Un blog per appassionati d’Amore onestà spiritualità arte poesia politica democrazia sostenibilità tecnologia green-energy cold-fusion LENR medicina alternativa cambi di paradigma rivoluzioni scientifiche criptoarcheologia e “tante cose infinite, ancor non nominate”. Uno specchio capovolto della realtà: qui siamo una società gilanica, fuori c’è il patriarcato; qui siamo pro E-Cat, fuori c’è il petrolio... per fare previsioni sull’esterno invertite SEMPRE i risultati dei nostri sondaggi interni!

>>>> CERCHI LIBRI SUL BENESSERE DEL CORPO, DELLA MENTE E DELLO SPIRITO?

domenica 4 gennaio 2009

Crepe

Una mano
d'intonaco
alle crepe e via: già pronto a rifarmi male Ma le dovrei allargare
con cura sì che
l'amore possa penetrarvi bagnarle a lacrime, ancora una volta colmarle con la sabbia del perdono ché assolvere me stesso è più fatica che fare del nemico il nuovo amico.
Per accompagnare questa breve composizione che ho scritto qualche settimana fa, ho scelto la foto di un particolare di Shibboleth di Doris Salcedo al Tate Modern di Londra (qui trovate una galleria fotografica dell'opera).

19 : commenti:

stelllare ha detto...

bella crepe...peccato qualche stonatura alla fine come (gesso...)

maria ha detto...

Bella Dani......complimenti!

Daniele Passerini ha detto...

Critiche raccolte Stella, hai perfettamente ragione... anzi a questo punto, dopo che ho apportato un paio di correzioni, avevi. ;)
Se fai caso l'etichetta del post è "cantiere creativo": sono abbozzi "digitali" in corso.

Piuttosto m'interessa la tua opinione su quello che ho pubblicato: trovi qualcosa sul blog alle etichette "Ventidue passi d'amore", "Sospensioni di gravità", "Donne di Vrindavan".

Ciao a presto

stelllare ha detto...

non ho capito a quale casa editrice...io compro non scarico...tuteliamo gli artisti!!!!;o)

stelllare ha detto...

ok ho capito....sorry...sono distratta!

Daniele Passerini ha detto...

Ne avrai troppe per la testa... ;o)

stelllare ha detto...

commenti, sorrisi o smorfie....;o) sorriso

Daniele Passerini ha detto...

@Maria

Ops scusa, ho pensato di averti scritto grazie, invece... l'ho solo pensato!
Grazie :)
È che per forma mentis do sempre più attenzione alle critiche che ai complimenti: imparo di più! ;-)

@Stelllare

Sono benvenute pure le smorfie... ma indubbiamente i sorrisi fanno più piacere. :oD

artemisia ha detto...

È molto bella, e molto adatta per la mia lunghezza d'onda di stasera.
Vedi, senza saperlo mi hai centrata in pieno.
(Mi si dice che anch'io l'ho fatto ad altri con versi miei, ma finchè uno non lo prova non ci crede veramente).

stelllare ha detto...

"sabbia" molto meglio!

Daniele Passerini ha detto...

@Artemisia

Grazie Artemisia. La forza magica della Poesia, quella in cui mi riconosco, è che pur mirando a un bersaglio preciso (l'intenzione dell'autore) riesce a colpire allo stesso tempo, e con la massima precisione, innumerevoli altri bersagli... un po come in certi paradossi quantistici! :)
Grazie della visita.

@Stelllare

Assolutamente sì. Il gesso è bianco, anonimo, amorfo, poco si addiceva a un concetto importante come il perdono; e mi evocava l'immagine di un muratore con la cazzuola intento a stenderlo. In verità quando scrissi Crepe ero in uno stato d'animo un po' da "gesso" e non a caso la misi da parte. Adesso è cambiata, ha acquistato più tensione e complessità ed è meno "grigia", indica un percorso e una meta, seppur non facile. E la sabbia ben si adatta all'idea del perdono: evoca lo scorrere del tempo nella clessidra, i monaci tibetani intenti a disegnare un mandala ecc. Grazie 1000 per avermi giustamente pungolato... (una qualità che mi riconosco e saper far buon uso delle critiche). :O)

Donnachenina BLOG ha detto...

Ciao Daniele,
e sono arrivata di nuovo qui, che ero passata di corsa, ho letto attentamente è davvero bella, perchè rende bene l'idea di quello che puoi provare, se lo accetti io ti proporrei di cambiare o vedi tu..
"Ma le dovrei allargare con cura-
si chè l'amore
possa ancora
entrare.(penetrarvi + più incisivo ma meno ritmico)
Guarda che però, io di poesia non ne so una mazza, anche se a modo mio, qualcosa scrivo...però a volte il gusto mi aiuta
Ciao un salutone

Daniele Passerini ha detto...

Ehm, spiacente di contraddirti...
a parte l'assonanza (lettera p) che si perderebbe completamente, a parte il significato (e la forma stessa) che non sarebbe più calzante e molto più banale! :)

E poi... non si suggerisce mai a un poeta come cambiare un verso: sarebbe come dire a un pittore... carino, ma quell'albero lo puoi spostare un po a destra e quei fiori fare rossi invece che gialli! Eh eh! :)))

stelllare ha detto...

concordo con Daniele e aggiungo che entrare è perfetto, più semplice, sensuale...(non uscire più) e che penetrare è più violento...aggressivo (entrare di nascosto o con plagio) secondo la mia opinione...

stelllare ha detto...

forse non sono stata chiara...perfetto nel senso che è troppo perfetto...vabbuoò...mo m'incasino io...;o)

Daniele Passerini ha detto...

@Stelllare

Lo fai apposta eh! ;O)

Ma vi pare che un poeta debba spiegare perché e percome ha scritto pinco invece che pallino?! :)))

Comunque, sto al gioco... fermo restando che dobbiamo sempre restare nella struttura che ho scelto (coppie di endecasillabi) per questo componimento... che detto per inciso l'ho scritto pure abbastanza di getto, in pochi minuti...

sì che l'amore possa penetrarvi
(- + - + - + - + - - +)

sì che l'amore possa-ancora-entrare
(- + - + - + - + - - +)

Sono versi strutturalmente identici, stesso ritmo, ma diverso effetto. Il primo suona duro, il secondo dolce (oserei dire un po' sdolcinato) anche per via dei due iati (a-a, a-e). Personalmente possa-ancora-entrare non mi suona bene, preferisco l'effetto dura di possa penetrarvi, che trovo più in sintonia col resto della poesia. Aggiungo che in generale credo che meno parole si usino meglio si esprima qualunque cosa.

E poi la firmo io e me ne assumo, oltre che la paternità, la responsabilità, eh eh! :o)

P.S. Però, figo parlare di poesia così sul blog, mi piace 'sta cosa...

stelllare ha detto...

ma io sono d'accordo con penetrarvi...si è figo!;o)

Daniele Passerini ha detto...

Ah beh, certo... a leggerla con un po' di malizia "Crepe" acquista tutto un altro volto, perfino bukowskiano!!! Diavolaccio d'un inconscio... Però è il bello della poesia: nasconde sempre più di un senso, e altrettanti doppisensi! ;o)

Donnachenina BLOG ha detto...

Ciao Daniele,
il mio suggerimento però vedo, che è stato valido lo stesso, visto che ha dato modo di allargare il discorso sulla poesia, in effetti leggendo il vostro scambio, e soprattutto la tua argomentazione non si può non essere d'accordo con te, ma pensandoci bene dico anche che ognuno quando legge una poesia si fa prendere da delle immagini, e in questo caso devo essere sincera in me non è apparsa una immagine che riguardava l'amore tra un maschile e un femminile, ma forse un amore più generico.
Ciao e sempre una buona giornata

Posta un commento

Ovviamente 22passi è un blog, non una rivista on line, pertanto la responsabilità di quanto scritto in post e commenti appartiene solo ai rispettivi autori.

Related Posts with Thumbnails