Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

giovedì 2 dicembre 2010

Andate avanti

È veramente il più grande statista che l'Italia abbia mai avuto: nessuno era mai riuscito a mettere così d'accordo atei e cattolici, studenti e docenti, sindacati e confindustria, destra, centro e sinistra. Tutti d'accordo ad archiviare prima che si può il più vergognoso esecutivo  della nostra storia repubblicana. Adesso aspettiamo di vederlo sfiduciato il 14 dicembre e sorgere, al posto della sua cenere, finalmente un vero governo di unità nazionale capace di fronteggiare la crisi sul serio. E gli si farà pure un piacere a Mister B, ché così avrà tempo di dedicarsi senza distrazioni all'unica cosa che gli stia veramente a cuore: se stesso!

E ora la parola a Margherita Hack (fonte ASCA)
Roma, 26 nov - ''Finalmente si fanno sentire''. Questo, ai microfoni di CNRmedia, il primo commento dell'astrofisica Margherita Hack sulle proteste studentesche contro la riforma Gelmini. ''Una rivolta di tutto il mondo studentesco, dei docenti, dei ricercatori, era necessaria - continua Margherita Hack - si sta distruggendo un bene fondamenalte per il futuro del paese. Solo un governo di ignoranti può pretendere di agire in questo modo. Gli studenti non manifestano a favore dei baroni, come dice la Gelmini, ma a favore di se stessi, dell'università''. E aggiunge: ''L'università non è un covo di gente messa in cattedra per favoritismi. Certo, ci sono episodi di questo tipo, ma sono episodi. In cattedra c'è molta gente valida. E lo prova il fatto che quando i nostri giovani emigrano, all'estero fanno fortuna e si trovano bene. Il che dimostra che la preparazione delle nostre università è buona''. ''Di questa riforma - continua la Hack - mi preoccupa enormemente il fatto che si voglia fare dei ricercatori dei precari a vita. Già son pagati male, se poi gli tolgono il contratto indeterminato è la fine. Grave poi il fatto di voler burocratizzare i ricercatori, di mettere i privati nei consigli di amministrazione. L'università si deve occupare di ricerca pura. Non si deve trattare come un'azienda. Come diceva Calamandrei, è un ente costituzionale e come tale va trattato. Agli studenti voglio dire: andate avanti''.

3 : commenti:

Anonimo ha detto...

Molto buon posto.

Anonimo ha detto...

Ciao, ho trovato il vostro blog tramite Google durante la ricerca di primo soccorso per un attacco di cuore e il tuo post sembra molto interessante per me.

Daniele ha detto...

Commenti "fantasma"?! ;)

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails