Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

sabato 3 dicembre 2011

Non lo faccio apposta...

Panorama di Amelia (TR).
Per il particolare microclima e per la presenza di una specie autoctona,
il suo olio extravergine d'oliva è considerata tra i migliori della penisola.

Oggi...

1068 kg di oliva di famiglia portata al frantoio (questo qui)...
 
236,8 kg di olio ottenuto...

22% di resa... e te pareva!!!

80 : commenti:

indopama ha detto...

Numero mastro 22
Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?
Lontano dalla mia salvezza sono le parole del mio lamento!
I primi versi del Salmo 22 indicano chiaramente il potere delle vibrazioni che questo numero emana. Questo è considerato il numero della fatalità, degli errori e delle relative conseguenze.
Il 22 rappresenta la Croce del Cristo, quindi: il sacrificio. In questo caso espiazione degli errori.
L'Arcano Maggiore 22 è il Matto.

Il Matto, infatti, cammina alla cieca, appoggiato al bastone (coscienza da risvegliare). All'estremità di questo vi è legata una bisaccia (errori da espiare). Un cane lo segue, lo azzanna, ma egli non si difende (fedeltà respinta).

Saggezza o follia? Super-Io, errori di sopravvalutazioni, egoismo esasperato, desiderio di soddisfare i sensi in modo sfrenato. Possibilità di abuso di alcool o droghe, demenza precoce. Ma, al tempo stesso, questo numero, se gestito bene, può portare a realizzazioni concrete anche di tipo universale. Occorre però un autocontrollo eccezionale.

Franco Morici ha detto...

Come mi piacerebbe vederlo in funzione h 24 live...

Andrea Rossi
December 3rd, 2011 at 2:52 PM

Dear Kim Patterson:
Great idea, we will make it ( not the mental bricolage)
Warm Regards,
A.R.

Kim Patterson
December 3rd, 2011 at 12:40 PM

With all due Resepect You need to set up 1 unit and run it 24 hours a day on video live stream. (This is a simple thing and this is what the people want) All else is mental masturbation
Respect
Kim

ma c'è già una prima retromarcia...

Andrea Rossi
December 4th, 2011 at 7:18 AM

Dear Italo A. Albanese:
You are right, but to do this we must wait to have the right Customer, who allows us to put his plant online. I will do it, as soon as I will have this chance.
Warm Regards,
A.R.

Italo A. Albanese
December 4th, 2011 at 3:24 AM

Dear Andrea Rossi,
May I remember you this is not the first time you say “I’ll do a video live stream”?

Best regards,
Italo A.

poi...

Andrea Rossi
December 4th, 2011 at 3:20 PM

Dear Claud:
This could be arranged, we have to think about.
Warm Regards,
A.R.

Claud
December 4th, 2011 at 12:58 PM

Dear A.R. to show an e-cat working on a video livestream, a mere laboratory corner framing with a single device on a table would be enough!
It would be fabulous!


mah! e della sperimentazione presso l'UniBo/Uppsala più nessuna notizia...

Valeria ha detto...

Quanto mi sei mancato!!

Andrea G. ha detto...

22% ... e ti pareva, nel mio piccolo oliveto di un'ottantina di piante scarsine e funestate dalla mosca il rendimento è stato un 12% risicato...
complimenti!

Enrico Maria Podestà ha detto...

Scommetto che da qualche parte, in casa, hai una Olivetti Lettera 22 !

Tal dei tali ha detto...

In realtà la percentuale esatta sarebbe 22,172284644194756554307116104869.

Dettagli.

Merlian ha detto...

@indopama

(tratto da Wikipedia)...Nei tarocchi marsigliesi è stata introdotta anche la figura dell'animale in agguato, che è sempre presente in tutti i mazzi successivi. Questo animale generalmente è un cane o un gatto (e-cat), anche se in alcuni mazzi particolari può essere rappresentato da belve, di solito un grosso felino (e-cat da 1 MW???).

Anche se il "Matto", nei mazzi per la divinazione è spesso presente come numero 0, indicando che la carta è precedente al Bagatto; più raramente può essere undicato nel numero 22, indicando che la carta è seguente al Mondo, oppure non essere presente alcun numero.

Ma tutto questo appartiene all'esoterismo, invece se facciamo riferimento a qualcosa di più "scientifico" come "la Smorfia napoletana", allora:

22 = ‘O PAZZO = il pazzo, il folle, il matto

Nella numerologia, invece:

Caratteristiche generali:

Il 22, come evoluzione della sua cifra base 4, rappresenta l'energia creativa, capace di plasmare la materia nella forma desiderata. Riportata sul piano umano, questa forza potenziale caratterizza il "mastro costruttore" che utilizza il potere di cui dispone per materializzare i progetti che la sua mente eclettica continua ad elaborare. Promotore di grandi idee il 22 agisce come catalizzatore, e anche involontariamente apporta cambiamenti significativi nell'ambiente in cui si trova.

Anima 22:

Idealista dotato di senso pratico, il 22 desidera contribuire al progresso delle persone che lo circondano. Sul piano affettivo, la presenza del doppio 2, indica un potenziale conflitto tra l'aspetto emotivo e quello razionale che si manifesta nella tendenza a passare da un sentimento idealizzato a una visione fredda e materialista. Sovente il rigore mostrato dal 22 nasconde un temperamento intenso e drammatico.

Persona 22:

Il numero 22 proietta all'esterno un'aura di sobrietà e determinazione che lo identifica come una persona competente, in grado di assumersi responsabilità e risolvere questioni pratiche.
La gente, attratta dalla sua personalità intensa e carismatica coglie la sua disponibilità a fare le cose in grande e non esita ad affidargli incarichi e oneri mirati a incrementare la produttività o a risanare situazioni in crisi.

Numero dell'Io 22:

Come numero maestro il 22 rappresenta il vero significato della magia, che consiste nell'utilizzo cosciente del pensiero creativo per portare sul piano della manifestazione, i progetti che si trovano nel mondo delle idee. Nel momento in cui il 22 incanala la sua prorompente energia verso fini costruttivi, può eccellere nell'ambito lavorativo e contribuire al benessere collettivo, realizzando opere pubbliche o progettando soluzioni tecniche d'avanguardia. Dotato di nervi d'acciaio il 22 lavora bene sotto pressione e sovente si occupa di "casi difficili".

Destino 22:

Il numero 22 sintonizza l'individuo sulle frequenze della mente cosmica e lo orienta ad applicare il suo talento pratico verso progetti che portino beneficio alla collettività. La chiave di questo sentiero sta' inizialmente nel riconoscere il proprio potere, non lasciando ristagnare l'energia, che potrebbe implodere all'interno, creando tendenze autodistruttive. In seguito al riconoscimento dei talenti, deve seguire una chiara progettualità, associata alle qualità della disciplina e della perseveranza.

Vettore ha detto...

Daniele hai avuto un'idea grandiosa a chiudere i commenti per il WE! E' utile "disintossicarsi" ogni tanto... :-) (E se lo dico io che non sono poi così assiduo, immagino che qualcuno ne abbia beneficiato molto di più... oppure è andato in crisi di astinenza!)
Complimenti per le olive! Grandi numeri! La mia produzione (sono pochi alberi in effetti) arriva al massimo ad un decimo! :-)

nambar ha detto...

... vista la mia scarsa conoscenza della lingua inglese, e la mia scarsissima conoscenza tecnica, e dato che vi giudico persone ben informate, istruite, e intelligenti ma soprattutto mi fido del vostro giudizio superpartes...... cosa pensate di questo?
http://www.starscientific.com.au/
eravate a conoscenza?

nambar ha detto...

... secondo voi questo
http://www.starscientific.com.au/
è vero? è attinente con e-cat?
è una ulteriore conferma? (qualora a qualcuno ANCORA SERVISSERO)

nambar ha detto...

buongiorno, vorrei un vostro giudizio
su questo
http://www.starscientific.com.au/

secondo voi è vero?
ha a che fare con e-cat?

nambar ha detto...

... scusa daniele non mi ero accorto della moderazione.... ho scritto praticamente 3 messaggi identici.... scusa ancora

Paul ha detto...

@ Daniele:
a proposito di olio d'oliva extravergine:
al supermercato lo vendono a circa 3,5 euro per 75 cl. ma è composto da una miscela di oli comunitari.
C'è poi un tipo di extravergine 100% italiano che costa circa 4,5 euro per 75 cl.
Quest'ultimo ha un odore e sapore moooolto più intenso del precedente, molto buono, niente di paragonabile con gli oli comunitari.

Sarebbe bello poter gustare il tuo olio che sicuramente dev'essere eccezionale.
Se ne può acquistare qualche litro?

Giancarlo Rossi ha detto...

La quartina I.22 di NOSTRADAMUS è stata associata al MATTO degli arcani, ma anche alla M.A.D. = Mutual Assured Destruction per via della guerra nucleare totale.

I.22
"Ce qui vivra n'ayant aucun sens,
Viendra leser a mort son artifice,
Autun,Chalons,Langres, et les deux Sens,
La gresle et glace fera grand malefice."

I.22 (italiano)
"Quel che vivrà non avendo alcun senso,
Verrà a ledere a morte il suo artefice,
Autun, Chalons, Langres, e i due Sens,
La grandine ed il ghiaccio faranno grande maleficio."

Nell'interpretazione di Vlaicu Ionescu:
AUTUN = Autunnite (fosfato di uranio)
CHALONS = Chalossiano (periodo paleolitico caratterizzato dalle pietre triangolari, ricordano il simbolo della radioattività).
VITA = EMIVITA (mancanza di sensi, anche i batteri hanno qualche organo di senso: chemio e fototropismo, ecc.)
Grandine e ghiaccio vengono menzionate nell'Apocalisse, come molto distruttivi.

mario massa ha detto...

@nambar

non sono un esperto, ma ti dico la mia opinione:
è interessante che una azienda si dedichi al tentativo di industrializzazione della fusione con catalizzazione muonica ma se non ricordo male il problema è che per generare un muone per decadimento di un pione occorrono energie di centinaia di Mev il chè rende il tutto non conveniente. Occorre poi considerare che una fusione di questo tipo genera neutroni e gamma, rendendo il tutto non così diverso dalla fissione dal punto di vista della "pulizia" (non ci sarebbero le scorie dirette, ma i neutroni tenderebbero a rendere radioattivo tutto il sistema con le problematiche a fine vita simili a quelle dello smantellamento di un impianto a fissione): in ogni caso bisognerebbe scordarsi piccoli generatori tipo E-CAT.

Daniele 22passi ha detto...

@Valeria
Sono ancora abbastanza via dal blog... ma grazie lo stesso! :)

@Tal dei Tali
Avresti ragione se io avessi scritto 22,0%, ma non l'ho fatto, dunque l'arrotondamento è per convenzione all'intero non al decimale.
Questi non sono dettagli.
P.S. sarebbe bastato ottenere 1/2kg d'olio in più (0,2% dell'olio prodotto in totale) per avere una resa del 22,22%... considerati i vari errori nelle operazioni di pesatura non sarebbe mica da stupirsi se... :))

@Indopama
@Merlian
Grazie amici, è vero: il 22 è un archetipo molto molto ricco. Grazie per averne riassunto mirabilmente il simbolismo.

@Vettore
Mi darò sempre più da fare per il recupero dei blogoinomani di 22passi! :))
Quanto alla resa dell'olio, ho visto che una resa sopra il 20% è stata la norma lì nell'Amerino (addirittura il frantoio vantava come record un mirabolante 27,4%!).

@Paul
Non so se è eccezionale, sicuramente è buono e la "prova bruschetta" la supera a pieni voti. Però temo costerebbe più la spedizione che l'olio stesso! :))

@Giancarlo Rossi
Credo anche io al 2012 come spartiacque importante, ma non nel senso dell'apocalisse biblica o nucleare... sogno una società molto migliore della nostra, e per averla serve una vera e propria RIVOLUZIONE delle coscienze.

Tizzie ha detto...

Non sono esperto, ma qual e` la resa solitamente? 22% e` tanto o poco?

nambar ha detto...

@mario massa
grazie per la risposta chiara e semplice
a questo punto penso che
Focardi, piantelli, harata, gli australiani, la defkalion e altri che magari non conosco nel "piccolo" dei loro "piccoli" laboratori con risorse economiche limitate stanno comunque portando avanti una ricerca efficace verso sistemi "semplici" di produzione di energia "pulita e a basso costo"... ma perchè le grandi istituzioni si ostinano a ricercare sistemi molto complessi, con implicazioni tecnologiche mastodontiche e spendendo miliardi di dollari in ricerche che non porteranbno benefici se non a tempi lunghissimi... ma tutti quei fisici impegnati in quei progetti, vivono fuori dal mondo e cercano solo la soddisfazione alle loro curiosità personali??? o sono proprio così tonti da non vedere la semplicità della natura?

Il Santo ha detto...

@Daniele

Ma non hai raccolto troppo tardi? Per il mio olio attendo che le olive siano ancora abbastanza verdi, sicuramente non completamente nere, raccolte una ad una dall'albero, e spremute a freddo. Cosi' facendo devo raccogliere in corrispondenza dei primi di novembre.

sandro75k ha detto...

io qui nel Vastese ho avuto una resa del 15% ...la varietà è quella detta "moraiolo"... Una volta anche qui le rese erano drasticamente superiori... la mia famiglia ricorda un caso isolato del 25%... ma sono anni che non si riesce più a toccare il 20...dicono sia x ragioni climatiche...

sandro75k ha detto...

@Il santo
non è tardissimo per le olive, vero è che raccolte alemeno 20 giorni prima hanno dei profumi nettamente suoperiori.. un po' come la mela verde....
@tutti
un litro d'olio extra v. proveniente da sole olive italiane raccolte in modo serio, imbottigliato ed etichettato perfettamente a norma del 100% e spremute a freddo entro le 24 ore non può costare, sugli "scaffali", meno di 10-12 euro iva compresa al litro... se le olive sono raccolte a mano una ad una l'olio deve costare almeno 20-25 euro... Chiunque contraddica questo post non ha nessuna idea di cosa sia l'oliviticoltura esattamente come chi cerca l'olio buono nei supermercati!

Paul ha detto...

@ sandro75k:
noi poveri "cittadini" senza olivi, possiamo solo trovare l'olio nei supermercati...

L'unica scelta che possiamo fare è leggere i dati sull'etichetta, e comprare quello che costa di più, sperando che più costa e più è buono. Non ho mai visto comunque costi superiori a quelli che ho indicato (Eurospin e Lidol). Possono esserci comunque "boutique" gastronomiche con costi molto più elevati, ma lì credo ci sia il richio di fregature...
Bisognerebbe acquistare da "contadini" di fiducia....

robi ha detto...

Sandro75
non è che per caso una volta le lasciavano "asciugare" per un mesetto o più?

per rispondere a Tizzie ti dico che la resa è specifica per ogni qualità d olivo.Dopo conforme la stagione può esse più o meno alta della media

robi ha detto...

la resa 22x100 è sicuramente buona ,dalle mie parti sarebbe ottima.
si va dal 9 al 25 di solito per resa .dopo possono esserci le eccezioni.

Valeria ha detto...

IO NON COMMENTO...QUALCUNO PUO' SPIEGARMI QUESTO?

Su youtube è il delirio!

http://www.youtube.com/watch?v=a8fWUPlqwlQ&feature=player_embedded

Alcuni scienziati sostengono sia solo un effetto della rifrazione ottica come spiega Jim Kaler dell’Università di Illinois (USA) é “maledettamente raro” e non completamente spiegabile dalla scienza moderna.Lo scienziato poi continua: “Dubito che sia stato modellato del computer .Ci deve essere stata qualche goccia di atmosfera da qualche parte che ha causato questo fenomeno veramente spettacolare, che in un certo senso è un miraggio”.. Qualunque cosa sia , è davvero incredibile..(commento del redattore, non mio)

Valeria ha detto...

a Gennaio 2011 il Corriere della Sera tranquillizzava i lettori, dicendo che "i neutrini sono più lenti della Luce"....Ah sì???

http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/11_gennaio_24/due-soli-nel-cielo-la-Terra-illuminata-come-mille-anni-fa_91b9c45e-278d-11e0-a862-00144f02aabc.shtml

mario massa ha detto...

@nambar

fin dagli anni '90 seguo il lavoro di Focardi (e a quei tempi anche di Piantelli e Stremmenos) proprio per questo: la loro soluzione sarebbe mostruosamente semplice e rivoluzionaria. Il problema è che dopo tutti questi anni non si sa ancora se funziona e ormai sono diventato molto pessimista, anche se un minimo di speranza rimane.

mario massa ha detto...

@nambar

se ti interessi di fonti energetiche, se non lo conosci, ti consiglio di documentarti sull'utilizzo del Torio: non permetterebbe certo la rivoluzione promessa dall'E-CAT, ma risolverebbe in gran parte i problemi delle attuali centrali a uranio ed è una tecnologia praticamente già disponibile, occorre solo volerlo. Se vuoi documentarti comincia da qui:
http://energyfromthorium.com/

gio ha detto...

@ daniele

molto bello ..complimenti!

Il Santo ha detto...

@sandro75K

Io ho ottenuto il 17 ed e' già tanto, solitamente viaggio intorno al 15. I vicini raccolgono più tardi e di regola superano il 18, quest'anno hanno raggiunto il 20.

Ottengo un olio molto verde, quello che più mi colpisce è il profumo che si sprigiona appena apri la bottiglia...

Cmq credo che raccogliere a dicembre sia davvero molto, molto tardi.

Vettore ha detto...

@nambar
La fusione catalizzata da muoni non è mai stata ritenuta interessante perchè teoricamente ha un rendimento inferiore a 1, nel senso che l'energia richiesta per produrre i muoni è inferiore a quella che si ottiene dalle reazioni di fusione che questi possono generare.
Il fatto che ci sia un'azienda che vuole farne il proprio business, ma non spiega come intende produrre muoni in maniera conveniente (non c'è uno straccio di informazione tecnica sul sito), non mi fa pensare bene...
Niente a che vedere con le LENR (Rossi, Piantelli, etc) comunque.

piero41 ha detto...

Parlate di olio autoprodotto nel WE nelle proprietà ormai "francobollo" dove i nonni probabilmente in passato si guadagnavan la vita nei campi.... Ora guardando la bella foto di quel paese con strada a "girocolle" tipico del centr'ìtalia mi veniva da pensare ma quanti nipoti ora posson vivere là di agricoltura con tutta la concorrenza a basso costo?... , Ora parlano di valorizzare, aumentare le occasioni di lavoro per i giovani ma forse gli antichi e faticosi lavori di un tempo ormai...non credo purtroppo siano più in grado, specie se si devon basare sul manovalato per ridurre i costi, propio non va.. Qualche nicchia di DOP, di Bio, nicchie... Vendono olio mediterraneo, forse andare a produrre con nuove idee e gusto italiano nei nuovi paesi dell'altra sponda...Certo ci voglion capacità, banche... e cogl..i per iniziare ma forse chissà?. Discorsi e curiosità da bar... A cosa pensavi quando hai inserito qelle foto Daniele? Alternative?? E' la tua terra noh??

Daniele 22passi ha detto...

@Tizzie
Dipende dal luogo e dall'andamento delle stagioni... da queste parti, da quello che so, sopra il 18% la resa è considerata buona.

@Il santo
Credo che, al di la di quello che osserva Sandro75k, sia anche un problema pratico. Si tende ad anticipare la raccolta per evitare il rischio che arrivi pioggia o peggio neve, rendendo veramente problematica l'operazione.
Si è iniziato a raccogliere dai piantoni di mio padre due settimane fa, prima non è stato possibile.
Posso dirti che sabato scorso al frantoio c'era la fila, ogni ora arrivava un mezzo con un nuovo carico di olive. Non eravamo assolutamente fuori tempo massimo.
I miei parenti erano molto soddisfatti dell'olio ottenuto quest'anno (è la prima volta che mi interesso in prima persona, prima ci pensava mio padre, ma ora è troppo anziano...).

@Sandro75k
D'accordo sulle tue considerazioni sul prezzo. Da queste parte il prezzo di mercato dell'olio extravergine d'oliva (escluso contenitore, trasporto, ricarico della filiera) è sui 7€ al litro.

briggart ha detto...

@valeria

l'articolo dice, tecnicamente sbagliando ma non di molto al al lato pratico, che i neutrini viaggiano alla stessa velocita' della luce.

di fatto, la prima (e unica credo) volta che si son visti i neutrini da una supernova, questi sono arrivati 3 ore prima della luce. la spiegazione piu' probabile e' che neutrini e la radiazione che noi vediamo siano prodotti in due fasi differenti del collasso.

My2Cents ha detto...

Complimenti, Daniele!
Una resa del 22 è veramente buona, almeno per la zona dove abito io (vivo nelle Marche).

A me quest'anno ha reso il 14,2% (chili su chili), partendo da una produzione di poco meno di 500 Kg di olive raccolte durante il ponte dei Santi.

Da queste parti chi ha molti olivi comincia presto per non finire troppo tardi (quando i frantoi iniziano a chiudere, ma soprattutto la stagione peggiora e raccogliere diventa faticoso).

Chi raccoglie prima può contare su una qualità leggermente migliore, a scapito della resa necessariamente inferiore.

Un discorso a parte va fatto per chi produce solo per vendere e non per l'autoconsumo: in questi casi ho potuto assistere personalmente a "trucchetti" tesi ad aumentare il guadagno riducendo il costo della frantoiata: ad esempio basta parcheggiare per qualche giorno le olive raccolte nelle casse (o peggio in balletti di nylon) prima di portarle al frantoio. Perdono parte dell'acqua, pesano meno e la frantoiata costa meno (il costo è al q.le).
Peccato che l'olio prenda di acido (se non di rancido nei casi estremi)... Business, as usual!

Comunque io non sono un esperto, da quel poco che so la resa dipende dalla razza delle piante ma soprattutto dalla loro età (le piante secolari danno grandi soddisfazioni), dalla stagione (se ha piovuto durante la formazione delle sacche olearie e naturalmente se c'è stata la mosca), dal tipo di procedura utilizzata per frantoiare (a caldo rende di più ma "brucia" un po' l'olio) come dalla "cura" del frantoiatore (la macinata deve durare né troppo né troppo poco: se dura poco rende poco, se dura troppo la pasta prende troppa aria).

Insomma è un'arte che spero non scompaia, i profumi che si sprigionano durante la spremitura sono semplicemente indescrivibili, non me ne perdo una da 10 anni!

Di nuovo complimenti, Daniele!

P.S: quoto incondizionatamente Sandro75k (qui da noi quest'anno si vende "tra privati" a circa 8,5€/l, escluso il contenitore). Nei negozi di specialità enogastronomiche e nelle fiere è necessariamente più alto.

Silvano Mattioli ha detto...

Complimenti daniele, l'hai fatto analizzare ?
AMARO % ?
PICCANTE % ?

ecc.

Eh... i miei sono di un paesino vicino "Massa Martana" conosco la zona: l'umbria vive su un cultura dell'olio, una storia che va da come deve essere piantata la pianta (per chi non lo sapesse va messa 1-1.5 metri sotto presa dal vivaio...) alla potatura alla concimazione, alla posizione stessa dei pendii, alle varietà (e mix).

L'olivo è una pianta STORICA da quelle parti ed ha segnato nel bene come quest'anno per te e nel male (leggi gelate degli anni '50) la vita e la diaspora delle genti umbre...

Complimenti

Giancarlo Rossi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Giancarlo Rossi ha detto...

"Quel che vive, non avendo alcun senso,
metterà a morte il suo artefice..."

(Enrico Fermi morì per un tumore causato dalle radiazioni dell' A-Reactor)

http://www.theatlantic.com/infocus/2011/12/fukushima-inside-the-exclusion-zone/100202/

sandro75k ha detto...

@Robi
é vero che le olive oggi mediamente si raccolgono prima... Fino a 20 anni fa si lasciavano "asciugare" per alcuni giorni e le rese aumentavano a discapito della qualità!
@Paul
Compra l'olio da un contadino di fiducia, avrai olio strepitoso e sosterrai il settore che rischia di scomparire... da un contadino, neanche da un frantoio...

elia ha detto...

a furia di pensare alla fusione mi sto ammalando sono le 4:30 di notte e cerco sempre notizie, devo cambiare vita ciao

piero41 ha detto...

@Roberto
"grazie del link" . Se ti eri interessato al gatto quantico ora leggendo il commento di Valeria ho ritrovato degli articoli su un altro fenomeno ottico :sulla interferenza Quantistica che mi erano piaciuti molti anni fa sulle Scienze
http://www.ipotesi.net/ipotesi/perche.htm
@Max Altana
"La pizza con alici e capperi" di Everett risultava diciamo "abbastanza folle" anche all'autore del suddetto. tutto là. :))))
@Valeria
Vedi un po' anche tu, se vuoi, al § 11 e alle conclusioni gli accenni al multiuniverso quantico..

Non desidero insegnar niente a nessuno, Sono solo argomenti che mi appassionavano, anche se un po' distanti dal mio campo professionale. di arte + scienza delle costr.. e che forse mi hanno portato ancor più ad apprezzare anche la bellezza concettuale della grande semplicità con la quale la natura si rivela ed agisce nell'e-cat in contrapposizione alla complessità quasi infernale forse impossibile dell'ITER..

Francesco ha detto...

La campagna di famiglia in campania al momento ha prodotto 25 q di olive e 400 l di olio, una resa del 16% con frantoio a freddo di ultima generazione :)

Daniele, complimenti per il tuo 22%, ma come fai? :)

Giancarlo Rossi ha detto...

KEPLER 22-B (pianeta molto simile alla
Terra... ma piuttosto lontano: 600 a/l)

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=otTA8VpbuR8

mario massa ha detto...

@appassionati di galline

A proposito di argomenti rurali è arrivata la muscovite! Un mese di sdoganamento: ormai è troppo freddo per le galline, ne riparliamo in primavera.

Miglietto ha detto...

.

robi ha detto...

Francesco
la resa è ,principalmente,dovuta alla
varietà dell olivo.
Per esempio da noi c è una qualità detta "bombolotta"che non rende più del 9%.Il grignano arriva tranquillamente a 17-18%.
é un pò come il vino.Per fare un ottimo olio bisognerebbe mischiare varie qualità in giuste proporzioni.
Allora sarebbe roba da intenditori.

robi ha detto...

adesso vi insegno un trucco
se mettete in frigo una bottiglia di olio d oliva ,noterete che farà le così dette "palline di paraffina".
Se l olio fosse mischiato con altri tipi di olio (semi ,girasole etc)non farà paraffina.
Comunque , anche facesse paraffina non è garantito che sia un buon olio.Potrebbe esser mischiato con delle olive estere giunte ghiacciate o giunte con varie muffe e dodo "lavorato" il gusto.
Consiglio andate in un frantoio e mettetevi d accordo con qualche produttore.

robi ha detto...

adesso pongo una domanda agli ingegneri di 22p. (oggi Valeria ti supero!)
Secondo me è semplicissima per loro,ma qua fra i contadini e tecnici ha fatto ridere..
L olivo di solito viene potato a calice con 4 rami principali. ok.
Un vecchio professore di un università ci faceva lasciare un pollone (un rametto dritto verso l alto).Per ogni ramo principale svettavano ,al di sopra di tutto ,questi 4 polloni come bandierine.
Perchè? che funzione avevano!

Valeria ha detto...

Questo poveretto ora lo interneranno per un TSO, con due ali festanti di fisici e chimici dietro ad esultare...tranquilli nella loro ritrovata "solidità" scientifica...

(ci vorranno ancora molti anni prima di vedere un barlume di Luce!...poveri noi!)

http://newenergytimes.com/v2/government/NASA/20110922NASA-Bushnell-GRC-LENR-Workshop.pdf

mario massa ha detto...

@robi

siamo ingegneri, mica tuttologi! Mi arrendo, non ne ho idea.

mario massa ha detto...

@robi

forse serve per fare le margotte come insegna questo video?
http://www.florablog.it/2009/05/14/video-margotta-di-olivo/

robi ha detto...

mario
è una questione di idraulica.
serve per aumentare il flusso della linfa

sandro75k ha detto...

i cosiddetti "tiralinfa" ;) ...potevi lasciare la domanda ancora un po' in sospeso...;D

sandro75k ha detto...

quando un contadino ne sa più di un ingegnere significa che come società siamo alla frutta... (nel vero senso della parola) ...ahahahha :)))))

Vettore ha detto...

La resa (il COP!) della spremitura delle olive dipende molto dalla varietà specifica delle piante, oltre che da fattori climatici. A me è capitato diverse volte di ottenere più del 20%, non è una cosa rara...
Certo, poi bisogna anche considerare la resa del frantoio: alcuni senza dubbio tirano fuori più olio di altri (a parità di tipologia).

@Robi
Io i polloni li ho sempre tagliati! Proverò a lasciarne qualcuno su qualche pianta, vediamo che risultati si ottengono... :-)

robi ha detto...

Vettore
consiglio se vuoi provare
1)il pollone deve esser lasciato nel punto più alto di ogni ramificazione principale.
2)ne va uno e solo uno per ogni ramificazione principale
3)il pollone va completamente ripulito dalle foglie ,a parte il ciuffetto sommitale.(anche per questo c è un motivo tecnico!)
mi auguro che ti costringa a "puntellare"i vari rami...eheh

robi ha detto...

Vettore
ti spiego perchè non usiamo più quella tecnica detta cime-polloni.
Il problema ,qui al nord (e anche al centro e talvolta al sud)sono le gelate.
Un olivo resiste anche a -15 ma basterebbe un -2 con foglie ghiacciate per tutto il giorno per farlo seccare ,se non tutto ma in parte.
Quei polloni così esposti ci hanno fatto riflettere sulla conseguenza di una gelata.
Poi l olivo è una pianta dal ciclo lento (è sempreverde)e non ci è parso il caso di sovvertire la sua natura.
Però è interessante ,noi manipoliamo,ma dopo capiamo che se la natura si manifesta in una certa maniera è sicuramente la più semplice ,diretta e redditizia .In natura ogni cosa cerca un equilibrio tra produzione-vita.L uomo ,invece ,ha imparato a sfruttare.(vai Valeria!)

saluti

Paul ha detto...

@ Daniele:
questa moderazione è snervante...
pare di essere in Ferrari col freno a mano tirato...

robi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Valeria ha detto...

@Robi

l'uomo ha un solo grande difetto: si sente al vertice di una piramide provata che si è creato da solo, quasi sempre immeritatamente.
Se questo solido geometrico fosse inteso per esaltare in modo universale le doti di grandissimo valore che l'Uomo possiede e la sua forza, allora si vivrebbe tutti, da tempo, in un'altro tipo di società...
La piramide personale che ognuno si è costruita invece, non ha alcuna prospettiva concreta.
Ma c'è chi si ostina a stare in bilico sul suo vertice: chissà che male ai piedi!

Buona giornata a te!

(avrei bisogno anche io di un "tiralinfa", ma ho paura che se ne accorga Monti!)

Valeria ha detto...

>Errata corrige:
"privata", ovviamente.

robi ha detto...

ciao bella
buongiorno

Valeria ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
robi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Valeria ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Valeria ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
robi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Valeria ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Valeria ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
robi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Valeria ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
robi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Valeria ha detto...

ahahah Ciao Robi e tanto benen anche a te!
...allora faremo così:
ci vediamo alle 5 di mattina, ogni tanto e ci scambiamo le nostre opinioni lontano da occhi "inconsapevoli"...
;-)

Vettore ha detto...

@Robi
Grazie delle spiegazioni!

robi ha detto...

Daniele
volevo scusarmi per il colloquio avuto con Valeria e poi cancellato.
Queste cose andrebbero fatte sul proprio blog ,non approfittare del blog degli altri.
Sì ,Valeria non mi pare che sia una cosa giusta,quello di scriversi e poi cancellare.
un scusate a tutti.

Miglietto ha detto...

volevo scusarmi per il colloquio
Teniamo sempre presente che, nonostante si cancellino a posteriori, i commenti arrivano a tutti gli iscritti nella mailbox. Stamattina sembrava di essere finiti in una chat o per i più matusa della rete, in un canale privato di IRC. :)
Ci sono altri strumenti per questo tipo di comunicazioni doppio :)

Valeria ha detto...

http://forumsearch.corriere.it/economia/11_dicembre_08/fisco-leggero-estratto-conto_dfdf368a-2176-11e1-97f3-fb4c853f7d5d.shtml?fr=box_primopiano#maincontent

scusate tutti, chiedete scusa anche a Monti, però!

Valeria ha detto...

Da gennaio sui terminali dell'Erario!

"La proprietà è un furto"

...aspetta, chi lo diceva?

Daniele 22passi ha detto...

@Paul
questa moderazione è snervante...
pare di essere in Ferrari col freno a mano tirato...

Ora invece è come essere su un pullman in corsa in discesa e senza freni... forse preferivo il freno tirato! :))
La canzone perfetta è questa :))

luca ha detto...

prova

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails