BLOG PER APPASSIONATI D'AMORE, ONESTÀ, SPIRITUALITÀ, ARTE, POESIA, POLITICA, DEMOCRAZIA, SOSTENIBILITÀ, TECNOLOGIA, ENERGIE PULITE, COLD FUSION E LENR, MEDICINA ALTERNATIVA, RIVOLUZIONI SCIENTIFICHE, CRIPTOARCHEOLOGIA E "TANTE COSE INFINITE, ANCOR NON NOMINATE"

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

B A C H E C A D E L B L O G

Dal 25 Aprile 2015 (Festa della Liberazione) la possibilità di lasciare commenti nel blog è stata disattivata, eccetto per gli 85 utenti autorizzati e autori ad oggi iscritti. Chi desiderasse fare parte di questa piccola community (Google consente ancora 15 iscrizioni) può mandare due righe di presentazione a 22 passi chiocciola gmail punto com.

martedì 5 febbraio 2013

Complottisti???
(Autore: MISTERO)

AC/DC ha detto...
Direi che questo blog ha ormai esaurito la sua spinta propulsiva, il continuo abbassamento del livello delle discussioni ne è la prova.
Ormai il tema principale è il complotto, nelle sue puù svariate forme, e la maggior parte degli utenti moderati (o pernomeno un minimo assennati) ha abbandonato queste rive.

Troppi euroscettici L'Europa finanzia un pool per oscurarli (Il Giornale) 

EU to set up Euro-election 'troll patrol' to tackle Eurosceptic surge (The Telegraph)

Domenica 3 Febbraio 2013, 19:18  di  

 La UE ha deciso di addestrare eurotroll per impedire la diffusione di "sentimenti anti euro". Così l'anno prossimo voteremo secondo prescrizione.

Beh che dire, preparatevi: tra qualche mese, ogni volta che qualcuno su Internet, Facebook o Twitter si azzarderà a menzionare certe parole chiave, vedrà l'assalto dei troll pronti ad azzannarlo.

Scrivere "uscire dall'euro", "MES", "fiscal compact", "ritorno alla lira" o altre parole ad alto rischio di critica attirerà subito gli esperti del caso, quelli bravissimi a sfottere, deridere, insinuare, insomma a buttare tutto in caciara. Troll professionisti. L'ha scoperto il Telegraph, che racconta come l'Unione Europea si stia preparando alle elezioni del prossimo anno cercando di preservare se stessa e le proprie istituzioni investendo qualche milione di euro allo scopo. Così l'articolo:
"Particolare attenzione sarà prestata ai Paesi che hanno sperimentato un aumento dell'euroscetticismo", dice un documento confidenziale dello scorso anno. "I comunicatori istituzionali del Parlamento dovranno avere l'abilità di monitorare le conversazioni pubbliche e il sentiment popolare, per capire gli argomenti di tendenza, e avere la capacità di reagire velocemente, in un modo mirato e rilevante, unendosi alla conversazione ed influenzandola, per esempio, fornendo fatti e distruggendo miti." Il training per i funzionari comincerà questo mese.
Qualche deputato ha protestato, sostenendo che "spendere più di un milione di euro per addestrare funzionare pubblici a diventare troll di Twitter in orario di ufficio, è uno spreco e una cosa ridicola".
Oltre che ridicola, a me pare anche una cosa piuttosto inquietante. Non che sia la prima volta: abbiamo assistito ad invasioni di troll finti-scienziati durante la marea nera della BP due anni fa, e ricordiamo anche l'iniziativa del governo giapponese di offrire viaggi gratis a chi raffreddasse la "paura Fukushima". Sicuramente, inoltre, c'è al momento in giro un piccolo esercito di troll al soldo di questo o quel partito allo scopo di influenzare le nostre opinioni nell'imminenza delle elezioni. Si sgamano da un chilometro, eh.
Ma è la prima volta che un'istituzione pubblica di tale importanza, come è l'EU,  assoldi troll per orientare le elezioni politiche che la riguardano direttamente nella direzione che ritiene più comoda. E' un gesto assolutamente antidemocratico, la dimostrazione (qualora ce ne fosse ancora bisogno) che l'istituzione europea così come è oggi è intrinsecamente dittatoriale e fascista.
E adesso, aspettiamo pure l'arrivo degli eurotroll.

FONTE  

67 : commenti:

AC/DC ha detto...

@Mistero
Così a caldo mi verrebbe da dire, sempre se confermata, che la goffa iniziativa dell'UE probabilmente è nata per cercare di contrastare la miriade di siti, blog ecc che fanno disinformazione (più o meno inconsapevolmente) promuovendo visioni troppo semplicistiche della realtà e proponendo soluzioni inapplicabili a problemi reali e complessi.

Ma non avevi detto che non avresti più scritto su questo blog?

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensa il padrone di casa dell'uso che tu stai facendo di queste pagine.

tia_ ha detto...

A me piacerebbe sapere che fine ha fatto la relazione di mario massa

MISTERO ha detto...

E adesso, aspettiamo pure l'arrivo degli eurotroll.

C.V.D.

AC/DC ha detto...

ah bè se lo dice Mistero...

morbido zampino ha detto...

sarà una bella lotta!
eurotroll contro coglioni italiani?

Spat ha detto...

Il Giornale non è una fonte affidabile, è solo spazzatura.

AC/DC ha detto...

@Spat
e guardacaso il Telegraph è un giornale conservatore inglese, e guardacaso i conservatori inglesi sono in maggioranza euroscettici, e guardacaso nel Regno Unito faranno un referendum per uscire dalla UE.

Si fa poi presto a screditare un'iniziativa che potrebbe anche avere un suo senso utilizzando certe paroline giuste come "troll patrol".

bertoldo ha detto...

sono riusciti anche a darsi del coglione dà soli ...siete troppo avanti ...

pasca ha detto...

@ Mistero

Ho l'impressione che ti stavano aspettando.

piero41 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
piero41 ha detto...

Lui, non contento della sua lunga battaglia contro Repubblica per dei signori ormai “trombati” anche dai propi amici politici di governo, tanto da rimetterci la faccia, monti imperante, assieme anche a “22passi” Aveva perciò dichiarato ufficialmente per lo scorno di abbozzare ogni intervento liberando il Blog.della sua presenza (per tanti altri aspetti TECNICI anche molto interessante..) . Ora mi sembra negli ultimi post di sua responsabilità sta ritornando ai suoi vizi, alla sua precedente linea ( che la un'sia un tantino di destra ehh?).
“Fonti inglesi.. il Telegraf..” fanno dichiarazioni sulla politica europea ma figurasi la veridicità!!! Si sa bene quali sono i loro interessi a smerdare e smantellare l’euro e l’unione figurarsi erano stati gli unici giorni fa a tentar di metter in dubbio la politica di Sua Santità M. Monti e furon subito costretti a ritrattar tutto i tapini.!!!. Ma figurarsi poi quale importanza potranno aver i Blog economici nel diriger il consenso delle masse!. Altro che lira ora si deve ;come dice il “Cav”, metter sotto l’odiata teutonica perchè ci lasci spender senza tanti limiti montiani, questa è l’ultima linea nohh!!…. Stiamo quindi attenti alle indicazioni dei capi ..anche se in genere “leggermente” ondivaghe!! ;-P

Silvio Caggia ha detto...

@mistero
Dai, non fare arrabbiare i troll di 22 passi, loro trollano gratis sacrificando gran parte del loro tempo libero... Se vengono a sapere che ci sono funzionari, pagati extra, per fare in orario di lavoro molto meno di quello che fanno loro... si abbacchiano e gli passa la voglia! :-)

Go Katto ha detto...

...E come sta l'e-cat, oggi?
(Scusate l'OT, non vorrei mai passare per Troll...)

Endymion ha detto...

L'euro così come è strutturato semplicemente non funziona, è un dato di fatto condiviso da molti analisti e criticato già nei primi suoi anni, in tempi certamente non sospetti (2002). Invece di essere uno strumento di perequazione, conduce i paesi alla crisi uno dopo l'altro. Prima o poi si porrà il problema della sua ridefinizione (insieme, ovviamente, al ruolo della BCE) per la salvaguardia delle prossime generazioni. Diversamente l'abbandono di questa (sottolineo questa) moneta unica sarà inevitabile. Hai voglia ad arruolare euroruffiani...

barnumxp ha detto...

Mah...scaricare sull'euro colpe altre è riduttivo e sposta l'attenzione; la crisi che attraversiamo ha molti padri ma le difficoltà attuali originano prevalentemente dalle NOSTRE debolezze, così radicate da essere diventate sistema.
Non è abolendo l'euro che si elimina la corruzione, i giardinetti protetti delle tante caste (grandi e piccole...), il numero crescente di dipendenti pubblici resi intuili dalla rivoluzione informatica (andrebbero licenziati, sono un costo enorme per lo stato ma come si fa?), le mille leggi e leggine fatte apposta per proteggere questa e quella categoria... dopotutto, Berlusconi con le sue leggi ad personam ha semplicemente sbattuto in faccia agli italiani quello che gli italiani facevano (e fanno) da sempre. Non è una scusante, spiega solo alcune cose.
Cambiando l'euro cambieremmo tutto questo? torneremmo ad essere un paese in crescita? e sopratutto:
Torneremmo un paese civile?

ulixes ha detto...

"Cambiando l'euro cambieremmo tutto questo? torneremmo ad essere un paese in crescita? e sopratutto:
Torneremmo un paese civile?"

No!

Mi chiedo, non conoscendoli, quali siano i problemi che affliggono TUTTI (!!!) gli altri paesi dell'area euro che hanno visto lievitare il proprio debito pubblico negli ultimi anni.

patrol ha detto...

Ma perche il mio nome é diventato famoso? In realtá io l'ho preso da un vecchio videogioco a cui giocavo da ragazzino che si chiamava "smart patrol".

comRED ha detto...

Se non avete di meglio da fare vi propongo un'occhiata al progetto Motore Keppe Open Source. Davvero istruttivo se non altro per l'etica dei protagonisti.
http://pesn.com/2013/02/05/9602274_Keppe-motor-manual_and_video_available/

ravecarl ha detto...

Secondo me non ne usciremo mai senza prendere consapevolezza di una cosa (me compreso).

Abbiamo bisogno di spartire, condividere, le ricchezze. Qualunque ricchezza sia, intellettuale, fisica, denaro, lavoro, tempo, etc...
Siamo arrivati al capolinea.

ravecarl ha detto...

Bello il progetto Keppe (oops stavo per scrivere Keshe).

Endymion ha detto...

Qui non si scaricano colpe sull'euro: le si sono individuate proprio nell'euro, occorre farsene una ragione. Sfido a trovare oggi qualcuno che difenda la validità del funzionamento (non della scelta ideale, si badi bene, quella ha un senso eccome) della moneta unica e della sua banca centrale. Non li troverai. Ci si può nascondere dietro un dito, ma il suo funzionamento è basato su errori colossali. Niente di strano: l'uomo ne fa di errori colossali, vedi le guerre. E questo errore ha scatenato l'equivalente di una guerra, in cui le vittime sono i disoccupati, i giovani senza futuro, i vecchi senza pensione o con pensioni ridicole.
Corruzione e quant'altro le avremo prima e dopo, ma semplicemente IN PIU' stiamo diventando sempre più poveri. Non possiamo fare svalutazioni competitive per rilanciare l'economia, (prima del 2000 stavamo meglio noi, quanto ad export, della Germania, che invece era ben indietro), abbiamo dei vincoli che non ci stanno di misura, e tutti i rimedi che si svolgono in questa cornice sono solo paliativi. Finchè non si individua una risoluzione sistemica, navigheremo a vista. Verso gli scogli, peraltro.

Shine ha detto...

un altro post completamente inutile. Confermo la deriva e aggiungo due domande:

ma non dovevano uscire i third-party validation results relativi all'eCat? E Massa, non aveva inviato a MISTERO dei risultati relativi a un gadget? Come sono quei risultati?

piero41 ha detto...

Grecia, Spagna, Italia i maggior paesi europei in crisi hanno anche il maggior debito pubblico lasciato dai padri e lo devono alle loro classi politiche succubi che hanno permesso indegne evasioni fiscali di centinaia di miliardi l’anno. Così sono degenerati quegli enormi debiti mentre al nord gli evasori andavan dentro senza le scuse di Berlusconi che già vuol riportare a € 5000 la tracciabilità!!… E' nell'enorme debito che l'euro ha reso ben visibile il nostro problema!. La liretta con la svalutazione permetteva un riadeguamento concorrenziale dei nostri prodotti a quelli germanici … allora 30 anni fa- Ora già i nostri operai son fra quelli che costano meno in Eu. ma i cinesi lavorano non a 1000 ma a 100 euri al mesi ed allora che posson fare le imprese se non li emigrare?? L’Ansaldo sta chiudendo la Breda con ottime maestranze e produce all’estero da dove ha l’occasione di triangolare con una controllata enormi fondi in nero da destinare a giochi finanziari senza figurare e pagarvi un euro di tasse… E così fan tutti in quel 10% di super ricchi italian…. In Olanda, in Svezia ecc i beni dei cittadini son tutti tracciati elettronicamente e la denunzia dei rediti arriva già compilata non solo ai poveracci a reddito fisso… quelli sono i paesi civili… Ma poi ora con la lira basterebbe la speculazione di un multimiliardario qualsiasi per far acquisti sottocosto a farci fallire ed a farci andar in giro con la carretta delle lirette stampate da Banca Italia…. Ma via!!

ravecarl ha detto...

Bravo Endymion :-)

Le risposte attuali degli specialisti dell'economia non sono piu di attualità. Sono basate sullo scambio per fare profitti personali a discapito della persona altrui.
Le risposte attuali sono vecchie e non potranno piu dare una risposta allo stato dell'economia mondiale attuale. Occorre che gli specialisti riflettano su un nuovo modo di fare economia.

Ma non è piu' cosi' siamo forzati a fare scambi di merci in una economia piu consapevole del benessere comune Win/Win. Il mio benessere deve essere anche il tuo se no ho fallito.

Annuncio di oggi : UBS fa 2,5 miliardi di deficit. Distribuzione di bonus : 2.5 miliardi. Dove sta il trucco ?

ravecarl ha detto...

UBS :
ottobre 2012 annuncia 10'000 licenziamenti in 3 anni.
Oggi UBS annuncia 2,5 miliardi di deficit e 2.5 miliardi di bonus.
2'500'000'000 / 10'000 = 250'000 = salario medio di un manager ?
Se è cosi' non è prendere per il cul@ la gente ?

ulixes ha detto...

"..In Olanda, in Svezia ecc i beni dei cittadini son tutti tracciati elettronicamente e la denunzia dei rediti arriva già compilata non solo ai poveracci a reddito fisso… quelli sono i paesi civili.."

"..Peggio ha fatto il debito pubblico. Se nel 2010 è stato del 62,9% del Pil, nel 2011 l’Olanda è arrivata a toccare il 65,2 per cento.."

http://www.linkiesta.it/olanda-austerity-rutte-wilders-germania

"La Svezia e’ fuori dall’Euro ed ha i conti a posto"

http://www.consulenza-finanziaria.it/la-svezia-e-fuori-dall-euro-ed-ha-i-conti-a-posto/
____________________

"..ma i cinesi lavorano non a 1000 ma a 100 euri al mesi ed allora che posson fare le imprese se non li emigrare??.."

"..Ora in Cina c'è un debito pubblico che per effetto del debito delle amministrazioni locali è salito all'81% del Pil. La situazione è molto seria e il rischio che possa esplodere una crisi potrebbe palesarsi già l'anno prossimo.."

http://www.cadoinpiedi.it/2012/02/24/il_crack_cinese.html
____________________

http://www.economist.com/content/global_debt_clock

ravecarl ha detto...

@Ulixes
Esatto gli altri stati sono tanto indebitati quanto noi o lo saranno. E il lavoro non c'è per tutti. La disoccupazione é ancora alta e se si continua cosi' non c'è modo di farla scendere.
La Germania entra in recessione quest'anno dunque non farà meglio dell'Italia. (previsioni di crescita dello 0.4 % nel 2013) (qui :http://www.lefigaro.fr/conjoncture/2013/01/15/20002-20130115ARTFIG00521-l-economie-allemande-tourne-au-ralenti.php)
Si spende sempre di piu' per arginare il deficit e non si spende di piu' per fare in modo che tutti abbiano lavoro e ricchezza. Dove sta il problema ? Il problema è che tutti gli stati europei si tirano alle gambe e pensano solo a se stessi. Invece di unirsi.
Hanno trovato 1'000 miliardi di euro per salvare le banche ma non trovano quanto baste per dare lavoro e ricchezza al popolo europeo. Dove sta il problema ? Chi ci governa ? Sono le banche o siamo noi ?

bertoldo ha detto...

http://notizie.tiscali.it/articoli/scienza/13/02/oggetto-mistero-carbone-vecchio-300milioni-anni.html

Per la serie l'evoluzionismo de noantri ...

Silvio Caggia ha detto...

@bertoldo
Questi (tanti) oggetti fuoriposto provano solo che il ciclo della vita->civilta' si e' gia' compiuto altre volte in passato su questo pianeta. Poiche' bastano 1 miliarduzzo di anni e' probabile che il ciclo si sia ripetuto gia' diverse volte. Che centra l'evoluzione?

Endymion ha detto...

L'indebitamento in sè non ha mai rappresentato un problema. Come mai il Giappone (esempio classico) ha un rapporto Deficit/PIL superiore al 230%? Non mi risulta stia fallendo. Non mi risulta sia in default. Però... non mi risulta usi la moneta di qualcun altro. Cosa che invece facciamo noi. Farneticazioni? No, il sole 24 ore: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2013-01-15/perche-debitopil-giappone-spende-091020.shtml?uuid=AbdBNSKH

bertoldo ha detto...

se 300 milioni di anni fà erano già al nostro livello , in che modo ci siamo evoluti negli ultimi 300 milioni di anni ?
Darwinismo = cretinismo ?

morbido zampino ha detto...

copio shine

ma non dovevano uscire i third-party validation results relativi all'eCat? E Massa, non aveva inviato a MISTERO dei risultati relativi a un gadget? Come sono quei risultati?

Pasquale De Santis ha detto...

@ Morbido zampino @ Shine

Se volete potete cominciare a verificare qui

Celani : Genio Italico
Comincia a salire il livello di orgoglio Italico "almeno quello scientifico".

http://www.quantumheat.org/index.php/follow/follow-2/206-tgoc

ravecarl ha detto...

@Endymion
Esatto Il problema non è l'indebitamento. Gli USA hanno un debito par al 107% del PIL e non finirà qui. Si pensa che ne 2060 sarà del 415%.
Gli stati più forti economicamente sono anche i piu' indebitati dunque dov'è il problema ? (http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2012-11-09/bolla-mondiale-debito-sono-112627.shtml?uuid=AbSIcR1G) Non c'è né ecco il punto. Sono le banche che ce lo fanno credere perché loro prestano soldi e hanno paura di perderli. Ed è anche una questione di ideologia.
Per me piu' lo stato fa debiti e piu il suo popolo è ricco. Ad una condizione che lo stato sia padrone della propria moneta.

ravecarl ha detto...

Forza Celani !!!!

Endymion ha detto...

Tutto questo cancan del debito è partito perchè abbiamo inserito un vincolo (assurdo) del pareggio in bilancio. Quando uno stato spende a deficit, costruendo strade, scuole, ospedali, ecc... alla fine si arricchisce: di strade, scuole, ospedali, ecc... Ecco, adesso non lo potremo più fare, certamente va evitato la spesa improduttiva, ma facendo in questo modo dovremo tarare i nostri investimenti sul un livello di indebitamento che altri decidono per noi. Inaccettabile. In più non avremo mai la leva finanziaria della moneta, perchè "non ci appartiene più". Io non sono un economista, ma credo che tra 10 anni ci guarderemo indietro e diremo (spero, almeno, ci riusciremo) "ma chi ce l'ha fatto fare di metterci in quel ginepraio? Meno male che ne siamo usciti". Francamente non vedo tempi particolarmente sereni: chiunque si oppone al disegno euro viene sostituito da un euroruffiano, vedi Grecia... e vedi anche Italia: Berlusconi potrà stare sulle pelotas, ma era stato, guarda caso, uno dei pochi a denunciare i limiti intrinseci dell'euro (seppure a suo modo). Ovviamente è stato sostituito. Questo post non costituisce un endorsement per Berlusca e/o il pdl, ma ricorda solo alcuni fatti documentabili.

comRED ha detto...

FORZE E CONDIZIONI per ottenere la FUSIONE ATOMICA FREDDA (???)
http://www.youtube.com/watch?v=N6RZAE8ICBo

Il Santo ha detto...

@shine @morbido zampino

Se i risultati di Massa fossero stati anche solo timidamente positivi Mistero starebbe qui a fare post su post. Il suo modello di comportamento è quello tipico:

1) a claim eccezionali corrisponde esultanza
2) a richieste di chiarimenti corrisponde il silenzio
3) alle richieste dei believers corrisponde il complottismo
4) alla mala parata corrisponde l'eclissi

oramai questo stile non incanta piu' nessuno, e' buono giusto per qualche puntata di Mistero in cui sfoggiare il proprio ego.

comRED ha detto...

altro OTTI' http://www.peswiki.com/index.php/Review:_The_Primer_Fields#The_Primer_Fields_Part_2

ravecarl ha detto...

@Endymion
Esatto. A condizione di contenere l'inflazione...

bertoldo ha detto...

A Celani chi ha suggerito la storiella della resistenza differenziale negativa ? Comme ?

Silvio Caggia ha detto...

@bertoldo
La datazione e' quella del carbonio intorno non quella dell'alluminio, immagina che ogni miliardata di anni ci sia stato su questo pianeta un bel "reset" e la vita sia ricominciata da zero o da forme di vita elementari tramite panspermia ogni volta...
E' solo una possibile spiegazione...

@endymion
Non ti facevo cosi' complottista... :-) non pensavo che tra gli scettici potessero esserci anche euroscettici! :-)
Condivido i tuoi ultimi commenti.

Endymion ha detto...

@Silvio: non è questione di complotti... quando vedi che l'ex premier greco viene accerchiato a mo' di bulletti da Sarkozy e Merkel, dato che "minacciava" di fare un referendum pro Euro... quando vedi che a sostituire gli ex premier arrivano sempre banchieri area BCE e affini... quando vedi che, anche oggi, l'Europa fa pressioni intervenendo (Germania in primis) nella campagna elettorale...
Quando ti informi e vedi che la Bundesbank aveva venduto 8 miliardi di bond italici nel giugno 2011, causando la speculazione che ha portato, nel giro di pochi mesi, alla fine di un governo...

Tu che ne dici?

Io non sono euroscettico, sono proprio europessimista: un euroscettico disapprova qualcosa che ha da venire, io invece dico che quello che c'è è un disastro. Mi trovo discreatamente allineato con il parlamentare inglese Nigel Farage, che è sempre puntuale e molto coinvolgente nei suoi interventi.

roberto rampado ha detto...

A completamento del pensiero di tanti Euro scettici, faccio notare che:
1 - il primo passo è stato la perdita della "parità aurea"
2 - il secondo prossimo passo ineluttabile sarà la perdita della "parità contabile"

Mi spiego.

Il debito degli Stati ora è dato dalla scrittura contabile della moneta emessa (stampata o elettronica), in pratica dai cosiddetti Titoli a Reddito Fisso (BOT e CCT per l'Italia, BUND per la Germania e BOND per gli Usa, ecc, ecc) che rendono di interesse ai loro possessori secondo il rischio di insolvenza.

Nulla vieta che uno Stato Sovrano possa emettere moneta senza più contabilizzarla in Titoli: se domattina la BoJ o anche la FED, ma potrebbe essere anche la BCE decidessero improvvisamente che tutti i loro titoli vengono monetizzati, e che per la restituzione venga stampata moneta (elettronica), di colpo, per magia, il debito viene azzerato. Sic et simpliciter!

Fine del debito e fine del pagamento degli interessi!

Quelli che vedranno restituiti i loro soldi in moneta invece che in titoli, dovranno attivarsi per evitare che il loro gruzzolo perda valore...

Per le proprie necessità lo Stato potrà battere ulteriormente moneta, andando volutamente ad inflazionare le detenzioni-accumuli non proficui di denaro.

E allora hai voglia come gira 'Economia... !

comRED ha detto...

OTTI' http://www.youtube.com/watch?v=N6m0sPnW2mU

AC/DC ha detto...

@Endymion
Sono daccordo sul fatto che la UE sia un'entità ad oggi tuttaltro che perfetta ma ritengo che continui a rappresentare un'opportunità per tutti gli stati europei.

L'UE siamo anche noi italiani e sta quindi anche a noi spingere per migliorarla.

Per fare ciò è necessario avere una classe politica competente e credibile e onesta, cosa che purtroppo non abbiamo forse mai avuto, di sicuro non in tempi recenti.

O maturiamo come Paese oppure non c'è Lira che possa salvarci, l'Italia aveva grossi problemi anche prima dell'Euro e oltretutto in quel periodo tanti paesi che ora sono in forte espansione (Cina, Corea, India ecc) erano ancora in forte ritardo e non ne subivamo la concorrenza.

Ammiriamo tutti il pragmatismo nordico nella gestione della cosa pubblica, e allora perchè non sfruttare il fatto di essere accomunati in un'unica entità per adottarne in parte i comportamenti.

I nostri livelli di corruzione, disparità sociale e territoriale, malavita organizzata, burocrazia, rapporti tra sindacati e impresa, nonchè libertà di informazione non sono accettabili per un Paese che abbia la pretesa di far parte del club dei paesi più evoluti.

Servono riforme strutturali importanti altro che il ritorno alla Lira.

robi ha detto...

ho avuto un controllo fiscale sull azienda .Dopo 3 ore di richieste su documenti mi è stato detto
-PER QUESTA VOLTA VI é ANDATA BENE-

significa, chi lavora o i le piccole aziende sono per forza dei criminali da stroncare
giusto per curiosità da noi i controlli (alla vendemmia)vengono fatti con elicotteri ,gazzelle della finanza o guardia forestale o carabinieri
Riporto una frase di un pensionato
-Con i soldi della vendemmia mi potevo permettere di fare un regalo ai nipoti per natale-
Poi non entro nella storia dello sfruttamento reale delle persone che lavorano per le cooperative (vedi mia figlia e vedi le migliaia persone)perchè ho paura
sono protetti.
Conclusione tutto ciò che è libera iniziativa piano a piano si dovrà sottomettere.
Tutto ciò che ha una qualche dipendenza politico-statale sarà maggiormente avvantaggiata

ulixes ha detto...

Belli tutti gli ultimi interventi.
Mi hanno fatto piacere. Grazie, sono contento per la risonanza di fondo.
Inviterei a non perdere di vista il PROBLEMA PRINCIPALE e rimanerci ben focalizzati:

http://www.economist.com/content/global_debt_clock

Sono TUTTI in debito, chi più chi meno. Stati, con più o meno sovranità, che sono tutti in debito. I rapporti di debito, giuridicamente, NON intercorrono fra stati!
Allora proviamo a focalizzare il problema da un'altra angolazione; da un altro punto di vista:

http://goodnews.ws/wp-content/uploads/2010/12/spazio-terra-bellissima.jpg

Ecco: un intero pianeta indebitato!
Riusciamo a scoprire quale sia il "catalizzatore segreto" che fa andare in autosostentamento da tempo immemorabile l'orologio del debito globale?
Riusciamo a capire quale sia il virus o parassita che si è insinuato su quella palla blu nello spazio e che sta lentamente risucchiando le risorse della popolazione che vi risiede?

robi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Morganion ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Silvio Caggia ha detto...

@ulixes
Ma perche' lo vuoi vedere come un problema? Lo stato ha un debito con i cittadini, bene! Vuol dire che dei cittadini possono vantare un credito nei confronti dello stato! Probabilmente dentro ci siamo anche tu ed io. Perche' dovrebbe essere un problema? :-)

Silvio Caggia ha detto...

@ulixes
Mi sembri charles bukowskj quando scriveva: "ero alla bancarotta, il governo era alla bancarotta, il mondo era alla bancarotta... Ma chi cazzo li aveva i fottuti soldi?" :-D

bertoldo ha detto...

risposta : i sionisti .E' tanto semplice ...

bertoldo ha detto...

Il FMI contro l’Argentina

Dopo che il FMI ha deciso di censurare i dati forniti dall'Argentina con un provvedimento senza precedenti, la presidente Kirchner ha rilasciato su Twitter queste dichiarazioni:
“Chi poteva immaginare un mondo trascinato a terra dai mercati finanziari? Dove stava il FMI che non ha potuto accorgersi di nessuna crisi? Oggi la Spagna ha il 26% di disoccupati. In quali statistiche sono raffigurate queste tragedie? Quali sono i parametri o le “procedure” con cui il FMI analizza i paesi falliti che continuano ad indebitarsi, con popolazioni che hanno perso la speranza? Conoscete qualche sanzione del FMI, qualche decisione contro questi altri che si sono arricchiti e che hanno fatto fallire il mondo? No, la prima misura che prende il FMI è contro l’Argentina. L’Argentina alunna esemplare del Fondo Monetario Internazionale negli anni Novanta, che seguì tutte le ricette del FMI e che, quando esplose nel 2001, è stata lasciata sola. Da sola, senza accesso al mercato finanziario internazionale l’Argentina ha visto crescere in 10 anni il suo PIL del 90%, la crescita maggiore di tutta la sua storia. L’Argentina che ha costruito un mercato interno con l’inclusione sociale e le politiche anticicliche. Ha pagato tutti i suoi debiti al FMI, ha ristrutturato due volte, nel 2005 e nel 2010, il suo debito andato in default con il 93% di accordi con i suoi creditori senza chiedere più nulla in prestito al mercato finanziario internazionale, per farla finita con la logica dell’indebitamento eterno. E con il business perenne di banche, intermediari, commissioni, ecc, che avevano finito con il portarci al default del 2001. Questa sembra essere la vera causa della rabbia del FMI. L’Argentina è una parolaccia per il sistema finanziario globale di rapina e per i suoi derivati. L’Argentina ha ristrutturato il suo debito e ha pagato tutto, senza più chiedere nulla in prestito. 6.9% di disoccupati, il migliore salario nominale dell’America latina e il migliore potere d’acquisto misurato in Dollari statunitensi. Nel 2003 avevamo il 166% di debito su un Pil rachitico, il 90% del quale in valuta straniera. Oggi abbiamo il 14% di debito su un Pil robusto e solo il 10% è in valuta straniera. Perciò mai fu migliore il titolo del comunicato del ministero dell’Economia argentino di oggi: “Ancora una volta il FMI contro l’Argentina”. Noi continueremo a lavorare e a governare come sempre per i 40 milioni di argentini”. Cristina Kirchner, presidente dell'Argentina

ciaoendy ha detto...

@ENDYMION70
ciao, io non ho una opinione su queste cose. Ti va se cerchiamo di costruircela da zero?
Innanzitutto analizziamo questa tua frase:
"Quando uno stato spende a deficit, costruendo strade, scuole, ospedali, ecc... alla fine si arricchisce: di strade, scuole, ospedali, ecc..."
Io non sono d'accordo. Ti arricchisci di cose che hai preso a prestito, e non sono tue, fino a che non
hai finito di pagarle.
Se poi non riesci a onorare i debiti, o quantomeno gli interessi, nessuno ti farà più credito. nessuno ti presterà più soldi e tu non potrai più comprare nulla, ad esempio l'energia per far funzionare gli ospedali oppure per circolare sulle strade.
Comunque, piaccia o non piaccia, prima o poi col pareggio di bilancio uno stato ci deve fare i conti esattamente come ci devi fare i conti tu nella tua vita quotidiana.
Mi sembra di aver capito che i casi sono due:
1_i tuoi creditori sono all'estero. Non saprei che dire, sono cavoli amari.
2_i tuoi creditori sono solo all'interno dello stato. Allora puoi pagarli con della moneta che stampi tu stesso. Ne stampi così tanta che poi alla fine non vale più niente. Paghi i tuoi creditori interni con della moneta che perde gran parte del suo valore. Quindi hai sottratto valore al tuo creditore, rispetto a quello che gli dovevi perchè ti ha prestato. A me sembra istintivamente una cosa poco chiara e poco onesta, anzi diciamo pure una presa in giro.
Secondo me è più onesto e chiaro mettere altre tasse, chiedere sacrifici come nella Romania di Ceausescu (provocazione, ma fino a unn certo punto....) e farli tutti.
Il resto è solo l'illusione di sviluppo. Come una azienda che cresce, ma crescono i debiti. Prima o poi qualcuno te li chiede indietro. Non c'è nulla da fare. Ripeto, è solo una illusione.
Tutto ciò che riguarda la moneta, la possibilità di stampare moneta, il debito a tempo indefinito, è una illusione.
Quando ci troveremo un paese bellissimo ma senza cibo, medicine, petrolio, allora capiremo.
Scusa endy se sono stato provocatorio. La verità è che non so neppure io come la penso, e che discuto giusto per farmi spiegare un po'.
Grazie per la tua attenzione.

bertoldo ha detto...

1_i tuoi creditori sono all'estero. Non saprei che dire, sono cavoli amari.

non li paghi come ha fatto l'Islanda ...

bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
bertoldo ha detto...

quando si prendono strumenti finanziari c'è sempre il rischio di rimetterci e nessuno può garantire che il debito sia pagato ...per questo abbiamo un presidente della Repubblica e un presidente del consiglio che devono il posto che occupano al sionismo internazionale e quindi attuano il possibile per ripagare i soldi "esteri" che hanno investito e non prestato .INVESTITO percepisci bene la differenza tra i due significati delle parole e non fare come il presidente della repubblica che dice che l'antisemitismo è uguale all'antisionismo perchè le parole sono diverse e diversi sono i significati , associarle e renderle uguali è fascismo ovvero cambiare il significato delle parole per i propri interessi .

bertoldo ha detto...

"Secondo me è più onesto e chiaro mettere altre tasse, chiedere sacrifici come nella Romania di Ceausescu (provocazione, ma fino a unn certo punto....) e farli tutti."

Ceacescu è stato fatto fuori per altri motivi sempre legati al sionismo e al controllo monetario , non certo perchè era un dittatore .I dittatori fanno sempre comodo basta convincerli ad eseguire i comandi e loro lo fanno in cambio del potere e di soldi ...ma se me li ammazzate , devo pensare che non eseguono più gli ordini del sionismo globale ? oppure si sono svegliati e hanno cambiato opininone sul sionismo ?

bertoldo ha detto...

"Tutto ciò che riguarda la moneta, la possibilità di stampare moneta, il debito a tempo indefinito, è una illusione."

un'illusione costruita dal sionismo globale che prima a fatto espandere il debito (vedi heidi consulente di pomicino all'esplosione del debito italiano ) e poi ha tolto la sovranità di stampare moneta in modo che non essendo possibile espandersi con la svalutazione competitiva , c'è solo la distruzione e guerra civile , roba che si è vista benissimo in Grecia e Spagna , negare questo è fare del negazionismo tipico dei burattini pagati per coprire le nefandezze eurocratichenazisioniste .Un pezzo di distruzione si è visto nell'ultimo anno i parassiti hanno attaccato la carcassa e la stanno spolpando fino alle ossa .Per eliminare i parassiti di solito di dà il ddt o altri armi più efficaci ...i calci nel culo .

bertoldo ha detto...

e le elezioni sono un mezzo appropriato per eliminare queste sanguisughe e rispedirle nei luoghi da dove sono partite ...date un calcio nel sedere al sionismo , ne avete facoltà e non costa nulla ...

ulixes ha detto...

".."Quando uno stato spende a deficit, costruendo strade, scuole, ospedali, ecc... alla fine si arricchisce: di strade, scuole, ospedali, ecc..."
Io non sono d'accordo. Ti arricchisci di cose che hai preso a prestito, e non sono tue, fino a che non hai finito di pagarle.."

"..Comunque, piaccia o non piaccia, prima o poi col pareggio di bilancio uno stato ci deve fare i conti esattamente come ci devi fare i conti tu nella tua vita quotidiana.."
__________________

"Il debito 'pubblico' non è il debito dei cittadini. Lo Stato non è una famiglia. Il governo di uno Stato con moneta sovrana spende accreditando conti correnti, o emettendo titoli che costituiscono, fra le altre funzioni, il risparmio degli acquirenti. Quindi, non dovendo lo Stato prendere in prestito dai privati prima di spendere, è chiaro che il debito (la spesa) dello Stato con moneta sovrana è precisamente l'attivo dei cittadini (settore non-governativo). Non è mai il debito di cittadini, delle aziende o dei nostri figli/nipoti. La regola secondo cui un buono Stato deve spendere come una brava famiglia è falsa e dannosa. Questo Stato si indebita solo con se stesso, il suo debito è solo una figura contabile denominata nel denaro che esso crea dal nulla. La famiglia, al contrario, non può inventare il suo denaro, e ha ben altri limiti di spesa." !!!

bertoldo ha detto...

ciaoendy che parla con "endy" ... ammazza siamo al si faccia una domanda e si dia una risposta ...

... Who? ha detto...

sciopero fiscale
sciopero dei consumi
sciopero attivo
sciopero civile

crepassero tutti, in fila indiana
noi sopravviveremo
noi siamo l'economia reale
loro i parassiti fecali della società

destinati a SOCCOMBERE

piero41 ha detto...

....

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori. Chi è abilitato a pubblicare su 22passi deve evitare botta&risposta a distanza con utenti di altri blog o forum (donde può comunque trarre contenuti citandone la fonte).

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

Related Posts with Thumbnails