Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

mercoledì 1 luglio 2009

Somewhere in the rainbow (la testa)

Non tutti i mali vengono per nuocere. Nel pomeriggio sono andato a Magione per una commissione di mia madre, ma il negozio era chiuso. Allora ho fatto una puntata al Lago Trasimeno e mi sono fermato a San Feliciano a prendere un gelato (oggi ancora non avevo mangiato niente), scoprendo una curiosità locale che ignoravo. Tornando a Perugia il cielo andava abbuiandosi, finché all'altezza di Corciano s'è scatenato un "muro" di pioggia e grandine. Uscito dalla superstrada, sulla statale all'altezza di S. Mariano, alla mia destra è spuntato un po' di sole, alla sinistra s'è acceso in cielo quest'arco di luce. Purtroppo la foto non è di buona qualità: scattata com'è al volo dall'auto, col videofonino, sotto la pioggia, restituisce in minima parte la spettacolarità di questo arcobaleno. Peccato pure che l'immagine sia tagliata a destra, dov'era il montante del parabrezza. I sette colori infatti erano completamente disegnati, da un capo all'altro dell'arco, che era non basso, di più, era bassissimo, e non all'orizzonte ma proprio nel campo dinnanzi a me. Notate bene che l'arcobaleno sembra nascere proprio dalle spighe di grano e soprattutto che gli alberi sono dietro di lui! Quella linea di alberi, lontana in quel punto cento, centrocinquanta metri dalla strada, non era parallela a questa, bensì vi si avvicinava mano a mano che l'auto avanzava. Naturalmente la rifrazione dei colori dava l'impressione che l'arcobaleno si spostasse nella stessa direzione in cui viaggiavo, così il fascio di luce colorata ha continuato a trovarsi tra me e gli alberi anche quando essi distavano solo dieci, venti metri da me. Ahimè, m'è mancato il tempo di fare una nuova fotografia, ché una nuvola ha nuovamente coperto il sole. È la prima volta in vita mia che vivo un incontro così ravvicinato con un arcobaleno! A occhio e croce, persino la sommità dell'arco non distava più di quaranta cinquanta metri da me... altro che somewhere over the rainbow: somewhere in the rainbow! Sono momenti come questi che illuminano e colorano la vita, oggi mi ci voleva proprio! :-)

2 : commenti:

gaz ha detto...

che meraviglia l'arcobaleno, è un fenomeno entusiasmante... è un regalo che dura poco ma riempie di gioia (io almeno lo vivo così ogni volta ho la fortuna di vederlo)

Ciao Daniele

Daniele Passerini ha detto...

Anche a me mi riempie di gioia, e mi dura anche per un po'. Se mi riempisse allo stesso modo pure di energie sarei sempre a caccia di arcobaleni!

Ciao Gaz a presto

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails