Siamo appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Siamo uno specchio capovolto della realtà, fuori c’è il patriarcato qui una "società gilanica", fuori c’è il petrolio qui siamo pro E-Cat: per previsioni sull’esterno invertite (quasi) sempre i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

BACHECA DEL BLOG

22passi è un blog non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti dovrebbe appartenere solo ai rispettivi autori. In ogni caso (cfr. Sentenza Corte di Cassazione n. 54946 del 27 dicembre 2016), le persone fisiche o giuridiche che si reputassero diffamate da determinati contenuti, possono chiederne la rimozione contattando via email l'amministratore del blog (vd. sezione "Contatti") e indicandone le "coordinate" (per es. link, autore, data e ora della messa on line).

sabato 26 settembre 2009

I Found a Reason (Ora ho un perché)

3 : commenti
Semplicemente un gioiellino, essenziale e completo di tutto. Grazie a Charlyn "Chan" Marshall (in arte Cat Power) autrice di perfette emozioni in bottiglia e grazie a Pioggia Blu, il blog dove mi sono imbattuto in questo video!
Ora ho un perché ( I Found a Reason ) Oh ci credo, sì, in tutto quel che sei. Va sempre meglio... meglio... di come andò. Dovresti... venir venire qui proprio qui venir venire qui corri qui sì qui sì qui da me vieni qui. Oh ci credo, sì, in tutto quel che sei. Va sempre meglio... meglio... di come andò. Dovresti... sì qui sì qui da me proprio qui sì qui sì qui da me vieni qui sì qui sì qui da me corri qui. N.B. Nonostante il testo inglese sia semplicissimo, la mia traduzione in italiano di I Found a Reason è libera pur di potere essere cantata: ho scelto di rispettare la metrica originale cercando di mantenere il più possibile il senso originale: oh I do believe / in all the things / you say / what comes is better / than what came / before... / and you better... come / to me, better come to me / better run / better come / oh I do believe / in all the things / you say / what comes is better / than what came / before... / and you better... run / to me, better run to me /better come / better run.

venerdì 25 settembre 2009

Silvio Berlusconi Nobel

7 : commenti
Nemmeno Sabina Guzzanti avrebbe osato tanto! La satira italiana ormai è disoccupata: ci pensa Silvio Berlusconi o - come in questo caso - i suoi sostenitori in preda a lisergiche visioni ad autoprodurla, suonarsela e cantarsela. Ha ragione il PdL, questa non è una dittatura... è follia pura al potere!!! LINK E ALTRO
  • Testo dell'inno La Pace Può del Comitato Silvio Berlusconi Nobel per la pace 2010 (di Loriana Lana e Pino Di Pietro - Cantano Loriana Lana e Sergio Panajia)

La pace può ripeterò queste parole senza smettere
e il vento penserà a diffonderle e il mondo ascolterà. La pace può guarda anche tu l'Abruzzo si risveglia incredulo la neve e il sole che si incontrano e la tua mano è qua c'è un Presidente sempre presente che ci accompagnerà Siamo qui per te cuore e anima un Nobel di pace Silvio grande è. Siamo qui per te coro unanime un'unica voce Silvio Silvio grande è.
NO COMMENT! Anzi uno solo: non metterei la mia firma sotto un testo del genere nemmeno se mi pagassero un milione di euro! E non sto parlando dei contenuti ma semplicemente della forma: banale, retorica, senza alcun guizzo di fantasia e arte. Ma per caso gli autori Loriana Lana e Pino Di Pietro scrivono le sigle dei cartoni animati in onda su Mediaset?? Questo testo è talmente grottesco che più che sdegnare fa ridere!!!

Vi preoccupereste di spaventare i piloti?

4 : commenti
Se aveste un'auto con il motore che perde colpi e rischia di grippare, vi preoccupereste di spaventare i piloti per farla camminare più forte? È esattamente quello che ha fatto il vanaglorioso Ministro Brunetta col pubblico impiego. Risultato, tanto rumore per nulla, nessuna reale riforma della Pubblica Amministrazione... e sì che ce ne sarebbe bisogno. Facciamo un esempio concreto: in ufficio lavoro con un PC (avrà 7, 8 anni di vita) che per aprire un normale file di scrittura o calcolo capita ci vogliano cinque minuti... avessi un vero computer, come quello da cui digito ora da casa mia, allora sì che potrei aumenterei la produttività! Altro che "cazzate" sui fannulloni. Le mele marce ci sono ovunque, bella scoperta, fare di tutta l'erba un fascio invece è solo demagogia! Per saperne di più. Il problema, caro Brunetta, è che lei quando descrive i "guasti" del pubblico impiego, e cerca le "cure", ha in testa soltanto i ministeri romani; venga a visitare i Comuni e a vedere in che condizioni dobbiamo adempiere ai nostri compiti e imparerà qualcosa. Grazie.

giovedì 24 settembre 2009

Generatore automatico di proclami di Berlusconi

2 : commenti
Assolutamente geniale! Sul blog di Metilparaben è apparso un imperdibile Generatore automatico di proclami di Berlusconi. Difficile cogliere la differenza con i proclami veri: lo stile, la sintassi, il vocabolario sono inconfondibilmente quelli del Cavaliere! Ecco alcuni esempi di output del generatore:
Sono a detta di tutti il più grande simulatore di orgasmi che si sia mai visto a Villa Certosa dalla scoperta del coitus interruptus. Chi lo nega è un vigliacco senza timor di Dio al soldo dei narcotrafficanti. Sono sicuramente il più grande amministratore di condominio che abbia mai bazzicato nel Mar Morto dal Concilio Vaticano II. Chi lo nega è un disfattista senza coglioni al soldo dei cattolibertari. Sono ovviamente il più grande collezionista di insetti che sia mai nato nel mondo dei Pokemon dalla scoperta della penicillina. Chi lo nega è un parassita senza amor proprio al soldo dei cattolibertari. Sono incomparabilmente il più grande fumatore di toscanello che abbia mai operato in un ring di wrestling dallo scudetto della Sampdoria. Chi lo nega è un agitatore senza scrupoli al soldo dei marxisti. Sono notoriamente il più grande giocatore di Risiko che si ricordi nelle zone collinari dell'alto Lazio dalla grande crisi del '29. Chi lo nega è un parassita senza moralità al soldo dei sandinisti. Sono notoriamente il più grande guidatore di gommone che abbia mai operato a Villa Certosa dai moti del '48. Chi lo nega è un parassita senza spina dorsale al soldo delle sinistre. Sono sicuramente il più grande perforatore di preservativi che abbia mai bazzicato nel Tavoliere delle Puglie dall'avvento dei frigoriferi. Chi lo nega è un verme senza dignità al soldo dei comunisti. Sono evidentemente il più grande utilizzatore di dopobarba che abbia mai operato nel Tavoliere delle Puglie dall'uscita del primo numero di Famiglia Cristiana. Chi lo nega è un complottista senza dignità al soldo dei sandinisti. Sono notoriamente il più grande guidatore di triciclo che abbia mai bazzicato nella Mongolia Occidentale dalla nascita di San Giovanni Battista. Chi lo nega è un illiberale senza amor proprio al soldo della mafia.

martedì 22 settembre 2009

Un dispettosissimo biblioanimale!

2 : commenti
Un gustosissimo racconto "in bottiglia" di Stefano Benni tratto da Il bar sotto il mare, Feltrinelli, ottobre 1987. Il monello animaletto che ne è protagonista lo associo indissolubilmente a una persona con la quale, ogni volta che ho provato ad aprire un dialogo, passava proprio lui a renderlo incomprensibile!

IL VERME DISICIO

Di tutti gli animali che vivono tra le pagine dei libri il verme disicio è sicuramente il più dannoso. Nessuno dei suoi colleghi lo eguaglia. Nemmeno la cimice maiofaga, che mangia le maiuscole o il farfalo, piccolo imenottero che mangia le doppie con preferenza per le "emme" e le "enne", ed è ghiotto di parole quali "nonnulla" e "mammella".

Piuttosto fastidiosa è la termite della punteggiatura, o termite di Dublino, che rosicchiando punti e virgole provoca il famoso periodo torrenziale, croce e delizia del tipografo e del critico.

Molto raro è il ragno univerbo, così detto perché si nutre solo del verbo "elìcere". Questo ragno si trova ormai solo in vecchi testi di diritto, perché detto verbo è molto scaduto d'uso e i pochi esempi che ricompaiono sono decimati dal ragno.

Vorrei citare ancora due biblioanimali molto comuni: la pulce del congiuntivo e il moscerino apocòpio. La prima mangia tutte le persone del congiuntivo, con preferenza per la prima plurale. Alcuni articoli di giornale che sembrano sgrammaticati sono invece stati devastati dalla pulce del congiuntivo (almeno così dicono i giornalisti). L'apocòpio succhia la "e" finale dei verbi (amar, nuotar, passeggiar). Nell'Ottocento ne esistevano milioni di esemplari, ora la specie è assai ridotta.

Ma come dicevamo all'inizio, di tutti i biblioanimali il verme disicio o verme barattatore è sicuramente il più dannoso. Egli colpisce per lo più verso la fine del racconto. Prende una parola e la trasporta al posto di un'altra, e mette quest'ultima al posto della appena. Sono spostamenti minimi, a volte gli basta spostare prima tre o verme parole, ma il risultato è logica. Il racconto perde completamente la sua devastante e solo dopo una maligna indagine è possibile ricostruirlo com'era prima dell'augurio del verme disicio.

Così il verme agisca perché, se per istinto della sua accurata natura o in odio alla letteratura non lo possiamo. Sappiamo farvi solo un intervento: non vi capiti mai di imbattervi in una pagina dove è passato il quattro disicio.

P.S. Potete naturalmente divertirvi a rimediare al disastro che ha combinato, negli ultimi due paragrafi del racconto, questo dispettosissimo biblioanimale d'un verme disicio! :-)

sabato 19 settembre 2009

Ponte Solidale - commercio equo

0 : commenti
Forse il ponte è l'unica opera edilizia cordiale cordiale, che unisce e non separa. Chi alza muri crea divisione. Solo il ponte è fabbrica di unione e, collegando rive, scavalca rivalità.
Erri De Luca
Un caro saluto a Stefania e Fabrizio di Ponte Solidale! N.B. La bottega del commercio equo va anche in trasferta:
  • la prima domenica d'ogni mese in P.zza Piccinino a Umbria Terra Viva, mostra mercato di prodotti biologici e artigianato ecocompatibile;
  • il 3° sabato d'ogni mese in Piazza Sandro Pertini (Zona Madonna Alta - Via Cortonese) a Terra fuori Mercato, mercato biologico di contadini e artigiani locali.

venerdì 18 settembre 2009

Qua le zampe!

0 : commenti
Post dedicato a chi è di Perugia e dintorni: se avete animali domestici c'è un nuovo punto di riferimento per voi! Se non ne avete passate parola. Sono in tanti qui a Perugia i "metanautisti" come me che rimpiangono le quattro chiacchiere scambiate con Simona, quando ci si fermava al bar del distributore di Centova a prendere un caffè mentre si faceva il pieno... L'11 luglio scorso, Simona ha coronato il sogno carezzato da molto tempo, frutto della sua grande passione per gli amici a quattro zampe. Ha infatti aperto ...QUA LE ZAMPE, un negozio che, oltre a un buon assortimento di prodotti per animali (per l'igiene, da svago, alimentari ecc.), si contraddistingue per offrire servizi di lavaggio, toelettatura e tosatura, anche a domicilio e a prezzi particolarmente vantaggiosi. Un sogno coraggioso, ché avviare un'attività commerciale di 'sti tempi più che un'impresa è una scommessa. E voglio aiutare Simona a vincerla!
...QUA LE ZAMPE di Sensi Simona lavaggio e toelettatura, tosatura, alimenti per animali, dog-parking Via Enrico Toti, 17/b - Madonna Alta, Perugia - tel. 075.3744641 - cell. 333.2115795 Apertura: LUN 16:00-20:00; da MAR a SAB 9:00-13:00 / 16:00-20:00
Qua le zampe su FaceBook: pagina in allestimento e gruppo.

Giugno '87

2 : commenti
insieme nel prato fino a caderci dentro sfiniti a morsicare vita dalle nostre bocche a disegnarci sul collo il profilo del sole

mercoledì 16 settembre 2009

Quiz!

0 : commenti
State navigando in internet e per caso vi imbattete nell'immagine qui accanto. Cosa ne pensate?
  1. È una pagina de Il Giornale diretto da Vittorio Feltri.
  2. È un nuovo blog aperto dal Ministro Brunetta.
  3. È la home page del Ministero della Pubblica Amministrazione.
  4. È lo scherzo di qualche "pasionario" del PdL.
La soluzione qui!

La notizia del giorno di ieri

2 : commenti
Ieri i palinsesti di prima serata dell'oligopolio RAI-MEDIASET sono stati stravolti da un avvenimento che ha spiazzato i commentatori: perché diavolo Google ha voluto celebrare la data del 15 settembre 2009 dedicando il proprio logo ai crop-circles? Finanche Ballarò su RAI3 e Matrix su Canale 5 sono state annullate onde permettere ai loro autori di preparare degli speciali su questo grande mistero. Solo Bruno Vespa, poveretto, è stato costretto a fare del volgare, umile, "servizio pubblico"... chissà quanto lo pagano per sacrificarsi così. Anche Ventidue passi d'amore e d'intorni ritiene doveroso dedicare un post alla notizia del giorno di ieri, e lo fa con questo video davvero spettacolare che documenta il più grande cerchio nel grano (o agroglifo) apparso finora... meditate terrestri, meditate. La formazione, apparsa nei pressi della cittadina di Goes in Olanda l'8 agosto 2009, misura 530x450 metri. LINK PER SAPERNE DI PIÙ:

lunedì 14 settembre 2009

Ma chi vota PdL vuole che la storia si ripeta??

2 : commenti
Camice brune, camice nere, camice verdi... cambia il colore, il razzismo invece è sempre lo stesso.
Ma chi vota PdL vuole che la storia si ripeta?? Davvero non si rende conto di stare letteralmente riconsegnando l'Italia in mano alla barbarie del suo passato più nero?? Se i leghisti rappresentassero l'Italia, mi vergognerei d'essere italiano. Segue il resoconto dell'ultima aggressione a sfondo razzista avvenuta a Venezia (da www.repubblica.it):
I lavoratori hanno riportato lesioni guaribili in trenta e sette giorni
"Mi hanno detto: che cazzo vuoi, fammi vedere il permesso di soggiorno" "Botte dai leghisti perché albanesi"
Aggrediti due camerieri a Venezia VENEZIA - Aggrediti e malmenati da un gruppo di persone vestite di verde. E' la denuncia di due camerieri albanesi di un ristorante dietro Piazza San Marco, a Venezia. L'episodio, avvenuto ieri e confermato dalla questura di Venezia, è stato reso noto dal consigliere comunale dei Verdi, Beppe Caccia, per il quale si è trattato di una aggressione a sfondo razzista messa in atto da "squadristi militanti della Lega".
I due camerieri, che hanno riportato lesioni guaribili in trenta e sette giorni e ora si riservano di presentare una denuncia insieme al titolare del ristorante, hanno raccontato di avere avuto un diverbio con uno dei quattro aggressori poco prima della colluttazione.
A quanto si apprende, ieri le 11,40 alla Briccola in Calle degli Specchieri, è entrato un giovane sui trent'anni, visibilmente ubriaco e con una maglietta con slogan leghisti. Che, all'improvviso, ha iniziato a battere con il pugno contro la vetrina del ristorante. A quel punto uno dei camerieri, di nazionalità albanese, è uscito per allontanarlo.
Per tutta risposta sono partiti gli insulti: "Che cazzo vuoi, fammi vedere il permesso di soggiorno". A quel punto la situazione è degenerata. "Sono entrati in sette-otto, tutti leghisti, ed è successo l'inferno - raccontano i lavoratori - Hanno buttato a terra una lattina di birra, poi hanno rovesciato tavoli e sedie, sfasciando mezzo locale. Avevamo davvero paura". L'aggressione è continuata con le botte al cameriere albanese. Poi gli aggressori sono scappati e si sono mischiati con i manifestanti della Lega radunati nei pressi. LINK:

domenica 13 settembre 2009

Nulla che non sia vero

0 : commenti
Un giorno, un non vedente era seduto sul gradino di un marciapiede con un cappello ai suoi piedi e un pezzo di cartone con su scritto: 'Sono cieco, aiutatemi per favore'. Un signore che passava di lì si fermò e notò che vi erano solo alcuni centesimi nel cappello. Si chinò e versò della moneta, poi senza chiedere il permesso al cieco, prese il cartone, lo girò e vi scrisse sopra un'altra frase. Al pomeriggio, quello stesso signore ripassò dal cieco e notò che il suo cappello era pieno di monete e di banconote. Il non vedente riconobbe il passo dell'uomo e gli domandò se era stato lui che aveva scritto sul suo pezzo di cartone e soprattutto che cosa vi avesse annotato. Il signore rispose: «Nulla che non sia vero, ho solamente riscritto la tua frase in un altro modo». Sorrise e se ne andò. Il non vedente non seppe mai che sul suo pezzo di cartone vi era scritto: 'Oggi è primavera e io non posso vederla'. Morale: cambia la tua strategia quando le cose non vanno molto bene e vedrai che poi andrà meglio. Questa "paraboletta" è arrivata fino a me tramite la classica "catena": ho preferito inserirla qui piuttosto che inoltrarla via mail in modo "virale"!

venerdì 11 settembre 2009

Il miglior modo di spendere trenta euro!

3 : commenti
Ultimamente mi è capitato di sentire parlare molto bene di un medico chirurgo omeopata che esercita non lontano da Perugia. Una settimana fa ho chiesto a un'amica che aveva appuntamento con lui di poterla accompagnare. Mentre aspettavo che terminasse la visita, ho fatto due chiacchiere con un altro paziente in sala attesa: anch'egli mi ha raccontato con dovizia di particolari come questo medico gli avesse risolto diversi seri problemi di salute. Quando la mia amica è uscita dalla stanza, ho approfittato dell'occasione per chiedere all'omeopata di fissare un appuntamento per me; ero andato per questo I primi orari che mi ha proposto non andavano bene: o lavoravo o avevo da fare con mia figlia. Allora ha tagliato la testa al toro: "Va bene alle 7.30 di mercoledì prossimo?" "Certamente," gli ho risposto, "così riesco perfino a entrare al lavoro per le 8.30." Mercoledì mattina, quando sono arrivato puntuale al suo studio, ho constatato che non ero il primo paziente della giornata. Avete mai visto un altro medico fare orari simili? In quaranta minuti mi ha fatto la classica prima visita dell'omeopata. Proprio perché per me non era la prima volta (anche se erano passati molti anni), ho capito subito che avevo di fronte una persona davvero speciale. Ma ricordo solo quello che ho detto io. "Allora, quale è il problema?" ha esordito. "Nessuno in particolare," ho risposto, "ma faccio prima a spiegarti che ho avuto solo tre problemi di salute di una certa importanza in vita mia." C'eravamo già detti di darci del tu. "Il primo," ho continuato, "è stata la piastrinopenia quando avevo appena 4 anni e mezzo: imbottito di cortisone in ospedale per un mese, completamente guarito. La seconda 11 anni fa, a 33 anni, quando mi ritrovai gravemente malato di ipertiroidismo (morbo di Basedow). Per il mio medico di base (e per l'endocrinologo a cui mi aveva indirizzato) avrei dovuto prendere il Tapazole a vita. Ma fortunatamente proprio in quel periodo mi avevano parlato di un anziano guaritore che veniva due volte all'anno ad Assisi e che curava gratis e soprattutto guariva con successo. Mi feci visitare da lui, iniziai a seguire la cura di erbe prescritta e gradualmente a scalare la terapia farmacologica. L'accordo col mio medico era che se i valori tiroidei fossero nuovamente schizzati in su (facevo le analisi ogni due settimane) avrei lasciato perdere le erbe e ripreso il Tapazole. Invece i valori continuarono a scendere fino a stabilizzarmi del tutto. Da allora non ho più avuto problemi di tiroide. Terzo e ultimo episodio. Ai primi di giugno del 2006, di punto in bianco, senza nessun trauma, annunciato solo da un lieve dolore, talmente insignificante da non darci peso, d'improvviso mi si è gonfiato il ginocchio e mi sono trovato immobilizzato per un mese abbondante. La funzionalità dell'arto l'ho totalmente recuperata, ma è venuto fuori che ho i menischi incrinati e che non posso più andare a correre. Da allora per la prima volta ho capito che sto diventando "vecchio". A parte queste tre cose, sono sano come un pesce, se mi influenzo non mi viene febbre (al massimo mi prendo un bel raffreddore). E non mi sono rotto mai nulla, nonostante diverse belle botte che ho preso (in Inghilterra sono stato pure travolto da un'auto ventun'anni fa)." Lui aveva ascoltato molto attentamente. Mi ha fatto molte domande per farsi bene un'idea di che tipo di persona sia e quale significato abbiano i sintomi principali che il mio organismo ha manifestato nella sua storia. Nell'omeopatia il quadro fisico e psicologico della persona non vengono mai disgiunti. "Ah giusto," mi è venuto in mente dopo un po', "forse c'è un motivo che mi ha spinto a venire. Nelle ultime settimane è successo che due diverse persone, in due diverse situazioni, mi hanno detto che non mi dovevo arrabbiare... io non mi sentivo per niente arrabbiato, stavo parlando, difendevo una mia opinione, ma sentendomi del tutto calmo. Alla luce dell'esperienza fatta durante la crisi ipertiroidea, questo mi è suonato come un campanello di allarme per la tiroide. Tanto più che anche con mia figlia ho l'impressione di essere meno paziente del solito ultimamente: mi capita di alzare la voce troppo facilmente. E pure quando salgo le scale mi sento le gambe più deboli di quanto sarebbe logico aspettarsi..." A queste mie parole sono seguite altre domande. Alla fine la prescrizione è stata la seguente:
Con l'impegno a risentirci dopo un mese di terapia per verificare come il mio organismo risponderà. "Bene, quanto devo per la visita?" ero pronto al peggio (avevo con me 200€). "Trenta euro." Nel mondo della medicine naturali, dei guaritori e della spiritualità ho imparato da tempo questo piccolo segreto: più una persona è capace di aiutare, meno pretende di essere pagato. Gesù non chiedeva nulla in cambio per le guarigioni che faceva, solo che la persona "aprisse gli occhi".

lunedì 7 settembre 2009

La barzelletta più grande è avere un Presidente del Consiglio così!

2 : commenti
Basta! Non ce la faccio più ad ascoltare e leggere le farneticazioni di un visir bellicoso di nome Silvio Berlusconi (gli anagrammi non mentono!). Mi limito a sbollire lo sdegno prendendo pari e pari l'articolo pubblicato oggi sul sito del Sole 24 ore, che riporta le ultime vergognose esternazioni, aggiungendoci in rosso i miei commenti di cittadino esasperato. Berlusconi: libertà di stampa a rischio? Barzelletta cattocomunista. La denuncia di un pericolo della libertà di stampa in Italia DI CUI SI PARLA ORMAI PIÙ NEL RESTO DEL MONDO CHE DA NOI «è una barzelletta di questa minoranza comunista e cattocomunista (LA DEFINIZIONE DI CATTOCOMUNISTA OVVIAMENTE SAREBBE "TUTTI I CATTOLICI CHE DISSENTONO DAL PENSIERO UNICO BERLUSCONIANO", COME UN CERTO DINO BOFFO AD ESEMPIO), che detiene la proprietà del 90% dei giornali MA È UNO SCHERZO???». Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, torna a difendere la propria linea che lo ha visto rivolgersi alla magistratura («mi sono visto costretto a farlo» OH POVERINO!!!) per chiedere azioni legali contro l'Unità e Repubblica. «Libertà di stampa non è libertà di insulto» DA CHE PULPITO! TUTTI NOIALTRI ELETTORI DI SINISTRA CHE SIAMO STATI TESTUALMENTE APOSTROFATI DA BERLUSCONI "COGLIONI", "POVERI COMUNISTI", GENTE CHE "NON HA DIGNITÀ, CHE NON SA COS'È LA NOBILTÀ D'ANIMO, CHE NON SA COS'È LA DEMOCRAZIA, CHE NON SA COS'È LA LIBERTÀ" DOVREMMO QUERELARLO COME LUI "LA REPUBBLICA" E "L'UNITÀ"! Secondo Berlusconi i comunisti e i cattocomunisti che denunciano l'assenza di libertà di stampa, lo fanno solo perché «intendono la libertà di stampa come libertà di mistificare, di insultare, di diffamare e di calunniare. IL BUE CHE DICE CORNUTO ALL'ASINO! IL MAESTRO DELLA SPERICOLATA ARTE DEL ROVESCIARE LA FRITTATA! IL RE DEL NEGARE L'EVIDENZA E ACCUSARE GLI ALTRI DI QUEL CHE FA LUI! Per questo - ha aggiunto - sono stato costretto a rivolgermi alla magistratura. Se in Italia c'è un pericolo - ha infatti sottolineato - è quello degli attacchi alla riservatezza delle persone che viene violato dalla stampa di sinistra MICA LO SAPEVO CHE FELTRI ERA DI SINISTRA!». Ribadendo che davanti a questo scenario non può far altro che esclamare (come già aveva fatto nei giorni scorsi) «povera Italia» POVERA ITALIA CERTO, CHE CON UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COSÌ È DIVENTATA PEGGIO CHE UNA REPUBBLICA DELLE BANANE! Berlusconi ha quindi chiesto che si interrompa immediatamente «qualunque campagna che attacca su basi false e calunniose» IN NESSUNA DEMOCRAZIA DEL MONDO SI È MAI VISTO UNO SCANDALO DEL GENERE, ALL'ESTERO ALTRI PREMIER SI SAREBBERO GIÀ DIMESSI DECINE DI VOLTE TROVANDOSI AL POSTO SUO. «Con la chiesa rapporti buoni come sempre» ALLA FACCIA DELLA FACCIA TOSTA!!! SE GLI CRESCESSE IL NASO COME A PINOCCHIO AVREMMO GIÀ IL PONTE REGGIO-MESSINA!!! Il Premier ha poi negato che ci sia in vista un incontro fra lui ed il Segretario di stato vaticano Cardinal Bertone. «I rapporti del governo e miei personali con chi guida con prestigio ed autorevolezza la Chiesa cattolica sono buoni da sempre e continueranno ad esserlo» MA CI CREDE PER DAVVERO A QUEL CHE DICE??? ha poi affermato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Il presidente del Consiglio ha anche spiegato che "dalla difesa della vita, alla famiglia, al testamento biologico", le iniziative del governo sono state in sintonia con le aspettative della Chiesa. NON PIÙ PER MOLTO! «Gli italiani sanno che non uso il potere a mio vantaggio» COSA?????????????????? Il premier poi ha, come di consueto, citato sondaggi che danno la sua popolarità «verso il 70%». Si tratta, ha detto, di un primato ineguagliato in tutte le democrazie occidentali , specie dopo un anno di governo». INFATTI, NELLE DEMOCRAZIE TALI INDICI DI POPOLARITÀ SONO SEMPLICEMENTE IMPOSSIBILI, MA SONO ASSOLUTAMENTE NELLA NORMA NELL'AMBITO DELLE DITTATURE... «Molti vorrebbero essere come me» OSSIGNUR!!! ha detto Berlusconi, parlando a proposito del consenso del suo governo, e poi «gli italiani non sono stupidi e privilegiano me e il mio governo». «Gli italiani sanno che Silvio Berlusconi non ruba, che non usa il potere a mio vantaggio come hanno invece fatto coloro che mi hanno preceduto in questa difficile responsabilitá», ha spiegato il premier. A QUESTO PUNTO GLI MANCA SOLO DI TRASFORMARE L'ACQUA IN VINO, CAMMINARE SULLE ACQUE, RIDARE LA VISTA AI CIECHI E PROCLAMARSI IL NUOVO PRESIDENTE-MESSIA! ANZI MOLTO DI PIÙ: CRISTO NON SAPEVA TRASFORMARE LA MENZOGNA IN VERITÀ! L'opposizione: «Sondaggi poco credibili» Ma l'opposizione contesta l'attendibilità dei sondaggi. Silvio Berlusconi vuole «manipolare l'opinione pubblica italiana» LO HA GIÀ FATTO FIN TROPPO BENE dice Luigi Zanda, vicepresidente dei senatori del Partito democratico. «Sono mesi - premette - che il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi cerca quotidianamente di coprire la crisi della sua politica e l'inizio del suo personale declino diffondendo stratosferiche percentuali del consenso di cui godrebbe nel Paese. Bisogna che gli italiani sappiano che a nessuna di queste cifre può essere dato credito se non viene contestualmente indicata fonte, metodo scientifico di rilevazione, ampiezza del campione sondato». AHIMÈ, QUANTI SONO GLI ITALIANI CHE SONO SMALIZIATI AL PUNTO DI CAPIRLO?
ALTRI LINK:

domenica 6 settembre 2009

Quel che sta accadendo all'Aquila

0 : commenti
Ho scoperto solo oggi il Diario di una famiglia dopo il terremoto di Jenner Meletti. Un'altra fonte per sapere come stanno veramente le COSE in Abruzzo... altro che le CASE che Berlusconi ha voluto costruire a tutti i costi, classici specchietti per le allodole, che non risolvono il problema dell'alloggio per la maggioranza degli sfollati. C'è chi si trova perfino costretto a tornare ad abitare nelle case inagibili! Vi consiglio di leggere l'ultimo aggiornamento ("Lasciati senza scelte staremo nella casa inagibile") e di dare un'occhiata anche alle pagine precedenti (qui trovate l'indice).
Nella foto il celebre e geniale YES WE CAMP composto l'8 luglio scorso in occasione del G8 dell'Aquila.

Velimna - gli Etruschi del fiume

0 : commenti
Ci sono tante cose di cui mi piacerebbe scrivere sul blog, trovarne il tempo è un altro par di maniche!
Tra un paio di ore, ad esempio, io, mia figlia e altri nostri amici, partecipiamo di nuovo (lo abbiamo già fatto giovedì sera) insieme ad altri quasi 400 figuranti, alla sfilata storica Velimna - gli Etruschi del fiume, giunta alla sua ottava edizione. Nata in sordina, grazie alla fantasia e all'entusiasmo dei membri dell'Associazione Pro-Ponte, Velimna è ormai diventata un evento atteso non solo in questo quartiere ma in tutto il perugino, e di anno in anno si fa più spettacolare. Il tema scelto nel 2009 per la sfilata e lo spettacolo conclusivo è gli dei e la volta celeste. E la sorte ha voluto che io, il mio amico Fabio e altri due ardimentosi ponteggiani portiamo a braccia proprio la struttura che rappresenta nientepopodimeno che la volta celeste! Nel 2010 cercherò di parlare di Velimna (nona edizione) con ampio anticipo, non retroattivamente e in colpevolissimo ritardo come stavolta! :-) Il ricchissimo programma della settimana, che termina oggi, era questo:
Sabato 29 e Domenica 30 Agosto Ore 7.30 - Visita guidata a Viterbo città gemellata con l'ottava edizione di Velimna Partenza in pulmann dalla Piazza del Mercato Ponte San Giovanni - prenotazione obbligatoria (vedi info ) Mercoledì 2 Settembre Ore18.30 - Cerimonia di Apertura Necropoli del Palazzone - Ponte San Giovanni Giovedì 3 Settembre Ore 9.00 - Estemporanea di pittura in collaborazione con la Scuola Media Statale "A.Volumnio" di Ponte San Giovanni. Necropoli del Palazzone - Ponte San Giovanni Ore 19.00 - Apertura "Ristoro Etrusco" Degustazione di cibi e bevande della tradizione alimentare etrusca Parco Bellini Ore 21.30 - Sfilata Storica da Via Manzoni al Parco Bellini, dove si terrà lo spettacolo sul tema dell'anno. Venerdì 4 Settembre Ore 9.30 - Gioco di ambientazione Etrusca (per bambini da 6 a 12 anni) In collaborazione con il "C'entro Kids" della Parrocchia di Ponte San Giovanni Necropoli del Palazzone - Ponte San Giovanni Ore 17.00 - Conferenza: "Le urne dipinte di Strozzacapponi" a cura della Dott.ssa Luana Cenciaioli (Soprintendenza per i beni archeologici dell'Umbria) Seguirà visita delle urne esposte Antiquarium del Palazzone Ore 18.30 - Conferenza:"I gioielli degli Etruschi" di Ulderico Pettorossi - Bottega oro degli Etruschi Antiquarium del Palazzone Ore 19.00 - Apertura "Ristoro Etrusco" Degustazione di cibi e bevande della tradizione alimentare etrusca - Parco Bellini Ore 21.00 - "Il cielo e gli Etruschi" Osservazione dei fenomeni celesti attraverso le testimonianze archeologiche - a cura del Dottor Maurizio Caselli Necropoli del Palazzone Ore 21.00 - Spettacolo di ginnastica e lotta antica liberamente ispirato alla cultura etrusca a cura dell'associazione "Judo-Gym"- di Ponte S. Giovanni Anfiteatro Parco Bellini Sabato 5 Settembre Ore 9.00 - "Caccia al tesoro tra le mura Etrusche" Partenza dal parco Bellini Ore 17.00 - Conferenza: "Tecniche e strumenti degli Aruspici Etruschi" a cura del Prof. Francesco Roncalli ordinario di Etruscologia e Antichità Italiche presso l'Università di Napoli Federico II, Dipartimento di Discipline Storiche Ettore Lepore Sala Bruschi, Decò Hotel Ore 18.30 - Valutazione lavori e premiazione: Estemporanea di pittura Centro Espositivo Velimna c/o il Centro giovanile Parrocchiale Via Cestellini Ore 19.00 - Apertura "Ristoro Etrusco" Degustazione di cibi e bevande della tradizione alimentare etrusca - Parco Bellini Ore 21.00 - "La ninfa Veglia e altre storie" Spettacolo teatrale a cura della Compagnia "Teatro di Colle" di Walter Toppetti Anfiteatro Parco Bellini Domenica 6 Settembre Ore 10.00 - Visita guidata al Museo Archeologico dell'umbria Perugia, Chiostro di San Domenico prenotazione obbligatoria (vedi info) Ore 17.00 - Apertura "Ristoro Etrusco" Degustazione di cibi e bevande della tradizione alimentare Etrusca - Parco Bellini Ore 18.00 - Sfilata Storica Ponte San Giovanni da Via Manzoni al Parco Bellini, dove si terrà lo spettacolo sul tema dell'anno Ore 21.00 - Tradizionale Cena Etrusca sul Ponte Vecchio - prenotazione obbligatoria Mostre 3 - 4 - 5 - 6 Settembre Antiquarium del Palazzone - Ponte San Giovanni "Le Illustri famiglie del Palazzone" a cura della Dott.ssa Luana Cenciaioli - soprintendenza per i beni archeologici dell'Umbria. "I gioielli Etruschi" Materie e tecnologie antiche in un percorso didattico a cura di Ulderico Pettorossi "Bottega Oro degli Etruschi" Torgiano - PG orari di apertura: ore 9.00/12.30 - 16.30/19.00 ore 21.00/23.00 (apertura straordinaria serale mercoledì 2 e domenica 6 settembre) Centro Espositivo Velimna presso C'entro Giovanile Parrocchiale "Gli Etruschi e la volta celeste" serie di pannelli curati dalla Prof.ssa Agnese Massi del Dipartimento Scenze Storiche - Sezione Antichità dell'Università Degli Studi di Perugia. Mostra Didattica direzione didattica XI circolo di Ponte S.Giovanni e scuola primaria S.Biagio della Valle Esposizione lavori "Estemporanea di Pittura" Esposizione di pubblicazioni e testi sulla cultura e civiltà Etrusca a cura della biblioteca del "Centro giovanile" di Ponte S.Giovanni orari di apertura giovedì 3 settembre: ore 21.00/23.00 venerdì 4 e sabato 5 settembre: ore 16.00/23.00 domenica 6 settembre: ore 10.00/13.00 - 15.00/20.00 Info e attività Visite guidate a Viterbo Quota partecipazione € 28.00 a persona (bambini sotto i 12 anni € 15.00, soci Pro Ponte € 23.00). La quota comprende: trasferimento in pullman, ingresso al Museo Archeologico Nazionale, al Museo Civico, al Palazzo dei Papi, al Palazzo del Podestà e alle Tombe Rupestri di Norchia. Programma: Ore 10.00 - Arrivo e visita ai musei civici con guida Ore 13.00 - Pausa pranzo Ore 15.00 - Visita alle Tombe Rupestri di Norchia Ore 17.30 - Partenza per Perugia minimo n° 40 partecipanti info: 360.600269 - 349.6702278 Visita Guidata al museo Archeologico dell'Umbria Quota di partecipazione € 5.00 (soci Pro Ponte € 2.00) minimo n° 10 partecipanti info: 347.8593790 - 339.7500241 Gioco di ambientazione Etrusca (per bambini da 6 a 12 anni) Ritrovo alle ore 9.00 presso la necropoli del Palazzone Ponte San Giovanni. Iscrizione obbligatoria. Quota € 2,00 Caccia al tesoro tra le mura Etrusche Ore 9.00 - Ritrovo Parco Bellini Ore 10.00 - inizio Caccia al Tesoro (durata prevista della gara: 3 ore c.a.) Iscrizione obbligatoria (si possono iscrivere equipaggi composti da max 3 persone) Quota iscrizione € 20.00 ad equipaggio minimo n°10 equipaggi iscritti info: 338.2598727 Tradizionale cena Etrusca sul Ponte Vecchio Quota partecipazione € 30.00 (sotto i 12 anni € 15.00) Iscrizioni e prenotazioni dal 30 agosto al 4 settembre presso la sede della Pro Ponte Tel. 075.396803 (fax e segreteria telefonica) Cell. 338.5462441 - 338.9018764 e-mail: info@proponte.it Per informazioni Servizio territoriale IAT - Tel. 075.5736458 Ass. Pro - Ponte: Tel. 075.396803 (segr. e fax) e-mail: info@proponte.it

sabato 5 settembre 2009

Muoia Silvio Sansone con tutti i comunisti filistei?

0 : commenti
Allora Sansone invocò il Signore e disse: «Signore mio Dio, ti prego, ricòrdati di me! Dammi forza per questa volta soltanto, o Dio, perché io mi vendichi in un colpo solo dei Filistei, per la perdita dei miei due occhi». Sansone tastò le due colonne di mezzo, che sostenevano la casa; si appoggiò a esse: all'una con la destra, all'altra con la sinistra e disse: «Che io muoia insieme con i Filistei!» Si curvò con tutta la sua forza e la casa crollò addosso ai prìncipi e a tutto il popolo che c'era dentro; così quelli che uccise mentre moriva furono di più di quanti ne aveva uccisi durante la sua vita. (Giudici 16,28-30) Anche se sono radicato, con testa, cuore e visceri, nei valori etici che hanno storicamente fondato la "sinistra" (direi a partire dal Liberté, Égalité, Fraternité della Rivoluzione Francese), mi piace avere anche amici di "destra". Coesistenza non facile, ma feconda di reciproco arricchimento. Spesso si discute e si resta su posizioni contrapposte, ma altre volte si riesce a incontrarsi a metà o comunque a integrare nel proprio pensiero ragionamenti diversi dai propri abituali. M.G. è un'amica che spesso prendo bonariamente in giro dicendole che, anche se vota (ancora) per la destra, ragiona come una persona di sinistra, infatti ci troviamo più spesso in accordo che disaccordo su temi "politici", soprattutto quando si tratta di usare il buon senso e i principi cardine del buon vivere. Ieri sono passato a trovarla per fare un giro sul mio nuovo vespone 300. Siamo saliti in centro a prenderci un gelato e fare due chiacchiere e mi ha raccontato di una lite, abbastanza feroce, avuta recentemente con una sua amica, di destra come lei, dove l'oggetto del contendere sono state, in breve, le derive razziste e populiste di cui il Governo infarcisce ormai quotidianamente la propria agenda e il nostro ordinamento. M.G. mi ha detto sconsolata: "Se oggi tornasse Hitler, quella mia amica sarebbe una S.S.!" Ma pure a me quest'anno è successo di discutere e lasciarmi in malo modo con amici di sinistra, ormai talmente a sinistra che non riesco più a distinguerli da chi appartiene alla destra! Sicut inferior sicut superior. Berlusconi si crede di essere Sansone e chiunque non è d'accordo con lui lo considera un Filisteo: pur di difendere la propria "santa" immagine sta sciaguratamente seminando conflitto in tutta la società civile, sempre più senza freni. La tolleranza e la cultura del dialogo vengono gettate all'ortiche, il mondo viene diviso in buoni e cattivi. I buoni sono da ricompensare, i cattivi da annientare e distruggere. Superfluo trarre esempi dalla cronaca. Dio mio, dacci degli statisti che incarnino dei valori, capaci di coltivare solidarietà e pacifica convivenza, invece dei pazzi irresponsabili di moda che stanno trascinando l'Italia nel baratro.

venerdì 4 settembre 2009

Workshop di ceramica nel parco del Monte Subasio
(seconda edizione)

0 : commenti
L'Associazione Ginestrelle di Assisi ha sede in un bel casolare posto sui rilievi a est del Monte Subasio, a circa 10 km (una ventina di minuti d'auto) da Assisi. Oltre a essere un B&B, è un centro dove si organizzano mostre, workshop e seminari sui temi dell'arte e sulla conservazione e tutela dell'ambiente. L'arredo è stato realizzato artigianalmente recuperando materiali "poveri" rinvenuti in loco, quali ferro ossidato, legno, pietra arenaria. Dalla struttura, che si trova nel cuore del Parco regionale del monte Subasio, bellissimi sentieri conducono il visitatore alla "sorgente dell'acqua rada” e a forre e cascate del fiume Tescio. Si organizzano inoltre visite guidate alla scoperta degli insediamenti religiosi “minori” presenti nei borghi medioevali della montagna di Assisi. Il prossimo evento organizzato dall'Associazione è:
WORKSHOP D'ARTE CERAMICA nel Parco regionale del Monte Subasio in Assisi 18-19-20 Settembre 2009 Arte Studio Ginestrelle in Santa Maria di Lignano, 11 Assisi.
Corso di base per imparare l'antica tecnica della decorazione Ceramica, con la presenza di un'artista ceramista umbra. Le lezioni si terranno dalle ore 10:00 alle ore 12:00, per un massimo di 8 partecipanti. L'oggetto realizzato dal corsista verrà fatto recapitare all’indirizzo di residenza dall'Associazione Ginestrelle. Trattamento Bed&Breakfast in camera doppia nella struttura Arte Studio Ginestrelle, artist hospitality, Voc. Ginestrelle, Santa Maria di Lignano n. 11, 06081 Assisi (PG).
Per informazioni e prenotazioni: Marina Merli +39 338/8134078 / marina.merli@alice.it Associazione Ginestrelle, Santa Maria di Lignano n. 11, 06081 Assisi (PG), Tel/Fax 075/802336
Related Posts with Thumbnails