde" (1996) di Coline Serreau

A chi non sapesse di cosa sto parlando, consiglio naturalmente di dedicare un'ora e mezza della propria vita a questo ispirato quanto divertente film di 17 anni fa, probabilmente ancora più attuale oggi di quando fu girato.

Un film saggio? Molti diranno di sì. Un film ingenuo? Molti diranno di sì. Un film senz'altro adatto a riflettere sulla follia quotidiana che ci circonda e di cui facciamo parte, quella follia che per educazione, socializzazione e assuefazione non percepiamo quasi più.


22passi.blogspot.com: post n. 2037 (-185)

6 : commenti:

ravecarl ha detto...

Grazie
Ho passato parecchi anni in uno stato di lingua francese. Ma di questo film non ho mai visto traccia.
Eppure riconosco tanti attori francesi.

Briel ha detto...

In Francia è conosciuto.
Il titolo originale è : "La Belle Verte"

Briel ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Silvio Caggia ha detto...

Bel film, l'avevo visto un paio di volte. Indimenticabile il sistema di telecomunicazioni ad acqua... :-)

In tema di fantascienza e attesa vi segnalo il cortometraggio "afterville" del 2008, molto carino... :-)

bertoldo ha detto...

Aspetta a parlare prima che l'illusione (di un mondo migliore)si sia mossa ...intanto il caos significa guerra e distruzione ...

bertoldo ha detto...

Un sensore collocato sul drone può vedere oggetti di 15 cm da un’altitudine di circa 6000 metri.

di Paul Joseph Watson - Infowars.

La videocamera di sorveglianza ARGUS-IS da 1,8 miliardi di pixel, altrimenti nota come Area Persistent Stare (“sguardo fisso permanente sull’area”, NdT) è stata sviluppata dalla BAE Systems quale parte del contratto con la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA). Attraverso l’uso di 368 videocamere da cellulari da cinque megapixel, il sistema può essere adattato a un velivolo telecomandato e si può perfino progettare di incorporarlo all’interno del prototipo di drone solare Eagle, in grado di restare in volo per anni. Il video richiamato in questo articolo ci mostra l’inventore del sistema ARGUS,Yiannis Antoniades, della BAE Systems, mentre descrive il modo in cui il sistema equivale ad avere «fino a 100 droni di tipo Predator che controllano insieme un’area grande quanto un media città», e come il sistema possa tracciare qualsiasi oggetto in movimento in un’area di 38 chilometri quadrati: chiunque cammini per strada, perfino qualsiasi uccello in volo nel cielo, nonché oggetti sul terreno di appena 15 centimetri.

L\'Adobe Flash Player non � installato o � piu vecchio della versione 9.0.115!
Scarica Adobe Flash Player cliccando qui

«Qualsiasi oggetto o soggetto in movimento è automaticamente identificato. Puoi vedere gli individui che attraversano la strada, o quelli che camminano nei parcheggi. C’è in effetti abbastanza risoluzione da poter vedere le persone che muovono le proprie braccia e notare quali abiti indossino», dichiara Antoniades.

Il sistema può archiviare un milione di terabyte di video al giorno, 5mila ore di registrazioni video in alta definizione, mentre invia in tempo reale il filmato a una postazione a terra. ARGUS può «zoomare e vedere fino a un incredibile livello di dettaglio».

I particolari del progetto, intrapreso nel 2007, sono stati diffusi solo recentemente, dopo che il Governo ha revocato l’ordine di riserbo, ma il sensore in sé resta materiale classificato e non può essere fotografato.

Antoniades si ha rifiutato di fare commenti in merito al fatto che il sistema sia stato già dispiegato sul campo oppure no, ma ha affermato: «Non ho la facoltà di discutere dei piani del Governo, ma se avessimo questa scelta, ci piacerebbe che ARGUS sorvegliasse un’area fissa per 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana» e ha aggiunto che i droni sarebbero una «piattaforma ideale» per quel sensore.

«Ci stiamo muovendo verso una società sempre più elettronica, in cui tutti i nostri movimenti saranno tracciati», ha dichiarato Mary Cummings, dell’Humans and Automation Lab presso il MIT.

Gli esperti prevedono che ci saranno 30mila droni di sorveglianza nei cieli americani entro il 2020 a seguito della legge approvata lo scorso anno dal Congresso, che consente l’uso di droni spia sul suolo patrio.

«Adesso: considerate questa tecnologia all’interno del contesto degli attacchi extra-giudiziali attuati con i droni, le cui singole azioni sono decise e intraprese da sistemi di intelligenza artificiale in base a parametri che determinano in modo automatico se tu sei o meno una minaccia, e potrete rendervi conto di quanto diventeranno pericolosi dei droni armati con simili sistemi di rilevamento delle immagini», scrive Max Slavo.


Traduzione per Megachip a cura di Pino Cabras.

Fonte: http://www.infowars.com/new-surveillance-system-tracks-every-moving-object-in-an-entire-city/

Ecco a cosa servono le telecamere ...anche quelle installate neleel città per videosorveglianza ...il pericolo sono i cittadini che possono diventare una minaccia terroristica contro un potere nazista ...

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails