Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

giovedì 8 gennaio 2009

Ma quale Lissy, riscopriamo Terkel!

Prendete la saga di Shrek della DreamWorks: sostituite all'orco verde uno yety grigio e alla principessa Fiona una principessa Lissy, improbabile morfing tra Paris Hilton e Dita Von Tease, doppiata in falsetto da Lorella Cuccarini. Prendete la saga dell'Era glaciale della 20th Century Fox: sostituite a Syd il bradipo e Manfred il mammuth una coppia di strambi cacciatori, e al mitico scoiattolo Scrat un nevrotico passerotto. Glassate la pellicola con infiniti riferimenti ai classici film della principessa Sissi e del suo amato principe Franz. Aggiungete una overdose di citazioni da cineteca, tratte da Titanic, King Kong, Il mostro della laguna nera e tantissime altre opere. Shakerate il tutto et voila: otterrete Lissy - principessa alla riscossa, a detta degli autori un cartoon "europeo" al 100%! Di certo il film è stato prodotto in Germania e diretto dal regista e comico tedesco Michael Herbig, ma sono soprattutto le battute dei personaggi ad allontanare Lissy dalle tante simili produzioni di animazione 3D di fonte USA: apparentemente rivolto a un pubblico di bambini, il film è in realtà tarato sui genitori che li accompagnano, ché tutta la trama si puntella di ininterrotti doppisensi a sfondo sessuale (talvolta divertenti, più spesso di una gratuità sconsolante) volutamente incomprensibili alla maggior parte dei piccoli spettatori. Un cartone di cui - a parer mio - non si sentiva la mancanza, manco un po': sono andato a vederlo con mia figlia il giorno della Befana e mi sono divertiticchiato più io che lei... questo è tutto.  

Per restare in tema di cartoni sui generis, preferisco di gran lunga il film di animazione danese Terkel (2004) doppiato in modo fantastico da Elio e le storie tese, Lella Costa e Claudio Bisio. Meglio però non farlo vedere ai bambini: Terkel ha testi privi di doppisensi e mediazioni, è decisamente e scurrilmente esplicito!!

9 : commenti:

stelllare ha detto...

Andrò a vederlo e ti dirò...ma già dai trailers...sembra una scopiazzatura...
io sono pazza dei "cartoni"...;o)

Daniele Passerini ha detto...

Ciao Stella, sciolta la neve ti si vede meno eh! ;o)

Pure io li adoro, e come non si potrebbe!?

Per essere buoni diciamo che Lissy più che una scopiazzatura è una parodia di troppe cose messe insieme: il gioco (per l'adulto non certo per il bimbo) può essere proprio "indovina la citazione"!

E di Terkel che mi dici?
I testi sono fantastici e mi chiedo se il doppiaggio italiano non abbia perfino migliorato l'originale! ;o)

Donnachenina BLOG ha detto...

Ciao Daniele,
ma fammi capire, mi vorresti dire che un MAC, tu non puoi connetterti con il Podcast, di una radio?
Magari con la mia ignoranza, ti ho fatto una domanda stupida, ma sono curiosa di capire.
Un saluto affettuso

P.S.-Se vuoi, vai a vedere cosa dicono gli spietati del film, che hai visto
http://www.spietati.it/archivio/recensioni/rece-2008-2009/m/millionaire.htm

Daniele Passerini ha detto...

Ok Donnachenina, ti rispondo qui: in effetti non può essere quello il problema, anche perché ho una Mac abbastanza recente (un Intel a 2GHz). Temo che il podcast a cui ti riferisci sia ottimizzato per MS Explorer e siccome io non ho mai sentito necessità di istallarlo... pace: penso che ormai siano più i siti che vengono visualizzati male da Explorer che viceversa. Comunque, in effetti, faccio tante cose in internet ma la radio in podcast non l'ascolto; è successo solo rarissime volte.

P.S. Ho letto... che vuoi che ti dica, il mondo è bello perché è vario: a me The Millionaire è piaciuto, sono uscito commosso, altro che irritato (!). Non sarà che l'India è sempre spiazzante per chi voglia applicarle categorie mentali troppo rigide?

Pip ha detto...

Anch'io adoro i cartoni, TUTTI: dai classici Disney agli anime giapponesi che, purtroppo, qui in Italia non arrivano mai e quindi me li guardo in lingua originale coi sottotitoli! :-o
Questo nello specifico non l'ho visto, ma mi hai incuriosita! ;)

Donnachenina BLOG ha detto...

Ciao Daniele,io non ho visto il film, e quindi non posso giudicare, mi affido a quello che dici tu.
La recensione che ti ho segnalato, non l'avevo neppure letta,in genere quando guardo qualche film, vado in quel sito a vedere la recensione per confrontare la mia impressione con quella di altri, non per niente, si denominano GLI SPIETATI,ma il mondo è bello perchè è vario giustamente!
Un buon fine settimana e un abbraccio

Daniele Passerini ha detto...

@Pip

Io ho ripreso a vedere i film d'animazione quando è nata mia figlia, ma non intendo smettere più! :)
N.B. non dimenticare che questo post l'ho fatto più che ricordare che esiste Terkel che far promozione a Lissy. Guardati soprattutto quello! ;o)

@Donnachenina

Per ora conosco cinque persone, sei con me, a cui il film è piaciuto... e - Spietati a parte - nessuno che me ne abbia parlato male. Si aspettano e accolgono altre opinioni. Un abbraccio e a presto. :)

M.K.B. ha detto...

Effettivamente è un calderone di citazioni spaventevole. Sinceramente io mi sono divertita a vederlo!^^ NON è assolutamente per bambini... è un continuo rimando a ciò che dici tu e un bambino tra l'altro cosa può capirne di"rivoltosi ungheresi" e le conseguenti battute...
In questo film le battute sono costruite al punto che devi capirle, se lo si guarda tanto per guardare nemmeno cogli l'ironia della cosa...
Poi alla fine, la foto dello yeti con "Altissima,Levissima,Purissima"...io ci sono arrivata dopo 5 minuti.XD

Daniele Passerini ha detto...

Sì, divertente è stato divertente anche per me... resta il fatto che la platea è composta soprattutto di bambini e genitori... va be', non sto certo a fare il bacchettone (e tanto i doppi sensi li capisce solo un adulto) ma come hai visto tu stessa un bambino potrà afferrare il 10% dei dialoghi, non più!

P.S. Come dopo 5 minuti??? :)))

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails