Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

lunedì 7 settembre 2009

La barzelletta più grande è avere un Presidente del Consiglio così!

Basta! Non ce la faccio più ad ascoltare e leggere le farneticazioni di un visir bellicoso di nome Silvio Berlusconi (gli anagrammi non mentono!). Mi limito a sbollire lo sdegno prendendo pari e pari l'articolo pubblicato oggi sul sito del Sole 24 ore, che riporta le ultime vergognose esternazioni, aggiungendoci in rosso i miei commenti di cittadino esasperato. Berlusconi: libertà di stampa a rischio? Barzelletta cattocomunista. La denuncia di un pericolo della libertà di stampa in Italia DI CUI SI PARLA ORMAI PIÙ NEL RESTO DEL MONDO CHE DA NOI «è una barzelletta di questa minoranza comunista e cattocomunista (LA DEFINIZIONE DI CATTOCOMUNISTA OVVIAMENTE SAREBBE "TUTTI I CATTOLICI CHE DISSENTONO DAL PENSIERO UNICO BERLUSCONIANO", COME UN CERTO DINO BOFFO AD ESEMPIO), che detiene la proprietà del 90% dei giornali MA È UNO SCHERZO???». Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, torna a difendere la propria linea che lo ha visto rivolgersi alla magistratura («mi sono visto costretto a farlo» OH POVERINO!!!) per chiedere azioni legali contro l'Unità e Repubblica. «Libertà di stampa non è libertà di insulto» DA CHE PULPITO! TUTTI NOIALTRI ELETTORI DI SINISTRA CHE SIAMO STATI TESTUALMENTE APOSTROFATI DA BERLUSCONI "COGLIONI", "POVERI COMUNISTI", GENTE CHE "NON HA DIGNITÀ, CHE NON SA COS'È LA NOBILTÀ D'ANIMO, CHE NON SA COS'È LA DEMOCRAZIA, CHE NON SA COS'È LA LIBERTÀ" DOVREMMO QUERELARLO COME LUI "LA REPUBBLICA" E "L'UNITÀ"! Secondo Berlusconi i comunisti e i cattocomunisti che denunciano l'assenza di libertà di stampa, lo fanno solo perché «intendono la libertà di stampa come libertà di mistificare, di insultare, di diffamare e di calunniare. IL BUE CHE DICE CORNUTO ALL'ASINO! IL MAESTRO DELLA SPERICOLATA ARTE DEL ROVESCIARE LA FRITTATA! IL RE DEL NEGARE L'EVIDENZA E ACCUSARE GLI ALTRI DI QUEL CHE FA LUI! Per questo - ha aggiunto - sono stato costretto a rivolgermi alla magistratura. Se in Italia c'è un pericolo - ha infatti sottolineato - è quello degli attacchi alla riservatezza delle persone che viene violato dalla stampa di sinistra MICA LO SAPEVO CHE FELTRI ERA DI SINISTRA!». Ribadendo che davanti a questo scenario non può far altro che esclamare (come già aveva fatto nei giorni scorsi) «povera Italia» POVERA ITALIA CERTO, CHE CON UN PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COSÌ È DIVENTATA PEGGIO CHE UNA REPUBBLICA DELLE BANANE! Berlusconi ha quindi chiesto che si interrompa immediatamente «qualunque campagna che attacca su basi false e calunniose» IN NESSUNA DEMOCRAZIA DEL MONDO SI È MAI VISTO UNO SCANDALO DEL GENERE, ALL'ESTERO ALTRI PREMIER SI SAREBBERO GIÀ DIMESSI DECINE DI VOLTE TROVANDOSI AL POSTO SUO. «Con la chiesa rapporti buoni come sempre» ALLA FACCIA DELLA FACCIA TOSTA!!! SE GLI CRESCESSE IL NASO COME A PINOCCHIO AVREMMO GIÀ IL PONTE REGGIO-MESSINA!!! Il Premier ha poi negato che ci sia in vista un incontro fra lui ed il Segretario di stato vaticano Cardinal Bertone. «I rapporti del governo e miei personali con chi guida con prestigio ed autorevolezza la Chiesa cattolica sono buoni da sempre e continueranno ad esserlo» MA CI CREDE PER DAVVERO A QUEL CHE DICE??? ha poi affermato il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Il presidente del Consiglio ha anche spiegato che "dalla difesa della vita, alla famiglia, al testamento biologico", le iniziative del governo sono state in sintonia con le aspettative della Chiesa. NON PIÙ PER MOLTO! «Gli italiani sanno che non uso il potere a mio vantaggio» COSA?????????????????? Il premier poi ha, come di consueto, citato sondaggi che danno la sua popolarità «verso il 70%». Si tratta, ha detto, di un primato ineguagliato in tutte le democrazie occidentali , specie dopo un anno di governo». INFATTI, NELLE DEMOCRAZIE TALI INDICI DI POPOLARITÀ SONO SEMPLICEMENTE IMPOSSIBILI, MA SONO ASSOLUTAMENTE NELLA NORMA NELL'AMBITO DELLE DITTATURE... «Molti vorrebbero essere come me» OSSIGNUR!!! ha detto Berlusconi, parlando a proposito del consenso del suo governo, e poi «gli italiani non sono stupidi e privilegiano me e il mio governo». «Gli italiani sanno che Silvio Berlusconi non ruba, che non usa il potere a mio vantaggio come hanno invece fatto coloro che mi hanno preceduto in questa difficile responsabilitá», ha spiegato il premier. A QUESTO PUNTO GLI MANCA SOLO DI TRASFORMARE L'ACQUA IN VINO, CAMMINARE SULLE ACQUE, RIDARE LA VISTA AI CIECHI E PROCLAMARSI IL NUOVO PRESIDENTE-MESSIA! ANZI MOLTO DI PIÙ: CRISTO NON SAPEVA TRASFORMARE LA MENZOGNA IN VERITÀ! L'opposizione: «Sondaggi poco credibili» Ma l'opposizione contesta l'attendibilità dei sondaggi. Silvio Berlusconi vuole «manipolare l'opinione pubblica italiana» LO HA GIÀ FATTO FIN TROPPO BENE dice Luigi Zanda, vicepresidente dei senatori del Partito democratico. «Sono mesi - premette - che il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi cerca quotidianamente di coprire la crisi della sua politica e l'inizio del suo personale declino diffondendo stratosferiche percentuali del consenso di cui godrebbe nel Paese. Bisogna che gli italiani sappiano che a nessuna di queste cifre può essere dato credito se non viene contestualmente indicata fonte, metodo scientifico di rilevazione, ampiezza del campione sondato». AHIMÈ, QUANTI SONO GLI ITALIANI CHE SONO SMALIZIATI AL PUNTO DI CAPIRLO?
ALTRI LINK:

2 : commenti:

pia ha detto...

E' uno spandimerda. Ci finirà dentro testa e culo.

Daniele ha detto...

Espressioni assai colorite... però direi che lo dipingono bene! ;-)

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails