Siamo appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Siamo uno specchio capovolto della realtà, fuori c’è il patriarcato qui una "società gilanica", fuori c’è il petrolio qui siamo pro E-Cat: per previsioni sull’esterno invertite (quasi) sempre i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

BACHECA DEL BLOG

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

giovedì 29 novembre 2012

Agli antipodi c'è 22 passi d'amore e dintorni

137 : commenti

Bene, come sollecitato da qualcuno di voi, ho letto "That Was eCatNews", il "testamento editoriale" del blogger di ecatnews.com:
Il mio interesse per l'eCat e la sua progenie è sempre dipeso dalla promessa che rappresenta per il futuro. Ora che dubito (quasi al 100%) delle affermazioni di Rossi, la vicenda non merita il lavoro necessario a mantenere in vita questo blog. A un certo punto, in vista di 1.000.000 di visite al mese, è facile vedere come si possa far denaro con i sogni e i desideri delle persone per bene. Ora temo che dietro ai sorrisi di alcuni personaggi chiave, batta un cuore oscuro e mi rifiuto di inseguire la popolarità a scapito della verità. Lo zoccolo duro degli scettici è stato un elemento chiave a spingermi ad aprire eCatNews. Qualcosa non quadrava. Se la loro convinzione fosse stata sincera, non avrebbe certo sprecato le loro vite lavorando a una campagna di propaganda per cercare di convincerci tutti che Rossi è una bufala. Non aveva senso. Piuttosto che convincermi della loro opinione, il loro strenuo lavoro e la dedizione mi apparivano sospetti. Volevo far luce negli angoli più nascosti nella speranza che avremmo trovato qualcosa di meraviglioso. Non doveva succedere così. Posso essere perplesso del loro impegno negativo, ma non posso più esimermi dal trarne delle conclusioni. Ora, nutrendo poche speranze che Rossi tenga fede alle sue promesse, mi ritrovo a chiedermi perché dovrei perdere altro tempo con lui. Se egli sta commettendo frodi, va perseguito dalla polizia. L'interesse per l'uomo o la vicenda adesso è relegato al livello di curiosità, non di dedizione. (ecc.)
Dico subito che sono perplesso... perché ogni delusione nasce, non dagli eventi in sé, ma da una nostra aspettativa inappagata.

Per quel che mi riguarda, come ho raccontato svariate volte, sono entrato nella storia dell'E-Cat per caso e soprattutto per amicizia. Una volta dentro ci sono restato perché mi ha appassionato e incuriosito. Tanto più che la fusione fredda sembra ormai diventata la "Stele di Rosetta" della decifrazione di tutta una serie di cosiddetti nuovi fenomeni, nuovi solo perché finora li avevamo ignorati, così come, fino alla scoperta delle onde radio, vivevamo inconsapevoli dei radiosegnali naturali che arrivano ogni istante sul nostro pianeta dalle profondità del cosmo.

Dopo il 14 gennaio 2011, a parte lo stesso Journal of Nuclear Physics di Rossi, il mio blog era uno dei pochissimi siti internet a occuparsi dell'astro nascente E-Cat. Poi nel giro di pochi mesi spuntarono e si moltiplicarono in tutto il mondo decine e decine di siti dedicati all'E-Cat. Molti venivano aperti da esperti di web-marketing che, fiutato il colpaccio, puntavano a posizionarsi ai primi posti di Google nelle ricerche su un argomento che sarebbe potuto diventare tra i più cliccati del web.
Agli antipodi c'è 22 passi d'amore e dintorni.

Non ho mai avuto l'aspettativa prioritaria di arricchirmi da questa storia. Non è per questo che ho trasformato il mio piccolo blog personale, da salotto intimo qual era, dove si veniva in poche decine di persone a scambiare quattro chiacchiere rasserenanti, in una bolgia infernale, teatro maledetto di scontri tra belivers, fusionisti, olistici ecc. da una parte e scientisti, pseudoscettici, negazionisti dall'altra, con in mezzo una minoranza di possibilisti, veri scettici e persone piene di sano buon senso, che vengono guardati con diffidenza dagli uni e dagli altri.

Se non fossi l'idealista che sono e avessi pensato al mio tornaconto, da un bel pezzo con tutta probabilità:
  • lavorerei per lo stesso Rossi;
  • avrei trasformato 22 passi in un sito fatto ad hoc per guadagnarci sopra (non crederete mica che non mi rendo conto che per layout, grafica, struttura e navigabilità questo blog su una scala da 1 a 10 merita al massimo 3?);
  • avrei accettato le offerte di lavorare per qualcuno di quei siti aperti - come ecatnews.com - per occuparsi esclusivamente di Rossi (e saltare ai primi posti dei motori di ricerca).
Sì, ho rifiutato varie offerte di collaborazione che in prospettiva avrebbero potuto farmi guadagnare bene. La mia mission era un'altra. Dapprincipio dare una mano a un amico all'inizio e impegnarmi poi, per quel poco che sono in grado, a dare voce a tutta una serie di news e informazioni sulla scienza di frontiera, specialmente quelle che vengono costantemente nascoste o ridicolizzate o negate da chi ha forti interessi al mantenimento di vari status quo, economici o accademici che siano.
Non volevo piegarmi a necessità commerciali o di web-marketing. Volevo potere scrivere dell'E-Cat di Rossi e Focardi, ma anche dei suoi competitors, di Piantelli, Di Celani, di Abundo, ma anche di omeopatia, biorisonanza, medicine naturali, ma anche di spiritualità, esoterismo, magia ecc. senza preoccuparmi di diventare "popolare" o meno. Non volevo in alcun modo scrivere in funzione di un politically correct topic per puntare a una crescita continua degli accessi: questo blog è stato forgiato dal semplicissimo principio del "meglio pochi ma buoni".
Così facendo, ho guadagnato tante amicizie e conoscenze nuove (e pure un po' di nemici e di attenzioni non proprio benevole, karma loro!). E se tornassi indietro rifarei tutto da capo, nello stesso modo... anzi un po' meglio, vista l'esperienza che ho maturato nel frattempo: sicuramente oggi sono un blogger più in gamba di due anni fa.

Perché continuo?
C'è una cosa in particolare che aspetto e che, al contrario del blogger di ecatnews.com, mi suscita tutt'ora molta "dedizione". Sarò veramente felice e soddisfatto il giorno che potrò raccontare molte cose che so, ma che non ho ancora facoltà di raccontare, né sarebbe opportuno farlo. Vi anticipo che, purtroppo, la storia che un giorno racconterò dimostrerà per l'ennesima volta che nemo propheta in patria est è un detto che vale soprattutto per noi figli degli antichi romani. Infatti il resto del mondo ha visto sin troppi "profeti" italiani fare la fortuna delle altre nazioni, mentre qui venivano messi da parte. Siamo bravissimi a criticare i nostri stessi fratelli, è una " ars destruens" che il nostro popolo deve avere nel suo DNA, in altissima ricorrenza.

Faccio una promessa: quando sarà chiaro ed evidente a tutti come e quanto l'Italia abbia perso nella vicenda E-Cat, farò in modo che gli artefici di tale esito e tutti coloro che si sono fatti vanto di "salvare il mondo da una bufala" verranno proverbiamente ricordati, almeno per le prossime sette generazioni, come sommo e insuperabile esempio dell'idiozia umana.
Ecatnews.com molla? Allora non gli interessa più partecipare alle "guerre"  che si combattono per amore della verità. 
 
22 passi non molla.


P.S. Poco dopo avere scritto quanto sopra, il lettore Pasca mi ha segnalato il link a un vibrante articolo di Gianni Degli Antoni - Teorema: in pochi anni il mondo cambierà -  pubblicato ieri su Affari Italiani. Mi sembra giusto metterlo, come voce opposta, accanto al "testamento" di eCatNews. Sono d'accordo in tutto con Gianni Degli Antoni, salvo sul ruolo dell'Italia nella rivoluzione già in corso: temo che, proprio grazie all'ipocrisia mediatica magistralmente descritta da Gianni, il ruolo dell'Italia verrà fortemente ridimensionato a vantaggio di altre nazioni, USA in testa.

Coerenza e incoerenza

10 : commenti

Le azioni di chi vuole vivere in pace con la coscienza risultano spesso incoerenti agli occhi altrui.

Per questo mi sento triste quando qualcuno si vanta di avere sempre agito in modo coerente: significa che è sceso a patti con la coscienza.

martedì 27 novembre 2012

L'energia oscura dovrebbe insegnarci

135 : commenti
Abbiamo appreso ieri della risposta all'interrogazione parlamentare su piezonucleare, INRIM, Carpinteri e Cardone e della frustrante insoddisfazione ricavatane dall'interpellante On. Walter Tocci. Proprio all'Ing. Walter Tocci si è rivolto oggi l'amico Vincenzo Valenzi, con una "email aperta" che, d'intesa col suo mittente, ho leggermente modificato giusto per renderla idonea alla pubblicazione on line.

***
Caro Walter,

leggo su 22 Passi della tua interrogazione sul Piezonucleare e sull'INRIM e sul suo presidente Prof. Carpinteri.

Conoscendo la tua serietà scientifica e politica non mi resta che invitarti a partecipare a COHERENCE 1999/2012 dove, a parte ricercatori
  • della grande industria italiana (STMicroelectronics, Pirelli, ecc)
  • dei Laboratori Nazionali dell'INFN di Frascati (Francesco Celani e Sergio Bartalucci),
  • dell'ambito militare come Lino Daddi (già capo del Gruppo di Fisica dell'Accademia Navale di Livorno che ha inviato il suo contributo già messo in rete, ma che salute permettendo vorrebbe raggiungerci il 14 dicembre) e Paolo Pasquinelli già capo della sezione di radiopatologia del CRESAM
ci saranno tra gli altri anche
  • il prof. Alberto Carpinteri (di cui ti allego la presentazione al congresso internazionale di Kazan in Russia) con gli ultimi risultati sugli esperimenti piezonucleari
  • il prof. Yogendra Srivastava fisico teorico della Fusione Fredda/LENR/LENT che con Allan Widom ha consolidato le basi teoriche delle reazioni nucleari a bassa energia [leggasi il recente articolo Theories of Low Energy Nuclear Transformations] ponendole nell'ambito del Modello Standard e che il 14 dicembre discuterà di come anche le reazioni piezonucleari rientrino nell'ambito della fisica nota, energia oscura a parte.
Proprio l'energia oscura dovrebbe insegnarci comunque a essere più prudenti quando parliamo di "Scienza Ufficiale", che diventa un paradosso nel momento in cui la mission scientifica si occupa, invece che delle pagine inesplorate del libro della natura, dell'interpretazione dei trattati che rappresentano il consolidato della scienza e della tecnica.

Ti vorrei pregare quindi di portare un saluto al convegno in qualità di parlamentare e di partecipare da studioso al convegno per seguire dal vivo le evidenze teoriche e sperimentali emergenti che potrebbero suggerire un approccio più costruttivo e solidale verso quei pionieri della ricerca italiana che potrebbero portarci fuori dal guado energetico e tecnologico in cui il paese è immerso con tanto di fondo classifica nella partita della innovazione (un tempo il nostro punto forte).

Il prossimo 4 dicembre ci sarà al Pirelli di Roma uno straordinario convegno: una scuola superiore con studenti e docenti ha fatto lavori sperimentali e brevettato un reattore a fusione fredda e alla presenza di molte scuole e di rappresentanti del ministero saranno presentiti i risultati e discusse le teorie.

Non solo scuole superiori (che mostrano il riemergente genio italico in azione), ma anche la NASA che ha messo nel suo programma 2030-35 la propulsione aeronautica a Fusione fredda /LENR.

Così mentre si accelera nella corsa per il primato di macchine a fusione fredda READY FOR MARKET, credo che sia saggio guardare meglio ciò che accade nei laboratori e negli sviluppi teorici che saranno presentati in piccola parte il 14 dicembre alla Casa dell'Aviatore [leggasi il Programma di Coherence 1999/2012] e a cui ti rinnovo l'invito a partecipare e a portare un saluto ai partecipanti. La grande politica ha già dato prova di attenzione a queste ricerche a cominciare dal Governo Prodi che finanziò il progetto Preparata ENEA/LEDA (SARAS), grazie in particolare al prof. Massimo Scalia e al prof. Carlo Rubbia.

Adesso siamo a quanto pare allo sprint finale e sarebbe bello che l'Italia convergesse per arrivare tra i primi e forse prima.

Saremmo in condizione di farlo se lasciamo lavorare i pionieri e li assistiamo come hanno già cominiciato a fare Maiani e coll. con il loro lavoro teorico di critica alle teorie di WidomSrivastava e Larsen su cui si è acceso un grande dibattito teorico con la replica dei tre scienziati.

Cari saluti

Vincenzo Valenzi

lunedì 26 novembre 2012

Invito al Cerchio di Cura

18 : commenti
All'inizio di ottobre suscitò molto interesse nel blog il post Sciamanesimo e guarigione dell’Anima, che avevo scritto per presentare il percorso spirituale del mio amico Nevio Crivellaro.

Ho appena saputo che questa settimana, a partire da dopodomani, Nevio terrà tre conferenze esperenziali in Centro Italia: 

PERUGIA | Mercoledì 28, ore 20.30
Libreria dell'Anima, Strada Trasimeno Ovest n. 165/F, Centro commerciale La Fontana (accanto al supermercato Pam), Fraz. Olmo - 

VITERBO | Giovedì 29, ore 18.00
Centro Olistico Il Punto Benessere, Via Granati n. 20, Fraz. La Quercia - tel. 320 3285182

TERNI | Venerdì 30, ore 18.00
Centro Olistico Spazio Atman, Via XX Settembre n. 23 - tel. 0744 283763 | 339 4195389

Non immaginatevi una conferenza ex cathedra, piuttosto una chiacchierata tra persone curiose: Nevio e la sua compagna Antonella racconteranno la loro lunga pratica di conduzione di cerchi di cura e inviteranno a parteciparvi. 

***
INVITO AL CERCHIO DI CURA 
A te che conosci disagio e malattia e sai che non sono solamente il frutto del caso, una coincidenza o una maledizione. A te che non basta affidarti alla medicina tradizionale perché sai che la malattia è ancor prima un disagio dell’anima oltre che del corpo. 
A te che cerchi di lavorare su te stesso per riconquistare la salute e la gioia di vivere. Che hai a cuore la vita, la salute e la libertà dell’Umanità, dei nostri fratelli animali e vegetali e la Madre di tutti noi, la Terra. 
A te che vorresti poter aiutare chi soffre in ogni parte del mondo, parenti e amici. 
A te che vuoi vivere un cammino spirituale attivo, che non ti isoli dall’altrui sofferenza in una solitaria ricerca di realizzazione e ti rendi conto che servire la madre Terra e tutti i suoi figli è il compito affidato a coloro che hanno fatto un passo in più nell’evoluzione. 
A te è rivolto questo invito di partecipare al Cerchio di cura! 
Unisciti a noi nel comune intento di richiamare ed attrarre la Luce, la Forza di guarigione per te, per chi ami e per poterla inviare a chiunque sia in difficoltà. 
Guidato da Nityananda – Raimbow Wolf e Little Crow (Nevio ed Antonella) che da più di trent’anni si occupano di yoga-meditazione, sciamanesimo e guarigione sciamanica. 
Il canto dei mantra, gli antichi rituali sciamanici e yogici richiamano la forze cosmiche di trasformazione e guarigione che potrai ricevere e trasmettere quale contributo alla guarigione individuale e a quella della nostra comune Mamma che tutti ci nutre e sostiene. 
Puoi portare (facoltativo): coperta, cuscino, strumento musicale e abiti comodi. 
Per informazioni: 
tel. 392-8992074
Associazione culturale SHAMANWAY, Castel dell’aquila (TR) 
***

Invito a mia volta i lettori di 22 passi che amano questo tipo di discorsi e vivono vicino a Perugia, Terni e Viterbo a venire a conoscere Nevio. A Perugia ci sarò anch'io ad ascoltarlo. 

Rimando alla lettura dell'articolo contenuto nel post Sciamanesimo e guarigione dell’Anima per un'idea generale sugli argomenti che verranno trattati nel corso delle tre serate e concludo aggiungendo una breve biografia:
Nevio Crivellaro nasce a Valdagno (VI) nel 1950. Già da ragazzo percepisce la natura come Madre di tutti i viventi e vive ogni attimo di libertà dagli impegni quotidiani in stretto rapporto con Lei.
A 21 anni si risveglia in lui un’insaziabile sete di conoscenza e comincia così la sua Ricerca.
Dopo 5 anni di cammino solitario incontra il suo primo maestro Guru Maharaji-ji che lo inizia alla meditazione profonda.
Otto anni più tardi conosce Omraam Mikael Aivanhov e prosegue con lui il cammino cominciando a curare le persone.
Per diversi anni, guidato e sostenuto da Maestri Illuminati sviluppa il suo particolare metodo di guarigione.
Nel 1989 incontra Swami S. Saraswati che risveglia in lui l’Energia Vitale (Shakti- Kundalini) e lo introduce allo Yoga spontaneo (Sahaja-Yoga).
Da molti anni tiene conferenze, conduce gruppi in tutta Italia diffondendo le sue conoscenze sullo Yoga e sullo Sciamanesimo guidando le persone ad una guarigione consapevole.
Attraverso il suo metodo le persone diventano coscienti del loro stato interiore, cominciano ad eliminare dalla propria vita blocchi ed impedimenti riuscendo così a meglio indirizzare le energie nelle relazioni, nella vita e nel lavoro, migliorando la propria salute fisica, emotiva e mentale.
Attualmente vive a Castel dell’Aquila (TR) dove continua il lavoro di trasmissione di conoscenza e si prende cura delle persone presso il suo centro di meditazione. 

Approfondire lo studio del fenomeno

102 : commenti
Vi ricordate l'interrogazione parlamentare di fine primavera presentata dal parlamentare Walter Tocci su piezonucleare, INRIM, Capinteri e Cardone?

Be', l'8 novembre scorso è arrivata la risposta da parte del sottosegretario Marco Rossi Doria.

Ne ho evidenziato un passaggio per manifestare la mia soddisfazione in riferimento a quegli "scienziati" che ritengono scientifico negare a priori evidenze sperimentali - già replicate nei laboratori di diverse università (ribadisco: replicati in più laboratori di diverse università) - in virtù dell'autorità (indiscutibile?) di teorie mainstream e banche dati annesse e soprattutto in virtù della protezione delle loro pagnotte e poltrone.  
5-07102 Tocci: Questioni relative all’Istituto nazionale di ricerca metrologica di Torino (INRIM). Fonte: verbale 08/11/12 della VII Commissione Parlamentare Permanente (Cultura, scienza e istruzione)


In merito a quanto rappresentato dall’Onorevole interrogante riguardo al programma di ricerca sul « piezonucleare » che sarebbe stato promosso dal Presidente dell’Istituto nazionale di ricerca metrologica di Torino, si rappresenta quanto segue.
Relativamente alla nomina del rappresentante del Ministero in seno al Consiglio tecnico scientifico dell’INRIM ai sensi dell’articolo 7 del vigente statuto dell’Ente, si informa che inizialmente, in data 7 marzo 2012, erano stati proposti per l’incarico di cui trattasi due nominativi tra cui quello del professor Fabio Cardone, ricercatore dell’Istituto per lo studio dei materiali nanostrutturati del C.N.R.
Con lettera del 13 giugno 2012 sono stati successivamente proposti altri due nominativi: la dottoressa Elisabeth Giacobino e il professor Ernst Otto Göbel. Il Consiglio di amministrazione dell’Istituto ha poi nominato quest’ultimo. 
Per quanto concerne l’orientamento sul progetto in esame, si informa che l’INRIM ha trasmesso al Ministero in data 29 febbraio 2012 il piano triennale 2012/2014 unitamente al documento di Vision decennale.
In tale documento di Vision veniva data per scontata la definizione di una fenomenologia, quella relativa alle reazioni piezonucleari, che allo stato attuale rappresenta una pura ipotesi ancora da dimostrare. Per tale motivo il Ministero, con nota del 17 luglio 2012, ha rappresentato all’Istituto le proprie osservazioni in merito, facendo presente che le implicazioni e le applicazioni del progetto non sono razionalmente prevedibili al momento.
Pertanto, è stata espressa condivisione circa l’opportunità di approfondire lo studio del fenomeno al fine di dimostrarne la validità, richiamando tuttavia la necessità di evitare effetti di « annuncio » per fenomeni non dimostrati.
Inoltre, con la stessa nota è stato sottolineato che, riguardo a questo studio, il documento di Vision non faceva riferimento a pubblicazioni circa l’attività sperimentale svolta e le osservazioni effettuate, pertanto l’Istituto è stato invitato a valutare attentamente l’opportunità di proseguire in tale settore di ricerca, anche in considerazione dell’intenzione di questo Ministero di rinunciare all’ulteriore finanziamento del progetto bandiera « L’ambito nucleare ».
In due parole: LASCIATELI LAVORARE! Ed ecco la replica dell'insoddisfatto interrogante...
Walter Tocci, replicando, si dichiara assolutamente insoddisfatto e sconcertato della risposta del rappresentante del Governo, nonché preoccupato della sorte dell’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRIM), ente pubblico di ricerca afferente al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca che si occupa di scienza delle misure e dei materiali, sviluppando tecnologie e dispositivi innovativi. Lamenta, in particolare, come la risposta del Governo non risponda alla domanda principale contenuta nell’atto di sindacato ispettivo, che chiedeva al Ministro di pronunciarsi sugli inusuali comportamenti del presidente dell’Istituto professor Carpinteri, che ha avviato programmi di ricerca, per i quali ha richiesto i relativi finanziamenti pubblici, non basati su alcuna base scientifica e riscontro scientifico internazionale. Preannuncia, quindi che presenterà ulteriori atti parlamentari sulla vicenda, proponendo, fra l’altro, che il Ministro invii al più presto il relativo dossier al Comitato nazionale dei garanti per la ricerca (CNGR), organo di consulenza del Ministero istituito dalla legge n. 240 del 2010 incaricato di promuovere la qualità della ricerca ed assicurare il buon funzionamento delle procedure di valutazione.
Ricorda, inoltre, come l’articolo 1 della legge 27 settembre 2007, n.165 preveda, al comma 5, che nel caso di comprovata difficoltà di funzionamento o di mancato raggiungimento degli obiettivi indicati dal Governo, il Governo può procedere al commissariamento degli enti di ricerca.
Ribadisce, infine, la sua preoccupazione per l’immobilità del Ministero con riguardo ad una situazione così grave, che rischia di esporre l’ente di ricerca anche al dileggio internazionale.
Ho il sospetto che l'insoddisfazione, lo sconcerto, la preoccupazione, la lamentela, lo stupore, la certezza granitica, la cura proposta, la vergogna dell'On. Tocci nascano dal fatto che dia per scontato che:
  • se mille universitari hanno firmato contro il piezonucleare avranno prima ben approfondito i termini della questione, specialmente quelli scientifici.
  • se c'è una guerra politica in corso contro il Presidente dell'INRIM (e per l'occupazione delle poltrone dell'Ente) sicuramente non può che essere nata da validi e giustificati motivi.
Ma possiamo darlo per scontato? 
Assolutamente no. 
La verità è che il fumus pesecutionis sul piezonuclere è scaturito da una ricerca "pseudo-giornalistica" completamente sballata, come MISTERO ed io abbiamo recentemente mostrato. Quindi se a monte di tutto c'è l'aver dato credito a informazioni inattendibili, l'On. Tocci si troverebbe a valle nella stessa condizione dei mille firmatari dell'ormai celebre petizione: ingannato.

Quanto all'invito di commissariare l'INRIM... beh, certo che sinistra e destra si comportano davvero come fossero uguali! Dopo la triste vicenda del commissariamento dell'ENEA presieduto dal prof. Rubbia vogliamo davvero replicare col commissariamento dell'INRIM presieduto dal prof. Carpinteri? Che si tratti del Rapporto 41 (fusione fredda) all'ENEA o piezonucleare all'INRIM, destra e sinistra sono sempre d'accordo quando si tratta di boicottare ricerche che potrebbero dar lustro alla nazione e far bene a tutta l'umanità. Complimenti, altro che compromesso storico!

Per ultimo vorrei rassicurare l'On. Tocci: il dileggio a cui si riferisce non ha carattere internazionale (anzi, all'estero le reazioni piezonucleare vengono guardate con grande interesse), ha una connotazione squisitamente nazionale e "provinciale". Che all'estero ridano di noi è indubbio, ma non per i motivi che pensano l'On. Tocci e i mille firmatari della petizione contro il piezonucleare. Ridono per tutti quegli Italiani che non s'avvedono che se talvolta le oche del Campidoglio starnazzano per avvisare di un pericolo, più spesso starnazzano semplicemente perché è nella loro natura.

domenica 25 novembre 2012

Il manifesto MMT domani sul Corsera

113 : commenti

Tempi di mobilitazione popolare: degli studenti nelle piazze, degli elettori della sinistra alle primarie del PD, dei cittadini per incidere sulle politiche macro-economiche.

E 22 passi - grazie in particolare alle segnalazioni e ai contributi del lettore Fr@ncesco CH - continua a offrire spazio all'informazione e alla discussione sulla MMT (Teoria Monetaria Moderna), restando disponibile - come ho sempre ribadito - a ospitare anche la voce di chi critica la MMT. 

Ricorderete che a ottobre si svolsero due conferenze in Italia per promuovere la MMT:
Obiettivo delle due conferenze, di Rimini e Cagliari, era redigere un manifesto/programma nazionale della Teoria Monetaria Moderna. Ebbene, ora il programma è pronto e lo trovate integralmente a questo link:
Fr@ncesco CH ci informa che "per lanciarlo è stata acquistato un paginone che verrà pubblicato domani sul Corriere della Sera! (e raggiungere questo obiettivo non è stata una cosa agevole, sia per il costo sostenuto sia per le pressioni politiche "esogene" fatte sul direttore Ferruccio De Bortoli per non pubblicarlo)."

Eccone un piccolo assaggio:
PROGRAMMA MMT DI SALVEZZA ECONOMICA PER L'ITALIA 
Lunedì 26 novembre 2012 sul Corriere della Sera  
Cari Cittadini,  
abbiamo sotto i nostri occhi la più pericolosa crisi sistemica della democrazia e dell'economia italiana dal 1948 a oggi. La struttura dell'Eurozona non lascia scampo al Paese, proprio perché disegnata per sottometterlo, in tutte le sue sovranità, agli interessi di élite sovranazionali finanziarie e speculative che lucrano depredando la nostra ricchezza così faticosamente costruita in decenni. Nessuno di voi aveva mai sentito parlare di SPREAD fino a pochi anni fa. Oggi questo arnese finanziario ricatta l'intera nazione, Parlamento incluso.  
L'Italia, con oltre dieci mila miliardi di Euro di ricchezza privata, è la prima mira in Europa di quelle élite. L'attacco sta distruggendo i nostri redditi, il tesoro nazionale delle nostre Piccole Medie Imprese, e ha interamente abolito le sovranità parlamentari fondamentali. L'attacco non si fermerà, le presenti politiche del 'rigore' mirano esattamente a garantire la sua tragica efficacia.

Tornare Italia si può e si deve. Questo PROGRAMMA vi ha descritto come, con la massima autorevolezza accademica in economia. Ora lo sapete. È la vostra arma per salvarvi, per salvare i vostri figli, la ricchezza che abbiamo tutti costruito in sessant'anni, la democrazia stessa.

Presentate questo PROGRAMMA alla vostra forza politica di riferimento, e pretendete che esso divenga politica economica nazionale, scelta politica dell'Italia in Europa, in cambio del vostro voto. Pegno: il vostro voto.

Non eravamo i PIIGS. Torniamo Italia.

Paolo Barnard

Novembre 2012 
LEGGI IL PROGRAMMA COMPLETO

Alle frontiere della sperimentazione

24 : commenti
Come vi ho anticipato la settimana scorsa, venerdì prossimo, 30 novembre 2012, presso la Sala del Rettorato dell'Università Politecnica delle Marche - Ancona, Piazza Roma, 22 (!) - si terrà un evento interessante.

Mi riferisco alla seconda giornata del convegno Alle frontiere della sperimentazione - Letteratura, Mito, Arte, Scienza ed Economia nel Terzo Millennio che sarà interamente dedicata alla Scienza.

Sono lieto in particolare di segnalarvi, dopo le relazioni della prima parte della mattinata presieduta dal prof. Giovanni Latini, quelle della seconda parte, che sarà presieduta dal prof. Giuseppe Conte e inizierà alle 11.00:
Il cervello trasparente
Le reazioni piezonucleari 2005-2012.
Storia della ricerca da Roma ad Ancona

prof. Fabio Cardone
Energia e Società
Potete scaricare la locandina con il programma completo della mattinata dal sito dell'Università Politecnica delle Marche.

Fortunatamente, dentro le Università, c'è ancora gente che ricorda perché sia nata e quale sia la nobile funzione della Scienza. Questo blog continuerà a fare il tifo per loro e continuerà allo stesso tempo a denunciare tutti quegli accademici che parlano e agiscono come se la scienza (con la s minuscola) servisse solo a garantir loro la poltrona che occupano.

giovedì 22 novembre 2012

Da rispedire al mittente

184 : commenti
Ieri Gdmster (21 novembre 2012, ore 15:45) tra i commenti al precedente post scriveva:
...io non escludo la FF, qualunque cosa si intende con questa dizione. Escludo che ci siano evidenze sperimentali certe di un qualche fenomeno così inquadrabile. Ho appena letto una presentazione di S. Jones, dove avendo preso atto dopo 23 anni che il calore in eccesso non ha origine nucleare (è quello che dice Franchini) sostiene che l'origine del calore è nella materia ed energia oscura. Ti sorprenderà, ma a me potrebbe andare pure bene: nessuno ha idea di che cosa sia tutta questa roba oscura, come si fa a dire che non può produrre energia? Quello che si può dire è che non sembra produrla in esperimenti condotti con buon senso. Quando vedrò inequivocabilmente produzione di energia in un esperimento sensato stapperò lo spumante. Mica sono scemo, e non ho interessi da difendere: anzi potrei trarne un'ottima occasione di business, se solo ne fossi convinto.
Sottoscrivo la replica di Rodrigo (22 novembre 2012, ore 2:04 e 02:40) - le sottolineature sono mie:
@ Gdmstr

>...il calore in eccesso non ha origine nucleare (è quello che dice Franchini)... 
Non semplifichiamo troppo la posizione di Franchini, non mescoliamo le carte, qui bisogna essere chiari.
Franchini non dice solo che nella FF/LENR il calore in eccesso non può essere di origine nucleare, ma dice, ed ha sempre detto, che non esiste alcun calore in eccesso oltre i limiti previsti dalla chimica perché non è previsto dai sacri testi. Quindi tutti quelli che hanno trovato qualche cosa a riguardo sono incompetenti, incapaci, scienziati di serie C, ricercatori che hanno sconfinato dal proprio campo, se non dei semplici "credenti patologici" nei vari campi della fisica, chimica, termodinamica ecc. ecc. ecc. 
È da un bel po' che non leggo il suo blog [ndr, idem], ma nel corso degli anni la sua posizione si è ben consolidata ed è sempre andata ben al di là di negare la fusione nucleare a freddo o il coinvolgimento di fenomeni nucleari per arrivare fino alla negazione totale dell'esistenza di alcun fenomeno e non credo proprio che abbia cambiato idea. Se lo avesse fatto, per coerenza avrebbe dovuto fare anche parecchie scuse a parecchie persone, e il che non mi sembra proprio sia avvenuto. 
I vari Fleischmann & Pons, McKubre, Piantelli, Duncan ecc. sono sempre stati considerati da lui, e da quelli come lui, degli incapaci di fare il loro lavoro oltre che dotati di scarsa preparazione. Come se ad esempio tutti i riconoscimenti che aveva ricevuto Fleischmann proprio nel campo della termodinamica prima del 1989 gli fossero stati dati per caso, oppure che tutta l'esperienza di Duncan nel campo delle misurazioni energetiche fosse svanita in un sol colpo nel 2008 quando ha cominciato ad occuparsi di FF. 
Quindi questi tentativi di parziale "riposizionamento" sono da rispedire al mittente.
Che il Camillo stia dalla sua parte con tutta la sua arroganza e strafottenza, non mi si venga a dire che ora secondo lui esiste realmente del calore in eccesso, dopo tutto quello che ha detto e fatto nel corso degli anni non ci credo proprio e non mi interessa. Che continui pure con orgoglio a definire il calore in eccesso degli esperimenti come un fenomeno di "allucinazione collettiva", non vorrei che un domani si possa dire di lui che "l'aveva previsto", che "aveva ragione lui", anche solo parzialmente, troppo facile, troppo comodo.
Per fortuna c'è internet e tutto quello che ha scritto nel tempo e non solo negli ultimi mesi, compresi gli insulti e le prese per i fondelli, rimane lì, speriamo almeno per qualche generazione, quasi come se fosse scolpito nella pietra, in modo da potersi fare un'idea del personaggio, della cecità e della ostinazione con cui ha combattuto certe persone, della faccia tosta e della superficialità con cui ha denigrato loro e il loro lavoro.
È bene tener presente poi che se si cerca un'origine nucleare nel fenomeno (e più di qualche riscontro in effetti c'è, come per il calore in eccesso) è solo perché non si vuole osare, o non si è capaci, di andare al di là del conosciuto e consolidato. Se Widom e Larsen o Preparata sono considerati degli eretici invece che dei fisici nucleari rispettabili, è solo perché cercano o hanno cercato di spiegare un fenomeno nell'unico modo che conoscono e che è previsto dalla scienza conosciuta, e cioè della serie "certi effetti e in certe quantità, se non sono di origine chimica non possono essere altro che nucleari".
Ma se Allan Widom viene cacciato dalla Sapienza di Roma col plauso di Franchini (quel "QUI NON CI SARÀ MAI POSTO PER QUELLI COME TE" è bene ricordarlo ogni tanto per evitare fraintendimenti) non è perché applica la fisica nucleare o la meccanica quantistica, e non la stregoneria, partendo da delle ipotesi diverse, ma perché cerca di dare spiegazione ad un rilievo sperimentale di *eccesso di calore*, cioè una cosa che per un Ruocco o un Franchini semplicemente *non esiste e non è mai esistita* perché si tratta di scienza patologica. 
Nessun accorciamento o sconfinamento delle posizioni. Che Franchini non metta i piedi in due staffe in questo momento.
Se qualcosa deve accadere, accadrà anche senza i "naysayer" alla Franchini, Ruocco o Bardi. E se per la loro assenza o la loro intraprendenza accadrà tutto in ritardo (e qui mi riferisco ad un qualche sfruttamento pratico del fenomeno e non alla teoria fisica che c'è dietro che mi interessa poco, nucleare o meno) sapremo anche chi ha contribuito al ritardo, questo deve essere ben chiaro, la gente comune lo dovrà sapere in termini di nomi cognomi e di posizione nell'establishment (quest'ultima tanto per rendere noto il "potere" di fare danni di ciascuno).

mercoledì 21 novembre 2012

Le possibilità di Alonso di vincere il mondiale

212 : commenti
Fernando Alonso sostiene di avere domenica prossima in Brasile a Interlagos, gara conclusiva del campionato di Formula 1 del 2012, il 25% delle possibilità di vincere il mondiale piloti.

Rispondete a questa domanda:

supponendo che il GP del Brasile si disputi regolarmente e i punteggi siano attribuiti a fine gara in modo pieno*, da un punto di vista "matematico" quale possibilità resta effettivamente ad Alonso di vincere ancora il suo terzo titolo piloti?

Divertitevi a trovare la soluzione (o le soluzioni) di questo problema elementare di calcolo combinatorio dei possibili risultati.
Per risolverlo (anche se non foste appassionati di F1) basti sapere che Sebastian Vettel (Red Bull Renault) con 273 punti e Fernanso Alonso (Ferrari), con 260 punti sono gli unici piloti il lizza per il primato e che i punti assegnati ai piloti classificati a fine gara sono:
  • 25 al 1°
  • 18 al 2°
  • 15 al 3°
  • 12 al 4°
  • 10 al 5°
  • 8 al 6°
  • 6 al 7°
  • 4 all'8°
  • 2 al 9°
  • 1 al 10°
  • 0 a chi si classifica oltre il 10° posto.
N.B. Qualora Vettel e Alonso chiudessero il mondiale in parità (per esempio entrambi a 285 punti) se lo aggiudicherebbe comunque Vettel per maggior numero di gare vinte nel 2012 (ne ha già vinte 5, mentre Alonso solo 3).

* Il regolamento della F1 prevede che qualora una corsa venga disputata per meno del 75% del chilometraggio previsto i punteggi siano attribuiti dimezzati., ma ai nostri fini non consideriamo tale eventualità.

Come suggestione finale faccio notare che:
  • 13 sono i punti di distacco di Alonso da Vettel
  • 13 sono le volte che Alonso si è classificato in gara quest'anno
  • 13 sono le volte che la Ferrari si è presentata all'ultima gara di un mondiale di F1 con un proprio pilota in lotta per il titolo o già iridato
Speriamo sia una cabala fortunata!

martedì 20 novembre 2012

La settimana scorsa a San Diego

11 : commenti
Due mesi fa informai che nel corso del 2012 Winter Meeting & Nuclear Technology Expo, che si sarebbe svolto a San Diego dall'11 al 15 novembre 2012, il nostro Domenico Cirillo avrebbe presentato le sue ricerche sulla generazione di neutroni a bassa energia a partire dal plasma acceso nelle celle elettrolitiche. E così è stato.

Bisogna innanzitutto rimarcare la totale differenza di approccio fra la realtà "scientifica" italiana e quella USA. Nonostante Larsen, Iwamura e Cirillo siano andati a conferire sulle LENR in un contesto di nucleare convenzionale (l'evento era organizzato dall'American Nuclear Society), gli interventi sono stati ben accolti e le domande ai relatori sono state tante, pertinenti e costruttive. Insomma, non si è alzato in piedi nessun Camillo Franchini - come capitò 6 mesi fa a Pisa a Yogendra Srivastava - ad appellarsi all'autorità dei "sacri data-base" dell'IAEA per contestare i dati emersi dalle ricerche sulle LENR.

Il 14 novembre scorso Cirillo ha presentato a San Diego gli ultimi risultati sulle misure dei neutroni con il metodo 10B+CR39, con tutti i limiti del caso e gli approfondimenti necessari. Si è detto molto sodisfatto del meeting e del feeling generale, assai differente - mi permetto di aggiungere - alla litigiosità e alla malafede che i ricercatori al di fuori dall'establishment accademico si trovano abitualmente a fronteggiare qui in Italia.

Nelle prossime settimane (II)

19 : commenti
Cari amici, segnatevi in agenda, oltre ad Ancona (30 novembre) e Roma (4 e 14 dicembre) un quarto appuntamento (vedi post precedente), che li precede tutti:

***

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
Associazione per la Fondazione Giuliano Preparata

Il professore Yogendra Srivastava terrà il seminario su:


Teoria generale 

delle reazioni nucleari a basse energie
Introdurrà il professor Franco Buccella 

Venerdì, 23 novembre 2012, ore 17.30

Napoli, Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14, 80132 
Saranno forniti dati oggettivi a riguardo della possibilità di generare trasformazioni nucleari a basse energie (LENT: Low energy Nuclear Transmutations) tramite quattro interazioni fondamentali

  • gravitazionale (stellare); 
  • forte; 
  • elettromagnetica
  • debole

sia in natura che in laboratorio. Di conseguenza, non è più discutibile l’autenticità di LENT. La sfida ora è, invece, di sviluppare applicazioni pratiche del modello standard della fisica delle particelle con tecnologie moderne. Questo l’obiettivo del progetto Preparata.

P.S. Le slides utilizzate dal prof. Srivastava al seminario di Napoli e pochi giorni dopo, il 4 dicembre, al convegno all'IIS Pirelli, sono scaricabili da questo post.


***

Devo la segnalazione all'attivissimo Vincenzo Valenzi, di cui riporto volentieri la nota che ha diffuso alla propria mailing list.

Cari Colleghi,
un autunno caldo per la Fusione Fredda/LENR/LENT,appare questa la conclusione emergente dal susseguirsi degli eventi teorici sperimentali con meetings che scaldano il clima scientifico dopo che nella stampa scientifica la temperatura è salita molto con il confronto in corso tra il Gruppo di Maiani e quello di Widom.
La partita sembra chiudersi sul piano teorico con l'ultimo articolo di Widom e Srivastava e Swain che pone gran parte dei risultati da Fleischmann in poi (le famose 17.000 repliche riuscite) nell'ambito del modello standard.
Ne parlerà Srivastava venerdì 23 Novembre alle ore 17.30 a Napoli presso il Palazzo Serra di Cassano Via MOnte di Dio 14 all'Istituto Italiano di Studi Filosofici.
Ma la partita continua nelle Scuole superiori quando a Roma il 4 dicembre vanno in scena gli esperimenti del Liceo Leopoldo Pirelli di Roma divenuto un centro pilota di formazione e ricerca per le scuole superiori italiane (e magari anche per qualche vicina università che tristemente da troppo tempo perde colpi).

Si continua il 14 dicembre nelle sale del vecchio Ministero della Guerra, oggi casa dell'Aviatore dove sviluppi teorici e sperimentali si confronteranno a 360 gradi dal mondo dell'industria (STM) ai laboratori di Frascati dell'INFN (Celani), al Politecnico di Torino, con arricchimenti teorici di Sergio Bartalucci teorico dell'INFN di Frascati, che farà una rassegna critica degli esperimenti e delle teorie sulla fusione fredda, a Yogi Srivastava che mostrerà come gli esperimenti di Carpinteri abbiano solide fondamenta nella fisica.
Materie su cui riflettere anche nel pomeriggio con le interazioni non lineari in biologia dalla memoria dell'acqua alla farmacoelettrodinamica emersa dagli studi biometeorologici sulle meteoropatie e la climatoterapia e la loro base fisica che ha spianato la via alla comprensione dei meccanismi elettroquantistici alla base del del funzionamento biologico che ci consentono di gestire qui e ora gran parte delle reazioni avverse ai farmaci che mietono troppe vittime da fuoco amico (5 milioni di reazioni avverse ai farmaci con 100.000 morti solo negli USA Lazarou et al. JAMA 1998; 279:1200–1205). 

Qualcosa su cui sviluppare una grande ricerca che ad oggi ha trovato troppe freddezze e qualche "utile idiota " che tra una telefonata e l'altra si è dato da fare per impedire che si lavorasse in questa direzione, credendosi padrone della materia (una specie di cosa nostra all'amatriciana). 

Finalmente nel Belpaese si va riaffermandoil primato della scienza che è rigore e creatività nella ricerca della verità nella pagine inesplorate del Libro della Natura.  
L'Italia ha avuto i principali leader nella fisica teorica come ebbe a ripetere Mikhail Zhadin grande fisico russo, con Galileo Galilei, Enrico Fermi e Giuliano Preparata. 
Dal Pirelli di Roma (progetto Athanor) riparte la grande tradizione che si deve estendere non solo ai licei ma alle Università e negli Enti di Ricerca che debbono riprendere il ruolo di guida nella ricerca e nell'innovazione per traghettare l'Italia fuori dal guado. 
Cari saluti
Vincenzo Valenzi

domenica 18 novembre 2012

Nelle prossime settimane (I)

145 : commenti
Questo post è rivolto a chi segue con interesse tutti quegli sviluppi scientifici che, nonostante l'ostilità raccolta in parte del mondo universitario, sono abbondantemente in atto in fisica, chimica, biologia ecc. e seguiti da migliaia e migliaia di appassionati.

Praticamente è anche un assaggio degli argomenti che verranno messi al centro del blog nelle prossime settimane.

Intanto segnatevi in agenda tre appuntamenti.

( 1 )

ANCONA, Venerdì 30 novembre, dalle 9.00 alle 13.00 presso l'Aula Magna del Rettorato, in Piazza Roma, seconda giornata del Convegno Alle frontiere della sperimentazione: Letteratura, Mito, Arte, Scienza ed Economia nel Terzo Millennio

Di cosa si parlerà? Ve lo spiegherò in dettaglio nei prossimi giorni... ;-)

N.B. alcune locandine riportano ancora "1 Dicembre, Università Politecnica della Facoltà di Ingegneria", in quanto pubblicate prima che venissero modificate data e sede dell'evento.

( 2 )

ROMA, Martedì 4 dicembre, dalle 9.00 alle 13.30 presso l'IIS Leopoldo Pirelli di Roma, convegno NUOVE ENERGIE nella Scuola (organizzato in collaborazione con l'ISPRA). 

Si tratta dell'evento che l'Ing. Ugo Abundo aveva preannunciato già durante la scorsa estate e di cui per adesso vi anticipo soltanto la scaletta:
0. Introduzione alle attività promosse dall'Istituto negli anni passati (in particolare, l'impianto solare per l'estrazione di acqua potabile dall'atmosfera costruito dagli allievi del Pirelli e donato ad una scuola in Congo) 
1. Benvenuto del Dirigente IIS L. Pirelli
2. Saluto delle autorità ministeriali
3. Presentazione del piano dei lavori
4. Relazioni e/o video-interviste:
  • Emilio Del Giudice - il quadro teorico delle LENR
  • Francesco Celani - il quadro sperimentale
  • Antonella De Ninno - l'esperienza all'ENEA sulla produzione di elio
  • Allan Widom - la teoria della cooperazione elettronica
  • Yogendra Srivastava - prospettive sperimentali per le migliori condizioni di reazione
  • Domenico Cirillo - evidenze di emissione neutronica e di trasmutazioni
5. Dott. L. Magro (ISPRA) - ipotesi di rilevazioni selettive di traccianti per le LENR
6. presentazione, da parte degli alunni Pirelli, delle attività di questo anno scolastico
7. presentazione dei filmati relativi alla documentazione della raggiunta OVERUNITY
8. associazione "All Rights", criteri di impostazione per uno studio sull'impatto ambientale (e sull'uomo) delle nuove tecniche di produzione energetica
9. presentazione dei risultati della più recente campagna sperimentale
10. illustrazione del funzionamento LIVE in sala convegni (ovviamente con riscaldamento elettrico e non a LENR) della apparecchiatura costruita da settembre a novembre nel Pirelli per le misurazioni energetiche di resa delle LENR
11. presentazione di un'analogia tra rete neurale artificiale e struttura dello spazio fisico per pervenire a un modello quantistico di orientamento per la guida della prosecuzione delle ricerche
12. esordio del sito web ufficiale ove seguire i progressi della sperimentazione OPEN SOURCE
Per ora mi fermo qui. Aggiungo solo che ci sarà una bella sorpresa per i lettori di 22 passi d'amore e dintorni.


( 3 )

ROMA, Venerdì 14 dicembre, Convegno Coherence 1999/2012 - 13 anni di Coherent Quantum Electrodynamics.

Programma provvisorio (aggiornato al 20/11/12):

Prima Sessione: 9.00-13.00
Ricerca&Sviluppo di nuove tecnologie per la protezione dell'Ambiente:
dalla Rinnovabili classiche alla fusione fredda/LENR

Results of LENR experiments in STMicroelectronics.

- Ubaldo Mastromatteo (STMicroelectronics)
- Health & Energy - Company Fellow

Piezonuclear reactions produced by brittle fracture: 
From laboratory to planetary scale. 
- Alberto Carpinteri (PoliTO, Department of Structural Engineering & Geotechnics)


Recentissimi risultati sugli esperimenti LENR di replica, effettuati con fili di Costantana nanostrutturata. 
- Francesco Celani (LNF-INFN Frascati)


Neutron Production from "Smart" Materials: Pyroelectrics and Piezoelectrics 
- Yogendra Srivastava (Department of Physics & INFN, University of Perugia)

Trasmutazioni a Debole Energia 
- Renzo Mondaini (Centro Ricerche Ravenna)

Il progetto Athanor del Pirelli di Roma
- Ugo Abundo (IIS PIrelli Roma)

Considerazioni sulle contraddizioni emergenti in ambito di sicurezza biologica da radiazioni non ionizzanti e ionizzanti (calde e fredde) 
- Paolo Pasquinelli (Biologo, già Capo Sez. Radiopatologia e Radiotossicologia del CRESAM)

Seconda Sessione: 15.00-17.00 
Interazioni deboli e non linearità in biologia: 
dalla Memoria dell’acqua alla farmacoelettrodinamica. 

Storia della scoperta delle proprietà speciali dell'acqua? 
- Gualtiero Valeri (CIFA Lugano) 

Sviluppi‎ teorici‎ e‎ controversie ‎sulla‎‎ Memoria‎ dell’Acqua
- Giuseppe Quartieri (ANFeA, IBR Palm Harbour USA)

Ulteriori investigazioni dull'effetto Zhadin 
- Livio Giuliani (INAIL/ISPELS)


Oxigen depletion e cancerogenesi dovute alle combustioni combattute da batteri estremofili energifori
- Piero Quercia (Biologo)

Coerenza di tempi nei sistemi complessi
- Giuseppe Mascioli (Matematico)

The biological fluctuating phenomenon of Sectoring Colonies (CSD) correlating with two dominant physical phenomenon’s, the Solar Activity (Wolf’s Number) and the Cosmic Rays . 
- Faraone Piero (CIFA-ICEF)

The proteins of the basic substance of connective tissue and their properties as semiconductor; mediators between electromagnetic and biochemical message.- Giuseppe Nannini (ASL Monterotondo)

Terza Sessione: 17.00-19.30
L’influenza delle Variazioni Climatiche, dei campi elettromagnetici e dell’inquinamento atmosferico sull’Infarto Miocardico e altre patologie meteosensibili e la loro terapia climatica e farmacologica. 

Variazioni Meteorologiche e Infarto del Miocardio 
- Alessandro Ciammaichella (Primario Medico Roma)

Briançon climatotherapy history: the transition from sanatory center to modern systematic treatment of BPCO and allergy. 
- Pedro Da Mata (Immuno-allergologo Lisbona/Briançon)


Dalla Biometeorologia alla Farmacoelettrodinamica:
verso la terapia personalizzata qui e ora. 
- Vincenzo Valenzi (Centro Studi di Biometeorologia/CIFA Lugano)

***

Related Posts with Thumbnails